DECRETO 24 dicembre 2013, n certificato il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DECRETO 24 dicembre 2013, n. 6075 certificato il 20-01-2014"

Transcript

1 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Organizzazione Area di Coordinamento Organizzazione. Personale. Sistemi Informativi Settore Servizi Infrastrutturali, Tecnologie Innovative e Fonia DECRETO 24 dicembre 2013, n certificato il FAS 2007/ linea Indizione di un avviso per la selezione e il cofinanziamento di progetti presentati da comuni collocati in territori della Toscana per l acquisizione di sistemi VoIP e di multivideoconferenza. IL DIRIGENTE Vista la Legge Regionale 8 gennaio 2009, n. 1 Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento del personale, articoli 2 e 9; Vista la Delibera di Giunta 332/2012 avente a oggetto Direzioni Generali della Giunta Regionale e relative aree di coordinamento. Modifiche ; Visto il decreto n del 04/05/2012 con il quale è stato definito il nuovo assetto della Direzione Generale Organizzazione; Visto il decreto n del 12 settembre 2012 con il quale è stato definito il nuovo assetto dei settori dell area di coordinamento Organizzazione. Personale. Sistemi Informativi. e con il quale è stata attribuita al Dirigente Angelo Marcotulli la responsabilità del Settore Servizi Infrastrutturali, Tecnologie Innovative e Fonia ; Richiamato l art. 9, comma 2, della L.R. 8 gennaio 2009, n. 1 che prevede che il Responsabile di settore, in caso di assenza temporanea, è sostituito dal coordinatore dell Area di diretto riferimento oppure da altro dirigente dallo stesso designato; Vista la comunicazione del dirigente dell Area di coordinamento Organizzazione. Personale. Sistemi Informativi AOOGRT/ /A del 23/12/2013 Sostituzione dirigente assente per ferie con il quale viene designato il Dott. Gianluca Pelacani responsabile del Settore Sistemi Informativi in materia di Personale quale sostituto dell Ing. Angelo Marcotulli assente per ferie dal 23/12/2013 al 07/01/2014; Vista la L.R. 01/2004 in materia di Promozione dell amministrazione elettronica e della società dell informazione e della conoscenza nel sistema regionale. Disciplina della Rete telematica regionale toscana, e sue successive mm e ii; Vista la L.R. 54/2009 in materia di Istituzione del sistema informativo e del sistema statistico regionale. Misure per il coordinamento delle infrastrutture e dei servizi per lo sviluppo della società dell informazione e della conoscenza ; Vista la Delibera del Consiglio Regionale 104/2012 concernente Programma regionale per la promozione e lo sviluppo dell amministrazione elettronica e della società dell informazione e della conoscenza nel sistema regionale (Programma regionale); Dato atto che il Programma regionale per la promozione e lo sviluppo dell amministrazione elettronica e della società dell informazione e della conoscenza nel sistema regionale prevede, nell ambito dell obiettivo generale 1 Infrastrutture e piattaforme di servizio, l obiettivo specifico 1.8 Diffondere sistemi di telefonia VoIP interoperabili e servizi di multivideoconferenza con le relative azioni Diffusione del servizio di videoconferenza su rete IP nel territorio regionale e Diffusione del servizio di comunicazione integrata tra fonia e dati basato su tecnologia VoIP interoperante con l infrastruttura regionale. Dato atto che nel DPEF 2013, approvato con Risoluzione di Consiglio regionale n. 161 del 19/12/2012, nell ambito della strategia regionale 4.5 Promozione dell Agenda digitale, è prevista, per il 2013, la Linea di azione 1 Dispiegamento e diffusione delle infrastrutture tecnologiche e della piattaforme di servizi nell ambito della quale è prevista un azione specifica per la promozione e diffusione dei sistemi di telefonia via Internet e di videoconferenza mediante avviso per la selezione e il cofinanziamento di progetti di acquisizione di sistemi VoIP e multivideoconferenza. Viste le delibere CIPE n. 166 del 21/12/2007 e n. 1 del 6/03/2009 con oggetto l attuazione del quadro strategico nazionale (QSN) programmazione del fondo per le aree sottoutilizzate ed assegnazione risorse ai programmi strategici regionali; Dato atto che il Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate (PAR FAS) prevede nell ambito della priorità 2 del Quadro Strategico Nazionale (QSN) , una linea d azione dedicata alla Infrastrutturazione e servizi VoIP e Multivideoconferenza, finalizzata ad assicurare a tutto il territorio regionale sistemi di telefonia VoIP interoperabili e servizi di multi-videoconferenza, implementando servizi a valore aggiunto nell ambito della comunicazione tra PA-PA e PA-cittadino e garantendo un importante razionalizzazione della spesa pubblica;

2 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 Vista la delibera di GR 529 del di approvazione del Programma Attuativo Regionale (PAR) del Fondo Aree Sottoutilizzate (FAS) 2007/2013; Vista la delibera di GR n. 460 del 17 giugno 2013 Approvazione del Documento di Dettaglio del PAR FAS 2007/ versione n. 6 ; Vista altresì le delibere di GR n. 712/2009, 178/2010, 1110/2011 e 1143/2012 aventi ad oggetto l approvazione del piano finanziario e indirizzi di gestione dei fondi per le aree sottoutilizzate assegnate alla Regione Toscana; Vista la delibera di GR n. 459 del 17 giugno 2013 PAR FAS Presa d atto aggiornamento piano finanziario approvato dal Comitato di Sorveglianza del 6 giugno 2013 ; 45 videoconferenza Allegato A - che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 2. la domanda di partecipazione -Allegato B -che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 3. la scheda di progetto per il finanziamento su VoIP -Allegato C -che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 4. la scheda di progetto per il finanziamento su Multivideoconferenza -Allegato D -che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 5. la scheda budget di progetto VoIP -Allegato E -che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 6. la scheda budget di progetto Multi-videoconferenza -Allegato F -che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; Vista la delibera di GR n del 09/12/2013 PAR FAS Indirizzi per l erogazione di anticipi in presenza vincoli di patto di stabilità ; Dato atto che con decreto n del 05/07/2012 è stato indetto un avviso avente ad oggetto FAS 2007/2013 -linea Indizione di un avviso per la selezione e il cofinanziamento di progetti presentati da comuni collocati in territori della Toscana per l acquisizione di sistemi VoIP e di multivideoconferenza ; Ritenuto opportuno provvedere all emissione di un nuovo avviso per la selezione e il cofinanziamento di progetti presentati da Comuni collocati in territori della Toscana, in coerenza con le sopra citate delibere di GR finalizzato a: - la diffusione di un nuovo servizio di comunicazione integrata che metta a disposizione degli utenti le sinergie tra fonia e dati, rese possibili dalle ultime tecnologie, prima fra tutte il VoIP (Voice Over IP). - la diffusione del servizio di videoconferenza su rete IP sul territorio regionale in modo da consentire al personale degli Enti del territorio di poter usufruire di un metodo di comunicazione completo; - la riduzione dei tempi e dei costi attraverso la diminuzione, quando possibile, degli spostamenti fisici per la partecipazione ad incontri e riunioni soprattutto quando questi assumono un carattere illustrativo e non di partecipazione attiva; - la convergenza verso soluzioni tecnologiche interoperabili che favoriscano, in un ottica di standardizzazione, le comunicazioni con i soggetti RTRT che si sono già dotati di sistemi VoIP e di videoconferenza a seguito di precedenti interventi. Predisposti a tale fine: 1. l avviso per la selezione e il cofinanziamento di progetti presentati da comuni collocati in territori della Toscana per l acquisizione di sistemi VoIP e di multi- Ritenuto di rinviare la nomina della Commissione di valutazione dei progetti ad atto successivo, dopo il termine per la presentazione delle domande di partecipazione al cofinanziamento regionale; Ritenuto necessario provvedere alla copertura dell importo complessivo di Euro ,10 disponendo, ai sensi dell art. 38 del D.P.G.R. n. 61/R, delle seguenti registrazioni contabili: - di ridurre per Euro ,10 la prenotazione specifica n sul capitolo 14188, assunta con decreto 2969/2012 e relativa al precedente bando; - di assumere una prenotazione specifica per Euro ,10 sul capitolo del Bilancio di Previsione 2013; Ritenuto di dover provvedere ad aumentare l importo complessivo messo a bando con ulteriori importi che si renderanno disponibili sul capitolo in seguito a revoche o rinunce di soggetti beneficiari di precedenti bandi sullo stesso oggetto. Vista la L.R. n. 78 del 27/12/2012 che approva il Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2013 ed il Bilancio Pluriennale relativo al periodo ; Vista la Delibera di Giunta Regionale n del 28/12/2012 con la quale si approvavano il Bilancio Gestionale per l esercizio 2013 e il Bilancio Gestionale Pluriennale 2013/2015 ; Dato atto che il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicità di cui al DLgs 33/2013; DECRETA 1. l indizione di un avviso per la selezione e il cofinanziamento di progetti presentati da comuni

3 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 collocati in territori della Toscana per l acquisizione di sistemi VoIP e di multivideoconferenza aventi le caratteristiche descritte in premessa nel rispetto delle disposizioni delle Delibere di GR 529/2008, 712/2009, 178/2010, 1110/2011, 1143/2012, 459/2013, 460/2013 e 1046/2013; 2. di approvare l avviso (Allegato A), il modulo di domanda di partecipazione (Allegato B), la scheda di progetto per finanziamento su VoIP (Allegato C), la scheda di progetto per finanziamento su Multi-videoconferenza (Allegato D), la scheda di budget di progetto VoIP (Allegato E), la scheda budget di progetto Multivideoconferenza (Allegato F) che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 3. di rendere disponibile l avviso (Allegato A), la domanda di partecipazione (Allegato B), la scheda di progetto per finanziamento su VoIP (Allegato C), la scheda di progetto per finanziamento su Multivideoconferenza (Allegato D),, la scheda budget di progetto VoIP (Allegato E), la scheda budget di progetto Multivideoconferenza (Allegato F) all indirizzo web toscana.it/fas, nella sezione Bandi Aperti ; 4. di rinviare la nomina della Commissione di valutazione dei progetti a successivo atto, dopo il termine per la presentazione delle domande di partecipazione al cofinanziamento regionale; 5. provvedere alla copertura dell importo complessivo di Euro ,10 disponendo, ai sensi dell art. 38 del D.P.G.R. n. 61/R: - di ridurre per Euro ,10 la prenotazione specifica n sul capitolo 14188, assunta con decreto 2969/2012 e relativa al precedente bando; - di assumere una prenotazione specifica per Euro ,10 sul capitolo del Bilancio di Previsione 2013; 6. di aumentare l importo complessivo messo a bando con ulteriori importi che si renderanno disponibili sul capitolo in seguito a revoche o rinunce di soggetti beneficiari di precedenti bandi sullo stesso oggetto. Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT ai sensi dell art. 5 bis, comma 1, lett. b) della LR 23/2007 e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta Regionale ai sensi dell art. 18 comma 2 della medesima LR 23/2007. Il Dirigente Gianluca Pelacani SEGUONO ALLEGATI

4 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 47

5 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4

6 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 49

7 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4

8 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 51

9 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4

10 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 53

11 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4

12 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 55

13 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4

14 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 57

15 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4

16 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 59

17 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 Dati del Proponente Soggetto proponente il Progetto: Nome e Cognome: Luogo di nascita: Provincia: Data di nascita: in qualità di: Rappresentato da: Tipologia del soggetto proponente: Unione di Comuni - di cui al punto a), comma 2) dell'art. 3 dell'avviso Singolo Comune non obbligato all'esercizio associato - di cui al punto b), comma 2) dell'art. 3 dell'avviso Comune responsabile dell'esercizio associato - di cui al punto c), comma 2) dell'art. 3 dell'avviso Comuni partecipanti al progetto 1 : Estremi atto associativo 2 : CHIEDE l'ammissione al finanziamento regionale previsto dalla Delibera GR 1143/2012 "Programma Attuativo FAS approvazione Piano Finanziario e Indirizzi per la Gestione" e dalla Delibera GR 460/2013 "Approvazione del documento di dettaglio del PAR FAS " per la realizzazione del progetto avente per titolo: A tal fine quindi DICHIARA che parteciperà: al progetto per l'acquisizione di un sistema VOIP-RTRT al progetto per l'acquisizione di un sistema di multi-videoconferenza DICHIARA INOLTRE di impegnarsi a provvedere alle spese non coperte dal co-finanziamento regionale di cui al presente Avviso; che il progetto oggetto della presente domanda non è destinatario di alcun finanziamento pubblico; che il progetto è immediatamente eseguibile.

18 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N Via/Piazza: Numero: C.A.P.: Comune: Provincia: Codice Fiscale/Partita IVA: Indirizzo e dati fiscali: Intestatario del c/c: Istituto Bancario: IBAN: Intestatario del c.c.p.: Numero c.c.p.: Coordinate Bancarie: Coordinate Postali: Presentando il progetto in forma singola, il soggetto di cui al punto b) del comma 2 dell art. 3 dell Avviso si impegna a : svolgere le attività progettuali e curare direttamente tutte le attività di rendicontazione in qualità di responsabile del progetto; compartecipare al costo totale del progetto in base ai vincoli di cofinanziamento previsti all art. 5 dell Avviso; sottoscrivere con Regione Toscana una convenzione relativa alle modalità di attuazione del progetto, in caso di ammissione alla selezione e valutazione positiva da parte di Regione Toscana; individuare il responsabile del progetto ed un referente tecnico all interno del proprio ente e comunicare tempestivamente a Regione Toscana le eventuali variazioni. Presentando il progetto in forma congiunta, i soggetti di cui al punto a) o c) del comma 2 dell art. 3 dell Avviso si impegnano a: aderire al progetto presentato sottoscrivendolo e specificando in quale condizione si trovino rispetto a quanto previsto al c. 2 dell art. 3 dell Avviso; individuare il soggetto proponente e riconoscerlo come soggetto capofila; partecipare al progetto presentato dal soggetto proponente svolgendo le attività progettuali di propria competenza e curando accuratamente le relative attività di rendicontazione; compartecipare al costo totale del progetto in base ai vincoli di cofinanziamento previsti all art. 5 dell Avviso; autorizzare il soggetto proponente a presentare la rendicontazione predisposta dai singoli soggetti ; autorizzare il soggetto proponente a sottoscrivere con Regione Toscana una convenzione relativa alle modalità di attuazione del progetto, in caso di ammissione alla selezione e valutazione positiva da parte di Regione Toscana; individuare il responsabile del progetto ed un referente tecnico all interno del proprio ente e comunicare tempestivamente a Regione Toscana le eventuali variazioni.

19 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 Scheda VoIP Ammontare complessivo del progetto ( ): Contributo richiesto alla RT ( ): Cofinanziamenti ( ): Finalità richiesta finanziamento: Aspetto Finanziario: Tempi di avvio e conclusione del progetto: Data di avvio effettiva o prevista: Data di conclusione prevista: gg/mm/aaaa gg/mm/aaaa Infrastruttura di rete esistente Tipologia collegamento 1 : ADSL HDSL GBE Wireless Altro (specificare) Commento: Banda nominale 2 : BMG (down/up) 3 : Tipologia apparati esistenti: Numero di sedi coinvolte: Numero PBX esistenti: Marca PBX esistenti: Modello PBX esistenti: Numero Telefoni esistenti: 1 Scegliere solo una delle seguenti voci 2 Indicare un valore a scelta tra i seguenti: 2M/512K; 20M/1M; 2M/2M; 4M/4M; 8M/8M; 10M/10M o superiore 3 Indicare le relative velocità specificando M o K per Mbit/s o Kbit/s

20 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N Tipologia intervento richiesto 4 : Architettura Prevista 5 : Tipologia apparati previsti: Numero IP-PBX previsti: Marca IP-PBX previsti: Modello IP-PBX previsti: Numero telefoni VoIP previsti: Responsabile del Progetto: Nome e Cognome: Ruolo: Numero di telefono: Indirizzo Referente Tecnico del Progetto: Nome e Cognome: Ruolo: Numero di telefono: Indirizzo 4 Scegliere solo una delle seguenti voci 5 Scegliere solo una delle seguenti voci

21 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 Dettagli su Finanziamenti ricevuti 6 : Nome del progetto: Ammontare complessivo del progetto ( ): Co-finanziamento ricevuto ( ): Soggetto erogatore del finanziamento: Allegati: Descrizione del progetto (max 3 pagine) di cui al comma 3), dell'art. 7 dell'avviso; Scheda budget di progetto VoIP - Allegato E, di cui al comma 3), dell'art. 7 dell'avviso. 6 Da compilare solo se si sono ricevuti finanziamenti pubblici sulla stessa tematica

22 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N Scheda Multi-Video-Conferenza Ammontare complessivo del progetto ( ): Contributo richiesto alla RT ( ): Cofinanziamenti ( ): Finalità richiesta finanziamento: Aspetto Finanziario: Tempi di avvio e conclusione del progetto 1 : Data di avvio effettiva o prevista: Data di conclusione prevista: gg/mm/aaaa gg/mm/aaaa Infrastruttura esistente: Collegamento VoIP-RTRT già attivo: Sì/No Infrastruttura di rete esistente 2 : Tipologia collegamento 3 : ADSL HDSL GBE Wireless Altro (specificare) Commento: Banda nominale 4 : BMG (down/up) 5 : Numero comuni coinvolti: Numero di sistemi di videoconferenza previsti: Marca di sistemi si videoconferenza previsti: Modello di sistemi di videoconferenza previsti: Sistemi previsti: 1 Da compilare solo se la scheda non è stata presentata insieme alla scheda VoIP 2 Da compilare solo se la scheda non è stata presentata insieme alla scheda VoIP 3 Scegliere solo una delle seguenti voci 4 Indicare un valore a scelta tra i seguenti: 2M/512K; 20M/1M; 2M/2M, 4M/4M; 8M,8M; 10M;10M o superiore 5 Indicare le relative velocità specificando M o K per Mbit/s o Kbit/s

23 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 Responsabile del Progetto 6 : Nome e Cognome: Ruolo: Numero di telefono: Indirizzo Referente Tecnico del Progetto 7 : Nome e Cognome: Ruolo: Numero di telefono: Indirizzo Dettagli su Finanziamenti ricevuti 8 : Nome del progetto: Ammontare complessivo del progetto ( ): Co-finanziamento ricevuto ( ): Soggetto erogatore del finanziamento: Allegati: Descrizione del progetto (max 3 pagine) di cui al comma 3), dell'art. 7 dell'avviso 9 ; Scheda budget di progetto Multi-Videoconferenza - Allegato F, di cui al comma 3), dell'art. 7 dell'avviso 6 Da compilare solo se la scheda non è stata presentata insieme alla scheda VoIP 7 Da compilare solo se la scheda non è stata presentata insieme alla scheda VoIP 8 Da compilare solo se si sono ricevuti finanziamenti pubblici sulla stessa tematica 9 Da compilare e allegare solo se la scheda non è stata presentata insieme alla scheda VoIP

24 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 67

25 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4

dato atto che la citata Convenzione é stata esaminata dalla Corte dei Conti e registrata al numero: Reg. n. 8, Foglio n. 296 del 13/04/2011;

dato atto che la citata Convenzione é stata esaminata dalla Corte dei Conti e registrata al numero: Reg. n. 8, Foglio n. 296 del 13/04/2011; REGIONE PIEMONTE BU20 19/05/2011 Codice SB0101 D.D. 18 maggio 2011, n. 48 Approvazione avviso pubblico per la concessione ai Comuni di contributi per il sostegno e la promozione delle Banche del Tempo

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 51 del 18.12.2013 CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONE TOSCANA Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze

Dettagli

Bando regionale per la concessione ai Comuni di contributi per il sostegno e la promozione delle banche del tempo (anno 2011).

Bando regionale per la concessione ai Comuni di contributi per il sostegno e la promozione delle banche del tempo (anno 2011). ALLEGATO A) Bando regionale per la concessione ai Comuni di contributi per il sostegno e la promozione delle banche del tempo (anno 2011). IN ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA APPROVATO CON DGR N. 36-396 DEL 26.7.2010

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Andrea Zei. Decreto N 2779 del 30 Giugno 2011

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Andrea Zei. Decreto N 2779 del 30 Giugno 2011 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE INFRASTRUTTURE

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 32 7.9.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 36 COMUNE DI QUARRATA (Pistoia) Selezione pubblica, per prove selettive, per chiamata nominativa di n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

REGIONE TOSCANA ZEI ANDREA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA ZEI ANDREA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO

Dettagli

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Burc n. 57 del 7 Settembre 2015

Burc n. 57 del 7 Settembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

Nominativo del responsabile Maria Teresa Albiani

Nominativo del responsabile Maria Teresa Albiani SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI PROCEDIMENTI ADOTTATI DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE AZIENDALI COMPILARE PER CIASCUN PROCEDIMENTO INDIVIDUATO CON NUMERO PROGRESSIVO Struttura organizzativa UO Gestioni Economiche

Dettagli

Regione Lazio. DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione 11/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N.

Regione Lazio. DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione 11/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. Regione Lazio DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 7 novembre 2014, n. G15791 Approvazione dell'avviso Pubblico e della relativa modulistica concernente

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Bando. Premessa. Obiettivi e finalità

Bando. Premessa. Obiettivi e finalità Bando Premessa L ANIA ritiene fondamentale il rapporto di collaborazione con le Associazioni dei Consumatori e per mantenere un confronto stabile ed un dialogo costante ha creato il Forum Consumatori.

Dettagli

considerato che il Direttore dell Esecuzione del Contratto ha attestato la congruità del prezzo indicato nell offerta di cui sopra;

considerato che il Direttore dell Esecuzione del Contratto ha attestato la congruità del prezzo indicato nell offerta di cui sopra; REGIONE PIEMONTE BU44 30/10/2014 Codice DB2101 D.D. 11 giugno 2014, n. 162 Contratto Rep. n. 16208 del 01.06.2011 tra Regione Piemonte e Telecom Italia S.p.A. per il Servizio di fonia in modalità VoIP

Dettagli

Avviso pubblico finalizzato ad acquisire manifestazioni di interesse per partecipazione a progetti comunitari in partenariato con la Regione Toscana

Avviso pubblico finalizzato ad acquisire manifestazioni di interesse per partecipazione a progetti comunitari in partenariato con la Regione Toscana Avviso pubblico finalizzato ad acquisire manifestazioni di interesse per partecipazione a progetti comunitari in partenariato con la Regione Toscana Art.1. Obiettivi dell avviso Il presente avviso dà attuazione

Dettagli

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 Criteri per la concessione dei contributi previsti dalla l.r. 70 del 19.11.2009 (Interventi di sostegno

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE TUTELA DEI MINORI, CONSUMATORI

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 03-11-2015 (punto N 14 ) Delibera N 1040 del 03-11-2015 Proponente FEDERICA FRATONI DIREZIONE AMBIENTE ED ENERGIA Pubblicita /Pubblicazione

Dettagli

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana L anno 2011 nel giorno del mese di 2011, in Firenze, presso la sede di Uncem Toscana posta in via Cavour n 15, sono presenti,

Dettagli

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Area di Coordinamento Politiche Sociali di Tutela, Legalità,

Dettagli

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

Il Dirigente. Visto l art. 3 della Legge Regionale 17 marzo 2000, n. 26 e successive modifiche ed integrazioni;

Il Dirigente. Visto l art. 3 della Legge Regionale 17 marzo 2000, n. 26 e successive modifiche ed integrazioni; Oggetto: Rilevazione preliminare dei piani di investimento degli OPC su aree della Regione Toscana non servite da banda larga, per il Progetto Banda larga nelle aree rurali della Toscana ( Notifica alla

Dettagli

Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario

Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario 1. Obiettivi 2 2. Dotazione finanziaria 2 3. Soggetti beneficiari

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

Avviso pubblico. Progetti Strutturanti

Avviso pubblico. Progetti Strutturanti Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Ricerca, Innovazione e Risorse Umane L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLII Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Terza n. 52 del 28.12.2011 Supplemento n. 134 mercoledì, 28 dicembre 2011 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1181

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1181 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1181 Fondo per la Progettazione: individuazione degli Interventi Strategici. LA GIUNTA REGIONALE Vista la Delibera della Giunta Regionale n. 215 del 25/03/2013 avente

Dettagli

REGIONE TOSCANA LUCIANI ANGELITA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA LUCIANI ANGELITA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE RICERCA INDUSTRIALE, INNOVAZIONE

Dettagli

DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583 certificato il 15-01-2015

DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583 certificato il 15-01-2015 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Area di Coordinamento Politiche di Solidarietà Sociale e Integrazione Socio-Sanitaria DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583

Dettagli

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito)

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito) 1936 Catanzaro e codice 33 TARGET di Crotone occorre assegnare nell immediato l attività formativa, per non far disperdere gli allievi che parteciperanno a tali attività e creare un ulteriore danno ai

Dettagli

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R.

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R. Bollettino Ufficiale 45 D.G. Territorio, urbanistica e difesa del suolo D.d.u.o. 13 marzo 2015 - n. 1934 Bando per lo sviluppo e il consolidamento di azioni di prevenzione e contrasto alle forme di dipendenza

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI SETTORE ENERGIA, TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA E DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO E ACUSTICO Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE Il Dirigente Responsabile: NANNICINI ELISA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO ALLEGATO 1 REGIONE LAZIO Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande concernenti progetti di valorizzazione e promozione turistica destinati a migliorare l accoglienza

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AUTORITA DI BACINO DELLA BASILICATA UFFICIO AFFARI GENERALI ED ORGANIZZATIVI 80D STRUTTURA PROPONENTE COD. N 80D/ 2014 /D.073 DEL 19/05/2014 OGGETTO: SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 5 dicembre 2014, n. 33-743 Assegnazione di contributi per l'anno 2014 a favore degli Organismi di collegamento e coordinamento, formati

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO RISORSE FINANZIARIE BINI ALESSANDRO. Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa ai sensi della D.G.R. n.

AREA DI COORDINAMENTO RISORSE FINANZIARIE BINI ALESSANDRO. Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa ai sensi della D.G.R. n. REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO RISORSE FINANZIARIE SETTORE CONTABILITA' Il Dirigente Responsabile: BINI ALESSANDRO Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa

Dettagli

Regione Lazio. DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione 01/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N.

Regione Lazio. DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione 01/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. Regione Lazio DIREZIONE AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 29 settembre 2015, n. G11618 Legge Regionale n. 26 del 28.12.2007, art. 31: "Promozione regionale a fini

Dettagli

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI

Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Allegato A Regione Toscana Direzione Generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali L.R. 26/2009 PIANO INTEGRATO DELLE ATTIVITA INTERNAZIONALI Avviso pubblico per la presentazione di proposte

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

BANDO. POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006

BANDO. POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006 Allegato A) Premessa BANDO POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006 La Regione Toscana adotta il presente avviso in coerenza ed attuazione: - del Regolamento

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 21.1.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA - N. 3 CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI - 2014 Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento Educazione, Istruzione, Università

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO RICERCA

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO RICERCA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO RICERCA. Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: MARCO MASI

Dettagli

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R.

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R. Bollettino Ufficiale 45 D.G. Territorio, urbanistica e difesa del suolo D.d.u.o. 13 marzo 2015 - n. 1934 Bando per lo sviluppo e il consolidamento di azioni di prevenzione e contrasto alle forme di dipendenza

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE SOCIALI DI TUTELA, LEGALITA', PRATICA SPORTIVA E SICUREZZA URBANA. PROGETTI INTEGRATI STRATEGICI

Dettagli

SETTORE AGENZIA PER LE ATTIVITA' DI INFORMAZIONE DEGLI ORGANI DI GOVERNO DELLA REGIONE CRESSATI SUSANNA

SETTORE AGENZIA PER LE ATTIVITA' DI INFORMAZIONE DEGLI ORGANI DI GOVERNO DELLA REGIONE CRESSATI SUSANNA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA SETTORE AGENZIA PER LE ATTIVITA' DI INFORMAZIONE DEGLI ORGANI DI GOVERNO DELLA REGIONE Il Dirigente Responsabile: CRESSATI SUSANNA Decreto soggetto a controllo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA Avviso di finanziamento relativo all anno 2011 per progetti a valere sull articolo 9 della legge 8 marzo 2000 n. 53, così

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE ( INDICARE I RIFERIMENTI DELL ASSOCIAZIONE PROPONENTE/CAPOFILA: TELEFONO, CELLULARE, FAX, E-MAIL)

SCHEDA PROGETTUALE ( INDICARE I RIFERIMENTI DELL ASSOCIAZIONE PROPONENTE/CAPOFILA: TELEFONO, CELLULARE, FAX, E-MAIL) SCHEDA PROGETTUALE 1. Titolo del progetto ( INDICARE LA DENOMINAZIONE DELLA PROPOSTA PROGETTUALE ) 2. Soggetti coinvolti nel progetto Associazione proponente/capofila settore operatività data costituzione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE SOCIALI DI TUTELA, LEGALITA', PRATICA SPORTIVA E SICUREZZA URBANA. PROGETTI INTEGRATI STRATEGICI

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Laura Castellani

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Laura Castellani REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE E SISTEMA INFORMATIVO AREA DI COORDINAMENTO RETI DI GOVERNANCE DEL SISTEMA REGIONALE E INGEGNERIA DEI SISTEMI INFORMATIVI E DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 120.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ORGANIZZAZIONE

INFORMAZIONI SULL ORGANIZZAZIONE E possibile compilare il modulo di presentazione della domanda on line. Basta registrarsi nell area riservata e procedere alla sua compilazione guidata e facilitata, che si può effettuare anche in più

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE OPERE PUBBLICHE

IL DIRIGENTE DEL SETTORE OPERE PUBBLICHE A.G.C. 15 - Lavori Pubblici, Opere Pubbliche, Attuazione, Espropriazione - Settore Opere Pubbliche, Attuazione, Espropriazioni,Fondo Investimento Occupazionale (FIO) - Decreto dirigenziale n. 35 del 17

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 29-12-2015 (punto N 29 ) Delibera N 1345 del 29-12-2015 Proponente FEDERICA FRATONI DIREZIONE AMBIENTE ED ENERGIA Pubblicita /Pubblicazione

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale PROVINCIA DEL L AQUILA Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale P.O.R. ABRUZZO OBIETTIVO 3 PER IL 2000/2006 PIANO DEGLI INTERVENTI 2006 STRUMENTO UNITARIO DI PIANIFICAZIONE A SUPPORTO

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

Al Sindaco del Comune di:

Al Sindaco del Comune di: Prot. n.1225 del 16/01/13 Al Sindaco del Comune di: 1. Caivano (NA) 2. Cesa (CE) 3. Ottaviano (NA) 4. Calvizzano (NA) Oggetto: LETTERA DI INVITO PER EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AI COMUNI CONSORZIATIPER

Dettagli

DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SALVI ALESSANDRO

DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SALVI ALESSANDRO REGIONE TOSCANA DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE INNOVAZIONE SOCIALE Il Dirigente Responsabile: SALVI ALESSANDRO Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa e

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Direzione Parchi Territorio Energia Ambiente. MANUALE UTENTE: VALUTAZIONE IMPATTO AMBIENTALE e VALUTAZIONE DI ASSOGGETTABILITA

REGIONE ABRUZZO Direzione Parchi Territorio Energia Ambiente. MANUALE UTENTE: VALUTAZIONE IMPATTO AMBIENTALE e VALUTAZIONE DI ASSOGGETTABILITA REGIONE ABRUZZO Direzione Parchi Territorio Energia Ambiente MANUALE UTENTE: VALUTAZIONE IMPATTO AMBIENTALE e VALUTAZIONE DI ASSOGGETTABILITA Architettura, Analisi e Sviluppo Banca dati e Applicativi del

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Servizi) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO SCHEDA PROGETTUALE n. 2009AR0307 Alla Regione Toscana Area di coordinamento

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa SCHEDA PROGETTO DI QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA EDUCATIVA SCUOLA DELL INFANZIA (0-6 ANNI) ANNO FINANZIARIO 2014 1. NOTIZIE DI CARATTERE

Dettagli

La Giunta Regionale con propria deliberazione n. 20-2225 del 12/10/2015 ha:

La Giunta Regionale con propria deliberazione n. 20-2225 del 12/10/2015 ha: REGIONE PIEMONTE BU51S1 24/12/2015 Codice A1707A D.D. 21 dicembre 2015, n. 882 D.G.R. n. 20-2225 del 12/10/2015. Proposta di accordo tra la Regione Piemonte e la Commissione regionale dell'associazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - PROGRAMMAZIONE

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - PROGRAMMAZIONE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - PROGRAMMAZIONE RESPONSABILE DELL AREA : DOTT. PIETRO LEONCINI ESTENSORE: MASSIMO SISTI DETERMINAZIONE N. 253 DEL 26/03/2013 COPIA Oggetto : IMPEGNO

Dettagli

Bando Speciale 2012. Protagonisti i giovani. Un tema che nell ambito di

Bando Speciale 2012. Protagonisti i giovani. Un tema che nell ambito di Bando Speciale 2012 Protagonisti i giovani Un tema che nell ambito di finalità e obiettivi delle Fondazioni Pro Valtellina e Gruppo Credito Valtellinese intende favorire lo sviluppo di una comunità solidale

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014

REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Codice A19000 D.D. 22 dicembre 2014, n. 45 Collaborazione coordinata e continuativa altamente qualificata con profilo tecnico nell'ambito del Progetto europeo "2020Together".

Dettagli

TURISMO. Decreto N. 185 del 22-07-2013. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA

TURISMO. Decreto N. 185 del 22-07-2013. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA TURISMO Dirigente: PERUZZINI ALBERTO Decreto N. 185 del 22-07-2013 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

244 21.1.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3

244 21.1.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 244 21.1.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Area di Coordinamento Politiche di Solidarietà Sociale e

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

3 BANDO 2014 (finestra II)

3 BANDO 2014 (finestra II) PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità del Novarese ONLUS si articola in tre punti: 1) perseguire l affermarsi di una cultura complessiva del dono, garantendo la definizione di servizi che

Dettagli

SEZIONE I. GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni. 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 37 del 12.9.2007

SEZIONE I. GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni. 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 37 del 12.9.2007 2 Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 37 del 12.9.2007 SEZIONE I GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni DELIBERAZIONE 6 agosto 2007, n. 593 Proposta di linee guida per la sperimentazione

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE (ASSUNTO il / prot. n.

Dettagli

MODULO DI DOMANDA Allegato 1.b PROGETTI DI INTEGRAZIONE SOCIALE IN FAVORE DI PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA

MODULO DI DOMANDA Allegato 1.b PROGETTI DI INTEGRAZIONE SOCIALE IN FAVORE DI PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA MODULO DI DOMANDA Allegato 1.b PROGETTI DI INTEGRAZIONE SOCIALE IN FAVORE DI PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA Nota: la compilazione è obbligatoria in ogni sua parte. AL Direttore Generale Azienda

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

All. b) MODULO PER SOGGETTI GIA BENEFICIARI DELL ASSEGNO DI CURA NELL ANNO 2014

All. b) MODULO PER SOGGETTI GIA BENEFICIARI DELL ASSEGNO DI CURA NELL ANNO 2014 Timbro di arrivo al protocollo dell Ente All. b) MODULO PER SOGGETTI GIA BENEFICIARI DELL ASSEGNO DI CURA NELL ANNO 2014 ALL UNIONE MONTANA DEL MONTEFELTRO ENTE CAPOFILA DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AUTORITA DI BACINO DELLA BASILICATA UFFICIO AFFARI GENERALI ED ORGANIZZATIVI 80D STRUTTURA PROPONENTE COD. N 80D/ 2014 /D.125 DEL 30/10/2014 OGGETTO: SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721. Bando n. 1 - Anno 2016. Assistenza Sociale

FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721. Bando n. 1 - Anno 2016. Assistenza Sociale FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721 Bando n. 1 - Anno 2016 Assistenza Sociale 700.000,00 per l individuazione di progetti di utilità sociale

Dettagli

CONCORSI 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42

CONCORSI 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 CONCORSI stati pubblicati rispettivamente sul BURT n.15 del 15/04/2015 e N. 29 del 22/07/2015; REGIONE TOSCANA Direzione Organizzazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 19-02-2014 (punto N 30 ) Delibera N 118 del 19-02-2014 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE

IL DIRIGENTE DEL SETTORE A.G.C. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - Settore Tecnico Amministrativo Provinciale Agricoltura e Centri Provinciali di Informazione e Consulenza in Agricoltura (CE.PI.C.A.) Salerno - Decreto dirigenziale

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN AMANTEA

COMUNE DI SAN PIETRO IN AMANTEA COMUNE DI SAN PIETRO IN AMANTEA (Provincia di Cosenza) C.A.P. 8703O - Tel. 0982/425703 Fax 0982/427947 - Cod. Fisc. 86000590785 - P.I. 00403220783 ORIGINALE COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 2067 del 07/07/2009 pag. 1/6

ALLEGATO B Dgr n. 2067 del 07/07/2009 pag. 1/6 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 2067 del 07/07/2009 pag. 1/6 DISCIPLINARE ADESIONE PIATTAFORMA PATTIZIA E CONTRIBUTI PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONIZZAZIONE ART. 1 - I DESTINATARI

Dettagli

SERVIZIO SEZIONI PRIMAVERA AVVISO PUBBLICO DI CHIAMATA A PROGETTO PER I COMUNI MOLISANI Anni educativi 2015-2016 e 2016-2017

SERVIZIO SEZIONI PRIMAVERA AVVISO PUBBLICO DI CHIAMATA A PROGETTO PER I COMUNI MOLISANI Anni educativi 2015-2016 e 2016-2017 REGIONE MOLISE Assessorato alle Politiche Sociali Deliberazione della Giunta Regionale n.268 del 5 giugno 2015 Programma Attuativo Regionale Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007-2013 Asse IV Inclusione

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1278/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 10 del mese di settembre dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli