SCUOLA PRIMARIA PARITARIA "S. GIUSEPPE DE MERODE"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA PRIMARIA PARITARIA "S. GIUSEPPE DE MERODE""

Transcript

1 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA "S. GIUSEPPE DE MERODE" D.M. 28/06/2002 Via San Sebastianello, 1 Tel Fax ROMA PIANO OFFERTA FORMATIVA ( ) 1

2 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Il presente documento contiene il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) che il Collegio San Giuseppe di Roma si propone di realizzare nell anno scolastico 2011/2012. Con questo strumento l istituto dei Frére Lasalliani intende esplicitare le proprie scelte nell azione educativa e didattica, formulandole sulla base del messaggio cristiano, del contesto socio-culturale locale in cui opera e dei modelli culturali e formativi presenti in Italia e nel mondo. Il San Giuseppe desidera inserirsi attivamente nelle dinamiche evolutive della società odierna, che richiede la formazione di persone in grado di imparare ad imparare. Il nostro Istituto sa di dover aiutare gli studenti a fare sintesi delle loro esperienze formative, che avvengono anche al di fuori della scuola, e a riflettervi in chiave critica. Compito della scuola, infatti, è facilitare i giovani nella loro formazione, rendendoli rispettosi delle regole della società in cui sono inseriti già oggi come soggetti attivi e in cui agiscono nella ricerca di un ruolo personale, familiare, ecclesiale e civile. In sintesi, quindi, il POF esplica una duplice funzione: FORMATIVA con la quale la scuola rende note le scelte culturali, le strategie organizzative e metodologiche di cui si avvale per promuovere la crescita armonica dell alunno, affinché lo stesso sia in grado di interagire in modo responsabile con la realtà che lo circonda. STRUMENTALE di riferimento per tutti gli operatori della scuola (risorse interne), per le famiglie e gli enti territoriali (risorse esterne) che si impegnano, attraverso una progettualità condivisa, al conseguimento degli obiettivi educativi e didattici. 2

3 FINALITA E OBIETTIVI La scuola Primaria S. Giuseppe De Merode opera secondo la tradizione lasalliana, propria dei Fratelli delle Scuole Cristiane, e su quanto sancito dalla Costituzione Italiana agli articoli che riguardano i rapporti tra Stato, Scuola, Lavoro e Cultura. Possiamo pertanto individuare come funzione prioritaria della Scuola Primaria la crescita e la valorizzazione della persona, nel rispetto dei ritmi dell età evolutiva, delle differenze e dell identità di ciascuno L educazione dei giovani nella scuola si fonda, quindi, su alcuni principi generali che qualificano il tradizionale progetto educativo della Congregazione e impegnano l intera comunità scolastica degli educatori religiosi e laici, degli allievi e delle famiglie. Tali principi - riconoscono i diritti fondamentali della persona e della famiglia all educazione; - tengono conto dell accresciuta incidenza della scuola nella formazione della persona e della società; 3

4 ANALISI DEL BACINO D UTENZA E RELATIVI BISOGNI La scuola italiana vive e opera oggi in una società caratterizzata da un ampio pluralismo culturale. Tale contesto di libertà e apertura, di per sé positive, rischia talora di far smarrire una visione significativa appunto culturale - dell uomo, della sua natura, del suo fine e dei suoi valori. L'indagine conoscitiva che regolarmente viene condotta dai docenti sugli alunni e sulle famiglie che scelgono la Scuola S. Giuseppe, evidenzia come l'utenza provenga in minima parte dalla zona circostante la scuola e per la maggior parte dalla zona nord di Roma e appartenga prevalentemente ad un ceto medio-alto. Queste famiglie chiedono alla scuola garanzie formative relative ad una vera scuola, cioè luogo di formazione integrale della persona umana mediante l assimilazione sistematica e critica della cultura nelle sue diverse forme ed espressioni; scuola cattolica, in quanto persegue tale fine facendo riferimento esplicito alla concezione cristiana della realtà. Il San Giuseppe desidera essere una scuola attenta, che stimoli alla ricerca, alla conoscenza, all esperienza, alla valutazione, alle scelte di impegno e di servizio, in una visione cristiana della vita. I Frére, che dirigono questo Collegio, vantando una lunga tradizione pedagogica, che ha reso la loro missione tra le più significative in riferimento all educazione della gioventù, desiderano proporre, attraverso questo documento, il loro progetto formativo che genitori, docenti e non docenti si impegnano a condividere con quello spirito di famiglia voluto da San Giovanni Battista De La Salle Tale progetto educativo è contraddistinto dai seguenti tratti: gradualità: La formazione è un processo, talvolta lento e faticoso, scandito da tempi diversi per ogni persona; severità e dolcezza: ogni cammino di maturazione necessita di essere accompagnato da rispetto ed autorevolezza, così da creare, tra severità e dolcezza, quell armonia che può rendere più efficace l azione educativa; tradizione e modernità: l azione formativa dei Lasalliani affonda le radici nel passato di un storia secolare e si proietta verso il futuro con un anima contemporanea. Essa si esprime nella costante consegna di valori ed esperienze che sono la chiave di lettura del presente. 4

5 FINALITA EDUCATIVE L educazione Lasalliana non si impone: essa si deposita lentamente e profondamente nell anima; si infiltra e scivola in noi senza scosse, senza pretese e senza paura. La si assorbe come un alimento che è appetitoso e fortificante. Essa rispetta la libertà e si adatta al temperamento di ciascuno. Non sogna di avere ragione contro la natura, ma lavora pazientemente per rendere la natura ragionevole. La nostra scuola pone al centro dell azione educativa lo studente, non come individuo astratto, ma come persona che vive qui ed ora, che solleva precise domande esistenziali per raggiungere orizzonti di significato. Il Collegio San Giuseppe propone un continuum formativo che, proseguendo l attività di educazione-formazione avviata nella scuola primaria, si completa nella secondaria di I grado e nei licei classico e scientifico con una più intensa azione di sviluppo e promozione dei valori e delle regole strutturanti l esperienza di vita individuale e sociale. L asse educativo-valoriale costituisce il perno dell attività formativa che, in raccordo con l impostazione didattica della scuola secondaria di I grado, promuove le competenze disciplinari e interdisciplinari richieste al termine della frequenza della scuola dell obbligo, oggi includente il biennio della scuola superiore. Si propone pertanto di conseguire i seguenti obiettivi: a- promozione umana e formazione integrale e armonica degli allievi Con iniziative appropriate e correlate alle diverse fasi evolutive, gli allievi saranno aiutati: ad affrontare adeguatamente i loro problemi di natura psicologica, affettiva ed etica; a formarsi alla socialità attraverso un progressivo sviluppo dell amicizia e solidarietà, della collaborazione e corresponsabilità, della graduale assunzione di responsabilità all interno della comunità scolastica e del riconoscimento e rispetto dei valori fondanti della convivenza democratica, conformemente ai principi stabiliti dalla Costituzione italiana; a ricercare ideali e valori in cui credere e per i quali impegnarsi. b - preparazione culturale Ritenendo la cultura non solo trasmissione di contenuti ma anche elaborazione di essi, in risposta agli interrogativi sempre nuovi della realtà, il San Giuseppe : promuove una crescita culturale attenta ai nuovi bisogni formativi, disponibile a innovare, cooperare, confrontarsi con le varie realtà socio-economiche, cambiare e riorientarsi nell apprendimento e nella professione, assimilare i nuovi linguaggi, conoscere le nuove forme di comunicazione e i loro mezzi, apprendere lingue comunitarie e sperimentare approcci diversi nei vari ambiti disciplinari; 5

6 intende privilegiare, quali strumenti di cultura, l impegno sistematico nello studio e nell approfondimento, la serietà nella ricerca individuale o di gruppo, il rigore scientifico, l aggiornamento costante, la disponibilità al confronto e al dialogo, la verifica e l applicazione delle nuove metodologie didattiche; si prefigge inoltre di aiutare gli allievi a pensare, a giudicare e agire in modo autonomo dai vari condizionamenti, a rispettare il pluralismo delle idee e delle scelte, escludendo atteggiamenti intolleranti e preconcetti; cura in modo particolarmente attento lo studio della religione cattolica quale mezzo per formare la coscienza di buoni cittadini e buoni cristiani. c - educazione alla fede Come scuola cattolica il San Giuseppe considera suo compito irrinunciabile l evangelizzazione; non chiede la professione della fede cattolica, ma si impegna a favorirne l accoglienza attraverso la testimonianza di chi vi opera. In particolare intende: animare i valori autentici della cultura, nel rispetto della loro oggettività, mediante il messaggio di Cristo offerto ai giovani come norma ideale di vita, al fine di far maturare in essi una capacità di interpretazione cristiana delle vicende umane; maturare la scelta della fede attraverso l ascolto della Parola di Dio fino al conseguimento graduale della sua pienezza nella vita sacramentale responsabilmente vissuta; dare vita a un ambiente comunitario scolastico permeato dello spirito evangelico sviluppando nei giovani la coscienza e l esercizio responsabile della libertà, sensibilizzandoli perché nella vita sociale siano operatori di maggiore giustizia e di più ampia fraternità umana, relativizzando il valore dei beni terreni, presentati a servizio della persona. In questa prospettiva tutte le componenti la comunità scolastica (personale docente, personale educativo e ausiliario, genitori) sono chiamate ad accogliere, ciascuno secondo la propria sensibilità, il carisma di San Giovanni Battista De La Salle e a costruire relazioni di fiducia che riconoscano i reciproci ruoli e si supportino vicendevolmente nelle comuni finalità educative. Per esprimere in modo formale l adesione a questo progetto, anche in ottemperanza al D.P.R. n. 235 del 21 novembre 2007, docenti, genitori e allievi sottoscrivono il Patto Educativo di Corresponsabilità* che li impegna a condividere i nuclei fondanti dell azione educativa. 6

7 PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA Aule: situate nel piano nobile, ariose, luminose. Grandezza e altezza a norma come a norma sono tutti gli annessi e connessi. Ciascuna aula è munita di tv, lettore cassette e dvd. Biblioteca - Mette a disposizione degli alunni libri e testi di consultazione per attuare i programmi di promozione alla lettura e di approfondimento degli argomenti studiati. La biblioteca dell'istituto è dotata di oltre volumi. Laboratorio d'informatica - Dotato di numerosi Personal Computer di ultima generazione è situato in un'ampia e luminosa aula. Eventualmente è a disposizione una sala multimediale, opportunamente attrezzata. La scuola possiede un aula adibita a laboratorio artistico, una sala multimediale con computer, video-proiettore, maxischermo, adatta per teleconferenze. Palestre - 4 palestre, di cui una molto grande, con posti per gli spettatori, spogliatoi, doccia e bagni anche per il pubblico, sono predisposte con tutte le attrezzature necessarie per tutte le attività sportive che la scuola offre. Cappella - La cappella dell'istituto, ampia e preziosa nella sua architettura e affreschi e nei suoi arredi, accoglie i fedeli per il raccoglimento e le celebrazioni liturgiche. Teatro - II teatro è dotato di circa 400 posti, di impianto fonico, di impianto luci, camerini e servizi igienici... e quant'altro necessario alle rappresentazioni (anche di compagnie teatrali esterne), alle conferenze e a manifestazioni di vario genere. Cineteca di corso - Ogni classe può usufruire di un'accogliente sala di audiovisivi per visionare filmati inerenti alla didattica e per organizzare Cineforum. Ogni classe inoltre, è dotata di impianto tv e lettore di cassette e dvd. 7

8 Campi da gioco all'aperto - All'aperto, i due grandi cortili della scuola offrono lo spazio necessario per la ricreazione, per alcune attività sportive come l'educazione motoria, il basket, la pallavolo, le gare e alcune manifestazioni. Mensa - L'Istituto dà la possibilità a tutti gli alunni di usufruire di un servizio mensa (self-service) in un'ampia sala, luminosa ed accogliente, con l'assistenza di Insegnanti del Corso stesso. La cucina ha personale dipendente direttamente dalla Scuola, tutti i cibi sono preparati dal personale della Scuola senza ricorso a nessuna forma di catering, Bar - Aperto tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore Servizi igienici - Numerosi sono i servizi collocati accanto ai cortili, alle palestre, alle aule, continuamente controllati e tenuti puliti dal personale di servizio. SCELTE DIDATTICHE DEL DOCENTE 8

9 Ogni insegnante: - Elabora una programmazione didattica annuale per garantire la formazione dell'alunno; - Presenta il piano di lavoro ai genitori della classe e/o delle classi interessate chiarendo loro la propria offerta formativa, il proprio intervento didattico, i procedimenti metodologici, gli strumenti di verifica e i criteri di valutazione. I genitori potranno esprimere pareri,formulare proposte e collaborare alle varie attività. - Cura la ripresa dei ritmi scolastici nei primi giorni dell'anno scolastico; - Guida la propria classe alla conoscenza generale dell'istituto (spazi, servizi, accessi...); - Informa gli alunni sugli orari, sulle regole di comportamento, sulle attività che si svolgono nella scuola, sulle scadenze dell'anno scolastico; - Crea occasione per favorire la conoscenza tra gli alunni, con gli insegnanti e le famiglie. VERIFICHE E VALUTAZIONI DEL DOCENTE Ogni insegnante, mediante prove di verifica attitudinali collettive e individuali accerta: * Il livello di scolarizzazione; * La conoscenza e il grado di accettazione delle regole; * Il possesso degli strumenti cognitivi di base; * La capacità di saper percepire ragionare, comunicare; * La capacità grafica di esecuzione * * Esprime, secondo le richieste dello Stato, la certificazione delle competenze da essi acquisite in decimi, corredata da un giudizio analitico sul livello globale di maturazione raggiunto dall alunno : Compila una scheda informativa bimestrale e una scheda di valutazione quadrimestrale in collaborazione con tutti gli insegnanti di classe. * Annota la valutazione sul proprio registro riportando i progressi, le difficoltà, la maturazione generale, valuta i risultati ed eventualmente adegua l'azione educativa alle necessità. * Attiva laboratori in collaborazione con gli Insegnanti di classe e con insegnanti di altre classi; ne stabilisce metodi, obiettivi, durata... * Cura il personale aggiornamento per quanto riguarda la conoscenza delle teorie psico -- pedagogiche, delle strategie didattiche, delle moderne tecnologie educative, confrontandosi anche con gli altri docenti e operatori scolastici. 9

10 SCELTE METODOLOGICHE DEL DOCENTE L'insegnante ricorrerà a tutti gli strumenti e i sussidi didattici necessari. - testi, fotocopie, schede operative, cartelloni; - interventi individualizzati durante il normale svolgimento delle lezioni con spiegazioni dettagliate o esercitazioni specifiche; - videoteca, biblioteca, bacheca di classe; - materiale strutturato; - laboratorio teatrale, palestre attrezzate - laboratorio informatico e musicale. Utilizzerà le metodologie più idonee ad ogni situazione: - lettura, verbalizzazione, elaborazione e produzione personale; - ricerche personali e di gruppo; - disegni e grafici; - recitazione, canto; - manualità e creatività; - giochi individuali e di gruppo; - attività motoria. Utilizzerà gli strumenti e le tecniche proprie dei diversi ambiti di insegnamento: - tabelle, schemi, grafici, parametri; - lettura di documenti - lettura di carte geografiche - indagini e ricerche... Per abituare progressivamente gli alunni all'uso di procedimenti specifici: osservare, misurare, classificare: - impostare relazioni spazio-temporali; - elaborare e interpretare dati. 10

11 Si avvarrà di esperienze extra-scolastiche come: - visite culturali; - gite scolastiche; - rappresentazioni teatrali ed altro. VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione degli alunni è: Promozionale: esplora il potenziale di apprendimento di ogni alunno e ne sostiene attivamente lo sviluppo Formativa: presta attenzione alla formazione della personalità dell'alunno Orientativa: favorisce nell'alunno la capacità di conoscere se stesso e di operare scelte consapevoli La valutazione tiene conto della progressione dell'alunno in merito a: Alfabetizzazione culturale - acquisizione di abilità operative, logico-matematiche e modalità di indagine - padronanza di conoscenze e linguaggi autonomia personale - maturazione dell'identità - autostima - responsabilità e autocontrollo partecipazione alla convivenza democratica - relazioni sociali - capacità di scelta motivazione e impegno 11

12 VALUTAZIONE DIDATTICA E DI SISTEMA - La valutazione didattica concorre a modificare e a rendere efficace il percorso didattico rispetto alle diverse esigenze degli alunni. Tale valutazione : - consente la regolazione continua dei processi di insegnamento/apprendimento - favorisce percorsi didattici adeguati alle peculiari capacità ed esigenze educative degli alunni - presta attenzione alla qualità dei processi attivati e al progresso nella formazione della personalità di ogni alunno. Tale valutazione ha luogo nei consigli di classe corrispondenti alle valutazioni bimestrali e quadrimestrali degli alunni. - La valutazione del sistema è mirata al miglioramento della qualità della scuola, mediante l'analisi del dichiarato, del percepito e dell'agito. Attori sono principalmente gli insegnanti e i genitori, appositamente convocati in riunioni ad hoc: riunione del collegio dei docenti con il comitato dei genitori (costituito quest'ultimo da tutti i rappresentanti dei genitori degli alunni) e riunione assembleare dei docenti e genitori per comunicazione, commenti e integrazioni. Tali riunioni hanno luogo nel penultimo mese prima della fine dell'attività didattica e all'inizio dell'anno scolastico, come presupposto della definizione della programmazione. VALUTAZIONE E COMUNICAZIONE SCUOLA-FAMIGLIA Oltre alle comunicazioni correnti attraverso il libretto dell'alunno, le famiglie vengono informate bimestralmente dei risultati delle operazioni di valutazioni dei consigli di classe. Tali risultati vengono commentati ai Genitori dagli Insegnanti negli incontri settimanali. I risultati di valutazione del quadrimestre vengono letti e commentati personalmente dagli insegnanti ai Genitori in due incontri, in cui tutti i docenti sono contemporaneamente presenti a Scuola. 12

13 POTENZIAMENTO, SOSTEGNO, RECUPERO Per potenziare, sostenere, recuperare gli alunni, la scuola offre: - interventi individualizzati durante il normale svolgimento delle lezioni con spiegazioni dettagliate o esercitazioni specifiche; - consulenza psico-pedagogica per alunni e genitori; - colloqui individuali, un'ora a settimana, durante la mattinata con i genitori; - riunione con gli insegnanti e i genitori degli alunni per analizzare la situazione generale della classe e concordare interventi specifici; - incontri nei primi giorni di scuola, con i genitori degli alunni iscritti per la prima volta per presentare le attività scolastiche; - corsi pomeridiani di conversazione in lingua inglese con insegnante di madrelingua; - corso di informatica per le classi 1 A, 2 A,3 A, 4 A e5 A ; - Laboratorio di recitazione con uno spettacolo teatrale che sarà presentato ai genitori di norma verso la fine del mese di marzo o in aprile; - gare sportive e saggio conclusivo di attività motoria; - preparazione alla Prima Confessione e alla Prima Comunione; - celebrazioni religiose. 13

14 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL CORSO PRIMARIO DIRIGENTE SCOLASTICO: prof. Fratel PIO ROCCA II Corso Primario è così strutturato: due sezioni dalla prima alla quinta classe. Ogni classe è affidata ad un insegnante tutor che attiva il programma in ogni ambito disciplinare,coadiuvato da un insegnante di madrelingua inglese, da un insegnante abilitato all'attività motoria, da un insegnante di musica e da un insegnante di informatica che svolgono le loro lezioni in classe o negli appositi laboratori. N Docenti Competenze Colloquio. settimanale 1 Bartolini Augusto Ispettore, responsabile didattico del Corso Disponibile dopo le 9,00 compatibilmente con le sue attività 2 Agozzino Nicoletta Seconda Primaria B Martedì 10,45-11,35 3 Camossi Domenica Prima Primaria A Giovedì 9,05-9,55 4 Caruso Maria Terza Primaria A Lunedì 10,45 11,30 5 Cimmino Antonella seconda Primaria A Giovedì 9,05-9,55 6 Bagli Silvia Quarta Primaria B Giovedì 10,45 11,35 7 Cordeschi Paola Quarta Primaria A Venerdì 9,30 10,20 8 Del Monaco Elisabetta Quinta Primaria B Martedì 8,15 9,05 9 Fallani Letizia Prima Primaria B Venerdì 12,30-13,15 10 Ricotta Felicia Quinta Primaria A Martedì 10,45 11,35 11 De Caneva Cristina Terza Primaria B Martedì 9,05 9,55 12 O Regan Angela Inglese madre lingua classi venerdi 9,55 10, Angelillo Maria Inglese madre lingua classi Mercoledì 9,55 10, Giovannangelo Aleardo M. Tutte le classi ed. motoria Lunedì 9,55 10,25 15 Beccarini Raffaella Tutte le classi informatica Martedì 9,55 10,35 16 Cioffi Luigi Tutte le classi musica mercoledì 9,00 9,30 17 Franco Giovanna Doposcuola terze primarie per appuntamento 18 Alessandra Felli Doposcuola Quinte prim. per appuntamento 19 Di Rienzo Simona Doposcuola seconde prim. per appuntamento 20 Olga Maletta Doposcuola quarte primarie per appuntamento 21 Vittoria Gasbarri Doposcuola prime primarie per appuntamento 22 Umbro Antonella Piano scuola primaria matt. Responsabile piano 23 Gioacchini Marilena Piano scuola primaria pom. Responsabile piano 14

15 ORARIO SCOLASTICO II corso Primario svolge il seguente orario: entrata ore 08,15 - uscita ore 13,10, dal lunedì al venerdì compreso con un rientro il mercoledì fino alle 16,40. Intervallo di 20 minuti, tra le prime due unità didattiche e le ultime tre. La durata delle trenta unità didattiche varia da 60 minuti a 50 minuti. Il Collegio dei Docenti ha optato per l'orario di trenta ore anche per gli alunni del primo ciclo, portando a quattro le ore di lingua straniera e inserendo un'ora di informatica anche alla Prima Primaria. ORARIO PARTICOLAREGGIATO Prima unità didattica Seconda unità didattica Terza unità didattica e Intervallo (10,20-10,40 ) Quarta unità didattica Quinta unità didattica sesta unità didattica Recupero del mercoledì: 13,10-13,50 pranzo e intervallo 13,50 14,00 sistemazione 14,00-14,50 settima unità didattica 14,50-15,40 ottava unità didattica 15, nona unità didattica Orario Pomeridiano facoltativo Pranzo e ricreazione (lunedì-giovedì) (martedì- vener dì) Doposcuola e attività sportive (basket, ** volley, minivolley, judo, danza, calcio) (inglese ( Cambridge), musica, chitarra) minibasket, e culturali pianoforte, 15

16 REGOLAMENTO SCOLASTICO PREMESSA Il Collegio San Giuseppe-Istituto De Merode, fondato e diretto dai F:F: delle Scuole Cristiane dal 1850 è un istituzione educativa che si propone la formazione integrale, umana e cristiana dello studente. Con l iscrizione all Istituto, i Genitori e gli Studenti confermano la consonanza del loro orientamento educativo con quello proposto dalla Comunità Educante dell istituto e si impegnano a rispettarne le regole stabilite e a partecipare alla sua opera educativa. L insegnamento della Religione Cattolica è parte integrante del progetto educativo dell Istituto. NORME SPECIFICHE 1) La frequenza scolastica quotidiana è il primo grave obbligo a cui gli studenti si impegnano all atto dell iscrizione. 2) Le assenze dalle lezioni e i ritardi devono essere giustificati dai genitori personalmente o per iscritto mediante l apposito libretto delle giustificazioni. La Direzione sollecita le famiglie a cooperare affinché siano evitate assenze inutili e sia rispettata la puntualità. 3) Le assenze per causa di malattia di durata superiore ai 5gg devono essere accompagnate da un certificato medico nel quale si attesti che l alunno è guarito e può riprendere le lezioni.. 4) Al rientro a scuola, l alunno giustificherà l assenza servendosi del libretto scolastico debitamente firmato da un genitore. 16

17 5) L inizio delle lezioni è previsto alle ore 8,15, a quell ora gli alunni saliranno in classe sotto la sorveglianza stretta degli insegnanti. 6) L entrata in ritardo, ( dopo le 8,30 ) sarà segnalata dall insegnante al responsabile il quale provvederà ad autorizzare l entrata in classe. 7) Dopo 4 ritardi, il responsabile inviterà un genitore ad accompagnare l alunno a scuola. 8) Gli alunni vengono a scuola muniti di libri di testo e del materiale occorrente, portano sempre con sé il diario e il libretto scolastico che conserveranno con la massima cura e che esibiranno ad ogni richiesta del docente. 9) E fatto assoluto divieto di portare a scuola radio, stereo, registratori, telefonini o altro materiale non specificatamente attinente alle necessità didattiche. 10) Il voto di condotta è in relazione, oltre al comportamento, alla diligenza dello studente nei doveri scolastici. La Direzione si riserva il diritto di allontanare a suo giudizio e in qualsiasi periodo dell anno scolastico, l alunno la cui condotta o gli atteggiamenti fossero in contrasto con i principi di ordine morale e disciplinare professati nell istituto. 11) I genitori sono informati del comportamento e del profitto scolastico dei figli mediante la pagella informativa bimestrale, le schede di valutazione quadrimestrali e gli incontri periodici degli Insegnanti. 12) Tutti gli alunni della Scuola Primaria indossano ogni giorno la divisa della scuola: Alunni: Giacca blu con stemma della scuola Camicetta bianca o celeste Cravatta della scuola Pantaloni grigi antracite 17

18 Alunne: Giacca blu con stemma della scuola Camicetta bianca e papillon Gonna blu o pantaloni grigi antracite 13) Il decoro e l ordine della propria persona esprimono consapevolezza e condivisione della richiesta educativa proposta dalla scuola. 14) La pulizia e l ordine generale dell Istituto sono affidati anche alla buona educazione e al senso di reciproco rispetto tra gli alunni. Saranno loro addebitati i danni di cui si siano resi responsabili. 15) La direzione non assume responsabilità per quanto gli alunni possano smarrire nel Istituto. 16) In adesione alle tradizioni dell Istituto e in ottemperanza alle norme scolastiche, gli alunni e i genitori si asterranno dal fare donativi agli Insegnanti. 17) In ottemperanza alle normative vigenti e per evidenti ragioni di ordine educativo, non è consentito, a giovani e adulti, di fumare all interno della scuola, cortile compreso. 18

19 VIGILANZA DEGLI ALUNNI La vigilanza degli alunni nell'ambito dell'orario scolastico è affidata agli Insegnanti della mattina e del doposcuola coadiuvati da alcuni religiosi dell'istituto. CALENDARIO SCOLASTICO Un calendario annuale di massima di tutte le principali attività e riunioni viene stabilito prima che inizi l'anno scolastico e puntualizzato mensilmente su supporto cartaceo. Il Collegio Docenti ha confermato la divisione dell anno scolastico in due quadrimestri. Il calendario compare anche sul sito web dell' Istituto: ATTIVITA COMPLEMENTARI E INTEGRATIVE Studio assistito pomeridiano - Per gli alunni del corso elementare l'istituto effettua nei giorni di lunedì, martedì, giovedì e venerdì, dalle ore alle ore un corso di studio assistito e coordinato da insegnanti competenti. I bambini vengono guidati nell'esecuzione dei compiti e aiutati 19

20 nella conquista di una autonomia pratica nello studio. Vittoria Gasbarri e ins. di classe Franco Giovanna Di Rienzo Simona e ins di classe Olga Maletta Alessandra Felli Assistono gli alunni di prima Assiste gli alunni di terza Assiste gli alunni di seconda Assiste gli alunni di quarta Assiste gli alunni di quinta ISTRUTTORI DELLE ATTIVITA SPORTIVE Rinaudo Fiorella Ernesto Micheli Luigi Satolli Mirco Gaffi Scherma Stefano Fenili Sara Matteo Claudia Pucci Ilaria Petrozzi Cheerleader Coordinatrice dello sport basket calcetto Accademia d armi Musmeci-Greco Judo Volley Danza moderna e Caraibica Elena Gregori 20

21 Attività sportive - L'Istituto offre la possibilità di usufruire di diversi corsi sportivi, da ottobre a maggio, coordinati dall'insegnante Fiorella Rinaudo: minibasket, mini-volley, danza classica e moderna, ginnastica artistica, judo e difesa personale, calcetto. Sono previsti giochi, tornei interni e la partecipazione alle attività in coordinazione con le altre Scuole della Rete Lasalliana di Roma e dell'intero Paese, a tornei e trofei organizzati dalle federazioni sportive italiane. L'obiettivo di tali attività consiste in un'armonica crescita del bambino sia dal punto di vista sociale, culturale che psico-motorio. Corsi di lingua inglese - Per l'esercizio e l'approfondimento linguistico vengono effettuati dei corsi di lingua inglese per quattro ore settimanali coordinati da insegnanti di madre lingua. I corsi sono suddivisi per gruppi di diverso livello e hanno come obiettivo l'acquisizione della lingua straniera attraverso giochi, conversazioni e attività pratiche. ATTIVITÀ' POMERIDIANE LUN MAR MER GIO VEN MINI BASKET X X DANZA CLASSICA E MODERNA x x JUDO E DIFESA PERSONALE X x MINI VOLLEY x x CORSO di conversazione inglese X X. PIANO- CHITARRA X X X X CALCETTO x x 21

22 Visite culturali e viaggi di istruzione - Con finalità culturali, didattiche e di socializzazione, vengono organizzate, nel contesto delle attività integrative programmate per l'anno scolastico, visite e gite culturali guidate dagli insegnanti di classe, accompagnati dai genitori rappresentanti di classe. Preparazione alla Confessione e alla Prima Comunione I bambini di quarta Primaria hanno la possibilità di ricevere la Prima Comunione nella Chiesa dell'istituto. La preparazione è coordinata dall'ispettore con una supervisione del parroco. Tale preparazione avviene su richiesta dei Genitori degli Alunni. PROGETTI 22

23 Teatro - Seguendo l'antica tradizione dell'istituto e usufruendo delle buone strutture in dotazione, il corso primario allestisce uno spettacolo durante l anno scolastico. Dal testo alle scenografìe tutto è ideato e realizzato dagli insegnanti del corso. Ad ogni spettacolo è prevista la partecipazione di tutti gli alunni. Questa esperienza favorisce il superamento della timidezza, l'acquisizione di autostima, l'abitudine all'autodisciplina, il miglioramento delle capacità linguistiche ed espressive e lo sviluppo della creatività. Il tempo previsto per la rappresentazione teatrale è durante il mese di marzo. In determinati periodi, l attività teatrale potrà essere sostituita con manifestazione di equivalente spessore Educazione alla solidarietà - Per educare gli alunni al rispetto dell'altro, alla generosità, alla disponibilità verso le persone meno fortunate, durante il corso dell'anno scolastico vengono prese diverse iniziative con la partecipazione attiva di alunni, insegnanti e famiglie: - raccolta quotidiana di piccole offerte - doni periodici - lotteria e/o tombolata di beneficenza - visite a ospedali e a centri assistenza - adozione a distanza - partecipazione alla Comunità caritativa s. Vincenzo che opera attraverso il nostro Istituto. 23

24 MANIFESTAZIONI PARTICOLARI Festa di accoglienza per i bambini di prima elementare - Messa, in occasione dell'inaugurazione dell'anno scolastico, nella chiesa di San Carlo al Corso, un momento particolare è dedicato agli alunni di Prima Primaria che vengono accompagnati all'altare dai loro compagni del liceo, come segno di accoglienza e benedizione per il cammino che si apprestano ad intraprendere nella scuola. Tutti gli alunni di prima primaria riceveranno una medaglia-ricordo per il Primo Giorno di scuola. Omaggio floreale alla statua dell'immacolata in Piazza di Spagna - L' 8 dicembre la scuola, secondo una consolidata secolare tradizione, porta, un omaggio floreale alla Madonna di Piazza di Spagna, recandosi in processione, dopo la messa delle ore 11, alla colonna dell'immacolata. Celebrazioni particolari - Celebrazioni particolari, a carattere religioso, culturale e ludico hanno luogo in occasione di particolari ricorrenze del calendario annuale, come nel periodo del Natale, delle Ceneri, della Pasqua e della conclusione dell'anno scolastico. Tombolata di Natale - A scopo di beneficenza. Prima di Natale, Insegnanti, Rappresentanti di classe e Ispettore, collaborano insieme alla riuscita della tombolata che precede le vacanze natalizie con lo scopo di aiutare chi ne ha bisogno. Lotteria di benefìcienza - II corso elementare organizza, durante l'anno, una lotteria di beneficenza di norma il 19 marzo, festa del patrono della scuola, con ricchi premi. L'incasso viene poi devoluto ad istituti o centri bisognosi, scelti di volta in volta. Giornata di atletica - Dedicata alle sole classi del secondo ciclo, è mirata ad affinare il senso di impegno e di lealtà, di rispetto e riconoscimento dell'altro, in un contesto competitivo Saggio di educazione motoria - A complemento delle attività motorie viene programmato, al termine dell'anno, un incontro di giochi e gare sportive a cui partecipano tutte le classi elementari. Educazione alla solidarietà - Oltre alle raccolte di beneficenza, che culminano nella grande lotteria di S. Giuseppe, i ragazzi di quinta elementare (a livello volontaristico) hanno incontri di gioco e di festa con bambini meno fortunati, sotto la guida degli insegnanti e di alcuni genitori. Calcetto - Gli alunni delle terze, quarte, quinte possono iscriversi al corso di calcetto dell istruttore Rossi Alessandro. Il corso si terrà nell ambito del plesso scolastico e terminerà con un torneo tra tutti i partecipanti. 24

25 Il genitore/affidatario e il dirigente scolastico PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Art. 3 D. P. R. 21 novembre 2007, n. 235) - Visto il D.M. n: 5843/A3 del 16 ottobre Visto il D.P.R. n. 249 del 24 giugno 1998 e D.P.R. n. 235 del 21 novembre Visto il D.M. n. 16 del 5 febbraio Visto il D.M. n. 30 del 15 maggio Preso atto che: - La formazione e l educazione sono processi complessi e continui che richiedono la cooperazione, oltre che dello alunno/studente, della scuola, della famiglia e dell intera comunità scolastica. - La scuola non è soltanto il luogo in cui si realizza l apprendimento, ma una comunità organizzata dotata di risorse umane, materiali e immateriali, tempi, organismi ecc..., che necessitano di interventi complessi di gestione, ottimizzazione, conservazione, partecipazione e rispetto dei regolamenti. Le parti sottoscrivono il seguente patto educativo di corresponsabilità 1 - IL RAPPORTO SCUOLA-ALUNNO-FAMIGLIA Il rapporto scuola-alunno-famiglia costituisce il fondamento su cui sostiene l impegno formativo e l ecologia entro la quale si realizza la transazione educativa. Alla promozione ed allo sviluppo di questo rapporto genitori, studenti ed operatori dedicano impegno particolare i cui tratti essenziali sono richiamati nei punti che seguono. 2 - REGIME DI RECIPROCITA NEI DIRITTI E DOVERI Le carte fondamentali d istituto (Carta dei servizi, Regolamento d istituto, Piano dell Offerta Formativa, Programmazioni, ecc.) contengono una o più sezioni nelle quali sono esplicitati i diritti e doveri dei genitori/affidatari, diritti e doveri degli alunni e diritti e doveri degli operatori scolastici. Le carte fondamentali d istituto sono adeguatamente pubblicizzate e a disposizione di chiunque ne abbia interesse. 3 - IMPEGNI DI CORRESPONSABILITA Il genitore, sottoscrivendo l istanza d iscrizione, assume impegno: a) ad osservare le disposizioni contenute nel presente patto di corresponsabilità e nelle carte qui richiamate; b) a sollecitarne l osservanza da parte dell alunno/studente. Il dirigente scolastico, in quanto legale rappresentante dell istituzione scolastica e responsabile gestionale, assume impegno affinché i diritti degli studenti e dei genitori richiamati nel presente patto siano pienamente garantiti. 4 - DISCIPLINA Il genitore/affidatario, nel sottoscrivere il presente patto è consapevole che: a) le infrazioni disciplinari da parte dell alunno/studente possono dar luogo a sanzioni disciplinari; b) nell eventualità di danneggiamenti o lesioni a persone la sanzione è ispirata al principio della riparazione del danno (art. 4, comma 5 del DPR 249/1998, come modificato dal DPR 235/2007); c) il Regolamento d istituto disciplina le modalità d irrogazione delle sanzioni disciplinari e d impugnazione. 5 - PROCEDURA OBBLIGATORIA DI COMPOSIZIONE, AVVISI E RECLAMI In caso di parziale o totale inosservanza dei diritti-doveri previsti o implicati nel presente patto si attua la procedura di composizione obbligatoria; la procedura di composizione obbligatoria comprende: a) segnalazione di inadempienza, tramite avviso, se prodotta dalla scuola, reclamo se prodotta dallo studente o dal genitore/affidatario; tanto gli avvisi che i reclami possono essere prodotti in forma orale che scritta; b) accertamento; una volta prodotto l avviso, ovvero il reclamo, ove la fattispecie segnalata non risulti di immediata evidenza, il ricevente è obbligato a esperire ogni necessario accertamento o verifica circa le circostanze segnalate; c) ripristino; sulla base degli accertamenti di cui alla precedente lettera b, il ricevente, in caso di riscontro positivo, è obbligato ad intraprendere ogni opportuna iniziativa volta ad eliminare o ridurre la situazione di inadempienza e le eventuali conseguenze; d) informazione; il ricevente è obbligato ad informare l emittente tanto sugli esiti degli accertamenti che sulle eventuali misure di ripristino adottate. Il genitore/tutore Il Dirigente scolastico Data di consegna: 25

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli