PRESENTAZIONE DELLA PIASTRA AMBULATORIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE DELLA PIASTRA AMBULATORIALE"

Transcript

1 Pag. 1/15 PRESENTAZIONE DELLA PIASTRA AMBULATORIALE 1. Lista di distribuzione Emissione Premessa Pianificazione generale delle attività ambulatoriali Day Service Prenotazione delle prestazioni ambulatoriali, agende, tempi di attesa Pianificazione e monitoraggio dell attività ambulatoriale Sistema informativo Flussi informativi Comunicazione Scopo del presente documento Elementi caratterizzanti la nuova organizzazione dell'attività ambulatoriale Nuovo assetto distributivo dell'ospedale: la Piastra ambulatoriale Iter unico per la gestione del paziente in regime ambulatoriale Iter unico per la gestione dei pacchetti ambulatoriali complessi (Day Service-DSA) Assegnazione degli spazi (slot temporali) per l'attività ambulatoriale Informatizzazione delle agende Programmazione, pianificazione dell'attività: liste di lavoro Governo e gestione della piastra ambulatoriale Personale amministrativo: programmazione delle presenze presso il Centro Servizi e i punti di accettazione amministrativa Personale di assistenza: programmazione delle presenze per l'assistenza all'attività ambulatoriale Riferimenti Lista di distribuzione Direttori di tutte le UU.OO. afferenti alla Piastra ambulatoriale, Coordinatori della Piastra Ambulatoriale, Direzione Amministrativa di Presidio, Direzione Medica di Presidio, Direzione delle Professioni, Igiene ospedaliera e qualità dei servizi ambientali per la diffusione a tutti i rispettivi collaboratori.

2 Pag. 2/15 2. Emissione Rev. 0 Descrizione modifiche Prima redazione Data Approvazione Redazione Gruppo di redazione* Firma Verifica Responsabile Aziendale Qualità (Dott. U. Wienand) Firma Approvazione Direttore Generale (Dott. G. Rinaldi) Gruppo di redazione: Dott.ssa M. Giorgetti, Dott. R. Bentivegna, Dott.ssa E. Tarroni., 3. Premessa Obiettivo dell Azienda nell ambito dell assistenza specialistica ambulatoriale è di sviluppare la propria capacità di diagnosi,cura, riabilitazione e prevenzione e, più in generale, di soddisfazione dei bisogni di salute delle persone che si rivolgono ai nostri Servizi, al massimo livello qualitativo possibile, in modo appropriato, efficiente ed efficace. L erogazione delle prestazioni specialistiche ambulatoriali entro i tempi appropriati alle necessità di cura degli assistiti rappresenta una componente strutturale dei livelli essenziali di assistenza; è infatti essenziale garantire un percorso adeguato in relazione alle condizioni cliniche valutate dal medico responsabile. Lo scopo è di qualificarsi nella rete provinciale e regionale dei servizi sanitari quale punto di eccellenza per completezza e complessità delle prestazioni erogate. 3.1 Pianificazione generale delle attività ambulatoriali L Azienda USL di Ferrara rappresenta il principale committente per le attività di assistenza ambulatoriale specialistica, con la quale è stato concertato un volume annuale complessivo di oltre prestazioni, per un budget complessivo che ha assunto un valore economico superiore a , al netto dei tickets. L Accordo di Fornitura con l Azienda USL di Ferrara rappresenta il principale strumento di governo dell offerta di prestazioni specialistiche ambulatoriali, in relazione alle esigenze della popolazione. Gli accordi contrattuali definiti in sede di committenza sono risultato di analisi di appropriatezza e di valutazione dei bisogni effettivi della popolazione del territorio, ed oggetto di periodica analisi e discussione al Tavolo Interaziendale per la Specialistica Ambulatoriale. Secondo quanto stabilito dalla DGR n.1035 del 10 luglio 2009 (Programma regionale di miglioramento dell accesso ai servizi di specialistica ambulatoriale) e dalla DGR n.925 del 27 giugno 2011 (Piano regionale di governo delle liste di attesa), l Azienda USL presenta uno specifico Piano Attuativo nel quale sono specificate anche le modalità con cui l Azienda intende garantire il rispetto dei tempi di attesa. Il piano attuativo presuppone la valutazione del fabbisogno della popolazione di riferimento, la valutazione dell appropriatezza di prescrizione e di erogazione, la programmazione della produzione di visite specialistiche ed esami strumentali, il piano di produzione con la distinzione dei volumi attesi per classe di priorità, il sistema delle garanzie di accesso.

3 Pag. 3/15 L Azienda Ospedaliero-Universitaria collabora annualmente con l Azienda USL alla definizione e stesura del Piano di Produzione della Specialistica Ambulatoriale, sviluppando azioni finalizzate alla riduzione dei tempi di attesa. Tali azioni sono rivolte sia alla gestione delle agende di prenotazione (ad esempio, la netta separazione tra prima visita e controllo, l implementazione e consolidamento del CUP unico provinciale) sia all appropriatezza dell offerta di prestazioni. L obiettivo congiunto tra le due Aziende della provincia è quello di favorire l accesso alle prestazioni specialistiche ambulatoriali, tenendo conto del vincolo del rispetto del tempo di attesa per classe di priorità, concentrando le risorse prioritariamente sulle prestazioni critiche. La garanzia del rispetto del tempo di attesa è data, per la maggior parte delle prestazioni, in ambito distrettuale; solo per alcune più complesse la garanzia riguarda l ambito territoriale provinciale. La pianificazione dell assistenza specialistica ambulatoriale deve prevedere anche la regolamentazione dell attività libero professionale, al fine di garantire l equilibrio tra il regime di erogazione istituzionale e in libera professione. E necessario regolamentare i volumi di attività e i tempi di attesa affinché il ricorso alla libera professione sia conseguenza della libera scelta del cittadino e non di carenza nell organizzazione dei servizi resi nell ambito dell attività istituzionale. 3.2 Day Service In ambulatorio vengono effettuati gli accertamenti diagnostici, le procedure terapeutiche e riabilitative che non richiedono trattamento ospedaliero o domiciliare. Un particolare ruolo riveste l ambulatorio ospedaliero per l efficace continuità di cure integrate, la gestione delle complicanze, il gradimento del paziente e l appropriatezza. Una tipologia particolare di deospedalizzazione per l erogazione di prestazioni è il day service. Il day service ambulatoriale è un innovativa modalità di assistenza finalizzata alla gestione di casi clinici la cui soluzione richiede l erogazione di indagini cliniche e strumentali plurime e multidisciplinari anche complesse, erogate in un numero minimo di accessi e previste da uno specifico percorso diagnostico terapeutico centrato sul problema clinico del paziente e non sulla singola prestazione; richiede un elevato livello di coordinamento clinico-organizzativo. 3.3 Prenotazione delle prestazioni ambulatoriali, agende, tempi di attesa Da dicembre 2010,L Azienda Ospedaliera-Universitaria si impegna a produrre prestazioni prenotabili a CUP, superando la gestione delle stesse attraverso il sistema di gestione dell offerta (GSA) del proprio Centro Servizi. L attivazione del nuovo CUP UNICO PROVINCIALE consente, secondo le indicazioni regionali, che alcune prestazioni risultino prenotabili presso tutti i punti CUP attivati nel territorio provinciale (prestazioni di I livello, ovvero prime visite/prestazioni strumentali e controlli), e altre solo presso il CUP Aziendale (prestazioni di II e III livello, percorsi complessi). Tale incremento della prenotabilità costituisce elemento di positivo riscontro alla riduzione dei tempi di attesa da un lato, e di garanzia di equa modalità di accesso ai percorsi di presa in carico, dall altro.

4 Pag. 4/15 Nel sistema CUP, governato attraverso il portale di gestione CupISES, si individuano diverse tipologie di agenda informatizzata di prenotazione delle prestazioni, con diverso grado di accessibilità: Agende CUP provinciale, attraverso le quali viene gestita l offerta di prestazioni di I livello, il cui volume è definito puntualmente nell ambito dell Accordo di Fornitura. Tali agende sono accessibili da tutti i punti di prenotazione abilitati sul territorio provinciale (comprese le Farmacie) e mediante il numero verde del Call Center a supporto del CUP ( ); inoltre è in corso di implementazione la modalità di prenotazione on-line mediante CUPWEB. Fanno eccezione le prestazioni di I livello offerte per la classe di priorità B (urgenza differibile), per le quali è prevista solamente la prenotazione tramite gli sportelli dei centri servizi provinciali. Agende CUP aziendale: sono agende dedicate ad attività di II livello, accessibili solamente in ambito aziendale, attraverso prenotazione presso gli sportelli del Centro Servizi aziendale e, talvolta, presso le accettazioni amministrative poste nei blocchi della piastra ambulatoriale; sulla base della tipologia di attività erogata dalla singola agenda si valuta l opportunità di abilitarla alla prenotazione anche attraverso il numero verde del Call Center ( ); Agende autogestite, dedicate ad attività di II e III livello, il cui accesso è governato direttamente dal medico specialista dell ambulatorio per garantire l appropriata selezione della casistica presa in carico e quindi il governo delle singole sessioni di lavoro dell agenda. Per tali agende sono abilitati alla prenotazione le accettazioni amministrative di Piastra e i Medici specialisti che ne facciano richiesta. Tutte le prestazioni registrate nel portale Cup ISES, indipendentemente dalla tipologia di agenda, alimentano il Flusso ASA (Flusso informativo regionale Assistenza Specialistica Ambulatoriale), che rappresenta pertanto il report dell attività erogata. Tale Flusso viene trasmesso mensilmente alla Servizio Sistema informativo Sanità e Politiche Sociali dell Assessorato Politiche per la Salute della Regione che, dopo eliminazione degli scarti (ovvero dei casi per i quali il tracciato informativo non risulta essere completo/coerente), restituisce i file validati relativi a: attività erogata prestazioni scartate mobilità attiva interregionale ed infraregionale. In fase di prenotazione/programmazione delle prestazioni specialistiche ambulatoriali è previsto l uso sistematico delle classi di priorità, così come definite nell ambito della delibera regionale n. 925/2011 Piano regionale di governo delle liste di attesa per il triennio : U (urgente), da eseguire entro 24 ore B (urgente differibile), da eseguire entro 7 giorni D (programmabile), da eseguire entro 30 giorni per le visite o 60 giorni per gli accertamenti diagnostico-strumentali P (programmata), quindi erogate indicativamente nel periodo indicato nello spazio testuale della ricetta.

5 Pag. 5/15 Ai fini della verifica del rispetto dei tempi di attesa per le prestazioni ambulatoriali sono prese in considerazione esclusivamente le prime visite e le prime prestazioni diagnostiche/terapeutiche (programmabili), ovvero quelle che rappresentano il primo contatto del paziente con il sistema relativamente al problema di salute posto, mentre sono escluse le prestazioni di controllo e le prestazioni inserite nei programmi di screening. Secondo gli standard regionali, le prestazioni programmabili e urgenti differibili devono essere garantite al 90% degli utenti entro i tempi massimi stabiliti ovvero 7 giorni per le prestazioni urgenti differibili, 30 giorni per le visite programmabili, 60 giorni per le prestazioni diagnostico strumentali programmabili. In particolare sono attualmente oggetto di monitoraggio regionale e nazionale circa cinquanta prestazioni cosiddette critiche. 3.4 Pianificazione e monitoraggio dell attività ambulatoriale Gli aspetti salienti della pianificazione, e monitoraggio dell attività ambulatoriale sono: offerta strutturata a cura del Dipartimento, sulla base dell accordo di fornitura e degli obiettivi specifici aziendali definizione delle agende ambulatoriali (strumento di governo dell offerta e dei percorsi di accesso) monitoraggio della produzione (analisi report volumi di attività del Controllo di Gestione) e dei Tempi di attesa (flusso informativo dell assistenza specialistica ambulatoriale ASA per i tempi effettivi ed applicativo MAPS + report periodici AUSL FE per i tempi di attesa prospettici) 3.5 Sistema informativo Le prestazioni specialistiche ambulatoriali sono gestite attraverso il sistema informativo CupISES, che traccia la singola prestazione nelle fasi di prenotazione erogazione/tariffazione. E pertanto anche strumento di registrazione delle prestazioni specialistiche erogate, rendicontate periodicamente attraverso il flusso regionale ASA dedicato alla Specialistica Ambulatoriale. Il sistema CupISES si interfaccia con il sistema SAP, su cui è implementato il sistema informatico ospedaliero. Ciò garantisce l informatizzazione del percorso ambulatoriale anche per quanto riguarda le fasi di accettazione/accoglienza del paziente e di refertazione. Il sistema CupISES è già integrato con l applicativo regionale del sistema SOLE. Ciò permette l invio della prescrizione elettronica di visite ed esami specialistici da parte dei medici prescrittori ai punti di erogazione (compresa la nostra Azienda) e il ritorno automatico del referto specialistico allo stesso prescrittore, favorendo la comunicazione e il confronto tra specialistica e MMG sui referti di completamento diagnostico e l analisi dei percorsi attivati per specifiche condizioni. Il supporto dell infrastruttura regionale SOLE contribuisce inoltre al processo di informatizzazione degli ambulatori prevedendo la omogeneizzazione delle denominazioni delle prestazioni ai fini della prescrizione (catalogo unico regionale di prestazioni specialistiche ambulatoriali). 3.6 Flussi informativi I flussi informativi regionali funzionali ad assolvere il debito informativo indicato dal Piano nazionale di governo delle liste di attesa sono: Flusso ASA: flusso informativo per i tempi effettivi. La rilevazione viene effettuata dall Azienda con cadenza mensile e riguarda tutte le prestazioni specialistiche ambulatoriali e non solo quelle previste nel Piano nazionale per il monitoraggio dei tempi di attesa.

6 Pag. 6/15 Flusso MAPS per i tempi di attesa prospettici (ex ante). In questo caso si fa riferimento a rilevazioni trimestrali su una settimana indice. La rilevazione riguarda le prestazioni specialistiche ambulatoriali previste nel Piano nazionale per il monitoraggio dei tempi di attesa e alcune di interesse regionale (complessivamente indicate come critiche ). A livello locale, l Azienda USL provvede a monitorare mensilmente il tempo di attesa delle prestazioni specialistiche ambulatoriali, fornendo al referente della Direzione Medica il report relativo ai tempi di attesa delle prestazioni specialistiche ambulatoriali prenotabili a CUP provinciale ed eseguibili nelle strutture sanitarie del Distretto Centro-nord, rilevati all inizio di ciascun mese. Tale report viene quindi diffuso ai Direttori di U.O., ai Responsabili di Modulo Dipartimentale e ai referenti di U.O. per la Specialistica Ambulatoriale. 3.7 Comunicazione La Piastra ambulatoriale rappresenta uno dei principali ambiti sui quali l Azienda vuole garantire costante attenzione ai processi comunicativi, favorendo l integrazione e la partecipazione degli operatori e degli utenti secondo la Health Literacy. 4. Scopo del presente documento L'attività ambulatoriale e di Day Service, descritta nei precedenti paragrafi, viene svolta, in base alla complessità assistenziale, presso la Piastra ambulatoriale o presso la piastra di DH (vedi P-603-AZ). Nel presente documento viene descritta questa attività nell'ambito organizzativo e di gestione della Piastra ambulatoriale. Per ciò che attiene l'ambito organizzativo e di gestione della Piastra DH in cui si svolge questa attività, si rimanda al documento di presentazione specifico. 5. Elementi caratterizzanti la nuova organizzazione dell'attività ambulatoriale 5.1 Nuovo assetto distributivo dell'ospedale: la Piastra ambulatoriale a concezione progettuale distributiva alla base della nuova struttura ospedaliera di Cona è stata l organizzazione e articolazione delle attività per funzioni distinte secondo il criterio dell intensità di cura: degenze, Day Hospital, ambulatori, sale Operatorie, servizi di laboratorio e radiologia centralizzati. In quest'ottica l'ambito dell attività ambulatoriale è stata centralizzata e collocata in Blocchi/aree strutturali dedicate che nel loro insieme costituiscono una Piastra ambulatoriale intesa come "l insieme di tutti gli ambulatori dell Azienda Ospedaliera, strutturalmente collocati in Blocchi e aree, che fanno parte di un unico sistema organizzativo di gestione e governo". Il nuovo assetto ha superato il precedente modello distributivo e organizzativo presente nel vecchio ospedale di Ferrara dove l attività ambulatoriale di ogni U.O., con poche eccezioni, aveva una collocazione spaziale singola, spesso contigua alla degenza e in condivisione con l attività di DH. Conseguentemente l organizzazione ambulatoriale di ogni U.O. aveva una sua autonomia nell organizzazione e nella gestione delle risorse. Il nuovo assetto distributivo ha comportato una conseguente necessaria revisione dell'organizzazione del lavoro basata sul livello assistenziale e sulla gestione di un processo ambulatoriale unitario, omogeneo ed integrato.

7 Pag. 7/15 L'articolazione centralizzata dell'assistenza ambulatoriale ha avuto come obiettivi : il miglioramento dell'appropriatezza dell'erogazione dell'assistenza per pazienti con omogeneità nei bisogni di cure l'ottimizzazione delle risorse umane e tecnologiche. la dotazione, utilizzo e acquisizioni di strumentazione di uso comune la razionalizzazione degli spazi disponibili La Piastra Ambulatoriale: Logistica degli ambulatori Fanno parte della Piastra ambulatoriale l insieme degli ambulatori che a Cona sono collocati all interno di Blocchi delimitati strutturalmente o ad essi collegati funzionalmente, ognuno composto da un accettazione amministrativa centralizzata, ambulatori, locale lavoro infermieri e locale coordinatore. a Ferrara (vecchio Ospedale S. Anna, Via Montebello e presso il Nuovo San Giorgio) è collocata una quota residuale dell attività in Aree che possono non essere dotate di accettazione amministrativa.

8 Pag. 8/15 Di seguito si riporta uno schema sintetico rappresentativo della distribuzione complessiva dei blocchi/aree ambulatoriali a Cona e Ferrara: Blocco / Settore Dipartimenti U.O. Chirurgico Cona - Blocco Ambul D1 Cona - Blocco Ambul E1 Cona - Blocco Ambul P.T. 1E0 Cona - Blocco Ambul P 1E1 Cona - Blocco Ambul P 3E1 Ferrara area Ambulatoriale Ferrara ex San Giorgio area Ambulatoriale Chirurgico Spec. Sett- Neuroscienze Emergenza Riprod. Accresc. Chir. Spec. Sett. Neuroscienze Ripr. Accresc. Medico Emergenza Medico Spec. Sett. Neurosc. Medicine Ripr. Accresc. Chirurgico Specialistico Medico Emergenza Medico Specialistico Sett. Neurosc. Ripr. Accresc. Sett. Riabilitazione Chir. Plastica, Chir. Generale e Toracica, Clinica Chir., Urologia, Chir. Vascolare, Chir. Urgenza Oculistica Neurochirurgia Anestesia e Rianimazione Ospedaliera, Anestesia e Rianimazione Universitaria Ostetricia, Ginecologia ORL Neurofisiologia Pediatria - Neurologia Geriatria, Medicina Interna Universitaria, Gastroenterologia, Mal. Infettive, Medicina Interna Ospedaliera, Clinica Medica Cardiologia, FPR Reumatologia, Endocrinologia, Ematologia, Oncologia, Nefrologia, Dermatologia. Neurologia Clinica medica TIN, Geriatria e Pediatria Oculistica, Medicina Interna Ospedaliera (DCA) Ortopedia, Cardiologia, Pneumo Reumatologia, Diabetologia, Dermatologia, FPC Neurologia Genetica Medica UGC, UOMR

9 Pag. 9/15

10 Pag. 10/15 Tariffazione e Pagamento ticket Le macchine incassatrici sono collocate nella struttura di Cona presso: - il Centro Servizi 1F0 (pagamento bancomat) - lo snodo 2C0 (con pagamento bancomat e contanti) - lo snodo 2B0 (con pagamento bancomat e contanti) - lo snodo 2E1 (con pagamento bancomat e contanti) 5.2 Iter unico per la gestione del paziente in regime ambulatoriale L Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara ha deciso di predisporre una procedura unica per definire le modalità di gestione dell iter dei pazienti che accedono alla Piastra Ambulatoriale con l obiettivo di: definire un unico sistema organizzativo, di gestione e di governo dell attività ambulatoriale definire le responsabilità sulle singole fasi del processo; uniformare i processi trasversali a tutte le UU.OO. afferenti alla Piastra garantire il coordinamento delle diverse funzioni coinvolte nel percorso del paziente in modo da assicurare la continuità della presa in carico e semplificare il suo iter; favorire l uniformità ed integrazione delle modalità operative adottate dalle UUOO specialistiche relativamente a o o o o o accesso e presa in carico del paziente, pianificazione e programmazione delle attività ambulatoriali coerente con le richieste della committenza e con gli obiettivi e le competenze aziendali; modalità amministrative di gestione dell'accettazione e dimissione sicurezza del paziente attraverso l adozione di adeguate misure di prevenzione e gestione dei rischi; completezza delle registrazioni a sistema informativo e della documentazione sanitaria e amministrativa. migliorare la qualità dell'assistenza e l'appropriatezza 5.3 Iter unico per la gestione dei pacchetti ambulatoriali complessi (Day Service- DSA) L Azienda ha deciso di predisporre una procedura unica di DSA con l obiettivo di: migliorare l'appropriatezza dell'indicazione all'inserimento nel percorso definire un unico sistema organizzativo dell'attività DSA aziendale definire un unico iter di attivazione e coordinamento per la presa in carico fino al completamento del percorso

11 Pag. 11/15 definire un unico iter di gestione della modulistica che mantenga aggiornato lo strumento di lavoro e prescrizione e nel contempo consenta sempre la corretta registrazione di tutte le prestazioni erogate definire le responsabilità nelle singole fasi del processo; definire le modalità amministrative di gestione delle agende, delle prenotazioni, dell'accettazione e tariffazione uniformare e garantire la completezza delle registrazioni a sistema informativo e della documentazione sanitaria e amministrativa. definire le modalità di monitoraggio e controllo dell'attività 5.4 Assegnazione degli spazi (slot temporali) per l'attività ambulatoriale Il nuovo assetto distributivo ha comportato l'esigenza di rivedere, rispetto allo storico, gli aspetti di assegnazione (slot temporali) degli spazi ambulatoriali di ogni U.O. L'assegnazione di slot temporali negli spazi ambulatoriali è stata fatta tenendo conto pianificazione generale delle attività e sulla base dei volumi e tipologia di attività svolta (report Controllo di gestione) e degli obiettivi aziendali. L'uso funzionale degli spazi ambulatoriali è stato il principio generale comune con cui sono state fatte le attribuzioni in tutta la Piastra. Ne consegue che i locali sono condivisi o comunque condivisibili con altre UU.OO. quando si renda necessario per variazioni nella programmazione giornaliera o generale dell attività ambulatoriale. Gli slot temporali destinati non sono fissi ma sono soggetti a revisione periodica ed eventuale riassegnazione in base all attività ed agli obiettivi strategici aziendali a cura del Nucleo di Coordinamento Piastra DH. All'interno dei propri slot temporali ogni U.O. programma e gestisce le prestazioni dei propri pazienti (nuovi accessi, urgenze differite,pazienti già presi in carico) in base alle caratteristiche, complessità ed esigenze assistenziali. La definizione e la variazione degli spazi riservati all'attività ambulatoriale di ogni U.O. è stata redatta dalla Direzione Medica di Presidio in collaborazione con i Direttori di U.O. La gestione estemporanea di necessità o modifiche di spazi ambulatoriali da parte di una U.O. è gestita all interno del Blocco da parte del Coordinatore e il/i Direttore/i di U.O. coinvolto/i. Nell'occupazione degli spazi viene anche prevista l attività libero professionale nelle fasce orarie libere dall erogazione di prestazioni in regime istituzionale e le attività inerenti sperimentazioni cliniche autorizzate. 5.5 Informatizzazione delle agende Uno degli elementi caratterizzanti del percorso è stata la forte spinta al completamento dell'informatizzazione delle agende interne autogestite, come strumento unico per tutti, facilitando il percorso di prenotazione e accettazione da parte dei punti amministrativi aziendali, migliorando la tracciabilità e trasparenza dell'attività, agevolando una buona pianificazione delle risorse assistenziali necessarie. 5.6 Programmazione, pianificazione dell'attività: liste di lavoro Grazie all'informatizzazione delle agende, è stato possibile sviluppare strumenti a supporto delle programmazione delle attività nelle aree ambulatoriali.

12 Pag. 12/15 Per l'attività ambulatoriale che viene effettuata presso la Piastra ambulatoriale la lista di lavoro giornaliera è lo strumento informatizzato descrittivo dell'attività giornaliera indispensabile per la pianificazione dell'attività e la conseguente organizzazione dell'accoglienza e assistenza del paziente sulla base delle prenotazioni registrate sulle agende informatizzate. 5.7 Governo e gestione della piastra ambulatoriale Tutti i blocchi strutturali ambulatoriali dove le UU.OO. lavorano fanno parte di una Piastra unica con un unico sistema organizzativo, di gestione e governo. Il modello può essere sintetizzato secondo le modalità di seguito riportate: Direzione Generale Definisce il volume annuale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali che l Azienda deve erogare in base all Accordo di Fornitura con l AUSL ed altri Enti esterni Approva modelli organizzativi relativi alla Piastra ambulatoriale Direzione Medica di Presidio Contribuisce a definire i volumi e tipologia di attività ambulatoriale annuale di U.O. in base alla programmazione annuale aziendale Collabora alla programmazione dell attività ambulatoriale di U.O. (agende, accessi,.) con il Direttore di U.O. o suo Referente assegna gli slot temporali negli spazi in base all attività da svolgere in collaborazione con il Direttore di U.O. o suo Referente Medico effettua il monitoraggio dei tempi di attesa di prestazioni ambulatoriali erogate a livello aziendale e ridefinisce i volumi con i Direttori di U.O./Referenti in base agli obiettivi aziendali è membro del Nucleo di coordinamento della Piastra Ambulatoriale Direttori UU.OO. afferenti o Referente medico ambulatoriale di U.O. Collaborano con la Direzione Medica di Presidio alla programmazione annuale dell attività ambulatoriale di U.O., alla relativa rimodulazione (in base modifica della committenza) ed alla definizione dei relativi slot temporali negli spazi ambulatoriali della Piastra forniscono le istruzioni operative specifiche necessarie per l erogazione della propria attività ambulatoriale Sono componenti dell Unità di Gestione di Blocco

13 Pag. 13/15 Referente medico ambulatoriale di Dipartimento. Un Direttore di U.O. o Referente medico di U.O. fra quelli che partecipano al Nucleo di gestione del Blocco che viene nominato in qualità di Referente Dipartimentale. è membro del Nucleo di coordinamento della Piastra Ambulatoriale Coord. Inf. di Blocco Ambulatoriale gestisce le risorse umane assegnate per assicurare l assistenza e il funzionamento in condizioni di efficienza del blocco ambulatoriale stabilisce procedure organizzative e tecniche per aspetti di competenza è membro dell Unità di gestione di Blocco Ambulatoriale Nucleo di coordinamento della Piastra ambulatoriale Composto da: Dirigente Direzione Medica di Presidio, Referenti medici ambulatoriali di Dipartimento,, Dirigente Direzione Professioni, POA Area diurna e Ambulatoriale, Dirigente Direzione Amm. di Presidio Propone piani di rimodulazione di Piastra in base ad obiettivi aziendali Definisce i criteri di assegnazione delle risorse umane alle attività Valuta la necessità di risorse umane per le attività della Piastra Valuta l occupazione e utilizzo della Piastra per la definizione di piani di miglioramento dell efficienza organizzativa Definisce i piani di miglioramento dei percorsi pazienti ambulatoriali all interno della Piastra gestisce problematiche di carattere generale o trasversale nelle interfacce tra Blocchi Ambulatoriali e Servizi/UU.OO. Unità di Gestione di Blocco Ambulatoriale Composta da: Direttore U.O. o suo Referente medico, Coordinatore Inf. del Blocco, POP Area Ambulatoriale, Referente amministrativo di Blocco gestisce le criticità organizzative, amministrative e di interfaccia specifiche di Blocco gestisce in via estemporanea gli spazi ambulatoriali in base alle necessità Gestisce la distribuzione delle risorse alle attività in base ai criteri individuati e verifica della loro congruità gestisce criticità individuate a livello di Blocco nei percorsi con i Servizi/UU.OO. Aziendali e in concessione con cui si interfaccia, rapportandosi con il Nucleo di Coordinamento della Piastra Ambulatoriale per problematiche di carattere generale o trasversale

14 Pag. 14/15 Direzioni/Strutture di supporto Ing. Clinica, Servizio Tecnico, Igiene Ospedaliera,ICT, Economato. assicurano le proprie attività specialistiche coordinandosi con l Unità di Coordinamento e Gestione di Piastra DH 5.8 Personale amministrativo: programmazione delle presenze presso il Centro Servizi e i punti di accettazione amministrativa Il Centro Servizi e ciascuna accettazione amministrativa di Blocco ha una propria dotazione organica, attribuita in base alle attività svolte, che fa capo alla Direzione Amministrativa di Presidio. Dove le risorse risultino non sufficienti, la Direzione Amministrativa di Presidio attiva azioni di compensazione con progetti di riorganizzazione delle attività a lungo e medio termine e con azioni di compensazione per i bisogni emergenti (reperimento negli ambiti di pertinenza di risorse alternative). Le P.O. Attività Amministrative Dipartimentali e Centro Servizi effettuano inoltre, per le parti di competenza, l organizzazione ed il monitoraggio delle presenze degli operatori per assicurare il servizio. 5.9 Personale di assistenza: programmazione delle presenze per l'assistenza all'attività ambulatoriale Il Coordinatore e il personale infermieristico assegnato ai diversi blocchi/aree sono comuni, condivisi, tra tutte le specialità che vi afferiscono. Il personale di assistenza del blocco, organizzato in un pool unico, ha reso indispensabile da una parte uniformare i processi trasversali a tutte le UU.OO. e dall'altra attivare l'addestramento e formazione del personale. Il Coordinatore di Blocco ambulatoriale definisce: il fabbisogno giornaliero in termini di supporto assistenziale, sulla base delle prestazioni erogate il numero di operatori sanitari necessari a garantire lo svolgimento delle attività ambulatoriali pianificate i criteri di programmazione delle presenze (analisi delle attività e dei bisogni assistenziali per tipologia di attività) la gestione della turnistica e delle presenze settimanali/giornaliere L Infermiere di Piastra ambulatoriale garantisce la presa in carico di tutti i pazienti che accedono e svolge le seguenti prestazioni: - accoglimento dell utente, soddisfacimento delle sue richieste informative; - aiuto all utente per la preparazione alla prestazione tutelando la sua privacy; - collaborazione alla prestazione medica; - esecuzione delle prestazioni di competenza infermieristica; - educazione sanitaria relativa alle caratteristiche delle prestazioni diagnostiche, chirurgiche, terapeutiche e riabilitative a cui l utente deve essere sottoposto; - cura della documentazione clinica; - approvvigionamento di farmaci, presidi e strumenti e loro manutenzione.

15 Pag. 15/15 PERSONALE ASSEGNATO ALLA PIASTRA AMBULATORIALE Il numero totale del personale assegnato è definito nella tabella sotto riportata. Operatori Cona Totale CPS Infermieri 66 OSS 1 CPS Ostetrica Osp. 6 CPS Ostetrica Univ. 1 CPS Tecnici NFP 6 CPS Audiometriste Osp. 3 CPS Audiometriste Univ. 1 CPS Logopediste Osp. 1 CPS Logopediste Univ. 2 Operatori Ferrara Totale CPS Infermieri 39 OSS 1 CPS Ortottiste Osp. 3 CPS Ortottiste Univ. 2 CPS TSLB 1 OTS 2 OTA 1 Totale Operatori S. Giorgio CPS Infermieri 3 CPS Fisioterapisti 9 CPS Masso fisioterapisti 2 CPS Logopediste 3 6. Riferimenti P-603-AZ " La Piastra ambulatoriale: erogazione delle prestazioni specialistiche" P-607-AZ "Day Service ambulatoriale (DSA/PAC)" DOC-611AZ "Presentazione percorso Piastra DH"

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO Via Michele Coppino, 26-12100 CUNEO Tel. +39 0171.641111 fax +39 0171.699545 Email: aso.cuneo@cert.legalmail.it Sito web: http://www.ospedale.cuneo.it P.I./Cod.

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani \ Regione Siciliana Azienda Sanitaria Provinciale Trapani Documento di Organizzazione Direzione Amministrativa Direzione Generale Direzione Sanitaria Staff Direzionale TP 1 Distretto Ospedaliero TP 2 Distretto

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana

-Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana -Azienda Unità Sanitaria Locale n. 12 Viareggio Regione Toscana Direttore Amministrativo Paolo Gennaro Torrico 59507 direttore.amministrativo O.I.V. Organismo Indipendente di Valutazione Direttore Generale

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Istituto Giannina Gaslini Annual Report 2012. Indice. Indice

Istituto Giannina Gaslini Annual Report 2012. Indice. Indice Indice Indice Indice I Introduzione 1 Saluto del Presidente 1 Saluto del Direttore Generale 3 Capitolo 1 L Istituto Giannina Gaslini 4 La nostra storia, il presente e le prospettive 4 Il Piano strategico

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli