Chiara Beatrice Vicentini. Il mal franzoso o mal napolitain nella Ferrara dell Ottocento Cure e rimedi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chiara Beatrice Vicentini. Il mal franzoso o mal napolitain nella Ferrara dell Ottocento Cure e rimedi"

Transcript

1 A03 56

2

3 Chiara Beatrice Vicentini Il mal franzoso o mal napolitain nella Ferrara dell Ottocento Cure e rimedi

4 Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) isbn I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: settembre 2010

5 Indice 7 Introduzione 13 Capitolo I La prima metà dell Ottocento 1.1. Antonio Campana, Medicinali somministrati dalla Farmacia dello Spedale di S.S. Anna e Carlo alle Donne Detenute di Polizia. Gennaio-Ottobre 1812, Capitolo II La seconda metà dell Ottocento 2.1. Vincenzo Bonora e Angelo Bennati, Resoconto statistico sanitario dell Arcispedale per l anno 1871 compilato dal dott. Alessandro Bennati, Medico Direttore, Note Conclusive 87 Indice dei Nomi e delle Materie 5

6

7 Introduzione Il proemio dell opera Delle cose che vengono portate dall Indie occidentali pertinenti all uso della Medicina di Nicolò Monardes 1 apre con: Nell anno 1492 furono i nostri Spagnoli guidati da Don CHRISTOFORO COLOMBO natio di Genoua à discoprir le Indie Occidentali, le quali hoggi si chiamano Mondo Nouo; & discoprirono le prime alle undeci d Ottobre dell istesso anno, & da quel tempo fin à quest hora si sono discoperte molte, & varie isole, & molta terra ferma, cosi in quella parte, che chiamano Noua Spagna come in quella, che chiamano Perù. Doue si trouano molte Prouince, molti Regni, molte Cittadi, che tengono varij & diuersi costumi; nelle quali si sono trovate cose, che giamai ne in questa, ne in altra parte del mondo sono state vedute, ne al dì d hoggi sono conosciute Scorrendo l indice: Del Guaiacan, Della China, Della Zarzapariglia e aprendo le pagine: Dell albero, che portano dalla Florida, chiamato Sassafras. Nicolas Monardes ( ) fisico e botanico spagnolo, descrivendo quest ultima pianta, mette in guardia sulle virtù medicinali de- 1 ORTA GARCIA (DA), MONARDES NICOLAS. Delle cose, che vengono portate dall'indie Occidentali pertinenti all'vso della medicina. Raccolte, & trattate dal dottor Nicolo Monardes,... parte prima [-seconda]. Nouamente recata dalla spagnola nella nostra lingua italiana. Doue ancho tratta de'veneni, & della lor cura. Aggiuntiui doi indici;... In Venetia : [al segno della Fontana], Francesco Ziletti, 1582; Due libri dell'historia de i semplici, aromati, et altre cose; che vengono portate dall'indie Orientali pertinenti all'vso della medicina. Di don Garzia dall'horto,... con alcune breui annotationi di Carlo Clusio. Et due altri libri parimente di quelle che si portano dall'indie Occidentali, di Nicolo Monardes,... Hora tutti tradotti dalle loro lingue nella nostra italiana da m. Annibale Briganti... in Venetia : appresso Francesco Ziletti,

8 8 Introduzione cantate: Non gli detti credenza, perche in queste cose di piante, & erbe, che si portano di fuora in gran parte si parla assai, & se ne sa poco; se non è per Huomo, che ne abbia fatto esperientia con studio, & diligentia. Mi disse egli che i Francesi, i quali erano stati nella Florida al tempo, che giunsero in quelle parti, si erano infermati la maggior parte di varie, & gravi infirmità, & che gli Indiani insegnarono loro questo arboro & il modo, come lo haueano da usare; & che così fecero, & si risanarono di molti mali: Il che certo apporta meraviglia, che un solo rimedio facesse così meravigliosi In questo libro si parla della scoperta dell America. In tempi in cui non ci occupavamo dell argomento che qui stiamo trattando lo sguardo si è soffermato sul guajaco, sulla china, sulla salsapariglia e lo spirito guida ci ha fatto aprire alla pagina del sassofrasso. Certo, qualcuno dice, le pagine si aprono dove sono state più aperte. La tesi americanista sostiene che la sifilide sia stata importata dai marinai di Colombo e che sia poi scesa in Italia a Napoli nel settembre

9 Introduzione con i soldati di Carlo VIII, tra i quali erano presenti numerosi spagnoli con al seguito un gruppo nutrito di prostitute. L epiteto di francese venne invece dalla convinzione che il terribile morbo provenisse dalle Gallie e precisamente dalla Gallia Narbonense. In Francia sembra sia stato importato dai profughi marrani, quando cacciati dalla Spagna, dopo la presa di Granada, si rifugiarono in numero di mille circa in Francia. Questi Marrani traevano i loro natali dall Africa, madre dell Iaws, che seco portarono unitamente alla sporcizia e alla conservazione delle loro prave abitudini. 2 La malattia si diffuse rapidamente in tutta Europa e, complici lo spostamento di eserciti e di popolazioni per le guerre del tempo ed il fiorire di viaggi e commerci caratterizzanti la fine del medioevo, dall Europa il flagello si propagò ben presto al resto del mondo allora conosciuto, diffondendosi anche in Africa settentrionale ed in Oriente e cogliendo la medicina del tempo del tutto impreparata 3. I rimedi trovavano fondamento nella teoria umorale ippocraticogalenica, che si basava sulle teorie già espresse da Empedocle dei quattro elementi (terra, acqua, aria, fuoco) e delle loro proprietà (caldo, secco, freddo e umido) e da Ippocrate dei quattro umori secondo cui il corpo umano era costituito dal sangue, proveniente dal cuore, dalla flemma, originata dal cervello, dalla bile gialla, prodotta dal fegato e dalla bile nera, elaborata dalla milza. La predisposizione all eccesso di uno dei quattro umori determina i quattro temperamenti: sanguigno, flemmatico, collerico, melanconico. Se i quattro umori sono in equilibrio si è in presenza di un temperamento temperato, se vi è tra essi uno squilibrio vi è la malattia. Il medicamento deve opporsi allo squilibrio in atto tra temperamenti, così le terapie sono basate sui 2 BONORA VINCENZO, La sifilide dal 1495 al 1918: Mercurio, jodio, arsenobenzoli (606 e 914), antisifilitico Pollini. Sierodiagnosi di Wassermann nei diversi periodi della sifilide, Ferrara, Tip. Taddei-Neppi, DI CICCO CAMILLO O., Storia della dermatologia e venereologia De morbo gallico. 14th Congress of the European Academy of Dermatology and Venereology, London, UK Published in Journal of Academy of Dermatology and Venereology Volume 19, Supplement 2, 1-411, October 2005.

10 10 Introduzione contrari, ad esempio rimedi caldi per malattie fredde, ma anche sui farmaci atti a purgare l organismo dagli umori peccanti. Tutti i grandi medici dell epoca si espressero toccando varie note di queste teorie, senza risparmiare eventi atmosferici e influssi astrali, come nel caso di Leoniceno. Francesco Raspadori, che studiò l impatto che ebbe questo terribile flagello a Ferrara 4, evidenzia l impronta in materia e le opere di grandi uomini di scienza ferraresi del XV-XVI secolo quali Nicolò Leoniceno 5, Antonio Musa Brasavola 6, Giovanni Manardo 7. Dopo un primissimo periodo di tentativi empirici, furono presto individuati i due medicamenti che vennero impiegati (e con successo) nel trattamento della malattia. Il mercurio fu applicato sulla scia dell insegnamento arabo che lo utilizzava nel trattamento delle piaghe torpide: non è noto con sicurezza chi sia stato a rilevare l azione positiva del mercurio sul mal francioso. Certamente Manardo lo prescriveva già prima del 1500, secondo quanto lui stesso scrive nella quarta epistola del XIV libro, cioè che usava questo medicamento da oltre trent anni con risultati soddisfacenti (e ciò nel 1532), pur conoscendo benissimo i danni dell intossicazione mercuriale. Il metallo veniva u- sato amalgamato con strutto di maiale, in proporzioni variabili dettate dall esperienza del singoli Autori. Avicenna aveva usato il mercurio anche per via interna, dopo averne saggiato la tollerabilità nelle scimmie. Il guaiaco o legno santo fu introdotto in terapia da Giovanni Consalvo nel 1506 che importò il legno dall America centrale ove era ampiamente usato nel trattamento della sifilide; in Italia fu introdotto nel 1517 e Manardo ne usava il decotto mentre Antonio Musa Brasavola ne prescriveva anche l infuso già dal RASPADORI FRANCESCO, Medici e Governanti a Venezia e a Ferrara di fronte al flagello della sifilide nel secolo XVI, Atti dell Accademia delle Scienze di Ferrara, 1994, p LEONICENO NICOLÒ, Nicolai Leoniceni libellus de epidemia quam vulgo morbum gallicum vocant, Venezia BRASAVOLA ANTONIO MUSA, De morbo gallico tractatus lepidissimus, Ferrara, MANARDO GIOVANNI, Johanni Manardi Epistularum libri XX, Schoeffer, Venetiis 1542, Ep. VII, 2. 8 BRASAVOLA ANTONIO MUSA, Examen omnium simplicium medicamentorum, ex officina e- rasminiana, Venezia, 1545.

11 Introduzione 11 Vincenzo Bonora cita nel suo trattato La sifilide dal 1495 al l uso del mercurio indicato da Paracelso tutto intento a combattere il galenismo, si appoggiava sul morbo venereo per distruggere la teoria dei quattro umori. Disse che il mal francese nasce solo da Venere e trasmettasi per eredità. Ricorda l osservazione di Manardo della sintomatologia legata alla malattia (oftalmia, lussazioni, fratture, febbriciattola che conduce alla morte) e l uso, oltre al decotto di legno santo, anche di un unguento, l impiego da parte di Brasavola di decotto di legno d India, ellero nero, mercurio da bere e di decotto di radici di legno di China al fine di favorire la sudorazione. 9 BONORA VINCENZO, Op. cit.

12

13 Capitolo I La prima metà dell Ottocento 1.1. Antonio Campana Il nostro obiettivo corre avanti verso l 800. Abbiamo la fortuna di avere come riferimento un grande dell epoca, Antonio Campana e la sua Farmacopea Ferrarese, data alle stampe nel 1797, che ebbe numerosissime edizioni proprio nell 800. Per definire un quadro delle pratiche terapeutiche della prima metà del secolo a Ferrara analizzeremo i contenuti della ventunesima edizione 10, postuma, del 1841, arricchita di moltissime aggiunte e delle ultime più interessanti scoperte per cura del dottore Luigi Michelotti. Questa edizione è stata scelta sia per la completezza che per la collocazione temporale. L altra farmacopea di riferimento sarà la seconda 11, stampata nel Tra gli autori delle Farmacopee non ufficiali, ma di cui si riconobbe l importanza a livello internazionale, un posto di riguardo è da riservare ad Antonio Campana. L autore della celeberrima Farmacopea ferrarese, che pubblicata nel 1797 vide ben venti edizioni, nacque a Ferrara nel CAMPANA ANTONIO, Farmacopea. Arricchita di moltissime aggiunte e delle ultime interessanti scoperte per cura del dottore Luigi Michelotti. Livorno, Fratelli Vignozzi e nipote, CAMPANA ANTONIO, Farmacopea ferrarese del dottore Antonio Campana. Firenze, Guglielmo Piatti, ed. 12 Nel testo a seguire al termine di ogni citazione tratta dalle Farmacopee del Campana sarà indicata il numero di pagina corrispondente all edizione del 1841, se non altrimenti indicato. 13

14 14 Capitolo I

15 La prima metà dell Ottocento 15

16 16 Capitolo I Come Prefetto arricchì l orto botanico che arrivò ad ospitare ben 3430 specie, curandone la catalogazione nel Catalogus plantarum horti botanici regii Lycei Ferrariensis. Di grande interesse tra l altro è il bellissimo Erbario ancor oggi custodito presso l Università di Ferrara. Medico, fu docente di Chimica farmaceutica e di botanica. Queste forti competenze portarono alla stesura di una farmacopea, che pur nata nello spirito di essere dedicata agli speziali ferraresi e quindi di uso provinciale, fu apprezzata in Italia e all estero.

17 La prima metà dell Ottocento 17 Fin dal comparire della malattia nel 400 e fino ai primi del 900 la pratica terapeutica si basò fondamentalmente sull impiego del mercurio sia per somministrazione orale che sotto forma di unzioni, frizioni, impiastri, inalazioni. La cura portava ad una risoluzione dei dolori ossei, delle tubercole, degli indurimenti, delle pustole e, attraverso la provocazione di salivazione e sudorazione, si pensava determinasse l espulsione della malattia. Gravi, ovviamente, gli effetti collaterali dovuti all assunzione e all impiego dei derivati mercuriali. Persino l avvento nei primissimi decenni del novecento degli arsenobenzoli non riuscì a soppiantarli, non essendo in grado di dare le stesse certezze di risoluzione della malattia senza ricadute. I principali composti, oltre al mercurio, erano il calomelano o protocloruro di mercurio o mercurio dolce Hg 2 Cl 2, il sublimato corrosivo o bicloruro di mercurio HgCl 2, il cinabro o solfuro di mercurio HgS, ma anche ioduro e altri, che ritroviamo puntualmente nelle farmacopee del Campana. DEUTOCLORURO DI MERCURIO - Sublimato corrosivo, of. Cloruro mercurico, of. (Berzelius) [ ] Il sublimato corrosivo si usa nelle malattie sifilitiche. Il sublimato si amministra incominciando da un ottavo di grano disciolto nell acqua distillata, aumentandone gradatamente, e insensibilmente la dose sino ad un grano: a tale oggetto viene ordinariamente preparata dal farmacista la soluzione con grani quattro sublimato ed once quattro acqua distillata; così ogni dramma di essa ne conterrà un ottavo per cui in tal modo resta facile al medico di aumentare ogni giorno il detto farmaco anche in minima frazione. (pag. 278) DEUTO-FOSFATO DI MERCURIO - v. anche protofosfato, entrambi sono vantati contro le malattie sifilitiche, ma più del proto-fosfato il deuto-fosfato di mercurio siccome più energico. (pag. 279) DEUTO-IDROCLORATO DI MERCURIO - Liquore di sublimato corrosivo, of. P. acqua stillata, una libbra; sublimato corrosivo, mezza dramma. Farai soluzione. La dose di questo pericoloso rimedio adoprato nelle malattie sifilitiche, e che fu usato in qualche altra malattia, si estende fino ad uno sciroppo di viole. (pag. 280). DEUTO-IODURO DI MERCURIO - Ioduro mercurico (Berz) P. Idriodato di potassa sciolto in acqua stillata quanto vuoi; Soluzione di sublimato corrosivo, quanto basta. Nella soluzione dell idriodato di potassa infonderai a poco per volta la dissoluzione di sublimato corrosivo finché si

18 18 Capitolo I forma precipitato. Filtra questo precipitato, che è di colore rosso vivo, lavalo con acqua stillata, e serbalo in vasi chiusi. Avverti di non infondere o troppa o poca quantità di soluzione di sublimato, perché il deuto-ioduro che si forma si riscioglie o nell una o nell altra soluzione qualora non sia neutralizzata perfettamente. Si adopera nelle affezioni scrofoloso-sifilitiche con grande vantaggio. Dose: da un sedicesimo di grano fino ad un quarto di grano crescendo per gradi, in pillole, o sciolto nell alcool o nell etere solforico. (pag. 280) DEUTOSSIDO DI MERCURIO - Precipitato per sé, of. P. Mercurio puro, quanto vuoi. Mettilo in una boccia di fondo largo piano, e di collo stretto, che chiuderai con un tappo di vetro smerigliato, e bucato con un foro capillare. Procura che il mercurio cuopra il fondo piano del vaso all altezza di due linee circa, e con calore eguale a bagno di arena conservalo a bollore per più mesi, e finchè sia convertito in un ossido rosso. In oggi si preferisce il seguente. (pag.282) DEUTOSSIDO DI MERCURIO - Precipitato rosso,of. P. Mercurio puro, once dieci; Acido nitrico allungato, once sedici. Fatta la soluzione in una storta tubulata con moderato calore si lascia a riposo per alcune ore acciò cristallizzi, e si ottenga il deutonitrato di mercurio. Dopo si tiene riscaldata con calore graduato la massa salina fino che cessano i vapori, e la storta si rende trasparente e chiara. Otterrai nel recipiente un acido nitroso debole, e resta nella storta l ossido in piccole paglie che divengono rosso-giallastre. Per assicurarsi che non vi resti acido, si può riscaldare in un crogiuolo, che si accrescerà il colore rosso. Una volta si usava il precipitato per sé internamente da mezzo grano a due; in maggiore dose è emetico e diviene velenoso. Più modernamente è stato proposto il precipitato rosso all interno delle malattie sifilitiche, e specialmente nella lue. Per uso esterno come escariotico, e si fa unguento. Il precipitato rosso mescolato anche in piccola dose all inchiostro, è sufficiente per impedire lo sviluppo della muffa. (pag. 282) MERCURIO - Mercurio purificato, of. P. Mercurio, quanto vuoi. Stilla con una storta di vetro a bagno di arena, ed a calore moderato; la bocca della storta sia quasi intieramente immersa nell acqua del recipiente per metà pieno, ed abbia legato un pacchettino di tela, attraverso del quale filtrando il mercurio depositerà nel sacchetto molte impurità. Raccogli il mercurio ottenuto nel fondo del recipiente ove è l acqua, rasciugalo con panno lino, o con carta emporetica, e serba per l uso. (pag. 338) PROTOCLORURO DI MERCURIO - Mercurio dolce, of. P. Sublimato corrosivo, once quattro; Mercurio puro, once tre;

19 La prima metà dell Ottocento 19 Acqua stillata quant occorre, per farne pasta. [ ] Ti servirai di questa preparazione mercuriale a preferenza della Panacea mercuriale, o Aquila alba o Calomelano delle officine; poiché colle reiterate sublimazioni che si fanno per questo rimedio, si produce di nuovo del sublimato corrosivo. Altro metodo P. Mercurio puro, parti dodici. Acido solforico di Milano, parti quattordici. [ ] Mercurio puro, parti dodici. Idroclorato di soda deacquificato e polverizzato, parti tre. Altro Metodo Mercurio dolce di Scheele, of. [ ] protonitrato di mercurio [ ] sale marino [ ] Quando il mercurio dolce è puro, si può calcolare su di un eccellente rimedio non solo delle malattie veneree, ma eziandio come purgante, deostruente, antielmintico ec. Dose : da grani uno fino a dodici, avvertendo che se adoprerai il mercurio dolce di Scheele diminuirai di un terzo la dose, non perché sia diverso da quello fatto per sublimazione, ma per la somma divisione che acquista nella precipitazione. (pag. 371) PROTOIODURO DI MERCURIO Il protoioduro serve nella cura delle affezioni scrofolose veneree. (pag. 372) PROTONITRATO DI MERCURIO Il deutonitrato s impiega nella preparazione dell unguento citrino (pag. 372) PROTOSSIDO DI MERCURIO - Ossido nero di mercurio del Moscati Si adopra nelle malattie veneree, e si unisce anche al grasso per uso esterno (pag. 375) Il liquore di Van Swieten, composto da sublimato corrosivo ovvero cloruro mercurico sciolto in acqua e alcool permetteva una terapia personale della malattia al fine di consentirne la segretezza. La tintura di mercurio prevedeva lo ioduro mercurico, dalla virtù eccitante in affezioni veneree atoniche. ALCOOL CON DEUTOIODURO DI MERCURIO Tintura di mercurio, of. P. Alcool a 36, once una; Deutoioduro di mercurio, scropoli uno. Sciogli in mortajo di porcellana, e conserva la soluzione filtrata in boccia con tappo smerigliato, ed in luogo oscuro.

20 20 Capitolo I È un valevole eccitante, utile nelle affezioni scrofoloso-veneree atoniche. Dose: da dieci gocce a venti, in sei once di un acqua aromatica o mescolata con rob di sambuco, o in pillole, inzuppandone una qualche polvere vegetabile inerte, o un qualche estratto, come, per esempio, quello di gramigna. Dieci gocce di questa tintura contengono un sedicesimo di grano di deutoioduro. DEUTO-IDROCLORATO DI MERCURIO CON ALCOOL Liquore sifilitico di Van Swieten, of. P. Sublimato corrosivo, grani sei; Alcool, once otto; Acqua stillata, once quattro. Unisci in boccia chiusa, e lascia in digestione fino a perfetta soluzione. Fu adoperato nelle malattie veneree. Dose: da due a quattro dramme. (pag.280) Cerchiamo invano la soluzione antivenerea di Veikard, che risulta nell indice di Campana 1941 alla pagina 398. La copia di nostra consultazione risulta purtroppo mutila. Viene in nostro soccorso il Formulario Universal o Guia pratica del Medico, del Cirujano y del Farmaceutico 13 per una formula non riportata in altre farmacopee a noi conosciute. È indicata per persone delicate e il cui stomaco non riesce a sopportare il Liquore di Van Swieten S. ANTIVENÉREA (Veikard) Agua destilada (60 gr.) Deutocloruro de mercurio, Hidroclor.de amon., ana (2 dec.) Láudano liquido (2 gr.) Esencia de canela una gota. H.S.A. Esta solution conviene principalmente á las personas deliocadas y cuyo estómago no puede soportar el licor de Van Swieten. I. Sifilis, sifilides. D. Trenta á cuarenta gotas, por mañana y noche, en agua de goma ó leche. 13 ALVAREZ ALCALÁ DON FRANCISCO. Formulario Universal ó Guia pratica del Medico, del Cirujano y del Farmaceutico. Tomo IV, Madrid y Santiago: Libreria de Don Angel Calleya, Editor. Lima: Casa de los sres. Calleja, Ojea y Compañia, 1850.

21 La prima metà dell Ottocento 21 Numerosi erano gli unguenti mercuriali, tra cui molto usati l Unguento forte o citrino e l Unguento di precipitato rosso (vedi pag. 51), impiegato contro erpeti, rogna, tigna, ed altre affezioni cutanee il primo e con l indicazione contro la rogna complicata con malattie veneree, ma anche per ammazzare gli insetti della testa, il secondo. L Unguento mercuriato veniva usato con gran successo per frizioni nelle malattie veneree. GRASSO CON MERCURIO Unguento mercuriato, of. P. Mercurio puro, una libbra; Grasso di porco purgato, once nove; Detto di castrato, once tre. Macina il mercurio con grasso di castrato, e con piccola porzione di quello di porco, in mortaio di marmo con pestello di legno, finché sia estinto il mercurio; allora aggiungi il grasso avanzato, e continua la triturazione per ore novantasei, ossia per giorni quattro. Essendo l estate il tempo più opportuno per questa preparazione, ridotto che sia l unguento in vaso adattato, circondalo di ghiaccio salato, acciò si rappigli egualmente, e serba in luogo fresco. Secondo le circostanze si può variare la dose di mercurio in proporzione del grasso, e si può anche aggiungere un poco di canfora. Questo unguento non riesce efficace se non quando il mercurio è bene estinto. Per conoscere se l estinzione sia perfetta, si stende sottilmente poco unguento sopra una carta bianca, ed esposto al sole si osserva se si vedono granelli di mercurio, nel qual caso conviene seguitare la triturazione. Propongono di mettere la metà del grasso in vaso o padella di ferro riscaldata o mantenuta calda a gradi 70 circa per struggere il grasso, poi aggiungere tutta la dose del mercurio, ed agitarlo fortemente: dopo unire l altra metà del grasso triturando finché l estinzione del mercurio sia completa, ed il grasso rappigliato. Con questo metodo si abbrevia il tempo e si ottiene un buon unguento mercuriale. Si usa con gran successo per frizioni nelle malattie veneree, ed agisce con forza sul sistema glandulare. Dose: da uno scropolo ad una dramma per giorno. Recentemente venne amministrato anco per uso interno alla dose di due grani a quattro per giorno unito all estratto di salsapariglia. (pag. 322) I sopraccitati liquore sifilitico e unguenti figurano anche nell edizione della farmacopea del Compaiono successivamente l Unguento o Pomata di Cirillo e l unguento ossigenato d Alyon.

22 22 Capitolo I GRASSO CON DEUTOCLORURO DI MERCURIO Unguento, o Pomata di Cirillo, of. P. Sublimato corrosivo, dramme una; Grasso di porco preparato, dramme otto. Macina in mortaio di porcellana il sublimato corrosivo, poi aggiungi il grasso, e seguita per dieci ore la triturazione. Alcuni aggiungono prima di finire l operazione dieci grani di sale ammoniaco. Con una mezza dramma si fanno delle frizioni, particolarmente alle piante dei piedi, nelle malattie veneree due volte il giorno con cautela. (pag. 319) GRASSO OSSIGENATO PER L ACIDO NITRICO Unguento ossigenato d Alyon, of. P. Grasso purgato, una libbra; Acido nitrico, un oncia e mezza. Liquefatto il grasso a lento calore in vaso di vetro e di porcellana, aggiungi l acido nitrico; agita il miscuglio con una spatola di vetro finché cominci a bollire; allora rallenta il calore, tanto che seguitando un debole bollore, si decomponga intieramente l acido: dopo agita finché cominci a rapprendersi, gettalo in acqua per lavarlo. Indi conviene rifonderlo a moderato calore, gettarlo nelle forme di carta, e serbarlo per l uso. Questo grasso detto ossigenato, è molto lodato nelle ulcere veneree e nelle erpeti. (pag. 325) Già nella Farmacopea del 1803 (pag. 219) viene riportato il Cerotto mercuriale. Il Brugnatelli nella sua Farmacopea 14 indica: Metodo di prescrizione. Si stende sopra un pannolino, e si applica alle parti malate. Virtù. Antivenerea, detergente. Uso esterno. Ulceri veneree, vizj della pelle. Segnala che nella Farmacopea di Edimburgo si aggiunge l olio d ulivo solfurato (balsamo di solfo). SAPONE D OSSIDO DI PIOMBO SEMIVETROSO CON MERCURIO Cerotto de ranis con mercurio of. P. Sapone d ossido di piombo semivetroso una libbra. Liquefatto uniscilo con unguento mercuriale, o sia grasso con mercurio ossidato once tre. 14 BRUGNATELLI LUIGI VALENTINO. Farmacopea Generale ossia Dizionario Tomo I, Pavia nella Tipografia Bolzani, 1814, pag. 193.

23 La prima metà dell Ottocento 23 Per uso orale vari sono i rimedi fin dall inizio del secolo, spaziando dal mercurio al mercurio dolce all ossido di mercurio nero del Moscati. La formula detta di Plenk per preparare la massa pillolare fu perfezionata successivamente da Tormel, in quanto con il tempo le pillole diventavano durissime, perdendo efficacia. Mercurio gommoso di Plenk, of. P. Mercurio puro, dramme una; Gomma arabica, dramme tre; sciroppo di oppio, mezz oncia. Unisci e mescola in mortaio di porcellana fino a perfetta estinzione del mercurio. Antisifilitico. Dose: da gocce tre a dodici, una o due volte per giorno. La stessa quantità unità ad un poco di amido si può somministrare in pillole. (pag. 338) Pillole mercuriali di Plenk, of. P. Mercurio purificato, una dramma; Mucillagine di gomma arabica, dramme sei. Unisci a perfetta estinzione del mercurio, ed aggiungi: Estratto di cicuta, una dramma. Farai pillole di due grani l una.

24 24 Capitolo I Dose: da quattro a sei pillole. La formola della di Plenk per preparare la massa pillolare, che porta il suo nome, è stata sempre conosciuta difettosa. La mucillagine di gomma arabica non estingue il mercurio; poi le pillole divengono col tempo durissime, e passano senza produrre effetto; e perciò Tormel propone la seguente formola: P. Mercurio solubile del Moscati, dramme una; Polvere finissima di radici d altea, dramme quattro; Estratto di cicuta, una dramma. Mescolato tutto insieme farai pillole di due grani l una. (pag. 362) Pillole antiveneree, of. P. Mercurio rigenerato, un oncia; Balsamo della Mecca, once una e mezza. Mescola a perfetta estinzione del mercurio, ed incorpora con massa pillolare oppiata, una dramma. Al mercurio puoi sostituire l ossido nero di mercurio del Moscati. Dose: da grani otto a dodici, per un mese. (pag. 359) Pillole mercuriali,of. P. Mercurio dolce, estratto di guajaco, ana, un oncia; Canfora raschiata, dramme una e mezza; Balsamo di copaiba, quanto basta per far massa pillolare. Dose da grani dodici a mezza dramma. Al mercurio dolce puoi sostituire l ossido di mercurio nero del Moscati. (pag. 361) Pillole mercuriali di Belloste, of. P. Mercurio purificato, un oncia. Estingui il mercurio con la trementina in mortaio di porfido, ed aggiungi: Diagridio, rabarbaro, scialappa, polverizzati, ana, un oncia; miele depurato, quanto basta per ottenere una massa pillolare di giusta consistenza. Dose: da grani dodici a ventiquattro. (pag. 361) Altri rimedi, che vantavano grande attività e potevano essere usati come palliativi nel caso non si potesse ricorrere alle frizioni, a base oltre che di sublimato corrosivo anche di ioduro mercuroso e mercurio furono proposti successivamente. Campana propone anche un rimedio a base di mercurio tartarizzato.

25 La prima metà dell Ottocento 25 PILLOLE DI DEUTOCLORURO DI MERCURIO Pillole di sublimato corrosivo, of. P. Sublimato corrosivo, mezzo grano; Alcool a 35, q.b. Sciogli in mortaio di porcellana e con midolla di pane fai massa da dividersi in quattro pillole, avendo avvertenza di mescolar bene il tutto. Queste pillole sono proposte nelle ostinate sifilidi nel caso che non si possano usare le frizioni mercuriali a dose di una la mattina ed una la sera. (pag. 360) PILLOLE DI DEUTOIODURO DI MERCURIO, OF. P. Deutoioduro di mercurio, un grano; Polvere di liquirizia, sei grani. Rob di sambuco, q.b. per fare con esatta mescolanza otto pillole, proposte nelle malattie scrofolose sifilitiche ad una pillola per giorno (pag. 360) PILLOLE DI PROTOIODURO DI MERCURIO P. Protoioduro di mercurio, un grano; Polvere di radici di liquirizia, sei grani; Rob di sambuco, q.b. Mescola esattamente, e fai otto pillole da darne tre il giorno ad una per volta. Si usano nelle malattie scrofolose veneree, negl ingorghi glandulari ostinati, e sono attivissime (pag. 361) TARTRATO DI MERCURIO E DI POTASSA Mercurio tartarizzato, of. P. Carbonato di mercurio bianco, un oncia: Sopratartrato di potassa polverizzato, once sei. Macina diligentemente in mortaio di porcellana, e su questa polvere getta acqua stillata bollente, libbre quattro. Filtra la soluzione saturata, la quale evaporerai per ottenere i cristalli, che, asciutti, conserverai in boccia di vetro chiusa. Dose: da un grano a tre nelle malattie veneree. La soluzione filtrata, senza evaporare, porta il nome di Acqua vegetominerale di Pressavia. (pag. 494) Sebbene il mercurio rimanesse l approccio terapeutico per eccellenza, altri rimedi di origine naturale trovarono applicazione nella pratica medica. Il guajaco, importato dall isola di Hispaniola, chiamato

26 26 Capitolo I anche legno santo, provoca sudorazione e diuresi, favorendo, si credeva, l espulsione dei veleni. Trovò, oltre a Jean Fernet, fautori anche in ambiente ferrarese, Manardo e Brasavola, che posero fiducia anche nelle proprietà terapeutiche della radice di china. Nelle farmacopee del Campana troviamo un rimedio, lo sciroppo antisifilitico, che associa al guajaco e alla china altri due cavalli da battaglia per questo terribile male, la salsapariglia e il sassofrasso. Tutte queste risorse provenienti dal mondo vegetale dei nuovi mondi sono ampiamente descritte, oltre che nella parte dedicata alle materie prime, anche nelle preparazioni (olio di guajaco e sassofrasso). Già dalle prime edizioni è presente inoltre lo sciroppo di salsapariglia di Cusinier. GUAJACO, o LEGNO SANTO. of. GUAJACUM OFFICINALE. Lin. Corteccia, Legno, Resina. Il legno è durissimo, il color giallo tendente al verde sudicio, l alburno bianco giallastro, l odore aromatico. È stato in gran credito come unico antisifilitico. Si prescriveva ancora per lo stesso fine, ma non con tanta fiducia, come aperitivo, tanto nella lue, quanto nell artritide. Dose in decotto: da una dramma a mezz oncia in una libbra d acqua. Dalla resina di questo legno hanno separato una sostanza particolare, che hanno chiamato Guajacina, e che per ciò separar si deve dalle resine. (pag. 94) SALSAPARIGLIA. of. SMILAX SALSAPARILLA. Lin. Radici. Radici lunghe, della grossezza di circa una penna, striate, di colore fosco e- sternamente, che poi lavate, e preparate, prendono il giallo: hanno la corteccia farinosa, e nel centro un filetto o anima legnosa. Avvi un altra salsapariglia più bianca, detta Salsapariglia grigia o falsa, di tessuto spugnoso e con macchie porporine, di sapore un poco amaro, viscoso, ed appartiene alla Aralia nudicaulis. Lin. Nasce questa nei luoghi umidi ed ombrosi della Virginia e di altri luoghi d America. Non è molto stimata, ma ciò nonostante agli Stati Uniti è usata come diuretica e sudorifica. Sono state attribuite virtù grandi alla salsapariglia, specialmente di antisifilitica, diaforetica, antiartritica, mondificativa. Agisce sul sistema linfatico, ed è leggermente controstimolante. Pare che le proprietà medicinali della salsapariglia risiedano nella corteccia, e che la qualità che contiene la parte più attiva più d ogni altra sia la rossa che viene portata dalla Giammaica. Dose: in decotto da due dramme a un oncia, in una libbra e mezzo di acqua, da ridursi ad una libbra.

27 La prima metà dell Ottocento 27 * Pallotta estrasse da questa radice una sostanza bianca pulverulenta di sapore sgradevole ed amaro, e capace di formare dei sali, egli la chiamò smilacina: dopo di esso Thubeuf nel 1834 annunziò di esser giunto a separare dalla stessa radice una materia salina cristallizzabile ch esso riguardò pel principio attivo chiamandola salsaparina. Varie altre analisi vennero fatte, ma discordi furono i resultati; dobbiamo di recente al sig. Poggiale farmacista un saggio analitico scrupoloso sopra le sostanze da altri annunziate, quali egli dice non essere altro che la pariglina ritrovata da Pallotta, e consistere la differenza solo nei processi per ottenerla. Il migliore è quello di Thubeuf, il quale consiste nel preparare una tintura alcoolica ben satura di salsapariglia, trattarla con del carbone animale purificato, nel filtrarla, ed evaporarla a moderato calore. La pariglina sebbene sia stata prescritta in alcuni casi, pure la sua azione sull economia animale non è stata per anche stabilita. (pag. 128) SALSAPARIGLIA GERMANICA. of. CAREX ARENARIA. Lin. Radici. La radice secca di questa pianta, che nasce ne luoghi sterili dell Europa settentrionale, è usata in vece della vera salsapariglia nelle malattie veneree alla dose di due once bollita in due libbre d acqua fino alla consumazione di un quarto. Questo decotto ha di più la proprietà di fare una spuma come la saponaria, ed essere atto a levare le macchie di unto. Questa radice è lunga, grossa quanto una penna di piccione, o poco più, ramosa, legnosa, articolata, fibrosa ai nodi, e liscia da nodo a nodo, di fuori scura e dentro bianca. L analisi fatta da Merz ci fa conoscere che questa radice è formata di fecola amilacea e di materia zuccherina. (pag. 129) SASSOFRASSO. of. Laurus sassafras. Lin. Corteccia, Legno. È un legno tendente al rosso castagno, non duro, leggiero, e che fregato tramanda odore simile al finocchio o all anice. Credesi emetico, ma essendo a- romatico è anche stomachico, alquanto deprimente il sistema linfatico. Dicesi che abbia la proprietà di non intarlare ne d imporrare. Adoprasi nelle affezioni reumatiche, in dosi da due dramme a mezz oncia in una libbra di acqua bollente per farne infusione. I fiori sono stimati dolcificanti in America, e ne fanno delle decozioni teiformi. Con i rami giovani alla Virginia ne fanno una specie di birra. Trovasi in commercio un altro legno detto Sassofrasso. L odore è simile e più forte; ma il legno è pesante, compatto, giallo nell alburno, e più cupo nell anima, simile al guajaco: si crede che sia il legno del Laurus Persea. (pag. 131) Olio empireumatico di guajaco, of. P. Legno guajaco tritato minutamente, quanto vuoi. Stilla in una storta di vetro a bagno di arena in ampio recipiente, con calore graduato. Otterrai un liquore, che è l acido piro-legnoso, e dopo l olio, il quale separandolo, lo rettificherai con una nuova distillazione, allungando con

28 28 Capitolo I sei volte più d acqua, o impastandolo con due parti del suo peso di cenere comune stacciata. (pag 345) OLIO VOLATILE DI SASSOFRASSO Essenza di sassofrasso. Of. P. Sassofrasso tagliato in minute schegge, libbre sei; Acqua, libbre trenta; Sale comune, libbre tre. Macera per quattro giorni in luogo caldo, poi stilla con tamburlano di rame, e separa l olio che troverai sotto l acqua nel fondo del recipiente. Nella stessa maniera otterrai gli olii volatili di garofani, di cannella, ec. Questi diversi olj volatili conservano le virtù delle piante, semi, o cortecce, dalla quale sono estratti. (pag. 349) *ESTRATTO DI SALSAPARIGLIA DI BERAL P. Alcool a venti B., libbre otto Salsapariglia incisa, libbre una. Si lascia in infusione per un mese, poi si decanta e si filtra. Si distilla per ricuperare l alcool, e si concentra quindi il liquido rimasto nell alambicco a bagno-maria; si ottiene un estratto molle la cui quantità è ordinariamente un ottavo della salsapariglia impiegata. Dose: da dodici a trenta grani in pillole, o disciolto in qualche decotto. (pag. 307) SCIROPPO ANTISIFILITICO, O ROB ANTISIFILITICO P. salsapariglia tagliata e soppesta, libbre tre; China soppesta, sassofrasso, guajaco (raspati), ana, libbre due; China gialla soppesta, libbre una; Acqua pura, libbre cinquanta. Bolli per un ora, indi filtra per staccio, e sul residuo replica l ebollizione per quattro o cinque volte, adoprando ciascuna volta dodici o quindici libbre di nuova acqua. Riunite e concentrate le decozioni sciogli Zucchero bianco, libbre quindici, ed altrettanto miele ottimo; spuma, filtra per tela, ed evapora fino alla dovuta consistenza: dopo versa il liquido in un piccolo orcio di terra verniciato, dentro il quale vi siano due sacchetti di tela contenenti l uno quattro once di anaci soppesti, l altro con egual dose di fiori secchi di borragine. Si tiene coperto il vaso e si comprimono di tanto in tanto i sacchetti prima che il siroppo si raffreddi; in fine si spremono e si levano dal vaso: si mescola il siroppo e si serba per l uso. La notabile quantità di materia feculacea tenuta in sospensione in questo siroppo, è la cagione per cui acquista la densità che è propria dei rob, o degli estratti molli.

29 La prima metà dell Ottocento 29 Fu questo rob encomiato qual infallibile rimedio delle malattie veneree, e benché ora decaduto, ha però i suoi sostenitori. Tanto a questo sciroppo, quanto a quello di Cusinier hanno talvolta aggiunto qualche sale mercuriale solubile; ma come avverte il profes. Taddei nella sua farmacopea generale, da cui sono tolte queste ricette, i sali mercuriali solubili si scompongono più o meno presto in contatto dei materiali del sciroppo, passando allo stato di sali mercuriali insolubili. La dose è la stessa dello sciroppo di Cusinier. (pag. 380) SCIROPPO DI SALSAPARIGLIA (di Cusinier) P. Salsapariglia tagliata minutamente, once sedici; Acqua pura, libbre otto. Tieni in macerazione per ventiquattro ore in luogo caldo, poi bolli per circa un buon quarto d ora, e filtra per tela di lino con espressione. Soppesta il residuo in mortaio di marmo e fa bollire di nuovo per circa mezz ora in libbre sei ed once otto di acqua; ripeti successivamente le decozioni colla stessa quantità di liquido la terza e la quarta volta. Riunito il liquido di tutti questi decotti, evapora alla riduzione di quattro libbre ed aggiungi Fiori di borragine secchi; petali di rose bianche; sena mondata; semi di anaci contusi, ana, un oncia. Ritirato tosto il vaso dal fuoco lascia freddare, poi filtrato per staccio ed evaporato alla riduzione di libbre due aggiungi

30 30 Capitolo I Miele puro; zucchero bianco, ana, once sedici. Chiarisci con albume di uovo e riduci lo sciroppo alla necessaria consistenza. È adoprato come diaforetico ed antivenereo in dose di un oncia fino a sei per giorno. (pag. 387) Viene evidenziato con una Stella* ciò che fu aggiunto nell ultima edizione del 1841 la quale d altronde contiene tutto quanto si trova nelle farmacopee già pubblicate. Vengono riportate le ultime novità in fatto di rimedi e l elenco è copioso. Troviamo per primi i confetti antivenerei di Keiser a base di acetato di mercurio. In realtà osserviamo che sono presenti anche nell edizione del 1803, infatti è noto il loro impiego a base di mercurio sciolto nell aceto: fino alla Rivoluzione francese furono l unico rimedio di ospedali militari, prigioni e ospedali per poveri. ACETATO DI MERCURIO *ACETATO DI PROTOSSIDO DI MERCURIO Terra foliata mercuriale,of. P.Deutossido di mercurio quanto vuoi. Acido acetico quanto basta. Sciogli a lento calore in vaso di vetro; filtra il liquore, il quale, evaporato a pellicola, lascerai cristallizzare in luogo freddo: rasciuga i cristalli sopra la carta emporetica, e serbali in boccia chiusa. ALTRO METODO Precipitando il nitrato di mercurio fluido con la soluzione di acetato di calce, o di potassa, si ottiene nel momento ottimo acetato di mercurio. Questo sale fu adoprato nelle malattie veneree, e forma la base delle pillole di Keiser; è però acre e di uso poco sicuro. (pag. 153) Imperano ancora rimedi a base di composti mercuriali, per i quali è sempre comprovata l efficacia. Viene proposto, oltre a uno sciroppo ed una emulsione mercuriale, un clistere antisifilitico nei casi in cui fosse problematica la somministrazione per os. P. Sublimato corrosivo, grani due. Acqua distillata, once due; Decotto di semi di lino, once sedici. *CLISTERE ANTI-SIFILITICO

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE PLVERI MULTIDSE MENTL PLVERE CUTANEA PREPARARE UNA A SCELTA FRA LE DUE FRMULAZINI Composizione: levomentolo o mentolo racemico g 1.0 talco g 99.0 Preparazione 20 g TALC MENT-CANFRAT Composizioe: levomentolo

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura.

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura. Nelle figure seguenti illustriamo la tecnica di applicazione dei nostri gel con l'uso della tip. Da questa dimostrazione si può apprezzare come il Gel System sia semplice e veloce da usare, in quanto non

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Dall alchimia alla chimica

Dall alchimia alla chimica Dall alchimia alla chimica L alchimia (dall arabo al-kimiya = pietra filosofale; dal greco chymeia = mescolanza di liquidi) è intrisa di misticismo e di mistero. Anche se è errato considerare l alchimia

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli