1)LE EDICOLE VOTIVE A ENNA E NICOSIA:Introduzione di C.Paterna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1)LE EDICOLE VOTIVE A ENNA E NICOSIA:Introduzione di C.Paterna"

Transcript

1 1)LE EDICOLE VOTIVE A ENNA E NICOSIA:Introduzione di C.Paterna L indubbio valore dell edicola votiva come elemento simbolico e segnaletico nel territorio è stato più volte posto in evidenza soprattutto negli studi sul variegato paesaggio culturale siciliano. Enrico Guidoni soffermandosi sul paesaggio siciliano, già nel 1982 affermava : La sintesi tra sistema naturale,sistema insediativo,strutture di comunicazione e di scambio,viene individuata nella caratterizzazione sacrale del paesaggio,la sola capace di fornire motivazioni e aiuti non solo contingenti e non solo particolari agli abitanti di un determinato territorio (1). Primo elemento di questa caratterizzazione sacrale è proprio l edicola votiva,la quale nella puntuale esemplificazione delle Vie Sacre costituisce una spia eccezionale per la lettura della forte connessione tra campagna e abitato,del rapporto perenne tra passato e presente(jole Lima,La Dimensione sacrale del paesaggio,1982)(2) 1.La sua funzione sacra è conosciuta fin dall antichità,soprattutto nella Grecia arcaica dove si veneravano le erme di pietra,collocate presso gli incroci delle strade,luogo del culto di Ecate:. Era il protettore delle strade e poteva essere rappresentato come mucchio di sassi,posto ai crocevia per la venerazione dei viandanti. Ma non solo: L erma poteva essere collocato in tutti i luoghi di indecisione ove la presenza poteva smarrirsi. (Ved.L.Lombardi-Satriani,Il ponte di San Giacomo,Milano,1982).(3) I villaggi,le campagne le vie,i sentieri erano difesi da stele,erme e nicchie sulle pareti rocciose. La riscoperta dei riti di fondazione di villaggi e centri urbani(rykwert) ha riproposto quanto affermato da Mircea Eliade(Il mito dell eterno ritorno,parigi,1946) (4) sulla presa di possesso di un territorio sconosciuto: si compivano riti che ripetevano simbolicamente l atto della creazione:,prima si cosmicizzava,poi si abitava! Non poche strade e sentieri delle regioni etrusche e latine era cosparse di nicchie in roccia e stele dipinte che in taluni casi riproducevano tempietti sacri. Si veda,ad esempio,la vasta collezione di Erme al museo archeologico di Palermo,provenienti dall area occidentale dell isola,quasi tutte bicefale,talune di intenso contenuto artistico. Uno studio condotto dall archeologo Maurizio Vento: Le stele dipinte di Lilibeo,Marsala,2000 (5) tracciava le linee di sviluppo dell architettura delle edicolette religiose fino ai nostri giorni: l autore individuava sette tipologie pseudoarchitettoniche fondamentali che andavano dalla meno elaborata alla più rifinita. Il risultato finale era di individuare una committenza piuttosto variegataceti mercantili di origine greca,romana e punica- e soprattutto l indizio di un composito sincretismo religioso che l autore stesso definisce eredità ripresa dalla successiva civiltà cristiana in forma di genere esclusivamente votivo -denominate oggi fiuredde (edicole dipinte). In epoca ellenistica si amplia il numero delle edicole religiose per la diffusione di culti misterici provenienti sia dall oriente che dall occidente celtico-germanico: A Palazzolo Acreide in località detta oggi Santicieddu sono state ritrovate sculture rupestri in nicchia risalenti al culto di Cibele. Dello stesso culto e in generale delle Erme di derivazione orientale accenna Diodoro Siculo,storico e viaggiatore dell antichità,come derivazione dai cenotafi irano-persiani,non tralasciando di citare altri culti di derivazione orientale quale quello di Mitra,di Thanaides,Adonai,Dyonisos che si diffusero ampiamente in Sicilia e in Italia nell epoca imperiale(iii sec.dc),un tassello in più per ritrovare lontani collegamenti sincretistici nella cultura siciliana. Corrado Allegra nel suo prezioso studio Edicole votive della Sicilia sud-orientale,siracusa,1984) ci informa che la vicina località di Cozzi i Montalleri,anticamente detta mammelle di Lamia,era sede di un culto sanguinario tendente a esorcizzare la paura dei predoni. Sopravvivenza di questi luoghi sacri -che spesso venivano individuati dalla presenza di edicole votive-sono i numerosi racconti plutonici(vedi G.Pitrè),di tesori incantati.di luoghi magici che spesso inducono a un sacrificio prima della ricompensa. Questo concetto introduce la considerazione che spesso il fatto delittuoso era all origine di talune edicole votive. In epoca romana sono i Compitum a recuperare lo stretto legame tra cappella e altari votivi:era l edicola votiva dei Lares, divinità che proteggevano i campi e i poderi!

2 Con l avvento del Cristianesimo non cambia il valore funzionale dell edicola anche se ai Lares si sostituiscono i Santi. 2.La stessa liturgia cristiana porta via via ad assimilare questa devozione ad altre consimili,quali gli ex-voto,le tavolette votive,i cosiddetti miracoli (di cera,di carta ecc.) parallelamente alla diffusione del culto dei santi: la topografia assorbe inevitabilmente la miriade di denominazioni sacre corrispondenti ad altrettanti luoghi di pericolo o semplicemente di confine. Così le sommità dei monti,le sorgenti,i mulini,i fiumi,i pozzi,le masserie,ecc.(si veda lo studio condotto da questa Soprintendenza sui mulini ad acqua nell ennese (2002). La diffusione dei calvari e delle vie Crucis completa questa topografia sacrale in epoca di controriforma:confraternite e Ordini monastici rafforzano la fede e le pratiche devote attraverso la cura e la manutenzione delle edicole sacre urbane ed extraurbane. Ignazio Emanuele Buttitta La Memoria lunga,roma,2002,(6) ripercorrendo le tradizioni natalizie della provincia ennese,a Barrafranca e Pietraperzia trova addobbi specifici per gli altarini e le edicole votive.rami di alloro,asparago,agrumi incorniciati attorno l immagine sacra(pag.28),e nell altro volume Le fiamme dei Santi non manca di sottolineare come i falò di Santa Lucia e san Giuseppe siano posti proprio nei crocicchi,nei crocevia al pari delle edicole votive,quasi a reinventare la memoria di questi luoghi d incontro(pag.183)e favorire la continuità della tradizione. Antonietta Jolanda Lima nel suo studio- parla esplicitamente di domesticazione di spazi avvertiti come ostili L autrice dedica tre capitoli del suo studio all argomento(gli Altari allo scoperto,l architettura delle edicole,le Vie Sacre) uno studio poderoso che si avvale dell esame di cinquecento di queste edicole religiose appartenenti ad ambiti geografici diversi Alcune sono di origine antichissima come a Trapani,Sciacca,Mazara e dotate di una comune impronta araba nell impianto.altre presentano una facies barocca che non nasconde l originaria caratterizzazione medievale come a Noto nel siracusano e Caltagirone nel catanese:vi sono poi abitati generati da un castello normanno come Giuliana o dallo sviluppo dell attività solfifera come Grotte nell agrigentino,o in parte pianificati tra il 5oo e il 6oo,come Xitta e Favignana n el trapanese. Vengono individuate sostanzialmente sei tipologie architettoniche delle edicole ma l indagine si indirizza soprattutto verso lo spazio di fruizione sacra:la famiglia Ma oltre l orizzonte degli studi architettonici,l argomento edicole votive si presta efficacemente agli studi di carattere etnoantropologico. In questo settore da alcuni anni sono stati pubblicati lavori d un certo interesse. 3.Tra questi oltre il già citato lavoro di Corrado Allegra,antesignano negli anni ottanta assieme a Pricoco(Giarre) e Casamento(Mazara),ma successivo agli studi di Guidoni e della Lima-con un lavoro pur breve nel testo ma assai efficace nelle immagini e nella bibliografia. Qui vogliamo segnalare altri lavori in ordine cronologico sull argomento. Anzitutto il lavoro sul centro storico di Palermo(1988),condotto dall antropologa Adele Sciacca,che si è avvalsa della collaborazione di nomi di prestigio quali Rosario La Duca,icona della palermitanità con uno studio pregevole e ineguagliato condotto dal 1979, fino alla pubblicazione cinque anni dopo.lavoro monumentale anch esso che si avvale di una bibliografia di 150 voci,e uno studio che spazia dall impostazionde progettuale della ricerca alla loro individuazione nei vari mandamenti urbani.(più di seicento) censite per tipologia strutturale,cura,tipologia iconografica,tipologia dedicatoria,epoca di edificazione,stato di conservazione,ecc.e un repertorio fotografico altrettanto copioso. Segue nel 1989 il lavoro essenzialmente fotografico di Melo Minnella e Maria Barbera Pietà popolare,su Palermo anch esso,che ha il pregio di scoprire iconografie scomparse e tracciare a grandi linee le ricerche di altre regioni d Italia sullo stesso argomento. Antropologico il primo di Adele Sciacca, più documentario il secondo: entrambi di grande efficacia

3 Segue il lavoro del 1992 di Michele Romano,- Le edicole votive di Siracusa -,anch esso ricco di immagini,ma certamente non documento esaustivo vista la mole di pubblicazioni dell architetto e docente universitario siracusano:si ricerca molto la forma architettonica delle edicole,dimenticando che esse sono strumento di trasmissione della memoria. E comunque il primo lavoro organico sull argomento per la splendida realtà di Ortigia e quartieri limitrofi. Passiamo al 1997 con un lavoro che ha lasciato il segno: quello di Todesco e Anastasio, per il centro storico di Messina, già citato in altre parti di questo lavoro per la sua completezza, rappresenta una rifinitura metodologica rispetto all argomento analogo trattato per le isole Eolie nel volume specifico Atlante dei beni etnoantropologici eoliani,messina,1995.(7) Todesco e Anastasio partono da un censimento delle edicole,oltre 456,strano a dirsi per un centro storico martoriato come quello di Messina.Eppure arraverso le edicole si rivela la devozione popolare più che in altri luoghi.talune si presentano come tempietto,altre con una grata in ferro abilmente lavorata,altre in forma di vero e proprio altare da messa e così via, con tanto di indulgenze e dediche della famiglia costruttrice. Lavoro monumentale con 334 pagine di testo e foto. Del 1998 è un lavoro di Marcello Grillo per le edicole votive di Licata,un centinaio di pagine dedicate agli addobbi popolareschi usati soprattutto nella novena di Natale:lavoro piuttosto circoscritto. Nello stesso anno,con caratteristiche simili, il lavoro di Gioacchino Mistretta sulle edicole votive di Menfi,con presentazioni di Alessandro Tagliolini e Giuseppe Camporeale,taglio architettonico ma anche sforzo di scoprire la storia dell abitato attraverso la devozione popolare. Tra i lavori più recenti quello di Rosolino la Mattina,storico dell arte nisseno, già conosciuto per la riscoperta dell arte di fra Umile da Petralia. L autore nel saggio L Ecce homo in Sicilia Caltanissetta,2006(8)va alla ricerca di tutte le edicole dedicate al culto dell Ecce Homo e ne individua delle particolarissime nel centro storico nisseno. Sempre su Caltanissetta va segnalato il volume di Filippo Salvatore Oliveri,che di mestiere svolge l attività di catalogatore come Lo Pinzino e Scalisi,: Schede sulle edicole votive del centro storico di Caltanissetta (2000), e un lavoro analogo su Resuttano. Nello stesso anno anche a Ragusa viene compiuto uno studio documentato. Se ne occupa direttamente l Azienda Autonoma provinciale di Incremento turistico,la quale nel suo sito internet Ragusaturismo documenta sinteticamente il patrimonio religioso popolare di Ibla configurandolo come attrattiva turistica al pari delle decorazioni architettoniche di Ibla barocca. 4.Ma veniamo all attualità delle edicole votive sotto il profilo della loro tutela. Il Servizio storico-artistico ed Etnoantropologico della Soprintendenza beni culturali di Enna fin dalla sua costituzione(2002) ha inserito nei Piani di Lavoro la tutela e salvaguardia di questi importanti esempi di devozione popolare. In particolare si è proceduto alla valorizzazione iconografica dell itinerario processionale lungo via Nicolò Sabia a Nicosia, in collaborazione con l associazione Cultura delle Tradizioni che ha proposto il restauro. In occasione della santificazione di fra Felice da Nicosia(2006) ha valorizzato gli itinerari Cappuccini attraverso la pubblicazione di un Epitesto di immagini devote sul santo San Felice da Nicosia,Assoro,2005.(9) Ad Assoro su proposta della sezione locale di Italia Nostra (prof.martire) si è avviata analoga collaborazione per la valorizzazione delle edicole e oratori rupestri: Si sono effettuati restauri interamente sponsorizzati dalla comunità locale e realizzato un opuscolo. A Leonforte in occasione della giornata di studi dedicata agli artari di san Giuseppe è stato avviato il censimento dei luoghi di devozione e pubblicato uno studio miscellaneo sul recupero delle tavolate di San Giuseppe(in collaborazione col Comune, l Università di Palermo e il Folkstudio diretto da I.E.Buttitta.. AA.VV-Le tavolate di san Giuseppe,Palermo,2006 (10)

4 A Piazza Armerina su segnalazione dell assessorato comunale alla Pubblica Istruzione sono state preparate le schede di restauro di due storiche edicole votive(santa Maria di Gesù e contrada. Canale) inserite nei programmi di restauro regionale,e avviata la valorizzazione della storica croce in pietra posta nella contrada omonima segnalata dai gruppi archeologici d Italia. Infine a Enna,il Servizio ha collaborato con il Comitato dei Diritti dei Cittadini per la valorizzazione delle edicole votive e del patrimonio etnoantropologico diffuso nei quartieri cittadini. 4.1.La coincidenza di tutelare e studiare raffigurazioni storico-artistiche e beni etnoantropologici,tuttavia non è solo fortuita. A parte i comuni criteri di restauro in entrambi i settori,spesso identificantisi-come nel caso delle pitture delle edicole votive,i simulacri,gli ex-voto- arte colta e arte popolare sono un tutt uno dell arte sacra,con pari devozione e dignità:il filo che lega le arti figurative alla devozione popolare è lo stesso che segna il percorso del cristiano verso la Divinità. La stessa nascita miracolosa di talune immagini la dice lunga sull identità tra arte povera e arte ricca sotto il profilo religioso,ciò malgrado fino all opera di Paolo Toschi,negli anni cinquanta,imperando il crocianesimo nelle arti,anche lo stesso Clero facesse distinzione tra le due arti Un sogno,la santità di un grande pittore,un ritrovamento facevano dell immagine posta nell edicola votiva un segno tangibile della divinità al pari dei simulacri posti nella parrocchia o nel Duomo. Sul tema della distinzione delle Due arti rimando al mio studio su arte e artigianato(11),tuttavia per parafrasare Antonino Buttitta(12)leggere l arte povera equivale a leggere-in prima istanza- di quali spinte il vissuto ha sostanziato la diversità e le modificazioni delle realtà socio-economiche(13). Al pari dell arte ricca,le edicole votive-tuttavia- si distinguono da altre forme devozionali private(ex-voto,pitture su vetro,ecc.) le quali non si esibiscono alla luce del sole.;invece-pur iscritta nella categoria dell ingenuità,come dice Hauser(14) l arte popolare delle edicole votive rinvia solo a se stessa ovvero sono ricche soltanto di ispirazione devota e sentimentale:il loro fine immediato è la comprensione,l immediata presa di coscienza,la comunicazione di un vissuto che può divenire riferimento consuetudinario per altri 4.2.Le immagini delle edicole votive nulla concedono alla decodifica di messaggi iconicoestetici,come nella grande arte,non cè alcuna intenzionalità nascosta da svelare come nelle opere degli artisti,una intenzionalità chiara,diretta,che magari colora le parole devozionali ma non si cura delle sfumature: il Modello di trasmissione culturale è quello pedagogico dell esempio da seguire,raffigurato nella vita dei santi o perlomeno del valore che essi assumono per una comunità. Qualcuno si è spinto fino al punto di classificare il segno devoto come stadio aurorale dell evoluzione figurativa (15) Credo che la Chiesa abbia compreso il significato delle arti figurative prima di altri come Bibbia Pauperum 5.Il lavoro compiuto da Salvatore Scalisi e Salvatore Lo Pinzino nel censire il patrimonio di edicole votive nei centri urbani di Enna e Nicosia (cui va aggiunto Piazza Armerina,il cui materiale verrà in seguito pubblicato) è stato notevole sul piano quantitativo e di buon livello dal punto di vista qualitativo. Gli autori,non solo hanno censito un centinaio di edicolette,sparse anche fuori dei centri urbani, ma le hanno soprattutto fotografate,localizzate,datate,misurate,attribuendone la proprietà e la cura religiosa,descrivendo i motivi figurativi e le decorazioni,individuando i giorni della devozione popolare all interno del calendario festivo-religioso. Lo sforzo dei due studiosi è andato in direzione di scoprire le motivazioni che hanno spinto i devoti a realizzare gli altarini.spesso è stata analizzata la dedica sottostante e lo spessore cultuale delle indulgenze plenarie concesse. Va aggiunto che con proprietà di linguaggio è stata affrontata l architettura minima delle Edicole votive,anche se nella maggior parte dei casi trattasi di simulacri in gesso,pietra o cemento

5 esemplificativi della tipologia di culto(sacra famiglia,ecce Homo,Santo Patrono,San Giuseppe,Gesù incoronato di spine,madonna Addolorata ecc.). Una percentuale assai ridotta di Edicole rappresenta la divinità in piastrelle maiolicate,in stampe votive,in pitture popolari (a Piazza Armerina vi è un buon numero di figurazioni sacre in rilievo). Va infine aggiunto che gli esemplari votivi di Nicosia appaiono leggermente più vetusti di quelli ennesi ove,le forme plastiche rinnovate di devozione si intercalano a scritte dedicatorie di sapore arcaico. 5.1.In particolare queste cappillitte presentano sovente l utilizzo di calchi in gesso e sono quasi tutte protette da piccole grate o piccole vetrate trasparenti. Il contributo dei due studiosi può configurarsi,certamente, come sforzo in direzione della tutela del bene culturale,ma vi è -,soprattutto per i centri storici di Enna e Nicosia (che gli autori hanno studiato in altra sede per gli aspetti ipogeici), -qualcosa che travalica la sensibilità al recupero della tradizione, e invece va alla ricerca della dimensione sacrale permanente del territorio.,qualcosa di affine con la scoperta di altari a uso familiare. In effetti pur considerando in calo la percentuale di edicole votive che vengono vissute e tutelate dai gruppi familiari per scopi devozionali-,cui va aggiunta la scomparsa graduale delle novene o dei triunfi., (o delle stesse soste processionali durante le festività più importanti della comunità)-tutti elementi che potrebbero giocare a sfavore della prospettiva futura di queste tradizioni,va detto che in alcuni centri della provincia di Enna, come Cerami o Troina,la realizzazione di edicole votive è in aumento. In altri centri la tradizione dell addobbo del simulacro viene conservata dai vicini,e svolta in occasione delle ricorrenze festive cittadine o di feste patronali come San Giuseppe,San Giovanni,L Immacolata che già prevedono una devozione popolare diffusa. 5.2.L elemento che tuttavia permette di stabilire una continuità nella cura e devozione verso le edicolette è pur sempre la prumisioni ovvero la promessa al santo,che in altri luoghi viene espressa nelle tavolate,nei fuochi,nelle novene o nella semplice richiesta di benedizione al sacerdote. Il modello di trasmissione della tradizione popolare sembra a questo punto privilegiare il beneficio individuale,ovvero il rapporto diretto tra fedele e divinità, anziché indirizzarsi verso la spazialità del sacro come beneficio per l intero vicinato:l espansione della sacralità verso l orizzonte vissuto dalla comunità sembra attenuarsi in favore del vissuto individuale,malgrado come abbiamo accennato la devozione individuale trovi spinta e motivazioni nelle ricorrenze religiose più importanti. Questo modello di comunicazione della tradizione devozionale è il più percorribile-da un punto di vista della resistenza della tradizione- rispetto agli altri modelli cui abbiamo accennato(quello collettivo di vicinato,quello parrocchiale,quello congregazionale):l assunzione di un ruolo da parte del devoto comporta l effettuazione di una prova (la sistemazione,addobbo e pulizia dell edicola votiva) che soddisfa le esigenze della promessa (prumisioni) fatta alla divinità ovvero estingue la contrattualità immateriale tra devoto e divinità. Allo stesso tempo la venerazione o-meglio ancora-la realizzazione dell edicola votiva in un particolare spazio vissuto,comporta una liturgia analoga ad altri rituali festivi e di ringraziamento che si avvicina al significato di altari a uso specifico del gruppo familiare locale o exemplum per l intera comunità. (1)E.Guidoni: Il paesaggio locale.nota sulla dimensione storico-antropologica dell ambiente.in Rassegna di aarchitettura e Urbanistica,a.XVI,47-48,1980,pp (11)C.Paterna:Le scuole dell artigianato siciliano,in Museo Diffuso Ennese,pag.65.Assoro,2005 Anche in AA.VV. Impresa artigiana e artigianato d arte in Sicilia,ISAS,Palermo,1992. (12)A.Buttitta: Cultura figurativa popolare in Sicilia,Palermo,1961.

6 (13)A.Sciacca. Le edicole votive di Palermo,Palermo,1988. (14)A.Hauser:Storia sociale dell arte,torino,1961 (15)P.Guidotti:Un rapporto dialettico arte popolare fenomeno religioso popolare.bologna,1977. e arte colta-elementi per una analisi del CLAUDIO PATERNA Dir.Resp.Servizio BB.storico-artistici ed Etnoantropologici-Soprintend.BBCCAA di ENNA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore

La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore presenta E. Romano, Studio per Demetra e Kore, inchiostro su carta, 2015 La rabbia e l attesa Il mito di Demetra e Kore 26-28 giugno 2015 Masseria Bannata C.da Bannata, SS 117 bis, km 41 Enna www.pubblicazione.net

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Nella relazione di una Visita Pastorale del novembre del 1571 si fa cenno ai fratelli

Nella relazione di una Visita Pastorale del novembre del 1571 si fa cenno ai fratelli a cura di Rossella Villani L attività di Antonio Stabile negli anni Settanta Nella relazione di una Visita Pastorale del novembre del 1571 si fa cenno ai fratelli Stabile i quali, esercitando la loro attività

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

martedì 26 maggio ore 14.00 mostra grafico pittorica, Il borgo Loreto e il suo conservatorio presso Scuola primaria Nobile, via G.

martedì 26 maggio ore 14.00 mostra grafico pittorica, Il borgo Loreto e il suo conservatorio presso Scuola primaria Nobile, via G. 1. La scuola adotta un monumento www.lascuolaadottaunmonumento.it a cura della Fondazione Napoli Novantanove www.napolinovantanove.org dal 1 maggio al 2 giugno gli alunni degli istitui scolastici che aderiscono

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo

UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME. M. Piccirillo UNO STAMPO PER EULOGIA TROVATO A GERUSALEMME M. Piccirillo Nella primavera del 1992 un antiquario della Città Santa presentò al Museo dello Studium Biblicum uno stampo per eulogia in pietra, a suo dire,

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli