Uno sguardo alle politiche e modalità di cessazione del rapporto di lavoro all'alba del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uno sguardo alle politiche e modalità di cessazione del rapporto di lavoro all'alba del"

Transcript

1 Simone V.L. Oliva Uno sguardo alle politiche e modalità di cessazione del rapporto di lavoro all'alba del secondo decennio del 2000 Il reportpresentato in questo articolo èjrutto di una survey on line', che ha coinvoltopro- fessionals e senior manager di 28 Paesi ope ranti in area HR, responsabili nel prendere appartenenza. E stata tradotta in 18 lingue alfine di facilitare la raccolta delle ìisposte; queste ultime sono state complessivamente 1.524, così distìibidte geograficamejite: decisioni in anelito alla cessazione del rap 4 (Nord e Sud); 3 Euro porto di lavoro in seno alle organizzazioni di pa e 2) Pacific. E rappresentato un ampio numero di settori di business (19 set tori di mercato in. 28 Paesi). Il 29% delle organizz^izioni rappresentate nella survey presentano ricavi per oltre 1 miliardo USD, con una media di 5.6 milioni USD. A cura di Simone V.L. Oliva, Head qf Career Management, Right Management Italia Aziende pubbliche Settore pubblico/ agenzie Aziende private governative Aziende senza fini di lucro Altre '.2 Tipologia organizzazioni coinvolte nella survey inferiore a 500 persone io.ool oltre % 4 38% 38% 6% 7% 6% 3 4 8% 3 42% 9% 8% Dimensioni delle organizzazioni coinvolte nella survey ' delivmd hj ICR (Interrwtional Coinmunication Research), 2OO8-20J0 42 I OTTOBRE/NOVEMBRE/DICEIVIBRE2013 SVILUPPO IR ORGANIZZAZIONE

2 Uno sguardo alle politiche e modalità di cessazione del rapporto di lavoro all'alba dei secondo decennio del 2000 Introduzione Un'economia globale richiede informazioni a livello glo bale. Le società stanno operando in un periodo storico ad alta difficoltà previsionale. Qiiesto mercato globale, business regolano le modalità attraverso le quali i datori di lavoro chiudono il rapporto di pratiche lavoro con In ogni parte del mondo leggi, usanze e di i dipendenti, indipendentemente dal fatto che l'allonta veloce e sfidante, sta ponendo un sempre maggiore livel namento sia volontario o no. In alcuni Paesi, le società efficienza ed efficacia. I risultati sono frec^uenti ristmttu- lo di pressione sulle società nel competere in termini di clic effettuano operazioni di riduzione del personale o razioni, riduzioni e tagli del personale; e quando queste ristrutlurazioni si confrontano con una rigida legislazio iniziative vengono realizzate, i lavoratori necessitano di ne del lavoro, che può incidere in modo significativo sui costi, suue dimensioni e l'efricacia dell'iniziativa. In altri Paesi le aziende godono di maggiore libertà, potendo nuove opportunità. Oiicste pratiche, a loro volta, devo cessare il rapporto di lavoro senza dover fare i conti con delle organizzazioni, rispettando al tempo stesso la pro rigide prescrizioni legislative. Comprendere quanto differenti siano, tra i diversi Paesi, trattare gli impiegati in maniera equa. le prassi relative alla cessazione del rapporto di lavoro Riduzioni della forza lavoro c ristrutturazioni organiz è fondamentale per una efficace strategia globale da parte delle Organizzazioni. Right Management ha una posizione del tutto privi zative sono le principali cause che determinano l'atti legiata in quest'area, con supporti concreti che li aiutino nella transizione verso no essere allineate con il senso di responsabilità sociale posta di valore dell'organizzazione, come ad esempio, vazione di processi di uscita dalle aziende. Questi dati restano in linea con i risulta ti di una nostra precedente risorse dislocate in oltre survey del Conclude 50 Paesi e una conoscen re il rapporto di lavoro con za locale delle pratiche di chiusura del rapporto parte della workforce' è una lavorativo, acquisita gra zie alla partnership con oltre clienti in tutto il mondo. Il concetto di 'pacchetto di uscita' è cambiato nel corso degh anni; in pas sato era utilizzato per gestire il periodo inter normale pratica di business in uno qualsiasi dei 28 Paesi che abbiamo studiato. Ma è fondamentale per coloro che sono responsabili della definizione dei 'pacchetti di uscita', possedere una visio ne complessiva delle prati che, non solo a livello locale o di specifico segmento di corrente tra l'uscita del lavoratore e l'individuazione di business, ma anche a livello di altri Paesi e culture. Le una nuova opportunità lavorativa o la pensione. Attual mente, capita frequentemente che le aziende desideri grandi aziende che operano a livello globale attuano spesso modifiche organizzative che coinvolgono molti no mantenere un buon rapporto con i lavoratori usciti Paesi; devono però considerare non solo i desiderata dall'azienda, e il 'pacchetto di uscita' è visto come uno dell'azienda, ma anche quello che è accettabile in ogni strumento per mantenere e preservare questa relazio singolo luogo in cui intendono realizzare il cambiamen ne. Dal momento che l'invecchiamento della popola to, prima che le pratiche siano rese definitive. Esistono zione contribuisce a ridurre il pool di talenti a livello globale, il focus delle aziende è mantenere dei legami anche pratiche differenti nei mercati emergenti rispetto a quelli sviluppati. Raffrontando i dati attuali con quelli del 2002, appare con questo tipo di popolazione, piuttosto che troncarli. Coloro che sono in possesso di apprezzabili competen chiaro che la maggior parte delle organizzazioni rara ze ed esperienze possono in futuro essere riassunti per mente ha cambiato le policies relative all'uscita dei di specifici progetti, o magari essere reimpiegati in nuovi pendenti. Sempre più persone oggi sono tenute a fir ruoh nell'organizzazione. Queste persone hanno un mare una liberatoria per proteggere il loro ex datore di alto valore di mercato per il datore di lavoro d'origine, lavoro da ricorsi e un numero maggiore di organizza dal momento che comprendono velocemente il business e la cultura aziendale e presumibilmente sono in grado zioni ha formalizzato accordi di fine rapporto, rispetto al dato dell'inizio del decennio scorso. Oggi, la maggior di dare il proprio contributo in tempi più rapidi rispetto parte delle organizzazioni offrono l'outplacement, an ad un nuovo assunto. che se non imposto dalla legge. I servizi di outplacement,,swluppo ^ ^^ MGANIZZAZIOM OTTOBRE/NOVKMBRE/DICEMBRE 2013

3 Simone V.L Oliva costituiscono una pratica usuale di business e sono una affinché una organizzazione possa interpretare e appli soluzione strategica di gestione del personale utilizzata care la legge ed esercitare un certo potere discrezionale quando le organizzazioni ristrutturano e ridimensiona nelle singole situazioni. no Torganico oltre che un benefit comune all'interno di Coerentemente con la nostra prima ricerca in quest'area, pacchetti di fine rapporto, a prescindere dal livello del in caso di chiusura dei rapporto di lavoro, la maggior parte delle aziende (6) sono obbligate dalla legge dipendente. a dare una certo periodo di preavviso, per quanto la Soluzioni in merito alla gestione del 'fine rap porto' lunghezza dei periodo sia inferiore in (5) rispetto ad (6) e Pacific (77%). Le azien Il più importante fattore che ha impatto sulle politiche re lative al pacchetto di fine rapporto è il contesto legale nel de che operano nei mercati emergenti sono obbligate quale l'azienda opera, In tutto il mondo le 'soluzioni di frequentemente di quanto accada nei mercati sviluppati fine rapporto lavorativo' sono l'effetto combinato di politi (rispettìvamente 8 contro 59%). Gli obblighi di legge relativamente all'estensione dei bcnefits dopo la chiusura del rapporto di lavoro influenza che aziendali e xdncoli legali, a livello locale o nazionale. Mentre 3 rispondenti su 5 (62%, a dare un periodo di preavviso significativamente più Lunghezza del periodo di preavviso dato agli impiegati Notifica ai sindacati Permanenza minima in azienda richiesta per la qualificazione degli impiegati Periodo minimo di tempo per ricevere i benefits legati alla chiusura del rapporto Importo monetario minimo per chiusura rapporto Notifica ad istituzioni governative Continuazione dei benefits Processo di consultazione sindacale Erogazione di servizi di outplacement Altro Nessuno dei precedenti Non lo so 5 39% 77% % 46% 42% 4 18% 30% 42% 9% % 4 30% 52% 20% 20% 2% 2% 32% 29% 26% 19% 37o Obblighi di legge in caso di termine del rapporto di lavoro c 6 Pacific) ci confermano che le politiche di hne rapporto sono funzione tanto di politiche aziendali quanto di leggi a livello locale/nazionale, un numero si gnificativamente più alto di rispondenti in (22%) e in Pacific (18%) che in (7%) lamentano che esclusivamente leggi nazionali o locali governino di fatto le politiche aziendali. Questo è prevalente in Bel maggiormente le aziende americane (42%) che quelle europee (f8%) o asiatiche (20%). i. Oltre la metà dei rispondenti ha una politica formale e scritta in termini di definizioni delle condizioni di uscita (58%). Le aziende in Pacific mostrano una inciden za di politiche formalizzate particolarmente alta, spe cialmente in Giappone (90%), Australia (86%) e Cina gio (4) e in Giappone (26%). Similmente, è molto più (77%), mentre le aziende europee hanno un minor livel probabile die i mercati emergenti abbiano pratiche sta bilite da leggi locali o nazionali (21 %) rispetto ai mercati sviluppati (1). I mercati sviluppati sono più propensi lo di formalizzazione probabilmente perché questo tipo di condizioni sono governate dalla legge (22%). Politiche di identificazione delle condizioni di fine rapporto sono ben identificate tanto nei mercati emergenti quanto in quelli sviluppati, che hanno rispettivamente nel 62% e 57% dei casi delle policies scritte. È più probabile che a gestire queste politiche attraverso normative aziendali (26%) rispetto ai mercati emergenti (1). Quindi, anche in alcuni Paesi noti per un rigido coinvol gimento del legislatore nel fissare i parametri per i pac chetti di fine rapporto, sembra ancora esservi lo spazio OTTOBRE/NOV MBRE/DICE3\'IBRE 2013 le aziende operanti nei mercati sviluppati abbiano una politica non formalizzata, rispetto ai mercati emergenti SVILUPPO "0RG/\iNIZZAZ10NE

4 Uno sguardo alle politiche e modalità di cessazione del rapporto di lavoro all'alba del secondo decennio del 2000 {4 contro il 31 %), forse derivante dal fatto ciie le pra organizzativa [IbVo). TI primo caso è più frequente in tiche di queste aziende sono autogovernate, piuttosto (92%) rispetto ad (62%) e Pacific chc determinate dalla legge. Oggi, solo il delle aziende non ha una polidca for malizzata relativa alia definizione delle condizioni di rilevata nel Questo è il segnale che queste pra (68%). È più probabile che i datori di lavoro in e Pacific offrano un pacchetto di uscita in caso di licenziamento per basse performances (entrambi 59%), rispetto a quanto succeda nelle Americhe (47%). Può apparire sorprendente la decisione di offrire dei pac tiche sono maturate negli ultimi anni. Le aziende che chetti di uscita nei casi in cui la motivazione sia la pre- uscita, rispetto a una percentuale quattro volte più alta Relocation del business 92% 88% 89% 47% 6 Licenziamento per altre cause 247o Dimissiorù volontarie 12% 62% % 5 32% 68% % % % 4 Riduzione di organico Ristrutturazione Eliminazione della posizione Performances non adeguate Nessuna delle precedenti - 17o Motivazione per la attivazione di politiche di fine rapporto canza di informazioni rispetto a leggi e oneri locah, cosa stazione insoddisfacente, ma questo è probabilmente il risultato di specifiche politiche aziendali oppure di una negoziazione individuale al momento della defìmzione che può alimentare il rischio di cause e multe. del contratto di lavoro. Esistono delle differenze fra le diverse regioni rispetto all'inclusività di queste politiche. Mentre per la metà delle aziende in (5) non sono necessari dei È interessante notare che in Giappone raramente appa requisiti minimi per accedervi, solo per un numero in giapponesi 'richiedono le dimissioni'. Questo succede quando un impiegato è d'accordo nel lasciare il posto di non hanno questo tipo di pohtiche corrono il rischio di trovarsi impreparate al cambiamento e subire una man feriore di aziende in (32%) e in (3) vale re un dato relativo al licenziamento, dal momento che questo non è legalmente possibile. Tuttavia, i manager lavoro, grazie a una comunicazione a due vie piuttosto lo stesso principio. È più probabile che aziende europee che un processo unidirezionale, cosa che è al contrario e asiatiche richiedano un minimo di più comune in altri Paesi. Questo potrebbe essere la anni di servizio affinché gli impiegad spiegazione per cui un alto numero di accedano a queste politiche (rispetti vamente il 40% e il 3). Al contra Le motivazioni rispondenti in Pacific (5) cita le dimissioni volontarie, incluso il rio, solo un'azienda su 5 in più frequenti per del Giappone. richiede lo stesso. I Paesi in cui più è ;1 frequente la richiesta di un minimo di anni di servizio sono la Francia l'attivazione di misure di fine (69%), la Germania (5) e il Giap rapporto sono la contrazione pone (5). Nei mercati sviluppati è più probabile (32%) che siano neces della forza lavoro (77%) oppu sari almeno un anno o più di servizio re li verificarsi di una ristruttu per avere accesso alle politiche di fine rapporto, rispetto ai mercati emergen razione organizzativa (7). ti (2). Benefìts Indipendentemente dalla posizione o dal hvello, i principali benefìts offerti tendono ad essere programmi di as sistenza (come outplacement o pro grammi fìnanziari), benefit continuatì\a (come assistenza medica e compensi finanziari) e, in misura minore, l'uso di dustries). risorse dell'azienda (come ufficio o auto). Le aziende neue Americhe offrono l'estensione di benefìts relativi alla sa Le motivazioni più frequenti per l'attivazione di misu lute più frequentemente che in o. Oi-icsto è re di fine rapporto sono la contrazione della forza la determinato da diverse Politiche Sanitarie Nazionali esi voro (77%) oppure il verificarsi di una ristrutturazione stenti nei Paesi fuori dall'. Al contrario, in Euro Vi sono poi piccole differenze tra settori di mercato (in-,.sviluppo -ORGAlNIZZAZIONE OTTOBRE/NOVEMBRE/DIGEMBRE 2013

5 Simone V.L. Oliva pa le aziende offrono di usufruire di risorse aziendali più frequentemente che in o in Pacific. L'outplacement è un benefit costante, incluso in pac chetti di uscita per tutti i livelli di lavoratori, con una incidenza più alta in caso di Kccnziamento, dipendenti usciti per licenziamento piuttosto che per di missioni volontarie. La stragrande maggioranza (7) degli intervistati non offre denaro in cambio di outplacement. Pochi datori di lavoro (12%) nelle Americhe monetizzano Fout^alacement, notevolmente meno che in (3) o -Pacifico (2). 11 ruolo dell'outplacement Anche se non previsto dalla legge, l'outplacement è of Best Practices raccomandate per la chiusura ferto dalla maggior parte delle aziende (7) in tutto il mondo. Oggi, l'outplacement è uno strumento di ge- del rapporto di lavoro Chiudere un rapporto di lavoro richiede sensibihtà, tat sdone strategica della forza lavoro e una pratica di busi to, preparazione, pratica e un processo formale. Il più ness consolidata per aiutare le aziende in fase di ristrut influente fattore nella decisione di cercare una rivalsa turazione e gii impiegati coinvolti nel cambiamento. legale o fare ricorso contro un ex-datore di lavoro può Le aziende nelle Americhe in genere offrono l'outpla quasi sempre essere fatto risalire al modo in cui il pro cement dove non è richiesto dalla legge (8), signifi cativamente più spesso delle aziende europee (67%) o asiatiche (6). AUo stesso modo i Paesi con mercati sviluppati più frequentemente (76%) forniscono outplacement rispetto a quelli con mercati emergenti (58%). La maggior parte dei datori di lavoro (71 %) offrono l'ou tplacement anche laddove non sia obbligatorio per legge cesso di chiusura del rapporto è stato gestito. perché 'E la cosa giusta da fare', seguito a poca distanza Creare un piano di transizione; dalla motivazione 'dà segnali positivi ai dipendenti che rimangono' (69%) e 'assicura che gli ex dipendenti ri Comunicare il licenziamento; cevano le competenze e la formazione necessarie per la Gestire il cambiamento per le risorse che rimangono. SuUa base di più di 30 anni di esperienza ncu'aiutarc le organizzazioni e gli individui nei periodi di transizione, Right Management consiglia le seguenti bcst practices per gestire con successo una ristrutlurazione dell'orga nico e la chiusura del rapporto con i dipendenti: Considerare la possibilità di reimpiego; transizione verso una nuova carriera in modo rapido e con successo' (67%), Un rispondente su due (49%) ritie Creare un piano di transizione ne che 'sia un buon affare'. Questa motivazione è citata La creazione di un piano di transizione consente di valu più frequentemente da datori di lavoro negli Stati Uniti tare e dehnearc il quadro generale per l'intera ristruttu (70%) e Australia (48%). razione organizzativa, prima di entrare nel dettaglio dei È la cosa giusta da fare Dà segnali positivi agli impiegati che rimangono 8 76% 56% 6 69% 7 69% 78% 5 67% 59% 66% % 49% 48% 40% 49% 5 4 2% Assicura che i precedenti impiegati ricevano competenze/ training necessari nel periodo di transizione verso una nuova carriera in modo più veloce ed efficace Aiuta a hmitare il rischio di cause di lavoro E un buon affare È buono per l'immagine pubblica dell'organizzazione Dà ai vecchi impiegati uno speciale aiuto per il periodo di transizione Altro Ragioni per cui si concede l'outplacement, quando non richiesto dalla legge I servizi di outplacement, siano essi programmi per casi specifici. Considerate i requisiti di legge nel Vostro singoli o di gruppo, sono una componente stabile dei pacchetti di uscita, e sono forniti alla maggior parte dei dipendenti, indipendentemente dal livello. Vi è un au mento nella fornitura di servizi di outplacement per i paese, la tempistica per la ristrutturazione e, soprattutto, OTl'OBRE/NOVEIN'IBRE/DICEMBRE 2013 gii obiettivi. Forse c'è la possibilità di ridistribuire alcuni dei vostri lavoratori, invece di farli uscire dall'organiz zazione. Forse si potrebbe offrire un piano di dimissioni SVILUPPO ORGANIZZAZIONE

6 Uno sguardo alle politiche e modalità di cessazione del rapporto di lavoro all'alba del secondo decennio del 2000 volontarie prima di obbligare airallontanamento non Conclusioni volontario, come strumentopcrgestireilmorale dei dipen Gestire una lislrutturazionc del personale è una respon denti ma anche di soddisfare i Vostri obiettivi di business. Gra/.ie alla collaborazione con un partner di fiducia è sabilità complessa. Come partner di fiducia ed esperti in questo campo, Right Management è in grado di suppor possibile creare un piano di transizione, definendo in tare le organizzazione nel corso dell'intero processo. Ge Right Vìncere le sfide del mondo del lavoro 51 i Management Right Management è la Società, all'interno di ManpowerGroup, leader a livello monmar.powe'groi.jj diale nei servizi di Career e Talent Management. Dal 1980 supporta i clienti per vince re le sfide imposte da un mondo del lavoro in contìnua evoluzione, progettando interventi per rendere coerenti le politiche di gestione delle risorse umane con la strategia aziendale. Sono 5 le principali aree di intervento: Talent Assessment; Sviluppo dei modelli di leadership; Efficacia organizzativa; Coinvolgimento dei collaboratori; Orientamento e Outplacement. Tra i clienti annovera r80% delle organizzazioni presenti nella classifica Fortune 500 ed il 70% di quelle che compaiono nella classica Fortune Global 500. Right Management è player globale con più di 3500 collabora tori che operano in 300 sedi dislocate in oltre 50 Paesi. stire il 'fine rapporto' con dignità e rispetto delle persone, modo obicttivo le posizioni da chiudere, sfruttando i dati di benchmark relativi alla chiusura del rapporto, al fine di creare pacchetti eciui per tutti i livelli di dipendenti. Considemre la possibilità di reimpiego riorarsi del clima organizzati^^o e da un'immagine nega Il reimpiego in altra mansione all'interno dell'organiz tiva del brand. garantendo al contempo la massima preparazione, mette al riparo l'organizzazione da contenziosi legali, dal dete zazione può essere un'alternativa al licenziamento. E un Centrale è, e sempre più diverrà, il ruolo deu'outplace- modo di valorizzare le abilità e i talenti dei dipendenti ment, stmmento consolidato nel mondo anglosassone ma e reimpiegarli in nuovi ruoli all'interno dell'organizza ancora in via di affermazione alle nostre latitudini (Italia e zione. Questo oifre la possibilità di conservare compe Sud Eui'opa in genere). In un mercato del lavoro sempre tenze preziose, ridurre il costo del turnover, sfruttare il più dinamico e veloce, con scarso margine pre\isionale e la trasferimento di conoscenze all'interno dell'azienda. Se necessità di prendere decisioni rapide, sempre più si porrà, è vero che il reimpiego delle risorse in altra mansione la necessità, da un lato, di collegare domanda e offerta di può essere un processo complesso, i benefici includono lavoro, dall'altro, di fornire alle persone nuove opportu però l'aumento del coinvolgimento dei dipendenti e il nità in tempi rapidi, questo per ov\àare all'obsolescenza mantenimento di un buon clima durante un cambia delle competenze e a lunghi periodi di inoccupazione. mento organizzativo difficile o tumultuoso. In questi anni di recessione stiamo assistendo a fenomeni Comunicare il licenziamento bizzarri, c uali la difficoltà che spesso hanno le aziende a reclutare forza lavoro, ad ogni livello di responsabilità e Se la ristrutturazione prevede licenziamenti, è necessa competenza, in presenza di percentuali di disoccupazio rio che i manager siano preparati a condurre le comuni ne da record, almeno in Italia. Si è venuto così a deline cazioni ai dipendenti. Il ruolo del manager è di primaria are uno scenario nel quale molte persone con esperienza importanza. Un incontro ben gesdto significa chc il ma e competenze consolidate fanno fatica a ricollocarsi e nager raggiunge i seguenti obiettivi: allo stesso tempo molte aziende fanno fatica a recluta re perché non sanno dove o a chi rivolgersi. Ecco chc Comunica la decisione; lo strumento dell'outplacement può diventare U ponte di Fornisce dati in modo chiaro e sensibile; collegamento tra settori, mercati e aziende in contrazione Presenta la decisione come irrevocabile; con settori, mercati e aziende emergenti per valorizzare le Offre supporto; competenze generate nei primi, nell'interesse del mercato Incoraggia i dipendenti a iiiti-aprcndcre azioni positive. e quindi della competitività del sistema Paese. SVILUPPO OTTOBRE/NOVElVrBRE/DICEÌVIBRE 2013 j 47 DRG.ANIZZAZIONE

COMPANY PROFILE. Adecco better work, better life

COMPANY PROFILE. Adecco better work, better life COMPANY PROFILE Adecco better work, better life Adecco è il leader in Italia e nel mondo nei servizi per la gestione delle risorse umane. Nato nel 1996 in seguito alla fusione tra Adia (Svizzera) ed Ecco

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

The GLOBAL SALES BAROMETER

The GLOBAL SALES BAROMETER Benvenuto/a al Global Sales Barometer, l iniziativa mondiale di comparazione dei processi commerciali nelle imprese! ISTRUZIONI: Il questionario include domande brevi che, nella maggior parte dei casi,

Dettagli

CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale. Si ringraziano

CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale. Si ringraziano CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale Si ringraziano Obiettivi 1. Nozione di sostenibilità nella gestione delle Risorse Umane (HR) [RQ1]

Dettagli

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6 Presentazione 3 Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4 Progetto Borse Lavoro 6 2 Comunità Oklahoma Onlus Milano Buongiorno, Il progetto Borsa Lavoro che vi presentiamo, mira a creare nuove opportunità

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Progetti di outplacement

Progetti di outplacement Progetti di outplacement Trasformiamo il cambiamento in solide e concrete opportunità. www.opsolution.it OP SOLUTION srl TORINO - MILANO - ROMA Sede legale: Corso Re Umberto 30-10128 TORINO (Italy) Tel.

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE Sono fermamente convinto che nel nostro nuovo Gruppo Monier la performance del nostro staff sarà più importante che mai. I nostri ambiziosi obiettivi aziendali

Dettagli

Comunicare le regole del gioco del sistema premiante

Comunicare le regole del gioco del sistema premiante Comunicare le regole del gioco del sistema premiante HR 2008 Banche e Risorse Umane I. Pinucci 8 maggio 2008 Cinque punti da ricordare Comunicare conviene a tutti Conosciamo meglio i nostri clienti: preferiscono

Dettagli

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Principio guida...1 Le persone sono fondamentali per il raggiungimento della nostra missione...1

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

Protezione dell immagine del datore di lavoro in tempi di crisi Seminario Imprese e Lavoro 2013

Protezione dell immagine del datore di lavoro in tempi di crisi Seminario Imprese e Lavoro 2013 Protezione dell immagine del datore di lavoro in tempi di crisi Seminario Imprese e Lavoro 2013 28 May 2013 Introduzione L immagine del datore di lavoro L immagine del datore di lavoro Che cos e la employer

Dettagli

Soluzioni HR Articolo 1 srl Aut. Min. Lav. N. 1118 del 26/11/2004

Soluzioni HR Articolo 1 srl Aut. Min. Lav. N. 1118 del 26/11/2004 Soluzioni HR Articolo 1 srl Aut. Min. Lav. N. 1118 del 26/11/2004 Articolo 1 è una società italiana di servizi dedicati alle Risorse Umane, certificata UNI EN ISO 9001/2008. Siamo nati con l introduzione

Dettagli

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

Modula. Perchè ogni impresa è diversa Modula Perchè ogni impresa è diversa Troveremo la risposta giusta alle vostre esigenze Indipendentemente dalla natura e dalle dimensioni della vostra attività, sicuramente c è una cosa su cui sarete d

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

COME SCEGLIERE LA TUA SOCIETA DI OUTPLACEMENT: 7 FATTORI OGGETTIVI PER FARE LA SCELTA GIUSTA

COME SCEGLIERE LA TUA SOCIETA DI OUTPLACEMENT: 7 FATTORI OGGETTIVI PER FARE LA SCELTA GIUSTA COME SCEGLIERE LA TUA SOCIETA DI OUTPLACEMENT: 7 FATTORI OGGETTIVI PER FARE LA SCELTA GIUSTA CHI SCRIVE: S&A CHANGE offre da oltre 20 anni servizi di alta qualità e personalizzati nell ambito delle Risorse

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA Il nostro settore svolge un ruolo di primo piano nello sviluppo economico del Paese e nel dialogo fra imprese e consumatori, fra Pubblica Amministrazione e cittadino

Dettagli

Gruppo Helvetia. La politica di gestione delle risorse umane

Gruppo Helvetia. La politica di gestione delle risorse umane Gruppo Helvetia La politica di gestione delle risorse umane Cari colleghi Anche la nostra politica di gestione delle risorse umane è basata sulla dichiarazione contenuta nella nostra mission «Primi per

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl

Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl Presentazione Aziendale Generalfinance spa Generalbroker srl Cerchi alla testa? Noi vi aiutiamo a farli quadrare. Gruppo General da anni offre alla propria clientela interventi rapidi e personalizzati

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri. Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane

Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri. Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane PERSONNEL ORGANIZATION La Società Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane Organizzazione Ristrutturazione Aziendale Formazione Outsourcing PERSONNEL

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey 23 Febbraio 2016 State Street Asset Owners Survey Introduzione Il sistema pensionistico globale si trova di fronte a sfide di enorme portata I fondi pensione devono evolversi e svilupparsi per riuscire

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano. Condivisione dell Autovalutazione

Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano. Condivisione dell Autovalutazione 28 Gennaio 2003 Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano Condivisione dell Autovalutazione Confronti 60 50 PERCENTUALI DIRETTORI PERCENTUALI DIRIGENTI PERCENTUALI DG PERCENTUALI VALIDATOR

Dettagli

R & S ASSOCIAZIONE RICE RCA E SVILUPPO. (Allegato alla nota 23 feb. 2005 al V.M. Possa)

R & S ASSOCIAZIONE RICE RCA E SVILUPPO. (Allegato alla nota 23 feb. 2005 al V.M. Possa) R & S ASSOCIAZIONE RICE RCA E SVILUPPO (Allegato alla nota 23 feb. 2005 al V.M. Possa) IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO PRIVATO ASSISTITO DA CONTRIBUTO ( ART. 14 D.M. 593 DEL 8.8.2000) VALUTAZIONI E ANALISI

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Scopri un nuovo mondo di opportunità e vantaggi!

Scopri un nuovo mondo di opportunità e vantaggi! Scopri un nuovo mondo di opportunità e vantaggi! Un Partner Accreditato ha energia da vendere e tante altre opportunità Come già sai, Conergy ha pensato un nuovo modello di business per la vendita di impianti

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015. Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5

Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015. Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5 Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015 Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5 Milano, 25/09/2015 Sommario 1. Perchè una nuova revisione 2. Le principali novità della ISO 14001:2015

Dettagli

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio.

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Articolo 1 Srl Soluzioni HR - Aut. Min. Lav. Prot. N. 1118 del 26/11/04 CARTA DEI SERVIZI INDICE Presentazione di Articolo 1 Srl Carta

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE. Saluti di Benvenuto. Claudio Quintano Rettore Università degli Studi di Napoli Parthenope

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE. Saluti di Benvenuto. Claudio Quintano Rettore Università degli Studi di Napoli Parthenope UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Saluti di Benvenuto Claudio Quintano Rettore Università degli Studi di Napoli Parthenope WOA 2011 XII WORKSHOP DEI DOCENTI E DEI RICERCATORI DI ORGANIZZAZIONE

Dettagli

L indagine di Michael Page. Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro

L indagine di Michael Page. Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro L indagine di Michael Page Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro Come sta cambiando il ruolo del Direttore Risorse Umane

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

EXTERNAL HR MANAGEMENT

EXTERNAL HR MANAGEMENT EXTERNAL HR MANAGEMENT PER LO SVILUPPO CONTINUO DEI KEY PEOPLE AZIENDALI Dotarsi dei servizi di una moderna Direzione di Sviluppo delle Risorse Umane per la cura dei propri Key People abbattendo i costi

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Punto unico di accesso ai servizi per assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Relazione del Consigliere regionale Maria Grazia Fabrizio Venerdì 11 luglio Milano Noi abitanti

Dettagli

WELFARE AZIENDALE. Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale

WELFARE AZIENDALE. Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale WELFARE AZIENDALE Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale L esperienza di Muoversi nella gestione di piani benefit e work life balance: il caso concreto di BPER Milano, 15 Aprile

Dettagli

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 27 FEBBRAIO 2016 TIME VISION Nata nel 2001, TIME VISION è: AGENZIA FORMATIVA accreditata in Regione Campania AGENZIA

Dettagli

BCC Business Community Confindustria SVILUPPARE IL BUSINESS RISPARMIARE NEGLI ACQUISTI

BCC Business Community Confindustria SVILUPPARE IL BUSINESS RISPARMIARE NEGLI ACQUISTI BCC Business Community Confindustria SVILUPPARE IL BUSINESS RISPARMIARE NEGLI ACQUISTI RELAZIONE DEL PRESIDENTE ALBERTO SCANU (12 giugno 2008) Ancora una volta Confindustria ci da l'opportunità di presentare

Dettagli

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER SUCCESS STORY Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER PROFILE Settore: servizi finanziari Azienda: Nordea Bank Dipendenti:

Dettagli

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab Diversity management & Best practices aziendali Gini Dupasquier donnalab Il contesto di riferimento esterno Le donne rappresentano almeno la metà dei talenti e valorizzarle significa sfruttare un più ampio

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

La conoscenza concettuale (formazione), sarà. attraverso l utilizzo del LIAD come palestra per allenarsi.

La conoscenza concettuale (formazione), sarà. attraverso l utilizzo del LIAD come palestra per allenarsi. Sessione Assegnazione obiettivi Introduzione INTRODUZIONE Questo modulo formativo nasce allo scopo di aiutare il manager ad approfondire la conoscenza delle fasi caratterizzanti il processo di sviluppo

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

In collaborazione con. Servizi per l introduzione nel mercato del Regno Unito di PMI italiane

In collaborazione con. Servizi per l introduzione nel mercato del Regno Unito di PMI italiane In collaborazione con Servizi per l introduzione nel mercato del Regno Unito di PMI italiane www.openingabusinessinuk.com 2013 Perchè All Things London per l internazionalizzazione? Qual è il nostro valore

Dettagli

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 1 di 13 Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 2 di 13 QUESTIONARIO PER IL PERSONALE In seno all analisi SWOT, al fine di valutare

Dettagli

Le sfide della nuova direttiva per la centrale di committenza

Le sfide della nuova direttiva per la centrale di committenza Le sfide della nuova direttiva per la centrale di VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA E DELL EFFICACIA DELLA DIRETTIVA 2004/18 1 Frammentazione ed eterogeneità delle stazioni appaltanti (250.000); 2 Le piccole

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo BSI aiuta le organizzazioni a raggiungere l eccellenza. BSI aiuta a migliorare le organizzazioni per farle crescere e funzionare al meglio.

Dettagli

Dipendenti engaged sono motivati a utilizzare il 100% delle loro conoscenze e capacità per contribuire al successo dell organizzazione.

Dipendenti engaged sono motivati a utilizzare il 100% delle loro conoscenze e capacità per contribuire al successo dell organizzazione. ENGAGEMENT: COS É? 1 L engagement rappresenta il livello di impegno delle persone nei confronti dell organizzazione, che si manifesta attraverso i loro pensieri, emozioni e comportamenti. ENGAGEMENT: COS

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE SOTTOCRITERIO 3.1 Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente in linea con le politiche e le strategie a) analizzare regolarmente

Dettagli

Engagement Survey, condotta su un campione di oltre 1.000 pazienti italiani.

Engagement Survey, condotta su un campione di oltre 1.000 pazienti italiani. Insight Driven Health I pazienti affetti da malattie croniche sembrano convinti che la possibilità di poter alle proprie cartelle cliniche digitali valga più delle loro preoccupazioni sui rischi per la

Dettagli

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO GLI OBIETTIVI LE INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SONO INTRINSECHE ALLA MISSION DI GI GROUP E AL LAVORO SVOLTO QUOTIDIANAMENTE DALLE PERSONE CHE OPERANO ALL INTERNO DEL GRUPPO. 90 Le iniziative di

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1

DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1 DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1 Introduzione APE è un Marchio che contraddistingue una catena di agenzie in affiliazione, che si occupano di servizi per la ristrutturazione e la manutenzione di

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale. Roberto Ferrari 8 luglio 2009

Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale. Roberto Ferrari 8 luglio 2009 Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale Roberto Ferrari 8 luglio 2009 2 Indice Il processo di gestione e sviluppo delle Risorse Umane I soggetti coinvolti Gestione integrata delle Risorse Umane:

Dettagli

Proposta di collaborazione

Proposta di collaborazione Proposta di collaborazione Ordine degli Avvocati di Trento Sede Legale: Largo Pigarelli N 2 38100 TRENTO Rappresentata da: Avv. Roberto Bertuol ADECCO ITALIA S.p.A. Aut. Min. Prot. n 1100-SG del 26.11.2004

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Questa scheda informativa offre indicazioni generali per le persone che gestiscono un azienda o un iniziativa imprenditoriale

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Dino Petrone Elica Group i dati del Gruppo Elica Dati Gruppo Elica > Fatturato Gruppo Elica 2004 Aggregato 413 milioni di Euro 2300 dipendenti i dati

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

A cura di M. Lia Negri -Rev. 2014

A cura di M. Lia Negri -Rev. 2014 STRATEGIE E STRUMENTI PER LA RICERCA DI LAVORO 1 A cura di M. Lia Negri -Rev. 2014 CERCARE LAVORO: UN GROSSO PROBLEMA che si ridimensiona un po se lo scomponiamo in tanti piccoli e li affrontiamo uno alla

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda.

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda. RISULTATI SURVEY INTERNATIONAL MANAGEMENT Luglio 2013 Premessa: l Area Executive Education della Fondazione CUOA ha lanciato un indagine per analizzare i fabbisogni formativi di imprenditori, manager e

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

EBLA VAI Valorizzare l Apprendimento Non Formale ed Informale nelle PMI. VAI Valorizzare l apprendimento non formale ed informale nelle PMI

EBLA VAI Valorizzare l Apprendimento Non Formale ed Informale nelle PMI. VAI Valorizzare l apprendimento non formale ed informale nelle PMI VAI Valorizzare l apprendimento non formale ed informale nelle PMI Il Promotore: EBLA EBLA è l Ente Bilaterale Lavoro e Ambiente costituto per iniziativa della FEDERLAZIO - ASSOCIAZIONE delle Piccole

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Profilo aziendale PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Consulenza SAP Sviluppo SAP Soluzioni Add-On SAP add IL NOSTRO PORTFOGLIO Servizi di consulenza SAP La gamma di servizi di consulenza offerta da ParCon

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli