Social Network Analysis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Social Network Analysis"

Transcript

1 Social Network Analysis 1

2 Rappresentazione di una rete Dati due insiemi X ed Y, con elementi X = {x 1, x 2,, x n } ed Y = {y 1, y 2,, y n }, una relazione è un sottoinsieme del prodotto cartesiano X Y tra i due insiemi, ossia un sottoinsieme dell insieme di coppie {(x 1, y 1 )(x 1, y 2 ),, (x 1, y n ), (x 2, y 1 ),, (x 2, y n ),, (x n, y n )}. 2

3 Rappresentazione tramite grafo A B A B D F C C H 3 D

4 Rappresentazione tramite grafo A B F H D C 4

5 Rappresentazione tramite matrice A B C D F A B C D H A B C D

6 Social Network Analysis: Teoria dei grafi Un grafo è composto da punti, detti nodi o vertici, e da linee, detti archi, spigoli o margini. Tipo di grafo (dipende dalla relazione): -semplice -digrafo (o grafo diretto) -grafo valutato -grafo segnato 6

7 Teoria dei grafi (grafi semplici) Numero totale dei punti: g Numero totale delle linee: q q è compreso tra 0 e g(g-1)/2, nel caso di un grafo semplice q è compreso tra 0 e g(g-1), nel caso di un grafo diretto Densità= q/(g(g-1)/2) nel caso di un grafo semplice 7

8 Teoria dei grafi Un grafo G può essere quindi descritto da un insieme V di nodi, ed un insieme E di coppie non ordinate di elementi in V; G = (V, E). Linea incidente (v è una estremità del nodo e) Punti adiacenti (nel caso due punti e ed f abbiano un estremità in comune) Grado di un punto (costituito dagli elementi del suo vicinato); si indica con d(v). Nel caso in cui d(v) = 0, allora il punto è isolato. 8

9 Teoria dei grafi Sottografo: si considerino G = (V, E) e H = (W, F). H è un sottografo di G nel caso in cui W V ed F E. Sottografo massimale: dato il sottoinsieme non vuoto di punti U, si può allora considerare la classe di tutti i sottografi in G dei quali U costituisca l insieme di punti. Il massimo è chiamato sottografo di G indotto da U, e consiste di tutte le linee in E in cui i due punti di incidenza sono entrambi in U. 9

10 Sottografi massimali In termini più concreti, un sottografo viene definito massimale rispetto ad una certa proprietà (ad esempio, la completezza) se tale proprietà si mantiene per il sottografo, ma non si mantiene se si aggiungono al sottografo nodi addizionali o linee incidenti con loro (appartenenti al grafo dal quale tale sottografo massimale è stato estratto). 10

11 Teoria dei grafi Una clique è definita quindi come un sotto-insieme di punti in cui ogni possibile coppia di punti è direttamente collegata da una linea. Quindi, Una componente è massimale e connessa Una clique è massimale e completa 11

12 c b a h d i g e j f 12

13 c b a h d i g e j f 13

14 c b a h d i g e j f 14

15 Teoria dei grafi Passeggiata: insieme ordinato e con ripetizioni di linee in E tale che ogni linea nella sequenza è diversa ed adiacente a quella che immediatamente la segue, ed il punto di adiacenza tra una linea e la precedente è diverso dal punto di adiacenza tra questa e la successiva Due o più passeggiate possono essere: -co-terminali -concatenabili Sentiero: una passeggiata in cui non vi sono termini ripetuti. Ciclo: una passeggiata senza ripetizione ed in cui il termine iniziale ed il termine finale corrispondano. 15

16 Teoria dei grafi Due punti sono detti connessi nel caso in cui tra loro esista almeno una passeggiata. Un grafo è detto connesso se considerati due suoi generici nodi, essi sono connessi. Componente: un massimale connesso Punto di taglio: se cancellando il punto v in G si ottiene un numero di componenti maggiori rispetto a quelle di G, allora il punto v è detto punto di taglio. Un grafo senza punti di taglio viene detto non separabile. 16

17 Teoria dei grafi Geodesica: il sentiero più corto esistente tra due nodi h d i g e j f 17

18 Qual è la geodesica tra il nodo e ed il nodo i? h d i g e j f 18

19 h d i g e j f 19

20 Teoria dei grafi Eccentricità di un nodo: la più ampia distanza geodesica tra un nodo ed ogni altro nodo Diametro di un grafo: la lunghezza della geodesica più ampia per ogni paio di nodi 20

21 Rete globale Ego-centred network -scelta di un ego -k-th order zone Variazioni 21

22 Proprietà strutturali delle reti Centralità e prestigio (*) Sottogruppi coesivi (*) Structural balance Affiliation networks Ruoli e posizioni Equivalenza strutturale, algebra relazione e blockmodels 22

23 Proprietà strutturali delle reti 23

24 Centralità Distinzione tra: -punto localmente centrale: quando ha un gran numero di connessioni con gli altri punti del suo vicinato; -punto globalmente centrale: quando ha una posizione di importanza strategica nella struttura complessiva della rete. 24

25 Centralità Degree Centrality: C' D ( n i ) d( n ) = i,0 C' ( n D i g 1 ) 1. Con n indichiamo uno specifico attore entro la rete; con d(n i ) il suo grado. Con g indichiamo invece il numero di attori che compongono la rete. Un attore è prominente se i legami che ha con gli altri attori nella rete lo rendono particolarmente visibile all interno di questa. 25

26 Centralità e f j k n a g b m c o d h l q p 26

27 Centralità a,b,c g,m Altri nodi Assoluta Normalizzata 0,33 0,13 0,07 27

28 Centralità In-Degree Centrality: C d I di ( ni ) = g 1 Out-Degree Centrality: C d O do ( no ) = g 1 28

29 Centralità Un nodo può essere Isolato se d I (n i ) = d O (n i ) = 0; Trasmettitore se d I (n i ) = 0 e d O (n i ) > 0; Ricevitore se d I (n i ) > 0 e d O (n i ) = 0; Ordinario se d I (n i ) > 0 e d O (n i ) > 0. 29

30 30 Closeness centrality (indice di centralità globale) Centralità 1 ) ( ',0 ), ( 1 ) ( ' 1 < = = i C g j j i i C n C n n d g n C Un attore viene definito centrale se può interagire velocemente con gli altri Rispetto alla notazione precedente, d(n i, n j ) indica la distanza geodesica tra l attore n i e l attore n j.

31 Centralità Beetweennes centrality (indice globale di centralità) C B j< k g jk ( n i ) / g ( ni ) =,0 CB 1 ( g 1)( g 2) / 2 jk Rispetto alla notazione precedente, per i distinti da j e k, g jk (n i ) rappresenta il numero di geodesiche tra n j e n k che collegano l attore i, mentre g jk, il numero totale di geodesiche tra n j e n k Un attore è centrale se è situato tra le geodesiche degli altri attori (ha quindi una grande influenza interpersonale e controlla gli scambi tra gli altri attori). Quindi, un punto è visto come dipendente da un altro se i percorsi che lo connettono agli altri punti passano attraverso quest ultimo. 31

32 Centralità e f j k n a g b m c o d h l q p 32

33 Centralità e f j k n a g b m c o d h l q p 33

34 Centralità a,c b g,m j,k,l Altri punti Centralità locale relativa Centralità locale assoluta 0,33 0,33 0,13 0,07 0,07 Centralità globale relativa Centralità globale assoluta 0,35 0,45 0,40 0,31 0,26 34

35 Centralizzazione C A = g i= 1 max [ C g i= 1 A [ C ( n*) C A A ( n ( n*) C A i )] ( n i,0 )] C A 1 dove C A( n*) = max i C A( ni ) Se C A =C D (n i ), allora il denominatore è uguale a (g-1)(g-2) 35

36 Centralizzazione j k k g m b g b m l j l

37 Componenti e clique La nozione di clique è già stata definita. Esistono diversi modi di operazionalizzare tale concetto: una clique può essere vista come un gruppo di individui reciprocamente collegati o come sacche ad alta densità. Concetti elementari: -sotto-grafo -componente Componenti forti vs. Componenti deboli (in grafi diretti) Componenti semplici (in un grafo non diretto) 37

38 Cliques 38

39 Cliques Problemi della definizione di clique: -è avara (stingy): è sufficiente la mancanza di una linea perché un sottografo non sia una clique -le clique sono spesso troppo limitate -le clique spesso si sovrappongono -Le clique non sono robuste -L ampiezza di una clique è dipendente dal grado di un nodo 39

40 Cliques Sono quindi stati introdotte diverse condizioni che indeboliscono le clique in modo da risolvere i problemi di ristrettezza della loro definizione: -un primo tipo di soluzione si basa sul concetto di diametro e di raggiungibilità (k-clique, n- clique, n-clan) -un secondo tipo di soluzione si basa sul fatto che un sottogruppo è tale quando risulta essere particolarmente coeso rispetto al resto del network di appartenenza (Lambda set) 40

41 Cliques n-cliques: si considera un valore di cut-off, n, che corrisponde alla lunghezza massima della geodesica che connette una coppia di attori entro un sottogruppo. Un n-clique è un sottografo massimale entro il quale la distanza geodesica più grande non è maggiore di n. Problemi: -una n-clique può avere un diametro maggiore di n -una n-clique può essere disconnessa (essendo connessi tra loro tramite nodi esterni alla n-clique) Perciò, n-cliques are not as cohesive as we might like for studying subgroups (Alba & Moore, 1979). 41

42 Cliques E possibile introdurre alcune modifiche al concetto di n- clique: -n-clans: ogni n-clique che include coppie di nodi escludendo le geodesiche che richiedono non-membri del sottografo -n-club: un sottografo massimale entro il quale la distanza tra tutti i nodi entro il sottografo è minore o uguale ad n: quindi, data la definizione di massimale, noi abbiamo un n- club quando nessun nodo che abbia una distanza geodesica minore o uguale ad n da tutti i membri del sottografo può essere aggiunto al sottografo. 42

43 Cliques a 2-cliques: a,b,c,d,e b,c,d,e,f b c 2-clan: b,c,d,e,f d f e 2-club: a,b,c,d a,b,c,e b,c,d,e,f 43

44 Cliques Sono state inoltre proposte delle alternative che richiedono che tutti I membri del sottogruppo siano adiacenti ad un numero minimo di altri membri del sottogruppo. k-plexes: un sottografo massimale che contiene g nodi entro in quali ogni nodo è adiacente a non meno di g s k nodi nel sottografo. k-cores: un sottografo entro il quale ogni nodo è adiacente almeno ad un minimo di membri k di altri nodi nel sottografo 44

45 Structural balance Questa idea nasce con gli studi di Fritz Heider (1946) sulla cognizione individuale delle situazione sociali, ed in particolare su come l atteggiamento o le opinioni di un individuo coincidano con quelle di altre entità sociali con cui si relaziona: In the case of two entities, a balanced state exists if the [ties] between them [are] positive (or negative) in all aspects In the case of three entities, a balanced state exists if all three possible [ties] are positive in alla respects, or if two are negative, and one positive. In generale, un gruppo si dice strutturalmente bilanciato se, qualora esista un legame positivo tra due attori sociali, allora questi due attori sociali sono consistenti nelle loro valutazioni di tutti gli altri attori sociali. 45

46 Structural balance + - a a a b c b c b c a a b c b c a a a b c b c b c 46

47 Structural balance + - a a a b c b c b c a a b c b c a a a b c b c b c 47

48 Structural balance Per vedere se un grafo è bilanciato, è necessario calcolare il segno del ciclo: se è positivo, allora il ciclo è bilanciato. In generale, un grafo segnato è bilanciato se e solo se tutti i suoi cicli hanno segno positivo. 48

49 Structural balancing b c b c a d a d g e g e f f 49

50 Structural balancing and clustering Un grafo segnato è suddivisibile in cluster se è è possibile partizionare i nodi del grafo in un numero finito di sottoinsiemi tali che ogni linea positiva unisce due nodi entro uno stesso sottoinsieme ed ogni linea negativa unisce due nodi entro sottoinsiemi differenti. Tali sottoinsiemi sono detti cluster. Un grafo segnato è suddivisible in cluster se e solo se il grafo non contiene cicli che hanno esattamente una linea negativa. 50

51 Structural balancing and clustering f e a d b c Si hanno quattro cicli di lunghezza 3 (abf, bcf, cef, cde), tre cicli di lunghezza 4, un ciclo di lunghezza 5 ed un ciclo di lunghezza 6. Il grafo non è bilanciato, dato che due dei quattro cicli da 3 hanno segno negativo. Nessuno di questi cicli contiene una sola linea negativa, quindi il grafo è clusterable. 51

52 Structural balancing and clustering a f b e c d 52

53 Structural balancing and clustering f e a b c Esistono differenti modi di clusterizzare un grafo: un grafo con clusterizzazione non univoca è sicuramente un grafo incompleto. Se il grafo è completo, allora ha un unico modo di essere clusterizzato. d 53

54 Ruoli e posizioni 54

55 Equivalenza Strutturale Cos è un ruolo? Un ruolo è determinato dal pattern di relazioni che intercorrono tra attori sociali Lorrain, White (1971): The total role of an individual in a social system has often been described as consisting of sets of relations of various types linking this person as ego to sets of others 55

56 Equivalenza Strutturale Alla base del concetto di ruolo, c è quello di equivalenza: Equivalenza strutturale: due individui x e y sono strutturalmente equivalenti se hanno esattamente gli stessi collegamenti verso e da altri membri della rete. es a e b sono strutturalmente equivalenti se e solo se - arc, allora brc - dta, allora dtb.(lorrain, White, 1971) 56

57 Block Models Sulla base dell equivalenza strutturale, è possibile costruire un modello della struttura del network secondo il criterio del ruolo: Gli individui strutturalmente equivalenti hanno la stessa posizione nella rete. E' possibile partizionare i membri di una rete multipla in gruppi di persone tali che tutti gli individui assegnati allo stesso blocco sono strutturalmente equivalenti. Il blocco diventa pertanto rappresentativo della posizione sociale che ogni suo membro ha nella struttura sociale. 57

58 Block Models Sia T = {T 1,..., T b } un modello a blocchi per un insieme B di blocchi (tale che T sia una rete multipla su B), e sia R = {R 1,..., R p } sia una rete multipla su un insieme X = {1,.., n}. Sia f un mappaggio tra l'insieme X sull'insieme B dei blocchi in B. Per ogni blocco b in B, sia n b il numero degli elementi i in X per ogni f(i) = b. Allora T è a) un fat-fit per R se e solo se (i, j) in R k, per ogni i, j in X tale che f(i) = b e f(j) = c; k = 1,..., p; (Breiger, 1975) b) un lean-fit per R se e solo se (i, j) in R k, per alcuni i, j in X tale che f(i) = b e f(j) = c; k = 1,..., p; c) un α-blockmodel per R se se (b, c) in T k se e solo se (i, j) in R k per almeno αn b n c coppie di elementi (i, j) tali che f(i) = b e f(j) = c; k = 1,..., p; (es, α = 0.5) d) un (α 1,..., α p ) -blockmodel per R se se (b, c) in T k se e solo se (i, j) in R k per almeno α k n b n c coppie di elementi (i, j) tali che f(i) = b e f(j) = c; k = 1,..., p; 58

59 Equivalenze Equivalenza automorfica: due individui x e y sono automorficamente equivalenti se e solo se esiste qualche automorfismo per il quale sono equivalenti(winship, 1988). (ma anche equivalenza regolare, inboundoutbound equivalence etc.) 59

60 Ruolo Dato un modello astratto, come descrivere la struttura di ruolo di un intero gruppo? Costruendo l algebra di ruolo di un gruppo L obiettivo è to understand the interrelations among relations within concrete social groups By interrelation among relations is meant the way in which relations among the members of a social system occur in characteristic bundles and how these bundles of relations interlock and determine one another.(lorrain, White, 1971) 60

61 Ruolo Dato il tipo di rete, è possibile costruire tipi differenti di algebre: Rete globale Ego-centred network Partial ordered semigroup Local role algebra, truncated algebra, Role algebra 61

62 Come costruire un algebra per una complete social network Alla base, c è l operazione di composizione. Secondo Lorrain & White (1971), l'operazione di composizione (o concatenazione) rappresenta the basic logic of interlock in the system of relationship. Secondo Pattison (1993) compound relations are claimed to define the paths which social processes flow: those whom they link may or may not be aware of it. Lorrain (1972) sostiene che any concatenation of social relationship is itself a social relationship, whether perceived or not. es. Relazione F Relazione H 1) Si crea la relazione composta FH FH ={(A,A), (B,B), (C,A), (C,B), (C,C), (D,D)} tramite elencazione (più semplicemente, si può calcolare il prodotto delle matrici). 62

63 Come costruire un algebra per una complete social network Si nota che: -vi sono possibili infinite combinazioni (F, H, FH, HF, FHF, HHF, FFF, HHH, HFHF etc.). - è possibile operare un confronto tra tutte le relazioni, primitive e composte, controllando che una non sia contenuta nell altra. Es. H F 63

64 Come costruire un algebra per una complete social network 2)Si costruisce, secondo la relazione, un ordine parziale Proprietà riflessiva, transitiva, asimmetrica 3) Si eliminano le relazioni composte ridondanti, definite attraverso l assioma di qualità. Let W e V be binary relations on X. Define W = V iff W V and V W 64

65 Come costruire un algebra per una complete social network 4)Considerando le relazioni primitive come elementi, e la composizione come caratteristica di questa struttura, si crea un semigruppo (parzialmente ordinato). Un semigruppo è una struttura formata da un dominio X ed un operazione binaria caratteristica O, tale che O sia interna ad X ed associativa. 65

66 Cosa permette di fare questo tipo di analisi? Tramite l utilizzo della struttura algebrica, è possibile effettuare confronti tra gruppi Ricavare strutture più semplici che descrivano tale gruppo (fattorizzazione) Definizione astratta delle strutture di ruolo es. White, 1973 studio della determinazione dei clan tra aborigeni Australiani 66

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks with an Analysis of Link Formation on Twitter Dario Nardi Seminario Sistemi Complessi 15 Aprile 2014 Dario Nardi (CAS) 15/4/14 1 / 20

Dettagli

Autori: M. Di Ianni, A. Panepuccia

Autori: M. Di Ianni, A. Panepuccia AR Analisi di Reti 2010/2011 M.Di Ianni Assegnazioni di ruoli Autori: M. Di Ianni, A. Panepuccia In questa dispensa verrà trattato il problema dell assegnazione dei ruoli in un grafo. Tale problema è stato

Dettagli

4. Strutture algebriche. Relazioni

4. Strutture algebriche. Relazioni Relazioni Sia R una relazione definita su un insieme A (cioè R A A). R si dice riflessiva se a A : ara R si dice simmetrica se a, b A : arb = bra R si dice antisimmetrica se a, b A : arb bra = a = b R

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Introduzione Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Il problema del massimo flusso è uno dei fondamentali problemi nell ottimizzazione su rete. Esso è presente

Dettagli

Esercizi sull Association Analysis

Esercizi sull Association Analysis Data Mining: Esercizi sull Association Analysis 1 Esercizi sull Association Analysis 1. Si consideri il mining di association rule da un dataset T di transazioni, rispetto a delle soglie minsup e minconf.

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Alberi binari Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Alberi binari, A.A. 2009/2010 1/20 Alberi binari

Dettagli

Minimo sottografo ricoprente. Minimo sottografo ricoprente. Minimo albero ricoprente. Minimo albero ricoprente

Minimo sottografo ricoprente. Minimo sottografo ricoprente. Minimo albero ricoprente. Minimo albero ricoprente Minimo sottografo ricoprente Minimo sottografo ricoprente Dato un grafo connesso G = (V, E) con costi positivi sugli archi c e, un minimo sottografo ricoprente è un insieme di archi E E tale che: G = (V,

Dettagli

DESMATRON TEORIA DEI GRAFI

DESMATRON TEORIA DEI GRAFI DESMATRON TEORIA DEI GRAFI 0 Teoria dei Grafi Author: Desmatron Release 1.0.0 Date of Release: October 28, 2004 Author website: http://desmatron.altervista.org Book website: http://desmatron.altervista.org/teoria_dei_grafi/index.php

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni.

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. Albero semantico Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. A differenza dell albero sintattico (che analizza la formula da un punto di vista puramente

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1

ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1 ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1 Sunto Lo scopo del presente articolo e quello di evidenziare alcune regolarità riscontrabili dai numeri primi; partendo dai primi gemelli

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Il Sistema Operativo: il File System

Il Sistema Operativo: il File System Il Sistema Operativo: il File System Il File System è quella parte del S.O. che si occupa di gestire e strutturare le informazioni memorizzate su supporti permanenti (memoria secondaria) I file vengono

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità Esempi introduttivi Esempio tipico di problema della meccanica razionale: traiettoria di un proiettile. Esempio tipico di problema idraulico: altezza d'acqua corrispondente a una portata assegnata. Come

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE 1 Mimmo Arezzo OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE CONVERSAZIONE CON ALCUNI STUDENTI DI FISICA 19 DICEMBRE 2006 2 1 Preliminari Definizione 1.0.1 Un ordinamento parziale (o una relazione d ordine parziale)

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Elementi di teoria degli insiemi

Elementi di teoria degli insiemi Elementi di teoria degli insiemi 1 Insiemi e loro elementi 11 Sottoinsiemi Insieme vuoto Abbiamo già osservato che ogni numero naturale è anche razionale assoluto o, in altre parole, che l insieme dei

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli