Energia Elettrica Gas Naturale. Bilancio di Esercizio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Energia Elettrica Gas Naturale. Bilancio di Esercizio 2013"

Transcript

1 Energia Elettrica Gas Naturale

2 Indice Relazione sulla Gestione 5 Organi Sociali 6 Assetto dei Poteri 7 Lettera agli Azionisti 9 Quadro economico di riferimento 11 Andamento del mercato energetico italiano 12 Andamento del mercato dei Combustibili 12 Andamento del settore Energia Elettrica 12 Andamento del settore Gas Naturale 15 Quadro normativo e regolamentare di riferimento 17 Retail Energia Elettrica 17 Retail Gas Naturale 19 Wholesale 19 Evoluzione quadro normativo e regolatorio Presentazione della Società 21 Sviluppo dell attività 22 Retail 22 Trading 22 Fatti di rilievo dell esercizio 23 Fatti di rilievo avvenuti dopo il 31/12/ Attività di ricerca e sviluppo 24 Risorse Umane e Organizzazione 25 Responsabilità sociale e relazioni con gli stakeholder 28 Principali Rischi 30 Strumenti derivati 33 Prevedibile evoluzione della gestione 33 Analisi dei principali dati economici, patrimoniali e finanziari 34 Operazioni realizzate con parti correlate 38 Informazioni attinenti all ambiente ed al personale 40 Sedi secondarie 41 Destinazione dell utile dell esercizio 41 2

3 Prospetti di Bilancio 43 Stato Patrimoniale 44 Conto Economico 48 Nota Integrativa 51 Analisi voci di Bilancio 57 Stato Patrimoniale 57 Conti d ordine 67 Conto Economico 68 Altre informazioni 74 Allegati 87 Relazione della Società di Revisione 88 3

4 4

5 Relazione sulla Gestione Relazione sulla Gestione 5

6 Relazione sulla Gestione Organi Sociali Consiglio di Amministrazione (in carica per tre esercizi fino alla data dell Assemblea degli azionisti convocata per l approvazione del Bilancio al 31/12/2015) Alfonso GALLO Luca PIEMONTI Immacolata GALLO Presidente Amministratore Delegato Consigliere Collegio Sindacale (in carica per tre esercizi fino alla data dell Assemblea degli azionisti convocata per l approvazione del Bilancio al 31/12/2015) Vincenzo CACACE Cecilia ARCOPINTO Filomena GRIECO Bruno CIMMINO Letizia LA FELBA Presidente Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo Sindaco Supplente Sindaco Supplente Società di Revisione (in carica per tre esercizi fino alla data dell Assemblea degli azionisti convocata per l approvazione del Bilancio al 31/12/2015) Concrete Italia S.r.l. Soci General Holding Company S.p.A. 70% General Energy S.r.l. 30% 6

7 Relazione sulla Gestione Assetto dei Poteri La struttura organizzativa di BeeTwin S.p.A. è articolata secondo il tradizionale modello di governance che vede la gestione aziendale affidata in via esclusiva al Consiglio di Amministrazione. Le funzioni di vigilanza sono attribuite al Collegio Sindacale e quella di revisione legale dei conti alla Società di Revisione nominata dall Assemblea degli azionisti. Il Presidente e l Amministratore Delegato hanno la rappresentanza legale della Società. Assemblea degli azionisti L Assemblea degli azionisti è investita dei poteri ad essa espressamente riservati dalla legge. L Assemblea rappresenta l universalità degli azionisti e le sue deliberazioni, prese in conformità alla legge ed al presente statuto, obbligano tutti gli azionisti, compresi gli assenti ed i dissenzienti. Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione è investito in via esclusiva della gestione dell impresa, con facoltà di compiere tutti gli atti ritenuti opportuni per l attuazione ed il raggiungimento degli scopi sociali, escluso soltanto quanto rimesso dalla legge, o dallo Statuto, alle competenze dell Assemblea degli azionisti. Presidente del Consiglio di Amministrazione In data 27/12/2013 l Assemblea degli azionisti ha nominato Alfonso GALLO Presidente del Consiglio di Amministrazione. Il Presidente ha la rappresentanza legale della Società nei confronti dei terzi ed in giudizio; presiede l Assemblea, convoca e presiede il Consiglio di Amministrazione. Sono state attribuite al Presidente del Consiglio di Amministrazione deleghe in relazione alle seguenti funzioni: (I) RAPPORTI ISTITUZIONALI; (II) AMMINISTRAZIONE; (III) FINANZA; (IV) INTERNAL AUDITING. Amministratore Delegato Il Consiglio di Amministrazione nella seduta del 27/12/2013 ha nominato Luca PIEMONTI Amministratore Delegato della Società, al quale ha conferito i poteri di gestione della Società, determinando le materie oggetto di delega e i limiti di spesa, con l esclusione di quelle che a norma di legge o di statuto spettano al Consiglio di Amministrazione o al Presidente del Consiglio di Amministrazione. L Amministratore Delegato ha la rappresentanza legale della Società nei confronti dei terzi e in giudizio nonché deleghe in relazione a: 7

8 Relazione sulla Gestione (I) ATTIVITÀ COMMERCIALI E POLITICHE DI PREZZO; (II) ATTIVITÀ DI TRADING E COPERTURA PORTAFOGLIO; (II) OPERATIONS; (IV) ORGANIZZAZIONE E POLITICHE DEL PERSONALE; (V) ATTIVITÀ DI MARKETING; (VI) ACQUISTI E CONSULENZE. Collegio Sindacale L Assemblea ordinaria elegge il Collegio Sindacale composto da tre Sindaci effettivi e due Sindaci supplenti. L Assemblea degli azionisti ha nominato Vincenzo CACACE Presidente, Cecilia ARCOPINTO, Filomena GRECO Sindaci Effettivi, mentre sindaci supplenti sono stati nominati Bruno CIMMINO e Letizia LA FELBA. Società di Revisione L Assemblea dei azionisti ha conferito il mandato per la revisione legale dei conti alla società CONCRETE ITALIA S.r.l., con Sede legale in ROMA, Via Berna n. 9. 8

9 Relazione sulla Gestione Lettera agli Azionisti Signore e Signori Azionisti, il 2013 è stato un anno particolarmente importante per BeeTwin S.p.A. che ha completato i suoi primi 12 mesi di attività in un contesto di mercato, sia nazionale che internazionale, caratterizzato da una persistente fase di incertezza economica e finanziaria. In particolare, i mercati dell energia sono stati caratterizzati ancora una volta da una contrazione dei consumi: la domanda di energia elettrica in Italia nel 2013 si è ridotta del 3,4% rispetto al 2012 mentre la domanda di gas naturale nel 2013 ha fatto registrare un calo del 6,4% rispetto all anno precedente. In questo contesto di riferimento, BeeTwin S.p.A. ha, comunque, raggiunto dei risultati importanti che superano le aspettative che noi tutti avevamo al momento dell avvio delle attività, rappresentando, dunque, un primo significativo e positivo traguardo nella giovane vita della Società. Prima ancora di commentare insieme i risultati economici, è importante constatare come la prima grande sfida che ci eravamo posti insieme abbia prodotto risultati concreti e fruttuosi. Partendo da un progetto imprenditoriale solido e basato su forti motivazioni, da un gruppo di professionisti di talento e dalle ipotesi di sinergie con un gruppo industriale rigoroso ed estremamente equilibrato, abbiamo gettato le basi di una realtà che oggi può crescere partendo dalla consapevolezza che il principale motore del suo sviluppo può essere l eccellenza professionale che si sta consolidando nella squadra di BeeTwin S.p.A.. Forti di questa consapevolezza e del fondamentale asset che sono le nostre persone, pur in un contesto macro economico ancora negativo e addirittura peggiore delle ipotesi di ripresa ipotizzate oltre un anno fa, abbiamo saputo cogliere le opportunità che il mercato ci ha offerto consentendoci di concludere già il primo anno di esercizio con un contributo positivo pari ad A supporto della gestione rigorosa dell attività di BeeTwin S.p.A. e della cultura del rigore e della professionalità che vuole essere la guida di ogni nostra decisione e azione, abbiamo scelto di procedere sin dal 1 Bilancio di Esercizio al 31/12/2013 alla certificazione del Bilancio attraverso la nomina di una società di revisione legale dei conti. Il Bilancio di Esercizio è stato redatto con chiarezza secondo i principi contabili e rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale-finanziaria e il risultato economico d esercizio di BeeTwin S.p.A.. Con maggiore dettaglio i risultati 2013 sono positivi per tutti quelli che sono i principali indicatori. I Ricavi totali ammontano ad , in particolar modo grazie al contributo delle attività di Trading. Il Margine Operativo Lordo raggiunge , il Risultato prima delle imposte ammonta a , con la fondamentale contribuzione delle attività di Trading. L Utile Netto si attesta ad in un contesto di investimenti pari ad e massimamente focalizzati nell implementare e sviluppare i nostri sistemi di CRM, Billing e Invoicing. Le disponibilità liquide pari ad sono connesse alla gestione operativa e non sono gravate da vincoli che ne limitano il pieno utilizzo. Risultati ancor più importanti, tuttavia, non sono espressi dai numeri, ma dal faticoso, impegnativo e spesso complesso lavoro di definizione, affinamento ed implementazione dei nostri processi interni e dei sistemi al fine di 9

10 Relazione sulla Gestione predisporre l infrastruttura sulla quale porre la base per lo sviluppo delle attività di vendita ai Clienti finali, vero cuore industriale del progetto BeeTwin S.p.A.. Nel costruire tale importante realtà industriale, dobbiamo ricordarci che il successo passerà attraverso tre principali driver: attenzione al Cliente, efficienza operativa e rigoroso monitoraggio e controllo del credito. Pur entusiasti e forti dei risultati conseguiti nel 2013 siamo consapevoli che una parte fondamentale e importantissima del nostro lavoro deve ancora essere completata e che, in particolar modo, nel biennio , lo sforzo che BeeTwin S.p.A. dovrà compiere per raggiungere il pieno successo sarà ancor più duro e difficile. Avendo questo ben chiaro in mente, nel definire il nuovo Piano Strategico abbiamo stabilito obiettivi ambiziosi, che vogliono proiettare BeeTwin S.p.A. e farla diventare un rilevante player del mercato retail italiano. La crescita e il consolidamento del portafoglio Clienti attraverso nuovi e innovativi metodi di fidelizzazione della rete di partner e dei Clienti sono le leve strategiche dello sviluppo. Per quanto riguarda le attività di Trading, il loro contributo al risultato aziendale diminuirà nelle previsioni di Piano, a fronte di un progressivo consolidamento e di una focalizzazione industriale proprio sul progetto retail. Le linee di sviluppo futuro si completano con un attività volta al rafforzamento della redditività (anche attraverso una forte attenzione al contenimento dei costi) e al mantenimento di una solida struttura del capitale, a garanzia di una crescita sostenibile nel tempo. Ovviamente il rafforzamento e la formazione continua delle nostre risorse interne e la crescita della squadra continueranno ad essere il motore di BeeTwin S.p.A. e lo strumento con cui creare valore per i nostri azionisti nei confronti dei quali continueremo ad impegnarci per rispettare e, eventualmente, superare gli impegni presi. A tutti i dipendenti e collaboratori di BeeTwin S.p.A. è diretto il nostro personale ringraziamento per il prezioso lavoro svolto, ad ogni livello, con grande impegno ed encomiabile professionalità. Roma, 31/03/

11 Relazione sulla Gestione Quadro economico di riferimento L Eurozona ha terminato il 2013 con un valore di Prodotto Interno Lordo (nel seguito, PIL ) moderatamente negativo, pari allo -0,4%, dopo un calo pari allo 0,7% del Il PIL è, tuttavia, tornato a crescere nel secondo trimestre del 2013, dopo sei trimestri di calo consecutivo dando, comunque, un segnale che una modesta ripresa, seppur fragile, sia dunque avviata. Le differenze tra i Paesi dell Eurozona (nel seguito, Paesi ) rimane elevata con riferimento all andamento del PIL, pur se in attenuazione rispetto al Il PIL è cresciuto nel 2013 in Germania (+0,5%) e in Francia (+0,2%), mentre si è contratto in modo deciso, anche se a ritmi inferiori rispetto al 2012, nei Paesi periferici, sui quali hanno continuato a pesare le politiche di Bilancio restrittive, imposte dalla necessità di riportare su un sentiero di sostenibilità i conti pubblici. Sul piano istituzionale procede la progressione nelle tappe di avvicinamento all Unione Bancaria Europea. Nel corso del 2013 la Banca Centrale Europea ha ridotto i tassi ufficiali in maggio e in novembre 2013, alla luce della dinamica contenuta di moneta e credito, della debolezza dell attività economica e del permanere dell inflazione al di sotto del livello coerente con la definizione di stabilità dei prezzi. Il tasso medio di inflazione nel 2013 si è attestato all 1,4%, in deciso ribasso rispetto all anno precedente (2,5%). Nei mesi autunnali l inflazione è scesa, raggiungendo livelli particolarmente contenuti: a dicembre 2013 il dato si è collocato allo 0,8%, portandosi sui minimi da quattro anni. Alla debole dinamica dei prezzi contribuiscono sia le componenti più volatili sia quelle di fondo (beni non alimentari e non energetici e servizi). La crescita di queste ultime si colloca su livelli minimi nel confronto storico (0,7%). In merito al mercato del lavoro, si colgono segnali di stabilizzazione: la dinamica negativa dell occupazione sembra, infatti, essersi fermata a partire dal secondo trimestre Il tasso di disoccupazione è salito marginalmente lo scorso anno, portandosi a dicembre 2013 al 12%, dall 11,9% di fine Rimane forte la divergenza tra Paesi, infatti, il tasso di disoccupazione è in calo in Germania, mentre è in leggero aumento in Francia ed in preoccupante rialzo in Italia. L Italia continua ad attraversare una fase congiunturale difficile: al deciso calo del 2012 (-2,5%) è seguita ancora un intensa contrazione del prodotto nel 2013, pari a -1,8%, dato ampiamente inferiore alla media dell Eurozona. La prolungata caduta del PIL in atto dall estate del 2011 si è però arrestata nel terzo trimestre del 2013 e nei mesi più recenti sono emersi segnali coerenti con una moderata crescita dell attività economica. Nonostante il miglioramento del clima di fiducia delle imprese, sulla ripresa continuano a gravare la fragilità del mercato del lavoro, che frena l espansione del reddito disponibile, e l andamento del credito. Il tasso medio di disoccupazione (12,2%) è salito in modo deciso rispetto all anno precedente (10,7%), raggiungendo il 12,7% a dicembre Il dato, che nel 2012 era inferiore alla media dell Area Euro, nel 2013 si è portato in linea con quello dell Eurozona. Preoccupa, in particolare, il tasso di disoccupazione giovanile, salito al 41,6% a dicembre L inflazione media è crollata nel 2013, portandosi all 1,3% dal 3,3% dell anno precedente. Il calo è stato ancora più vistoso che nel resto dell Eurozona. Dal mese di settembre 2013 l inflazione si è portata sotto l 1%, collocandosi allo 0,7% in dicembre; nello stesso mese l inflazione al netto delle componenti più volatili è scesa allo 0,9%, un livello storicamente basso, risentendo anche della debolezza della domanda interna. 11

12 Relazione sulla Gestione Andamento del mercato energetico italiano Andamento del mercato dei Combustibili Nel corso del 2013, nonostante un contesto macroeconomico ancora debole, il consumo mondiale di petrolio è continuato a crescere a tassi sostenuti: +1,3% rispetto al 2012 (+1,1% tra il 2011 e il 2012), contro lo 0,8% medio annuo registrato nel periodo A giustificare tale incremento è soprattutto l aumento della domanda nelle economie in via di sviluppo dei paesi Non-OECD (+1,2 milioni di barili/giorno), mentre nei paesi OECD la domanda resta pressoché invariata rispetto al Lato offerta, nel 2013 si registra un aumento nell offerta mondiale di petrolio pari a circa l 1%, pur se in misura ridotta rispetto al forte incremento registrato nel A guidare la crescita, è l importante incremento della produzione Nord Americana: +8%, proseguendo il trend iniziato nel 2009, e riportando l offerta americana ai valori dei primi anni Novanta. Escludendo l aumento della produzione di petrolio in Nord America ed il limitato calo in Europa ed Africa, la produzione nei paesi Non-Opec è rimasta praticamente invariata dal 2010 ad oggi. Il prezzo del petrolio, nonostante alcuni segnali di parziale allentamento delle tensioni mediorientali, rimane nel 2013 su valori elevati e prossimi ai 110 dollari statunitensi/bbl. Il recente accordo fra le sei principali potenze mondiali e l Iran, che impegna il paese medio-orientale ad accantonare progetti e processi di arricchimento dell uranio oltre il 5%, potrebbe portare nel corso dei prossimi mesi a una revisione dell embargo in atto sui prodotti petroliferi. Il mercato non ha però in alcun modo reagito alla notizia, ma sembra più focalizzato sull andamento di breve termine dei fondamentali: infatti, nonostante i dati sulle scorte mostrino un mercato statunitense ben rifornito, la produzione libica continua a soffrire di interruzioni legati alla delicata situazione interna. La ripresa dei prezzi del petrolio determina variazioni positive anche per i prodotti raffinati. Sia sul versante Europeo sia su quello Nord Americano i prezzi di gasoli e benzine hanno registrato variazioni positive comprese fra l 1% e il 3%. Andamento del settore Energia Elettrica L energia richiesta in Italia nel 2013 registra un decremento del 3,4% rispetto al valore registrato nel 2012, attestandosi a GWh. Tale richiesta è stata soddisfatta per l 86,7% della produzione netta nazionale destinata al consumo e per il restante 13,3% dalle importazioni nette. Nel 2013 la produzione netta di energia elettrica ha registrato un decremento del 3,6% ( GWh in valore assoluto). In particolare, il minor fabbisogno di energia elettrica, l incremento della produzione da fonte idroelettrica per GWh, principalmente dovuto alle più favorevoli condizioni di idraulicità, e l incremento della produzione da altre fonti rinnovabili (solare per GWh ed eolica per GWh) a seguito della maggior capacità installata nel Paese, hanno comportato un decremento della generazione da fonte termoelettrica per GWh. Si segnala che per la prima volta in Italia, la produzione da altre fonti rinnovabili (eolico, solare, geotermico) ha superato quella da importazione netta. 12

13 Relazione sulla Gestione Produzione e domanda di energia elettrica in Italia GWh Anno 2013 Anno 2012 Variazione % Produzione netta: Termoelettrica (12,0%) Idroelettrica ,4% Eolica ,6% Geotermoelettrica ,0% Fotovoltaica ,9% Totale Produzione Netta (3,6%) Importazioni nette (2,2%) Energia immessa in rete (3,4%) Consumi per pompaggi (2.389) (2.689) (11,2%) Energia richiesta sulla rete (3,4%) Fonte: dati Terna (elaborazioni su dati 2012 e preconsuntivi 2013) Le importazioni nette, nel corrente esercizio hanno registrato un decremento di 950 GWh, per effetto della contrazione della domanda e dell overcapacity che caratterizza il mercato domestico. Con riferimento allo scenario prezzi, al 31/12/2013 la quotazione media del Prezzo Unico Nazionale (nel seguito, PUN ), si è attestata ad un livello di 63,0 /MWh, registrando una flessione del 17% rispetto al 2012 (75,5 /MWh). Osservando l andamento mensile dei prezzi emerge come il secondo trimestre 2013 sia il più basso dell anno, sia in valore assoluto che rispetto al medesimo periodo dell anno precedente. Il quarto trimestre 2013 risulta invece essere in linea con i prezzi dell anno precedente: in particolare, si sono registrati valori elevati di PUN tra la fine di novembre e l inizio di dicembre dovuti ad un ondata di freddo che ha colpito l Europa, e a problemi di bilanciamento sul mercato gas italiano che, hanno spinto al rialzo i prezzi gas spot. Il prezzo medio annuo (al lordo delle imposte) per l utenza domestica stabilito dall Autorità per l energia elettrica il gas ed il sistema idrico (AEEGSI, ex AEEG) registra un incremento del 15,6%, prevalentemente per effetto della componente A3, a copertura dei costi per l incentivazione delle fonti rinnovabili. 13

14 Relazione sulla Gestione Andamento dei prezzi di vendita di energia elettrica in Italia Anno 2013 Anno 2012 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 PUN ( /MWh) 63,8 57,4 65,5 65,1 81,4 73,5 81,5 65,2 Utente domestico tipo* ( cent/kwh) 19,1 18,9 19,2 19,0 17,3 19,1 19,1 19,4 * con consumo annuo di kwh (prezzo al lordo delle imposte) Fonte: GME - Autorità per l energia elettrica il gas ed il sistema idrico I prezzi dell energia elettrica negli altri mercati continentali, coerentemente col trend del mercato italiano, hanno evidenziato anch essi una tendenza al ribasso, sebbene più modesta. In particolare, i prezzi dell energia elettrica in Germania hanno fatto registrare una diminuzione dell 11,4%, mentre in Francia la diminuzione è stata dell 8,1%. Per quanto riguarda la Germania la diminuzione sembra correlata alla discesa del costo di generazione a carbone e all aumento di produzione da fonte rinnovabile, nonostante una discesa della produzione nucleare. Si riduce, pertanto, il differenziale tra il PUN ed il prezzo dei mercati esteri: il differenziale Italia-Francia passa da 28,4 /MWh a 19,7 /MWh e il differenziale Italia-Germania scende da 32,9 /MWh a 25,1 /MWh. Andamento mensile prezzo Energia Elettrica nei principali mercati europei /MWh gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dic-14 IPEX EPEX Germania Nord Pool OMEL EPEX Francia Fonte: GME 14

15 Relazione sulla Gestione Andamento del settore Gas Naturale La domanda di gas naturale in Italia nel 2013 ha fatto registrare un calo del 6,4% rispetto all anno precedente attestandosi a circa 69,5 miliardi di metri cubi, con una riduzione complessiva di circa 4,8 miliardi di metri cubi. Tale dinamica è da attribuirsi principalmente al forte calo degli usi termoelettrici in flessione di circa 4,1 miliardi di metri cubi (-16,5% verso il 2012); in lieve riduzione anche i consumi del settore civile (-0,5 miliardi di metri cubi; -1,4% verso il 2012) e quelli del settore industriale (-0,2 miliardi di metri cubi; -0,9% verso il 2012). Il calo degli usi termoelettrici nel 2013 è imputabile, oltre al calo della domanda elettrica, al forte incremento delle produzioni da fonte rinnovabile, sia per l elevata idraulicità nei primi tre trimestri dell anno che per le nuove installazioni eoliche e fotovoltaiche. Le fonti di approvvigionamento hanno registrato nel corso del 2013: una produzione nazionale in diminuzione rispetto al valore del 2012 (-0,7 miliardi di metri cubi; -8,1%); importazioni di gas in riduzione verso l anno precedente (-6,1 miliardi di metri cubi; -9,0%); un saldo a stoccaggio in erogazione per circa 0,5 miliardi di metri cubi. Con riferimento all andamento mensile dei prezzi del gas indicizzato si riscontra l effetto del calo del livello del brent, del gasolio e degli olii combustibili, precisamente rispetto all anno 2012 si rileva una tendenziale diminuzione pari al 7,5%. Mld/mc Anno 2013 Anno 2012 Variazione % Servizi e usi civili 30,5 31,0 (1,6%) Usi industriali 16,9 17,1 (1,2%) Usi termoelettrici 20,6 24,7 (16,6%) Consumi e perdite del sistema 1,5 1,6 (7,3%) Totale domanda 69,5 74,3 (6,5%) Fonte: dati consuntivi 2012 e preliminari 2013 Snam Rete Gas, Ministero dello Sviluppo Economico Il prezzo del gas spot in Italia, al Punto Virtuale di Scambio (nel seguito, PSV ), ha fatto registrare un decremento del 2,8%; osservando in dettaglio l evoluzione mensile del prezzo PSV si evidenzia un andamento prettamente legato a fattori climatici, con episodi di freddo nel 2013 verificatisi tra la fine di marzo ed primi giorni di aprile, e tra fine novembre ed inizio dicembre. Dopo il lancio del nuovo mercato di bilanciamento gas comparto G-1, il 14/11/2013, si sono formati dei prezzi di bilanciamento molto alti che hanno indirettamente spinto al rialzo anche le quotazioni del gas al PSV. Il nuovo comparto G-1 permette agli operatori di presentare offerte di acquisto e vendita di risorse flessibili ulteriori (import) rispetto alle risorse di gas in stoccaggio. Su tale comparto Snam Rete Gas può approvvigionarsi, in qualità di responsabile del bilanciamento, delle risorse flessibili necessarie per la copertura dello sbilanciamento complessivo stimato del sistema. 15

16 Relazione sulla Gestione Andamento mensile prezzo Gas Naturale nei principali mercati europei 32,5 31,5 30,5 c /Smc 29,5 28,5 27,5 26,5 25,5 24,5 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 nov-13 dic-13 Fonte: elaborazione BeeTwin S.p.A. PSV TTF NCG Baumgarten Per quanto riguarda il mercato residenziale, la componente tariffaria legata al Corrispettivo di Commercializzazione all Ingrosso (nel seguito, CCI ) nel corso del 2013 ha subito vari cambi di indicizzazione, passando progressivamente da una completa indicizzazione al greggio e derivati a una indicizzazione al gas spot. In particolare, dall aprile 2013, in base alla Delibera AEEGSI 124/2013/R/GAS, è stata introdotta una quota del 20% di indicizzazione al gas spot TTF, successivamente a partire dall anno termico , in base alla delibera 196/2013/R/GAS questa quota è stata portata al 100%; il raffronto con l anno precedente pertanto non è pienamente rappresentativo. 16

17 Relazione sulla Gestione Quadro normativo e regolamentare di riferimento Retail Energia Elettrica Aggiornamenti tariffari - Delibera AEEGSI 301/2012/R/EEL Con la delibera 301/2012 l AEEGSI ha portato a termine il coordinamento testuale del Testo Integrato della Vendita (nel seguito, TIV ) e della nuova regolazione introdotta in materia di tariffe dal Testo Integrato della Trasmissione e Distribuzione (nel seguito, TIT ) nonché la semplificazione del TIV alla luce dell evoluzione normativa in materia di servizi di vendita di energia elettrica di maggior tutela e di salvaguardia. Infatti, la normativa entrante prevede il riconoscimento delle nuove tipologie contrattuali quali le utenze in bassa e in media tensione per alimentazione delle infrastrutture di ricarica pubblica per i veicoli elettrici e l inclusione, nella categoria delle utenze relative agli usi diversi, delle utenze relative a pompe di calore, anche di tipo reversibile, per il riscaldamento degli ambienti nelle abitazioni, e delle utenze per la ricarica privata dei veicoli elettrici, quando l alimentazione sia effettuata in punti di prelievo distinti rispetto a quelli relativi alle utenze domestiche. Inoltre tale delibera incrementa il valore del corrispettivo relativo al Prezzo di Commercializzazione e Vendita (nel seguito, PCV ) per i punti di prelievo per usi diversi in bassa tensione. Avvio del Sistema Informativo Integrato (SII) Il Sistema Informativo Integrato (nel seguito, SII ) è stato istituito presso Acquirente Unico (nel seguito, AU ) dalla Legge 129 del 13/08/2010 con la finalità di gestire i flussi informativi relativi ai mercati dell energia elettrica e del gas. Il SII è basato su una banca dati dei punti di prelievo e dei dati identificativi dei Clienti finali (Registro Centrale Ufficiale). Il SII ha lo scopo di semplificare e migliorare l efficienza dello scambio dei flussi di comunicazione tra i diversi attori del mercato, favorendo lo svolgimento dei processi che caratterizzano il mercato energetico nazionale, a vantaggio del mercato e dei Clienti finali. Con la delibera AEEGSI n. 201/10 viene introdotto il Sistema Informativo Integrato: L Allegato A della delibera disciplina i criteri generali, il modello di funzionamento e il modello organizzativo del SII; L Allegato B disciplina le tempistiche relative alle attività di natura amministrativo-contabile per la copertura degli oneri sostenuti da Acquirente Unico S.P.A. relativi al funzionamento del SII. Con la Delibera AEEGSI 79/12 viene approvato il regolamento per il funzionamento del SII (Allegato A della Delibera AEEGSI 79/12) e vengono definiti i soggetti tenuti ad accreditarsi come Utenti del SII entro il 31/08/2012 (imprese distributrici) ed entro il 31/12/2012 (Terna, gli utenti del dispacciamento titolari di unità di consumo, gli esercenti la maggior tutela). Successivamente la Delibera AEEGSI 166/13 che implementa le proposte formulate nel DCO 481/12/R/COM in relazione alle modalità transitorie di accreditamento di nuovi utenti del dispacciamento e dei venditori al SII e di identificazione della relazione tra punto di prelievo, utente del dispacciamento e venditore nel Registro Centrale Ufficiale (nel seguito, RCU ). 17

18 Relazione sulla Gestione Semplificazione del Sistema Indennitario (SI) Il processo di sviluppo di questo Sistema Informativo Integrato a supporto dell apertura del mercato è come già detto graduale ed ha avuto inizio con l implementazione del Sistema Indennitario (nel seguito, SI ) ai sensi della Delibera AEEGSI ARG/ELT 191/09. Tale sistema garantisce un indennizzo all esercente la vendita uscente in caso di mancato incasso del credito relativo a fatture che contabilizzano consumi e oneri relativi agli ultimi 3 (tre) mesi di erogazione della fornitura prima della data di effetto dello switching per il servizio prestato. La Delibera AEEGSI 195/2012/R/EEL ha poi definito una disciplina semplificata del Sistema Indennitario che è entrata in vigore dal mese di novembre Ricorso SI - Sentenza del Tar Lombardia 683 del 2013 La Sentenza 683 del 14/03/2013 del TAR della Lombardia, in accoglimento del ricorso presentato da Edison Energia contro l AEEGSI e l AU, ha annullato la Delibera AEEGSI 219/10 con la quale era stato introdotto il Sistema Indennitario. Edison aveva denunciato al TAR che il sistema, così concepito, entrava nella sfera di contratti tra privati in un mercato liberalizzato, comportava pesanti costi gestionali per gli operatori e non pareva davvero efficace a combattere il turismo energetico, a causa della lentezza di attivazione delle procedure (che permetteva nel frattempo ai Clienti scorretti di cambiar ulteriormente il fornitore) e della possibilità di recuperare solo l ammontare delle ultime tre bollette insolute. Il TAR ha giudicato il Sistema Indennitario al di fuori delle attribuzioni dell AEEGSI, che avrebbe violato i principi della liberalizzazione ed ecceduto i propri poteri di regolazione sostituendosi alla libera volontà delle parti. Appello SI - Ordinanza del Consiglio di Stato 2595 del 2013 A seguito della sentenza del TAR Lombardia l AEEGSI è ricorsa in appello e nel frattempo, il Consiglio di Stato, accogliendo l istanza cautelare presentata, ha emesso l Ordinanza 2595 del 10/07/2013 che ha reso nuovamente operativo il sistema indennitario. Provvedimenti a favore popolazioni terremotate - Delibera AEEGSI n. 6/2013/R/COM Il provvedimento reca le disposizioni in materia di agevolazioni tariffarie, rateizzazione dei pagamenti e agevolazioni per i servizi di connessione, subentri e volture per l energia elettrica, il gas ed il servizio idrico, a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici verificatisi nei giorni del 20/05/2012 e successivi. Tale provvedimento ha subito diverse modifiche nel corso del Decreto MSE/MEF imprese a forte consumo di energia (05/04/2013) - Delibera AEEGSI 168/2013/R/EEL Il provvedimento avvia un procedimento per la formazione di successivi provvedimenti volti alla rideterminazione dei criteri di ripartizione degli oneri generali a carico dei Clienti finali, ai sensi dell articolo 39, comma 3, del Decreto Legge 83/12. Le successive deliberazioni stabiliscono il termine del 01/07/2013 per la decorrenza delle agevolazioni tariffarie relative agli oneri generali di sistema per le imprese a forte consumo di energia (imprese energivore) e introducono a decorrere dal 01/01/2014 una nuova voce di costo per tutti gli utenti del servizio elettrico a copertura di tali agevolazioni, la componente AE. 18

19 Relazione sulla Gestione Retail Gas Naturale Riforma della componente di commercializzazione all ingrosso del gas naturale In recepimento di quanto previsto dal Decreto Liberalizzazione (Decreto Legge 24/01/2012), l AEEGSI ha seguito nel corso del 2013 un processo graduale di riforma delle condizioni economiche nel servizio di tutela (CCI), al fine di adeguare i prezzi di riferimento del gas naturale ai valori europei. Nella prima fase, aprile settembre 2013, con Delibera AEEGSI 124/2013/R/GAS l AEEGSI ha mantenuto la struttura tariffaria già in vigore aumentando dal 5% al 20% il peso dell indice spot della componente della materia prima (QE). In particolare il corrispettivo QE era calcolato secondo una formula ponderata tra l 80% del livello dell indice PTOP (allineato ai livelli di prezzo dei contratti take or pay) e il 20% del livello dell indice PMKT (prezzo del mercato TTF). Dal 01/10/2013 (Delibera AEEGSI 196/2013/R/GAS) per il calcolo della materia prima gas si fa riferimento ai soli prezzi del mercato spot. In attesa che la borsa gas italiana completi il suo avvio operativo con la definizione dei prodotti di riferimento e una liquidità significativa, resteranno come riferimento le quotazioni dell hub olandese Title Transfer Facility (nel seguito, TTF ). Dal terzo trimestre 2013 sono stati inoltre aumentati i valori di riferimento, sia per la parte fissa che per quella variabile, per la componente relativa alla commercializzazione al dettaglio (QVD). Wholesale European Market Infrastructure Regulation (EMIR) Il 16/08/2012 è entrato in vigore l European Market Infrastructure Regulation (nel seguito, EMIR ), il Regolamento UE 648/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 04/07/2012 sugli strumenti derivati, le controparti centrali e i registri di dati sulle negoziazioni. Tale regolamentazione introduce un sistema di regole, obblighi e controlli per migliorare la trasparenza ed attenuare i rischi legati agli strumenti finanziari derivati Over the Counter (nel seguito, OTC ) e in alcuni casi anche Exchange Traded Derivatives (nel seguito, ETD ). L EMIR impone agli operatori che utilizzano i suddetti strumenti di: Monitorare la propria esposizione su strumenti derivati OTC rispetto a una soglia (detta di compensazione) e di notificare alle autorità competenti e alle proprie controparti il superamento di tale soglia; Compensare tramite un apposita CCP (Controparte Centrale autorizzata dall Autorità ESMA) tutti i derivati OTC entro 4 mesi dal superamento della soglia di compensazione; Segnalare ogni contrattualizzazione, modifica o cessazione inerente uno strumento derivato (OTC o ETD) ad uno dei soggetti preposti a raccogliere tali segnalazioni (Trade Repository autorizzato dall ESMA); Implementare una serie di tecniche di mitigazione del rischio, relativamente agli strumenti derivati OTC contrattualizzati, quali: la conferma tempestiva delle transazioni, la riconciliazione periodica di tali transazioni con le proprie controparti, l introduzione di procedure inerenti la gestione di possibili controversie su tali transazioni, l introduzione di procedure di valutazione di un eventuale attività di compressione di portafoglio verso una singola controparte. La normativa ha previsto una graduale applicazione di tale regolamentazione. Gli operatori dei mercati elettrico e gas sono stati interessati dall EMIR a decorrere da novembre 2013 con l entrata in vigore dell obbligo di registrazione delle transazioni al quale BeeTwin S.p.A. si è adeguata. 19

20 Relazione sulla Gestione Evoluzione quadro normativo e regolatorio 2013 Aggiornamento tariffario - Delibera AEEGSI 637/2013/R/EEL In data 27/12/2013 l AEEGSI ha emesso un provvedimento che aggiorna i livelli delle componenti di remunerazione riconosciute agli esercenti della maggior tutela, della DISPBT e del corrispettivo PCV applicato ai Clienti non domestici nell ambito del servizio di maggior tutela dell energia elettrica a decorrere dal gennaio Passaggio da RID a SEPA Dal 01/02/2014, in esecuzione del Regolamento UE 260/2012, noto come End-Date Regulation, e del Provvedimento applicativo della Banca d Italia del 22/02/2013, gli addebiti diretti RID saranno sostituiti dallo strumento di incasso europeo SEPA Direct Debit (o SDD), che prevede due differenti modalità di gestione degli addebiti, in funzione della tipologia di Cliente debitore: SDD CORE: servizio di addebito in conto utilizzabile indistintamente nei confronti di qualsiasi tipologia di Cliente debitore, caratterizzato dalla facoltà per il debitore di richiedere il rimborso delle operazioni fino a 8 settimane successive alla data di addebito, qualora l importo risultasse errato o l addebito non fosse, per qualsiasi altro motivo, corrispondente a quanto concordato con l impresa, ovvero, entro 13 mesi, per operazione non autorizzata; SDD B2B (Business to Business): servizio di addebito in conto riservato alla clientela non consumatori/ microimprese, caratterizzato dalla sola facoltà di rimborso entro 13 mesi per le operazioni non autorizzate. La normativa europea prevede inoltre il principio della continuità delle autorizzazioni SEPA, conservando la piena validità legale. Infine, la principale novità legata all introduzione dei nuovi strumenti SEPA è l adozione a livello europeo del formato di memorizzazione XML, che dal 01/02/2016 deve essere adottato obbligatoriamente anche nella tratta Impresa Creditrice Banca, che fornirà informazioni arricchite e favorirà l accuratezza della riconciliazione. 20

21 Relazione sulla Gestione Presentazione della Società BeeTwin S.p.A. è una giovane realtà italiana attiva sul mercato libero nazionale di energia elettrica e gas naturale e nel trading di commodities energetiche, con una costante attenzione alla tutela dell Ambiente. Si rivolge a Clienti domestici, professionisti, piccole/medie imprese e condomini ai quali fornisce i suoi prodotti, grazie ad una poliedrica rete di accordi e partnership con i principali operatori del settore. Garantisce ai Clienti un costante e puntuale approvvigionamento di energia con prodotti versatili, semplici ed ecosostenibili e una continua assistenza tecnica di alto livello professionale. La proposta commerciale prevede offerte disegnate in modo tale da soddisfare le diverse esigenze di consumo dei Clienti, rispondendo al fabbisogno di acquisto di famiglie, piccole/medie imprese e condomini. Grazie alle caratteristiche commerciali di ognuna di esse, il Cliente può scegliere tra offerte a prezzo fisso o prezzo indicizzato sulle due commodities energetiche e beneficiare così delle migliori condizioni contrattuali, ottimizzando le spese di approvvigionamento attraverso servizi di alta qualità e rispettosi dell Ambiente. Grazie ad una capillare presenza su tutto il territorio nazionale e ad una vasta rete di servizi on-line, l Azienda è in grado di stabilire un costante dialogo con i suoi Clienti, garantendo efficaciemente la possibilità di contatto diretto. Al 31/12/2013 il capitale sociale di BeeTwin S.p.A. risulta così composto: General Holding Company S.p.A. 70% General Energy S.r.l. 30% 21

22 Relazione sulla Gestione Sviluppo dell attività Le incertezze finanziarie e le difficoltà dell economia italiana si sono riflesse pesantemente, durante il 2013, sul trend del consumo energetico. Il mercato del gas, nell esercizio 2013, è stato caratterizzato da un ribasso della domanda, rispetto al 2012 pari al -6,4%, attribuibile ai fattori sopra riportati e al mix delle fonti di generazione, caratterizzato da un crescente uso delle rinnovabili. La variazione della domanda elettrica in Italia dell esercizio 2013 risulta invece in contrazione del -3,4%. Retail In tale contesto negativo, lo sforzo di BeeTwin S.p.A. è diretto a posizionarsi, fra i players del mercato libero dell energia elettrica e del gas riuscendo a cogliere, grazie anche ai suoi processi snelli e veloci, le opportunità della liberalizzazione e a registrare risultati positivi. In un mercato caratterizzato da un forte aumento della pressione competitiva, BeeTwin S.p.A. punta a conquistare la fiducia di un numero sempre maggiore di Clienti, attraverso: Prodotti a prezzo fisso o indicizzati alle principali commodities energetiche; Rete di vendita presente in tutta Italia e una serie di servizi on-line per garantire efficacemente a tutti la possibilità di diventare un Cliente BeeTwin S.p.A.; Un Contact Center altamente specializzato per interagire ai dubbi e alle richieste dei nostri Clienti; Il canale Web, con innumerevoli modalità alternative di contatto: Live Chat: un assistente personale pronto a seguire i Clienti man mano che navigano sul sito Prenota la Chiamata: è possibile prenotare l orario più comodo per essere contattato dal Contact Center; Area Clienti personalizzata: tutte le informazioni relative alla propria fornitura e tutti i documenti per sbrigare ogni pratica, con un semplice click. Trading L attività di Trading, sviluppata al fine di rendere competitive e sempre aggiornate le offerte di BeeTwin S.p.A., viene svolta nel mercato europeo con estrema attenzione ai profili di rischio ad essa associati e supportata da attente e puntuali analisi di mercato. 22

23 Relazione sulla Gestione Fatti di rilievo dell esercizio In data 28/01/2013 è stata costituita, con atto del notaio Nicola Cinotti Rep. N , Twins S.p.A con capitale sociale pari a suddiviso in n azioni del valore nominale di 1,00 ciascuna. Con medesimo atto l amministrazione e la rappresentanza generale della Società vengono affidate, ad un Amministratore Unico, che viene nominato nella persona di Luca Piemonti. In data 04/02/2013 Twins S.p.A. è stata iscritta nella sezione ordinaria del Registro delle imprese di Roma con numero di iscrizione e partita iva In data 04/03/2013 con atto del notaio Nicola Cinotti Rep. N è stata deliberata la variazione della denominazione sociale da Twins S.p.A. a BeeTwin S.p.A.. In data 01/04/2013, ai sensi dell articolo 17, commi 1 e 5, del Decreto Legislativo 23/05/2000, n.164 e dell articolo 30 del Decreto Legislativo 01/06/2011, n. 93 BeeTwin S.p.A. risulta nell elenco dei soggetti abilitati alla vendita di gas naturale a Clienti finali pubblicato sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico. In data 01/04/2013 è stata rilasciata da parte del Ministero dello Sviluppo Economico l autorizzazione amministrativa per l attivazione dell oggetto sociale e, quindi, per l effettivo esercizio dell attività. In data 04/04/2013 BeeTwin S.p.A. ha comunicato al Registro delle imprese di Roma ed all ufficio competente dell Agenzia delle Entrate l inizio dell esercizio dell attività d impresa indicando come attività esercitata prevalentemente quella di commercio di energia elettrica Codice ATECORI 2007 n Commercio di energia elettrica. Inoltre, risulta attiva, come esercizio di attività secondaria, il Commercio di gas distribuito mediante condotte contraddistinto con il codice ATECORI 2007 n In data 28/08/2013 il Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. (GME) ai sensi dell art. 12 comma 12.1 del Regolamento della PBCV di cui all art. 12, comma 3, del D. M 18/12/2008 ha comunicato l avvenuta iscrizione di BeeTwin S.p.A. alla piattaforma di Registrazione delle Transazioni Bilaterali dei Certificati Verdi (PBCV). In data 28/08/2013 il Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. (GME) visti gli articoli 18, 19, 20 del regolamento della piattaforma dei conti energia a termine di cui all art. 17 dell allegato A della Delibera 111/06 dell AEEGSI ha comunicato l ammissione di BeeTwin S.p.A. alla Piattaforma dei Conti Energia a Termine (PCE). In data 18/10/2013, è stata avviata la procedura per la registrazione del marchio, con domanda depositata presso il Ministero dello Sviluppo Economico - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. In data 16/12/2013 è stata deliberata il trasferimento della sede legale della Società da Roma a Napoli, fissando l indirizzo alla via G. Porzio n. 4 Centro Direzionale Is. E/7. Nella stessa data viene, inoltre, istituita una sede operativa in Roma in via Tagliamento n

24 Relazione sulla Gestione In data 27/12/2013, al fine di implementare sempre di più il livello qualitativo del management aziendale, l assemblea degli azionisti ha deliberato la nomina di un Consiglio di Amministrazione composto dai seguenti tre membri: GALLO ALFONSO PIEMONTI LUCA GALLO IMMACOLATA e nominato Presidente del Consiglio di Amministrazione il Consigliere GALLO ALFONSO. Fatti di rilievo avvenuti dopo il 31/12/2013 In data 10/02/2014 è stata completata la procedura di registrazione e di attivazione del codice univoco di identificazione Legal Entity Identifier (nel seguito, LEI ) propedeutico per adempiere all obbligo di segnalazione degli strumenti derivati ad un soggetto terzo (Trade Repository) il cui compito è quello di raccogliere e conservare le informazioni affinché siano accessibili alle Autorità di Vigilanza in conformità al Regolamento EMIR. In data 25/03/2014 sono state rilasciate dall Ufficio delle Dogane e dei Monopoli di Napoli autorizzazioni n. IT00NAE01060G e IT00NAO00226D a favore di BeeTwin S.p.A. per l esercizio dell attività di venditore ai consumatori finali di energia elettrica e gas naturale. Attività di ricerca e sviluppo Ai sensi dell articolo 2428, comma 2, numero 1 del c.c., si dà atto che non sono stati sostenuti costi per l attività di ricerca e sviluppo. 24

25 Relazione sulla Gestione Risorse Umane e Organizzazione ll totale dei dipendenti di BeeTwin S.p.A. al 31/12/2013 è pari a 14 unità. In linea con la cultura aziendale basata sulla convinzione di creare in BeeTwin S.p.A. un centro di eccellenza professionale, oltre il 71 % dei lavoratori risulta assunto con un contratto a tempo indeterminato; la restante quota parte di dipendenti risulta comunque assunta con contratti a tempo determinato di lungo periodo. L età media dei dipendenti si è attesta sui 31,6 anni, a conferma di una forte connotazione giovane dell Azienda e del suo stesso management. Al fine di raggiungere gli importanti obbiettivi che si è prefissa, BeeTwin S.p.A. si è dotata sin da subito di un organizzazione snella, efficiente e, soprattutto, funzionale alle peculiarità del business che si propone di sviluppare. Administration & Finance Definire e monitorare le linee guida finanziarie, predisporre i bilanci mensili e il Bilancio di Esercizio, gestire gli adempimenti fiscali, i rapporti con gli Istituti di credito, la società di revisione e consulenti fiscali, nonché, tutte le attività di tesoreria. 25

26 Relazione sulla Gestione Risk & Control Management Coordinare e consolidare il piano industriale, il budget, il reporting mensile; definire le regole di reporting; assicurare il controllo dell andamento gestionale; valutare e controllare, in termini di marginalità, le campagne commerciali; monitorare e misurare il rischio credito e i rischi di mercato. Energy & Portfolio Management Analizzare l evoluzione del mercato elettrico e gas definendo scenari di prezzo dell energia e del gas all ingrosso; definire la strategia di copertura del portafoglio; implementare strategie di trading nel rispetto dei target di rischio; definire, in coordinamento alla direzione Sales, il prezzo delle offerte commerciali. IT & Services Monitorare, gestire e implementare il funzionamento di tutte le applicazioni e le infrastrutture aziendali; assicurare il raggiungimento dei target di continuità del servizio, affidabilità, integrità e riservatezza dei dati aziendali; definire e gestire servizi ICT; gestire il rapporto con i fornitori di servizi esterni. Marketing & Communication Definire, implementare e monitorare le linee guida della comunicazione aziendale; curare e predisporre eventi e/o manifestazioni inerenti l attività aziendali; definire le strategie di marketing; curare i rapporti con la stampa e il presidio dei media. Operations Assicurare attività di confirmation e verifica con i contratti stipulati; benestariare le fatture passive e emettere le fatture attive wholesale; gestire l attivazione, il recesso e lo switch dei Clienti elettrici e gas; gestire tutto il ciclo attivo inerente l attività Retail; assicurare attività di supporto alla rete diretta e indiretta, con la direzione Sales; gestire i rapporti con i Clienti elettrici e gas attraverso il Contact Center, il sito web e altri canali di contatto. Sales Assicurare il raggiungimento dei target di Clienti e marginalità assegnati; implementare strategia commerciale sulle reti di vendita indirette, dirette e canale web; garantire la qualità commerciale delle reti dirette e indirette, in coerenza con le prescrizioni (AEEGSI); gestire i rapporti commerciali e la contrattualistica con le reti di vendita indirette; definire strategie di retention. In tale contesto organizzativo, i principali ulteriori elementi di rilievo nel periodo di riferimento sono stati: l approvazione del Codice Etico che prescrive i principi di condotta per una corretta gestione del business della Società e che soprattutto delinea il set di valori cui l operato di tutta l organizzazione deve conformarsi; un processo di selezione continuo e trasparente, basato sul merito e la piena corrispondenza tra le skills dei candidati e le professionalità oggetto di ricerca, finalizzato alla formazione di una squadra dall alto contenuto tecnico e professionale; la definizione di un piano di formazione dettagliato e di un percorso di training on the job che si è contraddistinto per una vasta e trasversale copertura di tutti gli ambiti aziendali e dei mercati energetici ove BeeTwin S.p.A. è chiamata ad operare; 26

27 Relazione sulla Gestione la definizione di un sistema di incentivazione mediante sistema di MBO (Management by Objectives) finalizzato ad attrarre persone di elevato profilo professionale e manageriale nonchè ad allineare l interesse di tutte le risorse agli obbiettivi della Società; una diagnosi organizzativa puntuale e mirata alla mappatura dettagliata delle posizioni aziendali, volta alla definizione di job description articolate, tali da permettere una chiara lettura dei ruoli e delle responsabilità ricoperte da tutte le funzioni che compongono il sistema aziendale. 27

28 Relazione sulla Gestione Responsabilità sociale e relazioni con gli stakeholder La sostenibilità intesa come la capacità di generare valore per i suoi principali stakeholder (dipendenti, Clienti, fornitori, investitori, comunità locali, istituzioni, ecc) è tra i valori fondanti di BeeTwin S.p.A.. Tale impegno si è concretizzato, fin dal primo esercizio, nell adozione di comportamenti ispirati ad una forte attenzione alle tematiche ambientali. L attenzione all Ambiente è infatti profondamente sentita all interno di tutti i processi aziendali. Come comunicato dal GSE, il mix medio nazionale utilizzato per la produzione dell energia elettrica immessa nel sistema elettrico italiano nel 2012 (dato pre-consuntivo) è così composto: Mix medio nazionale dei combustibili per gli anni Fonti Rinnovabili: 29,8 % Carbone: 18,5 % Gas Naturale: 39,8 % Prodotti Petroliferi: 1,3 % Nucleare: 4,8 % Altre fonti: 5,8 % Fonte: GSE L energia venduta da BeeTwin S.p.A. è invece al 100% energia prodotta da fonti rinnovabili e certificata in conformità al sistema di gestione dei certificati di Garanzie di Origine (GO), ai sensi della delibera AEEGSI n.104/11. In linea con la filosofia green aziendale, BeeTwin S.p.A. adotta processi completamente telematici, per ridurre al minimo la documentazione cartacea circolante in Azienda. Laddove possibile, vengono inoltre privilegiati gli scambi informativi digitali, mediante l utilizzo della Posta Elettronica Certificata (PEC) in sostituzione della posta tradizionale. Per la stessa ragione BeeTwin S.p.A. privilegia e incentiva l invio digitale delle fatture e delle comunicazioni ai propri Clienti. Coerentemente con il proprio credo, oltre che in linea col piano del Governo per la sostenibilità ambientale dei consumi, BeeTwin S.p.A. indirizza i propri acquisti verso prodotti e servizi eco-sostenibili. A tal proposito, privilegia l acquisto di attrezzature elettriche ed elettroniche con marchio Energy Star e la fornitura di prodotti certificati FSC (Forest Stewardship Council - FSC N002097). La consapevolezza del valore dell Ambiente, delle risorse naturali e dell importanza di salvaguardarli e valorizzarli per il benessere delle generazioni attuali e future, rientra nei target quotidiani. Analoga attenzione è stata posta da BeeTwin S.p.A. a creare una struttura realmente capace di ascoltare i propri Clienti, offrendogli servizi distintivi e dedicati. 28

Energia Elettrica Gas Naturale

Energia Elettrica Gas Naturale Energia Elettrica Gas Naturale Liberarsi dai limiti, richiede Energia. Chi siamo Giovane realtà attiva nella vendita di energia elettrica e gas naturale BeeTwin S.p.A. è una giovane realtà presente nel

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro COMUNICATO Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro Milano, 29 settembre 2015 Dopo i ribassi nei primi 9 mesi dell anno, in aumento le bollette nell ultimo trimestre,

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL CIRCOLARE N. 31 LORO SEDI. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./2

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL CIRCOLARE N. 31 LORO SEDI. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./2 Data 13 Aprile 2015 Protocollo: 104/15/FF/cm Servizio: Sviluppo Sostenibile Salute e Sicurezza Bilateralità Cooperazione Oggetto: Revisione delle tariffe luce e gas AEEG. CIRCOLARE N. 31 - A tutte le strutture

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA 19 SETTEMBRE 2013 QUESTA PRESENTAZIONE NON COSTITUISCE UN DOCUMENTO UFFICIALE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da gennaio deciso calo per la bolletta elettricità -3%, in lieve riduzione il gas -0,3% sull anno risparmi per oltre 72 euro

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato

11 Luglio 2012 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato Relazione Annuale 211 11 Luglio 212 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 212 sono consolidati

Dettagli

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 20 febbraio 2008 Delibera ARG/com 15/08 MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 27 GIUGNO 2007, N.

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3 Tabella 1.1: Parametro PE M, di cui al comma 10.3 lettera b), comma 10.5 lettera a) punto ii, comma 10,6 lettera b) punto iii, corretto per le perdite di rete (elemento PE) Tipologie di contratto di cui

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNCATO Energia: da ottobre nessun aumento per l elettricità, gas +5,5% Sui prezzi del gas hanno pesato le quotazioni del petrolio e l incremento dell va Milano,

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Tot. Tabella 1. Andamento richiesta energia elettrica negli anni 2013, 2014 e 2015 Marzo, 2016 Quadro energetico 1 La situazione dell energia elettrica in Italia nel 2015 in rapporto al 2014 presenta alcuni elementi caratteristici opposti rispetto al confronto tra 2014 e 2013: il timido

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 20 DICEMBRE 2012 559/2012/R/EEL REVISIONE DEI FATTORI PERCENTUALI CONVENZIONALI DI PERDITA APPLICATI ALL ENERGIA ELETTRICA PRELEVATA SULLE RETI DI MEDIA E BASSA TENSIONE E DISPOSIZIONI IN

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA DCO 19/10 ADOZIONE DI NUOVE PROCEDURE PER L IDENTIFICAZIONE DEI CLIENTI FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica

Dettagli

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./1

Fraterni saluti. - A tutte le strutture UIL. IL SEGRETARIO CONFEDERALE (Paolo Carcassi) All./1 Data 12 Gennaio 2015 Protocollo: 05/15/ML/cm Servizio: Politiche Industria Contrattazione Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Oggetto: Comunicato Autorità per l Energia su riduzione energia elettrica

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Roma, 24 novembre 2015 Sommario Struttura dei prezzi per i clienti finali Clienti ed energia nel servizio di maggior tutela Quotazioni dei prodotti energia Portafoglio di AU 2 Sistema elettrico nel contesto

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo?

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? Maria Rosalia Cavallaro Area Analisi Economico Finanziarie Indice La filiera elettrica Approvvigionamento Infrastruttura Vendita Sistema tariffario Sistema

Dettagli

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano

Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Architettura istituzionale del mercato elettrico italiano Massimo Beccarello Direzione Strategie, studi e documentazione Milano Roma, 20 giugno 2006 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 I soggetti

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile doppia riduzione delle bollette, elettricità -1,1% e gas -3,8% In un anno la spesa per il gas è diminuita di oltre

Dettagli

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche

ICET 4. Indice Costo Energia Terziario. Energia elettrica. a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche Ambiente e Utilities ICET 4 Indice Costo Energia Terziario a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia in collaborazione con REF Ricerche aprile 2016, numero 4 Sintesi Energia Elettrica Prevista una riduzione

Dettagli

XXXI CONGRESSO ASSOFOND. ENERGIA e FONDERIA Scenari e prospettive. XXXI Congresso Assofond Roma, 5 ottobre 2012

XXXI CONGRESSO ASSOFOND. ENERGIA e FONDERIA Scenari e prospettive. XXXI Congresso Assofond Roma, 5 ottobre 2012 XXXI CONGRESSO ASSOFOND ENERGIA e FONDERIA Scenari e prospettive Agenda I mercati energetici La normativa Le possibili iniziative gen-12 mag-12 set-12 Il mercato elettrico Borsa Elettrica - Mercato Spot

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata

Dettagli

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI.

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. IL GRUPPO ERG UNA REALTÀ MULTIENERGY DA OLTRE 70 ANNI IL GRUPPO ERG È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL MERCATO ENERGETICO ITALIANO Il Gruppo, dal 2002, si è articolato in

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da ottobre gas +5,4%, energia elettrica +1,7% Ma per effetto dei nuovi prezzi europei il 2014 si chiuderà con un risparmio

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

II FORUM GREEN ENERGY

II FORUM GREEN ENERGY II FORUM GREEN ENERGY Produzione e distribuzione elettrica: le sfide da vincere per la rete Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Roma, 19 Giugno 2012 Le banche e il comparto delle FER Il Settore Bancario

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata di 12 mesi e 24 mesi

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

Enermanagement 2014. Efficienza energetica e mercati dell elettricità e del gas

Enermanagement 2014. Efficienza energetica e mercati dell elettricità e del gas Enermanagement 2014 Efficienza in, inside and out Milano, 4 dicembre 2014 Efficienza energetica e mercati dell elettricità e del gas Marco De Min Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili

Dettagli

Ciò che non giova all alveare, non giova neppure all ape. (Marco Aurelio)

Ciò che non giova all alveare, non giova neppure all ape. (Marco Aurelio) Ciò che non giova all alveare, non giova neppure all ape. (Marco Aurelio) 1 Indice 04 Relazione sulla Gestione 04 Organi Sociali 06 Governance 08 Quadro economico di riferimento 10 Andamento del mercato

Dettagli

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL MIX ENERGETICO UTILIZZATO PER LA PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VENDUTA DALL IMPRESA DI VENDITA

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL MIX ENERGETICO UTILIZZATO PER LA PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VENDUTA DALL IMPRESA DI VENDITA Pagina 1 di 17 DEL MIX ENERGETICO UTILIZZATO PER LA (Ai sensi dell articolo 5, comma 7, del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 31 luglio 2009) Pagina 2 di 17 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 GLOSSARIO...

Dettagli

SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI. Castenedolo, 21 febbraio 2014

SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI. Castenedolo, 21 febbraio 2014 SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI Agenda Mercato Gas Naturale Mercato Energia Elettrica Costi energetici delle fonderie Sviluppo normativi Mercato Gas Naturale Quotazione Day-Ahead 37,00 35,00 33,00 31,00

Dettagli

DCO 449/2015/R/GAS Mercato del gas naturale Revisione della componente QVD a copertura dei costi di commercializzazione al dettaglio

DCO 449/2015/R/GAS Mercato del gas naturale Revisione della componente QVD a copertura dei costi di commercializzazione al dettaglio DCO 449/2015/R/GAS Mercato del gas naturale Revisione della componente QVD a copertura dei costi di commercializzazione al dettaglio Commenti e proposte Anigas Milano, 27 ottobre 2015 PREMESSA Anigas presenta

Dettagli

Energia: dal 1 gennaio 2016 doppio calo per le bollette italiane, elettricità -1,2% gas -3,3%, sull anno risparmi per quasi 60 euro

Energia: dal 1 gennaio 2016 doppio calo per le bollette italiane, elettricità -1,2% gas -3,3%, sull anno risparmi per quasi 60 euro COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio 2016 doppio calo per le bollette italiane, elettricità -1,2% gas -3,3%, sull anno risparmi per quasi 60 euro al via anche le riforme collegate al nuovo periodo di regolazione

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L.

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. 102/2009) L art. 9, comma 1, lettera a), del D.L. 78/2009, convertito con

Dettagli

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici

Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici DIREZIONE COMUNICAZIONE E IMMAGINE UFFICIO STAMPA 59/16 Roma, 26.4.2016 Ma l incidenza delle componenti fiscali al 60% limita fortemente i benefici INDICE COSTO ENERGIA CONFCOMMERCIO: PER IMPRESE TERZIARIO

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio elettricità +0,7%, nessun aumento per il gas Al via il nuovo Metodo tariffario idrico e un indagine per le

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Workshop Energia Elettrica

Workshop Energia Elettrica Workshop Energia Elettrica Consumare di più per consumare meglio? La sfida del comparto elettrico tra maggiore efficienza e strategie di mercato Centro Studi SAFE Ministero dello Sviluppo Economico, Sala

Dettagli

CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI

CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI RELATORE Ing. Giuseppe Coduri Servizi Industriali srl Gestione costi energetici 18/03/2010 ENERGIA: VOCE DI COSTO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La bolletta elettrica nel mercato libero

La bolletta elettrica nel mercato libero Federico Luiso La bolletta elettrica nel mercato libero Indicazioni utili per la comprensione di una bolletta per la fornitura dell energia elettrica Milano, 12 febbraio 2015 Indice Le voci della bolletta

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. CXLI n. 2 RELAZIONE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (Al 31 marzo 2007) (Articolo

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2014 Pubblicato in data 02 febbraio 2015 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata di 12 mesi e 24 mesi

Dettagli

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE I trimestre 2015: forte contrazione dei prezzi dell energia Milano, marzo 2015 I primi mesi del 2015 restituiscono un quadro di timida ripresa dell attività

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La gestione integrata dell energia: per un efficienza a 360

La gestione integrata dell energia: per un efficienza a 360 La gestione integrata dell energia: per un efficienza a 360 Prezzi dell energia elettrica e gas metano oggi Dott. Enrico Belletti CEO PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA E GAS METANO OGGI: Analisi dei mercati

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Il mercato elettrico retail

Il mercato elettrico retail Il mercato elettrico retail Autorità per l energia elettrica e il gas Valeria Contin DIREZIONE MERCATI 10 marzo 2010 Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, Direzione Mercati 1 Indice Assetto mercato

Dettagli

La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità

La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità Conferenza Europea CECODHAS La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità Guido Bortoni Direttore Mercati Autorità per l energia elettrica e il gas DIREZIONE MERCATI Ancona, 21 aprile

Dettagli

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1 Documento di consultazione 02/2015 PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Documento di consultazione 02/2015 1 1. Introduzione Il meccanismo dei titoli di efficienza

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Fornitura di energia elettrica sui punti di prelievo situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A.

Fornitura di energia elettrica sui punti di prelievo situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A. Allegato A Capitolato Tecnico Fornitura di energia elettrica sui punti di prelievo situati nei complessi delle stazioni ferroviarie gestite da Grandi Stazioni S.p.A. 1 1. OGGETTO. 1.1. Il presente Capitolato

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

Relazione Annuale 2010

Relazione Annuale 2010 Relazione Annuale 21 5 Luglio 211 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 211 sono consolidati

Dettagli

Nella riunione del 30 giugno 2009. Visti:

Nella riunione del 30 giugno 2009. Visti: DELIBERAZIONE 30 giugno 2009. Aggiornamento per il trimestre luglio-settembre 2009 delle componenti tariffarie destinate alla copertura degli oneri generali e di ulteriori componenti del settore elettrico

Dettagli

POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE

POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE I POSITION PAPER DI AiCARR AiCARR, associazione culturale senza scopo di lucro, crea e promuove cultura e tecnica per il benessere

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 DICEMBRE 2014 672/2014/R/GAS AGGIORNAMENTO, PER IL TRIMESTRE 1 GENNAIO - 31 MARZO 2015, DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE PER IL SERVIZIO DI TUTELA E MODIFICHE

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE 3 5 4 6 1 2 7 8 9 10 11 Pag. 1 di 9 12 13 14 15 16 18 19 Pag. 2 di 9 20 Pag. 3 di 9 21 Pag. 4 di 9 22 Pag. 5 di 9 RIEPILOGO DATI FATTURA 1 INTESTATARIO DELLA FORNITURA: sono i dati che identificano il

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

GUIDA DI ORIENTAMENTO

GUIDA DI ORIENTAMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI ORIENTAMENTO ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 DEFINIZIONE DI BOLLETTA... 3 2 LE PRINCIPALI VOCI DI COSTO DELLA BOLLETTA... 3 2.1 Servizi

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli