FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA"

Transcript

1 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ZENIT SGR S.p.A. Società sottoposta all attività di direzione e coordinamento di P.F.M. Finanziaria S.p.A. Via Privata Maria Teresa, Milano Capitale Sociale Euro i.v. Cod. Fiscale e Registro Imprese di Milano P.IVA R.E.A. Milano Iscr. Albo Gestori di OICVM n. 14 e Iscr. Albo Gestori di FIA n. 13 Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia

2 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA AL 30 GIUGNO 2015 INFORMAZIONI PRELIMINARI, PRINCIPI CONTABILI E CRITERI DI VAUTAZIONE 3 RISCHI ASSUNTI E TECNICHE DI GESTIONE DEI RISCHI DI PORTAFOGLIO 4 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA 5 NOTA ILLUSTRATIVA 8 2

3 INFORMAZIONI PRELIMINARI Modifiche regolamentari Zenit SGR S.p.A. ha istituito e gestisce il Fondo comune di investimento mobiliare di tipo chiuso, riservato ad investitori qualificati, denominato Progetto MiniBond Italia. L avvio dell operatività, raggiunto l importo minimo di emissione pari a di Euro, ha avuto inizio in data 10 novembre Il Regolamento del Fondo è stato approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione di Zenit SGR S.p.A. in data 7 gennaio 2014, con efficacia dal 20 gennaio In data 25 giugno 2014, con delibera del Consiglio di Amministrazione di Zenit SGR S.p.A., il Regolamento è stato modificato, con efficacia dal 14 luglio Gli interventi di modifica hanno riguardato limitati interventi al testo regolamentare, riferiti alle condizioni di accesso al Fondo, alle politiche di investimento ed alla composizione del comitato consultivo. In data 30 settembre 2014, con delibera del Consiglio di Amministrazione di Zenit SGR S.p.A., il Regolamento è stato modificato con efficacia dal 15 ottobre Gli interventi di modifica hanno riguardato le parti del testo regolamentare, riferite alla base di calcolo delle commissioni di gestione, al sistema di equalizzazione per le sottoscrizioni successive, alla composizione dell Advisory Board, al meccanismo dei rimborsi parziali a fronte di disinvestimenti ed infine alle limitazioni agli investimenti. In data 29 aprile 2015, con delibera del Consiglio di Amministrazione di Zenit SGR S.p.A., il Regolamento è stato modificato con efficacia dal 18 maggio Gli interventi di modifica hanno riguardato le varie parti del testo regolamentare, per l adeguamento delle stesse alle previsioni normative della direttiva 2011/61/UE AIFMD oltre alla disciplina riguardante la prima convocazione dell Assemblea dei partecipanti. In data 21 maggio 2015, con delibera del Consiglio di Amministrazione di Zenit SGR S.p.A., e sottoposto all approvazione dell Assemblea dei partecipanti in data 4 giugno 2015, il Regolamento è stato modificato con efficacia dal 22 giugno Gli interventi di modifica hanno riguardato le parti del testo regolamentare, riferite alla politica di investimento e ai relativi limiti. Inoltre il termine ultimo di sottoscrizione iniziale è stato prorogato al 31 luglio 2016, sulla base della norma transitoria contenuta nel D.M. 30/2015. PRINCIPI CONTABILI E CRITERI DI VALUTAZIONE La contabilità del Fondo è tenuta in Euro e i prospetti contabili sono stati redatti in unità di Euro, senza cifre decimali, a eccezione del valore della quota, che viene calcolato in millesimi di Euro. La relazione semestrale del Fondo Progetto MiniBond Italia è stata redatta in conformità agli schemi stabiliti dalla Banca d Italia con Provvedimento dell 8 maggio 2012 Regolamento sulla gestione collettiva del risparmio come modificato con il regolamento di modifica emanato dalla Banca d Italia il 19 gennaio 2015, e fa riferimento all ultimo giorno di valorizzazione delle quote del semestre, il 30 giugno La presente relazione semestrale si compone della situazione patrimoniale ed è accompagnata dalla nota illustrativa, che ha lo scopo di fornire indicazioni sia sulla politica di investimento seguita nella gestione del patrimonio nel semestre, sia sulle prospettive di investimento in relazione all evoluzione dei mercati nei settori di interesse per il Fondo. Principi contabili I principi contabili ed i criteri di valutazione, di seguito elencati, utilizzati nella redazione della relazione semestrale del Fondo, sono coerenti con quelli utilizzati nel corso dell esercizio per la predisposizione dei prospetti di calcolo del valore unitario della quota. Il Consiglio di Amministrazione approva i criteri di valorizzazione, preventivamente concordati con la Banca depositaria. Valutazione dei titoli e degli strumenti finanziari La valutazione degli strumenti finanziari è effettuata sulla base dei criteri disciplinati dal Provvedimento Banca d Italia dell 8 maggio 2012 Regolamento sulla gestione collettiva del risparmio come modificato con il regolamento di modifica emanato dalla Banca d Italia il 19 gennaio 2015 e da quelli disciplinati dal Regolamento del Fondo. 3

4 In particolare, ii prezzo di riferimento, utilizzato per la valutazione dei titoli e degli strumenti finanziari in portafoglio, è determinato sulla base dei seguenti parametri: Obbligazioni non quotate Le obbligazioni non quotate e le obbligazioni quotate ma illiquide (definibili come quegli strumenti per i quali lo score bval di Bloomberg è inferiore o uguale a 7), sono valorizzate al presumibile valore di realizzo, determinato dal costo storico, eventualmente rettificato in presenza di eventi significativi nelle prospettive reddituali delle società emittenti. Destinazione degli utili Le classi di quote del Fondo sono tutte a distribuzione dei proventi. I proventi sono distribuiti ai Partecipanti con periodicità annuale, con riferimento al rendiconto di gestione. Sono considerati proventi della gestione del Fondo, i risultati generati annualmente dall attività di gestione del Fondo quali: le cedole distribuite dall emittente e da altre società o enti che emettono gli strumenti finanziari in cui è investito il patrimonio del Fondo; gli interessi maturati e liquidati sui depositi bancari in cui è investito il patrimonio del Fondo. I proventi distribuibili, risultanti dal rendiconto di gestione del Fondo, sono determinati come segue: al netto delle plusvalenze e delle minusvalenze non realizzate nel periodo di riferimento, dei costi, degli oneri e delle spese carico del Fondo, nonché degli eventuali accantonamenti previsti dalla legge ovvero delle imposte o di altre eventuali esposizioni debitorie che devono essere coperte necessariamente con le disponibilità liquide rappresentate dai proventi stessi; comprensivi delle plusvalenze e delle minusvalenze non realizzate nei periodi precedenti ma che abbiano trovato realizzazione nel periodo di riferimento; comprensivi delle plusvalenze realizzate nel periodo di riferimento. RISCHI ASSUNTI E TECNICHE DI GESTIONE DEI RISCHI DI PORTAFOGLIO Il Fondo ha per oggetto l investimento in via prevalente in strumenti finanziari di debito emessi da società italiane non quotate di piccole e medie dimensioni, cosiddetti minibond e cambiali finanziarie. A seguito delle modifiche regolamentari intervenute nel semestre, ii Fondo potrà investire, con il limite del 25% dell Importo Sottoscritto dai partecipanti, in strumenti finanziari di debito che non abbiano richiesto l ammissione alla quotazione su mercati regolamentati o su sistemi multilaterali di negoziazione e, pertanto, non siano quotati. Il Fondo potrà inoltre investire in obbligazioni partecipative subordinate, aventi in parte o in tutto le caratteristiche di cui all art codice civile, in misura massima del 10% dell Importo Sottoscritto dai partecipanti e in parti di OICR la cui politica di investimento sia compatibile con quella del Fondo, anche se istituiti e/o gestiti dalla società di gestione. Infine è facoltà della Società di Gestione di detenere una parte del patrimonio in disponibilità liquide, in titoli del mercato monetario, in titoli di pronta e sicura liquidabilità, in depositi bancari ed in strumenti finanziari di debito anche convertibili o cum warrant in titoli emessi da Stati e da emittenti societari quotati e non quotati appartenenti all Area Euro. La gestione e la mitigazione del rischio sul Fondo sono attuate innanzitutto attraverso la verifica del rispetto dei limiti regolamentari, tempo per tempo vigenti. L attività di verifica condotta nel primo semestre del 2015 ha permesso di rilevare che, nella prima fase di costruzione del portafoglio, i limiti sulle emissioni e sugli emittenti risultavano rispettati se riferiti al totale dell Importo Sottoscritto dai partecipanti e al totale delle attività del Fondo; per quanto riguarda i limiti di concentrazione settoriale, invece, i vincoli risultavano in ogni caso soddisfatti. A livello di rischio di mercato, si è verificato che la duration media di portafoglio fosse congruente con la durata del Fondo, rilevando una sostanziale vicinanza tra i due valori in termini di anni. Per quanto riguarda il rischio di credito, è stato verificato che il fondo non fosse investito in emissioni che non avessero un merito creditizio almeno pari a B sulla scala di rating CRIF o equivalente e che non fossero stati effettuati investimenti in titoli privi di rating assegnato da CRIF o altra agenzia accreditata presso ESMA; tali verifiche hanno dato esito positivo. Infine, sotto il profilo del rischio di liquidità, si è rilevato che la natura di fondo chiuso e la peculiarità degli investimenti effettuati rendono tale dimensione di rischio residuale; in ogni caso, data la fase di costruzione del portafoglio, va notato che la maggior parte delle risorse disponibili per il fondo è al momento liquida. 4

5 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

6 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA AL SITUAZIONE PATRIMONIALE 6

7 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA AL SITUAZIONE PATRIMONIALE Il controvalore complessivo degli importi da richiamare, che non concorrono alla determinazione del valore complessivo netto, è pari a Euro. Alla data della presente relazione semestrale non sono stati effettuati rimborsi. Il valore unitario delle quote da richiamare è pari al valore unitario della quota relativo all ultimo giorno non festivo di borsa aperta del trimestre solare in cui viene corrisposto l importo richiamato. Alla data de presente rendiconto, l ammontare complessivo delle sottoscrizioni ricevute è pari a Euro. Il valore unitario delle quote sottoscritte è stato di: ,000 euro per entrambi le classi di quote (pari al valore nominale) per le sottoscrizioni pervenute entro la data di chiusura iniziale delle sottoscrizioni ( ); ,992 per le quote di Classe B sottoscritte alla prima chiusura parziale (rif. NAV del ); ,103 per le quote di Classe B sottoscritte alla seconda chiusura parziale (rif. NAV del ). 7

8 RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA AL NOTA ILLUSTRATIVA Il mercato dei Minibond e il segmento Extramot PRO Inaugurato nel febbraio 2013, il segmento Extramot PRO, promosso da Borsa Italiana quale mercato di riferimento per le quotazioni di cambiali finanziarie e Mini Bond, ha fatto registrare un crescente volume di quotazioni che in due anni e mezzo hanno costituito un listino di oltre 110 obbligazioni (ISIN). Il titolo quotato da Cerved nel primo trimestre del 2013 ( 780 mln) era stato apripista di una serie di emissioni di grandi dimensioni (Manutencoop, Teamsystem, IVS, Sisal, etc.), molto lontane dal target PMI ipotizzato dal legislatore. Il 2014, ha visto una progressiva riduzione della size di emissione (il valore nominale medio passa da 87 M nel 2013 a circa 27 M nel 2014) e una maggiore standardizzazione delle caratteristiche dei titoli, pur mantenendo uno spread sul risk free sensibilmente maggiore rispetto ai principali benchmark del mercato reddito fisso. In particolare, il terzo trimestre del 2014 (Figura 1 (a)) ha fatto segnare il record di quotazioni con ventisette nuovi titoli inseriti in listino per un ammontare complessivo superiore agli 800 milioni. I primi due trimestri del 2015 hanno registrato un trend discendente sia nel numero di emissioni totali (diciotto rispetto alle ventuno dello stesso periodo dell anno precedente) sia nella size media, che risulta più che dimezzata ( 151% nel primo semestre). Inoltre, l evidenza empirica mostra come la totalità dei titoli abbia un valore nominale inferiore ai 35 milioni con una forte incidenza di operazioni micro (il 40% e il 50% delle emissioni rispettivamente del primo e del secondo trimestre del 2015 sono inferiori a 5 M ), confermando un trend crescente verso size ridotte e congrue a strumenti di finanziamento per le PMI. 20% 18% % % % % 8% Totale emissioni ( M) Size medio emessioni Avg. Yield 6% 300 4% 2% 7 6,61% 6,67% 6,86% 7,22% 7,73% 6,18% 5,50% 5,79% 5,06% 5,32% % 1Q 13 2Q 13 3Q 13 4Q 13 1Q 14 2Q 14 3Q 14 4Q 14 1Q 15 2Q 15 0 Figura 1: Market Overview (a) e Range di valore nominale (b) Fonte: Elaborazioni Zenit SGR su dati Borsa Italiana Sotto il profilo reddituale, i MiniBond mostrano rendimenti a scadenza sensibilmente superiori alle tradizionali Asset Class obbligazionarie, governativi e large corporates. Dopo il picco raggiunto nel primo trimestre 2014 (oltre il 7%), il rendimento medio di mercato ha iniziato a flettersi verso la soglia del 6%, chiudendo l anno con un valore medio trimestrale del 5,79% (Figura 2 (a)). Il trend discendente continua nel primo trimestre 2015 (5,06%) ed è interrotto nel secondo trimestre da una leggera crescita (5,32%). Nonostante la flessione, lo spread sul BTP 5y risulta mediamente superiore ai 400bps, raggiungendo un livello pari a oltre 450bps nel primo trimestre 2015 (Figura 2 (b)). Tale trend è interrotto nel secondo trimestre 2015 dall incremento del rendimento sul BTP 5y che passa da 0,54% (1Q 2015) a 1,24% (2Q 2015). 8

9 12,00% 10,00% 8,00% 6,00% Emissioni Media trimestrale 4,00% 2,00% 0,00% Figura 2 (a): Rendimenti medi trimestrali Extramot PRO Fonte: Elaborazioni Zenit SGR su dati Borsa Italiana % 8% 7% 6% 5% 4% 3% GER. Bund 5Y Yield ITA. BTP 5Y Yield MiniBond Extramot PRO 2% 1% 0% 1% 1Q 13 2Q 13 3Q 13 4Q 13 1Q 14 2Q 14 3Q 14 4Q 14 1Q 15 2Q 15 Figura 2 (b): Confronto tra rendimenti MiniBond e BTP 5Y Bund 5Y Fonte: Elaborazioni Zenit SGR su dati Borsa Italiana Illustrazione dell attività del fondo o delle direttrici seguite nell attuazione della politica di investimento Coerentemente con le linee strategiche della politica di investimento, descritte nel rendiconto annuale dell esercizio precedente, il Fondo ha indirizzato la propria attività verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati. In particolare, l attività del Team di Investimento, coadiuvato dall Advisor del Fondo ADB Analisi Dati Borsa a ha seguito quattro principali direttrici: (1) Analisi di dossier per emissioni sul mercato primario; (2) analisi di dossier per acquisto titoli sul mercato secondario; (3) costruzione di un network e ricerca di nuovi Investitori; (4) remunerare il capitale richiamato e non investito tramite depositi a vista. 9

10 (1) Per quanto riguarda il mercato primario, l attività del Team di Investimento ha visto: la sottoscrizione del MiniBond emesso da Essepi Ingegneria S.p.A.: dopo aver superato con successo tutte le fasi del Processo di Investimento e aver dunque ricevuto parere positivo dall Advisory Board, il 31 Marzo 2015 è stata deliberata dal CdA di Zenit Sgr la sottoscrizione del titolo per l intero ammontare delle obbligazioni emesse, pari a euro L operazione è assistita da alcune garanzie: (i) è prevista la facoltà di nomina di un membro del Consiglio di amministrazione nell organo dell emittente, il quale non ha deleghe ma riveste un ruolo di mero controllo sull operato di Essepi, finalizzato esclusivamente a monitorare la c.d. Materia Riservata, ossia la conservazione nel patrimonio di Essepi dei progetti di efficientamento, (ii) la garanzia del Fondo Centrale di Garanzia, che interviene per la prima volta. La garanzia prestata è quella massima, pari a euro Le caratteristiche dell Emittente e dell Emissione sono in linea con i limiti regolamentari del Fondo e con le Linee di Indirizzo delle Politiche di Gestione; l avvio delle analisi su altri potenziali emittenti: l attività di analisi ha riguardato (i) alcuni dossier che sono stati scartati nelle prime fasi del Processo di Investimento, (ii) due dossier che avendo superato tutte le fasi del Processo di Investimento verranno portate all attenzione del CdA entro la fine di Luglio, (iii) tre dossier che si trovano nelle prime fasi del processo di investimento (Pre screening/screening) e che, se riusciranno a superare tali fasi, vedranno la prosecuzione delle analisi da Settembre in poi. In particolare, relativamente ai due potenziali investimenti sulle emissioni descritte al punto (ii), si evidenzia che le Società emittenti rispettano i parametri societari di riferimento (tra cui livelli di PFN/EBITDA e PFN/PN etc.), la durata delle emissioni (compresa tra 5/7 anni) e i rendimenti attesi stabiliti dalle Linee di Indirizzo delle Politiche di Gestione. Inoltre, le due Società operano nei settori (i) degli accumulatori elettrici e (ii) della produzione di carta, assicurando un livello di diversificazione settoriale elevato al portafoglio prospettico del Fondo (qualora venissero approvate in CdA). (2) In merito all operatività del Fondo sul mercato secondario, il Team di Investimento ha: concluso con successo le analisi e quindi acquistato i MiniBond emessi da: Rigoni di Asiago S.r.l.: il 10 Marzo 2015 sono state acquistate obbligazioni emesse da Rigoni di Asiago S.r.l. (settore alimentare) con tasso 6,25% e scadenza 2019, al prezzo di euro 102,76027, per complessivi Euro. Il rendimento del titolo, al momento dell acquisto, è pari al 5,64%. Il Team di Investimento ha seguito un processo di investimento più snello, improntato ad un analisi critica della documentazione fornita del market maker (Banca Popolare di Vicenza) e ad una serie di valutazioni in merito alla redditività del titolo rispetto ai principali benchmark Fixed Income adeguando quindi il processo alla maggiore rapidità richiesta per investimenti sul mercato OTC. Egea S.p.A.: in considerazione della rilevanza dell importo sottoscritto ( Euro), il Team di Investimento ha seguito il Processo di Investimento ordinario. La Società ha emesso un obbligazione per un importo pari a euro , durata 6 anni e tasso 5,5%. L operazione è stata deliberata dal CdA di Zenit Sgr in data 13 Aprile 2015, il titolo è stato acquistato in data 30 Aprile Analizzato il dossier di Oxon S.p.A. che tuttavia non è stato ritenuto idoneo al proseguimento delle analisi dal Team di Investimento e dall Advisory Board sia perché si è presentato il rischio di refinancing di un obbligazione sottoscritta da dirigenti e manager sia perché il rapporto PFN/EBITDA pre money (a seguito di rettifiche riguardanti la capitalizzazione di alcuni costi esterni) è risultato sopra i parametri societari indicati nelle Linee di Indirizzo. (3) Parte del lavoro del Team è stato dedicato: (i) alla ricerca di altri investitori per incrementare la size del Fondo e (ii) alla costruzione di un network di partners specializzati al fine di garantire un crescente deal flow. Inoltre, al fine di remunerare il capitale versato dai sottoscrittori, il Team ha acceso e rinnovato (quando necessario) deposti presso alcuni Istituti bancari per allocare parte della liquidità disponibile sia in depositi bancari vincolati sia in depositi bancari a vista. Per la prosecuzione dell attività di investimento, al fine di garantire un corretto monitoraggio e un adeguata diversificazione dei rischi di portafoglio, il Team continuerà a seguire le linee guida indicate nel Regolamento del Fondo e nelle Linee di Indirizzo delle Politiche di Gestione come, ad esempio, i limiti di concentrazione settoriale, il massimo investibile per singolo emittente, i parametri societari etc. in modo da avere, da un lato, dei limiti chiari e 10

11 definiti che proteggano il Fondo da potenziali rischi di concentrazione, dall altro, i profili societari delineati nelle Linee Guida indirizzano il Team nella selezione di Società target con livelli di debito, marginalità, dimensioni etc. ritenute adeguate anche dall Advisory Board del Fondo. Il Fondo Progetto MiniBond Italia mostra, alla fine del semestre, una diminuzione del valore unitario della quota, rispetto alla fine dell esercizio precedente, dello 0,56%, dovuta agli oneri di gestione gravanti sul patrimonio del Fondo. Alla data della presente relazione il Fondo, avviato il 10 novembre 2014, ha portato a termine tre investimenti per oltre Euro. La fase di start up del Fondo ha visto il Team di Investimento impegnato nel definire e implementare un Processo di Investimento nuovo e complesso, determinando delle tempistiche di investimento piuttosto lunghe. Di conseguenza, solo una parte degli importi richiamati è stata investita determinando un impatto negativo sulla redditività del Fondo. Tuttavia, grazie all esperienza raggiunta, le tempistiche di analisi e completamento del Processo si stanno riducendo con conseguente impatto positivo sul futuro rendimento del Fondo. Elenco analitico degli strumenti finanziari in portafoglio alla data della relazione semestrale Elenco delle partecipazioni detenute Alla data della presente relazione semestrale, il Fondo non detiene partecipazioni. Prestiti stipulati per operazioni di rimborso anticipato delle quote del Fondo Alla data della presente relazione semestrale non sono stati effettuati rimborsi e, pertanto, non sono state stipulati prestiti. 11

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE REGOLAMENTO UNICO di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Mercati : Eurizon Obbligazioni Italia Breve Termine Eurizon

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro Anima Riserva Globale

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte :

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte : Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte : LINEA TEAM Eurizon Team 1 Eurizon Team 2 Eurizon Team 3 Eurizon Team 4 Eurizon Team 5

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 20.04.2016 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 1 gennaio 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

UniCredit Soluzione Fondi

UniCredit Soluzione Fondi UniCredit Soluzione Fondi Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema UniCredit Soluzione Fondi Valido a decorrere dal 1 marzo 2012.

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE relative al programma di prestiti obbligazionari denominato CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE 2 Indice Background Il Decreto Sviluppo 2012 ha introdotto una serie di provvedimenti studiati su misura per le PMI non quotate: Cambiali Finanziarie : strumento di funding a breve termine; MiniBond (obbligazioni)

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP UP PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP UP Cassa

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti non armonizzati appartenenti al Sistema Risposte :

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti non armonizzati appartenenti al Sistema Risposte : Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti non armonizzati appartenenti al Sistema Risposte : LINEA TEAM Eurizon Team 1 Eurizon Team 2 Eurizon Team 3 Eurizon Team 4

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione degli Organismi d Investimento Collettivo in Valori Mobiliari (OICVM) rientranti nell ambito di

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia Ora anche i Piccoli possono Volare

Fondo Progetto MiniBond Italia Ora anche i Piccoli possono Volare Fondo Progetto MiniBond Italia Ora anche i Piccoli possono Volare ZenitSGR -Promotoree Gestoredel FondoPMI Zenit SGR è una Società di Gestione del Risparmio indipendente, nata nel 1995 e specializzata

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP Requisiti di partecipazione Per FIA si intende lo OICR in fase raccolta che viene proposto. Per GEFIA (di seguito per brevità SOCIETA o GEFIA) si intende il soggetto che ha costituito e gestirà il FIA.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO FISSO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento :

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento : Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Strategie di Investimento : LINEA RENDIMENTO ASSOLUTO Eurizon Rendimento Assoluto 2 anni Eurizon

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP UP PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. STEP UP Cassa

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento appartenenti al sistema UBI Pramerica Fondi armonizzati UBI Pramerica

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento armonizzati appartenenti al sistema UBI Pramerica UBI Pramerica

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 01.01.2014 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE dei Fondi Comuni d Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati, denominati BancoPosta Obbligazionario Euro Breve Termine BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

Relazione semestrale al 30 Giugno 2015 dei fondi gestiti da nextam partners S.G.R. S.p.a.

Relazione semestrale al 30 Giugno 2015 dei fondi gestiti da nextam partners S.G.R. S.p.a. Relazione semestrale al 30 Giugno 2015 dei fondi gestiti da nextam partners S.G.R. S.p.a. Fondo bilanciato Nextam Partners Bilanciato Fondo obbligazionario Nextam Partners Obbligazionario Misto Il presente

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO VENETO 10/04/2009 10/04/2012 A TASSO FISSO CRESCENTE ( STEP UP ) Codice ISIN IT0004481112 Le presenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO LAZIO 23/02/2009-23/02/2012 TASSO FISSO 2,70% Codice ISIN IT0004457351 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014

Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014 CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta Obbligazioni a Tasso Fisso 4,00% 2012/2014 Codice ISIN IT0004813181 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari Obbligazioni a Tasso Fisso con eventuale

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

IMMOBILIARE DINAMICO

IMMOBILIARE DINAMICO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO RELATIVO ALL OFFERTA AL PUBBLICO E AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE CHIUSO IMMOBILIARE DINAMICO depositato presso la Consob in

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 27/12/2012 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia richiesta)

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento appartenenti al sistema UBI Pramerica Fondi armonizzati UBI Pramerica

Dettagli

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Cristiano Galli Milano, 12 maggio 2016 Agenda I II III IV Il contesto di riferimento: ipotesi

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO VARIABILE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa con sede legale in Carate Brianza via Cusani, 6 iscritta all Albo delle Banche al n. 217, all Albo delle Società Cooperative al n. A172639 e al Registro delle Imprese di Milano al n.

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE GESTITI DA AZIMUT SGR SPA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY

Dettagli

CREDITO VALTELLINESE S.C. TF 1,85% 18/11/2009-18/11/2012 153^ ISIN IT0004550205

CREDITO VALTELLINESE S.C. TF 1,85% 18/11/2009-18/11/2012 153^ ISIN IT0004550205 Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8 Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO EMITTENTE CREDITO SICILIANO S.P.A.

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO EMITTENTE CREDITO SICILIANO S.P.A. Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E 90141 Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n. 04226470823 Albo delle Banche n. 522820 Società del

Dettagli

Prospetto di Base Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa per Azioni

Prospetto di Base Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa per Azioni BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO (CASTELFIORENTINO FIRENZE) SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede legale: Piazza Giovanni XXIII, 6 50051 Castelfiorentino (FI) - Codice ABI 08425.1 - Iscritta all

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/11/2009 24/11/2012, Codice Isin IT0004549686 Le presenti Condizioni

Dettagli

Fideuram Risparmio. Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi breve termine"

Fideuram Risparmio. Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni Obbligazionari Euro governativi breve termine Fideuram Risparmio Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi breve termine" Relazione di gestione al 30 dicembre 2015 Parte specifica Società di

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

ADVAM Partners SGR S.p.A.

ADVAM Partners SGR S.p.A. MODIFICHE APPORTATE AL REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI PROMOSSI E GESTITI DA ADVAM Partners SGR S.p.A. LE SEGUENTI MODIFICHE RIFERITE HANNO DATA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI Catania - 30 Maggio 2014 ADB Analisi Dati Borsa Consulenza di Investimento Attiva a Torino dal 1985, ADB offre alla propria selezionata Clientela servizi

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO VARIABILE Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO VENETO A TASSO FISSO 30/12/2008 30/12/2010

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO VENETO A TASSO FISSO 30/12/2008 30/12/2010 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO VENETO A TASSO FISSO 30/12/2008 30/12/2010 Codice ISIN IT0004438138 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 24/08/2011-24/08/2014 TASSO FISSO 3,25% Codice ISIN IT0004752199 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE Alla NOTA INFORMATIVA Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Bcc Signa 12/02/2010 12/02/2017 3,50% 106 emissione Isin

Dettagli

Sistema Open. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Open. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Open Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea MERCATI Anima Tricolore Linea STRATEGIE Anima Selection Anima Russell Multi-Asset

Dettagli

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia 1 2 Oggetto: Documento di Informazione relativo all operazione di fusione del fondo Arca Capitale Garantito Giugno 2013 nel fondo Arca

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA Sede legale: via Villa 147 30010 Bojon di Campolongo Maggiore (VE), Sede amministrativa: riviera Matteotti 14 30034 Mira (VE) Iscritta

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO ZERO COUPON Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l investitore

Dettagli

BANCA FEDERICO DEL VECCHIO OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE 18/07/2008-18/07/2011. Codice ISIN IT0004389901

BANCA FEDERICO DEL VECCHIO OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE 18/07/2008-18/07/2011. Codice ISIN IT0004389901 Sede Legale: 50123 Firenze, Via Dei Banch n. 5 - Direzione Generale: 50121 Firenze, Viale Gramsci n. 69 - Tel. 055.20051, Fax 055.2005333 - Codice Fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. . A)

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. . A)

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2009 Euro 6.671.440

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO STEP DOWN Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si

Dettagli

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo

Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Regolamento unico di gestione semplificato dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati del sistema Aureo Aureo Flex Italia Aureo Flex Euro Aureo Azioni Globale Aureo Obbligazioni Globale

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - Obbligazioni Step Up

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - Obbligazioni Step Up MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE STEP UP Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla

Dettagli