Istituto Superiore di Sanità Centro Operativo AIDS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Superiore di Sanità Centro Operativo AIDS"

Transcript

1 Istituto Superiore di Sanità Centro Operativo AIDS Aggiornamento delle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di AIDS in Italia al 31 dicembre 2014 Notiziario dell Istituto Superiore di Sanità, volume 28 - numero 9 Supplemento

2 Numero di casi Figura 1. Numero di nuove diagnosi di infezione da HIV e correzione per ritardo di notifica ( ) numero nuove diagnosi dati corretti per ritardo di notifica Anno di diagnosi

3 Figura 2. Incidenza delle nuove diagnosi di infezione da HIV, per genere, anno di diagnosi e copertura del sistema di sorveglianza ( ) M F Totale

4 Incidenza per residenti Figura 3. Incidenza delle nuove diagnosi di infezione da HIV per residenti in Italia, Portogallo, Spagna, Regno Unito, Francia, Grecia e Germania Anno di diagnosi Italia Portogallo Spagna Regno Unito Francia Grecia Germania Fonte: European Centre for Disease Prevention and Control/WHO Regional Office for Europe. HIV/AIDS surveillance in Europe Stockholm: European Centre for Disease Prevention and Control; 2015.

5 4,2 5,5 6,7 6,1 8,1 3,6 5,3 8,0 4,6 Figura 4. Incidenza delle nuove diagnosi di infezione da HIV (per residenti) per regione di residenza (2014) 7,7 6,1 5,6 9,7 5,2 4,2 3,9 3,4 2,3 3,6 1,8 4,7

6 Età (anni) Figura 5. Età mediana delle nuove diagnosi di infezione da HIV, per modalità di trasmissione e anno di diagnosi ( ) IDU eterosessuali M eterosessuali F MSM Anno di diagnosi

7 Numero di casi Incidenza per residenti Figura 6. Numero ed incidenza delle nuove diagnosi di infezione da HIV, per classe di età (2014) numero di casi incidenza >=70 Classe di età

8 Numero di casi Figura 7. Numero delle nuove diagnosi di infezione da HIV, per modalità di trasmissione e anno di diagnosi ( ) MSM eterosessuali M eterosessuali F Non indicato IDU altro trasmissione verticale Anno di diagnosi

9 percentuale Figura 8. Distribuzione dei CD4 nelle nuove diagnosi di infezione da HIV, per anno di diagnosi ( ) 200 CD4 350 CD Anno di diagnosi

10 Figura 9. Distribuzione percentuale delle nuove diagnosi di infezione da HIV, per nazionalità genere e anno di diagnosi ( ) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% italiani M italiani F stranieri M stranieri F

11 Figura 10. Distribuzione delle nuove diagnosi di infezione da HIV, per modalità di trasmissione, anno di diagnosi e nazionalità ( ) italiani stranieri 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% MSM eterosessuali M eterosessuali F Non indicato IDU altro trasmissione verticale 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% MSM eterosessuali M eterosessuali F Non indicato IDU altro trasmissione verticale

12 Figura 11. Incidenza delle nuove diagnosi di infezione da HIV per residenti, per nazionalità e regione di residenza (2014) Italiani Stranieri Incidenza per ,1-10,0 10,1-20,0 20,1-25,0 > 25 Incidenza: 4,7 per italiani residenti Incidenza: 19,2 per stranieri residenti

13 Figura 12. Motivo di esecuzione del test delle nuove diagnosi di infezione da HIV (2014) sintomi HIV 26,4% comportamento a rischio non specificato 21,6% accertamenti per altra patologia 10,1% controlli routine (Sert, Comunità, carcere) 6,5% in seguito a diagnosi di una infezione sessualmente trasmessa in occasione di controlli specialistici legati alla riproduzione (gravidanza/parto/ivg/pma) in seguito alla scoperta della sieropositività del partner durante un ricovero ospedaliero in occasione di una donazione di sangue 2,8% 2,7% 2,1% 1,5% 1,4% Numero di casi

14 Numero di casi Incidenza per Figura 13. Numero dei casi di AIDS e incidenza per anno di diagnosi, corretti per ritardo di notifica( ) Casi corretti Casi notificati incidenza Anno di diagnosi 0

15 0,4 0,0 1,2 2,1 1,9 0,0 1,0 1,6 1,8 1,9 0,7 Figura 14. Incidenza di AIDS (per residenti) per regione di residenza (2014) 1,4 2,1 1,7 0,3 0,7 1,0 0,7 0,7 0,3 0,7

16 Età Figura 15. Età mediana alla diagnosi di AIDS, per genere e anno di diagnosi ( ) Maschio Femmina Anno di diagnosi

17 % Figura 16. Distribuzione delle patologie indicative di AIDS per tipologia( ) Tumori Inf.Batteriche Inf.Parassitarie Inf.Virali Inf.Fungine Altro Anno di diagnosi

18 Figura 17. Uso di terapie antiretrovirali pre-aids ( ) 100% Si No Non indicato 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Anno di diagnosi

19 Figura 18. Uso di terapie antiretrovirali pre-aids, per modalità di trasmissione ( ) Si No Non noto IDU 59.9% 35.6% 4.6% Eterosessuale 17.8% 78.8% 3.4% MSM 18.5% 79.6% 1.9% Trasmissione verticale 55.6% 44.4% 0.0% Altro/Non indicato 14.7% 78.8% 6.5% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

20 Eterosessuale IDU MSM Figura 19. Distribuzione delle tre più frequenti patologie indicative di AIDS, per modalità di trasmissione( ) Cytomegalovirus compresa retinite Sarcoma di Kaposi Polmonite Pneumocystis carinii Wasting Syndrome Candidosi (polmonare e esofagea) Polmonite Pneumocystis carinii) Cytomegalovirus compresa retinite Candidosi (polmonare e esofagea) Polmonite Pneumocystis carinii numero di diagnosi

21 Figura 20. Incidenza delle nuove diagnosi di infezione da HIV e incidenza dei casi di AIDS in IDU (per IDU) * Incidenza HIV Incidenza AIDS

22 percentuale Figura 21. Proporzione delle nuove diagnosi di infezione da HIV in MSM, per fasce di età >=70

23 No. Figura 22. HIV continuum of care in 12 Centri Clinici in Italia ,9% 92,6% 85,4% Diagnosticati In cura In ART VL soppressa

Istituto Superiore di Sanità Centro Operativo AIDS

Istituto Superiore di Sanità Centro Operativo AIDS Istituto Superiore di Sanità Centro Operativo AIDS Aggiornamento delle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di AIDS in Italia al 31 dicembre 2014 Notiziario dell Istituto Superiore di Sanità,

Dettagli

Figura 1. Numero di nuove diagnosi di infezione da HIV e correzione per ritardo di notifica ( )

Figura 1. Numero di nuove diagnosi di infezione da HIV e correzione per ritardo di notifica ( ) Figura 1. Numero di nuove diagnosi di infezione da HIV e correzione per ritardo di notifica (2010-2015) 4500 4000 numero nuove diagnosi dati corretti per ritardo di notifica 3500 Numero di casi 3000 2500

Dettagli

Giornata mondiale contro l AIDS 1 dicembre Sorveglianza delle nuove diagnosi di infezioni da HIV Friuli Venezia Giulia

Giornata mondiale contro l AIDS 1 dicembre Sorveglianza delle nuove diagnosi di infezioni da HIV Friuli Venezia Giulia Giornata mondiale contro l AIDS 1 dicembre 2016 Sorveglianza delle nuove diagnosi di infezioni da HIV Friuli Venezia Giulia Sistema di Sorveglianza delle nuove diagnosi di infezioni da HIV Dal 2010 in

Dettagli

HIV/AIDS: l epidemiologia in Toscana

HIV/AIDS: l epidemiologia in Toscana HIV/AIDS: l epidemiologia in Toscana Fabio Voller, Monia Puglia, Monica Da Frè Osservatorio di Epidemiologia, Settore Epidemiologia dei Servizi Sociali Integrati Agenzia Regionale di Sanità della Toscana

Dettagli

Epidemiologia dell infezione da HIV

Epidemiologia dell infezione da HIV Epidemiologia dell infezione da HIV Laura Camoni Centro Operativo AIDS Istituto Superiore di Sanità Diagnosi di AIDS - decessi AIDS correlati Dal 1982 sono stati notificati 64.898 casi di AIDS e

Dettagli

5.3 Epidemiologia della Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) e dell infezione da HIV

5.3 Epidemiologia della Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) e dell infezione da HIV 5.3 Epidemiologia della Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) e dell infezione da HIV 5.3.1 Epidemiologia della Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) Nel 1982 in Italia è stata avviata

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regione Puglia AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV IN PUGLIA AL

Osservatorio Epidemiologico Regione Puglia AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV IN PUGLIA AL AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV IN PUGLIA AL 31/12/2016 Il Sistema di Sorveglianza delle nuove diagnosi/infezioni da HIV in Puglia è attivo dal 1 gennaio 2009 (D.M. del 31 marzo

Dettagli

HIV/AIDS SITUAZIONE NAZIONALE

HIV/AIDS SITUAZIONE NAZIONALE HIV/AIDS SITUAZIONE NAZIONALE NEL 2011 A LIVELLO NAZIONALE I dati riportati da questo sistema di sorveglianza indicano che nel 2011 sono state segnalate 3.461 nuove diagnosi di infezione da HIV, H di cui

Dettagli

HIV E AIDS IN TOSCANA Aggiornamento al 31 dicembre serie In cifre - N. 6

HIV E AIDS IN TOSCANA Aggiornamento al 31 dicembre serie In cifre - N. 6 HIV E AIDS IN TOSCANA Aggiornamento al 31 dicembre 2013 serie In cifre - N. 6 Agenzia regionale di sanità della Toscana Villa La Quiete alle Montalve via Pietro Dazzi, 1 50141 Firenze www.ars.toscana.it

Dettagli

Sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV

Sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV Istituto Superiore di Sanità Centro Operativo AIDS Giornata Mondiale contro l AIDS, 2010 Sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV Nel 2009, la popolazione residente nelle regioni che hanno

Dettagli

Sanità. dell Istituto Superiore. Superiore di AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV E DEI CASI DI AIDS IN ITALIA AL 31 DICEMBRE 2014

Sanità. dell Istituto Superiore. Superiore di AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV E DEI CASI DI AIDS IN ITALIA AL 31 DICEMBRE 2014 Volume - Numero 9 Supplemento - SUPPLEMENTO DEL ISSN 9-9 (cartaceo) ISSN 7-9 (online) dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento

Dettagli

Trend dell infezione da HIV in Regione Veneto e dati di spesa

Trend dell infezione da HIV in Regione Veneto e dati di spesa Trend dell infezione da HIV in Regione Veneto e dati di spesa Margherita Andretta Montecchio Precalcino 7 dicembre 2016 Registro HIV e AIDS Sistema di Sorveglianza delle infezioni da HIV ( SSR HIV ) Nel

Dettagli

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 SORVEGLIANZA DELL HIV IN TOSCANA: DATI EPIDEMIOLOGICI Monia Puglia Osservatorio di Epidemiologia, Agenzia Regionale

Dettagli

HIV/AIDS in Toscana aggiornamento al 31 dicembre 2010

HIV/AIDS in Toscana aggiornamento al 31 dicembre 2010 HIV e AIDS IN CIFRE A cura di Monia Puglia, Monica Da Frè e Fabio Voller Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di Epidemiologia ARS Toscana 1 HIV/AIDS in Toscana aggiornamento

Dettagli

Registro AIDS. Dati al 31 Dicembre 2015 STRUTTURE COMPETENTI REDAZIONE A CURA DI. Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria

Registro AIDS. Dati al 31 Dicembre 2015 STRUTTURE COMPETENTI REDAZIONE A CURA DI. Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria Registro AIDS Dati al 31 Dicembre 2015 STRUTTURE COMPETENTI Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria REDAZIONE A CURA DI Dott. Filippo Da Re Dott.ssa Francesca Russo 1 INDICE Casi di AIDS

Dettagli

1. ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA E DI SERVIZIO. 2.1. R e g is t r o AIDS

1. ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA E DI SERVIZIO. 2.1. R e g is t r o AIDS Camera dei Deputati 65 Senato della Repubblica 1. ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA E DI SERVIZIO 2.1. R e g is t r o AIDS In Italia, la raccolta sistematica dei dati sui casi di Sindrome da Immunodeficienza Acquisita

Dettagli

Registro AIDS. Dati al 31 dicembre Dott.ssa Francesca Russo

Registro AIDS. Dati al 31 dicembre Dott.ssa Francesca Russo Registro AIDS Dati al 31 dicembre 2014 REDAZIONE A CURA DI Dott. Filippo Da Re Dott.ssa Francesca Russo 1 SOMMARIO Casi di AIDS al 31 dicembre 2014 pag. 3 Distribuzione territoriale pag. 7 Confronto con

Dettagli

PREVALENZA INFEZIONE da HIV/AIDS

PREVALENZA INFEZIONE da HIV/AIDS SORVEGLIANZA INFEZIONE HIV _AIDS in Provincia di Bergamo anno 2014 Dr.ssa Livia Trezzi Dr.ssa Valentina Ciociola Ass.San. Giorgio Gennati Prevenzione Epidemiologia Malattie Infettive ( SPEMI ) Dipartimento

Dettagli

Sanità. Superiore di. dell Istituto Superiore AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV E DEI CASI DI AIDS IN ITALIA AL 31 DICEMBRE 2015

Sanità. Superiore di. dell Istituto Superiore AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV E DEI CASI DI AIDS IN ITALIA AL 31 DICEMBRE 2015 Volume 9 - Numero 9 Supplemento - SUPPLEMENTO DEL ISSN 9-9 (cartaceo) ISSN 7-9 (online) dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento

Dettagli

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA HIV E DELL AIDS A VITERBO E PROVINCIA

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA HIV E DELL AIDS A VITERBO E PROVINCIA SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA HIV E DELL AIDS A VITERBO E PROVINCIA --------------- A cura del Centro di Riferimento AIDS - Dir. dr. A.Caterini Ospedale di Belcolle Viterbo Bollettino n.

Dettagli

AIDS: SINTESI DEI RISULTATI DEL REGISTRO REGIONALE ( )

AIDS: SINTESI DEI RISULTATI DEL REGISTRO REGIONALE ( ) Aids: Sintesi dei risultati del registro regionale (1985-1999) AIDS: SINTESI DEI RISULTATI DEL REGISTRO REGIONALE (1985-1999) di Giuseppe Sechi, Maria Salotto INCIDENZA DELL AIDS La notifica dei casi di

Dettagli

Epidemiologia corrente dell'infezione da HIV in Italia e stato dell arte della presentazione tardiva

Epidemiologia corrente dell'infezione da HIV in Italia e stato dell arte della presentazione tardiva D.M. 31 marzo 28, G.U. n.175 del 28/7/28 Epidemiologia corrente dell'infezione da HIV in Italia e stato dell arte della presentazione tardiva Barbara Suligoi, MD Presidente SIMaST Direttore, Centro Operativo

Dettagli

2. Descrivere gli aspetti epidemiologici dell infezione da HIV, HBV, HCV e sifilide correlate all uso di sostanze in Italia.

2. Descrivere gli aspetti epidemiologici dell infezione da HIV, HBV, HCV e sifilide correlate all uso di sostanze in Italia. 289 Parte III Interventi sanitari e sociali Capitolo 1 Rete dei servizi e modelli di funzionamento i ii!cumenti - DOC. 289 Obiettivo Generale Individuare e condividere procedure per un efficace offerta

Dettagli

INFEZIONE DA HIV e AIDS

INFEZIONE DA HIV e AIDS Dipartimento di Prevenzione Medica Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive INFEZIONE DA HIV e AIDS (elaborazione dati dal programma informatizzato Regione Lombardia Mainf e portale

Dettagli

SORVEGLIANZA INFEZIONE HIV _AIDS in Provincia di Bergamo anno 2010

SORVEGLIANZA INFEZIONE HIV _AIDS in Provincia di Bergamo anno 2010 SORVEGLIANZA INFEZIONE HIV _AIDS in Provincia di Bergamo anno 2010 Livia Trezzi Servizio Prevenzione Epidemiologia Malattie Infettive Giuseppe Imbalzano Direttore Sanitario SPESA SANITARIA in prov. di

Dettagli

HIV/AIDS DIRITTI E RESPONSABILITÀ INTRODUZIONE

HIV/AIDS DIRITTI E RESPONSABILITÀ INTRODUZIONE HIV/AIDS DIRITTI E RESPONSABILITÀ INTRODUZIONE 1 Aids in Italia e in Europa 2 HIV/AIDS DIRITTI E RESPONSABILITÀ AIDS IN ITALIA E IN EUROPA Giovanni Rezza Centro Operativo Aids - Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

dell Istituto Superiore di Sanità

dell Istituto Superiore di Sanità SUPPLEMENTO Volume - Numero 9 Supplemento - ISSN 9-9 DEL dell Istituto Superiore di Sanità dell Istituto Superiore di Sanità AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV E DEI CASI DI AIDS IN

Dettagli

Camera dei Deputati ARRIVO 23 Febbraio 2016 Prot: 2016/ /TN

Camera dei Deputati ARRIVO 23 Febbraio 2016 Prot: 2016/ /TN 49 anni di età dalle seguenti regioni: Liguria, Veneto, Lazio, Abruzzo, Puglia. Tra questi, l 85,0% erano maschi di nazionalità italiana. L infezione da HIV in età pediatrica deriva quasi esclusivamente

Dettagli

di prossima pubblicazione

di prossima pubblicazione di prossima pubblicazione Volume 7 - Numero 9 Supplemento - SUPPLEMENTO DEL ISSN 9-9 (cartaceo) ISSN 7-9 (online) dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A.

Dettagli

HIV/AIDS IN PIEMONTE

HIV/AIDS IN PIEMONTE HIV/AIDS IN PIEMONTE aggiornamento 213 SEREMI ASL AL Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria HIV/AIDS IN PIEMONTE aggiornamento 213 Servizio

Dettagli

INDICE. Presentazione pag. 3. 2. L attività dell Istituto Superiore di Sanità (ISS) pag. 42

INDICE. Presentazione pag. 3. 2. L attività dell Istituto Superiore di Sanità (ISS) pag. 42 1 INDICE Presentazione pag. 3 1. L attività del Ministero della Salute pag. 14 1.1 Iniziative informativo-educative per la prevenzione e la lotta contro l HIV/AIDS pag. 14 1.2 Commissione Nazionale per

Dettagli

AIMAV ASSOCIAZIONE ITALIANA DI MEDICINA DELL ASSICURAZIONE VITA, MALATTIA E DANNI ALLA PERSONA

AIMAV ASSOCIAZIONE ITALIANA DI MEDICINA DELL ASSICURAZIONE VITA, MALATTIA E DANNI ALLA PERSONA AIMAV ASSOCIAZIONE ITALIANA DI MEDICINA DELL ASSICURAZIONE VITA, MALATTIA E DANNI ALLA PERSONA GIORNATA DI FORMAZIONE SULL ASSUNZIONE DEL RISCHIO E LA GESTIONE DEI SINISTRI 9 ottobre 2012 Sala Conferenze

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 2006-2011

Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 2006-2011 Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 26-211 Claudio Turchi Servizio Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica ASL Lanciano-Vasto-Chieti novembre 212 Riassunto La Regione

Dettagli

Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) in Italia

Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) in Italia ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Reparto AIDS e MST (COA) Viale Regina Elena 299-00161 Roma 06-49387209/11/13 Fax 06-49387210 e-mail coa@iss.it Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) in Italia Aggiornamento

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013

Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013 Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013 Alba Carola Finarelli, Erika Massimiliani Servizio Sanità Pubblica Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Sanità. dell Istituto Superiore. Superiore di. AGGIORNAMENTO delle nuove diagnosi. Nuove diagnosi di infezione da HIV. Sorveglianza dei casi di AIDS

Sanità. dell Istituto Superiore. Superiore di. AGGIORNAMENTO delle nuove diagnosi. Nuove diagnosi di infezione da HIV. Sorveglianza dei casi di AIDS Volume - Numero Supplemento - ISSN 9-9 SUPPLEMENTO DEL dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S,p,A, Spedizione in abbonamento postale - % - DCB Roma w w w,

Dettagli

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA al 31/12/2015

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA al 31/12/2015 Assessorato Politiche per la Salute LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA al 31/12/2015 Servizio Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Direzione Generale Cura della persona, salute e

Dettagli

EP/AL/78 BOLLETTINO HIV/AIDS. ANNO 2010 (ed.2011)

EP/AL/78 BOLLETTINO HIV/AIDS. ANNO 2010 (ed.2011) EP/AL/78 BOLLETTINO HIV/AIDS ANNO 2010 (ed.2011) BOLLETTINO HIV/AIDS Anno 2010 (edizione 2011) Servizio di riferimento regionale di Epidemiologia per la sorveglianza la prevenzione e il controllo delle

Dettagli

INFEZIONE DA HIV Epidemiologia

INFEZIONE DA HIV Epidemiologia INFEZIONE DA HIV Epidemiologia Dr.ssa Giuliana Zoboli S.C. di Malattie Infettive, ASMN Reggio Emilia Reggio Emilia, 19 Aprile 2013 HIV ed AIDS nel Mondo WHO TARGETS FOR 2015 HIV ed AIDS

Dettagli

L andamento e la diffusione dell infezione da HIV/AIDS nella popolazione dipendente da sostanze in Piemonte: bisogni, progetti, sviluppi, proposte

L andamento e la diffusione dell infezione da HIV/AIDS nella popolazione dipendente da sostanze in Piemonte: bisogni, progetti, sviluppi, proposte 4 maggio 2006, Torino - Vedette Piemonte Tavola rotonda L andamento e la diffusione dell infezione da HIV/AIDS nella popolazione dipendente da sostanze in Piemonte: bisogni, progetti, sviluppi, proposte

Dettagli

il rapporto sessuale è la via preminente di contagio sono guaribili (eccetto AIDS ed epatite C) se vengono riconosciute il più presto possibile

il rapporto sessuale è la via preminente di contagio sono guaribili (eccetto AIDS ed epatite C) se vengono riconosciute il più presto possibile LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE il rapporto sessuale è la via preminente di contagio sono guaribili (eccetto AIDS ed epatite C) se vengono riconosciute il più presto possibile alcune possono essere

Dettagli

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento sull epidemia al 31/12/2011 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN LOMBARDIA: ANNO 2014

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN LOMBARDIA: ANNO 2014 SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN LOMBARDIA: ANNO 2014 Giugno 2015 Il presente report aggiorna il quadro della malattie infettive soggette a notifica relativo all anno 2014 e fornisce alcuni approfondimenti

Dettagli

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA. - anno 2010 -

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA. - anno 2010 - SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - anno 2010 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2010- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2009 - L attività

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

ASPETTI EPIDEMIOLOGICI DELLA TUBERCOLOSI IN ITALIA E IN PUGLIA NEL DECENNIO 1999-2008.

ASPETTI EPIDEMIOLOGICI DELLA TUBERCOLOSI IN ITALIA E IN PUGLIA NEL DECENNIO 1999-2008. ASPETTI EPIDEMIOLOGICI DELLA TUBERCOLOSI IN ITALIA E IN PUGLIA Dr. Piero Vinciguerra * NEL DECENNIO 1999-2008. Riassunto. L incidenza della tubercolosi in Puglia alla fine del decennio 1999-2008, pur attestandosi

Dettagli

LA SINDROME DA IMMUNODEFICIENZA ACQUISITA (AIDS) IN LIGURIA

LA SINDROME DA IMMUNODEFICIENZA ACQUISITA (AIDS) IN LIGURIA Regione Liguria Assessorato alla Sanità Dipartimento Sanità Ufficio Assistenza Psichiatrica, AIDS e Tossicodipendenze Resp. Dott. S. Schiaffino Università degli Studi di Genova Dipartimento di Scienze

Dettagli

Confronto Questionario Anamnestico di Routine (QAR) e Questionario Anamnestico di Studio (QAS)

Confronto Questionario Anamnestico di Routine (QAR) e Questionario Anamnestico di Studio (QAS) Studio prospettico tra i donatori di sangue in Italia: comportamenti a rischio di infezione da HIV e qualità delle informazioni fornite dal donatore durante la fase di selezione Confronto Questionario

Dettagli

Dicembre 2008 A cura di: B. Suligoi, S. Boros, L. Camoni, D. Lepore.

Dicembre 2008 A cura di: B. Suligoi, S. Boros, L. Camoni, D. Lepore. AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV E DEI CASI DI AIDS IN ITALIA Indice delle tabelle e figure Reparto di Epidemiologia (COA) Viale Regina Elena 299-00161 Roma 06-4990 2584 Fax 06 4990

Dettagli

1.3.9 CASI DICHIARATI DI HIV (HUMAN IMMUNO-DEFICIENCY VIRUS)

1.3.9 CASI DICHIARATI DI HIV (HUMAN IMMUNO-DEFICIENCY VIRUS) Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del Medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.3.9 CASI DICHIARATI DI HIV (HUMAN IMMUNO-DEFICIENCY

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS AL 31/12/2005 IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS AL 31/12/2005 IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS AL 31/12/2005 IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali LO STATO DELL INFEZIONE

Dettagli

BOLLETTINO HIV AIDS PIEMONTE

BOLLETTINO HIV AIDS PIEMONTE BOLLETTINO HIV AIDS PIEMONTE anno 212 Andamento e caratteristiche della diffusione dell infezione da HIV e dell AIDS in Piemonte SEREMI ASL AL Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Direzione

Dettagli

Sanità. Superiore di. dell Istituto Superiore

Sanità. Superiore di. dell Istituto Superiore Volume - Numero Supplemento - ISSN 9-9 SUPPLEMENTO DEL dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale - % - DCB Roma AGGIORNAMENTO

Dettagli

Il counselling telefonico nella prevenzione dell'hiv e lo screening in anonimato: l' esperienza del Sud

Il counselling telefonico nella prevenzione dell'hiv e lo screening in anonimato: l' esperienza del Sud Centro Clinico Dipendenze Patologiche Direttore: dott. Clara Baldassarre Centro Giusy INFORMAIDS Referente Dott. Maria Lanzara Il counselling telefonico nella prevenzione dell'hiv e lo screening in anonimato:

Dettagli

NEOPLASIE E HIV IN EPOCA HAART

NEOPLASIE E HIV IN EPOCA HAART st Infectivology Today Paestum,3 Maggio 2004 NEOPLASIE E HIV IN EPOCA HAART Iommelli R., D Abbraccio M., Aprea L., Mele R., Spatarella M., Maddaloni A., Montesarchio V. A.O. D. Cotugno, Napoli Patologie

Dettagli

SCENARIO EPIDEMIOLOGICO IN TOSCANA HIV/AIDS/HBV/HCV/SIFILIDE

SCENARIO EPIDEMIOLOGICO IN TOSCANA HIV/AIDS/HBV/HCV/SIFILIDE SCENARIO EPIDEMIOLOGICO IN TOSCANA HIV/AIDS/HBV/HCV/SIFILIDE Caterina Silvestri Settore Sociale Osservatorio di epidemiologia Convegno Donazione differita: dalle esperienze alle prospettive di sistema

Dettagli

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento sull epidemia al 31/12/2010 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON NELL ASL DI BRESCIA - anno

MALATTIA DI PARKINSON NELL ASL DI BRESCIA - anno MALATTIA DI PARKINSON NELL ASL DI BRESCIA - anno 2011 - - Gennaio 2013 - U.O. Tecniche Epidemiologiche e gestionali per l'organizzazione sanitaria, Dipartimento PAC Malattia di Parkinson nell ASL di Brescia

Dettagli

dell Istituto Superiore di Sanità

dell Istituto Superiore di Sanità SUPPLEMENTO Volume - Numero Supplemento - ISSN 9-9 DEL dell Istituto Superiore di Sanità dell Istituto Superiore di Sanità AGGIORNAMENTO DELLE NUOVE DIAGNOSI DI INFEZIONE DA HIV AL DICEMBRE E DEI CASI

Dettagli

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento sull epidemia al 31/12/2013 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Dettagli

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento sull epidemia al 31/12/2012 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Dettagli

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 IL SISTEMA DI MONITORAGGIO HIV/AIDS IN TOSCANA E IL NUOVO APPLICATIVO WEB Fabio Voller Osservatorio di Epidemiologia,

Dettagli

italiana e di identificare l evoluzione di comportamenti a rischio di infezione da HIV nella popolazione migrante ed italiana.

italiana e di identificare l evoluzione di comportamenti a rischio di infezione da HIV nella popolazione migrante ed italiana. Camera dei Deputati 129 Senato della Repubblica italiana e di identificare l evoluzione di comportamenti a rischio di infezione da HIV nella popolazione migrante ed italiana. 3.2. P r o g r a m m i d i

Dettagli

UNIVERSITÀ CA FOSCARI VENEZIA. Corso di laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale, interculturalità

UNIVERSITÀ CA FOSCARI VENEZIA. Corso di laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale, interculturalità UNIVERSITÀ CA FOSCARI VENEZIA Corso di laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale, interculturalità Relazione finale IL PROGETTO COSA NE SAI? : UNA RICERCA/AZIONE SUL GRADO DI CONOSCENZA DELLE MALATTIE

Dettagli

I Dossier Cesda. AIDS: dossier 2013 GIORNATA MONDIALE LOTTA ALL' AIDS. 1 Dicembre 2013. a cura del Ce.S.D.A

I Dossier Cesda. AIDS: dossier 2013 GIORNATA MONDIALE LOTTA ALL' AIDS. 1 Dicembre 2013. a cura del Ce.S.D.A GIORNATA MONDIALE LOTTA ALL' AIDS 1 Dicembre 2013 I Dossier Cesda AIDS: dossier 2013 Copertina a cura di S.C. Comunicazione - R.F. a cura del Ce.S.D.A Centro studi, ricerca documentazione dipendenze e

Dettagli

Il ritardo di diagnosi di infezione da HIV/AIDS: dimensioni del fenomeno e caratteristiche della popolazione

Il ritardo di diagnosi di infezione da HIV/AIDS: dimensioni del fenomeno e caratteristiche della popolazione Il ritardo di diagnosi di infezione da HIV/AIDS: dimensioni del fenomeno e caratteristiche della popolazione L intervento di counselling nella comunicazione pre e post test HIV Torino, 5 luglio 2006 Classificazione

Dettagli

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento sull epidemia al 31/12/2014 Servizio Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Direzione Generale

Dettagli

Infezione da HIV e AIDS in Piemonte

Infezione da HIV e AIDS in Piemonte Infezione da HIV e AIDS in Piemonte anno 212 a cura di Chiara Pasqualini, Vittorio Demicheli si ringraziano i medici referenti del Sistema di Sorveglianza HIV/AIDS del Piemonte: O. Bargiacchi, S. Bonora,

Dettagli

dell Istituto Superiore di Sanità

dell Istituto Superiore di Sanità w w w, i s s, i t SUPPLEMENTO Volume - Numero Supplemento - ISSN - DEL dell Istituto Superiore di Sanità dell Istituto Superiore di Sanità AGGIORNAMENTO delle NuOvE diagnosi di INfEzIONE da hiv Al dicembre

Dettagli

TUBERCOLOSI Epidemiologia e controllo in Italia. Enrico Girardi Dipartimento di Epidemiologia INMI Spallanzani, Roma

TUBERCOLOSI Epidemiologia e controllo in Italia. Enrico Girardi Dipartimento di Epidemiologia INMI Spallanzani, Roma TUBERCOLOSI Epidemiologia e controllo in Italia Enrico Girardi Dipartimento di Epidemiologia INMI Spallanzani, Roma Epidemiologia della tubercolosi Andamento dell incidenza: tendenze globali e regionali

Dettagli

Epidemiologia dell HIV

Epidemiologia dell HIV Epidemiologia dell HIV Laura Camoni Reparto di Epidemiologia Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate Istituto Superiore di Sanità Diagnosi di AIDS e decessi AIDS-correlati

Dettagli

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA

LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute LO STATO DELL INFEZIONE DA HIV/AIDS IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento sull epidemia al 31/12/2009 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Dettagli

Quando il silenzio non paga

Quando il silenzio non paga Quando il silenzio non paga Isabella Soscia & Emilio Tanzi Milano 27 giugno 2008 Agenda Dati epidemiologici (cenni): aggiornamento dal Centro Operativo AIDS Il marketing sociale per la promozione della

Dettagli

UNA LOTTA LUNGA 30 ANNI

UNA LOTTA LUNGA 30 ANNI UNA LOTTA LUNGA 30 ANNI Per una Storia dell infezione da HIV a Ravenna 1 dicembre 2011 Cosetta Ricci, Vittorio Foschini Compare una nuova sindrome. Devastante, in persone giovani. Sembra sia infettiva.

Dettagli

Il trattamento a domicilio per le persone HIV a Roma

Il trattamento a domicilio per le persone HIV a Roma MISERICORDIA A DOMICILIO Roma, 17 maggio 2016 Il trattamento a domicilio per le persone HIV a Roma Specificità e criticità in una realtà in continua evoluzione Centro di Coordinamento Trattamenti a Domicilio

Dettagli

L infezione da HIV e le epatiti B e C nella popolazione tossicodipendente: i dati del Centro Operativo AIDS

L infezione da HIV e le epatiti B e C nella popolazione tossicodipendente: i dati del Centro Operativo AIDS L infezione da HIV e le epatiti B e C nella popolazione tossicodipendente: i dati del Centro Operativo AIDS Laura Camoni Centro Operativo AIDS - Reparto di Epidemiologia Dipartimento Malattie Infettive,

Dettagli

Osservatorio provinciale sull infezione da HIV

Osservatorio provinciale sull infezione da HIV COORDINAMENTO PROVINCIALE AIDS Osservatorio provinciale sull infezione da HIV Edizione 2006 Novembre 2006 COORDINAMENTO PROVINCIALE AIDS OSSERVATORIO PROVINCIALE SULL INFEZIONE DA HIV Edizione 2006 A cura

Dettagli

Analisi delle segnalazioni delle infezioni da HIV nei residenti della provincia di Chieti negli anni Riassunto

Analisi delle segnalazioni delle infezioni da HIV nei residenti della provincia di Chieti negli anni Riassunto Analisi delle segnalazioni delle infezioni da HIV nei residenti della provincia di Chieti negli anni 26-212 Riassunto La Regione Abruzzo con Determinazione Dirigenziale 2/38 del 22 giugno 211 ha attivato

Dettagli

il numero di decessi legati ad AIDS bambini nati da donne italiane e 7 casi da donne straniere essere sieropositivi

il numero di decessi legati ad AIDS bambini nati da donne italiane e 7 casi da donne straniere essere sieropositivi MAMMA+: Storia di un progetto di intervento multidisciplinare operante dal 2000 a tutela della salute delle donne HIV positive in gravidanza e dei loro figli. S.Virano, E.Silvestro, F.Matarozzo, medici

Dettagli

I Dossier Cesda AIDS 2012

I Dossier Cesda AIDS 2012 GIORNATA MONDIALE LOTTA ALL' AIDS 1 Dicembre 2012 I Dossier Cesda AIDS 2012 AIDS: 30 anni dopo Copertina a cura di S.C. Comunicazione - R.F. a cura del Ce.S.D.A Centro studi, ricerca documentazione dipendenze

Dettagli

I dati della regione toscana. I dati dell ARS. Francesco Cipriani, Caterina Silvestri, Cristina Stasi

I dati della regione toscana. I dati dell ARS. Francesco Cipriani, Caterina Silvestri, Cristina Stasi I dati della regione toscana I dati dell ARS Francesco Cipriani, Caterina Silvestri, Cristina Stasi Agenzia regionale di sanità della Toscana www.ars.toscana.it Prevalenza di anti HCV nella popolazione

Dettagli

BOLLETTINO HIV/AIDS. Anno 2009 (edizione 2010)

BOLLETTINO HIV/AIDS. Anno 2009 (edizione 2010) BOLLETTINO HIV/AIDS Anno 2009 (edizione 2010) Servizio di riferimento regionale di Epidemiologia per la sorveglianza la prevenzione e il controllo delle Malattie Infettive ASL AL - Alessandria a cura di

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Vaccinazioni: un opportunità per la vita

Vaccinazioni: un opportunità per la vita SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma SERVIZIO SANITARO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Vaccinazioni: un opportunità

Dettagli

Dati epidemiologici HIV

Dati epidemiologici HIV Dati epidemiologici HIV 2000-2009 Provincia di Reggio Emilia. Confronto con la realtà nazionale e regionale Dott. E. Barchi, Dott. G. Magnani, U.O. Malattie Infettive A.S.M.N. Reggio Emilia Evoluzione

Dettagli

Studi epidemiologici

Studi epidemiologici Studi epidemiologici Case report Descrizione di un singolo caso, relativamente al caso clinico, storia naturale, effetto di un trattamento Solitamente vengono descritti quadri insoliti. Esempio

Dettagli

Malattie infettive P. VILLARI

Malattie infettive P. VILLARI Malattie infettive La pubblicazione su Lancet del Global Burden of Desease Study 2010 rappresenta un momento di primaria importanza (1). La collaborazione di 486 scienziati di 302 Istituzioni in 50 differenti

Dettagli

Report Malattie infettive situazione al 28 febbraio 2009

Report Malattie infettive situazione al 28 febbraio 2009 Il 2009 si apre con una significativa novità nella sorveglianza delle malattie infettive: l attivazione di un portale nel quale tutte le segnalazioni di malattie infettive pervenute, indagate ed inserite

Dettagli

Scheda di notifica e follow-up dei casi di virus Zika in gravidanza

Scheda di notifica e follow-up dei casi di virus Zika in gravidanza 0020957-10/07/2017-DGPRE-DGPRE-P - Allegato Utente 4 (A04) Allegato 3 bis -1 Scheda di notifica e follow-up dei casi di virus Zika in gravidanza Regione ASL/Ospedale Primo invio Aggiornamento del gg mm

Dettagli

e si prese cura di lui

e si prese cura di lui e si prese cura di lui 2001 2012 Reparto Malattie Infettive Ospedale di Cremona, Caritas-Casa della Speranza, Gruppo Pro-Positivo Beta2, Drop in-unità di strada, Serd, Tenda di Cristo, CRCA Lombardia.

Dettagli

Giornata mondiale dell AIDS 2013

Giornata mondiale dell AIDS 2013 Giornata mondiale dell AIDS 2013 Dal 1984 a dicembre 2011 sono stati diagnosticati nella Regione Veneto un totale di 3.634 casi di AIDS, di cui 3.239 (89,1%) residenti nel Veneto e 395 (10,9%) non residenti.

Dettagli

Distribuzione delle risposte dei tossicodipendenti alla domanda Hai mai scambiato siringhe? Scambio siringhe Maschi Femmine

Distribuzione delle risposte dei tossicodipendenti alla domanda Hai mai scambiato siringhe? Scambio siringhe Maschi Femmine Parte III Interventi sanitari e sociali Capitolo 2 Comorbilità e droga correlata 321 321 dati non disponibili con gli altri metodi di rilevazione ufficiale (dati SIND) e quindi presenti per la prima volta

Dettagli

Sandro Mattioli Arcigay Il Cassero Bologna PLUS Onlus - - BLQ Checkpoint: un argine ai late presenter? Un giorno in PLUS Bologna, 26 ottobre 2012

Sandro Mattioli Arcigay Il Cassero Bologna PLUS Onlus - - BLQ Checkpoint: un argine ai late presenter? Un giorno in PLUS Bologna, 26 ottobre 2012 Sandro Mattioli Arcigay Il Cassero Bologna PLUS Onlus - - BLQ Checkpoint: un argine ai late presenter? Un giorno in PLUS Bologna, 26 ottobre 2012 Nuove diagnosi di infezione da HIV in Italia: late presenters,

Dettagli

I CITTADINI STRANIERI UE e ExtraUE & il Quesito Referendario di Domenica 4 Aprile 2004

I CITTADINI STRANIERI UE e ExtraUE & il Quesito Referendario di Domenica 4 Aprile 2004 Statistiche Flash Comune di Schio Servizi Abitativi e per la Statistica Ufficio Statistica I CITTADINI STRANIERI UE e ExtraUE & il Quesito Referendario di Domenica 4 Aprile 2004 elaborazione finale 02/04/2004

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) E l unità territoriale preposta all erogazione dei servizi sanitari ai cittadini. Le A.S.L. presenti sul territorio del comune di Roma sono

Dettagli

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS)

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS) Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS) in collaborazione con le Associazioni della Consulta per la Lotta contro l AIDS (CNCA, LILA, Villa Maraini, I Ragazzi della Panchina, Dianova,

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO REGIONALE LEGIONELLA

CENTRO DI RIFERIMENTO REGIONALE LEGIONELLA CENTRO DI RIFERIMENTO REGIONALE LEGIONELLA RELAZIONE DELLE ATTIVITÀ ANNO 2016 1. Introduzione, informazioni sulla legionellosi e sulla sua incidenza Il Centro di Riferimento Regionale per la ricerca di

Dettagli