origini dell arte La Preistoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "origini dell arte La Preistoria"

Transcript

1 1 Alle origini dell arte La Preistoria Bisonti e stambecco feriti, a.c. circa. Grotta di Niaux, Ariège, Francia. OBIETTIVI 1. Saper riconoscere i legami tra nuove tecnologie, sistemi socio-economici ed espressioni culturali e artistiche. 2. Conoscere le fasi dello scavo archeologico. 3. Conoscere e comprendere le diverse conquiste, in campo culturale e artistico, del Paleolitico, del Neolitico, dell Eneolitico (megalitismo). 4. Comprendere i significati della comunicazione artistica dell uomo preistorico come forma espressiva e come strumento magico e spirituale. 5. Leggere un opera d arte nel complesso dei suoi significati tecnici, funzionali, estetici, simbolici. 7

2 capitolo 1 L arte della Preistoria Il contesto storico-culturale I primi uomini e i loro segni Il termine preistoria (dal latino pre, prima, e història, storia) individua il periodo che va dalla prima fase di stanziamento di gruppi umani in un territorio fino alla comparsa di testimonianze scritte. Queste ultime possono essere approssimativamente collocate all inizio del IV millennio a.c. per i territori compresi tra la Mesopotamia e la valle del Nilo (comunemente indicati come Mezzaluna fertile ) e in fasi successive nel resto del Vicino Oriente e dell Europa. In Europa, in particolare, la presenza di fonti documentarie scritte risale all Età del ferro, iniziata mille anni prima di Cristo. La produzione scritta, riguardante per lo più leggi o testi religiosi e rituali, è sempre collegata a stanziamenti umani organizzati. Questi si caratterizzano per la presenza di edifici collettivi (il tempio, il palazzo di un governante, sale per lo stoccaggio di prodotti della terra) e di opere sul territorio utili alla sicurezza o alla produzione (mura urbane, canali di irrigazione). L avvio della Storia, pertanto, corrisponde al raggiungimento di forme evolute di organizzazione sociale: da ciò deriverebbe l esigenza di fissare per iscritto le specifiche regole di convivenza. Poiché non è sempre possibile tracciare una classificazione omogenea degli stadi evolutivi delle prime civiltà, possiamo proporre una scansione cronologica di massima, il cui riferimento di base è l abilità dimostrata dall uomo nel servirsi della pietra o dei minerali. Le prime espressioni dell uomo preistorico I primi materiali archeologici risalgono all attività dell Homo habilis, vissuto tra due e un milione di anni fa; sono manufatti rudimentali, soprattutto pietre scheggiate attraverso percussione (chopper). Nel periodo più antico, il Paleolitico inferiore e medio, sono collocate le fasi dell Homo erectus (fino a anni fa) e dell Homo sapiens. Quest ultimo, a partire da anni fa, ha avviato in Europa la grande avventura dell arte figurativa e dell arte mobiliare, cioè quella che comprende oggetti ornamentali o d uso. In Italia la presenza dell uomo risalirebbe a un periodo compreso tra un milione e anni fa, come in tutta l Europa centro-mediterranea. In questa regione il popolamento all inizio fu poco omogeneo, vista la scarsità di ritrovamenti; ben più importanti sono i siti che testimoniano gli insediamenti di anni fa, in aree di popolamento con carattere di continuità. A partire dal Paleolitico superiore, cioè da circa anni fa, alla produzione di semplici manufatti utilitari si affiancano figure o segni intenzionalmente incisi o dipinti su armi, su utensili o sulla roccia. A questi si aggiungono una produzione scultorea di piccole dimensioni e l organizzazione dei primi luoghi di culto. Solo dopo il a.c., con il Mesolitico, l uomo comincia ad addomesticare gli animali e a dedicarsi a forme iniziali di agricoltura; abbandonate le caverne, impara a costruirsi dei ripari artificiali. Questo processo evolverà nella successiva fase del Neolitico (dal 6000 a.c. al 4000 circa a.c.). Ormai organizzato in insediamenti stanziali, l uomo impara a levigare la pietra e affina le proprie capacità nella gestione dell allevamento, della pastorizia e dell agricoltura. L Età neolitica si conclude, nei territori dell Egitto e della Mesopotamia, nel IV millennio a.c. A partire dalla fase finale del Neolitico, vengono erette in varie aree del continente euro-asiatico opere monumentali, le cosiddette architetture megalitiche (dal greco mégas, grande, e líthos, pietra). Sono opere generalmente legate al culto delle popolazioni stanziali: il bisogno di regolare le fasi della produzione agricola (le fasi lunari, il percorso del Sole e il ritmo delle stagioni), ha fatto sì che ai complessi megalitici sia stato attribuito il duplice ruolo di calendariosservatori astronomici e di luoghi di culto e sacrificali. Convenzionalmente, al Neolitico si fa seguire l Età dei metalli: l Età del rame, del bronzo, quindi del ferro. In Europa, l Età del ferro si avvia stabilmente non prima della fine del II millennio a.c. La funzione dell arte L arte preistorica non è motivata da esigenze strettamente pratiche o estetiche, ma svolge una funzione di tipo comunicativo, legata in molti casi a pratiche magico-rituali. Prendiamo, ad esempio, i cicli di pitture di Età paleolitica rinvenuti sulle pareti delle grotte. Possiamo immaginare che siano stati eseguiti alla luce malferma di torce. Essi rappresentano, in prevalenza, bisonti, tori, cavalli, renne, cervi, capre, segni astratti e più raramente la figura umana. Un così vasto repertorio di animali e segni induce a pensare che l artefice non fosse spinto da una semplice volontà descrittiva, ma da un esigenza rituale. In tal senso, l attività figurativa manifesta fini magici, in quanto vuole propiziare il buon esito della caccia o la fertilità della terra. Questa connotazione può associarsi a specifici fini di culto, spesso rivolti a divinità naturali quali il Sole e gli astri. A partire dall Età neolitica si afferma l esigenza da parte dell uomo di comunicare fatti o eventi attraverso la successione controllata di segni o di scene figurate. Fig. 1.1 Venere Grimaldi, a.c. Steatite, lungh. 4,7 cm. Saint-Germain-en-Laye, Musée des Antiquités Nationales. 8 PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria

3 Le tappe delle Età preistoriche ETÀ DELLA PIETRA a.c. PALEOLITICO INFERIORE Uso del fuoco in Europa. Primi oggetti in pietra, lavorata per percussione (chopper) a.c. PALEOLITICO MEDIO Comparsa dell Homo sapiens. Pietra lavorata per scheggiatura a.c a.c a.c. PALEOLITICO SUPERIORE (o Età della Pietra antica) Testimonianze in Europa (Area Mediterranea e Franco-Cantabrica), Nord Africa e Siberia. Pietra scheggiata in entrambe le facce (amìgdala). MESOLITICO (o Età della Pietra media) Una mutazione climatica determina la riduzione di uomini e animali. Piccoli insediamenti stabili; l uomo si dedica all agricoltura e all allevamento. Produzione di coltelli, punte di lance, asce. NEOLITICO (o Età della Pietra nuova) L uomo diventa sedentario. Pietra lavorata e levigata. Primi vasi in ceramica. Nascita delle culture fluviali nelle valli della Mesopotamia, del Nilo, dell Indo, dell Hoang-ho a.c a.c. Le terre per colorare ETÀ DEI METALLI ENEOLITICO (o Età del rame) Inizia la lavorazione del rame. Numerose testimonianze di cultura materiale (armi, utensili, ecc.). Si erigono grandi costruzioni in pietra (megalitiche). ETÀ DEL BRONZO Si sviluppa la lavorazione dei metalli. Civiltà in Egitto, Mesopotamia, Egeo. In Italia settentrionale sorgono le terramare V/IV sec. a.c. ETÀ DEL FERRO Con l utilizzo di utensili in ferro, in molte regioni d Europa si entra nel periodo storico. I primi uomini usavano colori derivati da sostanze naturali: l ocra (gialla o rossa), l ematite (rosso scuro), il manganese (grigio), il carbone (nero), il gesso (bianco). I minerali venivano usati in piccoli blocchi oppure macinati e mescolati a grasso animale e ad acqua. La stesura avveniva attraverso ciuffi di pelo usati come pennelli, tamponi naturali, ossa cave usate come cannucce, dita. PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria 9

4 Le espressioni figurative Fig. 1.2 Figura di bisonte dalle Grotte di Altamira, in Spagna, a.c. ca. L Età paleolitica L Età paleolitica (dal greco palaiòs, antico, e líthos, pietra) si è sviluppata in un arco temporale lunghissimo, attraverso fasi di mutazioni climatiche e di profonde alterazioni dell ambiente. Questi aspetti hanno influito in modo determinante sulle manifestazioni dell uomo, favorendo o meno l insediamento e lo sviluppo culturale in determinate aree del mondo. Le prime testimonianze sono le schegge di pietra realizzate mediante lo sfregamento o l urto violento con altre pietre, i cosiddetti chopper, utilizzati come armi o strumenti per tagliare le pelli o la carne o per lavorare il legno. Seguivano le amìgdale (dal greco amygdàle, mandorla), pietre scheggiate su entrambe le facce e culminanti con una punta. Per ottenerle, venivano utilizzate pietre dure e facilmente lavorabili, come il basalto o la selce. Le prime testimonianze figurative manifestano una concezione magica dell esistenza: l uomo non sa darsi una spiegazione dei fenomeni della natura e il lampo, il tuono, la pioggia, il buio della notte sono eventi spaventosi e inspiegabili. Egli scolpisce statuette, raffigura sulle pietre e sulle pareti delle grotte bisonti, renne, cavalli, cervi, mammut. Utilizza la tecnica della pittura e incide segni sulle rocce: i graffiti rupestri. Raffigurando l animale, l uomo del Paleolitico vuole assicurarsi la sua cattura; l atto figurativo diviene, quindi, un momento propiziatorio, una sorta di rito in cui vengono anticipati eventi essenziali. Nella figura osserviamo un bisonte dipinto sulla roccia nelle grotte di Altamira ( a.c. circa), in Spagna. L animale è in movimento, in un momento di azione della caccia. Ogni linea dà il senso della sua velocità e allo stesso tempo della rapidità con cui il cacciatore dovrà colpirlo. Nell azione non c è tempo per definire i particolari, pochi cenni bastano a dare il senso della corsa: la groppa inarcata, il capo chino, la flessuosità delle zampe. Questo atto potenziale di possesso dell animale porta l uomo ad esprimersi con immagini realistiche: spesso, addirittura, l autore sfrutta la sporgenza delle rocce per rafforzarne il volume. Grande importanza assume in Europa l arte parietale del Paleolitico superiore, che consiste in pitture e disegni graffiti sulle pareti rocciose. Le aree di massima concentrazione sono le regioni francesi del Périgord e dei Pirenei occidentali; la regione cantabrica in Spagna; la penisola italiana; la regione danubiano-renana; l area russo-siberiana. In molti casi le figure sono organizzate in gruppi, componendo veri e propri cicli. Notevoli sono le Grotte di Chauvet ( a.c.), di Lascaux ( a.c.) e di Niaux in Francia; le Grotte di Altamira in Spagna ( a.c.). L evoluzione stilistica dell arte parietale Per comprendere l evoluzione dell arte parietale europea, possiamo seguire la schematizzazione proposta dall archeologo André Leroi-Gourhan. Questi ha suddiviso le testimonianze di Età paleolitica in quattro stili o periodi a.c. I stile (o Arcaico). Le figure, schematiche, sono individuate mediante contorni continui e hanno carattere simbolico. Gli animali, generalmente buoi, bisonti, stambecchi, cavalli, sono per lo più graffiti o dipinti sulle rocce. Importanti rilevamenti sono a La Ferrassie e a Laussel a.c. II stile. Le figure, spesso in gruppi, creano veri e propri cicli parietali. Gli animali sono tracciati con segno nitido e flessuoso, anche se ridotto spesso al contorno, e mancano talvolta alcuni particolari come le zampe a.c. III stile. Maggiore definizione del tratto e colore steso in macchie e in modo da far meglio risaltare la forma dell animale e il suo movimento. I corpi massicci mettono tuttavia in evidenza zampe piccole e sproporzionate, che appaiono quasi incoerenti con parti dell animale rese addirittura in scorcio, come le corna. Appartengono a questo stile le figure delle grotte di Lascaux, di Pech-Merl, di Roc de Sers (Francia) e di El Castillo (Spagna) a.c. ca. IV stile. Matura la tendenza realistica delle pitture rupestri. Le gamme del bruno e dell ocra sono accompagnate dai grigi di contorno, ottenuti con polvere di carbone. Le figure sono in scorcio, per rendere il senso del movimento o evidenziare la possanza dell animale. I Stile II Stile III Stile IV Stile 10 PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria

5 Sotto: Fig. 1.3 Caccia al cinghiale, calco di Obermaier di un dettaglio delle pitture del Barranco de la Gasulla (Ares del Maestre, Castellón, Spagna). Gli esempi più antichi risalirebbero all 8500 a.c. o, forse, al 6000 a.c. Sotto: Fig. 1.4 Figure di persone con suonatore di arco musicale. V millennio a.c. Pittura rupestre. Tassili, Sahara, area algerina. L Età neolitica Il Neolitico corrisponde alla fase in cui la pietra levigata sostituisce o si affianca a quella scheggiata di derivazione paleolitica. Tale processo ebbe origine nella regione delle Ande e nel Medio Oriente (Turchia, Iran e Iraq). Da qui, a partire dal 9000 a.c., si diffuse fino ad interessare le coste del Mediterraneo e l Europa orientale e settentrionale. In Italia l inizio della fase neolitica è fatto risalire al 6000 a.c., a partire dalle regioni meridionali e orientali. I mutamenti principali dell Età neolitica riguardano l organizzazione sociale e produttiva. Da semplice consumatore del cibo cacciato, l uomo diviene produttore mediante l agricoltura e la pastorizia. A questo corrisponde un processo di sedentarizzazione: lo stanziamento in villaggi consente di stabilire relazioni sociali e di individuare una gerarchia all interno dei gruppi. L uomo acquisisce nuove abilità: dall agricoltura impara a tessere le fibre vegetali; impara a riconoscere i diversi tipi di pietre e a commercializzarle in base a svariati usi. La rilevanza di questo processo fu tale da giustificare la definizione di rivoluzione neolitica da parte degli archeologi. Diversamente che nel Paleolitico, nel Neolitico si assiste a una differenziazione della produzione figurativa per culture e per aree geografiche. L ambito che meglio aiuta a definire le fasi e le aree di diffusione delle diverse culture è quello della ceramica, tecnica praticata in tutto il bacino del Mediterraneo alla fine del VII millennio a.c. In Europa ebbero una diffusione omogenea i vasi campaniformi, ovvero simili ad una campana rovesciata. Essi presentavano decorazioni con linee parallele o motivi ad intreccio, cerchi o spirali. Le prime espressioni artistiche neolitiche devono tuttavia essere ricondotte alla sfera religiosa, ad esempio nella produzione di statue-stele, di statuette fittili o di incisioni e di dipinti in piccoli santuari, recanti figure ricollegabili alla Dea-madre, generatrice della fertilità. La produzione figurativa mostra anche il processo attraverso il quale l uomo del Neolitico ha acquisito una progressiva consapevolezza del proprio ambiente, come confermano alcune figure, con caratteri fedeli al vero, delle pitture rupestri del Tassili, produzione sahariana del V millennio a.c. Tuttavia, in genere l arte figurativa del Neolitico tende a generare forme schematizzate. La figura è spesso riconoscibile attraverso pochi tratti: bastano le corna, le zampe e una linea per il corpo. Segni geometrici e quasi astratti evidenziano i caratteri che gli animali hanno in comune, quelli che distinguono un tipo o una specie. Lo stesso vale per la raffigurazione degli elementi naturali, ad esempio il Sole o l uomo e gli oggetti come armi, aratri, ecc. Le immagini servono ora per documentare un avvenimento e per trasmettere informazioni. I disegni schematici, volendo comunicare un evento o un concetto, diventano parti di un codice espressivo e anticipano quasi la prima forma di scrittura. Esemplari sono, in Europa, le pitture della Spagna orientale, dette levantine, distribuite in oltre 133 siti. La presenza di numerose figure umane mette in evidenza una volontà quasi narrativa, nonostante lo schematismo dei corpi, caratterizzati da lunghe braccia e busto filiforme. L incisione a graffito L arte preistorica ci ha lasciato molti documenti incisi a graffito. Questa tecnica consiste semplicemente nel graffiare la roccia, anche ripetutamente, con una punta metallica o con una pietra dura e appuntita. Il segno poteva essere poi variamente colorato con le terre in varie sfumature. L arte delle incisioni è spesso legata all attività religiosa e forse si trasmetteva di sacerdote in sacerdote o da maestro ad allievo. Questa tecnica è adatta alle esigenze espressive dell uomo del Neolitico, che anche quando raffigura soggetti naturalistici utilizza un segno geometrizzante e astratto, nettamente inciso. Lo schematismo delle incisioni a graffito ha forse origine nel versante iberico dei Pirenei, ma si è diffuso nel IV millennio a.c. in larga parte d Europa. Ricordiamo i graffiti della Valle Camonica o Valcamonica, opera dei Camuni, le cui testimonianze si spingono dal Neolitico fino al Medioevo. A sinistra: Fig. 1.5 Graffiti della Grotta dell Addàura sul Monte Pellegrino, presso Palermo a.c. ca. PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria 11

6 Analisi e confronti Le Veneri Nelle raffigurazioni dell Età paleolitica la figura umana è poco frequente e comunque è resa in forme approssimative. Costituiscono un eccezione le cosiddette Veneri, statuette a tuttotondo scolpite in pietra, in osso o in avorio e rappresentanti figure femminili. Sono state tutte rinvenute in Europa (sono circa 140), dalle coste dell Atlantico alla Siberia, ed hanno in comune la piccola dimensione: sono alte dai due-tre centimetri ai 14,7 della Venere di Lespugue, ritrovata sul versante francese dei Pirenei. Spicca l accentuazione dei caratteri femminili, come il seno, il ventre o i glutei; generalmente le mani e i piedi sono appena suggeriti o mancano del tutto, forse perché le statuette venivano conficcate tra le rocce della caverna o nei campi, secondo usanze rituali. Si pensi, peraltro, che già nel periodo aurignaciano, tra il e il a.c., erano state riprodotte figure di animali gravidi per esaltare la funzione riproduttiva, garanzia di continuità della specie. Forse, in qualche caso, le Veneri venivano poste all interno di templi o di santuari, in relazione al culto della Dea-madre. Ciò sarebbe suggerito dal ritrovamento, in Dordogna (Francia), di più statuette femminili in un unica stazione archeologica, al centro dell abitato paleolitico. Celebre è, tra queste, il bassorilievo della Venere di Laussel, risalente al a.c. circa. Non è da escludere, poi, che questi manufatti fossero collegati al culto degli antenati: la fecondità rappresenta la continuità della vita e rafforza la concezione sacrale della famiglia o della tribù. Questa relazione può essere confermata dal rinvenimento di alcune Veneri presso focolari o all interno di capanne, come idoli posti a protezione dei luoghi domestici. L evidenza degli attributi femminili porta, in qualche caso, a lasciare indeterminate le altre parti del corpo, come nella Venere Impudica, rinvenuta a Laugerie Basse in Dordogna, priva della testa e delle braccia. Esemplare è anche la Venere di Lespugue, in cui l esecutore ha raggiunto una sintesi così elevata da inscrivere la forma umana in un volume romboidale. La Venere di Willendorf Le Veneri hanno volume nitido e marcata simmetria. Cogliamo questi aspetti nella Venere di Willendorf, risalente al Paleolitico superiore e considerata uno dei primi esempi di rappresentazione della figura femminile. Nonostante le piccole dimensioni (11 centimetri di altezza), i glutei, i seni, il ventre sono accentuati mediante interessanti accorgimenti: le braccia, ad esempio, soltanto accennate, sono poste sul seno, mentre la dettagliata acconciatura (o forse si tratta di un copricapo) annulla la presenza del viso. La statuetta è stata scolpita con rudimentali strumenti di pietra su roccia calcarea, successivamente colorata con ocra rossa. Il colore poteva rappresentare fertilità o avere un valore propiziatorio. Una figura dormiente da Malta Espressione della cultura preistorica maltese è la piccola figura dormiente ritrovata nell ipogeo di Hal Saflieni a Malta. Il contesto funebre in cui era collocata fa pensare ad una rappresentazione del passaggio tra la veglia (la vita) ed il sonno (la morte), prefigurando un esistenza ultraterrena e la dimensione profetica del sogno. Ma è comunque una figura di dea, il cui culto ha originato una vasta produzione di statuine dall iconografia simile: coricata o accovacciata, con forme tondeggianti e attributi femminili accentuati. Fig. 1.8 Figura dormiente, a.c. Pietra, alt. 12 cm. La Valletta (Malta), Museo Nazionale. In alto: Fig. 1.6 Venere di Lespugue, dalle Grottes des Rideaux (Francia), a.c. Avorio, alt. 14,7 cm. Parigi, Musée de l homme. Sopra: Fig. 1.7 Venere di Willendorf, a.c. Roccia calcarea, alt. 11 cm. Vienna, Museo di Storia Naturale. 12 PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria

7 Percorso nell arte Le incisioni rupestri della Valle Camonica I Camuni e le loro tecniche di incisione I Camuni erano stanziati nella Valle Camonica, a nord di Brescia. Di essi ci sono rimaste molte incisioni sulle rocce, concentrate nella bassa valle presso Boario Terme e nella media valle presso Capodiponte: territori ricchi di rocce arenarie, ben levigate dai ghiacciai. Le incisioni venivano realizzate percuotendo la superficie con frammenti di quarzo appuntiti (tecnica detta, appunto, martellina). Una volta tracciato il contorno della figura con picchettature più profonde, questa veniva riempita con numerosi punti ravvicinati. Il graffito, invece, consiste nel graffiare la roccia con uno strumento appuntito (metallo o pietra). Ne derivano immagini filiformi, con una sezione incisa a V (solco continuo). Le figure venivano forse dipinte con ocra rossa, in qualche caso rinvenuta presso le rocce. Le incisioni: i soggetti e gli stili Le figure identificate della Valle Camonica rappresentano il più grande complesso di arte rupestre in Europa. Sono state eseguite nell arco di quasi ottomila anni, dal Mesolitico alla conquista romana. I soggetti sono molto vari: uomini, animali, case, simboli. Gli artefici erano spinti da motivazioni religiose, forse legate a cerimonie magiche e propiziatorie, o forse al racconto di miti. Non viene rispettata una scala di rappresentazione: infatti, figure di pochi centimetri possono affiancarsi ad altre che raggiungono gli centimetri di altezza. Sono stati definiti da Emmanuel Anati quattro diversi stili: Gli stili I e II vengono datati al Neolitico (V-IV millennio a.c.). Le figurazioni più antiche rappresentano cervi e alci, resi con tratti essenziali. Abbondano figure umane in atteggiamento di preghiera, per lo più collegate a simboli come cerchi con un punto al centro, forse rappresentazioni del Sole. Dapprima le immagini sono semplicemente affiancate, poi le scene si fanno più complesse e nelle figure compaiono dettagli anatomici. Al periodo III sembrano riferirsi produzioni delle Età del rame e del bronzo ( a.c.). Alcune incisioni si trovano in piccole rocce vagamente antropomorfe; per questo motivo, la prima fase di questa produzione è stata associata alle statuestele, che si diffondono, in quel periodo, in molte regioni europee. Si raffigurano armi (asce, alabarde, pugnali a lama triangolare), animali, motivi solari, carri ed aratri, simboli astratti. La figura umana ha un ruolo importante e viene collegata a simboli divini o di potere, come le corone raggiate. L accresciuta presenza di armi nell Età del bronzo potrebbe essere riferita allo sfruttamento delle risorse minerarie della valle, la cui ricchezza necessitava di protezione da parte di un gruppo armato. Il IV stile è riferito all Età del ferro. Allo schematismo simbolico si sostituiscono la narrazione e la descrizione; forme stilizzate convivono con altre più naturalistiche e capaci di rappresentare il movimento. Sono frequenti le scene di caccia al cervo, lavori agricoli o artigianali, cerimonie religiose, scene con guerrieri in combattimento, in lotta rituale o in sfilata. Sopra: Fig. 1.9 Repertorio delle figurazioni rupestri graffite della Valle Camonica. A lato: Fig Scena di caccia al cervo e al camoscio e probabile scena di lotta rituale, Età Neolitica. Seradina, Valle Camonica, roccia n. 12. PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria 13

8 Le prime forme di architettura Le prime abitazioni I villaggi del Neolitico Le prime abitazioni dell uomo furono le caverne, che, con il formarsi di comunità sedentarie e stanziate in villaggi, vennero progressivamente abbandonate a favore di dimore stabili. A partire dal Mesolitico sono frequenti gruppi di abitazioni dal pavimento elevato su una palificazione (palafitte), soluzione ampiamente diffusa nelle regioni alpine. Il ritrovamento nella metà dell Ottocento di palificazioni nel lago di Zurigo aveva suggerito l ipotesi che i villaggi palafitticoli si ergessero su piattaforme lignee sull acqua. Oggi si pensa che le palafitte siano state erette in terraferma; il progressivo aumento del livello dei laghi e l estensione delle zone paludose avrebbe determinato l abbandono dei villaggi, poi gradualmente sommersi. Alcune tappe dell abitazione in Italia a.c. Siti preappenninici Ca Belvedere di Monte Poggiolo presso Forlì; Ca Poggio (Bologna); Serra (Castelbolognese); Covignano (Rimini): in un epoca in cui la pianura padana era occupata dal mare, i siti delle propaggini appenniniche furono frequentati da gruppi umani. I siti sono in genere ricchi di reperti in pietra e presentano una ricca stratigrafia (più livelli di terreno, in relazione a vari periodi insediativi). Dal IX mill. a.c. Insediamenti rupestri a Matera Sono ottenuti scavando abitazioni nella pietra o tra gli anfratti del terreno. I cosiddetti Sassi sono composti da caverne scavate nel tufo, parzialmente sovrapposte e disposte lungo un ripido pendio: le parti scavate e quelle costruite si compenetrano, in modo che il tetto di un abitazione diventi la strada di accesso a quella superiore a.c. Accampamento umano a Isernia - La pineta VI-V mill. a.c. Villaggi trincerati in Basilicata Sono racchiusi in trincee scavate nel terreno. Siti di Murgia Timone, Murgecchia, Serra d Alto. XX-XIII sec. a.c. Insediamenti con fossato, nel tavoliere foggiano. XVI-XIII sec. a.c. Terramare La cultura terramaricola si è affermata nella media e recente Età del bronzo ( a.c.), soprattutto in Emilia, dal Po fino alle prime aree collinari, come quella veronese, dove una forte espansione demografica ha determinato la fondazione di circa 60 villaggi. Questo fenomeno corrispose ad un affermazione culturale e produttiva nella regione padana centrale, in contrasto con la fase di stallo di molta parte dell Europa occidentale. Il sistema terramaricolo è entrato in crisi attorno al secondo decennio del XII secolo a.c., forse per l intensivo sfruttamento delle risorse naturali. Gli insediamenti avevano pianta quadrangolare ed erano cinti da fortificazioni, costituite per lo più da terrapieni sostenuti da palizzate lignee, affacciati su fossati con acqua. Le abitazioni consistevano in capanne, costruite su piattaforme lignee sostenute da pali. La ricostruzione delle capanne sullo stesso sito determinava l accumulo, nello spazio sottostante, di materiali quali paglia, legno e terra, fino al formarsi di piccole colline. Questo materiale venne utilizzato nel XIX secolo come concime, da cui il termine, dato a queste cave, di terre mare o marne. Dall alto: 1.11 Siti neolitici a Matera, dal IX millennio a.c. I Sassi furono realizzati nel versante opposto e costituiscono oggi il centro storico di Matera Particolare del villaggio neolitico di Passo di Corvo (Foggia), risalente al V e IV millennio a.c Disegno ricostruttivo di un villaggio terramaricolo. 14 PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria

9 Le costruzioni megalitiche Sopra: Fig Dolmen di Sa Coveccada, I metà del IV millennio a.c. 5x2,50 m, alt. 2,70 m. Mores, Sassari. La camera interna misura 4,18x1,14 m; il dolmen è chiuso da una lastra frontale con portello d ingresso (50x50 cm). Lo precede un menhir. Sotto: Fig Dolmen di Bisceglie (Bari), 3000 a.c. ca. La lastra orizzontale misura 385x240 cm. architrave piedritto All ultima fase del Neolitico e alla successiva fase Eneolitica (o Età del rame) risalgono le grandi costruzioni megalitiche (dal greco mégas, grande, e lìthos, pietra). Sono destinate in gran parte al culto. Tra i megaliti più diffusi ricordiamo il menhir (dal bretone men, pietra, e hir, lunga): è un alta pietra conficcata nel terreno, posta probabilmente ad indicare un luogo di sepoltura, come dimostra il fatto che talvolta porta inciso un volto umano. Le pietre sono alte mediamente da 2-3 metri a 6 metri; possono tuttavia raggiungere altezze molto elevate, come il menhir bretone di Kerloas (9,5 metri, ma un tempo ancor più alto) e quello di Locmariaquer (oggi caduto, ma in origine alto poco più di 20 metri). I menhir possono essere isolati o disposti in allineamenti rettilinei o circolari, come in Bretagna o in Gran Bretagna. Molti di essi rispettano precise direzioni astronomiche, riferite in particolare al Sole e alla Luna. A Carnac, in Bretagna, circa 3000 monoliti sono allineati, per una lunghezza di oltre un chilometro, su più file parallele, orientate verso occidente. Numerosi sono i casi di allineamenti anche in Italia; tra questi il dolmen di Bisceglie, introdotto da un percorso d ingresso orientato. Il dolmen (dal bretone doul o tol, tavola, e men, pietra) è costituito da due o più blocchi lapidei infissi nel terreno, cui è sovrapposta una lastra orizzontale. Diffuso prevalentemente nelle regioni vicine al mare, fu utilizzato dal III al I millennio a.c. nell Europa atlantica (dalla Scandinavia al Portogallo) e mediterranea. Il dolmen ha carattere sepolcrale: può essere una tomba individuale o collettiva. In quest ultimo caso è formato da più blocchi portanti e talvolta presenta un corridoio di accesso. Questo sistema costruttivo è il primo utilizzato dall uomo e prende il nome di trilitico, perché composto da tre pietre: due verticali, i piedritti, che sostengono una terza orizzontale, l architrave. I dolmen erano in origine ricoperti da un tumulo di pietrame o di terra (cairn). In Italia, i più antichi dolmen sono quelli rinvenuti in Sardegna, nelle Puglie e, per l Età del rame, nella regione alpina. Applicazione monumentale del sistema trilitico sono i cromlech (dal bretone crom, rotondo, e lech, pietra), serie di dolmen disposti in modo da formare figure circolari concentriche. Se i più imponenti esempi di architettura megalitica sono stati eretti nell Europa centro-settentrionale, ritrovamenti nell intera area mediterranea ne attestano l ampia diffusione. Sopra: Fig Schema del sistema trilitico. Il peso del muro posto sopra l architrave viene equamente distribuito lungo i piedritti. A destra e sotto: Figg. 1.17, 1.18 Le zone archeologiche di Carnac, Bretagna. Planimetria e veduta. 1. Allineamento di Le Ménec pietre sono allineate per una lunghezza di 950 metri (sotto). 2. Toul-Chignan. Allineamento che si conclude con un cerchio di pietre. 3. Allineamenti di Kermario. Si distinguono per la dimensione monumentale dei monoliti. 4. Tumulo di Saint-Michel. 5. Cairn di Kercado. 6. Allineamenti di Kerlescan. 7. Allineamenti di Le Manio. 8. Dolmen (sepolcro collettivo). 9. Gigante di Le Manio (monolite alto sei metri). N m PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria 15

10 I templi di Malta Dall inizio del IV alla metà del III millennio a.c., l arcipelago maltese fu interessato da un intensa attività costruttiva, sebbene la popolazione vivesse per lo più in villaggi. Le testimonianze più importanti sono i santuari, luoghi sacri composti da più parti. Al loro interno, si trovano i grandi templi (ne sono stati individuati circa trenta nell arcipelago), che derivano probabilmente dalle sepolture collettive ipogee, documentate a partire dalla fine del V millennio a.c. La tipologia architettonica dei santuari maltesi non trova riscontri in altre aree del Mediterraneo. La prima fase di questo fenomeno, tra il 3600 e il 3000 a.c., prende il nome dal sito di Ggantija ( torre dei giganti ), nell isola di Gozo. L architettura templare ha pianta a lobi: un corridoio centrale distribuisce simmetricamente locali delimitati da muri curvilinei, generalmente tre. Questa distribuzione è divenuta più articolata nella seconda metà del IV millennio, come mostra il sito di Ggantija. Questo consiste in un complesso di due templi, racchiusi da un unico muro e probabilmente in origine coperti. Le facciate si ergevano su ampi cortili, mentre i blocchi di pietre erano disposti ordinatamente su filari orizzontali in alto e verticali in basso. L ingresso è, di norma, inquadrato da tre grandi monoliti. Interessante è anche l Ipogeo di Hal Saflieni, struttura sotterranea scavata intorno al 2500 a.c. Potrebbe essere stato un caso eccezionale di tempio preistorico sotterraneo. Gli interni erano spesso intonacati e dipinti, talvolta arricchiti da rilievi a motivi geometrici e figure animali che componevano un ricco apparato iconografico. Sono state rinvenute anche statue e figure votive di varia dimensione, come le figurine della dea obesa dormiente (vedi pag. 12) Analisi dell opera I circoli megalitici Nell Europa neolitica ed eneolitica sono stati eretti numerosi complessi megalitici in allineamenti circolari. In origine avevano probabilmente la funzione di definire il ciclo lunare (il periodo tra due lune nuove), successivamente il moto del Sole e lo svolgimento delle stagioni, da cui dipendevano le attività agricole e pastorali e, quindi, l organizzazione sociale. I siti, però, più che strumenti per misurare il tempo, erano luoghi in cui si svolgevano cerimonie collettive, come riti funerari, agrari, di fertilità. Le isole britanniche hanno conservato tracce di sistemi di megaliti ad anello, come nei siti di Avebury e di Stonehenge nello Wiltshire e di Brogar in Scozia; in Sardegna spicca il circolo Is Cirquittus presso Laconi (2500 a.c. circa). A pagina seguente, sopra: Fig Il Circolo di Avebury, Wiltshire (Inghilterra) a.c. Diametro del fossato: 472 metri. In questa pagina, sotto: Figg. 1.21, 1.22 Due vedute del Cromlech di Stonehenge, a.c. Stonehenge, Wiltshire (Inghilterra). A destra: Fig Complesso di Ggantija a Gozo (Malta), a.c. Pianta. Sotto: Fig Ambiente principale dell Ipogeo di Hal Saflieni a Paola (Malta), 2500 a.c. ca. 16 PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria

11 I circoli megalitici e il Cromlech di Stonehenge Il Cromlech di Stonehenge Il Cromlech di Stonehenge venne realizzato in tre fasi tra il 3100 a.c. e il 1500 a.c. Presentava una struttura circolare esterna formata da 30 monoliti allineati (ne rimangono 16) e sormontati da architravi, in modo da costituire una sequenza continua di triliti. Tali monoliti sono alti quattro metri e delimitano una circonferenza del diametro di circa 30 metri. Il cromlech è circondato da un fossato di circa 98 metri di diametro e 6 di larghezza; all interno, un ulteriore struttura a forma di ferro di cavallo corrisponde forse ad un cerchio non completato. In alcune pietre sono rimaste tracce di figure incise. Sorprende la complessità delle tecniche di edificazione e l imponenza dei mezzi utilizzati, in un periodo in cui in Gran Bretagna il trasporto su ruote era ancora sconosciuto. Basta pensare che alcuni monoliti, in pietra azzurra di dolerite screziata, provenivano da cave gallesi distanti 230 km. Ad una prima fase, intorno al 3100 a.c., risalirebbero lo scavo del fossato esterno, un cerchio più piccolo contenente 56 buche e la posa di due pietre d ingresso sul lato nord-orientale (oggi ne è rimasta solo una). Attorno al 2100 a.c. furono portate in sito e collocate le circa 80 pietre azzurre formanti il cromlech e, a partire dal 2000 a.c., le pietre interne. Di queste, solo 7 sono oggi in sito. Infine, sono state poste le circa 20 pietre azzurre disposte a ferro di cavallo e, intorno al 1500, sono stati scavati altri 2 cerchi concentrici e disposti ulteriori monoliti. Una discussa interpretazione Secondo un ipotesi comunemente accreditata, avanzata da Alexander Thom alla metà del Novecento, il complesso sarebbe stato utilizzato per due millenni come osservatorio astronomico, inserito comunque entro un area sacra e rituale. Gli allineamenti dei monoliti, disposti in doppio colonnato, corrisponderebbero alle posizioni del Sole nei solstizi d estate e d inverno, mentre le 56 buche poste nell anello esterno sarebbero servite a contare gli anni (appunto 56) che separano, ciclicamente, un eclissi solare dalla successiva. Sull interpretazione del complesso pesa, però, il dubbio dei numerosi interventi di restauro avviati dal 1901 e poi ripresi nel 1919 e negli anni 50 e 60; testimonianze fotografiche e documentarie mostrerebbero, infatti, la differente collocazione iniziale di alcuni monoliti. Fig Ricostruzione grafica del Cromlech di Stonehenge e il suo utilizzo secondo Alexander Thom. Solstizio d estate (21 giugno): all alba il Sole attraversava i triliti allineati, colpendo la Heel Stone. L area sacra era delimitata da un argine e da un fossato. Solstizio d inverno (21 dicembre): all alba il Sole attraversava i due triliti agli estremi del semicerchio interno. Heel Stone (Pietra del Calcagno) è il menhir posto all inizio del corridoio d accesso. Per mezzo di un segnale (una pietra), inserito nelle buche e spostato ogni anno, era possibile prevedere quanti anni mancassero all eclissi. PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria 17

12 Focus: Le discipline dell arte Lo scavo archeologico L archeologo e lo scavatore L archeologo è, allo stesso tempo, uno storico e un investigatore; egli cerca di ricostruire le azioni umane, raccogliendone sia le tracce macroscopiche sia quelle microscopiche, per collocarle in una ordinata sequenza cronologica. Il risultato di queste indagini si appoggia su documenti certi: le fonti scritte e i dati di scavo, i quali, in quanto unica fonte di informazione sicura, devono essere acquisiti mediante un metodo rigoroso. Chi scava è ben consapevole che sottraendo al terreno indizi e prove, distrugge per sempre i contesti che rimuove. Aspetti teorici dello scavo archeologico Compito di chi scava è individuare e distinguere le tracce delle azioni umane attraverso il metodo stratigrafico. Esso si basa sul principio per cui le formazioni di terreno più recenti, naturali o antropiche, si sovrappongono a quelle più antiche. Mentre in passato si scavava per trincee o saggi di ampiezza limitata, oggi lo scavo segue ogni strato in senso orizzontale, per tutta la sua estensione: si tende a scavare di meno, ma completamente e seguendo un procedimento che coinvolge esperti in varie discipline (geologi, zoologi, botanici, paleontologi, disegnatori, fotografi, restauratori). Le fasi dello scavo archeologico Fasi non distruttive Scelta del sito Ricognizioni Prospezioni. Raccolta fonti scritte e orali. Cartografia Foto aeree. Preparazione dello scavo Rilievo topografico generale. Divisione dell area in quadranti (20x20 m o 5x5 m). Organizzazione del cantiere Acquisizione delle autorizzazioni. Scelta del periodo di scavo. Reperimento delle attrezzature. Formazione del gruppo di lavoro. Definizione della forma e dello scavo. Fase distruttiva Esecuzione e documentazione Redazione del giornale di scavo. Rimozione dello strato vegetale superficiale (humus). Asportazione degli strati. Registrazione delle unità stratigrafiche e dei reperti. Rilievi grafici e fotografici. Fasi ricostruttive Ricostruzione Ricomposizione delle unità stratigrafiche. Classificazione e studio dei reperti. Datazione. Elaborazione dei dati e loro interpretazione. Ipotesi di microstoria. Restauro dei reperti Schedatura e restauro dei materiali mobili. Restauro conservativo e protezione delle strutture. Edizione Pubblicazione delle fasi dello scavo e dei risultati. Lo scavo è preceduto da una fase ricognitiva chiamata archeologia di superficie, volta a individuare il sito da scavare mediante la raccolta dei dati bibliografici e d archivio, l acquisizione di cartografia storica e attuale, sopralluoghi, riprese fotografiche aeree, prospezioni geofisiche ed elettromagnetiche, sondaggi stratigrafici (carotaggi). Si predispone un rilievo topografico generale dell area, con curve di livello e punti di riferimento (caposaldi). A questo si aggancia una rete con picchetti, formata da quadrati, funzionale alle successive operazioni. Si organizza, quindi, il cantiere di scavo. Il gruppo di lavoro è composto (al minimo) dal direttore dello scavo, da archeologi responsabili dei settori o dei saggi, da un responsabile della gestione logistica e amministrativa, da un topografo, da disegnatori, da fotografi e da manodopera comune o qualificata. Si inizia rimuovendo lo strato superficiale (humus), generalmente poco significativo dal punto di vista stratigrafico. Si è, quindi, in grado di stabilire la forma dello scavo, che prosegue con il riconoscimento e l asportazione della porzione di terreno più recente (unità stratigrafica), distruggendo gli strati nell ordine inverso in cui si sono depositati. Ogni strato presenta una superficie detta interfaccia, una sorta di pellicola che marca il confine con gli strati contigui. Sia i volumi sia le superfici sono considerati unità stratigrafiche (US) e vengono numerati. L archeologo deve saper riconoscere la discontinuità tra uno strato e l altro e registrarla in apposite schede. La documentazione è parte integrante dello scavo-distruzione in quanto unica testimonianza delle operazioni che hanno modificato irreversibilmente il terreno. Gli elementi della documentazione-ricostruzione sono: a. il giornale di scavo; b. le schede di unità stratigrafica, il posizionamento tridimensionale e la descrizione dei reperti in essa contenuti; c. il rilievo grafico (piante, sezioni, prospetti, assonometrie); d. il rilievo fotografico. La fase ricostruttiva comporta l elaborazione della documentazione raccolta attraverso la ricomposizione delle unità stratigrafiche e la loro datazione. È questo il momento in cui l archeologo-scavatore dà prova del rigore metodologico seguito. Per una corretta interpretazione dei dati è necessario un lavoro di analisi dei materiali recuperati e delle strutture riportate alla luce mediante la classificazione, lo studio tipologico, l esame comparativo e l eventuale riproduzione dei manufatti o ricostruzione delle strutture, applicando le tecnologie del mondo antico (archeologia sperimentale). Considerato che tutto quello che è rimasto per secoli nel sottosuolo, appena riportato alla luce, subisce un processo di deterioramento accelerato e talvolta immediato, chi scava deve essere pronto a intervenire, anche in corso d opera, con operazioni di pronto soccorso, quali il consolidamento, la protezione, l estrazione dei reperti con tecniche di restauro e la conservazione degli stessi in ambiente controllato. Un altro aspetto del problema è la sistemazione definitiva del sito, ovvero la sua musealizzazione, all aperto o meno. Anche la pubblicazione integrale dello scavo deve essere programmata prima e si articola in due fasi: i rapporti preliminari (ad uso della comunità scientifica) e la stampa definitiva. In tale pubblicazione è molto utile ricostruire graficamente le forme incomplete, siano esse di oggetti o di strutture (sezioni, prospetti e assonometrie). In questo modo, la microstoria estratta dal sottosuolo entra a far parte della grande storia dell umanità. 18 PARTE 1 CAP. 1 - L arte della Preistoria

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

INCISIONI, GRAFFITI E PITTURE RUPESTRI

INCISIONI, GRAFFITI E PITTURE RUPESTRI INCISIONI, GRAFFITI E PITTURE RUPESTRI Non è facile ricostruire il lungo periodo della Preistoria europea, che ha uno sviluppo diverso rispetto a quello delle grandi civiltà del Vicino Oriente. Le testimonianze

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte Corso di Storia delle Arti visive 2. L origine dell arte 1 Il mondo antico: l origine dell arte L arte figurativa del Paleolitico ha lo scopo di favorire la caccia per cui vengono rappresentati prevalentemente

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

L'Astronomia Megalitica. Stefano Spagocci GACB

L'Astronomia Megalitica. Stefano Spagocci GACB L'Astronomia Megalitica Stefano Spagocci GACB Mappa del Megalitismo Il Megalitismo Il megalitismo, contrariamente ad una diffusa convinzione, non è (solo) un fenomeno nordico. E' diffuso dall'atlantico

Dettagli

La specie umana fra passato e futuro

La specie umana fra passato e futuro La specie umana fra passato e futuro 2 a parte (Società civile) Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 10 marzo 2011 18 a lezione Sommario 1 Società civile Origini della

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze

Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze Il giorno mercoledì 12 novembre la nostra classe (1 F) ha visitato il museo della preistoria Paolo Graziosi. Il museo

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Una delle principali testimonianze del Neolitico sono le Grotte di Lascaux

Una delle principali testimonianze del Neolitico sono le Grotte di Lascaux L Arte preistorica Una delle principali testimonianze del Neolitico sono le Grotte di Lascaux Le Grotte di Lascaux sono un complesso di caverne che si trova nella Francia sud-occidentale, vicino al villaggio

Dettagli

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali.

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali. il testo: Uguali e diversi. Alle radici dell umanità. 01 Le nostre lontane origini L homo sapiens sapiens è comparso in Africa circa 40000 (quarantamila) anni fa. L homo sapiens è il risultato di una lunga

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2 di: Alfonsina Russo La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO Venosa: Loreto-Notarchirico Il Parco Paleolitico di Loreto-Notarchirico è ubicato in prossimità del

Dettagli

Museo Laboratorio della Preistoria

Museo Laboratorio della Preistoria Comune di Vaie Museo Laboratorio della Preistoria Museo Laboratorio della Preistoria Situato nel centro storico di Vaie, il piccolo Museo offre un interessante collezione di ricostruzioni sperimentali

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III

PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III Comune di Rosignano Marittimo U.O. Attività Culturali Museo Archeologico Palazzo Bombardieri Coop. Capitolium s.r.l. PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III MUSEO ARCHEOLOGICO PALAZZO BOMBARDIERI

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole CHE COS È LA STORIA? Studiare un libro di Storia vuol dire fare un viaggio interessante in un mondo nuovo: questo viaggio porta nel passato! La Storia vuole raccontare i fatti del passato come sono realmente

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

L antica Grecia e l Impero persiano ai giorni nostri

L antica Grecia e l Impero persiano ai giorni nostri L antica Grecia e l Impero persiano ai giorni nostri Grecia nel 400 a.c Grecia oggi Governo: repubblica parlamentare Caratteristiche sociali: 98% greci, restante turchi, valacchi e albanesi Religione:

Dettagli

Escursione a Pranu Mutteddu

Escursione a Pranu Mutteddu Escursione a Pranu Mutteddu Thule XXIII Febbraio - Sardegna Morgen Marschieren Wir Zu dem Bauern ins Nachtquartier... Il 13 novembre 2005 la sezione della Sardegna THULE XXIII FEBBRAIO si è recata presso

Dettagli

ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE

ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE La fine delle grandi glaciazioni Circa 13000 anni fa si innescò una serie di cambiamenti climatici connessi al riscaldamento globale che modificarono

Dettagli

STORIA PER CLASSE TERZA

STORIA PER CLASSE TERZA STORIA PER CLASSE TERZA Il presente file riporta alcuni testi semplificati di storia di classe terza per una bambina che conosce discretamente l italiano. Tali testi riguardano la preistoria, compresa

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

FORMAGGIO. Autore: Irene Mondelli Periodo: PREISTORIA

FORMAGGIO. Autore: Irene Mondelli Periodo: PREISTORIA FORMAGGIO Autore: Irene Mondelli Periodo: PREISTORIA Nel quadro preistorico del Paradigma della Continuità Paleolitica (PCP) l etimologia e la storia dei tre nomi del formaggio lat. caseum, lat. *formaticum

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Storia delle immagini

Storia delle immagini Anno 2004 Massimo A. Cirullo Storia delle immagini 1 arte della preistoria Egitto Creta e Micene Dispensa elettronica in formato PDF per i miei studenti di prima media arte della preistoria e più antiche

Dettagli

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 GLI OMINIDI Originariamente l uomo non aveva l attuale struttura corporea e non possedeva le capacità e le potenzialità che vediamo

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Museo Laboratorio della Preistoria Proposte didattiche per le scuole d infanzia, primaria e secondaria

Museo Laboratorio della Preistoria Proposte didattiche per le scuole d infanzia, primaria e secondaria Comune di Vaie Museo Laboratorio della Preistoria Proposte didattiche per le scuole d infanzia, primaria e secondaria Via San Pancrazio 4, Vaie (TO) - www.museopreistoriavaie.it Associazione Basta Poco

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI STORIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO STORIA - Ambito disciplinare STORIA Storia Scuola Primaria CLASSE

Dettagli

Questo linguaggio, unitamente ai rapporti sociali, al consumo di carne e allo sviluppo della tecnologia diede origine ad una nuova evoluzione.

Questo linguaggio, unitamente ai rapporti sociali, al consumo di carne e allo sviluppo della tecnologia diede origine ad una nuova evoluzione. L AUSTRALOPITECO Circa 10 milioni di anni fa, a causa del movimento delle placche della crosta terrestre e dello scontro di esse lungo una linea che va dall Etiopia fino al Sud Africa, si formò una profonda

Dettagli

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria INIZIA Indice arcaica Bang Big primaria secondaria terziaria La Pangea quaternaria Le ere L' evoluzione dell'uomo ETA DELLA PIETRA NEOLITICO

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Programmi didattici. Le scuole & il Museo Archeologia a Varese

Programmi didattici. Le scuole & il Museo Archeologia a Varese Le scuole & il Museo Archeologia a Varese Programmi didattici Museo Civico Archeologico di Villa Mirabello - Varese Museo Civico Preistorico Isolino Virginia - Lago di Varese - Biandronno Visite guidate

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

L arte del Paleolitico vista da noi

L arte del Paleolitico vista da noi MUSEO LABORATORIO DELLA PREISTORIA Comune di Vaie Associazione Basta Poco MUSEO LABORATORIO DELLA PREISTORIA IL P ASSATO A PORT AT A DI MA NO P r ogetto per u n Mu s e o T at til e L arte del Paleolitico

Dettagli

I LABORATORI. del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza

I LABORATORI. del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza I LABORATORI del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza 7, 14, 21 e 28 maggio 2016 7 maggio 2016 Circolando L avventuroso viaggio del sangue attraverso le vie del corpo umano. Prima un filmato

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 La preistoria raccontata da noi bambini Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 AFRICA circa 30 milioni di anni

Dettagli

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e Le origini dell Uomo L uomo attuale, il risultato di milioni di anni di evoluzione che si è svolta per la maggior parte sul piano biologico e solo in tempi recenti è divenuta anche una evoluzione culturale,

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

Servizi per la didattica 2014/2015

Servizi per la didattica 2014/2015 Servizi per la didattica 2014/2015 Servizio didattico Tel. 06-49913924 Fax 06-49913653 Dott.ssa La Marca: 349-2360256 Dott.ssa Savino: 320-4871773 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL ANTICHITÀ Sulle orme della

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

STORIA. La preistoria. Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens. il testo:

STORIA. La preistoria. Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens. il testo: il testo: 01 Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens La foto a pag.18 fa vedere un immagine del film 2001 Odissea nello spazio. Nella foto si vede un ominide che tiene in mano un osso.

Dettagli

Finalità. Obiettivi. Attività

Finalità. Obiettivi. Attività Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza Indirizzo: Contrà Santa Corona, 4-36100 Vicenza (VI) Telefono: 0444222815 Email: museonatarcheo@comune.vicenza.it Presentazione Il Museo Naturalistico Archeologico

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Il rilievo ai fini del progetto di restauro

Il rilievo ai fini del progetto di restauro Il rilievo ai fini del progetto di restauro A. Rilievo Grafico 1. Cartografia a. Corografia in scala 1/25.000, 1/10.000 b. Planimetria urbana (pianta catastale) in scala 1/2.000, 1/1.000 c. Planimetria

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Le vasche di pietra e i menhir di Albano di Lucania

Le vasche di pietra e i menhir di Albano di Lucania E-mail (Nota: vi sono n.18 foto che riguardano il sito preistorico di Albano. Occorre un tempo medio tra i 10 e i 20 sec. per l'apertura dell'intera pagina) Le vasche di pietra e i menhir di Albano di

Dettagli

Analisi degli insediamenti

Analisi degli insediamenti Analisi degli insediamenti Molteplici significati del termine insediamento (modelli di insediamento; abitato) Qui usato nel senso più ampio in riferimento a specifici luoghi: insediamenti come luoghi dove

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria Museo archeologico Sezione preistoria/protostoria VIAGGIO NELLA PREISTORIA E PROTOSTORIA DAL PALEOLITICO ALL ETÁ DEL FERRO Contenuti: Visita alle sale preistoriche del Paleolitico, Mesolitico e Neolitico,

Dettagli

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO Comune di BELLINZAGO LOMBARDO 1/7 Provincia di Milano Settore Tecnico Protocollo di arrivo VALUTAZIONE DELL IMPATTO PAESISTICO DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA PAESISTICA DELL INTERVENTO DOMANDA DI GIUDIZIO

Dettagli

visite su prenotazione

visite su prenotazione visite su prenotazione L Archeodromo delle Madonie Un parco-museo da vivere, da toccare, da sperimentare! L Archeodromo delle Madonie è un parco didattico a tema archeologico, al cui interno è stata allestita

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Chiediamo ai bambini di copiare la linea del tempo e di verbalizzarne il contenuto, oralmente e per iscritto.

Chiediamo ai bambini di copiare la linea del tempo e di verbalizzarne il contenuto, oralmente e per iscritto. IL PALEOLITICO (prima parte) Brevi indicazioni didattiche Sulla linea del tempo Iniziamo il percorso disegnando alla lavagna una linea del tempo connotata con immagini simboliche significative dell etimologia

Dettagli

IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI

IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI SENSO DEL SACRO FONDAMENTO ANTROPOLOGICO COMUNE A TUTTE LE RELIGIONI NATURA AMBIVALENTE QUALCOSA DEGNO DI VENERAZIONE MA ANCHE TREMENDO INTERPRETAZIONI DEL SACRO SOCIOLOGICA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO S. BENEDETTO. PROGRAMMA DI STORIA DELL ARTE Svolto nell Anno Scolastico 2013-2014 Classe I^ A

LICEO SCIENTIFICO S. BENEDETTO. PROGRAMMA DI STORIA DELL ARTE Svolto nell Anno Scolastico 2013-2014 Classe I^ A LICEO SCIENTIFICO S. BENEDETTO PROGRAMMA DI STORIA DELL ARTE Svolto nell Anno Scolastico 2013-2014 Classe I^ A INSEGNANTE: Marcella Fariselli LIBRO DI TESTO: Gillo Dorfles Marcello Ragazzi Maria Grazia

Dettagli

Agli inizi dell arte

Agli inizi dell arte Calendario incontri mercoledì 27.10 e giovedì 11, 18 e 25.11.2010 Mercoledì, 27 ottobre Auditorium, terzo piano Giovedì, 11 novembre Auditorium, terzo piano Giovedì 18 novembre, Aula 11, Palazzo Rosso

Dettagli

L UTILITÀ DELL ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE PER MEGLIO COMPRENDERE L ARTE RUPESTRE Ausilio Priuli

L UTILITÀ DELL ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE PER MEGLIO COMPRENDERE L ARTE RUPESTRE Ausilio Priuli L UTILITÀ DELL ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE PER MEGLIO COMPRENDERE L ARTE RUPESTRE Ausilio Priuli Tratto da: Capo di Ponte-GUIDA TURISTICA L uomo preistorico somma, al bisogno di produrre un oggetto, il gusto

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Lo speleologo del 2000

Lo speleologo del 2000 Lo speleologo del 2000 di MARINO SEMERARO 3 Circolo Didattico Chiarelli, Martina Franca (TA) L ambiente si trasforma ripercorriamone le tappe Annualità 2009-2010 Che cos è la speleologia? A cosa serve

Dettagli

nuove tecniche di estrazione e lavorazione della selce varie forme d arte agricoltura Neolitico, nuova età della pietra neos=nuovo lithos= pietra

nuove tecniche di estrazione e lavorazione della selce varie forme d arte agricoltura Neolitico, nuova età della pietra neos=nuovo lithos= pietra IL NEOLITICO Brevi indicazioni didattiche. Iniziamo il percorso con un richiamo al Paleolitico domandando agli alunni quale fosse la maggiore preoccupazione degli uomini di allora. Tra i bisogni primari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014. Progettazione annuale STORIA. Classe 3 a A

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014. Progettazione annuale STORIA. Classe 3 a A ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014 Progettazione annuale di STORIA Classe 3 a A Insegnante Floris Silvia Premessa La storia ha un grande valore formativo,

Dettagli

L ARTE CRETESE. Statuetta di marmo d arte cicladica

L ARTE CRETESE. Statuetta di marmo d arte cicladica L ARTE CRETESE Grazie ad alcune impegnative campagne di scavo e ad approfonditi esami dei tanti reperti rinvenuti alla fine del 1800 nell isola di Creta, gli archeologi di una spedizione italiana (che

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com Unesco: il castello di Erbil costruito ottomila anni fa dichiarato patrimonio dell Umanità Dopo la guerra del Golfo la città è diventata la capitale politica e culturale del Kurdistan iracheno Erbil (Kurdistan

Dettagli

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA ßIndice del volume AVVIO ALLO STUDIO DELLA STORIA I L l metodo della ricerca storica 2 1 Differenza tra Storia e Preistoria 2 2 Cronologia e periodizzazione 4 a classificazione delle fonti e la Storiografia

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PERCORSI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRESENTAZIONE Anche per l anno scolastico 2013/2014 la Cooperativa Colline Metallifere torna a proporre alle scuole primarie e secondarie i Percorsi Didattici

Dettagli

PROPOSTE SCUOLE 2015-2016

PROPOSTE SCUOLE 2015-2016 PROPOSTE SCUOLE 2015-2016 L'insolita visita guidata I laboratori del LABENUR Il Museo LABENUR a scuola Programma di laboratori, visite guidate, attività didattiche per l'anno 2015-2016 a cura di Anemos

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI. Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse

CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI. Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse La riqualificazione della scena urbana passa necessariamente attraverso un

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: x LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

Statuto dei Musei di Savignano

Statuto dei Musei di Savignano COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Via Doccia n. 64, 41056 Savignano sul Panaro (MO) COPIA Statuto dei Musei di Savignano Il presente statuto: è stato approvato con atto deliberativo di

Dettagli

Storia dell Arte... ...in tasca. area umanistica

Storia dell Arte... ...in tasca. area umanistica Storia dell Arte... PK 8...in tasca Dalla Preistoria al Novecento: tutti gli artisti e le correnti artistiche italiane e internazionali con tavole illustrative a colori area umanistica EDIZIONI SIMONE

Dettagli

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli