Filoni di ricerca: cenni storici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Filoni di ricerca: cenni storici"

Transcript

1 RETI SOCIALI

2 Reti sociali L Analisi delle reti sociali (Social Network Analysis SNA), sviluppatasi negli anni 30, è una tecnica che consente di misurare e visualizzare le relazioni sociali tra soggetti, gruppi, organizzazioni o altre entità coinvolte in processi di scambio di informazioni e conoscenza. Una rete sociale consiste di un qualsiasi gruppo di persone connesse tra loro da diversi legami sociali, che vanno dalla conoscenza casuale ai vincoli familiari. Lo scopo principale della SNA è studiare intere strutture sociali (reti complete) o reti locali (reti egocentrate) individuando e analizzando i legami tra gli individui o i gruppi che rappresentano i nodi della rete.

3 Reti sociali L analisi delle reti sociali si basa sui dati relazionali: contatti, vincoli, collegamenti che mettono in relazione un attore con l altro e le relazioni non possono essere ridotte a proprietà dell individuo ma a proprietà di sistemi di attori. L unità d analisi è l individuo, ma la rete è analizzata a partire dai legami che si stabiliscono tra individui. L attenzione è pertanto rivolta alle dinamiche relazionali che intercorrono tra coppie di attori (diadi), terne (triadi), sottogruppi o gruppi di attori. L analisi delle variabili si basa sugli attributi: atteggiamenti, opinioni, comportamenti di individui o gruppi, che rappresentano delle proprietà dei soggetti agenti.

4 Filoni di ricerca: cenni storici - Analisti sociometrici anni 30 (analisi delle dinamiche di gruppo attraverso la teoria dei grafi) Moreno (sociogramma=strumento per rappresentare le proprietà formali delle configurazioni sociali), Lewin e Heider - Ricercatori di Harvard- anni 30 (analisi dei modelli di relazioni interpersonali) Mayo e Warner (indagine sulla centrale elettrica Hawthorne di Chicago) - Antropologi della scuola di Manchester anni 50 (analisi della struttura di relazioni all interno delle comunità di società tribali e di villaggio)- Barnes, Mitchell, Bott - Ricercatori di Harvard anni 70 (analisi strutturale ad orientamento matematico per la costruzione di modelli di strutture sociali di ogni tipo) White, Granovetter, Lee NASCE INSNA INTERNATIONAL NETWORK FOR SOCIAL NETWORK ANALYSIS- Toronto con Wellman e Berkowitz.

5 Filoni di ricerca: cenni storici Sociogramma di Moreno, strumento di rappresentazione formale delle configurazioni sociali (Scott, 2000), in cui gli individui vengono raffigurati come punti e le relazioni tra di essi come linee. Scuola di Manchester: analisi solo di reti parziali, ossia si parte da un soggetto rilevante e si analizzano tutte le persone con le quali egli è in contatto, considerando anche un solo tipo di legame (di parentela, di politica, di amicizia, di lavoro). Così, si ottiene una rete egocentrica legata esclusivamente al soggetto scelto. La rete totale è l insieme dei legami, in continua ramificazione e crescita, che si dispiega entro e al di là dei confini di ogni comunità o organizzazione (Mitchell, 1969). Getting a job di Granovetter, in cui lo studioso analizzò i modi in cui le persone ottenevano le informazioni sulle opportunità di lavoro. Egli dimostrò che non sono le persone cui si è legati da legami forti quelle da cui si ottengono le migliori informazioni sul lavoro, bensì quelle cui si è legati da legami deboli.

6 Map of MySpace friends (2007)

7 Protein-protein network

8 Paris metro (2003)

9 They rule (2004)

10 Reti sociali La rappresentazione dei dati relazionali 1. In forma visuale, ricorrendo a disegni che rappresentano gli attori come punti e i legami come linee che congiungono i punti (sociogramma di Moreno) 2. In forma di grafo, ricorrendo alla Teoria dei grafi 3. In forma matriciale, ricorrendo all algebra delle matrici Notazioni per dati relazionali 1. Sociometrica 2. Teoria dei grafi 3. Algebrica

11 Concetti Social Network Analysis: studio dei legami tra entità sociali e delle implicazioni Attore (Actor): entità sociale (individuo, ente, ecc.) Diade (Dyad): due attori e i possibili legami tra essi Triade (Triad): tre attori e i possibili legami tra essi Sottogruppo (Subgroup): sottogruppo di attori e i possibili legami tra essi

12 Concetti Gruppo (Group): collezione di tutti gli attori sui quali sono misurati i legami Legami (Ties): legami tra coppie di attori (amicizia, affari, di famiglia, ecc ) Relazione (Relation): l insieme di legami di uno specifico tipo tra i membri Social Network: consiste in un set finito di attori e di relazioni tra loro

13 RETI Rete completa Rete ego-centrata

14 RETI Rete completa Rete ego-centrata

15 Livelli di misura DIREZIONALITA NON ORIENTATI ORIENTATI NUMERAZIONE BINARIA 1) Non orientati/ binaria 3) Orientati/ binaria VALORI NUMERICI 2) Non orientati/ valori 4) Orientati/ valori 1= Matrici con dati non orientati in forma binaria con 1=presenza 0=assenza di una relazione. 2 = Matrici con dati non orientati espressi con valori numerici che esprimono in maniera diversa la forza di una relazione. 3 = Matrici con dati orientati in forma binaria con 1=presenza 0=assenza di una relazione. 4 = Matrici con dati orientati espressi con valori numerici che esprimono in maniera diversa la forza di una relazione

16 RETI ONE MODE Dato un set di attori N che contiene g attori, avremo: N = {n1, n2,, ng} dove ni indica il generico attore i. Supponiamo che il set di attori N sia legato da una singola relazione di tipo dicotomico (non pesata) e direzionale. Data una generica coppia ordinata di nodi <ni, nj>, diremo che se esiste un legame tra i due nodi, ni nj, allora la coppia sarà un elemento di un insieme di coppie ordinate indicato con L. Gli elementi di L (che in tal caso rappresentano linee dirette o archi) sono indicati con l, pertanto avremo: L = {l1, l2, ll} Se la relazione è dicotomica non direzionata, ciò significa che non si distingue tra i legami ni nj, nj ni, Pertanto, una rete può essere descritta come un grafo G costituito da un insieme di nodi N e un insieme di linee L: G(N,L)

17 RETI TWO MODE Una rete può includere due set di attori. In tal caso si parla di rete two-mode. Indichiamo con N il primo set con g attori e con M il secondo set con h attori. N= {n1, n2,, ng} M= {m1, m2,, mh} E1 E2 E3 E4 E5 E6 E7 E8 E9 E10 E11 E12 E13 E14 EVELYN LAURA THERESA BRENDA CHARLOTTE FRANCES ELEANOR PEARL RUTH VERNE MYRNA KATHERINE SYLVIA NORA HELEN DOROTHY OLIVIA FLORA Oppure possiamo parlare di attori ed eventi Participation of Southern Women in Events (Fonte: Davis, &page=39)

18 Relazioni multiple Se siamo interessati a misurare tra una coppia di attori in N più relazioni indicate con R, direzionate e non (coppie di nodi ordinate e non), allora avremo: G = (N, Lr) con r = 1, 2,,R Quindi avremo un set di archi o linee associato a ciascuna relazione, L1, L2,, LR Reti con più relazioni (Multiple relations) Es: Dato il set di attori N = {1, 2,, 21} con g= 21 manager, sono state misurate 3 relazioni L1, L2,, L3 relative a: Informazioni Amicizia Leadership

19 Reti pesate Quando siamo interessati alla forza e alla frequenza di legami tra coppie di attori, si parla di grafi segnati o grafi pesati. Supponiamo di avere una singola relazione misurata su un set di g attori in N = {n1, n2,, ng}, H rappresenta la relazione pesata misurata sulle coppie (ordinate e non) di attori che possono essere formate tra gli attori in N. Alla relazione H, è associata una matrice per dati relazionali X di ordine gxg. Le celle della matrice X saranno definite dal generico elemento xij: xij = valore del legame tra ni a nj rispetto alla relazione H dove i e j (i j) assumono valori da 1 a g. xij assume valori interi da 0 a C-1 con C = 2, 3, (per relazioni dicotomiche C = 2).

20 La nascita della teoria dei grafi I sette ponti di Königsberg il percorso di Eulero (1736) E possibile compiere una passeggiata lungo i sette ponti senza mai attraversare lo stesso due volte? rappresentando le 4 regioni di terra separate dal fiume come un nodo e ogni ponte come un link si ottiene un grafo, ossia un insieme di vertici o nodi connessi da link

21 La nascita della teoria dei grafi I sette ponti di Königsberg il percorso di Eulero (1736) Un qualsiasi grafo è percorribile se e solo se ha tutti i nodi di grado pari, o due di essi sono di grado dispari; per percorrere un grafo "possibile" con due nodi di grado dispari, è necessario partire da uno di essi, e si terminerà sull altro nodo dispari. Eulero dimostrò che non esiste un percorso che attraversasse un unica volta tutti e sette i ponti. I nodi con un numero dispari di link dovevano trovarsi all inizio e alla fine del cammino. Un percorso continuo che attraversi tutti i ponti può avere soltanto un punto di partenza e uno di arrivo. Su un grafo che ha più di due nodi con un numero dispari di link, un percorso simile non può esistere...

22 Teoria dei grafi: elementi costituitivi Informazioni sulle relazioni Relazione singola: un singolo set di linee L = {l1, l2, ll} g(g-1)/2 elementi (numero totale di pairs in L) g(g-1) elements (total number of ordered pairs in L) Relazioni multiple: R= number of relations Lr Set of arcs for each relation R = 1, 2, r Le relazioni posso essere dicotomiche o pesate, non direzionate o direzionate

23 Teoria dei grafi: elementi costituitivi Tipo di rete: numero di sets di entità sulle quali sono misurate le variabili strutturali One-mode Network: un singolo set di attori N = {n1, n2,, ng} g = numero di attori Two-mode Network: due sets di attori o un set di attori e un set di eventi N= {n1, n2,, ng} M= {m1, m2,, mh} g= numero di attori in N; h= numero di attori in M Attributi degli attori In aggiunta alle informazioni sulle relazioni, un data set socialnetwork contiene variabili sulle caratteristiche degli attori

24 Reti sociali e teoria dei grafi Un grafo G è costituito da due insiemi N e L, gli elementi di N sono i vertici (nodi, punti) del grafo G e gli elementi di L sono le linee o archi che collegano i vertici: G(N,L) In L troviamo le coppie ordinate e non di N che presentano un legame N= {1, 2,, 7} L= {{1,2},{1,5},{2,5},{3,4},{5,6}}

25 Reti sociali e teoria dei grafi G(N,L) N = {n1, n2,, ng} L = {l1, l2, ll} In un grafo con g nodi e L linee che connettono coppie di nodi, ogni linea rappresenta una coppia non ordinata di nodi distinti: lk = (ni, nj). Essendo linee per coppie non ordinate di nodi, avremo che lk = (ni, nj)=(nj,ni) e pertanto tale linea verrà considerara una sola volta in L. La linea che rappresenta il legame di un nodo con se stesso (ni,ni), detto loop o legame riflessivo, viene spesso trascurata. Un grafo che non ha loops e include una sola linea tra coppie di nodi è detto grafo semplice. In un grafo semplice, il numero massimo di possibili legami tra coppie di nodi sarà dato da g(g-1)/2. A B grafo semplice N = {A, B,C,D} L = {(A,C), (A,B), (B,C), (C,D)} C D

26 Reti sociali e teoria dei grafi G(N,L) N = {n1, n2,, ng} L = {l1, l2, ll} In un grafo con g nodi e L linee che connettono coppie di nodi, ogni linea rappresenta una coppia non ordinata di nodi distinti: lk = (ni, nj). Essendo linee per coppie non ordinate di nodi, avremo che lk = (ni, nj)=(nj,ni) e pertanto tale linea verrà considerara una sola volta in L. La linea che rappresenta il legame di un nodo con se stesso (ni,ni), detto loop o legame riflessivo, viene spesso trascurata. Un grafo che non ha loops e include una sola linea tra coppie di nodi è detto grafo semplice. In un grafo semplice, il numero massimo di possibili legami tra coppie di nodi sarà dato da g(g-1)/2. A B grafo semplice N = {A, B,C,D} L = {(A,C), (A,B), (B,C), (C,D)} C D

27 Reti sociali e teoria dei grafi Un percorso W (walk) è una sequenza di nodi e linee (non necessariamente tutti distinti) che descrive un tragitto all'interno del grafo. Un percorso con nodi e linee tutti distinti prende il nome di sentiero (path) P. Un percorso chiuso in cui ogni linea e ogni nodo sono inseriti in sequenza una ed una sola volta tranne il nodo di origine, si chiama ciclo (cycle) C. l3 n2 n1 n4 l1 l2 n5 l5 W = n1 l2 n4 l3 n2 l3 n4 P = n1 l2 n4 l3 n2 C = n4n2n3n4 l4 n3

28 Reti sociali e teoria dei grafi Un grafo si definisce connesso se esiste un percorso tra ogni coppia di nodi nel grafo (cioè non contiene nodi isolati). Se un grafo invece contiene anche un solo nodo isolato, si dice sconnesso. Grafo connesso Grafo disconnesso (con due componenti)

29 Reti sociali e teoria dei grafi Un ponte (bridge) e un punto di separazione (cutpoint) sono, rispettivamente, una linea ed un nodo che se soppressi sconnettono il grafo

30 Reti sociali e teoria dei grafi Un ponte (bridge) e un punto di separazione (cutpoint) sono, rispettivamente, una linea ed un nodo che se soppressi sconnettono il grafo

31 Reti sociali e teoria dei grafi Un nodo è definito raggiungibile se esiste un percorso che lo colleghi agli altri nodi, indipendentemente dalla sua lunghezza (e quindi dagli intermediari che dovranno essere attraversati dal percorso). Un nodo isolato, al contrario, è definito come non raggiungibile e la sua distanza dagli altri è infinita. Possono esistere uno o più percorsi tra due nodi con lunghezze differenti. Quelli generalmente usati nei calcoli sono i percorsi più brevi (shortest path). La distanza tra due nodi ni e nj è definita come la lunghezza della loro geodetica (in analogia con la geodetica terrestre). Tale distanza (geodesic distance) d(i,j) rappresenta pertanto il sentiero più breve tra i due nodi. Il diametro è invece la lunghezza del percorso più lungo che collega coppie di nodi (largest path). d(1,2)= 1 d(2,4)= 1 d(1,3)= 1 d(2,5)= 2 d(1,4)= 2 d(3,4)= 1 d(1,5)= 3 d(3,5)= 2 d(2,3)= 1 d(4,5)= 1 n5 n4 n1 n3 n2

32 Reti sociali e teoria dei grafi Un grafo orientato (o digrafo) Gd(N,L) è un insieme di nodi N e un insieme di archi orientati L. Ogni arco è una coppia ordinata di nodi distinti lk= <ni, nj>. Ogni arco va da ni (origine, mittente) a nj (arrivo, destinatario). Un arco orientato è un arco caratterizzato da una direzione del legame. Pertanto nel grafo orientato, gli archi tra ogni coppia di nodi vengono contati separatamente, poiché possono avere valori differenti. Il numero massimo di archi possibili in L sarà pertanto dato da g(g-1). N = {A, B,C,D} L = {<A,C>, <C,A>, <B,A>, <B,D>, <C,D>,<D,C>, <D,A>} A C B D

33 Reti sociali e teoria dei grafi Un grafo segnato G+- {N, L, V} riporta non solo la presenza o l assenza di un legame tra coppie di nodi ma anche una valutazione positiva e negativa del legame (amore-odio; alleato-nemico, ) set di nodi N= {n1, n2,, ng} set di linee L= {l1, l2,, ll} set di segni V = {v1, v2,, vl} A + B C D

34 Reti sociali e teoria dei grafi Un grafo pesato Gw {N, L, W} riporta non solo la presenza o l assenza di un legame tra coppie di nodi ma anche la forza e l intensità di ogni legame (pesi). set di nodi N= {n1, n2,, ng} set di linee L= {l1, l2,, ll} set di valori W = {w1, w2,, wl} A 1 B C D

35 Rete one-mode Matrici di adiacenza Matrice quadrata C di ordine g x g (le unità sono gli attori) Questa matrice rappresenta le effettive relazioni o legami tra g attori; a partire dalle comuni relazioni o contatti. Le singole celle mostrano se coppie di individui sono legate da una comune relazione. n1 n2 n3 n4.ni ng Binaria - Assenza/Presenza di un legame tra coppie di nodi (0/1) n1 Pesata - Intensità del legame tra n2 coppie di nodi (wij) Simmetrica - (ni,nj)=(nj,ni) coppie ni non ordinate di nodi distinti Non simmetrica - <ni,nj> <nj,ni> ng coppie ordinate di nodi distinti Sulla diagonale principale ci sono i Loops o legami riflessivi di un nodo ni con se stesso

36 Grafo a ruota A B C D E F G Gradi A B C D E F G

37 Grafo a linea A B C D E F G Gradi A B C D E F G

38 Grafo a stella A B C D E F G Gradi A B C D E F G

39 Grafo completo A B C D E F G Gradi A B C D E F G

40 Matrici di affiliazione reti two mode La matrice di affiliazione A è una matrice rettangolare caso per affiliazioni, dove nelle righe sono riportati gli individui e nelle colonne gli eventi cui i soggetti partecipano. Tale matrice è detta rettangolare Nelle celle interne alla matrice possiamo trovare valori binari (1 se l individuo partecipa all evento, 0 in caso contrario) o pesi. n1 n2 e1 e2 e3 e4.ei eg ni ng Totali di riga = A quanti eventi ciascun individuo partecipa Totali di colonna = Quanti soggetti partecipano a ciascun evento

41 Matrici di affiliazione e di adiacenza Detta A la matrice di affiliazione A*A T sarà la matrice di adiacenza quadrata caso per caso. Questa matrice rappresenta le effettive relazioni o legami tra gli attori; filtrati dalle comuni relazioni o contatti. Le singole celle mostrano se coppie di individui sono legate da una comune affiliazione A T *A sarà la matrice di adiacenza quadrata affiliazione per affiliazione. Le celle di questa matrice indicano se le coppie di affiliazioni corrispondenti sono legate per mezzo di attori Comuni.

42 Matrici di affiliazione e di adiacenza A B C D E aziende (1,2,3,4) 5 direttori (A,B,C,D,E) Totali di riga: Quanti direttori partecipano ad un consiglio di amministrazione dell azienda i-esima. Totali di colonna: A quanti consigli di amministrazione partecipa un direttore

43 Matrici di affiliazione e di adiacenza A B C D E A B C D E

44 Indici della rete: densità La densità in una rete descrive il livello generale dei legami fra i punti in un grafo. Più sono numerose i nodi direttamente collegati fra loro più un grafo è denso. La densità di un grafo si calcola come rapporto tra il numero delle linee di un grafo e il numero possibile di linee tra i nodi. Calcolo della densità: Per grafi non orientati : L/[g(g-1)/2]= 2L/g(g-1) Per grafi orientati : L/g(g-1) Per grafi pesati: Σ w k / g( g 1) dove L sono le linee, g è il numero di nodi in un grafo e wk il valore delle k linee del grafo. I primi due indici variano da 0 a 1 (densità di un grafo completo quando tutti i nodi sono adiacenti uno all altro). L Inclusività misura la percentuale di soggetti coinvolti nei legami o gli scambi del gruppo ed è calcolata come numero totale di punti in un grafo meno il numero di punti isolati

45 Indici della rete: densità

46 Indici della rete: densità N. pun7 connessi Inclusività Somma gradi N. linee Densità

47 Due tipi di centralità: Indici della rete: centralità a) centralità locale: se un punto ha un gran numero di connessioni con altri punti del suo ambiente circostante; b) globalmente centrale: se ha una posizione d importanza strategica nella struttura complessiva della rete. Indici di centralizzazione: misurare la centralità a livello non più dell attore ma del grafo nel suo complesso, osservando le differenze fra i punteggi di centralità del punto più centrale e quelli di tutti gli altri punti. Indici di centralità: localizzare la posizione dell attore in relazione a quella degli altri nella rete

48 Indici della rete: centralità La misura più semplice della centralità si ottiene dal calcolo dei gradi, ovvero un nodo è centrale se ha un grado elevato cioè è adiacente a tutti gli altri nodi. Un soggetto con il grado più alto rappresenta metaforicamente il luogo nel gruppo dove le cose accadono. In contrasto, i soggetti con un basso grado rappresentano le posizioni periferiche nella rete. Indice basato sulla vicinanza: Tale indice focalizza la propria attenzione su quanto vicino un attore è agli altri. Un attore è quindi tanto più centrale nella rete quanto più è nella posizione di interagire velocemente con gli altri attori. La centralità come vicinanza è quindi inversamente proporzionale alla distanza (geodesica): meno si è distanti dagli altri, più si è centrali e viceversa. Tale indice di centralità si calcola per grafi connessi.

49 Indici della rete: centralità Indice basato sul ruolo di mediatore: I nodi che si collocano in una posizione di intermediari (cioè localizzati sui percorsi che collegano coppie di nodi non adiacenti) possono esercitare un potere di controllo sul flusso delle informazioni. Il concetto di betweenness prende quindi in considerazione le geodetiche presenti nel grafo, contando quante volte ogni nodo si trova coinvolto in quelle tra altri attori. La betweenness dell attore k sarà data dalla sommatoria di tutte le betweenneess parziali calcolate per ogni coppia di nodi.

50 Indici della rete: centralità Nodo centrale (ruolo di intermediario) Nodo centrale (con grado più alto) Nodo centrale (più vicino agli altri)

51 Software UCINET - Software for Social Network Analysis PAJEK - Program for Large Network Analysis StOCNET (BLOCK, SIENA), An open software system for the advanced statistical analysis of social networks

52 Software NetMiner,...Premium software per Network Analysis PNet is a program for the simulation and estimation of Exponential Random Graph (p*) Models. Statnet (R software): Software Tools for the Representation, Visualization, Analysis and Simulation of Network Data

53 Bibliografia di riferimento Barabàsi A.L. (2008), Link. La nuova scienza delle reti, Einaudi, Le Scienze, Roma. Bruggeman J. (2008), Social Networks. An introduction, Routledge, Taylor & Francis Group, London. Carrington P.J., Scott J., Wasserman S. (Eds) (2005), Models and Methods in Social Network Analysis, Cambridge University Press. Chiesi A. (1999), L Analisi dei reticoli, FrancoAngeli, Milano. de Nooy W., Mrvar A., Batagelj V. (2005), Exploratory Social Network Analysis with Pajek, CUP. Doreian P., Batagelj V., Ferligoj A. (2005), Generalized Blockmodeling, Cambridge University Press, Cambridge. Hanneman Robert A., Riddle M. (2005), Introduction to social network methods, Riverside, CA: University of California, Riverside ( published in digital form at ~hanneman/ ). Piselli F. (1995), Reti. L analisi di network nelle scienze sociali, Donzelli Editore, Roma, Salvini A. (a cura di), Analisi delle reti sociali. Teorie, metodi, applicazioni, FrancoAngeli, Milano, Scott J. (2000). Social Network Analysis: A Handbook 2nd Ed. Newberry Park, CA: Sage. Wasserman S. and Faust K. (1994), Social Network Analysis: Methods and Applications, Cambridge University Press.

54 Esercitazione

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009 Ing. Gianluca Murgia murgia@unisi.it Milano 29/04/2009 Sommario Definizione di Social Network Analysis Tipologie di social network Costruzione di una social network Principali indicatori SNA Perché applicarla

Dettagli

Agnieszka Stawinoga. Dipartimento di Matematica e Statistica Università degli Studi di Napoli Federico II

Agnieszka Stawinoga. Dipartimento di Matematica e Statistica Università degli Studi di Napoli Federico II Agnieszka Stawinoga Dipartimento di Matematica e Statistica Università degli Studi di Napoli Federico II agnieszka.stawinoga@unina.it L Analisi delle reti sociali è un filone di studi teorico- metodologico

Dettagli

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari L ANALISI DELLE RETI SOCIALI Obiettivi Il corso intende illustrare i principali aspetti teorici e metodologici relativi all analisi delle reti sociali (Social Network Analysis), fornendo conoscenze e competenze

Dettagli

http://users.dimi.uniud.it/~massimo.franceschet/te... Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali

http://users.dimi.uniud.it/~massimo.franceschet/te... Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali Una rete sociale (social network) è una struttura fatta di persone e relazioni tra le persone. I sociologi chiamano attori (actors) le persone della

Dettagli

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social Network & Social Network Analisys Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Rete? L insieme delle relazioni. esistenti tra entità Social Network, Social Network

Dettagli

MATEMATICA DEL DISCRETO elementi di teoria dei grafi. anno acc. 2009/2010

MATEMATICA DEL DISCRETO elementi di teoria dei grafi. anno acc. 2009/2010 elementi di teoria dei grafi anno acc. 2009/2010 Grafi semplici Un grafo semplice G è una coppia ordinata (V(G), L(G)), ove V(G) è un insieme finito e non vuoto di elementi detti vertici o nodi di G, mentre

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

Università degli Studi di Milano - Bicocca

Università degli Studi di Milano - Bicocca Università degli Studi di Milano - Bicocca Facoltà di Psicologia Corso di Laurea in Discipline della Ricerca Psicologico-Sociale Social Network Analysis e interazione on-line. Applicazione ad un contesto

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE Negli ultimi anni si è compreso che sistemi anche molto diversi tra loro possono essere efficacemente descritti in termini di cosiddetti "networks" o reti complesse.

Dettagli

Analisi di una Rete Sociale

Analisi di una Rete Sociale 2012 Analisi di una Rete Sociale Alessandro Lovati Matricola 626053 Comunicazione Digitale ord. F47 26/01/2012 Indice : 1. Obiettivo del progetto 2. Realizzazione 3. Analisi dei risultati 3.1. Numero di

Dettagli

Metodi Computazionali

Metodi Computazionali Metodi Computazionali Elisabetta Fersini fersini@disco.unimib.it A.A. 2009/2010 Catene di Markov Applicazioni: Fisica dinamica dei sistemi Web simulazione del comportamento utente Biologia evoluzione delle

Dettagli

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano Alcuni Preliminari Prodotto Cartesiano Dati due insiemi A e B, si definisce il loro prodotto cartesiano A x B come l insieme di tutte le coppie ordinate (a,b) con a! A e b! B. Es: dati A= {a,b,c} e B={,2,3}

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( ) Algebra di Boole Circuiti logici: componenti hardware preposti all'elaborazione delle informazioni binarie. PORTE LOGICHE (logical gate): circuiti di base. Allo scopo di descrivere i comportamenti dei

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Social Network Analysis

Social Network Analysis Social Network Analysis 1 Rappresentazione di una rete Dati due insiemi X ed Y, con elementi X = {x 1, x 2,, x n } ed Y = {y 1, y 2,, y n }, una relazione è un sottoinsieme del prodotto cartesiano X Y

Dettagli

CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS

CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS INTRODUZIONE Per conoscere la struttura di un grafo connesso è importante individuare nel grafo la distribuzione di certi punti detti cutpoints (punti

Dettagli

La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica

La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica Ernesto Lastres Sistemi Territoriali S.r.l. Cascina (Pisa), Italy Il Progetto ODINet è realizzato con il determinante contributo della Regione

Dettagli

PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI

PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI PROGETTO DI SISTEMI AD AGENTI Anno Accademico: 2012-2013 Professore: Vincenzo Loia Introduzione alle Social Network. Indice Presentazione del Progetto di Sistemi ad Agenti. 1 Social Network Una rete sociale

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

Progetto e Ottimizzazione di Reti 1. Presentazione del Corso

Progetto e Ottimizzazione di Reti 1. Presentazione del Corso Progetto e Ottimizzazione di Reti 1. Presentazione del Corso PAOLO NOBILI (M-Z) ANTONIO SASSANO (A-L) Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014

Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014 Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014 LIVELLO STUDENT K,M N CD BC A S1. (5 punti ) In figura si vede una circonferenza della quale i segmenti AB, BC e CD

Dettagli

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate Basi di dati La progettazione di una base di dati richiede di focalizzare lo sforzo su analisi, progettazione e implementazione della struttura con cui sono organizzati i dati (modelli di dati) Le funzionalità

Dettagli

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso Flusso di costo minimo È dato un grafo direzionato G = (N, A). Ad ogni arco (i, j) A è associato il costo c ij

Dettagli

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

Operatori logici e porte logiche

Operatori logici e porte logiche Operatori logici e porte logiche Operatori unari.......................................... 730 Connettivo AND........................................ 730 Connettivo OR..........................................

Dettagli

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks with an Analysis of Link Formation on Twitter Dario Nardi Seminario Sistemi Complessi 15 Aprile 2014 Dario Nardi (CAS) 15/4/14 1 / 20

Dettagli

Appunti di Algoritmi e Strutture Dati. Grafi. Gianfranco Gallizia

Appunti di Algoritmi e Strutture Dati. Grafi. Gianfranco Gallizia Appunti di Algoritmi e Strutture Dati Grafi Gianfranco Gallizia 12 Dicembre 2004 2 Indice 1 Grafi 5 1.1 Definizione.............................. 5 1.2 Implementazione........................... 5 1.2.1

Dettagli

Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2

Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2 Sistemi Turistici Locali come Reti Sociali, il caso della Marca Fermana 1 Cristina Fabi 2 La rete e la rappresentazione nel territorio. L'album 3 è parte integrante del Working Paper: "Sistemi Turistici

Dettagli

Reti sanitarie e Social Network Analysis

Reti sanitarie e Social Network Analysis Reti sanitarie e Social Network Analysis LUISS Business School Roma, 12 Novembre 2010 Keith G. Provan Eller College of Management and School of Government and Public Policy University of Arizona and Department

Dettagli

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà :

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà : RELAZIONI INARIE Dati due insiemi non vuoti, A detto dominio e detto codominio, eventualmente coincidenti, si chiama relazione binaria (o corrispondenza) di A in, e si indica con f : A, (oppure R ) una

Dettagli

Introduzione alla TEORIA DEI GRAFI

Introduzione alla TEORIA DEI GRAFI Introduzione alla TRI DI GRFI La teoria dei grafi è una parte importante della Ricerca perativa (R..). ome per gli altri problemi affrontati nella R.. Si tratta di risolvere problemi di minimo (o di massimo)

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Il problema del flusso di costo minimo

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Il problema del flusso di costo minimo Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Il problema del flusso di costo minimo L. De Giovanni G. Zambelli 1 Problema del flusso a costo minimo Il problema del flusso a costo minimo é definito

Dettagli

40 Algoritmi sui Grafi

40 Algoritmi sui Grafi Università degli Studi di Napoli Parthenope Corso di Laurea in Informatica A.A 2014/15 PROGETTO PROGRAMMAZIONE III 40 Algoritmi sui Grafi Relatore: Prof. Raffaele Montella Studente: Diego Parlato Matricola:

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

TSP con eliminazione di sottocicli

TSP con eliminazione di sottocicli TSP con eliminazione di sottocicli Un commesso viaggiatore deve visitare 7 clienti in modo da minimizzare la distanza percorsa. Le distanze (in Km) tra ognuno dei clienti sono come segue: 7-8 9 7 9-8 79

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 17 Dicembre 2010 Giochi in forma estesa, fino a Zermelo Un modo matematico per descrivere

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota A. Agnetis In questi appunti studieremo alcuni modelli per il problema del lot sizing, vale a dire il problema di programmare la dimensione

Dettagli

Network complessi e modelli. Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino

Network complessi e modelli. Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino Network complessi e modelli Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino Sommario Introduzione Proprietà network complessi Modelli matematici per la rappresentazione Grafi regolari Grafi random Small

Dettagli

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Amedeo Leo Alessio Petrozziello Simone Romano amedeo.leo92@gmail.com alessio92p@gmail.com s.romano1992@gmail.com Università

Dettagli

TSP con eliminazione di sottocicli

TSP con eliminazione di sottocicli TSP con eliminazione di sottocicli Un commesso viaggiatore deve visitare 7 clienti in modo da minimizzare la distanza percorsa. Le distanze (in Km) tra ognuno dei clienti sono come segue: 3 5 7-8 9 57

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA MATEMATICA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L ALUNNO SVILUPPA UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO RISPETTO ALLA MATEMATICA,

Dettagli

Appunti di: MICROSOFT EXCEL

Appunti di: MICROSOFT EXCEL Appunti di: MICROSOFT EXCEL INDICE PARTE I: IL FOGLIO ELETTRONICO E I SUOI DATI Paragrafo 1.1: Introduzione. 3 Paragrafo 1.2: Inserimento dei Dati....4 Paragrafo 1.3: Ordinamenti e Filtri... 6 PARTE II:

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni

Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 4 - L organizzazione aziendale Unità didattica 1 Concetti base dell organizzazione Antonio Dallara Concetto di organizzazione

Dettagli

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Edizioni Simone - Vol. 43/1 Compendio di statistica Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Sommario 1. Distribuzioni semplici. - 2. Distribuzioni doppie. - 3. Distribuzioni parziali: condizionate e marginali.

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Minimo Albero Ricoprente

Minimo Albero Ricoprente Minimo lbero Ricoprente Pag. 1/20 Minimo lbero Ricoprente Il problema della definizione di un Minimo lbero Ricoprente trova applicazione pratica in diverse aree di studio, quali ad esempio la progettazione

Dettagli

Macchine a stati finiti. Sommario. Sommario. M. Favalli. 5th June 2007

Macchine a stati finiti. Sommario. Sommario. M. Favalli. 5th June 2007 Sommario Macchine a stati finiti M. Favalli 5th June 27 4 Sommario () 5th June 27 / 35 () 5th June 27 2 / 35 4 Le macchine a stati si utilizzano per modellare di sistemi fisici caratterizzabili mediante:

Dettagli

Grafi. Moreno Marzolla Dip. di Informatica Scienza e Ingegneria Università di Bologna. moreno.marzolla@unibo.it http://www.moreno.marzolla.

Grafi. Moreno Marzolla Dip. di Informatica Scienza e Ingegneria Università di Bologna. moreno.marzolla@unibo.it http://www.moreno.marzolla. Grafi Moreno Marzolla ip. di Informatica Scienza e Ingegneria Università di ologna moreno.marzolla@unibo.it http://www.moreno.marzolla.name/ opyright lberto Montresor, Università di Trento, Italy (http://www.dit.unitn.it/~montreso/asd/index.shtml)

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

Sintesi di reti logiche multilivello. Sommario. Motivazioni. Sommario. M. Favalli

Sintesi di reti logiche multilivello. Sommario. Motivazioni. Sommario. M. Favalli Sommario Sintesi di reti logiche multilivello M. Favalli Engineering Department in Ferrara 1 2 3 Aspetti tecnologici Sommario Analisi e sintesi dei circuiti digitali 1 / Motivazioni Analisi e sintesi dei

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o Sommario Sintesi di macchine a stati finiti 1 Realizzazione del ST M. avalli 2 utoma minimo di SM completamente specificate 6th June 2007 3 Ottimizzazione di SM non completamente specificate Sommario ()

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Macchine a stati finiti. Sommario. Sommario. M. Favalli. Le macchine a stati si utilizzano per modellare di sistemi fisici caratterizzabili mediante:

Macchine a stati finiti. Sommario. Sommario. M. Favalli. Le macchine a stati si utilizzano per modellare di sistemi fisici caratterizzabili mediante: Sommario Macchine a stati finiti M. Favalli Engineering Department in Ferrara 4 Sommario (ENDIF) Analisiesintesideicircuitidigitali / 35 (ENDIF) Analisiesintesideicircuitidigitali 2 / 35 4 Le macchine

Dettagli

Introduzione al Foglio Elettronico

Introduzione al Foglio Elettronico Microsoft Excel Introduzione al Foglio Elettronico Il Foglio Elettronico Si presenta come una grande tabella su un foglio di carta Le celle contengono differenti dati Numeri Testo Date Ecc I dati possono

Dettagli

IL MODELLO RELAZIONALE

IL MODELLO RELAZIONALE IL MODELLO RELAZIONALE E i vincoli per le basi di dati relazionali 2 La storia Introdotto nel 1970 da E. F. Ted Codd http://en.wikipedia.org/wiki/edgar_f._codd (centro ricerche IBM) Codd, E.F. (1970).

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

STRUTTURE NON LINEARI

STRUTTURE NON LINEARI PR1 Lezione 13: STRUTTURE NON LINEARI Michele Nappi mnappi@unisa.it www.dmi.unisa.it/people/nappi Per la realizzazione della presentazione è stato utilizzato in parte materiale didattico prodotto da Oronzo

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Analisi della Costruzione Partecipativa di un Wiki con un Applicazione a Wikipedia

Analisi della Costruzione Partecipativa di un Wiki con un Applicazione a Wikipedia POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Analisi della Costruzione Partecipativa di un Wiki con un Applicazione a Wikipedia Tesi di laurea

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

DNA sequence alignment

DNA sequence alignment DNA sequence alignment - Introduzione: un possibile modello per rappresentare il DNA. Il DNA (Acido desossiribonucleico) è una sostanza presente nei nuclei cellulari, sia vegetali che animali; a questo

Dettagli

Dal disegno alla topologia

Dal disegno alla topologia Dal disegno alla topologia Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Introduzione La maggior parte dei dati cartografici prodotti è ancora in forma di cartografia numerica e non basi di dati. La produzione

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Utilizzo I mintermini si usano quando si considererà la funzione di uscita Q come Somma di Prodotti (S. P.) ossia OR di AND.

Utilizzo I mintermini si usano quando si considererà la funzione di uscita Q come Somma di Prodotti (S. P.) ossia OR di AND. IPSI G. Plana Via Parenzo 46, Torino efinizione di Mintermine onsiderata una qualunque riga della tabella di verità in cui la funzione booleana di uscita Q vale, si definisce mintermine il prodotto logico

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

Introduzione alle Reti Sociali

Introduzione alle Reti Sociali DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Introduzione alle Reti Sociali 1 Oltre 50 anni, portati bene 1955 Nessuno suppone che ci sia una connessione tra i calci di

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4 V o Appello // RICERCA OPERATIVA - Corso A (a.a. 9/) Nome Cognome: Corso di Laurea: L C6 LS LM Matricola: ) Si consideri il problema di flusso di costo minimo in figura. Si verifichi se il flusso ammissibile

Dettagli

Summer School 2008. Analisi e modelli econometrici per la ricerca sociale. Network analysis. Analisi multivariata per la ricerca sociale

Summer School 2008. Analisi e modelli econometrici per la ricerca sociale. Network analysis. Analisi multivariata per la ricerca sociale Berk Ataman Erasmus University Rotterdam Claudio Barbaranelli Università di Roma La Sapienza Alessandro Lomi Università di Bologna Alma Mater Studiorum University of Melbourne Gaetano Nino Miceli Maria

Dettagli

Job Analysis, Job Description e Job Posting

Job Analysis, Job Description e Job Posting Job Analysis, Job Description e Job Posting http://www.ebcconsulting.com Job Analysis, Job Description e Job Posting Software H1 Hrms Pag. 1 INDICE Premessa... 3 La job analysis... 4 La Job description...

Dettagli

Cos è una rete sociale

Cos è una rete sociale Cos è una rete sociale È una struttura costituita da nodi e da link. I nodi sono gli individui, i link sono le relazioni tra nodi, formali o informali, stabili o temporanee, definite o casuali. Le reti

Dettagli

1. LE GRANDEZZE FISICHE

1. LE GRANDEZZE FISICHE 1. LE GRANDEZZE FISICHE La fisica (dal greco physis, natura ) è una scienza che ha come scopo guardare, descrivere e tentare di comprendere il mondo che ci circonda. La fisica si propone di descrivere

Dettagli

Progetto e analisi di algoritmi

Progetto e analisi di algoritmi Progetto e analisi di algoritmi Roberto Cordone DTI - Università degli Studi di Milano Polo Didattico e di Ricerca di Crema Tel. 0373 / 898089 E-mail: cordone@dti.unimi.it Ricevimento: su appuntamento

Dettagli

Giuseppe Pigola Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania Italy

Giuseppe Pigola Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania Italy Giovanni Giuffrida, Giuseppe Giura, Carlo Pennisi, Calogero Zarba Dipartimento di Sociologia e Metodi delle Scienze Sociali Università di Catania - Italy Giuseppe Pigola Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE

LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE LA GEOMETRIA NELLE PIASTRELLE Supponiamo di dover pavimentare delle superfici molto estese e vogliamo evitare le classiche composizioni quadrate, rettangolari o a spina di pesce, per rendere meno banale

Dettagli

Condensatore elettrico

Condensatore elettrico Condensatore elettrico Sistema di conduttori che possiedono cariche uguali ma di segno opposto armature condensatore La presenza di cariche crea d.d.p. V (tensione) fra i due conduttori Condensatore piano

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 17 settembre 2011 (1 ora) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 052631578947368421,

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 10. Reti di Petri: analisi strutturale Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Analisi strutturale Un alternativa all analisi esaustiva basata sul grafo di raggiungibilità,

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli