SVILUPPO SOSTENIBILE E COMPETITIVITÀ DELLE GRANDI IMPRESE COMMERCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVILUPPO SOSTENIBILE E COMPETITIVITÀ DELLE GRANDI IMPRESE COMMERCIALI"

Transcript

1 SVILUPPO SOSTENIBILE E COMPETITIVITÀ DELLE GRANDI IMPRESE COMMERCIALI 17 maggio 2010 Mario Risso

2 Una definizione di sviluppo sostenibile riconducibile alle imprese Sviluppo sostenibile significa condurre l attività in modo da conciliare oggi i bisogni dell azienda con quelli degli stakeholders, proteggendo, sostenendo ed aumentando la disponibilità di risorse naturali per il domani. UN

3 Impresa e ambiente naturale Nel passato, crescita senza limiti, energia a basso costo e illimitata e abbondanza di materie prime erano elementi che caratterizzavano il fare business, il futuro invece, sembra offrire un nuovo paradigma, basato sulla crescita controllata, sul risparmio energetico e sul riutilizzo dei materiali riciclati.

4 Impresa e ambiente naturale Le imprese dovrebbero considerare il miglioramento delle proprie prestazioni ambientali come un opportunità. Solo recentemente le imprese hanno cominciato a considerare i fattori ambientali non in termini di vincoli (evitare sanzioni o situazioni di emergenza), ma come fattori chiave per lo sviluppo aziendale su cui costruire opportune scelte strategiche.

5 Ambiente Filiera Settore Fattori Approvvigionamento Impresa R&S / Trasformazione/ Vendita Mercato Distribuzione Primo mercato Consumatore/Utilizzatore Mercato finale

6 Impresa, ambiente e consumo Il consumatore odierno, sofisticato e culturalmente evoluto, non è interessato semplicemente a nuovi prodotti ma vuole conoscere l impresa che li produce, le condizioni di lavoro con cui vengono realizzati e come la loro produzione impatta sull ambiente e sulla crescita economica delle comunità locali coinvolte nella loro produzione. I consumatori desiderano prodotti, marchi e imprese che riflettano le proprie attitudini sociali-ambientali così come i loro gusti personali (Strong, 1996; Shaw e Clarke, 1998, Harrison e al., 2005), e sviluppano una maggiore coscienza sociale nel valutare e consumare i prodotti (Freestone e McGoldrick, 2008; Hemingway e Maclagan, 2004; Kahle e al., 1998; Macchiette e Roy, 1994).

7 Motivi del rispetto dell ambiente come priorità strategica la convinzione che un comportamento di pura risposta ai vincoli legislativi non consente di valorizzare in termini competitivi i vantaggi di costo o di barriere all entrata connessi alla eco-efficienza; la consapevolezza pragmatica che i problemi ambientali e della sicurezza dei prodotti tendono a peggiorare col tempo, pertanto il migliore approccio è di sistemarli subito, anticipando i vincoli normativi; la possibilità di ottenere una maggiore apertura verso i propri prodotti da parte dei consumatori; la necessità di non risultare emarginati da quei mercati che impongono elevati standard di compatibilità ambientale

8 Il rapporto tra impresa ed ambiente riguarda diverse dimensioni. Giuridica - normativa Strategica Organizzativa

9 Funzioni con manager impegnati full o part-time in programmi ambientali Produz. R&S Approvv. Marketing Qualità Finanza Fonte: Lent,Wells 2008

10 AMBIENTE NATURALE E IMPRESE COMMERCIALI

11 Canale logistico e canale commerciale Produzione percorso logistico tempi articolazione canale commerciale Livello intermedio della distribuzione Negozi Consumatore Spazio coperto dalla rete di vendita

12 Obiettivi dell impresa commerciale collegati alla gestione ambiente naturale Differenziazione degli assortimenti Ottimizzazione dei flussi logistici Ottimizzazione delle strutture di vendita

13 Strategie della GDO nella gestione del rapporto con l ambiente naturale strategia ecology pull strategia ecology push strategia in house

14 Strategia ecology pull Questo approccio si basa sulla capacità della distribuzione di orientare le scelte dei fornitori verso una maggiore sostenibilità. L azione può essere diretta, nel senso della selezione delle aziende produttrici attraverso criteri di vendor rating che includono elementi quali la politica ambientale del fornitore, la definizione dell imballaggio, la composizione e le caratteristiche del prodotto, o indiretta, laddove l intermediario commerciale sia in grado di esercitare pressioni anche sulle aziende di marca. In questo senso, ad esempio, nella scelta dell assortimento può essere accordata una preferenza ai prodotti certificati o alle marche che adottano label ecologici riconosciuti quale il marchio comunitario Ecolabel; L Ecolabel è un etichetta ambientale volontaria che certifica i prodotti ambientalmente compatibili, facilitando i consumatori ad identificare i prodotti verdi, grazie ad un unico logo (il fiore europeo) nei 25 Stati membri dell Unione Europea, oltre che in Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

15 Strategia ecology push La grande distribuzione opera in una posizione privilegiata lungo la supply chain in quanto si trova a diretto contatto con il consumatore finale con cui può interagire e comunicare. Da ciò derivano diverse opportunità per accrescere l educazione ambientale dei cittadini e spingere la domanda di prodotti eco-compatibili. Le tecniche a disposizione sono quelle tipiche della promozione delle vendite e vanno dalla predisposizione di specifiche azioni informative realizzate nei punti vendita fino alla creazione di corner ecologici o isole ecologiche, dove vengono raggruppati prodotti con particolari valenze. Inoltre la grande distribuzione può utilizzare lo spazio espositivo e il layout per promuovere la propria immagine istituzionale con specifiche campagne di comunicazione

16 strategia in house interventi sulle infrastrutture al fine di migliorare il profilo ambientale dell attività tipica svolta dalle aziende di distribuzione: progettazione delle strutture nel rispetto dei principi della bioarchitettura, utilizzo di materiali efficienti da un punto di vista energetico, attenzione all impatto visivo. Una dimensione sempre più rilevante fa riferimento agli impatti indiretti generati dall insediamento in aree densamente urbanizzate. Impatto sulla viabilità urbanae ottimizzazione dei flussi logistici in entrata e in uscita, agendo sulla tipologia di mezzi di trasporto utilizzati, sui percorsi e sugli orari di consegna, sulla gestione dei magazzini. La diffusione dell e-commerce e di comportamenti di acquisto online pone i distributori davanti a nuove sfide anche dal punto di vista ambientale. Ad esempio, la razionalizzazione dei percorsi di consegna della merce e le problematiche di logistica all indietro per il ritiro dei resi. Infine, in alcuni contesti geografici (Svizzera e Nord America) e per talune merceologie (caffè, the, prodotti per la prima colazione, granaglie e prodotti secchi, detersivi e bevande, ecc.) stanno emergendo con forza forme di retail in bulk, formato distributivo che permette di coniugare sostenibilità (riduzione degli imballaggi, minori sprechi di prodotto lungo la filiera, maggiore efficienza nella logistica) con una buona competitività rispetto ai prodotti tradizionali e un risparmio per il consumatore.

17 Strumenti Assortimenti mirati al rispetto dell ambiente Gestione degli imballaggi Logistica di ritorno (Reverse logistic) Progettazione degli impianti e risparmio di energia

18 Differenziazione dell offerta Catena di negozi alimentari totalmente biologici e rispettosi dell ambiente Punti vendita in USA, UK e Canada

19 Differenziazione dell offerta Coop Italia

20 Vivi Verde Coop Linea concepita per sensibilizzare le persone sui temi della salvaguardia dell ambiente e per realizzare concretamente un economia sostenibile. La linea comprende infatti i prodotti Coop da agricoltura biologica, buoni, sani, genuini e a ridotto impatto ambientale, e i prodotti Coop non alimentari a basso impatto, realizzati con criteri sostenibili e di compatibilità ambientale. Si tratta di centinaia di prodotti che comprendono tutti i settori merceologici dei supermercati e ipermercati Coop.

21 Esempio di prodotto

22 Gestione imballaggi: le funzioni base dell imballaggio Protezione e conservazione Garanzia e sicurezza Movimentazione Funzione d uso Informazione Autopromozione

23 Imballaggi e tipologie di prodotti (dati Conai 2009) 30% 28% 19% 10% 13% Alimentari solidi Alimentari liquidi Chimico-farmaceutico Cura-detergenza Altri settori

24 Alimentari solidi, criteri di prevenzione per la sostenibilità ambientale (dati Conai 2009) Risparmio di materia prima 2% 8% 6% Riutilizzo 3% 10% 37% Utilizzo di materiale riciclato Ottimizzazione della logistica Facilitazione delle attività di riciclo 17% 10% 7% Semplificazione del sistema di imballo Risparmio di energia

25 Gestione imballaggi: un esempio Durante il 2005 l azienda ha effettuato un intervento sugli espositori da terra in cartone ondulato, modificandone il disegno e le dimensioni. Dal punto di vista strutturale la testata, che nella precedente versione era separata dal corpo posteriore, nella nuova costituisce il fronte dello stesso, da cui viene rimossa (fustellata) ed incastrata sul retro dell espositore. Questa azione ha consentito un risparmio di materia prima (cartone) pari al 14%. La modifica dimensionale dell imballo ha permesso l eliminazione di un inserto di polistirolo espanso, che veniva inserito in fase di trasporto, per alcuni formati che non saturavano il volume degli espositori.

26 Gestione imballaggi e il retail in bulk Il rifornimento di beni di consumo a basso impatto ambientale

27 La logistica di ritorno (Reverse logistic) Il Council of Logistics Management (CLM) introdusse la prima definizione conosciuta di reverse logistics nei primi anni novanta (Stock, 1992):..il termine spesso usato per riferirsi al ruolo della logistica nel riciclaggio, smaltimento dei rifiuti e gestione dei materiali pericolosi; una prospettiva esterna che include tutte le attività legate alle attività logistiche come la riduzione, riciclaggio, sostituzione, riuso di materiali e smaltimento.

28 Le principali motivazioni dietro la volontà delle imprese di implementare attività di reverse logistics sono due: economiche, dati profitti che da essa si possono trarre; non meramente economiche, legate alla sensibilità sociale e alle tematiche ambientali.

29 Rilavorazione dei prodotti recuperati a livello del prodotto (e si parla di riparazione); del modulo (ricondizionamento); del componente (remanufacturing); di una singola parte (recupero); del materiale (riciclaggio); dell energia (incenerimento).

30 La riduzione del valore dei prodotti restituiti Fonte: Blackburn J.D., Guide V.D., Souza G.C., Van Wassenhove L.N., Reverse Supply Chains for Commercial Returns, California Management Review, vol. 46, no. 2, pp. 1-17, 2004.

31 La differenziazione posticipata vs anticipata

32 Reverse logistic per i distributori customer service e customer satisfaction, reverse supply chain e ottimizzazione delle risorse

33 Un esempio di logistica di ritorno Interporto Santa Palomba S.r.l. Fornisce servizi di logistica integrata per i settori dell industria e della grande distribuzione organizzata ed è leader nella gestione degli alimenti a temperatura controllata. La società nasce nel 1994 come azienda specializzata nella logistica del freddo per conto di Standa Commerciale, nel 1997 acquisisce rami d azienda della logistica dei prodotti secchi di Standa Commerciale e del Gruppo PAM, consolidando la sua posizione e costituendo alcune società collegate specializzate nella gestione dei grandi clienti.

34 Interporto Santa Palomba S.r.l. Opera prevalentemente nel centro-sud, nel sud e nelle isole, attraverso strutture di proprietà o in locazione, accordi con altri operatori del settore e imprese collegate. Oggi Interporto Santa Palomba, forte di oltre 50 clienti e di fatturato, è leader nel centro-sud per la distribuzione di prodotti surgelati e deperibili e per la gestione di imballaggi riutilizzabili in materiale plastico.

35 Interporto Santa Palomba S.r.l. Recentemente, Interporto Santa Palomba ha effettuato importanti investimenti per introdurre, nei propri stabilimenti, due linee di produzione finalizzate alla igienizzazione di imballaggi riutilizzabili, specificatamente cassette per beni alimentari deperibili (RPC Reusable Plastic Container); attività completamente integrata nell attività principale di erogatore di servizi logistici.

36 Interporto Santa Palomba S.r.l. - Clienti L azienda possiede oltre 50 clienti, collocati tra distribuzione e produzione. All interno del settore distributivo, i clienti sono tutti di dimensioni rilevanti, operanti nel settore del commercio al dettaglio. Tra i principali clienti: il Gruppo Rewe, Eurospin e Sviluppo Discount S.p.A. presenti in tutto il territorio nazionale, con l ultimo dei quali una società che riunisce diverse insegne COOP, PAM (Panorama e In s Mercato) e il Gruppo Gros (locale). Nel settore produttivo, per la tipologia di servizio offerto, l azienda ha rapporti con molti produttori locali di prodotti freschi e, accanto a questi, con operatori a livello nazionale che realizzano le atre categorie merceologiche trattate, come Gran Milano con all interno i marchi Sanson e Tre Marie e Barilla, soltanto per citarne alcune.

37 Progettazione degli impianti e risparmio di energia Costruire o rinnovare gli edifici per il comemrcio (centri di distribuzione e punti vendita) in aree sostenibili Sistemi di gestione efficiente dell acqua (conservazione e riuso) Riduzione dell uso dell energia Attenta selezione dei materiali di costruzione Promuovere la qualità dell aria e la salubrità all interno degli edifici

38 ALCUNI ESEMPI DI GRANDI DISTRIBUTORI

39 METRO Group implementa la sostenibilità ambientale in tutto il gruppo Il gruppo ha istituito un Sustainability Board La sostenibilità è vista come un focus strategico addizionale The aim of Sustainability Board is to bundle and control the numerous sustainability activities already existing within the Group, on the one hand. Furthermore, METRO Group considers a leading position in this field to be a competitive advantage. On the other hand, this panel is to firmly implement the subject of sustainability across the whole company.

40 Metro Metro già nella home page presenta numerose informazioni sulle iniziative attive per la sostenibilità sociale. All interno di un ampio rapporto di sostenibilità si nota subito l impegno ambientale della società; infatti, per garantire una maggiore trasparenza della propria posizione riguardo all ambiente, si è autonomamente sottoposta all analisi di un organismo indipendente per la stima delle emissioni di CO 2 dei propri punti vendita e da tale risultato ha poi incentrato tutte le iniziative legate alla riduzione dell impatto ambientale.

41 Metro Gruop Le attività a cui si fa riferimento sono la predisposizione di frigoriferi a minor consumo energetico, l uso si energia prodotta da fonti rinnovabili, la predisposizione di impianti fotovoltaici, come quello in Italia, per garantire in un ottica di lungo periodo l autosufficienza energetica dei punti vendita. L azienda in esame è ovviamente coinvolta, come la maggior parte degli operatori presi in considerazione, nella riduzione dei rifiuti e nel loro riciclaggio, a tal proposito la società è impegnata in un progetto di riduzione della pubblicità su carta stampata e su volantini e sull uso di carta riciclata per l attività promozionale e per la documentazione interna all azienda. Per ciò che riguarda più specificatamente la logistica, Metro sta limitando l uso del trasporto su gomma tra l altro effettuato su mezzi che rispettano la normativa antinquinamento Euro 5 puntando su quello ferroviario e marittimo. In un ottica di riduzione dei rifiuti prodotti si utilizzano imballaggi riutilizzabili per molte categorie di prodotti, non soltanto beni alimentari, grazie ai quali, tra il 2005 e il 2007, si è registrata una riduzione dei rifiuti per metro quadro dell 11%, da 52 kg a 46,2 kg; per migliorare ulteriormente le performance è stato richiesto ai produttori dei prodotti a marchio commerciale di limitare l uso di imballaggi al minimo indispensabile.

42 Metro Group Metro è sicuramente l azienda più virtuosa per quanto riguarda il riciclaggio dei rifiuti con una percentuale che sfiora il 94% in Germania e il 60% all estero, risultati raggiunti grazie alla partecipazione a sistemi collettivi nati con l obiettivo di recuperare e riciclare. A questo proposito, nel 1990 insieme ad altri operatori commerciali ed industriali, è nata la Duales System Deutschland GmbH (DSD), un sistema di raccolta dei rifiuti privato, parallelo a quello pubblico, destinato a raccogliere e a smaltire i prodotti delle aziende aderenti ad esso. Questa, ha introdotto il Green Dot, un logo che, apposto dagli operatori sui propri prodotti, fa sapere ai clienti finali che la confezione sarà raccolta e smaltita dalla DSD. Il successo dell iniziativa in Germania ha reso possibile l espansione del sistema Green Dot in altri 25 Paesi europei per mezzo della società PRO EUROPE (Packaging Recovery Organisation EUROPE), a cui la DSD tedesca ha concesso l uso del marchio nel 1995.

43 J.C. Penny ha pianificato un taglio del 20% del consumo di energia entro il 2015 Riduzione dei consumi energetici nei punti vendita del 20% per sq. ft. entro il 2015 Tramite l incremento di efficienza nell utilizzo dell energia: Negli ultimi 10 anni sono stati investiti $130 milioni per migliorare l efficienza energetica dei negozi e del sistema logistico: Avanzate tecnologie di misurazione Sistemi di controllo degli edifici Illuminazioni retrofit (lampade a lunga durata, lec, ecc.) Sistemi di condizionamento ambientale ad alta efficienza Nel 2004, J.C. Penney launched EMPowered, un programma di formazione e incentivo rivolto agli associati per cercare percorsi innovativi di risparmio energetico. Anche I centri logistici J.C. Penney impiegano iniziative similari attraverso lo sviluppo di Green Teams.

44 Tesco plc (UK) Tesco, seppur priva di un rapporto di sostenibilità come quello contenuto nei siti della maggior parte degli operatori analizzati, è impegnata in numerose attività che coinvolgono diversi aspetti dell azienda. Le iniziative più originali ed efficaci riguardano principalmente due aspetti, tra loro fortemente interrelati ed interdipendenti: il riciclaggio e la riduzione dei rifiuti.

45 Tesco plc e la gestione e riciclaggio dei rifiuti Riguardo al primo aspetto Tesco, oltre ad essere giunta ad una percentuale di rifiuti riciclati pari al 71% nel 2007 con l obiettivo di raggiungere l 80% nel 2008, è particolarmente impegnata nell incentivazione del riciclaggio e nella raccolta dei materiali usati dai consumatori anche in ottica di reverse logistics. A tal fine, Tesco, ha introdotto all interno dei maggiori punti vendita contenitori per il riciclaggio di diversi materiali plastica, vetro e carta grazie ai quali si sono raggiunti ottimi risultati. Per incrementare ulteriormente il materiale recuperato dai propri clienti, l azienda sta incentivando il riciclaggio con una sorta di fidelity card che viene caricata con un certo ammontare di punti alla consegna dei prodotti da riciclare e sta introducendo nei propri punti vendita un nuovo sistema che consentirà, secondo Tesco, di ridurre il tempo che i consumatori dovranno dedicare all operazione e di raddoppiare il materiale recuperato; il sistema, infatti, sostituisce tutti i contenitori presenti nel punto vendita con uno solo: i clienti inseriscono i prodotti nell impianto e questo provvederà autonomamente a smistarli in base al materiale. Il materiale così recuperato verrà impiegato dall azienda per la produzione degli imballaggi e delle confezioni per i prodotti a marchio commerciale. Tesco incentiva, inoltre, il recupero dei cellulari, delle cartucce per stampanti e dei sacchetti in plastica attraverso il riconoscimento di punti extra ed effettuando donazioni ad organizzazioni non-profit per ogni oggetto recuperato; alle stesse viene, inoltre, donato il cibo in scadenza che, nel 2006, ha consentito di fornire ben 3,3 milioni di pasti. Per quanto riguarda, invece, la riduzione dei rifiuti, l azienda si prefigge di giungere ad una riduzione del 25% entro il 2010 dei rifiuti da imballaggi e da confezioni, sia per i prodotti a marchio commerciale che per gli altri. A tal proposito, Tesco usa imballaggi riutilizzabili, realizzati per il 60-80% con materiale riciclato e riciclabili a loro volta al 100%, che hanno consentito un risparmio di carta pari a tonnellate. Soltanto attraverso la razionalizzazione nell uso di materiale nelle confezioni dei prodotti di proprietà e l uso di materiale riciclato per le stesse, il gruppo ha registrato un risparmio di 150 tonnellate di carta e di vetro. Sempre relativamente alla riduzione dei rifiuti va intesa la campagna di promozione per la diffusione dell uso di sacchetti riutilizzabili realizzati con materiale riciclato che l azienda vende a 3,50 sterline; per ogni sacchetto venduto verranno donati 50 centesimi ad organizzazioni non-profit, alle quali si prevede di donare complessivamente sterline. Attualmente, il 45% dei clienti di Tesco usa sacchetti riutilizzabili. Infine, per ridurre le emissioni di CO 2 l azienda non si è limitata alle iniziative poste in essere dalle altre concorrenti, ma ha addirittura acquistato un treno di proprietà il Tesco Express che corrisponde a circa 28 automezzi e per la consegna dei prodotti acquistati online utilizza, addirittura, mezzi alimentati elettricamente.

46 Walmart e la sostenibilità ambientale La Wal-Mart è una catena di supermercati. Sono negli Usa, a cui va aggiunto un altro migliaio nel resto del mondo. I 138 milioni di consumatori che ogni settimana visitano i centri commerciali Wal-Mart vi possono comprare di tutto: cibo, elettrodomestici, gioielli, vestiti, persino pistole e fucili. Da poco tempo la Wal-Mart ha sorpassato la General Motors, ed è diventata la più grande multinazionale del mondo. Un milione e 300 mila dipendenti. Il suo fatturato (256 miliardi di dollari) è pari al 2.3% del pil degli Usa e supera il pil della Svezia.

47 Walmart e la sostenibilità ambientale La dimensione di un supercentro Wal-Mart è, all incirca, metri quadrati e si estende per circa venti o trenta acri di terra. I supercentri Wal-Mart presenti negli Stati Uniti sono senza contare la miriade dei più piccoli negozi Wal-Mart e dei centri di distribuzione e magazzini che coprono tutti gli Stati Uniti.

48 Walmart e la sostenibilità ambientale Wal-Mart ha sviluppato delle iniziative per migliorare la propria efficienza ambientale. Queste iniziative sono dette approccio a 360 gradi alla sostenibilità. Wal-Mart in questa politica coinvolge tutti i propri fornitori ma anche i consumatori al fine di ottenere risultati economici compatibili con la sostenibilità ambientale.

49 Nel mese di aprile 2010 Wal-Mart ha annunciato la sua nuova politica ambientale Quattro obiettivi principali: Contenimento delle spese. Creare prodotti al 100% rinnovabili in termini di energia. Avere zero sprechi. Vendere prodotti che sostengono le risorse.

50 Domande ai fornitori per la loro valutazione ambientale

51 Walmart e la sostenibilità ambientale At Walmart, we're now using the sun and wind to help power our stores. Our drivers' routes are shorter, which means less diesel fuel and greenhouse gases. And the way we pack our trucks is far more efficient. Why do we do it? For one thing, it makes a difference for the environment. But we also learned these efforts save us money - a savings we can pass along to you. Which means we're not just being earth-friendly, we're also being wallet-friendly.

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Global Networking Group Efficienza Energetica Industriale e degli edifici

Global Networking Group Efficienza Energetica Industriale e degli edifici Global Networking Group Efficienza Energetica Industriale e degli edifici http://www.globalnetworking group.com/ Page 1 of 2 Global Networking Group Efficienza Energetica Industriale e degli Edifici Speakers

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time NOVITÀ 2013! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM 7 Aziende: Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time > Nicola Aliperti Global It Project Manager Marketing

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Idee brillanti con l alluminio. NOVELIS OHLER Flexible Tubes Molto più che solo flessibile

Idee brillanti con l alluminio. NOVELIS OHLER Flexible Tubes Molto più che solo flessibile Idee brillanti con l alluminio NOVELIS OHLER Flexible Tubes Molto più che solo flessibile NOVELIS Il vostro specialista per soluzioni in alluminio, con valore aggiunto Europa LA NOSTRA ESPERIENZA PER INFINITE

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI G. Noci e E. Pizzurno I N D I C E 1. LA RILEVANZA DELLA PROBLEMATICA AMBIENTALE 246 2. LE OPZIONI STRATEGICHE A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE 247 3. IL PROCESSO

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli