CAPITALE SOCIALE E CAPITALE UMANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITALE SOCIALE E CAPITALE UMANO"

Transcript

1 Francesca Odella CAPITALE SOCIALE E CAPITALE UMANO NEI PERCORSI PROFESSIONALI MANAGERIALI DSS PAPERS SOC 4-03

2

3 Indice Introduzione... Pag Capitale sociale e capitale umano L uso della network analysis per lo studio del capitale sociale Tipo di risorse sociali e strumenti di misurazione I percorsi di carriera manageriali: un raffronto fra casi nazionali Capitale sociale e progressione di carriera Forme di governo e relazioni di lavoro Osservazioni conclusive Bibliografia... 33

4

5 Introduzione All interno della più recente letteratura sociologica, il concetto di capitale sociale è stato introdotto quale forma di connessione fra struttura sociale ed economia, in quanto esplicita l individualismo dell agire all interno di specifiche strutture sociali (gruppi sociali, organizzazioni). Il punto controverso in questa prospettiva è rappresentato dalle modalità attraverso cui gli individui investono in relazioni sociali e come tramite queste sia possibile avere degli esiti professionali, di status, ma anche sociali - positivi. Dapprima le ricerche si sono concentrate sulla relazione fra contesto educativo (famiglia e scuola, residenza) ed esiti professionali e solo in seguito hanno iniziato ad analizzare il ruolo del capitale sociale nel mercato del lavoro ed all interno di specifici gruppi professionali, guardando alla relazione complessiva fra capitale sociale e capitale umano. In particolare alcune indagini (Granovetter, 1973) hanno mostrato come le opportunità di accedere a posizioni lavorative di maggiore status siano regolate oltre che da credenziali educative (capitale umano) anche dalle informazioni e dai contatti personali (capitale sociale). Ciò è particolarmente evidente nel caso della prima occupazione (Flap e Boxman, 2001) ma non solo: anche i percorsi di carriera all interno di un gruppo professionale con alto capitale umano come quello dei manager (Burt, 1998) sono regolati da modalità relazionali. Sempre più spesso, inoltre, studi e ricerche in campo educativo e occupazionale (Glaser, 2001; Lin, 2001) sottolineano come l investimento nella professione e nelle risorse sociali a questa collegate comporti un ritorno di interessi nella forma di opportunità Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 5

6 di arricchimento del capitale umano, di accesso a posizioni di responsabilità e di visibilità all interno di un determinato ambiente socio-economico. Se il far luce su questi aspetti ha contribuito a chiarire il contenuto ed il tipo di processi che coinvolgono gli individui nella creazione di capitale sociale, dal punto di vista empirico il confronto con il capitale umano si è rivelato è più difficile. Mentre per il capitale umano disponiamo, infatti, di una serie di criteri di misurazione (basati sull incremento di produttività in seguito all investimento individuale in skills, competenze e conoscenze), per il capitale sociale vi è maggiore difficoltà nell individuare misure sia dirette che indirette, e l adozione di una specifica strumentazione è maggiormente dipendente dal contesto di analisi empirica e dalle domande di ricerca. Scopo del paper è di discutere questi aspetti mettendo in evidenza il rapporto fra capitale sociale e capitale umano: a tal fine si farà riferimento ad alcune indagini empiriche realizzate all interno di diversi contesti organizzativi, sempre attinenti alle professioni manageriali. Nelle conclusioni riprenderemo i risultati e approfondiremo le relazioni fra percorsi professionali, struttura delle relazioni lavorative e legami personali. 6 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

7 1. Capitale sociale e capitale umano Il concetto di capitale sociale è stato introdotto inizialmente da Pierre Bordieu (1980) per spiegare i processi di riproduzione delle classi sociali. Egli affiancò al capitale economico ed a quello umano, una terza forma di capitale il capitale sociale che consiste in opportunità di accesso a risorse, materiali e simboliche, ed in modelli di socializzazione utili nella vita relazionale. La famiglia di origine è inizialmente l origine principale del capitale sociale di un individuo ma non solo: ogni istituzione (scuola, ambiente lavorativo, associazioni) diviene fonte più o meno implicitamente di capitale sociale per l individuo, ed egli stesso può accedere a più ambiti relazionali per migliorare il capitale sociale in suo possesso o modificarlo in base ai propri interessi. Il legame fra capitale sociale e sviluppo del capitale umano è dunque molto stretto e gli studiosi successivi a Bordieu hanno prestato una particolare attenzione a questo legame, cercando di coglierne gli aspetti salienti. In particolare, si è messo in luce come il capitale sociale di un individuo sia propriamente riferito a aspetti relazionali, collegati alla struttura sociale, quali obbligazioni e scambi di reciprocità, al rispetto delle norme sociali condivise ed alla partecipazione alla vita comunitaria (Coleman, 1988). Un individuo che possiede capitale sociale è un individuo che è in grado di procurarsi risorse o informazioni e di accedere a scambi e transazioni per mezzo delle sue relazioni sociali. All interno delle strutture organizzative e delle istituzioni il capitale sociale dell individuo si crea attraverso i contatti con altri membri (colleghi di lavoro, superiori, collaboratori) ed è riprodotto nella pratica lavorativa (richiesta di informazioni, di supporto e consiglio di fronte a problemi Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 7

8 critici) per acquisire risorse personali (aumento professionalità, successo economico), o per perseguire scopi di altra natura (strategie politiche, riconoscimento sociale, affermazione di valori). Questa prospettiva vede le relazioni sociali quali forme di investimento individuale, in grado di dare un beneficio reale ai soggetti, dotandoli di risorse per il futuro (Becker, 1962). Il riferimento alle altre teorie del capitale è quindi utile perché consente di comprendere le due nature del capitale sociale: quella di prodotto di un processo fatto di interazioni, contatti, cooperazione con altri individui, e quella di creazione di un surplus, nella forma di esiti positivi per l individuo che investe e generalmente per il contesto sociale in cui agisce. Come il capitale umano, il capitale sociale rappresenta un investimento in parte diretto cioè scelto consapevolmente dall individuo, ed in parte indiretto, frutto di vincoli ed opportunità che derivano dal contesto familiare, sociale o lavorativo. Analogamente ad altre forme di capitale, infine, il capitale sociale dà luogo ad un sistema economicamente produttivo che può essere orientato sia in senso positivo nei confronti della società, sia in senso negativo. Mentre nel primo caso le risorse (quali posizioni, rendite, opportunità) verranno usate appunto per incrementare (in qualità e quantità) le relazioni sociali, nel secondo caso le risorse cui il capitale sociale dà accesso vengono riservate ad un gruppo minoritario o nel caso peggiore, impiegate a fini illegali e pericolosi per la sopravvivenza della società. Per queste ragioni l introduzione del concetto di capitale sociale all interno delle indagini sociologiche sulla struttura dei gruppi sociali (ed in particolare lo studio dei gruppi etnici) si è rivelato particolarmente fruttuoso ed ha messo in luce aspetti rilevanti della dinamica del cambiamento sociale (Portes, 1998). 8 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

9 Quest ultima osservazione si collega ad una differente prospettiva del capitale sociale, molto diffusa e proficua all interno della letteratura sociologica ed ora anche all interno di quella economica (Glaeser, Laerson e Sacerdote, 2002), che sottolinea la presenza di legami di fiducia e reciprocità a livello collettivo. Il capitale sociale non è, secondo questa lettura, solo un investimento individuale all interno dei gruppi, ma può essere l esito di uno scambio generazionale, della trasmissione di norme morali sulla fiducia e la cooperazione, e dell applicazione di forme di sanzione sociale e come tale può facilitare l azione collettiva e in generale lo sviluppo socio-economico di una nazione o di una regione. E di questo avviso Putnam (1993, 2000) quando sostiene che il capitale sociale sia una forma distinta di bene pubblico, radicato nello sviluppo civico, piuttosto che una proprietà individuale, e che questa forma di legame ( bonding social capital ) fra individui tende a realizzarsi esclusivamente all interno dei gruppi associativi ed in altri contesti di cooperazione sociale. La discussione se privilegiare la visione collettiva rispetto a quella individuale (definita con il termine di bridging social capital ), tuttavia, non ha impedito che diversi autori (Burt, 2000) abbiano cercato di riconciliare le due prospettive, sostenendo come in realtà siano compatibili dal punto di vista empirico. Conoscere quali siano i meccanismi sociali che portano a trarre beneficio dalle relazioni e come i diversi tipi di risorse siano distribuiti all interno dei gruppi è quindi particolarmente rilevante ai fini di evidenziare il funzionamento del capitale sociale, ma anche il tipo di rapporto che viene a crearsi con altri tipi di risorse individuali, come il capitale umano. Lin (2000) a questo proposito evidenzia quattro aspetti che contribuiscono a trasformare in capitale sociale le semplici relazioni fra individui: i flussi informativi, l influenza personale, le credenziali sociali e Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 9

10 la reputazione. Il flusso informativo beneficia, infatti, della presenza di legami personali fra individui perché questi riducono l incertezza sulle opportunità e le scelte da intraprendere, con una notevole riduzione dei costi informativi. Un secondo aspetto attraverso cui si crea valore aggiunto per effetto delle relazioni sociali è quello dell influenza diretta, esercitata nei processi decisionali o nelle situazioni in cui l asimmetria di posizione è rilevante per l esito. L esempio tipico di come influiscono questi due aspetti è quello del processo di selezione del personale, dove oltre al capitale umano del candidato entrano in gioco referenze, conoscenze e esperienze relative alla figura dei candidati (Fernandez e Castilla, 2000). Il terzo aspetto che contribuisce a rendere attivo il capitale sociale sono le credenziali sociali dell individuo, cioè la sua capacità/possibilità di raggiungere alcune risorse, ad esempio quelle dell organizzazione di cui si fa parte, oppure di contribuire con proprie risorse (informazioni, contatti) agli obiettivi della stessa. Infine, fra gli ultimi aspetti che Lin (2000) cita vi è la creazione di una identità riconosciuta e di una reputazione professionale o pubblica: in questo caso sono la condivisione di finalità e ideologie che rendono i legami fra individui mutuamente vantaggiosi e che agiscono come rinforzo sociale (coesione di gruppo, solidarietà) ed emotivo. Le osservazioni di Lin sono rilevanti perché mettono l accento sulle modalità di rapporto che possono instaurarsi fra capitale sociale, inteso nel senso di risorsa individuale e collettiva e capitale umano come potenziale che l individuo mette in gioco nelle situazioni lavorative, cioè ancora all interno di specifici contesti sociali. 10 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

11 1.1 L uso della network analysis per lo studio del capitale sociale Dal punto di vista metodologico il concetto di capitale sociale è particolarmente rilevante perché consente di collegare fra loro il livello micro e quello macro, quello dell agire individuale con le dinamiche della struttura sociale (Pizzorno, 1999). Questo carattere duplice del concetto nei suoi risvolti individuale e collettivo è stato colto con particolare vantaggio da una metodologia nata per studiare dati relazionali, la network analysis. Fra gli impieghi consolidati di questo insieme di tecniche vi è quello dello studio della struttura e del cambiamento sociale attraverso l analisi di dati riguardanti le interazioni, come gli scambi di informazioni, i contatti professionali e la frequentazione amicale che si realizzano all interno di specifici contesti sociali (Chiesi, 2001). Per analizzare una problematica contemporaneamente dal punto di vista micro e macro sociale (Chiesi, 1996), vi è la possibilità, ad esempio, di raggruppare i reticoli individuali degli appartenenti ad una stessa impresa o ente e di assumerli come proxy del network organizzativo, sia all interno dei contesti di lavoro che di quelli familiari o associativi. In questo modo i contatti personali (contact persons) che un individuo riferisce nel corso di un indagine, ad esempio, saranno riferiti alle persone da cui ha avuto informazioni relative al lavoro ed alle sue criticità. Ciò fornirà indicazioni sia sul percorso di carriera individuale dell intervistato (ottica micro), sia sui canali di reclutamento impiegati dall organizzazione di cui è parte (ottica macro). Questa duplice prospettiva risulta particolarmente utile nel caso del mercato del lavoro, dove diversi studi hanno messo in evidenza l importanza delle relazioni informali come canali informativi e di selezione nell accesso a specifiche posizioni lavorative (Granovetter, 1973). La Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 11

12 metodologia della network analysis consente in questo caso di raccogliere informazioni particolarmente complete sui percorsi professionali, attraverso la descrizione delle catene di rapporti personali operanti nel processo di reclutamento ed in quello di progressione di carriera. 1 Si tratta di processi che possono essere comparati a quelli relativi alla formazione delle elites, in cui i gruppi ad elevata componente professionale o omogeneità di provenienza socio-economica stabiliscono determinate forme di relazione e attraverso queste regolano l accesso e la riproduzione del gruppo. Alcuni studi sociologici sulla formazione delle elites hanno sostenuto, ad esempio, la presenza di un associazione fra legami forti (connubio, affiliazione ad una stessa organizzazione e frequentazione amicale) e la progressione in posizioni di responsabilità e di potere (Padgett e Ansell, 1993). Altre indagini hanno ipotizzato, al contrario, che sia la presenza di legami (weak ties) deboli con l esterno a favorire il cambiamento all interno di un gruppo o di una struttura organizzativa: ciò si verificherebbe però solo nel caso in cui la stabilità dei legami forti all interno della stessa sia sufficiente da assicurare continuità e razionale al processo di reclutamento di nuovi membri (McPherson, Popielartz e Drobnic, 1992). Analizzando lo scambio di informazioni e i modelli relazionali (caratterizzate da diversi livelli di frequentazione, conoscenza e confidenza) 1 Rispetto agli studi svolti nei paesi anglosassoni, gli studi sul mercato del lavoro in Italia hanno evidenziato un effetto diverso delle credenziali educative ed un diverso impiego delle risorse relazionali durante la ricerca di un lavoro in base all appartenenza sociale degli intervistati (Barbieri, 1997). In questo contesto gli indicatori classici di capitale umano come il livello di istruzione e l esperienza di lavoro precedente non sono in grado di fornire un quadro completo dei processi formativi e dei percorsi di mobilità che coinvolgono lavoratori ad elevata professionalità e possono impedire di valutare l efficacia di altri canali di accesso, legati ad esempio alla specifica affiliazione organizzativa del candidato. 12 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

13 che si strutturano all interno di uno specifico ambiente socio-economico è possibile, quindi, formulare ipotesi sui mix regolativi che conducono alla formazione ed alla modificazione delle elites così come di specifici gruppi professionali. Oltre ai meccanismi classici della gerarchia e dello scambio di mercato si può così ipotizzare la presenza di forme di governo basate su legami di reciprocità (network governance) che colleghino fra loro gli attori (siano essi individui o imprese) per mezzo di meccanismi di allocazione contingenti ed adattabili alla specifica divisione del potere (Jones, Hesterly e Borgatti, 1997). Nel caso delle carriere manageriali, questo tipo di prospettiva risulta particolarmente utile qualora, in seguito a modificazioni organizzative o strutturali del sistema economico considerato (privatizzazione, cambiamento di proprietà dell impresa, leadership e strategia di mercato), vengano a modificarsi i prerequisiti richiesti (requisiti formativi, competenze, anzianità di ruolo) per l accesso alle posizioni di maggiore prestigio. Alcune indagini realizzate recentemente hanno infatti mostrato un interessante rapporto fra contesto di rilevazione dei network e forme di capitale sociale impiegato per la creazione, il mantenimento delle relazioni personali e l investimento in percorsi di carriera (Burt, 1997), Per chiarire questi aspetti nei prossimi paragrafi approfondiremo dapprima le questioni metodologiche, relative alla individuazione del capitale sociale nelle relazioni personali ed in seguito faremo riferimento ad alcuni casi di studio che hanno preso in esame il ruolo del capitale sociale nello sviluppo della professionalità manageriali. Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 13

14 2. Tipo di risorse sociali e strumenti di misurazione Dal punto di vista operativo, fra i problemi principali delle ricerche empiriche che fanno impiego del concetto di capitale sociale vi è quello della sua operazionalizzazione (Chiesi, 2000) e poiché questo concetto si presta a diverse interpretazioni, le tecniche di network analysis utilizzate per rilevarlo e studiarlo possono essere molto differenti fra loro. In particolare, due sono gli aspetti su cui la maggioranza delle indagini si sono concentrate: quello relativo alla cerchia familiare e alle reti amicali, e quello riguardante le fonti di informazioni e le risorse sociali che sono impiegate in ambito collettivo. Nel primo caso si guarda allo status socioeconomico dell intervistato (status, posizione occupazionale acquisita, classe di origine) e della persona citata (Lin, 2001), mentre nel secondo caso si guarda all appartenenza ed alla frequentazione di associazioni, all ambiente di lavoro o ad altre appartenenze organizzative in cui si hanno interazioni sociali rilevanti (Knoke, 1994). In entrambi i casi è possibile utilizzare specifici strumenti di misurazione ed indicatori per il capitale sociale individuale, ed in alcuni casi anche per quello di livello strutturale (vedi tabella 1).2 Tuttavia, dato che la cerchia di frequentazioni sul lavoro dell intervistato, dal punto di vista professionale può sovrapporsi in parte alle frequentazioni relazionali, è utile considerare dove possibile entrambi le fonti di risorse. Il confronto fra indagini realizzate in diversi contesti nazionali e all interno di strutture organizzative non omogenee suggerisce 2 Gli indicatori che fanno riferimento alla contact person sono utili nell analisi delle risorse sociali solo nel caso in cui l intervistato abbia effettivamente impiegato la persona (il contatto) citata. Analogamente, l appartenenza sociale a club o gruppi 14 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

15 l opportunità di fare riferimento ad entrambi i gruppi di indicatori (Lin, Fu e Hsung, 2000), oppure predisporre un opportuno controllo di entrambi gli aspetti nelle rilevazioni (ad esempio predisponendo all interno del questionario domande ripetute relative allo status ed alle affiliazioni sociali comuni all intervistato ed alle persone citate). Tabella 1 Tipo di risorse e strumenti di misurazione per i social networks. Obiettivo Risorse relazionali Posizione sociale (networks) Strumento di misurazione Risorse contenute nei networks personali Status della contact person. Forza del legame Connessione o accesso ad una connessione (fra networks diversi). Indicatori Ampiezza delle risorse (strumentali, sostegno emotivo, opportunità etc..) Risorse migliori, Varietà delle risorse, Fonte delle risorse (contact person). Caratteristiche occupazionali e socio-economiche della contact person. Buco strutturale, vincolo strutturale. Possibilità di accesso ad altri networks, intensità, reciprocità e intimità del legame con la contact person. Fonte: Lin, Un ulteriore elemento da considerane nello studio empirico del capitale sociale riguarda il tipo di rilevazione e quindi il network che si considera ai fini dell analisi: in via generale distinguiamo fra i sociogrammi, cioè dei networks completi con diversi gradi a seconda del tipo di campionamento utilizzato per individuare la popolazione di riferimento oppure gli ego-networks, cioè dei reticoli che descrivono le relazioni a professionali è un indicatore utile solo nel caso in cui si analizzino gruppi sociali chiusi, oppure categorie professionali di alto livello. Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 15

16 partire da quelle indicate da uno specifico individuo (Chiesi, 1999). Per ogni tipo di rappresentazione delle relazioni sociali esistono infatti indici più o meno appropriati e non gli indicatori possono variare secondo il tipo di network (vedi colonna 3 della tabella 1). Per fornire un esempio concreto, nella tabella 2 troviamo riassunte le principali variabili su cui si può articolare la misurazione del capitale sociale riferito agli ego-network, utilizzando un insieme di indicatori impiegati correntemente nell analisi descrittiva. In primo luogo troviamo il tipo di legame che collega l intervistato alle persone citate. Tale legame può consistere tanto in una relazione di carattere esclusivo ed a elevata intensità emotiva (legame forte, come ad esempio un rapporto di amicizia e di confidenza), quanto in una relazione di carattere più occasionale, meno connotata dal punto di vista affettivo e contingente la situazione dell intervistato (legame debole come ad esempio un referente, l informatore privilegiato). Nell ambito della letteratura sulla network analysis, il dibattito sul tipo di legami sociali si è a lungo concentrato intorno alla differenza fra legami forti e legami deboli. Da un lato è stata infatti rilevata la presenza di un associazione fra legami forti (connubio, affiliazione ad una stessa organizzazione e frequentazione amicale) e la progressione in posizioni di responsabilità e di potere (Padgett e Ansell, 1993), mentre al contempo altre ricerche hanno dimostrato come i legami deboli (weak ties) siano essenziali per una buona riuscita nel mercato del lavoro e nella progressione di carriera (Burt, 1997). Un secondo aspetto che viene considerato una dimensione rilevante del capitale sociale consiste nel grado di apertura/chiusura della cerchia relazionale personale. Un reticolo aperto connota ambiti sociali ed 16 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

17 organizzativi in cui le persone possono anche non conoscersi fra loro ed in cui si suppone operino con minore intensità meccanismi di controllo e di influenza informali (Lin et al, 2001). Al contrario, un reticolo chiuso connota un contesto sociale in cui la conoscenza reciproca può, oltre che condizionare il comportamento individuale, generare vantaggi personali (ad esempio utilizzando tali conoscenze in modo finalizzato al proprio sviluppo professionale). In letteratura l indice specifico utilizzato per misurare il grado di apertura è la densità (Marsden 1998), ma tale indice è fortemente influenzato dalle dimensioni del reticolo. In alternativa si suggerisce di considerare quale proxy del capitale sociale disponibile al singolo intervistato, l ampiezza delle cerchie personali (il cosiddetto reticolo totale), corrispondente alla media delle persone citate (Scott, 1991). Tabella 2 Alcuni indicatori del capitale sociale nei social networks. Variabile Descrizione Indicatore Tipo di legame sociale Chiusura/apertura delle cerchie personali Ampiezza delle cerchie personali Eterogeneità/ omogeneità delle cerchie personali Legame debole= legame a bassa intensità affettiva e di carattere contingente (es. conoscenze); Legame forte= legame ad alta intensità, durata nel tempo e confidenza reciproca (es. amicizia). Densità del reticolo personale come proxy del grado di connessione del singolo intervistato al gruppo di riferimento. Dimensioni del reticolo personale, come proxy del capitale sociale disponibile al singolo intervistato. Contenuto e dimensioni del capitale sociale all interno dei contesti sociali frequentati dell intervistato. Frequenza di contatto; Intensità di contatto; Durata della conoscenza. Conoscenza reciproca delle persone citate. Numero di persone citate. Status, genere, affiliazione organizzativa e posizione lavorativa delle persone citate. Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 17

18 Infine, un quarto aspetto in via di perfezionamento nella letteratura specialistica consiste nella misurazione del grado di omogeneità/eterogeneità delle conoscenze personali dell intervistato (Mc Carty, 1999). Omogeneità ed eterogeneità delle cerchie relazionali indicano la maggiore o minore varietà di composizione interna del reticolo relazionale: un reticolo omogeneo al suo interno è composto principalmente da persone che possiedono le stesse caratteristiche socioeconomiche, mentre al contrario un reticolo eterogeneo al suo interno presenta un ampia varietà di figure (e si suppone di risorse e di opportunità di relazioni). Notiamo come questi due ultimi aspetti sono particolarmente rilevanti qualora si considerino i processi di formazione dei gruppi sociali: un certo grado di eterogeneità indica infatti la possibilità di cambiamenti nei processi di reclutamento di nuovi membri, ma l omogeneità è al tempo stesso necessaria per la preservazione di coesione interna fra i membri e l instaurarsi di una gerarchia. 3 3 Nel corso dell analisi tipicamente viene studiata la composizione del reticolo relazionale degli intervistati (ad esempio in base allo status o la posizione lavorativa delle persone citate) guardando alle differenze fra i sub-reticoli individuali (omogeneità/eterogeneità funzionale) e il reticolo totale (omogeneità/eterogeneità complessiva). 18 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

19 3. I percorsi di carriera manageriali: un raffronto fra casi nazionali Si è accennato in precedenza che un importante questione che sta al centro delle ricerche che fanno impiego del concetto di capitale sociale è costituito dalle sue dimensioni: in particolare sempre più spesso viene dibattuto se si debba intendere il capitale sociale come una proprietà del singolo individuo piuttosto che collettiva (Decker, 2001). Nel primo caso si guarda alle risorse ed alle posizioni sociali che possono essere acquisite tramite le relazioni personali, mentre nel secondo caso il focus dell attenzione è sul rapporto fra individui ed istituzioni e sugli stili ed i modelli di relazione che vengono trasmessi. Il rapporto fra capitale sociale e sviluppo delle risorse umane costituisce un elemento importante per comprendere questo nesso, in quanto l accesso al lavoro ed in seguito la progressione di carriera mettono l individuo in rapporto con opportunità di modificare il suo capitale sociale, oltre che di potenziare il capitale umano di origine. Per descrivere questi aspetti faremo riferimento ad alcune indagini sul ruolo del capitale sociale nella carriera manageriale all interno di diversi contesti nazionali (Italia, Francia, Stati Uniti e Slovenia). La comparazione fra i risultati in questo paper non affronterà le differenze fra i sistemi nazionali di formazione del capitale umano che sono state già evidenziate nei singoli studi né intende approfondire gli aspetti metodologici 4 per i quali rimandiamo direttamente alle indagini. 5 4 Le ricerche hanno, infatti, impiegato la stessa metodologia di analisi network analysis utilizzando diversi metodi di rilevazione: alcune si basano su network completi (Francia), altre analizzano gli egonetwork (Italia, Slovenia, Stati Uniti). 5 (Stati Uniti), Podolny, J., & Baron, J. (1997). Resources and relationships, social networks and mobility in the workplace. American Sociological Review, 62, (Francia) Frank K.A & J.Y. Yasumoto (1998) Linking Action to Social Structure Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 19

20 Rispetto alla prospettiva presentata nei precedenti paragrafi ci interessa, infatti, porre l accento sull interazione fra capitale sociale (cioè il prodotto di un processo fatto di interazioni, contatti, cooperazione con altri individui) e capitale umano (l investimento che l individuo, ed in alcuni casi l organizzazione fa ai fini di migliorare la sua prestazione personale all interno del contesto lavorativo di riferimento). In particolare ci concentreremo su due aspetti centrali del rapporto fra le due forme di capitale: quello dell accesso alla carriera (e quindi le risorse ed il tipo di contenuto del capitale sociale cui fanno affidamento i manager); ed in secondo luogo sui meccanismi di governo interni al gruppo occupazionale (ovvero i tipi di relazioni che controllano la formazione ed il mantenimento della coesione di gruppo). within a System: Social Capital within and Between Subgroups, American Journal of Sociology, 104: 3, , (Slovenia) A. Rus (1999) Social Capital, Corporate Governance and Managerial Discretion, FDV, Ljubliana, (Italia) F. Odella (2002), Capitale sociale e reticoli relazionali dei manager toscani. (cap. 5 dell' Indagine conoscitiva sul evoluzione delle professioni medio-alte e sulla domanda di figure manageriali da parte delle imprese. Rapporto di ricerca non pubblicato, Dip. Economia, Università of Firenze. 20 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

21 Tabella 3 Descrizione generale delle ricerche sui percorsi di carriera manageriali. Stati Uniti Francia Slovenia Italia Campione Focus dell indagine Mobilità occupazionale Rapporto gruppi/ subgruppi Corporate governance Percorsi di carriera Tipo di contesto lavorativo Imprese private (manifatturiero) Imprese private e pubbliche (finanza) Imprese pubbliche e privatizzate (vari settori). Imprese private e pubbliche (vari settori). Proxy capitale sociale Tipo di legame sociale Reciprocità nelle transazioni, fiducia indotta Contenuto del network relazionale Contenuto del network relazionale Tipo di dati Ego-networks Network completi Egonetworks Ego-networks 3.1 Capitale sociale e progressione di carriera Quale tipo di relazione possiamo individuare fra il capitale sociale che gli individui possiedono ed il loro percorso lavorativi, e quali contenuti del capitale sociale sembrano maggiormente rilevanti per la progressione verso ruoli di maggiore prestigio e rilevanza organizzativa? Sono queste alcune delle domande che si sono posti i due studi focalizzati sui percorsi di carriera e la mobilità dei manager negli Stati Uniti ed in Italia: con diversi percorsi di analisi e modalità sono giunti entrambi a determinare alcune caratteristiche salienti del capitale sociale e, nel caso degli stati Uniti anche Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 21

22 a determinare quali meccanismi sembrano maggiormente capaci di valorizzare il capitale umano di base. Nello studio statunitense (Podolny e Baron, 1997), realizzato con tecniche di rilevazione tipiche da survey, gli autori erano interessati a mettere in luce le possibili interazioni fra la struttura dei networks ed i loro contenuti ed a confutare la teoria strutturalista di Burt (1992). Nei processi di mobilità occupazionale, secondo i due autori, incidono non solo i flussi informativi ed le variabili strumentali, ma anche un identità organizzativa definita, che prefigura ruoli, competenze e percorsi di affermazione. Si tratta di un rimando alla componente collettiva del capitale sociale, quella che interpreta lo strutturarsi di un network individuale come forma di connessione con il contesto sociale più ampio, con specifiche culture e identità sociali, e con una comunità professionale fortemente individuata per posizione, competenze e prestigio socio-economico. Il capitale sociale di un individuo nella visione di Podolny e Baron, emerge dalla combinazione unica di tipo di legame (che può essere collegato alle posizioni piuttosto che alle persone) e orientamento contenuto nel legame (che può essere focalizzato sulle risorse piuttosto che sull identità organizzativa). Il flusso delle risorse e le strategie per accedervi, sono in realtà attivate sempre e per questo motivo la mobilità occupazionale può avere diversi effetti, non sempre valutabili secondo gli stessi criteri. Sulla base della loro analisi e del confronto con la struttura dei network gli autori mettono in luce cinque diversi tipi di relazioni che guidano i percorsi di carriera, ed ognuno di loro è governato da una specifica modalità di acquisizione di risorse. La conclusione dell indagine di Podolny e Baron è che la presenza di legami indiretti all interno di un network senza dubbio favorisce la mobilità professionale, poiché rende disponibili agli individui 22 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

23 buchi strutturali attraverso cui accedere a nuove risorse e opportunità. Al tempo stesso, però è la forma della struttura organizzativa che configura tali opportunità (ad esempio, definendo la durata media di permanenza nelle posizioni) come reali progressioni di carriera. Dallo studio americano emerge un ridimensionamento del ruolo del capitale umano, perché all interno di una comunità professionale caratterizzata da eguali prerequisiti è la componente sociale ad esercitate maggiore influenza sulle prospettive di carriera. Le relazioni informali che si associano al capitale sociale, tuttavia, non hanno solo valenza strumentale, ma possono fornire agli individui una posizione all interno di tale struttura, compatibile con la propria immagine di sé e le proprie aspettative di ruolo. Anche l indagine italiana, realizzata in un campione di manager pubblici e privati impiegati in enti e aziende fiorentine, era finalizzata su un simile obiettivo, quello di evidenziare la presenza di una relazione fra lo sviluppo professionale degli intervistati ed il loro capitale sociale. Come nel caso americano, anche qui la modalità di rilevazione era una survey con questionario somministrato presso aziende di medie/gradi dimensioni ma i risultati dell analisi si sono rivelati in parte diversi. In primo luogo, per quanto attiene la composizione interna del gruppo dei manager emergeva un aspetto positivo nella presenza di una certa varietà nei meccanismi di reclutamento e dei profili educativi degli intervistati. La varietà di dotazioni di capitale umano di base indicava che nonostante l elevata chiusura sociale del gruppo dirigenziale un elemento da considerare di fatto si erano evidenziati fenomeni di mobilità interna al gruppo e che anche persone con credenziali educative non elevate avevano potuto sviluppare professionalità ed accedere a posizioni di responsabilità all interno del sistema produttivo. Questo risultato mette in luce che il Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 23

24 capitale umano di origine della persona, in questo caso non molto elevato, non sempre agisce da vincolo sui percorsi di carriera: nel caso considerato si è invece arricchito lungo il percorso professionale, dando opportunità di sviluppo individuale (Erickson, 2001). A questa prima osservazione di carattere generale va affiancata quella relativa alla composizione del capitale sociale dei manager. Come atteso l indagine ha mostrato che più che dal tipo di organizzazione di appartenenza la composizione del capitale sociale dei manager è influenzato dalla situazione di lavoro. A differenza dei manager statunitensi, quelli italiani tendevano, però, ad avere molte sovrapposizioni funzionali fra i contatti nell ambiente lavorativo e quelle esterni. Ciò significa che era difficile per alcuni manager trovare figure di riferimento personale nelle frequentazioni professionali, e che per questo essi tendono a coltivare in prevalenza relazioni con i colleghi appartenenti alla stessa organizzazione. Questo risultato si differenza da quanto riportato da altre indagini (Granovetter, 1973) e segnala una preferenza (locale o culturale) per i legami deboli e per livelli di chiusura sociale abbastanza elevati. La valutazione del risultato è quindi complessa perché se da un lato la maggiore chiusura sociale presenta un vantaggio in quanto fa funzionare il capitale sociale in modo più efficiente fornendo coesione interna al gruppo, dall altro lato è anche vero che la stessa costituisce un fattore di rischio per lo sviluppo del capitale umano. L indagine italiana, tuttavia mostra come ciò valga in misura minore per coloro che partecipano attivamente all associazionismo professionale o rivestono cariche politiche, anche a livello comunale, così come per i dipendenti di aziende private. Anche nel caso italiano il capitale sociale del tipo collettivo, dunque, gioca un ruolo importante e qui non solo ai fini del raggiungimento della 24 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

25 posizione professionale ma anche per il mantenimento, l aggiornamento e lo sviluppo del capitale umano dei manager. Non per niente gli intervistati che presentano una maggiore apertura sociale sono anche quelli che attraverso la partecipazione associativa e politica hanno maggiori opportunità di acquisire esperienze su più ambiti e su diversi livelli professionali. 6 La partecipazione associativa, ed in particolare modo quella professionale, attiva infatti nuovi canali informativi attraverso cui prendere contatti con altre figure professionali, ed in tal senso consente di accedere ad opportunità di affermazione personale alternative al ruolo organizzativo, riducendo l effetto vincolante del gruppo di appartenenza ascritto. 3.2 Forme di governo organizzativo e relazioni di lavoro L ultima osservazione sull indagine italiana ci rimanda ai meccanismi operanti all interno delle organizzazioni, ed al modo in cui il processo di creazione del capitale sociale struttura un ambiente lavorativo, incentivando specifiche regole di interazione e sanzionandone altre, in modo da mantenere un certo grado di coesione e di equilibrio fra i subgruppi. Le due ricerche che prendiamo come riferimento sono state realizzate in due paesi europei, Slovenia e Francia, su campioni limitati ma con un alto grado di dettaglio. Per comprendere il rapporto fra processi di formazione dei 6 Questo aspetto è molto rilevante se si considera che fra i risultati dell indagine vi è la presenza di una relazione diretta fra la progressione di carriera, data dal numero di anni di esperienza lavorativa, e il capitale sociale dell intervistato, relazione che cambia di rilievo all interno di specifici sugbruppi collegati sia ad appartenenze ascritte (genere, classe sociale di origine) che ed alcune appartenenze di gruppo (tipo di datore di lavoro, associazionismo). In alcuni gruppi vengono così preferiti legami di maggiore intensità con persone di status pari a quello dell intervistato (donne, dipendenti privati), mentre in altri diventano figure di riferimento le persone con status più elevato (dipendenti pubblici, persone con origine familiare di classe elevata). Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 25

26 networks e capitale sociale negli ambiti professionali è infatti fondamentale avere una buona conoscenza non solo delle dinamiche di mercato e della struttura dell economia, ma soprattutto del sistema educativo e di quello politico, data la connessione di entrambi con i processi di formazione delle elites professionali. Lo studio di Frank e Yasumoto (1998) parte appunto con questa ipotesi, di analizzare all interno dell elite finanziaria francese la contiguità fra meccanismi sociali di formazione dei subgruppi e forme di controllo sociale mantenute attraverso la reciprocità di scambio (transazioni economiche, aiuto nella gestione dei casi, raccomandazioni e atti di sanzionamento. Gli autori partono con un insieme di ipotesi teoriche relative alla formazione del capitale sociale in quanto obbligazione a restituire un azione favorevole nei confronti di subgruppi di non appartenenza, ed a rinforzare mediante azioni di sostegno la fiducia interna al subgruppo di appartenenza. Si tratta di assunzioni che gli autori derivano dal lavoro di Coleman (Coleman, 1990) e che si basa sull osservazione che i processi di reclutamento dei membri dell elite finanziaria tendono a svolgersi sempre all interno della stessa istituzione (ENA). L avere lo stesso capitale umano, tuttavia, osservano gli autori non garantisce piena omogeneità fra i membri dell elite, poiché le differenze nello schieramento politico sono quelle che più contribuisco a separare ed a ricongiungere in uno stesso subgruppo, appartenenti a diverse coorti di reclutamento. Per misurare appunto il grado di omogeneità e di coesione all interno di quattro subgruppi (socialisti, centristi, destra e gruppo non orientato) gli autori analizzano la densità delle relazioni all interno ed il tipo di legami con gli altri gruppi e notano come le modalità di raggruppamento abbiano un legame con il capitale sociale che viene promosso dalla struttura 26 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

27 sociale. In particolare, si focalizza sulla presenza di azioni ostili e di azioni di supporto nei confronti degli altri gruppi e dei membri del gruppo di appartenenza. Le azioni ostili sono impiegate con minore intensità e frequenza nei confronti di individui che appartengono allo stesso subgruppo, poiché è interesse del gruppo aumentare la fiducia interna e quindi la coesione ed il controllo vigile sui membri. Al contrario, nei confronti dei membri di altri subgruppi si rileva una maggiore varietà di azioni, sia di ostilità diretta, sia di sostegno diretto perché in questo caso ciò che la struttura sociale richiede è appunto il mantenimento di un sistema di particolarismi collegato all appartenenza all elite finanziaria, in quanto gruppo di pari per capitale umano e percorsi di carriera. Anche lo studio sui manager sloveni (Rus, 1999) analizza il rapporto fra il tipo di capitale sociale sviluppato dai manager delle imprese pubbliche: il periodo di rilevazione coincide però con la transizione all economia di mercato e ciò si riflette nel tipo di rapporti intessuti dai manager rispetto alla struttura politica ed economica circostante. L alto grado di incertezza dei nuovi mercati e le ridotte dimensioni del contesto, la somiglianza di background capitale umano dei manager favorisce qui la nascita di specifiche modalità di formazione del proprio capitale sociale, come strategia di adattamento ai limiti strutturali del sistema. Analizzando la composizione di network ed il tipo di legami che i manager sloveni tendono ad adottare, Rus individua tre diverse strategie di relazione nel contesto di lavoro. Un primo tipo, definito come personalizzato, è basato su un grosso numero di relazioni estemporanee, ma ha alla base un piccolo nucleo di relazioni di amicizia professionale stabili e durature. La seconda strategia, definita di tipo istituzionale, è quella che Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 27

28 maggiormente sente l influenza delle nuove tendenze politiche e che ne ingloba i principi: i manager danno in questo caso preferenza alla gerarchia e curano con dovizia i rapporti con gli enti e le altre imprese statali. Infine, l ultima modalità è detta di tipo funzionale, che appare in parte come strategia residua per quei ruoli o posizioni di recente acquisizione o sollecitati da cambiamenti improvvisi nel mercato. Qui i legami sono principalmente di breve durata, instabili e contingenti alle necessità di risorse e di norma rivolti ad altre figure professionali senza contatti personali. Per comprendere il ruolo che svolgono i tre tipi di modalità è importante tenere conto del fatto che questo studio è stato condotto anche all interno di imprese che avevano in corso processi di privatizzazione e che per questo potevano essere maggiormente propense anche al cambiamento nei modelli di governance. Il ruolo che ha la sovrapposizione funzionale di relazioni amicali e di relazioni funzionali è in questa situazione positivo: in una situazione economica e politica caratterizzata da un alto grado di instabilità il ricorso alle amicizie, alle conoscenze ed in altri termini alle relazioni informali costituisce una possibilità di arginare e contenere l instabilità e di dare stabilità al lavoro manageriale ed all impresa. Il capitale umano del manager viene, quindi, in parte a coincidere con il suo capitale sociale e fra i due aspetti si crea un meccanismo di rinforzo reciproco che può o meno favorire l apertura verso altri ambienti professionali e quindi contesti di confronto e di sviluppo delle abilità professionali. 28 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

29 Osservazioni Conclusive Dopo avere presentato i principali risultati delle ricerche sui percorsi professionali dei manager in queste osservazioni conclusive riprenderò gli spunti del primo paragrafo riguardanti il rapporto fra capitale umano e capitale sociale. In primo luogo, gli aspetti prevalenti per la formazione del capitale sociale dei manager nei quattro paesi fanno riferimento alle quattro modalità di capitalizzazione delle relazioni personali che Lin (2001) indicava come prerequisiti per la formazione del capitale sociale e cioè i canali informativi, l influenza personale, le credenziali sociali e la reputazione. Per organizzare in modo sintetico le osservazioni sui casi può essere utile quindi raffrontarli mettendo in evidenza i meccanismi sociali che appaiono prevalenti all interno dei diversi contesti nazionali di indagine così come l elemento di criticità che la specifica struttura sociale/nazionale prefigura per il capitale umano dei manager (tabella 4). In due contesti, come nel caso dei manager italiani e di quelli francesi, sono i canali informativi ad avere un ruolo fondamentale non solo per migliorare i rapporti personali con le persone che gravitano intorno all ambiente lavorativo ristretto, siano essi ex-appartenenti al gruppo di riferimento o membri di associazioni, ma soprattutto ai fini di mantenere una dotazione di capitale sociale costante e attivabile nei momenti di necessità. Sempre rispetto alle modalità citate da Lin, l attivazione in senso positivo delle relazioni individuali è visibile nel caso dei manager sloveni dove l essere partecipi di un dato contesto lavorativo costituisce parte importante della posizione professionale. Nel caso specifico il ruolo manageriale si è infatti modificata e adattata nel contenuto e nella forma (legami con enti Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 29

30 statali piuttosto che con altre imprese private) in base alle contingenze di una fase particolare dello sviluppo economico del paese. Tabella 4- Un raffronto fra le indagini network sui manager in quattro paesi. Aspetti prevalenti per la formazione del capitale sociale Elemento critico per il capitale umano Stati Uniti Francia Slovenia Italia Credenziali sociali Flussi informativi e reputazione sociale Influenza diretta Flussi informativi Funzionalismo Particolarismo Incertezza Chiusura sociale Nel caso dei manager americani dove la mobilità per le professioni ad alta qualificazione nel settore privato risulta fortemente influenzata dai meccanismi relazionali sono, invece, rilevanti le credenziali sociali. Il rapporto fra capitale umano e capitale sociale qui è meno problematico che negli altri contesti nazionali in quanto la sovrapposizione è quasi completa e funzionale alla struttura del sistema sociale in cui gli individui si muovono. La struttura dei pattern di carriera degli intervistati, acquista valore oltre che dalle competenze professionali acquisite nelle precedenti esperienze lavorative, anche in riferimento alle relazioni sociali acquisite per mezzo di queste. Il raffronto fra i quattro casi nazionali dà anche l occasione di mettere in evidenza gli elementi critici del rapporto fra capitale umano e capitale sociale, elementi che si ritrovano citati nel corso delle indagini come vincoli allo sviluppo di carriera ed in generale all esercizio del ruolo manageriale in sé. Nel caso della Francia, le modalità di reclutamento e il tipo di capitale sociale che si struttura all interno dell elite finanziaria rendono critico l esercizio di particolarismi. Il sistema delle obbligazioni e delle reciprocità, 30 Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali

31 infatti, pur aumentando la coesione interna al gruppo allargato è a rischio di frazionamento interno e può impedire lo sviluppo dei percorsi di carriera in modo individualizzato. Paradossalmente, un simile rischio è evidenziato anche nel sistema americano dove l eccessiva enfasi sulla strumentalità delle relazioni personali può spingere i manager a progettare un percorso di sviluppo personale che non tenga conto delle specificità organizzative del contesto in cui si esercita il proprio ruolo, e quindi ad una spersonalizzazione del proprio capitale umano e sociale. Il caso italiano e quello sloveno, invece, condividono delle criticità che sono contingenti alla situazione storica (incertezza economica e politica nel caso della Slovenia) ed all ambiente organizzativo (chiusura all interno del proprio gruppo professionale, nel caso italiano). Si tratta di elementi di ostacolo allo sviluppo del capitale umano come a quello sociale che non sono direttamente affrontabili: le strategie di differenziazione dei propri contatti e riferimenti culturali adottate sul fronte professionale (Slovenia) e su quello personale (Italia) riflettono appunto la difficoltà di individuare all interno della struttura lavorativa delle soluzioni collettive. Dal confronto complessivo fra le indagini sui manager nei diversi paesi emerge, dunque, che il rapporto fra gli aspetti prevalenti per la formazione del capitale sociale all interno di uno specifico contesto sociale e gli elementi critici per il capitale umano possono risultare maggiormente complessi di quanto inizialmente l analisi di Coleman (1988), per citare l autore che per primo ha messo in evidenza le potenzialità di cooperazione fra capitale umano e capitale sociale, aveva prefigurato. La scelta di una specifica metodologia di indagine come l analisi dei network ha, in questo senso, consentito di approfondire un tipo di relazione che non sempre è evidente nell analisi dei percorsi di carriera lavorativa: quello Capitale sociale e capitale umano nei percorsi professionali manageriali 31

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli