RASSEGNA WEB DEL 17 settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA WEB DEL 17 settembre 2013"

Transcript

1 RASSEGNA WEB DEL 17 settembre 2013 POLITICA E ISTITUZIONI... 3 DECRETO IMU. ALLA CAMERA IL VICEDIRETTORE MAGISTRO PER UNA AUDIZIONE INFORMALE... 3 PENALI SLOT: VOLPE (ADM), SANZIONI AMMONTANO A 2,4 MLD, NON RIGUARDANO DANNO ERARIALE... 5 MERCATO... 5 ENTRATE TRIBUTARIE, NEI PRIMI 7 MESI INCASSATI DA GIOCHI 4,085 MLD (-6,3%)... 5 GIOCHI, E' IN CRISI ANCHE LA DEA BENDATA... 5 OPINIONI E COMMENTI... 6 FEDERCONSUMATORI. FISSARE LIMITE MASSIMO DI 2 APPARECCHI E DESTINARE LO 0,3% DELLE GIOCATE A CURA DEI GIOCATORI... 6 ASTRO: SE IL GIOCO NON AUTORIZZATO NON È PERSEGUIBILE, CHE SENSO HA L ATTUALE SISTEMA?... 6 BARBATI (IDV): FERMIAMO GLI SPOT CON I TESTIMONIAL VIP... 7 NEWSLOT E VLT... 8 NEWSLOT 2 FINO AL 2018, A BREVE LA PUBBLICAZIONE DEL DECRETO ATTUATIVO PER LE REGOLE DI PRODUZIONE DELLE NEWSLOT NEW SLOT 3, TUTTE LE NOVITÀ DEL DECRETO AAMS: CONCESSI 30 GIORNI ALLE COMMA 6 A... 8 NEW SLOT 3: ENTRO IL 20 SETTEMBRE LE OSSERVAZIONI DEGLI OPERATORI... 9 TRENTO: LA GIUNTA PROVINCIALE APPROVA FINANZIAMENTO A SOSTEGNO DEGLI ESERCIZI SENZA SLOT... 9 IL COMUNE DI CAGLIARI ADERISCE AL MANIFESTO NO SLOT... 9 IL COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO (VR) ADERISCE AL MANIFESTO NO SLOT TRIESTE: CONCORRENZA SLOVENA E CRISI ECONOMICA SVUOTANO LE SALE GIOCHI SCOMMESSE, POKER E ONLINE GTECH: GIULIO ASTARITA È IL NUOVO POKER DIRECTOR DI POKERCLUB CRONACA CASINÒ: FEDERGIOCO PRESENTA A SINDACATI BOZZA DEL CCNL DELLE CASE DA GIOCO NIENTE SARÀ COME PRIMA CASINÒ CAMPIONE, FAGONE CHIEDE INCONTRO AL PRESIDENTE DI MATTEO SPONSORIZZAZIONI VIRTUS ROMA, AL VIA LA NUOVA CAMPAGNA ABBONAMENTI MONDO GRECIA: CASINÒ IN CRISI ANCHE NEL 2013, NEI PRIMI 8 MESI INCASSI IN CALO DEL 9,5% GIOCO ONLINE NEL REGNO UNITO: RGA "TASSAZIONE OLTRE IL 10% FAREBBE FUGGIRE GLI OPERATORI" IL CAPO DELLE OPERAZIONI WILLIAM REEVE LASCIA PADDY POWER A CURA DELL UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DI GAMENET S.P.A.

2 Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 2

3 POLITICA E ISTITUZIONI DECRETO IMU. ALLA CAMERA IL VICEDIRETTORE MAGISTRO PER UNA AUDIZIONE INFORMALE (JAMMA 17/09/2013) Luigi Magistro, vicedirettore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, è stato sentito oggi alla Camera dai parlamentari membri della Commissione Bilancio nell ambito dell iter di conversione del dl contenente disposizioni urgenti in materia di IMU. Com è noto infatti il provvedimento che ha avuto il via libera del Governo a fine agosto prevede la soppressione della prima rata dell Imu e la copertura finanziaria dovrà essere garantita, per almeno 600 milioni di euro, attraverso la chiusura del contenzioso contabile tra la Corte dei Conti e le società concessionarie della rete di connessione delle newslot. Nel corso di un audizione presso la Commissione Finanze della Camera sulle tematiche relative ai giochi ed alle scommesse che si è svolta il 27 luglio 2011, l allora il Direttore generale dell Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS), Raffaele Ferrara, ha illustrato la questione delle maxisanzioni effettuando una ricostruzione storica della vicenda. Il Procuratore regionale per il Lazio della Corte dei conti nel dicembre 2007 ha citato in giudizio dieci concessionari del servizio pubblico di attivazione e conduzione operativa della rete per la gestione telematica del gioco lecito con vincite in denaro, mediante apparecchi di cui all articolo 110, comma 6, del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, per aver violato gli obblighi di servizio previsti dall articolo 22, comma 1, della legge n. 289 del 2002 e dalla convenzione di concessione, cagionando l inefficace funzionamento del servizio pubblico, nonché lo sperpero delle molteplici risorse finanziarie pubbliche impiegate, a vario titolo e in vario modo, nella prevenzione e nel contrasto del gioco illegale. Più specificamente, le inadempienze contestate riguardano: il mancato avviamento della rete telematica alla data del 13 settembre 2004, nonché il mancato completamento della rete entro la data del 31 ottobre 2004; il mancato completamento dell attivazione della rete entro il 31 dicembre 2004; a far data dal 1 gennaio 2005, il mancato inserimento in rete di molti apparecchi installati e muniti di nulla osta per la messa in esercizio; dal 1 luglio 2005, il mancato rispetto dei livelli di servizio relativi allo scambio di informazioni con l Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato. Poiché il livello di servizio prevedeva la fornitura del messaggio di risposta ai fini della raccolta dei dati di gioco, tramite il gateway di accesso, entro trenta minuti dalla richiesta, era prevista l applicazione, in caso di inosservanza, di una penale di 50 euro per ogni ora di ritardo dopo i primi trenta minuti di tolleranza. Per ogni giorno di ritardo nell avviamento della rete era stabilita una sanzione di euro, mentre per ogni giorno di ritardo nel completamento dell attivazione della rete era prevista una sanzione di euro; inoltre, per ogni apparecchio non in rete dopo il 1 gennaio 2005, la sanzione applicabile era di 5 euro; ciò ha determinato un calcolo delle penali, secondo la richiesta del Procuratore regionale, pari a circa 98 miliardi di euro. Tutti gli inadempimenti contestati ai concessionari dalla Corte dei conti si sono verificati nella fase di startup del sistema, dal 2004 al 2005, quando si sono susseguite normative che prevedevano termini di attuazione particolarmente stringenti. Dopo la prima udienza di discussione del 4 dicembre 2008 è stata emessa ordinanza con la quale la Sezione regionale della Corte dei conti ha sospeso i giudizi in attesa delle decisioni della Cassazione sui regolamenti preventivi di giurisdizione proposti dalle società concessionarie. Con ordinanze dal n /09 al n /09 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno respinto i ricorsi e dichiarato la giurisdizione della Corte dei conti, rilevando l infondatezza dei ricorsi perché la causa petendi dell azione della procura regionale è il danno erariale conseguente alla ritardata attivazione, all omessa realizzazione dei previsti collegamenti della rete, nonché all inefficace funzionamento del sistema di gestione e controllo del gioco in denaro e quindi alla impossibilità di verificare la conformità del gioco con vincite in denaro alla normativa in vigore con conseguente sperpero delle molteplici risorse finanziarie impiegate in tali finalità e il petitum è rappresentato proprio dallo spreco delle risorse finanziarie impiegate inutilmente. Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 3

4 Con sentenza n. 214/2012 emessa della Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio, e depositata il 17 febbraio 2012, i dieci concessionari di rete sono stati condannati al risarcimento di circa 2,5 miliardi di euro. Le sanzioni amministrative Per quanto riguarda l attività amministrativa dell AAMS, le sanzioni calcolate dal Procuratore regionale per il Lazio della Corte dei conti sono state irrogate con appositi provvedimenti ai dieci concessionari, i quali hanno proposto ricorso giurisdizionale al TAR per il Lazio. Il TAR Lazio ha annullato i provvedimenti, ritenendo che essi fossero stati emanati dall Amministrazione violando i diritti di partecipazione dei concessionari al procedimento sanzionatorio e, soprattutto, cumulando tutte le penali possibili dalla scadenza dei vari termini, senza rispettare il principio di proporzionalità e omettendo di verificare la coerenza delle stesse con l equilibrio del sinallagma nella prestazione del servizio. Va ricordato, peraltro, che la Commissione Finanze della Camera aveva approvato, già a luglio 2007, la risoluzione n , che impegnava il Governo ad adottare tutte le necessarie iniziative, anche di carattere normativo, affinché il Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato procedesse, d intesa con i soggetti interessati, alla revisione delle convenzioni di concessione, prevedendo, in particolare, che l eventuale applicazione di penali fosse disposta nel rispetto dei principi di ragionevolezza e proporzionalità. I contenuti della risoluzione erano fatti propri dall allora Vice-Ministro dell economia Visco, il quale emanava apposita direttiva rivolta al direttore generale dell Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato. In attuazione del richiamato atto d indirizzo, veniva predisposto un atto aggiuntivo alla convenzione di concessione, finalizzato, tra l altro, alla rimodulazione del sistema delle penali, attuata introducendo, accanto al principio del danno effettivamente arrecato, anche i principi di ragionevolezza e proporzionalità. L atto aggiuntivo veniva sottoposto al preventivo esame, in sede consultiva, del Consiglio di Stato, il quale esprimeva il proprio assenso, osservando, peraltro, che la Commissione prevista dall articolo 27, comma 4, della convenzione di concessione, cui era demandata la definizione delle procedure e dei criteri per la rilevazione, il calcolo e l arrotondamento delle penali, dovesse essere costituita da tre esperti estranei all Amministrazione. Successivamente, sulla base della nuova formulazione recepita nell atto aggiuntivo, l Amministrazione riavviava, nei confronti dei concessionari, il procedimento sanzionatorio relativo a tutte e quattro le penali, con specifica riserva, in relazione alla quarta, di dare corso ad ulteriori attività all esito dei lavori della suddetta Commissione. Sono state comminate, quindi, le prime tre sanzioni, per gli inadempimenti relativi ai seguenti obblighi convenzionalmente assunti dai concessionari: avviamento della rete telematica entro il settantacinquesimo giorno dalla data di pubblicazione dell elenco dei concessionari, collegando un numero di apparecchi pari ad almeno il 5 per cento del numero di apparecchi di gioco indicati nella dichiarazione iniziale; completamento dell attivazione della rete entro il 31 ottobre 2004, collegando il 95 per cento degli apparecchi di cui all articolo 3, comma 1, lettera d), punti 3 e 4, della convenzione; collegamento del residuo 5 per cento degli apparecchi entro il 31 dicembre I concessionari hanno proposto impugnativa davanti al TAR per il Lazio, il quale, con sentenze depositate nei mesi di novembre e dicembre 2009, ha respinto i ricorsi, ritenendo che i provvedimenti sanzionatori fossero immuni dai vizi prospettati in sede giurisdizionale. Tuttavia, i concessionari hanno appellato le sentenze del TAR, che sono state annullate dal Consiglio di Stato. Pertanto, per quanto riguarda le prime tre penali, dunque, i concessionari nulla devono, allo Stato. Con riferimento, invece, al mancato rispetto dei livelli di servizio e allo scambio telematico di informazioni con l Amministrazione (quarta penale), la Commissione tecnica predisponeva, a luglio 2009, una relazione Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 4

5 nella quale, oltre a definire i criteri da utilizzare per la concreta determinazione delle penali previste in relazione al funzionamento del gateway di accesso che definiamo, con locuzione riassuntiva, quarta penale manifestava il timore che l entità di tali penali, ove travalicasse determinati limiti di equilibrio contrattuale, potesse violare i principi di ragionevolezza e proporzionalità. Conseguentemente, la commissione invitava l Amministrazione a valutare la possibilità di adottare misure correttive idonee a ricondurre a razionalità amministrativa l applicazione del sistema sanzionatorio. Il Consiglio di Stato, con il parere n del 2010, ha avallato in quanto idoneo a consentire una quantificazione correlata a tutti gli elementi rilevanti e l adozione di una penale coerente con il pregiudizio arrecato all interesse pubblico il criterio della modulazione degli importi delle penali, in funzione della durata di ciascun inadempimento e del numero degli apparecchi coinvolti, fino a un limite massimo. A febbraio 2011 l AAMS ha notificato ai dieci concessionari di rete gli atti di contestazione relativi all inadempimento del livello di servizio sulla base dei criteri applicativi individuati dalla Commissione tecnica e tenuto conto della rimodulazione del sistema di determinazione delle penali convenzionali, nel frattempo intervenuta nell ottica dei principi di ragionevolezza e proporzionalità. I provvedimenti di irrogazione delle penali sono stati adottati nei mesi di gennaio e febbraio 2012, all esito di un procedimento svolto in contraddittorio con i concessionari interessati, e sono stati successivamente impugnati dalle medesime società dinnanzi al giudice amministrativo. Il Tar Lazio, con sentenze depositate il 17 giugno 2013, ha accolto i ricorsi dei concessionari, rilevando la mancanza dei necessari presupposti per l applicazione della penale, individuati nell imputabilità ai concessionari dell inadempimento alla relativa clausola convenzionale e nell esistenza di un comprovato danno effettivo per l amministrazione conseguente al predetto inadempimento imputabile. PENALI SLOT: VOLPE (ADM), SANZIONI AMMONTANO A 2,4 MLD, NON RIGUARDANO DANNO ERARIALE (AGIMEG - 17/09/2013) Le sanzioni a carico dei concessionari slot sono di natura contrattuale, non riguardano un danno erariale, non è mai stata una questione di omesso versamento di tributi, quei 98 miliardi erano una posta di natura patrimoniale e non tributaria. Lo ha ricordato, nel corso di un audizione alla Camera, Italo Volpe, direttore centrale Normativa e Affari legali dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, aggiungendo che questa somma fortemente ingente di 98 miliardi nei fatti non esiste più, perché ormai si tratta di cifre molto più contenute. La sanzione a carico dei concessionari è infatti passata a 2,475 miliardi: la sentenza di appello della Corte dei Conti, ha aggiunto Volpe, è attesa non prima dell anno prossimo. Intervenendo in audizione, Luigi Magistro, vice direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha sottolineato che gli anni a cui si riferiscono le sanzioni sono storia anche per noi: eravamo nello start up di tutto questo sistema, e a quell epoca si partì lancia in resta per mettere in piedi un sistema estremamente complesso. Probabilmente mancava qualche condizione per realizzarlo perfettamente. rov/agimeg MERCATO ENTRATE TRIBUTARIE, NEI PRIMI 7 MESI INCASSATI DA GIOCHI 4,085 MLD (-6,3%) (AGIMEG - 17/09/2013) Le entrate tributarie del bilancio dello Stato provenienti dai giochi (Lotto e lotterie), incassate nei primi sette mesi del 2013, si attestano a 4,085 miliardi di euro, in calo dello 6,3% rispetto ai 4,358 miliardi dello stesso periodo E quanto si legge nel Rapporto sulle entrate tributarie e contributive del Ministero dell Economia. La flessione del 6,3% riguarda le entrate incassate: per quanto riguarda la competenza, le entrate nei primi 7 mesi del 2013 provenienti da Lotto e lotterie si attestano a 7,317 miliardi di euro, in aumento dello 0,4% rispetto ai primi 7 mesi dell anno scorso. lp/agimeg GIOCHI, E' IN CRISI ANCHE LA DEA BENDATA (AGICOS 17/09/2013) Ancora flessione, per quanto riguarda le entrate tributarie provenienti dai giochi. Per il periodo gennaio-luglio 2013 parliamo di uno 0,5%. Non è una percentuale clamorosa, ma si tratta, Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 5

6 comunque, di 34 milioni di euro... Cosa vuol dire? Intanto che non è così vero che la gente quando c'è crisi continua a giocare. Finiscono i soldi per la spesa, per la vita sociale e, fisiologicamente, anche per tentare la fortuna. Poi, la cosa più importante, che se si pensa di tassare il gioco a dismisura ci si sbaglia di grosso. Non possono reggere gli operatori e, volendo, nemmeno i fruitori. Il margine di guadagno, attualmente, per tante poker room, per fare un esempio, è ridotto all'osso e, recentemente, molte hanno chiuso. Anche sulle scommesse la pacchia è finita. Ora lo Stato deve cominciare a fare due conti, onesti, affinché un settore che è esploso poco tempo fa non imploda. L'Italia é stato il Paese che si è dato una regolamentazione con maggiore rapidità, ora la stessa tempistica deve proporla per correre ai ripari. Si gioca oggi una partita che determinerà i prossimi cinque anni. Perderla significherà perdere introiti e posti di lavoro. Jack Bonora Direttore Responsabile Agicos OPINIONI E COMMENTI FEDERCONSUMATORI. FISSARE LIMITE MASSIMO DI 2 APPARECCHI E DESTINARE LO 0,3% DELLE GIOCATE A CURA DEI GIOCATORI (JAMMA 17/09/2013) La settimana scorsa si legge in una nota di Federconsumatori è stata approvata dal Parlamento una mozione che vieta per un anno l apertura di nuovi centri per i giochi d azzardo elettronico on-line e nei luoghi aperti al pubblico. All indomani di tale decisione il Governo, piuttosto che riflettere su come intervenire razionalmente in questo delicato settore, per arginare il crescente fenomeno delle dipendenze da gioco d azzardo, ha preferito dare udienza ai rappresentanti della lobby del gioco, che lamentano una caduta degli introiti provocata dalla pausa nell espansione dei centri di gioco. Invitiamo il Governo ad ascoltare, piuttosto, le proposte avanzate da chi tutela i diritti e gli interessi dei cittadini, come Federconsumatori e Adusbef. In tal senso riteniamo necessario procedere ad una seria riduzione degli apparati presenti nelle sale gioco ponendo il limite massimo di 2 apparati per ogni centro, destinando inoltre almeno lo 0,3% delle giocate alle cure delle vittime del gioco d azzardo patologico. Le patologie legate al gioco e le conseguenze socio-economiche ad essa correlate, infatti, stanno assumendo dimensioni allarmanti: per volume di gioco siamo il primo paese in Europa ed il terzo nel mondo. Le sale da gioco (fisiche e on-line) continuano a crescere e si sta generando un fenomeno di cui dovremmo preoccuparci tutti: le società di giochi stanno abbassando gli importi delle giocate per favorire l accesso di massa. Il sistema di gioco impone, infatti, investimenti tecnologici, che vengono finanziati dalle banche. Queste ultime possono rientrare dall investimento più facilmente se si allarga la platea dei giocatori. A fare le spese di questo sistema potrebbero essere i cittadini, in particolare gli anziani e le famiglie meno abbienti, che risentono sempre piu della crisi e sperano nelle vincite facili e vedono nelle lotterie una via d uscita. Chi governa il Paese ha il dovere d intervenire disponendo severe norme per combattere questa nuova piaga e adottando strategie in grado di arginare la diffusione di massa del gioco, specialmente per quanto riguarda i giovani e le fasce meno abbienti. ASTRO: SE IL GIOCO NON AUTORIZZATO NON È PERSEGUIBILE, CHE SENSO HA L ATTUALE SISTEMA? (JAMMA 17/09/2013) Nelle scorse giornate si è più volte evidenziato l impatto del gioco non autorizzato sul sistema industriale governato dall Amministrazione Finanziaria, ravvisandone una estensione tale da poter essere valutato oramai come circuito a tutti gli effetti parallelo. Sino a qualche tempo fa si poteva si legge in una nota dell associazione Astro argomentare che non autorizzato equivaleva a illegale : si riponeva fiducia sulla tesi relativa al costo della legalità, che Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 6

7 diventa infruttifero e improduttivo, laddove non accompagnato da una istituzionale campagna a tutela del circuito autorizzato, premiante e incentivante, invece, se assistito da un efficace tentativo di smantellamento della concorrenza commerciale perpetrata dai servizi di gioco che stanno al di fuori delle autorizzazioni. Oggi, da una corretta e compiuta disamina, è meglio non avventurarsi in facili accostamenti terminologici, in quanto anche il Prodotto non autorizzato, e persino quello appositamente sanzionato a causa della sua autorizzazione mancante, può finire per essere assolto da qualche giudice, in applicazione (giusta o sbagliata non importa) di una complessiva normativa che, oggettivamente, sta consentendo quei margini di aleatorietà interpretativa da cui discende la possibilità di trasformare in non perseguibile (ovvero quasi lecito benché non del tutto lecito, un po come accadeva per i videopoker degli anni 90) ciò che sta fuori dal contesto autorizzato. Come già accaduto negli anni 90, quindi, l industria del non autorizzato difficilmente perseguibile si evolve, si espande, indebolisce il gioco legale che paga le tasse vere, e prima o poi si presenterà con la forza dei suoi numeri per pretendere la conversione del suo status da anarchico a riconosciuto e regolamentato, mettendo sul piatto della povera bilancia statale una forza finanziaria derivante da anni di risparmio di imposta. I Centri di scommesse non autorizzati crescono come funghi, e per ognuno che se ne chiude (con conseguenze penali a carico dei tenutari al limite dell inesistente, oltre a ripercussioni fiscali e amministrative irrisorie per i nulla tenenti che vengono selezionati come responsabili dei punti vendita), ne spuntano due nuovi. Soluzioni tecnologiche per offrire gioco on line non autorizzato su base terrestre nei bar si affermano ogni giorno di più, e non sono più un derivato di pittoresca illegalità di bottega, ma costituiscono pianificazioni di business per gruppi industriali stranieri che iniziando dalle nostre regioni di confine stanno entrando nel mercato italiano fagocitando proprio quella piccola illegalità di quartiere a cui si era abituati a convivere per la sua estrema marginalità di azione e di forza commerciale. Un Totem promogames, un centro scommesse privo di concessione, sono realtà che possono anche rivelarsi infruttifere (o comunque di esiguo impatto) in certi contesti; eppure quando vengono aggrediti da un sequestro o da una sanzione, fanno muovere circuiti di assistenza e patrocinio simili a quelli che connotano la tutela di una vera industria. Al cospetto di tutto ciò, l industria del gioco lecito si presenta nel suo rinnovato e non più sopportabile status di cornuto e mazziato, ovvero di tradito da uno Stato che dimentica ciò che ha preso dal gioco legale, dipingendolo come arma chimica distruttiva del tessuto sociale del Paese, nonché perseguitato dalla bramosia di vendetta fiscale innescata dalla campagna mediatica. Qualche scanzonato commentatore potrebbe limitarsi a collocare il tutto nell antico adagio secondo il quale, in Italia, chi ruba una mela va in galera, mentre chi si appropria di un miliardo fa carriera. A parte il qualunquismo (che comunque ha oramai diritto di cittadinanza ufficiale nell ambito del più ampio contesto del disfattismo), chi fa industria deve porsi il problema di come tutelare il costo che sostiene per lavorare nei soli limiti dell autorizzato. In altri settori si è orami pensato di abbandonare l obiettivo della tutela a favore nel solo ammortamento dello stesso (abbassando il costo del lavoro, esternalizzando fuori confine la produzione effettiva, investendo nella consulenza fiscale per i rapporti estero su estero, rinegoziando al ribasso oneri concessori per servizi e opere pubbliche). Il gioco lecito non ha questi strumenti, per il semplice fatto che il portafoglio dei prodotti autorizzati è in capo all Amministrazione Finanziaria. E questo il contesto che sta rendendo paludoso il terreno in cui l industria del gioco lecito si ritrova costruita, e che ne sta agevolando l inevitabile sprofondamento. BARBATI (IDV): FERMIAMO GLI SPOT CON I TESTIMONIAL VIP (JAMMA 17/09/2013) Aumentano le firme raccolte per la nostra proposta di legge di iniziativa popolare per il divieto assoluto e totale dei giochi d azzardo; sempre più cittadini ci manifestano solidarietà e Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 7

8 appoggio contro questa lotteria della disperazione che come Italia dei Valori vogliamo fermare dichiara Liana Barbati, presidente del gruppo assembleare. Mentre il Governo condona i concessionari dell evaso degli anni passati, noi andiamo avanti e allarghiamo il campo di battaglia. Non bastano leggi che impediscano l apertura di nuovi centri per i giochi d azzardo, dobbiamo incidere sul piano culturale: fermiamo gli spot con i testimonial vip come Elisabetta Canalis. Come quantificare la delusione nel vedere l ex James Bond Pierce Brosnan partecipare ad uno spot che pubblicizza un casinò on line? O quella provata nel vedere un giocatore di altissimo livello come Rafa Nadal testimonial per un sito di poker on line? In tutta Italia ci sono banchetti per la raccolta firme: firmate per fermare i vip che pubblicizzano la rovina delle persone, che giocano con le nostre vite e soldi prosegue la responsabile nazionale per i diritti civili. Anche se a livello regionale ho percorso tutte le strade giuridiche possibili, da ultimo con l approvazione della legge di cui sono stata relatrice, la condotta del Governo continua a vanificare e beffare gli sforzi intrapresi per contrastare il fenomeno: per questo motivo, nella mozione che presenterò a breve, non solo si esprimerà censura per l operato del Governo, ma verrà sollecitata l approvazione della proposta di legge d iniziativa popolare di cui l Italia dei Valori è promotrice, per una legge maggiormente restrittiva che superi l ormai (tristemente) noto decreto Balduzzi conclude la consigliera regionale. (Liana Barbati, Presidente gruppo assembleare Italia dei Valori, Responsabile nazionale diritti civili) NEWSLOT E VLT NEWSLOT 2 FINO AL 2018, A BREVE LA PUBBLICAZIONE DEL DECRETO ATTUATIVO PER LE REGOLE DI PRODUZIONE DELLE NEWSLOT 3 (JAMMA 17/09/2013) Indiscrezioni di questi giorni danno per imminente la pubblicazione del decreto attuativo per le nuove caratteristiche tecniche degli apparecchi automatici con vincita limitata. Le voci confermano la possibilità di installare gli apparecchi acquistati ora fino al 31 dicembre Sembra confermato anche che la procedura di rinnovamento delle attuali Newslot dovrà avvenire entro i prossimi quattro anni mentre decade l obbligo di installarne già un 10% dell installato entro il 31 dicembre Questo perché entro il primo gennaio 2015 dovranno essere rimossi dagli esercizi gli apparecchi con nulla osta di esercizio datato 2008 e 2009, entro gennaio 2016 quelli con nulla osta d esercizio rilasciato negli anni 2010 e 2011, entro il primo gennaio 2017 quelli con nulla osta d esercizio del 2012, entro il primo gennaio 2018 tutti gli altri. Si potranno ancora acquistare Newslot 2, ovvero tutti i modelli certificati con esito positivo della verifica tecnica di conformità rilasciato prima della pubblicazione del decreto di attuazione delle nuove regole tecniche. La pubblicazione del decreto porterà finalmente luce nel settore della raccolta dove gli operatori potranno pianificare programmi di investimento sulla base di informazioni ufficiali. Non mancano problemi nelle operazioni che porteranno al rinnovo degli apparecchi e restano ancora molti dubbi sulla capacità di raccolta delle macchine con i nuovi requisiti, intanto c è già chi sta sperimentando una versione leggera della VLT da proporre nei prossimi giorni ai dirigenti dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. NEW SLOT 3, TUTTE LE NOVITÀ DEL DECRETO AAMS: CONCESSI 30 GIORNI ALLE COMMA 6 A (GIOCONEWS 17/09/2013) Sperimentazione fino a ottobre 2014 e omologazioni delle comma 6 A solo fino a 30 giorni dall uscita del decreto. Sono queste le novità della bozza di decreto attuativo che sancisce l avvio della produzione della nuova generazione di slot machine. Il testo è stato inviato nelle scorse ore alle varie associazioni di categoria del Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 8

9 comparto, le quali nel prendere atto della nuova norma potranno effettuare le loro eventuali osservazioni. Dopo di che il testo sarà pronto per l adozione, che potrà avvenire già entro la fine del mese. Confermate tutte le anticipazioni di Gioconews.it rispetto ai tempi del ricambio delle macchine, confermata anche l introduzione di un periodo di sperimentazione delle nuove slot. I tempi previsti nel documento dei Monopoli stabiliscono che a marzo 2014 ci sarà la sperimentazione delle reti e a ottobre 2014 si avvierà quella delle apparecchiature. Fondamentale, inoltre, la scadenza per l immatricolazione delle attuali comma 6 A. Le ultime macchine potranno essere omologate solo entro i 30 giorni successivi alla pubblicazione del decreto. Dopo di che si potranno richiedere soltanto le verifiche delle nuove slot machine. NEW SLOT 3: ENTRO IL 20 SETTEMBRE LE OSSERVAZIONI DEGLI OPERATORI (GIOCONEWS 17/09/2013) La bozza di decreto sulle New Slot 3, che i Monopoli hanno inviato agli opertaori, precisa che gli operatori hanno tempo fino al 20 settembre per presentare le loro osservazioni. A partire dal primo gennaio 2015 non sono più rilasciati 'certificati di esito positivo della verifica tecnica di conformità salvo per le richieste di verifica già presentate. Per quanto riguarda la decadenza dei nulla osta di esercizio (che determina cioè il tempo di vita delle attuali comma 6a e, di conseguenza, la sostituzione graduale del parco macchine tra vecchie e nuove slot), i Monopoli precisano che quelli la cui data di primo rilascio è avvenuta negli anni 2008 e 2009 decadono il 31 dicembre 2014; negli anni decadono il 31 dicembre 2015; nell'anno 2012 decadono il 31 dicembre 2016; nell'anno 2013 e 2014 decadono il 31 dicembre SPERIMENTAZIONE - Al fine di conseguire il più alto livello possibile di sicurezza degli apparecchi e del collegamento con la relativa rete telematica di gestione, "si rende necessaria una fase di sperimentazione che coinvolga tutte le componenti della rete stessa e assicuri quantomeno l'esecuzione di prove mediante strumenti e procedure di simulazione, test di integrazione tra le varie componenti della rete stessa nonchè test funzionali di esercizio sui prototipi di apparecchio in condizioni di effettivo funzionamento presso i punti vendita". TRENTO: LA GIUNTA PROVINCIALE APPROVA FINANZIAMENTO A SOSTEGNO DEGLI ESERCIZI SENZA SLOT (JAMMA 17/09/2013) Solo i locali che non installano al loro interno apparecchi da gioco potranno beneficiare di finanziamenti provinciali sugli investimenti. Lo ha deciso la Giunta provinciale di Trento approvando il regolamento per la norma approvata recentemente con la legge finanziaria provinciale 2013 in materia di contributi a favore degli esercizi commerciali e degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. «La Giunta ha sottolineato l assessore Alessandro Olivia ha deciso di valorizzare la scelta di quegli esercenti che, in occasione di investimenti, decidono di non installare apparecchi da gioco nei loro locali. Si è scelta questa strada perché più adatta rispetto alle ipotesi emerse nel corso dell approvazione della recente manovra finanziaria, come quella che intendeva proporre agevolazioni Irap, di fatto inapplicabili». IL COMUNE DI CAGLIARI ADERISCE AL MANIFESTO NO SLOT (JAMMA 17/09/2013) Su proposta dell assessore agli Affari Generali Paola Piras è stata approvata la delibera che prevede l adesione al Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d azzardo. E il documento con cui i sindaci chiedono una nuova legge nazionale fondata sulla riduzione dell offerta e della facilità di accesso al gioco d azzardo, su un adeguata informazione rispetto alle conseguenze e su un attività decisa di prevenzione e cura. Nel manifesto si chiedono, inoltre, leggi regionali in cui siano chiari e definiti i compiti delle Regioni per la cura dei giocatori patologici, per la prevenzione dai rischi del gioco d azzardo e per il sostegno alle azioni degli enti locali. Ancora, si richiede che sia consentito il potere di ordinanza dei sindaci sugli orari di apertura delle sale da gioco e sia richiesto ai Comuni il parere preventivo e vincolante per l installazione dei giochi d azzardo. Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 9

10 IL COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO (VR) ADERISCE AL MANIFESTO NO SLOT (JAMMA 17/09/2013) Il Movimento 5 Stelle San Giovanni Lupatoto ha richiesto ed ottenuto la sottoscrizione Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d azzardo da parte del Sindaco e del Consiglio Comunale tutto. Il manifesto è promosso da Terre di mezzo e Legautonomie, e la nostra amministrazione si è così unita ad altre 250 che chiedono di essere messe in condizione di agire a contrasto del fenomeno, allo scopo di limitarne le conseguenze negative sulle proprie comunità locali. Attraverso la sottoscrizione del Manifesto, dapprima il Movimento 5 Stelle e poi il Comune di San Giovanni Lupatoto lanciano un appello importante già molto sentito su tutto il territorio veronese e nazionale: i Sindaci devono avere il potere di emettere delle ordinanze per definire l orario di apertura delle sale gioco e per stabilire le distanze dai luoghi sensibili, devono poter dare parere preventivo e vincolante per l installazione dei giochi d azzardo. Solo aggiungendo questi strumenti si può intervenire in modo più incisivo e coerente attraverso gli Statuti Comunali, i Piani di Governo del Territorio, i Regolamenti (di Polizia Locale, del commercio, della pubblicità, delle sale gioco). Terre di mezzo e Legautonomie hanno affiancato al Manifesto anche la scrittura di una proposta di legge quadro di iniziativa popolare per definire gli aspetti più problematici del gioco d azzardo. Essa verrà presentata e sottoscritta il 9 Ottobre a Palazzo Marino, a Milano. Quali sono li scopi? Definire un reale divieto di accesso da parte dei minori, una tassazione più equa rispetto a quella delle altre imprese, un controllo più rigoroso sia dei flussi di denaro anche dei concessionari, una moratoria per l installazione di nuovi giochi, la limitazione dei messaggi pubblicitari (seguendo l esempio di alcolici e tabacchi). Si chiede che i Sindaci abbiano la prerogativa e il parere vincolante sull apertura di sale da gioco, proprio perché è compito primo dell amministratore locale la salvaguardia e lo sviluppo del benessere dei propri cittadini, e quindi la vigilanza su dove queste sale possono essere, gli orari, chi ci può accedere, ecc. L obiettivo della proposta di legge è tutelare il diritto alla salute, sancito dalla Costituzione e riconosciuto a livello nazionale e regionale, ma di fatto messo a rischio dal dilagare delle strutture che promuovono il gioco d azzardo legale. TRIESTE: CONCORRENZA SLOVENA E CRISI ECONOMICA SVUOTANO LE SALE GIOCHI (JAMMA 17/09/2013) La vicinanza con la Slovenia e la crisi che continua a mordere non fanno funzionare a Trieste nemmeno le sale slot. Che sono spuntate come funghi negli anni passati, ma ora iniziano a evidenziare scricchiolii. Al punto che un sito specializzato nella vendita di immobili ai cinesi fin dallo scorso giugno pubblica l inserzione relativa alla messa sul mercato della più importante struttura del genere in città. La struttura più bella e organizzata della città, non una semplice sala giochi o un agenzia di scommesse ma un mini casinò, era stata aperta nel 2011 negli spazi precedentemente occupati dagli sportelli di Equitalia. Era stato concepito per diventare l alternativa ai casinò sloveni. Ma la potenza delle strutture d oltreconfine che vengono a recuperare i clienti in centro città con tanto di limousine o di comodi furgoni, offrendo anche pranzo, cena o aperitivo pur di attrarre giocatori, non ha rivali. E anche le sale più piccole, la maggior parte delle quali nelle mani dei cinesi, non funzionano più. In tre anni a Trieste ne sono state aperte una quarantina, escludendo i piccoli corner realizzati in bar e trattorie. «In questo settore la vicinanza con la Slovenia si fa assolutamente sentire, spiega il responsabile di una sala in città i costi pazzeschi che noi siamo costretti a sostenere a livello fiscale non ci consentono di offrire ai clienti il trattamento extra che possono garantire le strutture slovene. È evidente che si fa difficoltà». Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 10

11 SCOMMESSE, POKER E ONLINE GTECH: GIULIO ASTARITA È IL NUOVO POKER DIRECTOR DI POKERCLUB (AGIMEG - 17/09/2013) Giulio Astarita è il nuovo Poker Director di PokerClub, la Poker Room Lottomatica considerata una delle migliori realtà dagli appassionati. Nel mondo del poker online è considerato un vero e proprio asso, con una schiera di sostenitori al pari di una star del gioco. Dopo la laurea in Economia Aziendale conseguita all Università degli Studi Federico II di Napoli, Giulio Astarita inizia la sua carriera destreggiandosi nel marketing in tutte le sue sfaccettature, dall automotive alle aziende manifatturiere. Con un MBA in Business Administration presso il Politecnico di Milano, nel 2008 Giulio Astarita fa il suo ingresso nel mondo del gioco. Approda in Gioco Digitale (in seguito Bwin Italia) in qualità di Marketing & Product Poker Manager. Ed è qui che il suo nome inizia a far breccia nel mondo del poker online. Fino ad arrivare, nel 2010, ad assumere la carica di Poker Room & Operations Manager di PokerStars Italia, dove colleziona una serie di successi che lo consacrano definitivamente come un punto di riferimento per il settore. Il 2013 segna l arrivo di Giulio Astarita nel Gruppo Gtech, in qualità di Poker Director di PokerClub, la Poker Room Lottomatica. Qui si occuperà di coordinare il team, cercando di migliorare ancora di più l offerta di gioco. Grazie alla notevole esperienza acquisita sul campo, contribuirà infatti a rendere la Poker Room più performante, venendo incontro alle richieste dei giocatori. Oltre al benchmarking e alla gestione del budget a disposizione per tutta le attività promozionali, dagli eventi live e online alle campagne pubblicitarie, Astarita curerà direttamente i rapporti con gli stakeholder. Sono felicissimo di essere in PokerClub. conferma Astarita Ho una sola richiesta: dateci tempo e fiducia. Il tempo ci serve per mettere a posto quello che si deve migliorare, è nostro interesse che sia un intervallo quanto più breve possibile. Fiducia perché, poco alla volta, cambieranno tante cose. Mi auguro che i nostri giocatori siano lieti di provarle e darci il loro feedback. Con tutto il Poker Team saremo sempre pronti ascoltarli perché vogliamo davvero vincere questa sfida. lp/agimeg CRONACA CASINÒ: FEDERGIOCO PRESENTA A SINDACATI BOZZA DEL CCNL DELLE CASE DA GIOCO (AGIMEG - 17/09/2013) Federgioco e le Organizzazioni Sindacali nazionali, territoriali e aziendali SLC/CGIL, FISASCAT/CISL, RLC, SAVT, SNALC/CISAL, UILCOMIUIL, UGL Terziario e USB si sono incontrate oggi nell ambito degli incontri programmati dedicati alla definizione del Contratto collettivo nazionale del lavoro delle Case da Gioco, oltre che all approfondimento dei temi economici, normativi e istituzionali relativi ai casinò italiani. Nel corso dell incontro il presidente di Federgioco Marco Cambiaso ha consegnato la bozza del CCNL, approvata dal Consiglio Direttivo di Federgioco e proposta alle Organizzazioni Sindacali al fine di avviare un confronto utile. Cambiaso ha inoltre esposto le iniziative già assunte verso gli organi di governo per la costituzione di un tavolo interministeriale che affronti il tema delia difesa e dello sviluppo del settore. Nel c0rso della discussione è stata evidenziata la necessità di contrastare la concorrenza sleale di altri operatori che non consentono alle aziende di perseguire e raggiungere i propri fini sociali verso i territori di riferimento. Inoltre, grande importanza è stata attribuita alla convergenza delle quattro case da gioco italiane verso un unico testo contrattuale di riferimento. E stato infine espresso l auspicio che lo sforzo innovativo delle aziende e dei lavoratori sia accompagnato da un iniziativa istituzionale volta a regolare il settore del gioco con una legge quadro e a definire strumenti normativi che consentano non solo la gestione della difficile crisi del settore, ma anche il suo rilancio in termini economici e occupazionali. Le prime osservazioni al testo saranno proposte neprossimo incontro, che s terrà il 14 ottobre. lp/agimeg NIENTE SARÀ COME PRIMA (GIOCONEWS 17/09/2013) Sembra una frase fatta, di quelle che si dicono quando si pensa che succederà chissà cosa e poi ti ritrovi alla fine con un bel pugno di mosche. Ma stavolta, pensando alla settimana che aspetta i casinò, c è davvero motivo per pronunciarla. Sono infatti almeno tre gli eventi clou che promettono di ridisegnare il futuro delle quattro case da gioco italiane. IL CCNL - Uno le riguarda tutte, ossia l avvio concreto della trattativa per giungere a un contratto collettivo nazionale di lavoro, che è Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 11

12 materialmente rappresentato dalla consegna di una prima bozza ai sindacati riuniti quest oggi a Sanremo. Il percorso sarà lungo, perché tante sono le divisioni interne, anche in casa sindacale, che renderanno i distinguo e gli ostacoli talvolta dei macigni piuttosto pesanti da spostare. Ma sembra davvero che questa sia la volta buona, e che aziende e sindacati abbiano fatto di necessità virtù. Condividendo dunque l urgenza di avere uno strumento che consenta loro di presentarsi con un maggior grado di rappresentatività anche ai tavoli politici e istituzionali. VENEZIA E LA PRIVATIZZAZIONE - In queste stesse ore il consiglio comunale di Venezia è alle prese con una discussione, che si preannuncia anch essa lunga (ma certo con tempi assai più ristretti) e che riguarda l avvio del processo di privatizzazione della gestione della Casa da gioco. Sono anni che se ne parla, anche perché molti, e su più fronti, si sono opposti a questo obiettivo che infatti anche l ex sindaco Massimo Cacciari aveva infatti deciso di non perseguire, ma anche in questo caso i tempi sono cambiati. E anche se ci sono molti scettici, sul fatto che questa operazione garantirà da un lato il rilancio della Casa da gioco, dall altro convenienti entrate al Comune, sia nel breve che nel medio termine, il dado sembra davvero tratto. E gli emendamenti (se ne attendono una pioggia) che dovrebbero arrivare direttamente nell aula del consiglio, potranno rallentare, ma assai difficilmente fermare un processo che poi sarà chiamato a due passaggi fondamentali: l approvazione dell atto da parte del Viminale e poi, soprattutto, la gara. Dopo le anticipazioni dei mesi scorsi, i rumours su presunte trattative in corso con potenziali gestori sembrano essersi fermati. Cosa c è dietro? Si è riusciti a stoppare la fuga di notizie o di notizie non ce ne sono più? IL FUTURO DI SAINT VINCENT - Veniamo a Saint Vincent. Gli occhi sono puntati sul prossimo incontro tra azienda e sindacati di mercoledì prossimo, quando l azienda illustrerà il piano industriale. Un piano di lacrime e sangue, secondo parte dei sindacati, anche se da parte aziendale si fa sapere che non sono previsti esuberi, semmai solo il pensionamento di chi ha già maturato i requisiti per andarci. E anche progetti per un futuro che, forte del massiccio investimento che la proprietà, ossia la Regione Val d Aosta, ha fatto per portare alla nascita del Saint Vincent Resort e Casino, si annuncia roseo. Certo è che dopo qualche mese di torpore politico e sindacale, il clima in Val d Aosta potrebbe tornare a farsi incandescente. Come del resto è inevitabile, quando si parla della principale azienda pubblica della Regione e di uno tra i più ingenti investimenti che la Regione ha compiuto negli ultimi anni. CASINÒ CAMPIONE, FAGONE CHIEDE INCONTRO AL PRESIDENTE DI MATTEO (GIOCONEWS 17/09/2013) Con una lettera indirizzata al presidente del Casinò di Campione Giulio di Matteo e per conoscenza al consiglio di amministrazione del Casinò e al prefetto di Como Michele Tortora, il segretario generale comasco dell Slc-Cgil, Giovanni Fagone, chiede un incontro urgente alla luce delle deludenti relazioni sindacali manifestate dal Ad del Casinò di Campione e al fine di avere risposte precise ed esaurienti in ordine alla situazione attuale della Casa da Giuoco e delle prospettive future. LA RICHIESTA DI DOCUMENTI - Nella lettera, Fagone chiede inoltre di poter ricevere, visto che non li ha avuti in passato, il bilancio consuntivo dell'esercizio 2012, nota integrativa dei sindaci revisori e rendiconto Finanziario, l elenco e contratti di appalto e ditte appaltatrici operanti all'interno della struttura del Casinò, informazioni sulla società Novomatic, in ordine e se esistenti, a contratti di comodato d'uso per le slot machines, informazioni sull'assetto societario della New-co Verve, relativo bilancio di chiusura d'esercizio, nota dei sindaci revisori e rendiconto finanziario. Inoltre si chiede se il regime di multa esistente per la società Gamenet, secondo quanto emerso dagli organi d'informazione, potrà avere ripercussioni su Verve e di conseguenza per la Casa da gioco, informazione in ordine al contenimento dei costi e su quali voci la Dirigenza ha agito, alla luce degli impegni assunti all'atto della firma del contratto di Solidarietà, informazioni definitive( relazioni dei Ministeri competenti) circa la strutturazione del socio unico come già prospettato nel recente passato e composizione del quadro Dirigente, se già individuato, stato di attuazione del progetto Industriale dopo il voto del Cda, conseguenze della decadenza del contratto di solidarietà in caso di passaggio a nuova società dei dipendenti della Casa da Gioco. Fagone ricorda che pur essendo di diritto privato la Società Casinò di Campione è controllata da soggetti pubblici e definito quanto sopra si chiedi alle Funzioni in indirizzo di attivarsi in ordine alla norma sulla trasparenza che interessa le strutture pubbliche. Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 12

13 SPONSORIZZAZIONI VIRTUS ROMA, AL VIA LA NUOVA CAMPAGNA ABBONAMENTI Ci siamo! Giovedì 19 settembre parte Al cuore non si comanda 2.0, la campagna abbonamenti dellavirtus Roma per la stagione La grande novità si chiama Eurocup: infatti le cinque partite della prima fase della competizione continentale faranno parte del pacchetto che comprende le 15 giornate di regular season della Serie A Beko. Tante tariffe per ogni tipo di esigenza, dalle Tessere parterre alle riduzioni Sconto università, Under 16, Over 65, Ridotto Famiglia e Baby Under 12, passando per lo sconto Abbonato Virtus : i vecchi abbonati potranno infatti esercitare la prelazione sul proprio posto fino al 6 ottobre, ma potranno usufruire della tariffa riservata anche oltre questa data fino alla fine della campagna. QUESTI I PREZZI DELLE TESSERE: PARTERRE (settori P1-P2): INTERO(tariffa unica): 1.200,00 TRIBUNA CENTRALE (settori T2-T3-T4 e F2-F3-F4): INTERO: 350,00 ABBONATO VIRTUS: 300,00 SCONTO UNIVERSITA : 250,00 RIDOTTO U16/RIDOTTO FAMIGLIA/RIDOTTO OVER 60: 250,00 BABY UNDER 12: 80,00 TRIBUNA LATERALE (settori T1-T5 e F1-F5): INTERO: 300,00 ABBONATO VIRTUS: 250,00 SCONTO UNIVERSITA : 200,00 RIDOTTO U16/RIDOTTO FAMIGLIA/RIDOTTO OVER 60: 200,00 BABY UNDER 12: 80,00 CURVA ANCILOTTO (NON NUMERATA): INTERO: 150,00 ABBONATO VIRTUS: 140,00 SCONTO UNIVERSITA : 130,00 RIDOTTO U16/RIDOTTO FAMIGLIA/RIDOTTO OVER 60: 130,00 BABY UNDER 12: 50,00 CURVA (NON NUMERATA): INTERO: 150,00 ABBONATO VIRTUS: 140,00 SCONTO UNIVERSITA : 130,00 RIDOTTO U16/RIDOTTO FAMIGLIA/RIDOTTO OVER 60: 130,00 BABY UNDER 12: 50,00 GALLERIA (NON NUMERATA): Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 13

14 INTERO: 150,00 SCONTO UNIVERSITA : 130,00 RIDOTTO U16/RIDOTTO FAMIGLIA/OVER 60: 130,00 BABY UNDER 12: 50,00 5) QUANDO: Da giovedì 19 settembre ore I vecchi abbonati potranno usufruire del diritto di prelazione sul posto fino a domenica 6 ottobre. 6) DOVE: Botteghino del Palazzetto dello Sport (PalaTiziano) di Piazza Apollodoro 10 Viale Tiziano Roma. Orario apertura: dal lunedì al venerdì dalle alle e dalle alle Sabato 21, Domenica 22, Sabato 28, Domenica 29 Settembre dalle alle Sabato 5 e Domenica 6 ottobre dalle alle Ecco tutte le informazioni della campagna abbonamenti 13-14: 1) LE TESSERE PARTERRE sono valide per tutte le gare casalinghe di Campionato (n. 15 di Regular Season + n. 11 eventuali di Play-Off) ed Eurocup (n. 5 di Regular Season + n. 7 eventuali delle Fasi successive) e sottoscrivibili esclusivamente presso Botteghino del Palazzetto dello Sport (PalaTiziano) di Piazza Apollodoro. 2) LE TESSERE di TRIBUNA CENTRALE, TRIBUNA LATERALE, CURVA ANCILOTTO NON NUMERATA, CURVA NON NUMERATA E GALLERIA NON NUMERATA: sono valide per le gare casalinghe di Regular Season del Campionato (n 15 partite) e di Eurocup (n 5 partite). Con la sottoscrizione di questi abbonamenti si gode del DIRITTO DI PRELAZIONE per le eventuali partite casalinghe di Play-Off del Campionato ed eventuali Fasi successive di Eurocup. L abbonamento nei suddetti settori è sottoscrivibile esclusivamente presso il Botteghino del Palazzetto dello Sport (PalaTiziano) di Piazza Apollodoro. 3) TARIFFE E RIDUZIONI: a) INTERO (valida su tutti i settori); b)abbonato VIRTUS (valida su tutti i settori): è riservata agli abbonati che potranno rinnovare l abbonamento sul loro posto e mantenere il diritto di prelazione sullo stesso posto fino a domenica 6 ottobre. Anche dopo la scadenza del diritto di prelazione i vecchi abbonati potranno usufruire della tariffa ABBONATO VIRTUS. Per usufruire della suddetta tariffa è OBBLIGATORIO esibire il vecchio abbonamento o, qualora smarrito, una denuncia di furto/smarrimento rilasciata dalle autorità competenti. c) RIDOTTO: 1) SCONTO UNIVERSITA (valida su tutti i settori escluso il Parterre): tutti gli studenti delle università capitoline usufruiranno di una tariffa agevolata rispetto al costo dell abbonamento Intero. Per usufruire dello sconto gli studenti universitari dovranno presentare alla sottoscrizione dell abbonamento il libretto universitario o altra certificazione attestante l iscrizione ad una università capitolina all anno accademico in corso o successivo. 2) RIDOTTO UNDER 16 (valida su tutti i settori escluso il Parterre): è riservato agli UNDER 16 (nati dopo il 1 gennaio 1997), non è trasferibile e potrà essere rilasciato dietro presentazione di un documento d identità del sottoscrivente o di autocertificazione di un genitore. 3) RIDOTTO FAMIGLIA (valida su tutti i settori escluso il Parterre): per i nuclei familiari, a seguito della sottoscrizione di un abbonamento Intero o Abbonato Virtus, i successivi saranno ridotti, come da tabella sottostante. Per componenti del nucleo familiare si intendono i soggetti legati da vincolo di parentela diretto (genitori, figlio/a fratello/sorella, marito/moglie). L abbonamento che usufruisce dello SCONTO Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 14

15 FAMIGLIA non è trasferibile e potrà essere rilasciato dietro presentazione di un autocertificazione comprovante lo stato di parentela. 4) RIDOTTO OVER 65 (valida su tutti i settori escluso il Parterre): è riservato agli OVER 65 (nati entro l anno 1948), non è trasferibile e potrà essere rilasciato dietro presentazione di un documento d identità del sottoscrivente. 5) BABY UNDER 12 (valida su tutti i settori escluso il Parterre): è riservata esclusivamente ai bambini (nati dopo il 1 gennaio 2001) che potranno usufruire di questa speciale tariffa, solo se, al momento della sottoscrizione, sarà contestualmente sottoscritto un altro abbonamento di qualsiasi tipologia purché acquistato da un maggiorenne. L abbonamento BABY UNDER 12 non è trasferibile e potrà essere rilasciato dietro presentazione di un documento d identità del sottoscrivente o di autocertificazione di un genitore. Inoltre ecco i prezzi minimi per le gare della prossima stagione: Settore Prezzo Biglietto minimo partita singola Campionato Prezzo Biglietto minimo partita singola Eurocup Prima Fase Tribuna Centrale 25,00 10,00 Tribuna Laterale 25,00 10,00 Curve 15,00 5,00 Galleria 15,00 5,00 MONDO GRECIA: CASINÒ IN CRISI ANCHE NEL 2013, NEI PRIMI 8 MESI INCASSI IN CALO DEL 9,5% (AGIMEG - 17/09/2013) Anche nel 2013 i casinò greci, per il quinto anno consevutivo, risentono della crisi economica: nei primi 8 mesi dell anno gli incassi delle case da gioco sono infatti diminuiti del 9,5% (circa 199 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo del 2012, e le somme giocate sono scese a 1,12 miliardi, in calo del 11,6%. L andamento negativo riguarda quasi tutti i casinò del Paese: Loutraki (incassi in calo del 15,2%), monte Parnitha (-1,8%), Rio (-13%), Rodi (-3%), Halkidiki (-48,5%, ma è stato chiuso nei mesi invernali) e Syros (-17,2%). Le uniche case da gioco che hanno chiuso i primi 8 mesi con il segno più sono quella di Xanthi, che ha realizzato un aumento del 21,6% ma dovrebbe chiudere il prossimo 24 settembre, e a Corfù, dove c è stato un incremento dell 11,5%. lp/agimeg GIOCO ONLINE NEL REGNO UNITO: RGA "TASSAZIONE OLTRE IL 10% FAREBBE FUGGIRE GLI OPERATORI" (GIOCONEWS 17/09/2013) Uno studio di Kpmg, commissionato dalla Remote Gambling Association (Rga), ha concluso che il nuovo regime di imposta, basata su un punto di simulazione di consumo, per il gioco d azzardo online nel Regno Unito è probabile che non riesca a raggiungere i suoi obiettivi, a meno che il tasso di imposta sugli utili lordi non sia superiore al 10%, rendendo così possibile per le imprese compensare i costi connessi con bonus e incentivi. Clive Hawkswood, Chief Executive della Rga, afferma È di vitale importanza che il governo non ripeta gli errori del passato. Ha bisogno invece di fissare i tassi sul gioco a distanza e la tassazione per dare agli operatori una reale possibilità di essere competitivi in quello che è un mercato intrinsecamente internazionale. Questo è un momento difficile per l industria e continueremo a impegnarci con il Tesoro per garantire che l impatto di eventuali modifiche fiscali sia pienamente compresa dal Governo. L'industria del gioco d'azzardo online ha una storia di successo nel Regno Unito e già contribuisce in modo significativo in termini di posti di lavoro, spese di marketing e imposte sulle società. Noi non vogliamo vedere il governo Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 15

16 mettere queste aziende e i loro investimenti a rischio. Sosteniamo con forza che qualsiasi tasso superiore al 10 % non è sostenibile in quello che è un mercato molto maturo, in cui i consumatori sanno già qual è il livello di valore e di scelta che possono aspettarsi. Nel suo bilancio 2012, il governo britannico ha annunciato l'intenzione di attuare un imposta sul gioco d'azzardo online in base al consumo. Le proposte attuali sono quelle di applicare al gioco a distanza esistente, comprese le scommesse, aliquote del 15 percento sui profitti lordi. Piuttosto che intraprendere una revisione completa del regime fiscale, il Tesoro ha fatto delle piccole modifiche al regime attuale e ha semplicemente esteso la sua applicazione agli operatori in altre giurisdizioni, invece che negoziare con i residenti britannici. La Rga ha commissionato la ricerca alla Kpmg per testare l'impatto economico del punto di imposta di consumo. Secondo il rapporto i pericoli di introdurre un aliquota del 15 percento sono quelli per cui le imprese in grado di recuperare i costi possono andare fuori dal mercato o siano costrette a operare nel mercato illegale. Un numero molto elevato di clienti nel Regno Unito potrebbe passare a comprare prodotti di gioco da fornitori che operano off shore, perché sono in grado di offrire un prezzo inferiore e prodotti più attraenti. IL CAPO DELLE OPERAZIONI WILLIAM REEVE LASCIA PADDY POWER (GIOCONEWS 17/09/2013) William Reeve, capo delle operazioni di Paddy Power, ha dato le dimissioni dal bookmaker irlandese, dopo aver ricoperto l incarico per appena un anno. Prima del suo ruolo attuale, Reeve era stato amministratore non esecutivo della società. La ragione della sua partenza sta nel fatto di voler perseguire altri interessi commerciali. Come direttore operativo, Reeve ha supervisionato la tecnologia, il rischio e il commercio, le risorse umane e la strategia aziendale di Paddy Power. Il suo track record come un imprenditore internet sarà senza dubbio una perdita per la società, dato che le vendite online hanno generato più di tre quarti dei profitti del bookmaker nei primi sei mesi di quest anno. Un portavoce di Paddy Power ha confermato che il signor Reeve aveva previsto di lasciare il bookmaker. Vuole perseguire nuove opportunità nel settore commerciale. Paddy Power è grato a William per il suo contributo nella gestione delle infrastrutture del business e gli augura ogni bene nelle sue attività future. Rassegna WEB di martedì 17 settembre 2013 Pag. 16

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli