Social Network Analysis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Social Network Analysis"

Transcript

1 Social Network Analysis 1

2 Rappresentazione di una rete Dati due insiemi X ed Y, con elementi X = {x 1, x 2,, x n } ed Y = {y 1, y 2,, y n }, una relazione è un sottoinsieme del prodotto cartesiano X Y tra i due insiemi, ossia un sottoinsieme dell insieme di coppie {(x 1, y 1 )(x 1, y 2 ),, (x 1, y n ), (x 2, y 1 ),, (x 2, y n ),, (x n, y n )}. 2

3 Rappresentazione tramite grafo A B A B D F C C H 3 D

4 Rappresentazione tramite grafo A B F H D C 4

5 Rappresentazione tramite matrice A B C D F A B C D H A B C D

6 Social Network Analysis: Teoria dei grafi Un grafo è composto da punti, detti nodi o vertici, e da linee, detti archi, spigoli o margini. Tipo di grafo (dipende dalla relazione): -semplice -digrafo (o grafo diretto) -grafo valutato -grafo segnato 6

7 Teoria dei grafi (grafi semplici) Numero totale dei punti: g Numero totale delle linee: q q è compreso tra 0 e g(g-1)/2, nel caso di un grafo semplice q è compreso tra 0 e g(g-1), nel caso di un grafo diretto Densità= q/(g(g-1)/2) nel caso di un grafo semplice 7

8 Teoria dei grafi Un grafo G può essere quindi descritto da un insieme V di nodi, ed un insieme E di coppie non ordinate di elementi in V; G = (V, E). Linea incidente (v è una estremità del nodo e) Punti adiacenti (nel caso due punti e ed f abbiano un estremità in comune) Grado di un punto (costituito dagli elementi del suo vicinato); si indica con d(v). Nel caso in cui d(v) = 0, allora il punto è isolato. 8

9 Teoria dei grafi Sottografo: si considerino G = (V, E) e H = (W, F). H è un sottografo di G nel caso in cui W V ed F E. Sottografo massimale: dato il sottoinsieme non vuoto di punti U, si può allora considerare la classe di tutti i sottografi in G dei quali U costituisca l insieme di punti. Il massimo è chiamato sottografo di G indotto da U, e consiste di tutte le linee in E in cui i due punti di incidenza sono entrambi in U. 9

10 Sottografi massimali In termini più concreti, un sottografo viene definito massimale rispetto ad una certa proprietà (ad esempio, la completezza) se tale proprietà si mantiene per il sottografo, ma non si mantiene se si aggiungono al sottografo nodi addizionali o linee incidenti con loro (appartenenti al grafo dal quale tale sottografo massimale è stato estratto). 10

11 Teoria dei grafi Una clique è definita quindi come un sotto-insieme di punti in cui ogni possibile coppia di punti è direttamente collegata da una linea. Quindi, Una componente è massimale e connessa Una clique è massimale e completa 11

12 c b a h d i g e j f 12

13 c b a h d i g e j f 13

14 c b a h d i g e j f 14

15 Teoria dei grafi Passeggiata: insieme ordinato e con ripetizioni di linee in E tale che ogni linea nella sequenza è diversa ed adiacente a quella che immediatamente la segue, ed il punto di adiacenza tra una linea e la precedente è diverso dal punto di adiacenza tra questa e la successiva Due o più passeggiate possono essere: -co-terminali -concatenabili Sentiero: una passeggiata in cui non vi sono termini ripetuti. Ciclo: una passeggiata senza ripetizione ed in cui il termine iniziale ed il termine finale corrispondano. 15

16 Teoria dei grafi Due punti sono detti connessi nel caso in cui tra loro esista almeno una passeggiata. Un grafo è detto connesso se considerati due suoi generici nodi, essi sono connessi. Componente: un massimale connesso Punto di taglio: se cancellando il punto v in G si ottiene un numero di componenti maggiori rispetto a quelle di G, allora il punto v è detto punto di taglio. Un grafo senza punti di taglio viene detto non separabile. 16

17 Teoria dei grafi Geodesica: il sentiero più corto esistente tra due nodi h d i g e j f 17

18 Qual è la geodesica tra il nodo e ed il nodo i? h d i g e j f 18

19 h d i g e j f 19

20 Teoria dei grafi Eccentricità di un nodo: la più ampia distanza geodesica tra un nodo ed ogni altro nodo Diametro di un grafo: la lunghezza della geodesica più ampia per ogni paio di nodi 20

21 Rete globale Ego-centred network -scelta di un ego -k-th order zone Variazioni 21

22 Proprietà strutturali delle reti Centralità e prestigio (*) Sottogruppi coesivi (*) Structural balance Affiliation networks Ruoli e posizioni Equivalenza strutturale, algebra relazione e blockmodels 22

23 Proprietà strutturali delle reti 23

24 Centralità Distinzione tra: -punto localmente centrale: quando ha un gran numero di connessioni con gli altri punti del suo vicinato; -punto globalmente centrale: quando ha una posizione di importanza strategica nella struttura complessiva della rete. 24

25 Centralità Degree Centrality: C' D ( n i ) d( n ) = i,0 C' ( n D i g 1 ) 1. Con n indichiamo uno specifico attore entro la rete; con d(n i ) il suo grado. Con g indichiamo invece il numero di attori che compongono la rete. Un attore è prominente se i legami che ha con gli altri attori nella rete lo rendono particolarmente visibile all interno di questa. 25

26 Centralità e f j k n a g b m c o d h l q p 26

27 Centralità a,b,c g,m Altri nodi Assoluta Normalizzata 0,33 0,13 0,07 27

28 Centralità In-Degree Centrality: C d I di ( ni ) = g 1 Out-Degree Centrality: C d O do ( no ) = g 1 28

29 Centralità Un nodo può essere Isolato se d I (n i ) = d O (n i ) = 0; Trasmettitore se d I (n i ) = 0 e d O (n i ) > 0; Ricevitore se d I (n i ) > 0 e d O (n i ) = 0; Ordinario se d I (n i ) > 0 e d O (n i ) > 0. 29

30 30 Closeness centrality (indice di centralità globale) Centralità 1 ) ( ',0 ), ( 1 ) ( ' 1 < = = i C g j j i i C n C n n d g n C Un attore viene definito centrale se può interagire velocemente con gli altri Rispetto alla notazione precedente, d(n i, n j ) indica la distanza geodesica tra l attore n i e l attore n j.

31 Centralità Beetweennes centrality (indice globale di centralità) C B j< k g jk ( n i ) / g ( ni ) =,0 CB 1 ( g 1)( g 2) / 2 jk Rispetto alla notazione precedente, per i distinti da j e k, g jk (n i ) rappresenta il numero di geodesiche tra n j e n k che collegano l attore i, mentre g jk, il numero totale di geodesiche tra n j e n k Un attore è centrale se è situato tra le geodesiche degli altri attori (ha quindi una grande influenza interpersonale e controlla gli scambi tra gli altri attori). Quindi, un punto è visto come dipendente da un altro se i percorsi che lo connettono agli altri punti passano attraverso quest ultimo. 31

32 Centralità e f j k n a g b m c o d h l q p 32

33 Centralità e f j k n a g b m c o d h l q p 33

34 Centralità a,c b g,m j,k,l Altri punti Centralità locale relativa Centralità locale assoluta 0,33 0,33 0,13 0,07 0,07 Centralità globale relativa Centralità globale assoluta 0,35 0,45 0,40 0,31 0,26 34

35 Centralizzazione C A = g i= 1 max [ C g i= 1 A [ C ( n*) C A A ( n ( n*) C A i )] ( n i,0 )] C A 1 dove C A( n*) = max i C A( ni ) Se C A =C D (n i ), allora il denominatore è uguale a (g-1)(g-2) 35

36 Centralizzazione j k k g m b g b m l j l

37 Componenti e clique La nozione di clique è già stata definita. Esistono diversi modi di operazionalizzare tale concetto: una clique può essere vista come un gruppo di individui reciprocamente collegati o come sacche ad alta densità. Concetti elementari: -sotto-grafo -componente Componenti forti vs. Componenti deboli (in grafi diretti) Componenti semplici (in un grafo non diretto) 37

38 Cliques 38

39 Cliques Problemi della definizione di clique: -è avara (stingy): è sufficiente la mancanza di una linea perché un sottografo non sia una clique -le clique sono spesso troppo limitate -le clique spesso si sovrappongono -Le clique non sono robuste -L ampiezza di una clique è dipendente dal grado di un nodo 39

40 Cliques Sono quindi stati introdotte diverse condizioni che indeboliscono le clique in modo da risolvere i problemi di ristrettezza della loro definizione: -un primo tipo di soluzione si basa sul concetto di diametro e di raggiungibilità (k-clique, n- clique, n-clan) -un secondo tipo di soluzione si basa sul fatto che un sottogruppo è tale quando risulta essere particolarmente coeso rispetto al resto del network di appartenenza (Lambda set) 40

41 Cliques n-cliques: si considera un valore di cut-off, n, che corrisponde alla lunghezza massima della geodesica che connette una coppia di attori entro un sottogruppo. Un n-clique è un sottografo massimale entro il quale la distanza geodesica più grande non è maggiore di n. Problemi: -una n-clique può avere un diametro maggiore di n -una n-clique può essere disconnessa (essendo connessi tra loro tramite nodi esterni alla n-clique) Perciò, n-cliques are not as cohesive as we might like for studying subgroups (Alba & Moore, 1979). 41

42 Cliques E possibile introdurre alcune modifiche al concetto di n- clique: -n-clans: ogni n-clique che include coppie di nodi escludendo le geodesiche che richiedono non-membri del sottografo -n-club: un sottografo massimale entro il quale la distanza tra tutti i nodi entro il sottografo è minore o uguale ad n: quindi, data la definizione di massimale, noi abbiamo un n- club quando nessun nodo che abbia una distanza geodesica minore o uguale ad n da tutti i membri del sottografo può essere aggiunto al sottografo. 42

43 Cliques a 2-cliques: a,b,c,d,e b,c,d,e,f b c 2-clan: b,c,d,e,f d f e 2-club: a,b,c,d a,b,c,e b,c,d,e,f 43

44 Cliques Sono state inoltre proposte delle alternative che richiedono che tutti I membri del sottogruppo siano adiacenti ad un numero minimo di altri membri del sottogruppo. k-plexes: un sottografo massimale che contiene g nodi entro in quali ogni nodo è adiacente a non meno di g s k nodi nel sottografo. k-cores: un sottografo entro il quale ogni nodo è adiacente almeno ad un minimo di membri k di altri nodi nel sottografo 44

45 Structural balance Questa idea nasce con gli studi di Fritz Heider (1946) sulla cognizione individuale delle situazione sociali, ed in particolare su come l atteggiamento o le opinioni di un individuo coincidano con quelle di altre entità sociali con cui si relaziona: In the case of two entities, a balanced state exists if the [ties] between them [are] positive (or negative) in all aspects In the case of three entities, a balanced state exists if all three possible [ties] are positive in alla respects, or if two are negative, and one positive. In generale, un gruppo si dice strutturalmente bilanciato se, qualora esista un legame positivo tra due attori sociali, allora questi due attori sociali sono consistenti nelle loro valutazioni di tutti gli altri attori sociali. 45

46 Structural balance + - a a a b c b c b c a a b c b c a a a b c b c b c 46

47 Structural balance + - a a a b c b c b c a a b c b c a a a b c b c b c 47

48 Structural balance Per vedere se un grafo è bilanciato, è necessario calcolare il segno del ciclo: se è positivo, allora il ciclo è bilanciato. In generale, un grafo segnato è bilanciato se e solo se tutti i suoi cicli hanno segno positivo. 48

49 Structural balancing b c b c a d a d g e g e f f 49

50 Structural balancing and clustering Un grafo segnato è suddivisibile in cluster se è è possibile partizionare i nodi del grafo in un numero finito di sottoinsiemi tali che ogni linea positiva unisce due nodi entro uno stesso sottoinsieme ed ogni linea negativa unisce due nodi entro sottoinsiemi differenti. Tali sottoinsiemi sono detti cluster. Un grafo segnato è suddivisible in cluster se e solo se il grafo non contiene cicli che hanno esattamente una linea negativa. 50

51 Structural balancing and clustering f e a d b c Si hanno quattro cicli di lunghezza 3 (abf, bcf, cef, cde), tre cicli di lunghezza 4, un ciclo di lunghezza 5 ed un ciclo di lunghezza 6. Il grafo non è bilanciato, dato che due dei quattro cicli da 3 hanno segno negativo. Nessuno di questi cicli contiene una sola linea negativa, quindi il grafo è clusterable. 51

52 Structural balancing and clustering a f b e c d 52

53 Structural balancing and clustering f e a b c Esistono differenti modi di clusterizzare un grafo: un grafo con clusterizzazione non univoca è sicuramente un grafo incompleto. Se il grafo è completo, allora ha un unico modo di essere clusterizzato. d 53

54 Ruoli e posizioni 54

55 Equivalenza Strutturale Cos è un ruolo? Un ruolo è determinato dal pattern di relazioni che intercorrono tra attori sociali Lorrain, White (1971): The total role of an individual in a social system has often been described as consisting of sets of relations of various types linking this person as ego to sets of others 55

56 Equivalenza Strutturale Alla base del concetto di ruolo, c è quello di equivalenza: Equivalenza strutturale: due individui x e y sono strutturalmente equivalenti se hanno esattamente gli stessi collegamenti verso e da altri membri della rete. es a e b sono strutturalmente equivalenti se e solo se - arc, allora brc - dta, allora dtb.(lorrain, White, 1971) 56

57 Block Models Sulla base dell equivalenza strutturale, è possibile costruire un modello della struttura del network secondo il criterio del ruolo: Gli individui strutturalmente equivalenti hanno la stessa posizione nella rete. E' possibile partizionare i membri di una rete multipla in gruppi di persone tali che tutti gli individui assegnati allo stesso blocco sono strutturalmente equivalenti. Il blocco diventa pertanto rappresentativo della posizione sociale che ogni suo membro ha nella struttura sociale. 57

58 Block Models Sia T = {T 1,..., T b } un modello a blocchi per un insieme B di blocchi (tale che T sia una rete multipla su B), e sia R = {R 1,..., R p } sia una rete multipla su un insieme X = {1,.., n}. Sia f un mappaggio tra l'insieme X sull'insieme B dei blocchi in B. Per ogni blocco b in B, sia n b il numero degli elementi i in X per ogni f(i) = b. Allora T è a) un fat-fit per R se e solo se (i, j) in R k, per ogni i, j in X tale che f(i) = b e f(j) = c; k = 1,..., p; (Breiger, 1975) b) un lean-fit per R se e solo se (i, j) in R k, per alcuni i, j in X tale che f(i) = b e f(j) = c; k = 1,..., p; c) un α-blockmodel per R se se (b, c) in T k se e solo se (i, j) in R k per almeno αn b n c coppie di elementi (i, j) tali che f(i) = b e f(j) = c; k = 1,..., p; (es, α = 0.5) d) un (α 1,..., α p ) -blockmodel per R se se (b, c) in T k se e solo se (i, j) in R k per almeno α k n b n c coppie di elementi (i, j) tali che f(i) = b e f(j) = c; k = 1,..., p; 58

59 Equivalenze Equivalenza automorfica: due individui x e y sono automorficamente equivalenti se e solo se esiste qualche automorfismo per il quale sono equivalenti(winship, 1988). (ma anche equivalenza regolare, inboundoutbound equivalence etc.) 59

60 Ruolo Dato un modello astratto, come descrivere la struttura di ruolo di un intero gruppo? Costruendo l algebra di ruolo di un gruppo L obiettivo è to understand the interrelations among relations within concrete social groups By interrelation among relations is meant the way in which relations among the members of a social system occur in characteristic bundles and how these bundles of relations interlock and determine one another.(lorrain, White, 1971) 60

61 Ruolo Dato il tipo di rete, è possibile costruire tipi differenti di algebre: Rete globale Ego-centred network Partial ordered semigroup Local role algebra, truncated algebra, Role algebra 61

62 Come costruire un algebra per una complete social network Alla base, c è l operazione di composizione. Secondo Lorrain & White (1971), l'operazione di composizione (o concatenazione) rappresenta the basic logic of interlock in the system of relationship. Secondo Pattison (1993) compound relations are claimed to define the paths which social processes flow: those whom they link may or may not be aware of it. Lorrain (1972) sostiene che any concatenation of social relationship is itself a social relationship, whether perceived or not. es. Relazione F Relazione H 1) Si crea la relazione composta FH FH ={(A,A), (B,B), (C,A), (C,B), (C,C), (D,D)} tramite elencazione (più semplicemente, si può calcolare il prodotto delle matrici). 62

63 Come costruire un algebra per una complete social network Si nota che: -vi sono possibili infinite combinazioni (F, H, FH, HF, FHF, HHF, FFF, HHH, HFHF etc.). - è possibile operare un confronto tra tutte le relazioni, primitive e composte, controllando che una non sia contenuta nell altra. Es. H F 63

64 Come costruire un algebra per una complete social network 2)Si costruisce, secondo la relazione, un ordine parziale Proprietà riflessiva, transitiva, asimmetrica 3) Si eliminano le relazioni composte ridondanti, definite attraverso l assioma di qualità. Let W e V be binary relations on X. Define W = V iff W V and V W 64

65 Come costruire un algebra per una complete social network 4)Considerando le relazioni primitive come elementi, e la composizione come caratteristica di questa struttura, si crea un semigruppo (parzialmente ordinato). Un semigruppo è una struttura formata da un dominio X ed un operazione binaria caratteristica O, tale che O sia interna ad X ed associativa. 65

66 Cosa permette di fare questo tipo di analisi? Tramite l utilizzo della struttura algebrica, è possibile effettuare confronti tra gruppi Ricavare strutture più semplici che descrivano tale gruppo (fattorizzazione) Definizione astratta delle strutture di ruolo es. White, 1973 studio della determinazione dei clan tra aborigeni Australiani 66

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009

Ing. Gianluca Murgia. murgia@unisi.it. Milano 29/04/2009 Ing. Gianluca Murgia murgia@unisi.it Milano 29/04/2009 Sommario Definizione di Social Network Analysis Tipologie di social network Costruzione di una social network Principali indicatori SNA Perché applicarla

Dettagli

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà :

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà : RELAZIONI INARIE Dati due insiemi non vuoti, A detto dominio e detto codominio, eventualmente coincidenti, si chiama relazione binaria (o corrispondenza) di A in, e si indica con f : A, (oppure R ) una

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

Giuseppe Pigola Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania Italy

Giuseppe Pigola Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania Italy Giovanni Giuffrida, Giuseppe Giura, Carlo Pennisi, Calogero Zarba Dipartimento di Sociologia e Metodi delle Scienze Sociali Università di Catania - Italy Giuseppe Pigola Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

Fondamenti di Informatica II

Fondamenti di Informatica II Fondamenti di Informatica II Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Introduzione, A.A. 2009/2010 1/8

Dettagli

MATEMATICA DEL DISCRETO elementi di teoria dei grafi. anno acc. 2009/2010

MATEMATICA DEL DISCRETO elementi di teoria dei grafi. anno acc. 2009/2010 elementi di teoria dei grafi anno acc. 2009/2010 Grafi semplici Un grafo semplice G è una coppia ordinata (V(G), L(G)), ove V(G) è un insieme finito e non vuoto di elementi detti vertici o nodi di G, mentre

Dettagli

Lezione 4. Modello EER

Lezione 4. Modello EER Lezione 4 Modello EER 1 Concetti del modello EER Include tutti i concetti di modellazione del modello ER Concetti addizionali: sottoclassi/superclassi, specializzazione, categorie, propagazione (inheritance)

Dettagli

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S

Prodotto elemento per elemento, NON righe per colonne Unione: M R S Relazioni binarie Una relazione binaria può essere rappresentata con un grafo o con una matrice di incidenza. Date due relazioni R, S A 1 A 2, la matrice di incidenza a seguito di varie operazioni si può

Dettagli

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali

Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Dispersion centrality: applicazione della dispersione in casi di studio reali Amedeo Leo Alessio Petrozziello Simone Romano amedeo.leo92@gmail.com alessio92p@gmail.com s.romano1992@gmail.com Università

Dettagli

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano Alcuni Preliminari Prodotto Cartesiano Dati due insiemi A e B, si definisce il loro prodotto cartesiano A x B come l insieme di tutte le coppie ordinate (a,b) con a! A e b! B. Es: dati A= {a,b,c} e B={,2,3}

Dettagli

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social Network & Social Network Analisys. Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social Network & Social Network Analisys Social media management Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Rete? L insieme delle relazioni. esistenti tra entità Social Network, Social Network

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE Negli ultimi anni si è compreso che sistemi anche molto diversi tra loro possono essere efficacemente descritti in termini di cosiddetti "networks" o reti complesse.

Dettagli

Planning as Model Checking Presentazione della Tesina di Intelligenza Artificiale

Planning as Model Checking Presentazione della Tesina di Intelligenza Artificiale Planning as Model Checking Presentazione della Tesina di Intelligenza Artificiale di Francesco Maria Milizia francescomilizia@libero.it Model Checking vuol dire cercare di stabilire se una formula è vera

Dettagli

Università degli Studi di Milano - Bicocca

Università degli Studi di Milano - Bicocca Università degli Studi di Milano - Bicocca Facoltà di Psicologia Corso di Laurea in Discipline della Ricerca Psicologico-Sociale Social Network Analysis e interazione on-line. Applicazione ad un contesto

Dettagli

G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia

G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia Definizione 1.1 Relazione. Dati due insiemi A e B un sottoisieme R A B è detto una relazione binaria tra A e B. Se A = B allora

Dettagli

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE pag. 131 Appendice: Nozioni base e varie G. Gerla APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE 1. Funzioni e relazioni di equivalenza Questi appunti sono rivolti a persone che abbiano già una conoscenza elementare della

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS

CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS INTRODUZIONE Per conoscere la struttura di un grafo connesso è importante individuare nel grafo la distribuzione di certi punti detti cutpoints (punti

Dettagli

execute reject delay

execute reject delay Scheduler Lo scheduler stabilisce l ordine di esecuzione delle operazioni. Le azioni che svolge sono: execute: l operazione può essere eseguita immediatamente, per cui viene passata al data manager reject:

Dettagli

STRUTTURE NON LINEARI

STRUTTURE NON LINEARI PR1 Lezione 13: STRUTTURE NON LINEARI Michele Nappi mnappi@unisa.it www.dmi.unisa.it/people/nappi Per la realizzazione della presentazione è stato utilizzato in parte materiale didattico prodotto da Oronzo

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) Un insieme è una collezione di oggetti. Il concetto di insieme è un concetto primitivo. Deve esistere un criterio chiaro, preciso, non ambiguo, inequivocabile,

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Filoni di ricerca: cenni storici

Filoni di ricerca: cenni storici RETI SOCIALI Reti sociali L Analisi delle reti sociali (Social Network Analysis SNA), sviluppatasi negli anni 30, è una tecnica che consente di misurare e visualizzare le relazioni sociali tra soggetti,

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Modellazione delle preferenze

Modellazione delle preferenze Modellazione delle preferenze Roberto Cordone 1 1 Sono debitore delle dispense di B. Simeone e F. Patrone Sistemazione assiomatica Dato un insieme non vuoto di impatti F, esprimere una preferenza fra due

Dettagli

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto

R X X. RELAZIONE TOTALE Definizione: Si definisce relazione totale tra x e y se dati X,Y diversi dall'insieme vuoto PRODOTTO CARTESIANO Dati due insiemi non vuoti X e Y si definisce prodotto cartesiano: X Y ={ x, y x X, y Y } attenzione che (x,y) è diverso da (y,x) perchè (x,y)={x,{y}} e (y,x)={y,{x}} invece sono uguali

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

4. Strutture algebriche. Relazioni

4. Strutture algebriche. Relazioni Relazioni Sia R una relazione definita su un insieme A (cioè R A A). R si dice riflessiva se a A : ara R si dice simmetrica se a, b A : arb = bra R si dice antisimmetrica se a, b A : arb bra = a = b R

Dettagli

http://users.dimi.uniud.it/~massimo.franceschet/te... Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali

http://users.dimi.uniud.it/~massimo.franceschet/te... Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali Who Shall Survive? Misure di centralità su reti sociali Una rete sociale (social network) è una struttura fatta di persone e relazioni tra le persone. I sociologi chiamano attori (actors) le persone della

Dettagli

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota A. Agnetis In questi appunti studieremo alcuni modelli per il problema del lot sizing, vale a dire il problema di programmare la dimensione

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI CAPITOLO 5 PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI Nel presente Capitolo, verrà introdotto il concetto di equivalenza tra bipoli statici e verranno enunciati e dimostrati alcuni teoremi (proprietà) generali

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano anomalie

b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano anomalie TEORIA RELAZIONALE: INTRODUZIONE 1 Tre metodi per produrre uno schema relazionale: a) Partire da un buon schema a oggetti e tradurlo b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano

Dettagli

Analisi di una Rete Sociale

Analisi di una Rete Sociale 2012 Analisi di una Rete Sociale Alessandro Lovati Matricola 626053 Comunicazione Digitale ord. F47 26/01/2012 Indice : 1. Obiettivo del progetto 2. Realizzazione 3. Analisi dei risultati 3.1. Numero di

Dettagli

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate Basi di dati La progettazione di una base di dati richiede di focalizzare lo sforzo su analisi, progettazione e implementazione della struttura con cui sono organizzati i dati (modelli di dati) Le funzionalità

Dettagli

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks with an Analysis of Link Formation on Twitter Dario Nardi Seminario Sistemi Complessi 15 Aprile 2014 Dario Nardi (CAS) 15/4/14 1 / 20

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

ESERCITAZIONE. Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2014-2015

ESERCITAZIONE. Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2014-2015 ESERCITAZIONE Francesco Poggi fpoggi@cs.unibo.it A.A. 2014-2015 Premessa As always, there is never a correct solution to any modelling problem. It s more that some models are more precise, and more informative,

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

CRAWLER. Il primo problema da affrontare per tracciare il Web è la costruzione di Crawler scalabili

CRAWLER. Il primo problema da affrontare per tracciare il Web è la costruzione di Crawler scalabili TRACCIARE IL WEB CRAWLER Il primo problema da affrontare per tracciare il Web è la costruzione di Crawler scalabili per scalabile si intende: quale è il numero P di pagine oltre il quale il Crawler si

Dettagli

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) [# Aii [10 pagine]] Algebre di Boole Un algebra di Boole è una struttura 1. Definizione e proprietá B =< B,,, ν, 0, 1 > in cui B è un insieme non

Dettagli

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI 1. CLASSI DI RESTO E DIVISIBILITÀ In questa parte sarò asciuttissimo, e scriverò solo le cose essenziali. I commenti avete potuto ascoltarli a lezione.

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2.

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2. Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Metodi Computazionali

Metodi Computazionali Metodi Computazionali Elisabetta Fersini fersini@disco.unimib.it A.A. 2009/2010 Catene di Markov Applicazioni: Fisica dinamica dei sistemi Web simulazione del comportamento utente Biologia evoluzione delle

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali 1. Considerazioni generali Modelli di shop scheduling In molti ambienti produttivi l esecuzione di un job richiede l esecuzione non simultanea di un certo numero di operazioni su macchine dedicate. Ogni

Dettagli

Relazioni binarie in generale

Relazioni binarie in generale Capitolo B53: Relazioni binarie in generale Contenuti delle sezioni a. Relazioni binarie p. b. Operazioni su relazioni binarie p.6 c. Digrafi e relazioni binarie p.7 d. Principali caratterizzazioni delle

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Sono casi particolari di MCF : SPT (cammini minimi) non vi sono vincoli di capacità superiore (solo x ij > 0) (i, j) A : c ij, costo di percorrenza

Sono casi particolari di MCF : SPT (cammini minimi) non vi sono vincoli di capacità superiore (solo x ij > 0) (i, j) A : c ij, costo di percorrenza Il problema di flusso di costo minimo (MCF) Dati : grafo orientato G = ( N, A ) i N, deficit del nodo i : b i (i, j) A u ij, capacità superiore (max quantità di flusso che può transitare) c ij, costo di

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

Reti Logiche. Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali.

Reti Logiche. Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali. Reti Logiche Le reti logiche sono gli elementi architettonici di base dei calcolatori, e di tutti gli apparati per elaborazioni digitali. - Elaborano informazione rappresentata da segnali digitali, cioe

Dettagli

Automi. Sono così esempi di automi una lavatrice, un distributore automatico di bibite, un interruttore, una calcolatrice tascabile,...

Automi. Sono così esempi di automi una lavatrice, un distributore automatico di bibite, un interruttore, una calcolatrice tascabile,... Automi Con il termine automa 1 s intende un qualunque dispositivo o un suo modello, un qualunque oggetto, che esegue da se stesso un particolare compito, sulla base degli stimoli od ordini ricevuti detti

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Il modello relazionale 1 Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981

Dettagli

Sintesi di reti logiche multilivello. Sommario. Motivazioni. Sommario. M. Favalli

Sintesi di reti logiche multilivello. Sommario. Motivazioni. Sommario. M. Favalli Sommario Sintesi di reti logiche multilivello M. Favalli Engineering Department in Ferrara 1 2 3 Aspetti tecnologici Sommario Analisi e sintesi dei circuiti digitali 1 / Motivazioni Analisi e sintesi dei

Dettagli

Appunti di Logistica. F. Mason E. Moretti F. Piccinonno

Appunti di Logistica. F. Mason E. Moretti F. Piccinonno Appunti di Logistica F. Mason E. Moretti F. Piccinonno 2 1 Introduzione La Logistica è una disciplina molto vasta che, in prima approssimazione, si suddivide in logistica interna (alle aziende) e logistica

Dettagli

Sistemi Informativi. Basi di Dati. Progettazione concettuale. Architettura Progettazione Analisi funzionale

Sistemi Informativi. Basi di Dati. Progettazione concettuale. Architettura Progettazione Analisi funzionale 6LVWHPL,QIRUPDWLYL H DVLGL'DWL Oreste Signore (Oreste.Signore@cnuce.cnr.it) &RQWHQXWR Sistemi Informativi Basi di Dati Architettura Progettazione Analisi funzionale Progettazione concettuale Information

Dettagli

Scuola Primaria FINALE SQ. - 14/15 ESERCIZIO 1

Scuola Primaria FINALE SQ. - 14/15 ESERCIZIO 1 ESERCIZIO 1 Si ricordi che una regola di deduzione è un termine che ha la struttura: regola(,,). Tale termine indica una regola di nome che consente di dedurre

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Verifica parte IIA. Test (o analisi dinamica) Mancanza di continuità. Esempio

Verifica parte IIA. Test (o analisi dinamica) Mancanza di continuità. Esempio Test (o analisi dinamica) Verifica parte IIA Rif. Ghezzi et al. 6.3-6.3.3 Consiste nell osservare il comportamento del sistema in un certo numero di condizioni significative Non può (in generale) essere

Dettagli

Esercitazioni (a cura di R. Basili)

Esercitazioni (a cura di R. Basili) Esercitazioni (a cura di R. Basili) E1. Elementi di Algebra Insiemi Nozione intuitiva di insieme L'insieme vuoto Operazioni tra insiemi Domini Prodotto Cartesiano Proprieta' delle operazioni tra insiemi

Dettagli

La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica

La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica La Social Network Analysis applicata alla ricerca semantica Ernesto Lastres Sistemi Territoriali S.r.l. Cascina (Pisa), Italy Il Progetto ODINet è realizzato con il determinante contributo della Regione

Dettagli

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software T 2. Analisi orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare

Dettagli

Sorgenti autorevoli in ambienti hyperlinkati.

Sorgenti autorevoli in ambienti hyperlinkati. Sorgenti autorevoli in ambienti hyperlinkati. La qualità di un metodo di ricerca richiede la valutazione umana dovuta alla soggettività inerente alla nozione di rilevanza. I motori di ricerca correnti,

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Foglio di calcolo. Foglio di calcolo: nomi celle

Foglio di calcolo. Foglio di calcolo: nomi celle Foglio di calcolo L'astrazione offerta da un programma di gestione di fogli di calcolo è quella di una matrice (un foglio a quadretti). Colonne: A, B, C,... Righe: 1, 2, 3,... Ogni cella ha un nome composto

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Università di Salerno Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente: Ing. Giovanni Secondulfo Anno Accademico 2010-2011 ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Fondamenti di Informatica Algebra

Dettagli

Tipi di Dato Ricorsivi

Tipi di Dato Ricorsivi Tipi di Dato Ricorsivi Luca Abeni September 2, 2015 1 Tipi di Dato Vari linguaggi di programmazione permettono all utente di definire nuovi tipi di dato definendo per ogni nuovo tipo l insieme dei suoi

Dettagli

Examples of chemical equivalence

Examples of chemical equivalence hemical equivalence Two spins are chemically equivalent if: There is a symmetry operation that exchange their positions, or There is a dynamic process between two or more energetically equivalent conformations

Dettagli

RELAZIONI E FUNZIONI. Per ricordare. Figura 1. Figura 2. Figura 3. Figura 4

RELAZIONI E FUNZIONI. Per ricordare. Figura 1. Figura 2. Figura 3. Figura 4 RELAZIONI E FUNZIONI 3 Per ricordare H Dati due insiemi A e B e una proposizione aperta px,y, con x 2 A e y 2 B, si dice che x eá in relazione con y, e si scrive x R y, sepx,y eá vera; si parla allora

Dettagli

Software testing. Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F.

Software testing. Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F. 1 Software testing Lezione 3 Functional Testing Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 Autori: A.Bei/F.Rabini/F.Spiga 2 Functional Testing Sotto la dicitura funzionale si raccolgono i criteri

Dettagli

Autori: M. Di Ianni, A. Panepuccia

Autori: M. Di Ianni, A. Panepuccia AR Analisi di Reti 2010/2011 M.Di Ianni Assegnazioni di ruoli Autori: M. Di Ianni, A. Panepuccia In questa dispensa verrà trattato il problema dell assegnazione dei ruoli in un grafo. Tale problema è stato

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione MODELLO RELAZIONALE Introduzione E' stato proposto agli inizi degli anni 70 da Codd finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati, unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008. Parte 1: NOZIONI DI BASE

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008. Parte 1: NOZIONI DI BASE Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008 Parte 1: NOZIONI DI BASE 1 Indice 1 Nozioni introduttive 3 1.1 Insiemi..................................... 3 1.2 Operazioni tra insiemi.............................

Dettagli

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o Sommario Sintesi di macchine a stati finiti 1 Realizzazione del ST M. avalli 2 utoma minimo di SM completamente specificate 6th June 2007 3 Ottimizzazione di SM non completamente specificate Sommario ()

Dettagli

f: AxB f(x)=y, f={ per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={<1,2>, <2,3>, <3,3>} : {1,2,3} {1,2,3} f(1)=2, f(2)=3, f(3)=3

f: AxB f(x)=y, f={<x,y> per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={<1,2>, <2,3>, <3,3>} : {1,2,3} {1,2,3} f(1)=2, f(2)=3, f(3)=3 Insieme delle parti di A : Funzione : insieme i cui elementi sono TUTTI i sottoinsiemi di A f: AxB f(x)=y, f={ per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={, , } : {1,2,3} {1,2,3}

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

Raffinamento dello schema e forme normali. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Raffinamento dello schema e forme normali. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Raffinamento dello schema e forme normali 1 Forme Normali Le forme normali consentono di valutare la qualità delle relazione Sono state proposte diverse forme normali che includono, in ordine di generalità:

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 17 settembre 2011 (1 ora) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 052631578947368421,

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

Tecniche Reticolari. Problema: determinare l istante di inizio di ogni attività in modo che la durata complessiva del progetto sia minima

Tecniche Reticolari. Problema: determinare l istante di inizio di ogni attività in modo che la durata complessiva del progetto sia minima Project Management Tecniche Reticolari Metodologie per risolvere problemi di pianificazione di progetti Progetto insieme di attività A i di durata d i, (=,...,n) insieme di relazioni di precedenza tra

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1

APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 Gino Tironi Stesura provvisoria del 24 settembre, 2007. ii Indice 1 Insiemi e logica 1 1.1 Preliminari......................................... 1 1.2 Cenni di

Dettagli

PREMESSA: Con il termine. regola(,,,)

PREMESSA: Con il termine. regola(<sigla>,<lista antecedenti>,<conseguente>,<peso>) Codice test: Allenamento-gara4-ist-prim - Titolo: Allenamento con domande gara 4 primaria 2012 Domanda numero 1 - Codice 2012-g4-p-01 - Livello di difficoltà: 1.00 PREMESSA: Con il termine regola(,

Dettagli

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4 V o Appello // RICERCA OPERATIVA - Corso A (a.a. 9/) Nome Cognome: Corso di Laurea: L C6 LS LM Matricola: ) Si consideri il problema di flusso di costo minimo in figura. Si verifichi se il flusso ammissibile

Dettagli

Elementi di semantica operazionale

Elementi di semantica operazionale Elementi di semantica operazionale 1 Contenuti sintassi astratta e domini sintattici un frammento di linguaggio imperativo semantica operazionale domini semantici: valori e stato relazioni di transizione

Dettagli

NORMALIZZAZIONE DI SCHEMI RELAZIONALI. Prof.ssa Rosalba Giugno

NORMALIZZAZIONE DI SCHEMI RELAZIONALI. Prof.ssa Rosalba Giugno NORMALIZZAZIONE DI SCHEMI RELAZIONALI Prof.ssa Rosalba Giugno PROBLEMA GENERALE La progettazione concettuale e logica produce uno schema relazionale che rappresenta la realta dei dati nella nostra applicazione.

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

Introduzione Ordini parziali e Reticoli Punti fissi

Introduzione Ordini parziali e Reticoli Punti fissi Introduzione Ordini parziali e Reticoli Punti fissi By Giulia Costantini (819048) & Giuseppe Maggiore (819050) Table of Contents ORDINE PARZIALE... 3 Insieme parzialmente ordinato... 3 Diagramma di Hasse...

Dettagli