ITIS ARMELLINI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. a.s. 2011/2012. Testo approvato dal collegio dei docenti del 16 giugno 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITIS ARMELLINI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. a.s. 2011/2012. Testo approvato dal collegio dei docenti del 16 giugno 2011"

Transcript

1 ITIS ARMELLINI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2011/2012 Testo approvato dal collegio dei docenti del 16 giugno 2011 Il POF è il documento fondamentale, costitutivo dell identità culturale progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell ambito della loro autonomia (D.P.R. 275/99 art.3 ) 1

2 Dove siamo L Istituto si trova nella XI Circoscrizione a L.go Beato Placido Riccardi, 13, nei pressi della Basilica di S. Paolo. Numerosi mezzi pubblici passano nelle vicinanze dell Istituto: Metropolitana: Linea B (fermata Basilica S. Paolo) Treno: Roma-Lido Autobus: Centralino Tel.: /55 - Fax: Tel./fax Presidenza: Sito internet:

3 Ogni individuo ha diritto all'istruzione [...] L'istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo: art. 26) Nella società della conoscenza sono gli individui stessi a fare da protagonisti. Ciò che conta maggiormente è la capacità umana di creare e usare le conoscenze in maniera efficace ed intelligente, su base di costante evoluzione. Per sfruttare al meglio tale capacità le persone devono essere disposte a gestire il proprio destino e capaci di farlo - in breve diventare cittadini attivi (Memorandum sull istruzione e formazione. Bruxelles 2000) La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. (Costituzione della Repubblica Italiana: art. 9) La scuola è aperta a tutti (Costituzione della Repubblica Italiana: art. 34)

4 INDICE INDICEPREMESSA: PERCHÉ SCEGLIERE L ARMELLINI 4 PREMESSA: PERCHÉ SCEGLIERE L ARMELLINI 5 A. L ITIS G. ARMELLINI 7 A1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 7 A2. ORGANIZZAZIONE DELLE LEZIONI 9 A3. ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA 13 A4. RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 15 -B. L OFFERTA FORMATIVA 17 B1. LE ATTIVITÀ 17 B2. L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA 22 C. LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 25 C1. STAFF DI PRESIDENZA 25 C2. FUNZIONI STRUMENTALI 25 C3. DIPARTIMENTI DI AREE DISCIPLINARI 26 C4. DOCENTI COORDINATORI E RESPONSABILI DI SETTORE 27 C5. IL COLLEGIO DEI DOCENTI 28 D. IL CORSO SERALE RIVEDERE 29 D1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA 29 D2. OFFERTA FORMATIVA DELL ITIS ARMELLINI SERALE 29 E. RIORDINO DELL ISTRUZIONE SECONDARIA 31 4

5 PREMESSA: PERCHÉ SCEGLIERE L ARMELLINI L istruzione tecnica Il momento della scelta della scuola superiore non è facile: indicazioni e sollecitazioni diverse, a volte in contrasto tra loro; l affannoso dilemma tra vari tipi di istruzioni (licei, tecnici, professionali); e questo per parlare soltanto dei primi problemi a cui si aggiungono quelli legati alla storia scolastica dello studente. Prima di entrare nello specifico dell offerta della nostra scuola vogliamo subito sottolineare la specificità dell istruzione tecnica, all interno della quale si pone quella tecnica industriale, per capire innanzitutto il perché della scelta. L'istruzione tecnica si è sviluppata negli anni per rispondere a precise esigenze della realtà produttiva italiana nei vari settori. La sua funzione è di formare i quadri intermedi per professioni consolidate e socialmente riconosciute, come è il caso dei periti industriali. Nel corso degli anni i curricoli scolastici sono stati profondamente rinnovati per riuscire a rispondere sia alla domanda di professionalità che proviene dal mondo del lavoro, sia per consolidare la preparazione culturale degli studenti. Gli istituti tecnici si propongono di far acquisire agli studenti una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea, costruita attraverso lo studio, l approfondimento e l applicazione di linguaggi e metodologie di carattere generale e specifico, correlati a settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese. In questo scenario nasce la nostra offerta formativa che si pone come obiettivo sia la crescita della persona e del cittadino, sia la formazione di una solida preparazione tecnica specialistica idonea a proseguire gli studi e all inserimento nel mondo del lavoro. Profilo culturale e risultati di apprendimento Il profilo del settore tecnologico si caratterizza per la cultura tecnico-scientifica e tecnologica in ambiti ove interviene permanentemente l innovazione dei processi, dei prodotti e dei servizi, delle metodologie di progettazione e di organizzazione. Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, sono in grado di: individuare le interdipendenze tra scienza, economia e tecnologia e le conseguenti modificazioni intervenute, nel corso della storia, nei settori di riferimento e nei diversi contesti, locali e globali; orientarsi nelle dinamiche dello sviluppo scientifico e tecnologico, anche con l utilizzo di appropriate tecniche di indagine; utilizzare le tecnologie specifiche dei vari indirizzi; orientarsi nella normativa che disciplina i processi produttivi del settore di riferimento, con particolare attenzione sia alla sicurezza sui luoghi di vita e di lavoro sia alla tutela dell ambiente e del territorio; intervenire nelle diverse fasi e livelli del processo produttivo, dall ideazione alla realizzazione del prodotto, per la parte di propria competenza, utilizzando gli strumenti di progettazione, documentazione e controllo; riconoscere e applicare i principi dell organizzazione, della gestione e del controllo dei diversi processi produttivi; analizzare criticamente il contributo apportato dalla scienza e dalla tecnologia allo sviluppo dei saperi e al cambiamento delle condizioni di vita; riconoscere le implicazioni etiche, sociali, scientifiche, produttive, economiche e ambientali dell innovazione tecnologica e delle sue applicazioni industriali; riconoscere gli aspetti di efficacia, efficienza e qualità nella propria attività lavorativa. Pag. 5/38

6 Cosa si studia? Si continueranno a studiare le materie di base, in continuità con la scuola media inferiore, come italiano, lingua straniera, storia e matematica, in tutto l arco dei cinque anni. Nel primo biennio si affronteranno nuove materie, come disegno e tecnologia, chimica, fisica, informatica, scienze e diritto ed economia. Nel secondo biennio e nell ultimo anno si studieranno soprattutto le materie tipiche dell indirizzo scelto. L Istruzione tecnica è sia di tipo teorico, sia di tipo pratico: ci sono molte ore di laboratorio, il luogo dove si costruisce la conoscenza e non semplicemente si applica ma, soprattutto, si costruiscono le competenze, il saper fare. E dopo? Per continuare a studiare: si potrà accedere a tutte le facoltà universitarie; in genere sono preferite le facoltà di ingegneria e degli ambiti specifici relativi alle specializzazioni. Inoltre, si potrà accedere ai corsi di Formazione Tecnica Superiore, dove viene ancora più specializzato il profilo ottenuto con il diploma. Per il lavoro: si potrà trovare impiego negli uffici tecnici delle pubbliche amministrazioni ed in aziende private a carattere prevalentemente industriale, inoltre si potrà esercitare attività di consulente industriale, dopo l esame per l iscrizione all Albo dei Periti Industriali. Perché l Armellini? Come meglio specificato in seguito, il nostro è un Istituto storico, cioè esiste sul territorio da più di 40 anni e nel corso del tempo ha consolidato sia i rapporti con l Università, specialmente la Terza Università degli Studi di Roma, che si avvale dei nostri laboratori e della collaborazione dei nostri docenti, sia con aziende del settore. Le metodologie didattiche utilizzate nell Istituto sono più attive e partecipative di quelle di altre tipologie di scuole, grazie al continuo aggiornamento per i docenti. Non solo per le attività di laboratorio, ma anche nelle discipline per le quali non è previsto l uso di un laboratorio, si effettua una didattica attiva e laboratoriale in modo diffuso. Inoltre gli stage nelle aziende del settore hanno fatto sì che la preparazione dei nostri alunni fosse apprezzata e a volte è capitato che l azienda abbia prenotato lo studente ancor prima del diploma. Pag. 6/38

7 A. L ITIS G. ARMELLINI A1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO Storia dell'istituto L'Istituto tecnico industriale "G. Armellini", fondato nel 1961 da Giacinto della Cananea e inaugurato ufficialmente il 31 maggio 1962, è stato dedicato a Giuseppe Armellini (astronomo, vissuto a Roma e morto nel 1958). Le iniziale specializzazioni furono tre, Meccanica Fine (o di precisione) per l'orologeria, Cronometria, divenute in seguito Meccanica e l'elettrotecnica. 1970: attivazione della specializzazione di Informatica, una delle prime scuole di Roma; attivazione di un corso serale. 1979: primo aggiornamento dei programmi di Informatica. 1980: progetto Ergon per la specializzazione di Meccanica e progetto Ambra per Elettrotecnica. 1991: progetto Abacus per Informatica; progetto Ambra anche per Elettronica. Dall'anno scolastico , per una durata di quattro anni, l'armellini è stato polo di aggiornamento per il Piano Nazionale di Informatica. Nel è stato accorpato all'armellini l'istituto tecnico industriale Severi. La scuola è Test Center ECDL (European Computer Driving Licence - Patente Europea del Computer) per il conseguimento della patente europea di uso del computer. Negli ultimi anni l'istituto, si è distinto per diverse attività: numerosi progetti europei, che, grazie alla partecipazione alla rete Deure (Dimensione EURopea dell Educazione), hanno portato molti studenti e docenti dell Istituto a partecipare a scambi con molti paesi europei; le attività sportive nelle quali gli studenti dell'armellini hanno raggiunto ottimi livelli Negli ultimi tempi è stata dedicata particolare attenzione al raccordo con il mondo del lavoro sia offrendo occasioni di stage aziendali che l esperienza di alternanza scuola lavoro in collaborazione con ATAC. s.p.a L alternanza si configura come metodologia didattica innovativa che risponde ai bisogni di formazione individuali e valorizza la componente formativa dell esperienza operativa, contribuendo all acquisizione delle conoscenze e delle competenze previste dai piani di studio dei percorsi ordinari. Secondo questa impostazione, il percorso in alternanza può sicuramente aiutare i giovani a «imparare facendo» in modo più attraente e coinvolgente Territorio e utenza La popolazione studentesca dei corsi diurni proviene in gran parte dai quartieri di Roma sud-ovest e dal litorale romano, con forti motivazioni di crescita professionale. Negli ultimi anni è cresciuta la presenza di studenti stranieri per i quali vengono portati avanti interventi per facilitarne l inserimento e di Lingua Italiana come seconda lingua (L2). Per quanto riguarda il mercato del lavoro, l area economica romana, pur rimanendo ancora caratterizzata dal prevalere dell impiego pubblico, ha visto crescere un tessuto fitto di aziende in particolare nel settore dei servizi, che spesso richiedono all Istituto diplomati con competenze subito spendibili nello specifico settore professionale e produttivo. I corsi serali sono frequentati in massima parte da studenti che hanno superato il ventesimo anno di età. Gran parte degli allievi dei corsi serali proviene direttamente dal mondo del lavoro dell area laziale con forti attese di promozione sociale e professionale in ambito aziendale. Corsi di studio Attualmente nell istituto convive il vecchio ordinamento per le classi 3,4,5, con il nuovo per le classi 1,2 il vecchio ordinamento era così articolato: biennio Pag. 7/38

8 triennio Il triennio si articolava in indirizzi: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica e Automazione Meccanica Informatica - Progetto "Abacus". Questa articolazione vale ancora per le classi terze, quarte e quinte. Il riordino degli Istituti tecnici, in vigore dal a.s , ha modificato l articolazione del nostro Istituto. La nuova struttura, si articola nel seguente modo: un primo biennio un secondo biennio un ultimo anno. Gli indirizzi, che partono dal primo anno, sono i seguenti: Meccanica, meccatronica ed energia Elettronica ed elettrotecnica Informatica e telecomunicazioni. Le specifiche del primo anno del nuovo ordinamento e dei quattro anni del vecchio ordinamento sono riportate in seguito. Le caratteristiche generali del riordino dell istruzione tecnica sono riportate nell ultimo capitolo del POF..e comunque rintracciabili sul sito del MIUR Spazi e attrezzature L Istituto è dotato dei seguenti spazi funzionali: 41 aule normali 7 delle quali con lavagne interattive multimediali (LIM); 3 aule speciali multimediali con accesso ad Internet per attività seminariali, di formazione e di didattica con le nuove tecnologie: o o aula multimediale 1 Nistri"; laboratorio multimediale 2destinato al biennio o aula multimediale 3; aule-materia: o aula Scienze Naturali e Geografia per il biennio con video TV e PC; o 2 laboratori linguistici L1 e L2 -; aula magna; biblioteca di Istituto con spazi per ricerche ed approfondimenti mono/pluridisciplinari con volumi, sale consultazione, lettura, cinema, angolo emeroteca, tre postazioni multimediali con accesso ad internet; 28 laboratori delle varie specializzazioni e del biennio con 220 PC in gran parte collegati ad Internet. In particolare: o o o o o 2 laboratori di Fisica e 2 laboratori di Chimica per il biennio; 2 laboratori di informatica per l'insegnamento della Matematica per il biennio; 2 laboratori di Tecnologia e Disegno con sala PC per disegno assistito, macchine utensili e banchi di lavoro per esercitazioni di aggiustaggio meccanico; 1 aula di Disegno per il biennio; 4 laboratori di Sistemi, 3 laboratori di TDP, 2 laboratori di Elettrotecnica, 2 laboratori di Elettronica, 3 laboratori di Informatica, 3 laboratori di macchine utensili e a fluido, 1 aula di disegno e O.I., 1 laboratorio di Tecnologia Meccanica, per le varie specializzazioni del triennio; 4 palestre di cui 1 campetto all'aperto. Pag. 8/38

9 A2. ORGANIZZAZIONE DELLE LEZIONI Calendario scolastico e orario delle lezioni L anno scolastico è suddiviso in due periodi per favorire i processi di apprendimento degli allievi e una migliore verifica dei risultati. L anno scolastico 2011/12 è suddiviso in due periodi 1 periodo dal 12/9/2011 al 21/12/2011; 2 periodo dal 09/01/2012 al 08/06/2012. L ingresso nell Istituto da parte degli studenti è alle 7:50; l orario di inizio delle lezioni è alle 8:00. L orario delle lezioni si articolerà su cinque giorni per tutte le classi Lunedì Mercoledì Venerdì 1a ora a ora ,00 3a ora 10, a ora a ora a ora Martedì e Giovedì 1a ora a ora ,00 3a ora 10, a ora a ora a ora a ora E prevista una pausa didattica di 20 minuti fra la 3a e la 4a ora (dalle ore alle ore 11.10) A cui si aggiunge una ulteriore pausa di 10 minuti tra 5 e 6 ora del martedì e giovedì ( ) Il riordino dell istruzione tecnica attuato con DPR 88/2009 prevede un percorso quinquennale articolato in due bienni e in un quinto anno Nell anno scolastica l ITIS Armellini porterà a compimento il primo biennio del nuovo ordinamento entrato in vigore nell a.s Il primo biennio (nuovo ordinamento) Accanto all area generale fin dal primo biennio sono presenti discipline di indirizzo in funzione orientativa che concorrono a far acquisire agli studenti i risultati di apprendimento dell obbligo di istruzione.. Le discipline di indirizzo si sviluppano successivamente nel triennio con approfondimenti specialistici che sosterranno gli studenti nella scelta professionale e di studio. Caratteristiche Obiettivo primario del biennio è di consolidare, riorganizzare e accrescere le competenze acquisite nel ciclo di base. Fin dal primo anno iniziano le attività di laboratorio che costituiscono il momento fondamentale di sintesi operativa degli aspetti di "conoscenza" e di "esperienza". Il percorso formativo del biennio consente all'allievo di conoscere le proprie attitudini per orientarsi. Materie e piani di studio Ore settimanali per il primo anno di corso (nuovo ordinamento)* Discipline Classe I Lingua e letteratura italiana 4 Storia cittadinanza e costituzione 2 Lingua Inglese 3 Diritto ed Economia 2 Matematica 4 Scienze della Terra 2 Tecnologie informatiche 3(2) Fisica 3(1) Chimica 3(1) Tecnologia e tecn. di rappr. grafica 3(1) Scienze motorie e sportive 2 Pag. 9/38

10 Religione cattolica o Att. alternative 1 Totale ore settimanali 32 (5) * In parentesi sono segnalate le ore di laboratorio Orario settimanale per il secondo anno di corso( nuovo ordinamento) Discipline Classe I Lingua e letteratura italiana 4 Storia cittadinanza e costituzione 2 Lingua Inglese 3 Diritto ed Economia 2 Matematica 4 Scienze della Terra 2 Scienze e tecnologie applicate 3 Scienze integrate (Fisica) 3(1) Scienze integrate(chimica) 3(1) Tecnologia e tecn. di rappr. grafica 3(1) Scienze motorie e sportive 2 Religione cattolica o Att. alternative 1 Totale ore settimanali 32 (3) Il triennio attuale ( vecchio ordinamento ) Dall anno tutte le classi del triennio avranno un orario di 32 ore settimanali come di seguito specificato per le singole specializzazioni. Le specializzazioni Nell Istituto Armellini attualmente sono presenti le seguenti specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni; Elettrotecnica e Automazione; Informatica (progetto Abacus) Meccanica. I curricoli del triennio nei suoi vari indirizzi hanno la finalità di garantire una preparazione adeguata per: iscriversi ai corsi di istruzione universitaria sia triennale che quinquennale; accedere ai corsi di istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS); inserirsi nel mondo del lavoro direttamente o attraverso corsi professionalizzanti. A tal fine il triennio deve, quindi, favorire la formazione negli allievi sia di competenze culturali generali, sia di competenze specifiche dei settori di indirizzo. Elettronica e Telecomunicazioni Il perito industriale in elettronica studia l'organizzazione e l'esecuzione di circuiti e dispositivi elettronici; è in grado di progettare, realizzare e collaudare sistemi di automazione e telecomunicazioni, valutando anche i componenti presenti sul mercato. Ore settimanali per anno di corso* Discipline Classe III Classe IV Classe V Italiano Storia Lingua Straniera (Inglese) Economia Industriale ed elementi di Diritto Matematica Meccanica Elettrotecnica 5 ( 2) 2 - Elettronica 3(2) 4(2) 4 (2) Pag. 10/38

11 Sistemi Elettronici Automatici 3(2) 3(2) 5 (3) Telecomunicazioni - 3 5(2) Tecnologie elettroniche, Disegno e Progettazione 3(2) 4(3) 3(4) Educazione Fisica Religione / Attività Alternativa Totale ore settimanali 32 (8) 32 (7) 32(8) * In parentesi sono segnalate le ore di laboratorio Elettrotecnica e Automazione Il perito industriale per l Elettrotecnica deve essere preparato allo studio, alla progettazione, alla realizzazione e al controllo di impianti e sistemi di automazione, oltre che alla sovrintendenza e alla manutenzione dei sistemi di automazione e dell energia elettrica. Ore settimanali per anno di corso* Discipline Classe III Classe IV Classe V Italiano Storia Lingua Straniera (Inglese) Economia Industriale ed elementi di Diritto Matematica Meccanica Elettrotecnica 5(2) 4(2) 5(2) Elettronica 3(2) 3 - Sistemi Automatici 4(2) 3(2) 3(2) Impianti elettrici Tecnologia Disegno e Progettazione 3(2) 4(3) 4(3) Educazione Fisica Religione / Attività Alternativa Totale ore settimanali 32 (8) 32 (7) 32(7) * In parentesi sono segnalate le ore di laboratorio Informatica (progetto "Abacus") Il perito in informatica è un tecnico del trattamento automatico dell'informazione. Il diploma di perito industriale informatico fornisce la capacità di analizzare, dimensionare, gestire e progettare piccoli sistemi per l'elaborazione, la trasmissione, l'acquisizione delle informazioni. Ore settimanali per anno di corso* Discipline Classe III Classe IV Classe V Italiano Storia Lingua Straniera (Inglese) Calcolo,statistica e ric. op 3(1) 3(1) 3(1) Matematica 5(1) 5(1) 5(1) Informatica Sistemi 4(2) 4(2) 4(2) Elettronica e telecomunicazioni 4 (2) 4 (2) 4(2) Educazione Fisica Religione /Attività Alternativa Totale ore settimanali 32 (6) 32 (6) 32(6) * In parentesi sono segnalate le ore di laboratorio Meccanica Il perito industriale per la meccanica deve essere preparato ad affrontare i problemi del settore in termini sistemici; deve inoltre essere in grado di occuparsi della conduzione di impianti termici e di macchine a Pag. 11/38

12 fluido. Il perito industriale per la meccanica si occupa del disegno, della progettazione e delle lavorazioni di organi meccanici. Ore settimanali per anno di corso* Discipline Classe III Classe IV Classe V Italiano Storia Lingua Straniera (Inglese) Economia Industriale ed elementi di Diritto Matematica 3(1) 3(1) 3 Meccanica applicata e Macchine a Fluido 5(1) 4(1) 4 Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni 4(4) 5(4) 5(4) Disegno Progettazione, Organizzazione Aziendale 4(1) 4(1) 5(1) Sistemi ed Automazione Industriale 5(3) 4(3) 3(3) Educazione Fisica Religione /Attività Alternativa Totale ore settimanali 32 (10) 32 (10) 32(8) * In parentesi sono segnalate le ore di laboratorio Il corso serale (progetto Sirio) I corsi serali dell Itis Armellini sono stati attivati fin dal 1970, e, dal 1996 seguono la sperimentazione Sirio. Con questo progetto si cerca di promuovere un tipo di istruzione volto ad offrire occasioni di promozione socio-culturale, a stimolare la ripresa degli studi interrotti, a migliorare l inserimento nel mondo del lavoro. Sirio si rivolge ai giovani che vogliono affrontare o completare l iter di scuola superiore e agli adulti inseriti in ambito lavorativo che vogliono ripensare e arricchire la propria professionalità grazie a percorsi formativi qualificati. Nell anno scolastico il corso serale si articolerà nel triennio indirizzo per l informatica Ore settimanali per anno di corso* Discipline Classe III Classe IV Classe V Italiano e storia Lingua Straniera (Inglese) Economia ind.le ed elem. di diritto Matematica 6(2) 6(2) 6(2) Elettronica e telecomunicazioni 5(3) 4(2) 4(2) Informatica 6(3) 5(3) 5(3) Sistemi di elaborazione e trasmissione delle informazioni 5 (3) 5 (3) 5(3) Totale ore settimanali 28(11) 28 (10) 28(10) * In parentesi sono segnalate le ore di laboratorio Tale piano di studi permette di ottenere il diploma di Perito Industriale che dà accesso a tutte le facoltà universitarie e rende possibile l esercizio della libera professione, previo superamento del relativo esame di abilitazione. Per l ammissione ai corsi si tiene conto di tutte le esperienze di scuola e di lavoro dello studente, attribuendogli dei "crediti" che costituiscono il riconoscimento di competenze già possedute dallo studente, acquisite in seguito a studi compiuti, oppure certificate da titoli (crediti formali), o esperienze maturate in ambito lavorativo o studi personali coerenti con l indirizzo di studio prescelto (crediti non formali). In aggiunta saranno svolte, durante tutto il corso dell anno, lezioni di recupero per gli studenti più deboli. Pag. 12/38

13 I coordinatori di classe avranno anche, come previsto dal Progetto Sirio, la funzione di Tutor degli studenti iscritti in quella classe, funzione indispensabile ai fini di motivare e sostenere lo studente nel percorso educativo. L utilizzo del sito web: consente la prenotazione da parte degli studenti alla visione delle news relative al corso serale, delle bacheche dei docenti, dei risultati delle prove, di scaricare i materiali didattici predisposti per le varie discipline, di tenersi in contatto con la scuola anche in caso di assenze per motivi di lavoro. Gli orari del Corso serale prevedono tre lezioni giornaliere dal lunedì al venerdì tra le 17:45 e le 22:50. A3. ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Centralità delle competenze Il raggiungimento delle conoscenze (il sapere ) e delle competenze (il saper fare ) da parte degli studenti è un obiettivo di tutte le scuole; negli Istituti tecnici, e in particolare all Armellini, c è una significativa integrazione del sapere con il saper fare e, se questo sembra scontato per le specializzazioni del triennio, è molto importante anche nel biennio. Nella progettazione didattica dell Istituto è quindi centrale progettare per competenze (cosa si vuole che lo studente sappia fare) e valutare per competenze (cosa sa fare lo studente). L obbligo scolastico è stato di recente esteso dal Ministero a 16 anni sono state ridefinite le competenze proprie dei primi due anni delle scuole superiori; le otto competenze chiave di cittadinanza che tutti gli studenti devono acquisire a 16 anni sono necessarie per la costruzione e il pieno sviluppo della loro persona, di corrette e significative relazioni con gli altri e di una positiva interazione con la realtà naturale e sociale. Ecco quello che tutti devono sapere acquisire e sapere oggi per entrare da protagonisti nella vita domani: imparare ad imparare; progettare; comunicare; collaborare e partecipare; agire in modo autonomo e responsabile; risolvere problemi; individuare collegamenti e relazioni; acquisire ed interpretare l informazione; Per acquisire le competenze di cui sopra sono stati individuati quattro assi culturali, cioè le conoscenze e le abilità riferite a competenze di base. Asse dei linguaggi: prevede come primo obiettivo la padronanza della lingua italiana, come capacità di gestire la comunicazione orale, di leggere, comprendere e interpretare testi di vario tipo e di produrre lavori scritti con molteplici finalità. Riguarda inoltre la conoscenza di almeno una lingua straniera; la capacità di fruire del patrimonio artistico e letterario; l utilizzo delle tecnologie della comunicazione e dell informazione. Asse matematico: riguarda la capacità di utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, di confrontare e analizzare figure geometriche, di individuare e risolvere problemi e di analizzare dati e interpretarli, sviluppando deduzioni e ragionamenti. Asse scientifico-tecnologico: riguarda metodi, concetti e atteggiamenti indispensabili per porsi domande, osservare e comprendere il mondo naturale e quello delle attività umane e contribuire al loro sviluppo nel rispetto dell ambiente e della persona. In questo campo assumono particolare rilievo l apprendimento incentrato sull esperienza e l attività di laboratorio. Asse storico-sociale: riguarda la capacità di percepire gli eventi storici a livello locale, nazionale, europeo e mondiale, cogliendone le connessioni con i fenomeni sociali ed economici; l esercizio della partecipazione responsabile alla vita sociale nel rispetto dei valori dell inclusione e dell integrazione. Metodologie didattiche La scelta delle metodologie didattiche è finalizzata al successo formativo degli studenti, anche con percorsi individualizzati di apprendimento. Nel nostro Istituto, all interno dei Dipartimenti disciplinari, il dialogo e la sperimentazione sono relativi ad una didattica attiva e laboratoriale, anche nelle discipline per le quali non è previsto l uso di un Pag. 13/38

14 laboratorio, che utilizza schede di lavoro, lavori di gruppo, ecc. in modo sempre più diffuso. Alla didattica laboratoriale si affianca la didattica interattiva, nella quale vengono coinvolti tutti gli studenti in una discussione aperta e la didattica frontale (la classica lezione ). In tal modo le diverse metodologie si intrecciano nell attività curricolare che ciascun docente programma al fine di innalzare i livelli di apprendimento dei singoli allievi e di contenere tempestivamente l insorgere di insuccessi, organizzando laboratori di recupero e di potenziamento per gruppi di livello, d intesa con il Consiglio di classe. In particolare per le classi iniziali (classi 1 e 3 ), il Consiglio di classe predispone attività per la valutazione dei requisiti di ingresso e, una volta valutati i requisiti degli allievi in entrata, il docente effettua attività di riallineamento per il tempo ritenuto necessario. La valutazione La valutazione fa parte integrante del processo di insegnamento/apprendimento e deve essere intesa come uno strumento fornito allo studente per ottimizzare la sua formazione. Per la verifica sono utilizzati vari strumenti (prove scritte, colloqui orali, test, questionari, relazioni tecniche, ecc.) mirati a valutare l apprendimento degli allievi. Ogni docente individua un congruo numero di verifiche e ne informa genitori e alunni. Nel piano delle attività didattiche il docente deve anche indicare gli obiettivi di successo formativo previsti. All'atto di ogni verifica programmata il docente esplicita agli allievi obiettivi, contenuti e soglia di accettabilità. I risultati delle verifiche scritte sono comunicati agli alunni al massimo entro 15 giorni dall effettuazione della prova; le verifiche scritte e la griglia di valutazione usata, il voto e la sua motivazione, possono essere visionate dalle famiglie a loro richiesta. Anche dopo la verifica orale il docente comunica all'allievo il voto ed i relativi criteri di valutazione che lo hanno determinato. Il Consiglio di classe di fine anno, sulla base degli elementi di giudizio stabiliti preventivamente, procede ad una valutazione sommativa che tiene conto dei seguenti criteri: del raggiungimento degli obiettivi disciplinari anche minimi, indispensabili per il passaggio alla classe successiva; della possibilità dell'alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri di alcune discipline nel corso dell anno scolastico successivo; della frequenza alle lezioni e della partecipazione attiva alla vita della scuola intesa come dialogo costruttivo con i docenti e con il gruppo dei pari nel rispetto delle regole e delle norme sottese al funzionamento della scuola. Al temine dell anno scolastico ogni docente dovrà verificare i risultati ottenuti, confrontarli con quelli attesi, in modo da poter adeguare per il prossimo anno il proprio piano delle attività didattiche. I livelli di profitto, con le relative scale di misurazione, sono riportati qui di seguito. Tabella dei livelli di profitto Descrizione Voto/10 Giudizio Obiettivi raggiunti completamente con arricchimenti personali ed ottime capacità critiche 10 Ottimo Obiettivi raggiunti completamente con arricchimenti personali 9 Distinto Obiettivi raggiunti in modo completo 8 Buono Obiettivi raggiunti con alcune lievi incertezze 7 Discreto Obiettivi minimi raggiunti 6 Sufficiente Obiettivi parzialmente raggiunti 5 Mediocre Obiettivi in buona parte non raggiunti 4 Insufficiente Gravissime lacune in tutti gli obiettivi 3 Gravemente insufficiente Nessun obiettivo raggiunto anche a seguito di rifiuto e/o assenza alle verifiche programmate previste dal piano di lavoro 1-2 Del tutto negativo Al termine dell anno scolastico le famiglie degli alunni dichiarati non promossi sono avvisati dell esito negativo tramite comunicazione scritta della presidenza prima della pubblicazione dei risultati. Con il dpr 122/2009 anche il comportamento concorre alla valutazione dello studente che per l ammissione all anno successivo o agli esami di Stato deve conseguire al sufficienza in tutte le discipline. Pag. 14/38

15 Il voto di comportamento viene assegnato dal consiglio di classe in base alle indicazioni sotto riportate Griglia per attribuzione voto condotta 10 Rispetto del Regolamento scolastico. Comportamento responsabile e collaborativo con tutti coloro che operano nella scuola,in ogni ambito e circostanza. Frequenza assidua alle lezioni. Vivo interesse e partecipazione costruttiva alle lezioni. 9 Rispetto del Regolamento scolastico. Comportamento responsabile e collaborativo nel rapporto con tutti coloro che operano nella scuola, in ogni ambito e circostanza. Frequenza assidua alle lezioni. Costante interesse e partecipazione attiva alle lezioni. Impegno serio e regolare svolgimento delle indicazioni e compiti assegnati. 8 Rispetto del Regolamento di istituto. Comportamento corretto per responsabilità e collaborazione. Frequenza regolare delle lezioni. Interesse e partecipazione generalmente attiva alle lezioni. Proficuo svolgimento nel complesso dei compiti assegnati 7 Episodiche inadempienze nel rispetto del Regolamento di Istituto. Comportamento accettabile per responsabilità e collaborazione. Selettivo interesse e partecipazione alle lezioni. Sufficiente svolgimento,nel complesso, dei compiti assegnati 6 Frequenti inadempienze nel rispetto del Regolamento di Istituto. Comportamento incostante per responsabilità e collaborazione. Poco interesse e partecipazione alle lezioni. Discontinuo svolgimento dei compiti assegnati 5 Grave inosservanza del Regolamento di Istituto con conseguente allontanamento dalla comunità scolastica,come previsto dalla normativa vigente. Comportamento scorretto e riprovevole connotato da disvalore sociale, da mancanza di rispetto della persona e delle regole poste a fondamento della convivenza civile. Disinteresse e occasionale partecipazione alle lezioni. Mancato svolgimento dei compiti assegnati. Mancato ravvedimento Anche le assenze possono influire sulla validità dell anno scolastico se superiori ai tre quarti dell orario annuale. A4. RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Ricevimento famiglie Il ricevimento di mattina dei genitori avviene secondo il calendario riportato nell Allegato, con orario scelto dal docente e comunicato alle famiglie. Sono stabiliti due ricevimenti generali dei genitori in orario pomeridiano: il 23/11/2011 e il 2/4/2012; Sono previste momenti di comunicazioni alle famiglie: il 17/1/2012 per la consegna della pagella del primo periodo; il 2/4/2012 per la consegna della scheda informativa di metà periodo; il 18/6/2012 per comunicazione esito finale e consegna scheda sospensione giudizio. Il coordinatore del Consiglio di classe Al coordinatore del Consiglio di classe sono affidati compiti di raccordo con le famiglie. In particolare: controlla le assenze e i ritardi degli alunni e segnala alle famiglie, anche in forma scritta, l'assenza continuativa degli studenti; promuove tutte le iniziative per limitare gli abbandoni scolastici; raccoglie sistematicamente informazioni sull'andamento didattico e disciplinare di ciascuno studente, rileva le varie problematiche e ne cura la comunicazione al Consiglio di classe e alle famiglie; segnala con tempestività al Consiglio di Classe i fatti suscettibili di provvedimenti e, sentito il DS, convoca in seduta straordinaria il Consiglio di classe per discutere di eventuali provvedimenti disciplinari. Pag. 15/38

16 I Consigli di classe Il Consiglio di classe è presieduto dal Preside o dal docente coordinatore delegato dal Preside. E' formato dai docenti della classe, da due rappresentanti eletti dai genitori e dai due rappresentanti eletti dagli studenti. Il Consiglio di classe deve: agevolare ed estendere i rapporti docenti-genitori-studenti in ordine allo svolgimento del programma, al rendimento scolastico, all'andamento di particolari iniziative di carattere educativo e didattico; definire proposte per il Collegio dei docenti, in ordine all'azione educativa e didattica, e ad iniziative di sperimentazione. Le competenze relative alla realizzazione dell'unità dell'insegnamento, dei rapporti interdisciplinari e alla valutazione periodica e finale degli alunni spetta al Consiglio di Classe convocato con la sola presenza dei docenti. I I consigli di classe, si riuniscono periodicamente secondo un calendario predisposto all inizio dell anno scolastico Pag. 16/38

17 -B. L OFFERTA FORMATIVA B1. LE ATTIVITÀ Premessa Oltre alla normale attività didattica la scuola svolge diverse attività fondamentali per gli allievi: orientamento (in ingresso, in itinere, al lavoro, alla scelta dell università); contrasto alla dispersione scolastica; educazione alla salute; integrazione degli alunni immigrati; integrazione degli alunni diversamente abili; educazione alla cittadinanza. Per poter coordinare queste attività la scuola utilizza dei docenti ( funzioni strumentali e/o responsabili di settore). Molte di queste attività verranno svolte in collaborazione con Enti locali, ASL, agenzie presenti sul territorio, università, ecc. Orientamento in ingresso e in itinere La scuola organizza e coordina gli incontri con allievi delle scuole medie finalizzate all orientamento per la scelta della scuola superiore. Altre attività sono mirate alla scelta della specializzazione per gli allievi delle seconde classi dell Istituto. Per rendere più efficace l orientamento in ingresso, alcune attività dell'istituto sono aperte anche agli studenti delle scuole medie del territorio. Le attività di orientamento sono tese a: sviluppare attività di continuità con le scuola medie nell'ambito del processo di orientamento; contribuire in modo significativo alla scelta degli alunni della scuola media inferiore; fornire informazioni sulla tipicità dell Istruzione tecnica; fornire informazioni sull offerta formativa e sulla struttura dell Istituto; orientare gli alunni diversamente abili secondo il progetto di continuità educativa e didattica; operare con gli Enti presenti sul territorio per garantire il diritto all istruzione; organizzare attività di orientamento alla scelta dell indirizzo del triennio di specializzazione; conoscere le problematiche del mercato del lavoro in relazione alla scelta dell indirizzo; contrastare la dispersione scolastica nel triennio. Orientamento al lavoro e all università Queste attività sono indirizzate a tutti gli allievi del triennio (in particolare agli alunni delle classi quinte); le attività sono le seguenti: orientamento al lavoro; visite aziendali; stage scuola-lavoro; orientamento alla scelta universitaria. L orientamento al lavoro si attiverà attraverso rapporti con le aziende che operano nell'ambito dei servizi e della produzione industriale, sia nell' area laziale che nazionale, al fine di offrire agli allievi un ampio panorama delle opportunità offerte dal mercato occupazionale. Si favorirà, inoltre, l'invio, alle aziende che ne faranno richiesta, degli elenchi dei nominativi dei diplomati degli ultimi anni scolastici nelle specializzazioni del nostro Istituto. Si attiveranno azioni affinché gli allievi di tutte le classi del triennio abbiano l'opportunità di effettuare visite aziendali e stage (solo per le classi quarte e quinte) presso le realtà aziendali del Lazio e nazionali. Pag. 17/38

18 Le attività di orientamento alla scelta universitaria interesseranno le classi quarte e quinte di tutte le specializzazioni; a tal scopo gli allievi potranno partecipare a diverse iniziative: Campus organizzato dalle Università nazionali alla Fiera di Roma; i progetti "lauree scientifiche" delle Facoltà scientifiche delle tre università romane; la Conferenza sull' orientamento universitario della Facoltà prescelte dagli studenti in base ad una rilevazione fatta all interno dell istituto le "Giornate Universitarie" indette dalle Facoltà delle Università romane ; partecipazione già dal terzo anno ad un progetto sperimentale di autorientamento universitario con l accesso ad una piattaforma telematica in collaborazione con il GLOA dell Università Roma Tre; simulazione, per via telematica, della prova del test di ingresso delle Facoltà ad indirizzo tecnicoscientifico. Sarà svolta, inoltre, attività d informazione, attraverso l'affissione di manifesti illustrativi delle opportunità offerte dalle Università locali e nazionali. Per poter meglio valutare l efficacia dell insegnamento nel nostro Istituto vengono effettuate periodicamente delle interviste a nostri ex-alunni, per verificare il loro inserimento nel mondo del lavoro o nell istruzione universitaria. Da anni sono stati avviati contatti con Agenzie di formazione qualificate in campo nazionale, e sono stati realizzati corsi di corsi post-diploma, IFTS e di formazione permanente. Contrasto alla dispersione scolastica L accoglienza Nei primi giorni di scuola, sono previste per le prime classi attività di accoglienza agli alunni neoiscritti. Le attività di accoglienza prevedono i seguenti obiettivi, rivolti agli alunni e alle loro famiglie: conoscenza degli alunni e delle famiglie; conoscenza del Consiglio di Classe e dello staff di presidenza; conoscenza dell Istituto e delle sue attività, compreso quelle degli uffici; conoscenza delle norme che regolano la vita dell'istituto; conoscenza della carta dei servizi; conoscenza e familiarizzazione all interno del gruppo classe. Inoltre il Consiglio di classe predispone: le norme che regolano il funzionamento della classe; i test di verifica pluridisciplinare sui requisiti di ingresso degli allievi neoiscritti; la verifica delle competenze linguistiche di lingua italiana per gli alunni migranti neoiscritti. All inizio dell anno scolastico è previsto un incontro dell intero Consiglio di classe con i genitori e gli alunni delle classi prime e terze. Obiettivi da raggiungere con i genitori degli studenti delle classi prime: conoscere il Consiglio di classe, l Istituto e la sua organizzazione; conoscere il POF, la carta dei servizi, il regolamento di Istituto. Attività di sostegno e recupero Le attività di sostegno e di recupero sono fondamentali per prevenire l insuccesso scolastico e ridurre l abbandono; queste attività si realizzano in ogni periodo dell anno scolastico, a cominciare dalle fasi iniziali. Già dai primi mesi di scuola sono programmati sportelli di potenziamento di italiano matematica ed inglese. Al termine del primo periodo il Consiglio di classe procede all individuazione degli alunni con gravi carenze di apprendimento e profitto al fine di programmare proficui interventi didattici ed educativi integrativi. Pag. 18/38

19 Per ciascun alunno verrà individuata la natura delle carenze riscontrate e verranno indicati gli obiettivi dell azione di recupero. Il Consiglio di classe programmerà le attività di recupero adeguate alle carenze riscontrate, anche sulla base delle indicazioni dei Dipartimenti di aree disciplinari. Le attività di recupero potranno essere di varie tipologie, seconde le carenze da colmare e/o le diverse caratteristiche delle discipline coinvolte. Educazione alla salute Le attività di educazione alla salute vengono svolte in gran parte in sinergia con le attività curricolari definite all interno del Consiglio di classe o con moduli di informazione/formazione su alcune problematiche tipiche dell età dei nostri studenti, in alcuni casi con l ausilio di personale esperto ASL. Le attività previste sono hanno i seguenti argomenti: educazione alimentare; problematiche legate all uso e/o abuso di sostanze lecite e/o illecite; associazionismo e volontariato, parte integrante del proceso formativo; problematiche adolescenziale, malattie a trasmissione sessuale, Aids; Sistema sanitario nazionale, donazione del sangue; sportelli di ascolto del disagio giovanile per studenti e consulenza per genitori, con personale esperto ASL. Saranno promossi protocolli e intese con Enti territoriali per interventi interni ed esterni. Integrazione alunni immigrati L aumento degli studenti appartenenti a nazionalità e culture diverse sono una realtà in continuo aumento nella nostra scuola, questi studenti incontrano difficoltà nell integrazione dovuta a diversi fattori: il primo e più importante è la scarsa padronanza della lingua italiana, ma anche dalla diffidenza che spesso deriva dalla non conoscenza dell'altro. L Istituto organizza diverse attività a favore degli studenti stranieri nell anno scolastico 2009/10, con le seguenti finalità: favorire l accoglienza degli stranieri nella scuola e promuovere la loro integrazione attraverso il rispetto della cultura di provenienza; favorire il successo scolastico degli studenti stranieri con iniziative a loro dedicate; potenziare la conoscenza della lingua italiana; ridurre l abbandono scolastico degli studenti stranieri attraverso il monitoraggio costante del loro percorso formativo e la collaborazione attiva fra scuola e famiglia; contenere il razzismo, promuovere la tolleranza attraverso l educazione alla diversità. Integrazione alunni diversamente abili A supporto di genitori, alunni ed insegnanti per tutte le attività legate alla presenza degli alunni diversamente abili, all interno dell Istituto vengono organizzate attività di accoglienza e inserimento. E cura della scuola favorire il raccordo con le ASL e gli Enti preposti, anche al fine di offrire ai genitori e ai docenti gli strumenti per operare nelle situazioni di difficoltà. Il progetto di Integrazione degli alunni d. a. ha le seguenti finalità: integrazione del soggetto (riferimento alle potenzialità e non ai punti deboli; stare bene con se stesso; essere protagonista del proprio percorso); integrazione nel contesto (stare bene con gli altri; integrazione nel territorio); integrazione nel tempo (continuità didattica; orientamento); integrazione dei servizi (finalizzare l intervento scolastico all interno di un progetto condiviso con gli altri interlocutori istituzionali). Obiettivi: favorire una reale ed efficace integrazione nel contesto scolastico con il coinvolgimento di tutti gli operatori coinvolti; Pag. 19/38

20 favorire la progettazione individualizzata dei processi di insegnamento/apprendimento mediante attività di consulenza e sostegno ai docenti durante i G.L.H. operativi; condividere le pratiche educative, le metodologie di intervento, le risorse e gli strumenti da utilizzare in funzione della crescita psicofisica e formativa degli alunni d. a.; scegliere il percorso didattico adeguato alle capacità di ciascun alunno d. a. (programmazione individualizzata o differenziata); promuovere qualsiasi iniziativa di comunicazione e di collaborazione tra scuola ed Enti territoriali coinvolti (Comune, ASL, Provincia, cooperative, Enti di formazione); favorire la continuità educativa e didattica, orizzontale e verticale, con le scuole di provenienza e nell ambito dell Istituto stesso; favorire e organizzare l accoglienza degli alunni d. a. e il loro inserimento nell Istituto e nelle classi e sostenerli nella fase di adattamento al nuovo ambiente; garantire al termine del ciclo scolastico le competenze utili per una vita autonoma. Valutazione alunni diversamente abili In merito alla valutazione degli alunni d. a. il G.L.H. d Istituto delinea i criteri generali della valutazione secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Ogni Consiglio di classe, che accoglie alunni d. a., in sede di valutazione, indica per quali discipline si sono adottate particolari strategie compensative e/o dispensative. Ciascun docente del Consiglio di classe dovrà stilare una relazione finale che tenga conto del P.E.I. (Piano Educativo Individualizzato) redatto durante il primo incontro del G.L.H. operativo. Come si evince dai riferimenti normativi vigenti per gli alunni d. a., la valutazione, sia periodica sia finale, va sempre riferita al P.E.I. ed in particolare mira a rilevare i progressi dell alunno in riferimento alle sue potenzialità e ai livelli iniziali. In caso di programmazione individualizzata si mirerà al raggiungimento degli obiettivi minimi programmati nelle diverse discipline. Nel caso di programmazione differenziata, messa in atto in casi di particolari difficoltà cognitive, si garantisce la possibilità di ammissione alla frequenza della classe successiva, senza l obbligo di attribuire alcun voto. Alla fine del percorso scolastico verrà rilasciato un attestato di frequenza. Alunni con DSA Al fine di realizzare il diritto allo studio per tutti gli studenti, l Istituto offre anche a coloro che presentano un Disturbo specifico di apprendimento una didattica individualizzata e personalizzata, che con forme efficaci e flessibili di lavoro scolastico, anche tenendo conto delle caratteristiche personali, gli consenta di esprimere al meglio le sue potenzialità. In particolare i consigli di classe cureranno l individuazione di strumenti compensativi e dispensativi, compresi i mezzi di apprendimento alternativi e le tecnologie informatiche, nonché misure dispensative da alcune prestazioni non essenziali ai fini della qualità dei concetti da apprendere. Una particolare attenzione verrà data all insegnamento delle lingue straniere con l uso, eventuale, di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento, prevedendo anche, ove risulti utile, la possibilità dell'esonero. Agli studenti con DSA, anche d intesa con le famiglie, sono garantite, durante il percorso di studio adeguate forme di verifica e di valutazione, che accompagneranno lo studente fino agli Esami di Stato. Educazione alla cittadinanza L educazione alla cittadinanza è uno dei compiti principali della scuola. Molte attività sono progettate a questo scopo e possono essere così sintetizzate: educazione alla legalità; educazione alla sicurezza; educazione stradale (che comprende i corsi per il patentino per ciclomotori). Inoltre diversi progetti di ampliamento dell offerta formativa sviluppati dalla scuola toccano tematiche inerenti l educazione alla cittadinanza. Pag. 20/38

21 Educazione alla legalità La scuola promuove iniziative per stimolare la partecipazione responsabile degli studenti alla vita dell'istituto e al contesto socio-culturale che li circonda.tra gli strumenti utilizzati per raggiungere l obiettivo indicato si segnalano una serie di iniziative collegate al progetto Il quotidiano in classe promosso dal gruppo Giovani editori, che invia quotidianamente a scuola la copia di alcuni quotidiani a tiratura nazione e regionale. Agli studenti viene inoltre offerta l opportunità di partecipare a spettacoli cinematografici sia fuori che dentro l istituto, con i quali avere consapevolezza e approfondire alcune tematiche di particolare attualità e rilevanza per l educazione alla legalità. È sottolineata e richiamata la centralità della carta costituzionale nella vita di ogni cittadino. Sono anche previsti interventi, di esponenti di istituzioni che lavorano professionalmente nel settore della prevenzione e dell educazione alla legalità, per continuare il lavoro che ormai da anni l Armellini porta avanti. Le finalità principali sono quelle del contrasto alle forme di illegalità diffuse tra i giovani, quali bullismo, razzismo, omofobia, ma si punterà anche al recupero del vantaggio dell educazione alla cittadinanza attiva, al rispetto delle regole scolastiche e della vita in genere. Giornate della memoria Alcune giornate sono dedicate alla memoria di alcuni dei più importanti avvenimento storici o dedicate ad alcuni valori fondamentali (come pace e libertà). Le finalità di queste giornate sono: stimolare gli studenti a ricordare una serie di eventi importanti per consolidare una memoria storica comune; stimolare gli studenti alla legalità e al senso di cittadinanza. In queste giornate verranno tenuti incontri pomeridiani con gli studenti, con un dibattito e/o la proiezione di un film sull argomento. Per le giornate della Memoria ci saranno incontri con testimoni degli eventi. Educazione alla sicurezza I docenti incaricati per ogni classe e i direttori di laboratorio predispongono moduli curricolari di formazione finalizzati all'acquisizione di competenze relative alla sicurezza sul luogo di lavoro, in sinergia con il docente responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell Istituto e i relativi gruppi disciplinari; predispongono inoltre attività di informazione legate al piano delle emergenze dell Istituto. Finalità: favorire la formazione degli studenti relativamente alla salute e alla sicurezza sui luoghi di lavoro (D. Lgsl. 81/2008); favorire l informazione agli studenti circa l utilizzazione in sicurezza delle attrezzature dell istituto; favorire l informazione agli studenti circa le procedure di emergenza previste dal piano dell istituto. Il responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell Istituto promuove e coordina, d intesa con il Servizio di prevenzione e protezione dell Istituto, tutte le attività previste dal D. Lgsl. 81/2008. Il responsabile del Servizio è nominato dal DS. Corsi per il patentino per ciclomotori L Istituto organizza corsi per il conseguimento del patentino per la guida dei ciclomotori. Attività alternativa all ora di religione cattolica Il C.d.D. ha deliberato per l anno scolastico 2011/2012 due attività alternative all ora di religione cattolica che gli studenti potranno scegliere: educazione musicale; educazione ai diritti dell uomo. Pag. 21/38

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

FAQ sul corso serale

FAQ sul corso serale FAQ sul corso serale di A. Lalomia Premessa Si presenta in questa sede una serie di domande e risposte relative ad un corso serale pubblico, frutto dell esperienza più che decennale maturata in questi

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli