Curriculum dell attività scientifica e didattica di Ludovica Adacher

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Curriculum dell attività scientifica e didattica di Ludovica Adacher"

Transcript

1 Curriculum dell attività scientifica e didattica di Ludovica Adacher Posizione attuale Dal 1 gennaio 2008 è ricercatore confermato nel settore scientifico disciplinare ING-INF/04 presso il dipartimento di Informatica ed Automazione dell Università degli studi Roma Tre. Carriera 1991 Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico di Bracciano I. Vian con la votazione di 60/60. A.A. 96/97 Tesi di Laurea sperimentale in Automazione Industriale, presso la facoltà di Ingegneria Informatica della Sapienza Corso di Dottorato in Ingegneria dei Sistemi (XIV). Università degli Studi di Roma "La Sapienza Tesi di Dottorato dal titolo Control strategies for production planning in discrete manufacturing systems Marzo 02 - Marzo 03 Marzo 03 / Luglio 03 Borsa CNR La Gestione delle Emergenze nelle Organizzazioni Complesse Collaborazione con il SESM nell ambito del Cluster C25 per il progetto A5 Gestione Flotte Intermodali per le Emergenze. Gennaio 04/Gennaio 05 Ricercatore a tempo determinato nel settore scientifico disciplinare ING-INF/04 presso il dipartimento di Informatica ed Automazione dell Università degli studi Roma Tre. Collabora dal gennaio del 1998 con il dipartimento di Informatica ed Automazione (DIA) per la realizzazione di ricerche in discipline proprie dell automazione industriale: Gennaio 98 / Marzo 98 Preparazione delle pagine Web del Laboratorio Aut.Or.I integrate nelle pagine Web del DIA. Luglio10-98 Realizzazione di un simulatore per un impianto produttivo gestito da Agenti Autonomi / 3-99 Sviluppo di un nuovo software per determinare il ruolo dell autonomia in un impianto gestito da Agenti Autonomi / Sviluppo di un software per l ottimizzazione delle prestazioni nei sistemi logistici integrati / 3-03 Sviluppo di un software per la gestione di sistemi manifatturieri / 4-03 Analisi di tecniche decentralizzate per il traffico aereo / Applicazione di Euristiche per lo scheduling in Ambiente Aeroportuale. Formazione Dicembre 97: Febbraio 02: Ha conseguito la Laura in Ingegneria Informatica, indirizzo gestionale, presso l Università degli studi di Roma La Sapienza, con la votazione di 108/110. Discutendo la tesi Minimizzazione dei ritardi in un impianto produttivo, gestito da Agenti Produttivi Autonomi E stata realizzata la simulazione di un impianto produttivo, gestito da agenti intelligenti, attraverso l utilizzo di un linguaggio di simulazione orientato agli oggetti (MODSIM II); parte del programma è stato realizzato tramite il linguaggio di programmazione C. Le euristiche di schedulazione sono state oggetto di questa tesi sperimentale e testate mediante simulazioni di scenario. Ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Ingegneria dei Sistemi presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi di Roma La Sapienza discutendo la tesi dal titolo Control strategies for production planning in Discrete Manufacturing Systems ( Strategie di controllo decisionale per sistemi manifatturieri) supervisore Prof. Fernando Nicolò. Parte del curriculum di dottorato è stato svolto presso il Department of Manufacturing Engineering della Boston University (gennaio 01- giugno 01) Ha inoltre seguito i seguenti corsi:

2 Roma Metodi d'approssimazione (M. Roma) - Ottimizzazione combinatoria II (A. Sassano) - Seminario analisi dei sistemi (L. Farina) - Sistemi stocastici e teoria del Filtraggio (C. Bruni) - Teoria ed algoritmi per l'ottimizzazione II (L. Grippo) Auronzo Scuola per dottorandi dal tema "La didattica degli strumenti gestionali attraverso i casi. Modelli di decisione e realtà operativa" Milano 2000 Elementi di dinamica non lineare: stabilita', biforcazioni e caos. Corso, a carattere puramente scientifico, organizzato dalla Società Italiana Caos e Complessità (SICC), dalla Fondazione ENI Enrico Mattei (FEEM) e dal Dipartimento di Elettronica e Informazione (DEI) del Politecnico di Milano. Roma Realizzazione stocastica di processi stazionari ( A. de Santis) - Metodi di ottimizzazione vincolata (G. Di Pillo) - Metodi di ottimizzazione non vincolata (M. Roma) Auronzo Scuola per dottorandi dal tema" Strutture organizzative per imprese a rete ". Bertinoro Scuola per dottorandi dal tema "Controllo robusto - Stima set-membership per il controllo robusto ". Boston Problemi di Scheduling (J. Perkins) - Processi stocastici (P. Vakili ) Attività didattica A.A A.A A.A A.A A.A Supplenza di Modelli e Metodi per la Simulazione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Supplenza di Modelli e Metodi per la Simulazione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Supplenza di Modelli e Metodi per la Simulazione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale1 e 2, Gestione dei Progetti, Ricerca Operativa 1 e 2 e Modelli di Sistemi di Produzione, Reti di Calcolatori, Impianti di Elaborazione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Informatica, presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre.

3 Membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale1 e 2, Gestione dei Progetti, Ricerca Operativa 1 e 2 e Modelli di Sistemi di Produzione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria A.A A.A A.A A.A Professore a contratto di Automazione Industriale 1, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Incarico di docenza per il corso di Automazione Industriale 2 e per il corso di Gestione dei Progetti, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Informatica, presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre. Incarico di supporto alla didattica per il corso di Gestione dei Progetti, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale1 e 2, Gestione dei Progetti, Ricerca Operativa 1 e 2 e Modelli di Sistemi di Produzione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Professore a contratto del corso Automazione Industriale1 nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Incarico di docenza nel corso Automazione Industriale2 nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale1 e 2, Gestione dei Progetti, Ricerca Operativa 1 e 2 e Modelli di Sistemi di Produzione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Incarico di docenza per il corso Automazione Industriale nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Incarico di docenza per il corso Organizzazione della produzione nell ambito del corso di laurea in Economia e Commercio dell'università Luiss Guido Carli. Membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale, Ricerca Operativa e Modelli di Sistemi di Produzione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Informatica, presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre e al corso di Organizzazione della produzione presso la Facoltà di Economia e Commercio Luiss. Incarico di docenza per il corso Automazione Industriale nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Incarico di docenza per il corso Organizzazione della produzione nell ambito del corso di laurea in Economia e Commercio dell'università Luiss Guido Carli. Membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale, Ricerca Operativa e Modelli di Sistemi di Produzione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Informatica, presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre e al corso di Organizzazione della produzione presso la Facoltà di Economia e Commercio Luiss. A.A Incarico di docenza per il corso Automazione Industriale nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Incarico di docenza nell'ambito del corso Organizzazione della produzione nell ambito del corso di laurea in Economia e Commercio dell'università Luiss Guido Carli. Membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale, Ricerca Operativa e Modelli di Sistemi di Produzione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Informatica, presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre e al corso di Organizzazione della produzione presso la Facoltà di Economia e Commercio Luiss A.A Incarico di supporto alla didattica nell'ambito del corso Automazione Industriale nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Informatica, presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre. Membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale e Ricerca Operativa nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Informatica, presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre.

4 A.A Incarico di supporto alla didattica nell'ambito del corso Automazione Industriale nell ambito del corso di laurea in Ingegneria Informatica, presso la facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre. Esercitazioni/Seminari Ha curato le esercitazioni dei seguenti insegnamenti: A. A. Corso 06/07 Automazione Industriale II, Automazione Industriale I canale (A-K) nell ambito del Corso di Laurea in Ingegneria Informatica presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi Roma Tre. 05/06 Automazione Industriale II, Automazione Industriale I canale (A-K) nell ambito del Corso di Laurea in Ingegneria Informatica presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi Roma Tre. 04/05 Automazione Industriale II, Automazione Industriale I canale (A-K) nell ambito del Corso di Laurea in Ingegneria Informatica presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi Roma Tre. E membro di commissioni di esame relative ai corsi di Automazione Industriale1 e 2, Gestione dei Progetti, Ricerca Operativa 1 e 2 e Modelli di Sistemi di Produzione, Reti di Calcolatori, Impianti di Elaborazione, nell ambito del corso di laurea in Ingegneria E abitualmente membro delle commissioni di laurea in Ingegneria Informatica presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi Roma Tre. Altre Attività Didattiche E stata docente del Master in Project Management per i corsi di metodi di decisione (18h) e di Risk Management (9h) organizzato dalla Facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre presso lo IASI. (luglio-settembre 2007). E' stata docente per i Master in System engineering e Project management del corso di "Probabilità e statistica" (25 ore) organizzato dalla Direzione Generale per il Personale Militare di concerto con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (gennaio 2007). E' stata docente per i Master in System engineering e Project management del corso di "Metodi di Pianificazione e controllo dei progetti" (25 ore) organizzato dalla Direzione Generale per il Personale Militare di concerto con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (aprile-maggio 2007). E' stata docente di un corso in Project management (19 ore) organizzato dalla Direzione Generale per il Personale Militare di concerto con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (settembre-ottobre 2007). E stata docente per la scuola di dottorato CIRA (Bertinoro) nel corso Modelli per il controllo dei sistemi di produzione (luglio 2006) E stata docente del Master in Project Management per i corsi di Metodi di decisione (9h) e di Risk Management (9h) organizzato dalla Facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre presso lo IASI. (luglio-settembre 2006). E stata docente del Master in Project Management per il corso di Risk Management (9h) organizzato dalla Facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre. (settembre 2005) E' stata docente per i Master in Progettisti di Sistemi Informatici e Ingegneria dei Sistemi Complessi del corso di "Ricerca Operativa" (10 ore) organizzato dalla Direzione Generale per il Personale Militare di concerto con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (maggio 2005). E stata docente del Master in Project Management per i corsi di metodi di decisione (9h) e di Risk Management (9h) organizzato dalla Facoltà di Ingegneria dell Università degli studi Roma Tre presso lo IASI. (luglio-settembre 2004).

5 E stata docente del Corso "Modellistica e controllo di reti di trasporto e di telecomunicazione" per la Scuola di Bertinoro luglio E stata docente alla scuola estiva Giornate di Ricerca Operativa in Cadore, Auronzo (BL), Giugno Seminario dal titolo Tecniche di ottimizzazione per il traffico aereo. E stata docente alla scuola estiva Giornate di Ricerca Operativa in Cadore, Auronzo (BL), Giugno Seminario dal titolo Tecniche di ottimizzazione stocastica:comparazione stocastica e il metodo del surrogato. E stata docente alla scuola estiva Giornate di Ricerca Operativa in Cadore, Auronzo (BL), Giugno Seminario dal titolo Tecniche di scheduling decentralizzato. E stata docente per i corsi di formazione post-laurea di Gestori di Sistemi di Produzione Innovativi, nall ambito del programma nazionale di ricerca e formazione Sistemi di Produzione Innovativi, Tema11, presso il Dipartimento di Informatica e Automazione dell Università degli studi Roma Tre (febbraio 2000). E stata docente alla scuola estiva Giornate di Ricerca Operativa in Cadore, Auronzo (BL), Giugno Seminario dal titolo Algoritmi ed euristiche per lo scheduling su macchine parallele. E stata docente alla scuola estiva Giornate di Ricerca Operativa in Cadore, Auronzo (BL), Giugno Seminario dal titolo Un sistema di gestione della produzione ad agenti autonomi. E stata docente alla scuola estiva Giornate di Ricerca Operativa in Cadore, Auronzo (BL), Giugno Seminario dal titolo Sistemi centralizzati vs sistemi decentralizzati. E stata docente per il corso di videolezioni in videocassetta del corso di Automazione Industriale per i corsi di laurea a distanza dell area Ingegneria del Consorzio Nettuno (marzo 1998). Interessi di Ricerca L'attività di ricerca ha avuto come oggetto lo sviluppo di tecniche di simulazione e di ottimizzazione per sistemi di produzione manifatturiera, e negli ultimi due anni si è cercato di applicare tali tecniche anche a sistemi di trasporto aereo ed urbano. Esaminando diverse metodologie di gestione per i sistemi lavorativi di fabbrica, si è cercato di inviduare quale siano le caratteristiche che sono maggiormente richieste ad un sistema moderno (robustezza, modularità e semplicità) e quale metodologia riesca meglio a soddisfarle. Il controllo tradizionale (centralizzato) spesso non è applicabile a causa di: - Eventi imprevisti che influenzano le decisioni prese. - La complessità dei processi che rende difficile la realizzazione di un controllore globale. - L'autonomia decisionale degli operatori umani, che spesso perseguono obiettivi dettati dalla propria esperienza. - La scarsità di informazioni che si riesce ad avere nel sistema stesso L'analisi delle strutture esistenti, in letteratura, per la gestione di un sistema di fabbrica ha evidenziato come non esista un brusco salto dal sistema centralizzato ad uno decentralizzato, ma è presente "un'evoluzione" delle metodologie di gestione dei sistemi manifatturieri in cui la decentralizzazione e l'autonomia avviene a più stadi e a più livelli. L attività di ricerca essenzialmente centrata sull analisi, sulla modellistica e sull ottimizzazione di sistemi di produzione di beni e di servizi può essere schematizzata nelle seguenti aree principali: - Sistemi di supporto decisionali caratterizzati dalla presenza di agenti autonomi - Scheduling e controllo real-time - Problemi di ottimizzazione stocastica e deterministica Sistemi di supporto decisionali caratterizzata dalla presenza di agenti autonomi La globalizzazione dei mercati, l aumento nella diversificazione dei prodotti, nonché la riduzione del ciclo di vita degli stessi, hanno costretto le imprese manifatturiere a dover riconsiderare i metodi fin qui utilizzati, di pianificazione e di gestione della produzione. Quindi, se le imprese vogliono rimanere competitive, devono puntare a cambiamenti sostanziali nei sistemi produttivi.

6 Sono questi i motivi che ci hanno portato ad esaminare la possibilità di introdurre il controllo integrato mediante Agenti Autonomi nella produzione industriale. La ricerca ha avuto come obiettivo un sistema di schedulazione e di controllo della produzione che utilizza un approccio diverso da quello tradizionale. Infatti, invece di macchine che elaborano lavori in base ad un piano stabilito da un controllore globale, è stato individuato un insieme di entità intelligenti che cooperano in modo coordinato per raggiungere singoli obiettivi, in funzione di quello globale. In tal modo è possibile raggiungere gradi più elevati di distribuzione, robustezza, modularità, gestibilità, semplicità ed efficienza. La struttura si avvale della distribuzione delle decisioni e del flusso d informazione e mette in risalto la concorrenza e la cooperazione tra controlli eterogenei. Viene sviluppato un efficiente schema di unificazione delle risorse, nel quale le risorse più importanti svolgono un ruolo centrale nel processo decisionale. La selezione e l accordo reciproci tra gli agenti (parte e risorse) avvengono attraverso una negoziazione più passi e a più vie. In pratica, è stata definita una struttura generale per un sistema produttivo in un ambiente dinamico basato sulla condivisione delle attività e su una metafora di negoziazione, tramite l impiego di meccanismi di combinazione di prezzi e di obiettivi. Secondo questa struttura, gli agenti parte prendono decisioni sulla base del sistema di valutazione dei prezzi, mentre gli agenti risorsa prendono decisioni sulla base della funzione obiettivo che si vuole realizzare. Sono state discusse anche le questioni legate al coordinamento dei flussi, all equilibrio del sistema, ai requisiti di comunicazione e all integrazione di eventuali modifiche. In breve, la struttura proposta consente sia agli agenti parte sia agli agenti risorse di disporre di propri controlli intelligenti al fine di soddisfare le singole esigenze. Le strategie di controllo possono essere modellate e modificate, così come nuove strategie di controllo possono essere incorporate facilmente nel sistema. La flessibilità ottenuta consente al sistema di adattarsi a diversi ambienti di produzione e di rispondere bene ai cambiamenti di obiettivo. Il contesto di partenza è quello dei sistemi di produzione automatici, ma lo studio può essere utilmente esteso ai sistemi organizzativi in generale. Un sistema decentralizzato delle decisioni può essere uno strumento per trattare i problemi, in generale di grandi dimensioni, di pianificazione e scheduling della produzione. Scheduling e controllo real-time Il traffico aereo negli ultimi anni è in costante crescita, in particolare dal 95 in poi l incremento è stato superiore ad ogni previsione. Purtroppo tale crescita non è accompagnata da un adeguato progresso nella capacità del sistema di controllo, ponendo così seri problemi al sistema del trasporto aereo. Inoltre le previsioni di crescita sul lungo periodo non possono far altro che prefigurare ulteriori aggravi a questa situazione già critica. La congestione sta gravemente condizionando il traffico sia nel Nord America che in Europa. Partendo dalle diverse politiche, per la gestione del traffico aereo, la Ground Holding Policy, attualmente utilizzata, e la Free Flight Policy, sulla quale si sta lavorando, ma ancora lontana dall essere messa in pratica, viene proposto un approccio decentralizzato per la gestione del traffico; che può essere vista una via di mezzo tra queste due teorie. Data la complessità generale del problema si può pensare ad una struttura di controllo decentralizzata, il cui modello è un sistema in cui le decisioni non sono prese solo da un supervisore, ma anche a più livelli, ovvero ad un sistema in cui le capacità decisionali sono distribuite. Nello specifico questo approccio consiste nel dividere lo spazio aereo in settori, in ognuno dei quali si identificano due agenti autonomi, l agente che controlla il settore e l agente velivolo. Questi scambiano informazioni per gestire il flusso aereo all interno del settore, solo l agente di controllo può però prendere decisioni a riguardo. Per far sì che la gestione di ogni singolo settore sia proficua per l intero spazio aereo, gli agenti coinvolti nelle decisioni devono cooperare e negoziare l un l altro, infatti decisioni prese a livello locale possono influenzare l intero sistema. E stato implementato un software per la gestione real-time del traffico aereo all interno di un settore. Lo scopo del lavoro è quello di simulare l evolvere degli eventi in una porzione di spazio aereo, implementando una tecnica di controllo che proponga nuovi re-instradamenti per quei voli coinvolti in problemi di congestione, situazione in cui sono violati i vincoli di sicurezza e/o si presentano dei ritardi. Il re-routing è una tecnica ancora poco utilizzata, per la quale non si hanno supporti alla decisione nella scelta della rotta ottimale. Così fino ad ora è usata solo per qualche volo. Si sono voluti stimare gli effetti di un controllo basato su questa tecnica, cercando di valutare per ogni re-routing la rotta ottimale. L algoritmo è stato testato sullo spazio aereo del centro-nord Italia, con situazioni di traffico diverse, generate variando la frequenza dei voli all interno del settore in esame. Un problema che si sta esaminando, ma che per la sua complessità, è ancora in via di studio è il controllo e la gestione degli aereomobili in ambito aereoportuale. Poiché il problema generale di scheduling, per casi applicativi significativi, risulta di dimensioni eccessive e non compatibili con i tempi di calcolo a disposizione, si adotterà il tradizionale approccio basato sulla decomposizione del problema, sull'individuazione di sottoproblemi ben strutturati e debolmente interagenti, sull'impiego di tecniche computazionalmente efficienti per risolvere i sottoproblemi e sul coordinamento nella pianificazione delle diverse parti che compongono il sistema.

7 Il modulo di supporto alle decisioni degli operatori aeroportuali deve essere in grado di evitare un incidente aereo in ambito aeroportuale grazie ad un intervento preventivo che agisce direttamente sugli azzardi, modificandone l evoluzione fino a renderli innocui per la sicurezza. Purtroppo nella realtà di oggi questo non è sufficiente, e si deve tenere conto anche di una serie di vincoli imposti dai fruitori e dai gestori dei servizi aeroportuali quali il rapporto costi\benefici, l Airport Arrivals Rate (AAR), le problematiche di gestione dei ritardi (GDP), solo per citare i principali. Pertanto abbiamo cercato di rappresentare i vincoli di cui sopra facendo in modo che tra tutte le soluzioni trovate venga scelta e quindi messa in pratica quella migliore, compatibilmente con i vincoli imposti, senza chiaramente intaccare il livello di sicurezza che resta il target principale. Il grafo delle alternative, è uno strumento estremamente flessibile che permette di modellare con estremo dettaglio numerosi vincoli che esistono nel mondo reale. Inoltre, il grafo delle alternative è stato applicato per risolvere efficacemente diversi problemi reali, in particolare è stato applicato al problema di controllare in real-time il traffico di una rete ferroviaria. Numerose analogie possono essere individuate tra il controllo real-time di una rete ferroviaria ed il problema del controllo real-time dei veicoli di un aereoporto. Dal punto di vista algoritmico, numerosi algoritmi sono stati sviluppati per risolvere problemi su generici grafi delle alternative, senza effettuare assunzioni sulle caratteristiche particolari del problema considerato. Gli algoritmi spaziano da semplici e veloci euristiche costruttive ad elaborati approcci metaeuristici, e permettono di ottenere soddisfacenti risultati su istanze di benchmark note in letteratura. Nell ultimo decennio, a causa dell aumento del traffico urbano e delle limitate capacità delle reti, si stanno sviluppando algoritmi per la gestione del traffico e per l instradamento dei veicoli.la tecnologia GPS, usata per monitorare la flotta nelle aree urbane, dà tramite una stazione di riferimento centrale, utili informazioni sulle posizioni dei vari veicoli. I correnti sistemi di instradamento dei veicoli sono semplici da un punto di vista algoritmico (calcolano il cammino minimo per la loro destinazione) ma lavorano su reti molto grandi. Per questo motivo è preferibile un approccio decentralizzato, nel quale ogni veicolo indipendentemente calcola il suo personale instradamento. Naturalmente, per limitare la congestione dovuta alle decisioni di ogni singolo veicolo è necessaria una stima dell eventuale traffico sui differenti percorsi. Proponiamo, quindi un approccio decentralizzato nel quale ogni veicolo calcola il suo instradamento sulla base delle informazioni del traffico fornite dalla stazione centrale. Per imporre ai veicoli di scegliere differenti percorsi, è necessario un aggiornamento del traffico basato anche su una previsione delle ipotetiche scelte apportate dai veicoli che richiedono informazioni sulla rete Problemi di ottimizzazione stocastica e deterministica Il problema affrontato consiste nel dimensionamento ottimo dei lotti in un sistema manifatturiero. Per lotto si intende un insieme di parti simili che vengono raggruppate prima di essere lavorate da una macchina. Tale raggruppamento risulta vantaggioso quando riesce a diminuire il tempo medio speso in coda da un generico pezzo e riduce l inoperatività delle macchine. Si tratta di un problema cruciale in quanto influisce pesantemente sul tempo medio di permanenza di tutte le parti nel sistema. Esiste un dimensionamento ottimo che riduce questo tempo al minimo, però non si conosce una forma chiusa per la funzione obiettivo (tempo medio speso nel sistema) e gli studi simulativi del sistema hanno mostrato la presenza di molti minimi locali. L individuazione di questa soluzione è un problema centrale nella pianificazione e controllo della produzione, e nasce dalla necessità di contemperare nel modo migliore due esigenze contrastanti: costi fissi e costi di immagazzinamento. Queste due voci di costo sono contrastanti, in quanto la prima spinge verso pochi lotti di produzione grandi ( in modo da non pagare troppo spesso i costi di set-up ), mentre per la seconda produrrebbe piccoli lotti per minimizzare i tempi di attesa. Risulta evidente che, se i lotti risultano troppo piccoli, la macchina è costretta a cambiare spesso tipo di prodotto rimanendo ferma per molto tempo; se invece sono troppo lunghi, i pezzi aspettano troppo prima di essere lavorati. Ne risulta un problema di ottimizzazione stocastica delicato a causa dell ambiente aleatorio in cui si opera. Per risolverlo ci si è avvalsi del Metodo del problema Surrogato che consiste nel trasformare il problema discreto di partenza in un problema analogo continuo. Il processo di ottimizzazione si effettua in ambito continuo e, ad ogni iterazione dell algoritmo, si aggiorna contemporaneamente il corrispondente stato discreto. Nella ricerca del valore ottimo, si deve prendere in considerazione l eventualità di determinare minimi locali, dai quali ci si deve spostare per individuare un valore migliore (ottimo globale). Per questo scopo si è utilizzato il calcolo del gradiente che, moltiplicato per un opportuno step, favorisce la convergenza all ottimo. Data la complessità della funzione obiettivo, bisogna prestare molta attenzione all aggiornamento dello step. L approccio del metodo del surrogato ha portato buoni risultati nel campo manifatturiero, e si è pensato di applicarla anche ad alcuni problemi di traffico urbano. In particolare l incremento della congestione del flusso veicolare sulle strade cittadine ed il correlato aumento dei costi diretti e indiretti, a carico sia dei singoli che della collettività, hanno contribuito a considerare il traffico quale uno tra i più importanti ed urgenti problemi da risolvere in ambito urbano. Oltre a problemi di inquinamento e di caos, una rete stradale ad alto rischio di congestinamento comporta: ritardi, incremento dell inquinamento atmosferico, perdita di tempo (e quindi anche perdite economiche) ed energia. Il problema studiato è quello della regolazione dei semafori, che può essere visto come un problema decisionale con variabili discrete (durata semaforica). Infatti la nostra funzione obiettivo (di cui non si conosce la forma chiusa) è stata

8 la minimizzazione del tempo medio di percorrenza nella rete di un singolo utente per raggiungere la sua destinazione. Uno studio preliminare, attraverso la simulazione, ha evidenziato una funzione obiettivo non convessa ma sicuramente più semplice del caso manifatturiero. I risultati preliminari sembrano evidenziare un ottimo funzionamento del metodo del surrogato anche per questa tipologia dei problemi Elenco delle pubblicazioni scientifiche 1 Adacher L., Agnetis A., Meloni C., Automous Agents Architectures and Algorithms in Flexible Manufacturing Systems. 1999, IIE Transaction, 32, (10), Adacher L., Detti P., Comparing Lagrangian-based distributed algorithms for parallel machine scheduling to apper on International Journal of Manufacturing Research. 3 Adacher L, Cassandras C., An On-Line Surrogate Problem Methodology for Lot Sizing Problems submitted to Journal of Optimization Theory and Application. 4 Adacher L., A decentralized approach for the real time air traffic control, submitted to IEEE Transactions on Intelligent Transportation Systems. 5 Adacher L., Boccadoro M., Martinelli F., Valigi P. Cooperative and Competitive Negotiation in a Supplì Chain Model CDC08, Conference on Decision and Control,Cancun, Mexico, December Adacher L., Flamini M., Nicosia G. Decentralized algorithms for multiple path routing in urban transportation network. TRISTAN V (Triennial Symposium on Transportation Analysis) Phuket Island, Thailand, June Adacher L., Martinelli F. and Piedimonte F. Production control of a supply chain node with uncertain capacity and demand CDC'06 Conference on Decision and Control, San Diego, Ca, USA. Dec Adacher L., Meloni C.; An agent based approach to the real time air traffic control IFAC Proceedings of 16th IFAC World Congress ( Praga luglio 2005). 9 Adacher L., Nicosia G., A decentralized route guidance algorithms in urban transportation network ICINCO st International Conference on Informatics in Control, Automation & Robotics. (Portogallo agosto 2004) 10 Adacher L., Pacciarelli D, Pauluzzi D., Pranzo M., Scheduling arrivals and departures in a busy airport.tristan V Triennial Symposium on Transportation Analysis ( Guadeloupe giugno 2004). 11 Adacher, P. Detti, C. Meloni A planning and routine model for the integrated supply chain management. Proceedings of IEEE SMC (Systems, Man and Cybernetics) ottobre Adacher L., Lucertini M., Meloni C., A decentralized approach to air traffic flow management, in Proceedings of the advanced workshop on ATM system architectures and CNS technologies needed to cope with the air traffic capacity problem, and related evaluation tools (ATM : Air Traffic Management) settembre Adacher L., Detti P., Nicolò F., Distributed Schemes on parallel machine. Proceedings of 1 st IFAC Workshop on Multi-Agent Systems in Production (MAS'99) dicembre Adacher L., Meloni C., Conceptual Modeling of Autonomous Agents paradigms in FMSs. Proceedings of 1 st IFAC Workshop on Multi-Agent Systems in Production (MAS'99) dicembre L. Adacher, A. Agnetis, P. Detti, D. Pacciarelli, Esercizi di Automazione Industriale, Consorzio NETTUNO, Pitagora Ed., Bologna, Adacher L., Martinelli F., Piedimonte F., A dynamic threshold policy to face capacity and demand variabilities in a supply chain node. Airo winter Cortina, gennaio Adacher L., Martinelli F., Distributed inventory policies for the control of uncertain supply chains orkshop: Ottimizzazione e controllo delle Supply Chain:Siena Ottobre Adacher L., Martinelli F., Gestione di magazzini in una catena logistica con fornitori e domanda soggetti a fluttuazioni. ANIPLA th Conference: Automazione per lo sviluppo e la competitività delle PMI.

9 19 AdacherL., Martinelli F., Controllo della produzione in un singolo nodo di una supply chain, caratterizzato da incertezza nella capacità e nella domanda, convegno CIRA, Milano Adacher L., Martinelli F., Politiche decentralizzate di gestione di un magazzino all'interno di una catena logistica di produzione, convegno CIRA, Tropea, Settembre L Adacher. F. Nicolò, G. Nicosia, AIRO Winter 2005 Production and Logistics Network Optimization Decentralized route guidance algorithms in urban transportation networks 22 Adacher L., Martinelli F., Distributed inventory policies for the control of uncertain supply chains Workshop: Ottimizzazione e controllo delle Supply Chain:Siena Ottobre Adacher L., Nicolò F., Nicosia G., Decentralized route guidance algorithms in urban transportation networks, Conferenza AIRO winter, Champoluc, Febbraio Adacher L., Martinelli F., Politiche decentralizzate di gestione di un magazzino all'interno di una catena logistica di produzione, convegno CIRA, Tropea, Settembre Adacher L., Martinelli F., Controllo decentralizzato di Supply Chain caratterizzate da domanda volatile, convegno CIRA, Villasimius Settembre Adacher, D. Pacciarelli, M. Pranzo, Controllo del traffico aeroportuale, Convegno CIRA, Modena, Settembre Adacher, C. G. Cassandrass Optimization approaches for lot sizing, Convegno CIRA Lecce, Settembre Adacher, M. Lucertini, Un approccio decentralizzato per il traffico aereo, Convegno CIRA Perugia, Settembre Adacher, P. Detti, F. Nicolò Tecniche di controllo decentralizzato di sistemi manifatturieri Convegno CIRA Torino Adacher, P. Detti, F. Nicolò, Parallel machines scheduling without complete information, Operational Research Society of Italy Annual Conference AIRO2000, Milano, Italy, September Adacher L., Agnetis A., Meloni C., Simulazione di un FMS gestito ad agenti autonomi. MURST Research Program: presentation of research activity. Napoli AIRO'99 Roma 25 ottobre 2008 Ludovica Adacher

CV DI ADACHER LUDOVICA

CV DI ADACHER LUDOVICA CV DI ADACHER LUDOVICA Dal 1 gennaio 2008 è ricercatore confermato nel settore scientifico disciplinare ING-INF/04 presso il dipartimento di Informatica ed Automazione dell Università degli studi Roma

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

Gestione dei flussi di traffico aereo

Gestione dei flussi di traffico aereo Gestione dei flussi di traffico aereo Daniele Vigo DEIS Università di Bologna 1 Trasporto aereo in Europa In tutto il mondo sono trasportate per via aerea merci per un valore di 1500 miliardi di dollari

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

Curriculum vitae del prof. Nicola Mazzocca

Curriculum vitae del prof. Nicola Mazzocca Curriculum vitae del prof. Nicola Mazzocca Attuale posizione accademica Nicola Mazzocca è professore ordinario di Sistemi di Elaborazione (settore ING INF/05) presso il Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Dati personali Nome e cognome: Davide D Amico Data di nascita: 03 Luglio 1974 Nazionalità : italiana Titoli di studio e culturali Master

Dettagli

Ing. Emanuela Guerriero Curriculum didattico scientifico

Ing. Emanuela Guerriero Curriculum didattico scientifico Ing. Emanuela Guerriero Curriculum didattico scientifico Curriculum vitae et studiorum Nata a Lecce il 03/08/1972; 1999 Laurea in Ingegneria Informatica, conseguita il 19/07/1999, presso l Università degli

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

RELAZIONE FASE I UNITÀ DI RICERCA DEL POLITECNICO DI TORINO

RELAZIONE FASE I UNITÀ DI RICERCA DEL POLITECNICO DI TORINO RELAZIONE FASE I UNITÀ DI RICERCA DEL POLITECNICO DI TORINO Il supply chain management è oggi un tema di indubbio interesse da parte sia della comunità scientifica che di quella industriale. Esso consiste

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1 Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1 Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente (Operante in

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Francesco Ramella

CURRICULUM VITAE di Francesco Ramella CURRICULUM VITAE di Francesco Ramella RÉSUMÉ Laureato a pieni voti in ingegneria meccanica/trasporti al Politecnico di Torino nel 1996, nel 2001 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca presso lo

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

SAFE AND EFFICIENT AIRPORT

SAFE AND EFFICIENT AIRPORT SAFE AND EFFICIENT AIRPORT Giovanni Andreatta Università di Padova Workshop CRUI ACARE Italia Napoli, 14 luglio 2006 1 Sommario Chi siamo Cosa facciamo Aeroporti SLAM Riferimenti 2 Chi siamo Professori:

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI GIOVANNI TOLETTI

CURRICULUM VITAE DI GIOVANNI TOLETTI CURRICULUM VITAE DI GIOVANNI TOLETTI Nome: Toletti Giovanni Data di nascita: 12 novembre 1970 Indirizzo: Via Norberto Bobbio 9, 20096 Pioltello (MI), Italy Telefono: +39 02 2399.2800 Fax: +39 02 2399.4083

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale. Classe LM-31 Ingegneria Gestionale. Ordine degli Studi 2014/2015

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale. Classe LM-31 Ingegneria Gestionale. Ordine degli Studi 2014/2015 Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Classe LM-31 Ingegneria Gestionale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I e II Obiettivi formativi specifici L ingegnere

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-08-Logistica

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO Dipartimento di Ingegneria dell Informazione ed Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Salerno ESIGENZE ATTUALI Aumento delle funzioni/prestazioni

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

1993 Dottorato di ricerca in Matematica per l analisi dei mercati finanziari conseguito presso l Università di Brescia (V ciclo).

1993 Dottorato di ricerca in Matematica per l analisi dei mercati finanziari conseguito presso l Università di Brescia (V ciclo). Carla NARDELLI e-mail: carla.nardelli@unibg.it Data di Nascita: 30/03/1963 Stato Civile: Libero Posizione di Ruolo Attuale: Professore Associato Confermato presso l' Università di Bergamo Formazione 1993

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Ingegneria Civile)

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Ingegneria Civile) 139 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Civile) Referente del Corso di Laurea - Prof. Giovanni Vannucchi (Tel. 0/479621 e-mail: giovan@dicea.unifi.it.) OBIETTIVI FORMATIVI Il corso

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 IPRASE propone in collaborazione con la Graduate School of Business del Politecnico di Milano, un percorso per i Dirigenti scolastici

Dettagli

1. Considerazioni preliminari

1. Considerazioni preliminari 1. Considerazioni preliminari Uno dei principali aspetti decisionali della gestione logistica è decidere dove localizzare nuove facility, come impianti, magazzini, rivenditori. Ad esempio, consideriamo

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

SEZIONE OTTAVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI ART. 1

SEZIONE OTTAVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI ART. 1 SEZIONE OTTAVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI ART. 1 Alla Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali afferiscono i seguenti corsi di laurea: a) corso di laurea quadriennale

Dettagli

giulia.lisena@rai.it / ing.glisena@gmail.com

giulia.lisena@rai.it / ing.glisena@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giulia Lisena Telefono 334-6215404 / 320-7503489 E-mail giulia.lisena@rai.it / ing.glisena@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita 11-05

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome: MAZZU SEBASTIANO E-mail: s.mazzu@unict.it Nazionalità: ITALIANA Data e luogo di nascita: 27/11/1967 - BARCELLONA POZZO DI GOTTO

Dettagli

a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale

a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale a.a 2012/2013 III MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Aziendale Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari

Dettagli

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL contenuti corsi C1 Diagnosi ad ultrasuoni per l efficienza energetica. Casi pratici dall industria farmaceutica, alimentare, di processo rilevamento di perdite

Dettagli

Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS

Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS (Corso da 60 ore, 6CFU) C.D.L. SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA C.D.L. SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI SECONDA FACOLTÀ

Dettagli

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities. Smart city. Intelligenza al servizio della sostenibilità. Intelligence.

L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities. Smart city. Intelligenza al servizio della sostenibilità. Intelligence. L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities Donatella Sciuto Smart city Intelligenza al servizio della sostenibilità Intelligence Sensors Model of the city Actuators Contesto urbano, sociale,

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO TRASPORTI E LOGISTICA Articolazione LOGISTICA Cos è la logistica Insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano i flussi di materiali e delle relative

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: DONATELLA FORTUNA Indirizzo: via Avellino n. 18, 82100, Benevento Telefono: 3491450428 Email: donatella.fortuna@unisannio.it Data di nascita: 29/07/1976 Luogo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione. Open Day 15 Febbraio 2014

Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione. Open Day 15 Febbraio 2014 Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione Open Day 15 Febbraio 2014 L Ingegneria dell Automazione E la scienza, la tecnica, la professione che si prefigge di progettare sistemi di controllo automatici,

Dettagli

INGEGNERIA GESTIONALE

INGEGNERIA GESTIONALE SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE INDICE Introduzione: il profilo dell Ingegnere Gestionale Informazioni generali sulla figura professionale e sulle caratteristiche

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE INTRODUZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Introduzione alla simulazione Una simulazione è l imitazione

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

Company Overview. Settembre 2015 www.pangeaformazione.it

Company Overview. Settembre 2015 www.pangeaformazione.it Company Overview Settembre 2015 www.pangeaformazione.it Chi siamo! L azienda Siamo specializzati nella progettazione di modelli statistico-matematici a supporto delle decisioni strategiche, fornendo anche

Dettagli

C u r r i c u l u m V i t a e. Simona Speranza Marta Cherubini

C u r r i c u l u m V i t a e. Simona Speranza Marta Cherubini INFORMAZIONI PERSONALI Nome Simona Speranza Marta Cherubini Indirizzo Studio: Via della Cerca n.14 25049 Iseo(BS) Residenza: Via Mirabella n.7 25064 Gussago (BS) Telefono 030/980129 366/6544488 Fax 030/7771332

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Candidato: Luigi Mauro Benvenuto

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Fabio Lamanna. Curriculum Vitae

Fabio Lamanna. Curriculum Vitae Fabio Lamanna Curriculum Vitae Profilo OmniTRANS PTV VISUM PTV VISSIM Attività 09/2013 - attuale Valutazione di Impatto sulla Viabilità dell attività commerciale in progetto presso Strada di Cattinara,

Dettagli

L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia

L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia Marco Vecchio ANIE Automazione Automazione Industriale Award Milano, 15 dicembre 2015 Federazione ANIE Federazione Nazionale Imprese

Dettagli

Luca Fumagalli Politecnico di Milano

Luca Fumagalli Politecnico di Milano Il nuovo manufacturing: come governare l evoluzione in chiave di riconfigurabilità ed integrazione Luca Fumagalli Politecnico di Milano 07/04/2016 Prof. Luca Fumagalli - POLITECNICO DI MILANO Il cambiamento

Dettagli

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria DIST - Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Marco Repetto, Massimo

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria gestionale

Bachelor of Science in Ingegneria gestionale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria gestionale www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di laurea Specialistica

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S)

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti

Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti Corsi di laurea specialistica sede di Venezia Guida della Facoltà di Economia a.a. 2004-0 Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti Classe di appartenenza: Classe delle lauree specialistiche

Dettagli

LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management

LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management IX edizione LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management Workshop a GENNAIO Forum esclusivi Perché formare in logistica Nel giro di 10 anni il comparto varrà dal 15% al

Dettagli

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Obiettivi di progetto (1/2) Il Comune di Genova nell ambito del progetto LO.SE, ha perseguito l obiettivo legato all

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome Indirizzo BRIANTE CLAUDIO 51/A, via Drizza 20020 Solaro (Mi) Telefono 02 61 29 13 32 Cellulare 347 33 42

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali FAOLTA DI INGEGNERIA ORSO DI LAUREA SPEIALISTIA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE LASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali Il orso di Laurea Specialistica in Ingegneria dell Automazione ha come

Dettagli

Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007. Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta

Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007. Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007 Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta DICo: seminario 16/01/07 Reply Reply è una società di Consulenza, System Integration, Application Management

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione. Dipartimento di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione. Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione Dipartimento di Ingegneria Obiettivo didattico INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE La Laurea

Dettagli

Collaborazione estesa delle supply chain

Collaborazione estesa delle supply chain Il progetto di ricerca FLUID-WIN nell ambito del sesto Programma Quadro Panoramica generale Integrazione dei fornitori di servizio di terze parti con l intera Trend dell economia globale La globalizzazione

Dettagli

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR?

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR? La Comunità Europea presenta EPIQR. Questo software nasce per ripensare e migliorare la gestione degli immobili, sensibilizzando in particolare sugli aspetti energetici e di qualità dell ambiente interno

Dettagli

Teoria ed esercitazioni di Automazione Industriale

Teoria ed esercitazioni di Automazione Industriale POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Automatica e Informatica Fabio Balduzzi Teoria ed esercitazioni di Automazione Industriale Diploma Universitario a Distanza in Ingegneria Logistica e della Produzione

Dettagli

a.a 2010/2011 VIII MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Pubblico

a.a 2010/2011 VIII MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Pubblico a.a 2010/2011 VIII MODULO Pianificazione, gestione e controllo della spesa Area Pubblico Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT. Classe L-18 Insegnamento di STATISTICA

FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT. Classe L-18 Insegnamento di STATISTICA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT Classe L-18 Insegnamento di STATISTICA SSD:SECS-S/01 CFU 6 A.A. 2014-2015 Docente: Prof. GABRIELE SERAFINI E-mail: gabriele.serafini@unicusano.it

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ZONATO CRISTINA Data di nascita 6 FEBBRAIO 1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale COLLABORATORE

Dettagli

I KPI: Il punto nave logistico

I KPI: Il punto nave logistico I KPI: Il punto nave logistico Global Logistics & Manufacturing 12 Novembre 2014 Gabriele Costetti Knowledge Manager Stima e realtà: un po di storia 1707 Il disastro delle Isole Scilly: 4 navi da guerra

Dettagli