SVILUPPO SOSTENIBILE E COMPETITIVITÀ DELLE GRANDI IMPRESE COMMERCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVILUPPO SOSTENIBILE E COMPETITIVITÀ DELLE GRANDI IMPRESE COMMERCIALI"

Transcript

1 SVILUPPO SOSTENIBILE E COMPETITIVITÀ DELLE GRANDI IMPRESE COMMERCIALI 17 maggio 2010 Mario Risso

2 Una definizione di sviluppo sostenibile riconducibile alle imprese Sviluppo sostenibile significa condurre l attività in modo da conciliare oggi i bisogni dell azienda con quelli degli stakeholders, proteggendo, sostenendo ed aumentando la disponibilità di risorse naturali per il domani. UN

3 Impresa e ambiente naturale Nel passato, crescita senza limiti, energia a basso costo e illimitata e abbondanza di materie prime erano elementi che caratterizzavano il fare business, il futuro invece, sembra offrire un nuovo paradigma, basato sulla crescita controllata, sul risparmio energetico e sul riutilizzo dei materiali riciclati.

4 Impresa e ambiente naturale Le imprese dovrebbero considerare il miglioramento delle proprie prestazioni ambientali come un opportunità. Solo recentemente le imprese hanno cominciato a considerare i fattori ambientali non in termini di vincoli (evitare sanzioni o situazioni di emergenza), ma come fattori chiave per lo sviluppo aziendale su cui costruire opportune scelte strategiche.

5 Ambiente Filiera Settore Fattori Approvvigionamento Impresa R&S / Trasformazione/ Vendita Mercato Distribuzione Primo mercato Consumatore/Utilizzatore Mercato finale

6 Impresa, ambiente e consumo Il consumatore odierno, sofisticato e culturalmente evoluto, non è interessato semplicemente a nuovi prodotti ma vuole conoscere l impresa che li produce, le condizioni di lavoro con cui vengono realizzati e come la loro produzione impatta sull ambiente e sulla crescita economica delle comunità locali coinvolte nella loro produzione. I consumatori desiderano prodotti, marchi e imprese che riflettano le proprie attitudini sociali-ambientali così come i loro gusti personali (Strong, 1996; Shaw e Clarke, 1998, Harrison e al., 2005), e sviluppano una maggiore coscienza sociale nel valutare e consumare i prodotti (Freestone e McGoldrick, 2008; Hemingway e Maclagan, 2004; Kahle e al., 1998; Macchiette e Roy, 1994).

7 Motivi del rispetto dell ambiente come priorità strategica la convinzione che un comportamento di pura risposta ai vincoli legislativi non consente di valorizzare in termini competitivi i vantaggi di costo o di barriere all entrata connessi alla eco-efficienza; la consapevolezza pragmatica che i problemi ambientali e della sicurezza dei prodotti tendono a peggiorare col tempo, pertanto il migliore approccio è di sistemarli subito, anticipando i vincoli normativi; la possibilità di ottenere una maggiore apertura verso i propri prodotti da parte dei consumatori; la necessità di non risultare emarginati da quei mercati che impongono elevati standard di compatibilità ambientale

8 Il rapporto tra impresa ed ambiente riguarda diverse dimensioni. Giuridica - normativa Strategica Organizzativa

9 Funzioni con manager impegnati full o part-time in programmi ambientali Produz. R&S Approvv. Marketing Qualità Finanza Fonte: Lent,Wells 2008

10 AMBIENTE NATURALE E IMPRESE COMMERCIALI

11 Canale logistico e canale commerciale Produzione percorso logistico tempi articolazione canale commerciale Livello intermedio della distribuzione Negozi Consumatore Spazio coperto dalla rete di vendita

12 Obiettivi dell impresa commerciale collegati alla gestione ambiente naturale Differenziazione degli assortimenti Ottimizzazione dei flussi logistici Ottimizzazione delle strutture di vendita

13 Strategie della GDO nella gestione del rapporto con l ambiente naturale strategia ecology pull strategia ecology push strategia in house

14 Strategia ecology pull Questo approccio si basa sulla capacità della distribuzione di orientare le scelte dei fornitori verso una maggiore sostenibilità. L azione può essere diretta, nel senso della selezione delle aziende produttrici attraverso criteri di vendor rating che includono elementi quali la politica ambientale del fornitore, la definizione dell imballaggio, la composizione e le caratteristiche del prodotto, o indiretta, laddove l intermediario commerciale sia in grado di esercitare pressioni anche sulle aziende di marca. In questo senso, ad esempio, nella scelta dell assortimento può essere accordata una preferenza ai prodotti certificati o alle marche che adottano label ecologici riconosciuti quale il marchio comunitario Ecolabel; L Ecolabel è un etichetta ambientale volontaria che certifica i prodotti ambientalmente compatibili, facilitando i consumatori ad identificare i prodotti verdi, grazie ad un unico logo (il fiore europeo) nei 25 Stati membri dell Unione Europea, oltre che in Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

15 Strategia ecology push La grande distribuzione opera in una posizione privilegiata lungo la supply chain in quanto si trova a diretto contatto con il consumatore finale con cui può interagire e comunicare. Da ciò derivano diverse opportunità per accrescere l educazione ambientale dei cittadini e spingere la domanda di prodotti eco-compatibili. Le tecniche a disposizione sono quelle tipiche della promozione delle vendite e vanno dalla predisposizione di specifiche azioni informative realizzate nei punti vendita fino alla creazione di corner ecologici o isole ecologiche, dove vengono raggruppati prodotti con particolari valenze. Inoltre la grande distribuzione può utilizzare lo spazio espositivo e il layout per promuovere la propria immagine istituzionale con specifiche campagne di comunicazione

16 strategia in house interventi sulle infrastrutture al fine di migliorare il profilo ambientale dell attività tipica svolta dalle aziende di distribuzione: progettazione delle strutture nel rispetto dei principi della bioarchitettura, utilizzo di materiali efficienti da un punto di vista energetico, attenzione all impatto visivo. Una dimensione sempre più rilevante fa riferimento agli impatti indiretti generati dall insediamento in aree densamente urbanizzate. Impatto sulla viabilità urbanae ottimizzazione dei flussi logistici in entrata e in uscita, agendo sulla tipologia di mezzi di trasporto utilizzati, sui percorsi e sugli orari di consegna, sulla gestione dei magazzini. La diffusione dell e-commerce e di comportamenti di acquisto online pone i distributori davanti a nuove sfide anche dal punto di vista ambientale. Ad esempio, la razionalizzazione dei percorsi di consegna della merce e le problematiche di logistica all indietro per il ritiro dei resi. Infine, in alcuni contesti geografici (Svizzera e Nord America) e per talune merceologie (caffè, the, prodotti per la prima colazione, granaglie e prodotti secchi, detersivi e bevande, ecc.) stanno emergendo con forza forme di retail in bulk, formato distributivo che permette di coniugare sostenibilità (riduzione degli imballaggi, minori sprechi di prodotto lungo la filiera, maggiore efficienza nella logistica) con una buona competitività rispetto ai prodotti tradizionali e un risparmio per il consumatore.

17 Strumenti Assortimenti mirati al rispetto dell ambiente Gestione degli imballaggi Logistica di ritorno (Reverse logistic) Progettazione degli impianti e risparmio di energia

18 Differenziazione dell offerta Catena di negozi alimentari totalmente biologici e rispettosi dell ambiente Punti vendita in USA, UK e Canada

19 Differenziazione dell offerta Coop Italia

20 Vivi Verde Coop Linea concepita per sensibilizzare le persone sui temi della salvaguardia dell ambiente e per realizzare concretamente un economia sostenibile. La linea comprende infatti i prodotti Coop da agricoltura biologica, buoni, sani, genuini e a ridotto impatto ambientale, e i prodotti Coop non alimentari a basso impatto, realizzati con criteri sostenibili e di compatibilità ambientale. Si tratta di centinaia di prodotti che comprendono tutti i settori merceologici dei supermercati e ipermercati Coop.

21 Esempio di prodotto

22 Gestione imballaggi: le funzioni base dell imballaggio Protezione e conservazione Garanzia e sicurezza Movimentazione Funzione d uso Informazione Autopromozione

23 Imballaggi e tipologie di prodotti (dati Conai 2009) 30% 28% 19% 10% 13% Alimentari solidi Alimentari liquidi Chimico-farmaceutico Cura-detergenza Altri settori

24 Alimentari solidi, criteri di prevenzione per la sostenibilità ambientale (dati Conai 2009) Risparmio di materia prima 2% 8% 6% Riutilizzo 3% 10% 37% Utilizzo di materiale riciclato Ottimizzazione della logistica Facilitazione delle attività di riciclo 17% 10% 7% Semplificazione del sistema di imballo Risparmio di energia

25 Gestione imballaggi: un esempio Durante il 2005 l azienda ha effettuato un intervento sugli espositori da terra in cartone ondulato, modificandone il disegno e le dimensioni. Dal punto di vista strutturale la testata, che nella precedente versione era separata dal corpo posteriore, nella nuova costituisce il fronte dello stesso, da cui viene rimossa (fustellata) ed incastrata sul retro dell espositore. Questa azione ha consentito un risparmio di materia prima (cartone) pari al 14%. La modifica dimensionale dell imballo ha permesso l eliminazione di un inserto di polistirolo espanso, che veniva inserito in fase di trasporto, per alcuni formati che non saturavano il volume degli espositori.

26 Gestione imballaggi e il retail in bulk Il rifornimento di beni di consumo a basso impatto ambientale

27 La logistica di ritorno (Reverse logistic) Il Council of Logistics Management (CLM) introdusse la prima definizione conosciuta di reverse logistics nei primi anni novanta (Stock, 1992):..il termine spesso usato per riferirsi al ruolo della logistica nel riciclaggio, smaltimento dei rifiuti e gestione dei materiali pericolosi; una prospettiva esterna che include tutte le attività legate alle attività logistiche come la riduzione, riciclaggio, sostituzione, riuso di materiali e smaltimento.

28 Le principali motivazioni dietro la volontà delle imprese di implementare attività di reverse logistics sono due: economiche, dati profitti che da essa si possono trarre; non meramente economiche, legate alla sensibilità sociale e alle tematiche ambientali.

29 Rilavorazione dei prodotti recuperati a livello del prodotto (e si parla di riparazione); del modulo (ricondizionamento); del componente (remanufacturing); di una singola parte (recupero); del materiale (riciclaggio); dell energia (incenerimento).

30 La riduzione del valore dei prodotti restituiti Fonte: Blackburn J.D., Guide V.D., Souza G.C., Van Wassenhove L.N., Reverse Supply Chains for Commercial Returns, California Management Review, vol. 46, no. 2, pp. 1-17, 2004.

31 La differenziazione posticipata vs anticipata

32 Reverse logistic per i distributori customer service e customer satisfaction, reverse supply chain e ottimizzazione delle risorse

33 Un esempio di logistica di ritorno Interporto Santa Palomba S.r.l. Fornisce servizi di logistica integrata per i settori dell industria e della grande distribuzione organizzata ed è leader nella gestione degli alimenti a temperatura controllata. La società nasce nel 1994 come azienda specializzata nella logistica del freddo per conto di Standa Commerciale, nel 1997 acquisisce rami d azienda della logistica dei prodotti secchi di Standa Commerciale e del Gruppo PAM, consolidando la sua posizione e costituendo alcune società collegate specializzate nella gestione dei grandi clienti.

34 Interporto Santa Palomba S.r.l. Opera prevalentemente nel centro-sud, nel sud e nelle isole, attraverso strutture di proprietà o in locazione, accordi con altri operatori del settore e imprese collegate. Oggi Interporto Santa Palomba, forte di oltre 50 clienti e di fatturato, è leader nel centro-sud per la distribuzione di prodotti surgelati e deperibili e per la gestione di imballaggi riutilizzabili in materiale plastico.

35 Interporto Santa Palomba S.r.l. Recentemente, Interporto Santa Palomba ha effettuato importanti investimenti per introdurre, nei propri stabilimenti, due linee di produzione finalizzate alla igienizzazione di imballaggi riutilizzabili, specificatamente cassette per beni alimentari deperibili (RPC Reusable Plastic Container); attività completamente integrata nell attività principale di erogatore di servizi logistici.

36 Interporto Santa Palomba S.r.l. - Clienti L azienda possiede oltre 50 clienti, collocati tra distribuzione e produzione. All interno del settore distributivo, i clienti sono tutti di dimensioni rilevanti, operanti nel settore del commercio al dettaglio. Tra i principali clienti: il Gruppo Rewe, Eurospin e Sviluppo Discount S.p.A. presenti in tutto il territorio nazionale, con l ultimo dei quali una società che riunisce diverse insegne COOP, PAM (Panorama e In s Mercato) e il Gruppo Gros (locale). Nel settore produttivo, per la tipologia di servizio offerto, l azienda ha rapporti con molti produttori locali di prodotti freschi e, accanto a questi, con operatori a livello nazionale che realizzano le atre categorie merceologiche trattate, come Gran Milano con all interno i marchi Sanson e Tre Marie e Barilla, soltanto per citarne alcune.

37 Progettazione degli impianti e risparmio di energia Costruire o rinnovare gli edifici per il comemrcio (centri di distribuzione e punti vendita) in aree sostenibili Sistemi di gestione efficiente dell acqua (conservazione e riuso) Riduzione dell uso dell energia Attenta selezione dei materiali di costruzione Promuovere la qualità dell aria e la salubrità all interno degli edifici

38 ALCUNI ESEMPI DI GRANDI DISTRIBUTORI

39 METRO Group implementa la sostenibilità ambientale in tutto il gruppo Il gruppo ha istituito un Sustainability Board La sostenibilità è vista come un focus strategico addizionale The aim of Sustainability Board is to bundle and control the numerous sustainability activities already existing within the Group, on the one hand. Furthermore, METRO Group considers a leading position in this field to be a competitive advantage. On the other hand, this panel is to firmly implement the subject of sustainability across the whole company.

40 Metro Metro già nella home page presenta numerose informazioni sulle iniziative attive per la sostenibilità sociale. All interno di un ampio rapporto di sostenibilità si nota subito l impegno ambientale della società; infatti, per garantire una maggiore trasparenza della propria posizione riguardo all ambiente, si è autonomamente sottoposta all analisi di un organismo indipendente per la stima delle emissioni di CO 2 dei propri punti vendita e da tale risultato ha poi incentrato tutte le iniziative legate alla riduzione dell impatto ambientale.

41 Metro Gruop Le attività a cui si fa riferimento sono la predisposizione di frigoriferi a minor consumo energetico, l uso si energia prodotta da fonti rinnovabili, la predisposizione di impianti fotovoltaici, come quello in Italia, per garantire in un ottica di lungo periodo l autosufficienza energetica dei punti vendita. L azienda in esame è ovviamente coinvolta, come la maggior parte degli operatori presi in considerazione, nella riduzione dei rifiuti e nel loro riciclaggio, a tal proposito la società è impegnata in un progetto di riduzione della pubblicità su carta stampata e su volantini e sull uso di carta riciclata per l attività promozionale e per la documentazione interna all azienda. Per ciò che riguarda più specificatamente la logistica, Metro sta limitando l uso del trasporto su gomma tra l altro effettuato su mezzi che rispettano la normativa antinquinamento Euro 5 puntando su quello ferroviario e marittimo. In un ottica di riduzione dei rifiuti prodotti si utilizzano imballaggi riutilizzabili per molte categorie di prodotti, non soltanto beni alimentari, grazie ai quali, tra il 2005 e il 2007, si è registrata una riduzione dei rifiuti per metro quadro dell 11%, da 52 kg a 46,2 kg; per migliorare ulteriormente le performance è stato richiesto ai produttori dei prodotti a marchio commerciale di limitare l uso di imballaggi al minimo indispensabile.

42 Metro Group Metro è sicuramente l azienda più virtuosa per quanto riguarda il riciclaggio dei rifiuti con una percentuale che sfiora il 94% in Germania e il 60% all estero, risultati raggiunti grazie alla partecipazione a sistemi collettivi nati con l obiettivo di recuperare e riciclare. A questo proposito, nel 1990 insieme ad altri operatori commerciali ed industriali, è nata la Duales System Deutschland GmbH (DSD), un sistema di raccolta dei rifiuti privato, parallelo a quello pubblico, destinato a raccogliere e a smaltire i prodotti delle aziende aderenti ad esso. Questa, ha introdotto il Green Dot, un logo che, apposto dagli operatori sui propri prodotti, fa sapere ai clienti finali che la confezione sarà raccolta e smaltita dalla DSD. Il successo dell iniziativa in Germania ha reso possibile l espansione del sistema Green Dot in altri 25 Paesi europei per mezzo della società PRO EUROPE (Packaging Recovery Organisation EUROPE), a cui la DSD tedesca ha concesso l uso del marchio nel 1995.

43 J.C. Penny ha pianificato un taglio del 20% del consumo di energia entro il 2015 Riduzione dei consumi energetici nei punti vendita del 20% per sq. ft. entro il 2015 Tramite l incremento di efficienza nell utilizzo dell energia: Negli ultimi 10 anni sono stati investiti $130 milioni per migliorare l efficienza energetica dei negozi e del sistema logistico: Avanzate tecnologie di misurazione Sistemi di controllo degli edifici Illuminazioni retrofit (lampade a lunga durata, lec, ecc.) Sistemi di condizionamento ambientale ad alta efficienza Nel 2004, J.C. Penney launched EMPowered, un programma di formazione e incentivo rivolto agli associati per cercare percorsi innovativi di risparmio energetico. Anche I centri logistici J.C. Penney impiegano iniziative similari attraverso lo sviluppo di Green Teams.

44 Tesco plc (UK) Tesco, seppur priva di un rapporto di sostenibilità come quello contenuto nei siti della maggior parte degli operatori analizzati, è impegnata in numerose attività che coinvolgono diversi aspetti dell azienda. Le iniziative più originali ed efficaci riguardano principalmente due aspetti, tra loro fortemente interrelati ed interdipendenti: il riciclaggio e la riduzione dei rifiuti.

45 Tesco plc e la gestione e riciclaggio dei rifiuti Riguardo al primo aspetto Tesco, oltre ad essere giunta ad una percentuale di rifiuti riciclati pari al 71% nel 2007 con l obiettivo di raggiungere l 80% nel 2008, è particolarmente impegnata nell incentivazione del riciclaggio e nella raccolta dei materiali usati dai consumatori anche in ottica di reverse logistics. A tal fine, Tesco, ha introdotto all interno dei maggiori punti vendita contenitori per il riciclaggio di diversi materiali plastica, vetro e carta grazie ai quali si sono raggiunti ottimi risultati. Per incrementare ulteriormente il materiale recuperato dai propri clienti, l azienda sta incentivando il riciclaggio con una sorta di fidelity card che viene caricata con un certo ammontare di punti alla consegna dei prodotti da riciclare e sta introducendo nei propri punti vendita un nuovo sistema che consentirà, secondo Tesco, di ridurre il tempo che i consumatori dovranno dedicare all operazione e di raddoppiare il materiale recuperato; il sistema, infatti, sostituisce tutti i contenitori presenti nel punto vendita con uno solo: i clienti inseriscono i prodotti nell impianto e questo provvederà autonomamente a smistarli in base al materiale. Il materiale così recuperato verrà impiegato dall azienda per la produzione degli imballaggi e delle confezioni per i prodotti a marchio commerciale. Tesco incentiva, inoltre, il recupero dei cellulari, delle cartucce per stampanti e dei sacchetti in plastica attraverso il riconoscimento di punti extra ed effettuando donazioni ad organizzazioni non-profit per ogni oggetto recuperato; alle stesse viene, inoltre, donato il cibo in scadenza che, nel 2006, ha consentito di fornire ben 3,3 milioni di pasti. Per quanto riguarda, invece, la riduzione dei rifiuti, l azienda si prefigge di giungere ad una riduzione del 25% entro il 2010 dei rifiuti da imballaggi e da confezioni, sia per i prodotti a marchio commerciale che per gli altri. A tal proposito, Tesco usa imballaggi riutilizzabili, realizzati per il 60-80% con materiale riciclato e riciclabili a loro volta al 100%, che hanno consentito un risparmio di carta pari a tonnellate. Soltanto attraverso la razionalizzazione nell uso di materiale nelle confezioni dei prodotti di proprietà e l uso di materiale riciclato per le stesse, il gruppo ha registrato un risparmio di 150 tonnellate di carta e di vetro. Sempre relativamente alla riduzione dei rifiuti va intesa la campagna di promozione per la diffusione dell uso di sacchetti riutilizzabili realizzati con materiale riciclato che l azienda vende a 3,50 sterline; per ogni sacchetto venduto verranno donati 50 centesimi ad organizzazioni non-profit, alle quali si prevede di donare complessivamente sterline. Attualmente, il 45% dei clienti di Tesco usa sacchetti riutilizzabili. Infine, per ridurre le emissioni di CO 2 l azienda non si è limitata alle iniziative poste in essere dalle altre concorrenti, ma ha addirittura acquistato un treno di proprietà il Tesco Express che corrisponde a circa 28 automezzi e per la consegna dei prodotti acquistati online utilizza, addirittura, mezzi alimentati elettricamente.

46 Walmart e la sostenibilità ambientale La Wal-Mart è una catena di supermercati. Sono negli Usa, a cui va aggiunto un altro migliaio nel resto del mondo. I 138 milioni di consumatori che ogni settimana visitano i centri commerciali Wal-Mart vi possono comprare di tutto: cibo, elettrodomestici, gioielli, vestiti, persino pistole e fucili. Da poco tempo la Wal-Mart ha sorpassato la General Motors, ed è diventata la più grande multinazionale del mondo. Un milione e 300 mila dipendenti. Il suo fatturato (256 miliardi di dollari) è pari al 2.3% del pil degli Usa e supera il pil della Svezia.

47 Walmart e la sostenibilità ambientale La dimensione di un supercentro Wal-Mart è, all incirca, metri quadrati e si estende per circa venti o trenta acri di terra. I supercentri Wal-Mart presenti negli Stati Uniti sono senza contare la miriade dei più piccoli negozi Wal-Mart e dei centri di distribuzione e magazzini che coprono tutti gli Stati Uniti.

48 Walmart e la sostenibilità ambientale Wal-Mart ha sviluppato delle iniziative per migliorare la propria efficienza ambientale. Queste iniziative sono dette approccio a 360 gradi alla sostenibilità. Wal-Mart in questa politica coinvolge tutti i propri fornitori ma anche i consumatori al fine di ottenere risultati economici compatibili con la sostenibilità ambientale.

49 Nel mese di aprile 2010 Wal-Mart ha annunciato la sua nuova politica ambientale Quattro obiettivi principali: Contenimento delle spese. Creare prodotti al 100% rinnovabili in termini di energia. Avere zero sprechi. Vendere prodotti che sostengono le risorse.

50 Domande ai fornitori per la loro valutazione ambientale

51 Walmart e la sostenibilità ambientale At Walmart, we're now using the sun and wind to help power our stores. Our drivers' routes are shorter, which means less diesel fuel and greenhouse gases. And the way we pack our trucks is far more efficient. Why do we do it? For one thing, it makes a difference for the environment. But we also learned these efforts save us money - a savings we can pass along to you. Which means we're not just being earth-friendly, we're also being wallet-friendly.

Quali modelli organizzativi efficaci

Quali modelli organizzativi efficaci Quali modelli organizzativi efficaci Il sistema CONAI Piero Perron Vicepresidente CONAI Intervento al VIII Forum G.I. Federalimentare 17 Settembre 2011 La gestione degli imballaggi Il sistema CONAI e i

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Rifiuti & riciclaggio

Rifiuti & riciclaggio Rifiuti & riciclaggio Ridurre e riutilizzare i rifiuti e rendere gli imballaggi sempre più ecologici: ecco i principi di Migros. Nel 214 l impresa ha ampliato il proprio sistema di riciclaggio, si è impegnata

Dettagli

R.D. ITALIA RACCOLTA DIFFERENZIATA SRL

R.D. ITALIA RACCOLTA DIFFERENZIATA SRL R.D. ITALIA RACCOLTA DIFFERENZIATA SRL R.D. ITALIA 2 IL VALORE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA Nell attuale scenario, dove la produzione di rifiuti è costantemente in crescita e la cui gestione comporta sempre

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave

F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave F&B PACKAGING Food and Beverage Packaging I punti chiave PREMESSA La presente linea guida fornisce indicazioni generali sulle questioni fondamentali che caratterizzano la filiera del packaging, con un

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Rapporto di sostenibilità Conai 2013 12,5 12,2 11,4 10,9

Rapporto di sostenibilità Conai 2013 12,5 12,2 11,4 10,9 14 Rapporto di sostenibilità Conai 2013 La prevenzione Nella lista di priorità per la gestione dei rifiuti definita dall Unione europea al primo posto c è la prevenzione. Per il rifiuto di imballaggio

Dettagli

Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success factors

Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success factors Genova, 30 Novembre 2007 LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e privato possono vincere insieme Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success

Dettagli

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Bologna 27/10/2010 IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Ventitremila mq la struttura, venticinque milioni di euro l investimento, trecento i fornitori accreditati, quattromila referenze di cui

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby.

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. Il riciclo che vale Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. chi è GARBY L obiettivo: evolvere la raccolta testata e certificata di qualità. Garby organizza, attraverso tecnologie innovative e automatiche,

Dettagli

CONSUMABILI DI STAMPA

CONSUMABILI DI STAMPA CONSUMABILI DI STAMPA #2012 L AZIENDA 39 35 37.00-16 11 17.07 Fin dal 1995, Sanzo Srl, è un azienda leader nel settore della produzione di consumabili di stampa che fornisce servizi e soluzioni integrate

Dettagli

ESTRATTO PER PUNTI RISTORO

ESTRATTO PER PUNTI RISTORO Guida Espositore Sostenibile Estratto per Punti Ristoro Mod. 10-01 Rev. 1 14/07/2015 Pag. 1/10 ANTICA FIERA DI PORTOMAGGIORE Da Venerdì 18 a Lunedì 21 Settembre 2015 ESTRATTO PER PUNTI RISTORO www.delphiinternational.it/

Dettagli

Logistica e Distribuzione. L attività di famiglia

Logistica e Distribuzione. L attività di famiglia Logistica e Distribuzione Logistica, distribuzione e supporto gestionale per prodotti food e non food. In questi settori sono impegnati, con il loro know how, due generazioni della famiglia Colozza che

Dettagli

Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi

Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi STORIA 1957: nasce a Milano, da un idea di Bernardo Caprotti e Nelson Rockfeller, il primo negozio

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI Fiorella Perrucci Centro Studi Area Prevenzione CONAI 7 ottobre 2014 Il Sistema CONAI, Consorzio

Dettagli

Logistica e Distribuzione. Packaging e Trasporti

Logistica e Distribuzione. Packaging e Trasporti Logistica e Distribuzione Logistica, distribuzione e supporto gestionale per prodotti food e non food. In questi settori sono impegnati, con il loro know how, due generazioni della famiglia Colozza che

Dettagli

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico Fattori critici per un successo sostenibile Giugno 2014 Lo scenario macroeconomico Gli indicatori economici recenti segnalano che l economia italiana è ancora in difficoltà. Il trend tendenziale del PIL

Dettagli

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica Davide Albanesi, Auto & Industry Sales Director, CEVA Italy Bologna, 19 Marzo 2015 Agenda

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali Chi rifornisce i punti vendita? Commercio tradizionale Commercio moderno Concentrazione commercio moderno FORNITORI FORNITORI

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione APAT Ing. Rocco Ielasi Responsabile Servizio Interdip. Certificazioni Ambientali Le motivazioni del cambiamento L esigenza di introdurre

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT:

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT: La carta utilizzata per stampare elenchi proviene tra il 30% ed il 40% di fibre riciclate e la restante parte è carta ecologica certificata FSC; La materia prima è acquistata presso Cartiere che adottano

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

DNV Business Assurance

DNV Business Assurance DNV Business Assurance Sicurezza alimentare e Sostenibilità: la sfida nel packaging Marco Omodei Salè AIBO: Desenzano del Garda 27 giugno 2013 Agenda Chi è DNV Business Assurance Scenario Food Supply Chain

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Imballaggi Gli imballaggi, prevalentemente cartoni, costituiscono oggi la maggior parte del volume dei rifiuti che è sempre più consistente.

Imballaggi Gli imballaggi, prevalentemente cartoni, costituiscono oggi la maggior parte del volume dei rifiuti che è sempre più consistente. Imballaggi Gli imballaggi, prevalentemente cartoni, costituiscono oggi la maggior parte del volume dei rifiuti che è sempre più consistente. Con il riuso di questi imballaggi e la loro restituzione ai

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

Bilancio Sociale 2013

Bilancio Sociale 2013 Bilancio Sociale 2013 Allegato Ambiente & Energy Management Colophon Coordinamento: Valentina Cicinelli Editing: Linda Patumi Grafica: Marco Binelli, Tadzio Malvezzi Foto: ActionAid, G.M.B. Akash/Panos/ActionAid,

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

I SERVIZI UPS. I servizi UPS 2009 1

I SERVIZI UPS. I servizi UPS 2009 1 I SERVIZI UPS 2009 I servizi UPS 2009 1 IL PORTAFOGLIO DEI SERVIZI UPS UPS vi offre una gamma completa di servizi che vi consente di scegliere tra diverse opzioni, sia in termini di velocità di consegna

Dettagli

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma TEMI DELLA LEZIONE I. L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE II.IL QUADRO

Dettagli

gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali

gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali IL PROGETTO ECORUTOUR è un progetto europeo che si propone di promuovere

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Gestione integrata dei rifiuti nel Comune di Trento Introduzione nuove modalità di raccolta: sistema

Dettagli

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 La gerarchia europea per la gestione dei rifiuti: 1. prevenzione 2. preparazione per

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

_ AZIENDA. La CDF fonda le sue origini all inizio degli anni 70.

_ AZIENDA. La CDF fonda le sue origini all inizio degli anni 70. _ AZIENDA La CDF è un azienda di spicco nel settore logistico, che esercita la sua attività attraverso l offerta di un ampia gamma di servizi integrati nel mondo del food e del non food, rispondendo alle

Dettagli

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto www.unifg.it Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto Valeria Spada Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali, Giuridiche, Merceologiche e Geografiche Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it

Dettagli

CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000

CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000 CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000 Claudia Strasserra, CSR Market Developer Bureau Veritas Italia Spa ore 11.00 11.45 I rischi della supply chain: globalizzazione In molti settori industriali

Dettagli

GREEN IT. Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008. GREEN IT rel 1.2

GREEN IT. Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008. GREEN IT rel 1.2 GREEN IT Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008 GREEN IT rel 1.2 1 INDICE Visione di insieme I diversi aspetti del GREEN IT Cosa dicono gli IT Manager 7 buoni motivi per

Dettagli

Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile.

Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile. Smyb: l operatore logistico sicuro e affidabile. Business Logistics Salerno Moving Your Business Smyb SMYB Srl Salerno Moving Your Business è un courier specializzato nel trasporto delle merci a groupage

Dettagli

Sta cambiando qualcosa?

Sta cambiando qualcosa? Andrea Corti, SymphonyIRI Group Fabrizio Pavone, Qberg 1 Lo scenario La Distribuzione Italiana continua ad investire molto nei volantini promozionali (in-store flyers) che vengono distribuiti nei punti

Dettagli

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua CONTENUTO Conosciamo CONOSCIAMO IL VOSTRO SETTORE Conosciamo Nell ultimo decennio il settore dell energia solare ha registrato una crescita senza

Dettagli

La passione degli italiani per gli animali da compagnia

La passione degli italiani per gli animali da compagnia Paolo Garro Business Insights Director 1 Introduzione Nelle case degli italiani gli animali da compagnia non sono una presenza rara: in circa una su tre è presente almeno un cane o un gatto, senza contare

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET. Bicchieri. Alu

Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET. Bicchieri. Alu Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET Bicchieri Alu Il nostro impegno per proteggere le risorse naturali Thomas Nussbaumer, CEO Region Central L immagine che abbiamo di un ambiente intatto

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

Geodis Logistics, la Divisione Logistica del Gruppo Geodis

Geodis Logistics, la Divisione Logistica del Gruppo Geodis Geodis firma un nuovo contratto triennale con LG Electronics per la gestione delle attività di logistica e tr Per il cliente LG Electronics, società leader nell'offerta di prodotti di elettronica a largo

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12.

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12. LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI Trasferiamo valore economico nella catena di fornitura acquistando volumi consistenti di beni e servizi. Promuoviamo la collaborazione e l efficienza nella catena della fornitura;

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Big & Small oltre l ipermercato, le opportunità di nuovo sviluppo. Duccio R.L. Caccioni

Big & Small oltre l ipermercato, le opportunità di nuovo sviluppo. Duccio R.L. Caccioni Big & Small oltre l ipermercato, le opportunità di nuovo sviluppo Duccio R.L. Caccioni Andamento dei consumi ortofrutticoli Frutta : acquisto medio per famiglia 2000-216 kg (prezzo medio 1,20 euro) 2007-209

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Modelli di Consumo Sostenibile

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Modelli di Consumo Sostenibile Inquadramento del tema Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Spesso noi tutti consideriamo le problematiche ambientali come qualcosa su cui non abbiamo responsabilità dirette

Dettagli

I Nostri Servizi. LOGISTICA DISTRIBUZIONE. Servizio Espresso. Warehousing Management System. Distribuzione Gdo. Sistemi di Radiofrequenza

I Nostri Servizi. LOGISTICA DISTRIBUZIONE. Servizio Espresso. Warehousing Management System. Distribuzione Gdo. Sistemi di Radiofrequenza Il Progetto. Sioli & Fontana nasce più di 25 anni fa e cresce sull onda del mercato hi-tech, ancora oggi, in continua espansione. Specializzata prima nel trasporto espresso e successivamente nella logistica,

Dettagli

Banco Alimentare Campania ONLUS

Banco Alimentare Campania ONLUS La Rete Banco Alimentare opera da 21 anni sul territorio nazionale e provvede, in particolare, alla raccolta delle eccedenze di produzione agricole, dell industria, specialmente alimentare, della Grande

Dettagli

PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE

PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE LA PREVENZIONE: LA PRIMA OPPORTUNITÀ La produzione di rifiuti rappresenta una perdita di risorse materiali e d'energia. Circa un terzo delle risorse usate in Europa viene

Dettagli

La riduzione dei rifiuti all acquisto

La riduzione dei rifiuti all acquisto Provincia di Varese La riduzione dei rifiuti all acquisto Provincia di Varese Ciclo di Serate di Ecologia Domestica I rifiuti in Italia Una persona produce ogni giorno più di 1,5 kg di rifiuti urbani (media

Dettagli

IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole e Medie Imprese aventi l unità produttiva nella Regione Marche.

IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole e Medie Imprese aventi l unità produttiva nella Regione Marche. BANDO REGIONE MARCHE. INCENTIVI ECONOMICI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AL FINE DI FAVORIRE I PROCESSI DI AGGREGAZIONE IN FILIERE E LE PRODUZIONI MADE IN ITALY. IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole

Dettagli

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GREEN PUBLIC PROCUREMENT Il Green Public Procurement (GPP) o Acquisti Verdi è una modalità di acquisto, da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali,

Dettagli

La sostenibilità ambientale nella filiera della distribuzione automatica

La sostenibilità ambientale nella filiera della distribuzione automatica La sostenibilità ambientale nella filiera della distribuzione automatica Dott. Filippo Fabbri Direttore Marketing & Acquisti Venezia 22 Novembre 2011 Agenda Argenta Evoluzione Luoghi di consumo Indoor

Dettagli

Rapporto di sostenibilità Conai 2013. La governance

Rapporto di sostenibilità Conai 2013. La governance 62 Rapporto di sostenibilità Conai 2013 La governance Conai dispone di una propria organizzazione che svolge, attraverso le sedi di Roma e Milano, l attività di coordinamento e gli altri compiti descritti

Dettagli

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale Simone Cencetti Environment, Health and Safety Fiat Group Automobiles 20 Novembre, 2010 Il Gruppo Fiat

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

Reclami dei Consumatori e Ritiri dei Prodotti: Casi Pratici e Ruolo della GDO

Reclami dei Consumatori e Ritiri dei Prodotti: Casi Pratici e Ruolo della GDO Reclami dei Consumatori e Ritiri dei Prodotti: Casi Pratici e Ruolo della GDO Cremona 17 aprile 2009 Salvatore Ranchetti Direttore Assicurazione Qualità Esselunga S.p.A. 02 92 36 79 05 salvatore.ranchetti@esselunga.it

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e Politecnico di Milano in collaborazione con Nielsen Italia. Edizioni Guerini

Dettagli

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa Store.Valtellina.it Descrizione iniziativa Sondrio, 28 Maggio 2010 1 STORE.VALTELLINA.IT - INFORMATIVA ALLE IMPRESE 1.1 Introduzione Store.Valtellina.it nasce per promuovere i prodotti di eccellenza del

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Marilena Colussi Direttore di ricerca Food e Retail GPF Roma 4 novembre 2010 CONSUMI ALIMENTARI IN TEMPO DI CRISI 1 La difesa dell ambiente è ampiamente

Dettagli

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia E.ON Connecting Energies Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia Volete ridurre i costi energetici della vostra azienda? Avete obiettivi ambientali ambiziosi? La sicurezza

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Linee guida per la realizzazione di eventi a basso impatto ambientale

Linee guida per la realizzazione di eventi a basso impatto ambientale Linee guida per la realizzazione di eventi a basso impatto ambientale 1 Premessa Il presente documento, redatto nell ambito dell esecuzione del servizio di accompagnamento all attuazione della politica

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

Aprile 2012. GUIDA AI CLONI Da tenere in considerazione quando si vendono cartucce non originali/oem compatibili e nuove in Europa

Aprile 2012. GUIDA AI CLONI Da tenere in considerazione quando si vendono cartucce non originali/oem compatibili e nuove in Europa Aprile 2012 GUIDA AI CLONI Da tenere in considerazione quando si vendono cartucce non originali/oem compatibili e nuove in Europa INDICE 1 Introduzione 2 Definizione 3 Perché non si dovrebbero commercializzare

Dettagli

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI ci prendiamo cura dell ambiente in cui viviamo e abbiamo i numeri per farlo GLI OBIETTIVI DI ECODOM Eccellenza ambientale, efficienza operativa ed economica sono i

Dettagli

Il communication mix: packaging

Il communication mix: packaging TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE AZIENDALE Il communication mix: packaging Laura Gavinelli laura.gavinelli@unimc.it Facoltà di Economia Università degli Studi di Macerata Packaging: definizioni a confronto

Dettagli

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 Chiudere il cerchio Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 L infrastruttura della filiera della carta L industria della carta italiana anno 2013 Produzione di 8,5 milioni

Dettagli

Gruppo di ricerca RAEE. Sintesi secondo workshop

Gruppo di ricerca RAEE. Sintesi secondo workshop Gruppo di ricerca RAEE Sintesi secondo workshop Il secondo Workshop I lavori del secondo incontro del Gruppo di Ricerca RAEE hanno avuto come argomento di analisi la filiera logistica del sistema RAEE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA VENDITA

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

EUROFRIGO VERNATE. Logistica integrata del freddo

EUROFRIGO VERNATE. Logistica integrata del freddo Logistica integrata del freddo EUROFRIGO VERNATE Via Sitia Yomo, 10-20080 Vernate (MI) - Tel. +39 02.9054685 - Fax +39 02.90091211 Web: www.eurofrigovernate.com - E-mail: info@eurofrigovernate.com L AZIENDA

Dettagli

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero!

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! La gestione dei rifiuti di imballaggio in Italia Valter Facciotto Direttore CONAI Università LIUC, 15 novembre 2011 Lo scenario nazionale di produzione dei rifiuti

Dettagli

Carta straccia la materia prima sostenibile

Carta straccia la materia prima sostenibile Carta straccia la materia prima sostenibile LA CARTA STRACCIA RESTA QUI Per tradizione innovativi www.perlen.ch Una produzione il più possibile ecologica La Perlen Papier AG è stata fondata nel 1873 nel

Dettagli

BUON FINE. Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare

BUON FINE. Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare BUON FINE Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare Valter Molinaro Responsabile Innovazione e gestione servizi ECCEDENZE/SPRECO DI CIBO Ogni anno la quantità

Dettagli