SCUOLA PRIMARIA PARITARIA "S. GIUSEPPE DE MERODE"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA PRIMARIA PARITARIA "S. GIUSEPPE DE MERODE""

Transcript

1 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA "S. GIUSEPPE DE MERODE" D.M. 28/06/2002 Via San Sebastianello, 1 Tel Fax ROMA PIANO OFFERTA FORMATIVA ( ) 1

2 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Il presente documento contiene il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) che il Collegio San Giuseppe di Roma si propone di realizzare nell anno scolastico 2011/2012. Con questo strumento l istituto dei Frére Lasalliani intende esplicitare le proprie scelte nell azione educativa e didattica, formulandole sulla base del messaggio cristiano, del contesto socio-culturale locale in cui opera e dei modelli culturali e formativi presenti in Italia e nel mondo. Il San Giuseppe desidera inserirsi attivamente nelle dinamiche evolutive della società odierna, che richiede la formazione di persone in grado di imparare ad imparare. Il nostro Istituto sa di dover aiutare gli studenti a fare sintesi delle loro esperienze formative, che avvengono anche al di fuori della scuola, e a riflettervi in chiave critica. Compito della scuola, infatti, è facilitare i giovani nella loro formazione, rendendoli rispettosi delle regole della società in cui sono inseriti già oggi come soggetti attivi e in cui agiscono nella ricerca di un ruolo personale, familiare, ecclesiale e civile. In sintesi, quindi, il POF esplica una duplice funzione: FORMATIVA con la quale la scuola rende note le scelte culturali, le strategie organizzative e metodologiche di cui si avvale per promuovere la crescita armonica dell alunno, affinché lo stesso sia in grado di interagire in modo responsabile con la realtà che lo circonda. STRUMENTALE di riferimento per tutti gli operatori della scuola (risorse interne), per le famiglie e gli enti territoriali (risorse esterne) che si impegnano, attraverso una progettualità condivisa, al conseguimento degli obiettivi educativi e didattici. 2

3 FINALITA E OBIETTIVI La scuola Primaria S. Giuseppe De Merode opera secondo la tradizione lasalliana, propria dei Fratelli delle Scuole Cristiane, e su quanto sancito dalla Costituzione Italiana agli articoli che riguardano i rapporti tra Stato, Scuola, Lavoro e Cultura. Possiamo pertanto individuare come funzione prioritaria della Scuola Primaria la crescita e la valorizzazione della persona, nel rispetto dei ritmi dell età evolutiva, delle differenze e dell identità di ciascuno L educazione dei giovani nella scuola si fonda, quindi, su alcuni principi generali che qualificano il tradizionale progetto educativo della Congregazione e impegnano l intera comunità scolastica degli educatori religiosi e laici, degli allievi e delle famiglie. Tali principi - riconoscono i diritti fondamentali della persona e della famiglia all educazione; - tengono conto dell accresciuta incidenza della scuola nella formazione della persona e della società; 3

4 ANALISI DEL BACINO D UTENZA E RELATIVI BISOGNI La scuola italiana vive e opera oggi in una società caratterizzata da un ampio pluralismo culturale. Tale contesto di libertà e apertura, di per sé positive, rischia talora di far smarrire una visione significativa appunto culturale - dell uomo, della sua natura, del suo fine e dei suoi valori. L'indagine conoscitiva che regolarmente viene condotta dai docenti sugli alunni e sulle famiglie che scelgono la Scuola S. Giuseppe, evidenzia come l'utenza provenga in minima parte dalla zona circostante la scuola e per la maggior parte dalla zona nord di Roma e appartenga prevalentemente ad un ceto medio-alto. Queste famiglie chiedono alla scuola garanzie formative relative ad una vera scuola, cioè luogo di formazione integrale della persona umana mediante l assimilazione sistematica e critica della cultura nelle sue diverse forme ed espressioni; scuola cattolica, in quanto persegue tale fine facendo riferimento esplicito alla concezione cristiana della realtà. Il San Giuseppe desidera essere una scuola attenta, che stimoli alla ricerca, alla conoscenza, all esperienza, alla valutazione, alle scelte di impegno e di servizio, in una visione cristiana della vita. I Frére, che dirigono questo Collegio, vantando una lunga tradizione pedagogica, che ha reso la loro missione tra le più significative in riferimento all educazione della gioventù, desiderano proporre, attraverso questo documento, il loro progetto formativo che genitori, docenti e non docenti si impegnano a condividere con quello spirito di famiglia voluto da San Giovanni Battista De La Salle Tale progetto educativo è contraddistinto dai seguenti tratti: gradualità: La formazione è un processo, talvolta lento e faticoso, scandito da tempi diversi per ogni persona; severità e dolcezza: ogni cammino di maturazione necessita di essere accompagnato da rispetto ed autorevolezza, così da creare, tra severità e dolcezza, quell armonia che può rendere più efficace l azione educativa; tradizione e modernità: l azione formativa dei Lasalliani affonda le radici nel passato di un storia secolare e si proietta verso il futuro con un anima contemporanea. Essa si esprime nella costante consegna di valori ed esperienze che sono la chiave di lettura del presente. 4

5 FINALITA EDUCATIVE L educazione Lasalliana non si impone: essa si deposita lentamente e profondamente nell anima; si infiltra e scivola in noi senza scosse, senza pretese e senza paura. La si assorbe come un alimento che è appetitoso e fortificante. Essa rispetta la libertà e si adatta al temperamento di ciascuno. Non sogna di avere ragione contro la natura, ma lavora pazientemente per rendere la natura ragionevole. La nostra scuola pone al centro dell azione educativa lo studente, non come individuo astratto, ma come persona che vive qui ed ora, che solleva precise domande esistenziali per raggiungere orizzonti di significato. Il Collegio San Giuseppe propone un continuum formativo che, proseguendo l attività di educazione-formazione avviata nella scuola primaria, si completa nella secondaria di I grado e nei licei classico e scientifico con una più intensa azione di sviluppo e promozione dei valori e delle regole strutturanti l esperienza di vita individuale e sociale. L asse educativo-valoriale costituisce il perno dell attività formativa che, in raccordo con l impostazione didattica della scuola secondaria di I grado, promuove le competenze disciplinari e interdisciplinari richieste al termine della frequenza della scuola dell obbligo, oggi includente il biennio della scuola superiore. Si propone pertanto di conseguire i seguenti obiettivi: a- promozione umana e formazione integrale e armonica degli allievi Con iniziative appropriate e correlate alle diverse fasi evolutive, gli allievi saranno aiutati: ad affrontare adeguatamente i loro problemi di natura psicologica, affettiva ed etica; a formarsi alla socialità attraverso un progressivo sviluppo dell amicizia e solidarietà, della collaborazione e corresponsabilità, della graduale assunzione di responsabilità all interno della comunità scolastica e del riconoscimento e rispetto dei valori fondanti della convivenza democratica, conformemente ai principi stabiliti dalla Costituzione italiana; a ricercare ideali e valori in cui credere e per i quali impegnarsi. b - preparazione culturale Ritenendo la cultura non solo trasmissione di contenuti ma anche elaborazione di essi, in risposta agli interrogativi sempre nuovi della realtà, il San Giuseppe : promuove una crescita culturale attenta ai nuovi bisogni formativi, disponibile a innovare, cooperare, confrontarsi con le varie realtà socio-economiche, cambiare e riorientarsi nell apprendimento e nella professione, assimilare i nuovi linguaggi, conoscere le nuove forme di comunicazione e i loro mezzi, apprendere lingue comunitarie e sperimentare approcci diversi nei vari ambiti disciplinari; 5

6 intende privilegiare, quali strumenti di cultura, l impegno sistematico nello studio e nell approfondimento, la serietà nella ricerca individuale o di gruppo, il rigore scientifico, l aggiornamento costante, la disponibilità al confronto e al dialogo, la verifica e l applicazione delle nuove metodologie didattiche; si prefigge inoltre di aiutare gli allievi a pensare, a giudicare e agire in modo autonomo dai vari condizionamenti, a rispettare il pluralismo delle idee e delle scelte, escludendo atteggiamenti intolleranti e preconcetti; cura in modo particolarmente attento lo studio della religione cattolica quale mezzo per formare la coscienza di buoni cittadini e buoni cristiani. c - educazione alla fede Come scuola cattolica il San Giuseppe considera suo compito irrinunciabile l evangelizzazione; non chiede la professione della fede cattolica, ma si impegna a favorirne l accoglienza attraverso la testimonianza di chi vi opera. In particolare intende: animare i valori autentici della cultura, nel rispetto della loro oggettività, mediante il messaggio di Cristo offerto ai giovani come norma ideale di vita, al fine di far maturare in essi una capacità di interpretazione cristiana delle vicende umane; maturare la scelta della fede attraverso l ascolto della Parola di Dio fino al conseguimento graduale della sua pienezza nella vita sacramentale responsabilmente vissuta; dare vita a un ambiente comunitario scolastico permeato dello spirito evangelico sviluppando nei giovani la coscienza e l esercizio responsabile della libertà, sensibilizzandoli perché nella vita sociale siano operatori di maggiore giustizia e di più ampia fraternità umana, relativizzando il valore dei beni terreni, presentati a servizio della persona. In questa prospettiva tutte le componenti la comunità scolastica (personale docente, personale educativo e ausiliario, genitori) sono chiamate ad accogliere, ciascuno secondo la propria sensibilità, il carisma di San Giovanni Battista De La Salle e a costruire relazioni di fiducia che riconoscano i reciproci ruoli e si supportino vicendevolmente nelle comuni finalità educative. Per esprimere in modo formale l adesione a questo progetto, anche in ottemperanza al D.P.R. n. 235 del 21 novembre 2007, docenti, genitori e allievi sottoscrivono il Patto Educativo di Corresponsabilità* che li impegna a condividere i nuclei fondanti dell azione educativa. 6

7 PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA Aule: situate nel piano nobile, ariose, luminose. Grandezza e altezza a norma come a norma sono tutti gli annessi e connessi. Ciascuna aula è munita di tv, lettore cassette e dvd. Biblioteca - Mette a disposizione degli alunni libri e testi di consultazione per attuare i programmi di promozione alla lettura e di approfondimento degli argomenti studiati. La biblioteca dell'istituto è dotata di oltre volumi. Laboratorio d'informatica - Dotato di numerosi Personal Computer di ultima generazione è situato in un'ampia e luminosa aula. Eventualmente è a disposizione una sala multimediale, opportunamente attrezzata. La scuola possiede un aula adibita a laboratorio artistico, una sala multimediale con computer, video-proiettore, maxischermo, adatta per teleconferenze. Palestre - 4 palestre, di cui una molto grande, con posti per gli spettatori, spogliatoi, doccia e bagni anche per il pubblico, sono predisposte con tutte le attrezzature necessarie per tutte le attività sportive che la scuola offre. Cappella - La cappella dell'istituto, ampia e preziosa nella sua architettura e affreschi e nei suoi arredi, accoglie i fedeli per il raccoglimento e le celebrazioni liturgiche. Teatro - II teatro è dotato di circa 400 posti, di impianto fonico, di impianto luci, camerini e servizi igienici... e quant'altro necessario alle rappresentazioni (anche di compagnie teatrali esterne), alle conferenze e a manifestazioni di vario genere. Cineteca di corso - Ogni classe può usufruire di un'accogliente sala di audiovisivi per visionare filmati inerenti alla didattica e per organizzare Cineforum. Ogni classe inoltre, è dotata di impianto tv e lettore di cassette e dvd. 7

8 Campi da gioco all'aperto - All'aperto, i due grandi cortili della scuola offrono lo spazio necessario per la ricreazione, per alcune attività sportive come l'educazione motoria, il basket, la pallavolo, le gare e alcune manifestazioni. Mensa - L'Istituto dà la possibilità a tutti gli alunni di usufruire di un servizio mensa (self-service) in un'ampia sala, luminosa ed accogliente, con l'assistenza di Insegnanti del Corso stesso. La cucina ha personale dipendente direttamente dalla Scuola, tutti i cibi sono preparati dal personale della Scuola senza ricorso a nessuna forma di catering, Bar - Aperto tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore Servizi igienici - Numerosi sono i servizi collocati accanto ai cortili, alle palestre, alle aule, continuamente controllati e tenuti puliti dal personale di servizio. SCELTE DIDATTICHE DEL DOCENTE 8

9 Ogni insegnante: - Elabora una programmazione didattica annuale per garantire la formazione dell'alunno; - Presenta il piano di lavoro ai genitori della classe e/o delle classi interessate chiarendo loro la propria offerta formativa, il proprio intervento didattico, i procedimenti metodologici, gli strumenti di verifica e i criteri di valutazione. I genitori potranno esprimere pareri,formulare proposte e collaborare alle varie attività. - Cura la ripresa dei ritmi scolastici nei primi giorni dell'anno scolastico; - Guida la propria classe alla conoscenza generale dell'istituto (spazi, servizi, accessi...); - Informa gli alunni sugli orari, sulle regole di comportamento, sulle attività che si svolgono nella scuola, sulle scadenze dell'anno scolastico; - Crea occasione per favorire la conoscenza tra gli alunni, con gli insegnanti e le famiglie. VERIFICHE E VALUTAZIONI DEL DOCENTE Ogni insegnante, mediante prove di verifica attitudinali collettive e individuali accerta: * Il livello di scolarizzazione; * La conoscenza e il grado di accettazione delle regole; * Il possesso degli strumenti cognitivi di base; * La capacità di saper percepire ragionare, comunicare; * La capacità grafica di esecuzione * * Esprime, secondo le richieste dello Stato, la certificazione delle competenze da essi acquisite in decimi, corredata da un giudizio analitico sul livello globale di maturazione raggiunto dall alunno : Compila una scheda informativa bimestrale e una scheda di valutazione quadrimestrale in collaborazione con tutti gli insegnanti di classe. * Annota la valutazione sul proprio registro riportando i progressi, le difficoltà, la maturazione generale, valuta i risultati ed eventualmente adegua l'azione educativa alle necessità. * Attiva laboratori in collaborazione con gli Insegnanti di classe e con insegnanti di altre classi; ne stabilisce metodi, obiettivi, durata... * Cura il personale aggiornamento per quanto riguarda la conoscenza delle teorie psico -- pedagogiche, delle strategie didattiche, delle moderne tecnologie educative, confrontandosi anche con gli altri docenti e operatori scolastici. 9

10 SCELTE METODOLOGICHE DEL DOCENTE L'insegnante ricorrerà a tutti gli strumenti e i sussidi didattici necessari. - testi, fotocopie, schede operative, cartelloni; - interventi individualizzati durante il normale svolgimento delle lezioni con spiegazioni dettagliate o esercitazioni specifiche; - videoteca, biblioteca, bacheca di classe; - materiale strutturato; - laboratorio teatrale, palestre attrezzate - laboratorio informatico e musicale. Utilizzerà le metodologie più idonee ad ogni situazione: - lettura, verbalizzazione, elaborazione e produzione personale; - ricerche personali e di gruppo; - disegni e grafici; - recitazione, canto; - manualità e creatività; - giochi individuali e di gruppo; - attività motoria. Utilizzerà gli strumenti e le tecniche proprie dei diversi ambiti di insegnamento: - tabelle, schemi, grafici, parametri; - lettura di documenti - lettura di carte geografiche - indagini e ricerche... Per abituare progressivamente gli alunni all'uso di procedimenti specifici: osservare, misurare, classificare: - impostare relazioni spazio-temporali; - elaborare e interpretare dati. 10

11 Si avvarrà di esperienze extra-scolastiche come: - visite culturali; - gite scolastiche; - rappresentazioni teatrali ed altro. VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione degli alunni è: Promozionale: esplora il potenziale di apprendimento di ogni alunno e ne sostiene attivamente lo sviluppo Formativa: presta attenzione alla formazione della personalità dell'alunno Orientativa: favorisce nell'alunno la capacità di conoscere se stesso e di operare scelte consapevoli La valutazione tiene conto della progressione dell'alunno in merito a: Alfabetizzazione culturale - acquisizione di abilità operative, logico-matematiche e modalità di indagine - padronanza di conoscenze e linguaggi autonomia personale - maturazione dell'identità - autostima - responsabilità e autocontrollo partecipazione alla convivenza democratica - relazioni sociali - capacità di scelta motivazione e impegno 11

12 VALUTAZIONE DIDATTICA E DI SISTEMA - La valutazione didattica concorre a modificare e a rendere efficace il percorso didattico rispetto alle diverse esigenze degli alunni. Tale valutazione : - consente la regolazione continua dei processi di insegnamento/apprendimento - favorisce percorsi didattici adeguati alle peculiari capacità ed esigenze educative degli alunni - presta attenzione alla qualità dei processi attivati e al progresso nella formazione della personalità di ogni alunno. Tale valutazione ha luogo nei consigli di classe corrispondenti alle valutazioni bimestrali e quadrimestrali degli alunni. - La valutazione del sistema è mirata al miglioramento della qualità della scuola, mediante l'analisi del dichiarato, del percepito e dell'agito. Attori sono principalmente gli insegnanti e i genitori, appositamente convocati in riunioni ad hoc: riunione del collegio dei docenti con il comitato dei genitori (costituito quest'ultimo da tutti i rappresentanti dei genitori degli alunni) e riunione assembleare dei docenti e genitori per comunicazione, commenti e integrazioni. Tali riunioni hanno luogo nel penultimo mese prima della fine dell'attività didattica e all'inizio dell'anno scolastico, come presupposto della definizione della programmazione. VALUTAZIONE E COMUNICAZIONE SCUOLA-FAMIGLIA Oltre alle comunicazioni correnti attraverso il libretto dell'alunno, le famiglie vengono informate bimestralmente dei risultati delle operazioni di valutazioni dei consigli di classe. Tali risultati vengono commentati ai Genitori dagli Insegnanti negli incontri settimanali. I risultati di valutazione del quadrimestre vengono letti e commentati personalmente dagli insegnanti ai Genitori in due incontri, in cui tutti i docenti sono contemporaneamente presenti a Scuola. 12

13 POTENZIAMENTO, SOSTEGNO, RECUPERO Per potenziare, sostenere, recuperare gli alunni, la scuola offre: - interventi individualizzati durante il normale svolgimento delle lezioni con spiegazioni dettagliate o esercitazioni specifiche; - consulenza psico-pedagogica per alunni e genitori; - colloqui individuali, un'ora a settimana, durante la mattinata con i genitori; - riunione con gli insegnanti e i genitori degli alunni per analizzare la situazione generale della classe e concordare interventi specifici; - incontri nei primi giorni di scuola, con i genitori degli alunni iscritti per la prima volta per presentare le attività scolastiche; - corsi pomeridiani di conversazione in lingua inglese con insegnante di madrelingua; - corso di informatica per le classi 1 A, 2 A,3 A, 4 A e5 A ; - Laboratorio di recitazione con uno spettacolo teatrale che sarà presentato ai genitori di norma verso la fine del mese di marzo o in aprile; - gare sportive e saggio conclusivo di attività motoria; - preparazione alla Prima Confessione e alla Prima Comunione; - celebrazioni religiose. 13

14 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL CORSO PRIMARIO DIRIGENTE SCOLASTICO: prof. Fratel PIO ROCCA II Corso Primario è così strutturato: due sezioni dalla prima alla quinta classe. Ogni classe è affidata ad un insegnante tutor che attiva il programma in ogni ambito disciplinare,coadiuvato da un insegnante di madrelingua inglese, da un insegnante abilitato all'attività motoria, da un insegnante di musica e da un insegnante di informatica che svolgono le loro lezioni in classe o negli appositi laboratori. N Docenti Competenze Colloquio. settimanale 1 Bartolini Augusto Ispettore, responsabile didattico del Corso Disponibile dopo le 9,00 compatibilmente con le sue attività 2 Agozzino Nicoletta Seconda Primaria B Martedì 10,45-11,35 3 Camossi Domenica Prima Primaria A Giovedì 9,05-9,55 4 Caruso Maria Terza Primaria A Lunedì 10,45 11,30 5 Cimmino Antonella seconda Primaria A Giovedì 9,05-9,55 6 Bagli Silvia Quarta Primaria B Giovedì 10,45 11,35 7 Cordeschi Paola Quarta Primaria A Venerdì 9,30 10,20 8 Del Monaco Elisabetta Quinta Primaria B Martedì 8,15 9,05 9 Fallani Letizia Prima Primaria B Venerdì 12,30-13,15 10 Ricotta Felicia Quinta Primaria A Martedì 10,45 11,35 11 De Caneva Cristina Terza Primaria B Martedì 9,05 9,55 12 O Regan Angela Inglese madre lingua classi venerdi 9,55 10, Angelillo Maria Inglese madre lingua classi Mercoledì 9,55 10, Giovannangelo Aleardo M. Tutte le classi ed. motoria Lunedì 9,55 10,25 15 Beccarini Raffaella Tutte le classi informatica Martedì 9,55 10,35 16 Cioffi Luigi Tutte le classi musica mercoledì 9,00 9,30 17 Franco Giovanna Doposcuola terze primarie per appuntamento 18 Alessandra Felli Doposcuola Quinte prim. per appuntamento 19 Di Rienzo Simona Doposcuola seconde prim. per appuntamento 20 Olga Maletta Doposcuola quarte primarie per appuntamento 21 Vittoria Gasbarri Doposcuola prime primarie per appuntamento 22 Umbro Antonella Piano scuola primaria matt. Responsabile piano 23 Gioacchini Marilena Piano scuola primaria pom. Responsabile piano 14

15 ORARIO SCOLASTICO II corso Primario svolge il seguente orario: entrata ore 08,15 - uscita ore 13,10, dal lunedì al venerdì compreso con un rientro il mercoledì fino alle 16,40. Intervallo di 20 minuti, tra le prime due unità didattiche e le ultime tre. La durata delle trenta unità didattiche varia da 60 minuti a 50 minuti. Il Collegio dei Docenti ha optato per l'orario di trenta ore anche per gli alunni del primo ciclo, portando a quattro le ore di lingua straniera e inserendo un'ora di informatica anche alla Prima Primaria. ORARIO PARTICOLAREGGIATO Prima unità didattica Seconda unità didattica Terza unità didattica e Intervallo (10,20-10,40 ) Quarta unità didattica Quinta unità didattica sesta unità didattica Recupero del mercoledì: 13,10-13,50 pranzo e intervallo 13,50 14,00 sistemazione 14,00-14,50 settima unità didattica 14,50-15,40 ottava unità didattica 15, nona unità didattica Orario Pomeridiano facoltativo Pranzo e ricreazione (lunedì-giovedì) (martedì- vener dì) Doposcuola e attività sportive (basket, ** volley, minivolley, judo, danza, calcio) (inglese ( Cambridge), musica, chitarra) minibasket, e culturali pianoforte, 15

16 REGOLAMENTO SCOLASTICO PREMESSA Il Collegio San Giuseppe-Istituto De Merode, fondato e diretto dai F:F: delle Scuole Cristiane dal 1850 è un istituzione educativa che si propone la formazione integrale, umana e cristiana dello studente. Con l iscrizione all Istituto, i Genitori e gli Studenti confermano la consonanza del loro orientamento educativo con quello proposto dalla Comunità Educante dell istituto e si impegnano a rispettarne le regole stabilite e a partecipare alla sua opera educativa. L insegnamento della Religione Cattolica è parte integrante del progetto educativo dell Istituto. NORME SPECIFICHE 1) La frequenza scolastica quotidiana è il primo grave obbligo a cui gli studenti si impegnano all atto dell iscrizione. 2) Le assenze dalle lezioni e i ritardi devono essere giustificati dai genitori personalmente o per iscritto mediante l apposito libretto delle giustificazioni. La Direzione sollecita le famiglie a cooperare affinché siano evitate assenze inutili e sia rispettata la puntualità. 3) Le assenze per causa di malattia di durata superiore ai 5gg devono essere accompagnate da un certificato medico nel quale si attesti che l alunno è guarito e può riprendere le lezioni.. 4) Al rientro a scuola, l alunno giustificherà l assenza servendosi del libretto scolastico debitamente firmato da un genitore. 16

17 5) L inizio delle lezioni è previsto alle ore 8,15, a quell ora gli alunni saliranno in classe sotto la sorveglianza stretta degli insegnanti. 6) L entrata in ritardo, ( dopo le 8,30 ) sarà segnalata dall insegnante al responsabile il quale provvederà ad autorizzare l entrata in classe. 7) Dopo 4 ritardi, il responsabile inviterà un genitore ad accompagnare l alunno a scuola. 8) Gli alunni vengono a scuola muniti di libri di testo e del materiale occorrente, portano sempre con sé il diario e il libretto scolastico che conserveranno con la massima cura e che esibiranno ad ogni richiesta del docente. 9) E fatto assoluto divieto di portare a scuola radio, stereo, registratori, telefonini o altro materiale non specificatamente attinente alle necessità didattiche. 10) Il voto di condotta è in relazione, oltre al comportamento, alla diligenza dello studente nei doveri scolastici. La Direzione si riserva il diritto di allontanare a suo giudizio e in qualsiasi periodo dell anno scolastico, l alunno la cui condotta o gli atteggiamenti fossero in contrasto con i principi di ordine morale e disciplinare professati nell istituto. 11) I genitori sono informati del comportamento e del profitto scolastico dei figli mediante la pagella informativa bimestrale, le schede di valutazione quadrimestrali e gli incontri periodici degli Insegnanti. 12) Tutti gli alunni della Scuola Primaria indossano ogni giorno la divisa della scuola: Alunni: Giacca blu con stemma della scuola Camicetta bianca o celeste Cravatta della scuola Pantaloni grigi antracite 17

18 Alunne: Giacca blu con stemma della scuola Camicetta bianca e papillon Gonna blu o pantaloni grigi antracite 13) Il decoro e l ordine della propria persona esprimono consapevolezza e condivisione della richiesta educativa proposta dalla scuola. 14) La pulizia e l ordine generale dell Istituto sono affidati anche alla buona educazione e al senso di reciproco rispetto tra gli alunni. Saranno loro addebitati i danni di cui si siano resi responsabili. 15) La direzione non assume responsabilità per quanto gli alunni possano smarrire nel Istituto. 16) In adesione alle tradizioni dell Istituto e in ottemperanza alle norme scolastiche, gli alunni e i genitori si asterranno dal fare donativi agli Insegnanti. 17) In ottemperanza alle normative vigenti e per evidenti ragioni di ordine educativo, non è consentito, a giovani e adulti, di fumare all interno della scuola, cortile compreso. 18

19 VIGILANZA DEGLI ALUNNI La vigilanza degli alunni nell'ambito dell'orario scolastico è affidata agli Insegnanti della mattina e del doposcuola coadiuvati da alcuni religiosi dell'istituto. CALENDARIO SCOLASTICO Un calendario annuale di massima di tutte le principali attività e riunioni viene stabilito prima che inizi l'anno scolastico e puntualizzato mensilmente su supporto cartaceo. Il Collegio Docenti ha confermato la divisione dell anno scolastico in due quadrimestri. Il calendario compare anche sul sito web dell' Istituto: ATTIVITA COMPLEMENTARI E INTEGRATIVE Studio assistito pomeridiano - Per gli alunni del corso elementare l'istituto effettua nei giorni di lunedì, martedì, giovedì e venerdì, dalle ore alle ore un corso di studio assistito e coordinato da insegnanti competenti. I bambini vengono guidati nell'esecuzione dei compiti e aiutati 19

20 nella conquista di una autonomia pratica nello studio. Vittoria Gasbarri e ins. di classe Franco Giovanna Di Rienzo Simona e ins di classe Olga Maletta Alessandra Felli Assistono gli alunni di prima Assiste gli alunni di terza Assiste gli alunni di seconda Assiste gli alunni di quarta Assiste gli alunni di quinta ISTRUTTORI DELLE ATTIVITA SPORTIVE Rinaudo Fiorella Ernesto Micheli Luigi Satolli Mirco Gaffi Scherma Stefano Fenili Sara Matteo Claudia Pucci Ilaria Petrozzi Cheerleader Coordinatrice dello sport basket calcetto Accademia d armi Musmeci-Greco Judo Volley Danza moderna e Caraibica Elena Gregori 20

21 Attività sportive - L'Istituto offre la possibilità di usufruire di diversi corsi sportivi, da ottobre a maggio, coordinati dall'insegnante Fiorella Rinaudo: minibasket, mini-volley, danza classica e moderna, ginnastica artistica, judo e difesa personale, calcetto. Sono previsti giochi, tornei interni e la partecipazione alle attività in coordinazione con le altre Scuole della Rete Lasalliana di Roma e dell'intero Paese, a tornei e trofei organizzati dalle federazioni sportive italiane. L'obiettivo di tali attività consiste in un'armonica crescita del bambino sia dal punto di vista sociale, culturale che psico-motorio. Corsi di lingua inglese - Per l'esercizio e l'approfondimento linguistico vengono effettuati dei corsi di lingua inglese per quattro ore settimanali coordinati da insegnanti di madre lingua. I corsi sono suddivisi per gruppi di diverso livello e hanno come obiettivo l'acquisizione della lingua straniera attraverso giochi, conversazioni e attività pratiche. ATTIVITÀ' POMERIDIANE LUN MAR MER GIO VEN MINI BASKET X X DANZA CLASSICA E MODERNA x x JUDO E DIFESA PERSONALE X x MINI VOLLEY x x CORSO di conversazione inglese X X. PIANO- CHITARRA X X X X CALCETTO x x 21

22 Visite culturali e viaggi di istruzione - Con finalità culturali, didattiche e di socializzazione, vengono organizzate, nel contesto delle attività integrative programmate per l'anno scolastico, visite e gite culturali guidate dagli insegnanti di classe, accompagnati dai genitori rappresentanti di classe. Preparazione alla Confessione e alla Prima Comunione I bambini di quarta Primaria hanno la possibilità di ricevere la Prima Comunione nella Chiesa dell'istituto. La preparazione è coordinata dall'ispettore con una supervisione del parroco. Tale preparazione avviene su richiesta dei Genitori degli Alunni. PROGETTI 22

23 Teatro - Seguendo l'antica tradizione dell'istituto e usufruendo delle buone strutture in dotazione, il corso primario allestisce uno spettacolo durante l anno scolastico. Dal testo alle scenografìe tutto è ideato e realizzato dagli insegnanti del corso. Ad ogni spettacolo è prevista la partecipazione di tutti gli alunni. Questa esperienza favorisce il superamento della timidezza, l'acquisizione di autostima, l'abitudine all'autodisciplina, il miglioramento delle capacità linguistiche ed espressive e lo sviluppo della creatività. Il tempo previsto per la rappresentazione teatrale è durante il mese di marzo. In determinati periodi, l attività teatrale potrà essere sostituita con manifestazione di equivalente spessore Educazione alla solidarietà - Per educare gli alunni al rispetto dell'altro, alla generosità, alla disponibilità verso le persone meno fortunate, durante il corso dell'anno scolastico vengono prese diverse iniziative con la partecipazione attiva di alunni, insegnanti e famiglie: - raccolta quotidiana di piccole offerte - doni periodici - lotteria e/o tombolata di beneficenza - visite a ospedali e a centri assistenza - adozione a distanza - partecipazione alla Comunità caritativa s. Vincenzo che opera attraverso il nostro Istituto. 23

24 MANIFESTAZIONI PARTICOLARI Festa di accoglienza per i bambini di prima elementare - Messa, in occasione dell'inaugurazione dell'anno scolastico, nella chiesa di San Carlo al Corso, un momento particolare è dedicato agli alunni di Prima Primaria che vengono accompagnati all'altare dai loro compagni del liceo, come segno di accoglienza e benedizione per il cammino che si apprestano ad intraprendere nella scuola. Tutti gli alunni di prima primaria riceveranno una medaglia-ricordo per il Primo Giorno di scuola. Omaggio floreale alla statua dell'immacolata in Piazza di Spagna - L' 8 dicembre la scuola, secondo una consolidata secolare tradizione, porta, un omaggio floreale alla Madonna di Piazza di Spagna, recandosi in processione, dopo la messa delle ore 11, alla colonna dell'immacolata. Celebrazioni particolari - Celebrazioni particolari, a carattere religioso, culturale e ludico hanno luogo in occasione di particolari ricorrenze del calendario annuale, come nel periodo del Natale, delle Ceneri, della Pasqua e della conclusione dell'anno scolastico. Tombolata di Natale - A scopo di beneficenza. Prima di Natale, Insegnanti, Rappresentanti di classe e Ispettore, collaborano insieme alla riuscita della tombolata che precede le vacanze natalizie con lo scopo di aiutare chi ne ha bisogno. Lotteria di benefìcienza - II corso elementare organizza, durante l'anno, una lotteria di beneficenza di norma il 19 marzo, festa del patrono della scuola, con ricchi premi. L'incasso viene poi devoluto ad istituti o centri bisognosi, scelti di volta in volta. Giornata di atletica - Dedicata alle sole classi del secondo ciclo, è mirata ad affinare il senso di impegno e di lealtà, di rispetto e riconoscimento dell'altro, in un contesto competitivo Saggio di educazione motoria - A complemento delle attività motorie viene programmato, al termine dell'anno, un incontro di giochi e gare sportive a cui partecipano tutte le classi elementari. Educazione alla solidarietà - Oltre alle raccolte di beneficenza, che culminano nella grande lotteria di S. Giuseppe, i ragazzi di quinta elementare (a livello volontaristico) hanno incontri di gioco e di festa con bambini meno fortunati, sotto la guida degli insegnanti e di alcuni genitori. Calcetto - Gli alunni delle terze, quarte, quinte possono iscriversi al corso di calcetto dell istruttore Rossi Alessandro. Il corso si terrà nell ambito del plesso scolastico e terminerà con un torneo tra tutti i partecipanti. 24

25 Il genitore/affidatario e il dirigente scolastico PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Art. 3 D. P. R. 21 novembre 2007, n. 235) - Visto il D.M. n: 5843/A3 del 16 ottobre Visto il D.P.R. n. 249 del 24 giugno 1998 e D.P.R. n. 235 del 21 novembre Visto il D.M. n. 16 del 5 febbraio Visto il D.M. n. 30 del 15 maggio Preso atto che: - La formazione e l educazione sono processi complessi e continui che richiedono la cooperazione, oltre che dello alunno/studente, della scuola, della famiglia e dell intera comunità scolastica. - La scuola non è soltanto il luogo in cui si realizza l apprendimento, ma una comunità organizzata dotata di risorse umane, materiali e immateriali, tempi, organismi ecc..., che necessitano di interventi complessi di gestione, ottimizzazione, conservazione, partecipazione e rispetto dei regolamenti. Le parti sottoscrivono il seguente patto educativo di corresponsabilità 1 - IL RAPPORTO SCUOLA-ALUNNO-FAMIGLIA Il rapporto scuola-alunno-famiglia costituisce il fondamento su cui sostiene l impegno formativo e l ecologia entro la quale si realizza la transazione educativa. Alla promozione ed allo sviluppo di questo rapporto genitori, studenti ed operatori dedicano impegno particolare i cui tratti essenziali sono richiamati nei punti che seguono. 2 - REGIME DI RECIPROCITA NEI DIRITTI E DOVERI Le carte fondamentali d istituto (Carta dei servizi, Regolamento d istituto, Piano dell Offerta Formativa, Programmazioni, ecc.) contengono una o più sezioni nelle quali sono esplicitati i diritti e doveri dei genitori/affidatari, diritti e doveri degli alunni e diritti e doveri degli operatori scolastici. Le carte fondamentali d istituto sono adeguatamente pubblicizzate e a disposizione di chiunque ne abbia interesse. 3 - IMPEGNI DI CORRESPONSABILITA Il genitore, sottoscrivendo l istanza d iscrizione, assume impegno: a) ad osservare le disposizioni contenute nel presente patto di corresponsabilità e nelle carte qui richiamate; b) a sollecitarne l osservanza da parte dell alunno/studente. Il dirigente scolastico, in quanto legale rappresentante dell istituzione scolastica e responsabile gestionale, assume impegno affinché i diritti degli studenti e dei genitori richiamati nel presente patto siano pienamente garantiti. 4 - DISCIPLINA Il genitore/affidatario, nel sottoscrivere il presente patto è consapevole che: a) le infrazioni disciplinari da parte dell alunno/studente possono dar luogo a sanzioni disciplinari; b) nell eventualità di danneggiamenti o lesioni a persone la sanzione è ispirata al principio della riparazione del danno (art. 4, comma 5 del DPR 249/1998, come modificato dal DPR 235/2007); c) il Regolamento d istituto disciplina le modalità d irrogazione delle sanzioni disciplinari e d impugnazione. 5 - PROCEDURA OBBLIGATORIA DI COMPOSIZIONE, AVVISI E RECLAMI In caso di parziale o totale inosservanza dei diritti-doveri previsti o implicati nel presente patto si attua la procedura di composizione obbligatoria; la procedura di composizione obbligatoria comprende: a) segnalazione di inadempienza, tramite avviso, se prodotta dalla scuola, reclamo se prodotta dallo studente o dal genitore/affidatario; tanto gli avvisi che i reclami possono essere prodotti in forma orale che scritta; b) accertamento; una volta prodotto l avviso, ovvero il reclamo, ove la fattispecie segnalata non risulti di immediata evidenza, il ricevente è obbligato a esperire ogni necessario accertamento o verifica circa le circostanze segnalate; c) ripristino; sulla base degli accertamenti di cui alla precedente lettera b, il ricevente, in caso di riscontro positivo, è obbligato ad intraprendere ogni opportuna iniziativa volta ad eliminare o ridurre la situazione di inadempienza e le eventuali conseguenze; d) informazione; il ricevente è obbligato ad informare l emittente tanto sugli esiti degli accertamenti che sulle eventuali misure di ripristino adottate. Il genitore/tutore Il Dirigente scolastico Data di consegna: 25

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia MILANO La Scuola di tutti... la Scuola per ciascuno Scuola dell Infanzia SCUOLA COME SECONDA CASA Scuola Primaria DAL FARE AL SAPER FARE INSIEME Scuola Secondaria di Primo Grado SCUOLA PONTE VERSO NUOVE

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia MILANO La Scuola di tutti... la Scuola per ciascuno Scuola dell Infanzia SCUOLA COME SECONDA CASA Scuola Primaria DAL FARE AL SAPER FARE INSIEME Scuola Secondaria di Primo Grado SCUOLA PONTE VERSO NUOVE

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA

PIANO OFFERTA FORMATIVA PIANO OFFERTA FORMATIVA La scuola Falcone Borsellino appartiene all Istituto comprensivo Arbe Zara SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FALCONE BORSELLINO scuola PRIMARIA S.T.Fabbri di viale Zara 96 ISTITUTO

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE EDUCATIVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA La scuola Primaria si propone di introdurre i bambini nel mondo della conoscenza, maturando in ciascuno la capacità di esprimere le proprie esperienze attraverso la lettura, la scrittura,

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale p.za S. M. Ausiliatrice, 60 Roma INTEGRAZIONE P.O.F. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Premessa Il presente documento è una integrazione al POF valido per il triennio 2013-2015. Di seguito sono presentati i dati

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ. Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado. Premessa

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ. Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado. Premessa PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado Premessa La scuola e la famiglia condividono un modello educativo basato sul rispetto della Costituzione,

Dettagli

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA E d u c a r e Insegnando Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2012-13 (estratto) L istituzione scolastica è espressione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole primarie gennaio 2010 Istituto Comprensivo di Sedegliano Presentazione Questo opuscolo contiene alcune informazioni utili

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Scuola Media Statale C. Scianna Bagheria Classi 1ª - 2ª - 3ª

Scuola Media Statale C. Scianna Bagheria Classi 1ª - 2ª - 3ª Scuola Media Statale C. Scianna Bagheria Classi 1ª - 2ª - 3ª PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE Coordinatore Dipartimento: Prof. DI GIACINTO Giuseppa Prof. PECORARO Rosalia Anno scolastico

Dettagli

Progetti attivati a livello d Istituto

Progetti attivati a livello d Istituto I PROGETTI e LE ATTIVITA Progetti attivati a livello d Istituto Progetto per l integrazione della formazione religiosa L insegnamento della religione si avvale di un itinerario formativo, didattico e spirituale,

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE PER L A. S. 2014/2015 ALLA CLASSE Al Dirigente Scolastico

DOMANDA DI ISCRIZIONE PER L A. S. 2014/2015 ALLA CLASSE Al Dirigente Scolastico POLO PROFESSIONALE PROVINCIALE ALA PONZONE CIMINO - FORTUNATO MARAZZI Via Gerolamo da Cremona, 23 26100 Cremona Tel. 0372/35179 Fax 0372/457603 C.F. 80003480193 www.poloapcmarazzi.gov.it email CRRI05000E@istruzione.it

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L associazione sportiva dilettantistica BIMBI ALLA RISCOSSA promuove la divulgazione dello sport in genere, attività didattiche, ludiche e

Dettagli

Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC)

Scuola Secondaria di primo grado Dante Arfelli Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Scuola Secondaria di primo grado "Dante Arfelli" Via Sozzi 6-47042 Cesenatico (FC) Tel. 0547 80309 Fax 0547 672888 e-mail: fomm08900a@istruzione.it www.smcesenatico.net PIANO dell'offerta FORMATIVA S I

Dettagli

S uo u l o a l M e M di d a M T A E T R E IA I I I I R ligi g on o e n catt t o t l o ica Ita t liano

S uo u l o a l M e M di d a M T A E T R E IA I I I I R ligi g on o e n catt t o t l o ica Ita t liano SALESIANI DON BOSCO LA STORIA Una tradizione più che centenaria I SALESIANI OGGI A FIRENZE La Scuola Media Il Liceo Scientifico Residenza universitaria ParrocchiaOratorio Casa per ferie Sala Esse STILE

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre Pag. 1 di 5 Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all emergenza educativa, diventa urgente la necessità che tutti gli educatori si confrontino ed elaborino serie proposte educative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini www.icsaldomorobuccinasco.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO VIA A. MORO BUCCINASCO SCUOLA PRIMARIA ROBBIOLO via A.Moro SCUOLA PRIMARIA ROBARELLO via degli Alpini Anno Scolastico 2015-2016 Iscrizioni 2016-2017

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali.

Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali. LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, LINGUSTICO G.CASIRAGHI sede Via Gorki 106 - Cinisello Balsamo Tel. 02/6173001-6173828 - Fax 02/61290579 Sito Internet: www.liceocasiraghi.net e-mail: licasira@tiscali.it mezzi

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano).

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano). SCUOLA PRIMARIA L Istituto Villa Flaminia è una istituzione educativo - scolastica cattolica, fondata e diretta dai Fratelli delle Scuole Cristiane. Sorta nel 1956, come sede distaccata del Collegio S.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA "S. GIUSEPPE DE MERODE"

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA S. GIUSEPPE DE MERODE 1 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA "S. GIUSEPPE DE MERODE" D.M. 28/06/2002 Via San Sebastianello, 1 00187 ROMA Tel. 06.69922505 Fax 06.6780317 direzione@sangiuseppedemerode.it PIANO OFFERTA FORMATIVA (2014-15)

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011

PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011 Scuola dell Infanzia Paritaria Cuore Immacolato di Maria Via Martiri d Otranto, 27 Lecce SEZIONE PRIMAVERA PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011 1 La cura dell istruzione è AMORE (Sapienza

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

Offerta Formativa anno scolastico 2015/2016 - Classi Prime

Offerta Formativa anno scolastico 2015/2016 - Classi Prime SCUOLA PAOLO VI SECONDARIA DI PRIMO GRADO Paritaria D.M.28.2.2001 Via Diaz, 40 20017 RHO (MI) Tel 02/9302371 Fax 02/9301118 Sito Internet: www.smpaolovi.org e-mail: segreteria@smpaolovi.org Offerta Formativa

Dettagli

GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016

GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016 GIORNO DOPO GIORNO. PER IMPARARE, CONOSCERE E CRESCERE INSIEME. A.S. 2015/2016 8.15: ingresso a scuola 8.20: inizio lezioni 10.20 / 10.40 : ricreazione 12.20/14.20: pranzo e pausa con giochi in classe

Dettagli

SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici: 74 14 14barrato 18 Treno: stazione Lingotto (fronte istituto)

SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici: 74 14 14barrato 18 Treno: stazione Lingotto (fronte istituto) Liceo Scientifico Statale Niccolò Copernico C.so Caio Plinio 2 10127 Torino Tel: 011616197-011618622 fax: 0113172352 Sito:www.copernico.to.it E-Mail: lsscopernico@virgilio.it SINTESI DEL P.O.F. Mezzi pubblici:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO Sintesi del Piano dell offerta formativa Scuola Secondaria di Primo Grado ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDI ED INDIRIZZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it ISCRIZIONI a.s. 2015/16 Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it UGUAGLIANZA INCLUSIONE-ACCOGLIENZA BISOGNI EDUCATIVI STAR BENE CON SE E GLI ALTRI Il nostro istituto unisce infanzia, primaria

Dettagli

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale p.za S. M. Ausiliatrice, 60 Roma INTEGRAZIONE P.O.F. ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Premessa Il presente documento è una integrazione al POF valido per il triennio 2013-2015. Di seguito sono presentati i dati

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA. Scuola primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VITTORIO LOCCHI

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA. Scuola primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VITTORIO LOCCHI PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA Scuola primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VITTORIO LOCCHI L istituto comprensivo V. Locchi ha predisposto il seguente Patto educativo, per la Scuola Primaria, finalizzato

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015 ATTIVITA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1) CALENDARIO SCOLASTICO Definito per le parti di propria competenza, dal Ministro dell Istruzione, dalla

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ALANNO (PE) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado, Istituto Tecnico Agrario Statale, Istituto

Dettagli

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Questo documento definisce tutte le azioni con cui attuare l inserimento scolastico degli alunni stranieri, sia di quelli che si iscrivono prima dell

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PIETRA LIGURE PIETRA LIGURE BORGIO VEREZZI VAL MAREMOLA UFFICI VIA OBERDAN 84 17027 - PIETRA LIGURE SV Tel 019/628109 - fax 019/6295160 PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

San Gabriele. Istituto SCUOLA PARITARIA CATTOLICA. iscrizioni 2015-16

San Gabriele. Istituto SCUOLA PARITARIA CATTOLICA. iscrizioni 2015-16 Istituto San Gabriele SCUOLA PARITARIA CATTOLICA L offerta formativa 2015-16 Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Liceo Classico Liceo delle Scienze Umane ec.soc. Liceo Scientifico

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA 1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto comprensivo don Rinaldo Beretta" Scuola secondaria di primo grado Salvo D Acquisto 20030 PAINA DI GIUSSANO - VIA A. MANZONI, 50 TEL.

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com 0187610831 E-Mail: parentucelli@hotmail.com http://www.parentucelli.com Gli ambienti Laboratori multimediali Informatico Linguistico Nuove Tecnologie Gli ambienti I Laboratori di Scienze Chimica Biologia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISCRIZIONI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OFFERTA FORMATIVA Ogni alunno ha diritto ad un intervento educativo e didattico che rispetti la sua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 I nostri spazi 5 sezioni 2 bagni con servizi igienici

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE

SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE 2015/2016 2015/2016 2015/2016 CALENDARIO SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE VIA DALMAZIA ROMA SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. 0332400737 e-mail scuolavo@libero.it C è qualcosa di più

Dettagli