DISCIPLINARE SULL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL AUTOREPARTO REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINARE SULL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL AUTOREPARTO REGIONALE"

Transcript

1 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 25/1 del DISCIPLINARE SULL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELL AUTOREPARTO REGIONALE

2 INDICE CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità e campo di applicazione Art. 3 Autoreparto regionale e tipologia d uso Art. 4 Organizzazione e competenze CAPO II Disciplina di utilizzo degli autoveicoli Art. 5 Norme generali per la gestione degli autoveicoli Art. 6 Copertura assicurativa Art. 7 Veicoli ad uso condiviso Art. 8 Veicoli a disposizione in Autoreparto Art. 9 Libretto di marcia Art. 10 Doveri del conducente Art. 11 Rifornimenti Art. 12 Assegnazione degli autoveicoli e procedura di consegna Art. 13 Registro dell autoreparto Art. 14 Utilizzo dei veicoli e responsabilità Art. 15 Rendicontazione spese di gestione Art. 16 Controlli Allegati Allegato A) Consistenza dell autoreparto regionale Allegato B) Planimetria dei locali Allegato C) Libretto di marcia Allegato D) Verbale di consegna Allegato E) Contrassegno RAS Allegato F) Richiesta autoveicolo per trasferte 2/11

3 CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Definizioni Autoreparto regionale: comparto burocratico ed operativo incardinato nel Servizio Provveditorato della Direzione Generale degli Enti Locali e Finanze che gestisce il parco auto dell Amministrazione regionale costituito da autoveicoli di proprietà o detenuti sulla base di altro titolo. Sono esclusi gli autoveicoli acquisiti dalla Direzione Generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale e dalla Direzione Generale della Protezione Civile. Autoveicoli di proprietà dell'amministrazione: sono beni mobili registrati, costituenti il patrimonio dell'amministrazione e come tali iscritti e descritti nel registro dell'inventario. Autoveicoli non di proprietà dell'amministrazione: sono beni mobili registrati, non rientranti nel patrimonio dell Amministrazione, affidati dal Fornitore in uso all'amministrazione secondo la formula del noleggio a lungo termine senza conducente. La copertura assicurativa, i controlli periodici, la manutenzione ordinaria e la manutenzione straordinaria di tali autoveicoli sono a totale carico del Fornitore. Responsabile autoreparto regionale: Direttore del Servizio Provveditorato da cui dipende gerarchicamente e funzionalmente il personale assegnato all autoreparto regionale. Referente autoreparto regionale: funzionario incaricato allo svolgimento delle attività di competenza dell autoreparto regionale che ricopre altresì il ruolo di consegnatario delle vetture di proprietà dell Amministrazione. Responsabili della gestione degli autoveicoli: Direttori generali e/o di Servizio assegnatari degli autoveicoli. Autisti/Conducenti: personale in possesso dell abilitazione alla guida autorizzato all uso dell autoveicolo, con responsabilità in ordine al corretto utilizzo, alla buona conservazione e alla tenuta dello stesso. Art. 2 Finalità e campo di applicazione Le presenti norme disciplinano competenze, responsabilità e procedure finalizzate ad una gestione dell'autoreparto regionale secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicità e si applicano a tutti coloro che, a qualsiasi titolo, fanno uso di autoveicoli regionali. 3/11

4 Il presente disciplinare regola le attività di gestione ordinaria e straordinaria del parco veicoli di proprietà dell'amministrazione regionale, di quelli noleggiati con la formula cosiddetta "a lungo termine" o comunque in uso alla medesima Amministrazione, nonché la loro gestione in modalità condivisa (car sharing). Art. 3 Dotazione Autoreparto regionale e destinazione d uso Il fabbisogno di autoveicoli è determinato mediante deliberazione della Giunta Regionale, tenuto conto delle esigenze desumibili dal piano di reintegro e rinnovo del parco macchine predisposto dal responsabile dell autoreparto regionale. La dotazione del parco auto, inteso quale numero e tipo degli autoveicoli, è definita nell Allegato A al presente disciplinare, che potrà essere periodicamente aggiornato con determinazione del responsabile dell autoreparto regionale. I locali di cui alla planimetria allegata (Allegato B), ubicati nel sottopiano dell edificio regionale sito in Cagliari, in Viale Trieste 186, sono individuati quale sede dell autoreparto. Gli autoveicoli dell autoreparto regionale devono essere impiegati esclusivamente per i seguenti motivi: Servizio di rappresentanza: comprende le auto adibite al trasporto del Presidente della Regione, degli Assessori e dei componenti degli uffici dei medesimi organi politici salvo rinuncia. Servizio di supporto: comprende le auto assegnate alle Direzioni Generali e alle Direzioni di Servizio ovvero utilizzate dalle medesime strutture organizzative privilegiando la modalità condivisa (car sharing). In nessun caso è consentito l impiego degli autoveicoli per ragioni personali. Art. 4 Organizzazione e competenze La gestione dell autoreparto regionale rientra tra le funzioni del Servizio Provveditorato, che cura le seguenti attività: coordinamento generale della gestione del parco auto anche mediante l emanazione di apposite circolari interne, da formulare nel rispetto del presente disciplinare; assegnazione degli autoveicoli a favore di unità organizzative facenti capo a Direzioni generali e/o Assessorati; 4/11

5 consegna a richiesta secondo quanto indicato nel successivo articolo 8; vigilanza e monitoraggio sullo stato di utilizzo degli autoveicoli e supervisione sulla regolare tenuta dei libretti di marcia; aggiornamento della dotazione dell autoreparto regionale; fornitura delle carte e buoni carburante e supervisione sul loro utilizzo; programmazione manutenzioni ordinarie e straordinarie; pagamento tasse e premi assicurativi per gli autoveicoli in proprietà; gestione sinistri stradali; gestione procedimenti amministrativi per l acquisizione e dismissione degli autoveicoli; gestione obblighi relativi alla cessazione della circolazione degli automezzi. Compete al responsabile della gestione degli autoveicoli l assegnazione operativa del veicolo in modalità condivisa (car sharing) a favore delle unità organizzative facenti capo alla struttura di appartenenza. CAPO II Disciplina di utilizzo degli autoveicoli Art. 5 Norme generali per la gestione degli autoveicoli Gli autisti e i conducenti degli autoveicoli sono tenuti all osservanza delle norme sulla circolazione stradale della cui violazione rispondono personalmente. Tutti gli autoveicoli dell Amministrazione sono utilizzati esclusivamente per finalità istituzionali. I responsabili della gestione degli autoveicoli, gli autisti e i conducenti rispondono direttamente e personalmente della razionale e corretta gestione dei medesimi. Ogni autoveicolo in dotazione al parco auto regionale, a fine servizio o comunque entro la giornata, a cura dell autista/conducente, dovrà essere ricoverato nel parcheggio della struttura assegnataria. Ad esclusione delle vetture di rappresentanza, tutti gli autoveicoli sono muniti dello speciale contrassegno riportato nell Allegato E al presente disciplinare, applicato sulla la parte posteriore dell'autoveicolo. 5/11

6 Con apposito provvedimento dell Assessore degli enti locali, finanze ed urbanistica sono indicati gli autoveicoli di supporto che per particolari motivi di sicurezza possono essere esentati dall obbligo di utilizzo del contrassegno. Art. 6 Copertura assicurativa Per gli autoveicoli di proprietà è stipulata apposita polizza a copertura dei rischi ed entro i massimali previsti dal contratto relativo ai servizi assicurativi dei beni e dell attività istituzionale della Regione. Per gli autoveicoli a noleggio la copertura assicurativa è a totale carico del Fornitore. In caso di sinistro l autista/conducente trasmette tempestivamente una dettagliata relazione sulla dinamica del sinistro stesso al responsabile dell autoreparto regionale e al responsabile della gestione dell autoveicolo, ai fini della denuncia nei termini contrattuali previsti dalla compagnia di assicurazione. L'omessa denuncia di eventuali sinistri, ove arrechi danno all'amministrazione, comporta diritto di rivalsa nei confronti del responsabile dell omissione. Per le auto a noleggio, in caso di sinistro, il conducente si attiene alle disposizioni impartite dalla società di noleggio ed in ogni caso si rapporta con il referente dell autoreparto che garantisce l assistenza necessaria. L autista/conducente è personalmente responsabile, agli effetti civili, dei danni provocati all Amministrazione per incidenti, contravvenzioni ed ogni altro danno occasionato da incuria, da omessa custodia, da dolo o colpa grave. Art. 7 Veicoli ad uso condiviso L utilizzo degli autoveicoli per attività di servizio privilegia la modalità condivisa (car sharing) mediante procedure di assegnazione comune a favore di più articolazioni organizzative dell Amministrazione regionale anche riconducibili a diverse Direzioni generali e/o Assessorati disposte dal responsabile dell autoreparto regionale. In caso di assegnazione in modalità condivisa l utilizzo operativo dell autoveicolo dovrà essere concordato tra i rispettivi responsabili della gestione. Ciascun dirigente responsabile della gestione vieta, di norma, l uso esclusivo dell autoveicolo da parte del personale facente parte della struttura assegnataria 6/11

7 L inosservanza alle disposizioni di cui al presente articolo può comportare la revoca dell assegnazione da parte del responsabile dell autoreparto regionale. Alla conduzione dell autoveicolo assegnato con modalità car sharing provvederà l autista incardinato nella Direzione richiedente o altro personale autorizzato alla guida della Direzione medesima. Ogni fine mese, in sede di chiusura del libretto di marcia, i dirigenti responsabili delle strutture che hanno utilizzato la vettura dovranno asseverare gli itinerari menzionati nelle sezioni compilate dal rispettivo autista/conducente. Art. 8 Veicoli a disposizione dell autoreparto regionale Per le esigenze dei vari uffici dell Amministrazione regionale, connesse alle trasferte del personale in ambito regionale per ispezioni, sopralluoghi o altre attività istituzionali, presso l autoreparto è prevista una dotazione di autoveicoli da assegnare temporaneamente alla struttura richiedente, previa prenotazione via tramite apposito modello (Allegato F). Art. 9 Libretto di marcia Ogni autoveicolo deve essere dotato di un libretto di marcia, conforme all Allegato C, nel quale mensilmente devono essere annotati: ufficio che ha in uso il veicolo; la data del viaggio; l ora di partenza e di arrivo; le generalità e qualifica delle persone trasportate; l itinerario percorso (per itinerario s intende l indicazione delle sedi e delle località di partenza, di sosta e di arrivo); il chilometraggio giornaliero percorso (di partenza e di arrivo); i rifornimenti di carburante e degli eventuali rabbocchi qualora che si rendessero necessari; le generalità dell'autista o del conducente; computo mensile media effettiva km percorsi per ogni litro di carburante; le riparazioni eseguite; 7/11

8 le verifiche disposte sui "livelli" dell'autoveicolo (olio motore, olio freni e liquido di raffreddamento) e sulla pressione delle gomme. Il libretto di marcia deve essere firmato ad ogni utilizzo dall autista/conducente e mensilmente da ciascun responsabile della gestione dell autoveicolo. La firma di entrambi deve risultare leggibile. Il libretto di marcia, debitamente compilato in tutte le sezioni, dovrà essere consegnato al Servizio Provveditorato unitamente agli scontrini dei rifornimenti effettuati nel periodo, entro e non oltre il 5 del mese successivo a quello di riferimento. Art. 10 Doveri del conducente L autista/conducente è tenuto a compilare debitamente in tutte le sue sezioni il libretto di marcia ogni qualvolta l autoveicolo venga utilizzato, a tenerlo in perfetta efficienza, e ad accertare quanto segue: che nello stesso vi siano in dotazione il libretto di circolazione, il libretto di marcia, la tessera prelievo carburante (fuel card) con il relativo codice pin, il contrassegno ed il certificato di assicurazione e i modelli di "constatazione amichevole" predisposti in caso di sinistro ; lo stato della carrozzeria, evidenziando eventuali ammaccature per le quali non risulti sia già stata data precedente comunicazione; la presenza del triangolo, degli attrezzi per la rimozione delle ruote e della ruota di scorta; lo stato dei pneumatici e della pressione prescritta, dei gruppi ottici e delle superfici vetrate; il corretto funzionamento delle segnalazioni acustiche e di illuminazione; la verifica dei "livelli" dell'autoveicolo (olio motore, olio freni, liquido di raffreddamento etc.) che, salvo causa di forza maggiore, deve essere effettuata presso l officina convenzionata. L autista/conducente, all atto del ricovero dell autoveicolo, deve assicurarsi di aver preventivamente chiuso le serrature e disinserito ogni funzione elettrica (luci esterne, autoradio, luci di cortesia, ventilatore ecc.) Le chiavi dell autoveicolo sono depositate a fine servizio presso i soggetti individuati dal responsabile dell autoreparto regionale. É fatto obbligo agli autisti/conducenti di disporre, previa autorizzazione del referente, il lavaggio mensile degli autoveicoli, ovvero ogni qualvolta si renda necessario. È fatto altresì obbligo all autista/conducente di fornire al responsabile dell autoreparto regionale, anche ai fini dell articolo 126/bis del Codice della Strada, gli estremi della propria patente di guida 8/11

9 Art. 11 Rifornimenti Il rifornimento deve avvenire esclusivamente presso i distributori convenzionati con l'amministrazione, mediante l'utilizzo dell'apposita tessera prelievo carburante (fuel card) in dotazione ad ogni autoveicolo. Gli autoveicoli dotati di propulsore a doppia alimentazione (benzina/gpl) dovranno essere riforniti prioritariamente a gpl e solo in via sussidiaria potrà essere disposta la marcia a benzina. Il furto o lo smarrimento della predetta tessera deve essere tempestivamente comunicato alle autorità giudiziarie competenti e al responsabile dell autoreparto regionale. Ove non sia possibile utilizzare la fuel card (smagnetizzazione, smarrimento e furto) è consentito l utilizzo di buoni carburante che saranno rilasciati dal referente dell autoreparto dietro presentazione di apposita istanza, firmata dal responsabile della gestione dell autoveicolo. La tessera prelievo non consente il rifornimento o l acquisto di prodotti diversi dal carburante. Lo scontrino attestante il rifornimento di carburante deve essere allegato al libretto di marcia. In caso di smarrimento dello scontrino è ammessa in sostituzione un autocertificazione dell autista/conducente vistata dal responsabile della gestione dell autoveicolo. Gli autoveicoli sono assegnati: Art. 12 Assegnazione degli autoveicoli e procedura di consegna in via esclusiva al Presidente della Regione e agli Assessori; in modalità condivisa alle Direzioni generali e alle altre unità organizzative della Presidenza e degli Assessorati, salvo particolari esigenze legate a specifiche attività (ad es. Direzione generale della Presidenza, Direzione generale dell Area Legale, Ufficio stampa della Presidenza, etc.) o all ubicazione della struttura. Dell avvenuta assegnazione è dato atto in apposito verbale conforme al modello Allegato D. Art. 13 Registro dell autoreparto É privilegiata la gestione informatizzata dell autoreparto regionale a garanzia di un costante monitoraggio delle relative attività. In ogni caso il referente dell autoreparto regionale cura la tenuta di apposita banca dati contenente le seguenti informazioni: 9/11

10 consistenza e tipologia degli autoveicoli; unita organizzative di assegnazione degli autoveicoli; generalità degli autisti/conducenti e relative autorizzazioni e/o abilitazioni alla guida; costi di gestione; interventi di manutenzione. Art. 14 Utilizzo degli autoveicoli e responsabilità Gli autoveicoli sono condotti da personale autorizzato, in possesso delle necessarie abilitazioni alla guida in corso di validità. Alla conduzione delle vetture assegnate con modalità car sharing provvederà l autista incardinato nella struttura richiedente o in mancanza altro personale della medesima appositamente autorizzato alla guida. E vietato l uso degli autoveicoli per motivi diversi da quello di servizio. Gli autisti/conducenti sono altresì personalmente responsabili: delle violazioni delle norme sulla circolazione stradale, ivi compresi gli eventuali danni causati all autoveicolo per dolo o colpa grave; della efficienza del mezzo affinché sia assicurato il rigoroso rispetto di tutte le norme del codice della strada. In caso di oggettiva responsabilità del conducente lo stesso può essere chiamato al risarcimento del danno. Art. 15 Rendicontazione spese di gestione Ai fini del monitoraggio della spesa relativa al parco auto dell Amministrazione regionale il responsabile dell autoreparto provvede annualmente alla rendicontazione delle spese di gestione. Art. 16 Controlli Il responsabile dell autoreparto regionale dispone in via ordinaria il controllo sul corretto utilizzo dell autovettura, della tessera prelievo carburante e dei buoni nonché sulla corretta compilazione del libretto di marcia. 10/11

11 Dispone inoltre sia per le vetture di rappresentanza che per quelle di supporto la rotazione programmata degli automezzi, finalizzata a non superare il chilometraggio stabilito dal contratto di noleggio. A tal fine ogni autoveicolo dovrà essere riconsegnato al referente dell autoreparto per la verifica delle condizioni generali nell arco di tempo compreso tra il 15 ed il 30 gennaio di ogni anno e comunque su richiesta del responsabile dell autoreparto. 11/11

12 ALLEGATO A DOTAZIONE AUTOPARCO Tipo auto Alimentazione N. Proprietà/noleggio FORD MONDEO Gasolio 13 Noleggio RENAULT LAGUNA Gasolio 1 Noleggio FIAT Grande Punto Benzina/Gpl 15 Noleggio FIAT Nuova Panda Benzina/Gpl 25 Noleggio FIAT DUCATO Gasolio 1 RAS FIAT DOBLO Benzina 2 RAS LAND ROVER Gasolio 1 RAS RENAULT MASCOTT Gasolio 1 RAS MITSUBISCHI PAJERO Gasolio 1 RAS TOTALE 60

13 Allegato B

14 LAVAGGIO E SOSTE OFFICINA MANUTENZIONE Allegato C Data Lavaggio Firma Data Manutenzione Tipo di Manutenzione Effettuata ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE ENTI LOCALI E FINANZE - SERVIZIO PROVVEDITORATO AUTOREPARTO REGIONALE LIBRETTO DI MARCIA DEL MESE DI VEICOLO TIPO: TARGA: RIEPILOGO CONSUMI E KM PERCORSI Km inizio mese (a) Km fine mese (b) Km percorsi (b-a) (c) Carburante consumato: Benzina/Gasolio lt. (d) (8-9) GPL lt. (e) (8-9) Totale lt. (f) (d+e) Media consumi ( c/f ) : Km/lt GPL In carico inizio mese : serbatoio lt. (1) buoni n lt. (2) Carburante prelevato : lt. (3) lt. (4) lt. (5) lt. (6) lt. (7) Tot.carburante lt. (8) ( ) Rimanenza fine mese: lt. (9) (10+11) Serbatoio lt. (10) Buoni n lt. (11) Benzina / Gasolio In carico inizio mese : serbatoio lt. (1) buoni n lt. (2) Carburante prelevato : lt. (3) lt. (4) lt. (5) lt. (6) lt. (7) Tot.carburante lt. (8) ( ) Rimanenza fine mese: lt (9) (10+11) Serbatoio lt. (10) Buoni n lt. (11) Il servizio provveditorato Il responsabile della gestione Il responsabile della gestione Il responsabile della gestione

15 Data Orario Uscita Entrata Persone trasportate Cognome e nome Itinerario Chilometri Partenza Arrivo Percorsi Carburante rifornito Gas Benzina Nome e cognome ( leggibile ) del conducente Totali

16 ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZ E ED URBANISTICA Allegato D Direzione generale enti locali e finanze Servizio provveditorato Cagliari, VERBALE CONSEGNA AUTOMEZZO Veicolo: Targa: Km Alimentazione: Stato d uso: Dotazione di bordo: giubbino rifrangente, estintore, ruotino di scorta e relativi attrezzi di bordo, triangolo, tessera carburante. Note: Si consegna al Sig. matr., in servizio presso l Assessorato, Direzione Generale, previa attenta verifica dello stato in cui si trova, l autoveicolo sopra descritto. Tale autoveicolo é assegnato per i fini istituzionali ad uso esclusivo dell Assessorato. Il Direttore Generale si impegna, sottoscrivendo il presente verbale, a non consentirne un uso diverso. Il conducente affidatario dell autoveicolo dichiara di essere stato edotto in merito alle proprie responsabilità ed agli adempimenti inerenti al corretto utilizzo dell autoveicolo (verifiche, controlli e manutenzioni), soprattutto riguardo alla tempestiva e puntuale denuncia dei sinistri, alla segnalazione di anomalie o guasti e di essere consapevole delle sanzioni civili e penali previste dalla legge in caso di mancata custodia o uso negligente dell autoveicolo. Il Conducente affidatario si impegna in modo particolare: a custodire ed aver cura dell automezzo in modo attento e sistematico; ad effettuare puntualmente le verifiche ed i controlli prescritti dalla Casa costruttrice e tutti quelli ritenuti necessari al buon funzionamento del veicolo; a segnalare per tempo all Ufficio Autoreparto eventuali danneggiamenti, guasti o anomalie; a condurre l automezzo con prudenza ed osservare scrupolosamente le prescrizioni del Codice della Strada. ad attenersi alle disposizioni della Società proprietaria del veicolo riportate nel manuale informativo consegnato assieme ai documenti di viaggio e identificativi dell autoveicolo. L autoveicolo dovrà essere riconsegnato all Autoreparto, per la verifica delle condizioni generali, nell arco di tempo compreso tra il 15 e il 30 gennaio di ogni anno e, comunque, su richiesta del Responsabile dell Autoreparto. Il Conducente affidatario Il Referente dell Autoreparto Il Direttore Generale

17 ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZ E ED URBANISTICA Direzione generale enti locali e finanze Servizio provveditorato RESTITUZIONE AUTOMEZZO Cagliari, Veicolo: Alimentazione Targa: Km. Stato d uso: Dotazione di bordo: carburante. giubbino rifrangente, estintore, ruota di scorta e relativi attrezzi di bordo, triangolo, tessera Note: Il Conducente affidatario Il Referente dell Autoreparto

18

19 Allegato F ASSESSORATO Direzione Generale Prot. n. Cagliari, All Assessorato EE.LL Finanze ed Urbanistica Servizio Provveditorato Ufficio Autoreparto Fax Oggetto: richiesta autovettura Si richiede per il giorno un auto di servizio per le esigenze di questa Direzione Generale/Ufficio di Gabinetto per la missione da effettuarsi a: dalle ore alle ore per l intera giornata Per la/e giornata/e su indicata/e gli automezzi assegnati alle strutture di questa Direzione Generale sono già prenotati per lo svolgimento di altre attività istituzionali. Conducente tel. Interno cellulare N.B.: La prenotazione della vettura è stata anticipata telefonicamente al n. di tel o 4237 Il Direttore Generale / Il Direttore del Servizio / Il Capo di Gabinetto

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO ASSOCIAZIONE DI BOLOGNA Servizi alla Comunità Settore Autoriparazione AUTO SOSTITUTIVA ISTRUZIONI PER L USO Premessa pag. 3 Tipologie con le quali è possibile gestire il servizio pag. 4 Aspetti gestionali

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento.

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento. REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER L AUTORIZZAZIONE ALL UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO, NELL AMBITO DELL ISTITUTO DELLA MISSIONE l'incarico e l'autorizzazione a compiere la missione, devono risultare da un

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING L'Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sul car sharing (dall'inglese car, automobile e il verbo to share, condividere ), ossia sull'uso

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE MODULARIO TRASPORTI 29OTT010046 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca. Sezione II: Caratteristiche e rischi tipici

SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca. Sezione II: Caratteristiche e rischi tipici FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: Banca Centro Emilia-Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Via Statale.

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli