Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES"

Transcript

1 Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

2 2 la fondazione rosselli

3 Origini e attività La Fondazione Rosselli è un istituto di ricerca indipendente e no-profit fondato a Torino il 1 luglio 1988, che opera nell ambito delle scienze economiche, sociali, politiche e cognitive. La Fondazione Rosselli ha consolidato nel corso degli ultimi anni il suo ruolo di istituzione di ricerca riconosciuta a carattere nazionale e internazionale. Ciò è reso possibile dalla partecipazione delle migliori intelligenze del nostro Paese, da un importante rete di collaborazioni con università e istituti di ricerca nazionali e internazionali e dalla capacità di cogliere i segni del cambiamento nel quadro dell innovazione sociale e culturale. La sua attività viene svolta nella sede principale di Torino e da differenti strutture operative (istituti di ricerca e unità di analisi), con sedi a Milano, Roma e Palermo. La Fondazione Rosselli svolge la sua attività di ricerca principalmente nei seguenti ambiti: ricerca, innovazione e competitività; economia e politica della ricerca scientifica e tecnologica; comunicazione e media; pubblica amministrazione e tutela dei consumatori; turismo, cultura e politiche del territorio; finanza; scienze cognitive, economia e società. 3

4 Il ruolo della Fondazione Rosselli nel progetto La Fondazione Rosselli si è occupata, in primo luogo, di sviluppare la metodologia del progetto, la cui strutturazione è partita dall assunto di fondo che i docenti ed i dirigenti coinvolti siano in grado di dare al LES, per capacità e motivazione, l opportunità di diventare ciò che già è in potenza e il compito della F.R. è stato e sarà quello di facilitatore di questo processo. La struttura metodologica studiata per il progetto è basata su quello che la Fondazione Rosselli chiama architettura emotiva, cioè sullo sviluppo di processi di integrazione attraverso un approccio semantico. Nel corso di tutto il progetto, il compito della Fondazione Rosselli è quello di far emergere per conoscerlo, il modo in cui si intende usare ciò che si dice. L innovatività del metodo si poggia sulle modalità dell offerta dei contenuti, piuttosto che sui contenuti stessi, consentendo così di raggiungere gli obiettivi prefissati nel minor tempo possibile. La Fondazione Rosselli, nel dettaglio, realizzerà nell ambito del progetto i focus group, il questionario e indagine CAWI e i gruppi di lavoro. Rielaborerà i risultati in un report diagnostico e darà supporto alla realizzazione della comunità di progettazione on line. 4

5 5 la metodologia d indagine

6 Il focus group L indagine ha previsto la realizzazione di un Focus group, in data 16 Febbraio 2012 a Roma presso il MIUR, con un gruppo composto da docenti e dirigenti di quattro LES, scelti all interno delle scuole capofila, referenti del progetto, delle macroaree del nord-ovest (Milano), nord-est (Vicenza), centro e isole (Roma), sud (Napoli). L obiettivo della Fondazione Rosselli è stato quello di raccogliere informazioni rilevanti che hanno permesso di strutturare un questionario da inviare alle scuole. Il questionario è stato strutturato sui seguenti macrotemi: Identità; Percezione del liceo; Didattica. 6

7 L indagine CAWI L indagine CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) ha previsto la somministrazione on line del questionario. È stata realizzata su 360 Licei Economico-Sociali, di cui 66 Istituti paritari, ed ha ottenuto una percentuale di adesione del 64% (230 Istituti, di cui 11 su 66 scuole paritarie). L obiettivo della Fondazione Rosselli è stato quello di rilevare, in una fase preliminare, informazioni, attese e opinioni di ciascun liceo al fine di comprendere la realtà dei LES vista non solo dalla parte dell amministrazione centrale, ma anche di coloro che ogni giorno vivono il liceo e danno vita concretamente al nuovo percorso di studi. In questo modo, si è ottenuto un quadro di riferimento il più possibile aderente e completo di quella che è la realtà dei LES nel territorio italiano a due anni dalla loro attivazione. 7

8 8 l identità dei LES

9 Che ne pensiamo dei LES? Per niente positiva 1,30% Poco positiva 13,50% 53,00% Abbastanza positiva Molto positiva 32,20% 0% 20% 40% 60% 80% 100% I LES convincono il mondo scolastico. La maggioranza degli intervistati esprime un giudizio abbastanza positivo e il 32% manifesta piena soddisfazione. Ciò conferma la nostra convinzione dell importanza che la costruzione di questa identità nasca da un lavoro condiviso che vi coinvolga direttamente. 9

10 Che ne pensiamo dei LES? "Il LES permette agli studenti di acquisire competenze e capacità più adeguate al contesto attuale (sia per affrontare il mercato del lavoro che l'università)." "Il LES serve a colmare il vuoto nella licealità italiana dovuto alla mancanza di un percorso educativo rivolto all'economia e alle altre scienze sociali." "Il LES costituisce un passo in avanti da parte della scuola italiana nell'integrazione delle discipline umanistiche, scientifiche ed economicosociali." "L'integrazione delle discipline umanistiche con quelle economiche potrebbe non dar vita ad un bagaglio di competenze e capacità più adeguate alle esigenze del mondo contemporaneo." Molto Abbast anza Poco Per niente 31,3% 57,4% 10,9% 0,4% 59,6% 30,9% 8,3% 1,3% 46,1% 41,7% 10,4% 1,7% 10,0% 14,3% 34,3% 41,3% Il LES costituisce un passo in avanti nell integrazione fra discipline umanistiche, scientifiche ed economico-sociali. Ne è convinto ben l 87% degli istituti intervistati, che nel 90 % dei casi è anche certo del ruolo importante rivestito dal Liceo nel costruire un nuovo percorso educativo rivolto all economia e alle scienze sociali, ad oggi assente nella licealità italiana. Inoltre, il 75,6% dei LES intervistati ritiene che questo percorso scolastico darà vita ad un bagaglio di competenze e capacità più adeguate alle esigenze del mondo contemporaneo. 10

11 I LES hanno alcuni problemi di organizzazione didattica Non ci sono sufficienti possibilità di integrazione didattica tra le diverse discipline curricolari. È difficile trovare punti di integrazione tra le materie umanistiche e le materie economico-sociali. Ci sono molti problemi di organizzazione didattica (ad esempio difficoltà ad utilizzare la quota di autonomia). Molto Abbast anza Poco Per niente 8,3% 23,5% 47,0% 21,3% 1,7% 11,7% 52,6% 33,9% 30,4% 36,1% 23,0% 10,4% Tuttavia, i LES sembrano avere alcuni problemi di organizzazione didattica, tanto che ben il 66% degli istituti intervistati ammette un significativo livello di difficoltà. Meno complicato appare realizzare un integrazione fra le materie umanistiche ed economico-sociali e le diverse discipline curricolari. 11

12 L utilizzo della quota di autonomia scolastica nei LES predilige la psicologia e la sociologia Le difficoltà organizzative e di costruzione di un programma didattico capace di dare adeguato spazio alle discipline economiche risultano evidenti quando il 92% degli istituti partecipanti all indagine dichiara di non aver utilizzato autonomia scolastica nell anno in corso per integrare il monte-ore annuale destinato alle discipline economico-sociali. Tale quota, nel 40% dei casi, è stata utilizzata per materie come psicologia e sociologia, a conferma della forte influenza che esercita sui LES la loro derivazione dai Licei psico-pedagogici. Nella maggioranza dei casi, tuttavia, tale influenza non è sentita come uno svantaggio che ostacola la costruzione dell identità, ma piuttosto come un vantaggio, perché supporta l integrazione fra materie umanistiche e socio-economiche. un vantaggio, perché Filosofia 0,00% 55,00% offre l'opportunità di Altro (da indicare) integrare materie Seconda lingua 25,00% 44,8% umanistiche, socioeconomiche e Matematica 10,00% scientifiche Antropologia Informatica Psicologia e sociologia Metodologia della ricerca Diritto ed economia 12 15,00% 5,00% 15,00% 25,00% 40,00% 0% 50% 100% 55,2% uno svantaggio, in quanto il modello preesistente ostacola la nascita di un liceo socioeconomico con una forte identità

13 13 la percezione dei LES

14 Perché gli studenti scelgono o non scelgono di frequentare il LES? 14 Studenti: i motivi della scelta Il 63% degli istituti intervistati ritiene che gli studenti scelgano il Liceo Economico Sociale perché più semplice degli altri licei. A tale motivazione si aggiunge, per il 60% dei LES, l interesse specifico da parte degli studenti per l indirizzo scelto. Studenti: i motivi della non scelta Il 62% degli istituti coinvolti afferma che i LES non vengono scelti perché gli studenti ritengono che gli altri licei offrano una preparazione migliore. Quasi il 70% dei LES chiamati a rispondere crede che il mancato successo nei primi anni di vita di questo Liceo sia imputabile alla mancanza di sufficienti informazioni sugli elementi distintivi che lo rendono unico nel panorama scolastico italiano. La maggioranza dei docenti è d accordo sul fatto che i LES sono percepiti dagli studenti in maniera distorta, un percorso didattico più semplice e meno impegnativo rispetto ad altri Licei. Tale visione è legata ad una insufficiente circolazione delle informazioni. Tuttavia, gli intervistati rilevano un interesse specifico e consapevole verso questo indirizzo di studi.

15 Perché gli studenti scelgono o non scelgono di frequentare il LES? Altro (specificare) 7,80% Altro (specificare) 8,30% Perché pensa sia più semplice di altri licei come lo scientifico e il classico Perché pensa che il LES offra una formazione più completa per entrare nel Perché pensa di ottenere una preparazione migliore per l'università Perché vuole svolgere una professione inerente al campo economico Per l'interesse verso lo specifico percorso didattico 63,00% 28,70% 10,00% 13,90% 60,00% Perché ritiene che gli altri licei offrano una preparazione migliore per l'università Perché ritiene che il LES non offra una preparazione sufficiente per entrare nel mondo del lavoro Perché lo conosce e non ne condivide l'impostazione in quanto non ritiene che un liceo possa approfondire Perché non ha ricevuto sufficienti informazioni per comprendere gli elementi distintivi del LES 9,10% 9,10% 62,60% 69,60% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 15

16 Perche i genitori non scelgono il LES? Perché pensa sia più semplice di altri licei come lo scientifico e il classico Perché pensa che il LES offra una formazione più completa per entrare nel mondo del lavoro Perché pensa che il LES offra una preparazione migliore per l'università Perché vuole che il figlio svolga una professione inerente al campo economico Perché ritiene che il LES, rispetto agli altri licei, offra una formazione adeguata tanto al mondo del 16 Altro (specificare) 6,10% 5,70% 17,40% 19,60% 63,50% 54,80% 0% 20% 40% 60% 80% 100% I genitori scelgono i LES perché, secondo il 63% degli istituti scolastici intervistati, propongono un percorso di studi più semplice rispetto ad altri Licei. Tuttavia, gli intervistati (55%) rilevano un interesse specifico dei genitori verso la capacità dei LES di fornire ai propri figli una preparazione più adeguata al mondo del lavoro attuale e che gli permetta di svolgere una professione in campo economico. Dunque, i genitori sembrano essere capaci di comprendere le peculiarità e gli elementi distintivi di questo Liceo.

17 Come sono stati promossi i LES? Altro (specificare) Abbiamo prodotto e diffuso online materiale informativo. Abbiamo prodotto e diffuso in forma cartacea materiale informativo. Abbiamo organizzato incontri informativi con i professori delle scuole medie del territorio 13,90% 67,00% 85,20% 53,50% La maggioranza delle scuole ha realizzato azioni di promozioni tradizionali, limitandosi a produrre e diffondere materiale informativo cartaceo (85%) e a organizzate incontri formativi a scuola (82%). Il 67% ha diffuso on line materiale informativo. Abbiamo organizzato incontri informativi a scuola 82,20% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 17

18 Dove avete diffuso il materiale cartaceo e on line? Altro 16,20% Altro 9,70% Presso le scuole medie del territorio 97,50% In una newsletter 4,50% Presso la scuola 59,40% Sul sito del liceo 100,00% 0% 40% 80% -20% 20% 60% 100% Il materiale prodotto a scopo promozionale è stato distribuito, nel 97% dei casi, presso le scuole medie del territorio e/o sul sito web del liceo, che rimane l unico canale di distribuzione del materiale promozionale non cartaceo. 18

19 Cosa fare per potenziare l immagine dei LES? Altro (specificare) Creare una campagna nazionale di informazione gestita dal MIUR con altri enti economici e sociali Creare e distribuire materiale informativo all'interno del liceo e delle scuole medie del territorio Organizzare incontri informativi per gli insegnanti delle scuole medie Organizzare incontri informativi per genitori e studenti Creare un sito di riferimento per tutti i LES italiani Creare un sito internet della scuola 6,50% 10,90% 24,30% 42,20% 76,50% 63,90% 70,00% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Il 76% degli Istituti intervistati ritiene che creare una campagna nazionale di informazione gestita dal MIUR, l organizzazione di incontri formativi per gli insegnanti (64%), la creazione di un portale web di tutti i LES italiani (70%), siano le azioni necessarie per sviluppare un adeguata promozione di questo percorso di studi. Tali azioni consentirebbero di rendere chiare a studenti e genitori le peculiarità e gli obiettivi formativi di questo Liceo. 19

20 20 la didattica nei LES

21 Che formazione è stata fatta i docenti? Altro (specificare) 7,40% Nessuna Partecipazione a momenti di formazione con enti economici o finanziari Corsi su metodologie, competenze, alternanza, valutazione, Lim, etc. 13,90% 37,40% 52,60% Circa la metà degli Istituti intervistati dichiara di aver realizzato corsi formativi su metodologie didattiche, competenze, LIM, ecc. Ben il 38% dei LES intervistati dichiara di non aver agito in questo senso. Corsi disciplinari su una o più discipline 10,00% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 21

22 La didattica multimediale No; 51,5% Si; 48,5% Altro (specificare) Progetto multimediale con la collaborazione Moduli didattici per le LIM Podcast 8,90% 4,50% 39,30% 63,40% Altro (specificare) File mp3 E-book 8,70% 6,50% 43,50 % Singoli moduli didattici usufruibili online, di 32,10% Video 80,40 % 0% 50% 100% 0% 50% 100% La didattica multimediale è ancora poco diffusa nei LES. Meno della metà dei Licei indagati ha realizzato un progetto di didattica multimediale, che nel 63% dei casi ha riguardato semplicemente l utilizzo di moduli didattici per le LIM e solo nel 39% si è trattato di un progetto multimediale in collaborazione con gli studenti. Nell 80% dei casi si è preferito lo strumento audiovisivo. 22

23 I progetti di integrazione fra le diverse discipline No; 67,4% Si; 32,6% L integrazione fra le discipline umanistiche ed economico-sociali, pur essendo percepita dai LES indagati come un importante passo in avanti da parte della scuola italiana e una peculiarità fondamentale di questo percorso scolastico, capace di sviluppare nei giovani competenze e capacità più adeguate alle esigenze del mondo contemporaneo, non viene supportata, nella maggioranza dei casi, da progetti specifici. Progetti di integrazione fra le diverse discipline sono stati realizzati sole nel 33% degli Istituti intervistati. 23

24 Le attività didattiche realizzate Attività di collegamento con il territorio Attività di ricerca socio-economica No, nessuna 33,00% No, nessuna 49,60% Altro (specificare) 10,40% Altro (specificare) 4,30% Progetti didattici in collaborazione con enti pubblici/privati del territorio 49,10% Sono stati sviluppati progetti di ricerca in collaborazione con enti del territorio 18,30% Stage 29,60% Sono stati sviluppati progetti di ricerca interdisciplinari 20,90% Collaborazioni con le università 17,40% Sono stati sviluppati progetti di ricerca all'interno di discipline specifiche 30,00% 0% 50% 100% 0% 50% 100% 24

25 Le attività didattiche realizzate La metà dei LES ha realizzato progetti specifici in collaborazione con altri enti pubblici/privati del territorio, mentre ben il 33% non ha realizzato nessuna attività specifica riconducibile all arricchimento del percorso didattico con la creazione di uno stretto legame con il territorio di appartenenza. Quasi la metà dei LES non ha mai realizzato progetti di ricerca socioeconomica, solamente il 20% ha realizzato progetti interdisciplinari e il 18% progetti di ricerca in collaborazione con altri enti del territorio. Ciò, nonostante si ritenga (come vedremo in seguito) necessario avviare: azioni di potenziamento dei rapporti con la comunità locale (istituzioni, università, imprese), attraverso una valorizzazione delle discipline sociali ed economiche calate nel contesto attuale; azioni di integrazione fra le diverse discipline. 25

26 I temi trattati dai docenti di economia e diritto Nessuno dei precedenti Educazione alla sostenibilità Economia comportamentale Educazione al lavoro Educazione finanziaria, previdenziale, assicurativa 13,90% 28,70% 45,20% 52,20% 46,50% 0% 20% 40% 60% L indagine rivela come i LES abbiano da subito attivato un interesse specifico verso la creazione di un percorso di studi capace di sviluppare negli studenti una cittadinanza attiva legata a temi come l educazione alla sostenibilità, all educazione al lavoro, all educazione economica e finanziaria. Minore l interesse per l economica comportamentale (29% dei LES indagati). Conforta il dato che ci dice che appena il 14% degli istituti non ha mai affrontato nessuno di questi temi nell ambito dell insegnamento dell economia e del diritto. 26

27 Quali azioni mettere in campo per far sì che gli studenti del LES acquisiscano una formazione più adeguata al mutato contesto socioeconomico? Azioni da mettere in campo commento All'interno del programma di studi individuare le integrazioni tra le diverse discipline facendo sì, ad esempio, che l'economia sia anche storia economica, che la psicologia sia anche psicologia economica, ecc. Strutturare percorsi di formazione e aggiornamento per i docenti affinché si possano approfondire nuove metodologie didattiche, per es. sulla didattica multimediale. Potenziare i rapporti con la comunità locale (istituzioni, università, imprese) attraverso una valorizzazione delle discipline sociali ed economiche calate nel contesto attuale (ad esempio collaborazioni più intense con l'università, ecc.). Creare una comunità di progettazione che sia anche online per i docenti, per poter scambiare materiale, buone pratiche, consigli sulla didattica. Strutturare percorsi di formazione e aggiornamento per i docenti affinché si possano approfondire i temi dell'economia. Classifica Elaborare materiale didattico multimediale di supporto nell'integrazione tra le diverse materie. 6 Elaborare materiale didattico cartaceo di supporto nell'integrazione tra le diverse materie. 7 Creare una community online per gli studenti dove possano scambiarsi materiali e informazioni, per il sostegno, l'approfondimento, l'orientamento E stato chiesto di ordinare le opzioni da 1 a 8, dove 1=azione assolutamente necessaria e 8=azione per nulla necessaria) 27

28 Un progetto che rafforzi l'identità del liceo, su quali elementi principali si dovrebbe focalizzare? Altro (specificare) Sui temi socio-economici di maggiore attualita'. Sui contenuti e strumenti multidisciplinari, ovvero sui contenuti didattici che integrano le diverse Sulla didattica multimediale. 5,20% 33,90% 77,00% 84,80% 0% 20% 40% 60% 80% 100% L attualità dei temi socio economici e i contenuti didattici multimediali capaci di integrare le diverse discipline sono ritenuti elementi imprescindibili di un progetto capace di rafforzare l identità del LES. Un Liceo, dunque, capace di lavorare all interno del territorio in cui si colloca, su temi di attualità, in maniera interdisciplinare, utilizzando modalità didattiche innovative. 28

29 29 i lavori di gruppo: metodologia e obiettivi

30 I Lavori di gruppo Da un obiettivo e risultati istituzionali ad un obiettivo e risultati personali e professionali condivisi. Queste tre giornate formative sono una grande opportunità per i LES, per voi e soprattutto per i ragazzi che lo frequentano e che lo sceglieranno. Stiamo creando uno spazio prezioso e necessario a costruire il futuro del liceo partendo dal lavoro di coloro che lo costituiscono e lo vivono ogni giorno. Con il lavoro di gruppo vorremmo arrivare a condividere con voi l identità del Liceo Economico-Sociale, individuando poi le azioni che si possono compiere per rafforzare questa identità. I gruppi di lavoro che si costituiranno hanno il fine pratico di cominciare a creare una rete tra i LES, che proseguirà con la creazione di una comunità online, che ragioni sull identità del liceo, su una programmazione didattica adeguata agli obiettivi formativi e alle caratteristiche del territorio. Coesione, collaborazione e confronto dovranno essere elementi presenti in questi tre giorni, nella rete dei licei e all interno delle singole scuole.

31 Gli strumenti e la metodologia Nello sviluppare la metodologia, la Fondazione Rosselli si è mossa dal principio che voi, docenti ed i dirigenti, abbiate già capacità e motivazione per dare compiutezza alla realizzazione del nuovo liceo. Nel gruppo verranno nominati due osservatori, possibilmente un dirigente e un docente, che produrranno un documento sintetico (una pagina circa) rispetto a motivazione, al coinvolgimento e al senso. Verranno trattati i seguenti temi: identità; comunità online; integrazione tra le discipline; legami con il territorio. Questi temi ci aiuteranno ad arrivare a trasformare gli obiettivi e risultati del progetto in vostri obiettivi.

32 Gli strumenti e la metodologia Venerdì Identità Sabato comunità online; integrazione tra le discipline; legami con il territorio. Domenica un referente per ogni gruppo esporrà il lavoro svolto, in modo da condividere quanto emerso Ciascun gruppo sarà costituito da circa venti persone, raggruppate su base territoriale, per favorire la creazione di una rete. I lavori del venerdì e del sabato prevedono una prima parte in piccoli gruppi (3-4 persone) e una seconda parte di condivisione all interno del gruppo completo delle riflessioni fatte sui diversi temi.

33 I Temi da discutere Identità: per ragionare su cosa si intende con identità, quali sono gli elementi che la costituiscono, come si può costruire e valorizzare un identità condivisa. Comunità online: per capire se e come una rete tra i nuovi LES possa contribuire a costruirne e valorizzarne l identità, creando collegamenti e relazioni tra dirigenti, docenti e studenti che possano così scambiare informa. Integrazione tra le discipline: per comprendere il ruolo delle singole discipline nel raggiungimento degli obiettivi formativi e per capire in che modo poter creare interdisciplinarietà, elemento valorizzante dei LES. Legami con il territorio: per capire se e in che modo il creare collegamenti con il territorio può contribuire a costruire l identità del LES.

34 Grazie e buon lavoro 34

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo Sperimentazione promossa dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Sperimentazione promossa dal MIUR DG Studente Piano Nazionale Orientamento Direzione Generale per lo Studente, l'integrazione,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli