Renzo Derosas. Analisi delle reti: breve visita guidata.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Renzo Derosas. Analisi delle reti: breve visita guidata."

Transcript

1 Renzo Derosas Analisi delle reti: breve visita guidata. Una rete non è altro un insieme di nodi e delle relazioni che li collegano. Secondo il contesto disciplinare, i nodi sono anche chiamati attori o vertici, e le relazioni legami o archi. I nodi possono essere individui, computer, luoghi, molecole, cellule, stati, famiglie, le parole di un testo, società per azioni, mercati, autori, ecc. Altrettanto vari sono i tipi di relazione: economica, di amicizia, lavoro, contatto, prossimità, collaborazione, partecipazione, scambio, e così via. Ci sono pochi aspetti della realtà che non si prestino a essere rappresentati come una rete di nodi e relazioni. Dare una definizione dell analisi delle reti non è altrettanto agevole. È certo riduttivo considerarla solo come una metodologia, una specie di cassetta degli attrezzi cui ricorrere di tanto in tanto. D altro canto non è neppure appropriato definirla come una disciplina a sé stante. Dato che l analisi delle reti è utilizzata in una grande varietà di ambiti scientifici diversi, dalla matematica alla psicologia, l economia, la fisica, l epidemiologia, la chimica, la sociologia, l ingegneria, l informatica, e così via, parlerei piuttosto di una meta- disciplina, ammesso che un termine del genere abbia senso, o forse di un paradigma scientifico, nell accezione kuhniana di un complesso condiviso di principi, concezioni culturali e scientifiche, procedimenti metodologici, modalità di comunicazione e trasmissione delle teorie e dei risultati. Il paradigma dell analisi delle reti si fonda sull assunzione che per comprendere un fenomeno si debba tener conto in primo luogo del contesto relazionale in cui si colloca. In alcuni casi un simile principio può apparire scontato. Per esempio, lo sviluppo di un epidemia è strettamente determinato dalle modalità con cui gli individui di una popolazione si muovono, usando le reti dei trasporti, ed entrano in contatto tra loro, in base alle reti di relazioni sociali in cui sono inseriti (Ames et al. 2011). In altri casi l influenza del contesto relazionale è meno ovvia. In uno studio ormai classico del 1957, uno dei primi a utilizzare un approccio relazionale, Elizabeth Bott ha mostrato che la densità delle reti sociali di alcune famiglie operaie londinesi si rifletteva direttamente sul grado di segregazione dei rispettivi ruoli domestici: tanto più dense erano le reti fuori di casa, tanto più segregati i ruoli in casa. Infatti l appartenenza a gruppi coesi comporta, oltre ai vantaggi di un maggiore capitale sociale su cui fare affidamento in caso di bisogno, anche gli svantaggi di un controllo sociale più assiduo, e dunque la necessità di aderire ai modelli culturali dominanti. Innumerevoli studi hanno convalidato questa ipotesi, per esempio in campo demografico: dove le relazioni sociali sono più dense, la fecondità tende a mantenersi elevata e

2 l adozione di forme di pianificazione familiare risulta più difficile (Madhavan et al. 2003). Estendendo ancora questo punto di vista, Renzulli et al. (2000) hanno dimostrato che i piccoli imprenditori le cui reti sociali sono formate prevalentemente da parenti hanno maggiore difficoltà ad emergere, rispetto a coloro che sono inseriti in gruppi eterogenei e al cui interno il numero delle donne è maggiore. Un altro esempio di un effetto apparentemente controintuitivo del contesto relazionale viene da un saggio altrettanto famoso di Mark Granovetter (1973, ed. it. 1998) sulle fonti utilizzate nella ricerca di un lavoro. Granovetter ha evidenziato che le informazioni decisive affluiscono molto più spesso da persone con le quali si hanno legami deboli (cioè occasionali, discontinui), anziché da amici e parenti con i quali si hanno legami forti (frequenti, sistematici), benché questi siano più motivati a fornire un aiuto. Il motivo è che è improbabile che da persone della propria cerchia, dove le conoscenze sono condivise e ridondanti, possano provenire informazioni significative. Così come per la densità dei legami sottolineata dalla Bott, la forza dei legami deboli teorizzata da Granovetter si è rivelata una delle teorie più feconde nell analisi delle reti ed è stata confermata da molte ricerche empiriche, anche in ambiti diversi da quelli per i quali è stata originalmente formulata. Per esempio, si è rilevato che anche nelle epidemie i legami deboli giocano un ruolo fondamentale nel trasportare il virus verso settori vergini della popolazione: più legami deboli ci sono, più veloce sarà la propagazione della malattia e più lontane le località raggiunte (Köhler 2004). Considerazioni di questo genere sono anche alla base di algoritmi sviluppati per garantire in modo efficiente la diffusione di messaggi (commerciali, politici, ) in reti che sono troppo numerose e complesse per consentire una distribuzione sistematica o indifferenziata (Newman 2003). Potrebbe quindi essere ingenuo ritenere che i cosiddetti fenomeni virali che attraversano internet siano sempre originati da iniziative democratiche che partono dal basso. Chi fosse interessato alle caratteristiche matematiche di questi processi e al loro carattere pervasivo può trovare una stimolante introduzione in Lampi l originale inglese è più precisamente intitolato Bursts (scoppi, esplosioni), a sottolineare il carattere discontinuo e dirompente delle dinamiche di rete del fisico Albert- László Barabási (2011), uno dei maggiori esperti del settore. L autore illustra con diversi esempi un aspetto ben noto a chi si occupa di reti, vale a dire il carattere complementare di aree a forte densità relazionale, secondo le intuizioni della Bott, con i legami- ponte la cui funzione è stata illustrata da Granovetter. In effetti, si può

3 dimostrare anche formalmente (in base una teoria detta della triade proibita ), ed è stato più volte verificato empiricamente, che i legami- ponte sono necessariamente legami deboli (Easley e Kleinberg 2010 cap. 3). Qui è interessante soprattutto notare come queste caratteristiche formali abbiano a loro volta ispirato l analisi di fenomeni di natura diversa, come ad esempio certi processi politici e sociali. Era stato lo stesso Granovetter a suggerire per primo una simile estensione, riconsiderando la vicenda della comunità italiana del West End di Boston, incapace di resistere al progetto di rinnovamento urbano che avrebbe portato alla sua distruzione, nonostante il forte grado di coesione interna che la caratterizzava (Gans 1962). Granovetter aveva ipotizzato che tale esito fosse paradossalmente dovuto proprio all eccessiva coesione dei suoi reticoli sociali e all assenza di ponti locali tra sottogruppi, caratteristiche che avrebbero reso difficili la formazione di leadership riconosciute e l organizzazione di efficaci azioni di contrasto. Purtroppo Granovetter non disponeva dei dati necessari per convalidare empiricamente la sua interpretazione, tuttavia le sue intuizioni sui rapporti tra strutture relazionali e processi politici sono state poi riprese da altri studiosi. Qui vale la pena di citare almeno il lavoro di John Padgett e Christofer Ansell (1993), che rappresenta una delle più interessanti applicazioni di analisi delle reti alla ricerca storica. I due autori hanno interpretato l ascesa al potere di Cosimo il Vecchio e la sconfitta della fazione oligarchica con le diverse strutture relazionali dei due partiti: quello mediceo, caratterizzato da sottogruppi separati e collegati da legami deboli, sarebbe stato più facile da controllare e mobilitare di quello oligarchico, attraversato invece da legami forti e coesi che finivano però col risultare paralizzanti quando si trattava di organizzare un azione politica efficace. Mi sono soffermato su questi pochi esempi per spiegare cosa intendo definendo l analisi delle reti come una meta- disciplina : in effetti, essa si pone in una sorta di crocevia, dove interagisce con altre discipline che ne adottano il paradigma. Questa interazione ha portato progressivamente a definire concetti e sviluppare strumenti che possono essere poi trasferiti in contesti completamente diversi da quelli originali. La densità delle reti, la forza dei legami, l esistenza di sottogruppi coesi, la centralità (variamente misurata), il ruolo di intermediazione, l equilibrio, l omofilia, la segregazione, la presenza di buchi strutturali, la resilienza, sono solo alcuni di questi concetti, che consentono di descrivere in modo preciso le caratteristiche strutturali delle reti e il loro funzionamento. Molti altri esempi si potrebbero fare, ma qui vale soprattutto la pena di sottolineare che questa elaborazione teorica e questo sviluppo metodologico sono

4 tutt altro che conclusi. Al contrario, proprio la crescita esponenziale delle reti informatiche ha stimolato una straordinaria fioritura di nuovi studi e aperto nuove frontiere fino a pochi anni fa del tutto impensabili. Barabási (2012) è arrivato a prevedere un vicino network takeover, vale a dire il sorpasso da parte della Network Science come nuovo paradigma per lo studio scientifico della complessità. I libri divulgativi dello stesso Barabási (2004, 2010) sono ricchi di esempi di questi sviluppi, ma qui preferisco limitarmi a un caso particolarmente curioso: si è visto recentemente che studiando alcune modalità di accesso a Google è possibile prevedere l andamento e l intensità delle pandemie influenzali con maggiore anticipo e precisione e con minori costi di quanto consentito dai modelli epidemiologici del Center for Disease Control del governo americano (Cook et al. 2011). Questa possibilità di varcare in continuazione i confini disciplinari, trasferendo concetti e metodi da un campo di studio all altro, costituiscono uno degli aspetti più interessanti e stimolanti dell analisi delle reti. Ne consegue che ispirazione e riferimenti possono essere trovati nei contesti più differenti, e che gli stessi ricercatori sono spinti ad affrontare questioni che escono dal loro campo di formazione accademica. Il miglior studio sull epidemia di colera che ha colpito Haiti dopo il terremoto del 2010 è opera di Andrea Rinaldo, professore di ingegneria idraulica all università di Padova (Rinaldo et al. 2012). John Padgett è un ingegnere elettrico divenuto poi professore di sociologia e storia, e ultimamente di economia e scienze politiche. La stessa Elizabeth Bott è un antropologa specializzatasi in psicoanalisi kleiniana. Va però anche sottolineato che questa trasferibilità mantiene una precisa connotazione teorica che è specifica di questo paradigma. L analisi delle reti è decisamente theory- driven: le caratteristiche strutturali delle reti non possono essere interpretate ex- post, a seconda delle necessità o dell opportunità. Anche se naturalmente è del tutto possibile effettuare analisi esplorative o descrittive, ogni scelta deve essere teoricamente motivata e deve guidare la ricerca sulla base di esplicite assunzioni teoriche, che si intendono convalidare empiricamente. Più precisamente, ci sono due livelli teorici che si incontrano: da una parte, quello disciplinare che motiva una ricerca empirica; dall altra, quello specifico dell analisi delle reti che fornisce concetti e strumenti sulle meccanismi relazionali. Per esempio, nel saggio citato di Padgett e Ansell, convergono le teorie sulla dinamica dei processi politici e l organizzazione della leadership, da una parte, e quelle sulla densità delle reti, la funzione dei legami deboli e altre ancora, che descrivono il funzionamento delle reti in generale, vale a dire a prescindere dall applicazione specifica nello studio dei processi politici. Il caso di Cosimo il Vecchio rappresenta una verifica empirica di

5 entrambi queste dimensioni teoriche. In definitiva, prima di intraprendere una ricerca basata sull analisi delle reti, è necessario porsi due domande precise: quali sono i presupposti teorici (disciplinari) della mia indagine? Il paradigma relazionale è coerente con tali presupposti? Solo dopo aver risposto a queste domande si può procedere ulteriormente, identificando attori, relazioni, misure, e così via, a loro volta coerenti con il proprio progetto. Concludo con alcune indicazioni bibliografiche, con l ovvia avvertenza che si tratta di scelte personali e lontanissime da qualsiasi pretesa di completezza. Un modo ragionevole per accostarsi all analisi delle reti è di ripercorrerne la storia. I primi capitoli di Scott (1997) e l introduzione di Piselli (1995) sono egualmente utili, anche se non aggiornati agli sviluppi più recenti. Piselli ha poi una dichiarata antipatia per l analisi formale delle reti e per i suoi aspetti più complessi, che considera come una sorta di degenerazione patologica ( quantofrenia ). In realtà, è evidente che l analisi delle reti semplicemente non ha senso se viene spogliata delle sue caratteristiche matematico- formali. Il libro di Scott è anche utile per una prima, elementare introduzione ad alcuni concetti base dell analisi delle reti: purtroppo l intento didascalico va a scapito della capacità di stimolare idee su possibili utilizzi dei metodi esposti. Knoke e Kuklinski (1982) rappresentano una possibile alternativa a Scott come introduzione all analisi delle reti. Di gran lunga più interessante ma anche più complesso il testo di Easley e Kleinberg (2010). Per una trattazione sistematica credo che l opera migliore resti comunque quella di Wasserman e Faust (1998), che costituisce uno strumento indispensabile per chi voglia affrontare l analisi delle reti, sia per gli aspetti metodologici sia per quelli sostanziali. Mancano alcuni degli sviluppi più recenti in questo settore, ma le sue 800 pagine sono più che sufficienti a soddisfare le esigenze di ricercatori anche particolarmente evoluti. Lo consiglio caldamente a chiunque intenda seriamente utilizzare questo approccio. Per quanto riguarda invece l applicazione dell analisi delle reti alla ricerca storica, gli esempi che si possono fare non sono purtroppo particolarmente numerosi. Il saggio citato di Padgett e Ansell (1993) è senz altro un caso interessante, ma richiede la conoscenza di alcuni aspetti metodologici non molto semplici. Padgett e Powell (2012) hanno appena pubblicato un volume molto ambizioso, che si propone di interpretare i processi di formazione dei mercati e delle organizzazioni sociali come processi chimici di autocatalisi, a conferma della caratteristica meta- disciplinare dell analisi delle reti: tra i casi di studio, la nascita delle banche mercantili nella Toscana del 200, le compagnie per azioni nelle Provincie Unite del 600, i mercati finanziari nella Russia di Yeltsin.

6 Altri studi sono certamente più accessibili, anche se non del tutto privi di difficoltà. Eccone un breve elenco. Snyder e Kick (1979) mostrano il rapporto tra la posizione dei diversi paesi nel sistema delle relazioni internazionali e la loro crescita economica tra 1955 e Rosenthal et al. (1985) analizzano le reti di relazione tra i movimenti femministi nello stato di New York nell Ottocento. Gould (1991, 1995) spiega le diverse capacità di resistenza dimostrata dai quartieri parigini durante la Comune con le relazioni di solidarietà create nella militanza nella Guardia nazionale. Schweizer (1991) interpreta come scontro tra fazioni la lotta politica in una comunità cinese dal 1950 al In uno studio molto interessante, Bearman (1993) interpreta la guerra civile inglese nel Norfolk alla luce delle relazioni di parentela della gentry. Lombardini (1996) mette in relazione la diversa struttura dei legami di parentela e la propensione alla rivolta antifiscale in tre comunità piemontesi a metà 600. Hedström et al. (2000) studiano l affermazione del Partito Socialdemocratico svedese tra fine 800 e primo 900 come una forma di contagio attivato da militanti agitatori. Warner e Ivis (2001) confrontano le reti di due gruppi di informatori della polizia nella Londra del 700. Grange (2005) ricostruisce i legami matrimoniali dell alta borghesia ebraica parigina a fine 800. Munno (2005) analizza le reti formate dalle parentele spirituali nella comunità operaia di Follina nel corso dell Ottocento. Musacchio e Read (2007) confrontano le reti degli imprenditori messicani e brasiliani durante la prima fase di industrializzazione di questi paesi, suggerendo che la densità e chiusura delle reti messicane abbiano favorito la rivoluzione del McLean (2007) si occupa della rete di patronage nella Firenze del Rinascimento, anche se di analisi formale c è in realtà molto meno di quanto prometta il titolo del libro. Anche Guzzi- Heeb (2009) studia le parentele spirituali un tema popolare negli ultimi tempi e le loro connessioni con le fazioni che si contendono il potere in una vallata svizzera nello stesso periodo. Haggerty e Haggerty (2010) illustrano le reti di affari dei Quaccheri nel 700. Derosas e Munno (2010) analizzano le relazioni di parentela all interno della nobiltà venetà tra fine 700 e primo 800. Alfani e Munno (2012) riprendono il tema delle parentele spirituali per Nonantola nel Mi fermo qui. Questa carrellata è tutt altro che esaustiva, e si basa sulla conoscenza diretta, e quindi sull accessibilità, della letteratura. Credo però che sia sufficiente a mostrare come anche in campo storico sia possibile affrontare un ampia varietà di temi usando il paradigma relazionale. Tra l altro, ho volutamente omesso alcuni filoni collaterali, per così dire, come l analisi testuale, che possono in realtà interessare anche gli storici, e perfino l analisi letteraria. Vale comunque la pena notare che la maggior parte di questi lavori è uscita in riviste di economia o di sociologia, mentre le riviste di storia sono quasi del tutto assenti. È un segno

7 eloquente di una forte difficoltà dell analisi delle reti a conquistare un posto riconosciuto nel panorama culturale e metodologico della storia. I motivi sono facili da intuire. Da una parte, l analisi delle reti è particolarmente esigente per quanto riguarda la disponibilità di dati relazionali, che non sono sempre facile da acquisire in ambito storico. Bisogna tener conto del fatto che la carenza di informazioni può comportare una distorsione dei risultati molto più grave che nel caso degli approcci statistici tradizionali caso- variabile, per i quali esistono diversi modi di gestire opportunamente i dati mancanti. Non è certo un caso che diverse indagini storiche si basino sulle reti di parentela, molto più facili da ricostruire con soddisfacente completezza. Quando si tratta di relazioni di diversa natura, l impresa può riuscire molto più impegnativa. D altra parte, l analisi delle reti è piuttosto esigente anche dal punto di vista tecnico, comportando una certa difficoltà di non semplicissima acquisizione. Infine occorre riconoscere che il suo livello di formalizzazione la rende poco spendibile da un punto di vista accademico, forse più in Italia che in altri paesi. Ma questo è un problema che riguarda in generale l utilizzo di metodi quantitativi.

8 Software Esistono diversi pacchetti che fanno analisi delle reti. Uno dei più famosi è Ucinet. Può essere scaricato gratuitamente per un periodo di prova di due mesi, dopo di che smette di funzionare (lascio ai maliziosi indovinare come si può aggirare l ostacolo). Gira solo su Windows. Il sito ufficiale è: https://sites.google.com/site/ucinetsoftware/ Un altro programma molto popolare è Pajek (ragno in sleveno). Solo per Windows (Pajek è anche contenuto in Ucinet). È gratuito e può essere scaricato dal sito: lj.si/pub/networks/pajek/ NodeXL è ispirato a Excel, gratuito, open source, in versione beta. Solo su Windows. La visualizzazione dei grafi è spesso (ma erroneamente) considerata uno degli aspetti fondamentali dell analisi delle reti. Se si usa Ucinet, questo è associato a Netdraw, abbastanza semplice ed efficace. Un ottima alternativa è Gephi, gratuito, multipiattaforma e molto efficace. Oltre che disegnare reti, consente anche di effettuare numerose analisi. Il sito è: https://gephi.org/ Infine Sonia: Social Network Image Animator, è molto interessante perché consente di visualizzare network dinamici, che evolvono cioè nel corso del tempo. Gratuito e multipiattaforma. Per tutti questi programmi si trova in rete ricchissima documentazione, tutorial, manuali. Per alcuni vi sono anche gruppi di discussione di utenti. Conviene citare almeno il manuale di Robert A. Hanneman e Mark Riddle, Introduction to social network methods, utile sia come introduzione a Ucinet sia all analisi delle reti. Forse il testo da cui conviene cominciare.

9 Riferimenti bibliografici Alfani, Guido, Cristina Munno Godparenthood and Social Networks in an Italian Rural Community: Nonantola, Sixteenth- Seventeenth Centuries. In Spiritual Kinship in Europe, , edited by Guido Alfani and Vincent Gourdon. Basingstoke: Palgrave MacMillan, pp Ames, M. Gregory, Dylan B. George, Christian P. Hampson, Andrew R. Kanarek, Cayla D. McBee, Dale R. Lockwood, Jeffrey D. Achter, and Colleen T. Webb Using network properties to predict disease dynamics on human contact networks. Proceedings of the Royal Society B. 278: Barabási, Albert- László Link: la scienza delle nuove reti. Torino: Einaudi. Barabási, Albert- László Lampi. La trama nascosta che guida la nostra vita. Torino: Einaudi. Barabási, Albert- László The network takeover. Nature Physics. 8: Bearman, Peter S Relations Into Rhetorics: Local Elite Social Structure in Norfolk, England, New Brunswick (NJ): Rutgers University Press. Bott, Elizabeth Family and social network : roles, norms, and external relationships in ordinary urban families. London: Tavistock. Cook, Samantha, Corrie Conrad, Ashley L. Fowlkes, and Matthew H. Mohebbi Assessing Google Flu Trends Performance in the United States during the 2009 Influenza Virus A (H1N1) Pandemic. PLoS ONE 6(8): 1-8. Derosas, Renzo, Cristina Munno La nobiltà veneta dopo la caduta della Repubblica: verso la costruzione di un'élite regionale?. Ateneo Veneto. 197: Easley, David, and Jon Kleinberg Networks, crowds, and markets : reasoning about a highly connected world. New York: Cambridge University Press. Gans, Herbert J The urban villagers: Group and class in the life of Italian- Americans. New York: Free Press of Glencoe. Gould, Roger V Multiple Networks and Mobilization in the Paris Commune, American Sociological Review, 56(6): Gould, Roger V Insurgent Identities : Class, Community, and Protest in Paris from 1848 to the Commune. Chivago: University of Chicago Press. Granovetter, Mark La forza dei legami deboli e altri saggi. Napoli: Liguori. Grange, Cyril Les réseaux matrimoniaux intra- confessionnels de la haute bourgeoisie juive à Paris à la fin du XIXe siècle. Annales de Démographie Historique. 1: Guzzi- Heeb, Sandro Kinship, ritual kinship and political milieus in an alpine Valley in 19th century. History of the Family. 14: Haggerty, John, Sheryllynne Haggerty Visual Analytics of an Eighteenth- Century Business Network. Enterprise & Society. 11(1): Hedström, Peter, Rickard Sandell, and Charlotta Stern Mesolevel Networks and the Diffusion of Social Movements: The Case of the Swedish Social Democratic Party. American Journal of Sociology. 106(1): Knoke, David, and James H. Kuklinski Network analysis. Beverly Hills: Sage.

10 Köhler, Benedikt Weak Ties, Modern Epidemics, and WorldSociety. Connections 26(1): Lombardini, Sandro Family, kin, and the quest for community: A study of three social networks in early- modern Italy. The History Of The Family. 1(3): McLean, Paul D The Art of the Network: Strategic Interaction and Patronage in Renaissance Florence. Durham: Duke University Press. Madhavan, Sangeetha, Alayne Adams, Dominique Simon Source Women's Networks and the Social World of Fertility Behavior. International Family Planning Perspectives. 29 (2): Munno, Cristina Prestige, intégration, parentèle : réseaux de parrainage dans une communauté ouvrière vénitienne ( ), Annales de Démographie Historique. 1: Musacchio, Aldo, Ian Read Bankers, Industrialists, and their Cliques: Elite Networks in Mexico and Brazil during Early Industrialization. Enterprise & Society. 8(4): Newman, M. E. J Fast algorithm for detecting community structure in networks. arxiv:cond- mat/ [cond- mat.stat- mech]. Padgett, John F., and Christopher K. Ansell Robust action and the rise of the Medici, American Journal of Sociology. 98(6): Padgett, John F., and Walter W. Powell The emergence of organizations and markets. Princeton: Princeton University Press. Piselli, Fortunata (ed.) Reti. L'analisi di network nelle scienze sociali. Roma: Donzelli Editore. Renzulli, Linda A., Howard Aldrich, James Moody Family Matters: Gender, Networks, and Entrepreneurial Outcomes. Social Forces. 79(2): Rinaldo, Andrea, Enrico Bertuzzo, Lorenzo Mari, Lorenzo Righetto, Melanie Blokesch, Marino Gatto, Renato Casagrandi, Megan Murray, Silvan M. Vesenbeckh, and Ignacio Rodriguez- Iturbe Reassessment of the Haiti cholera outbreak and rainfall- driven multiseason projections. PNAS. 109(17): Rosenthal, Naomi, Meryl Fingrutd, Michele Ethier, Roberta Karant, and David McDonald Social Movements and Network Analysis: A Case Study of Nineteenth- Century Women's Reform in New York State. American Journal of Sociology. 90(5): Schweizer, Thomas The Power Struggle in a Chinese Community, : A Social Network Analysis of the Duality of Actors and Events. Journal of Quantitative Anthropology. 3: Scott, John L'analisi delle reti sociali. Roma: La Nuova Italia Scientifica. Snyder, David, and Edward L. Kick Structural position in the world system and economic growth, : A multiple network analysis of transnational interactions. American Journal of Sociology. 84(5): Warner, Jessica, and Frank J. Ivis Informers and Their Social Networks in Eighteenth- Century London: A Comparison of Two Communities. Social Science History. 25(4): Wasserman, Stanley, and Katherine Faust Social Network Analysis. Methods and Applications. Cambridge: Cambridge University Press.

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari

L ANALISI DELLE RETI SOCIALI. Obiettivi. Programma. Destinatari L ANALISI DELLE RETI SOCIALI Obiettivi Il corso intende illustrare i principali aspetti teorici e metodologici relativi all analisi delle reti sociali (Social Network Analysis), fornendo conoscenze e competenze

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social Network & Social Network Analisys Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Rete? L insieme delle relazioni. esistenti tra entità Social Network, Social Network

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale

Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale Piero Attanasio Associazione Italiana Editori piero.attanasio@aie.it Con la collaborazione di Marina Micheli - Università Bicocca di Milano

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

PRESENTAZIONE Time & Mind

PRESENTAZIONE Time & Mind PRESENTAZIONE Time & Mind Febbraio 2008 Time & Mind srl C.so Svizzera, 185 10149 Torino T +39 011 19505938 www.timeandmind.com - info@timeandmind.com Ecosistemi Digitali al servizio delle aziende L agenzia

Dettagli

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Parole Chiave Strategic Entrepreneurship Imprenditorialità Reticolare Structural Holes Divisione del Lavoro Network Innovation Management Apprendimento Territoriale 20 L

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie Marketing e Strategie Marketing e Strategie INDICE 1. IL METODO DEL CHECK UP Pag. 3. 2. I RISULTATI Pag. 5 3. IL CONFRONTO CON GLI ALTRI Pag. 10 4. AREE DI MIGLIORAMENTO Pag. 12 5. PROSSIMI PASSI Pag.

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Open Access o libertà del software

Open Access o libertà del software Open Access o libertà del software La questione della libertà del software è solo in minima parte un problema tecnico. Dai computer e dalla rete dipende una parte della nostra capacità di conservare e

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009 Ing. Gianluca Murgia murgia@unisi.it Milano 29/04/2009 Sommario Definizione di Social Network Analysis Tipologie di social network Costruzione di una social network Principali indicatori SNA Perché applicarla

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi

PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi (aggiornamento marzo 2010) 1. Tesi A-011 : Aziende europee che ipercrescono: determinanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

UniMC Facoltà di Lettere Filosofia Corso di informatica umanistica

UniMC Facoltà di Lettere Filosofia Corso di informatica umanistica UniMC Facoltà di Lettere Filosofia Corso di informatica umanistica a.a. 2009/2010 Prof. Pierluigi Feliciati pierluigi.feliciati@unimc.it MODULO zero Cos'è l'informatica umanistica? 1 Nel 1946 Roberto Busa,

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

Analisi della Costruzione Partecipativa di un Wiki con un Applicazione a Wikipedia

Analisi della Costruzione Partecipativa di un Wiki con un Applicazione a Wikipedia POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Analisi della Costruzione Partecipativa di un Wiki con un Applicazione a Wikipedia Tesi di laurea

Dettagli

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Riassunto IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Anna Bertoni Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Questa ricerca ha voluto verificare se e in quali condizioni

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Recensione del volume: The Microstructure of Financial Markets F. DE JONG E B. RINDI Cambridge University Press, 2009 a cura di Emilio Barucci * Politecnico di Milano Il libro di

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING PROGRAMMAZIONE + COMPETENZE TEORICHE TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Cos è il marketing Definizioni e termini fondamentali La customer satisfaction Oltre a questi argomenti

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA Cosa vuol dire R&D? R&D significa prima di tutto innovazione, nuove tecnologie, nuove idee. Ma concretizzare le innovazioni richiede investimenti a volte

Dettagli

Luciano De Menna Vittorio Pironti Editore Napoli

Luciano De Menna Vittorio Pironti Editore Napoli Luciano De Menna Elettrotecnica Vittorio Pironti Editore Napoli PSpice e Probe sono marchi registrati della MicroSim Corporation Copyright 1998 by Vittorio Pironti Editore, 209/217, via Lago Patria - Giugliano

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Intelligenza Artificiale. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1. Introduzione

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Intelligenza Artificiale. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1. Introduzione Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1 Introduzione Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Se il progresso tecnico non è lo stesso in tutti i paesi le conclusioni non valgono.

Se il progresso tecnico non è lo stesso in tutti i paesi le conclusioni non valgono. CONVERGENZA Il modello neoclassico prevede: convergenza condizionata: la convergenza nei livelli di reddito per addetto è condizionata dalla propensione al risparmio s. convergenza assoluta: prevede la

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO CLASSI CORSI AFM, RIM, SIA BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: PAGETTI, GOI NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE I QUADRIMESTRE

Dettagli

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La ricchezza immateriale Giornata della proprietà intellettuale Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro On. Prof. Antonio Marzano CNEL Roma, 29 aprile 2011 1. La Ricchezza

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE Curriculum: Esperto di formazione a distanza DISSERTAZIONE FINALE Raccontami :

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx xxxxxxxxx xxxxxxxxxx La rete territoriale nel gambling e possibili integrazioni A cura di Arezzo, 11 maggio 2007 1 Obiettivi del contributo fornire alcuni elementi generali sulle reti sociali introdurre

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Discrepancy between objective and subjective measures of job stress and sickness absence

Discrepancy between objective and subjective measures of job stress and sickness absence Discrepancy between objective and subjective measures of job stress and sickness absence by David H Rehkopf, ScD, MPH, Hannah Kuper, ScD, Michael G Marmot, PhD, MD Scand J Work Environ Health 2010;36(6):449

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità

Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità Parliamo di noi 124 anni di storia al servizio del territorio Attenzione ai bisogni della clientela Connotazione Locale Professionalità del Personale

Dettagli

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop È ORA di diventare GRANdI MASTER IN GRAPHIC design CERTIFIED ASSOCIATE AbC formazione PROfESSIONALE Via Pisanelli,

Dettagli

Comunicare.com CORSO INTEGRATO DI COMUNICAZIONE E INFORMATICA

Comunicare.com CORSO INTEGRATO DI COMUNICAZIONE E INFORMATICA CORSO INTEGRATO DI COMUNICAZIONE E INFORMATICA PERCHÉ È UTILE? Il corso serve ad essere più efficaci nel proprio modo di comunicare abbinando competenze comunicative e competenze informatiche. CHE COSA

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Network complessi e modelli. Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino

Network complessi e modelli. Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino Network complessi e modelli Rossano Gaeta Università degli Studi di Torino Sommario Introduzione Proprietà network complessi Modelli matematici per la rappresentazione Grafi regolari Grafi random Small

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE Negli ultimi anni si è compreso che sistemi anche molto diversi tra loro possono essere efficacemente descritti in termini di cosiddetti "networks" o reti complesse.

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Costruire i territori digitali Le analisi di Rur e Censis sulle città digitali, partendo dai

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali Studenti che hanno conseguito la laurea specialistica nell anno solare 2009 Questa indagine statistica

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 29-Analisi della potenza statistica vers. 1.0 (12 dicembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

LINK Collana di Scienza politica e Relazioni internazionali

LINK Collana di Scienza politica e Relazioni internazionali LINK Collana di Scienza politica e Relazioni internazionali 3 Link è una collana di studi politologici che si propone di ospitare contributi sui temi di maggior interesse della Scienza politica e delle

Dettagli

Statuto. 2. 6 Pari opportunità

Statuto. 2. 6 Pari opportunità Statuto 2. 6 Pari opportunità a) L Ateneo si impegna a garantire il rispetto del principio costituzionale delle pari opportunità nell accesso agli studi, nel reclutamento del personale e nelle progressioni

Dettagli

Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri

Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri Testo: Art. 5. (Attività di volontariato, di promozione sociale e di mutuo soccorso) 1. Con i decreti legislativi di cui all'articolo

Dettagli