l'interazione con l'utente.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "l'interazione con l'utente."

Transcript

1 FORMS HTML

2 Il Web non è costituito soltanto da documenti fantasiosi e belle immagini; collegare documenti e servizi Internet è utile ma manca ancora un ingrediente fondamentale: l'interazione con l'utente. Gli utenti devono poter non solo vedere le pagine, ma anche utilizzarle.

3 In genere le informazioni inviate agli utenti sono statiche, costituite da documenti che non cambiano nel tempo, o comunque il loro cambiamento non dipende da chi ha visitato il sito, ma solo da chi gestisce il sito. Una funzionalità ulteriore è quella che consiste nel dare all'utente la possibilità di inserire o modificare informazioni nel sito, il quale può rispondere dinamicamente, creando nuovi documenti in risposta alle richieste dell utente.

4 La dinamicità si ottiene creando form (moduli) HTML che raccolgono le informazioni. Con le form HTML, gli utenti possono, ad esempio: iscriversi a una mailing list, inviare commenti su pagine Web o sui servizi in genere, riempire moduli di ordinazione per prodotti, o servizi in linea, o compilare la denuncia dei redditi.

5 sottoporre un'interrogazione a un database, partecipare a giochi interattivi, guidare da lontano un braccio di robot o una telecamera, partecipare a esperimenti sociali interattivi, come conversazioni di gruppo, indagini di mercato e votazioni elettroniche.

6 Ricapitolando, con le form HTML form HTML si possono acquisire o fornire dati, come ad esempio: interfacce per la consultazione di database, elezioni in linea accesso istantaneo a sistemi remoti, assistenza tecnica in linea distance learning e-commerce

7 Esistono interfacce per database, questionari per la clientela e interi centri commerciali su Web, oltre a giochi interattivi come poker e scacchi. Tutto ciò è straordinariamente interessante, ed è anche ciò che ha trasformato il Web da una sorta di primizia ipertestuale, utilizzato soltanto da scienziati e insegnanti, nella principale via di entrata dell'industria in Internet.

8 HTML statico e dinamico I documenti HTML si dividono in due categorie: statici e dinamici. Nel primo caso il documento è redatto una volta per tutte ed è mantenuto nella sua forma e distribuito immutato agli utenti che si connettono a un server.

9 La maggior parte dei documenti HTML è statica, infatti è più facile creare documenti di questo tipo, dato che non occorre che intervengano programmi adeguati. Si scrive il documento, lo si colloca sul server, e quando viene richiamato, il server lo distribuisce.

10 La creazione di documenti dinamici richiede invece una certa tecnica. In questo caso il documento HTML viene generato nel momento in cui è distribuito, da un programma specifico denominato script. Lo script è mantenuto sul server, e può essere scritto in qualunque linguaggio di programmazione.

11 Un documento HTML dinamico può anche essere molto semplice e non richiedere alcun input da parte dell'utente. Lo script di un tale documento potrebbe generare un documento dinamico contenente informazioni specifiche quali, ad esempio, la data, l ora, l identificativo del server o il particolare momento in cui l'utente si è collegato.

12 Anziché leggere semplicemente un documento HTML statico dal disco e inviarlo attraverso la connessione, il server esegue lo script, il quale crea istantaneamente il documento HTML dinamico, quindi trasmette tale documento appena creato all'utente in attesa.

13 Ad esempio, in questo modo sarebbe possibile distribuire un bollettino meteorologico, o anche qualcosa di più semplice come l'ora locale del sito dei server. Pertanto, i diversi soggetti che intervengono nell interazione (utente, script, server), svolgono i seguenti ruoli: L utente richiede il documento, lo script lo costruisce istantaneamente, il server lo trasmette.

14 Gestire l'input di dati da parte dell'utente richiede una tecnica ancora più raffinata: si utilizzano le form, come mezzo per consentire agli utenti Web di inviare informazioni a un server da un programma client (ovvero dal loro browser). L informazione può essere memorizzata per un successivo esame, o manipolata immediatamente per generare un nuovo documento in base ai dati inseriti nella form, dopodiché si invia il documento al browser.

15 Gli script che generano codice HTML dinamico, senza input di dati da parte dell'utente, sono semplicissimi. Il codice HTML è un testo ASCII, che non proviene necessariamente da un file di testo ma può derivare, ad esempio da istruzioni come: printf in C, print in Perl, writeln in Pascal il comando echo di Unix.

16 GLI SCRIPT CGI Per scrivere script si può utilizzare un linguaggio di programmazione adeguato come ad esempio C e Perl. Per mezzo degli script un utente può inviare dati in risposta alle richieste del server. Come accade in quasi tutti i colloqui che avvengono tramite un collegamento Internet, è richiesto un protocollo per garantire che i due capi del collegamento possano interagire.

17 Il protocollo che regola la trasmissione di dati fra un client ed un server attraverso uno script è CGI (Common Gateway Interface, ovvero "Interfaccia gateway comune"). Un programma che opera secondo i dettami del protocollo CGI è detto script CGI.

18 E stato necessario creare il protocollo CGI perché il protocollo Web http standard non era stato concepito come una via a doppio senso. Web era in origine una struttura di documenti ipertestuali passivi, e per rendere attiva tale struttura occorrevano meccanismi supplementari. Si può dunque considerare CGI come un'estensione del protocollo HTTP, che fornisce i meccanismi inizialmente mancanti a tale protocollo.

19 Il protocollo CGI specifica varie cose: settaggio di determinate variabili di ambiente del server, numerosi tag HTML e relativi parametri, che definiscono controlli e campi da inserire nei documenti Web, la natura dei dati che fluiscono dal browser al server, e da questi allo script stesso.

20 E importante capire che CGI non è un linguaggio, ma un semplice protocollo, ovvero una specificazione del modo in cui avviene l'interazione fra client e server. In questo, non è sostanzialmente diverso dai protocolli di Internet.

21 L implementazione di un documento HTML interattivo su un server Web è un processo che avviene in due fasi. Dapprima si prepara il documento HTML per mezzo di opportuni tag HTML, i quali definiscono l'area destinata a costituire una form nel documento, la natura dei controlli ivi contenuti, il nome e la collocazione dello script CGI con cui la form comunica. Scrivere una form è molto facile e (forse) anche divertente.

22 Come sempre, quando si lavora con HTML, tutto deve essere fatto con un semplice editor di testi ASCII. La seconda fase consiste nello scrivere il programma vero e proprio (lo script CGI) che elabora i dati raccolti dalla form e passati al server. Come si è detto, è possibile scriverlo in un qualunque linguaggio di programmazione che gestisca dispositívi di input standard, dispositivi di output standard e le variabili d'ambiente.

23 Scrivere uno script CGI è molto più complesso che scrivere codice HTML. Il nome dello script CGI associato a un documento HTML va inserito nel documento stesso, utilizzando un apposito comando, dopodiché sia il documento HTML sia lo script CGI vanno collocati dove il server può trovarli. Il server fa il resto.

24 Quando un utente compila la form e la invia, il browser la trasmette al server, il quale esegue lo script CGI associato. Quando i dati iniziano ad arrivare sulla connessione Internet, il server devia il flusso di dati CGI sul dispositivo di input standard, attraverso il quale lo script CGI lo riceve, lo analizza, e compie le operazioni necessarie a elaborarlo.

25 Il server reindirizza il flusso di dati diretto al dispositivo di output standard, rimandandolo sulla connessione Internet.

26 Il server reindirizza il flusso di dati diretto al dispositivo di output standard, rimandandolo sulla connessione Internet.

27 DISEGNO DI UNA FORM SEMPLICE Per predisporre il documento dinamico HTML si utilizza la coppia di tag <FORM>... </FORM> attraverso la quale si designa una sezione del documento come form interattiva. La form consiste di campi da compilare: in particolare, ve ne può essere uno solo o numerosi, come ad esempio, il modulo per la dichiarazione dei redditi.

28 E possibile creare all interno della form pulsanti, caselle per l'inserimento di testo, caselle di controllo, pulsanti di opzione, caselle di dati a scorrimento, e i pulsanti speciali predefiniti (submit e reset). Possono anche essere create mappe di immagini, costituite da immagini suddivise in porzioni sulle quali l'utente può fare clic per selezionare diverse opzioni, e che restituiscono, ad esempio, le coordinate di un punto in cui l'utente ha fatto clic con il mouse.

29 Inoltre, in una form si possono utilizzare quasi tutti gli elementi del linguaggio HTML, compresi titoli di sezione, filetti e stili. La coppia di tag <FORM>...</FORM> deve racchiudere tutti gli elementi interattivi del modulo, compresi pulsanti, caselle e cosi via. La stesura di una form è la prima fase per questo tipo di applicazione.

30 La seconda fase consiste nello scrivere il programma vero e proprio (lo script CGI) che elabora i dati restituiti al server dalla form.

31 Il tag < INPUT> Una istruzione fondamentale per le form è il tag <INPUT> con il quale si definiscono caselle di testo, caselle di controllo e pulsanti di opzione. Diversi attributi consentono di controllare: il tipo di dati che l'elemento accetta; lo stato normale dell'elemento, ad esempio "attivato" per pulsanti di opzione e caselle di controllo, o il testo inserito automaticamente nelle caselle di testo.

32 la dimensione delle caselle di testo e la lunghezza massima del testo inscrivibile. Saranno esaminati due esempi: una form per l'inserimento di tesi proposte da parte dei docenti e una form per la prenotazione degli appelli di esame da parte degli studenti. Al modulo per l'inserimento tesi si accede da una pagina HTML con un'ancora posta sul titolo del modulo.

33 Modulo di inserimento delle tesi da parte di docenti e ricercatori Il programma associato alla form per l'inserimento delle tesi produce due risultati quando attivato da un utente autorizzato: una risposta sul video per l'utente che può così controllare i dati immessi l'aggiunta di una parte di testo su un file sequenziale consultabile dagli studenti che contiene l'elenco delle tesi proposte.

34 La nostra form contiene: caselle in cui inserire testo, alcune caselle di controllo per selezionare un pulsante Submit per inviare tutto al server per l'elaborazione, un pulsante Reset, nel caso si desideri ricominciare da capo.

35 Nell esempio devono essere eseguite varie funzionalità, quali: il controllo della parola d'ordine, la raccolta dei dati inseriti nel modulo e la loro immissione nella lista delle tesi. Per eseguire queste operazioni è stato scritto un apposito programma nel linguaggio C che viene chiamato ogni volta che un utente riempie il modulo.

36 Quindi, quando i dati iniziano ad arrivare sulla connessione Internet, il server invia il flusso di dati CGI sul dispositivo di input standard, attraverso il quale lo script CGI lo riceve, lo analizza, e compie le operazioni necessarie ad elaborarlo. Lo script CGI prepara un documento HTML dinamico "ad hoc" da inviare all'utente (per la verifica) mediante il server WWW, trasmettendo un testo in formato html attraverso il dispositivo di output standard rimandandolo sulla connessione Internet e modificando il file html.

37 Titolo della Form <FORM method="get" ACTION= "/cgi-bin/programma"> HR <U>Nome del Docente che propone la tesi:</u><input TYPE="text NAME="nome" size=20, maxlength=40> <U>Password:</U><INPUT TYPE="password"NAME="pass" size=20, maxlength=40> <U>Titolo della tesi:</u><textarea NAME="tit" ROWS=2 COLS=40></TEXTAREA> <H3>Sintetica descrizione della tesi:</h3><textarea NAME="des" ROWS=8 COLS=60></TEXTAREA>

38 Per ora ci si concentra sull'elemento <INPUT> e sul suo funzionamento. L attributo NAME, contenuto nel tag <INPUT>, è fondamentale per la funzionalità del modulo; esso identifica univocamente il contenuto dell'elemento <INPUT> e può essere considerato un nome di variabile. Nell esempio si assegna all elemento <INPUT> il nome nome, ma si tratta di una scelta del tutto arbitraria; qualsiasi altro nome sarebbe andato bene.

39 L attributo TYPE, che nell esempio, è di tipo text definisce il tipo dei dati che l'utente può inserire mediante il tag <INPUT>. Nell'esempio, consente ad un utente di inserire valori di tipo "text' per le caselle da compilare. Un utente che, nell'inserire un testo, raggiunga il margine destro della casella, può continuare a digitare caratteri e vedere scorrere il testo a sinistra.

40 GLI ATTRIBUTI SIZE E MAXLENGTH Il tag <INPUT>ha altri attributi: l attributo SIZE fissa la larghezza della casella di testo a esattamente 20 caratteri, l'attributo MAXLENGTH impone un limite alla quantità di testo che si può inserire nella casella ed in questo caso è di 40 caratteri. In pratica l'attributo SIZE modifica la larghezza di una casella di testo; occorre specificare un valore che corrisponde alla larghezza, della casella.

41 Non esiste un limite massimo per la dimensione, ma si consiglia di non superare 80 caratteri, altrimenti il margine destro della casella di testo supererebbe quello della finestra del browser, con un effetto spiacevole. In ogni caso, l'attributo SIZE determina solo la larghezza fisica della casella di testo, senza imporre limiti al numero di caratteri che l'utente può inserire.

42 Se la casella è larga soltanto venti caratteri, il testo scorre verso sinistra quando l'utente inserisce il ventunesimo carattere. Se si desidera limitare il numero di caratteri che l'utente può inserire, occorre utilizzare l'attributo MAXLENGTH. Se questo attributo è omesso, non esiste alcun limite.

43 CASELLE DI CONTROLLO Per aggiungere alla form alcune opzioni di utilità più generale, si inseriscono alcune caselle di controllo affinché l'utente possa scegliere a quale opzione aderire. Nell esempio sono aggiunte alla form caselle di controllo e pulsanti. IL tipo checkbox specificato nel tag <INPUT> permette di aggiungere a una form un numero arbitrario di caselle di controllo. Una casella di controllo è un oggetto con due stati: attivato o meno.

44 <p>area:<dl><dd><select NAME="area" MULTIPLE SIZE=3><OPTION>INFORMATICA<OPTION>AUTOMATICA <OPTION>ECONOMIA E RICERCA OPERATIVA</SELECT></DL> <h3>selezionare quali esami sono richiesti per l'assegnazione della tesi nell'area INFORMATICA (pigiare con il mouse sui quadratini al lato di ciascun esame) :</h3><ul> <LI>Informatica Teorica <INPUT TYPE="checkbox" NAME="esinf" value="informatica Teorica"><LI>Sistemi Operativi <INPUT TYPE="checkbox" NAME="esinf" value="sistemi Operativi"><LI>Basi di dati <INPUT TYPE="checkbox" NAME="esinf" value="basi di dati"><li>impianti di Elaborazione <INPUT TYPE="checkbox" NAME="esinf" value="impianti di Elaborazione"><LI>Intelligenza Artificiale <INPUT TYPE="checkbox" NAME="esinf" value="intelligenza Artificiale"><LI>Sistemi Informativi <INPUT TYPE="checkbox" NAME="esinf" value="sistemi Informativi"></UL>

45 Come per le caselle di testo descritte in precedenza, ogni casella riceve un nome che la individua univocamente al momento in cui la form viene elaborata. Lo stato normale di una casella è "non attivata", tuttavia per mezzo dell'attributo CHECKED si può impostare lo stato "attivata".

46 Il tipo submit che nel nostro esempio ha valore Inserisci tesi crea un pulsante speciale, utilizzato per inviare una form compilata al luogo in cui deve essere elaborata. Quando l'utente fa clic sul pulsante Submit il browser Web invia i dati provenienti da tutti gli elementi <INPUT> al server.

47 <input TYPE="submit" value="inserisci tesi"> <p> <input type="reset" value="cancella"> <p>

48 L utente può riflettere un poco, attivare o disattivare le caselle ed eventualmente modificare il testo. Se è presente il pulsante submit, basta premerlo per segnalare il completamento della form, senza alcuna ambiguità.

49 Viceversa, il tipo reset che nel nostro caso vale Cancella crea un pulsante che, se l'utente non è soddisfatto per nulla della compilazione della form, può essere pigiato con il risultato di riportare le cose al loro stato iniziale, cioè all istante in cui la form è stata visualizzata per la prima volta, e ricominciare.

50 Quando si fa clic sul pulsante Reset, ogni cambiamento apportato alla form è cancellato immediatamente. Le caselle di testo sono azzerate, pulsanti e caselle tornano al loro stato normale e si può ricominciare da capo.

51 LO SCRIPT CGI PER ELABORARE LA FORM Allestita e pronta all'opera la form per l inserimento tesi, occorre pensare al problema di elaborare le informazioni che verranno immesse man mano. A questo punto, esistono due possibilità: si può cercare uno script CGI già fatto che compia esattamente ciò che serve, oppure si può scrivere uno script personalizzato; nel secondo caso, il passo successivo è la scelta di un linguaggio di programmazione con cui scrivere gli script.

52 Qualunque linguaggio possa accedere al dispositivo di input standard, a quello di output standard e alle variabili d'ambiente è perfettamente adatto allo scopo. Nel nostro esempio si è utilizzato il linguaggio C.

53 Solitamente non si scrive uno script CGI per utilizzarlo su un PC o su un Macintosh; generalmente un server Web è installato su una macchina Unix, cioe su una Workstation. E meglio dunque utilizzare gli strumenti disponibili sul sistema dei server, C e Perl si trovano su quasi tutti i sistemi server.

54 POST o GET Uno script CGI può leggere i dati trasmessi da una form secondo due meccanismi generali: il metodo GET e il metodo POST. Se si sceglie il metodo GET, tutti i dati provenienti dalla form vengono inviati allo script sia sulla riga di comando sia in una variabile d'ambiente. Il metodo POST, invece, riceve i dati della form dal dispositivo di input standard (stdin).

55 <FORM method="get" ACTION= "/cgi-bin/programma"> Il metodo è un attributo del tag form e, se specificato insieme all attributo ACTION, indica dove risiede il programma eseguibile (lo script CGI) associato alla form stessa.

56 RICEZIONE E PREPARAZIONE DEI DATI E necessario che lo script compia tre operazioni, prima che possa agire sui dati trasmessi dalla form. In primo luogo, lo script deve rintracciare tali dati e depositarli in qualche punto perché vengano analizzati per gli script che si servono del meccanismo GET. A questo scopo si utilizza la variabile d'ambiente QUERY-STRING, impostata dal server quando esegue lo script.

57 I dati immessi da chi riempie il formulario vengono tutti inseriti, come già detto, in un'unica stringa di caratteri detta query-string ; ogni dato è preceduto da parole che ne costituiscono il titolo e che quindi permettono di riconoscerne il significato; i dati sono separati gli uni dagli altri e dai titoli dai caratteri & e = mentre gli spazi vengono sostituiti nella query-string dal simbolo +.

58 Inoltre tutta una serie di altri caratteri vengono modificati nella query-string come l'"a capo" che viene sostituito dalla successione %0.

59 Nel caso del formulario per la proposizione di tesi da parte dei docenti, la query-string è composta da una successione di dati che sono il risultato delle varie parti che l'utente riempie: il nome del docente, la parola d'ordine che se corretta permette l'inserimento dei dati,

60 una text-area in cui si espone brevemente il contenuto della tesi e che quindi è una successione di parole inframezzate da "a capo", la successione dei titoli degli esami richiesti suddivisi in raggruppamenti disciplinari che risulta dall'utilizzazione dei cosiddetti checkbox cioè quadratini che permettono all'utente "cliccandovi" di aggiungere il nome dell'esame corrispondente nella query-string e così via.

61 Il programma deve quindi riottenere i singoli dati dalla query-string, utilizzarli ognuno secondo il suo significato e la sua funzione come nel caso della password che deve permettere l'inserimento dei dati e ricostruire i caratteri modificati. Il primo compito viene svolto da un programma che scompone la query-string nelle sue componenti e le raggruppa secondo i titoli.

62 Il compito della sostituzione è assunto da una serie di procedure che riconoscono e sostituiscono opportunamente i caratteri e le successione di caratteri in modo che appaiano correttamente nella risposta che appare sul video all'utente e nella parte di testo che viene aggiunta all'elenco delle tesi.

63 Sia con il metodo GET, sia con il metodo POST, i dati sono restituiti sotto forma di una lunga serie di coppie NOME=VALORE, separate l'una dall'altra da un segno &; l'operazione di analisi consiste nel separare le coppie NOME=VALORE.

64 Talvolta i caratteri di spaziatura vengono convertiti in segni più (+) per evitare incertezze semantiche durante l'analisi. Queste conversioni sono chiamate escape nel gergo di Unix. I dati restituiti sono sottoposti a questa procedura esattamente come i caratteri speciali nelle URL.

65 L'ultima operazione è dunque la decodifica (unescaping) di NOME e VALORE in ogni coppia NOME=VALORE, vale a dire la conversione dei segni più (+) in spazi e delle coppie esadecimali %xx nei caratteri corrispondenti.

66 VARIABILI D AMBIENTE UTILIZZATE DAGLI SCRIPT CGI Ricevuti i dati trasmessi dalla form, il server per prima cosa prepara alcune variabili d'ambiente per lo script. Queste variabili costituiscono uno spazio condiviso per tutti i programmi che vengono eseguiti sul server, una sorta di "bacheca pubblica.

67 Le variabili d ambiente contengono numerose informazioni, tra cui: il nome della macchina remota che sta inviando i dati, il nome, incluso il path (percorso) dello script, quale metodo (GET o POST) il server ha utilizzato per inviare i dati della form allo script.

68 Le seguenti variabili di ambiente sono utilizzate da molti programmi: REQUEST-METHOD, QUERY-STRING, CONTENT-LENGTH. La variabile d'ambiente REQUEST-METHOD registra il metodo utilizzato dal server per inviare allo script i dati delle form, GET o POST.

69 Questa informazione consente di determinare come leggere i dati provenienti dalla form nello script. Se il metodo utilizzato è GET, è facilissimo recuperare i dati dalle form: essi vengono registrati nella variabile d'ambiente QUERY-STRING.

70 Nel metodo POST, il server registra la lunghezza in caratteri dei dati inviati al dispositivo di input standard nella variabile d'ambiente CONTENT- LENGTH, perciò non resta che leggere i dati dal dispositivo di input standard (un carattere alla volta, come richiede il metodo POST), per quanti caratteri indica il valore di CONTENT-LENGTH.

71 SCRIPT ASSOCIATO ALLA FORM DESCRITTA IN PRECEDENZA SCRITTA NEL LINGUGGIO C #include <stdio.h> #include <stdlib.h> #include <string.h> void conv( char *old, char *new,) { char old[400], new[400]; int i=0, flag=1; while (flag==1) { if (old[i]=='+') new[i]=' '; else new[i]=old[i]; if (old[i++]==null) flag=0; } }

72 void tronca( char st[], char v[], char w[],) {char st[400], v[400], w[400]; int i=0; int k=0; while ((st[i]!= '&') && (st[i]!= '=')) { v[i]=st[i]; i++;} v[i]=null; while (st[i+k+1]!= NULL) { w[k] = st[i+k+1]; k++;} w[k] =NULL; } void main ( ) { char argc[500], argv[500]; int i, num; char pass[10], nome[40], titolo[200], descri[200], area[200], temp, ftesi[200], test[500], v1[200], v2[200], v3[200], v4[200], v5[200], v6[200], v7[200],

73 v8[200],v9[100], v10[100], w1[200], w2[200], w3[200], w4[200], w5[200], w6[200], w7[200], w8[200], w9[100], w10[100]; FILE *tesi; strcpy(test, getenv("query_string")); tronca (test, v1, w1); tronca(w1, nome, w2); tronca( w2, v3, w3); tronca(w3, pass, w4); tronca( w4, v5, w5); tronca(w5, titolo, w6); tronca(w6, v7, w7); tronca( w7, descri, w8); tronca( w8, v8, w9); tronca(w9, area, w10); i= strcmp( pass, "inftes.95"); if( i!= 0) { printf("parola d'ordine errata");

74 exit; } sprintf(ftesi, "/home/mosaic/htdocs/ccl/servizi/tesi.txt") ; tesi=fopen( ftesi, "a"); printf( "Content-type: text/html\n\n"); fprintf(ftesi, "Prof. %s \t titolo: %s \n area della tesi: %s \t descrizione: \n", nome, titolo, area); fprintf(ftesi, "%s \n \n", descri); fprint(ftesi, " \n \n"); printf("prof. %s \t \n titolo: %s area della tesi: %s\n descrizione: \n", nome, titolo, area); printf("%s \n \n", descri); fclose(ftesi); exit; }

75 exit; } sprintf(ftesi, "/home/mosaic/htdocs/ccl/servizi/tesi.txt") ; tesi=fopen( ftesi, "a"); printf( "Content-type: text/html\n\n"); fprintf(ftesi, "Prof. %s \t titolo: %s \n area della tesi: %s \t descrizione: \n", nome, titolo, area); fprintf(ftesi, "%s \n \n", descri); fprint(ftesi, " \n \n"); printf("prof. %s \t \n titolo: %s area della tesi: %s\n descrizione: \n", nome, titolo, area); printf("%s \n \n", descri); fclose(ftesi); exit; }

76

04/05/2011. Lezione 6: Form

04/05/2011. Lezione 6: Form Lezione 6: Form In alcuni documenti HTML può essere utile creare dei moduli (form) che possono essere riempiti da chi consulta le pagine stesse (es. per registrarsi ad un sito). Le informazioni sono poi

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web PHP e FORMs HTML. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2013/2014

Laboratorio Progettazione Web PHP e FORMs HTML. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2013/2014 Laboratorio Progettazione Web PHP e FORMs HTML Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2013/2014 Struttura Applicazioni Web Browser Web HTTP Server Web API Dati Presentation Application Storage

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

Strumenti a disposizione

Strumenti a disposizione FORM Strumenti a disposizione L'HTML visto fino ad ora permette di descrivere solo documenti statici e passivi Colori, immagini, testi, etc... L'utente può solo interagire con i link Non sempre questo

Dettagli

Lezione nr. 5. Per creare un modulo è necessario avere delle conoscenze di base del linguaggio HTML. Niente di difficile ovviamente!

Lezione nr. 5. Per creare un modulo è necessario avere delle conoscenze di base del linguaggio HTML. Niente di difficile ovviamente! Lezione nr. 5 >> Come creare un modulo Web I moduli web sono delle strutture fondamentali per ogni sito web e la loro conoscenza ti permetterà di risolvere almeno il 60% delle problematiche di gestione

Dettagli

Sicurezza Protezioni in una pagina Web

Sicurezza Protezioni in una pagina Web Pagina 1 di 7 Sicurezza Protezioni in una pagina Web HTML è un linguaggio che consente di presentare informazioni in pagine di formato predefinito e accattivante. Quando non si hanno a disposizione informazioni

Dettagli

Interazione con l utente : i moduli.

Interazione con l utente : i moduli. Interazione con l utente : i moduli. Nelle lezioni fin qui riportate, non abbiamo mai trattato l input di utente. Nelle applicazioni web, l input dell utente si acquisisce tramite i moduli (o FORM) HTML.

Dettagli

Lezione 6: Form 27/04/2012

Lezione 6: Form 27/04/2012 Lezione 6: Form In alcuni documenti HTML può essere utile creare dei moduli (form) che possono essere riempiti da chi consulta le pagine stesse (es. per registrarsi ad un sito). Le informazioni sono poi

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

Il linguaggio HTML - Parte 3

Il linguaggio HTML - Parte 3 Corso IFTS Informatica, Modulo 3 Progettazione pagine web statiche (50 ore) Il linguaggio HTML - Parte 3 Dott. Chiara Braghin braghin@dti.unimi.it Addenda Vedi tabella caratteri speciali Vedi file caratteri_speciali.html

Dettagli

DURANTE LA NAVIGAZIONE NEI SITI WEB I VISITATORI NON SOLO POSSONO CONSULTARE INFORMAZIONI STATICHE

DURANTE LA NAVIGAZIONE NEI SITI WEB I VISITATORI NON SOLO POSSONO CONSULTARE INFORMAZIONI STATICHE MODULI O FORM DURANTE LA NAVIGAZIONE NEI SITI WEB I VISITATORI NON SOLO POSSONO CONSULTARE INFORMAZIONI STATICHE ADATTE ALLA LETTURA MA POSSONO SVOLGERE UN RUOLO ATTIVO NEI CONFRONTI DI UNA PAGINA WEB

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

1) Il client(browser utilizzato) invia al server i dati inseriti dall utente. Server

1) Il client(browser utilizzato) invia al server i dati inseriti dall utente. Server 2) Il Server richiama l'interprete PHP il quale esegue i comandi contenuti nel file.php specificato nell'attributo action del tag form creando un file HTML sulla base dei dati inviati dall utente 1) Il

Dettagli

Appunti su ASP (Active Server Pages)

Appunti su ASP (Active Server Pages) Client Client Appunti su ASP (Active Server Pages) Che cosa è ASP Un server web è un computer che contiene tutte le pagine web di un determinato sito web. In tale computer è installato un software che

Dettagli

L aspetto dei file HTML

L aspetto dei file HTML L aspetto dei file HTML Le pagine HTML contengono due tipi di oggetti: il testo del documento i TAG HTML Il documento si presenta come una successione di elementi (annidati) del tipo Testo influenzato

Dettagli

Fondamenti di Informatica II 29. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (2)

Fondamenti di Informatica II 29. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (2) Interazione client-server (1) per far interagire il client con il server e necessario usare programmi residenti su server (p.e. script CGI - Common Gateway Interface) Fondamenti di Informatica II 29. Elementi

Dettagli

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati.

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati. I FORM Che cosa sono e che caratteristiche hanno Un form contiene molti oggetti che permettono di inserire dati usando la tastiera. Tali dati verranno poi inviati alla pagina php che avrà il compito di

Dettagli

Programmare un Web Server

Programmare un Web Server 25 Programmare un Web Server Concetti chiave Applicazioni in architettura Internet con linguaggio C Pagine statiche e pagine dinamiche Significato di alcuni protocolli di uso comune: HTTP, HTML, CGI Consolidamento

Dettagli

Dott.ssa Adriana Pietramala

Dott.ssa Adriana Pietramala Corso di Informatica Laurea Triennale - Comunicazione&Dams Dott.ssa Adriana Pietramala a.pietramala@mat.unical.it Riferimenti Sito del corso: Manuale PHP http://www.php.net/download-docs.php Editor di

Dettagli

Protocollo HTTP, interfaccia CGI e linguaggio Perl

Protocollo HTTP, interfaccia CGI e linguaggio Perl Protocollo HTTP, interfaccia CGI e linguaggio Perl Marco Liverani liverani@mat.uniroma1.it 5 Dicembre 1996 Sommario Protocollo HTTP, interfaccia CGI e linguaggio Perl Prima parte: La tecnologia web Il

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Istruzioni su inserimento ed aggiornamento del sito del Comune di Savona

Istruzioni su inserimento ed aggiornamento del sito del Comune di Savona Istruzioni su inserimento ed aggiornamento del sito del Comune di Savona Autore: Riccardo Cecinati CED riccardo.cecinati@comunesavona.it Data: 19 Maggio 2011 Versione:0.2 Indice generale Istruzioni su

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

MODULO 1 PARTE 3. Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.a HTTP request e HTTP response (form e link)

MODULO 1 PARTE 3. Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.a HTTP request e HTTP response (form e link) MODULO 1 PARTE 3 Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.a HTTP request e HTTP response (form e link) Goy - a.a. 2009/2010 Programmazione Web 1 Gli oggetti HTTP request e HTTP response -I Vi ricordate?

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 9. HTML Parte II Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Form Editor. Dove NomeProfilo è personalizzabile.

Form Editor. Dove NomeProfilo è personalizzabile. Form Editor Il tema permette di generare automaticamente dei moduli per la raccolta di dati in tre semplici step: 1. Si crea una tabella nel database per la raccolta dei dati. Per la creazione si parte

Dettagli

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web 1 Il protocollo HTTP È il protocollo standard inizialmente ramite il quale i server Web rispondono alle richieste dei client (prevalentemente browser);

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com

PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com PYTHON Inviare dati con i form A cura di Silvio Bonechi [sabandini_at_tiscali_dot_it] per http://www.pctrio.com 10.07.2006 Ver. 1.0 In questo articolo vedremo come gestire con un FORM l invio di dati ad

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Linguaggio C 4/ed - Guida alla programmazione Alessandro Bellini, Andrea Guidi Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl

Linguaggio C 4/ed - Guida alla programmazione Alessandro Bellini, Andrea Guidi Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl Capitolo 25 Programmare un Web Server Concetti cheve Applicazioni in architettura Internet con linguaggio C Pagine statiche e pagine dinamiche Significato di alcuni protocolli di uso comune: HTTP, HTML,

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ...

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: <HTML>... HTML HyperText Markup Language Struttura di un documento HTML Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ... ... ... Struttura di un documento

Dettagli

PHP. A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas. Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas

PHP. A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas. Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas PHP A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas Programmazione lato server PHP è un linguaggio che estende le funzionalità

Dettagli

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen Prerequisiti Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen L opzione Touch è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro; per sfruttarne al meglio

Dettagli

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28 Indice 25 184 Introduzione XI Capitolo 1 Impostazione dell ambiente di sviluppo 2 1.1 Introduzione ai siti Web dinamici 2 1.2 Impostazione dell ambiente di sviluppo 4 1.3 Scaricamento di Apache 6 1.4 Installazione

Dettagli

Dott.ssa Maria Vittoria Avolio. Dott.ssa Adriana Pietramala

Dott.ssa Maria Vittoria Avolio. Dott.ssa Adriana Pietramala Corso di Informatica Laurea Triennale - Comunicazione&Dams Dott.ssa Maria Vittoria Avolio avoliomv@unical.it Dott.ssa Adriana Pietramala a.pietramala@unical.it Riferimenti Manuale PHP http://www.php.net/download-docs.php

Dettagli

Cimini Simonelli - Testa

Cimini Simonelli - Testa WWW.ICTIME.ORG HTML Manuale introduttivo al linguaggio HTML Cimini Simonelli - Testa v.2-11/01/2008 Sommario Introduzione... 3 Formattazione della pagina... 4 Inserire un colore di sfondo... 4 Inserire

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa WWW.ICTIME.ORG NVU Manuale d uso Cimini Simonelli Testa Cecilia Cimini Angelo Simonelli Francesco Testa NVU Manuale d uso EDIZIONE Gennaio 2008 Questo manuale utilizza la Creative Commons License www.ictime.org

Dettagli

Lezione nr. 7. >> Come posso recuperare un valore da un campo TEXT?

Lezione nr. 7. >> Come posso recuperare un valore da un campo TEXT? Lezione nr. 7 >> Come posso recuperare i valori di un modulo web? Siamo finalmente giunti alla lezione che inizierà ad introdurti nel mondo della programmazione web avanzata. Niente di difficile, ovviamente,

Dettagli

World Wide Web. Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML. Il Successo del Web. Protocolli di accesso

World Wide Web. Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML. Il Successo del Web. Protocolli di accesso Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML Gianluca Moro gmoro@deis.unibo.it Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università di Bologna World Wide Web nato

Dettagli

CAPITOLO 10 - TECNOLOGIA ASP.NET - WEB FORM

CAPITOLO 10 - TECNOLOGIA ASP.NET - WEB FORM INTRODUZIONE Nel capitolo 5, dedicato all ambiente di sviluppo, si è descritto come implementare un progetto Web tramite lo strumento di sviluppo Microsoft Visual Studio 2010. Un progetto web (o sito web)

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio Perl

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio Perl Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Generale 1 IN1 Linguaggio Perl Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: caratteristiche

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

MODULO 5 BASI DI DATI

MODULO 5 BASI DI DATI MODULO 5 BASI DI DATI A cura degli alunni della VD 2005/06 del Liceo Scientifico G. Salvemini di Sorrento NA Supervisione prof. Ciro Chiaiese SOMMARIO 5.1 USARE L APPLICAZIONE... 3 5.1.1 Concetti fondamentali...

Dettagli

La programmazione Web 3-Introduzione ai moduli (FORM)

La programmazione Web 3-Introduzione ai moduli (FORM) La programmazione Web 3-Introduzione ai moduli (FORM) Al crescente successo del Web si è accompagnato un continuo lavoro per ampliarne le possibilità di utilizzo e le funzionalità offerte agli utenti.

Dettagli

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML

Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML Web e Server-side Computing: Richiami sulla tecnologia Web e FORM HTML Gianluca Moro gianluca.moro@unibo.it Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica G. Moro - Università di Bologna World

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 6.1 PHP e il web 1. Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web

Corso di PHP. Prerequisiti. 6.1 PHP e il web 1. Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web Corso di PHP 6.1 PHP e il web 1 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web 2 1 Introduzione In questa Unità illustriamo alcuni strumenti di programmazione

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Lezione 12: Altre nozioni html

Laboratorio di Informatica. Lezione 12: Altre nozioni html Laboratorio di Informatica Lezione 12: Altre nozioni html Sistematicamente: prima è utile conoscere il meccanismo dei frame: 2 1 Questo è il file sorgente (semplificato): ... corso

Dettagli

Guida introduttiva. Gestire i file Aprire, creare, condividere e stampare le note. Qui si possono anche modificare le impostazioni dell'account.

Guida introduttiva. Gestire i file Aprire, creare, condividere e stampare le note. Qui si possono anche modificare le impostazioni dell'account. Guida introduttiva Questa guida è stata creata con lo scopo di ridurre al minimo la curva di apprendimento di Microsoft OneNote 2013, che presenta numerose differenze rispetto alle versioni precedenti.

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti L intento di questa guida rapida è mostrare, in poche pagine, come diventare operativi in breve tempo con Moodle e riuscire a popolare il proprio corso con

Dettagli

Rilevazione e analisi. Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati.

Rilevazione e analisi. Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Rilevazione e analisi Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik, QlikTech,

Dettagli

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E.

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Bologna, 08/02/2010 Outline Da applicazioni concentrate a distribuite Modello

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Programmazione server-side: applicazioni CGI

Programmazione server-side: applicazioni CGI Programmazione server-side: applicazioni CGI Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2005-06 Lezione n.7 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Argomenti

Dettagli

Alla base del web: il protocollo HTTP

Alla base del web: il protocollo HTTP Alla base del web: il protocollo HTTP Programmazione lato server Serie di tecniche che consentono di creare dinamicamente risorse da distribuire tramite un server Web Questo può essere ottenuto tramite

Dettagli

Forms. Commercio elettronico Registrazione di nuovi membri (organizzazioni non-profit) Ricerca di mercato (collezione di dati relativi a utenti)

Forms. Commercio elettronico Registrazione di nuovi membri (organizzazioni non-profit) Ricerca di mercato (collezione di dati relativi a utenti) Forms Rendono XHTML interattivo in modo semplice: Commercio elettronico Registrazione di nuovi membri (organizzazioni non-profit) Ricerca di mercato (collezione di dati relativi a utenti) Svariati controlli

Dettagli

CONTROLLO REMOTO DI UNA TELECAMERA IP

CONTROLLO REMOTO DI UNA TELECAMERA IP Scuola Media Pietro Coppo CONTROLLO REMOTO DI UNA TELECAMERA IP Tesi di Maturità Professionale Alunno: Salben Kamberi Mentore: Maurizio Škerlič Anno scolastico 2013/2014 INDICE INDICE... 2 INTRODUZIONE...

Dettagli

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Questo manuale illustra le operazioni più comuni per la manutenzione e aggiornamento del sito web http://terremoti.ingv.it/ultimi eventi/ tramite l interfaccia

Dettagli

NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI

NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER Pagina 6 PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI Richiama la pagina visualizzata in precedenza Richiama la pagina visualizzata dopo quella attualmente

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro)

INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro) INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro) ESERCIZIO 1a a) Creare, utilizzando Microsoft Access, la base di dati Università,, seguendo lo schema logico relazionale seguente: DATABASE Università

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

INTERNET EXPLORER. Saro Alioto 1

INTERNET EXPLORER. Saro Alioto 1 INTERNET EXPLORER Saro Alioto 1 INTERNET 1960 Nasce con il nome ARPANET per volontà del Dipartimento della Difesa Statunitense, collegando quattro computer, tre in California ed uno in Utah. 1970 Altri

Dettagli

ESERCITAZIONE Semplice creazione di un sito Internet

ESERCITAZIONE Semplice creazione di un sito Internet ESERCITAZIONE Semplice creazione di un sito Internet Sistemi e Tecnologie Informatiche - Prof. Gregorio Cosentino 1 Internet Una rete globale che connette milioni di computer in tutto il mondo, anarchica

Dettagli

Centro sportivo Goal. Manuale d uso. Commento guidato sulle principali funzionalità del programma

Centro sportivo Goal. Manuale d uso. Commento guidato sulle principali funzionalità del programma Centro sportivo Goal Manuale d uso Commento guidato sulle principali funzionalità del programma Indice 1. Presentazione...3 2. Sito Internet...3 2.1. Pagina principale...3 2.2. Dove siamo...4 2.3. Fotografie...4

Dettagli

Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com

Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com INTRODUZIONE Per gestire i contenuti del sito Emporio Vini Cantine G.S. Bernabei, è necessario scrivere nella barra degli indirizzi del proprio

Dettagli

Esercizi di programmazione in C

Esercizi di programmazione in C Esercizi di programmazione in C Esercizio 1 Scrivere un programma in linguaggio C che legga da tastiera una sequenza di lunghezza ignota a priori di numeri interi positivi. Il programma, a partire dal

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Internet WWW ISP Protocolli di Rete

Internet WWW ISP Protocolli di Rete Internet Internet è un sistema di reti di computer interconnessi tra loro che facilita l'utilizzo di servizi di comunicazione dati come la posta elettronica, il Word Wide Web (WWW), il trasferimento dati

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER 19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Introduciamo uno pseudocodice lato server che chiameremo Pserv che utilizzeremo come al solito per introdurre le problematiche da affrontare, indipendentemente dagli specifici

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Networking Wireless con Windows XP

Networking Wireless con Windows XP Networking Wireless con Windows XP Creare una rete wireless AD HOC Clic destro su Risorse del computer e quindi su Proprietà Clic sulla scheda Nome computer e quindi sul pulsante Cambia Digitare il nome

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Titolo Autore Oggetto

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

WWW (World Wide Web)!& ( # %% (*0 #,% )0#1( &#"#2

WWW (World Wide Web)!& ( # %% (*0 #,% )0#1( &##2 ! "#$" %% $"$&&"'& $%%& $'&( ) *+&, ) && *+ ( -./ WWW (World Wide Web)!& ( # (&%#(!(&&( %% (*0 #,% )0#1( &#"#2 Siti Web pagine Web: documenti pronti per essere registrati su un server Internet residenza

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Costruzione di un sito web - HTML

Costruzione di un sito web - HTML Costruzione di un sito web - HTML Obiettivi. Presentare le caratteristiche di un sito Web ed i concetti base per la sua costruzione: fasi di realizzazione e linguaggio HTML. Illustrare gli elementi fondamentali

Dettagli

Sistema Informativo Alice

Sistema Informativo Alice Sistema Informativo Alice Urbanistica MANUALE UTENTE MODULO PROFESSIONISTI WEB settembre 2007 INDICE 1. INTRODUZIONE...2 1.1. Cos è MPWEB?... 2 1.2. Conoscenze richieste... 2 1.3. Modalità di utilizzo...

Dettagli