Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto"

Transcript

1 Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Energia per Kyoto energie rinnovabili, decentramento, efficienza energetica Milano, 4 Novembre

2 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -2-

3 Introduzione Ambiente, Sviluppo, Crescita e Progresso: connubio possibile? AMBIENTE Tutto ciò che, essendo esterno ad un determinato sistema, può influenzarlo Comprende anche componenti sociali, economiche e culturali SVILUPPO indica la serie di cambiamenti con cui un sistema evolve verso uno stadio più complesso Fenomeno durevole nel tempo consistente nella crescita di alcune variabili reali del sistema: produzione, consumi, investimenti, occupazione CRESCITA La crescita economica è un fenomeno inerente soprattutto ai sistemi economici moderni, caratterizzato da un incremento che riguarda la ricchezza, i consumi, la produzione di merci, l'erogazione di servizi, l'occupazione, il capitale, la ricerca scientifica, le nuove applicazioni tecnologiche PROGRESSO è il generale avanzamento nelle scienze, nella tecnica, nell organizzazione sociale tecnica ed economica l acquisizione di conoscenze che permette l uso di nuovi processi produttivi o la produzione di nuovi beni -3-

4 Introduzione Cambiamenti Climatici ed Effetto Serra CAMBIAMENTI CLIMATICI A change of climate which is attributed directly or indirectly to human activity that alters the composition of the global atmosphere and which is in addition to natural climate variability observed over comparable time periods (IPCC 1995) Variazione statisticamente significativa dello stato medio del clima o della sua variabilità, persistente per un periodo esteso (tipicamente decenni o di più) Legati ad un aumento in intensità e frequenza dei fenomeni estremi (uragani, inondazioni), aumento del livello dei mari, perdita di biodiversità, desertificazione Dovuti a cause naturali e anche all azione dell uomo EFFETTO SERRA Fenomeno naturale che permette il riscaldamento dell atmosfera terreste fino ad una temperatura adatta alla vita Provocato da alcuni gas presenti nell atmosfera capaci di assorbire una parte di raggi infrarossi emessi dal suolo e dagli oceani L aumento della concentrazione dei gas serra presenti nell atmosfera genera un aumento dell effetto serra e un anomalo aumento della temperatura atmosfera -4-

5 Introduzione Cambiamenti Climatici ed Effetto Serra -5-

6 Introduzione Cambiamenti Climatici ed Effetto Serra -6-

7 Introduzione Sviluppo Sostenibile: una necessità presente e futura Sustainable development is development that meets the needs of the present without compromising the ability of future generations to meet their own needs Un processo di cambiamento per cui lo sfruttamento delle risorse, la direzione degli investimenti, l orientamento dello sviluppo tecnologico e i mutamenti istituzionali sono armonizzati cosi da tenere conto sia delle necessità presenti che di quelle future Equità Infra generazionale: parità di accesso alle risorse da parte degli attuali cittadini del pianeta indipendentemente dalla loro provenienza Equità Inter generazionale: dovere delle generazioni presenti di garantire pari opportunità alle generazioni future -7-

8 Introduzione Le emissioni e la crescita economica Fonte: Rapporto IPCC

9 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -9-

10 Introduzione Clima: Il Framework Internazionale 1987 Rapporto Bruntland World Commission on Environment and Development (UN) 1988 Risoluzione 43/53 UN GA Intergovernmental Panel on Climate Change presso WMO e UNEP 1989 Risoluzione 44/207 UN GA Processo di negoziazione 1990 IPCC First Assessment Report 1992 United Nations Framework Convention on Climate Change 1997 Protocollo di Kyoto 2002 Recepimento normativo del Protocollo di Kyoto nella UE 2003 European Union Emissions Trading Scheme 2005 Il Protocollo di Kyoto entra in vigore 2008 European Climate Energy Package Accordo internazionale post Kyoto -10-

11 UNFCCC Convenzione: un framework di partenza UNFCCC PERIMETRO: Quadro di riferimento per l impegno internazionale nella lotta ai cambiamenti climatici Riconoscimento cause antropogeniche dei cambiamenti climatici Partecipazione universale (193 paesi aderenti + 1 area di integrazione economica) OBIETTIVO Stabilizzare le emissioni di gas ad effetto serra in atmosfera ai livelli del 1990 entro il 2000 ai fini di evitare i cambiamenti climatici antropogenici più rischiosi PRINCIPI: Common but differenciated responsibilities Tutela dei paesi più vulnerabili Azione preventiva Compatibilità con lo sviluppo sostenibile Cooperazione e no utilizzo strumentale a fini commerciali Adottata 9 maggio 1992 Aperta alla firma: giugno 1992 al giugno 1993 (166 Paesi firmatari) Entrata in vigore: 21 marzo 1994, dopo il deposito a New York del 50 strumento di ratifica nazionale -11-

12 UNFCCC Convenzione: impegni I PAESI CHE RATIFICANO LA CONVENZIONE SI IMPEGNANO A: Realizzare e condividere a livello internazionale il proprio inventario delle emissioni Formulare, realizzare, comunicare e aggiornare politiche per il clima Trasferimento tecnologico nel campo dell ENERGIA, TRASPORTI, INDUSTRIA, AGRICOLTURA, FORESTE, GESTIONE RIFIUTI Cooperare nell adattamento agli impatti dei cambiamenti climatici (zone costriere, gestione riserve idriche e agricoltura, zone desertificate specie in Africa) Minimizzare gli impatti economici della lotta ai cambiamenti climatici Cooperazione scientifica e tecnologica, diffusione dell informazione e formazione I PAESI INDUSTRIALIZZATI INCLUSE LE ECONOMIE IN VIA DI TRANSIZIONE (PAESI ANNEX I) SI IMPEGNANO INOLTRE A: Assumere la leadership nelle azioni di mitigazione Riportare le emissioni antropogeniche ai livello del 1990 e riferire regolarmente delle proprie iniziative alla comunità internazionale I PAESI DONATORI (PAESI ANNEX II) SI IMPEGNANO ANCHE A: Fornire assistenza ai PVS e rendere disponibili le risorse finanziarie necessarie alla lotta ai cambiamenti climatici Finanziare lo sviluppo e il trasferimento delle tecnologie a basso contenuto di carbonio Sostenere I paesi più vulnerabili (Isole, zone costiere, landlock countries,etc.) -12-

13 UNFCCC Convenzione: Paesi Annex I EU 27 Austria Belgio Bulgaria Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Gran Bretagna Grecia Irlanda Islanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Olanda Polonia Portogallo Repubblica Ceca Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Ungheria EUROPA NON UE Croatia Liechtenstein Monaco Norvegia Svizzera Federazione Russa Ucraina ALTRI Nuova Zelanda Australia Canada Giappone -13-

14 UNFCCC Gli Organi della Convenzione CONFERENZA DELLE PARTI: Principale organismo decisionale, costituito dall associacione di tutti i Paesi ratificatori Responsabile di mantenere la lotta al clima sul giusto percorso, valutando le misure adottata dai singoli paesi Si riunisce una volta l anno, a rotazione nelle 5 regioni ONU (Dicembre) ORGANI SUSSIDIARI (si riuniscono 2 volte l anno, una in concomitanza con la COP, l altra a giugno a Bonn) SUBSIDIARY BODY FOR IMPLEMENTATION (SBI): Supporto alla COP nell implementazione della convenzione Sorveglianza dei meccanismi finanziari SUBSIDIARY BODY FOR SCIENTIFIC AND TECHNOLOGICAL ADVICE (SBSTA) Assistenza alla COP su tematiche tecniche Conslenza metodologia e raccordo con l IPCC Ad hoc Working Groups a fini speciali: AWG on Long term Cooperative Actions (AWG LCA): negoziato Bali Road Map SEGRETARIATO: Organo operativo di supporto tecnico amministrativo MECCANISMO DI COMPLIANCE NON PREVISTO -14-

15 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -15-

16 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Uno strumento comune per dare piena attuazione alla Convenzione PERIMETRO: La Convenzione, di cui costituisce uno strumento di attuazione Partecipazione universale (189 paesi aderenti + 1 area di integrazione economica) OBIETTIVO: Vincolare i paesi industrializzati (Paesi Annex I) a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra per un totale del 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo La Convenzione incoraggia Il Protocollo vincola PRINCIPI: Obiettivo complessivo definito su basi scientifiche: speranza di farcela Ripartizione dell obiettivo in base alle responsabilità storiche, secondo criteri validi nel : ripartizione dell obiettivo non universale Idea che un meccanismo di mercato globale potesse fungere da incentivo allo sviluppo delle tecnologie pulite (approccio USA prevalente rispetto all approccio UE protassazione) -16- Adottato 11 Decembre1997 Entrato in vigore 16 febbraio 2005 Regole dettagliate di attuazione adottate nel 2001 Marrakesh Accords

17 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili L Unione Europea e l entrata in vigore del Protocollo di Kyoto IL PROTOCOLLO DI KYOTO ENTRA IN VIGORE IL 16 FEBBRAIO 2005 dopo 90 giorni dalla ratifica della Russia -17-

18 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Gli Organi del Protocollo di Kyoto CONFERENCE OF THE PARTIES SERVING AS THE MEETING OF THE PARTIES TO THE KYOTO PROTOCOL (CMP): Principale organismo decisionale, costituito dall associacione di tutti i Paesi ratificatori Si riunisce una volta l anno, in concomitanza con la COP ORGANI SUSSIDIARI SUBSIDIARY BODY FOR IMPLEMENTATION (SBI): Supporto nell implementazione del Protocollo Sorveglianza dei meccanismi finanziari SUBSIDIARY BODY FOR SCIENTIFIC AND TECHNOLOGICAL ADVICE (SBSTA) Assistenza su tematiche tecniche, Conslenza metodologia e raccordo con l IPCC Ad hoc Working Groups a fini speciali: AWG KP: per definire periodi di obbligo successivi ed altre evoluzione del Protocollo ORGANI OPERATIVI CDM EXECUTIVE BOARD Gestione del meccanismo di progetto Joint Implementation Supervisory Committee (JISC) supervisione trak 2 JI COMPLIANCE COMMITTEE SEGRETARIATO: stesso della COP: Organo operativo di supporto tecnico amministrativo -18-

19 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Principali obiettivi del Protocollo di Kyoto RIDURRE GREENHOUSE GASES SVILUPPARE CLEAN TECHNOLOGY FAVORIRE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE c c -19-

20 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Teoria economica al servizio dell ambiente OBIETTIVO PER LA COMUNITA INTERNAZIONALE: ridurre le emissioni di gas a effetto per fermare i cambiamenti climatici TASSE? Prevedibilità Mancanza meccanismi internazionali di riscossione e quantificazione MERCATO? Efficienza economica Coinvolgimento privato Autonomia versus centralizzazione Precedenti esperienze DIVIETO? IMPRATICABILE. CAP & TRADE INTERNAZIONALE -20-

21 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Riduzioni reali: i gas da ridurre, i settori coinvolti Anidride carbonica utilizzo dei combustibili fossili deforestazione Metano Produzione e raffinazione carbone, petrolio e gas Rifiuti organici e discariche allevamento Perfluorocarburi Industria dell alluminio Elettronica POTENZIALE CLIMALTERANTE 1 t CO2 = 1 t CO2eq 1 t CH4 = 21 t CO2eq 1 t N2O = 295 t CO2eq 1 t PFC = Fino a t CO2eq 1 t HFC = Fino a t CO2eq 1 t SF6 = t CO2eq CO 2 CH 4 N 2 O PFC (cfr. Annex A del Protocollo di Kyoto) SF 6 HFC Ossido di azoto Industria chimica Generatori catalitici Fertilizzanti e rifiuti animali Esafluoruro di zolfo Electrical Switch Gear Produzione di magnesio -21- Idrofluorocarburi Refrigerazione Condizionamento

22 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Quanto sono coinvolte le fonti di energia tradizionali? PROTOCOLLO DI KYOTO = CAMBIARE FONTI DI ENERGIA A LIVELLO MONDIALE -22-

23 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Protocollo di Kyoto: un sistema di Cap&Trade Internazionale Tetto complessivo alle emissioni stabilito collettivamente su base scientifica, rispetto ad un comune anno base ed in base ad una metrica comune (tonnellate di CO 2 equivalente) Un periodo di obbligo pre definito: Ripartizione individuale ai singoli paesi di propri specifici target (tetti di emissione o assigned ammount) conteggiati sulla base delle informazioni che i Paesi stessi, in base alla United Nations Framework Convention on Climate Change, forniscono attraverso le Comunicazioni Nazionali e la realizzazione del proprio inventario nazionale delle emissioni. Assegnazione ad ogni Paese Annex I, all inizio del periodo di obbligo (da parte del Segretariato UNFCCC) una certa quantità di diritti di emissione in forma di titoli scambiabili (Assigned Ammount Units AAU), c.d. crediti di carbonio, ciascuno corrispondente a 1 tonnellata di CO2 equivalente. Meccanismo di compliance: alla fine del periodo di riferimento, il Paese assegnatario dovrà restituire alle autorità internazionali tanti crediti di carbonio quante saranno le effettive emissioni registrate nel corso del quinquennio. Contabilità delle quote di emissioni: tenuta attraverso registri nazionali collegati ad un registro internazionale centrale, c.d. International Transaction Log (ITL). -23-

24 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Raggiungere gli obiettivi: misure interne e meccanismi flessibili Due vie complementari per raggiungere gli obiettivi: misure interne di riduzione delle emissioni attuando misure nel campo di: energia, rifiuti, trasporti, industria, agricoltura, gestione dei sink di assorbimento misure esterne: i meccanismi flessibili International Emission Trading, possibilità di scambiare diritti di emissione tra paesi (AAU Assigned Amount Unit) CAP&TRADE Clean Development Mechanism (CDM), che genera 1 CER (Certified Emission Reduction) per ogni tco2eq di emissioni risparmiata in un paese in via di sviluppo BASELINE&CREDIT Joint implementation (JI), che genera 1 ERU (Emission Reduction Unit) per ogni tco2eq di emissioni risparmiata in un paese con economia in transizione BASELINE&CREDIT -24-

25 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili International Emission Trading AAUs Acquisto di diritti di emissione da parte di un Paese Annex I in deficit da un altro Paese Annex I SOLO TRA PAESI TRUE PERIOD NEL

26 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Paesi Annex I idonei all International Emission Trading EU 27 Austria Belgio Bulgaria Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Gran Bretagna Grecia Irlanda Islanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Olanda Polonia Portogallo Repubblica Ceca Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Ungheria EUROPA NON UE Croatia Liechtenstein Monaco Norvegia Svizzera Federazione Russa Ucraina ALTRI Nuova Zelanda Australia Canada Giappone NON HANNO RATIFICATO IL PROTOCOLLO E QUINDI NON POSSONO PARTECIPARE AL CDM SOLO GLI STATI UNITI -26-

27 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili I meccanismi flessibili di progetto: ridurre le emissioni al minor costo di sistema Clean Development Mechanism e Joint Implementation Meccanismi flessibili di progetto disciplinato dagli Articoli 6 e 12 del Protocollo di Kyoto Consentono di ridurre le emissioni globali di gas serra sfruttando il costo opportunità di investire ove i costi di riduzione sono inferiori a parità di beneficio ambientale grazie ad un meccanismo di mercato che rende protagoniste le imprese sostenendo il trasferimento di tecnologie pulite e know how da Paesi Industrializzati apaesi in Via di Sviluppo ed Economie in Transizione -27-

28 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Come funziona il CDM Crediti di riduzione di emissioni (1 CER = 1 tco 2 eq risparmiata) tecnologia Paesi in Via di Sviluppo ed economie emergenti che hanno ratificato il Protocollo di Kyoto Investimento di un Paese industrializzato in un Paese in Via di Sviluppo per progetti di riduzione delle emissioni -28-

29 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Paesi Non Annex I eleggibili ai CDM AMERICA CENTRALE ANTIGUA AND BARBUDA BAHAMAS BARBADOS BELIZE COSTA RICA EUROPA ALBANIA BOSNIA & HERZG. MONTENEGRO CUBA DOMINICA DOMINICAN REPUBLIC EL SALVADOR MOLDOVA SERBIA MACEDONIA CYPRUS LEBANON MALAYSIA MALDIVES GRENADA GUATEMALA AMERICA DEL SUD HAITI HONDURAS ARGENTINA JAMAICA BOLIVIA MEXICO BRAZIL NICARAGUA CHILE PANAMA COLOMBIA SAINT KITTS AND NEVIS ECUADOR SAINT LUCIA GUYANA TRINIDAD AND TOBAGO PARAGUAY PERU SAINT VINCENT AND THE GRENADINES SURINAME URUGUAY VENEZUELA MALTA ALGERIA ANGOLA BENIN BOTSWANA BURKINA FASO BURUNDI CAMEROON CAPE VERDE CENTRAL AFRICAN REP. COMOROS CONGO COTE D'IVOIRE DEM. REP CONGO DJIBOUTI SAO TOMÉ &PRINC SENEGAL SEYCHELLES SIERRA LEONE SOUTH AFRICA SUDAN SWAZILAND -29- ZAMBIA (Cfr. Documento ufficiale UNFCCC Status of Ratification of the Kyoto Protocol EGYPT EQUAT. GUINEA ERITREA ETHIOPIA GABON GAMBIA GHANA GUINEA GUINEA-BISSAU KENYA LESOTHO LIBERIA AFRICA LIBYA MADAGASCAR MALAWI MALI MAURITANIA MAURITIUS MOROCCO MOZAMBIQUE NAMIBIA NIGER NIGERIA RWANDA TOGO TUNISIA UGANDA UNITED REPUBLIC OF TANZANIA ARMENIA AZERBAIJAN BAHRAIN BANGLADESH BHUTAN CAMBODIA CHINA DEM. PEO. REP. OF KOREA GEORGIA INDIA INDONESIA IRAN ISRAEL JORDAN KUWAIT ASIA KYRGYZSTAN LAO DEM PEOP REP MONGOLIA MYANMAR NEPAL OMAN PAKISTAN PHILIPPINES QATAR REPUBLIC OF KOREA SAUDI ARABIA SINGAPORE SRI LANKA SYRIA THAILAND TIMOR-LESTE TURKMENISTAN UNITED ARAB EMIRATES UZBEKISTAN VIET NAM YEMEN OCEANIA COOK ISLANDS FIJI KIRIBATI MARSHALL ISLANDS MICRONESIA (FEDERATED STATES OF) NAURU NIUE PALAU PAPUA NEW GUINEA SAMOA SOLOMON ISLANDS TONGA TUVALU VANUATU

30 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Come funziona il JI Unità di Riduzione delle Emissioni (1 AAU=>1 ERU = 1 tco 2 eq evitata) X tecnologia Paese Annex I che hanno ratificato il Protocollo di Kyoto Investimento di un Paese industrializzato in un ALTRO Paese industrializzato per progetti di riduzione delle emissioni -30-

31 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Paesi Annex I riconosciuti idonei al JI EU 27 Austria Belgio Bulgaria Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Gran Bretagna Grecia Irlanda Islanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Olanda Polonia Portogallo Repubblica Ceca Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Ungheria EUROPA NON UE Croatia Liechtenstein Monaco Norvegia Svizzera Federazione Russa Ucraina ALTRI Nuova Zelanda Australia Canada Giappone NON HANNO RATIFICATO IL PROTOCOLLO E QUINDI NON POSSONO PARTECIPARE AL CDM SOLO GLI STATI UNITI -31-

32 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Come funzionano gli scambi Restituzione AAU-ERU-RMU-CER Fine periodo di obbligo Protocollo di Kyoto Autorità internazionali competenti Restituzione AAU-ERU-RMU-CER Fine periodo di obbligo Paesi Annex B (Paesi industrializzati e principali economie in transizione) Trading di AAU-ERU-RMU-CER Durante il periodo di obbligo Paesi Annex B (Paesi industrializzati e principali economie in transizione) Paesi non Annex B (PVS, incluse economie emergenti) -32-

33 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Opzioni per un Governo nazionale Stimolare o obbligare il proprio tessuto produttivo a ridurre le emissioni climalteranti Autorizzare il proprio tessuto produttivo a partecipare a progetti CDM e JI per ottenerne i crediti Finanziare direttamente progetti CDM e JI, anche se non sviluppati da imprese nazionali, e assicurarsi la Proprietà dei crediti generati Acquistare crediti sul mercato Cedere crediti ad altri paesi o imprese ospitando progetti JI (in caso il Paese abbia un surplus di diritti di emissione rispetto ai propri livelli reali di emissione) Vendere propri crediti di emissione (in caso il Paese abbia un surplus di diritti di emissione rispetto ai propri livelli reali di emissione) Conservare (cosiddetto banking ) i propri crediti di emissione afferenti al periodo di obbligo per utilizzarli in successivi periodi di obbligo post

34 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Conseguenze per l inadempienza: COMPLIANCE Meccanismo ad hoc per la risoluzione delle controversie (compliance system) Solo per i Paesi Annex I All inizio del 2015, periodo della verità e consegna Rapporto Finale in base al quale le Autorità internazionali competenti determinano l adempimento dal Paese rispetto ai criteri di idoneità e agli obblighi previsti dell articolo 3.1 del Protocollo di Kyoto (riduzione delle emissioni). Sanzioni: Sospensione della partecipazione ai meccanismi di flessibilità. Anche prima del 2015 in caso di inadempienza con gli obblighi di informazione ( realizzazione dell inventario, registri delle Foreste, mantenimento di un registro delle emissioni, Comunicazioni Nazionali e dei Rapporti Annuali); Per l inadempienza agli obblighi di riduzione al termine del periodo di adempimento. o Sottrazione dalle quantità assegnate per il periodo di adempimento successivo (post 2012) di un quantitativo pari all ammontare di quote in eccesso aumentato del 30%; o Richiesta di adozione di un piano nazionale di adempimento adeguato; o Sospensione dell idoneità a trasferire le unità di riduzione nell ambito del meccanismo di flessibilità International Emission Trading, di cui all art. 17 del Protocollo di Kyoto. -34-

35 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Quali progetti generano crediti TUTTI I PROGETTI CHE UTILIZZINO TECNOLOGIE, PRODOTTI E PROCESSI IN GRADO DI RIDURRE L USO DI COMBUSTIBILI FOSSILI RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS SERRA DA RIFIUTI AUMENTARE L EFFICIENZA ENERGETICA DEI PROCESSI INDUSTRIALI E DEI CONSUMI FINALI CIVILI RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS SERRA DI PROCESSI AGRICOLI E INDUSTRIALI AUMENTARE I BACINI FORESTALI IN GRADO DI ASSORBIRE GAS SERRA -35-

36 Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili I vantaggi economici per chi sviluppa progetti nell ambito del CDM LA MAGGIOR PARTE DEI PROGETTI RIDUCE TRA E TONNELLATE DI GAS SERRA L ANNO OGNI TONNELLATA DI EMISSIONI RIDOTTA DA UN PROGETTO CDM DA ORIGINE A UN TITOLO CER Certified Emission Reduction DOTATO DI UN VALORE DI MERCATO VARIABILE TRA 7 E 15 EURO PREZZO AL 3 NOVEMBRE PARI A 6,5 PER CER! A SECONDA DI QUANDO VIENE MESSO SUL MERCATO I CREDITI POSSONO ESSERE VENDUTI O UTILIZZATI COME GARANZIA PER OTTENERE CREDITO E INVESTIMENTI NEL CAPITALE DEI PROGETTI -36-

37 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -37-

38 Avevamo cominciato da qui 1992 United Nations Framework Convention on Climate Change 1997 Protocollo di Kyoto 2002 Recepimento normativo del Protocollo di Kyoto nella UE 2003 European Union Emissions Trading Scheme 2005 Il Protocollo di Kyoto entra in vigore 2008 European Climate Energy Package Accordo internazionale post 2012 SISTEMA INTERNAZIONALE CAP & TRADE CHE STA STIMOLANDO UNA RIVOLUZIONE TECNOLOGICA INDUSTRIALE ENERGETICA PER RIDURRE LE EMISSIONI CLIMALTERANTI -38-

39 Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione: caratteristiche generali EU Emission Trading Scheme: una misura interna europea speculare al PK 2003: prima misura UE vincolante e armonizzata su CLIMA ED ENERGIA I Paesi dell Unione Europea (UE 15) ratificano il Protocollo di Kyoto congiuntamente, rinegoziando tra loro la percentuale delle riduzioni da realizzare in ciascun paese per raggiungere il comune obiettivo del 8% rispetto ai livelli del 1990 (Decisione 2002/358/CE, Burden Sharing Agreement). Per facilitare il raggiungimento del target, l UE si dota di un importante misura interna tesa a ridurre le emissioni nei settori industriali di maggiore impatto sui cambiamenti climatici, il cosiddetto sistema comunitario di scambio di quote di emissione (Direttiva 2003/87/CE, European Union Emissions Trading Scheme EU ETS). L EU ETS trasferisce parte della responsabilità europea nel raggiungimento dei propri obiettivi Kyoto ai soggetti privati effettivamente responsabili delle emissioni L EU ETS non riguarda gli Stati nazionali, bensì gli impianti industriali più inquinanti afferenti a specifici settori produttivi attività energetiche, produzione e trasformazione dei metalli, industria dei prodotti minerali (cemento, ceramica e vetro), industria della carta che insieme contribuiscono per circa il 52% alle emissioni complessive europee. -39-

40 Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione: caratteristiche generali Burden sharing agreement Target Decisione 2002/358/CE del Consiglio Europeo (Burden Sharing Agreeement) specifica quanta di questa riduzione spetti a ciascun Stato Membro rispetto ai livelli del ,5-21 Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia Germania Grecia Italia -6,5 Irlanda Lussemburgo Olanda Portogallo Spagna Svezia UK e Irlanda del Nord -12,5

41 Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione: caratteristiche generali Approccio normativo da sperimentare, il motore di un nuovo mercato : 1 periodo pilota : 2 periodo fase Kyoto : 3 periodo leader oltre Kyoto Circa impianti in EU: quote anno Circa il 40% delle emissioni europee Domanda europea: motore del mercato internazionale del carbonio e motore per la formazione di un prezzo per la CO 2 (dati World Bank 2010) -41-

42 Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione: caratteristiche generali Nel corso del tempo la normativa evolve Direttiva 2003/87/CE: nasce il Sistema europeo per lo scambio di quote di emissione (EU ETS) per controllare le emissioni di CO2 dei settori a più alta intensità di carbonio Direttiva 2004/101/CE: l EU ETS apre le porte ai crediti di emissione internazionali Direttiva 2008/101/CE: l aviazione entra nell EU ETS Direttiva 2009/29/CE: nuovi gas e nuovi settori, più centralizzazione a livello europeo 2009: Decisione Effort Sharing: non solo settori industriali -42-

43 e si integra in un programma europeo più ampio e più armonizzato Pacchetto Europeo Clima Energia: per ridurre le emissioni c è bisogno di rinnovabili ed efficienza energetica RIDUZIONE DELLE EMISSIONI EFFICIENZA ENERGETICA RINNOVABILI -43-

44 Pacchetto UE Clima Energia Un percorso che viene da lontano 1997: White Paper on a Community Strategy and Action Plan for renewable energy 1997: KP agreed 2000: EC lancia European Climate Change Programme (ECCP I) 2001: prima Direttiva RES 2002: EU first Energy Performance of Buildings Directive (EPBD). 2003: prima Direttiva ETS prima Direttiva Biocombustibili 2004: Industrial market opens up to competition 2005: EU ETS (1 periodo) Secondo European Climate Change Programme (ECCP II) 2006: Commission presents Action Plan for Energy Efficiency 2007: Consiglio EU: endorcement politico al Consiglio UE decide per pacchetto migliorativo mercato liberalizzato di gas ed elettricità (Unbundling) Proposte della Commissione: CCS, ETS, ES, RES, EE Commission Strategic Energy Technology plan (SET Plan) EU MS Plans on EE to EC 2005: KP enforced 2007: BAP -44-

45 Pacchetto UE Clima Energia Un percorso che viene da lontano 2008: EU Climate and Energy Package: political agreement Commission issues a Communication on CCS dem.projs 2009: EU Climate and Energy Package inforced Revised Energy Performance of Buildings Directive & EU agrees on Energy Label EU adopts third internal energy market package 2009: COP Copenhagen 2011: Commission to present new Energy Efficiency Action Plan 2013: Revised Emissions Trading Scheme comes into force 2015: target large scale demonstration projects to be launched for coal and gas fired power plants. 2018: Public buildings to have nearly zero energy standards 2020: All new coal fired plants should include CCS technology. Existing plants to be 'retrofitted' subsequently. All new buildings to be nearly zero energy. EU objective for : 2 CP KP? 2020: New agreement? -45-

46 Pacchetto UE Clima Energia Gli obiettivi 1. Riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, per il quale l UE si è data un obiettivo vincolante di riduzione pari al 20% al 2020 rispetto alle emissioni del Quest impegno è il contributo europeo unilaterale alla lotta globale ai cambiamenti climatici ma potrebbe essere aumentato al 30% a fronte dell assunzione di impegni simili da parte degli altri paesi maggiori emettitori (USA, Cina e gli altri paesi industrializzati ed in via di industrializzazione). 2. Incremento delle rinnovabili nel mix dei consumi energetici europei. L Europa si e in questo ambito impegnata a portare al 20% la quota delle energie rinnovabili nei propri consumi, ripartendo l impegno tra i 27 paesi membri. 3. Incrementare l efficienza energetica. Su questo l UE si è data l obiettivo di ridurre del 20% i propri consumi di energia al Tale obiettivo non e stato inserito dentro uno specifico strumento normativo ma è stato indicato quale auspicato risultato di una strategia comune ed integrata ai due precedenti pilastri. Tra le misure specificamente dedicate: l aumento dell efficienza energetica negli impianti di produzione di energia elettrica, incentivi ai servizi energetici, meccanismi specifici di finanziamento a favore di prodotti più efficienti. -46-

47 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -47-

48 Cancùn Agreements: come si è arrivati COP15 Il fallimento di Copenhagen 15 Conferenza delle Parti della UNFCCC Copenhagen 7 18 Dicembre 2009 Obiettivo: Nella capitale danese era attesa la conclusione del percorso iniziato a Montreal nel 2005 e continuato a Bali nel 2007 inerente il futuro della lotta ai cambiamenti climatici a livello globale e la possibilità di estensione del Protocollo di Kyoto Risultato: Copenhagen Accord accordo politico e non vincolante in quanto non approvato in sede di COP Tale accordo è stato raggiunto attraverso la negoziazione di Usa, Brasile, India, Cina e Sud Africa Riconosce la necessità dell obiettivo di 2 C Prevede che i Paesi Annex I definiscano i propri target di riduzione al 2020 e supportino finanziariamente i Paesi in Via di Sviluppo nel perseguire le attività di mitigazione Prevede l istituzione del Copenhagen Green Climate Fund (30 MLD e 100 MLD al 2020) Prevede che il dibattito continui in ambito di AWG KP e AWG LCA -48- e l Europa?

49 Cancùn Agreements: come si è arrivati COP16 Cancùn Conferenza delle Parti della UNFCCC Cancùn Dicembre 2010 Obiettivi Evitare l empasse negoziale verificatasi a Copenhagen nel 2009 Porre le basi per il raggiungimento di un futuro accordo Post Kyoto Rilanciare il processo clima a livello internazionale Risultato Stipula dei Cancùn Agreements Pacchetto di accordi vincolanti approvati ufficialemente in sede di COP -49-

50 Cancùn Agreements Un pacchetto che rilancia il processo clima AWG KP Intesa: no gap tra primo e secondo periodo di obbligo e riferimento a: -emission trading e meccanismi di progetto -Economy wide targets per i paesi Annex I Decisione su criteri per stabilire il contributo dei sink forestali al raggiungimento di eventuali target Varie decisioni tecniche CMP AWG LCA Intesa: architravi di un futuro accordo: -Visione comune di lungo termine -Adattamento -Mitigazione: Target quantificati per Annex I Impegni all azione per PVS REDD+ per lotta deforestazione Nuovi meccanismi di mercato Conseguenze avverse mitigazione - Finanza, tecnologia e CB -Meccanismo di revisione -Attenzione per EIT QUALCOSA PER TUTTI, TUTTI ESCONO VINCITORI -50-

51 Cancùn Agreements Nella sostanza, per il Protocollo di Kyoto: Sì ad un secondo periodo di obbligo PK, ma procrastinata la decisione al 2011 Sì agli impegni espressi dai paesi Annex I, ma nessun target aggregato specificato Sì ai meccanismi flessibili Avanzamenti sulla riforma del CDM: Formazione e trasparenza della governance Standardized baselines Più velocità per le nuove metodologie Miglioramento misure per l accreditamento Incremento rapidità nell erogazione dei crediti Apertura al CCS ma poca certezza sulla domanda di flessibilità IN SINTESI: UN DEPOTENZIAMENTO DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI DEL PROTOCOLLO

52 Cancùn Agreements: cosa contiene il pacchetto E per la Long term Cooperative Action: VISIONE COMUNE Obiettivo 2 C e meccanismo di revisione per abbassare il limite a 1,5 Inserito concetto di global peaking e menzionato orizzonte temporale 2050 ADATTAMENTO Istituito Cancun Adaptation Framework: RD&D per l adattamento, programmazione e pianificazione economica e infrastrutturale Piani di adattamento per LDCs Adaptation Committee per il coordinamento delle azioni, anche per quanto riguarda gli aspetti finanziari e l allocazione delle risorse Processo tecnico per possibili meccanismi assicurativi contro i rischi climatici -52-

53 Cancùn Agreements: cosa contiene il pacchetto E per la Long term Cooperative Action: MITIGAZIONE Sì ai target e agli impegni di azione di paesi di vecchia e nuova industrializzazione per la mitigazione derivanti dal Copenhagen Accord Nuovo approccio a monitoraggio, reportistica e verifica (MRV): verifica internazionale sull erogazione di finanziamenti per i paesi industrializzati e meccanismi di consultazione e analisi internazionale sulle azioni dei PVS Rilancio del processo per la definizione di nuovi meccanismi di mercato per promuovere e rendere cost effective le misure di mitigazione Istituito meccanismo internazionale per la lotta alla deforestazione (REDD+) Forum nell ambito degli organi sussidiari della Conferenza per valutare l impatto avverso delle azioni di mitigazione -53-

54 Cancùn Agreements: cosa contiene il pacchetto E per la Long term Cooperative Action: FINANZA, TECNOLOGIA E CAPACITY BUILDING Fast start finance: 30 miliardi US$ al 2012 Long term finance: 100 miliardi US$ al 2020 Green Climate Fund: strumento aggiuntivo per favorire la canalizzazione efficace delle risorse per il clima Meccanismo per il Trasferimento tecnologico: lavoro di guida e raccordo di un Technology Executive Committee della Convenzione, operativamente facilitato da una rete internazionale per trasferimento tecnologico stimolata da un Climate Technology Center (Climate Technology Center e Network) Criteri per il rafforzamento delle azioni di capacity building nei PVS -54-

55 Cancùn Agreements: cosa contiene il pacchetto E per la Long term Cooperative Action: IN SINTESI: ELEMENTI DEL COPENHAGEN ACCORD TRASPOSTI NEI CANCUN AGREEMENTS 2 gradi Adattamento Mitigazione Annex I Mitigazione PVS Presente Debole Assente REDD+ Meccanismi di mercato Finanza (fast/long term) Green Fund Accettazione LA STRUTTURAZIONE LEGALE NEL PROCESSO UNFCCC DEL COPENHAGEN ACCORD -55- RAFFORZATO

56 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero La logica top down a favore di un approccio bottom up alla mitigazione Kyoto 1997: Cancùn 2010: Obiettivo complessivo definito su Obiettivo definito guardando ad un basi scientifiche: speranza di farcela aspirational goal (2 ) Ripartizione dell obiettivo in base alle responsabilità storiche, secondo criteri validi nel Ripartizione dell obiettivo in base alle disponilità politiche nel 2010 con un orizzonte al 2050 Idea che un meccanismo di mercato Cancùn sembra superare l idea che un globale potesse fungere da modello di policy unico possa essere la incentivo allo sviluppo delle migliore soluzioni per tutti tecnologie pulite (approccio USA prevalente rispetto all approccio UE pro tassazione)

57 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero La chiarezza in termini di risorse necessarie Cancùn 2010: Kyoto 1997: Cifre non quantificate 30 miliardi al 2012 e 100 miliardi di dollari l anno al 2020: stime conservative Fiducia nella capacità del mercato tra sistemi paese di fare da leva per Il mercato deve giocare un ruolo, ma le risorse necessarie è imprescindibile dalla funzione di STIMOLO DELLE RISORSE PUBBLICHE Concentrazione della cooperazione allo sviluppo tradizionale principalmente su capacity building TRASFERIMENTO TECNOLOGICO acquisice un ruolo centrale, falso problema dell IPR

58 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero Le policy nazionali sul piatto insieme ai numeri Cancùn 2010 AWG LCA AWG KP Takes note of quantified economy wide emission reduction targets to be implemented by Parties included in Annex I Takes note of quantified economy wide emission reduction targets to be implemented by Parties included in Annex I [AND] of nationally appropriate mitigation actions to be implemented by non Annex I Parties AS CONTAINED IN DOCUMENT FCCC/SB/2010/INF.X Riferimento incrociato e speculare dei testi dei due track negoziali allo stesso documento, che include i pledge di oltre 80 paesi a seguito del Copenaghen Accord, tra cui: Incentivi alle rinnovabili e Energy Conservation Scheme della Cina Certificati bianchi e verdi interregionali dell India Incentivi alle rinnovabili e biocombustibili in Brasile Etc

59 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero Integrità ambientale e contenimento della temperatura? Convenzione Clima Protocollo di Kyoto Copenahagn Accord Cancùn Agreements Durban sarà la risposta? -59-

60 Kyoto Copenaghen Cancùn: cosa è cambiato davvero COP17 DURBAN CLIMATE CHANGE CONFERENCE 2011 "We need, and are poised for, a new industrial and energy revolution Christiana Figueres Executive Secretary UNFCCC -60-

61 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Dal Protocollo di Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -61-

62 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Un nuovo mercato DEMAND SIDE ETS COMPANIES WANT-TO-BE CLEAN COMPANIES SUPPLY SIDE INTERNATIONAL LOW CARBON INDUSTRY AAUs CAPITAL FINANCIAL INVESTORS TECH & CAPITAL CERs/other OFFSET ANNEX I COUNTRIES -62- CDM PROJECTS

63 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Il valore di Kyoto viene da Kyoto? Carbon Market Volume Value Volume Value Volume Value Volume Value Volume Value EU ETS New South Wales Chicago Climate Exchange UK ETS 1 RGGI AAUs Subtotal Allowances Markets Primary CDM Secondary CDM JI Other compliance Subtotal Project based Transactions Spot & Secondary Kyoto Offsets Subtotal Spot & Secondary Kyoto Offsets Total Carbon Markets Fonte: States and Trends of the Carbon Market 2006, 2007, 2008, 2009 e 2010

64 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Non Kyoto, ma Kyoto like regional schemes China? Messico? Korea? Gli investimenti messi in moto dal Protocollo di Kyoto si muovono in realtà nell ambito di mercati regionali costruiti a specchio del cap&trade Kyoto, in primis il mercato europeo dell EU ETS -64-

65 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Kyoto ESTENSIONE GEOGRAFICA SETTORI VINCOLATI DIMENSIONI COMPLESSIVE ALLOCAZIONE MONETA DI SCAMBIO Paesi Annex I TUTTI MA ( tranne aviazione e trasporto marittimo) MA INDIRETTAMENTE ATTRAVERSO I GOVERNI: NORESPONSABILITA DIRETTA DEGLI EMETTITORI Milioni tonnelate CO2, 38 PAESI + CEE Gratuita, in base a grandfathering ma considerando un obiettivo di riduzione AAUs, RMUs = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI CER, ERU = 1 tco2 eq GESTORE DELLO SCHEMA UNFCCC -65-

66 Il valore economico del Protocollo di Kyoto European Union Emission Trading Scheme (EU ETS) ESTENSIONE GEOGRAFICA SETTORI VINCOLATI DIMENSIONI COMPLESSIVE ALLOCAZIONE MONETA DI SCAMBIO 27 Stati Membri UE termoelettrico e altri impianti di combustione, cemento, calce, laterizzi, raffinazione (dal 2013 anche alluminio, chimica, etc.) Milioni tonnelate CO2, installazioni Meccanismo MISTO! Gratuito grandfathering e benchmark, asta (operativo dal 2005, aste dal 2013) EUAs = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI CER ed ERU (PK) No forestazione! GESTORE DELLO SCHEMA Commissione Europea + 27 Autorità Nazionali Competenti dei Paesi Membri -66-

67 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Regional Greenhouse Gas Initiative (RGGI) ESTENSIONE GEOGRAFICA SETTORI VINCOLATI 10 Stati USA: Connecticut, Delaware, Maine, Maryland, Massachusetts, New Hampshire, New Jersey, New York, Rhode Island, and Vermont Produzione energia elettrica DIMENSIONI COMPLESSIVE 188 Milioni tonnellate, 10% rispetto al 2009 entro il 2018 ALLOCAZIONE Asta (operativo dal 2008) MONETA DI SCAMBIO RGGI CO2 allowances = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI GESTORE DELLO SCHEMA SOLO PROGETTI DOMESTICI, Standar regionali, solo 6 categorie di progetti Autorità 10 Stati Usa (budget autonomi) + RGGI Inc. per supporto tecnico -67-

68 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Western Climate Initiative (WCI) ESTENSIONE GEOGRAFICA osservatori Stati USA: SETTORI VINCOLATI Tutti i settori DIMENSIONI COMPLESSIVE 15% sotto i livelli 2005 entro il 2020 ALLOCAZIONE Asta, con prezzo base MONETA DI SCAMBIO WCI CO2 allowances = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI GESTORE DELLO SCHEMA PROGETTI DOMESTICI, alcuni CER ed ERU da tipologie di progetti scelte Autorità singoli stati, California regole speciali -68-

69 Il valore economico del Protocollo di Kyoto Australia s Carbon Pollution Reduction Scheme ESTENSIONE GEOGRAFICA Austrialia SETTORI VINCOLATI Tutti tranne agricoltura e attività forsetali DIMENSIONI COMPLESSIVE ALLOCAZIONE 500 Milioni tonnellate CO2eq, installazioni. Obiettivo 2050 Ancora non operativo! Gratuito più sta con cap price MONETA DI SCAMBIO Australian Allowances = 1 tco2 eq OFFSET ACCETTATI CER ed ERU (PK) solo alcuni settori GESTORE DELLO SCHEMA Da definire -69-

70 INDICE DEI CONTENUTI Concetti introduttivi United Nations Framework Convention on Climate Change Protocollo di Kyoto e Meccanismi Flessibili Unione Europea e cambiamenti climatici Da Kyoto ai Cancùn Agreements Il valore economico del Protocollo di Kyoto E l Italia? -70-

71 E l Italia? L Italia e la normativa internazionale Legge N.65 del 15 gennaio 1994 Ratifica ed esecuzione della UNFCCC fatta a New York il 9 maggio 1992 Delibera CIPE N.137 del 19 novembre 1998 Istituisce le Linee per le politiche e le misure nazionali di riduzione delle emissioni dei gas serra Delibera CIPE N.218 del 21 dicembre 1999 Programma Nazionale per l informazione sui cambiamenti climatici: iniziative prioritarie Legge N.120 del 1 giugno 2002 Ratifica ed esecuzione del Protocollo di Kyoto alla UNFCCC fatto a Kyoto l 11 dicembre 1997 Decreto Legislativo N.216 del 4 aprile 2006 Attuazione delle direttive ETS e Linking con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto Recepimento delle Direttive Europee in ambito di Energia e Cambiamenti Climatici CAMBIAMENTI CLIMATICI, EMISSIONI, RINNOVABILI AL CENTRO DELLA POLITICA ITALIANA? -71-

72 E l Italia? L Italia e il negazionismo 2009 Mozione del 21 luglio 2009 approvata dal Senato Italiano -72- Intanto

73 E l Italia? in Europa si discute di un nuovo meccanismo di fiscalità legato alle emissioni di CO2 Proposta della Commissione per la revisione della normativa sulla tassazione dei prodotti energetici COM (2011) 169 OBIETTIVI: Modificare l attuale Direttiva 2003/96/CE che regolamenta la tassazione dei prodotti energetici venduti nell Unione Europea Promuovere un economia più efficiente dal punto di vista energetico Ridurre le emissioni di gas serra nei settori non ETS Introdurre un meccanismo di fiscalità legato alla CO2 INDIVIDUARE UN NUOVO MECCANISMO BASATO SULLE EMISSIONI CORRELATE AL CONSUMO DI BENI E SERVIZI PER LA MITIGAZIONE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI -73-

74 E l Italia? e in Italia si studiano nuovi modelli di imposizione fiscale basati sul contenuto di CO2 La contabilità delle emissioni di CO2 è associata alla linea produttiva e comunicata all acquirente del bene sui documenti fiscali Il consumatore finale ha traccia delle emissioni di CO2 associate alla produzione e distribuzione del bene o servizio INTRODUZIONE DI UN MODELLO DI IMPOSIZIONE FISCALE BASATA SUL CONTENUTO DI CO2 Fonte: ENEA Climate change \ Innovare i meccanismi? -74-

75 GRAZIE PER L ATTENZIONE! -75-

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Legenda dei Paesi Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Afghanistan 155 h 1 Albania 64 i 1 Algeria 84 h 1 Andorra 30 h 2 Angola 146 h 2 Argentina 46 h 4 Armenia 76 Australia 2 Austria 25 i 1

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 28 gennaio 2009 Attuazione disposizioni di cui al comma 9, dell'art. 38, della legge n. 289/2002, concernente la determinazione del livello di reddito equivalente per ciascun Paese straniero, al reddito

Dettagli

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad.

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. ALBANIA 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39 /min. 1,69 /min. 0,00 /min. 0,19 /cad. ALGERIA* 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39

Dettagli

Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto.

Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto. DOCUMENTO ESTERNO List of Abolitionist and Retentionist Countries Elenco paesi abolizionisti e mantenitori Oggi, più di due terzi dei paesi al mondo ha abolito la pena di morte di diritto o de facto. Di

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Museo Internazionale della Croce Rossa. Mariagrazia Baccolo Croce Rossa Italiana _ Castiglione delle Stiviere

Museo Internazionale della Croce Rossa. Mariagrazia Baccolo Croce Rossa Italiana _ Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale della Croce Rossa Mariagrazia Baccolo Croce Rossa Italiana _ Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale Croce Rossa Castiglione delle Stiviere 1 Il Palazzo Longhi Triulzi è della

Dettagli

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ******

Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione ****** Nazione Tariffa per ordini > 100 Tariffa per ordini < 100 Incremento tariffa ad articolo ** Giorni Lavorativi Spedizione Albania 75 105 ****** multipla * Algeria 75 105 multipla 3 Angola 105 135 multipla

Dettagli

La globalizzazione e le sue patologie

La globalizzazione e le sue patologie salute La globalizzazione e le sue patologie Tabella completa: www.socialwatch.org/statistics2008 Legenda (ultimi dati disponibili) migliore Al di sopra della media Al di sotto della media peggiore Dati

Dettagli

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento E stato recentemente redatto un nuovo rapporto sulle impronte ecologiche delle nazioni, sempre a cura dei ricercatori dell associazione californiana Redefining

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

infomarket l import-export italiano di tecnologia gennaio - dicembre e confronti con 2004 e 2003 IMPORT EXPORT 2003 2004 2005 2003 2004 2005

infomarket l import-export italiano di tecnologia gennaio - dicembre e confronti con 2004 e 2003 IMPORT EXPORT 2003 2004 2005 2003 2004 2005 l import-export italiano di tecnologia nelle pagine che seguono sono riportati i dati dell Istituto Italiano di Statistica (ISTAT) riguardanti le voci doganali che includono la tecnologia lapidea. Dati

Dettagli

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Bari, 5 giugno 2012

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Bari, 5 giugno 2012 Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo Bari, 5 giugno 2012 AZIONE 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO Il Volontario/ I Volontari Età: tra i 18 e i 30 anni (da 16 anni se con minori opportunità)

Dettagli

MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013

MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013 MODELLO ISTAT P.2 + P.3 MOVIMENTO E CALCOLO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE TOTALE E STRANIERA BILANCIO DEMOGRAFICO Anno 2013 Nel modello devono essere conteggiati i MOVIMENTI ANAGRAFICI REGISTRATI in anagrafe

Dettagli

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Venezia, 22 marzo 2012

Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo. Venezia, 22 marzo 2012 Programma Gioventù in Azione Il Servizio Volontario Europeo Venezia, 22 marzo 2012 DI COSA PARLEREMO OGGI Che cosa è il Servizio Volontario Europeo: contesto di riferimento Condizioni e aspetti specifici

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA A.A. 2015/2016

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA A.A. 2015/2016 UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA A.A. 2015/2016 GUIDA TASSE E CONTRIBUTI UNIVERSITARI La normativa di riferimento per quanto riguarda tutti i benefici di cui possono godere gli studenti universitari

Dettagli

Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO. Barletta, 21 maggio 2013

Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO. Barletta, 21 maggio 2013 Azione 2 SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO Barletta, 21 maggio 2013 Di cosa parleremo Che cosa è il Servizio Volontario Europeo: contesto di riferimento Condizioni e aspetti specifici Come faccio a partire?

Dettagli

0.10 1.99. Prezzo dell operatore di servizi 1.00 1.20. incl. IVA 8% Costi unici. chf

0.10 1.99. Prezzo dell operatore di servizi 1.00 1.20. incl. IVA 8% Costi unici. chf incl. IVA 8% Costi unici Costi per noleggio dell Internet-Box Costi per noleggio del TV-Box Spese di spedizione per ordinazione 49.- 29.- 9.- Tariffe Fix (al minuto) In Svizzera Internazionale Gruppo 1

Dettagli

Tariffe wambo telefono

Tariffe wambo telefono Tariffe wambo telefono Tariffe wambo telefono Rete fissa Rete mobile Clienti wambo telefono (rete interna) 0 centesimi / min Tariffe per la Svizzera Rete fissa Rete mobile Rete fissa - chiamate illimitate

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

infomarket TECNOLOGIA LAPIDEA Interscambio ITALIA-MONDO GENNAIO - DICEMBRE IMPORT EXPORT

infomarket TECNOLOGIA LAPIDEA Interscambio ITALIA-MONDO GENNAIO - DICEMBRE IMPORT EXPORT LETTURA DATI UNIONI COMMERCIALI UNIONE ECONOMICA MONETARIA (UEM12) comprende: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna. A partire da gennaio

Dettagli

Da telefoni telefono pubblici NV 800 800

Da telefoni telefono pubblici NV 800 800 Prezzi per le telefonate nazionali: Minuti disponibili con una scheda da 5 Euro Da telefoni Da telefoni Da telefono fisso DESTINAZIONE pubblici NV mobili NV 800 NV 800 286682 800 262525 286682 ITALIA Fisso

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA Settore Turismo Ufficio Statistica. Flussi Turistici Provinciali e per ambiti. Anno 2013

PROVINCIA DI PADOVA Settore Turismo Ufficio Statistica. Flussi Turistici Provinciali e per ambiti. Anno 2013 PROVINCIA DI PADOVA Settore Turismo Ufficio Statistica Flussi Turistici Provinciali e per ambiti Inserimento dati Elaborazione e redazione Anno 2013 2011 ARRIVI 2012 2013 PRESENZE Differenze Percentuali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA RICHIESTA E DONAZIONE DI TECNOLOGIE SANITARIE, ARREDI E ATTREZZATURE SANITARIE E INFORMATICHE

AVVISO PUBBLICO PER LA RICHIESTA E DONAZIONE DI TECNOLOGIE SANITARIE, ARREDI E ATTREZZATURE SANITARIE E INFORMATICHE DISMISSIONI SOLIDALI Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale Deliberazione di Giunta Regionale n. 9/4 del

Dettagli

Poste Italiane Tariffe del servizio fax per trasmissione in teleselezione diretta Ordine alfabetico

Poste Italiane Tariffe del servizio fax per trasmissione in teleselezione diretta Ordine alfabetico AFGHANISTAN 0093 10 8,91 8,59 ALASKA 001 6 2,82 2,50 ALBANIA 00355 4 b 2,82 2,50 ALGERIA 00213 5 3,61 3,29 ANDORRA PRINCIPATO 00376 4 b 2,82 2,50 ANGOLA 00244 10 8,91 8,59 ANGUILLA 001-264 10 8,91 8,59

Dettagli

N.B. : alcuni Stati dell elenco, grazie a successive convenzioni, potrebbero essere esentati dall obbligo di apostille

N.B. : alcuni Stati dell elenco, grazie a successive convenzioni, potrebbero essere esentati dall obbligo di apostille I documenti devono essere: 1) Legalizzati (o apostillati) 2) Scritti o tradotti in lingua italiana 3) Non contrari a norme imperative o di ordine pubblico I documenti e gli atti dello stato civile formati

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 il caffè marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.:

Dettagli

KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision

KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision Chi siamo Kreston GV Italy Audit Srl è il membro italiano di Kreston International, network internazionale di servizi di revisione, di corporate

Dettagli

Allegato B alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia fissa

Allegato B alla Delibera 96/07/CONS - Telefonia fissa Sezione 1 - Costo complessivo di una chiamata (Valori in cent, IVA inclusa) Fonia vocale 1 minuto 3 minuti Locale 0,0240 0,0720 Nazionale 0,0300 0,0900 Verso mobile TIM 0,1740 0,5220 Verso mobile VODAFONE

Dettagli

DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE

DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE DIRITTI DI PROPRIETA INTELLETTUALE IL BREVETTO 1 TIPOLOGIE BREVETTO PER: Invenzione industriale Modello ornamentale Modello utilità 2 DURATA DEI BREVETTI PER: INVENZIONE INDUSTRIALE 20 ANNI MODELLO ORNAMENTALE

Dettagli

Procedura per presentazione domande di brevetto nazionale ed estensione in Europa e/o internazionale: costi e valutazioni

Procedura per presentazione domande di brevetto nazionale ed estensione in Europa e/o internazionale: costi e valutazioni Modiano & Partners per CAMERA DI COMMERCIO - Procedura per presentazione domande di brevetto nazionale ed estensione in Europa 13 novembre 2013 Ing. Stefano Gaggia Ing. Domenico Signori Cos è il diritto

Dettagli

Convenzione Servizi di Telefonia Fissa e Trasmissione Dati. Listino prezzi

Convenzione Servizi di Telefonia Fissa e Trasmissione Dati. Listino prezzi Prezzi per servizi di telefonia tradizionale Listino prezzi Canoni (inclusi tutti i servizi di linea richiesti) per linee in ULL Tipologia linea Costo al mese IVA Linea RTG (singolo canale fonico bidirezionale

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Come trasformare un centralino analogico in una moderna centrale IP PBX

Come trasformare un centralino analogico in una moderna centrale IP PBX Come trasformare un centralino analogico in una moderna centrale IP PBX Premessa Una delle peculiarità principali della tecnologia VoIP è quella di ridurre drasticamente il peso della bolletta telefonica

Dettagli

Accordo concernente il transito dei servizi aerei internazionali

Accordo concernente il transito dei servizi aerei internazionali Traduzione 1 Accordo concernente il transito dei servizi aerei internazionali 0.748.111.2 Conchiuso a Chicago il 7 dicembre 1944 Firmato e accettato dalla Svizzera il 6 luglio 1945 Entrato in vigore per

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCHEDA RIMBORSI SPESE COMPLEMENTARI Sono rimborsabili come spese complementari: le spese per visti consolari; le tasse di soggiorno; le spese per vaccinazioni obbligatorie e

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

1 PUNTO = 1 EURO. RISERVATO ALLE AZIENDE ASSOCIATE A Ass. degli Ind.li della Provinvia di Trapani

1 PUNTO = 1 EURO. RISERVATO ALLE AZIENDE ASSOCIATE A Ass. degli Ind.li della Provinvia di Trapani 1 PUNTO = 1 EURO RISERVATO ALLE AZIENDE ASSOCIATE A Ass. degli Ind.li della Provinvia di Trapani Servizio PERSONAL N. Punti Costo al punto Sconto riservato ai Vs. associati Costo al punto 2500 1,00 15%

Dettagli

Condizioni riservate alle Aziende Associate a ASSOLOMBARDA

Condizioni riservate alle Aziende Associate a ASSOLOMBARDA Condizioni riservate alle Aziende Associate a ASSOLOMBARDA Servizio PERSONAL N. Punti da N. Punti a Omaggio riservato ai Vs. associati 0 2.699 13% 2.700 3.999 25% 4.000 5.499 28% 5.500 7.999 30% 8.000

Dettagli

TRADUZIONI ASSEVERATE

TRADUZIONI ASSEVERATE TRADUZIONI ASSEVERATE (presso il Tribunale di Torino) DEFINIZIONE DI ASSEVERAZIONE L asseverazione (giuramento della traduzione) di un documento viene richiesta sia per documenti privati (certificati,

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 5 gennaio 2015

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 5 gennaio 2015 Nuove tariffe FedEx In vigore dal gennaio 0 Spedizioni urgenti o meno urgenti, piccoli colli o pallet pesanti, FedEx ha la soluzione giusta per voi. FedEx vi offre tariffe competitive per un servizio altamente

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Castellavazzo 06/07/2010 Elena Dalla Valle Tommaso Anfodillo INQUADRAMENTO GENERALE I Conferenza mondiale sul Clima Ginevra Protocollo di

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no e dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Dettagli

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500 Telefonia di base Direttrici di traffico Distrettuale, incluso urbane Interdistrettuale Verso rete mobile Internazionale - Area 1 Internazionale - Area 2 Internazionale - Area 3 Internazionale - Area 4

Dettagli

0.822.713.6. Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi. Traduzione 1. (Stato 14 marzo 2006)

0.822.713.6. Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi. Traduzione 1. (Stato 14 marzo 2006) Traduzione 1 Convenzione n. 26 concernente l introduzione di metodi per la fissazione dei salari minimi 0.822.713.6 Adottata a Ginevra il 16 giugno 1928 2 Approvata dall Assemblea federale il 27 marzo

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI D.G.I.E.P.M. Uff. IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE Per eseguire correttamente dall Italia la notifica

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Ripresa dell export della provincia di Lecce

Ripresa dell export della provincia di Lecce Ripresa dell export della provincia di Lecce Segnali positivi dall export salentino: nel secondo trimestre 2011 si è registrata una crescita congiunturale delle esportazioni del 37% che si aggiunge al

Dettagli

Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto

Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto Alcuni Dati sul Clima La temperatura media del pianeta è in crescita (0,3-0,6 C dal 1860) Il livello dei mari è aumentato (10-25 cm) Il 20 secolo è il più caldo

Dettagli

Condizioni riservate alle Aziede Associate a ASSOLOMBARDA

Condizioni riservate alle Aziede Associate a ASSOLOMBARDA Condizioni riservate alle Aziede Associate a ASSOLOMBARDA Servizio PERSONAL N. Punti da N. Punti a Omaggio riservato ai Vs. associati 0 2.699 13% 2.700 3.999 25% 4.000 5.499 28% 5.500 7.999 30% 8.000 12.999

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 12 INDICE 1 TELECOM ITALIA S.P.A. 3

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 14 INDICE 1 TELECOM ITALIA S.P.A. 3

Dettagli

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica.

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA Milano, 19 aprile 2012 CDM Inquadramento nelle politiche climatiche La risposta internazionale al problema

Dettagli

Università degli Studi di Trento ERASMUS+: NUOVE PROSPETTIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE. Call 2015 -KEY ACTION 1 International Credit Mobility

Università degli Studi di Trento ERASMUS+: NUOVE PROSPETTIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE. Call 2015 -KEY ACTION 1 International Credit Mobility Università degli Studi di Trento ERASMUS+: NUOVE PROSPETTIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Call 2015 -KEY ACTION 1 International Credit Mobility 1 CALL ERASMUS+ 2015 Settore Istruzione Superiore KA1 - International

Dettagli

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe

Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Corrispettivi e Tariffe Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Corrispettivi e Tariffe Acquisti in Rete della P.A. Corrispettivi e Tariffe Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 14 INDICE 1 FASTWEB S.P.A. 3 1.1 SERVIZI

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il servizio

Dettagli

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 4 gennaio 2016

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 4 gennaio 2016 Nuove tariffe FedEx In vigore dal gennaio 0 Spedizioni urgenti o meno urgenti, piccoli colli o pallet pesanti, FedEx ha la soluzione giusta per voi. FedEx vi offre tariffe competitive per un servizio altamente

Dettagli

3. La salute INDICE 3. La salute

3. La salute INDICE 3. La salute 3. La salute INDICE 3. La salute pag. 1 3.1 I numeri della salute 2 3.2 I servizi sanitari 4 3.3 Che cosa vuol dire assistenza sanitaria di base 6 3.4 Nuovi casi di malattie a trasmissione sessuale non

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI TRAFFIC 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5

Dettagli

Dole Food Company Istruzioni per le chiamate internazionali al numero verde

Dole Food Company Istruzioni per le chiamate internazionali al numero verde Dole Food Company Istruzioni per le chiamate internazionali al numero verde Chiamate nazionali (Stati Uniti, Canada e Guam): 1. Comporre il numero 888-236-7527 Chiamate internazionali: 1. Per chiamare

Dettagli

Paesi che richiedono il certificato di vaccinazione internazionale contro la Febbre Gialla SOLO a viaggiatori provenienti da aree a rischio

Paesi che richiedono il certificato di vaccinazione internazionale contro la Febbre Gialla SOLO a viaggiatori provenienti da aree a rischio Afghanistan Albania Algeria Tabella Stati che richiedono vaccinazione contro la Febbre Gialla Paesi in cui la Febbre Gialla è endemica (alto rischio di contagio) Vaccinazione raccomandata dall'oms Paesi

Dettagli

Scheda Prodotto Crono Internazionale

Scheda Prodotto Crono Internazionale Scheda Prodotto Crono Internazionale INDICE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO... 4 1.1. ZONE DI DELIVERY... 4 1.2. PICK UP... 4 1.3. TEMPI INDICATIVI DI CONSEGNA... 4 1.4. PESI, DIMENSIONI E MULTICOLLO...

Dettagli

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 5 gennaio 2015

Nuove tariffe FedEx In vigore dal 5 gennaio 2015 Nuove tariffe FedEx In vigore dal gennaio 0 Spedizioni urgenti o meno urgenti, piccoli colli o pallet pesanti, FedEx ha la soluzione giusta per voi. FedEx vi offre tariffe competitive per un servizio altamente

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI OPEN 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il

Dettagli

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999;

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999; SPAGNA: guida operativa di assistenza fiscale su strumenti finanziari obbligazionari corporate e semi-government (sub depositati presso il depositario del corrispondente estero) di diritto spagnolo non

Dettagli

Combi 1 Combi 2 Combi 3 Internet. Alla stipulazione di un abbonamento di M-Budget mobile (eccetto One)

Combi 1 Combi 2 Combi 3 Internet. Alla stipulazione di un abbonamento di M-Budget mobile (eccetto One) Offerte combinate M-Budget Combi 1 Combi 2 Combi 3 Internet Velocità massima di download 2 Mbit/s 10 Mbit/s 20 Mbit/s Velocità massima di upload 0.2 Mbit/s 1 Mbit/s 2 Mbit/s TV Canali 120 120 120 Canali

Dettagli

Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4

Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4 Auditorium Comunale Albino Bg V.le Aldo Moro 2/4 La società multiculturale italiana: numeri e parole Mara Clementi - Fondazione ISMU 22 ottobre 2012 mara clementi ismu 1 due parole chiave abitano oggi

Dettagli

ATTO FINALE. AF/ACP/CE/2005/it 1

ATTO FINALE. AF/ACP/CE/2005/it 1 ATTO FINALE AF/ACP/CE/2005/it 1 AF/ACP/CE/2005/it 2 I plenipotenziari di: SUA MAESTÀ IL RE DEI BELGI, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CECA, SUA MAESTÀ LA REGINA DI DANIMARCA, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Corrispondenze elettriche nel mondo

Corrispondenze elettriche nel mondo Corrispondenze elettriche nel mondo INFO: In tutta la comunità Europea, dopo un periodo transitorio, il voltaggio è stato unificato a 230V monofase ( e 400V trifase ), quindi in Italia è da tempo stata

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO

TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO I piani Abbonamento Tim Tutto Business A partire da 1 sim. Opzione TRA NOI inclusa *Zona UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia (comprese

Dettagli

Verso tutte le numerazioni nazionali. Scatto alla risposta. Verso tutti gli operatori mobili. Sessioni anticipate da 60 secondi.

Verso tutte le numerazioni nazionali. Scatto alla risposta. Verso tutti gli operatori mobili. Sessioni anticipate da 60 secondi. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DELL OFFERTA Costo SIM (piano tariffario Tiscali 12) 10 Ricarica iniziale obbligatoria 10 Canone offerta Traffico VOCE incluso Traffico SMS incluso 9 / mese 500 Minuti / mese

Dettagli

Servizio PERSONAL DATI UFFICIALI A VALORE AGGIUNTO

Servizio PERSONAL DATI UFFICIALI A VALORE AGGIUNTO Dati Ufficiali Italia Servizio PERSONAL DATI UFFICIALI A VALORE AGGIUNTO Tipologia servizio Tempi di Evasione N. Punti Ricerca Anagrafica on-line 1 DatImpresa ditte individuali e altre forme on-line 6

Dettagli

Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla

Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla Certificato di vaccinazione contro la febbre gialla La febbre gialla urbana e della giungla si manifestano solo in parte dell'africa e del sud America (vedere cartina 1 e 2). La febbre gialla urbana è

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI D.G.I.E.P.M. Uff. IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE Gennaio 2005 L esigenza di realizzare una Guida

Dettagli

Manuela Chiavarini, Liliana Minelli Dip.Specialità Medico-Chirurgiche e Sanità Pubblica Università degli Studi di Perugia

Manuela Chiavarini, Liliana Minelli Dip.Specialità Medico-Chirurgiche e Sanità Pubblica Università degli Studi di Perugia DISEGUAGLIANZE nell assistenza alla gravidanza e al parto in Umbria Manuela Chiavarini, Liliana Minelli Dip.Specialità Medico-Chirurgiche e Sanità Pubblica Università degli Studi di Perugia L accesso non

Dettagli

TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO

TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO TIM TUTTO BUSINESS ABBONAMENTO I piani Abbonamento Tim Tutto Business A partire da 1 sim. Opzione TRA NOI inclusa RIMBORSO PENALI *Zona UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia,

Dettagli

FONIA + ADSL FLAT da 1 a 4 linee PIANI A CONSUMO da 1 a 4 linee

FONIA + ADSL FLAT da 1 a 4 linee PIANI A CONSUMO da 1 a 4 linee FONIA + ADSL FLAT da 1 a 4 linee PIANI A CONSUMO da 1 a 4 linee *NOVITA AREA 1 ITZ FISSI: Andorra, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Germania, Francia, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Monaco,

Dettagli

* tariffazione delle telefonate a secondi effettivi di conversazione (prezzi iva esclusa) Chiamata gratuita da tutti i telefoni fissi.

* tariffazione delle telefonate a secondi effettivi di conversazione (prezzi iva esclusa) Chiamata gratuita da tutti i telefoni fissi. SENZA TELECOM Allegra VoIP OFFERTA COMMERCIALE In vigore dal 01/09/2010 Costo di disattivazione: GRATIS Durata: Nessun vincolo di durata minima Altro: Avanzato pannello di controllo on line Credito: prepagato

Dettagli

Convenzione Servizi di telefonia fissa e trasmissione dati. - lotti A - Servizi di telefonia fissa e connettività IP

Convenzione Servizi di telefonia fissa e trasmissione dati. - lotti A - Servizi di telefonia fissa e connettività IP trasmissione dati - lotti A - Listino (aggiornamento tariffe dal 1 gennaio 2007) 1. Servizio di telefonia di base e aggiuntivo 1.1. Telefonia di base Traffico telefonico Tariffe telefoniche originate Costo

Dettagli

Scheda Bandi_H2020. Invito a presentare proposte nell ambito del programma di lavoro 2015 del partenariato pubblico-privato per le bioindustrie

Scheda Bandi_H2020. Invito a presentare proposte nell ambito del programma di lavoro 2015 del partenariato pubblico-privato per le bioindustrie Invito a presentare proposte nell ambito del programma di lavoro 2015 del partenariato pubblico-privato per le bioindustrie Topic aperti in questo bando: TOPIC BBI.D7-2015: Superare la scarsa resa dei

Dettagli

abamobile Canone mensile 20.00 35.00 55.00 75.00 90.00 Chiamate in entrata ed in uscita in Europa (Zone A-B) da 0.40 da 0.40 da 0.40 da 0.

abamobile Canone mensile 20.00 35.00 55.00 75.00 90.00 Chiamate in entrata ed in uscita in Europa (Zone A-B) da 0.40 da 0.40 da 0.40 da 0. powered by Abbonamento Swiss Company Swiss Mini Swiss Flat International Flat Travel Flat Canone mensile 20.00 35.00 55.00 75.00 90.00 Chiamate dalla Svizzera (costi di connessione per chiamate al minuto)

Dettagli

30 /mese 24 /mese in promo. 10 GB in caso di extra soglia: 1 cent/mb 3. Verso tutte le numerazioni nazionali - Scatto alla risposta - Tariffazione -

30 /mese 24 /mese in promo. 10 GB in caso di extra soglia: 1 cent/mb 3. Verso tutte le numerazioni nazionali - Scatto alla risposta - Tariffazione - CARATTERISTICHE E VANTAGGI DELL OFFERTA Dettaglio Offerta Costo SIM 10 Ricarica iniziale minima 30 Attivazione offerta * Canone offerta 9 Gratis in promo 30 /mese 24 /mese in promo Traffico DATI incluso

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

Dopo i GB di traffico dati incluso continui a navigare alla velocità di massimo 32 Kbps senza costi aggiuntivi.

Dopo i GB di traffico dati incluso continui a navigare alla velocità di massimo 32 Kbps senza costi aggiuntivi. I piani Ricaricabili Tim Tutto Business A partire da 1 sim con scala sconti regressiva. Opzione TRA NOI inclusa RIMBORSO PENALI *Zona UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia,

Dettagli

Angelo FERRO - Gianni RAELI. La relazione tra PIL ed addetti al primario Una verifica empirica

Angelo FERRO - Gianni RAELI. La relazione tra PIL ed addetti al primario Una verifica empirica Angelo FERRO - Gianni RAELI La relazione tra PIL ed addetti al primario Una verifica empirica Verona febbraio 3 1 Indice 1. I cambiamenti strutturali di lungo periodo 3. La verifica empirica con i dati

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni DIREZIONE GENERALE REGOLAMENTAZIONE DEL SETTORE POSTALE Divisione I Prot. 35187 del 28.5.2013 RELAZIONE PER IL CAPO DIPARTIMENTO Oggetto:

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli