Chiara Beatrice Vicentini. Il mal franzoso o mal napolitain nella Ferrara dell Ottocento Cure e rimedi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chiara Beatrice Vicentini. Il mal franzoso o mal napolitain nella Ferrara dell Ottocento Cure e rimedi"

Transcript

1 A03 56

2

3 Chiara Beatrice Vicentini Il mal franzoso o mal napolitain nella Ferrara dell Ottocento Cure e rimedi

4 Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) isbn I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: settembre 2010

5 Indice 7 Introduzione 13 Capitolo I La prima metà dell Ottocento 1.1. Antonio Campana, Medicinali somministrati dalla Farmacia dello Spedale di S.S. Anna e Carlo alle Donne Detenute di Polizia. Gennaio-Ottobre 1812, Capitolo II La seconda metà dell Ottocento 2.1. Vincenzo Bonora e Angelo Bennati, Resoconto statistico sanitario dell Arcispedale per l anno 1871 compilato dal dott. Alessandro Bennati, Medico Direttore, Note Conclusive 87 Indice dei Nomi e delle Materie 5

6

7 Introduzione Il proemio dell opera Delle cose che vengono portate dall Indie occidentali pertinenti all uso della Medicina di Nicolò Monardes 1 apre con: Nell anno 1492 furono i nostri Spagnoli guidati da Don CHRISTOFORO COLOMBO natio di Genoua à discoprir le Indie Occidentali, le quali hoggi si chiamano Mondo Nouo; & discoprirono le prime alle undeci d Ottobre dell istesso anno, & da quel tempo fin à quest hora si sono discoperte molte, & varie isole, & molta terra ferma, cosi in quella parte, che chiamano Noua Spagna come in quella, che chiamano Perù. Doue si trouano molte Prouince, molti Regni, molte Cittadi, che tengono varij & diuersi costumi; nelle quali si sono trovate cose, che giamai ne in questa, ne in altra parte del mondo sono state vedute, ne al dì d hoggi sono conosciute Scorrendo l indice: Del Guaiacan, Della China, Della Zarzapariglia e aprendo le pagine: Dell albero, che portano dalla Florida, chiamato Sassafras. Nicolas Monardes ( ) fisico e botanico spagnolo, descrivendo quest ultima pianta, mette in guardia sulle virtù medicinali de- 1 ORTA GARCIA (DA), MONARDES NICOLAS. Delle cose, che vengono portate dall'indie Occidentali pertinenti all'vso della medicina. Raccolte, & trattate dal dottor Nicolo Monardes,... parte prima [-seconda]. Nouamente recata dalla spagnola nella nostra lingua italiana. Doue ancho tratta de'veneni, & della lor cura. Aggiuntiui doi indici;... In Venetia : [al segno della Fontana], Francesco Ziletti, 1582; Due libri dell'historia de i semplici, aromati, et altre cose; che vengono portate dall'indie Orientali pertinenti all'vso della medicina. Di don Garzia dall'horto,... con alcune breui annotationi di Carlo Clusio. Et due altri libri parimente di quelle che si portano dall'indie Occidentali, di Nicolo Monardes,... Hora tutti tradotti dalle loro lingue nella nostra italiana da m. Annibale Briganti... in Venetia : appresso Francesco Ziletti,

8 8 Introduzione cantate: Non gli detti credenza, perche in queste cose di piante, & erbe, che si portano di fuora in gran parte si parla assai, & se ne sa poco; se non è per Huomo, che ne abbia fatto esperientia con studio, & diligentia. Mi disse egli che i Francesi, i quali erano stati nella Florida al tempo, che giunsero in quelle parti, si erano infermati la maggior parte di varie, & gravi infirmità, & che gli Indiani insegnarono loro questo arboro & il modo, come lo haueano da usare; & che così fecero, & si risanarono di molti mali: Il che certo apporta meraviglia, che un solo rimedio facesse così meravigliosi In questo libro si parla della scoperta dell America. In tempi in cui non ci occupavamo dell argomento che qui stiamo trattando lo sguardo si è soffermato sul guajaco, sulla china, sulla salsapariglia e lo spirito guida ci ha fatto aprire alla pagina del sassofrasso. Certo, qualcuno dice, le pagine si aprono dove sono state più aperte. La tesi americanista sostiene che la sifilide sia stata importata dai marinai di Colombo e che sia poi scesa in Italia a Napoli nel settembre

9 Introduzione con i soldati di Carlo VIII, tra i quali erano presenti numerosi spagnoli con al seguito un gruppo nutrito di prostitute. L epiteto di francese venne invece dalla convinzione che il terribile morbo provenisse dalle Gallie e precisamente dalla Gallia Narbonense. In Francia sembra sia stato importato dai profughi marrani, quando cacciati dalla Spagna, dopo la presa di Granada, si rifugiarono in numero di mille circa in Francia. Questi Marrani traevano i loro natali dall Africa, madre dell Iaws, che seco portarono unitamente alla sporcizia e alla conservazione delle loro prave abitudini. 2 La malattia si diffuse rapidamente in tutta Europa e, complici lo spostamento di eserciti e di popolazioni per le guerre del tempo ed il fiorire di viaggi e commerci caratterizzanti la fine del medioevo, dall Europa il flagello si propagò ben presto al resto del mondo allora conosciuto, diffondendosi anche in Africa settentrionale ed in Oriente e cogliendo la medicina del tempo del tutto impreparata 3. I rimedi trovavano fondamento nella teoria umorale ippocraticogalenica, che si basava sulle teorie già espresse da Empedocle dei quattro elementi (terra, acqua, aria, fuoco) e delle loro proprietà (caldo, secco, freddo e umido) e da Ippocrate dei quattro umori secondo cui il corpo umano era costituito dal sangue, proveniente dal cuore, dalla flemma, originata dal cervello, dalla bile gialla, prodotta dal fegato e dalla bile nera, elaborata dalla milza. La predisposizione all eccesso di uno dei quattro umori determina i quattro temperamenti: sanguigno, flemmatico, collerico, melanconico. Se i quattro umori sono in equilibrio si è in presenza di un temperamento temperato, se vi è tra essi uno squilibrio vi è la malattia. Il medicamento deve opporsi allo squilibrio in atto tra temperamenti, così le terapie sono basate sui 2 BONORA VINCENZO, La sifilide dal 1495 al 1918: Mercurio, jodio, arsenobenzoli (606 e 914), antisifilitico Pollini. Sierodiagnosi di Wassermann nei diversi periodi della sifilide, Ferrara, Tip. Taddei-Neppi, DI CICCO CAMILLO O., Storia della dermatologia e venereologia De morbo gallico. 14th Congress of the European Academy of Dermatology and Venereology, London, UK Published in Journal of Academy of Dermatology and Venereology Volume 19, Supplement 2, 1-411, October 2005.

10 10 Introduzione contrari, ad esempio rimedi caldi per malattie fredde, ma anche sui farmaci atti a purgare l organismo dagli umori peccanti. Tutti i grandi medici dell epoca si espressero toccando varie note di queste teorie, senza risparmiare eventi atmosferici e influssi astrali, come nel caso di Leoniceno. Francesco Raspadori, che studiò l impatto che ebbe questo terribile flagello a Ferrara 4, evidenzia l impronta in materia e le opere di grandi uomini di scienza ferraresi del XV-XVI secolo quali Nicolò Leoniceno 5, Antonio Musa Brasavola 6, Giovanni Manardo 7. Dopo un primissimo periodo di tentativi empirici, furono presto individuati i due medicamenti che vennero impiegati (e con successo) nel trattamento della malattia. Il mercurio fu applicato sulla scia dell insegnamento arabo che lo utilizzava nel trattamento delle piaghe torpide: non è noto con sicurezza chi sia stato a rilevare l azione positiva del mercurio sul mal francioso. Certamente Manardo lo prescriveva già prima del 1500, secondo quanto lui stesso scrive nella quarta epistola del XIV libro, cioè che usava questo medicamento da oltre trent anni con risultati soddisfacenti (e ciò nel 1532), pur conoscendo benissimo i danni dell intossicazione mercuriale. Il metallo veniva u- sato amalgamato con strutto di maiale, in proporzioni variabili dettate dall esperienza del singoli Autori. Avicenna aveva usato il mercurio anche per via interna, dopo averne saggiato la tollerabilità nelle scimmie. Il guaiaco o legno santo fu introdotto in terapia da Giovanni Consalvo nel 1506 che importò il legno dall America centrale ove era ampiamente usato nel trattamento della sifilide; in Italia fu introdotto nel 1517 e Manardo ne usava il decotto mentre Antonio Musa Brasavola ne prescriveva anche l infuso già dal RASPADORI FRANCESCO, Medici e Governanti a Venezia e a Ferrara di fronte al flagello della sifilide nel secolo XVI, Atti dell Accademia delle Scienze di Ferrara, 1994, p LEONICENO NICOLÒ, Nicolai Leoniceni libellus de epidemia quam vulgo morbum gallicum vocant, Venezia BRASAVOLA ANTONIO MUSA, De morbo gallico tractatus lepidissimus, Ferrara, MANARDO GIOVANNI, Johanni Manardi Epistularum libri XX, Schoeffer, Venetiis 1542, Ep. VII, 2. 8 BRASAVOLA ANTONIO MUSA, Examen omnium simplicium medicamentorum, ex officina e- rasminiana, Venezia, 1545.

11 Introduzione 11 Vincenzo Bonora cita nel suo trattato La sifilide dal 1495 al l uso del mercurio indicato da Paracelso tutto intento a combattere il galenismo, si appoggiava sul morbo venereo per distruggere la teoria dei quattro umori. Disse che il mal francese nasce solo da Venere e trasmettasi per eredità. Ricorda l osservazione di Manardo della sintomatologia legata alla malattia (oftalmia, lussazioni, fratture, febbriciattola che conduce alla morte) e l uso, oltre al decotto di legno santo, anche di un unguento, l impiego da parte di Brasavola di decotto di legno d India, ellero nero, mercurio da bere e di decotto di radici di legno di China al fine di favorire la sudorazione. 9 BONORA VINCENZO, Op. cit.

12

13 Capitolo I La prima metà dell Ottocento 1.1. Antonio Campana Il nostro obiettivo corre avanti verso l 800. Abbiamo la fortuna di avere come riferimento un grande dell epoca, Antonio Campana e la sua Farmacopea Ferrarese, data alle stampe nel 1797, che ebbe numerosissime edizioni proprio nell 800. Per definire un quadro delle pratiche terapeutiche della prima metà del secolo a Ferrara analizzeremo i contenuti della ventunesima edizione 10, postuma, del 1841, arricchita di moltissime aggiunte e delle ultime più interessanti scoperte per cura del dottore Luigi Michelotti. Questa edizione è stata scelta sia per la completezza che per la collocazione temporale. L altra farmacopea di riferimento sarà la seconda 11, stampata nel Tra gli autori delle Farmacopee non ufficiali, ma di cui si riconobbe l importanza a livello internazionale, un posto di riguardo è da riservare ad Antonio Campana. L autore della celeberrima Farmacopea ferrarese, che pubblicata nel 1797 vide ben venti edizioni, nacque a Ferrara nel CAMPANA ANTONIO, Farmacopea. Arricchita di moltissime aggiunte e delle ultime interessanti scoperte per cura del dottore Luigi Michelotti. Livorno, Fratelli Vignozzi e nipote, CAMPANA ANTONIO, Farmacopea ferrarese del dottore Antonio Campana. Firenze, Guglielmo Piatti, ed. 12 Nel testo a seguire al termine di ogni citazione tratta dalle Farmacopee del Campana sarà indicata il numero di pagina corrispondente all edizione del 1841, se non altrimenti indicato. 13

14 14 Capitolo I

15 La prima metà dell Ottocento 15

16 16 Capitolo I Come Prefetto arricchì l orto botanico che arrivò ad ospitare ben 3430 specie, curandone la catalogazione nel Catalogus plantarum horti botanici regii Lycei Ferrariensis. Di grande interesse tra l altro è il bellissimo Erbario ancor oggi custodito presso l Università di Ferrara. Medico, fu docente di Chimica farmaceutica e di botanica. Queste forti competenze portarono alla stesura di una farmacopea, che pur nata nello spirito di essere dedicata agli speziali ferraresi e quindi di uso provinciale, fu apprezzata in Italia e all estero.

17 La prima metà dell Ottocento 17 Fin dal comparire della malattia nel 400 e fino ai primi del 900 la pratica terapeutica si basò fondamentalmente sull impiego del mercurio sia per somministrazione orale che sotto forma di unzioni, frizioni, impiastri, inalazioni. La cura portava ad una risoluzione dei dolori ossei, delle tubercole, degli indurimenti, delle pustole e, attraverso la provocazione di salivazione e sudorazione, si pensava determinasse l espulsione della malattia. Gravi, ovviamente, gli effetti collaterali dovuti all assunzione e all impiego dei derivati mercuriali. Persino l avvento nei primissimi decenni del novecento degli arsenobenzoli non riuscì a soppiantarli, non essendo in grado di dare le stesse certezze di risoluzione della malattia senza ricadute. I principali composti, oltre al mercurio, erano il calomelano o protocloruro di mercurio o mercurio dolce Hg 2 Cl 2, il sublimato corrosivo o bicloruro di mercurio HgCl 2, il cinabro o solfuro di mercurio HgS, ma anche ioduro e altri, che ritroviamo puntualmente nelle farmacopee del Campana. DEUTOCLORURO DI MERCURIO - Sublimato corrosivo, of. Cloruro mercurico, of. (Berzelius) [ ] Il sublimato corrosivo si usa nelle malattie sifilitiche. Il sublimato si amministra incominciando da un ottavo di grano disciolto nell acqua distillata, aumentandone gradatamente, e insensibilmente la dose sino ad un grano: a tale oggetto viene ordinariamente preparata dal farmacista la soluzione con grani quattro sublimato ed once quattro acqua distillata; così ogni dramma di essa ne conterrà un ottavo per cui in tal modo resta facile al medico di aumentare ogni giorno il detto farmaco anche in minima frazione. (pag. 278) DEUTO-FOSFATO DI MERCURIO - v. anche protofosfato, entrambi sono vantati contro le malattie sifilitiche, ma più del proto-fosfato il deuto-fosfato di mercurio siccome più energico. (pag. 279) DEUTO-IDROCLORATO DI MERCURIO - Liquore di sublimato corrosivo, of. P. acqua stillata, una libbra; sublimato corrosivo, mezza dramma. Farai soluzione. La dose di questo pericoloso rimedio adoprato nelle malattie sifilitiche, e che fu usato in qualche altra malattia, si estende fino ad uno sciroppo di viole. (pag. 280). DEUTO-IODURO DI MERCURIO - Ioduro mercurico (Berz) P. Idriodato di potassa sciolto in acqua stillata quanto vuoi; Soluzione di sublimato corrosivo, quanto basta. Nella soluzione dell idriodato di potassa infonderai a poco per volta la dissoluzione di sublimato corrosivo finché si

18 18 Capitolo I forma precipitato. Filtra questo precipitato, che è di colore rosso vivo, lavalo con acqua stillata, e serbalo in vasi chiusi. Avverti di non infondere o troppa o poca quantità di soluzione di sublimato, perché il deuto-ioduro che si forma si riscioglie o nell una o nell altra soluzione qualora non sia neutralizzata perfettamente. Si adopera nelle affezioni scrofoloso-sifilitiche con grande vantaggio. Dose: da un sedicesimo di grano fino ad un quarto di grano crescendo per gradi, in pillole, o sciolto nell alcool o nell etere solforico. (pag. 280) DEUTOSSIDO DI MERCURIO - Precipitato per sé, of. P. Mercurio puro, quanto vuoi. Mettilo in una boccia di fondo largo piano, e di collo stretto, che chiuderai con un tappo di vetro smerigliato, e bucato con un foro capillare. Procura che il mercurio cuopra il fondo piano del vaso all altezza di due linee circa, e con calore eguale a bagno di arena conservalo a bollore per più mesi, e finchè sia convertito in un ossido rosso. In oggi si preferisce il seguente. (pag.282) DEUTOSSIDO DI MERCURIO - Precipitato rosso,of. P. Mercurio puro, once dieci; Acido nitrico allungato, once sedici. Fatta la soluzione in una storta tubulata con moderato calore si lascia a riposo per alcune ore acciò cristallizzi, e si ottenga il deutonitrato di mercurio. Dopo si tiene riscaldata con calore graduato la massa salina fino che cessano i vapori, e la storta si rende trasparente e chiara. Otterrai nel recipiente un acido nitroso debole, e resta nella storta l ossido in piccole paglie che divengono rosso-giallastre. Per assicurarsi che non vi resti acido, si può riscaldare in un crogiuolo, che si accrescerà il colore rosso. Una volta si usava il precipitato per sé internamente da mezzo grano a due; in maggiore dose è emetico e diviene velenoso. Più modernamente è stato proposto il precipitato rosso all interno delle malattie sifilitiche, e specialmente nella lue. Per uso esterno come escariotico, e si fa unguento. Il precipitato rosso mescolato anche in piccola dose all inchiostro, è sufficiente per impedire lo sviluppo della muffa. (pag. 282) MERCURIO - Mercurio purificato, of. P. Mercurio, quanto vuoi. Stilla con una storta di vetro a bagno di arena, ed a calore moderato; la bocca della storta sia quasi intieramente immersa nell acqua del recipiente per metà pieno, ed abbia legato un pacchettino di tela, attraverso del quale filtrando il mercurio depositerà nel sacchetto molte impurità. Raccogli il mercurio ottenuto nel fondo del recipiente ove è l acqua, rasciugalo con panno lino, o con carta emporetica, e serba per l uso. (pag. 338) PROTOCLORURO DI MERCURIO - Mercurio dolce, of. P. Sublimato corrosivo, once quattro; Mercurio puro, once tre;

19 La prima metà dell Ottocento 19 Acqua stillata quant occorre, per farne pasta. [ ] Ti servirai di questa preparazione mercuriale a preferenza della Panacea mercuriale, o Aquila alba o Calomelano delle officine; poiché colle reiterate sublimazioni che si fanno per questo rimedio, si produce di nuovo del sublimato corrosivo. Altro metodo P. Mercurio puro, parti dodici. Acido solforico di Milano, parti quattordici. [ ] Mercurio puro, parti dodici. Idroclorato di soda deacquificato e polverizzato, parti tre. Altro Metodo Mercurio dolce di Scheele, of. [ ] protonitrato di mercurio [ ] sale marino [ ] Quando il mercurio dolce è puro, si può calcolare su di un eccellente rimedio non solo delle malattie veneree, ma eziandio come purgante, deostruente, antielmintico ec. Dose : da grani uno fino a dodici, avvertendo che se adoprerai il mercurio dolce di Scheele diminuirai di un terzo la dose, non perché sia diverso da quello fatto per sublimazione, ma per la somma divisione che acquista nella precipitazione. (pag. 371) PROTOIODURO DI MERCURIO Il protoioduro serve nella cura delle affezioni scrofolose veneree. (pag. 372) PROTONITRATO DI MERCURIO Il deutonitrato s impiega nella preparazione dell unguento citrino (pag. 372) PROTOSSIDO DI MERCURIO - Ossido nero di mercurio del Moscati Si adopra nelle malattie veneree, e si unisce anche al grasso per uso esterno (pag. 375) Il liquore di Van Swieten, composto da sublimato corrosivo ovvero cloruro mercurico sciolto in acqua e alcool permetteva una terapia personale della malattia al fine di consentirne la segretezza. La tintura di mercurio prevedeva lo ioduro mercurico, dalla virtù eccitante in affezioni veneree atoniche. ALCOOL CON DEUTOIODURO DI MERCURIO Tintura di mercurio, of. P. Alcool a 36, once una; Deutoioduro di mercurio, scropoli uno. Sciogli in mortajo di porcellana, e conserva la soluzione filtrata in boccia con tappo smerigliato, ed in luogo oscuro.

20 20 Capitolo I È un valevole eccitante, utile nelle affezioni scrofoloso-veneree atoniche. Dose: da dieci gocce a venti, in sei once di un acqua aromatica o mescolata con rob di sambuco, o in pillole, inzuppandone una qualche polvere vegetabile inerte, o un qualche estratto, come, per esempio, quello di gramigna. Dieci gocce di questa tintura contengono un sedicesimo di grano di deutoioduro. DEUTO-IDROCLORATO DI MERCURIO CON ALCOOL Liquore sifilitico di Van Swieten, of. P. Sublimato corrosivo, grani sei; Alcool, once otto; Acqua stillata, once quattro. Unisci in boccia chiusa, e lascia in digestione fino a perfetta soluzione. Fu adoperato nelle malattie veneree. Dose: da due a quattro dramme. (pag.280) Cerchiamo invano la soluzione antivenerea di Veikard, che risulta nell indice di Campana 1941 alla pagina 398. La copia di nostra consultazione risulta purtroppo mutila. Viene in nostro soccorso il Formulario Universal o Guia pratica del Medico, del Cirujano y del Farmaceutico 13 per una formula non riportata in altre farmacopee a noi conosciute. È indicata per persone delicate e il cui stomaco non riesce a sopportare il Liquore di Van Swieten S. ANTIVENÉREA (Veikard) Agua destilada (60 gr.) Deutocloruro de mercurio, Hidroclor.de amon., ana (2 dec.) Láudano liquido (2 gr.) Esencia de canela una gota. H.S.A. Esta solution conviene principalmente á las personas deliocadas y cuyo estómago no puede soportar el licor de Van Swieten. I. Sifilis, sifilides. D. Trenta á cuarenta gotas, por mañana y noche, en agua de goma ó leche. 13 ALVAREZ ALCALÁ DON FRANCISCO. Formulario Universal ó Guia pratica del Medico, del Cirujano y del Farmaceutico. Tomo IV, Madrid y Santiago: Libreria de Don Angel Calleya, Editor. Lima: Casa de los sres. Calleja, Ojea y Compañia, 1850.

21 La prima metà dell Ottocento 21 Numerosi erano gli unguenti mercuriali, tra cui molto usati l Unguento forte o citrino e l Unguento di precipitato rosso (vedi pag. 51), impiegato contro erpeti, rogna, tigna, ed altre affezioni cutanee il primo e con l indicazione contro la rogna complicata con malattie veneree, ma anche per ammazzare gli insetti della testa, il secondo. L Unguento mercuriato veniva usato con gran successo per frizioni nelle malattie veneree. GRASSO CON MERCURIO Unguento mercuriato, of. P. Mercurio puro, una libbra; Grasso di porco purgato, once nove; Detto di castrato, once tre. Macina il mercurio con grasso di castrato, e con piccola porzione di quello di porco, in mortaio di marmo con pestello di legno, finché sia estinto il mercurio; allora aggiungi il grasso avanzato, e continua la triturazione per ore novantasei, ossia per giorni quattro. Essendo l estate il tempo più opportuno per questa preparazione, ridotto che sia l unguento in vaso adattato, circondalo di ghiaccio salato, acciò si rappigli egualmente, e serba in luogo fresco. Secondo le circostanze si può variare la dose di mercurio in proporzione del grasso, e si può anche aggiungere un poco di canfora. Questo unguento non riesce efficace se non quando il mercurio è bene estinto. Per conoscere se l estinzione sia perfetta, si stende sottilmente poco unguento sopra una carta bianca, ed esposto al sole si osserva se si vedono granelli di mercurio, nel qual caso conviene seguitare la triturazione. Propongono di mettere la metà del grasso in vaso o padella di ferro riscaldata o mantenuta calda a gradi 70 circa per struggere il grasso, poi aggiungere tutta la dose del mercurio, ed agitarlo fortemente: dopo unire l altra metà del grasso triturando finché l estinzione del mercurio sia completa, ed il grasso rappigliato. Con questo metodo si abbrevia il tempo e si ottiene un buon unguento mercuriale. Si usa con gran successo per frizioni nelle malattie veneree, ed agisce con forza sul sistema glandulare. Dose: da uno scropolo ad una dramma per giorno. Recentemente venne amministrato anco per uso interno alla dose di due grani a quattro per giorno unito all estratto di salsapariglia. (pag. 322) I sopraccitati liquore sifilitico e unguenti figurano anche nell edizione della farmacopea del Compaiono successivamente l Unguento o Pomata di Cirillo e l unguento ossigenato d Alyon.

22 22 Capitolo I GRASSO CON DEUTOCLORURO DI MERCURIO Unguento, o Pomata di Cirillo, of. P. Sublimato corrosivo, dramme una; Grasso di porco preparato, dramme otto. Macina in mortaio di porcellana il sublimato corrosivo, poi aggiungi il grasso, e seguita per dieci ore la triturazione. Alcuni aggiungono prima di finire l operazione dieci grani di sale ammoniaco. Con una mezza dramma si fanno delle frizioni, particolarmente alle piante dei piedi, nelle malattie veneree due volte il giorno con cautela. (pag. 319) GRASSO OSSIGENATO PER L ACIDO NITRICO Unguento ossigenato d Alyon, of. P. Grasso purgato, una libbra; Acido nitrico, un oncia e mezza. Liquefatto il grasso a lento calore in vaso di vetro e di porcellana, aggiungi l acido nitrico; agita il miscuglio con una spatola di vetro finché cominci a bollire; allora rallenta il calore, tanto che seguitando un debole bollore, si decomponga intieramente l acido: dopo agita finché cominci a rapprendersi, gettalo in acqua per lavarlo. Indi conviene rifonderlo a moderato calore, gettarlo nelle forme di carta, e serbarlo per l uso. Questo grasso detto ossigenato, è molto lodato nelle ulcere veneree e nelle erpeti. (pag. 325) Già nella Farmacopea del 1803 (pag. 219) viene riportato il Cerotto mercuriale. Il Brugnatelli nella sua Farmacopea 14 indica: Metodo di prescrizione. Si stende sopra un pannolino, e si applica alle parti malate. Virtù. Antivenerea, detergente. Uso esterno. Ulceri veneree, vizj della pelle. Segnala che nella Farmacopea di Edimburgo si aggiunge l olio d ulivo solfurato (balsamo di solfo). SAPONE D OSSIDO DI PIOMBO SEMIVETROSO CON MERCURIO Cerotto de ranis con mercurio of. P. Sapone d ossido di piombo semivetroso una libbra. Liquefatto uniscilo con unguento mercuriale, o sia grasso con mercurio ossidato once tre. 14 BRUGNATELLI LUIGI VALENTINO. Farmacopea Generale ossia Dizionario Tomo I, Pavia nella Tipografia Bolzani, 1814, pag. 193.

23 La prima metà dell Ottocento 23 Per uso orale vari sono i rimedi fin dall inizio del secolo, spaziando dal mercurio al mercurio dolce all ossido di mercurio nero del Moscati. La formula detta di Plenk per preparare la massa pillolare fu perfezionata successivamente da Tormel, in quanto con il tempo le pillole diventavano durissime, perdendo efficacia. Mercurio gommoso di Plenk, of. P. Mercurio puro, dramme una; Gomma arabica, dramme tre; sciroppo di oppio, mezz oncia. Unisci e mescola in mortaio di porcellana fino a perfetta estinzione del mercurio. Antisifilitico. Dose: da gocce tre a dodici, una o due volte per giorno. La stessa quantità unità ad un poco di amido si può somministrare in pillole. (pag. 338) Pillole mercuriali di Plenk, of. P. Mercurio purificato, una dramma; Mucillagine di gomma arabica, dramme sei. Unisci a perfetta estinzione del mercurio, ed aggiungi: Estratto di cicuta, una dramma. Farai pillole di due grani l una.

24 24 Capitolo I Dose: da quattro a sei pillole. La formola della di Plenk per preparare la massa pillolare, che porta il suo nome, è stata sempre conosciuta difettosa. La mucillagine di gomma arabica non estingue il mercurio; poi le pillole divengono col tempo durissime, e passano senza produrre effetto; e perciò Tormel propone la seguente formola: P. Mercurio solubile del Moscati, dramme una; Polvere finissima di radici d altea, dramme quattro; Estratto di cicuta, una dramma. Mescolato tutto insieme farai pillole di due grani l una. (pag. 362) Pillole antiveneree, of. P. Mercurio rigenerato, un oncia; Balsamo della Mecca, once una e mezza. Mescola a perfetta estinzione del mercurio, ed incorpora con massa pillolare oppiata, una dramma. Al mercurio puoi sostituire l ossido nero di mercurio del Moscati. Dose: da grani otto a dodici, per un mese. (pag. 359) Pillole mercuriali,of. P. Mercurio dolce, estratto di guajaco, ana, un oncia; Canfora raschiata, dramme una e mezza; Balsamo di copaiba, quanto basta per far massa pillolare. Dose da grani dodici a mezza dramma. Al mercurio dolce puoi sostituire l ossido di mercurio nero del Moscati. (pag. 361) Pillole mercuriali di Belloste, of. P. Mercurio purificato, un oncia. Estingui il mercurio con la trementina in mortaio di porfido, ed aggiungi: Diagridio, rabarbaro, scialappa, polverizzati, ana, un oncia; miele depurato, quanto basta per ottenere una massa pillolare di giusta consistenza. Dose: da grani dodici a ventiquattro. (pag. 361) Altri rimedi, che vantavano grande attività e potevano essere usati come palliativi nel caso non si potesse ricorrere alle frizioni, a base oltre che di sublimato corrosivo anche di ioduro mercuroso e mercurio furono proposti successivamente. Campana propone anche un rimedio a base di mercurio tartarizzato.

25 La prima metà dell Ottocento 25 PILLOLE DI DEUTOCLORURO DI MERCURIO Pillole di sublimato corrosivo, of. P. Sublimato corrosivo, mezzo grano; Alcool a 35, q.b. Sciogli in mortaio di porcellana e con midolla di pane fai massa da dividersi in quattro pillole, avendo avvertenza di mescolar bene il tutto. Queste pillole sono proposte nelle ostinate sifilidi nel caso che non si possano usare le frizioni mercuriali a dose di una la mattina ed una la sera. (pag. 360) PILLOLE DI DEUTOIODURO DI MERCURIO, OF. P. Deutoioduro di mercurio, un grano; Polvere di liquirizia, sei grani. Rob di sambuco, q.b. per fare con esatta mescolanza otto pillole, proposte nelle malattie scrofolose sifilitiche ad una pillola per giorno (pag. 360) PILLOLE DI PROTOIODURO DI MERCURIO P. Protoioduro di mercurio, un grano; Polvere di radici di liquirizia, sei grani; Rob di sambuco, q.b. Mescola esattamente, e fai otto pillole da darne tre il giorno ad una per volta. Si usano nelle malattie scrofolose veneree, negl ingorghi glandulari ostinati, e sono attivissime (pag. 361) TARTRATO DI MERCURIO E DI POTASSA Mercurio tartarizzato, of. P. Carbonato di mercurio bianco, un oncia: Sopratartrato di potassa polverizzato, once sei. Macina diligentemente in mortaio di porcellana, e su questa polvere getta acqua stillata bollente, libbre quattro. Filtra la soluzione saturata, la quale evaporerai per ottenere i cristalli, che, asciutti, conserverai in boccia di vetro chiusa. Dose: da un grano a tre nelle malattie veneree. La soluzione filtrata, senza evaporare, porta il nome di Acqua vegetominerale di Pressavia. (pag. 494) Sebbene il mercurio rimanesse l approccio terapeutico per eccellenza, altri rimedi di origine naturale trovarono applicazione nella pratica medica. Il guajaco, importato dall isola di Hispaniola, chiamato

26 26 Capitolo I anche legno santo, provoca sudorazione e diuresi, favorendo, si credeva, l espulsione dei veleni. Trovò, oltre a Jean Fernet, fautori anche in ambiente ferrarese, Manardo e Brasavola, che posero fiducia anche nelle proprietà terapeutiche della radice di china. Nelle farmacopee del Campana troviamo un rimedio, lo sciroppo antisifilitico, che associa al guajaco e alla china altri due cavalli da battaglia per questo terribile male, la salsapariglia e il sassofrasso. Tutte queste risorse provenienti dal mondo vegetale dei nuovi mondi sono ampiamente descritte, oltre che nella parte dedicata alle materie prime, anche nelle preparazioni (olio di guajaco e sassofrasso). Già dalle prime edizioni è presente inoltre lo sciroppo di salsapariglia di Cusinier. GUAJACO, o LEGNO SANTO. of. GUAJACUM OFFICINALE. Lin. Corteccia, Legno, Resina. Il legno è durissimo, il color giallo tendente al verde sudicio, l alburno bianco giallastro, l odore aromatico. È stato in gran credito come unico antisifilitico. Si prescriveva ancora per lo stesso fine, ma non con tanta fiducia, come aperitivo, tanto nella lue, quanto nell artritide. Dose in decotto: da una dramma a mezz oncia in una libbra d acqua. Dalla resina di questo legno hanno separato una sostanza particolare, che hanno chiamato Guajacina, e che per ciò separar si deve dalle resine. (pag. 94) SALSAPARIGLIA. of. SMILAX SALSAPARILLA. Lin. Radici. Radici lunghe, della grossezza di circa una penna, striate, di colore fosco e- sternamente, che poi lavate, e preparate, prendono il giallo: hanno la corteccia farinosa, e nel centro un filetto o anima legnosa. Avvi un altra salsapariglia più bianca, detta Salsapariglia grigia o falsa, di tessuto spugnoso e con macchie porporine, di sapore un poco amaro, viscoso, ed appartiene alla Aralia nudicaulis. Lin. Nasce questa nei luoghi umidi ed ombrosi della Virginia e di altri luoghi d America. Non è molto stimata, ma ciò nonostante agli Stati Uniti è usata come diuretica e sudorifica. Sono state attribuite virtù grandi alla salsapariglia, specialmente di antisifilitica, diaforetica, antiartritica, mondificativa. Agisce sul sistema linfatico, ed è leggermente controstimolante. Pare che le proprietà medicinali della salsapariglia risiedano nella corteccia, e che la qualità che contiene la parte più attiva più d ogni altra sia la rossa che viene portata dalla Giammaica. Dose: in decotto da due dramme a un oncia, in una libbra e mezzo di acqua, da ridursi ad una libbra.

27 La prima metà dell Ottocento 27 * Pallotta estrasse da questa radice una sostanza bianca pulverulenta di sapore sgradevole ed amaro, e capace di formare dei sali, egli la chiamò smilacina: dopo di esso Thubeuf nel 1834 annunziò di esser giunto a separare dalla stessa radice una materia salina cristallizzabile ch esso riguardò pel principio attivo chiamandola salsaparina. Varie altre analisi vennero fatte, ma discordi furono i resultati; dobbiamo di recente al sig. Poggiale farmacista un saggio analitico scrupoloso sopra le sostanze da altri annunziate, quali egli dice non essere altro che la pariglina ritrovata da Pallotta, e consistere la differenza solo nei processi per ottenerla. Il migliore è quello di Thubeuf, il quale consiste nel preparare una tintura alcoolica ben satura di salsapariglia, trattarla con del carbone animale purificato, nel filtrarla, ed evaporarla a moderato calore. La pariglina sebbene sia stata prescritta in alcuni casi, pure la sua azione sull economia animale non è stata per anche stabilita. (pag. 128) SALSAPARIGLIA GERMANICA. of. CAREX ARENARIA. Lin. Radici. La radice secca di questa pianta, che nasce ne luoghi sterili dell Europa settentrionale, è usata in vece della vera salsapariglia nelle malattie veneree alla dose di due once bollita in due libbre d acqua fino alla consumazione di un quarto. Questo decotto ha di più la proprietà di fare una spuma come la saponaria, ed essere atto a levare le macchie di unto. Questa radice è lunga, grossa quanto una penna di piccione, o poco più, ramosa, legnosa, articolata, fibrosa ai nodi, e liscia da nodo a nodo, di fuori scura e dentro bianca. L analisi fatta da Merz ci fa conoscere che questa radice è formata di fecola amilacea e di materia zuccherina. (pag. 129) SASSOFRASSO. of. Laurus sassafras. Lin. Corteccia, Legno. È un legno tendente al rosso castagno, non duro, leggiero, e che fregato tramanda odore simile al finocchio o all anice. Credesi emetico, ma essendo a- romatico è anche stomachico, alquanto deprimente il sistema linfatico. Dicesi che abbia la proprietà di non intarlare ne d imporrare. Adoprasi nelle affezioni reumatiche, in dosi da due dramme a mezz oncia in una libbra di acqua bollente per farne infusione. I fiori sono stimati dolcificanti in America, e ne fanno delle decozioni teiformi. Con i rami giovani alla Virginia ne fanno una specie di birra. Trovasi in commercio un altro legno detto Sassofrasso. L odore è simile e più forte; ma il legno è pesante, compatto, giallo nell alburno, e più cupo nell anima, simile al guajaco: si crede che sia il legno del Laurus Persea. (pag. 131) Olio empireumatico di guajaco, of. P. Legno guajaco tritato minutamente, quanto vuoi. Stilla in una storta di vetro a bagno di arena in ampio recipiente, con calore graduato. Otterrai un liquore, che è l acido piro-legnoso, e dopo l olio, il quale separandolo, lo rettificherai con una nuova distillazione, allungando con

28 28 Capitolo I sei volte più d acqua, o impastandolo con due parti del suo peso di cenere comune stacciata. (pag 345) OLIO VOLATILE DI SASSOFRASSO Essenza di sassofrasso. Of. P. Sassofrasso tagliato in minute schegge, libbre sei; Acqua, libbre trenta; Sale comune, libbre tre. Macera per quattro giorni in luogo caldo, poi stilla con tamburlano di rame, e separa l olio che troverai sotto l acqua nel fondo del recipiente. Nella stessa maniera otterrai gli olii volatili di garofani, di cannella, ec. Questi diversi olj volatili conservano le virtù delle piante, semi, o cortecce, dalla quale sono estratti. (pag. 349) *ESTRATTO DI SALSAPARIGLIA DI BERAL P. Alcool a venti B., libbre otto Salsapariglia incisa, libbre una. Si lascia in infusione per un mese, poi si decanta e si filtra. Si distilla per ricuperare l alcool, e si concentra quindi il liquido rimasto nell alambicco a bagno-maria; si ottiene un estratto molle la cui quantità è ordinariamente un ottavo della salsapariglia impiegata. Dose: da dodici a trenta grani in pillole, o disciolto in qualche decotto. (pag. 307) SCIROPPO ANTISIFILITICO, O ROB ANTISIFILITICO P. salsapariglia tagliata e soppesta, libbre tre; China soppesta, sassofrasso, guajaco (raspati), ana, libbre due; China gialla soppesta, libbre una; Acqua pura, libbre cinquanta. Bolli per un ora, indi filtra per staccio, e sul residuo replica l ebollizione per quattro o cinque volte, adoprando ciascuna volta dodici o quindici libbre di nuova acqua. Riunite e concentrate le decozioni sciogli Zucchero bianco, libbre quindici, ed altrettanto miele ottimo; spuma, filtra per tela, ed evapora fino alla dovuta consistenza: dopo versa il liquido in un piccolo orcio di terra verniciato, dentro il quale vi siano due sacchetti di tela contenenti l uno quattro once di anaci soppesti, l altro con egual dose di fiori secchi di borragine. Si tiene coperto il vaso e si comprimono di tanto in tanto i sacchetti prima che il siroppo si raffreddi; in fine si spremono e si levano dal vaso: si mescola il siroppo e si serba per l uso. La notabile quantità di materia feculacea tenuta in sospensione in questo siroppo, è la cagione per cui acquista la densità che è propria dei rob, o degli estratti molli.

29 La prima metà dell Ottocento 29 Fu questo rob encomiato qual infallibile rimedio delle malattie veneree, e benché ora decaduto, ha però i suoi sostenitori. Tanto a questo sciroppo, quanto a quello di Cusinier hanno talvolta aggiunto qualche sale mercuriale solubile; ma come avverte il profes. Taddei nella sua farmacopea generale, da cui sono tolte queste ricette, i sali mercuriali solubili si scompongono più o meno presto in contatto dei materiali del sciroppo, passando allo stato di sali mercuriali insolubili. La dose è la stessa dello sciroppo di Cusinier. (pag. 380) SCIROPPO DI SALSAPARIGLIA (di Cusinier) P. Salsapariglia tagliata minutamente, once sedici; Acqua pura, libbre otto. Tieni in macerazione per ventiquattro ore in luogo caldo, poi bolli per circa un buon quarto d ora, e filtra per tela di lino con espressione. Soppesta il residuo in mortaio di marmo e fa bollire di nuovo per circa mezz ora in libbre sei ed once otto di acqua; ripeti successivamente le decozioni colla stessa quantità di liquido la terza e la quarta volta. Riunito il liquido di tutti questi decotti, evapora alla riduzione di quattro libbre ed aggiungi Fiori di borragine secchi; petali di rose bianche; sena mondata; semi di anaci contusi, ana, un oncia. Ritirato tosto il vaso dal fuoco lascia freddare, poi filtrato per staccio ed evaporato alla riduzione di libbre due aggiungi

30 30 Capitolo I Miele puro; zucchero bianco, ana, once sedici. Chiarisci con albume di uovo e riduci lo sciroppo alla necessaria consistenza. È adoprato come diaforetico ed antivenereo in dose di un oncia fino a sei per giorno. (pag. 387) Viene evidenziato con una Stella* ciò che fu aggiunto nell ultima edizione del 1841 la quale d altronde contiene tutto quanto si trova nelle farmacopee già pubblicate. Vengono riportate le ultime novità in fatto di rimedi e l elenco è copioso. Troviamo per primi i confetti antivenerei di Keiser a base di acetato di mercurio. In realtà osserviamo che sono presenti anche nell edizione del 1803, infatti è noto il loro impiego a base di mercurio sciolto nell aceto: fino alla Rivoluzione francese furono l unico rimedio di ospedali militari, prigioni e ospedali per poveri. ACETATO DI MERCURIO *ACETATO DI PROTOSSIDO DI MERCURIO Terra foliata mercuriale,of. P.Deutossido di mercurio quanto vuoi. Acido acetico quanto basta. Sciogli a lento calore in vaso di vetro; filtra il liquore, il quale, evaporato a pellicola, lascerai cristallizzare in luogo freddo: rasciuga i cristalli sopra la carta emporetica, e serbali in boccia chiusa. ALTRO METODO Precipitando il nitrato di mercurio fluido con la soluzione di acetato di calce, o di potassa, si ottiene nel momento ottimo acetato di mercurio. Questo sale fu adoprato nelle malattie veneree, e forma la base delle pillole di Keiser; è però acre e di uso poco sicuro. (pag. 153) Imperano ancora rimedi a base di composti mercuriali, per i quali è sempre comprovata l efficacia. Viene proposto, oltre a uno sciroppo ed una emulsione mercuriale, un clistere antisifilitico nei casi in cui fosse problematica la somministrazione per os. P. Sublimato corrosivo, grani due. Acqua distillata, once due; Decotto di semi di lino, once sedici. *CLISTERE ANTI-SIFILITICO

Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005

Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005 Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005 2. Trasformazione e utilizzo delle piante officinali F. Bracco, E. Martino & L. Poggi Università

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

LE ACQUE DISTILLATE. La distillazione

LE ACQUE DISTILLATE. La distillazione LE ACQUE DISTILLATE La distillazione La distillazione è un operazione tecnica per ottenere la separazione dei liquidi, di una miscela omogenea, basandosi sulla differenza del punto di ebollizione dei suoi

Dettagli

Esempio di monografia:droga vegetale. FU XI ed.

Esempio di monografia:droga vegetale. FU XI ed. FU XI ed. Esempio di monografia:droga vegetale FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Preparazioni a base di droghe vegetali SOLIDE (polveri)

Dettagli

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE MISCUGLI E SOLUZIONI La trattazione di questo argomento è avvenuta nell ambito dello studio dell acqua e delle sue proprietà

Dettagli

metodi di estrazione e preparazione

metodi di estrazione e preparazione metodi di estrazione e preparazione distillazione a vapore Estrazione per pressione a freddo (spremitura) Estrazione per enfleurage Estrazione per solventi Estrazione delle resine Estrazione con anidride

Dettagli

CORSO DI COSMESI NATURALE 2014/2015 - Dr. Roberto Finesi

CORSO DI COSMESI NATURALE 2014/2015 - Dr. Roberto Finesi CERATI, POMATE ED UNGUENTI 1 Cerati I cerati 2 sono dei medicamenti esterni che hanno per base un miscuglio di cera ed olio (nel passato si usava anche del bianco di balena 3, la cui consistenza varia

Dettagli

L analisi sensoriale applicata al miele

L analisi sensoriale applicata al miele L analisi sensoriale applicata al miele 1. Generalità sull analisi sensoriale L analisi sensoriale è un metodo per determinare le caratteristiche organolettiche dei prodotti alimentari attraverso il ricorso

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com HOT DRINKS Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com Prendere & preparare a casa Tè aromatici Tè alle arance e menta Ingredienti per 1 tazza di tè: V arancia 1 rametto di menta fresca 2.5 dl di

Dettagli

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE Classe 1^A Grafico Questo documento è solo una presentazione e non deve ritenersi completo se non è accompagnato dalla lezione in classe. Prof. Zarini Marta CLASSIFICAZIONE

Dettagli

La storia del sapone

La storia del sapone La storia del sapone Un viaggio tra bolle e profumi II C Scuola secondaria di I grado Rinascita Livi Proff. De Fronzo Rodia Ruggeri Il sapone... Il sapone è generalmente un sale di sodio o di potassio

Dettagli

Gli scienziati hanno investigato diverse cose:

Gli scienziati hanno investigato diverse cose: Il 6 dicembre dl 2006 è uscito un articolo scientifico di un certo interesse per i cultori del tè su una rivista scientifica di chimica analitica. Si tratta di uno studio serio sulle modalità di infusione

Dettagli

GLOSSARIO DEFINIZIONE TERMINE PIANTA OFFICINALE DROGA VEGETALE PIANTA MEDICINALE PIANTA ESSICCATA PIANTA TRITURATA PIANTA TAGLIO TISANA

GLOSSARIO DEFINIZIONE TERMINE PIANTA OFFICINALE DROGA VEGETALE PIANTA MEDICINALE PIANTA ESSICCATA PIANTA TRITURATA PIANTA TAGLIO TISANA GLOSSARIO TERMINE PIANTA OFFICINALE DROGA VEGETALE PIANTA MEDICINALE PIANTA ESSICCATA PIANTA TRITURATA PIANTA TAGLIO TISANA PIANTA TAGLIO FILTRO (1) Secondo la Legge N 99, 6 gennaio 1931, col termine piante

Dettagli

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa Medicina in cucina insaporire per prevenire Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa L'anno scorso la scuola elementare Pascoli e l' Istituto Professionale Cossa hanno sviluppato il progetto: La chimica

Dettagli

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani.

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani. LA SOLUBILITÀ Per le sue caratteristiche chimiche, l acqua è uno dei migliori solventi naturali. Nei sistemi viventi molte sostanze si trovano in soluzione, si può facilmente comprendere l importanza di

Dettagli

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative Tartrato acido di Potassio (European Pharmacopoeia IV th ) Identificazione A. GENERICA (Carattere acido). Disciogliere 15 mg di sostanza in 5 ml di acqua, scaldare se necessario. Aggiungere 0,1 ml di rosso

Dettagli

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA La materia La materia MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA Il mondo che ci circonda è costituito da materia. La chimica studia le proprietà della materia e i suoi cambiamenti.

Dettagli

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo LE BEVANDE NERVINE Savorè Giulia & Alberto Peraudo Indice Aspetti generali Caffè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà La pianta Ciclo produttivo Tè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE Istituto Comprensivo Europa di Faenza - Scuola Media Europa - Classe 1ª C Docente coordinatore: Pia Molinari ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE 205 ISOLAMENTO DEL GLUTINE RELAZIONE DELL ESPERIMENTO

Dettagli

Ricette di pasticceria nazionale e internazionale

Ricette di pasticceria nazionale e internazionale 1 Italia Torta delizia Per l impasto base due forme con diametro di 22 cm di pan di Spagna alle mandorle 700-800 g di crema pasticcera classica Per la pasta marzapane per decoro 200 g di mandorle 200 g

Dettagli

Corso di cucina Vegan. Consigli per l utilizzo di latti a base vegetale. Lezione 1: Basi di Cucina Vegan

Corso di cucina Vegan. Consigli per l utilizzo di latti a base vegetale. Lezione 1: Basi di Cucina Vegan Consigli per l utilizzo di latti a base vegetale Latte di soia: come bevanda o per preparazioni dolci e salate (maionese, yogurt, besciamella, creme, salse, dressing sauce, sheese). Latte di riso: più

Dettagli

10 comandamenti per il lavoro con mordenti

10 comandamenti per il lavoro con mordenti Come tanti altri lavori nel settore del trattamento delle superfici del legno, anche la preparazione del lavoro con mordenti inizia già nella scelta accurata del legno e impiallacciatura. Una grande differenza

Dettagli

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio 6 - La storia della conoscenza La misura del tempo Quando gli uomini hanno voluto misurare il tempo, in tutte le epoche e in tutte le parti del

Dettagli

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE IN..PRIMAVERA. LA PRIMAVERA CORRISPONDE AL RISVEGLIO VEGETATIVO DELLA PIANTA DOPO LA PAUSA DEI MESI

Dettagli

20/11/2009 ALIMENTI ACIDIFICANTI

20/11/2009 ALIMENTI ACIDIFICANTI ficanti I grassi La digestione dei grassi mette a disposizione dell organismo acidi grassi, saturi o insaturi. Gli acidi grassi saturi sono di difficile utilizzazione da parte dell organismo e di conseguenza

Dettagli

Canale Monterano 20/11/2010

Canale Monterano 20/11/2010 Canale Monterano 20/11/2010 Introduzione di Paolo Segretario Ass. Vivere in salute - Canale Monterano vivereinsalute@gmail.com La Salute Definizione OMS: Mantenimento dello stato di benessere fisico, psichico

Dettagli

La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero

La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero L aggiunta dello zucchero ad un alimento altera la crescita batterica -a concentrazioni modeste (fino a circa 20%): substrato per la crescita

Dettagli

Biscotti alla lavanda

Biscotti alla lavanda Ricette della scuola Rodari Biscotti alla lavanda 300 g di farina 00 100 g di burro 1 uovo 80 g di zucchero 1 cucchiaio di miele una manciata di fiori di lavanda 1 cucchiaino raso di lievito vanigliato

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA)

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) Università degli Studi di Napoli Federico II PRODUZIONE DI SAPONE DA OLI ESAUSTI PREMESSA Si effettua una reazione chimica, l idrolisi basica di un estere, per ottenere

Dettagli

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO

ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO SCOPRIRE APPASSIONARSI CRESCERE A SCUOLA ISSM FCS CFP ITT ISTITUTO SALESIANO SAN MARCO GLI INCHIOSTRI DA STAMPA via dei salesiani, 15 mestre-venezia t. 041.5498111 www.issm.it DEFINIZIONE DI INCHIOSTRO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST Per informazioni: info@cmvservizi.it Cosa si può compostare? In generale si possono compostare quasi tutti i resti di vegetali ovvero ciò che un tempo è stato vivente

Dettagli

chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico

chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico SINTESI DELL' ASPIRINA R 25 S 36/37/39-45 chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico UN P' DI STRIA Tavolette di argilla risalenti all età sumerica descrivono l uso delle foglie di salice come rimedio

Dettagli

METODI MECCANICI PER LA PREPARAZONE DELLE DROGHE

METODI MECCANICI PER LA PREPARAZONE DELLE DROGHE METODI MECCANICI PER LA PREPARAZONE DELLE DROGHE Metodi preposti a migliorare la resa e la biodisponibilità dei principi attivi delle droghe FRANTUMAZIONE: droghe dure, consistenti e di pezzatura elevata

Dettagli

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato Cognome. Nome Classe 1^ ERIICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato 1. Quale dei seguenti enunciati non descrive lo stato liquido? a) le particelle

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) 1 tacchino (peso complessivo di 6 kg circa) 1 kg di castagne 150 g di burro mollica di pane raffermo cipolla sedano rosmarino

Dettagli

Dolci e gelati vegani

Dolci e gelati vegani Dolci e gelati vegani I dolci incuriosiscono maggiormente, perché si pensa che non si possano realizzare senza latte, burro, uova. In realtà, al posto del latte vaccino basta usare latte vegetale (di soia,

Dettagli

Carne svizzera di vitello.

Carne svizzera di vitello. Carne svizzera di vitello. Piacere delicato nella qualità migliore. www.carnesvizzera.ch Per una cucina delicata e leggera La carne svizzera di vitello è tenera e ha un sapore molto delicato, ma è anche

Dettagli

Metodo IV.1. Determinazione dell azoto ammoniacale

Metodo IV.1. Determinazione dell azoto ammoniacale METODI IV METODI DI DETERMINAZIONE DELL AZOTO Metodo IV.1 Determinazione dell azoto ammoniacale 1. Oggetto Il presente documento stabilisce il procedimento da seguire per dosare l azoto ammoniacale. 2.

Dettagli

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi Prodotti dell alveare. Produzione e loro caratteristiche. Miele, cera,polline,propoli,pappa reale, Riconoscimento di alcuni mieli con l analisi sensoriale. ROVERETO 2015 Graziano Comper Miele: Origine

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

CucinaRiciclona. #nataleamodobio

CucinaRiciclona. #nataleamodobio CucinaRiciclona #nataleamodobio Menù di Natale Mini Burger di Gambi e Semi Con Maionese Vegetale Crackers Integrali Con Crema di Avocado e Hummus di Ceci Lasagna Integrale ai Carciofi Crema di Zucca Gialla

Dettagli

Mondo S.p.A. Società Unipersonale

Mondo S.p.A. Società Unipersonale MONDO PU 300 Adesivo epossi-poliuretanico a due componenti per pavimenti in gomma e PVC CAMPI DI APPLICAZIONE Incollaggio all interno ed all esterno di pavimenti in gomma e PVC su sottofondi assorbenti

Dettagli

EXPECT MORE FROM OUR TRADITION

EXPECT MORE FROM OUR TRADITION TRADITION La Punico Liquori nasce a Marsala, città situata nell estrema punta occidentale della Sicilia, famosa in tutto il mondo grazie al suo omonimo vino liquoroso. Da questa tradizione nasce l esperienza

Dettagli

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito.

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. (Giuseppe Verdi) Metti un momento di tranquillità nel bel mezzo del pomeriggio da godersi a casa propria con le amiche... solo il tempo di preparare un

Dettagli

Ioduro d Etilene 79 Lobelia inflata 92 Nitrito di Amile 79 Lobelina 92 Nitrito di Sodio 80 Ipnotici 95 Nitroglicerina 80 Oppio 97 Aether 81 Estratto

Ioduro d Etilene 79 Lobelia inflata 92 Nitrito di Amile 79 Lobelina 92 Nitrito di Sodio 80 Ipnotici 95 Nitroglicerina 80 Oppio 97 Aether 81 Estratto Ioduro d Etilene 79 Lobelia inflata 92 Nitrito di Amile 79 Lobelina 92 Nitrito di Sodio 80 Ipnotici 95 Nitroglicerina 80 Oppio 97 Aether 81 Estratto di Oppio 97 Spirito di Etere 83 Polvere del Dower 98

Dettagli

TINTURE e GEMMODERIVATI Verona, 26 maggio 2015

TINTURE e GEMMODERIVATI Verona, 26 maggio 2015 A cura del dott. Lorenzo Roccabruna per il Gruppo Micologico e Protezione Flora Spontanea del D.L.F. di Verona TINTURE e GEMMODERIVATI Verona, 26 maggio 2015 L'estratto idroalcolico o tintura madre è forse

Dettagli

Cosmetici fai da te. Come e perché autoprodursi in casa cosmetici sani per sé e per l ambiente. di Eccher Francesca

Cosmetici fai da te. Come e perché autoprodursi in casa cosmetici sani per sé e per l ambiente. di Eccher Francesca Cosmetici fai da te Come e perché autoprodursi in casa cosmetici sani per sé e per l ambiente di Eccher Francesca La scelta di produrli in casa Farsi i cosmetici in casa non significa solo risparmiare

Dettagli

LA FARMACIA DI CAMALDOLI E IL LABORATORIO DELLA MAUSOLEA

LA FARMACIA DI CAMALDOLI E IL LABORATORIO DELLA MAUSOLEA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SOCI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO XIII APRILE ANNO SCOLASTICO 2009/2010 CLASSE PRIMA A LA FARMACIA DI CAMALDOLI E IL LABORATORIO DELLA MAUSOLEA INSEGNANTE REFERENTE: Prof.ssa

Dettagli

Tosse. Tosse secca. Rimedio: decotto di Tiglio. Rimedio: sciroppo di Viola Mammola

Tosse. Tosse secca. Rimedio: decotto di Tiglio. Rimedio: sciroppo di Viola Mammola Tosse secca Tosse Rimedio: decotto di Tiglio Preparazione: per calmare la tosse si mette un cucchiaio di fiori della pianta in un pentolino e si aggiunge una tazza di acqua fredda, quando l acqua giunge

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

Pulizia della superficie del mobile. Scritto da AA.VV.

Pulizia della superficie del mobile. Scritto da AA.VV. Nel lavoro di restauro di un mobile, si distinguono due tipi di pulizia: quella che generalmente si fa all'inizio, quando il mobile lasciato nella soffitta o nella cantina per anni, è ora pieno di polvere

Dettagli

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA UNITA DI VOLUME L unità fondamentale di volume è il litro (l). Il millilitro (ml) è la millesima parte di un litro ed è largamente usato in tutti i casi in cui il litro è

Dettagli

STRUTTURA DELLA MATERIA. Un approccio per la scuola primaria. Laura Bassino

STRUTTURA DELLA MATERIA. Un approccio per la scuola primaria. Laura Bassino STRUTTURA DELLA MATERIA Un approccio per la scuola primaria Laura Bassino I ragazzi, sfogliando i quaderni alla fine della classe 5^, ripercorrono attraverso le attività, il percorso del pensare alla materia

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

GEL DI CARBOPOL 940 OTTENUTO PER AGITAZIONE MANUALE E MECCANICA.

GEL DI CARBOPOL 940 OTTENUTO PER AGITAZIONE MANUALE E MECCANICA. GEL DI CARBOPOL 940 OTTENUTO PER AGITAZIONE MANUALE E MECCANICA. La formula proposta è un idrogel di Carbopol 940 ottenuto per neutralizzazione con trietanolammina, che ha la seguente composizione Carbopol

Dettagli

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua.

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti IL CICLO DELL ACQUA Materiale occorrente Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. Immergiamo nell'acqua i due fazzoletti. Li strizziamo bene e li appendiamo fuori

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Permette una domanda? Maria Laura Cingolani

Permette una domanda? Maria Laura Cingolani Permette una domanda? Maria Laura Cingolani QUESTIONARIO INDAGINI ETNOBOTANICHE (specie) N. progressivo Intervistatore PIANTA Binomio latino Nome italiano Nome vernacolare Famiglia Riconoscimento tramite

Dettagli

primi passi nella chimica

primi passi nella chimica IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Parole simpatiche

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

Scuola Media Cap. D. Marocco Supino Gruppo di progetto: gli alunni:, Angelica Torriero, Lavinia Ferragni e Federica Borgetti.

Scuola Media Cap. D. Marocco Supino Gruppo di progetto: gli alunni:, Angelica Torriero, Lavinia Ferragni e Federica Borgetti. Associazione Regione Lazio Istituto di Ricerca sulla Formazione-Intervento Progetto Uno PROGETTO per la creazione di un scheda di rappresentazione delle o Erbe Officinali presenti sui Monti Lepini con

Dettagli

Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia. Unità 5:

Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia. Unità 5: Unità 5: Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia Nella prima unità abbiamo visto come da tanti tipi di fiori possono nascere vari tipi di miele. Ogni fiore, infatti, ha un nettare differente e di conseguenza

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

Tecniche d incisione per le stampe d arte

Tecniche d incisione per le stampe d arte Tecniche d incisione per le stampe d arte Calcografia Il termine deriva dal greco"kalcos"e"graphia", ossia scrivere o incidere su rame o bronzo, con cui oggi si indica il procedimento di stampa artistica

Dettagli

SOMMARIO. 1 Dolci, Pane e Pizza di Giuliano Pediconi

SOMMARIO. 1 Dolci, Pane e Pizza di Giuliano Pediconi SOMMARIO RICETTE BASE...2 CAKES ALL ARANCIA...2 CIAMBELLA PAESANA...3 DOLCE DEL NONNO...3 PLUM CAKE...4 TORTA AL CAFFÈ...4 TORTA ALLE ALBICOCCHE CON GRANELLONA...5 TORTA ALLE NOCI...6 TORTA GERBAUD...7

Dettagli

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Chapter 04-04 page 1 04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Ci sono essenzialmente cinque diversi processi tra cui scegliere per la produzione di energia utile da qualsiasi

Dettagli

Le Marmellate autunnali

Le Marmellate autunnali con l'abbondanza di frutta ci offre la possibilità di preparare tante golose marmellate, a partire da quelle a base di mele, forse in assoluto i frutti L autunno, migliori per confezionare marmellate e

Dettagli

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi.

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi. Per contenere, prelevare e travasare liquidi e altre sostanze è indispensabile utilizzare strumenti di vetro che consentono un facile controllo visivo, si puliscono facilmente e non si corrodono. Per i

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 8

Esercitazione pratica di cucina N 8 Esercitazione pratica di cucina N 8 Cocktail di Gamberetti In Salsa Aurora ------------------------ Spaghetti di Mare Al Cartoccio ------------------------ Ravioli di Astice e pomodori Al burro Aromatizzato

Dettagli

Trucchi di Pasticceria. By Semplicemente Dolci

Trucchi di Pasticceria. By Semplicemente Dolci Trucchi di Pasticceria By Semplicemente Dolci Preparativi Cosa dovete fare PRIMA di inziare a seguire la ricetta. Innanzitutto, sembrerà scontato, ma dovete avere tutto l occorrente già pronto e in bella

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014

Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Cucina SpendiPoco IV incontro 12 marzo 2014 Ricette proposte: Taralli con semi di finocchietto Gnocchi di patate Pizza con la zucca Pasta cu spezzi, muddica e anciova I taralli sono una specialità tipica

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

(in teglia) Docente: Nicola SALVATORE Presidente www.pizzabruzzodoc.it

(in teglia) Docente: Nicola SALVATORE Presidente www.pizzabruzzodoc.it (in teglia) Docente: Nicola SALVATORE Presidente www.pizzabruzzodoc.it Molti sono gli appassionati interessati a proporre ai loro amici una pizza fatta con le proprie mani (anche se non sempre con ottimi

Dettagli

MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA

MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA 1 CLASSIFICATO MUFFINS DI NOCI AL GRANA PADANO CON GELATINA DI CACHI ALLA VANIGLIA RICETTA REALIZZATA DA GABRIELE GALOFARO DELL ISTITUTO I.P.S.A.R. ROSMINI DI DOMODOSSOLA VERBANIA. Per i Muffins: 30 gr

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

Ora dovremo mettere nella serra tutto quello che ci permetterà di ricreare, in scala ridotta, un ambiente naturale a noi familiare: il bosco.

Ora dovremo mettere nella serra tutto quello che ci permetterà di ricreare, in scala ridotta, un ambiente naturale a noi familiare: il bosco. La serra. La nostra piccola serra è una vasca rettangolare di plastica trasparente. Come prima cosa rileviamo le sue dimensioni così da far ritagliare dal vetraio una lastra per poterla chiudere ermeticamente.

Dettagli

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura!

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Carissimi amici, grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Purtroppo per noi, però, è arrivato il momento di salutarvi, perché non solo siamo alla fine dell

Dettagli

Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s.

Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s. Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s. 2007/08 [Eleonora Aquilini] Le sostanze basiche Preparate una soluzione di

Dettagli

GRUPPO Grattare macinare passare filtrare INCONTRO DELL'11/12/08

GRUPPO Grattare macinare passare filtrare INCONTRO DELL'11/12/08 GRUPPO Grattare macinare passare filtrare INCONTRO DELL'11/12/08 Discussione per collocare nella sagoma di corpo oggetti e strumenti al fine di rappresentare con un modello i processi che interessano gli

Dettagli

Biscotti e dolcetti di Natale

Biscotti e dolcetti di Natale Biscotti e dolcetti di Natale Ricette al Volo www.ricettealvolo.it BISCOTTI ALLA VANIGLIA Ingredienti per circa 40 biscottini : 100 gr di mandorle non tostate 250 gr di farina 00 100 gr di zucchero 1 bustina

Dettagli

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2 Esperimento n 1 Un po di acqua Una siringa da 5 ml Lenticchie Proviamo a comprimere una piccola quantità di lenticchie precedentemente inserite nel cilindro della siringa Proviamo ora a comprimere nella

Dettagli

Torta di grano saraceno

Torta di grano saraceno Torta di grano saraceno Ricetta originale di Anneliese Kompatscher Ingredienti: 250g burro morbido 250g zucchero 6 uova 250g farina di grano saraceno 250g mandorle macinate 1 bustina di zucchero vanigliato

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

RICETTE TRATTE DAL BLOG LA CUCINA DI ASI DI ANNALISA ALTINI

RICETTE TRATTE DAL BLOG LA CUCINA DI ASI DI ANNALISA ALTINI RICETTE TRATTE DAL BLOG LA CUCINA DI ASI DI ANNALISA ALTINI Ricettario in pdf di proprietà esclusiva di Annalisa Altini, ogni riproduzione anche parziale è severamente vietata. http://blog.giallozafferano.it/asilannablu/

Dettagli

Carsismo è il fenomeno erosivo del suolo che crea le grotte. Così chiede ai. Bambini: Come mai le grotte si formano solo in certi posti e non in

Carsismo è il fenomeno erosivo del suolo che crea le grotte. Così chiede ai. Bambini: Come mai le grotte si formano solo in certi posti e non in Il fenomeno Carsico Premessa: prima di presentare il fenomeno Carsico, la maestra fa osservare una cartina dell Italia che mostra la distribuzione del fenomeno nei diversi luoghi. Prima presentazione:

Dettagli

Sommario. Cos è e perché si usa... 10. Contro i disturbi... 18. Per la bellezza... 25. Per la casa... 34. In cucina e nelle ricette...

Sommario. Cos è e perché si usa... 10. Contro i disturbi... 18. Per la bellezza... 25. Per la casa... 34. In cucina e nelle ricette... Sommario INTRODUZIONE 6 BICARBONATO 9 Cos è e perché si usa... 10 Contro i disturbi... 18 Per la bellezza... 25 Per la casa... 34 In cucina e nelle ricette... 56 LIMONE 67 Cos è e perché si usa... 68 Contro

Dettagli

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado ESPERIENZA: LE SOLUZIONI 3 bicchierini di plastica trasparenti sale zucchero Riempiamo

Dettagli

fangocur sale marino

fangocur sale marino O r i g i n a l e fangocur sale marino i l m i g li o r sale d e l m o n d o senza iodio, filtrato naturalmente, non trattato, raccolto a mano Le condizioni ideali per la formazione di un sale pregiato

Dettagli

La decorazione in Pasticceria

La decorazione in Pasticceria 1 La tendenza generale in materia di decorazione in pasticceria è ora rivolta alla semplificazione. Il ruolo dell immaginazione è sempre più importante, ampliando il campo d azione della personalità del

Dettagli

creare con la Pasta di mais

creare con la Pasta di mais i praticissimi creare con la Pasta di mais i praticissimi creare con la Pasta di mais Testi e realizzazioni: Cinzia Bargiacchi Impaginazione: Adriano Nardi Redazione: Alessandra Pelagotti Referenze fotografiche:

Dettagli

Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa

Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa e si muove secondo un percorso, detto ciclo dell acqua, attivato dall energia del sole. L acqua del mare, riscaldata dal calore del sole,

Dettagli

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 2/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 3/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 4/9 Tinozza vasca da bagno

Dettagli

b) fornitura di attrezzature idonee per il lavoro specifico e relative procedure di manutenzione adeguate;

b) fornitura di attrezzature idonee per il lavoro specifico e relative procedure di manutenzione adeguate; ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTI P.O.F. : ATTIVITA DI ORIENTAMENTO PER ALUNNI DI SCUOLA MEDIA Modulo 1: preparazione del sapone a freddo D.V.R. (DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO) D.P.I. (DISPOSITIVI

Dettagli

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute.

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. Le nuove scoperte avvenute nel campo scientifico e medico hanno notevolmente aumentato la qualità della vita. Contemporaneamente, l inquinamento,

Dettagli