RECENSIONE GOLF CLUB CASTELROTTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RECENSIONE GOLF CLUB CASTELROTTO"

Transcript

1 RECENSIONE GOLF CLUB CASTELROTTO By sologolfista Bico (Enrico Gerosa) Le 18 buche di Castelrotto, disegnate dall'architetto paesaggista tedesco Bernd Hofmann e dal giocatore di golf professionista Wolfgang Jersombeck, anch esso tedesco, sono state progettate contemporaneamente tutte e diciotto, ma per ovvie ragioni sono state realizzate in tempi diversi. Non come la stragrande maggioranza di percorsi da golf, pensati e realizzati a seconda della disponibilità dei terreni, che viavia si rendevano disponibili. Quando uno arriva a Siusi si domanda dove mai si potesse disegnare un campo da golf, considerata l assoluta mancanza di terreni pianeggianti. Invece la portentosa matita del disegnatore è riuscita ad incastrare in una vallata, a dir poco stupenda, un percorso da golf molto tecnico e difficile. Oltre a due innocui laghetti da superare dal tee della 1, ci sono due torrenti sprofondati in due vallette, nonché salite da paura, degne del golf con la piccozza di qualche tempo fa. In effetti ci si chiede come mai i cart vadano a ruba in percorsi montani di questo tipo. A piedi ci vuole davvero il fisico, fiato e gambe, oltre allo swing che non guasta. Spesso, per non dire in quasi tutte le tappe intermedie, tra una buca e l altra, sono necessari scarpinamenti, muli, piccozze e skilift. Prendere l handicap da queste parti deve essere davvero molto improbabile. Per non parlare della buca 4, con green incastonato tra la montagna ed il torrente, in forte discesa e con margine di errore inesistente. Ricorda molto la difficoltà della 15 di Augusta, dove o prendi il green o sei fuori. Non fa testo la mia testimonianza essendomi innamorato di questi luoghi magici, chissà le streghe ci sono davvero? LOGISTICA Usciti dall autostrada per il Brennero a Bolzano nord, ci si inerpica per la Valle Isarco, prendendo per l Alpe di Siusi, fantastico altopiano che fa da attico alla Val Gardena e che ha come fumaioli il Sassolungo a est e lo Sciliar a ovest. Pare che sullo Sciliar, dove tra le sue guglie si impigliano spesso nuvole strane, vivano delle streghe, che con i loro pentoloni magici, sempre in ebollizione producano le suddette strane nuvole. L accesso al percorso da golf del Kastelruth golf club si trova subito dopo il paesino di Fiè. Un chilometro prima della cabinovia che da Siusi sale all Alpe, si gira a sinistra ed in picchiata attraverso un bosco ed una stradina un po impervia si arriva alla casetta di Biancaneve, pardon club house. Se siete ospiti dell Hotel potete entrare direttamente nel parcheggio riservato agli ospiti, altrimenti se volete solo giocare a golf, bisogna fermarsi nel grande parcheggio sovrastante.

2 CLUB HOUSE La club house non è altro che l Hotel Sonne (sole per i tedeschi), fondatore, promotore e mecenate del golf di queste fresche parti. La hall in pratica è diventata la segreteria del golf club, tutto ruota intorno al golf ed il golf ruota intorno a tutto. Il golf si è prefisso di fare da promotore alla vallata, all albergo ed a se stesso e pare che ci sia riuscito, visto l affluenza cospicua di golfisti, sorti come funghi da queste parti e non è ancora momento di funghi. PUTTING GREEN L area del putt è veramente l anticipazione di quello che poi si troverà per davvero nei green del percorso. Tre, quattro, anche cinque gradoni per rendere il putt davvero difficile, altro che linea del putt, qua ci vuole una capacità di puttare davvero sopraffina ed il putt lo sapete fa la differenza. AREA APPROCCI Un green a fagiolo per far posto a ben due bandiere costituisce l area del pitching, dove farlo diventa una goduria. Questo green è incastonato, nel vero senso della parola, in una valletta tra l Hotel e la stradina di accesso al campo pratica, creando una scodella tutta intorno, così da contenere colpi che escono di traiettoria, anche qui anticipazione di molte zone del percorso, dove ci si trova in presenza di queste spallette che proteggono i colpi che tendono ad uscire. CAMPO PRATICA Bello, moderno, ampio e confortevole, ma soprattutto a due piani, come alcuni driving range visti ad Honk Kong o New York. Gratis l accesso agli ospiti dell albergo, ma un gettone di 25 palline costa 2 euro, al Sanvito 1 euro per 66 palline, ma qua siamo in altura per un golf del tutto particolare. Le postazioni sono tutte coperte e spaziose, ricordano molto il Mirasole a Milano, forse il migliore in Italia. Si tira contro una collinetta posta a 200 metri, protezioni di reti completano la sicurezza verso palline che altrimenti vagherebbero indisturbate. Purtroppo questo impianto con la stagione invernale va in letargo, come gli orsi ed è veramente un peccato che nemmeno il campo pratica rimanga in funzione. MANUTENZIONE PERCORSO Considerato che la stagione è molto breve per un golf di montagna, il percorso è tenuto come mai ho visto in golf ben più facili da manutenere. In tutto il percorso si trovano persone (greenkeeper diremo noi ma perlopiù contadini) che tagliano l erba, facendo fieno invernale per le mucche, infatti il rough è pressoché inesistente e ben curato proprio per questi motivi di fienagione. Anche i fairway sono discreti, ma la chicca sono i green, perfetti come biliardi, anche se densi di gradoni multilivello, aumentando enormemente i miei problemi di putting. Anche i pitchmark sono veramente rari, dipenderà dall educazione dei giocatori oppure dalla durezza dei green o dalla difficoltà di arrivare in green con un bell approccio classico? BUCA 1 PAR 4, 345 METRI, HCP 7, CR 66,9, SR 133 MEN Una facile e graziosa buca classica da golf, con due bei laghetti proprio davanti al tee degli uomini, alle donne ne viene risparmiato uno, decisamente molto facilitate le donne su questo percorso, ma non più di tanto. Si saltano via con un legno 3 di grafite, chiudendo

3 con i polsi, nel downswing prima di colpire, evitando così gli slice, che ci accompagnano da sempre. Il colpo dal tee scavalca i laghi, qualche albero e termina in centro fairway ad una distanza di circa 200 metri, 150 di volo e 50 di rotolo. Ferro 6 a mirare la bandiera ed in effetti se il colpo parte diritto, può arrivare vicino alla bandiera, per chiudere in bellezza. Qui gli approcci faranno la loro parte del leone ed i disastrosi putting la parte della tigre. Gli approcci come i putt fanno la differenza. BUCA 2 PAR 4, 236 METRI, HCP 15 Con la buca 2 si torna in pratica a ritroso della 1, ma un po più corta. Facile, bisogna solo fare attenzione al fuori limite a sinistra, ma la buca è ampia ed se i colpi dal tee vanno diritti non ci sono problemi. BUCA 3 PAR 5, 425 METRI, HCP 3 Il primo grande salto di torrente, che sprofonda in un bel dirupo di montagna. Molto pericoloso andare a recuperare le palline. Come ci si mette sul tee ci si spaventa e ci si chiede, e adesso? Se agevolmente si salta via il burrone, proprio davanti al tee si termina su di un bel fairway verdissimo e tenuto molto bene. Ma se purtroppo la palla prende troppo a sinistra, stranamente termina con una serie di rimbalzi proprio nel dirupo. E comunque un par 5 in salita e sembra non si arrivi mai. Qua le buche sono: in discesa o in salita o si saltano torrenti o si saltano dirupi o ci si arrampica o si sprofonda, insomma si fa un grande movimento su queste montagne russe. BUCA 4 PAR 3, 124 METRI, HCP 5 una vista della buca 4, terribile, la buca dell'inferno. Lo vedete il green, laggiù dopo il ponte, ecco, questo è il golf "facile" di montagna. La buca una delle più difficili. Il green è incastonato tra la montagna ed il torrente, in forte discesa e con margine di errore inesistente. Ricorda molto la difficoltà della 15 di Augusta, dove o prendi il green o sei fuori. Dal tee si vede il baratro del torrente, la pendenza ed il green laggiù in fondo alla scarpata, là dove dovremmo tirare. Ferro 7, la palla deve compiere una parabola perfetta, ma se non vedi dove va a finire, la scarpata è notevole. Si scende la stradina in forte pendenza, verso il green, cercando velocemente la pallina. Ponte, torrente e green e poi su per la salita ripidissima che porta al tee della 5.

4 BUCA 5 PAR 4, 253 METRI, HCP 13 Si arriva su con il fiatone ed il cuore a mille, per la paurosa salita. Davanti un salto maestoso del torrente della 4, ma un po più su, sprofondato nella sua valletta, anche più aperta e quindi più lungo da scavalcare. Si può tentare un ibrido ma si rischia di andare corti e la parabola della palla finisce nel burrone. Bisogna cambiare strumento e imbracciare il legno 3 e così finalmente con 150 metri di volo, si salta via l ostacolo. Si aggira il torrente, prendendo per il ponte, sperando che quelli dietro rimangano molto indietro. Anche questa buca arrampica un pochino, ma non è nulla rispetto a quello che ci aspetta nelle seconde nove. Si arriva abbastanza tranquillamente al green molto grande e molto in ombra, per fortuna, quando fa molto caldo. Faiway molto buono, non cortissimo, ma accettabile. Il green molto grande, come tutti e ottimo come manutenzione ed uso da parte dei golfisti. Si va alla sei tutta in discesa, come una pista da sci, in mezzo agli abeti giganti di questa stupenda Alpe di Siusi. Ci si innamora. BUCA 6 PAR 4, 378 METRI, HCP 1 Tutta in discesa, il colpo dal tee sembra la prima esse con salto della libera di Val Gardena. Tutta la parte destra è inclinata e piena di sassi. Bisogna per forza puntare a sinistra, sfruttando poi le carambole, sperando che non siano troppo lunghe. Sul termine del primo colpo la buca presenta una sopraelevata verso destra, se si è bravi arrivare fino a lì si sfrutta la discesa e la curva verso destra, facendo gran bella strada, gratis. Se si è corti invece ci si ferma prima. Buca stretta tra due file di abeti altissimi, bisogna per forza stare dentro la pista, la si potrebbe percorrere tranquillamente con i Roller Sky.

5 BUCA 7 PAR 4, 262 METRI, HCP 11 Ecco il green visto dal basso e visto dall'alto Altro mostruoso salto di torrente. Ci vogliono sempre un cento metri di volo abbondante per saltare via il burrone. Ma quanti torrenti passano da ste parti? Buca in forte salita. Ad una buca in discesa c è l equivalente in salita. Grandi polmoni e grandi gambe sono necessarie, oltre ovviamente al gioco del golf che non guasta. Il fairway dopo il primo baratro è confortevole, con sponde a gobbe, sia a destra che a sinistra a mo di pista da bob, consentendo i colpi che schizzano lateralmente di rientrare agevolmente con rimbalzi talvolta notevoli e guadagnando così parecchia distanza. Il green con appena 5 livelli consente a chiunque di fare almeno 5 putt e se non la imbrocchi, ci stai una giornata intera.

6 BUCA 8 PAR 3, 155 METRI, HCP 17 Buca di tutto riposo, prima delle seconde nove, dove ci vogliono gambe e fiato alla grande. Fairway praticamente inesistente con anche una stradina, dei cart, che lo taglia. Il fairway spesso nei par 3 inizia e coincide con l avant green, perché si pensa che sia normale per un golfista, prendere il green al primo colpo. L arroccamento al green può anche essere difficile, persino su corti par3. Green molto in basso, a forma di fagiolone, circondato da alberi, con piccoli bunker ai lati, ma non fastidiosi. Non un facilissimo par 3 e neppure cortissimo. BUCA 9 PAR 4, 314 METRI, HCP 9 Per raggiungere il tee della 9, bisogna attraversare una stradina interna, aperta anche al pubblico, in quanto la stradina porta ad un mulino molto caratteristico, sperduto nella valle sottostante e quindi di libero accesso. Bisogna arrivare dal tee al secondo colpo, per arrivare almeno al dogleg, che ci consentirà di vedere il green proprio sotto alla Club House/Hotel. BUCA 10 PAR 5, 425 METRI, HCP 12 Terminate la nove, se uno volesse proprio farsi del male e proseguire, c è da scarpinare mica da ridere per raggiungere il tee della 10, messo in un posto improbabile, attiguo al grande parcheggio, dietro all Hotel. Bisogna però attraversare un cunicolo coperto, come una galleria, per superare il pitching green e raggiungere la stradina con tornanti, che porta all uscita, parcheggio e la buca 10 che aggira da dietro l Hotel/CB. Una collocazione della buca davvero curiosa. Se sbagli e fai slice, rischi di distruggere l albergo, infatti a protezione degli slice, ci sono delle alti reti. Proprio non si riusciva a concepire un tee diverso? Evidentemente no e poi, fior fiore di architetti e noi umili profani che si chiedono, ma in che razza di posto hanno messo sto Tee? Ci si posiziona su questo tee che guarda ad un canalone tra gli alberi, sempre più alti. Questa buca poi, a parte il tee improbabile, si rivelerà molto bella, suggestiva. Il fairway dopo poche decine di metri si apre magicamente, parte in ombra, in un canalone che sembra una pista da sci in mezzo ad abeti altissimi, dogleg verso destra a 90 gradi, delimitando così il percorso, aprendosi alle successive 9, che stanno tutte verso sud ovest della valle. Dopo il dogleg comincia a salire verso il green che sarà arroccato su di un cocuzzoletto, che se non lo becchi, rotoli giù, giù, giù. Dopo il primo colpo, ferro 6 in centro fairway, per arrivare al dogleg buio e vedere il proseguimento della buca, dove continua. Altro ferro 6 per prendere un po di distanza e ferro 9 per approciare. Non facile fare pochi colpi.

7 BUCA 11 PAR 3, 193 METRI, HCP 8 Si scarpina di brutto per raggiungere il tee della 11, tre tornantini per salire in cima alla collina che sovrasta la 10, la vista del campo pratica, sede dell Hotel e via su per la montagna. Mountain Golf. Metto un rapporto da Muro di Sormano al carrellino e su per i monti. Questa buca, avendo il tee molto in alto, infatti arrivo su senza fiato, proprio l ideale per addressarsi sulla palla e compiere un tiro preciso. Questa buca richiede precisione, in quanto lunghina per essere un par3, in discesa, con fairway in pendenza verso destra e verso la conclusione della 10, che sta proprio di sotto. Se vai in slice dal tee rischi di prendere il green della 10, per fortuna ancora vuoto. Il green poi ha una pendenza parabolica sulla sinistra che ti consente, se fai hook, di raggiungere il green con i rimbalzi a scendere, ma se vai appena sulla destra, discesone, rovi e palla persa sicura. Ecco poi il green della 11, con vista del tee panoramicissimo della 12, da paura. BUCA 12 PAR 4, 281 METRI, HCP 10 Il baratro. Quando ti appropinqui al tee della 12, ti chiedi, se quello laggiù, oltre la scarpata è il tuo fairway. Tee molto in ombra, merito di un bellissimo albero a foglia caduca, che non mi ricordo, forse un Olmo, probabilmente. Mai visto nulla di simile, ma si tenta lo stesso, certo una bella pretesa da parte degli architetti. Solo un aquila poteva disegnare una buca simile, ma non è la sola. Si scende la mulattiera, ripidina e si va a cercare la pallina. Lo score alto fa di una buca difficilissima, un totale accettabile. BUCA 13 PAR 4, 299 METRI, HCP 16 Tutta in salita a ritroso della 12. Green arroccato vicino ad una fattoria che sta panoramicamente in una posizione invidiabile. Forse è l abitazione dei green keeper/contadini loggiati golf club. Bella larga, qualche gobba ai lati, ma sponde che delimitano la buca, che fanno di correggere eventuali slice o Hook che ritornano automaticamente in fairway. Comodo no? In pratica un altra pista da sci facile, ma in salita. Bel fairway, tenuto molto bene, d altronde la stagione è ottima. Green al limite della perfezione, largo, ma con tre/quattro gradoni. Difficile imbucare con pochi colpi se non sei precisissimo e non vai vicinissimo alla buca. Se vai troppo lungo rischi di uscire dal green, comunque tiri.

8 BUCA 14 PAR 4, 321 METRI, HCP 18..la mia pallina dopo il tee shot, vedo il green laggiù, ma non sarà facile agguantarlo Gran discesone, quasi una libera. Si vede persino il green, ma bello in fondo. Il tee come spesso accade da queste parti, si presta ad una postazione di artiglieria da montagna. Sotto alla collinetta dei tees gira la stradina dei cart e poi inizia il fairway, con erba bassa, ma non bassissima. Ma il green essendo affossato, tra gobbe e bunker, è molto difficile da raggiungere. Oltretutto gira intorno la stradina dei cart, che delimita anche un boschetto, quindi se vai lungo, perdi pure la palla. Bisogna essere cortissimi nell approccio, perché poi la palla inizia una folle discesa e la perdi immancabilmente. Veramente un green difficilmente attaccabile, imprendibile roccaforte. Si prosegue, verso quella sarà una buca incredibile, unica, la 15. BUCA 15 PAR 3, 183 METRI, HCP 14 La buca con il dislivello più elevato, in Europa, tra tee e green. Pare sia inserita nel libro dei Guinnes dei primati. In effetti quando arrivi sulla terrazza, pardon tee, ti viene da ridere e insieme da svenire. Sembra il campo pratica di Salsomaggiore, dove in pratica tiri nel vuoto. Se c è per caso davanti a te, qualcuno, ovvero, giù nel profondo green, questo vedendoti appostato lassù in alto come un avvoltoio pronto ad agguantare la propria preda, se la fa sotto e se ne scappa, lasciandoti il green libero, in men che non si dica. Basta un Ferro 6, nonostante la parabola che ci aspetta è notevole, sono 183 metri di volo netto per arrivare all asta, niente male. La buca è incredibilmente allettante e se colpisci bene e piena la palla, si riescs ad imprimergli una traiettoria talmente dritta e alta, che dopo un volo bellissimo e potente, atterra al limitare del green e con un potente rimbalzone, può finire addirittura nel bunker oltre. Per raggiungere il green, bisogna fare una discesa del 25% di pendenza, con il carrello che ti spinge giù, bestiale. BUCA 16 PAR 4, 283 METRI, HCP 2 Torrente a destra e in salita e lo colpisco tutte e due le volte. Tee shot con ibrido, grande fairway che si apre davanti ai nostri occhi e canaletto di pietre, molto ben messe, artificiale, che traccia il fuori limite sulla destra. In teoria non sarebbe facile colpire il canaletto, con tutto quel bel prato a disposizione, ma non è detto. Il green è circondato da un abetaia che gli fa ombra, molto piacevole nelle ore calde del giorno.

9 BUCA 17 PAR 3, 189 METRI, HCP 6 Un par3 interlocutorio, giusto per andare a prendere la 18, che ritorna a casina. Buca in discesa, come spesso i par 3 sono, messi, per raggiungere a volte a zigzag i tee di par 4 più importanti. Il tee di questa penultima buca è situato pressappoco al termine del primo colpo della 18 che ritorna su. Si rischia un Fore, per uno slice di quelli della 18. BUCA 18 PAR 4, 351 METRI, HCP 4 Ripercorre il mare d erba della 1, ma senza laghi questa volta. Gran bella buca di rappresentanza, come peraltro la 1, ma in leggera salita, che è l ideale, quando uno è spompato. Sono le immagini più reclamizzate, la 1 e la 18, perché coprono il terreno migliore e diciamo, perché lo possiamo dire, il più facile. Ma al golf niente è facile, se non ti entra lo swing. La 18 ha un green molto grande, ma con una infinità di gradoni, che servono per uccidere qualsiasi score che si presenta buono fino alla fine. BUCA 19 PAR BIRRA Esausto, ci tocca pure una scarpinata, fino alla club house, che rimane un po più su. Bisogna costeggiare un po di campo pratica, passare in un sottopassaggio, che avevamo fatto dopo la nove, per superare l area pitching e con un paio di tornantini, si arriva al giardino, dove all esterno è allestita una birreria. E quello che uno desidera più di ogni altra cosa in quei momenti. Una bella birra dopo 18 buche, incredibilmente non la si rifiuta mai, d estate specialmente. Chissà perché?

RECENSIONE GOLF CLUB ROVEDINE

RECENSIONE GOLF CLUB ROVEDINE RECENSIONE GOLF CLUB ROVEDINE By del sologolfista Bico http://www.rovedine.com/pages/golf-rov/ IL GOLF A MILANO. Ovvero la recensione del Rovedine ma non solo, pure del Mirasole, in una botta sola. E il

Dettagli

L angolo tecnico a cura di Riccardo Fradella

L angolo tecnico a cura di Riccardo Fradella Ciao a tutti, a differenza delle precedenti presentazioni, non avendo mai calcato i fairways del Golf Club La Pinetina non sono in grado di fornire i consueti consigli tecnici personali ma, in via del

Dettagli

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso 1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I Öberst, Obere Obisellalm 10,8 km 5.00 ore 1392 m 810 m 2160 m giu. ott. 26 Obere Obisellalm Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago Öberst Vernuer

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

INDICATORI DI PARTENZA

INDICATORI DI PARTENZA Sommario delle REGOLE DEL GOLF, ho cercato di farlo possibilmente semplice, con qualche esempio e mi auguro chiaro, Con alcuni campitoli principali ed alcuni richiami alle Regole Basi. AREA DI PARTENZA

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova NEL QUADRO DEI FESTEGGIAMENTI PER I CENTO ANNI DELLA NOSTRA SSOCIAZIONE SABATO 10 MAGGIO INAUGURAZIONE DEL NUOVO SENTIERO AQ2 AQ2 DATA: 10 maggio 2014 LOCALITA

Dettagli

REGOLA N. 6 IL GIOCATORE

REGOLA N. 6 IL GIOCATORE Ed ecco giunti al terzo appuntamento...eh già...perché, quelli di voi che sono riusciti a leggere le prime due puntata,e ed aspettavano con ansia l'uscita della terza...ecco...sono degli EROI!!!! Francamente

Dettagli

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Sci alpinismo nel gruppo di Puez Sci alpinismo nel gruppo di Puez Questo articolo di Alberto De Giuli propone tre itinerari inediti per scialpinisti esperti. Si tratta di percorsi ad anello che presentano tutti i caratteri dello sci alpinismo

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

PGM Professional Golf Machine IL PRIMO SIMULATORE DI GOLF ITALIANO

PGM Professional Golf Machine IL PRIMO SIMULATORE DI GOLF ITALIANO PGM Professional Golf Machine IL PRIMO SIMULATORE DI GOLF ITALIANO Fornitore Ufficiale FIG Fornitore Ufficiale AITG PGM Professional Golf Machine IL PRIMO SIMULATORE DI GOLF ITALIANO In Ferro Dodici operiamo

Dettagli

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv) 1 GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO a cura di Federico Battaglin www.febat.com La Grotta Bortolomiol è la maggiore verticale della zona montuosa la cui elevazione massima è Monte Cesen, proprio sopra al

Dettagli

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

TREKKING E MOUNTAIN BIKE TREKKING E MOUNTAIN BIKE Il territorio del comune di Donato, per la sua conformazione, è particolarmente adatto alla pratica dello sport della mountain bike. In pochi chilometri si può passare dai boschi

Dettagli

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei Ski Report Pasqua 2008 a Canazei Venerdi' 21 marzo con Giuse si sale sul pordoi tardi (verso le 11) con l'idea di andare sulla mezdi. Poi a Giuse non gli regge di farsi la salita quindi ripieghiamo per

Dettagli

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno Il Cornizzolo da Civate Zona Prealpi Lombarde Triangolo Lariano Corni di Canzo Tipo itinerario Ad anello Difficoltà E (per Escursionisti) Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero

Dettagli

Introduzione. Strumenti di gioco

Introduzione. Strumenti di gioco Introduzione Lo snookball, calcio biliardo o calciobiliardo, è un gioco basato sull incrocio tra due discipline sportive: il calcio e il biliardo. La particolarità di questo sport consiste nei mezzi che

Dettagli

Dal S.Gottardo all Oberland Bernese. di Paolo Castellani

Dal S.Gottardo all Oberland Bernese. di Paolo Castellani 12 Dal S.Gottardo all Oberland Bernese di Paolo Castellani Appena valicato il Passo del S.Gottardo, o sotto la lunga galleria autostradale (quasi 17 chilometri), si entra nel Cantone di Uri, lasciando

Dettagli

EGA Handicap System 2007-2010 PARTE 3. IL CAMPO DA GOLF E IL COURSE RATING D2.5 - D2.13 - D2.36 3.1 3.2 3.3 D2.26

EGA Handicap System 2007-2010 PARTE 3. IL CAMPO DA GOLF E IL COURSE RATING D2.5 - D2.13 - D2.36 3.1 3.2 3.3 D2.26 3.1 3.2 3.3 3. IL COURSE RATING 3.1 Tutti i campi dovranno essere valutati dalla Federazione Nazionale o dall Autorità Locale, se delegata in tal senso, in base al Sistema di Course Rating della USGA (Appendice

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+ 2.971/D- 2.974)

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+ 2.971/D- 2.974) LOCANDINA SENTIERISTICA: A.S.V. = Antica Strada della Veddasca; 3V = Via Verde Varesina; S.I. = Sentiero Italia TML = Tra Monti e Lago DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+

Dettagli

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa.

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa. Nella quarta parte di questi quattro articoli, andrò a rispondere alla domanda che mi viene posta più frequentemente: Come fanno i Professionisti ad ottenere tutte quelle rivoluzioni? In realtà la vera

Dettagli

Gita al lago: SERRE PONCON (Fr)

Gita al lago: SERRE PONCON (Fr) Gita al lago: SERRE PONCON (Fr) Camper : Mobilvetta top driver 60s ducato JTD 2800 del 2002 (acquistato fine 2006) Equipaggio: Mario (38anni) pilota e mozzo Paola (36anni) comandante Marco (8anni) aiuto-mozzo

Dettagli

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Giuseppe BOSETTI Relazione al Corso di aggiornamento per allenatori di 1 grado e allievi allenatori CP Fipav Varese -

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011 Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011 Percorso iper-classico del Gruppo dell'adamello. L'itinerario inizia in discesa grazie agli impianti del Tonale che permettono un comodo accesso al Passo Presena. Tipologia:

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Villaggi Walser a due passi dal Cielo

Villaggi Walser a due passi dal Cielo Martedì 7 Luglio Villaggi Walser a due passi dal Cielo I Walser, popolo di coloni contadini dissodatori, arrivò nel medioevo nell alta Valle di Gressoney, allora disabitata, attraverso il Monte Rosa fondando

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

CANSIGLIO!!! BUON divertimento!!!

CANSIGLIO!!! BUON divertimento!!! C CIAO A TUTTI!! Noi siamo i ragazzi e le ragazze della 5^A & della 5^B della Scuola Primaria Callisto Zorzi di Verona. Il 15 & il 16 maggio abbiamo trascorso due fantastiche giornate in un luogo speciale.

Dettagli

VIAGGIO IN BICI DA CORSA

VIAGGIO IN BICI DA CORSA VIAGGIO IN BICI DA CORSA IL GIRO DELLA CARINZIA IN BICI DA CORSA TRA MONTAGNE E LAGHI NEL SUD DELL AUSTRIA (Due varianti a scelta: ca. 455-675 km con circa 4.930-11.300 m. di dislivello in salita, percorso

Dettagli

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela - osservare consapevolmente i fenomeni e le cose di ogni giorno - raccontare

Dettagli

Golf di Tolcinasco Meeting aziendali, team building e ricevimenti

Golf di Tolcinasco Meeting aziendali, team building e ricevimenti Golf di Tolcinasco Meeting aziendali, team building e ricevimenti Castello di Tolcinasco 20090 Pieve Emanuele MI Tel. +39 347 2471621 +39 02 9042 8888 www.comunicazioneabc.com Location per i vostri meeting

Dettagli

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge NOTIZIE. La cosiddetta Cresta dei Tausani è la dorsale che, dalla SS 258 Marecchiese in corrispondenza di Ponte Santa Maria Maddalena (188

Dettagli

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri Propongo un percorso molto vario ed interessante, una delle più belle escursioni sulle Alpi della Liguria,che taglia i dirupati versanti italiani

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci. Tempo splendido e una temperatura eccezionale hanno caratterizzato questo weekend autunnale in una valle sconosciuta ai più. Da Torino e provincia partiamo in tre (Marina, Piero ed io) per questa nuova

Dettagli

Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta

Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta Pagina 1 Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta Scheda informativa Punto di partenza: Marta(Vt) Distanza da Roma : 100 km Lunghezza: 35 km Ascesa totale: 360 m Quota massima:

Dettagli

PER CHI VUOL COMINCIARE AD ANDARE IN BICI DA STRADA. Qualche percorso da fare per allenare la gamba e per prendere passione alla bicicletta.

PER CHI VUOL COMINCIARE AD ANDARE IN BICI DA STRADA. Qualche percorso da fare per allenare la gamba e per prendere passione alla bicicletta. PER CHI VUOL COMINCIARE AD ANDARE IN BICI DA STRADA Qualche percorso da fare per allenare la gamba e per prendere passione alla bicicletta. Questa scheda non ha alcun valore scientifico ma vuole essere

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale azzurro: allegato C La formazione degli atleti La formazione degli atleti è svolta prevalentemente nel circolo di appartenenza, e tenendo conto delle differenze dovute

Dettagli

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g È una sgambata di oltre 15 km... lunga, non difficile, ma che richiede comunque una buona perseveranza...

Dettagli

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

Trek Valgrisenche. Percorso soft Percorso "soft" Lunghezza circa 10 Km - dislivello positivo mt. 650 - dislivello negativo mt. 770 (Fraz. Usellière rifugio Chalet de l Epèe vallone di Plontaz - capoluogo di Valgrisenche). Si parte dalla

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

1 Gli effetti della forza di Coriolis

1 Gli effetti della forza di Coriolis LA FORZA DI CORIOLIS di Giulio Mazzolini 2012 1 Gli effetti della forza di Coriolis È un effetto noto che i venti nell emisfero nord deviano sempre verso destra, invece nell emisfero sud deviano sempre

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Distelgrube Faltmaralm

Distelgrube Faltmaralm 7 Valle di Pfelders 36 Distelgrube Faltmaralm Paesaggio tipico di alta montagna e malga Pfelders C B A Pfelders 7 Faltmaralm, Bergkristall poca carta Kompass 044 14,5 km 5.30 ore 1550 m 900 m 2388 m lug.

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello)

VALNONTEY - RIFUGIO SELLA CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello) VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello) Finalmente. E tanto tempo che sento parlare di questo giro ad anello (Valnontey, Rifugio Sella, casolari dell Herbetet, Valnontey) che

Dettagli

Sud Africa: Blyde River Canyon La forza della natura in uno scenario insuperabile

Sud Africa: Blyde River Canyon La forza della natura in uno scenario insuperabile Con i suoi 26 Km di lunghezza e gli 800 metri di profondità, nella lontana provincia di Mpumalanga, il Blyde Canyon è considerato per importanza ed estensione il terzo nel mondo.. eppure non è molto noto,

Dettagli

TREKKING IN VAL MASTALLONE

TREKKING IN VAL MASTALLONE TREKKING IN VAL MASTALLONE ITINERARIO N 1 : Santa Maria (Fobello) Colle d Egua Partenza: Santa Maria di Fobello Arrivo : Colle d Egua Codice catasto : 517 Tempo : 3 ore e 15 minuti Dislivello : 1064 m

Dettagli

VAL CEDRA Alto appennino Parmese Parco dei 100 laghi Trote Fario Mediterranee

VAL CEDRA Alto appennino Parmese Parco dei 100 laghi Trote Fario Mediterranee VAL CEDRA Alto appennino Parmese Parco dei 100 laghi Trote Fario Mediterranee Come arrivare: Autostrada A1 uscita PARMA Tangenziale di Parma direzione LANGHIRANO - proseguire oltre fino a MONCHIO DELLE

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

Proposte di navigazione in laguna:

Proposte di navigazione in laguna: Proposte di navigazione in laguna: Premessa: La laguna di Venezia è disseminata di grossi pali che, a gruppi di tre a tre, indicano i canali navigabili all interno dei quali la profondità dell acqua è

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI!

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! 17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! IL TI-ENNE-GI SUL VULCANO Con quella tua giravolta, navicella imbranata, sembravi ubriaca peggio di un pirata! Siamo finiti in un cratere rosso e arancione: ho fame, ho sete

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Fausto Camossi TRIS DI DOLOMITI. Itinerario: Passo Sella, Passo Gardena, Passo Campolongo, Passo Pordoi. (53 km)

Fausto Camossi TRIS DI DOLOMITI. Itinerario: Passo Sella, Passo Gardena, Passo Campolongo, Passo Pordoi. (53 km) TRIS DI DOLOMITI 1 TAPPA: Giovedì 06/06 Itinerario: Passo Sella, Passo Gardena, Passo Campolongo, Passo Pordoi. (53 km) Primo giorno sulle Dolomiti, inizio il trittico di tappe dolomitiche partendo praticamente

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

PALA DI SAN MARTINO (2982 m)

PALA DI SAN MARTINO (2982 m) PALA DI SAN MARTINO (2982 m) Gran Pilastro - Via Langes DIFFICOLTÀ DISLIVELLO DURATA BELLEZZA D (IV+) 600m la via (20 tiri) 10/12h (7h la via) ITINERARIO: Salita alla Pala di San Martino per il Pilastro

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena Via Ferrata del Somator, Monte Biaena Via Ferrata F / Facile, panoramica e facilmente accessibile, ci porta sulla cima del Monte Biaena (1.618). Descrizione breve: ferrata facile e breve, dal Rifugio Malga

Dettagli

STORIE PER HALLOWEEN

STORIE PER HALLOWEEN STORIE PER HALLOWEEN RITA SABATINI LA STREGA MATTACCHIONA Nella notte di Halloween la strega Mattacchiona si diverte a fare degli scherzi davvero incredibili. Prima di tutto mette sul fuoco un grande pentolone

Dettagli

I Giochi Tradizionali all Aria Aperta

I Giochi Tradizionali all Aria Aperta I Giochi Tradizionali all Aria Aperta Salta cavallo a lungo a lungo Lo scaricabarile Giocatori maschi almeno 6 Si formavano due quadre con un uguale numero di concorrenti. I componenti di una delle due

Dettagli

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014 Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014 Il percorso è in prevalenza ombreggiato, ma non mancano sulla sinistra panorami sulle varie vette delle Apuane

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi. Acqua acqua acqua. io con te posso giocare. io con te voglio volare,

Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi. Acqua acqua acqua. io con te posso giocare. io con te voglio volare, Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi fratellini e tutte le sue sorelline. Acqua acqua acqua io con te posso giocare io con te voglio volare, per danzare con le onde

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI Il gruppo della Marmolada detiene, in Dolomiti, una indiscussa sovranità, da cui il nome di Regina delle Dolomiti, appunto per la massima elevazione dell intero sistema dolomitico di cui ne ospita anche

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX Una favola scritta da Maura Cari bambini, dovete sapere che il Dottor ENERGIX è un simpatico scienziato dall aria un po stralunata, sempre alle

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo) A cura di A. Scolari Marcellise alto: itinerario lungo (Marcellise, Borgo, Casale, Cao di sopra, Casale di Tavola, San Briccio, Marion, Borgo, Marcellise). Dislivello m 205, tempo h 3.00'. Percorso facile.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Primo Pilastro del Biker Vincente Domina ogni terreno con lo sguardo Qual è secondo te la differenza tra un biker vincente, (quelli che ti superano

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

VAL PESIO. Sentiero Natura Certosa-Pian delle Gorre Cascate del Sault e Gias Sottano di Sestrera

VAL PESIO. Sentiero Natura Certosa-Pian delle Gorre Cascate del Sault e Gias Sottano di Sestrera VAL PESIO Sentiero Natura Certosa-Pian delle Gorre Cascate del Sault e Gias Sottano di Sestrera Sabato Escursione con le ciaspole!! Evviva!!! In auto arriviamo fin davanti alla Certosa di Chiusa Pesio,

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

SPECIALE NEWSLETTER - LE REGOLE DEL GOLF - REGOLE 24-27. Sia che siano ''movibili'' che ''inamovibili'',

SPECIALE NEWSLETTER - LE REGOLE DEL GOLF - REGOLE 24-27. Sia che siano ''movibili'' che ''inamovibili'', SPECIALE NEWSLETTER - LE REGOLE DEL GOLF - REGOLE 24-27 Siete pronti??? finora abbiamo scherzato con regolette facili facili. Oggi si entra nello zoccolo duro delle situazioni più spiacevoli del golf,

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli