Petrolio, il cliente top ora è la Cina Rally del grano, crolla lo zucchero Grecia in alto mare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Petrolio, il cliente top ora è la Cina Rally del grano, crolla lo zucchero Grecia in alto mare"

Transcript

1 ANNO VII-19 maggio 2015 Petrolio, il cliente top ora è la Cina Rally del grano, crolla lo zucchero Grecia in alto mare Oro, per il guru Stockport è ora di accumularlo: arriva una superbolla valutaria Francia: economia fiacca a causa della leadership militare globale indebolita Commodity World Weekly, anno VI 19/05/2015 realizzato in collaborazione con Associazione no profit Arena Media Star Supplemento mensile: Arena Media Star Magazine Registrazione al Tribunale di Pavia n. 673 del 17/5/2007

2 2 19/5-26/5 EVENTI CHIAVE DELLA PROSSIMA SETTIMANA a cura di Fiorella Bergami Martedì 3.30 Australia, la Reserve Bank of Australia pubblica un resoconto dettagliato dell ultima riunione del Consiglio della politica monetaria due settimane dopo il suo svolgimento, fornendo spunti di approfondimento sulle condizioni economiche che hanno influenzato le decisioni sulla base delle quali la banca centrale ha fissato i tassi d interesse Inghilterra, pubblicazione indice prezzi al consumo annuali, vedremo se saranno di aiuto per un maggior movimento rialzista del GBP. Mercoledì Inghilterra, pubblicazione verbali degli incontri del Comitato per la politica monetaria (MPC) della Bank of England (BOE), che offrono un resoconto dettagliato degli incontri di due settimane prima in materia di tassi di interesse da parte del Comitato. Fornisce un quadro delle condizioni economiche in Gran Bretagna. Registra inoltre i voti dei singoli membri del Comitato. Se la BOE è rigida sulle prospettive inflazionistiche, tale atteggiamento deve essere interpretato in senso positivo/rialzista per la sterlina britannica (GBP) USA, pubblicazione verbali incontro Comitato Fed Giovedì 3.45 Cina, pubblicazione PMI, un indice composito studiato per fornire una visione globale delle attività nel settore manifatturiero e agisce come un indicatore importante per l intera economia. Quando l indice PMI è inferiore a 50,0 indica che l economia manifatturiera è in declino e un valore superiore a 50,0 indica un espansione dell economia manifatturiera e un segno rialzista per il CNY Germania, pubblicazione sentiment dei direttori degli acquisti, si prevede un dato superiore alle aspettative. Venerdì 8.00 Germania, pubblicazione PIL trimestrale, dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/ rialzisti per l euro (EUR), mentre valori inferiori alle attese sono da interpretarsi in senso negativo/ribassista per l EUR Canada, pubblicazione vendite al dettaglio, che rappresentano una misurazione mensile di tutti i beni venduti dai venditori al dettaglio in Canada, su una base a campione di punti vendita di tipologie e dimensioni diverse, automobili escluse. Si tratta di un indicatore importante della spesa dei consumatori ed è altresì correlato alla fiducia dei consumatori e considerato un indicatore di crescita dell economia Canadese. Dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/rialzisti per il dollaro canadese (CAD), mentre valori inferiori alle attese sono da interpretarsi in senso negativo/ ribassista per il CAD. TUTTI AL COMMODITY FORUM A LUGANO, 8-9 GIUGNO 2015 E confermato per le date di lunedì 8 e di martedì 9 giugno il quarto Lugano commodity & shipping forum, la cui edizione 2015 sarà focalizzata sul mondo dei trasporti di merci. Anche noi saremo presenti con i nostri inviati. Il Ticino non è solo la storica terra delle banche, ma è diventato una piazza molto importante per le aziende attive nel settore del Commodity Trading (commercio e negoziazione di materie prime), acciaio e oro soprattutto, nei metalli di base, nel carbone ed in parte anche nelle soft commodities. Primi relatori annunciati: Fabio Toriello, Michael Buisset, Stefano Messina, Lorenzo Banchero, Christopher Wyke, Pascal Timmerman, Alberto Scala, Sarah Taylor, Simon Tywuschik. Ideazione ed organizzazione sotto l egida di The lantern research Sa in Lugano. Sede: Palacongressi di Lugano, Svizzera.

3 EDITORIALE Oro, per qualcuno bisogna cominciare ad accumularlo Katia Ferri Melzi d Eril direttore responsabile Nei giorni scorsi David Stockman, l uomo a cui si rivolse nel 1981 il presidente Usa Ronald Reagan per scongiurare il disastro delle finanze pubbliche, ha avvertito che stiamo entrando nella fase terminale del sistema finanziario globale. Un avvertimento che ha fatto drizzare le orecchie a molti grandi investitori privati che si sono subito attivati. Secondo il consulente di Blackstone siamo giunti ormai all ultimo stadio della malattia e la struttura monetaria globale, fragile com è, finirà per collassare. L imprenditore ed ex politico Repubblicano, che ha contribuito alla riduzione del welfare state durante gli anni di Reagan, denuncia come le banche centrali abbiano distrutto il sistema costituito dopo che Nixon è andato alla residenza presidenziale di Camp David nell agosto del Gli addetti ai lavori avranno subito capito a cosa si riferisce Stockman: si tratta di unevento che ha sancito la fine degli accordi di Bretton Woods. E una parte di questi addetti ai lavori avrà capito cosa intende dire Stockman quando spiega che il risultato delle politiche di stimolo straordinarie, ha portato un inflazione finanziaria e non dei beni e servizi reali. L inflazione dei prezzi finanziari altro non è che una bolla gigantesca che affligge l intero sistema finanziario del mondo. Che cosa succederà dunque nei prossimi anni? Egli ritiene che il sistema finanziario sta diventando sempre più instabile e prima o poi farà crac. Quando succederà assisteremo al fallimento totale del sistema monetario che di fatto è in metastasi dal 1971, sostiene Stockman, che è stato direttore del Bilancio presidenziale sotto Reagan. Dunque non ci resterà che rifugiarci nell oro. In passato durante le crisi maggiori di mercato del e del l oro è cresciuto enormemente di prezzo. In una fase ribassista dell azionario è normale che accada, ma 15 anni fa a un certo punto il valore del metallo prezioso - considerato bene rifugio per eccellenza - è balzato di anche il 700%. Allora secondo Stockman bisogna prepararsi al peggio. In passato abbiamo assistito a una rottura temporane del sistema, una caduta a picco della fiducia e una caccia all oro. Ora la situazione è ben più grave, tuttavia. Siamo in una fase terminale di un sistema monetario che non né sostenibile, né stabile. Pertanto l oro ha una caratteristica ben precisa: ha un potenziale enorme al rialzo negli anni che vengono. Dunque bisognerebbe mettersi al riparo accumulando più che si può, ma non pezzi di carta. Oro fisico, magari in lingotti. Sarà interessante, fra cinque anni, ritornare su questo argomento e paragonare le quotazioni future del metallo giallo con quelle di oggi. Vi piace la scommessa? A noi che crediamo in un forte potenziale delle materie prime, questa previsione piace molto. La proposta piace molto ai grandi investitori indiani e anche ai grandi investitori statunitensi. Vedremo un giorno chi avrà ragione. COMMODITY WORLD WEEKLY MAGAZINE - ANNO VII - 19 maggio 2015 Settimanale web edito da Katia Ferri Melzi d Eril in collaborazione con l associazione culturale senza scopo di lucro Arena Media Star. www. arenamediastar.com Redazione: Via S. Giovannino Pavia tel Direttore responsabile: Katia Ferri Melzi d Eril. Contributors: Fiorella Bergami, Niccolò Carcano, Fabio Di Mari, Giulia Lopez, Giulia Narisano, Michel Nchare, Flavia Placidi, Kristi Prendi, Margherita Vigo. Supplemento mensile: Arena Media Star Magazine. Tutti i diritti riservati. Tutti i contenuti, gli articoli, i grafici e le previsioni di Commodity World Weekly non costituiscono invito al trading. Nessun compenso è stato pagato per l inserimento di campagne pubblicitarie di onlus e mostre d arte. 3

4 di Niccolò Carcano Grecia, alta pressione fino a giugno L a Grecia è riuscita a superare un altra prova con la BCE che sembrerebbe che per questa settimana non muterà gli haircut sui titoli ellenici ai fini dei finanziamenti straordinari ELA (quelli veicolati dalla BCE alla Banca Centrale di Grecia e a sua volta alle banche commerciali). L invio dell ordine di pagamento a favore del FMI per la restituzione del prestito in scadenza lunedì ha fatto guadagnare ancora un po di tempo, che gli esperti vedono estendersi anche sino a giugno quando però i rimborsi saranno di entità tale che i finanziamenti UE sono considerati indispensabili. L Eurogruppo di lunedì pomeriggio era cominciato con dichiarazioni opposte: da un lato il Ministro Padoan e l omologo irlandese che esprimevano parole di fiducia e sull altro fronte il Ministro Schaeuble che alimentava ipotesi di referendum greco sull appartenenza all euro. Alla conclusione del meeting il Presidente dell Eurogruppo Dijsselbloem non sono soddisfatto, ma sono un po più ottimista. La pressione sulla Grecia rimane elevata e la possibilità di non pagamento di interessi e capitale a FMI e Fondo Salva Stati senza far scattare automaticamente un default non sembra dispiacere completamente anche perché unita al mantenimento della partecipazione all euro. Un ipotesi avanzata lunedì è quella di fornire, una volta ripagato il Fmi, nuovi finanziamenti alla Grecia in piccole tranche legandole al processo di approvazione e attuazione delle riforme (sempre che Tsipras voglia farle). Un modus operandi simile a quello negoziato a suo tempo con la Troika e il precedente Governo, ma inviso all attuale amministrazione. Nella giornata di lunedì la riunione della Banca d Inghilterra non ha portato a cambiamenti nella politica monetaria, ma le attese sono per l avvio del ciclo restrittivo nei prossimi mesi a seconda dei miglioramenti del ciclo economico non solo inglese. Inoltre le elezioni della scorsa settimana hanno eliminato il rischio politico dallo scenario inglese lasciano maggior possibilità di manovra alla BoE. La giornata di giovedì ha avuto un nuovo inizio debole agevolato anche dalla mancanza di dati macro e dall assenza di sostanziali novità sui negoziati FMI-UE con Grecia. Ancora parole di cauta positività sono state spese, ma le posizioni rimangono costruttivamente distanti. Quello che prima non si poteva dire adesso viene riportato quasi apertamente: il debito ellenico è insostenibile nel breve e nel lungo termine. L opzione di riscadenziare il debito in mano a FMI e UE rimane sul tavolo anche se l Istituto di Washington non chiude sull opzione di un haircut del debito in modo che la Grecia, dopo l attuazione di un programma di riforme, possa ritornare a raccogliere nuovi capitali 4 di Niccolò Carcano Eurogruppo diviso, Germania ferma sull austerità, Fmi aperto allaflessibilità sui mercati. L Europa su questi temi rimane divisa con la Germania che rimane ferma sull austerità mentre il FMI parla di flessibilità e di permanenza della Grecia nell euro. Da Washington Draghi a margine dell incontro con il Direttore del FMI Lagarde sottolinea che le misure prese dalla BCE sono ancora più potenti con riforme strutturali. Per fronteggiare un quadro di una complessità senza precedenti, la Bce ha adottato una serie di misure non convenzionali per impedire un periodo troppo lungo di bassa inflazione e per rispettare il proprio mandato. Queste misure sino ad ora si sono dimostrate molto potenti, più di quanto molti osservatori non avessero previsto. Ma la loro forza - ha detto Draghi - è dovuta anche al fatto che hanno interagito con altre politiche che hanno posto l economia e il settore finanziario in una posizione migliore per rispondere ai nostri impulsi di politica monetaria. Queste misure, ha detto il presidente della Bce, includono il Comprehensive Assessment delle banche dell eurozona e includono le riforme strutturali laddove queste sono state implementate. Per la stessa ragione - ha aggiunto Draghi - le riforme strutturali che aumentano la fiducia nelle prospettive economiche e incoraggiano gli imprenditori a trarre beneficio dalle attuali condizioni di finanziamento estremamente favorevoli renderanno parimenti le nostre misure di politica monetaria più potenti. I policy maker dell eurozona sono indipendenti - ha concluso Draghi - ma gli effetti delle loro politiche sono interdipendenti. Per questa ragione solo una combinazione di politiche, che siano complementari e non si escludano a vicenda, permetterà alle nostre misure di ottenere i massimi benefici e permettere un ritorno duraturo sia della prosperità che della stabilità per l intera area dell euro. Draghi ha anche sottolineato che sebbene abbiamo già visto un effetto sostanziale delle misure intraprese sui prezzi degli asset e sulla fiducia nell economia, ciò che veramente conta è che si possa vedere un effetto equivalente sugli investimenti, sui consumi e sull inflazione. La BCE intende continuare l implementazione del QE come previsto poiché il sistema economico è prostrato da 7 anni di crisi e ci vorrà tempo per le aziende e i privati ritornino ad assumere rischi economici. Nel pomeriggio di giovedì la pubblicazione dei dati macro americani ha cambiato il tono alle borse che hanno accelerato sulla scia di Wall Street che con richieste di sussidi alla disoccupazione ai minimi termini, ma non ancora evidenti spinte salariali al rialzo e prezzi alla produzione in compressione hanno fornito un argomento a supporto del prolungamento della pazienza della FED poiché con l economia in ripresa ci si attende un accelerazione dopo il deludente primo trimestre non si intravvedono spinte inflazionistiche imminenti. LA SETTIMANA IN BORSA Nell ultima ottava il fuoco amico della Yellen (ci riferiamo alla incredibile dichiarazione alcune imprese USA sono sopravvalutate ) aveva fatto temere il peggio, ma alla fine il tasso di disoccupazione a 5,4% (a nuovi minimi dal 2008, e ben lontano dal 10% del 2010) fa chiudere la settimana in sostanziale pareggio, con l indice principale che sembra maturo per un ennesimo allungo e quindi

5 di Fabio Di Mari OIL (BRENT E WTI) Prese di profitto a Shangali, deboli anche le borse di Corea e Giappone nuovi record storici. Vedremo se dopo 2 mesi di tentativi sarà la volta buona. Europa: non esaltanti i dati macro arrivati in settimana (PMI e vendite al dettaglio in leggera contrazione), ma per ora prevalgono i livelli di supporto ed il traino di Wall Street, che regalano ottimi recuperi nel finale. Si chiude con incrementi tra l 1% ed il 2%, con un quadro piuttosto omogeneo. Dax che reagisce dal livello di supporto di chiudendo con una candela settimanale che lascia presagire un ripristino della tendenza rialzista nelle prossime settimane. Regoliamo comunque il supporto principale di medio periodo a , mentre al rialzo il superamento di aumenterebbe le probabilità di vedere nuovi massimi.italia: chiude ben sopra a punti, fornendo un interessante spunto rialzista in reazione dal primo livello di supporto di area Quadro tecnico che non varia, con supporti principali a e prime resistenze visibili tra e In Asia si concretizza lo storno per l indice di Shangai, che perde il 5,3% in settimana, ha prevalso la voglia di prendere profitto nel breve. Deboli anche Corea e Giappone, leggermente positiva l India che prova a reagire da fondamentali livelli di supporto. Passando all indice indiano, la rottura dei supporti attiverebbe una pericolosa figura di testa e spalle ribassista con potenziale target fino a Per ora la figura non è ancora attiva, ma pericolo scampato solo con un ritorno sopra punti. L USD si è indebolito contro gran parte delle altre valute. La flessione delle vendite al dettaglio negli USA rimanda ulteriormente le prospettive di un rialzo del tasso della Fed e ha fatto scendere l indice DXY ai minimi del I dati deboli negli USA hanno vanificato le previsioni di una ripresa rapida dalla fase di debolezza economica generata dall inverno rigido nel primo trimestre. Le prospettive di una ripresa negli USA appaionomeno sicure, il che spinge gli economisti a iniziare a rivedere al ribasso le previsioni sulla crescita annua. I rendimenti dei decennali USA si sono aggirati intorno al 2,26%, riprendendosi dal calo precedente. L EUR/USD ha ottenuto uno stimolo dai rendimenti dei Bund tedeschi, che sono rimasti su livelli elevati. L EUR/USD è lievitato a 1,1381 (massimo da febbraio) rispetto all 1,1228 di mercoledì. L USD/JPY è rimasto nella fascia compresa fra 119,11 e 119,40. Chi opera sull USD/JPY si concentrerà su quota 118,40, livello che potrebbe innescare un estensione ribassista fino a 116,60. L USD è sceso marginalmente contro le divise dei mercati emergenti asiatici. L NZD ha fatto registrare i guadagni maggiori contro l USD. I dati economici sono stati favorevoli: nel primo trimestre, le vendite al dettaglio sono salite del 2,7% t/t e del 5,1% a/a a fronte dell 1,5% e del 4,9% previsti. Il PMI manifatturiero di aprile si è attestato a 51,8 punti, cifra inferiore all espansione rivista, pari a 54,6 punti, di marzo. Nonostante i dati positivi, il taglio del tasso OCR alla riunione di giugno della RBNZ rimane molto probabile. La coppia NZD/ USD ha compiuto un rally fino 0,7564, superando lungo il cammino la media mobile a 65 giorni. Il superamento del livello a 0,7570 spianerebbe la strada verso una ripresa più marcata fino a 0,7666. L AUD/USD ha violato il livello a 0,8076, ciò lascia presagire una ripresa più diffusa fino a 0,8247. Nell ultima settimana il primo contratto future in scadenza sul petrolio WTI si è mosso nell intervallo di prezzo 58,42 $ 61,85 $ per poi attestarsi nel finale a quota 59,69 $ al barile, in rialzo di 0,30 $. In un grafico su base giornaliera il petrolio WTI ha come prima resistenza una trendline discendente di breve periodo passante in prossimità dei 62,00 $ e come primo supporto la MAV a 50-giorni (53,11 $). La curva dei prezzi futures continua a muoversi in contango con il 6-mesi a 62,15 $, il 12-mesi a 63,48 $ e il 18-mesi a 64,47 $. Il petrolio in Europa ha chiuso gli scambi a 66,81 $ al barile, in rialzo di 1,42 $, per un differenziale di prezzo rispetto al WTI poco superiore ai sette dollari. Le scorte di Petrolio Dipartimento dell Energia USA e aggiornato alla data dell 8 maggio, ha evidenziato un generalizzato calo delle scorte: -2,191 milioni di barili di petrolio vs estimate +25 mila barili; -1,142 milioni di barili di benzina vs estimate +38 mila barili; -2,503 milioni di barili di distillati vs estimate +813 mila barili. La capacità d utilizzo degli impianti è caduta dell 1,80% w/w vs estimate +0,40% w/w, attestandosi a quota 91,20 punti (+2,70% y/y). Le scorte di petrolio a disposizione del popolo americano, escluso quelle strategiche, si sono attestate a 484,839 milioni di barili (+21,66% y/y), le riserve di benzina sono pari invece a 226,710 milioni di barili (+6,73% y/y) mentre i distillati ammontano complessivamente a 128,270 milioni di barili (+13,64% y/y). Le importazioni di petrolio sono state pari a 6,881 milioni di barili al giorno, in aumento di 340 mila barili rispetto alla settimana precedente, per un -3,45% y/y. La produzione di petrolio si è attestata invece a 9,374 milioni di barili al giorno, in aumento di 5 mila barili rispetto alla settimana precedente, per un +11,22% y/y. Il WTI e il Brent sono stati senza dubbio i due mercati che hanno catalizzato maggiore attenzione in questi giorni. Il Greggio è appena sopra il livello di 59$/barile in un range sottile, con picchi durante la seduta di mercoledì con le quotazioni schizzate sopra la soglia di 61 $/barile. Il Brent invece sta tenendo testa al livello psicologico di 65 $/barile. La quotazione della settimana più bassa della borsa di Londra, fatta registrare lunedì, è stata infatti di 65,35 $/barile. Il Petrolio ha avuto un rialzo per l ottava settimana consecutiva, mentre il Brent ha visto il suo primo declino dopo ben 4 settimane consecutive di guadagni. Il mercato ha risposto a tali rialzi dei prezzi con l aumento degli impianti di trivellazione di petrolio di scisto, per la prima volta quest anno dopo vari mesi di tagli. Il recupero delle quotazioni del petrolio sembra però essere troppo impetuoso di fronte alla debolezza dei fondamentali. Secondo un numero crescente di analisti questo trend positivo è dato da fattori diversi dalle leggi della domanda e dell offerta: fattori puramente finanziari, legati allo spostamento di enormi flussi di denaro da un asset all altro. All origine di tutto potrebbe quindi esserci la speculazione. Il periodo più vigoroso del rally del petrolio ha infatti coinciso con la chiusura accelerata di posizioni corte da parte dei fondi : queste a metà marzo erano a livelli record, equivalenti tra futures e opzioni a 209 milioni di barili di greggio al Nymex, ma già ad inizio Maggio erano crollate di oltre il 55% fino ridursi all equivalente di 93 mb. Nello stesso periodo il Greggio è salito da 42 $/barile, il minimo da sei anni, fino a oltre quota 62 $, mentre il brent ha guadagnato circa 15 punti. Dopo di che il rally ha perso fiato: questa settimana si è conclusa con il Wti a 59,69 $ e il Brent a 66,81 $. 5

6 6 La settimana delle commodity Grano top star (+7,24%) zucchero in caduta-3,95% Brilla la soia, ma ora in Asia si teme la siccità, arriva il ciclone El Nino Il Commodity Market si è mosso in territorio positivo per la sesta settimana consecuitiva, con il CRB Index che tocca quota 231,46 punti, in rialzo dell 1,0%, per un +0,7% da inizio anno. Il grano (+7,24%) e lo zucchero (-3,95%) sono stati la migliore e la peggiore commodity della settimana all interno del CRB Index. Questa settimana gli occhi degli operatori si appuntano sui consumi di petrolio. Nonostante il rallentamento economico del Dragone, la fame di petrolio della Cina non si placa, anzi procede a gonfie vele, tanto da strappare per la prima volta agli Stati Uniti il primato di maggiore importatore di greggio al mondo nello scorso mese di aprile. Un sorpasso storico che mostra i radicali cambiamenti sul fronte energetico dell ultimo decennio, inclusa la rivoluzione dello shale oil che ha reso gli Stati Uniti meno dipendenti dal petrolio straniero. L ascesa cinese a primo importatore di petrolio al mondo potrebbe influenzare i prezzi degli accordi petroliferi e avere effetto sulle relazioni di Pechino e Washington con i produttori del Medio Oriente. Questo anche alla luce del pressing dei produttori petroliferi americani, che chiedono al governo di allentare le restrizioni alle esportazioni di greggio in vigore dallo shock petrolifero degli anni L attenzione è forte anche sul corso dei preziosi. Per la seconda settimana consecutiva il mercato dell oro al Comex ha chiuso gli scambi in rialzo, questa volta del 3,06%, pari a trentacinque dollari, attestandosi nel finale a quota 1.225,30 $/oz, dopo aver violato verso l alto la MAV a 100-giorni e la MAV a 200-giorni. A fare meglio però nell ultima ottava è stato l argento, in rialzo del 6,71% con l ultimo scambio a 17,55 $/oz, beneficiando della debolezza del dollaro, considerando la sua percentuale di correlazione inversa del 24%. Dall inizio anno mentre l argento è salito del 12,7%, l oro si è apprezzato del 3,5%. Da quando però è partito il trend ribassista delle commodity, e cioè da fine 2010, l argento ha perso molto più dell oro (-43% vs -14%). Attualmente i due metalli sono tra di loro correlati positivamente nella misura dell 86%. Il Gold/Silver ratio è pari a 69,78, più vicino ai massimi che ai minimi degli ultimi dieci anni. GAS NATURALE Settimana in rally per il gas naturale, che continua a correre sulle attese di un aumento dei consumi, alimentato anche da un meccanismo di riconversione degli impianti ad elettricità da carbone al gas. A segnalarlo è stato un rapporto dell EIA, la divisione di ricerca del Dipartimento dell Energia americano, che ha indicato un potenziale aumento della domanda di questo settore del 13% quest anno. Il prezzo del gas è lievitato anche per le previsioni meteorologiche, che indicano temperature in ascesa e persistentemente sopra la media stagionale. Ciò, dovrebbe condurre ad un aumento dei consumi di gas per il condizionamento estivo. L ottava chiude con il contratto di giugno sul natural gas a 3,003 USD, in rialzo del 4,3% rispetto ai 2,88 dollari della settimana precedente, su un massimo di 3,02 USD ed un minimo di 2,785 dollari. Il trend dei prezzi del gas, confrontato con quello del greggio, ha fatto calare la ratio fra le quotazioni del petrolio e del gas attorno a 19,78, che resta sopra la media degli ultimi cinque mesi di 17,75. Dalle ultime statistiche del Department of Energy sugli storage di gas naturale emerge che, nella settimana all 8 maggio, hanno registrato un aumento di 111 BCF, sotto i 125 BCF attesi. Gli storage si collocano così a BCF (billion cubic feet), segnando un aumento di 752 BCF (o del 65,7%) rispetto alla medesima settimana dell anno precedente, ma risultando inferiori alla media degli ultimi cinque anni di 38 BCF (-2%). In particolare, nelle regioni dell Est gli stocks risultano inferiori alla media dei 5 anni di 150 BCF (-17,9%), dopo che questa settimana è stato registrato un aumento degli stocks di 59 BCF, mentre nelle regioni dell Ovest gli stocks sono in aumento di 68 BCF (+22,1%) rispetto alla media dei cinque anni dopo che in settimana si è registrata una variazione positiva di 8 BCF. Nelle regioni produttive gli stocks risultano superiori di 45 BCF (+5,7%) rispetto alla media dei cinque anni, dopo che nella settimana hanno evidenziato una variazione positiva di 44 BCF. Il prezzo spot del gas naturale (Henry Hub) è balzato ancora nella settimana al 13 maggio, mostrando un forte incremento di 11 cents (+4%) ed attestandosi a 2,86 dollari. MAIS Settimana positiva per il mais, che si è allineato alla performance positiva del frumento, a causa di condizioni meteorologiche avverse (troppe piogge nei Plains). A compensare questo fattore ci ha pensato il report dell USDA sullo stato di avanzamento delle semine, che ha rilevato grandi progressi, spingendo al ribasso il prezzo del mais. L ottava chiude con il contratto di luglio sul mais a 3,64 dollari per bushel, in rialzo dell 1,8% rispetto ai 3,58 USD della settimana prima, fra un massimo toccato a 3,63 dollari e su un minimo di 3,52 USD. L ultimo report settimanale dell US Department of Agricolture (USDA) sulle vendite per la settimana al 7 maggio evidenzia vendite per MT, minimo dell anno commerciale, in ribasso del 56 % rispetto alla settimana prima e del 53% rispetto alla media delle ultime quattro settimane. Le esportazioni hanno totalizzato MT, in calo del 2% rispetto alla scorsa settimana ma in aumento del 3% rispetto alla media delle quattro settimane. Le vendite cumulative risultano in calo del 4% rispetto al pari periodo dell ansno precedente, come indicato la scorsa settimana. SOY BEAN Settimana molto positiva per la soia, che ha sovraperformato nuovamente gli altri prodotti agricoli, mettendo a segno una brillante performance.

7 Oro, volano gli acquisti in India (+11%) Anche la soia teme l arrivo di El Nino, che porterà siccità in diverse regioni dell Asia, in Australia e in America Centrale, Questo ha fatto lievitare i prezzi della soia che scontano già un possibile calo dell output.l ottava si chiude così con il contratto di luglio sui soybeans a 9,51 USD, in ribasso del 3,3% rispetto ai 9,84 USD della settimana precedente, fra un massimo di 9,91 dollari ed un minimo di 9,63 USD.L ultimo report settimanale dell US Department of Agricolture (USDA) sulle vendite per la settimana al 7 maggio ha segnalato ordini per MT, in calo del 60% rispetto alla settimana prima e del 54% rispetto alla media delle ultime quattro settimane. Le esportazioni si sono attestate a MT, in rialzo del 34% rispetto ai quantitativi della settimana prima ma in calo del 15% rispetto alla media delle ultime quattro settimane.le vendite cumulative da inizio stagione sono in rialzo del 8% rispetto al pari periodo dell anno prima, come segnalato la settimana scorsa. WHEAT Settimana in rally per il grano, che continua a correre sulle prospettive di un deterioramento dei raccolti, legato alle condizioni meteo: in alcune zone come l Australia, l ingresso di El Nino porterà molta siccità; problemi di siccità colpiscono anche la Russia, mentre negli Stati Uniti le sospirate piogge si stanno rivelando troppo abbondanti.l ottava chiude con il contratto di luglio sul wheat a 5,08 dollari per bushel, in rialzo del 6,7% rispetto ai 4,76 dollari della settimana precedente, dopo essersi mosso fra un massimo di 5,08 USD ed un minimo di 4,72 dollari.l ultimo report settimanale dell US Department of Agricolture (USDA) sulle vendite per la settimana al 7 maggio ha segnalato vendite per MT per la stagione 2014/2015, in forte aumento rispetto alla settimana precedente e rispetto alla media delle ultime quattro settimane, e vendite per MT per la stagione Le esportazioni hanno totalizzato MT, risultando in rialzo del 4% rispetto a quelle della settimana precedente ma in calo del 35% rispetto alla media delle quattro settimane. Le vendite cumulative della stagione risultano ora in ribasso del 26% rispetto al pari periodo dell anno precedente, contro il 25% indicato la scorsa settimana. GOLD Settimana in rally per l oro, che ha chiuso tre sedute consecutive al rialzo, posizionandosi sui massimi degli ultimi tre mesi, in rispsota alla debolezza del dollaroil dollar index ha ceduto l 1,5% portandosi a 93,41 punti, esercitando così pressioni al rialzo sull oro in qualità di investimento alternativo.la discesa del biglietto verde è stata innescata da un pool di dati macroeconomici in chiaroscuro. Giovedì, le richieste di sussidio sono scese ancora ai minimi dal 2000, ma i prezzi alla produzione hanno segnalato una tendenza deflazionistica. Il quadro indica dunque una ripresa robusta del mercato del lavoro ed un calo della disoccupazione, ma segnala una lontananza dei target di inflazione. Venerdì, il dato della produzione e l Empire State sullo stato del settore manifatturiero nel Distretto di New York hanno indicato ancora una debolezza del comparto industriale, mentre la fiducia dei consumatori dell Università del Michigan è crollata ai minimi degli ultimi due anni.in questo quadro, il dollaro ha ceduto il passo all euro, che si è riportato ai massimi da tre mesi a 1,144 USD. Gli acquisti sull oro hanno risposto a questa eventuale rialzo dei tassi di interesse da parte della Fed.E da considerare che l oro sconta negativamente tassi più elevati che ne aumentano il costo di detenzione e ne rendono l investimento meno competitivo rispetto ad asset alternativi. Questa settimana, il World Gold Council ha pubblicato le statistiche sulla domanda del primo trimestre, che hanno evidenziato un calo di appena l 1%: la domanda ha risentito di fattori locali e la maggior domanda di India (+11%) e Stati Uniti è stata controbilanciata dal rallentamento in Cina (in fase di rallentamento), Turchia e Russia (impegnata a salvaguardare il cambio).l ottava dunque chiude con il contratto di giugno sull oro che si porta a 1222,7 dollari l oncia, in rialzo del 2,8% rispetto ai 1188,9 dollari della settimana precedente, dopo aver toccato un massimo di 1227,7 USD e rispetto ad un minimo di 1178 dollari l oncia. PALLADIO Settimana negativa per palladio, che ha fatto peggio dei metalli preziosi, allineandosi alla performance negativa dei metalli di uso industriale, giacché questo metallo prezioso viene prevalentemente impiegato nell industria dell auto. A pesare sul metallo bianco hanno concorso una serie di dati macroeconomici negativi giunti dagli Stati Uniti, che sembrano confermare una ripresa zoppicante o che sta perdendo slancio. Le richieste di sussidio alla disoccupazione confermano l ottimo stato del mercato del lavoro, ma il dato sui prezzi alla produzione ha dato segnali di deflazione, mentre la produzione è scesa inaspettatamente e la fiducia dei consumatori, elaborata dall Università del Michigan, si è deteriorata sui minimi degli ultimi due anni.brutti dati sono giunti anche dall economia cinese: Se il dato sulla produzione ha evidenziato un accelerazione, passando a +5,9% dal +5,6%, comunque inferiore alle attese (6%), quello sugli investimenti ha riportato una crescita del 12%, inferiore al 13,5% precedente ed atteso; il settore immobiliare continua ad annaspare, con un dato sull avvio di nuovi cantieri che segna una contrazione del 17% annuo, mentre i consumi non offrono segni di rivitalizzazione, poiché il tasso di crescita è sceso ancora al 10% dal 10,2% precedente, risultando inferiore al 10,6% atteso dagli economisti.questi fattori hanno pesato sul palladio, che ha sottoperformato rispetto agli altri preziosi. L ottava chiude con il contratto di giugno sul palladium a 789,90 dollari l oncia, con un ribasso dell 1,5% rispetto agli 802,35 dollari precedenti, fra un massimo di 802,35 dollari e rispetto ad un minimo di 771 dollari. 7

8 8 Cina Francia: la debolezza economica è dovuta all affievolirsi della sua storica leadership, soprattutto sul piano militare di Giulia Lopez Questa settimana ci occupiano della Francia, Paese che sta adottando nuove misure di austerity per mettere a posto i suoi conti,. Secondo l istituto nazionale di statistica, il deficit francese aggiornato al 2014 è stato pari al 4% del Pil, contro il 4,4% che invece ci si attendeva. Tale risultato avrebbe dovuto condurre, secondo l opinione del Ministro delle Finanze Michel Sapin, ad una revisione al ribasso del deficit per questo 2015, fino al raggiungimento del 3,8%. Due anni in anticipo, insomma, rispetto alla scadenza fissata dalla Commissione Europea per riportare il deficit al di sotto della soglia del 3%. Tra i dati più significativi dell Eliseo spicca oggi quello relativo al debito francese, che ha raggiunto il 95% del Pil, ovvero 2000 miliardi di euro; da quanto emerge dalla lettura dei provvedimenti contenuti nel progetto di legge di stabilità. Dunque il principale obiettivo del Paese è quello di continuare il percorso di risanamento dei conti pubblici, per il raggiungimento del quale la Francia porterà avanti il programma di taglio della spesa pubblica, ed il rilancio dell economia. Ed è proprio a questi due obiettivi che si ispira il progetto di legge finanziaria varato agli inizi di ottobre 2014 dal governo francese. Ma quali sono i principali obiettivi della legge di stabilità varata oltralpe? Secondo le previsioni, questo provvedimento apporterà 50 miliardi di euro di economie entro il 2017, di cui 21 miliardi previsti nel corrente 2015; di questi 21 miliardi di euro, 7,7 miliardi sono costituiti da risparmi sui costi dello Stato e dei suoi operatori. Tramite tale misura si prevede di ridurre i costi del bilancio al 56,1% in questo 2015, per poi continuare a scendere fino al 55,5% nel 2016, per concludere giungendo al 54,5% nel Il governo francese calcola di poter crescere dell 1% nel 2015, anche se l Haut conseil des finances publiques, che sarebbe il corrispettivo della nostra Corte dei Conti, ritiene la stima piuttosto lontana dalla realtà che si prospetta. Il ministro dell Economia francese, Michel Sapin, si è pubblicamente dichiarato contrario alle politiche di austerity, sostenendo invece che sia necessario effettuare una revisione del piano di rientro del deficit, per avere il tempo necessario per varare le riforme, e risollevare la Francia. Ciò che ne è risultato è stato un deficit al 4,4% del Pil nello scorso 2014, un 4,3% in questo 2015, e ci si attende di arrivare fino al 3,8% nel 2016 e addirittura al 2,8%, ovvero sotto il parametro fissato a Maastricht, soltanto nel Stando a questi dati, si raggiungerà il pareggio di bilancio soltanto nel 2019, e non nel 2017 come invece era stato previsto dall ultima manovra finanziaria. Mentre per quanto riguarda il deficit, questo si restringerà fino al 4,3%, per poi continuare la sua discesa fino a raggiungere il 3,8% nel 2016, e concludere il suo trend al di sotto del 3% fissato dai parametri europei, ma questo solo nel Si potrebbe dire che i francesi stiano entrando in quel tunnel che noi italiani conosciamo molto bene: l accumulazione di deficit e, di conseguenza, debito, il quale conduce ad interessi da pagare, quindi a nuovo deficit. Il rosso del Paese ha superato i 2 mila miliardi di euro, fino a raggiungere il 97% del Pil, e la previsione per il 2016 non è certo migliore, dal momento che secondo le stime dovrebbe arrivare a toccare quota 98%. Alcuniarlumi di speranza giungono però dalle stime riguardanti il 2016, fanno sperare in un iniziale calo del debito. In aggiunta alle misure sopra elencate, il Consiglio dei Ministri francese intende intervenire anche a sostegno del potere d acquisto delle famiglie caratterizzate da un reddito medio-basso. Ma ora intende anche dare il suo appoggio alle attività economiche, in particolare quelle presenti nel settore della costruzione e dei lavori pubblici. Per sostenere i contribuenti titolari di redditi medio-bassi riducendo l imposizione che grava su di essi, il Governo francese ha proposto la soppressione del primo scaglione di reddito, il quale prevede l applicazione dell aliquota di imposta del 5,5% della frazione di reddito compresa tra euro e euro, ed ha inoltre proposto di portare a 9690 euro la soglia di ingresso nella nuova prima tranche di reddito, imponibile nella misura del 14%. Ma qual costo complessivo comporta questa misura? Intorno ai 3,2 miliardi di euro. Ua bella cifra, da considerare alla luce di altri eventi: questi ultimi mesi sono stati tutt altro che facili per la povera Francia tra l economia in affanno, una forza militare ormai in declino, per non parlare del terrorismo islamico che ha sconvolto la capitale appena pochi mesi fa. Insomma, ciò che emerge da questa serie di colpi, che stanno piano piano piegando il Paese, è certamente una vera e propria crisi dell identità sociale francese. Da qualche mese a questa parte, il popolo francese si sente quasi assediato da Bruxelles, ritenendo inammissibile vedere i propri bilanci pubblici scrutati con tanta attenzione, alla ricerca di riforme strutturali per migliorare la produttività. Ma quali sono le vere cause della debolezza della Francia? La prima a venire in mente è sicuramente quella costituita dalle politiche europee: la costruzione dell Unione ha assorbito ogni altro disegno internazionale, facendo perdere al Paese quella leadership che l ha da sempre caratterizzata, una leadership affievolitasi anche e soprattutto sul piano militare. Dopo essersi astenuta dalle varie coalizioni proposte dagli USA per intervenire in Afganistan e poi in Irak, la Francia è riuscita a spiccare tra le altre grandi potenze solamente nel momento in cui i suoi interessi verso il Mediterraneo hanno coinciso con quelli americani ed inglesi, come è accaduto per esempio in occasione dell intervento atto ad abbattere il regime di Gheddafi. Poco alla volta, tutte le debolezze economiche della Francia sono venute a

9 galla, a partire dal passivo strutturale della bilancia commerciale, al deficit del bilancio pubblico, fino ad arrivare alla tassazione, divenuta ormai esorbitante. La debolezza delle banche francesi ha reso necessario dopo la crisi, un enorme impegno finanziario pubblico, ma l agguerrita Francia scende in campo per cercare di risollevarsi e riuscire ad uscire dalla crisi economica: il presidente Francois Hollande, che ha sottolineato l impegno del governo per ottenere una crescita economica superiore all 1% nel Proprio il Presidente ha dichiarato che farà di tutto perché si raggiunga questo obiettivo circa la riduzione del tasso di disoccupazione, grazie al quale un numero maggiore di persone riuscirà ad entrare a far parte del mondo del lavoro ed assicurare al Paese una crescita notevolmente più forte. Il Paese non può continuare a vedere una crescita debole. Se lasciamo che continui il trend, questo ci porterà alla stagnazione - dichiara Hollande - Dobbiamo modificare le nostre politiche fiscali per avviare la crescita perché se tutti fanno austerità, che non è il caso della Francia, la crescita rallenterà ulteriormente. Ma come fare per raggiungere questo ambizioso, e tutt altro che semplice, obiettivo? La risposta è la seguente: ridurre le tasse per le imprese e snellire la burocrazia. Il Presidente si dice ottimista a riguardo, ed anzi, precisa che, se l espansione economica francese sarà maggiore di quella che ci si aspetta, il Governo utilizzerà i ricavi in eccesso per ridurre il deficit di bilancio, e questo porterà inevitabilmente ad un ulteriore riduzione delle tasse. Un ulteriore, grande problema per la Francia, è la sempre elevata spesa pubblica, che non pare voler scendere nonostante i 50 miliardi di risparmio promessi dal governo entro il Infine, la pressione fiscale; quella francese è tra le più alte d Europa, seconda solo alla Danimarca e al Belgio; quello che la Francia sta rischiando è una multa di 4 miliardi di euro, e l unico modo per evitare tutto ciò è dimostrare la credibilità del suo progetto, che però non convince gli economisti. Non stiamo prendendo le giuste misure. Abbiamo bisogno di una terapia d urto- afferma l economista Marc Touati - che non è stata applicata né da Sarkozy, né da Hollande. Continueremo ad aumentare il deficit e continueremo ad aumentare il debito. Bisogna però ricordare che il governo francese è da tempo impegnato con la Germania di Angela, riguardo la questione dell austerità; inutile dire che il principale alleato della Francia, al momento, è l Italia di Renzi. Una cosa sola è certa in questo contesto di grande incertezza: il braccio di ferro con la Germania verrà portato avanti ancora per parecchio. Chi vincerà? Al tempo l ardua sentenza. AUTO, MERCATO UE + EFTA IN FORTE CRESCITA Un altro mese in forte crescita per il mercato europeo dell auto: in aprile, secondo i dati dell Acea, le immatricolazioni in Unione europea ed Efta hanno registrato un aumento del 6,9% rispetto allo stesso mese del Si tratta del 20 mese consecutivo di rialzo e del miglior risultato dal 2009, in termini di volumi, con 1,209 milioni di veicoli immatricolati. Nei primi quattro mesi di quest anno le consegne sono state 4,8 milioni, l 8,1% in più rispetto all analogo periodo del Particolarmente positivi i risultati di Fiat Chrysler Automobiles, che ha registrato una crescita del 13,4%, e ha visto salire la propria quota di mercato al 6,5%, contro il 6,2% di aprile RISPARMIO GESTITO, PRIMO TRIMESTRE TOP Il primo trimestre dell anno fa registrare una raccolta in salita. +55,4 mld di euro di raccolta.dai fondi aperti arrivano +38,6 mld.il patrimonio sale a quota mld. RACCOLTA TOTALE Fondi Aperti Fondi di diritto estero Fondi di diritto italiano Fondi Flessibili Fondi Obbligazionari Fondi Bilanciati Fondi Azionari Patrimonio Complessivo +55,4 mld euro +38,6 mld euro +28,4 mld euro +10,1 mld euro +15,4 mld euro +12,2 mld euro +6,5 mld euro +5,2 mld euro 1.730,5 mld euro Alla fine del primo ciclo dell anno 2015 l industria del risparmio gestito registra una raccolta positiva e un grande entusiasimo tra gli operatori. Trainano la raccolta i fondi aperti con sottoscrizioni per 38,6 miliardi. Gli asset investiti in gestioni collettive superano gli 813 miliardi di euro (47% degli AUM). Guidano la raccolta i prodotti Flessibili (+15,4mld), gli Obbligazionari (+12,2mld), i Bilanciati (+6,5mld) e gli Azionari (+5,2mld). Positivi anche i mandati che registrano flussi in entrata per 16,6 miliardi di euro. Il patrimonio delle gestioni di portafoglio supera i 917 miliardi, pari al 53% delle masse complessive gestite dall industria. Tra le GP si distinguono i mandati assicurativi con asset pari a circa 627 miliardi, le GPM e GPF retail con 129 miliardi. I mandati di natura previdenziale contano asset per circa 81 miliardi di euro. Alla fine del periodo in esame le masse gestite dal sistema ammontano a miliardi di euro. Kristi Prendi ITALIA, SALDO COMMERCIALE IN ATTIVO PER 7,1 MILIARDI Aumenta in marzo il saldo commerciale italiano. Secondo l Istat, è stato pari a 4 miliardi di euro, contro i 3,8 miliardi di marzo. Al netto dell energia, la bilancia risulta in attivo per 7,1 miliardi. Rispetto al mese precedente, sono in crescita sia le importazioni (più 4%) sia le esportazioni (più 1,8%). Le vendite sono aumentate sia verso i mercati extra Ue (più 2,2%) sia verso quelli Ue (più 1,5%). La crescita maggiore riguarda i prodotti energetici (più 8,4%), i beni di consumo non durevoli (più 3,2%) e i prodotti intermedi (più 1,9%).Sul fronte delle importazioni pesa invece, soprattutto, l area extra Ue (più 4,9%), con prevalenza dei prodotti energetici (più 7,7%) mentre per i beni di consumo si è registrato un più 5%. Nel primo trimestre dell anno il saldo raggiunge i 7,8 miliardi (16,4 miliardi al netto dei prodotti energetici). L export è cresciuto dell 1,2% rispetto all ultimo trimestre 2014, con un aumento del 2,9% nell area extra Ue. Al netto dei prodotti energetici la crescita è più sostenuta (più 1,9%). I beni strumentali segnano un espansione del 4%. 9

10 con il Patrocinio MAGGIO 2015 LOMBARDIA 09 CERTOSA DI PAVIA 10 PAVIA 17 VIGEVANO 29 EXPO RHO 30 MILANO 31 MELZO/VAPRIOD ADDA GIUGNO 2015 TOSCANA 06 FIRENZE 14 PISA EMILIA ROMAGNA 21 IMOLA/BOLOGNA l Associazione Culturale senza scopo di lucro ARENA MEDIA STAR organizza: LAZIO 27 ROMA ASSEGGIA con Con il Patrocinio di: MAGGIO/GIUGNO2015 EONARDO In collaborazione con: COMUNE DI VAPRIO D ADDA

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DAILY REPORT 20 Agosto 2014

DAILY REPORT 20 Agosto 2014 DAILY REPORT 20 Agosto 2014 I DATI DELLA GIORNATA PROVE DI TENUTA? Ieri abbiamo esaminato l indice Dax. Per certi versi le dinamiche degli ultimi 2 anni sembrano le stesse, anche se il terreno un tantino

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE A Ugo che ci ha insegnato con competenza e passione ad apprezzare ogni riga del Rapporto RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE Il presente rapporto è stato redatto

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

! " " # # # " " " $ % # & #

!   # # #    $ % # & # ! " " " " " $ % & '( Cocoa Futures COCOA Future Cacao Valore 10 $ Coffee Futures 10 ton metriche (22.046 libbre) 1$ per ton metrica Dollari per ton metriche Marzo, Maggio, Luglio, Settembre, Dicembre Il

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli