PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 HIGHLANDS INSTITUTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 HIGHLANDS INSTITUTE"

Transcript

1 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 HIGHLANDS INSTITUTE

2 INDICE 1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO MISSION LICEO SCIENTIFICO INTERNAZIONALE PERCHÉ IL LICEO SCIENTIFICO INTERNAZIONALE OBIETTIVI E PROPOSTA DIDATTICA SCELTE CURRICOLARI QUADRO ORARIO SETTIMANALE E ANNUALE STRUMENTI IL LICEO SCIENTIFICO NUOVO ORDINAMENTO 4.1 LE SCELTE CURRICOLARI FINALITÀ FORMATIVE FINALITÀ DIDATTICHE PIANO DI STUDIO DEI SINGOLI CORSI PROGETTI DI PARTICOLARE RILEVANZA PROGETTO "SETTIMANA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE" PROGETTI DISCIPLINARI PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA ORIENTAMENTO POTENZIAMENTO E ATTIVITÀ POMERIDIANE PROGETTI LE SCELTE METODOLOGICO DIDATTICHE METODOLOGIE E STRUMENTI GLI APPRENDIMENTI CRITERI GENERALI PER LA RILEVAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI (VERIFICHE)

3 6.4 CRITERI COMUNI PER LA FORMULAZIONE DEI GIUDIZI (MISURAZIONE E VALUTAZIONE) VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE GIUDIZIO SOSPESO CREDITI FORMATIVI E DIDATTICI (per gli studenti del triennio) CREDITO FORMATIVO LE SCELTE ORGANIZZATIVE SETTIMANA CORTA MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI INTERAZIONE SCUOLA FAMIGLIA

4 1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO Parte del XX distretto scolastico di Roma, nel quartiere EUR, l Highlands Institute offre un percorso formativo paritario dalla scuola dell infanzia alla scuola secondaria di II grado (liceo scientifico nuovo ordinamento e liceo scientifico internazionale). Da maggio 2014 anche Cambridge school, l Istituto è inserito in una rete scolastica presente in diversi paesi del mondo, con più di 170 scuole e 7 università, diretta dal movimento Regnum Christi con l assistenza spirituale della congregazione religiosa dei Legionari di Cristo. Il prestigio dell Highlands Institute si fonda sulla qualità dell insegnamento, sull alto livello di formazione proposto e sulla visione internazionale dei contenuti curricolari e dei metodi educativi, che includono uno studio quotidiano e intensivo della lingua e della cultura inglese. Il presente documento contiene la proposta formativa della scuola secondaria di II grado per l anno scolastico e rappresenta la sintesi tra le esperienze educative e didattiche fatte negli anni scorsi e le linee formative e operative che caratterizzano l orizzonte culturale dell intero istituto, in ottemperanza alle norme ministeriali che disciplinano e aggiornano il sistema scolastico italiano. Istituito nel 2000 tra viale della Scultura e via Laurentina, immerso nel verde e piacevolmente luminoso, l Highlands Institute è strutturato su quattro piani, il primo dei quali ospita attualmente la scuola secondaria di II grado. Il plesso è dotato delle seguenti strutture: Aule con LIM (Lavagne Interattive Multimediali); Laboratori scientifici: di biologia, di chimica e di fisica; convenzione con la Fondazione ITS per le Nuove Tecnologie della Vita per l utilizzo dei laboratori di biologia e di chimica; Strutture sportive: due palestre coperte, piscina, campo polivalente, due campi di calcetto, campi da tennis, due campi da basket; Aula magna polivalente, in cui tenere conferenze, concerti, o spettacoli teatrali organizzati dagli alunni; Biblioteca; Aula multimediale; Aula di musica; Aula audiovisivi; Aula di arte; Ambienti per animazione spirituale di gruppo; Ambienti per colloqui personali; Mensa con cucina interna; Presidio medico; Cappella; Strutture di accoglienza (college) per studenti fuori sede. 3

5 ORGANIGRAMMA Rettrice Prefetto Generale Di Studi Coordinatrice di formazione cattolica Coordinatori dei vari settori Coordinatore Amministrativo Cappellani Istruttori di formazione Responsabili di disciplina Docenti Segreterie didattiche Personale ATA Segreteria Amministrativa ORARIO DI RICEVIMENTO Rettrice Tutti i giorni Appuntamento Prefetto Generale degli Studi ( Preside) Tutti i giorni Appuntamento Docenti Singola disponibilità Appuntamento Coordinatore amministrativo Lunedì, mercoledì e venerdì Appuntamento Per appuntamenti con la Rettrice è necessario contattare la segreteria di direzione. Per gli appuntamenti con la Preside, i coordinatori e il responsabile amministrativo ci si può rivolgere alla segreteria didattica (il lunedì e il giovedì, dalle ore 8:00 alle ore 9:30 e dalle ore 15:30 alle ore 16:15; il martedì, il mercoledì e il venerdì dalle ore 8:00 alle ore 9:30 e dalle ore 13:00 alle ore 14:00). Per i colloqui con i docenti, i moduli di prenotazione sono disponibili in reception. In collaborazione con docenti e famiglie e in attività dedicate ai ragazzi e alle ragazze, operano il padre cappellano e le consacrate, che offrono quotidianamente la loro accoglienza e assistenza spirituale e formativa. Per un colloquio con loro, è preferibile fissare un appuntamento presso la segreteria didattica. All interno dell Istituto, è presente tutti i giorni il responsabile di disciplina, che si occupa dei rapporti fra i genitori, i docenti e gli alunni. La segreteria amministrativa (Cassa) è aperta tutti i giorni dalle ore 8:00 alle ore 12:00, e il lunedì anche dalle ore 15:00 alle ore 16:00. 4

6 2. MISSION Per una formazione di alto livello culturale, aperta e poliedrica. Nel contesto del periodo di profonde trasformazioni che attraversa il sistema scolastico italiano, il liceo scientifico dell'highlands Institute garantisce un percorso formativo integrale di alto livello: una preparazione finalizzata all'acquisizione di nozioni e allo sviluppo di abilità specialistiche, e soprattutto alla maturazione di una forma mentis flessibile e aperta, capace di riflettere in profondità, di comprendere, di impostare e risolvere problemi, di coltivare quell'ampiezza di pensiero che è patrimonio ed eredità peculiare della nostra civiltà e della tradizione liceale stessa. L offerta formativa del liceo scientifico internazionale Highlands, mantenendo lo stesso percorso formativo integrale di alto livello, mira a sviluppare nei ragazzi una forma mentis da cittadini d Europa e del mondo, esplorando e vivendo i valori dell internazionalità in termini di apertura al dialogo e al confronto, alla conoscenza e al rispetto del pluralismo culturale, alla condivisione e alla solidarietà fra i popoli. 5

7 3. LICEO SCIENTIFICO INTERNAZIONALE 3.1 PERCHÉ IL LICEO SCIENTIFICO INTERNAZIONALE Il progetto educativo comune a tutte le scuole Regnum Christi mira a una formazione cristiana, armonica e integrale della persona. Durante il percorso scolastico, l attenzione dedicata ad ogni studente permette di potenziarne le qualità, di assistere e seguire lo sviluppo di un pensiero critico che porti a scelte consapevoli e ad un autonoma comprensione del reale, di valorizzare le eccellenze e di formare le competenze di futuri leader. La vocazione internazionale dell Highlands Institute di Roma si concretizza nell insegnamento potenziato dell inglese in tutti i settori, e in numerosi progetti e iniziative. Insegnanti madrelingua conducono 10 ore settimanali di attività veicolate in inglese nella scuola dell infanzia, 8 ore di insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria, 6 ore di lingua e civiltà inglese nella scuola secondaria di primo grado e 5 in quella di secondo grado. Nel corso dell anno scolastico sono previsti stage e field work nell ambito delle attività previste dagli insegnamenti di Geography, Global Perspectives e di Science (Natural Science) secondo il Cambridge curriculum, presso le full boarding schools della rete in Irlanda durante la Settimana verde Highlands. Gli studenti del liceo partecipano al progetto internazionale HSMUN, (Highlands International Rome Model United Nations), con soggiorno in Florida durante il quale verranno attuate diverse simulazioni di sedute dell ONU. Il progetto prevede un corso di formazione che permetterà agli studenti di acquisire ed esercitare le seguenti abilità: Effettuare ricerche rigorose e approfondite in merito agli argomenti da trattare; Preparare e tenere discorsi in pubblico in maniera efficace; Argomentare e condurre trattative in maniera articolata e convincente; Esercitare, sviluppare e potenziare le abilità di critical thinking, teamwork, problem solving e leadership; Acquisire e sviluppare la consapevolezza di problematiche e tematiche legate al mondo contemporaneo. Il corso servirà anche di introduzione ad approfondimenti su G8 e G20, Fondo monetario internazionale, Banca mondiale e Corte internazionale di giustizia. Per tutti gli studenti della scuola secondaria di I grado e del liceo è organizzato un soggiorno-studio estivo di tre settimane a Tramore (Irlanda), con esame GESE (Graded Examination in Spoken English) del London Trinity College. A partire dalla terza classe della scuola primaria fino al liceo, tutti gli allievi dell Highlands sostengono annualmente esami Cambridge, raggiungendo il livello FCE B2 del Common European Framework for Languages (CEFR, Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) nel I biennio, CAE C1 (CEFR) nel triennio; nell ultimo anno si preparano per l IELTS Academic o TOEFL. L Highlands Institute è centro esami Cambridge dal 2011 e dal maggio 2014 è riconosciuto come Cambridge International School. Per gli allievi del liceo scientifico internazionale l istituto organizza uno scambio culturale di una settimana con scuole di paesi anglofoni. Le scelte curricolari del liceo scientifico offrono l insegnamento di lingua e civiltà spagnola, con la preparazione per le certificazioni DELE e scambi con scuole della rete in Spagna. 6

8 In questo contesto scolastico, la decisione di istituire un liceo scientifico internazionale con opzione della lingua inglese è non solo la naturale evoluzione dell impostazione e delle scelte curriculari esistenti, ma anche una valida risposta all esigenza crescente di far acquisire agli studenti le conoscenze, le abilità e gli atteggiamenti che permettono di essere cittadini del mondo superando le frontiere linguistiche e culturali. 3.2 OBIETTIVI E PROPOSTA DIDATTICA Attraverso l attenzione dedicata ai valori dell internazionalità e l importanza attribuita alla comunicazione, alla mobilità e agli scambi, all apertura a lingue e culture diverse, il liceo internazionale Highlands mira a sviluppare nei ragazzi una forma mentis da cittadini d Europa e del mondo: un modo di pensare volto alla comprensione reciproca e alla cooperazione, alla conoscenza e al rispetto del pluralismo culturale, alla condivisione e alla solidarietà tra i popoli. Il liceo internazionale Highlands si prefigge i seguenti obiettivi: Consentire lo sviluppo di una solida cultura scientifica e di lifelong skills, sostenuti dalla padronanza delle lingue straniere e dalla capacità di muoversi con disinvoltura in Europa e nel mondo; Favorire la creatività e lo spirito di iniziativa dei ragazzi anche mediante il confronto con realtà educative e contesti di vita sociale diversi; Educare all etica pubblica e sociale in un orizzonte di globalità; Sviluppare le competenze necessarie per completare gli studi superiori in paesi anglofoni (USA, Gran Bretagna, Irlanda, ecc); Favorire l integrazione di alunni stranieri nel sistema scolastico italiano e il loro eventuale ritorno nel sistema d istruzione di origine; Dare la possibilità ai cittadini stranieri di conservare la propria identità culturale nazionale pur vivendo in un contesto formativo italiano; Permettere agli studenti italiani di praticare una lingua straniera in maniera assidua e approfondita. La proposta didattica La proposta didattica per il nostro liceo internazionale è caratterizzata da: Internazionalità Costituisce l universo del discorso in cui s inseriscono gli apprendimenti proposti in ogni disciplina oggetto di studio. Particolare attenzione sarà data all insegnamento della storia, della geografia, del Diritto e dell economia secondo le indicazioni del Consiglio d Europa, al fine di infondere negli studenti una coscienza europea aperta al mondo. Critical Thinking La didattica del liceo internazionale implica metodologie di studio e ricerca che stimolano la creatività degli allievi e promuovono le loro capacità di riflessione, di analisi e di risoluzione dei problemi. 7

9 L opzione della lingua inglese Coerentemente con l impostazione culturale e con gli obiettivi della scuola, una cospicua parte del monte ore di lezione dei due bienni è veicolata in lingua inglese; delle quattro materie non linguistiche veicolate in inglese, due appartengono all ambito scientifico: scienze e ICT (Information & Communication Technology, tecnologia dell'informazione e della comunicazione) al I biennio; scienze e fisica al II biennio. L insegnamento della lingua e della civiltà spagnola Tra le materie di studio è previsto l insegnamento di lingua e civiltà spagnola, con due ore settimanali per tutto il quinquennio. La preparazione per le certificazioni internazionali First Certificate in I liceo, IGCSE (International General Certificate of Secondary Education) per le materie che seguono il percorso Cambridge International School al termine del I biennio, A levels e/o IB (international baccalaureate), CAE (Cambridge English: Advanced), IELTS (International English Language Testing System) e/o TOEFL (test of English as a foreign language) al termine del II biennio, DELE nel corso del quinquennio; tali certificazioni consentono di accedere alle università inglesi, americane e spagnole. L introduzione dell insegnamento di Global Perspectives: Con l introduzione dell insegnamento di Global Perspectives, l istituto intende promuovere l acquisizione di conoscenze, abilità e atteggiamenti che consentano agli studenti di raggiungere indipendenza di pensiero e di azione e di diventare così cittadini aperti a stimoli ed esperienze di condivisione e cooperazione. Tale disciplina mira a far acquisire una mentalità aperta, priva di pregiudizi, che permetta ai giovani di confrontarsi con la complessità di un mondo in costante cambiamento. In linea con la praticità dell impostazione anglosassone, Global Perspectives privilegia la maturazione di competenze e abilità messe in gioco in maniera concreta rispetto allo sviluppo di conoscenze solamente teoriche. L attenzione dedicata a problematiche di carattere globale e multiculturale permetterà agli allievi di maturare maggiore consapevolezza riguardo ai temi trattati, e allo stesso tempo li stimolerà a cimentarsi nell elaborazione e nella proposta di soluzioni valide e innovative che (esperienza estremamente utile dal punto di vista linguistico/comunicativo/culturale) andranno presentate nella maniera più appropriata. ICT (Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione) Con l utilizzo delle LIM e del laboratorio multimediale, le lezioni di ICT mirano a far acquisire agli alunni una forma mentis tecnologica, orientata alla comprensione di funzioni generali e alla capacità di saper selezionare e inquadrare le tecnologie nei particolari contesti d uso. Gli alunni dell Istituto Highlands sono preparati a sostenere gli esami previsti per la certificazione Eipass (passaporto europeo per l informatica) entro il I biennio della scuola secondaria di secondo grado. Gli scambi internazionali 8

10 Durante l anno scolastico sono pianificati soggiorni studio di almeno una settimana da trascorrere all estero presso scuole partner o della rete. Progetti e attività integrative: Progetto Extensive Reading Read On (Ambasciata Britannica, British Council e Oxford University). Collaborazioni con enti locali: EUR s.p.a., CNR, Rotary Club. Collaborazioni con enti internazionali: FAO (Food and Agriculture Organization), WFP (World Food Program); partecipazione ai Giochi di Archimede e alle Olimpiadi della matematica e di inglese. Caffè filosofici in collaborazione con l Università Europea di Roma (UER). Salotti storico letterari in collaborazione con la Fondazione U. Spirito R. De Felice e l UER. Partecipazioni alle Olimpiadi della Matematica, della Fisica, delle Scienze Naturali. Attività di volontariato, di partecipazione sociale nei gruppi di Gioventù missionaria. Partecipazione a competizioni sportive (Torneo Internazionale dell amicizia fra le scuole della rete, organizzato dall Highlands di Madrid; Giochi sportivi studenteschi). Orientamento: Gli alunni del quinto anno saranno aiutati a valutare e a scegliere il percorso di studi superiori più consono alle loro capacità e alle loro aspirazioni. In linea con la propria prospettiva internazionale, la scuola potrà seguire gli allievi nelle procedure per l iscrizione all UCLES (University of Cambridge Local Examinations Syndicate) per le università inglesi. 3.3 SCELTE CURRICOLARI Le scelte curricolari sono definite in conformità alle norme previste dal D.P.R. 15 marzo 2010 riguardante la Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei. Nell ambito dell autonomia concessa dal D.P.R. 8 marzo 1999, n 275, il curricolo nazionale è stato interamente recepito e potenziato con le seguenti discipline e proposte didattiche e culturali: Nel I biennio vengono veicolate in inglese le seguenti materie: scienze (due ore di lezione a settimana), geografia (due ore di lezione a settimana), informatica (un ora di lezione a settimana coordinata all insegnamento della matematica), cittadinanza e costituzione (un ora di lezione a settimana); 9

11 Nel II biennio vengono veicolate in inglese le seguenti materie: scienze (tre ore di lezione a settimana), fisica (tre ore di lezione a settimana), cittadinanza e costituzione (un ora di lezione a settimana); Nel V anno viene veicolato in inglese l insegnamento della fisica (tre ore di lezione a settimana), individuata in sede di Collegio Docenti come disciplina non linguista (DNL) da insegnare secondo la metodologia CLIL (Content and Language Integrated), come indicato nelle Indicazioni Nazionali Ministeriali (DPR 88 e 89/2010). Metodologia CLIL (Content and Language Integrated Learning, l apprendimento integrato di lingua e contenuti): per alcune materie che non rientrano percorso scelto Cambridge School. Potenziamento dell insegnamento dell inglese con l aggiunta di due ore di lezione tenute da un docente madrelingua, che si sommano alle tre ore settimanali di lingua e civiltà inglese previste dalle Indicazioni Nazionali. Potenziamento dell insegnamento della matematica: aggiunta di un ora di lezione a settimana nel II biennio e nel V anno; Insegnamento di ICT (tecnologia dell'informazione e della comunicazione) nel I biennio, disciplina veicolata in lingua inglese per un ora a settimana. Introduzione dell insegnamento di una seconda lingua comunitaria: tra le materie di studio è previsto l insegnamento di lingua e civiltà spagnola, con due ore settimanali per tutto il quinquennio, potenziato dall insegnamento della religione cattolica veicolato in spagnolo da un docente madrelingua. L attività didattica è strutturata in I biennio, II biennio e quinto anno, con 34 ore di lezione nel primo biennio, 35 al secondo biennio e 34 al quinto anno. L offerta formativa del quinto anno è finalizzata principalmente alla preparazione all esame di Stato. Le lezioni sono distribuite secondo il seguente schema orario settimanale: I biennio e V anno: Lunedì e giovedì: lezioni 8:00 14:05; lezioni 14:55 16:50. Martedì, mercoledì e venerdì: lezioni 8:00 14:05. II biennio Lunedì: lezioni 8:00 14:05; lezioni 14:55 17:45. Giovedì: lezioni 8:00 14:05; 10

12 lezioni 14:55 16:50. Martedì, mercoledì e venerdì: lezioni 8:00 14: QUADRO ORARIO SETTIMANALE E ANNUALE Quadro Orario Settimanale Materia I Biennio II Biennio V Anno Religione Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura latina English As A Second Language Storia Geography 2 Filosofia _ 3 3 Matematica Science/ Scienze Fisica / Physics Arte e tecnica della rappresentazione grafica Scienze motorie Spagnolo Global Perspectives ICT Totale ore Metodologia dello studio e della ricerca 1 (opzionale) 11

13 n = materia veicolata in lingua inglese n = materia veicolata in lingua spagnola 12

14 Quadro Orario Annuale (Calcolato su 33 settimane di lezione) Materia I Biennio II Biennio V Anno Religione Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura latina English As A Second Language Storia Geography 66 Filosofia _ Matematica Science/ Scienze Fisica / Physics Disegno Scienze motorie Spagnolo Global Perspectives ICT Totale ore Metodologia dello studio e della ricerca 1 (opzionale) n = materia veicolata in lingua inglese n = materia veicolata in lingua spagnola 13

15 Ammissione Licenza di scuola secondaria di I grado. Titolo conseguito Diploma di istruzione secondaria superiore ad indirizzo scientifico, IGCSE, IB. Proseguimento studi Accesso a tutte le facoltà universitarie in Italia e nei paesi anglofoni (Regno Unito, USA). 3.5 STRUMENTI Comitato tecnico-scientifico: la riforma Gelmini ha introdotto per le scuole la possibilità di dotarsi di un comitato tecnico-scientifico, composto di docenti e di esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica, con funzioni consultive e di proposta per l organizzazione delle aree di indirizzo e per l utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità. L Highlands Institute ha quindi istituito un comitato tecnico-scientifico per sottolineare l intenzione di formare futuri cittadini e professionisti consapevoli della diversità dei contesti sociali e sensibili ai valori dell etica pubblica e della solidarietà. Gli obiettivi principali del comitato sono: affiancamento dei docenti del liceo nella progettazione di percorsi didattici propedeutici alle scelte universitarie; elaborazione di progetti finalizzati al raccordo fra la scuola e il mondo dell università e del lavoro; partecipazione all aggiornamento del personale docente, con esperti provenienti dal mondo del lavoro e della ricerca; garanzia della qualità dell offerta formativa del liceo Highlands. La composizione del comitato è la seguente: Prof. Luca Gallizia L.C., Rettore dell Università Europea di Roma; Prof. Enrico Garaci, Presidente Consiglio Superiore di Sanità, Rettore dell Università telematica S. Raffaele; Dott. Giuseppe Recchi, già presidente dell ENI; Prof. Giorgio Maracchioni, presidente Fondazione ITS per le Nuove Tecnologie della Vita, direttore del Polo Biotecnoform; Dott. Silvano Scelzo (Documentarista parlamentare e docente di Dottrina Sociale della Chiesa); Dott. Gabriele Polverelli (Imprenditore, AD Giannini Automobili S.p.A.); Prof. Paul Prior, Maynouth College, Irlanda; Il gestore, il rettore dell Istituto e il dirigente scolastico del liceo sono membri di diritto. Il MIUR autorizza a decorrere dall a.s. 2014/2015 l attivazione di un progetto di innovazione metodologico didattica, ai sensi dell articolo 11 del decreto del Presidente della Repubblica n.275 del 1999, denominato Liceo scientifico internazionale con opzione della lingua inglese (D.M. n.234 del 31 marzo 2014 di autorizzazione al progetto di innovazione). 14

16 La Direzione Generale dell Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ha costituito un comitato scientifico con funzioni consultive e di proposta per l organizzazione e l utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità riguardo al coinvolgimento di tutte le discipline e di tutti gli insegnamenti nel progetto di innovazione. Il Comitato scientifico è così composto: Dott.ssa Graziella del Rosso Presidente; Dott. Piergiorgio Cosi Membro; Prof.ssa Livia Brienza Membro. Intese e accordi Intese e accordi con paesi partner (Irlanda, USA, ecc.) volti a favorire l integrazione e il confronto fra i sistemi educativi e culturali, la mobilità di studenti e insegnanti, l individuazione e la realizzazione di progetti comuni; Accordi con scuole del mondo anglofono in cui si insegna l italiano, per scambi culturali e stage nei rispettivi istituti, anche per periodi di lunga durata nel corso dell anno scolastico, concordando percorsi formativi e culturali; lezioni comuni in teleconferenza; progetti e itinerari di ricerca comuni; Accordi con università di paesi anglofoni (USA, Regno Unito, Irlanda, Canada) per il riconoscimento del liceo internazionale e per promuovere la partecipazione a progetti aperti alle scuole secondarie; Accordi/convenzioni con aziende in Italia e all estero per l integrazione del mondo della scuola con quello del lavoro, e per favorire scelte più consapevoli per il futuro professionale; Tutor: si prendono cura di ogni singolo allievo, lo accompagnano nelle attività scolastiche e formative, nello sviluppo di dinamiche relazionali e personali; mediante il dialogo e momenti di riflessione, si individuano gli obiettivi personali e si rafforzano le motivazioni di ciascuno studente. Équipe psico-pedagogica dei Centri di Orientamento Scolastico, Professionale e Sociale (C.O.S.P.E.S) dell Università Salesiana. 15

17 4. IL LICEO SCIENTIFICO NUOVO ORDINAMENTO 4.1 LE SCELTE CURRICOLARI Il liceo scientifico nuovo ordinamento dell'highlands Institute è un corso paritario e pertanto: definisce le discipline-attività dei curricula e il relativo monte ore annuale nei termini previsti dalle indicazioni ministeriali nazionali e dalle disposizioni vigenti in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche; rilascia titoli di studio aventi valore legale; è sede degli esami di Stato. Nei riguardi degli allievi il liceo si prefigge i seguenti obiettivi: 4.2 FINALITÀ FORMATIVE Far acquisire la coscienza della propria identità culturale, storica e religiosa mediante la riflessione critica sul patrimonio storico e sulla memoria culturale dell'umanità; Far acquisire il controllo critico della propria identità culturale, storica e religiosa come strumento per aprirsi a relazioni interpersonali sempre più ampie e costruttive; Educare all'appartenenza comunitaria come capacità di farsi carico delle responsabilità della convivenza e della cultura della solidarietà; Educare all'esercizio della cittadinanza come richiesta e rispetto della legalità; Educare alla libera espressione di sé, come singoli e come gruppi, nel pieno rispetto delle finalità, delle regole e delle esigenze della comunità scolastica. 4.3 FINALITÀ DIDATTICHE Sviluppare abilità trasversali, al fine di acquisire capacità relazionali; Sviluppare la capacità di concretizzare le conoscenze e le abilità acquisite attraverso l'operatività; Sviluppare una forma mentis flessibile e aperta al cambiamento, orientata alla soluzione dei problemi e alla gestione delle informazioni; Sviluppare la capacità di coltivare e accrescere autonomamente il sapere e l'attitudine all autovalutazione sistematica, nell'ottica del diritto allo studio, in senso lato, e dell'educazione permanente; Acquisire competenze nell'uso delle nuove tecnologie. Tali obiettivi sono perseguiti attraverso linee metodologiche che caratterizzano le relazioni tra gli studenti e l équipe dell Highlands Institute: 16

18 Nel processo di apprendimento viene privilegiata 1'operatività dello studente; L'utilizzo delle nuove tecnologie costituisce parte integrante della didattica in numerose discipline; Gli obiettivi didattico-educativi sono esplicitati affinché gli alunni possano avere gli strumenti necessari per autovalutarsi; viene incoraggiata la loro collaborazione fattiva, favorita anche dalla partecipazione agli organi collegiali; Vengono promosse l apertura e l'attenzione al mondo esterno attraverso momenti di incontro, di dibattito e di approfondimento, con il supporto di esperti, su temi di particolare rilevanza e attualità. Tra le iniziative, progetti quali: caffè filosofico, caffè scientifico, salotto letterario, laboratorio di storia; manifestazioni culturali (rappresentazioni teatrali, proiezioni cinematografiche, vernissage, lezioni concerto); conferenze su argomenti storico politici, filosofici, giuridici, scientifici; il Progetto HSMUN; visite guidate, viaggi di istruzione, soggiorni e scambi linguistico culturali con istituzioni scolastiche di altre nazioni. 4.4 PIANO DI STUDIO DEI SINGOLI CORSI Il liceo scientifico Highlands, rispetto al liceo scientifico nuovo ordinamento, offre un piano ore potenziato e articolato come segue: 33 ore invece di 27 al primo biennio: 1 ora in più di italiano, 2 ore in più di inglese laboratorio, 1 ora d insegnamento della lingua spagnola, 1 ora di elementi di diritto, 1 ora di informatica; 34 ore invece di 30 al secondo biennio: 1 ora in più di storia, di inglese, di matematica e di inglese laboratorio; 34 ore invece di 30 al quinto anno, 1 ora in più di storia, di inglese, di matematica e di inglese laboratorio. 17

19 Quadro Orario Settimanale Discipline 1 a 2 a 3 a 4 a 5 a Valutazioni Religione orali Italiano scritte orali Italiano Latino scritte orali Storia e geografia 3 3 orali Storia orali Filosofia orali Inglese scritte orali Inglese laboratorio scritte orali Spagnolo scritte orali Matematica scritte orali Fisica * 3* scritte orali Scienze scritte orali Disegno St. arte pratiche orali Elem. diritto orali Ed. fisica pratiche Informatica pratiche Totale ore *Si anticipa al quarto anno l insegnamento in lingua straniera di alcuni moduli di una disciplina non linguista (DNL), individuata in sede di Collegio Docenti, secondo la metodologia CLIL (Content and Language Integrated), come indicato nelle Indicazioni Nazionali Ministeriali (DPR 88 e 89/2010). Ammissione Licenza di scuola secondaria di 1 grado. Titolo conseguito Diploma di istruzione secondaria superiore ad indirizzo scientifico. Proseguimento studi Accesso a tutte le facoltà universitarie. 18

20 5. PROGETTI DI PARTICOLARE RILEVANZA 5.1 PROGETTO "SETTIMANA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE" Nell'ambito delle possibilità offerte dall'autonomia, nella terza settimana di gennaio è prevista un'articolazione flessibile del tempo e delle attività scolastiche. In questa settimana l'organizzazione ordinaria delle lezioni viene alternata a conferenze ed attività con orari flessibili e partecipazione degli studenti e delle famiglie a progetti interdisciplinari organizzati dai docenti. Le conferenze che si tengono e le attività che si svolgono durante questa settimana riguardano la sicurezza nell ambito dell utilizzo di Internet, la prevenzione dei disturbi alimentari relativi all adolescenza, la prevenzione cardiologica nelle attività sportive, lezioni interattive di primo soccorso, tecniche di difesa personale, Centro medico mobile Rotary per visita ortopedica/ odontoiatrica. 5.2 PROGETTI DISCIPLINARI Insegnamento della religione cattolica In tutte le classi dei licei l'insegnamento della religione cattolica è organizzato in un ora di lezione settimanale, dedicata allo svolgimento del programma ordinario previsto per la disciplina; sono previsti l'approfondimento e/o il dialogo (anche con l'eventuale supporto di esperti) su temi di cultura religiosa proposti in chiave etica, antropologica, teologica in compresenza con il docente di italiano (1 a e 2 a classe del liceo) e con i docenti di italiano latino, storia filosofia (3 a, 4 a,5 a classe del liceo). Area linguistica Arricchite da attività di laboratorio in lingua inglese, le lezioni curricolari sono incentrate sulla pratica delle quattro abilità linguistiche, sullo sviluppo delle competenze comunicative, sul potenziamento della competenza lessicale degli studenti e su attività di comprensione testuale. Sono previste anche attività guidate di recupero/potenziamento (gli studenti che vi parteciperanno saranno divisi in gruppi di lavoro in base alle loro competenze linguistiche) e di preparazione per il conseguimento dei livelli più avanzati delle certificazioni Cambridge. Seconda lingua comunitaria: spagnolo Il liceo scientifico Internazionale prevede l insegnamento di una seconda lingua comunitaria, lo spagnolo, per tutto il corso di studio, impartito per due ore settimanali in orario curricolare, con la possibilità di un ulteriore lezione in orario extracurricolare in vista del conseguimento della certificazione DELE. Il liceo scientifico del nuovo ordinamento prevede invece l insegnamento della lingua spagnola solo al biennio, impartito per un ora settimanale, integrato dalla possibilità di una seconda ora di lezione in orario extracurricolare, finalizzato al conseguimento della certificazione DELE. Area scientifica 19

21 Liceo scientifico nuovo ordinamento Potenziamento dello studio della matematica Potenziamento della matematica per tutto il triennio con un ora in più di lezione. 5.3 PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA ORIENTAMENTO Le attività di orientamento sono coordinate dalla commissione orientamento del collegio dei docenti, il cui compito è curare e promuovere iniziative per: L orientamento in ingresso e l accoglienza (collegamento con la scuola media interna): Redazione e revisione del materiale pubblicitario informativo sui licei; Presentazione agli alunni interni delle classi terze media ad opera di docenti e studenti dei corsi superiori mediante lezioni e attività di laboratorio; Presentazione dei licei a famiglie e alunni (interni ed esterni) delle classi delle terze medie. L invito sarà rivolto anche ai genitori degli alunni interni che attualmente frequentano la 2 a classe della scuola secondaria di primo grado; Sportello di consulenza individualizzata, offerto dai genitori della commissione orientamento del liceo ai genitori degli alunni della scuola secondaria di primo grado, per una migliore conoscenza dell offerta formativa del nostro liceo. L orientamento in uscita (collegamento con l università): Servizio informativo messo a disposizione degli studenti in merito alle iniziative di orientamento proposte dalle facoltà universitarie, e distribuzione del relativo materiale illustrativo; Promozione di presentazioni e iniziative culturali in sede. Progetto Cospes/Ciofs R. Marchese Orientamento scolastico, che prevede incontri individuali e con il gruppo classe al completo. Di seguito, gli obiettivi: Primo biennio: far acquisire all adolescente la consapevolezza delle proprie potenzialità intellettuali, delle attitudini e delle strategie di apprendimento, in rapporto all indirizzo scelto; Secondo biennio: far giungere progressivamente l adolescente alla maturazione della propria identità personale in rapporto ad una iniziale elaborazione del progetto di vita personale e professionale; Quinto anno: sostenere l adolescente nella sua maturazione, rafforzando la capacità decisionale e la piena consapevolezza di attitudini e interessi in funzione di una definizione del progetto di vita personale e professionale. Per il primo biennio è stata inoltre attivata un esperienza di tutoraggio da parte di tutti i docenti, integrata in due nuovi progetti. I docenti frequentano corsi di formazione tenuti dagli psicologi dell équipe, e a ciascun insegnante è affidato un ragazzo da seguire in qualità di tutor, per un 20

22 periodo definito, e per il conseguimento di obiettivi precisi: Favorire la metacognizione; Conoscere e migliorare le strategie di studio; Studiare con piacere; Conoscere l allievo e le sue strategie di studio; Accompagnarlo nel suo percorso di studio e di crescita POTENZIAMENTO E ATTIVITÀ POMERIDIANE Dal IV anno, la prova scritta di italiano sarà preparata secondo la tipologia degli esami di Stato; durante il V anno si effettueranno due simulazioni ufficiali delle tre prove scritte previste dall esame di Stato; In attività extracurricolare e/o curricolare, studio del Novecento con approfondimenti, a partire dal IV anno. Corsi pomeridiani Nel corso dell anno scolastico vengono proposti agli studenti corsi pomeridiani con l obiettivo di: conseguire le certificazioni europee sulle competenze linguistiche: Certificazione ESOL Cambridge First Certificate in English (livello B2 Vantage). Certificazione DELE Spagnolo ( Livello A1/A2/B1 Escolar/B1/B2/C1/C2). prepararsi agli esami (tenuti in sede) per il conseguimento della European Computer Driving Licence (patente informatica europea). Per promuovere il successo formativo, il collegio dei docenti del liceo ha progettato interventi extracurricolari. Per questo si prevedono: - Attività di recupero - Interventi per promuovere le eccellenze, volti ad offrire agli studenti più brillanti e volenterosi occasioni per arricchire il loro bagaglio culturale, e per sviluppare ulteriormente le loro competenze e le loro capacità. Si terranno brevi corsi e/o seminari di approfondimento, anche in collaborazione con università statali, ore di laboratorio culturale, attività pluridisciplinari e i progetti esposti nel paragrafo successivo PROGETTI Olimpiadi della matematica Tutte le classi del liceo scientifico partecipano nel mese di novembre alle Gare di matematica, chiamate nella prima fase Giochi di Archimede. Da oltre vent anni il Progetto Olimpiadi della Matematica organizza in Italia gare di matematica per le scuole superiori. I vincitori entrano nella squadra italiana che partecipa alle Olimpiadi Internazionali di Matematica. Il Progetto Olimpiadi opera in base a una 21

23 convenzione fra il Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e l'unione Matematica Italiana, e si avvale della collaborazione della Scuola Normale Superiore di Pisa. L iniziativa si articola nelle seguenti fasi: Giochi di Archimede: metà novembre (gare di tipo promozionale); Gare provinciali di selezione: di solito nel mese di febbraio; Olimpiadi nazionali della Matematica a Cesenatico: di solito nei primi giorni di maggio. Progetto Caffè filosofico scientifico Il progetto Caffè filosofico scientifico coinvolge, di norma, le classi del triennio liceale e si articola in una serie di incontri/dibattiti annuali di approfondimento diretti da esperti della disciplina (docenti universitari del Dipartimento di Filosofia e del Dipartimento di Scienze Naturali). Si rifletterà sui temi cardine della storia del pensiero filosofico e scientifico ( ad esempio, il problema della conoscenza, la concezione dell anima, il concetto di libertà, il problema del rapporto tra ragione e fede, tra scienza e religione ecc.) e in particolare su questioni etiche fondamentali e attuali (il tema dell identità personale, questioni di bioetica). Il progetto si propone di realizzare un autentica piattaforma comunicativa, capace di stimolare l interesse e la motivazione dei ragazzi nei confronti delle tematiche filosofiche e scientifiche: una sorta di tavola rotonda aperta, accogliente, formativa, ove i ragazzi possano prender parte attiva al dialogo filosofico e con filosofare. Guidati da adulti esperti, svilupperanno autonomamente, criticamente e responsabilmente il proprio punto di vista sulle questioni che riguardano e interessano l uomo in quanto persona che vive in un determinato contesto culturale e in un preciso momento storico, e che dunque non può prescindere dal confronto con le riflessioni delle epoche precedenti e dai problemi del proprio tempo. Progetto di approfondimento della storia contemporanea, europea e italiana Promosso dalla Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice (Istituzione culturale istituita a Roma nel 1981 e riconosciuta con D.M. 5/2/1994), il progetto si propone di approfondire con un ciclo di conferenze a cadenza mensile gli aspetti cruciali della storia sociale, economica e politica dell Europa contemporanea, con particolare attenzione al ruolo centrale delle masse durante il Novecento. Il Liceo Highlands e la Fondazione hanno avviato la collaborazione nell a.s , e a questa iniziativa, che si tiene nell aula magna della nostra scuola, partecipano ogni anno le classi quinte di diversi licei del territorio, in un clima costruttivo e stimolante di cooperazione e di scambio culturale. Laboratorio inglese Progetto Read on: si propone di offrire agli studenti numerose letture graduate per assecondare e sviluppare il gusto di leggere. Kangouru Competition A levels: gare di lingua inglese a livello nazionale. Incontri culturali 22

24 Viaggi di istruzione e visite guidate Sono organizzati sulla base di un piano annuale pianificato e approvato dal collegio dei docenti, e declinato dai vari consigli di classe in relazione agli apprendimenti programmati: Un viaggio di istruzione all anno (di più giorni, e nel periodo indicato nel calendario) in località di interesse storico artistico culturale. Tale esperienza permette di approfondire e integrare il percorso didattico, e costituisce un occasione concreta di apprendimento per gli studenti; Alcune visite guidate (nell arco della giornata). Di norma, i viaggi all estero sono riservati alle classi alla fine del percorso scolastico liceale : Non si effettuano viaggi d istruzione in periodi diversi da quello definito annualmente dal collegio docenti; Non si effettuano viaggi di istruzione e visite guidate nell ultimo mese di lezione (maggio); La responsabilità dell organizzazione è sempre di un docente del consiglio di classe. Possono tuttavia fungere da accompagnatori, condividendone le responsabilità, anche alcuni genitori di alunni della classe interessata. Attività sportive Giochi sportivi studenteschi : partecipazione alle competizioni scolastiche sportive; Famiglie in festa (mese di maggio, laghetto dell Eur): approfondimento della conoscenza di nuove discipline sportive. Giornata dello Sport: torneo della Settimana del Regnum Christi con la partecipazione di altre scuole. Gruppo Sportivo Studentesco. Attività musicali Durante i cinque anni di liceo, nel corso delle lezioni di inglese è previsto uno sguardo su artisti, fenomeni e contesti socioculturali legati alla popular music di origine angloamericana (blues, rhythm & blues, rock n roll, pop, rap) a partire dalla seconda metà del Novecento. Tali approfondimenti offriranno lo spunto per organizzare performance dal vivo di alcuni dei brani musicali esaminati in classe, e lezioni concerto. 23

25 6. LE SCELTE METODOLOGICO DIDATTICHE 6.1 METODOLOGIE E STRUMENTI In base alla composizione della classe, ai bisogni educativi degli alunni, alle loro esigenze di apprendimento e alla programmazione didattica, i docenti adottano con flessibilità vari metodi didattici, privilegiando oltre alla lezione frontale le tecniche che maggiormente coinvolgono l allievo e lo rendono coprotagonista con l insegnante del suo apprendimento: lezione dialogica, problem solving, ricerche individuali e/o di gruppo, trattazioni pluridisciplinari. Ai sussidi didattici tradizionali (libri di testo, appunti, fotocopie, dispense, ecc.) si affiancano strumenti più moderni (audiovisivi; apparecchiature multimediali). 6.2 GLI APPRENDIMENTI In osservanza alle Indicazioni Nazionali, il collegio docenti ha istituito alcuni dipartimenti in base agli assi culturali: Dipartimento umanistico: italiano, latino, storia e geografia, storia dell arte, diritto, religione; Dipartimento matematico scientifico: matematica, fisica, scienze, disegno, informatica, scienze motorie; Dipartimento linguistico: inglese, inglese laboratorio, spagnolo e spagnolo conversazione. Tali dipartimenti hanno redatto il curricolo d istituto, diviso per ogni tipologia di liceo. Per maggiori dettagli visionare i seguenti allegati: Curricolo_liceo_scientifico_INTERNAZIONALE Curricolo_liceo_scientifico_NUOVO_ORDINAMENTO 6.3 CRITERI GENERALI PER LA RILEVAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI (VERIFICHE) La verifica dell apprendimento è un processo continuo integrato con l attività didattica, funzionale al raggiungimento degli obiettivi didattici e formativi prefissati. I criteri per la somministrazione, la correzione e la misurazione delle prove scritte e/o orali sono stabiliti collegialmente, e coordinati dai dipartimenti disciplinari e nei consigli di classe. I docenti utilizzano differenti strumenti per la rilevazione degli apprendimenti nell orale e nello scritto, in relazione agli obiettivi e alla verifica del loro conseguimento. Tipologia delle verifiche Le prove scritte potranno essere strutturate, semistrutturate e non strutturate. Particolare attenzione viene data, fin dal biennio, alle nuove tipologie di verifica previste per le tre prove scritte dell esame di Stato. Le prove scritte e quelle orali potranno avere durata e struttura variabile a seconda che siano impiegate per la verifica formativa (verifica e valutazione in itinere, per accertare che lo studente stia seguendo e procedendo nell apprendimento degli argomenti), o per la verifica sommativa (verifica e valutazione conclusiva di un unità didattica, di un modulo o di un segmento del percorso 24

26 didattico, per accertare se lo studente abbia raggiunto gli obiettivi formativi e di contenuto prefissati). Per le discipline orali è possibile, e talora opportuno, utilizzare anche prove ed esercitazioni scritte, purché queste non sostituiscano totalmente il colloquio orale e abbiano la dovuta rilevanza nella valutazione periodica e finale. Le verifiche scritte ufficiali (compiti in classe) vengono programmate dai docenti e annotate sul giornale di classe. Il collegio docenti ha stabilito che, di norma, non si effettui più di un compito in classe nella stessa giornata, tranne nel caso in cui una delle verifiche scritte previste non riguardi una disciplina il cui voto è esclusivamente orale. Nell arco delle periodizzazioni dell anno scolastico (si veda paragrafo 8.7), vengono somministrate per ciascuna disciplina di studio un numero congruo di prove (sia per lo scritto che per l orale) tale da consentire al docente un adeguata valutazione dell allievo. Il tempo massimo stabilito tra la somministrazione della prova scritta e la restituzione del compito corretto è di 15 giorni. La correzione delle prove scritte, classificate e corredate dal testo oggetto della verifica, viene effettuata mediante la griglia di valutazione disciplinare resa nota agli studenti durante la presentazione dei corsi, e mira soprattutto a promuovere la capacità di autovalutazione degli allievi, chiarendo progressi e/o involuzioni, difficoltà personali e fornendo suggerimenti e sostegno per il successo formativo. Per il dettaglio sui criteri di valutazione di ogni materia, redatti dal collegio docenti suddiviso per dipartimenti, si può fare riferimento ai seguenti allegati: Criteri valutazione liceo scientifico INTERNAZIONALE Criteri valutazione liceo scientifico NUOVO ORDINAMENTO 6.4 CRITERI COMUNI PER LA FORMULAZIONE DEI GIUDIZI (MISURAZIONE E VALUTAZIONE) Il collegio docenti ha concordato che la valutazione di condotta trimestrale e finale sia espressa sulla base dei seguenti indicatori: Descrittori del comportamento per la nota esplicativa del voto di condotta (rif. Verbale c.d. Del 11/09/2014) VOTO NOTA 10 a)responsabile e costruttivo nel rispetto delle regole 9 a) Responsabile nel rispetto delle regole b) Ha accumulato un numero ridotto di ritardi brevi e/o di assenze 8 a) Osserva le regole con lievi e sporadiche inadempienze b) Ha riportato una segnalazione disciplinare sul registro di classe 25

27 c) Ha accumulato numerosi ritardi brevi 7 a) Ha un comportamento non sempre corretto e poco controllato b) Ha riportato due segnalazioni sul registro di classe c) Ha accumulato numerose assenze 6 a) Ha riportato rilevanti segnalazioni disciplinari sul registro di classe (>2) b) Ha ricevuto sanzioni disciplinari 5 a) Persiste nell inosservanza del regolamento d Istituto senza apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento b) Ha ricevuto sanzioni disciplinari ed è stato allontanato dalla scuola per periodi superiori a 15 giorni Il voto di condotta è deliberato dal consiglio di classe dopo un attento confronto fra le proposte dei singoli docenti che ne fanno parte. Ciascun insegnante formula la propria proposta del voto di condotta per ogni alunno sulla base dell osservazione sistematica effettuata per tutto il periodo di valutazione (trimestre) utilizzando gli indicatori del comportamento riportati nella seguente tabella: Il collegio docenti ha concordato i seguenti criteri comuni per la corrispondenza tra voti e livelli di apprendimento, nell intento di raggiungere la più ampia convergenza possibile nelle valutazioni dei insegnanti e dei consigli di classe. Criteri comuni tra voti e livelli di apprendimento VOTO GIUDIZIO Nessuna risposta ai quesiti della verifica. Obiettivi non raggiunti. Confusa e gravemente lacunosa la conoscenza delle informazioni, delle regole e della terminologia di base. Non è in grado di applicare né di comunicare. Obiettivi raggiunti in modo inadeguato. Conosce in maniera frammentaria e superficiale le informazioni, le regole e la terminologia di base. Commette gravi errori nell applicazione e nella comunicazione. Obiettivi raggiunti in modo frammentario Conosce e comprende in modo generale le informazioni, le regole e la terminologia di base che applica con difficoltà anche in situazioni note. Si rilevano carenze nella comunicazione. Obiettivi raggiunti in modo parziale 26

28 Conosce e comprende le informazioni di base, le regole e la terminologia della disciplina. Applica e comunica con sufficiente correttezza, in maniera autonoma, in situazioni note. Effettua semplici analisi e sintesi su argomenti e ambiti disciplinari diversi, ma deve essere guidato. Obiettivi raggiunti in modo minimale. Conosce e comprende le informazioni, le regole e la terminologia della disciplina. Applica anche in situazioni non note senza commettere errori gravi. È in grado di effettuare autonomamente analisi e sintesi semplici su argomenti e ambiti disciplinari diversi. Comunica in modo appropriato e organico. Obiettivi raggiunti in modo adeguato Conosce e comprende le informazioni, le regole e la terminologia della disciplina. Le applica correttamente anche in situazioni non note. Sa collegare argomenti e ambiti disciplinari diversi usando in modo pertinente analisi e sintesi. Comunica in modo preciso ed esauriente. Obiettivi raggiunti in modo completo Possiede una conoscenza ampliata e una comprensione approfondita delle informazioni, delle regole e della terminologia della disciplina. Sa formulare valutazioni critiche documentali e trovare approcci personali su argomenti e problemi di ambiti disciplinari diversi; ha un ottima padronanza della lingua italiana e dei linguaggi disciplinari specifici. Obiettivi raggiunti in modo completo e approfondito 6.5 VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE La valutazione periodica attesta il percorso formativo e di apprendimento intrapreso dallo studente. È espressa con un voto attribuito per la singola materia, in base a un giudizio brevemente motivato desunto dalle interrogazioni e dagli esercizi scritti, grafici o pratici, fatti a casa o a scuola, corretti e classificati durante il trimestre. Tale valutazione è formulata per ciascuno studente in uno statino di valutazione della classe, redatto da ogni docente per la/le disciplina/e di propria competenza, dove sono indicati: a) Proposta del voto di profitto; b) Numero delle prove di verifica (distinte per l orale e lo scritto) somministrate nel corso del periodo considerato; c) Un giudizio di merito circa la partecipazione alle attività didattiche, l impegno nello studio, il metodo di studio e il progresso rispetto ai livelli di partenza. La valutazione finale attesta gli esiti del percorso formativo e d apprendimento che lo studente ha compiuto nel corso dell anno, ed esprime la valutazione collegiale del consiglio di classe circa l effettivo o il mancato raggiungimento degli obiettivi formativi e didattici minimi indispensabili per l ammissione alla classe successiva. Tale valutazione s inserisce in un quadro unitario, in cui si delinea un giudizio di merito sulla diligenza, sul profitto e su tutti gli altri fattori che interessano l attività scolastica e la formazione dell allievo. Nella definizione di questo quadro unitario di giudizio, il consiglio di classe considera la frequenza costante e la partecipazione attiva alla vita 27

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Guida alla Lingua Inglese. Anno Accademico 2013/2014

Guida alla Lingua Inglese. Anno Accademico 2013/2014 Guida alla Lingua Inglese Anno Accademico 2013/2014 Redazione e coordinamento: Area Servizi agli Studenti e ai Dottorandi Servizio Segreterie Studenti Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2014 Tutti gli studenti

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli