Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES"

Transcript

1 Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

2 2 la fondazione rosselli

3 Origini e attività La Fondazione Rosselli è un istituto di ricerca indipendente e no-profit fondato a Torino il 1 luglio 1988, che opera nell ambito delle scienze economiche, sociali, politiche e cognitive. La Fondazione Rosselli ha consolidato nel corso degli ultimi anni il suo ruolo di istituzione di ricerca riconosciuta a carattere nazionale e internazionale. Ciò è reso possibile dalla partecipazione delle migliori intelligenze del nostro Paese, da un importante rete di collaborazioni con università e istituti di ricerca nazionali e internazionali e dalla capacità di cogliere i segni del cambiamento nel quadro dell innovazione sociale e culturale. La sua attività viene svolta nella sede principale di Torino e da differenti strutture operative (istituti di ricerca e unità di analisi), con sedi a Milano, Roma e Palermo. La Fondazione Rosselli svolge la sua attività di ricerca principalmente nei seguenti ambiti: ricerca, innovazione e competitività; economia e politica della ricerca scientifica e tecnologica; comunicazione e media; pubblica amministrazione e tutela dei consumatori; turismo, cultura e politiche del territorio; finanza; scienze cognitive, economia e società. 3

4 Il ruolo della Fondazione Rosselli nel progetto La Fondazione Rosselli si è occupata, in primo luogo, di sviluppare la metodologia del progetto, la cui strutturazione è partita dall assunto di fondo che i docenti ed i dirigenti coinvolti siano in grado di dare al LES, per capacità e motivazione, l opportunità di diventare ciò che già è in potenza e il compito della F.R. è stato e sarà quello di facilitatore di questo processo. La struttura metodologica studiata per il progetto è basata su quello che la Fondazione Rosselli chiama architettura emotiva, cioè sullo sviluppo di processi di integrazione attraverso un approccio semantico. Nel corso di tutto il progetto, il compito della Fondazione Rosselli è quello di far emergere per conoscerlo, il modo in cui si intende usare ciò che si dice. L innovatività del metodo si poggia sulle modalità dell offerta dei contenuti, piuttosto che sui contenuti stessi, consentendo così di raggiungere gli obiettivi prefissati nel minor tempo possibile. La Fondazione Rosselli, nel dettaglio, realizzerà nell ambito del progetto i focus group, il questionario e indagine CAWI e i gruppi di lavoro. Rielaborerà i risultati in un report diagnostico e darà supporto alla realizzazione della comunità di progettazione on line. 4

5 5 la metodologia d indagine

6 Il focus group L indagine ha previsto la realizzazione di un Focus group, in data 16 Febbraio 2012 a Roma presso il MIUR, con un gruppo composto da docenti e dirigenti di quattro LES, scelti all interno delle scuole capofila, referenti del progetto, delle macroaree del nord-ovest (Milano), nord-est (Vicenza), centro e isole (Roma), sud (Napoli). L obiettivo della Fondazione Rosselli è stato quello di raccogliere informazioni rilevanti che hanno permesso di strutturare un questionario da inviare alle scuole. Il questionario è stato strutturato sui seguenti macrotemi: Identità; Percezione del liceo; Didattica. 6

7 L indagine CAWI L indagine CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) ha previsto la somministrazione on line del questionario. È stata realizzata su 360 Licei Economico-Sociali, di cui 66 Istituti paritari, ed ha ottenuto una percentuale di adesione del 64% (230 Istituti, di cui 11 su 66 scuole paritarie). L obiettivo della Fondazione Rosselli è stato quello di rilevare, in una fase preliminare, informazioni, attese e opinioni di ciascun liceo al fine di comprendere la realtà dei LES vista non solo dalla parte dell amministrazione centrale, ma anche di coloro che ogni giorno vivono il liceo e danno vita concretamente al nuovo percorso di studi. In questo modo, si è ottenuto un quadro di riferimento il più possibile aderente e completo di quella che è la realtà dei LES nel territorio italiano a due anni dalla loro attivazione. 7

8 8 l identità dei LES

9 Che ne pensiamo dei LES? Per niente positiva 1,30% Poco positiva 13,50% 53,00% Abbastanza positiva Molto positiva 32,20% 0% 20% 40% 60% 80% 100% I LES convincono il mondo scolastico. La maggioranza degli intervistati esprime un giudizio abbastanza positivo e il 32% manifesta piena soddisfazione. Ciò conferma la nostra convinzione dell importanza che la costruzione di questa identità nasca da un lavoro condiviso che vi coinvolga direttamente. 9

10 Che ne pensiamo dei LES? "Il LES permette agli studenti di acquisire competenze e capacità più adeguate al contesto attuale (sia per affrontare il mercato del lavoro che l'università)." "Il LES serve a colmare il vuoto nella licealità italiana dovuto alla mancanza di un percorso educativo rivolto all'economia e alle altre scienze sociali." "Il LES costituisce un passo in avanti da parte della scuola italiana nell'integrazione delle discipline umanistiche, scientifiche ed economicosociali." "L'integrazione delle discipline umanistiche con quelle economiche potrebbe non dar vita ad un bagaglio di competenze e capacità più adeguate alle esigenze del mondo contemporaneo." Molto Abbast anza Poco Per niente 31,3% 57,4% 10,9% 0,4% 59,6% 30,9% 8,3% 1,3% 46,1% 41,7% 10,4% 1,7% 10,0% 14,3% 34,3% 41,3% Il LES costituisce un passo in avanti nell integrazione fra discipline umanistiche, scientifiche ed economico-sociali. Ne è convinto ben l 87% degli istituti intervistati, che nel 90 % dei casi è anche certo del ruolo importante rivestito dal Liceo nel costruire un nuovo percorso educativo rivolto all economia e alle scienze sociali, ad oggi assente nella licealità italiana. Inoltre, il 75,6% dei LES intervistati ritiene che questo percorso scolastico darà vita ad un bagaglio di competenze e capacità più adeguate alle esigenze del mondo contemporaneo. 10

11 I LES hanno alcuni problemi di organizzazione didattica Non ci sono sufficienti possibilità di integrazione didattica tra le diverse discipline curricolari. È difficile trovare punti di integrazione tra le materie umanistiche e le materie economico-sociali. Ci sono molti problemi di organizzazione didattica (ad esempio difficoltà ad utilizzare la quota di autonomia). Molto Abbast anza Poco Per niente 8,3% 23,5% 47,0% 21,3% 1,7% 11,7% 52,6% 33,9% 30,4% 36,1% 23,0% 10,4% Tuttavia, i LES sembrano avere alcuni problemi di organizzazione didattica, tanto che ben il 66% degli istituti intervistati ammette un significativo livello di difficoltà. Meno complicato appare realizzare un integrazione fra le materie umanistiche ed economico-sociali e le diverse discipline curricolari. 11

12 L utilizzo della quota di autonomia scolastica nei LES predilige la psicologia e la sociologia Le difficoltà organizzative e di costruzione di un programma didattico capace di dare adeguato spazio alle discipline economiche risultano evidenti quando il 92% degli istituti partecipanti all indagine dichiara di non aver utilizzato autonomia scolastica nell anno in corso per integrare il monte-ore annuale destinato alle discipline economico-sociali. Tale quota, nel 40% dei casi, è stata utilizzata per materie come psicologia e sociologia, a conferma della forte influenza che esercita sui LES la loro derivazione dai Licei psico-pedagogici. Nella maggioranza dei casi, tuttavia, tale influenza non è sentita come uno svantaggio che ostacola la costruzione dell identità, ma piuttosto come un vantaggio, perché supporta l integrazione fra materie umanistiche e socio-economiche. un vantaggio, perché Filosofia 0,00% 55,00% offre l'opportunità di Altro (da indicare) integrare materie Seconda lingua 25,00% 44,8% umanistiche, socioeconomiche e Matematica 10,00% scientifiche Antropologia Informatica Psicologia e sociologia Metodologia della ricerca Diritto ed economia 12 15,00% 5,00% 15,00% 25,00% 40,00% 0% 50% 100% 55,2% uno svantaggio, in quanto il modello preesistente ostacola la nascita di un liceo socioeconomico con una forte identità

13 13 la percezione dei LES

14 Perché gli studenti scelgono o non scelgono di frequentare il LES? 14 Studenti: i motivi della scelta Il 63% degli istituti intervistati ritiene che gli studenti scelgano il Liceo Economico Sociale perché più semplice degli altri licei. A tale motivazione si aggiunge, per il 60% dei LES, l interesse specifico da parte degli studenti per l indirizzo scelto. Studenti: i motivi della non scelta Il 62% degli istituti coinvolti afferma che i LES non vengono scelti perché gli studenti ritengono che gli altri licei offrano una preparazione migliore. Quasi il 70% dei LES chiamati a rispondere crede che il mancato successo nei primi anni di vita di questo Liceo sia imputabile alla mancanza di sufficienti informazioni sugli elementi distintivi che lo rendono unico nel panorama scolastico italiano. La maggioranza dei docenti è d accordo sul fatto che i LES sono percepiti dagli studenti in maniera distorta, un percorso didattico più semplice e meno impegnativo rispetto ad altri Licei. Tale visione è legata ad una insufficiente circolazione delle informazioni. Tuttavia, gli intervistati rilevano un interesse specifico e consapevole verso questo indirizzo di studi.

15 Perché gli studenti scelgono o non scelgono di frequentare il LES? Altro (specificare) 7,80% Altro (specificare) 8,30% Perché pensa sia più semplice di altri licei come lo scientifico e il classico Perché pensa che il LES offra una formazione più completa per entrare nel Perché pensa di ottenere una preparazione migliore per l'università Perché vuole svolgere una professione inerente al campo economico Per l'interesse verso lo specifico percorso didattico 63,00% 28,70% 10,00% 13,90% 60,00% Perché ritiene che gli altri licei offrano una preparazione migliore per l'università Perché ritiene che il LES non offra una preparazione sufficiente per entrare nel mondo del lavoro Perché lo conosce e non ne condivide l'impostazione in quanto non ritiene che un liceo possa approfondire Perché non ha ricevuto sufficienti informazioni per comprendere gli elementi distintivi del LES 9,10% 9,10% 62,60% 69,60% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 15

16 Perche i genitori non scelgono il LES? Perché pensa sia più semplice di altri licei come lo scientifico e il classico Perché pensa che il LES offra una formazione più completa per entrare nel mondo del lavoro Perché pensa che il LES offra una preparazione migliore per l'università Perché vuole che il figlio svolga una professione inerente al campo economico Perché ritiene che il LES, rispetto agli altri licei, offra una formazione adeguata tanto al mondo del 16 Altro (specificare) 6,10% 5,70% 17,40% 19,60% 63,50% 54,80% 0% 20% 40% 60% 80% 100% I genitori scelgono i LES perché, secondo il 63% degli istituti scolastici intervistati, propongono un percorso di studi più semplice rispetto ad altri Licei. Tuttavia, gli intervistati (55%) rilevano un interesse specifico dei genitori verso la capacità dei LES di fornire ai propri figli una preparazione più adeguata al mondo del lavoro attuale e che gli permetta di svolgere una professione in campo economico. Dunque, i genitori sembrano essere capaci di comprendere le peculiarità e gli elementi distintivi di questo Liceo.

17 Come sono stati promossi i LES? Altro (specificare) Abbiamo prodotto e diffuso online materiale informativo. Abbiamo prodotto e diffuso in forma cartacea materiale informativo. Abbiamo organizzato incontri informativi con i professori delle scuole medie del territorio 13,90% 67,00% 85,20% 53,50% La maggioranza delle scuole ha realizzato azioni di promozioni tradizionali, limitandosi a produrre e diffondere materiale informativo cartaceo (85%) e a organizzate incontri formativi a scuola (82%). Il 67% ha diffuso on line materiale informativo. Abbiamo organizzato incontri informativi a scuola 82,20% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 17

18 Dove avete diffuso il materiale cartaceo e on line? Altro 16,20% Altro 9,70% Presso le scuole medie del territorio 97,50% In una newsletter 4,50% Presso la scuola 59,40% Sul sito del liceo 100,00% 0% 40% 80% -20% 20% 60% 100% Il materiale prodotto a scopo promozionale è stato distribuito, nel 97% dei casi, presso le scuole medie del territorio e/o sul sito web del liceo, che rimane l unico canale di distribuzione del materiale promozionale non cartaceo. 18

19 Cosa fare per potenziare l immagine dei LES? Altro (specificare) Creare una campagna nazionale di informazione gestita dal MIUR con altri enti economici e sociali Creare e distribuire materiale informativo all'interno del liceo e delle scuole medie del territorio Organizzare incontri informativi per gli insegnanti delle scuole medie Organizzare incontri informativi per genitori e studenti Creare un sito di riferimento per tutti i LES italiani Creare un sito internet della scuola 6,50% 10,90% 24,30% 42,20% 76,50% 63,90% 70,00% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Il 76% degli Istituti intervistati ritiene che creare una campagna nazionale di informazione gestita dal MIUR, l organizzazione di incontri formativi per gli insegnanti (64%), la creazione di un portale web di tutti i LES italiani (70%), siano le azioni necessarie per sviluppare un adeguata promozione di questo percorso di studi. Tali azioni consentirebbero di rendere chiare a studenti e genitori le peculiarità e gli obiettivi formativi di questo Liceo. 19

20 20 la didattica nei LES

21 Che formazione è stata fatta i docenti? Altro (specificare) 7,40% Nessuna Partecipazione a momenti di formazione con enti economici o finanziari Corsi su metodologie, competenze, alternanza, valutazione, Lim, etc. 13,90% 37,40% 52,60% Circa la metà degli Istituti intervistati dichiara di aver realizzato corsi formativi su metodologie didattiche, competenze, LIM, ecc. Ben il 38% dei LES intervistati dichiara di non aver agito in questo senso. Corsi disciplinari su una o più discipline 10,00% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 21

22 La didattica multimediale No; 51,5% Si; 48,5% Altro (specificare) Progetto multimediale con la collaborazione Moduli didattici per le LIM Podcast 8,90% 4,50% 39,30% 63,40% Altro (specificare) File mp3 E-book 8,70% 6,50% 43,50 % Singoli moduli didattici usufruibili online, di 32,10% Video 80,40 % 0% 50% 100% 0% 50% 100% La didattica multimediale è ancora poco diffusa nei LES. Meno della metà dei Licei indagati ha realizzato un progetto di didattica multimediale, che nel 63% dei casi ha riguardato semplicemente l utilizzo di moduli didattici per le LIM e solo nel 39% si è trattato di un progetto multimediale in collaborazione con gli studenti. Nell 80% dei casi si è preferito lo strumento audiovisivo. 22

23 I progetti di integrazione fra le diverse discipline No; 67,4% Si; 32,6% L integrazione fra le discipline umanistiche ed economico-sociali, pur essendo percepita dai LES indagati come un importante passo in avanti da parte della scuola italiana e una peculiarità fondamentale di questo percorso scolastico, capace di sviluppare nei giovani competenze e capacità più adeguate alle esigenze del mondo contemporaneo, non viene supportata, nella maggioranza dei casi, da progetti specifici. Progetti di integrazione fra le diverse discipline sono stati realizzati sole nel 33% degli Istituti intervistati. 23

24 Le attività didattiche realizzate Attività di collegamento con il territorio Attività di ricerca socio-economica No, nessuna 33,00% No, nessuna 49,60% Altro (specificare) 10,40% Altro (specificare) 4,30% Progetti didattici in collaborazione con enti pubblici/privati del territorio 49,10% Sono stati sviluppati progetti di ricerca in collaborazione con enti del territorio 18,30% Stage 29,60% Sono stati sviluppati progetti di ricerca interdisciplinari 20,90% Collaborazioni con le università 17,40% Sono stati sviluppati progetti di ricerca all'interno di discipline specifiche 30,00% 0% 50% 100% 0% 50% 100% 24

25 Le attività didattiche realizzate La metà dei LES ha realizzato progetti specifici in collaborazione con altri enti pubblici/privati del territorio, mentre ben il 33% non ha realizzato nessuna attività specifica riconducibile all arricchimento del percorso didattico con la creazione di uno stretto legame con il territorio di appartenenza. Quasi la metà dei LES non ha mai realizzato progetti di ricerca socioeconomica, solamente il 20% ha realizzato progetti interdisciplinari e il 18% progetti di ricerca in collaborazione con altri enti del territorio. Ciò, nonostante si ritenga (come vedremo in seguito) necessario avviare: azioni di potenziamento dei rapporti con la comunità locale (istituzioni, università, imprese), attraverso una valorizzazione delle discipline sociali ed economiche calate nel contesto attuale; azioni di integrazione fra le diverse discipline. 25

26 I temi trattati dai docenti di economia e diritto Nessuno dei precedenti Educazione alla sostenibilità Economia comportamentale Educazione al lavoro Educazione finanziaria, previdenziale, assicurativa 13,90% 28,70% 45,20% 52,20% 46,50% 0% 20% 40% 60% L indagine rivela come i LES abbiano da subito attivato un interesse specifico verso la creazione di un percorso di studi capace di sviluppare negli studenti una cittadinanza attiva legata a temi come l educazione alla sostenibilità, all educazione al lavoro, all educazione economica e finanziaria. Minore l interesse per l economica comportamentale (29% dei LES indagati). Conforta il dato che ci dice che appena il 14% degli istituti non ha mai affrontato nessuno di questi temi nell ambito dell insegnamento dell economia e del diritto. 26

27 Quali azioni mettere in campo per far sì che gli studenti del LES acquisiscano una formazione più adeguata al mutato contesto socioeconomico? Azioni da mettere in campo commento All'interno del programma di studi individuare le integrazioni tra le diverse discipline facendo sì, ad esempio, che l'economia sia anche storia economica, che la psicologia sia anche psicologia economica, ecc. Strutturare percorsi di formazione e aggiornamento per i docenti affinché si possano approfondire nuove metodologie didattiche, per es. sulla didattica multimediale. Potenziare i rapporti con la comunità locale (istituzioni, università, imprese) attraverso una valorizzazione delle discipline sociali ed economiche calate nel contesto attuale (ad esempio collaborazioni più intense con l'università, ecc.). Creare una comunità di progettazione che sia anche online per i docenti, per poter scambiare materiale, buone pratiche, consigli sulla didattica. Strutturare percorsi di formazione e aggiornamento per i docenti affinché si possano approfondire i temi dell'economia. Classifica Elaborare materiale didattico multimediale di supporto nell'integrazione tra le diverse materie. 6 Elaborare materiale didattico cartaceo di supporto nell'integrazione tra le diverse materie. 7 Creare una community online per gli studenti dove possano scambiarsi materiali e informazioni, per il sostegno, l'approfondimento, l'orientamento E stato chiesto di ordinare le opzioni da 1 a 8, dove 1=azione assolutamente necessaria e 8=azione per nulla necessaria) 27

28 Un progetto che rafforzi l'identità del liceo, su quali elementi principali si dovrebbe focalizzare? Altro (specificare) Sui temi socio-economici di maggiore attualita'. Sui contenuti e strumenti multidisciplinari, ovvero sui contenuti didattici che integrano le diverse Sulla didattica multimediale. 5,20% 33,90% 77,00% 84,80% 0% 20% 40% 60% 80% 100% L attualità dei temi socio economici e i contenuti didattici multimediali capaci di integrare le diverse discipline sono ritenuti elementi imprescindibili di un progetto capace di rafforzare l identità del LES. Un Liceo, dunque, capace di lavorare all interno del territorio in cui si colloca, su temi di attualità, in maniera interdisciplinare, utilizzando modalità didattiche innovative. 28

29 29 i lavori di gruppo: metodologia e obiettivi

30 I Lavori di gruppo Da un obiettivo e risultati istituzionali ad un obiettivo e risultati personali e professionali condivisi. Queste tre giornate formative sono una grande opportunità per i LES, per voi e soprattutto per i ragazzi che lo frequentano e che lo sceglieranno. Stiamo creando uno spazio prezioso e necessario a costruire il futuro del liceo partendo dal lavoro di coloro che lo costituiscono e lo vivono ogni giorno. Con il lavoro di gruppo vorremmo arrivare a condividere con voi l identità del Liceo Economico-Sociale, individuando poi le azioni che si possono compiere per rafforzare questa identità. I gruppi di lavoro che si costituiranno hanno il fine pratico di cominciare a creare una rete tra i LES, che proseguirà con la creazione di una comunità online, che ragioni sull identità del liceo, su una programmazione didattica adeguata agli obiettivi formativi e alle caratteristiche del territorio. Coesione, collaborazione e confronto dovranno essere elementi presenti in questi tre giorni, nella rete dei licei e all interno delle singole scuole.

31 Gli strumenti e la metodologia Nello sviluppare la metodologia, la Fondazione Rosselli si è mossa dal principio che voi, docenti ed i dirigenti, abbiate già capacità e motivazione per dare compiutezza alla realizzazione del nuovo liceo. Nel gruppo verranno nominati due osservatori, possibilmente un dirigente e un docente, che produrranno un documento sintetico (una pagina circa) rispetto a motivazione, al coinvolgimento e al senso. Verranno trattati i seguenti temi: identità; comunità online; integrazione tra le discipline; legami con il territorio. Questi temi ci aiuteranno ad arrivare a trasformare gli obiettivi e risultati del progetto in vostri obiettivi.

32 Gli strumenti e la metodologia Venerdì Identità Sabato comunità online; integrazione tra le discipline; legami con il territorio. Domenica un referente per ogni gruppo esporrà il lavoro svolto, in modo da condividere quanto emerso Ciascun gruppo sarà costituito da circa venti persone, raggruppate su base territoriale, per favorire la creazione di una rete. I lavori del venerdì e del sabato prevedono una prima parte in piccoli gruppi (3-4 persone) e una seconda parte di condivisione all interno del gruppo completo delle riflessioni fatte sui diversi temi.

33 I Temi da discutere Identità: per ragionare su cosa si intende con identità, quali sono gli elementi che la costituiscono, come si può costruire e valorizzare un identità condivisa. Comunità online: per capire se e come una rete tra i nuovi LES possa contribuire a costruirne e valorizzarne l identità, creando collegamenti e relazioni tra dirigenti, docenti e studenti che possano così scambiare informa. Integrazione tra le discipline: per comprendere il ruolo delle singole discipline nel raggiungimento degli obiettivi formativi e per capire in che modo poter creare interdisciplinarietà, elemento valorizzante dei LES. Legami con il territorio: per capire se e in che modo il creare collegamenti con il territorio può contribuire a costruire l identità del LES.

34 Grazie e buon lavoro 34

In collaborazione con. MIUR - Dipartimento per l Istruzione, Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica

In collaborazione con. MIUR - Dipartimento per l Istruzione, Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica All. n. 1 In collaborazione con MIUR - Dipartimento per l Istruzione, Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Progetto di accompagnamento alla riforma Investire nel

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale

Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale Lezioni economico-sociali Programma di aggiornamento dei docenti 11/11/2013 1 Il Progetto Nel 2011 nasce il progetto di accompagnamento

Dettagli

Il Liceo Economico Sociale. IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso

Il Liceo Economico Sociale. IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso Il Liceo Economico Sociale IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso I LES nel progetto nazionale: voi siete parte di questo! 2 I numeri del progetto 360 Licei Economico- sociali coinvolti

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

www.liceoeconomicosociale.it Una finestra sui LES 1

www.liceoeconomicosociale.it Una finestra sui LES 1 www.liceoeconomicosociale.it Una finestra sui LES 1 IL LICEO ECONOMICO-SOCIALE IL LICEO DELLA CONTEMPORANEITÀ Sottoscrizione Accordo di Rete dei Licei Economico-sociali della Toscana 25 marzo 2013 Il sito

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-sociale MIUR-Direzione Gen. per gli Ordinamenti scol. e per l Autonomia scolastica, Fondazione Rosselli, AEEE-Italia Roma, marzo aprile 2012 2 Investire

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Palombini - Roma A.S. 2014/2015

Istituto Comprensivo G. Palombini - Roma A.S. 2014/2015 Istituto Comprensivo G. Palombini - Roma A.S. 2014/2015 Progetto Orientamento: Conoscersi per scegliere Report sull attività di monitoraggio e valutazione degli interventi di Orientamento alla fine del

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

relativa verifica ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e

relativa verifica ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA S. DELL INFANZIA S. P. - S. S. 1 OGGETTO : percorso Orientamento e relativa verifica F. S. AREA 2 : DOCENTE VANNELLI TERESA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Orientare significa

Dettagli

EDUCARSI AL FUTURO. Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti

EDUCARSI AL FUTURO. Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti Allegato n. 1 EDUCARSI AL FUTURO Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti Ai Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti di: Ancona, Arezzo, Bari, Bergamo, Bologna,

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI Premessa La Campagna Straordinaria rivolta alle Scuole ha previsto anche la realizzazione di interventi formativi rivolti a docenti

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it Liceo delle Scienze Umane ed Economico - Sociale Dati generali Numero totale studenti 80 Numero totale docenti 85 Numero totale non docenti Numero classi

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Piazzale San Sepolcro, 4100 Parma Tel. 051/8176 Fax 051/0641 e-mail albertina@sanvitale.net Web www.sanvitale.net Dove siamo Sede: Piazzale San Sepolcro,

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Sintesi dei risultati della ricerca

Sintesi dei risultati della ricerca progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi Progetto A.I.M.S. - Accoglienza ed Integrazione dei Minori Stranieri Azione 3 Realizzazione indagine

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 LA QUALITA DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALI DOCUMENTI EUROPEI Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 OGGETTO: istituzione di un Quadro Europeo di

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI

IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI introduzione del Presidente Silvio Berlusconi e del Ministro Giorgia Meloni 2010: PARTE

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria 19 novembre 2013 Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria Studio su Scuola, Università e Lavoro dei giovani Milanesi tra il 1985 e il 2011 Autori: Massimo Anelli e Giovanni Peri (UC Davis) Introduzione

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

Orientamento come progetto di istituto

Orientamento come progetto di istituto L OFFERTA FORMATIVA PER IL SUCCESSO FORMATIVO DI TUTTI GLI STUDENTI Orientamento come progetto di istituto L orientamento assume un posto di assoluto rilievo nella progettazione educativa dell istituto.

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

I giudizi sull esperienza universitaria

I giudizi sull esperienza universitaria . I giudizi sull esperienza universitaria Tra i laureati si rileva una generale soddisfazione per l esperienza universitaria nei suoi diversi aspetti. Sono molto apprezzati il corso di studio inteso come

Dettagli

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Formazione docenti/ autovalutazione

Formazione docenti/ autovalutazione Formazione docenti/ autovalutazione Il nostro istituto è chiamato a valutare la significatività Il significato da attribuire al processo di autovalutazione è di migliorare la qualità del servizio come

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 elaborazione dati dei QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

COMUNICAZIONE SCUOLA - FAMIGLIA N. 87/2014 Anno Scolastico 2014-2015

COMUNICAZIONE SCUOLA - FAMIGLIA N. 87/2014 Anno Scolastico 2014-2015 COMUNICAZIONE SCUOLA - FAMIGLIA N. 87/2014 Anno Scolastico 2014-2015 Redatto da CUEL Alessandra Ai Genitori e Alunni degli studenti interessati LORO DOMICILIO Bolzano, 16 aprile 2015 p.c. Al personale

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO BOZZA DI PROGETTO PREMESSA L ITCG DELL ACQUA di Legnano e l ITC ENRICO TOSI di Busto Arsizio, chehanno avuto in passato ed hanno tuttora in corso esperienze di integrazione con

Dettagli

ANALISI DEI DATI - QUESTIONARIO DI GRADIMENTO-

ANALISI DEI DATI - QUESTIONARIO DI GRADIMENTO- ANALISI DEI DATI - QUESTIONARIO DI GRADIMENTO- Premessa La Cooperativa Operatori Sociali C.O.S. ha organizzato il giorno 4 dicembre 2014 una giornata di formazione dal titolo La gestione dell aggressività

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

Proposte di attività con le scuole

Proposte di attività con le scuole In collaborazione con i Comuni di Cismon del Grappa, Valstagna, San Nazario, Campolongo sul Brenta, Solagna, Pove del Grappa, Romano d Ezzelino, Bassano del Grappa OP!IL PAESAGGIO È UNA PARTE DI TE Proposte

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. ) FORMULARIO C - Scuola primaria Hanno partecipato alla rilevazione 5.944 istituzioni scolastiche tra istituti comprensivi e circoli didattici, per la maggior

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici FoRAGS FORUM REGIONALE ASSOCIAZIONI GENITORI SCUOLA Rimettere

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE CARSOLI Infanzia,Primaria,Scuola Media e Liceo Scientifico Via IX

Dettagli

Orientamento in uscita - Università

Orientamento in uscita - Università ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. FALCONE - ASOLA (MN) Orientamento in uscita - Università prof. Ruggero Remaforte A.S.. 2012/2013 Premettendo che per orientare bisogna attivare non solo strumenti ma anche

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri

Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri Master Universitario di primo livello Facoltà di Scienze della Formazione Direzione: prof. Clemente Lanzetti,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia a cura di Vincenzo Russo, Davide Jabes e Cinzia Sciangula dell Università IULM di Milano 1 Premessa

Dettagli

Stage 6. "Esplorare nuovi Spazi"

Stage 6. Esplorare nuovi Spazi Stage 6. "Esplorare nuovi Spazi" Gli obiettivi Nella prima sezione del questionario si è chiesto ai partecipanti di esprimere un giudizio riguardo il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Progetto DopolaScuola Presentazione Esiti 1 fase. Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni. Legnano, 09.10.

Progetto DopolaScuola Presentazione Esiti 1 fase. Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni. Legnano, 09.10. Presentazione Esiti 1 fase Caregivers e percezione del bisogno formativo dei soggetti dagli 11 ai 14 anni Legnano, 09.10.2014 Obiettivi dell'incontro Presentare gli esiti della prima fase di analisi Attivare

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

SUGGERIMENTI METODOLOGICI, STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI

SUGGERIMENTI METODOLOGICI, STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO a.s. 2013-14 Il Protocollo di accoglienza nasce dalla volontà di rendere concrete, nella consuetudine didattica quotidiana,

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1

DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1 DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1 Nei giorni nove, dieci e undici settembre 2013 alle ore 9,00, nei locali dell IIS Telesi@ in Viale Minieri, si è riunito il Dipartimento del Liceo Economico

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI GENITORI

LA VALUTAZIONE DEI GENITORI MONITORARE LA QUALITÀ LA VALUTAZIONE DEI GENITORI REPORT CONCLUSIVO Maggio 2013 Pagina 1 di 7 RILEVAZIONE CUSTOMER SATISFACTION GENITORI VII EDIZIONE PREMESSA Le classi coinvolte nell indagine di quest

Dettagli