Movimenti sociali e sistema dei media alternativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Movimenti sociali e sistema dei media alternativi"

Transcript

1 Progetto di ricerca: Movimenti sociali e sistema dei media alternativi Tommaso Venturini Premessa Il controllo dei mezzi di comunicazione è nella modernità avanzata uno dei principali terreni del conflitto sociale. Da tempo, i gruppi impegnati nel rinnovamento o nella conservazione delle società occidentali hanno riconosciuto la crescente influenza esercitata dai media sulla negoziazione dell ordine sociale. Con l aumento esponenziale delle dimensioni e delle complessità dei sistemi sociali moderni, una parte sempre maggiore della costruzione materiale e simbolica della società viene inevitabilmente trasferita dagli spazi interpersonali a quelli mediali 1. Poiché naturalmente nessuna mediazione è neutra, insieme all influenza dei mezzi di comunicazione è parallelamente aumentata anche la competizione per il loro controllo 2. Le forme assunte da tale competizione dipendono anzitutto dalle potenzialità offerte dalle tecnologie della comunicazione. Laddove l ingresso nel sistema dei media è ostacolato dalla necessità di ingenti investimenti in attrezzature e competenze tecniche, il controllo della produzione mediatica tende a rimanere saldamente nelle mani dei gruppi dominanti. Così fino a quando la televisione generalista ha occupato incontrastata il centro del sistema mediatico occidentale, ai 1 Cfr. tra i molti Wolf, 1992 e Luhmann, 1996). Nelle società moderna sempre più differenziata, i media sarebbero un sostituto funzionale dei legami di gruppo, prendendo il posto di ciò che non è più realizzabile concretamente, cioè il radunarsi di tutto il corpo sociale (Wolf, Mauro. Gli effetti sociali dei media. Milano: Bompiani, 1992, p. 14). Nella società moderna non ci si può nemmeno affidare al solo sapere quotidiano locale, che si presenta solo in ambiti molto ristretti I mass media garantiscono a tutti i sistemi di funzione un presente accettato in tutta la società e noto anche agli individui (Luhmann, Niklas. Die Realitat dermassenmedien, Trad. it. La realtà dei mass media. Milano: Franco Angeli, 2000, p. 121). 2 Secondo DeFleur e Ball-Rokeach, ad esempio, l appetibilità delle risorse mediatiche cresce assieme alla dipendenza della società dai media: In un primo momento queste risorse non erano particolarmente scarse ne estremamente preziose Nel tempo, il sistema delle comunicazioni di massa riempì il vuoto [dovuto alla sopravvenuta insufficienza del passaparola], diventando sempre più indispensabile al raggiungimento del consenso sociale, al coordinamento delle attività nazionali politiche ed economiche, alla mobilitazione della cittadinanza In altre parole, le risorse informative del sistema dei media diventarono sempre più importanti e preziose (DeFleur, Melvin e Ball-Rokeach, Sandra, Theories of Mass Communication, Trad. It. Teorie delle comunicazioni di massa. Bologna: il Mulino, 1995, pp. 347, 348). 1 / 8

2 movimenti oppositori non è rimasta che una resistenza in termini di decodifica aberrante e consumo produttivo 3. Recentemente, invece, grazie al diffondersi di strumenti di comunicazione più accessibili, ma non meno potenti, la contesa per il controllo dei mezzi di comunicazione ha cominciato a trasferirsi dalla ricezione alla produzione. L emergere dei media digitali 4, moltiplicando le alternative e abbattendo il costo della banda di comunicazione, ha aperto nuove strategie di resistenza: invece di dirottare frammenti del sistema mediatico dominante, ogni singolo gruppo può oggi ritagliarsi il proprio mezzo di comunicazione su misura 5. Il problema della comunicazione mediata va così spostandosi dall accesso alla frammentazione. Il rischio di polverizzare il dibattito sociale in una galassia di discorsi dispersi e disarticolati aumenta assieme alla libertà d espressione dei gruppi e degli individui. Il principale compito comunicativo dei movimenti sociali 6 diviene allora di distinguere e connettere le voci dei singoli, di costruire reti di comunicazione per promuovere la circolazione delle risorse simboliche e organizzative 7. Accanto al sistema dei mass media tradizionali, va annodandosi un network dei media alternativi, una rete sempre più fitta composta da siti web, radio indipendenti o pirata, televisioni sperimentali, archivi di materiale audiovisivi, forum online, pubblicazioni al ciclostile, mailing list e molto altro 8. Benché singolarmente nessuno di questi canali possieda le 3 La cosiddetta guerriglia semiologia auspicata da Umberto Eco: Bisogna occupare, in ogni luogo del mondo, la prima sedia davanti a ogni apparecchio televisivo (e, naturalmente, la sedia del leader di gruppo davanti ad ogni schermo cinematografico, ad ogni transistor, ad ogni pagina di quotidiano) (Eco, Umberto. Per una guerriglia semiologia. In Il costume di casa. Milano: Bompiani, 1973, p. 297). 4 Personal computer, reti telematiche, trasmissione satellitare o su fibra ottica, registratori e videocamere digitali, software peer to peer o con licenza Gnu. 5 Secondo Garcia e Lovink (organizzatori ad Amsterdam di Next five minute, conferenze-evento che hanno promosso la nascita di un primo network europeo di media alternativi), I «media tattici» nascono quando i media a basso costo e fai-da-te resi possibili dalla rivoluzione dell elettronica di consumo e da estese forme di distribuzione (da cavo ad accesso pubblico a Internet) vengono sfruttati da gruppi e individui che si sentono danneggiati o esclusi dalla cultura dominante (Garcia, David e Lovink, Geert. Una cassetta di attrezzi per i media attivisti. In Pasquinelli, Matteo, a cura di. Media Activism. Roma: DeriveApprodi, 2002, p. 21). 6 I movimenti sociali si trovano nella posizione ideale per promuovere l integrazione delle diverse esperienze mediatiche poiché, per definizione, essi sono reti di relazioni tra attori diversi (Della Porta, Antonella e Diani, Mario. I movimenti sociali. Roma: La Nuova Italia Scientifica, 1997, p. 31). 7 Scrive Pasquinelli nell introduzione alla sua antologia sul media attivismo: poniamo come culmine del media attivismo suo livello meta il network activism, «l arte di fare network», ciò di cui si ha più bisogno di fronte alla disperata entropia del movimento (Pasquinelli, Matteo, a cura di. Media Activism. Roma: DeriveApprodi, 2002, p. 12). 8 Un attivista descrive in questo modo il Media Center organizzato da Indymedia Italia in occasione del G8 di Genova: Mi emoziona l idea di tutta quella gente che carica scarica video, foto, cavi che si 2 / 8

3 risorse per competere con l influenza dei media generalisti, nel complesso essi rappresentano un arena comunicativa sempre più rilevante e tuttavia ancora troppo disconosciuta dalla ricerca sui media. Finalità della ricerca A differenza di molta parte della letteratura sui mezzi di comunicazione alternativi, questa ricerca non intende configurarsi come uno studio di caso. Per quanto importanti, le esperienze delle singole emittenti indipendenti sembrano meno rilevanti dell analisi del network globale. Più interessanti delle specifiche routine produttive sono gli effetti emergenti del sistema; i percorsi che la rete rende possibili; le sinergie che promuove; il suo raccogliersi e rarefarsi; l articolarsi in nodi centrali e ramificazioni periferiche; l emergere di cliques più compatte e i ponti che le collegano; la distribuzione e la circolazione delle risorse; le relazioni con il sistema dei media generalisti e con la società nel suo complesso. Come rete sociale emergente, la categoria dei media alternativi sembra prestarsi naturalmente a essere studiata mediante le tecniche della network analysis 9. Questa ricerca, inoltre, non desidera inserirsi nel filone degli studi sulla controinformazione. Non interessa qui comparare la copertura informativa dei media indipendenti con quella del giornalismo di massa, né individuare le rispettive deformazioni comunicative. Più del rapporto con i media tradizionali e con l opinione pubblica, importano a questa ricerca le funzioni che i mezzi di comunicazione alternativi svolgono all interno dei movimenti sociali. Prima che un apparato espressivo per comunicare verso l esterno, il network dei media underground rappresenta per il sistema nervoso del movimento dei movimenti: un infrastruttura di relazioni attraverso la quale far circolare e mettere in comune le risorse organizzative (come il reclutamento di nuovi partecipanti e la promozione della mobilitazione) e scambiano, prese che si staccano, computer che saltano o si impallano Qualcuno è in chat o con il blocco note aperto, c è chi aggiorna la feature di Indy e chi parla a un microfono in corrispondenza per le radioweb (Agila Mediattivista pseud. In prima linea. Diario di una giornata da media attivista. In Pasquinelli, Matteo, a cura di. Media Activism. Roma: DeriveApprodi, 2002, p. 117). 9 Cfr. l introduzione di Scott alla network analysis: I dati relazionali, si riferiscono ai contatti, ai vincoli e ai collegamenti, alle appartenenze e agli incontri di gruppo, che mettono in relazione un attore con l altro I metodi appropriati ai dati relazionali sono quelli dell analisi delle reti, in cui le relazioni sono esaminate in quanto esprimono i legami che intercorrono fra gli attori (Scott, John. Social Network Analysis. A Handbook, Trad. it. L analisi delle reti sociali. Roma: La Nuova Italia Scientifica, 1997, p. 27). 3 / 8

4 simboliche (come il consolidamento delle identità collettive e la produzione di solidarietà di gruppo) 10. Metodi di indagine Questa ricerca non può che partire dall inventario delle relazioni esistenti tra i mezzi di comunicazione indipendenti. Per realizzare tale indagine ci si concentrerà inizialmente sui siti dedicati alla comunicazione alternativa in Internet 11. Si procederà quindi mediante una rilevazione a valanga, annotando e seguendo tutti i link presenti in questi siti e diretti verso altri siti della rete 12. Si spera in questo modo di ottenere il primo grafo orientato del sistema dei media alternativi. Alla corrispondente matrice di adiacenza dovrebbe essere possibile applicare le formule per il calcolo della densità e della centralità e per l individuazione delle componenti. Nella seconda fase della ricerca, si tenterà di ovviare alla sostanziale staticità delle tecniche della network analysis, introducendo nell indagine strumenti di modellizzazione più dinamici. Dopo aver individuato due eventi che presentino un alto grado d interesse e notiziabilità entro l universo dei media alternativi italiani 13, si tenterà di osservare lungo quali connessioni circolano le risorse informative, organizzative e simboliche. I dati ricavati da questa osservazione verranno impiegati per costruire modelli dinamici dei flussi entro la rete. I modelli saranno realizzati mediante StarLogo 14. Infine, nella terza e ultima parte della ricerca si cercherà di approfondire l indagine con la rilevazione di alcuni dati qualitativi. A questo punto le caratteristiche 10 Sulle risorse organizzative necessarie ai movimenti vedi Della Porta e Diani, 1997, op. cit. pp. 159 e ss. Sulle risorse simboliche vedi ibidem pp. 73 e ss. e 101 e ss. 11 La scelta è meno riduttiva di quanto si possa pensare. In Internet è infatti rappresenta la quasi totalità dei media alternativi italiani: anche la quasi totalità delle emittenti che prediligono altri canali (stampa, radio, televisione) hanno in Internet una vetrina, un archivio o un supplemento. 12 Questo tipo di rilevazione ha il difetto di rendere difficile l individuazione di quali caratteristiche della struttura possano essere un prodotto artificiale della tecnica stessa di campionamento (Scott, 1991, op. cit., p. 99 trad. it.). Tuttavia si cercherà di ovviare al problema facendo ampio uso di motori di ricerca, repertori e altri strumenti informatici di reperimento informazioni (i cosiddetti software di data mining). 13 Uno degli eventi dovrebbe essere strettamente connesso all agenda dei principali movimenti italiani (ad esempio le contro-manifestazioni organizzate in occasione della riunione di qualche istituzione economica internazionale). L altro, invece, dovrebbe riguardare un momento importante per l intera società italiana (ad esempio un referendum o un progetto riforma sociale). 14 StarLogo è un linguaggio di programmazione ad agenti, sviluppato al MIT di Boston specificatamente per la modellizzazione di fenomeni sociali (http://lcs.www.media.mit.edu/courses/mas712/slweb/). 4 / 8

5 del network dovrebbero essere emerse con chiarezza sufficiente per permettere di costruire un campione stratificato ridotto per dimensioni e tuttavia sufficientemente rappresentativo. Si procederà quindi a intervistare in profondità i responsabili editoriali e i redattori dei media del campione. Lo scopo di queste interviste semi-strutturate sarà di svelare la natura delle relazioni che legano i diversi media alternativi e le dinamiche mediante le quali essi tendono a nascere e a stabilizzarsi. Struttura della ricerca La struttura della ricerca sarà quindi la seguente: 1. Introduzione a. influenza crescente dei media nella società moderna b. tecnologie della comunicazione e competizione per il controllo dei media c. mezzi di comunicazione e movimenti sociali 2. Configurazione della rete a. metodi della ricerca: network analysis b. risultati della ricerca c. discussione dei risultati 3. Flussi di risorse a. metodi della ricerca: StarLogo b. risultati della ricerca c. discussione dei risultati 4. Natura delle relazioni a. metodi della ricerca: interviste semi-strutturate b. risultati della ricerca c. discussione dei risultati 5. Osservazioni conclusive a. mezzi di comunicazione non solo di massa b. comunità di comunicazione e reti di media 5 / 8

6 Bibliografia di riferimento Anzera, Giuseppe 1999 L'analisi dei reticoli sociali: problematiche di acquisizione dei dati e strategie metodologiche nella network analysis. Roma, EUROMA stampa. Baldelli, Pio 1976 Informazione e controinformazione. Milano, Mazzotta. Barca, Flavia e Novella, Patrizia 1996 TV locali in Italia. Roma, Rai VQPT. Bauman, Zygmunt 1999 In search of politics. Cambridge, Polity Press. (trad. it. La solitudine del cittadino globale. Milano, Feltrinelli, 2000). Biorcio, Roberto 2003 Sociologia politica : partiti, movimenti sociali e partecipazione. Bologna, Il Mulino, Boni, Federico 2002 I media e il governo del corpo. Milano, Unicopli. Cuturi, Vittoria 1984 La discontinuita delle solidarietà collettive: un'ipotesi sulla comunicazione simbolica dei movimenti collettivi. Milano, Franco Angeli. Della Porta, Donatella 1997 I movimenti sociali. Roma, NIS, Della Porta, Donatella e Mosca, Lorenzo Globalizzazione e movimenti sociali. Roma, Manifestolibri. DeFleur, Melvin L. e Ball-Rokeach, Sandra J Theories of Mass Communication, Fifh Edition. New York, Longman. (trad. it. Teorie delle comunicazioni di massa. Bologna, Il Mulino, 1995). Donati, Paolo R Movimenti sociali contemporanei : bibliografia Milano, UNICOPLI, Gruber, Klemens 1997 L' avanguardia inaudita : comunicazione e strategia nei movimenti degli anni. Milano, Costa & Nolan. Luhmann, Niklas e De Giorgi Raffaele 1991 Teoria della società. Milano, Franco Angeli. Maheu, Louis (a cura di) 1995 Social movements and social classes : the future of collective action. Londra: Sage. Melucci, A Movimenti sociali e sistema politico. Milano, Franco Angeli, Neveu, Erik 2001 I movimenti sociali. Bologna, Il Mulino. Packard, Vance 1957 The Hidden Persuaders. New York, David McKay Inc. (trad. it. I persuasori occulti, Torino, Einaudi, 2001). 6 / 8

7 Park, Ezra 1904 Masse und Publikum. Bern, Lack und Granau. (trad. it. La folla e il pubblico. Roma, Armando, 1996). Sartori, Giovanni 1997 Homo videns. Roma-Bari, Laterza. (IV ed., Roma-Bari, Laterza, 2000). Scott, John 1997 L analisi delle reti sociali. Roma, NIS. Smith, Marc A. e Kollock, Peter (a cura di) 1999 Communities in Cyberspace. Londra e New York: Routledge. Wasserman, Stanley, Galaskiewicz, Joseph (a cura di) 1994 Advances in social network analysis: research in the social and behavioral sciences. Thousand Oaks, CA: Sage, Williams, Raymond 1975 Television: Technology and Cultural Form. New York: Schocken. (trad. it. Televisione: tecnologia e forma sociale. Roma, Editori Riuniti, 2000). Wolf, Mauro 1985 Teorie delle comunicazioni di massa. Milano, Bompiani. (XIX ed., Milano, Bompiani, 2001). Wolf, Mauro 1992 Gli effetti sociali dei media. Milano, Bompiani. (IX ed., Milano, Bompiani, 2001). Webografia Active Software Alliance for Community Media Alternet Blogdex Bloggando Blogspot Candida TV Carta Chiapas Media Project Communication Rights in the Information Society Coordination Permanente Des Media Libres DeepDish TV Independent Media Center Indymedia Italia Free Radio Berkeley Freespeech Guerrilla News Network Minimal Tv Muse Software 7 / 8

8 Next 5 Minute - Tactical Media Event Open Channel-Community Access Television Network Open publishing Open Video Project Pacelink Radio Città del Capo Radio For Peace International Radio GAP Radio Making Contact Radio Popolare Radiotopia Rekombinant SALTO Sherwood Slashdot Society for Old and New Media Telestreet Urban TV VideoActivist Network We Tv Whispered Media World of Radio 8 / 8

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione Marco Gui 2 La tv dopo la digitalizzazione Mappa della tv italiana Terrestre Satellitare Cavo Umts/Wifi Analogico Rai, Mediaset, La7/Mtv, AllMusic, Sportitalia + locale Canali in chiaro: es. BBC World

Dettagli

capitolo 4 L ORGANIZZAZIONE DELLA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE

capitolo 4 L ORGANIZZAZIONE DELLA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE capitolo 4 L ORGANIZZAZIONE DELLA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE 4.1 DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Gli strumenti e le procedure di valutazione e certificazione di qualità delineate nel

Dettagli

Bibliografia. http://www.corriere.it/primo_piano/sport/2005/11_novembre/20/gazzett a.shtml.

Bibliografia. http://www.corriere.it/primo_piano/sport/2005/11_novembre/20/gazzett a.shtml. Bibliografia Altheide D., Creating reality: how TV news distorts events, Sage, Beverly Hills, CA, 1976. Balassone S., Come cavarsela in Tv, lezioni di linguaggio audiovisivo, Meltemi, Roma 2001. Baldi

Dettagli

Outsourcing e Sicurezza. Case Study Rai Way Clara Isola Livorno, 24-25 maggio 2007

Outsourcing e Sicurezza. Case Study Rai Way Clara Isola Livorno, 24-25 maggio 2007 Outsourcing e Sicurezza Case Study Rai Way Clara Isola Livorno, 24-25 maggio 2007 Il Gruppo RAI RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA Area di Staff Area Editoriale TV Area Editoriale Nuovi Media e DTT Area Editoriale

Dettagli

Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza

Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza Mirella Taranto Capo Ufficio Stampa ISS Roma FNSI 23 Giugno 2016 SCIENZA

Dettagli

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti Capitolo 3 Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. piccole agenzie, in Problemi dell informazione, n. 2, Bologna, il Mulino. linguistiques, Parigi, Libraire Arthéme Fayard, 1982.

BIBLIOGRAFIA. piccole agenzie, in Problemi dell informazione, n. 2, Bologna, il Mulino. linguistiques, Parigi, Libraire Arthéme Fayard, 1982. BIBLIOGRAFIA Abruzzese, A., Miconi, A. 2001 Zapping. Sociologia dell esperienza televisiva, Napoli, Liguori editore. Altheide, D. L., 1996 Qualitative media analysis, Thousand Oaks, Sage Publications.

Dettagli

Comunicazione e Mass media

Comunicazione e Mass media Comunicazione e Mass media I mass-media La stampa Il cinema La radio La televisione Il telefono Il computer Le reti internet Comunicazione di massa Comprendono le istituzioni e le tecniche grazie alle

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

Nuovi media. Convergenza, audience attive e citizen journalism

Nuovi media. Convergenza, audience attive e citizen journalism Nuovi media Convergenza, audience attive e citizen journalism La convergenza Convergenza esito dei processi di digitalizzazione Fine del rapporto biunivoco medium-contenuto cultura della convergenza (Jenkins)

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

I media e la politica

I media e la politica I media e la politica Rapporto media e politica 1) Media subordinati al sistema politico 2) Media che influenzano il sistema politico 3) Rapporto di negoziazione e reciproca influenza tra media e politica

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di OSSERVATORIO IPSOS per conto di DIFFUSIONE di COMPUTER e INTERNET tra le famiglie italiane Base: Totale famiglie Possesso di un computer Connessione a Internet TOTALE famiglie italiane 57 68 Famiglie monocomponente

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca

Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca 1. PRESENTAZIONE Uno degli scopi del progetto di ricerca Informare,

Dettagli

Radio... ha iniziato interattività via internet e telefonia cellulare

Radio... ha iniziato interattività via internet e telefonia cellulare La TV DIGITALE E un territorio... confina con... TV analogica Internet Radio Carta stampata Eventi (convegni... eccetera)... TV di strada... Tutte queste entità... vivono per la pubblicità (anche la Cultura

Dettagli

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Report del PROF. FRANCO B. ASCANI - Presidente Federation Internationale Cinema Television Sportifs - Membro della Commissione Cultura ed Educazione

Dettagli

CAPO I: OGGETTO ED AMMONTARE DELL'APPALTO, DESCRIZIONE, STRUTTURA E REQUISITI DEL PRODOTTO Art. 1 Oggetto dell appalto Oggetto del presente appalto è la realizzazione della Intranet dell Amministrazione

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer Seminario della Consulta delle Associazioni Culturali del Comune di Modena La Rete Civica del Comune di Modena per le associazioni culturali" Internet e condivisione di interessi: social networking, blog,

Dettagli

Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca

Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca Terza sessione Il sociologo, le sirene e gli avatar. Ricerca qualitativa

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia. Allegato 1 Utilizzo dei media

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia. Allegato 1 Utilizzo dei media Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia Allegato 1 Utilizzo dei media 1 L utilizzo dei media L analisi del contesto nel quale gli emittenti

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

Notiziario settimanale 8-14 luglio 2002. Borsa: gli ordini telefonici alle banche sono dati personali

Notiziario settimanale 8-14 luglio 2002. Borsa: gli ordini telefonici alle banche sono dati personali Newsletter Notiziario settimanale Borsa: gli ordini telefonici alle banche sono dati personali A Cardiff la Conferenza mondiale dei Garanti per la privacy I siti web inglesi e la privacy 1 Newsletter 2002

Dettagli

Obiettivi. Unità C2. Connessioni. Internet. Topologia. Tipi di collegamento

Obiettivi. Unità C2. Connessioni. Internet. Topologia. Tipi di collegamento Obiettivi Unità C2 Internet: la rete delle reti Conoscere le principali caratteristiche di Internet Conoscere le caratteristiche dei protocolli di comunicazione Saper analizzare la struttura di un URL

Dettagli

www.campionatouniversitario.com

www.campionatouniversitario.com 1 Torneo di calcio a 7 La manifestazione si sviluppa a livello nazionale coinvolgendo i maggiori poli universitari italiani, sono stati scelti gli otto atenei con il maggior numero di studenti. Ogni città,

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 ottobre/dicembre 2005

Ufficio di Statistica n 4 ottobre/dicembre 2005 I ROMANI E LE NUOVE TECNOLOGIE Un analisi sul territorio del Municipio 11 Premessa La tecnologia continua a diffondersi sia tra le istituzioni pubbliche che tra le famiglie italiane ed, infatti, se nelle

Dettagli

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini!

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! COMUNE DI PISA Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! A seguito dell approvazione della legge finanziaria del 2008 nel Comune

Dettagli

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione Introduzione XI PARTE I Concetti chiave I I significati e i media Gli approcci semiotici 3 Lo strutturalismo 6 Esempio: Titanic 7 La denotazione e la connotazione 8 Tipi diversi di segni 11 I codici e

Dettagli

- Corso di computer -

- Corso di computer - - Corso di computer - @ Cantiere Sociale K100-Fuegos Laboratorio organizzato da T-hoster.com www.t-hoster.com info@t-hoster.com Internet: Oggi internet è entrata nella vita quotidiana della maggior parte

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

Raymond Williams, Televisione, tecnologia e forma culturale

Raymond Williams, Televisione, tecnologia e forma culturale Raymond Williams, Televisione, tecnologia e forma culturale Su grande scala, dal servizio televisivo, attraverso la pubblicità commerciale, all informazione centralizzata e ai sistemi di trattamento dei

Dettagli

Network complessi e modelli. Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino

Network complessi e modelli. Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino Network complessi e modelli Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino Sommario Introduzione Proprietà network complessi Modelli matematici per la rappresentazione Grafi regolari Grafi random Small

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Il Corso, a titolo gratuito per un solo partecipante per

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

I migliori 10 libri del 2015

I migliori 10 libri del 2015 NUOVI PRODOTTI WEBREVIEW SOFTWAREREVIEW BOOKREVIEW APPREVIEW I migliori 10 libri del 2015 Scelti per Voi da TRADERS Proponiamo la selezione dei migliori 10 libri, in lingua italiana, a contenuto economico

Dettagli

COMPLEX LEARNING COMMUNITY

COMPLEX LEARNING COMMUNITY COMPLEX LEARNING COMMUNITY Cos è, Perché attuarla Come attuarla COMPLEX COMMUNITY: CHE COSA È? COMPLEX COMMUNITY: CHE COSA NON È PERCHÉ E QUANDO UTILIZZARE UNA COMPLEX LEARNING COMMUNITY ESPERIENZE DI

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

I Gas palestre di democrazia

I Gas palestre di democrazia I Gas palestre di democrazia Alcune riflessioni a partire da una ricerca sull associazionismo in Lombardia Francesca Forno Università degli Studi di Bergamo Gruppo di Studio e di conricerca Cittadinanza

Dettagli

Williams Di Liberatore:

Williams Di Liberatore: Williams Di Liberatore: Responsabile struttura crossmediale RAI Responsabile della Maratona televisiva Telethon 7 giugno 2014 Alcuni dati 2 1 Dati sistema Internet Partiamo da alcuni dati (Fonte Politecnico

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso]

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso] Presentazione del Corso 1 Premessa Il software libero/open source si è diffuso oltre le comunità di sviluppo, coinvolgendo altri attori che hanno individuato modelli di sviluppo sostenibili che lo rendono

Dettagli

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione. Verso una Coop 2.0 Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione Agata Meneghelli Obiettivi ricerca Che potenzialità hanno i nuovi media digitali per

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

TEORIA E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE DI MASSA

TEORIA E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE DI MASSA Michela Nacci TEORIA E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE DI MASSA Il modulo verte sui concetti chiave della riflessione teorica e politica contemporanea sui mezzi di comunicazione di massa e sulle implicazioni

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

21/11/13. Video 05. Video. Dalle teorie di Zavattini alla pratica digitale

21/11/13. Video 05. Video. Dalle teorie di Zavattini alla pratica digitale 21/11/13 05 05 1 Dalle teorie di Zavattini alla pratica digitale 2 1 APPELLO PER UN FILM SULLA PACE Lanciamo un appello ai cineasti di tutto il mondo, a coloro che lo sono di professione e a coloro che,

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 http://www.sinedi.com ARTICOLO 18 DICEMBRE 2007 LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 Come ogni anno, Gartner, la società americana di ricerche e d informazione sulle tecnologie, ha identificato dieci

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca

Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca Marketing Advanced Prof. Fabrizio Mosca NUOVI MODELLI DI COMUNICAZIONE NEI SETTORI DEI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO CAMPUS DI MANAGEMENT E DI ECONOMIA Anno Accademico 2014-2015 Tutto il materiale consegnato

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE INDICE Obiettivi Destinatari Metodologia didattica Coordinamento scientifico Programma Regolamento Obiettivi Valorizzare la comunicazione scritta,

Dettagli

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION REPUTAZIONE

Dettagli

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda Internet Evoluzione della rete Come configurare una connessione Internet: Storia e leggenda La leggenda Un progetto finanziato dal Ministero della Difesa USA con lo scopo di realizzare una rete in grado

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA

OSSERVATORIO ECO-MEDIA OSSERVATORIO ECO-MEDIA Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE

TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE A cura di Paolo Danza Nello scorso paragrafo il conflitto è stato considerato risorsa in quanto forza unificatrice nelle relazioni. Si è osservato come le organizzazioni

Dettagli

Università di Bologna

Università di Bologna Università di Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea DAMS, Indirizzo Cinema Corso di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa con attività di laboratorio 1 semestre, A.A. 2002-03 prof.

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane L'Università per la pace, costituita ai sensi della L.R n. 9 del 2002

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I.

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. ALLEGATO 2 al Bando Progetti innovativi di Creatività Digitale ideati

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

PIANO EDITORIALE E ORGANIZZATIVO SISTEMA CORRIERE DELLA SERA

PIANO EDITORIALE E ORGANIZZATIVO SISTEMA CORRIERE DELLA SERA PIANO EDITORIALE E ORGANIZZATIVO SISTEMA CORRIERE DELLA SERA SITUAZIONE ATTUALE Il sistema Corriere della Sera ha avuto negli ultimi anni una forte trasformazione. Il sito web compete per la leadership,

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Scheda 3 «Smart City» SMART ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Smart City» SMART ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Un economia intelligente è un economia composta da persone che pensano e lavorano in maniera intelligente, generando nuove idee e cercando di

Dettagli

Tecniche della ricerca qualitativa

Tecniche della ricerca qualitativa Tecniche della ricerca qualitativa Interviste - Strutturate - Semi-strutturate - Aperte - Ermeneutiche - Di gruppo - Foto-interviste - Etc Focus group - Discussione di gruppo coordinata da un ricercatore

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

Profilazione visitatori Smau

Profilazione visitatori Smau Progetto Smau 2015 2015 BERLINO, 12-13 marzo PADOVA, 1-2 aprile TORINO, 29-30 aprile BOLOGNA, 4-5 giugno FIRENZE, 14-15 luglio MILANO, 21-22-23 ottobre NAPOLI, 10-11 dicembre www.smau.it - tel. +39 02

Dettagli

per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter?

per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter? Una buona comunicazione Scuola di formazione politica Perugia, 18-19 ottobre 2013 per una buona politica nella Regione Umbria Sara Bentivegna Tutti pazzi per Twitter? Tutti pazzi per Twitter?... LA POLITICA

Dettagli

Indicazioni riferimenti bibliografici

Indicazioni riferimenti bibliografici Indicazioni riferimenti bibliografici Libri e pubblicazioni a stampa Indicazioni generali Volumi Volumi tradotti Saggi in volume collettaneo Curatele Saggi tradotti Articoli su rivista scientifica Interventi

Dettagli

La Comunic-Azione: Dall Ufficio Stampa ai Social Media

La Comunic-Azione: Dall Ufficio Stampa ai Social Media La Comunic-Azione: Dall Ufficio Stampa ai Social Media L esempio del Crocetta baseball Un percorso evolutivo 1. Ufficio stampa 2. Media relations 3. Conferenze istituzionali 4. Eventi unconventional 5.

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Esperienze di successo e prospettive future Olivia Postorino AdG POR FESR 2007-2013 Un contesto in evoluzione : il ruolo delle Smart Cities Un

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE

SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE ANNO ACCADEMICO PIANO DI STUDI ANNO ACCADEMICO DI EROGAZIONE CORSO DI LAUREA O DI LAUREA MAGISTRALE 2013-2014 2015-2016 LM 59, Scienze della comunicazione

Dettagli

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari L ANALISI DELLE RETI SOCIALI Obiettivi Il corso intende illustrare i principali aspetti teorici e metodologici relativi all analisi delle reti sociali (Social Network Analysis), fornendo conoscenze e competenze

Dettagli

Hyper Media News IL SISTEMA INNOVATIVO PER LA RICERCA E L AGGREGAZIONE DELLE NEWS. Ing. Luigi Rocchi Direttore RAI Strategie Tecnologiche

Hyper Media News IL SISTEMA INNOVATIVO PER LA RICERCA E L AGGREGAZIONE DELLE NEWS. Ing. Luigi Rocchi Direttore RAI Strategie Tecnologiche Hyper Media News IL SISTEMA INNOVATIVO PER LA RICERCA E L AGGREGAZIONE DELLE NEWS Ing. Luigi Rocchi Direttore RAI 1 Secondo la statistica appena diffusa dalla Commissione Europea (INNOVATION UNION SCOREBOARD

Dettagli

I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca)

I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca) I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca) Sintesi L'analisi della programmazione di SRG SSR nel 2014 comprendeva i sei canali generalisti della

Dettagli

Offerta Televisiva. Generalità

Offerta Televisiva. Generalità Offerta Televisiva Generalità Quadro Generale Cambiamenti a livello delle filiera televisiva Accanto alla tradizionale modalità di diffusione terrestre (satellitare, TV via cavo,...) l offerta di contenuti

Dettagli

Intervento di Emanuela Properzj Responsabile Relazioni Esterne AIRC

Intervento di Emanuela Properzj Responsabile Relazioni Esterne AIRC Roma 4 marzo 2009 Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali La comunicazione della scienza come informazione alla collettività e strumento di raccolta fondi. Il caso di

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 27 dicembre 2005 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2005 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail FRANCESCO CANNONE francesco.cannone@unito.it Nazionalità Data e luogo di nascita

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

Anna Fata Psicologo Articolo scaricato da www.humantrainer.com IL MONDO DEI BLOG

Anna Fata Psicologo Articolo scaricato da www.humantrainer.com IL MONDO DEI BLOG Pag. 1 di 5 IL MONDO DEI BLOG INDICE: Premessa Internet e Weblog Regole e caratteristiche della blogosfera Conclusioni Bibliografia Sitografia Blog al top Populary index Premessa Da qualche tempo la mia

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base. Lezione 4 Reti informatiche

Modulo 1 Concetti di base. Lezione 4 Reti informatiche Modulo 1 Concetti di base Lezione 4 Reti informatiche 1 Che cos è una rete di computer? E un insieme di computer vicini o lontani che possono scambiarsi informazioni su un cavo, sulla linea telefonica,

Dettagli

TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA

TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA DOCUMENTAZIONE E NARRAZIONE DEL PAESAGGIO. ALCUNE OPPORTUNITÀ DEL WEB. A cura di Roberta Di Fabio e Alessandra Carfagna roberta.difabio@hotmail.it alessandra.carfagna@email.it

Dettagli