SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n"

Transcript

1 SPAZI E SOTTOSPAZI 1 SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n Spazi di matrici. Spazi di polinomi. Generatori, dipendenza e indipendenza lineare, basi e dimensione. Intersezione e somma di sottospazi, somma diretta. Esercizio 1 Verificare che le matrici quadrate di ordine 2 e rango 1 non formano un sottospazio di R 2,2. E quelle di rango 2? E quelle aventi determinante uguale a zero? Esercizio 2 Verificare che le matrici quadrate di ordine 3 triangolari superiori sono un sottospazio vettoriale di R 3,3 e calcolarne la dimensione. Esercizio 3 Al variare di k R, calcolare la dimensione del sottospazio ) ) )) 1 1 k 1 k U = L,,. k k k 0 k + 1 Esercizio 4 Calcolare l intersezione dei sottospazi di R 2,2 definiti da { ) } a b U = : a + 2b + c 3d = 0,a + c d = 0 c d e ) 1 1 V = L, 1 1 ) 1 2, 1 2 )) Esercizio 5 Stabilire se i polinomi di R 3 [x] verificanti P1) = 0 formano un sottospazio di R 3 [x] e ripetere l esercizio con le seguenti condizioni: P1) = 1; P1) = P0); P1) = P0) + 1. Determinare poi una base e la dimensione dei sottospazi trovati. Esercizio 6 Verificare che i polinomi aventi x = 1 come radice doppia sono un sottospazio di R 3 [x]. Calcolarne poi una base e la dimensione. Esercizio 7 Calcolare una base e la dimensione del sottospazio U = { P R 3 [x] : xp x) P x) = 0 R3 [x]}. Esercizio 8 Al variare di k R, calcolare la dimensione ed una base del sottospazio di R 2 [X] definito da U = L kx x 2,1 k + kx 2,k k 1) x kx 2). Esercizio 9 Dimostrare che R 3 [x] è somma diretta dei sottospazi U = {a 0 + a 1 x + a 2 x 2 + a 3 x 3 : a 1 = a 2 } e V = Lx x 2 ). Esercizio 10 Dati 4 vettori distinti di uno spazio vettoriale di dimensione 3, stabilire quali delle seguenti affermazioni sono vere e quali false: i) i 4 vettori sono sempre linearmente dipendenti;

2 SPAZI E SOTTOSPAZI - Sottospazi e operazioni in spazi diversi da R n 2 ii) 3 dei 4 vettori sono linearmente indipendenti; iii) almeno uno dei 4 vettori è linearmente indipendente; iv) almeno uno dei 4 vettori dipende linearmente dagli altri. Esercizio 11 Ripetere l Esercizio 10 considerando 4 vettori distinti di uno spazio vettoriale di dimensione 4.

3 SPAZI E SOTTOSPAZI - Sottospazi e operazioni in spazi diversi da R n 3 SVOLGIMENTI Esercizio 1 Gli insiemi V 1 = { A R 2,2 : ρa) = 1 } e V 2 = { A R 2,2 : ρa) = 2 } non sono sottospazi di R 2,2, ad esempio perché non contengono la matrice nulla, che ha rango 0. Neanche l insieme V 3 = { A R 2,2 : det A = 0 } è sottospazio di R 2,2, ad esempio perché le matrici ) 1 0 A 1 = ed A = ) hanno determinante nullo cioè A 1,A 2 V 3 ), ma la loro somma è la matrice identica, che ha determinante uguale ad 1 cioè A 1 + A 2 / V 3 ). Esercizio 2 L insieme V delle matrici quadrate reali di ordine 3 triangolari superiori è a 11 a 12 a 13 V = 0 a 22 a 23 : a ij R = { a ij ) R 3,3 : a ij = 0 per i > j } 0 0 a 33 e possiamo provare che è un sottospazio nei seguenti tre modi. Verifichiamo che vale il criterio per i sottospazi: per ogni λ R risulta a 11 a 12 a 13 a 11 a 12 a 13 λa 11 + a 11 λa 12 + a 12 λa 13 + a 13 λ 0 a 22 a 23 + = V. 0 0 a 33 0 a 22 a a 33 0 λa 22 + a 22 λa 23 + a λa 33 + a 33 Constatiamo che V è definito tramite equazioni di 1 grado omogenee nelle componenti del generico elemento di R 3,3 rispetto ad una qualche base: gli elementi a ij di una qualsiasi matrice a ij ) R 3,3 sono le componenti di tale matrice rispetto alla base canonica E ij ) di R 3,3 e, come si è osservato, a ij ) V se e solo se a ij = 0 per i > j equazioni di 1 grado omogenee nelle componenti a ij ). Cerchiamo di scrivere l elemento generico di V come combinazione lineare a coefficienti generici di elementi particolari di R 3,3, in modo da recuperare V come sottospazio generato da tali elementi; in questo modo, risulta individuato anche un sistema di generatori, da cui si può poi estrarre una base, se necessario. Si ha che a ij ) V se e solo se = a 11 a 11 a 12 a a ij ) = 0 a 22 a a = a 11 E 11 + a 12 E 12 + a 13 E 13 + a 22 E 22 + a 23 E 23 + a 33 E a 33 con a ij R qualsiasi 1 i j 3) e quindi V = L E 11,E 12,E 13,E 22,E 23,E 33 ).

4 SPAZI E SOTTOSPAZI - Sottospazi e operazioni in spazi diversi da R n 4 Poiché E 11,E 12,E 13,E 22,E 23,E 33 sono ovviamente l.i., per quanto ottenuto tramite il terzo procedimento una base di V è data da E 11,E 12,E 13,E 22,E 23,E 33 ). Poiché essa contiene 6 elementi, la dimensione di V è 6. Esercizio 3 In uno spazio vettoriale V qualsiasi, una base del sottospazio generato da k vettori v 1,...,v k può essere determinata così: si scrive la matrice M = M B v 1,...,v k ) dei vettori v 1,...,v k rispetto ad una base qualsiasi B di V, ottenuta disponendo sulle righe le componenti dei v 1,...,v k rispetto a B; si riduce M per righe; si prendono i vettori che hanno le righe non nulle della matrice ridotta ottenuta come componenti rispetto a B: poiché le trasformazioni elementari sulle righe non fanno uscire dallo spazio generato dalle righe, tali vettori sono una base dello spazio generato da v 1,...,v k. In particolare, la dimensione di tale spazio è data dal rango di M. Nel nostro caso, le componenti dei generatori ) 1 1 A 1 =, A k k = k k ) ) k + 1 2, A 3 = 0 k + 1 rispetto alla base canonica B di R 2,2 sono, ordinatamente, gli elementi stessi di A 1,A 2,A 3 e quindi 1 1 k k + 1 M = M B A 1,A 2,A 3 ) = k k. k k + 1 Riducendo per righe, si ottiene ad esempio R 2 R 2 R k k + 1 R M 3 R 3 2R 1 k 1 0 k 1 2k R 3 R 3 R 2 k 1 0 2k k 1 e quindi dimu = ρm) = 1 1 k k + 1 k 1 0 k 1 2k 0 0 k k 2 { 3 se k 1 si noti che k e k 2 non sono mai entrambi nulli) 2 se k = 1 nel qual caso, le ultime due righe sono uguali). Esercizio 4 Per calcolare l intersezione di sottospazi conviene averli tutti scritti in forma implicita cioè tramite un sistema di equazioni), quindi determiniamo innanzitutto una forma implicita di V, seguendo lo stesso ragionamento già usato per gli spazi R n. Per definizione di V, la generica matrice ) a b R 2,2 1) c d

5 SPAZI E SOTTOSPAZI - Sottospazi e operazioni in spazi diversi da R n 5 appartiene a V se e solo se esistono x,y,z R tali che ) ) ) ) ) a b x + y x + 2y + z = x + y + z =, 2) c d x + y x + 2y + 3z ossia se e solo se il sistema x + y = a x + 2y + z = b x + y = c x + 2y + 3z = d che esprime l uguaglianza 2) ha almeno una soluzione x, y, z); imponiamo allora la compatibilità di tale sistema. Una riduzione per righe della sua matrice completa fornisce a a a b c b a c a b a c a, d d + a d + 4a 3b per cui il sistema è compatibile se e solo se c a = 0 e d + 4a 3b = 0. Tali equazioni sono necessarie e sufficienti affinché la matrice 1) stia in V e dunque danno una rappresentazione implicita di V, ossia { ) } a b V = : a c = 0,4a 3b + d = 0. c d Ora, poiché il sottospazio U V è dato dalle matrici di R 2,2 che stanno sia in U che in V, si ha subito { ) } a b U V = : a + 2b + c 3d = 0,a + c d = 0,a c = 0,4a 3b + d = 0. c d Il sistema a + 2b + c 3d = 0 a + c d = 0 a c = 0 4a 3b + d = 0 composto da tutte le equazioni che definiscono U V è risolto da b = 2a,c = a,d = 2a,a R e pertanto risulta { ) } )) a 2a 1 2 U V = : a R = L. a 2a 1 2 Esercizio 5 Sia V 1 = {P R 3 [x] : P1) = 0} Chiaramente il polinomio nullo appartiene a V 1, essendo nullo in ogni punto. Per definizione delle operazioni nello spazio dei polinomi, se P,Q V 1 e λ R allora si ha λp + Q) 1) operazioni = λp 1) + Q1) P,Q V 1 = 0 e quindi anche λp + Q V 1. Dunque V 1 è un sottospazio di R 3 [x].

6 SPAZI E SOTTOSPAZI - Sottospazi e operazioni in spazi diversi da R n 6 I polinomi verificanti P1) = 1 non formano invece un sottospazio perché il polinomio nullo non verifica la condizione. Sia ora V 2 = {P R 3 [x] : P1) = P0)}. Il polinomio nullo verifica chiaramente la condizione, essendo nullo in ogni punto. Per definizione delle operazioni nello spazio dei polinomi, se P,Q V 2 e λ R allora si ha λp + Q) 1) operazioni = λp 1) + Q1) P,Q V 2 = λp 0) + Q0) operazioni = λp + Q) 0) e quindi anche λp + Q V 2. Dunque V 2 è un sottospazio di R 3 [x]. I polinomi che verificano P1) = P0) + 1 non formano un sottospazio perché il polinomio nullo non soddisfa tale condizione. Determiniamo ora una base e quindi la dimensione) di V 1 e V 2. Circa V 1 possiamo procedere in due modi, che vediamo entrambi. Se P x) = a 0 + a 1 x + a 2 x 2 + a 3 x 3, a 0,a 1,a 2 R, è il generico polinomio di R 3 [x], la condizione che definisce V 1 stabilisce che P V 1 se e solo se a 0 + a 1 + a 2 + a 3 = 0, cioè a 3 = a 0 + a 1 + a 2 ), cioè P x) = a 0 + a 1 x + a 2 x 2 a 0 + a 1 + a 2 )x 3 = a 0 1 x 3 ) + a 1 x x 3 ) + a 2 x 2 x 3) con a 0,a 1,a 2 R. Dunque V 1 = L 1 x 3,x x 3,x 2 x 3) ed i tre generatori sono l.i., in quanto a 0 1 x 3 ) + a 1 x x 3 ) + a 2 x 2 x 3) = 0 R3 [x] a 0 + a 1 x + a 2 x 2 a 0 + a 1 + a 2 )x 3 = 0 R3 [x] a 0 = a 1 = a 2 = 0. Quindi 1 x 3,x x 3,x 2 x 3) è una base di V 1 e dim V 1 = 3. Per il teorema di Ruffini 1, P V 1 se e solo se P x) = x 1) a 0 + a 1 x + a 2 x 2) con a 0,a 1,a 2 R e quindi i polinomi di V 1 possono scriversi come P x) = x 1) a 0 + a 1 x + a 2 x 2) = a 0 x 1) + a 1 x 2 x ) + a 2 x 3 x 2) con a 0,a 1,a 2 R. Dunque V 1 = L x 1,x 2 x,x 3 x 2) ed i tre generatori sono l.i., in quanto a 0 x 1) + a 1 x 2 x ) + a 2 x 3 x 2) = 0 R3 [x] x 1) a 0 + a 1 x + a 2 x 2) = 0 R3 [x] a 0 + a 1 x + a 2 x 2 = 0 R3 [x] a 0 = a 1 = a 2 = 0. Quindi x 1,x 2 x,x 3 x 2) è una base di V 1 diversa da quella trovata al punto precedente) e dim V 1 = 3. 1 Se P R n[x], n 1, ed x 0 è un numero reale qualsiasi, allora P x 0) = 0 se e solo se esiste Q R n 1[x] tale che P x) = x x 0)Q x).

7 SPAZI E SOTTOSPAZI - Sottospazi e operazioni in spazi diversi da R n 7 Si noti che entrambi i ragionamenti provano anche che V 1 è sottospazio di R 3 [x], in quanto lo recuperano come sottospazio generato da vettori di R 3 [x]. La condizione che definisce V 2 stabilisce che il generico polinomio P x) = a 0 +a 1 x+a 2 x 2 + a 3 x 3, a 0,a 1,a 2 R, di R 3 [x] appartiene a V 2 se e solo se P 1) = a 0 +a 1 +a 2 +a 3 = a 0 = P 0), cioè a 1 + a 2 + a 3 = 0, cioè P x) = a 0 + a 1 x + a 2 x 2 a 1 + a 2 )x 3 = a 0 + a 1 x x 3 ) + a 2 x 2 x 3) con a 0,a 1,a 2 R. Dunque V 2 = L 1,x x 3,x 2 x 3) e si verifica come sopra che i generatori trovati sono l.i., per cui 1,x x 3,x 2 x 3) è una base di V 2 e dimv 1 = 3. Esercizio 6 Detto V l insieme dei polinomi di R 3 [x] aventi x = 1 come radice doppia, si ragiona come per lo spazio V 1 dell Esercizio 5. Per definizione di molteplicità di una radice, P V se e solo se P x) = x 1) 2 a 0 + a 1 x) = a 0 1 2x + x 2 ) + a 1 x 2x 2 + x 3) e si verifica che 1 2x + x 2,x 2x 2 + x 3) costituisce una base di V, da cui segue dim V = 2. Esercizio 7 Se P x) = a 0 + a 1 x + a 2 x 2 + a 3 x 3, a 0,a 1,a 2 R, è il generico polinomio di R 3 [x], la condizione che definisce U stabilisce che P U se e solo se x2a 2 + 6a 3 x) a 1 + 2a 2 x + 3a 3 x 2) = 0 R3 [x] cioè a 1 +3a 3 x 2 = 0 R3 [x], che per il principio di identità dei polinomi, ovvero perché i polinomi 1,x 2 sono l.i.) significa a 1 = 3a 3 = 0, cioè a 1 = a 3 = 0. Dunque P U se e solo se P x) = a 0 + a 2 x 2, a 0,a 2 R, e pertanto U = L 1,x 2). Poiché 1,x 2 sono l.i., 1,,x 2) è una base di U e dim U = 2. Esercizio 8 Ragioniamo come nell Esercizio 3. Le componenti dei generatori P 1 x) = kx x 2, P 2 x) = 1 k + kx 2, P 3 x) = k k 1) x kx 2 rispetto alla base canonica B = 1,x,x 2) di R 2 [X] sono, ordinatamente, i coefficienti dei polinomi P 1,P 2,P 3 stessi e quindi 0 k 1 M = M B P 1,P 2,P 3 ) = 1 k 0 k. k 1 k k Riducendo per righe, si ottiene ad esempio M R 2 R 2 +kr 1 R 3 R 3 kr 1 0 k 1 1 k k 2 0, 3) k 1 k k 2 0 per cui si noti che non può essere 1 k = k 2 = 0, né k = 1 k k 2 = 0) { 2 se 1 k = k e k dim U = ρm) = 2 = 1 k k 2 3 altrimenti.

8 SPAZI E SOTTOSPAZI - Sottospazi e operazioni in spazi diversi da R n 8 Poiché si conclude dunque che { 1 k = k k 2 = 1 k k 2 k = 1 2, dimu = { 2 se k = 1/2 3 se k 1/2. Nel secondo caso, si ha allora 2 U = R 2 [X]. Nel primo caso, una base di U è data da una qualsiasi coppia di suoi elementi l.i., ad esempio i polinomi corrispondenti alle prime due righe della matrice 3) ovviamente con k = 1/2), cioè P 1 x) = x x2 = 1 2 x x2 e P x) = x + 0x2 = x. Esercizio 9 Mostriamo innazitutto che U + V = U V, mostrando equivalentemente che U V = {0} condizione necessaria e sufficiente di somma diretta di 2 sottospazi). Per studiare U V è comodo disporre di una forma implicita di V e si vede subito senza bisogno di alcun conto) che V = { a 0 + a 1 x + a 2 x 2 + a 3 x 3 : a 0 = a 3 = 0,a 2 = a 1 }. Allora a 0 + a 1 x + a 2 x 2 + a 3 x 3 U V a 1 = a 2 a 0 = 0 a a 3 = 0 0 = a 1 = a 2 = a 3 = 0 a 2 = a 1 e pertanto U V contiene solo il polinomio nullo. Dalla relazione di Grassmann 3 e dal fatto evidente che dimv = 1, risulta quindi che dim U V ) = dim U + 1, per cui U V = R 3 [x] equivale a dimu = 3 si ricordi che dim R 3 [x] = 4). Si verifica facilmente che ciò è vero, in quanto risulta P U P x) = a 0 + a 1 x + x 2 ) + a 3 x 3 e quindi U = L 1,x + x 2,x 3) con generatori chiaramente l.i. a 0 + a 1 x + a 1 x 2 + a 3 x 3 = 0 a 0 = a 1 = a 3 = 0). Esercizio 10 i) VERA perché la dimensione di uno spazio, in questo caso 3, coincide con il massimo numero di vettori l.i. in quello spazio). 2 Si ricordi che se U è un sottospazio qualsiasi di uno spazio V di dimensione finita, allora dim U = dim V U = V. 3 Per ogni coppia U 1, U 2 di sottospazi di uno spazio di dimensione finita, risulta dim U 1 + U 2) + dim U 1 U 2) = dimu 1 + dim U 2.

9 SPAZI E SOTTOSPAZI - Sottospazi e operazioni in spazi diversi da R n 9 ii) FALSA ad esempio, per ogni v 0 i vettori v,2v,3v,4v sono distinti, ma l insieme {v,2v,3v,4v} non contiene sottoinsiemi liberi con più di 1 elemento). iii) VERA perché un vettore non nullo è linearmente indipendente ed i 4 vettori dati non possono essere tutti nulli, essendo distinti). iv) VERA perché equivale alla i)). Esercizio 11 i) FALSA ad esempio, i vettori di una qualsiasi base dello spazio sono l.i. e sono 4, perché lo spazio ha dimensione 4). ii) FALSA v. controesempio al punto ii) dell Esercizio 10). iii) VERA v. punto iii) dell Esercizio 10. iv) FALSA perché equivale alla i)).

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d

a + 2b + c 3d = 0, a + c d = 0 c d SPAZI VETTORIALI 1. Esercizi Esercizio 1. Stabilire quali dei seguenti sottoinsiemi sono sottospazi: V 1 = {(x, y, z) R 3 /x = y = z} V = {(x, y, z) R 3 /x = 4} V 3 = {(x, y, z) R 3 /z = x } V 4 = {(x,

Dettagli

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1 MATRICI E SISTEMI SISTEMI LINEARI Sistemi lineari e forma matriciale (definizioni e risoluzione). Teorema di Rouché-Capelli. Sistemi lineari parametrici. Esercizio Risolvere il sistema omogeneo la cui

Dettagli

Esercizi svolti. delle matrici

Esercizi svolti. delle matrici Esercizi svolti. astratti. Si dica se l insieme delle coppie reali (x, y) soddisfacenti alla relazione x + y è un sottospazio vettoriale di R La risposta è sì, perchè l unica coppia reale che soddisfa

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI Esercizi Esercizio Date le seguenti applicazioni lineari f : R 2 R 3 definita da fx y = x 2y x + y x + y; 2 g : R 3 R 2 definita da gx y z = x + y x y; 3 h : Rx] 2 R 2 definita da

Dettagli

Intersezione e somma di sottospazi vettoriali

Intersezione e somma di sottospazi vettoriali Capitolo 6 Intersezione e somma di sottospazi vettoriali 6.1 Introduzione Ricordiamo le definizioni di intersezione e somma di due sottospazi vettoriali. Anche in questo caso rimandiamo al testo di geometria

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. Esercizi Esercizio 1. Sia V := R 3. Stabilire quale dei seguenti sottoinsiemi di V sono suoi sottospazi:

SPAZI VETTORIALI. Esercizi Esercizio 1. Sia V := R 3. Stabilire quale dei seguenti sottoinsiemi di V sono suoi sottospazi: SPAZI VETTORIALI Esercizi Esercizio. Sia V := R 3. Stabilire quale dei seguenti sottoinsiemi di V sono suoi sottospazi: V := { (a, a, a) V a R }, V 2 := { (a, b, a) V a, b R }, V 3 := { (a, 2a, a + b)

Dettagli

Applicazioni lineari e diagonalizzazione. Esercizi svolti

Applicazioni lineari e diagonalizzazione. Esercizi svolti . Applicazioni lineari Esercizi svolti. Si consideri l applicazione f : K -> K definita da f(x,y) = x + y e si stabilisca se è lineare. Non è lineare. Possibile verifica: f(,) = 4; f(,4) = 6; quindi f(,4)

Dettagli

NOTE DI ALGEBRA LINEARE v = a 1 v a n v n, w = b 1 v b n v n

NOTE DI ALGEBRA LINEARE v = a 1 v a n v n, w = b 1 v b n v n NOTE DI ALGEBRA LINEARE 2- MM 9 NOVEMBRE 2 Combinazioni lineari e generatori Sia K un campo e V uno spazio vettoriale su K Siano v,, v n vettori in V Definizione Un vettore v V si dice combinazione lineare

Dettagli

Per le risposte utilizza gli spazi predisposti. Quando richiesto, il procedimento va esposto brevemente, ma in maniera comprensibile.

Per le risposte utilizza gli spazi predisposti. Quando richiesto, il procedimento va esposto brevemente, ma in maniera comprensibile. COGNOME............................... NOME..................................... Punti ottenuti Esame di geometria Scrivi cognome e nome negli spazi predisposti in ciascuno dei tre fogli. Per ogni domanda

Dettagli

VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO ,

VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO , VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO Vettori ordinari ed operazioni. Dipendenza ed indipendenza lineare, basi. Prodotto scalare, proiezioni, angoli. Prodotto vettoriale e prodotto

Dettagli

Soluzione. (a) L insieme F 1 e linearmente indipendente; gli insiemi F 2 ed F 3 sono linearmente

Soluzione. (a) L insieme F 1 e linearmente indipendente; gli insiemi F 2 ed F 3 sono linearmente 1. Insiemi di generatori, lineare indipendenza, basi, dimensione. Consideriamo nello spazio vettoriale R 3 i seguenti vettori: v 1 = (0, 1, ), v = (1, 1, 1), v 3 = (, 1, 0), v 4 = (3, 3, ). Siano poi F

Dettagli

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Esercizio 1. Si considerino la funzione: { R f : 3 R 3 (α, β, γ) ( 2β α γ, (k 1)β + (1 k)γ α, 3β + (k 2)γ ) dove k è un parametro reale, e il sottospazio U =

Dettagli

2. ALCUNI ESERCIZI SVOLTI

2. ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SPAZI E SOTTOSPAZI VETTORIALI 3 2. ALCUNI ESERCIZI SVOLTI Elementi di teoria sugli spazi vettoriali K n, K m,n, R [x], R n [x] verranno richiamati via via, a commento del testo di alcuni esercizi. L asterisco

Dettagli

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ.

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ. ESERCIZI SVOLTI DI ALGEBRA LINEARE (Sono svolti alcune degli esercizi proposti nei fogli di esercizi su vettori linearmente dipendenti e vettori linearmente indipendenti e su sistemi lineari ) I. Foglio

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E COMPLEMENTI DI GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E COMPLEMENTI DI GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E COMPLEMENTI DI GEOMETRIA Foglio 4 Esempio. Sia V = P 5 (R) lo spazio dei polinomi di grado strettamente minore di 5. Si considerino i seguenti sottoinsiemi di V (i) Dimostrare

Dettagli

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Cognome Nome Matricola FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Ciarellotto, Esposito, Garuti Prova del 21 settembre 2013 Dire se è vero o falso (giustificare le risposte. Bisogna necessariamente rispondere

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1 APPLICAZIONI LINEARI Applicazioni lineari tra spazi R n spazi di matrici spazi di polinomi e matrice associata rispetto ad una coppia di basi Endomorismi e matrice associata rispetto

Dettagli

1) Quali dei seguenti sottoinsiemi del campo dei numeri reali ℝ sono sottospazi vettoriali?

1) Quali dei seguenti sottoinsiemi del campo dei numeri reali ℝ sono sottospazi vettoriali? Geometria I lezione del 30 settembre 2013 Presentazione del corso. Nozioni e notazioni: concetti primitivi di insieme, elemento ed appartenenza. Insiemi numerici: i numeri naturali ℕ, gli interi ℤ, i numeri

Dettagli

Sistemi II. Sistemi II. Elisabetta Colombo

Sistemi II. Sistemi II. Elisabetta Colombo Corso di Approfondimenti di Matematica per Biotecnologie, Anno Accademico 2011-2012, http://users.mat.unimi.it/users/colombo/programmabio.html 1 2 3 con R.C.+ o 1.10 Rango massimo e determinante con R.C.+

Dettagli

Definizione 1. Una matrice n m a coefficienti in K é una tabella del tipo. ... K m, detto vettore riga i-esimo, ed a im

Definizione 1. Una matrice n m a coefficienti in K é una tabella del tipo. ... K m, detto vettore riga i-esimo, ed a im APPUNTI ed ESERCIZI su matrici, rango e metodo di eliminazione di Gauss Corso di Laurea in Chimica, Facoltà di Scienze MM.FF.NN., UNICAL (Dott.ssa Galati C.) Rende, 23 Aprile 2010 Matrici, rango e metodo

Dettagli

SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI

SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI Appunti presi dalle lezioni del prof. Nedo Checcaglini Liceo Scientifico di Castiglion Fiorentino (Classe 4B) January 17, 005 1 SISTEMI LINEARI Se a ik, b i R,

Dettagli

Pagine di Algebra lineare. di premessa al testo Pagine di Geometria di Sara Dragotti. Parte terza: SISTEMI LINEARI

Pagine di Algebra lineare. di premessa al testo Pagine di Geometria di Sara Dragotti. Parte terza: SISTEMI LINEARI Pagine di Algebra lineare di premessa al testo Pagine di Geometria di Sara Dragotti Parte terza: SISTEMI LINEARI 1. Definizioni Dato un campo K ed m 1 polinomi su K in n indeterminate di grado non superiore

Dettagli

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test : soluzioni k Esercizio Data la matrice A = k dipendente dal parametro k, si consideri il k sistema lineare omogeneo AX =, con X = x x. Determinare

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Esercizi di Matematica II Francesco Bottacin A.A. 2002/03 Capitolo 1 Spazi Vettoriali 1. Richiami di teoria 1.1. Spazi vettoriali Sia C un campo fissato (usualmente C

Dettagli

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 RETTE E PIANI NELLO SPAZIO Rette e piani in forma cartesiana e parametrica. Parallelismo e perpendicolarità, posizioni reciproche tra rette e piani, distanze. Esercizio

Dettagli

SPAZI E SOTTOSPAZI / ESERCIZI SVOLTI

SPAZI E SOTTOSPAZI / ESERCIZI SVOLTI M.GUIDA, S.ROLANDO, 2016 1 SPAZI E SOTTOSPAZI / ESERCIZI SVOLTI BrevielementiditeoriasuglispazivettorialiR n, R m,n, R [x], R n [x] verranno richiamati via via, a commento del testo di alcuni esercizi.

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x 2y 2z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga sulla matrice del primo sistema: 1 1 1 3 1 2 R 2 R 2 3R 0 4 5.

SISTEMI LINEARI. x 2y 2z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga sulla matrice del primo sistema: 1 1 1 3 1 2 R 2 R 2 3R 0 4 5. SISTEMI LINEARI Esercizi Esercizio. Risolvere, se possibile, i seguenti sistemi: x y z = 0 x + y + z = 3x + y + z = 0 x y = 4x + z = 0, x y z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga

Dettagli

Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori

Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori Claudia Fassino a.a. Queste dispense, relative a una parte del corso di Matematica Computazionale (Laurea in Informatica), rappresentano solo un aiuto per lo

Dettagli

Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi

Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi Terminologia Operazioni elementari sulle righe. Equivalenza per righe. Riduzione a scala per righe. Rango di una matrice. Forma canonica per righe. Eliminazione

Dettagli

Spazi Vettoriali ed Applicazioni Lineari

Spazi Vettoriali ed Applicazioni Lineari Spazi Vettoriali ed Applicazioni Lineari 1. Sottospazi Definizione. Sia V uno spazio vettoriale sul corpo C. Un sottoinsieme non vuoto W di V è un sottospazio vettoriale di V se è chiuso rispetto alla

Dettagli

LEZIONE 12. v = α 1 v α n v n =

LEZIONE 12. v = α 1 v α n v n = LEZIONE 12 12.1. Combinazioni lineari. Definizione 12.1.1. Sia V uno spazio vettoriale su k = R, C e v 1,..., v n V vettori fissati. Un vettore v V si dice combinazione lineare di v 1,..., v n se esistono

Dettagli

RIDUZIONE E RANGO , C = 2 5 1

RIDUZIONE E RANGO , C = 2 5 1 MATRICI E SISTEMI RIDUZIONE E RANGO Riduzione di matrici (definizioni, trasformazioni elementari). Calcolo del rango e dell inversa (metodo di Gauss, metodo di Gauss-Jordan). 3 4 Esercizio Ridurre per

Dettagli

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0.

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0. Elementi di Algebra e Logica 2008. Esercizi 4. Gruppi, anelli e campi. 1. Determinare la tabella additiva e la tabella moltiplicativa di Z 6. (a) Verificare dalla tabella moltiplicativa di Z 6 che esistono

Dettagli

CONICHE. Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oxy sia data la conica C di equazione

CONICHE. Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oxy sia data la conica C di equazione CONICHE Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oy sia data la conica C di equazione 7 2 + 2 3y + 5y 2 + 32 3 = 0. Calcolare le equazioni di una rototraslazione che riduce

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA ANNO 2006/2007

ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA ANNO 2006/2007 ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA ANNO 6/7 //7 () Ridurre la seguente matrice ad una a scala ridotta utilizzando il metodo di Gauss-Jordan. Soluzione. () Determinare quante e quali sono le matrici a scala

Dettagli

ESERCIZI VARI su SPAZI VETTORIALI. Si giustifichi la risposta ad ogni esercizio ( o parte di esercizio ) posto in forma di domanda.

ESERCIZI VARI su SPAZI VETTORIALI. Si giustifichi la risposta ad ogni esercizio ( o parte di esercizio ) posto in forma di domanda. ESERCIZI VARI su SPAZI VETTORIALI Si giustifichi la risposta ad ogni esercizio ( o parte di esercizio ) posto in forma di domanda. Esercizio. Dimostrare che i vettori in R sono linearmente indipendenti

Dettagli

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Sistemi di equazioni lineari. Rango di matrici Come è noto (vedi [] sez.0.8), ad ogni matrice quadrata A è associato un numero reale det(a) detto determinante

Dettagli

Esercizi di MATEMATICA PER RCHITETTURA prima parte: Algebra Lineare e Geometria

Esercizi di MATEMATICA PER RCHITETTURA prima parte: Algebra Lineare e Geometria Esercizi di MATEMATICA PER RCHITETTURA prima parte: Algebra Lineare e Geometria Avvertenze In quanto segue tutti i vettori hanno il medesimo punto d origine O l origine dello spazio cartesiano. Possiamo

Dettagli

dipendenti. Cosa possiamo dire sulla dimensione di V?

dipendenti. Cosa possiamo dire sulla dimensione di V? Esercizi Esercizi. In uno spazio vettoriale V ci sono tre vettori v, v 2, v linearmente indipendenti. Cosa possiamo dire sulla dimensione di V? 2. In uno spazio vettoriale V ci sono tre vettori v, v 2,

Dettagli

ESERCIZI sui VETTORI

ESERCIZI sui VETTORI ESERCIZI sui VETTORI 1. Calcolare la somma di v 1 (2, 3) e v 2 (1, 4). 2. Calcolare la somma di v 1 (1, 5, 4) e v 2 (6, 8, 2). 3. Calcolare il prodotto di α = 2 e v 1 (1, 4). 4. Calcolare il prodotto di

Dettagli

Sottospazi vettoriali. Nota Bene: Questo materiale non deve essere considerato come sostituto delle lezioni.

Sottospazi vettoriali. Nota Bene: Questo materiale non deve essere considerato come sostituto delle lezioni. Politecnico di Torino. Sottospazi vettoriali. Nota Bene: Questo materiale non deve essere considerato come sostituto delle lezioni. Argomenti: Sottospazi. Generatori. Confrontando sottospazi: intersezione.

Dettagli

MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI

MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI LE MATRICI DEFINIZIONE: Una matrice è un insieme di numeri disposti su righe e colonne. 1 3 7 M = 2 5 1 M è

Dettagli

Lezione 10: Teorema di Rouchè-Capelli e la classificazione dei sistemi lineari

Lezione 10: Teorema di Rouchè-Capelli e la classificazione dei sistemi lineari Lezione 10: Teorema di Rouchè-Capelli e la classificazione dei sistemi lineari In questa lezione ci dedicheremo a studiare a fondo quali proprietà della matrice dei coefficienti di un sistema (e della

Dettagli

Elementi di Algebra Lineare Spazi Vettoriali

Elementi di Algebra Lineare Spazi Vettoriali Elementi di Algebra Lineare Spazi Vettoriali Antonio Lanteri e Cristina Turrini UNIMI - 2015/2016 Antonio Lanteri e Cristina Turrini (UNIMI - 2015/2016) Elementi di Algebra Lineare 1 / 37 index Spazi vettoriali

Dettagli

Esercitazione 6 - Soluzione

Esercitazione 6 - Soluzione Anno Accademico 28-29 Corso di Algebra Lineare e Calcolo Numerico per Ingegneria Meccanica Esercitazione 6 - Soluzione Immagine, nucleo. Teorema di Rouché-Capelli. Esercizio Sia L : R 3 R 3 l applicazione

Dettagli

4 Autovettori e autovalori

4 Autovettori e autovalori 4 Autovettori e autovalori 41 Cambiamenti di base Sia V uno spazio vettoriale tale che dim V n Si è visto in sezione 12 che uno spazio vettoriale ammette basi distinte, ma tutte con la medesima cardinalità

Dettagli

ESAME DI MATEMATICA I parte Vicenza, 05/06/2017. x log 2 x?

ESAME DI MATEMATICA I parte Vicenza, 05/06/2017. x log 2 x? A. Peretti Svolgimento dei temi d esame di Matematica A.A. 6/7 ESAME DI MATEMATICA I parte Vicenza, 5/6/7 log? Domanda. Per quali valori di è definita l espressione L espressione è definita se l argomento

Dettagli

Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango)

Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango) CAPITOLO 5 Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango) Esercizio 5.1. Scrivere un vettore w R 3 linearmente dipendente dal vettore v ( 1, 9, 0). Esercizio 5.2. Stabilire se i vettori

Dettagli

1 Indipendenza lineare e scrittura unica

1 Indipendenza lineare e scrittura unica Geometria Lingotto. LeLing7: Indipendenza lineare, basi e dimensione. Ārgomenti svolti: Indipendenza lineare e scrittura unica. Basi e dimensione. Coordinate. Ēsercizi consigliati: Geoling. Indipendenza

Dettagli

Esame di geometria e algebra

Esame di geometria e algebra Laurea Ing. 26 febbraio 2007 Traccia I COG 1 In R 3 sono assegnati i vettori: u 1 = (2, h, 0), u 2 = (1, 0, h), u 3 = (h, 1, 2). Stabilire se esistono valori reali del parametro h per cui S = {u 1, u 2,

Dettagli

Ingegneria Gestionale - Corso di Analisi II e Algebra anno accademico 2008/2009

Ingegneria Gestionale - Corso di Analisi II e Algebra anno accademico 2008/2009 Ingegneria Gestionale - Corso di Analisi II e Algebra anno accademico 28/29 Dire se le seguenti proposizioni sono vere o false: ESERCITAZIONE. Proposizione Vera Falsa f : R R 4 rk(f f : R 4 R rk(f f :

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3 SISTEMI LINEARI. Esercizi Esercizio. Verificare se (,, ) è soluzione del sistema x y + z = x + y z = 3. Trovare poi tutte le soluzioni del sistema. Esercizio. Scrivere un sistema lineare di 3 equazioni

Dettagli

Equivalentemente, le colonne di A sono linearmente indipendenti se e solo se

Equivalentemente, le colonne di A sono linearmente indipendenti se e solo se Lezioni di Algebra Lineare. Versione novembre 2008 VI. Il determinante Il determinante det A di una matrice A, reale e quadrata, è un numero reale associato ad A. Dunque det è una funzione dall insieme

Dettagli

Somma diretta di sottospazi vettoriali

Somma diretta di sottospazi vettoriali Capitolo 8 Somma diretta di sottospazi vettoriali 8.1 Introduzione Introduciamo un caso particolare di somma di due sottospazi vettoriali: la somma diretta. Anche questo argomento è stato visto nel corso

Dettagli

Geometria e Topologia I (U1-4) 2006-mag-10 61

Geometria e Topologia I (U1-4) 2006-mag-10 61 Geometria e Topologia I (U1-4) 2006-mag-10 61 (15.9) Teorema. Consideriamo il piano affine. Se A A 2 (K) è un punto e r una retta che non passa per A, allora esiste unica la retta per A che non interseca

Dettagli

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof.

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A. 2015-2016 ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Cigliola Consegna per Martedì 6 Ottobre Esercizio 1. Una matrice quadrata A si

Dettagli

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani Esercizi svolti. Sistemi di riferimento e vettori. Dati i vettori v = i + j k, u =i + j + k determinare:. il vettore v + u ;. gli angoli formati da v e u;. i vettore paralleli alle bisettrici di tali angoli;

Dettagli

MATRICI E SISTEMI LINEARI

MATRICI E SISTEMI LINEARI - - MATRICI E SISTEMI LINEARI ) Calcolare i seguenti determinanti: a - c - d - e - f - g - 8 7 8 h - ) Calcolare per quali valori di si annullano i seguenti determinanti: a - c - ) Calcolare il rango delle

Dettagli

Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L.

Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L. Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L AA 2006/2007 1 Foglio 1 In tutti gli esercizi che seguiranno lo spazio ambiente sarà il piano cartesiano a valori nel campo dei numeri reali, dove supporremo

Dettagli

Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite

Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite 3 Sistemi lineari 3 Generalità Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite ovvero, in forma matriciale, a x + a 2 x 2 + + a n x n = b a 2 x + a 22 x 2 + + a 2n x

Dettagli

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB);

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB); VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 GEOMETRIA PIANA Segmenti e distanza tra punti. Rette in forma cartesiana e parametrica. Posizioni reciproche di due rette, parallelismo e perpendicolarità. Angoli e distanze.

Dettagli

Il teorema di Rouché-Capelli

Il teorema di Rouché-Capelli Luciano Battaia Questi appunti (1), ad uso degli studenti del corso di Matematica (A-La) del corso di laurea in Commercio Estero dell Università Ca Foscari di Venezia, campus di Treviso, contengono un

Dettagli

SPAZI E SOTTOSPAZI / ESERCIZI SVOLTI

SPAZI E SOTTOSPAZI / ESERCIZI SVOLTI SPAZI E SOTTOSPAZI VETTORIALI 5 SPAZI E SOTTOSPAZI / ESERCIZI SVOLTI BrevielementiditeoriasuglispazivettorialiR n, R m,n, R [x], R n [x] verranno richiamati via via, a commento del testo di alcuni esercizi.

Dettagli

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato;

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato; RETTE E PIANI Esercizi Esercizio 1. Nello spazio con riferimento cartesiano ortogonale Oxyz si considerino la retta r h ed il piano α rispettivamente di equazioni x = 1 + t r h : y = 1 t α : x + y + z

Dettagli

Sistemi lineari. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Sistemi lineari. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Sistemi lineari Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Esercizi sui sistemi di equazioni lineari.

Esercizi sui sistemi di equazioni lineari. Esercizi sui sistemi di equazioni lineari Risolvere il sistema di equazioni lineari x y + z 6 x + y z x y z Si tratta di un sistema di tre equazioni lineari nelle tre incognite x, y e z Poichè m n, la

Dettagli

Capitolo IV SPAZI VETTORIALI EUCLIDEI

Capitolo IV SPAZI VETTORIALI EUCLIDEI Capitolo IV SPAZI VETTORIALI EUCLIDEI È ben noto che in VO 3 si possono considerare strutture più ricche di quella di spazio vettoriale; si pensi in particolare all operazioni di prodotto scalare di vettori.

Dettagli

Parte 8. Prodotto scalare, teorema spettrale

Parte 8. Prodotto scalare, teorema spettrale Parte 8. Prodotto scalare, teorema spettrale A. Savo Appunti del Corso di Geometria 3-4 Indice delle sezioni Prodotto scalare in R n, Basi ortonormali, 4 3 Algoritmo di Gram-Schmidt, 7 4 Matrici ortogonali,

Dettagli

Formulario sui Prodotti Hermitiani Marcello Mamino Pisa, 24 v 2010

Formulario sui Prodotti Hermitiani Marcello Mamino Pisa, 24 v 2010 Formulario sui Prodotti Hermitiani Marcello Mamino Pisa, 24 v 2010 In quetsa dispensa: V è uno spazio vettoriale di dimensione d sul campo complesso C generato dai vettori v 1,..., v d. Le variabili m,

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE

DIARIO DEL CORSO DI GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE DIARIO DEL CORSO DI GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE DOCENTI: S. MATTAREI (TITOLARE), G. VIGNA SURIA, D. FRAPPORTI Prima settimana. Lezione di martedí 23 febbraio 2010 Introduzione al corso: applicazioni dell

Dettagli

Esercizi 2. Soluzioni. 1. Siano dati i vettori 1 1, 1 R 3.

Esercizi 2. Soluzioni. 1. Siano dati i vettori 1 1, 1 R 3. Esercizi. Soluzioni.. Siano dati i vettori,, R. (i) Far vedere che formano una base di R. (ii) Ortonormalizzarla col metodo di Gram-Schmidt. (iii) Calcolare le coordinate del vettore X = 5 Sol. (i) Usiamo

Dettagli

MATEMATICA. a.a. 2014/ Sistemi di equazioni lineari

MATEMATICA. a.a. 2014/ Sistemi di equazioni lineari MATEMATICA a.a. 2014/15 8. Sistemi di equazioni lineari SISTEMI LINEARI Si definisce sistema lineare un sistema di p equazioni di primo grado in q incognite. a11x1 + a12 x2 +... + a1 qxq = k1 a21x1 + a22x2

Dettagli

Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente

Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente Dati i vettori di R (i) Calcolare il prodotto scalare v w, (ii) Stabilire se v e w sono ortogonali, (ii) Stabilire

Dettagli

= elemento che compare nella seconda riga e quinta colonna = -4 In generale una matrice A di m righe e n colonne si denota con

= elemento che compare nella seconda riga e quinta colonna = -4 In generale una matrice A di m righe e n colonne si denota con Definizione di matrice Una matrice (di numeri reali) è una tabella di m x n numeri disposti su m righe e n colonne. I numeri che compaiono nella tabella si dicono elementi della matrice. La loro individuazione

Dettagli

Sistemi di equazioni lineari

Sistemi di equazioni lineari Sistemi di equazioni lineari A. Bertapelle 25 ottobre 212 Cos è un sistema lineare? Definizione Un sistema di m equazioni lineari (o brevemente sistema lineare) nelle n incognite x 1,..., x n, a coefficienti

Dettagli

MATRICI ORTOGONALI. MATRICI SIMMETRICHE E FORME QUADRATICHE

MATRICI ORTOGONALI. MATRICI SIMMETRICHE E FORME QUADRATICHE DIAGONALIZZAZIONE 1 MATRICI ORTOGONALI. MATRICI SIMMETRICHE E FORME QUADRATICHE Matrici ortogonali e loro proprietà. Autovalori ed autospazi di matrici simmetriche reali. Diagonalizzazione mediante matrici

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica per l Informatica e la Comunicazione Scientifica

Corso di Laurea in Matematica per l Informatica e la Comunicazione Scientifica Corso di Laurea in Matematica per l Informatica e la Comunicazione Scientifica Soluzione del compito di Matematica Discreta 1 del 25 luglio 200 1. Qual è il numero di applicazioni f : A = {1,..., 5} B

Dettagli

Forme bilineari simmetriche

Forme bilineari simmetriche Forme bilineari simmetriche Qui il campo dei coefficienti è sempre R Definizione 1 Sia V uno spazio vettoriale Una forma bilineare su V è una funzione b: V V R tale che v 1, v 2, v 3 V b(v 1 + v 2, v 3

Dettagli

x1 + 2x 2 + 3x 3 = 0 nelle tre incognite x 1, x 2, x 3. Possiamo risolvere l equazione ricavando l incognita x 1 x 1 = 2x 2 3x 3 2r 1 3r 2 x 2 x 3

x1 + 2x 2 + 3x 3 = 0 nelle tre incognite x 1, x 2, x 3. Possiamo risolvere l equazione ricavando l incognita x 1 x 1 = 2x 2 3x 3 2r 1 3r 2 x 2 x 3 Matematica II -..9 Spazio delle soluzioni di un sistema lineare omogeneo.. Consideriamo l equazione lineare omogenea nelle tre incognite x, x, x 3. x + x + 3x 3 = Possiamo risolvere l equazione ricavando

Dettagli

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Filippo F. Favale 8 aprile 014 Esercizio 1 Si consideri E dotato di un riferimento cartesiano ortonormale di coordinate (x, y) e origine O. Si

Dettagli

Esercizi svolti sui sistemi lineari

Esercizi svolti sui sistemi lineari Francesco Daddi - www.webalice.it/francesco.daddi Esercizi svolti sui sistemi lineari Esercizio 1. Risolvere il seguente sistema lineare al variare del parametro reale t: tx+(t 1)y + z =1 (t 1)y + tz =1

Dettagli

Matematica Discreta e Algebra Lineare (per Informatica)

Matematica Discreta e Algebra Lineare (per Informatica) Matematica Discreta e Algebra Lineare (per Informatica) Docente: Alessandro Berarducci Anno accademico 2016-2017, versione 14 Marzo 2017 Tipiche domande d esame La seguente lista di domande non intende

Dettagli

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9 Geometria BATR-BCVR 2015-16 Esercizi 9 Esercizio 1. Per ognuna delle matrici A i si trovi una matrice ortogonale M i tale che Mi ta im sia diagonale. ( ) 1 1 2 3 2 A 1 = A 2 1 2 = 1 1 0 2 0 1 Esercizio

Dettagli

Corso di Matematica Generale M-Z Dipartimento di Economia Universitá degli Studi di Foggia ALGEBRA LINEARE. Giovanni Villani

Corso di Matematica Generale M-Z Dipartimento di Economia Universitá degli Studi di Foggia ALGEBRA LINEARE. Giovanni Villani Corso di Matematica Generale M-Z Dipartimento di Economia Universitá degli Studi di Foggia ALGEBRA LINEARE Giovanni Villani Matrici Definizione 1 Si definisce matrice di tipo m n una funzione che associa

Dettagli

LEZIONE 3. Typeset by AMS-TEX

LEZIONE 3. Typeset by AMS-TEX LEZIONE 3 3 Risoluzione di sistemi Supponiamo che AX = B sia un sistema di equazioni lineari Ad esso associamo la sua matrice completa (A B Per la Proposizione 236 sappiamo di poter trasformare, con operazioni

Dettagli

Argomento 13 Sistemi lineari

Argomento 13 Sistemi lineari Sistemi lineari: definizioni Argomento 3 Sistemi lineari I Un equazione nelle n incognite x,,x n della forma c x + + c n x n = b ove c,,c n sono numeri reali (detti coefficienti) eb è un numero reale (detto

Dettagli

Esercizi di Algebra lineare

Esercizi di Algebra lineare Esercizi di Algebra lineare G. Romani December, 006 1. Esercizi sulle n-ple 1) Eseguire i seguenti calcoli. (, 1) + (1 3); 4(, ) + 3(4, ); 3(1,, 3) + ( )(,, 1) (3, 3, 3) + (4,, 1) + ( )(1, 4, ); (1, 4,

Dettagli

MATRICI E SISTEMI LINEARI

MATRICI E SISTEMI LINEARI 1 Rappresentazione di dati strutturati MATRICI E SISTEMI LINEARI Gli elementi di una matrice, detti coefficienti, possono essere qualsiasi e non devono necessariamente essere omogenei tra loro; di solito

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare con applicazioni alla Geometria Analitica Errata Corrige. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio

Lezioni di Algebra Lineare con applicazioni alla Geometria Analitica Errata Corrige. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio Lezioni di Algebra Lineare con applicazioni alla Geometria Analitica Errata Corrige Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio Riportiamo di seguito gli errata corrige principali, aggiornati alla data

Dettagli

Registro Lezioni di Algebra lineare del 15 e 16 novembre 2016.

Registro Lezioni di Algebra lineare del 15 e 16 novembre 2016. Registro Lezioni di Algebra lineare del 15 e 16 novembre 2016 Di seguito si riporta il riassunto degli argomenti svolti; i riferimenti sono a parti del Cap8 Elementi di geometria e algebra lineare Par5

Dettagli

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria.

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria. Capitolo 2 Campi 2.1 Introduzione Studiamo ora i campi. Essi sono una generalizzazione dell insieme R dei numeri reali con le operazioni di addizione e di moltiplicazione. Nel secondo paragrafo ricordiamo

Dettagli

I VERIFICA DI GEOMETRIA 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA - 4 DICEMBRE 2007

I VERIFICA DI GEOMETRIA 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA - 4 DICEMBRE 2007 A I VERIFICA DI GEOMETRIA 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA - 4 DICEMBRE 2007 ESERCIZIO 1. Si consideri il seguente sistema di equazioni lineari x + y + 2z = 1 2x + ky + 4z = h 2x 2y + kz = 0 (a) Determinare,

Dettagli

Prodotto scalare, ortogonalitá e basi ortonormali

Prodotto scalare, ortogonalitá e basi ortonormali CAPITOLO 0 Prodotto scalare, ortogonalitá e basi ortonormali Esercizio 0.. Dati i seguenti vettori di R si calcoli il prodotto scalare (v i,v j per i,j =,,...,6: v = (6,3 v = (,0 v 3 = (, v 4 = (,0 v 5

Dettagli

1 Forme quadratiche 1. 2 Segno di una forma quadratica Il metodo dei minori principali Soluzioni degli esercizi 7.

1 Forme quadratiche 1. 2 Segno di una forma quadratica Il metodo dei minori principali Soluzioni degli esercizi 7. 1 FORME QUADRATICHE 1 Forme quadratiche Indice 1 Forme quadratiche 1 2 Segno di una forma quadratica 2 2.1 Il metodo dei minori principali........................................ 3 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Analisi dei dati corso integrato - Algebra lineare,

Analisi dei dati corso integrato - Algebra lineare, Analisi dei dati corso integrato - Algebra lineare, 050308-2 1 Ortogonalita nel piano Sia fissato nel piano un sistema di riferimento cartesiano ortogonale monometrico, con origine in O Tranne avviso contrario,

Dettagli

Vettori e matrici. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Vettori e matrici. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Vettori e matrici Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utentiunifeit/lorenzopareschi/ lorenzopareschi@unifeit Lorenzo Pareschi Univ Ferrara

Dettagli

SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS

SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS Abbiamo visto che un sistema di m equazioni lineari in n incognite si può rappresentare in forma matriciale come A x = b dove: A è la matrice di tipo (m, n) dei coefficienti

Dettagli

Tutorato di GE110. Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica

Tutorato di GE110. Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica Tutorato di GE110 A.A. 2012-2013 - Docente: Prof. Angelo Felice Lopez Tutori: Dario Giannini e Giulia Salustri Tutorato 3 20 Marzo 2013 1.

Dettagli

Il determinante. Calcolo del determinante di matrici particolari. matrici di ordine 2: sia. a11 a A = allora

Il determinante. Calcolo del determinante di matrici particolari. matrici di ordine 2: sia. a11 a A = allora Calcolo del determinante di matrici particolari matrici di ordine 2: sia allora Esempio. [ ] a11 a A = 12, a 21 a 22 det A = a 11 a 22 a 21 a 12. Calcolare il determinante di [ ] 1 2 A =. 3 4 matrici di

Dettagli

Geometria BIAR Esercizi 2

Geometria BIAR Esercizi 2 Geometria BIAR 0- Esercizi Esercizio. a Si consideri il generico vettore v b R c (a) Si trovi un vettore riga x (x, y, z) tale che x v a (b) Si trovi un vettore riga x (x, y, z) tale che x v kb (c) Si

Dettagli