Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto"

Transcript

1 Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Energia per Kyoto energie rinnovabili, decentramento, efficienza energetica Milano, 4 Novembre

2 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -2-

3 Introduzione Ambiente, Sviluppo, Crescita e Progresso: connubio possibile? AMBIENTE Tutto ciò che, essendo esterno ad un determinato sistema, può influenzarlo Comprende anche componenti sociali, economiche e culturali SVILUPPO indica la serie di cambiamenti con cui un sistema evolve verso uno stadio più complesso Fenomeno durevole nel tempo consistente nella crescita di alcune variabili reali del sistema: produzione, consumi, investimenti, occupazione CRESCITA La crescita economica è un fenomeno inerente soprattutto ai sistemi economici moderni, caratterizzato da un incremento che riguarda la ricchezza, i consumi, la produzione di merci, l'erogazione di servizi, l'occupazione, il capitale, la ricerca scientifica, le nuove applicazioni tecnologiche PROGRESSO è il generale avanzamento nelle scienze, nella tecnica, nell organizzazione sociale tecnica ed economica l acquisizione di conoscenze che permette l uso di nuovi processi produttivi o la produzione di nuovi beni -3-

4 Introduzione Cambiamenti Climatici ed Effetto Serra CAMBIAMENTI CLIMATICI A change of climate which is attributed directly or indirectly to human activity that alters the composition of the global atmosphere and which is in addition to natural climate variability observed over comparable time periods (IPCC 1995) Variazione statisticamente significativa dello stato medio del clima o della sua variabilità, persistente per un periodo esteso (tipicamente decenni o di più) Legati ad un aumento in intensità e frequenza dei fenomeni estremi (uragani, inondazioni), aumento del livello dei mari, perdita di biodiversità, desertificazione Dovuti a cause naturali e anche all azione dell uomo EFFETTO SERRA Fenomeno naturale che permette il riscaldamento dell atmosfera terreste fino ad una temperatura adatta alla vita Provocato da alcuni gas presenti nell atmosfera capaci di assorbire una parte di raggi infrarossi emessi dal suolo e dagli oceani L aumento della concentrazione dei gas serra presenti nell atmosfera genera un aumento dell effetto serra e un anomalo aumento della temperatura atmosfera -4-

5 Introduzione Cambiamenti Climatici ed Effetto Serra -5-

6 Introduzione Cambiamenti Climatici ed Effetto Serra -6-

7 Introduzione Sviluppo Sostenibile: una necessità presente e futura Sustainable development is development that meets the needs of the present without compromising the ability of future generations to meet their own needs Un processo di cambiamento per cui lo sfruttamento delle risorse, la direzione degli investimenti, l orientamento dello sviluppo tecnologico e i mutamenti istituzionali sono armonizzati cosi da tenere conto sia delle necessità presenti che di quelle future Equità Infra generazionale: parità di accesso alle risorse da parte degli attuali cittadini del pianeta indipendentemente dalla loro provenienza Equità Inter generazionale: dovere delle generazioni presenti di garantire pari opportunità alle generazioni future -7-

8 Introduzione Le emissioni e la crescita economica Fonte: Rapporto IPCC

9 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -9-

10 Introduzione Clima: Il Framework Internazionale 1987 Rapporto Bruntland World Commission on Environment and Development (UN) 1988 Risoluzione 43/53 UN GA Intergovernmental Panel on Climate Change presso WMO e UNEP 1989 Risoluzione 44/207 UN GA Processo di negoziazione 1990 IPCC First Assessment Report 1992 United Nations Framework Convention on Climate Change 1997 Protocollo di Kyoto 2002 Recepimento normativo del Protocollo di Kyoto nella UE 2003 European Union Emissions Trading Scheme 2005 Il Protocollo di Kyoto entra in vigore 2008 European Climate Energy Package Accordo internazionale post Kyoto -10-

11 UNFCCC Convenzione: un framework di partenza UNFCCC PERIMETRO: Quadro di riferimento per l impegno internazionale nella lotta ai cambiamenti climatici Riconoscimento cause antropogeniche dei cambiamenti climatici Partecipazione universale (193 paesi aderenti + 1 area di integrazione economica) OBIETTIVO Stabilizzare le emissioni di gas ad effetto serra in atmosfera ai livelli del 1990 entro il 2000 ai fini di evitare i cambiamenti climatici antropogenici più rischiosi PRINCIPI: Common but differenciated responsibilities Tutela dei paesi più vulnerabili Azione preventiva Compatibilità con lo sviluppo sostenibile Cooperazione e no utilizzo strumentale a fini commerciali Adottata 9 maggio 1992 Aperta alla firma: giugno 1992 al giugno 1993 (166 Paesi firmatari) Entrata in vigore: 21 marzo 1994, dopo il deposito a New York del 50 strumento di ratifica nazionale -11-

12 UNFCCC Convenzione: impegni I PAESI CHE RATIFICANO LA CONVENZIONE SI IMPEGNANO A: Realizzare e condividere a livello internazionale il proprio inventario delle emissioni Formulare, realizzare, comunicare e aggiornare politiche per il clima Trasferimento tecnologico nel campo dell ENERGIA, TRASPORTI, INDUSTRIA, AGRICOLTURA, FORESTE, GESTIONE RIFIUTI Cooperare nell adattamento agli impatti dei cambiamenti climatici (zone costriere, gestione riserve idriche e agricoltura, zone desertificate specie in Africa) Minimizzare gli impatti economici della lotta ai cambiamenti climatici Cooperazione scientifica e tecnologica, diffusione dell informazione e formazione I PAESI INDUSTRIALIZZATI INCLUSE LE ECONOMIE IN VIA DI TRANSIZIONE (PAESI ANNEX I) SI IMPEGNANO INOLTRE A: Assumere la leadership nelle azioni di mitigazione Riportare le emissioni antropogeniche ai livello del 1990 e riferire regolarmente delle proprie iniziative alla comunità internazionale I PAESI DONATORI (PAESI ANNEX II) SI IMPEGNANO ANCHE A: Fornire assistenza ai PVS e rendere disponibili le risorse finanziarie necessarie alla lotta ai cambiamenti climatici Finanziare lo sviluppo e il trasferimento delle tecnologie a basso contenuto di carbonio Sostenere I paesi più vulnerabili (Isole, zone costiere, landlock countries,etc.) -12-

13 UNFCCC Convenzione: Paesi Annex I EU 27 Austria Belgio Bulgaria Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Gran Bretagna Grecia Irlanda Islanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Olanda Polonia Portogallo Repubblica Ceca Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Ungheria EUROPA NON UE Croatia Liechtenstein Monaco Norvegia Svizzera Federazione Russa Ucraina ALTRI Nuova Zelanda Australia Canada Giappone -13-

14 UNFCCC Gli Organi della Convenzione CONFERENZA DELLE PARTI: Principale organismo decisionale, costituito dall associacione di tutti i Paesi ratificatori Responsabile di mantenere la lotta al clima sul giusto percorso, valutando le misure adottata dai singoli paesi Si riunisce una volta l anno, a rotazione nelle 5 regioni ONU (Dicembre) ORGANI SUSSIDIARI (si riuniscono 2 volte l anno, una in concomitanza con la COP, l altra a giugno a Bonn) SUBSIDIARY BODY FOR IMPLEMENTATION (SBI): Supporto alla COP nell implementazione della convenzione Sorveglianza dei meccanismi finanziari SUBSIDIARY BODY FOR SCIENTIFIC AND TECHNOLOGICAL ADVICE (SBSTA) Assistenza alla COP su tematiche tecniche Conslenza metodologia e raccordo con l IPCC Ad hoc Working Groups a fini speciali: AWG on Long term Cooperative Actions (AWG LCA): negoziato Bali Road Map SEGRETARIATO: Organo operativo di supporto tecnico amministrativo MECCANISMO DI COMPLIANCE NON PREVISTO -14-

15 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -15-

16 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Uno strumento comune per dare piena attuazione alla Convenzione PERIMETRO: La Convenzione, di cui costituisce uno strumento di attuazione Partecipazione universale (189 paesi aderenti + 1 area di integrazione economica) OBIETTIVO: Vincolare i paesi industrializzati (Paesi Annex I) a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra per un totale del 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo La Convenzione incoraggia Il Protocollo vincola PRINCIPI: Obiettivo complessivo definito su basi scientifiche: speranza di farcela Ripartizione dell obiettivo in base alle responsabilità storiche, secondo criteri validi nel : ripartizione dell obiettivo non universale Idea che un meccanismo di mercato globale potesse fungere da incentivo allo sviluppo delle tecnologie pulite (approccio USA prevalente rispetto all approccio UE protassazione) -16- Adottato 11 Decembre1997 Entrato in vigore 16 febbraio 2005 Regole dettagliate di attuazione adottate nel 2001 Marrakesh Accords

17 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili L Unione Europea e l entrata in vigore del Protocollo di Kyoto IL PROTOCOLLO DI KYOTO ENTRA IN VIGORE IL 16 FEBBRAIO 2005 dopo 90 giorni dalla ratifica della Russia -17-

18 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Gli Organi del Protocollo di Kyoto CONFERENCE OF THE PARTIES SERVING AS THE MEETING OF THE PARTIES TO THE KYOTO PROTOCOL (CMP): Principale organismo decisionale, costituito dall associacione di tutti i Paesi ratificatori Si riunisce una volta l anno, in concomitanza con la COP ORGANI SUSSIDIARI SUBSIDIARY BODY FOR IMPLEMENTATION (SBI): Supporto nell implementazione del Protocollo Sorveglianza dei meccanismi finanziari SUBSIDIARY BODY FOR SCIENTIFIC AND TECHNOLOGICAL ADVICE (SBSTA) Assistenza su tematiche tecniche, Conslenza metodologia e raccordo con l IPCC Ad hoc Working Groups a fini speciali: AWG KP: per definire periodi di obbligo successivi ed altre evoluzione del Protocollo ORGANI OPERATIVI CDM EXECUTIVE BOARD Gestione del meccanismo di progetto Joint Implementation Supervisory Committee (JISC) supervisione trak 2 JI COMPLIANCE COMMITTEE SEGRETARIATO: stesso della COP: Organo operativo di supporto tecnico amministrativo -18-

19 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Principali obiettivi del Protocollo di Kyoto RIDURRE GREENHOUSE GASES SVILUPPARE CLEAN TECHNOLOGY FAVORIRE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE c c -19-

20 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Teoria economica al servizio dell ambiente OBIETTIVO PER LA COMUNITA INTERNAZIONALE: ridurre le emissioni di gas a effetto per fermare i cambiamenti climatici TASSE? Prevedibilità Mancanza meccanismi internazionali di riscossione e quantificazione MERCATO? Efficienza economica Coinvolgimento privato Autonomia versus centralizzazione Precedenti esperienze DIVIETO? IMPRATICABILE. CAP & TRADE INTERNAZIONALE -20-

21 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Riduzioni reali: i gas da ridurre, i settori coinvolti Anidride carbonica utilizzo dei combustibili fossili deforestazione Metano Produzione e raffinazione carbone, petrolio e gas Rifiuti organici e discariche allevamento Perfluorocarburi Industria dell alluminio Elettronica POTENZIALE CLIMALTERANTE 1 t CO2 = 1 t CO2eq 1 t CH4 = 21 t CO2eq 1 t N2O = 295 t CO2eq 1 t PFC = Fino a t CO2eq 1 t HFC = Fino a t CO2eq 1 t SF6 = t CO2eq CO 2 CH 4 N 2 O PFC (cfr. Annex A del Protocollo di Kyoto) SF 6 HFC Ossido di azoto Industria chimica Generatori catalitici Fertilizzanti e rifiuti animali Esafluoruro di zolfo Electrical Switch Gear Produzione di magnesio -21- Idrofluorocarburi Refrigerazione Condizionamento

22 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Quanto sono coinvolte le fonti di energia tradizionali? PROTOCOLLO DI KYOTO = CAMBIARE FONTI DI ENERGIA A LIVELLO MONDIALE -22-

23 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Protocollo di Kyoto: un sistema di Cap&Trade Internazionale Tetto complessivo alle emissioni stabilito collettivamente su base scientifica, rispetto ad un comune anno base ed in base ad una metrica comune (tonnellate di CO 2 equivalente) Un periodo di obbligo pre definito: Ripartizione individuale ai singoli paesi di propri specifici target (tetti di emissione o assigned ammount) conteggiati sulla base delle informazioni che i Paesi stessi, in base alla United Nations Framework Convention on Climate Change, forniscono attraverso le Comunicazioni Nazionali e la realizzazione del proprio inventario nazionale delle emissioni. Assegnazione ad ogni Paese Annex I, all inizio del periodo di obbligo (da parte del Segretariato UNFCCC) una certa quantità di diritti di emissione in forma di titoli scambiabili (Assigned Ammount Units AAU), c.d. crediti di carbonio, ciascuno corrispondente a 1 tonnellata di CO2 equivalente. Meccanismo di compliance: alla fine del periodo di riferimento, il Paese assegnatario dovrà restituire alle autorità internazionali tanti crediti di carbonio quante saranno le effettive emissioni registrate nel corso del quinquennio. Contabilità delle quote di emissioni: tenuta attraverso registri nazionali collegati ad un registro internazionale centrale, c.d. International Transaction Log (ITL). -23-

24 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Raggiungere gli obiettivi: misure interne e meccanismi flessibili Due vie complementari per raggiungere gli obiettivi: misure interne di riduzione delle emissioni attuando misure nel campo di: energia, rifiuti, trasporti, industria, agricoltura, gestione dei sink di assorbimento misure esterne: i meccanismi flessibili International Emission Trading, possibilità di scambiare diritti di emissione tra paesi (AAU Assigned Amount Unit) CAP&TRADE Clean Development Mechanism (CDM), che genera 1 CER (Certified Emission Reduction) per ogni tco2eq di emissioni risparmiata in un paese in via di sviluppo BASELINE&CREDIT Joint implementation (JI), che genera 1 ERU (Emission Reduction Unit) per ogni tco2eq di emissioni risparmiata in un paese con economia in transizione BASELINE&CREDIT -24-

25 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili International Emission Trading AAUs Acquisto di diritti di emissione da parte di un Paese Annex I in deficit da un altro Paese Annex I SOLO TRA PAESI TRUE PERIOD NEL

26 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Paesi Annex I idonei all International Emission Trading EU 27 Austria Belgio Bulgaria Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Gran Bretagna Grecia Irlanda Islanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Olanda Polonia Portogallo Repubblica Ceca Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Ungheria EUROPA NON UE Croatia Liechtenstein Monaco Norvegia Svizzera Federazione Russa Ucraina ALTRI Nuova Zelanda Australia Canada Giappone NON HANNO RATIFICATO IL PROTOCOLLO E QUINDI NON POSSONO PARTECIPARE AL CDM SOLO GLI STATI UNITI -26-

27 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili I meccanismi flessibili di progetto: ridurre le emissioni al minor costo di sistema Clean Development Mechanism e Joint Implementation Meccanismi flessibili di progetto disciplinato dagli Articoli 6 e 12 del Protocollo di Kyoto Consentono di ridurre le emissioni globali di gas serra sfruttando il costo opportunità di investire ove i costi di riduzione sono inferiori a parità di beneficio ambientale grazie ad un meccanismo di mercato che rende protagoniste le imprese sostenendo il trasferimento di tecnologie pulite e know how da Paesi Industrializzati apaesi in Via di Sviluppo ed Economie in Transizione -27-

28 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Come funziona il CDM Crediti di riduzione di emissioni (1 CER = 1 tco 2 eq risparmiata) tecnologia Paesi in Via di Sviluppo ed economie emergenti che hanno ratificato il Protocollo di Kyoto Investimento di un Paese industrializzato in un Paese in Via di Sviluppo per progetti di riduzione delle emissioni -28-

29 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Paesi Non Annex I eleggibili ai CDM AMERICA CENTRALE ANTIGUA AND BARBUDA BAHAMAS BARBADOS BELIZE COSTA RICA EUROPA ALBANIA BOSNIA & HERZG. MONTENEGRO CUBA DOMINICA DOMINICAN REPUBLIC EL SALVADOR MOLDOVA SERBIA MACEDONIA CYPRUS LEBANON MALAYSIA MALDIVES GRENADA GUATEMALA AMERICA DEL SUD HAITI HONDURAS ARGENTINA JAMAICA BOLIVIA MEXICO BRAZIL NICARAGUA CHILE PANAMA COLOMBIA SAINT KITTS AND NEVIS ECUADOR SAINT LUCIA GUYANA TRINIDAD AND TOBAGO PARAGUAY PERU SAINT VINCENT AND THE GRENADINES SURINAME URUGUAY VENEZUELA MALTA ALGERIA ANGOLA BENIN BOTSWANA BURKINA FASO BURUNDI CAMEROON CAPE VERDE CENTRAL AFRICAN REP. COMOROS CONGO COTE D'IVOIRE DEM. REP CONGO DJIBOUTI SAO TOMÉ &PRINC SENEGAL SEYCHELLES SIERRA LEONE SOUTH AFRICA SUDAN SWAZILAND -29- ZAMBIA (Cfr. Documento ufficiale UNFCCC Status of Ratification of the Kyoto Protocol EGYPT EQUAT. GUINEA ERITREA ETHIOPIA GABON GAMBIA GHANA GUINEA GUINEA-BISSAU KENYA LESOTHO LIBERIA AFRICA LIBYA MADAGASCAR MALAWI MALI MAURITANIA MAURITIUS MOROCCO MOZAMBIQUE NAMIBIA NIGER NIGERIA RWANDA TOGO TUNISIA UGANDA UNITED REPUBLIC OF TANZANIA ARMENIA AZERBAIJAN BAHRAIN BANGLADESH BHUTAN CAMBODIA CHINA DEM. PEO. REP. OF KOREA GEORGIA INDIA INDONESIA IRAN ISRAEL JORDAN KUWAIT ASIA KYRGYZSTAN LAO DEM PEOP REP MONGOLIA MYANMAR NEPAL OMAN PAKISTAN PHILIPPINES QATAR REPUBLIC OF KOREA SAUDI ARABIA SINGAPORE SRI LANKA SYRIA THAILAND TIMOR-LESTE TURKMENISTAN UNITED ARAB EMIRATES UZBEKISTAN VIET NAM YEMEN OCEANIA COOK ISLANDS FIJI KIRIBATI MARSHALL ISLANDS MICRONESIA (FEDERATED STATES OF) NAURU NIUE PALAU PAPUA NEW GUINEA SAMOA SOLOMON ISLANDS TONGA TUVALU VANUATU

30 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Come funziona il JI Unità di Riduzione delle Emissioni (1 AAU=>1 ERU = 1 tco 2 eq evitata) X tecnologia Paese Annex I che hanno ratificato il Protocollo di Kyoto Investimento di un Paese industrializzato in un ALTRO Paese industrializzato per progetti di riduzione delle emissioni -30-

31 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Paesi Annex I riconosciuti idonei al JI EU 27 Austria Belgio Bulgaria Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Gran Bretagna Grecia Irlanda Islanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Olanda Polonia Portogallo Repubblica Ceca Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Ungheria EUROPA NON UE Croatia Liechtenstein Monaco Norvegia Svizzera Federazione Russa Ucraina ALTRI Nuova Zelanda Australia Canada Giappone NON HANNO RATIFICATO IL PROTOCOLLO E QUINDI NON POSSONO PARTECIPARE AL CDM SOLO GLI STATI UNITI -31-

32 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Come funzionano gli scambi Restituzione AAU-ERU-RMU-CER Fine periodo di obbligo Protocollo di Kyoto Autorità internazionali competenti Restituzione AAU-ERU-RMU-CER Fine periodo di obbligo Paesi Annex B (Paesi industrializzati e principali economie in transizione) Trading di AAU-ERU-RMU-CER Durante il periodo di obbligo Paesi Annex B (Paesi industrializzati e principali economie in transizione) Paesi non Annex B (PVS, incluse economie emergenti) -32-

33 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Opzioni per un Governo nazionale Stimolare o obbligare il proprio tessuto produttivo a ridurre le emissioni climalteranti Autorizzare il proprio tessuto produttivo a partecipare a progetti CDM e JI per ottenerne i crediti Finanziare direttamente progetti CDM e JI, anche se non sviluppati da imprese nazionali, e assicurarsi la Proprietà dei crediti generati Acquistare crediti sul mercato Cedere crediti ad altri paesi o imprese ospitando progetti JI (in caso il Paese abbia un surplus di diritti di emissione rispetto ai propri livelli reali di emissione) Vendere propri crediti di emissione (in caso il Paese abbia un surplus di diritti di emissione rispetto ai propri livelli reali di emissione) Conservare (cosiddetto banking ) i propri crediti di emissione afferenti al periodo di obbligo per utilizzarli in successivi periodi di obbligo post

34 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Conseguenze per l inadempienza: COMPLIANCE Meccanismo ad hoc per la risoluzione delle controversie (compliance system) Solo per i Paesi Annex I All inizio del 2015, periodo della verità e consegna Rapporto Finale in base al quale le Autorità internazionali competenti determinano l adempimento dal Paese rispetto ai criteri di idoneità e agli obblighi previsti dell articolo 3.1 del Protocollo di Kyoto (riduzione delle emissioni). Sanzioni: Sospensione della partecipazione ai meccanismi di flessibilità. Anche prima del 2015 in caso di inadempienza con gli obblighi di informazione ( realizzazione dell inventario, registri delle Foreste, mantenimento di un registro delle emissioni, Comunicazioni Nazionali e dei Rapporti Annuali); Per l inadempienza agli obblighi di riduzione al termine del periodo di adempimento. o Sottrazione dalle quantità assegnate per il periodo di adempimento successivo (post 2012) di un quantitativo pari all ammontare di quote in eccesso aumentato del 30%; o Richiesta di adozione di un piano nazionale di adempimento adeguato; o Sospensione dell idoneità a trasferire le unità di riduzione nell ambito del meccanismo di flessibilità International Emission Trading, di cui all art. 17 del Protocollo di Kyoto. -34-

35 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Quali progetti generano crediti TUTTI I PROGETTI CHE UTILIZZINO TECNOLOGIE, PRODOTTI E PROCESSI IN GRADO DI RIDURRE L USO DI COMBUSTIBILI FOSSILI RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS SERRA DA RIFIUTI AUMENTARE L EFFICIENZA ENERGETICA DEI PROCESSI INDUSTRIALI E DEI CONSUMI FINALI CIVILI RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS SERRA DI PROCESSI AGRICOLI E INDUSTRIALI AUMENTARE I BACINI FORESTALI IN GRADO DI ASSORBIRE GAS SERRA -35-

36 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili I vantaggi economici per chi sviluppa progetti nell ambito del CDM LA MAGGIOR PARTE DEI PROGETTI RIDUCE TRA E TONNELLATE DI GAS SERRA L ANNO OGNI TONNELLATA DI EMISSIONI RIDOTTA DA UN PROGETTO CDM DA ORIGINE A UN TITOLO CER Certified Emission Reduction DOTATO DI UN VALORE DI MERCATO VARIABILE TRA 7 E 15 EURO PREZZO AL 3 NOVEMBRE PARI A 6,5 PER CER! A SECONDA DI QUANDO VIENE MESSO SUL MERCATO I CREDITI POSSONO ESSERE VENDUTI O UTILIZZATI COME GARANZIA PER OTTENERE CREDITO E INVESTIMENTI NEL CAPITALE DEI PROGETTI -36-

37 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -37-

38 Avevamo cominciato da qui 1992 United Nations Framework Convention on Climate Change 1997 Protocollo di Kyoto 2002 Recepimento normativo del Protocollo di Kyoto nella UE 2003 European Union Emissions Trading Scheme 2005 Il Protocollo di Kyoto entra in vigore 2008 European Climate Energy Package Accordo internazionale post 2012 SISTEMA INTERNAZIONALE CAP & TRADE CHE STA STIMOLANDO UNA RIVOLUZIONE TECNOLOGICA INDUSTRIALE ENERGETICA PER RIDURRE LE EMISSIONI CLIMALTERANTI -38-

39 Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione: caratteristiche generali EU Emission Trading Scheme: una misura interna europea speculare al PK 2003: prima misura UE vincolante e armonizzata su CLIMA ED ENERGIA I Paesi dell Unione Europea (UE 15) ratificano il Protocollo di Kyoto congiuntamente, rinegoziando tra loro la percentuale delle riduzioni da realizzare in ciascun paese per raggiungere il comune obiettivo del 8% rispetto ai livelli del 1990 (Decisione 2002/358/CE, Burden Sharing Agreement). Per facilitare il raggiungimento del target, l UE si dota di un importante misura interna tesa a ridurre le emissioni nei settori industriali di maggiore impatto sui cambiamenti climatici, il cosiddetto sistema comunitario di scambio di quote di emissione (Direttiva 2003/87/CE, European Union Emissions Trading Scheme EU ETS). L EU ETS trasferisce parte della responsabilità europea nel raggiungimento dei propri obiettivi Kyoto ai soggetti privati effettivamente responsabili delle emissioni L EU ETS non riguarda gli Stati nazionali, bensì gli impianti industriali più inquinanti afferenti a specifici settori produttivi attività energetiche, produzione e trasformazione dei metalli, industria dei prodotti minerali (cemento, ceramica e vetro), industria della carta che insieme contribuiscono per circa il 52% alle emissioni complessive europee. -39-

40 Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione: caratteristiche generali Burden sharing agreement Target Decisione 2002/358/CE del Consiglio Europeo (Burden Sharing Agreeement) specifica quanta di questa riduzione spetti a ciascun Stato Membro rispetto ai livelli del ,5-21 Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia Germania Grecia Italia -6,5 Irlanda Lussemburgo Olanda Portogallo Spagna Svezia UK e Irlanda del Nord -12,5

41 Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione: caratteristiche generali Approccio normativo da sperimentare, il motore di un nuovo mercato : 1 periodo pilota : 2 periodo fase Kyoto : 3 periodo leader oltre Kyoto Circa impianti in EU: quote anno Circa il 40% delle emissioni europee Domanda europea: motore del mercato internazionale del carbonio e motore per la formazione di un prezzo per la CO 2 (dati World Bank 2010) -41-

42 Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione: caratteristiche generali Nel corso del tempo la normativa evolve Direttiva 2003/87/CE: nasce il Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione (EU ETS) per controllare le emissioni di CO2 dei settori a più alta intensità di carbonio Direttiva 2004/101/CE: l EU ETS apre le porte ai crediti di emissione internazionali Direttiva 2008/101/CE: l aviazione entra nell EU ETS Direttiva 2009/29/CE: nuovi gas e nuovi settori, più centralizzazione a livello europeo 2009: Decisione Effort Sharing: non solo settori industriali -42-

43 e si integra in un programma europeo più ampio e più armonizzato Pacchetto Europeo Clima Energia: per ridurre le emissioni c è bisogno di rinnovabili ed efficienza energetica RIDUZIONE DELLE EMISSIONI EFFICIENZA ENERGETICA RINNOVABILI -43-

44 Pacchetto UE Clima Energia Un percorso che viene da lontano 1997: White Paper on a Community Strategy and Action Plan for renewable energy 1997: KP agreed 2000: EC lancia European Climate Change Programme (ECCP I) 2001: prima Direttiva RES 2002: EU first Energy Performance of Buildings Directive (EPBD). 2003: prima Direttiva ETS prima Direttiva Biocombustibili 2004: Industrial market opens up to competition 2005: EU ETS (1 periodo) Secondo European Climate Change Programme (ECCP II) 2006: Commission presents Action Plan for Energy Efficiency 2007: Consiglio EU: endorcement politico al Consiglio UE decide per pacchetto migliorativo mercato liberalizzato di gas ed elettricità (Unbundling) Proposte della Commissione: CCS, ETS, ES, RES, EE Commission Strategic Energy Technology plan (SET Plan) EU MS Plans on EE to EC 2005: KP enforced 2007: BAP -44-

45 Pacchetto UE Clima Energia Un percorso che viene da lontano 2008: EU Climate and Energy Package: political agreement Commission issues a Communication on CCS dem.projs 2009: EU Climate and Energy Package inforced Revised Energy Performance of Buildings Directive & EU agrees on Energy Label EU adopts third internal energy market package 2009: COP Copenhagen 2011: Commission to present new Energy Efficiency Action Plan 2013: Revised Emissions Trading Scheme comes into force 2015: target large scale demonstration projects to be launched for coal and gas fired power plants. 2018: Public buildings to have nearly zero energy standards 2020: All new coal fired plants should include CCS technology. Existing plants to be 'retrofitted' subsequently. All new buildings to be nearly zero energy. EU objective for : 2 CP KP? 2020: New agreement? -45-

46 Pacchetto UE Clima Energia Gli obiettivi 1. Riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, per il quale l UE si è data un obiettivo vincolante di riduzione pari al 20% al 2020 rispetto alle emissioni del Quest impegno è il contributo europeo unilaterale alla lotta globale ai cambiamenti climatici ma potrebbe essere aumentato al 30% a fronte dell assunzione di impegni simili da parte degli altri paesi maggiori emettitori (USA, Cina e gli altri paesi industrializzati ed in via di industrializzazione). 2. Incremento delle rinnovabili nel mix dei consumi energetici europei. L Europa si e in questo ambito impegnata a portare al 20% la quota delle energie rinnovabili nei propri consumi, ripartendo l impegno tra i 27 paesi membri. 3. Incrementare l efficienza energetica. Su questo l UE si è data l obiettivo di ridurre del 20% i propri consumi di energia al Tale obiettivo non e stato inserito dentro uno specifico strumento normativo ma è stato indicato quale auspicato risultato di una strategia comune ed integrata ai due precedenti pilastri. Tra le misure specificamente dedicate: l aumento dell efficienza energetica negli impianti di produzione di energia elettrica, incentivi ai servizi energetici, meccanismi specifici di finanziamento a favore di prodotti più efficienti. -46-

47 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -47-

48 Cancùn Agreements: come si è arrivati COP15 Il fallimento di Copenhagen 15 Conferenza delle Parti della UNFCCC Copenhagen 7 18 Dicembre 2009 Obiettivo: Nella capitale danese era attesa la conclusione del percorso iniziato a Montreal nel 2005 e continuato a Bali nel 2007 inerente il futuro della lotta ai cambiamenti climatici a livello globale e la possibilità di estensione del Protocollo di Kyoto Risultato: Copenhagen Accord accordo politico e non vincolante in quanto non approvato in sede di COP Tale accordo è stato raggiunto attraverso la negoziazione di Usa, Brasile, India, Cina e Sud Africa Riconosce la necessità dell obiettivo di 2 C Prevede che i Paesi Annex I definiscano i propri target di riduzione al 2020 e supportino finanziariamente i Paesi in Via di Sviluppo nel perseguire le attività di mitigazione Prevede l istituzione del Copenhagen Green Climate Fund (30 MLD e 100 MLD al 2020) Prevede che il dibattito continui in ambito di AWG KP e AWG LCA -48- e l Europa?

49 Cancùn Agreements: come si è arrivati COP16 Cancùn Conferenza delle Parti della UNFCCC Cancùn Dicembre 2010 Obiettivi Evitare l empasse negoziale verificatasi a Copenhagen nel 2009 Porre le basi per il raggiungimento di un futuro accordo Post Kyoto Rilanciare il processo clima a livello internazionale Risultato Stipula dei Cancùn Agreements Pacchetto di accordi vincolanti approvati ufficialemente in sede di COP -49-

50 Cancùn Agreements Un pacchetto che rilancia il processo clima AWG KP Intesa: no gap tra primo e secondo periodo di obbligo e riferimento a: -emission trading e meccanismi di progetto -Economy wide targets per i paesi Annex I Decisione su criteri per stabilire il contributo dei sink forestali al raggiungimento di eventuali target Varie decisioni tecniche CMP AWG LCA Intesa: architravi di un futuro accordo: -Visione comune di lungo termine -Adattamento -Mitigazione: Target quantificati per Annex I Impegni all azione per PVS REDD+ per lotta deforestazione Nuovi meccanismi di mercato Conseguenze avverse mitigazione - Finanza, tecnologia e CB -Meccanismo di revisione -Attenzione per EIT QUALCOSA PER TUTTI, TUTTI ESCONO VINCITORI -50-

51 Cancùn Agreements Nella sostanza, per il Protocollo di Kyoto: Sì ad un secondo periodo di obbligo PK, ma procrastinata la decisione al 2011 Sì agli impegni espressi dai paesi Annex I, ma nessun target aggregato specificato Sì ai meccanismi flessibili Avanzamenti sulla riforma del CDM: Formazione e trasparenza della governance Standardized baselines Più velocità per le nuove metodologie Miglioramento misure per l accreditamento Incremento rapidità nell erogazione dei crediti Apertura al CCS ma poca certezza sulla domanda di flessibilità IN SINTESI: UN DEPOTENZIAMENTO DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI DEL PROTOCOLLO

52 Cancùn Agreements: cosa contiene il pacchetto E per la Long term Cooperative Action: VISIONE COMUNE Obiettivo 2 C e meccanismo di revisione per abbassare il limite a 1,5 Inserito concetto di global peaking e menzionato orizzonte temporale 2050 ADATTAMENTO Istituito Cancun Adaptation Framework: RD&D per l adattamento, programmazione e pianificazione economica e infrastrutturale Piani di adattamento per LDCs Adaptation Committee per il coordinamento delle azioni, anche per quanto riguarda gli aspetti finanziari e l allocazione delle risorse Processo tecnico per possibili meccanismi assicurativi contro i rischi climatici -52-

53 Cancùn Agreements: cosa contiene il pacchetto E per la Long term Cooperative Action: MITIGAZIONE Sì ai target e agli impegni di azione di paesi di vecchia e nuova industrializzazione per la mitigazione derivanti dal Copenhagen Accord Nuovo approccio a monitoraggio, reportistica e verifica (MRV): verifica internazionale sull erogazione di finanziamenti per i paesi industrializzati e meccanismi di consultazione e analisi internazionale sulle azioni dei PVS Rilancio del processo per la definizione di nuovi meccanismi di mercato per promuovere e rendere cost effective le misure di mitigazione Istituito meccanismo internazionale per la lotta alla deforestazione (REDD+) Forum nell ambito degli organi sussidiari della Conferenza per valutare l impatto avverso delle azioni di mitigazione -53-

54 Cancùn Agreements: cosa contiene il pacchetto E per la Long term Cooperative Action: FINANZA, TECNOLOGIA E CAPACITY BUILDING Fast start finance: 30 miliardi US$ al 2012 Long term finance: 100 miliardi US$ al 2020 Green Climate Fund: strumento aggiuntivo per favorire la canalizzazione efficace delle risorse per il clima Meccanismo per il Trasferimento tecnologico: lavoro di guida e raccordo di un Technology Executive Committee della Convenzione, operativamente facilitato da una rete internazionale per trasferimento tecnologico stimolata da un Climate Technology Center (Climate Technology Center e Network) Criteri per il rafforzamento delle azioni di capacity building nei PVS -54-

55 Cancùn Agreements: cosa contiene il pacchetto E per la Long term Cooperative Action: IN SINTESI: ELEMENTI DEL COPENHAGEN ACCORD TRASPOSTI NEI CANCUN AGREEMENTS 2 gradi Adattamento Mitigazione Annex I Mitigazione PVS Presente Debole Assente REDD+ Meccanismi di mercato Finanza (fast/long term) Green Fund Accettazione LA STRUTTURAZIONE LEGALE NEL PROCESSO UNFCCC DEL COPENHAGEN ACCORD -55- RAFFORZATO

56 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero La logica top down a favore di un approccio bottom up alla mitigazione Kyoto 1997: Cancùn 2010: Obiettivo complessivo definito su Obiettivo definito guardando ad un basi scientifiche: speranza di farcela aspirational goal (2 ) Ripartizione dell obiettivo in base alle responsabilità storiche, secondo criteri validi nel Ripartizione dell obiettivo in base alle disponilità politiche nel 2010 con un orizzonte al 2050 Idea che un meccanismo di mercato Cancùn sembra superare l idea che un globale potesse fungere da modello di policy unico possa essere la incentivo allo sviluppo delle migliore soluzioni per tutti tecnologie pulite (approccio USA prevalente rispetto all approccio UE pro tassazione)

57 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero La chiarezza in termini di risorse necessarie Cancùn 2010: Kyoto 1997: Cifre non quantificate 30 miliardi al 2012 e 100 miliardi di dollari l anno al 2020: stime conservative Fiducia nella capacità del mercato tra sistemi paese di fare da leva per Il mercato deve giocare un ruolo, ma le risorse necessarie è imprescindibile dalla funzione di STIMOLO DELLE RISORSE PUBBLICHE Concentrazione della cooperazione allo sviluppo tradizionale principalmente su capacity building TRASFERIMENTO TECNOLOGICO acquisice un ruolo centrale, falso problema dell IPR

58 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero Le policy nazionali sul piatto insieme ai numeri Cancùn 2010 AWG LCA AWG KP Takes note of quantified economy wide emission reduction targets to be implemented by Parties included in Annex I Takes note of quantified economy wide emission reduction targets to be implemented by Parties included in Annex I [AND] of nationally appropriate mitigation actions to be implemented by non Annex I Parties AS CONTAINED IN DOCUMENT FCCC/SB/2010/INF.X Riferimento incrociato e speculare dei testi dei due track negoziali allo stesso documento, che include i pledge di oltre 80 paesi a seguito del Copenaghen Accord, tra cui: Incentivi alle rinnovabili e Energy Conservation Scheme della Cina Certificati bianchi e verdi interregionali dell India Incentivi alle rinnovabili e biocombustibili in Brasile Etc

59 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero Integrità ambientale e contenimento della temperatura? Convenzione Clima Protocollo di Kyoto Copenahagn Accord Cancùn Agreements Durban sarà la risposta? -59-

60 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero COP17 DURBAN CLIMATE CHANGE CONFERENCE 2011 "We need, and are poised for, a new industrial and energy revolution Christiana Figueres Executive Secretary UNFCCC -60-

61 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -61-

62 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Un nuovo mercato DEMAND SIDE ETS COMPANIES WANT-TO-BE CLEAN COMPANIES SUPPLY SIDE INTERNATIONAL LOW CARBON INDUSTRY AAUs CAPITAL FINANCIAL INVESTORS TECH & CAPITAL CERs/other OFFSET ANNEX I COUNTRIES -62- CDM PROJECTS

63 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Il valore di Kyoto viene da Kyoto? Carbon Market Volume Value Volume Value Volume Value Volume Value Volume Value EU ETS New South Wales Chicago Climate Exchange UK ETS 1 RGGI AAUs Subtotal Allowances Markets Primary CDM Secondary CDM JI Other compliance Subtotal Project based Transactions Spot & Secondary Kyoto Offsets Subtotal Spot & Secondary Kyoto Offsets Total Carbon Markets Fonte: States and Trends of the Carbon Market 2006, 2007, 2008, 2009 e 2010

64 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Non Kyoto, ma Kyoto like regional schemes China? Messico? Korea? Gli investimenti messi in moto dal Protocollo di Kyoto si muovono in realtà nell ambito di mercati regionali costruiti a specchio del cap&trade Kyoto, in primis il mercato europeo dell EU ETS -64-

65 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Kyoto ESTENSIONE GEOGRAFICA SETTORI VINCOLATI DIMENSIONI COMPLESSIVE ALLOCAZIONE MONETA DI SCAMBIO Paesi Annex I TUTTI MA ( tranne aviazione e trasporto marittimo) MA INDIRETTAMENTE ATTRAVERSO I GOVERNI: NORESPONSABILITA DIRETTA DEGLI EMETTITORI Milioni tonnelate CO2, 38 PAESI + CEE Gratuita, in base a grandfathering ma considerando un obiettivo di riduzione AAUs, RMUs = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI CER, ERU = 1 tco2 eq GESTORE DELLO SCHEMA UNFCCC -65-

66 Il valore economico del Protocollo di Kyoto European Union Emission Trading Scheme (EU ETS) ESTENSIONE GEOGRAFICA SETTORI VINCOLATI DIMENSIONI COMPLESSIVE ALLOCAZIONE MONETA DI SCAMBIO 27 Stati Membri UE termoelettrico e altri impianti di combustione, cemento, calce, laterizzi, raffinazione (dal 2013 anche alluminio, chimica, etc.) Milioni tonnelate CO2, installazioni Meccanismo MISTO! Gratuito grandfathering e benchmark, asta (operativo dal 2005, aste dal 2013) EUAs = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI CER ed ERU (PK) No forestazione! GESTORE DELLO SCHEMA Commissione Europea + 27 Autorità Nazionali Competenti dei Paesi Membri -66-

67 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Regional Greenhouse Gas Initiative (RGGI) ESTENSIONE GEOGRAFICA SETTORI VINCOLATI 10 Stati USA: Connecticut, Delaware, Maine, Maryland, Massachusetts, New Hampshire, New Jersey, New York, Rhode Island, and Vermont Produzione energia elettrica DIMENSIONI COMPLESSIVE 188 Milioni tonnellate, 10% rispetto al 2009 entro il 2018 ALLOCAZIONE Asta (operativo dal 2008) MONETA DI SCAMBIO RGGI CO2 allowances = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI GESTORE DELLO SCHEMA SOLO PROGETTI DOMESTICI, Standar regionali, solo 6 categorie di progetti Autorità 10 Stati Usa (budget autonomi) + RGGI Inc. per supporto tecnico -67-

68 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Western Climate Initiative (WCI) ESTENSIONE GEOGRAFICA osservatori Stati USA: SETTORI VINCOLATI Tutti i settori DIMENSIONI COMPLESSIVE 15% sotto i livelli 2005 entro il 2020 ALLOCAZIONE Asta, con prezzo base MONETA DI SCAMBIO WCI CO2 allowances = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI GESTORE DELLO SCHEMA PROGETTI DOMESTICI, alcuni CER ed ERU da tipologie di progetti scelte Autorità singoli stati, California regole speciali -68-

69 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Australia s Carbon Pollution Reduction Scheme ESTENSIONE GEOGRAFICA Austrialia SETTORI VINCOLATI Tutti tranne agricoltura e attività forsetali DIMENSIONI COMPLESSIVE ALLOCAZIONE 500 Milioni tonnellate CO2eq, installazioni. Obiettivo 2050 Ancora non operativo! Gratuito più sta con cap price MONETA DI SCAMBIO Australian Allowances = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI CER ed ERU (PK) solo alcuni settori GESTORE DELLO SCHEMA Da definire -69-

70 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Da Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -70-

71 E l Italia? L Italia e la normativa internazionale Legge N.65 del 15 gennaio 1994 Ratifica ed esecuzione della UNFCCC fatta a New York il 9 maggio 1992 Delibera CIPE N.137 del 19 novembre 1998 Istituisce le Linee per le politiche e le misure nazionali di riduzione delle emissioni dei gas serra Delibera CIPE N.218 del 21 dicembre 1999 Programma Nazionale per l informazione sui cambiamenti climatici: iniziative prioritarie Legge N.120 del 1 giugno 2002 Ratifica ed esecuzione del Protocollo di Kyoto alla UNFCCC fatto a Kyoto l 11 dicembre 1997 Decreto Legislativo N.216 del 4 aprile 2006 Attuazione delle direttive ETS e Linking con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto Recepimento delle Direttive Europee in ambito di Energia e Cambiamenti Climatici CAMBIAMENTI CLIMATICI, EMISSIONI, RINNOVABILI AL CENTRO DELLA POLITICA ITALIANA? -71-

72 E l Italia? L Italia e il negazionismo 2009 Mozione del 21 luglio 2009 approvata dal Senato Italiano -72- Intanto

73 E l Italia? in Europa si discute di un nuovo meccanismo di fiscalità legato alle emissioni di CO2 Proposta della Commissione per la revisione della normativa sulla tassazione dei prodotti energetici COM (2011) 169 OBIETTIVI: Modificare l attuale Direttiva 2003/96/CE che regolamenta la tassazione dei prodotti energetici venduti nell Unione Europea Promuovere un economia più efficiente dal punto di vista energetico Ridurre le emissioni di gas serra nei settori non ETS Introdurre un meccanismo di fiscalità legato alla CO2 INDIVIDUARE UN NUOVO MECCANISMO BASATO SULLE EMISSIONI CORRELATE AL CONSUMO DI BENI E SERVIZI PER LA MITIGAZIONE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI -73-

74 E l Italia? e in Italia si studiano nuovi modelli di imposizione fiscale basati sul contenuto di CO2 La contabilità delle emissioni di CO2 è associata alla linea produttiva e comunicata all acquirente del bene sui documenti fiscali Il consumatore finale ha traccia delle emissioni di CO2 associate alla produzione e distribuzione del bene o servizio INTRODUZIONE DI UN MODELLO DI IMPOSIZIONE FISCALE BASATA SUL CONTENUTO DI CO2 Fonte: ENEA Climate change \ Innovare i meccanismi? -74-

75 GRAZIE PER L ATTENZIONE! -75-

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA La Nuova Frontiera Meetings & Events: un area di spesa che secondo le nostre indagini si attesta, a livello globale, intorno ai 300 miliardi di dollari.

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Ufficio IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (Maggio 2014)

Dettagli

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità Traduzione 1 Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità 0.810.1 Firmata a Nuova York il 22 luglio 1946 Approvata dall Assemblea federale il 19 dicembre 1946 2 Strumenti di ratificazione depositati

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE Milano, 12 maggio 2009 Paolo Daperno Direttore Sistemi Informativi e Organizzazione Processi illycaffè illy nel mondo la nostra offerta la mission la

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale Traduzione 1 Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale 0.104 Conclusa a New York il 21 dicembre 1965 Approvata dall Assemblea federale il 9 marzo 1993 2 Istrumento

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna Traduzione 1 Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna 0.108 Conclusa il 18 dicembre 1979 Approvata dall Assemblea federale il 4 ottobre 1996 2 Ratificata

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi ) Tempi di recapito medi in giorni feriali (lunedi venerdi), giorno d impostazione escluso. I tempi di consegna pubblicati

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013)

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013) Traduzione 1 Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche 0.191.01 Conchiusa a Vienna il 18 aprile 1961 Approvata dall Assemblea federale il 21 giugno 1963 2 Istrumento di ratificazione depositato

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti Traduzione 1 Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti 0.105 Conclusa a Nuova York il 10 dicembre 1984 Approvata dall Assemblea federale il 6 ottobre 1986

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

IMPORTO DA INVIARE TARIFFE

IMPORTO DA INVIARE TARIFFE WESTERN UNION DOCUMENTO DI SINTESI 1 Servizio Money Transfer Western Union Payment Services Ireland Limited Unit 9, Richview Office Park, Clonskeagh, Dublino 14, Irlanda. 2 CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento

Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento G.Grazzini, L.LEONCINI DIEF, Università di Firenze INTRODUZIONE Un edificio è un sistema il cui uso induce impatti a livello

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

L azione dell UE contro il cambiamento climatico

L azione dell UE contro il cambiamento climatico L azione dell UE contro il cambiamento climatico Alla guida dell azione globale in vista del 2020 e oltre Edizione 2008 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

IL CIBO OGGI NEL MONDO

IL CIBO OGGI NEL MONDO IL CIBO OGGI NEL MONDO 1 Di quanto aumenterà il cibo nei prossimi anni? Secondo la Fao e l Ocse, nel prossimo decennio 2011-2020 i prezzi dei cereali potrebbero stabilizzarsi a un 20% in più rispetto ad

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Agosto 2013 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA GENNAIO 2014 Gruppo di lavoro: Assessorato Industria Servizio Energia

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Distribuzione digitale

Distribuzione digitale Distribuzione digitale Amazon Kindle Store La più grande libreria on line al mondo, con il Kindle ha fatto esplodere le vendite di ebook in America. Il Kinde Store è presente in Italia dal Novembre 2011.

Dettagli