Il presente volume è stato prodotto nell ambito del progetto PPTIE, promosso dal Ministero degli Affari Esteri presso la Direzione Generale per gli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il presente volume è stato prodotto nell ambito del progetto PPTIE, promosso dal Ministero degli Affari Esteri presso la Direzione Generale per gli"

Transcript

1

2 Il presente volume è stato prodotto nell ambito del progetto PPTIE, promosso dal Ministero degli Affari Esteri presso la Direzione Generale per gli Italiani all Estero e le Politiche Migratorie (DGIEPM), co-finanziato dal Fondo Sociale Europeo e realizzato dal Centro Internazionale di Formazione dell ILO, con il coordinamento scientifico del Dipartimento di Sociologia e Comunicazione dell Università degli Studi di Roma La Sapienza (Dicembre 2006).

3 Indice Capitolo primo - Gli italiani residenti all estero e le migrazioni qualificate Le tante diaspore italiane Gli italiani all estero oggi e le migrazioni qualificate Le migrazioni qualificate Le migrazioni qualificate italiane 20 Capitolo secondo - Reti sociali e sviluppo territoriale: la rete degli esperti italiani all estero Verso una società delle reti Social Network Analysis e reti di competenze a supporto dei partenariati internazionali La prospettiva metodologica della Social Network Analysis La rete di competenze degli esperti italiani all estero Il percorso metodologico seguito L oggetto di ricerca: una tipologia di esperto italiano all estero Articolazione geografico-territoriale e organizzativa del contesto di ricerca La popolazione degli esperti italiani all estero Tecnica e strumento di rilevazione I risultati della ricerca Il modello di analisi I rispondenti: alcune riflessioni generali La provenienza geografica e la mobilità territoriale degli esperti Il reticolo geografico La condizione professionale degli esperti Il reticolo professionale e organizzativo Ruolo professionale e relazioni lavorative esterne Le aree di competenza degli esperti: network e connessioni La partecipazione ad eventi e/o progetti in materia di partenariati internazionali 91 1

4 Conoscenza e legami con altri esperti italiani all estero I nodi centrali della rete degli esperti La mappa delle competenze della rete Osservazioni conclusive 106 Capitolo terzo - Il ruolo delle nuove tecnologie nella creazione delle reti di persone Premessa Lo scenario dei nuovi metodi di lavoro Produrre conoscenza, non oggetti Le caratteristiche del lavoro cooperativo in rete Il sistema di lavoro cooperativo per i progetti con gli italiani residenti all estero Osservazioni conclusive 122 Capitolo quarto - Gli italiani famosi all estero Premessa Robert Viscusi Regina Barreca Connie Fierravanti Wells Nancy Pelosi Gaetano Gagliano Gesualdo Ma struzzo Charly Chiarelli Antonio D Alfonso William Donato Phillips Charles Gargano Rudolph Giuliani Angelo Mozilo Dennis Tito Antonio Caruso Pietro Scalia 156 Bibliografia 158 Allegato Allegato

5 Capitolo primo - Gli italiani residenti all estero e le migrazioni qualificate 1.1 Le tante diaspore italiane L emigrazione e il processo di integrazione delle comunità italiane all estero sono da tempo oggetto di studio delle scienze umane, per via della grande rilevanza che questo fenomeno ha avuto per lo sviluppo della cultura e della storia del nostro Paese. Molti altri territori hanno conosciuto e conoscono fenomeni migratori di grande portata, ma il caso italiano si presenta alla storia come unico perché caratterizzato da una lunga continuità temporale, da una variegata provenienza territoriale e sociale, da una diffusione e diversificazione dei luoghi di destinazione e, soprattutto, da un intensità numerica senza precedenti. L emigrazione ha infatti portato all estero quasi 27 milioni di italiani a partire dal 1876 (anno della prima rilevazione ufficiale degli espatriati) fino al 1988; tuttavia, il fenomeno ha raggiunto questa enorme portata perché trae la sua origine sin dall epoca medievale. Giovanni Pizzorusso 26, uno dei maggiori studiosi dell argomento, spiega che nel corso dei secoli alcune macro-aree geografiche hanno generato migrazioni regolari e ripetute ogni anno: la discesa a valle dall arco alpino e la mobilità agricola nell Italia centro-meridionale, per esempio. Ma è solo a partire dalla riunificazione italiana che si può parlare di vero e proprio esodo migratorio. La grande emigrazione ottocentesca è così il culmine di un processo iniziato da tempo e soprattutto ne conserva alcune caratteristiche, fra cui quella del ritorno, magari per poi partire e tornare ancora 27. L emigrazione novecentesca può essere suddivisa in varie fasi causate dai due conflitti mondiali. I grandi flussi del primo quindicennio del secolo scorso, diretti soprattutto verso le Americhe, 26 Pizzorusso G., Le radici d ancien régime delle migrazioni contemporanee: un quadro regionale, in Giornale di storia contemporanea, IV, 1, Ivi. 3

6 sono interrotti dalla Grande Guerra. Appena terminato il conflitto gli espatri riprendono, ma la chiusura degli sbocchi migratori nelle Americhe e poi la grande crisi del 1929 rallentano di nuovo il fenomeno o piuttosto lo incanalano verso nuove direzioni. Il ventennio fascista, se si prescinde dai falliti tentativi di emigrazione coloniale e dal fuoriuscitismo politico, è quindi caratterizzato dalla tendenza a trasferirsi in Francia (per chi parte dal Nord Italia) o nelle Regioni centro-settentrionali per chi parte dal Sud. Quanto avviene tra il 1922 e il 1940 è la premessa alla ripresa dell emigrazione verso l estero dopo il 1945 e al grande spostamento dal Sud al Nord dei decenni successivi. Gli anni Cinquanta e Sessanta sono infatti caratterizzati dalla grande migrazione interna dal Meridione verso le fabbriche settentrionali e da esodi massicci verso le Americhe ma, soprattutto, verso l Australia. A partire dagli anni Settanta, una decade critica per tutto l Occidente, decrescono infine tutte le migrazioni, interne ed estere: persino il movimento frontaliero si contrae progressivamente e negli anni Ottanta è ormai dimezzato. In questi ultimi trentacinque anni, il mondo dell emigrazione ha conosciuto infatti notevoli cambiamenti. Le comunità italiane all estero si sono integrate nei paesi di destinazione e nei paesi di più antica tradizione migratoria siamo già alla quarta generazione, mentre altri paesi sono tutt oggi meta di emigrazione. Tuttavia la globalizzazione, l avvento delle tecnologie della comunicazione e dell informazione e dei trasporti veloci hanno reso le comunità più mobili e i paesi di origine e di arrivo più coesi. Le reti di relazioni tra migranti e terre di origine si sono infatti rafforzate e ampliate attraverso la creazione di relazioni sociali composite e multiple tra paesi. Prende oggi forma la figura del trasmigrante che intrattiene contemporaneamente varie relazioni (familiari, politiche, professionali) tra luoghi differenti e crea dei veri e propri campi sociali che attraversano le frontiere nazionali dando vita a interessanti legami tra i vari paesi Vertovec S., Conceiving and researching transnationalism, in Ethnical and racial studies, a.22, n.2, pp , 1999 e Vertovec S., Trends and impacts of migrant transnationalism, Working Paper COMPAS N.3, University of Oxford,

7 Allo stesso modo, il passare del tempo e i cambiamenti avvenuti nella società mondiale hanno influito notevolmente sugli atteggiamenti degli italiani all estero nei confronti della madrepatria e sull orientamento dell Italia verso i suoi emigrati. Per comprendere tali relazioni e analizzare i rapporti tra cittadini all estero e l Italia è pertanto necessario capire chi sono oggi i protagonisti della diaspora. Nel mondo, si stima che le persone di origine italiana siano circa sessanta milioni ma non è possibile avere una stima certa del totale degli emigrati all estero e dei loro discendenti. Secondo l Ufficio Nazionale Migrantes della Conferenza Episcopale Italiana (oggi Fondazione Migrantes) e le rilevazioni del Ministero dell Interno, pubblicate dall ISTAT, il numero degli italiani all estero dopo l ultimo censimento del 2001 è di 3 milioni e 870 mila 29, mentre dall ultima stima AIRE il numero dei residenti all estero si sarebbe ridotto di oltre 650 mila unità: gli italiani all estero registrati presso l Anagrafe del Ministero dell Interno a maggio 2006 sono infatti Una variabile fondamentale per comprendere le differenze tra gli italiani all estero è l analisi per generazioni. La struttura per età dei nostri emigrati rispecchia, con alcune differenze, quella dei connazionali che ancora vivono nel Paese. Dal confronto risulta minore la popolazione con meno di 17 anni ma superiore sia quella che si trova nella fascia d età che va dai 18 ai 24 anni sia coloro che si trovano nella fascia successiva. Si evidenzia pertanto che la popolazione italiana residente all estero è leggermente più giovane di quella residente in patria. Gli anziani con più di 75 anni sono inferiori, all estero, di poco più di un punto percentuale. 29 I dati qui citati sono stati estratti dal sito dell Ufficio Nazionale Migrantes, oggi Fondazione Migrantes, elaborati da Pugliese, 2002, in 30 La ripulitura degli archivi in occasione delle elezioni politiche del 9 aprile 2006 ha portato alla cancellazione di molti cittadini dalle liste. 5

8 Tabella Fasce d età, popolazione residente all estero e in Italia al 31 gennaio 2006 Fasce d età % all estero % in Italia ,73 17, ,22 7, ,75 14, ,38 16, ,85 13, ,53 11, ,33 10,49 75 anni e più 8,20 9,28 Totale 100,00 100,00 Fonte: nostra elaborazione su dati AIRE e ISTAT. Le persone sopra i 65 anni (il 18,53% del totale della popolazione) sono coloro che sono emigrati nel Dopoguerra oppure sono figli di persone emigrate prima della Seconda Guerra Mondiale che hanno mantenuto la cittadinanza italiana. Molti dei figli degli emigrati non mantengono però la cittadinanza del proprio paese di origine per riuscire a integrarsi meglio nel luogo dove sono nati. Per molti questo passaggio è stato fortemente voluto, per altri obbligato, e questo ha fatto sì che il legame con l Italia non si sia spezzato definitivamente. Le persone più anziane hanno contribuito allo sviluppo italiano tramite l invio di rimesse e hanno mantenuto i legami culturali e tradizionali con i loro luoghi d origine. Parlando invece delle fasce d età più giovani è utile la distinzione proposta da Cristiano Caltabiano e Giovanna Gianturco 31 tra discendenti ed epigoni in una recente ricerca sui giovani italiani all estero. I primi sono gli italiani di seconda e terza generazione, che hanno ereditato l esperienza migratoria dei genitori o dei nonni. Essi si trovano all estero non per loro scelta relazionandosi, pertanto, con la diaspora attraverso la ricostruzione della storia del loro paese e delle dinamiche migratorie del proprio nucleo familiare. Gli epigoni sono invece i nuovi emigranti, che ripercorrono a volte le orme dei primi emigrati, benché mossi da aspirazioni personali nuove e progetti di vita differenti. Il processo di globalizzazione ha 31 Caltabiano C., Gianturco G., Giovani oltre confine, Carocci, Roma,

9 profondamente mutato il senso di appartenenza nazionale e le identità, alimentando forme di identificazione sociale frammentarie, dove gli assi del locale, del nazionale e del globale si intersecano 32. Il fenomeno della glocalizzazione ha infatti mondializzato gli orientamenti culturali e gli spazi sociali modificando le identità personali e la vita quotidiana attraverso una nuova relazione tra globale e locale 33. Nuovi tipi di migrazione e di mobilità si stanno rapidamente diffondendo modificando il classico concetto di emigrazione e la figura del migrante visto come un uomo povero, sradicato, marginale, disperato 34. Le motivazioni dei migranti di oggi e i risultati delle loro azioni sono profondamente diversi, così come lo sono le origini geografiche, le destinazioni, le rotte e i modi di viaggiare 35. Infine, la fascia di mezzo è rappresentata dal 57,51% del totale dei cittadini italiani all estero e comprende tutte le persone tra i 25 e i 64 anni. Fanno parte di questo gruppo tutti i cittadini inseriti nella realtà lavorativa. Sono loro i veri protagonisti dei rapporti con l Italia 36. Essi infatti intrattengono relazioni con le autorità locali e con quelle italiane; si relazionano con la rete diplomatica e consolare; fanno parte dei Com.IT.ES. 37 e del C.G.I.E. 38 ; si occupano del mondo associativo e delle relazioni culturali con i propri territori di provenienza; informano il resto del mondo sulla realtà degli italiani all estero attraverso numerosi organi di stampa e, infine, sono stati eletti in Parlamento in occasione delle ultime elezioni. Questa è una possibile suddivisione dei cittadini italiani all estero ma, secondo alcuni, la diffusione della cultura italiana nel mondo attraverso l emigrazione e il processo di globalizzazione, ha permesso 32 Ivi, pp Robertson R., Globalizzazione. Teoria sociale e cultura globale, Asterios, Trieste, King R., Verso una nuova tipologia delle migrazioni europee, in La Critica Sociologica, n , Autunno 2002, Inverno , pp Ivi. 36 Fondazione Migrantes, Rapporto Italiani nel Mondo 2006, IDOS, Comitati degli Italiani all Estero. 38 Consiglio Generale degli Italiani all Estero. 7

10 la creazione di una comunità transnazionale a carattere globale che può essere definita come la comunità italica 39. Gli italici, come li definisce Piero Bassetti 40, sono una comunità ancora differente rispetto ai discendenti e agli epigoni della diaspora italiana. Essi infatti comprendono tutti gli italiani, i ticinesi, i dalmati, gli istriani, i maltesi, i sammarinesi e i rispettivi oriundi (quali gli italo-statunitensi, i dalmati d Australia, i ticinesi d Argentina), legati da una lingua e da forti vincoli culturali e valoriali comuni. Essi comprendono anche tutti coloro che apprezzano i valori, la cultura e i prodotti di stampo italico, che imparano volentieri la lingua italiana, che visitano con piacere e spesso le terre a partire dalle quali l italianità si è espansa in tutto il mondo. Gli italici, dunque, non rispondono a realtà nazionali precise ma formano una comunità di tipo globale, tenuta unita da un insieme di valori, da una storia comune, un modo condiviso di affrontare l esistenza piuttosto che un destino politico-statale uniforme delimitato da frontiere nazionali. Essi, infatti, non si pongono obiettivi di tipo prettamente nazionale, come l affermazione del proprio paese nel mondo e la propria affermazione all interno di questo sistemapaese, ma interagiscono efficacemente in un ambito ben più vasto, quello italico appunto, pur sempre attraverso le specificità locali dei paesi in cui risiedono. Questa categoria si inserisce in modo singolare e paradigmatico nella nuova globalizzazione, aggregando forze e risorse con l obiettivo di diffondere l Italian style e i valori del mondo in italiano del quale si sentono e intendono fare parte 41. Secondo altri autori è invece riduttivo parlare di una sola diaspora italiana e, conseguentemente, di una comunità italiana all estero. Gli italiani all estero sono infatti distribuiti in tutti i continenti e vivono pertanto contesti socio-economici profondamente diversi; sono emigrati in periodi differenti per vari motivi e pertanto non hanno creato una diaspora italiana nazionale o unita, ma hanno invece creato molte diaspore temporanee e mutevoli, diaspore di persone con 39 Roic S., (a cura di),globali e locali. Timori e speranze della seconda modernità, incontro con Piero Bassetti, Giampiero Casagrande Editore, Lugano, Ivi. 41 Janni P., Mclean G., The essence of Italian culture and the challenge of a global age, in Cultural Heritage and Contemporary Change, series IV - West Europe, volume 5,

11 un identità e un senso della fedeltà difficilmente quantificabili come italiane 42. Secondo Donna Gabaccia 43 soltanto negli ultimi decenni è possibile cominciare a parlare di emigrati italiani all estero, uniti da un senso di identità nazionale, alla ricerca di continuità nel legame con l Italia, con le sue istituzioni e nella speranza di costruire un identità condivisa in tutto il mondo 44. In questa prospettiva, spesso si preferisce parlare di reti migratorie italiane, piuttosto che di una vera e propria diaspora come quella ebraica o africana 45 ; l utilizzo del termine diaspora costringe pertanto ad accettare una definizione più ridotta del termine, staccandola dalla sua associazione con il senso di appartenenza a una nazione. Un altro elemento caratteristico delle migrazioni italiane è il transnazionalismo un fenomeno soltanto apparentemente recente ma che, nella pratica, caratterizza da tempo la realtà migratoria italiana. Possiamo definire il transnazionalismo come un modo di vivere che lega insieme famiglia, lavoro e consapevolezza di avere più di un territorio nazionale 46. Contemporaneamente all inserimento e all assimilazione nei paesi di destinazione, i migranti italiani infatti mantengono legami costanti e solidi con la madrepatria. Ad oggi il transnazionalismo è reso più immediato ed evidente dalle moderne tecnologie e dalla facilità di spostamento. In questa ottica le collettività di migranti sono intese come comunità mobili di individui che soggiornano all estero senza un preciso termine temporale circolando tra due o più territori, appartenenti a Stati 42 Gabaccia D., Emigrati, Le diaspore degli Italiani dal Medioevo ad oggi, Torino, Einaudi, 2003, p. XIX. 43 Ivi. 44 Ivi. 45 Secondo la Gabaccia le diaspore sono spesso formate da esuli e vittime di guerre o persecuzioni; i protagonisti delle diaspore vivono pertanto una condizione di oppressione che influisce fortemente sulla formazione di un identità di diaspora il cui fulcro è rappresentato dal senso della perdita nei confronti del paese da cui sono stati cacciati associata al forte desiderio di ritornare in patria. Di queste caratteristiche dell identità di diaspora gli italiani possiedono solo il desiderio di ritornare nella terra di origine. Ivi. 46 Glick Shiller N., Bash L., Blanc-Szanton C., (ed.), Towards a Transnational Perspective on Migration. Race, Class, Ethnicity, and Nationalism Reconsidered, Academic Press, New York,

12 diversi, e alimentando circuiti attraverso cui transitano informazioni, oggetti, idee, capitali e immagini oltre che persone 47. Ad ogni modo la diaspora, o meglio le diaspore italiane, a distanza di più di un secolo dall inizio dei flussi migratori, hanno ormai una loro identità, nonché una connotazione come comunità a sé. In una società globale, collegata tramite le reti tecnologiche e sociali, l italianità, intesa come sentimento di appartenenza né rigida né uniforme a una comunità, è sempre più il frutto di un opzione che di un ascrizione, un fattore coesivo e identificativo importante, nel quale la componente etnica si richiama a un sistema di valori e saperi, di storia, cultura, tradizioni, di umanesimo, di capacità creative e di intraprendenza. È un elemento che assume un forte significato di aggregazione e di riconoscimento, rafforzato dalle vicende tipiche della diaspora, in seno alle differenti generazioni degli italiani emigrati e dei loro discendenti 48. Varie sono ad oggi le iniziative sviluppate da parte delle Istituzioni nazionali per valorizzare in modo differente rispetto al passato le comunità italiane all estero. Tra queste il Ministero degli Affari Esteri cerca da tempo di fornire assistenza, informazione e di attivare circuiti di relazioni culturali, linguistiche, economiche e commerciali tentando di aggregare le diaspore in un unica comunità di italiani nel mondo 49. L elemento di aggregazione, il valore caldo dell appartenenza, è più simile a un moto di empatia, a una comunanza di atteggiamenti e comportamenti del modo di fare associazione, di essere localmente integrati e nello stesso tempo legati alle comunità di origine. Quindi, un modo di essere fruibile da chiunque lo condivida nel suo rapporto con il mondo, nella vita quotidiana e professionale. Nelle comunità italiane all estero sono presenti élite locali con una forte apertura globale in grado proprio per la loro specifica storia di interpretare i valori del radicamento e, nello stesso tempo, quelli della globalizzazione. 47 Mezzetti P., Stocchiero A., Transnazionalismo e catene migratorie tra contesti locali, Working Paper CeSPI, marzo 2005, in transnazionalismo.pdf. 48 Ministero degli Affari Esteri, Prima Conferenza degli Italiani nel Mondo, in Documento del Laboratorio La rete delle comunità d affari italiane nel mondo: una risorsa strategica per il paese, Milano, Siciliano M., Marketing di stato e comunicazione per gli italiani all estero, in Rivista italiana di Comunicazione Pubblica, Anno VIII n. 28/2006, pp

13 In particolare, a livello economico, in molti sostengono l esistenza di una comunità d affari estesa su base mondiale, centrata sullo scambio di beni e servizi, come una struttura articolata secondo un modello a rete, privo di un centro egemone, in cui ciascun elemento nodale, senza dipendere dalla contiguità spaziale, è in relazione con l altro in posizione di autonomia. Nel caso dell emigrazione italiana, come descritto in precedenza, questo modello a rete si è contraddistinto poi per l elevata capacità di adattamento alle realtà locali e per la capacità di diffusione dei valori e dei saperi propri della cultura italiana, dell italian way of life, ovvero il modo di vivere italiano. In questo modo, le varie comunità italiane nel mondo si sono sviluppate lungo dimensioni non solo commerciali, tipiche delle business communities, ma hanno recepito e sfruttato la ricchezza immateriale del patrimonio di alleanze formali e informali, di relazioni fiduciarie stabilite tra utenti e fornitori per dare forma a un universo definito come mondo in italiano 50. L immagine dell Italia all estero è stata costruita innanzi tutto grazie alle comunità emigrate che si sono integrate nei paesi di destinazione portando con sé le caratteristiche tipiche della nostra cultura lavorativa. Gli emigrati italiani, infatti, e i loro discendenti si sono stabilmente inseriti e integrati nei vari paesi, divenendo attori di un ascesa sociale, collettiva e personale, che li ha visti assumere responsabilità e posizioni di prestigio in ambito accademico, scientifico, politico, amministrativo, imprenditoriale, della cultura e dell arte, nelle sue varie forme 51. Un inserimento aperto che coinvolge le comunità italiane nelle dinamiche tipiche delle società moderne e che le caratterizza in un duplice modo: da un lato mediante processi di innovazione e cambiamento e dall altro nella continuità e nella tradizione. In un ottica transnazionale, oggi l italiano all estero è visto pertanto dal mondo istituzionale come motore di sviluppo per il territorio di origine. Da sempre, infatti, i movimenti migratori hanno contribuito 50 CSER, Sviluppo, internazionalizzazione e la risorsa emigrazione, Progetto ITENETs, Senato dalla Repubblica-Camera dei Deputati, Conferenza dei Parlamentari di origine Italiana, Atti, Roma, novembre

14 allo sviluppo dei territori di partenza: economicamente attraverso le rimesse e culturalmente attraverso i legami che hanno creato tra i paesi. I nostri emigrati non hanno mai formato una nazione slegata o uno stato nazione deterritorializzato ma hanno mantenuto salde le identità nazionali e l amore per il proprio paese. Allo stato attuale, dunque, gli emigrati costituiscono una risorsa preziosa per lo sviluppo di quelle aree italiane, come il Mezzogiorno, che faticano ad aprirsi verso l estero e a trovare una loro dimensione internazionale. Il Meridione italiano vive infatti una condizione di marginalità geografica, economica e politica; questa condizione può essere però un opportunità per lo sviluppo territoriale, sociale ed economico passando proprio dalle relazioni internazionali. In sintesi, gli italiani all estero possono contribuire fortemente al processo di sviluppo in considerazione del legame profondo che li lega alla terra di origine; del fatto che emigrati di generazioni precedenti sono spesso soggetti con una consolidata posizione sociale ed economica nei paesi che li hanno accolti; del rilevante potenziale nella gestione di relazioni cross cultural e, non ultimo, per via delle numerose migrazioni qualificate e del notevole brain drain italiano, un fenomeno in crescita negli ultimi anni che sta assumendo dimensioni sempre più consistenti. 1.2 Gli italiani all estero oggi e le migrazioni qualificate Distinguere gli individui italiani all estero in base alla cittadinanza, all italicità o alle generazioni a cui appartengono è solo uno dei tanti modi in cui si possono studiare le diaspore italiane. Un altro modo, forse il più utilizzato, è quello di approfondire realtà territoriali nei paesi di destinazione. Numerose sono infatti le ricerche sull immigrazione italiana negli Stati Uniti piuttosto che nei Paesi del Nord Europa come la Germania, il Belgio e la Svizzera. 12

15 Secondo i dati AIRE 52, all inizio del 2006, il totale dei cittadini italiani all estero era di Presso le Anagrafi Consolari 54 risultano invece iscritti, al 31 gennaio 2006, italiani. Secondo i dati consolari più della metà degli italiani all estero, , pari al 58% del totale, risiede in Europa (nel 2005 risultavano il 55%). Le percentuali di tutti gli altri continenti risultano notevolmente diminuite rispetto al Il 36,6% degli italiani vive in America ( persone), il 3,47% in Oceania, di cui in Australia e soltanto in Nuova Zelanda. L Asia è il continente in cui risiedono meno connazionali, (0,69%), mentre in Africa risiede l 1,32% degli italiani residenti all estero ( in valore assoluto) (Graf. 1.1). 52 Anagrafe degli Italiani Residenti all Estero, istituita presso il Ministero dell Interno. 53 Questa stima si è notevolmente ridotta nel corso dell anno per la ripulitura degli archivi in vista delle elezioni: al 9 maggio 2006 le iscrizioni risultavano L Anagrafe Consolare ha lo scopo di tenere aggiornato il registro anagrafico di tutti i cittadini italiani residenti all estero, agevolando i contatti tra le pubbliche amministrazioni ed i connazionali con una continua revisione dei dati. L Anagrafe Consolare non va confusa con l Anagrafe degli Italiani Residenti all Estero (A.I.R.E). La Legge prevede che ogni cittadino che trasferisce la propria residenza all estero debba presentarsi personalmente, entro 90 giorni dall avvenuto espatrio, con un documento di riconoscimento ed un permesso di soggiorno al Consolato competente al fine di sottoscrivere la prescritta dichiarazione. Il modulo d iscrizione all A.I.R.E. (CONS/01) verrà tempestivamente inviato in Italia dal Consolato. Detto formulario deve essere compilato pertanto anche da coloro che sono già iscritti all'a.i.r.e. ma trasferiscono la propria residenza nella circoscrizione di un altro Consolato. 13

16 Grafico Italiani iscritti alle Anagrafi Consolari: distribuzione per area geografica al 31 gennaio ,60% 3,47% 1,32% 0,69% 57,92% A FRICA EUROPA ASIA AMERICA OCEANIA Fonte: nostra elaborazione su dati del Ministero degli Affari Esteri. Dei 3 milioni e 520 mila italiani iscritti all AIRE al 31 gennaio 2006, vivono in Europa (il 57,74% dell emigrazione totale), in Africa (1,31%), nelle Americhe (36,68%), in Asia e in Oceania (3,50%) (Graf. 1.2). 14

17 Grafico Italiani iscritti all AIRE: distribuzione per area geografica al 31 gennaio ,50% 1,31% 36,68% 0,76% 57,74% A FRICA EUROPA ASIA AMERICA OCEA NIA Fonte: nostra elaborazione su dati AIRE. Fra i paesi che contano il maggior numero di iscrizioni alle Anagrafi Consolari in testa troviamo la Germania con iscritti (16,41% del totale degli emigrati), seguita dalla Svizzera con e dall Argentina con La ripulitura degli elenchi ha fatto slittare, rispetto allo scorso anno, tutti i Paesi del Sud America di una posizione. L Argentina risulta oggi al terzo posto, il Brasile al sesto, mentre l Uruguay è passato dal dodicesimo posto del 2005 alla tredicesima posizione. Le prime 15 comunità, in ordine di grandezza, risultano comunque invariate. Sono tutte dislocate in Europa o nelle Americhe con due uniche eccezioni: la comunità italiana in Australia, la decima in ordine di grandezza con iscritti e la comunità residente nell unico Stato africano, il Sud Africa, tra le prime quindici con persone. Sensibilmente diversa è la situazione secondo i dati AIRE anche perché, rispetto allo scorso anno, il totale degli iscritti non ha subito notevoli variazioni come per gli schedari delle Anagrafi Consolari che hanno perso 500 mila iscritti 55. In generale in tutti gli Stati si nota un 55 Per il registro AIRE queste cancellazioni sono verificabili nei dati di maggio

18 aumento degli iscritti rispetto al 2004 eccetto per Stati Uniti, Canada, Francia e Australia. La comunità italiana all estero con il maggior numero di iscritti si trova sempre in Germania ( ). Anche per l AIRE al secondo posto c è la Svizzera ( ), seguita dall Argentina con cittadini italiani iscritti. Rispetto allo scorso anno l unico slittamento avvenuto è quello degli Stati Uniti, dal quinto al sesto posto, superato dal Belgio con iscritti, e del Canada ( ) scavalcato dalla Gran Bretagna con iscritti. Un altro elemento fondamentale nell analisi dell emigrazione è la provenienza regionale. Questa viene fornita dai registri AIRE. Dall analisi dei valori percentuali di ogni regione si evince che il 52,49% del totale degli iscritti proviene dalle sette Regioni del Meridione (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia). Il Mezzogiorno è infatti l area che ha subito maggiormente il fenomeno migratorio. I registri AIRE forniscono, infine, una stima dei settori di inserimento, delle qualifiche professionali e del titolo di studio dei cittadini italiani all estero. Sebbene siano solo dati aggregati su un universo non rappresentativo del totale della realtà italiana all estero, queste informazioni costituiscono la base per lo studio delle migrazioni qualificate italiane all estero Le migrazioni qualificate All interno dei flussi migratori c è sempre stata una percentuale, sebbene esigua rispetto alla massa, di persone portatrici di un notevole patrimonio di conoscenze e di capacità di vario tipo. Questa minoranza non è stata all inizio oggetto di particolare attenzione da parte degli studiosi, ma costituisce oggi uno degli aspetti più importanti dell analisi dei fenomeni migratori, in una società come quella odierna nella quale lo sviluppo economico si basa 16

19 essenzialmente sulla disponibilità adeguata di conoscenza scientifica e tecnica 56. Nel corso degli ultimi cinquanta anni, argomenti come le migrazioni qualificate, la fuga dei cervelli (brain drain) e la circolazione delle conoscenze sono divenuti sempre più importanti nel dibattito mondiale sulle migrazioni internazionali per via dei profondi cambiamenti socio-economici avvenuti nella società globale. I primi studi sistematici risalgono agli inizi degli anni Sessanta del XX secolo ad opera, quasi esclusiva, di ricercatori anglosassoni: il termine, divenuto in seguito di uso comune, di brain drain indicava originariamente, in un rapporto della Royal Society di Londra 57, l esodo di scienziati britannici verso gli U.S.A. Questo fatto non sorprende, dato che le condizioni immediatamente seguenti alla Seconda Guerra Mondiale rendevano numericamente ed economicamente significativo solo il flusso di ricercatori dalla Germania e dall Inghilterra verso gli Stati Uniti 58. Negli anni 60 e 70 del secolo scorso l attenzione si volse in particolare alle migrazioni di studiosi e di professionisti dai paesi in via di sviluppo. In quegli anni, infatti, il termine brain drain venne impiegato anche per determinare il crescente fenomeno degli studenti che dai paesi poveri si recavano nei paesi più sviluppati per compiere i loro studi e che spesso vi rimanevano. In quel periodo, assunse notevole importanza il fatto che la partenza dei cittadini più qualificati sottraesse ai paesi in via di sviluppo i soggetti che avevano le competenze e la mentalità adatte a far decollare l economia nazionale. Il fatto poi che queste competenze venissero utilizzate dai paesi più ricchi era ritenuto un ingiusto aiuto tecnologico dei paesi in via di sviluppo a quelli sviluppati 59. Lo studio della mobilità delle competenze è passato attraverso varie fasi. Negli anni Settanta si è sviluppato il concetto di trasferimento inverso di tecnologie dai paesi in via di sviluppo verso i paesi di 56 Avveduto S., Brandi M.C., Todisco E., (a cura di), Le migrazioni qualificate tra mobilità e brain drain, in Studi Emigrazione, n. 156, CSER, Roma, Royal Society, Emigration of Scientists from the United Kingdom, Report of a Committee appointed by the Council of the Royal Society, London, CSER, op.cit.. 59 Boussaid L., L exode des cerveaux et les pays en développement, in Migration société, N. 56 Vol. 10 Mars April 1998, pp

20 destinazione delle migrazioni 60. Si è avuto poi un lungo periodo, intorno agli anni Ottanta-Novanta, in cui la fuga dei cervelli non ha più destato preoccupazioni. Lo sviluppo delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione hanno indotto gli osservatori del fenomeno a pensare che si sarebbero formati networks internazionali di studiosi nel mondo e che i migranti qualificati avrebbero potuto lavorare a distanza con il proprio paese di origine. Per alcuni versi la mobilità internazionale delle persone con alte qualifiche è oggi un dato di fatto; in molti infatti ritengono che il mondo economico sia ormai costituito da un unico grande mercato, nel quale materie prime, capitali, informazioni e forza di lavoro circoleranno più liberamente, pur persistendo vincoli restrizionisti. Secondo questi teorici, anche la manodopera tenderà sempre di più a equilibrarsi, con un travaso dalle zone ove vi è abbondanza verso le zone dove vi è carenza, in funzione delle nuove necessità. Si dovrà forse parlare più di spostamenti transnazionali che di migrazioni 61, in quanto la localizzazione del lavoro sarà una conseguenza del processo di globalizzazione 62. In realtà il problema appare più complesso e il fenomeno del brain drain non è stato risolto grazie a Internet e alla globalizzazione dei mercati. Vari studi hanno evidenziato l esistenza di network e contatti tra emigrati e paesi di origine 63 ma vi sono serie ragioni che portano altri studiosi a ritenere che il fenomeno sia addirittura in via d espansione 64. Evidentemente è molto vantaggioso che un ricercatore o un professionista possa specializzarsi all estero in settori non adeguatamente sviluppati nel proprio paese e successivamente 60 Risoluzione 39-III/197 delle Nazioni Unite. 61 Todisco E., Mobilità dei cervelli e mobilità delle conoscenze, Atti del Convegno Internazionale Migrazioni. Scenari per il XXI secolo, Firenze, settembre È questa l ottica transnazionalista precedentemente illustrata. 63 Come ad esempio il caso colombiano della Rete CALDAS formata da ricercatori e studenti nel mondo [Gaillard A.M., Gaillard J., Les enjeux des migrations scientifiques internationales. De la quete du savoir à la circulation des competences, L Harmattan, Paris, 1999]; oppure il caso della nostrana Bancadati DAVINCI, creata dal Ministero degli Affari Esteri, in 64 Iredale R., The need to import skilled personnel: factors favouring and hindering its international mobility, in International Migration, vol. 37, n.1, 1999, pp

21 ritornare in patria per mettere a frutto la propria esperienza; così come è certamente positivo che i sistemi di ricerca e sviluppo tecnologico di paesi che non dispongono di elevatissime risorse vengano introdotti, dai connazionali che lavorano all estero, in circuiti scientifici di alto livello godendo così di un flusso di informazione e di innovazione che altrimenti non avrebbero potuto ottenere 65. Tuttavia, ciò che spesso accade è che i ricercatori formati all estero trovino anche condizioni migliori di lavoro, decidendo pertanto di non ritornare più in patria e svolgere la propria professione a beneficio dei paesi di destinazione. Ma chi sono effettivamente i migranti qualificati? Nonostante la notevole importanza economica di questo segmento di emigrazione, nel quale di fatto i Governi vedono una risorsa, la via più pratica e immediata per risolvere carenze interne e opportunità di qualificazione in nuovi settori del lavoro locale, le migrazioni qualificate restano un oggetto di osservazione e di studio circoscritto e settoriale. I dati sono pochi, spesso non confrontabili e non differenziati per sesso, per età e per qualifica. Sono generalmente considerati lavoratori a alta qualifica, oltre ai ricercatori, coloro che possiedono titoli di studio universitari o un alta specializzazione in campi particolari. Quest ultima categoria è però mal definita e, per di più, la definizione varia da un paese all altro. Vi sono inclusi, in genere, specialisti altamente qualificati, personale esecutivo indipendente, manager esperti, tecnici e agenti commerciali specializzati, personale medico, investitori, uomini d affari e piccoli industriali. I soggetti appartenenti a queste categorie hanno maggiori opportunità di spostarsi da una nazione all altra, per trovare migliori condizioni dove utilizzare e incrementare la propria esperienza e capacità, o anche solo per massimizzare i ritorni economici della propria istruzione e professione. Altri ancora, fornitori di servizi transnazionali, si spostano dove tali prestazioni sono richieste, senza cercare di avere né la residenza né un lavoro stabile nel paese che li ospita: rappresentano 65 Bettahar Y., «Les Migrations Scientifiques Algeriennes vers la France», in La Dette à l Envers, n. 1221, Septembre-Octobre, 1999, pp e De Tinguy A., «Le depart des cervaux de la CEI en Occident: fuite ou mobilité?innovation», in The European Journal of Social Sciences, vol/, 1994, n.2. 19

22 quindi una categoria diversa dai tradizionali lavoratori specializzati 66. Grafico Mappa delle migrazioni qualificate nel mondo Paesi di destinazione Paesi di Origine Paesi non colpiti dal fenomeno Fonte: Robinson Projection Le migrazioni qualificate italiane Lo studio delle migrazioni qualificate si rivela pertanto difficile, per la difficoltà di definizione dei cervelli ma soprattutto perché risulta molto arduo reperire dati su questo gruppo di migranti. Gli unici dati sui cui è possibile lavorare, per rilevare la consistenza della fuga dei cervelli italiana, sono i dati AIRE, relativi al titolo di studio, alla professione e al settore lavorativo di inserimento dei concittadini all estero. Un altro dato importante per comprendere i flussi verso l estero sono le cancellazioni anagrafiche rilevate dall ISTAT. È infatti estremamente facile reperire informazioni sulla mobilità a breve termine di studenti, professori e ricercatori, quando 66 Iredale R., op. cit., pp

23 questa avviene nell ambito di programmi specifici nazionali o comunitari (come il Programma Socrates/Erasmus 67 e il Programma Leonardo 68 promossi dalla Commissione Europea, il Fellowship Programme 69 o il Junior Professional Officer Programme 70 curati dalle Nazioni Unite) ma è davvero difficile ottenere informazioni sulla mobilità a lungo termine, la migrazione vera e propria, perché non è quasi mai inquadrata in programmi ufficiali ma deriva spesso da decisioni individuali e non viene sempre comunicata alle autorità nazionali preposte oppure viene comunicata quando l emigrazione diviene ormai definitiva 71. A maggio 2006, solo l 1,9% del totale dei cittadini italiani all estero possiede una laurea; il 69,6% non possiede alcun titolo di studio, l 8,9% ha soltanto la licenza elementare, l 8,5% la licenza media e il 4,3% il diploma di scuola media superiore. Rispetto alla situazione italiana, rilevata nel Censimento del 2001, la distribuzione è molto diversa. Tabella 1.2 Titolo di studio della popolazione residente all estero al 31 maggio 2006 e in Italia in base al Censimento 2001 Titolo di studio % all estero % in Italia nessun titolo 69,60 15,80 licenza elementare 8,90 25,40 licenza media 8,50 30,00 licenza superiore 4,30 21,30 laurea 1,90 7,50 non disponibile 6,80 0,00 Totale 100,00 100,00 Fonte: nostra elaborazione su dati AIRE e ISTAT. Le persone senza titolo di studio all estero appartengono alle prime generazioni di emigrati, fuoriuscite dall Italia prima dell inserimento nella scuola dell obbligo. Sebbene sembri esiguo il numero dei Fondazione Migrantes, Rapporto Italiani nel Mondo 2006, IDOS,

24 laureati italiani all estero è però in forte aumento negli ultimi anni. Rispetto ai dati del 2001 (AIRE), in soli 5 anni si è registrato un incremento del 53,2% 72. Se nel 2001 i laureati all estero erano soltanto ad oggi si contano iscritti all AIRE in possesso di diploma universitario. Dai dati AIRE risulta che gli emigrati italiani laureati risiedano prevalentemente in America Latina ( persone), in Europa (21.158) e in America del Nord (5.926) 74. Da questi dati sembra che l emigrazione italiana qualificata segua gli schemi migratori di quella totale nazionale ma, guardando i paesi di destinazione, è facile vedere che i laureati si concentrano non tanto in Europa ma nei pesi dell America Latina come l Argentina, il Brasile, e in America del Nord, in particolare negli Stati Uniti. Il primo Paese europeo della classifica è la Svizzera, che si colloca al quarto posto: il 54% dei laureati italiani all estero si trova in questi quattro paesi. Tra i paesi di nuova emigrazione va segnalata come meta significativa la Spagna 75. Osservando i settori lavorativi, la maggior parte dei laureati lavora nel settore terziario (22,9%) mentre solo l 1,1% si occupa di agricoltura, il 4,8% lavora nell industria e il 2,2% nel commercio. 72 Fondazione Migrantes, op. cit. 73 Avveduto S., Brandi M.C., Le migrazioni qualificate in Italia, in Avveduto S., Brandi M.C., Todisco E. (a cura di), Le migrazioni qualificate tra mobilità e brain drain, in Studi Emigrazione, n. 156, CSER, Roma, 2004, pp Fondazione Migrantes, op. cit. 75 Ivi. 22

25 Tabella Cittadini italiani residenti all estero per titolo di studio e settore di attività (maggio 2006) Titolo di studio Nessuno Non prof.le Agr.ra Ind Comm Altre att.tà Non disp Totale Elementare Media inf Media sup Laurea Non disp Totale Fonte: Fondazione Migrantes, Rapporto sugli italiani nel mondo,

26 Il registro AIRE permette anche un analisi della qualifica professionale dei laureati all estero. Il Ministero dell Interno utilizza però una classificazione piuttosto aggregata, che contempla solo sei tipologie di professione: non professionale/disoccupato, imprenditore/professionista, lavoratore in proprio, dirigente/impiegato, coadiuvante familiare e lavoratore dipendente. I migranti ad alta qualificazione possono essere considerati tutti coloro che si sono classificati nelle prime due qualifiche professionali. Nel 2006 appartengono al primo gruppo iscritti, mentre al secondo ; il numero totale è considerevolmente più elevato dei laureati iscritti. Tra gli imprenditori e i professionisti il 48,7% possiede comunque una laurea e il 21% un diploma di scuola media superiore. Tra i dirigenti e gli impiegati la situazione è simile: il 22,3% è laureato, il 37,9% diplomato. Molto interessante è il fatto che ci siano vari laureati che svolgono però professioni con basse qualifiche come i coadiuvanti familiari (laureati 2,8% e diplomati 9,3%) o i lavoratori dipendenti generici con il 2,2% di laureati e il 10,4% di diplomati. 24

27 Tabella 1.4 Cittadini italiani residenti all estero per titolo di studio e qualifica professionale (maggio 2006) Titolo di studio Lav. dipend. Coad. famil. Lav. in proprio Dirigente/ Impiegato Imprend./ Prof.sta Non prof./ Occupato Non disp. Totale Nessuno Elementare Media inf media sup Laurea Non disp Totale Fonte: Fondazione Migrantes, Rapporto sugli italiani nel mondo,

28 Da quali regioni provengono i cervelli in fuga italiani? Abbiamo visto in precedenza che più della metà degli emigrati proviene dal Mezzogiorno. Per le migrazioni qualificate la situazione risulta capovolta. Il 61,9% dei laureati proviene infatti dalle Regioni del Nord, in particolare dal Nord Ovest (40,9%); soltanto il 16,8% dei laureati proviene dalle Regioni meridionali. Le regioni in testa per numero di laureati all estero sono infatti la Lombardia (con laureati all estero), il Piemonte (9.699), il Veneto (6.549) e la Liguria (4.280) seguita, infine, dal Lazio (3.303). Il 3,8% degli emigrati dal Nord Italia possiede una laurea mentre soltanto lo 0,8% degli iscritti che provengono dal Sud ha il medesimo titolo di studio. 26

29 Tabella Cittadini italiani residenti all estero per area geografica di origine e per titolo di studio (Maggio 2006) Ripartizione t l Nord Nessuno Elementare Media inf Media sup Laurea Non disp Totale Nord Ovest Nord Est Sud Centro Isole Totale Nord 66,8 7,9 9,9 7,1 3,8 4,5 100 Nord Ovest 59 8,3 12,4 10 5, Nord Est 73,9 7,5 7,6 4,5 2,5 4,1 100 Sud 68,9 10,2 8,8 2,9 0,8 8,4 100 Centro 68,6 9,3 6,7 6,3 3, Isole 75,7 7,7 6,9 1,6 0,5 7,9 100 Totale 69,6 8,9 8,5 4,3 1,9 6,8 100 Fonte: AIRE

30 Tabella 1.6 Cittadini italiani residenti all estero per regioni di origine e per titolo di studio (Maggio 2006) Regioni Nessuno Elementare Media inf. Media sup. Laurea Non disp. Totale Lombardia Piemonte Veneto Liguria Lazio Emilia R Marche Toscana Campania Calabria (segue) 28

31 Tabella 1.6 (continua) Regioni Nessuno Sicilia Abruzzo Friuli V.G Trentino A.A Puglia Basilicata Sardegna Molise Umbria Valle D'Aosta Totale Fonte: AIRE Elementare Media inf Media sup Laurea Non disp Totale

32 Per concludere questa breve descrizione dei dati sulle migrazioni qualificate italiane è interessante osservare i dati di un analisi delle cancellazioni dalle Anagrafi italiane per trasferimento all estero. L ISTAT ogni anno svolge una rilevazione sul Movimento Migratorio della popolazione residente. Dall analisi dei flussi dal 1996 al 2002, risulta che l Italia ha avuto una perdita netta totale di quasi laureati. Considerando le sole cancellazioni dalle Anagrafi, la quota assoluta dei laureati è andata man mano crescendo raggiungendo il numero massimo di unità nel In media dunque ogni anno lasciano il Paese laureati. Nello specifico, il numero totale dei laureati che hanno lasciato l Italia definitivamente tra il 1996 e il 2002 è di L analisi dei dati al momento disponibili, ossia quelli dell AIRE e dell ISTAT, ha pertanto consentito di rilevare la presenza di una mobilità che coinvolge una quota specifica di migranti italiani, che si può inserire nella categoria delle migrazioni qualificate. Tuttavia, allo stato attuale, non è possibile trarre indicazioni certe sull entità del fenomeno italiano né sulla sua natura, cioè se esso si configuri come un aspetto della mobilità internazionale delle alte qualifiche o come fuga di cervelli. Le fonti statistiche ufficiali, integrate da studi parziali e di settore, permettono però di individuare alcuni caratteri e tendenze significative. In primo luogo, è indiscutibile che il numero di cittadini italiani altamente qualificati che risiedono permanentemente o per periodi lunghi all estero (tanto da rendere opportuna la propria iscrizione all AIRE) va aumentando regolarmente e assomma ormai a diverse centinaia di migliaia. In secondo luogo, il numero di laureati che lasciano l Italia ogni anno per periodi abbastanza lunghi da richiedere la cancellazione dall Anagrafe del Comune di residenza è in costante aumento e superiore a quello dei laureati che ritornano dall estero. In terzo luogo, in mancanza di fonti interne, è possibile recuperare informazioni statistiche, spesso dettagliate, dalle rilevazioni effettuate dai paesi di arrivo. Nel caso statunitense, ad esempio, i dati dell INS (Istituto Nazionale di Statistica) evidenziano che i professionisti 77 Ivi. 30

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS Da circa venti anni si confrontano due teorie relative alle migrazioni altamente qualificate. Secondo l approccio circolazionista attualmente

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

Mobilità internazionale dei ricercatori e brain Drain: : analisi e risultati

Mobilità internazionale dei ricercatori e brain Drain: : analisi e risultati Consiglio Nazionale delle Ricerche Mobilità internazionale dei ricercatori e brain Drain: : analisi e risultati M. Carolina Brandi IRPPS-CNR Roma c.brandi@irpps.cnr.it La Direzione Generale Ricerca (DGR)

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

1974-79 % 1980-89 % 1990-99 % rimesse % pil mondiale

1974-79 % 1980-89 % 1990-99 % rimesse % pil mondiale Caritas Diocesana di Roma IL RISPARMIO DEGLI IMMIGRATI E I PAESI DI ORIGINE: IL CASO ITALIANO Ricerca curata dall equipe del Dossier Statistico Immigrazione della Caritas con il patrocinio dell ILO e il

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli

Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Affari Esteri Ministero degli Affari Esteri In rete con l'italia Mensile d'informazione a cura della Direzione Generale per gli Italiani all'estero e le Politiche Migratorie - MAECOM Anno I - Numero 8 Ottobre 2003 News

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB Sezione SUICIDI PER CRISI ECONOMICA OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 201, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB (Laboratorio di Ricerca Socio Economica dell'università degli Studi

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

I bolognesi emigrati all'estero

I bolognesi emigrati all'estero I bolognesi emigrati all'estero Le principali caratteristiche degli iscritti all'anagrafe dei cittadini Italiani Residenti all'estero (AIRE) del Comune di Bologna maggio 2013 Capo Dipartimento Programmazione:

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana

Alunni con cittadinanza non italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la partecipazione

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Analisi dei flussi d ingresso dei Migranti dal Marocco in Italia e Migrazioni di Ritorno

Analisi dei flussi d ingresso dei Migranti dal Marocco in Italia e Migrazioni di Ritorno Analisi dei flussi d ingresso dei Migranti dal Marocco in Italia e Migrazioni di Ritorno A cura del Patronato Acli e dell Associazione Maan Maroc-Italie Il quadro generale in Europa La Francia rappresenta

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO 27 Gennaio 2014 Quorum www.quorumsas.it Il campione La definizione del campione Nelle prossime pagine si analizza il discostamento del campione analizzato

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO. Dopo 25 anni di graduale riduzione del divario

IL QUADRO MACROECONOMICO. Dopo 25 anni di graduale riduzione del divario Il Mezzogiorno: quadro macroeconomico, servizi pubblici, finanza pubblica Nel Mezzogiorno risiede un terzo della popolazione italiana; vi si produce un quarto del PIL complessivo e un quinto del PIL del

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno

Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno Presentazione indagine di mercato su export PMI alimentari italiane Atti del Convegno CNA Rovigo - 16-17 Maggio 2004 Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Assemblea

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR

I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR La scuola e l università hanno oggi il compito, non sempre facile, di preparare i giovani per

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari La traversata del Mar Mediterraneo è la strada più mortale del mondo : così afferma l Agenzia Onu per i rifugiati, comunicando il bilancio record di 3.419

Dettagli

ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI

ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI ANALISI DELLE GRADUATORIE DEI CONCORSI REGIONALI PER L ACCESSO AL CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE ANNO 2013 a cura di FIMMG Formazione puglia Il 17 Settembre di quest anno si è svolto,

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana.

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Marina Murat Prof. di Economia Internazionale Università di Modena e Reggio Emilia marina.murat@unimore.it Migrazioni, immigrati, emigrati.

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Impresa, Imprenditore, Imprenditorialità: modelli e scenari Serena Cubico

Impresa, Imprenditore, Imprenditorialità: modelli e scenari Serena Cubico Impresa, Imprenditore, Imprenditorialità: modelli e scenari Serena Cubico Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Informazioni n. 27-2005

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

leonardo LA CLASSIFICA DI IRTA LEONARDO LA SOSTENIBILITÀ DELLE REGIONI ITALIANE

leonardo LA CLASSIFICA DI IRTA LEONARDO LA SOSTENIBILITÀ DELLE REGIONI ITALIANE leonardo I.R. T.A. LA CLASSIFICA DI IRTA LEONARDO LA SOSTENIBILITÀ DELLE REGIONI ITALIANE LA SOSTENIBILITÀ DELLE REGIONI ITALIANE: LA CLASSIFICA DI IRTA LEONARDO a cura di Tommaso Luzzati e Gianluca Gucciardi

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

RAPPORTO MET 2008. estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane

RAPPORTO MET 2008. estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane MET RAPPORTO MET 2008 estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane Lavoro coordinato da R. Brancati: Il gruppo di lavoro: G. Aquilina, P. Ascani, C. A. Bollino, C. Borzaga, R.

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA. Fondazione Giovanni Agnelli

ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA. Fondazione Giovanni Agnelli ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA di Daniela Del Boca e Silvia Pasqua (Università di Torino, CHILD e Collegio Carlo Alberto) Sintesi della ricerca Dicembre 2010 1 Con

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva MARIA GISELLA CONCA GESTIONE DELLA QUALITÀ Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva LIUC - Castellanza febbraio - maggio 2001 CERTIFICAZIONE: DIFFUSIONE E NORMATIVA

Dettagli

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento 12 febbraio 2007 Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento Anni 2004-2005 All indirizzo web demo.istat.it l Istat rende disponibili i principali risultati delle rilevazioni sui Matrimoni celebrati

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

STATISTICHE UFFICIALI, GOVERNATIVE E ISTAT, SULLA EMIGRAZIONE DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E DALLE SUE PROVINCE

STATISTICHE UFFICIALI, GOVERNATIVE E ISTAT, SULLA EMIGRAZIONE DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E DALLE SUE PROVINCE . STATISTICHE UFFICIALI, GOVERNATIVE E ISTAT, SULLA EMIGRAZIONE DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E DALLE SUE PROVINCE TRA IL 1869 E IL 2007 Prof. Fausto Desalvo Prof. Fausto Desalvo Nato a Savona nel 1948

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo

I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo I destinatari del programma Youth Guarantee in Abruzzo Aggiornamento dei dati al 2013 (16 aprile 2014, ver. 0.3) APRILE 2014 Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012-2014 Area

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 Pagina 1 di 5 COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 No Comments E stato presentato questa mattina al Ministero dell Istruzione il rapporto INVALSI 2014. Complessivamente sono

Dettagli

LE MIGRAZIONI INTERNE IN ITALIA DAL 1996 AL 2002

LE MIGRAZIONI INTERNE IN ITALIA DAL 1996 AL 2002 UNIVERSITẦ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTẦ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA POPOLAZIONE E SOCIETẦ TESI DI LAUREA LE MIGRAZIONI INTERNE IN ITALIA DAL 1996 AL 2002 Relatore: Ch.mo Prof.

Dettagli