ITALIA E REGIONI. A Grottammare il folklore indossa l abito più bello. n. 5 settembre / ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITALIA E REGIONI. A Grottammare il folklore indossa l abito più bello. n. 5 settembre / ottobre 2014"

Transcript

1 FITP - Sede legale: Box 001 Centro Uffici (T) Viale Ammiraglio Del Bono, roma Segreteria del Presidente nazionale: Via San Nicola, S. Giovanni rotondo - Tel. e fax ANNO XVI n. 5 settembre / ottobre 2014 Rivista bimestrale della Federazione Italiana Tradizioni Popolari ITALIA E REGIONI A Grottammare il folklore indossa l abito più bello

2 Federazione Italiana Tradizioni Popolari SEGrETErIA PrESIDENZA NAZIONALE Via San Nicola, San Giovanni rotondo (FG) Tel. e Fax: UFFICIO TESSErAMENTO Via San Sebastiano, 16/ Messina Tel. e Fax: SEGrETArIO GENErALE Contrada Chiusa Lotto 4/b Loc. Simeri Mare Villaggio Santa Lucia Simeri Crichi (CZ) Tel.: Fax: UFFICIO TESOrErIA C.da Conca d Oro, Garden Ville, Messina Tel.: UFFICIO STAMPA Cdp Service - San Severo (FG) Tel. e Fax: Consulta Scientifica PrESIDENTE Mario Atzori VICEPrESIDENTE Patrizia resta COMPONENTI Leonardo Alario Gian Luigi Bravo Pino Gala Ignazio Macchiarella Vincenzo Spera Consiglio Nazionale COOrDINATOrE NAZIONALE Maria L. De Dominicis Consiglieri ABrUZZO Maria L. De Dominicis BASILICATA Pasquale Casaletto CALABrIA Carmine Gentile Maria Teresa Portella CAMPANIA Fabio Del Mastro Leonardo Bianco EMILIA romagna Sauro Casali FrIULI VENEZIA GIULIA Mario Srebotuyak LAZIO Giuseppe d Alessandro LIGUrIA Luciano Della Costa LOMBArDIA Luigi Sara Giovanni Bossetti MArCHE Mario Borroni MOLISE Antonio Giuliani PIEMONTE Bernardo Beisso PUGLIA Fedele Zurlo Nino Agostino SArDEGNA Vittorio Fois Mario Pau Luigi Usai Daniel Meloni SICILIA Antonella Castagna Santo Gitto TOSCANA Marco Fini TrENTINO ALTO ADIGE Attilio Gasperotti UMBrIA Francesco Pilotti Valle d Aosta Susi Lillaz VENETO Gianni Marini Presidenti Comitati Regionali ABrUZZO Fidio Bianchi BASILICATA Pietro Basile CALABrIA Michele Putrino CAMPANIA Francesco Coccaro EMILIA romagna Sauro Casali (commissario) FrIULI VENEZIA GIULIA Giampiero Crismani LAZIO Ivo Di Matteo LIGUrIA Milena Medicina LOMBArDIA Fabrizio Nicola MArCHE Pamela Trisciani MOLISE Michele Castrilli PIEMONTE Andrea Flamini PUGLIA Tommaso russo SArDEGNA Giommaria Garau SICILIA Alfio russo TOSCANA Francesco Castelli TrENTINO ALTO ADIGE Attilio Gasperotti UMBrIA Floriano Zangarelli Valle d Aosta Susi Lillaz (commissario straordinario) VENETO Adriano Bissoli

3 IL FOLKLORE D ITALIA n. 05 / Italia e Regioni Grottammare accoglie l evento nazionale della Fitp IL FOLKLORE D ITALIA Bimestrale d informazione Anno XVI n. 5 - SETTEMBRE / OTTOBRE 2014 Registrazione al Tribunale di Foggia n. 9 dell 8 aprile 2008 DIRETTORE RESPONSABILE Benito Ripoli Folklore equestre Franco De Masi e il suo progetto sui costumi dei cavalieri COORDINAMENTO RED.LE Antonio d Amico Leo Conenno Elvira La Porta Rita Laguercia FOTOGRAFIE Ilaria Fioravanti PROGETTO GRAFICO Sinkronia studio STAMPA Grafiche Lucarelli - Ariano Irpino FEDERAZIONE ITALIANA TRADIZIONI POPOLARI PRESIDENTE NAZIONALE Benito Ripoli VICE PRESIDENTI Nino Indaimo, Luigi Scalas Il riconoscimento A Cassano all Ionio un Premio per non dimenticare il passato Trasposizione scenica La necessità di teatralizzare le tradizioni popolari Sulle orme di Marco Polo La Pro loco di Castrovillari porta la cultura calabrese in Cina ASSESSORI EFFETTIVI Gerardo Bonifati, Fabrizio Cattaneo, Enzo Cocca, Fabio Filippi, Giuliano Ierardi, Gesualdo Pierangeli ASSESSORI SUPPLENTI Renata Soravito SEGRETARIO GENERALE Franco Megna VICE SEGRETARIO GENERALE Giancarlo Castagna TESORIERE Tobia Rinaldo VICE TESORIERE Adelio Gilardi COLLEGIO SINDACI REVISORI Francesco Fedele (presidente) Giovanni Soro (vicepresidente) Ancilla Cornali (membro effettivo) Giampiero Cannas (membro supplente) COLLEGIO PROBIVIRI Gavino Fadda (membro effettivo) Franco Folzi (membro effettivo) Dionigi Garofoli (membro effettivo) Sauro Casali (membro supplente) Pietro Prencipe (membro supplente) COMITATO D ONORE FITP Past President Lillo Alessandro Presidente Onorario Luciano Della Costa Comitato Dei Saggi Luciano Della Costa Aldo Secomandi Staff del Presidente Bruno Bordoni, Mario Borroni, Monica Castrilli, Francesca Grella, Ivo Polo, Concetta Masciale Cerimoniere Michele Putrino 3

4 editoriale Professionalità, Cultura e Amicizia in Italia e Regioni 4 di Benito Ripoli Presidente Nazionale Fitp Le ultime note, gli ultimi sorrisi, gli ultimi abbracci salutano Italia e Regioni e la ridente e civettuola cittadina marchigiana di Grottammare, in provincia di Ascoli Piceno. Ormai ogni nostra manifestazione mostra di saper fondere, sempre più e con mirabile equilibrio, la matrice accademica, con spunti di modernità, sapientemente miscelati e impiegati, che mai scadono nell oleografico. Noi, dirigenti nazionali, presidenti e, soprattutto, i giovani componenti dei gruppi, eroi di tutti i giorni, come alcuni enfaticamente amano definirci, pur nella sofferenza della crisi imperante, crediamo, sempre più, nelle nostre organizzazioni e nel nostro progetto di vita. Crediamo in quella parte di società composta di piccoli nuclei: la famiglia, la corporazione la Fitp e ne esaltiamo le peculiarità positive. Un mondo che si apre ai valori che hanno costruito la civiltà dei popoli e non ha mai spento i motori: gli eroi di tutti i giorni la gente del folklore i ragazzi della famiglia Fitp. Il lungo weekend dal 19 al 21 settembre ha, da poco, chiuso i battenti, ma prima di porre in archivio una così bella manifestazione, sia dal punto di vista puramente estetico che culturale, mi piace rivivere i momenti più esaltanti tante cornici diverse, ma tutte di uno stesso quadro, griffate Fitp. La vera epidemia del nostro tempo, come in svariate occasioni ho detto, è la perdita della Memoria. Oggi abbiamo la sensazione che lo spirito del ricordo dominante, sia l omologazione, che tende a cancellare il passato, al massimo, relegarlo in un recondito cantuccio di un solaio desueto e fuori moda. Se ciò accadesse, sarebbe l uomo stesso a morire. Chi conserva, chi tutela, chi diffonde la Memoria (e noi lo facciamo), fa qualcosa

5 IL FOLKLORE D ITALIA n. 05 / 2014 di paragonabile allo sforzo degli scienziati che, studiando il DNA, immaginano di farci vivere più a lungo e, magari, in buone condizioni. No, non sono un nostalgico conservatore, ma il mio, è l allarme di un pensiero unico, omologante e senza storia, che ognuno dovrebbe avvertire. Ognuno dovrebbe esaltare l importanza vitale della Memoria: quella non dei grandi fatti storici, ma dei ricordi, delle storie, dei drammi, dei sogni delle persone, dei fatti della vita di tutti i giorni, delle tradizioni locali, della cultura popolare, tramandata di generazione in generazione. Esigenza imprescindibile cui ha sempre teso l attività federale. Formazione dei gruppi per una corretta trasposizione scenica, condizione sine qua non, per presentarsi alla gente nella veste migliore e trasmettere sensazioni e, soprattutto, emozioni nel raccontare il passato. Non c è futuro senza Memoria Giovanni Paolo II Siamo sulla buona strada sono le parole dette dal professore Mario Atzori nel momento dei saluti. Segno che i nostri appelli, le nostre iniziative (Stage formativo sulla messa in scena- libro Prima etnografia d Italia - Rivista scientifica - Spettacolo laboratorio etc.), le tante manifestazioni a sfondo culturale, il continuo e benevole rimbrottare, ha avviato i gruppi sulla via maestra, indicata dalla nostra Consulta scientifica. I gruppi si sono esaltati ed hanno ottimizzato, con splendide trasposizioni sceniche, il tema dello Spettacolo laboratorio, dalla Consulta indicato e tendente a far rivivere riti, ricorrenze e feste di etnie che mai scompariranno nell oblìo del nulla. I gruppi sono cresciuti, sono più professionali, perché più attenti nella ricerca. Che piacevole sorpresa!, ha esclamato Franco Megna al termine dello Spettacolo laboratorio. Non amo fare il cronista della manifestazione (lo faranno, come sempre, Antonio D Amico e Leo Conenno), desidero solo parteciparvi le mie impressioni e, soprattutto, le mie sensazioni nel vivere tutti i momenti esaltanti dell evento nella splendida Grottammare. La perla dell Adriatico ha regalato suggestioni ed emozioni in quantità industriale, dagli spettacoli di piazza allo Spettacolo laboratorio, dai giochi popolari e partita di calcio alla Rassegna gastronomica Italia in piazza con i cuochi, dalla Santa Messa alla Parata del folklore e allo scambio dei doni. Ben ventuno gruppi, in rappresentanza di nove Regioni: Calabria, Basilicata, Puglia, Umbria, Toscana, Abruzzo, Marche, Lombardia, Campania, hanno onorato l accogliente e ridente cittadina marchigiana, che ha indossato, per tre giorni l affascinante abito tradizionale. Ho percepito - ha detto il sindaco Enrico Piergallini, al momento dei saluti -, amici della Fitp, in queste poche ore vissute con voi, che nel vostro mondo, oltre all indubbia professionalità, Cultura e Amicizia, viaggiano in perfetta sintonia e ciò vi fa meritare considerazione, stima e rispetto che mai niente e nessuno potrà scalfire e cancellare. Troverete sempre, nella nostra città, amici disponibili a collaborare con la vostra efficientissima organizzazione. Ultime mie impressioni e non certo per ordine d importanza, le sensazioni indescrivibili che ho provato nel rivedere tanti amici della casa del folklore italiano e di averne conosciuti di nuovi. Ma la cosa più bella è l aver incontrato ancora una volta, voi giovani, che rappresentate la linfa vitale del nostro movimento. Non mi stancherò mai di dire che siete il nostro cuore pulsante e l anima stessa dei popoli, uniti nella gioia, Il pubblico a Grottammare, sede di Italia e Regioni 2014 nell amicizia e nella speranza per un mondo ove trionfi una pace senza tramonto. E allora GRAZIE, cara vecchia Italia e Regioni, indistruttibile quercia dalle possenti e gagliardi radici, dalle fronde folte e lussureggianti, mai potrai scomparire nel nulla del nulla. La tua storia è la nostra storia, il tuo idioma è la nostra lingua, la tua struttura è la nostra organizzazione. Continuerai ad emozionare, quanti si avvicineranno a te per godere della tua fresca e rassicurante ombra. Sei una delle perle più lucenti del folklore e rappresenti l anima dei gruppi folklorici, uniti nella gioia, nell amicizia, nella solidarietà e nell amore per te, grande madre Fitp: Speme, diss io, è un attendere certo della gloria futura (Dante, Paradiso, XXV, 67-68). 5

6 speciale italia e regioni A Grottammare la crisi non ferma il folklore Italia e Regioni si conferma e strizza gli occhi agli Usa 6 di Leo Conenno redazione Fitp GROTTAMMARE (Ascoli Piceno) - Il folklore in tempo di crisi tira e piace. Lo certifica il successo della 33.ma edizione di Italia e Regioni, svoltasi a Grottammare, in provincia di Ascoli Piceno. «Un edizione da incorniciare - ha rimarcato più volte Benito Ripoli, presidente nazionale della Fitp, durante la tre giorni in terra marchigiana -. La perla dell Adriatico (così è conosciuta Grottammare, ndc) ha regalato a tutti suggestioni ed emozioni in quantità industriale. Un immenso grazie a tutti. Abbiamo comunque ancora una volta dimostrato che il nostri mondo è vivo, poggia su radici forti, e che ha nei nostri giovani difensori validi, più he mai convinti del loro compito nonostante le tante difficoltà, soprattutto di natura economica che le nostre realtà incontrano quotidianamente». E a proposito di crisi in genere e di spending review, Luigi Scalas, vicepresidente nazionale della Fitp, ha lanciato un appello affinché manifestazioni del genere e tutte le tradizioni popolari trovino sempre spazio e accoglienza in ogni angolo d Italia. «Le nostre sono radici profonde. Le tradizioni popolari vanno portate avanti, sempre». A prescindere da tutto, il folklore è gioia, amore. Anche perché la Fitp guarda oltre i confini. Allo studio in seno alla Giunta nazionale la possibilità di portare Italia e Regioni all estero. Con un sogno del presidente Ripoli: gli Stati Uniti d America. Il Raduno nazionale dei gruppi folklorici affiliati alla Fitp ha dunque fatto tappa ancora una volta nelle Marche, regalando tante suggestioni ed emozioni. Il merito è di tutti. Dalla macchina organizzativa (impeccabile il lavoro svolto dal presidente del Comitato Fitp-Marche, Pamela Trisciani, dal consigliere nazionale Mario

7 Gruppi presenti al Gala del Folklore Italiano Spoletino di Spoleto (Perugia) Gigetto del Bicchiere di Rivoreta Cutigliano (Pistoia) Pizzeche & Muzzeche di Vieste (Foggia) La Cocolla de Mojia di Mogliano (Macerata) Amici del Folk di Melito di Porto Salvo (Reggio Calabria) La Rondinella di Cancellara (Potenza) I Gioppini di Bergamo Coro Folk di Sulmona (L Aquila) Teatino di Chieti La Mannola di Amandola (Fermo) Asprumunti di Cardeto (Reggio Calabria) Lu Chicchirichì di Viggiano (Potenza) Lapecheronza di Ruvo di Puglia (Bari) I Passeri solitari di Recanati (Macerata) Sa mmalindine di San Valentino in Abruzzo Citeriore (Pescara) Ortensia di Ortezzano (Fermo) Colle del Verdicchio di Staffolo (Ancona) Lerario di Silvi Marina (Teramo) Città di Matelica (Macerata) I dirigenti della Fitp e le autorità locali sul palco di piazza Kursaal Borroni e da Bruno Bordoni dello staff del presidente), all ospitalità del Villaggio Le Terrazze, quartier generale della carovana Fitp, passando per l Amministrazione comunale di casa, guidata dal sindaco Enrico Piergallini. «Le passioni ha evidenziato il primo cittadino di Grottammare avvicinano e mettono insieme le persone. L Italia è attraversata orizzontalmente dal cuore. Tenete accesa la lampada delle tradizioni». Tradizioni popolari a tutto tondo in scena Grottammare. Piazza Kursaal, cuore incantevole del centro turistico piceno è stata lo scenario del Gala del folklore italiano. Nelle due serate, presentate da Daniela Martino e Francesca Grella, i sodalizi saliti sul palco hanno rappresentato le origini di provenienza catturando l attenzione e la curiosità anche dei turisti presenti. Tanti gruppi folklorici si sono messi in ballo con lo Spettacolo-laboratorio coordinato dal prof. Mario Atzori, presidente della Consulta scientifica della Fitp. Ogni realtà presente ha messo in scena temi e coreografie ricavate dalla ricerca effettuata nei territori di appartenenza. Ad aggiudicarsi i Giochi della tradizione popolare l Umbria, vinci- trice di tre discipline. Sempre più consensi per la manifestazione gastronomica Italia in piazza con i cuochi. La giuria presieduta dall assessore nazionale Aldo Pierangeli ha dato un ex aequo per il primo posto tra Enzo Biondo del Gruppo folklorico Asprumunti di Cardeto (Reggio Calabria) che ha scelto i Maccaruni cu buccularu e Giuseppe Basile del Gruppo folklorico Lapecheronza di Ruvo di Puglia (Bari), che ha preparato la Purea di fave in letto di verdure con crostini e contorno di friggitelli. La chiesa di San Pio V ha fatto da cornice alla messa celebrata da don Guido Coccia. Poi tutti per le vie principali della perla dell Adriatico per la Grande parata del folklore. A Grottammare è tornata in campo anche la Nazionale di calcio della Fitp. Nuovo successo per i nostri colori: battuti 11-8 i politici locali. Tanti i dirigenti della Federazione presenti nelle Marche. E gli ospiti. Tra questi i sindaci di Ortezzano (Fermo), Giusy Scendoni, di Cardeto (Reggio Calabria), Pietro Fallanca e di Vieste (Foggia), Ersilia Nobile. Il consigliere nazionale Borroni con il sindaco di Grottammare

8 speciale italia e regioni Tutti si mettono in scena Ecco la trasposizione dei patrimoni culturali 8 Nel quadro delle manifestazioni connesse all evento Italia e Regioni 2014, sebbene ci sia stato l inconveniente subito risolto di una breve interruzione a causa di un improvvisa pioggia, lo Spettacolo Laboratorio, da considerare come un importante momento di confronto e di verifica tra i gruppi e, quindi, come fase sperimentale e di riflessione critica della messa in scena dei rispettivi patrimoni culturali, a Grottammare, nel Villaggio Le Terrazze, questa volta ha avuto un esito particolarmente positivo. Tutti i gruppi partecipanti hanno proposto messe in scena molto interessanti. Si deve sottolineare che alcuni, a giudizio generale degli spettatori e non soltanto degli esperti, hanno dimostrato di aver raggiunto livelli di specificità teatrale di tipo professionale. L argomento da rendere in spettacolo è stato liberamente scelto da ogni gruppo; l unico vincolo era dato dal tempo della rappresentazione che doveva svolgersi nell arco di 12 minuti, arrivando ad una tolleranza massima di 15. Probabilmente il fatto che il tema fosse libero ha contribuito a determinare il successo della manifestazione che, per il futuro, potrebbe essere ampliata ed organizzata nell arco di un intera giornata con un relativo dibattito di analisi e di riflessioni tra i gruppi, gli spettatori, i quadri dirigenti della Federazione e i cosiddetti esperti. Probabilmente, in questo modo, si potrebbe realizzare un valido momento di confronto didattico e di analisi sul complesso fenomeno, dove i gruppi si sentono coinvolti, riguardante l attuale realtà e vitalità delle tradizioni popolari. Ecco nell ordine i gruppi che si sono esibiti con una sintesi dei rispettivi temi messi in scena. Ortensia, tema: Il saltarello nel tempo. Il gruppo ha inteso affrontare la complessa evoluzione che il saltarello avrebbe subito partendo dagli antichi rituali agrari del mondo classico, per poi passare attraverso la tradizione coreutica medievale, rinascimentale e romantico-ottocentesca e così giungere trasformata nella dimensione popolare, così come è documentata dagli studiosi a partire del secolo XVIII. Il tema appare troppo ambizioso e difficile da condensare in 12 minuti; la ridotta capacità di sintesi non ha consentito un approfondimento esaustivo, sebbene la messa in scena sia stata interessante per stimoli e suggestioni da svolgere in rappresentazioni con tempi più lunghi. Amici del folk, tema: L emigrante. L emigrazione calabrese agli inizi del 900. L argomento affrontato ha permesso una messa in scena abbastanza efficace, grazie alla capacità teatrale del primo attore che ha costituito sia voce narrante, sia importante supporto canoro dell insieme dello spettacolo, durante il quale il gruppo ha rispettato spazi e ruoli teatrali. I passeri solitari, tema: La serenata e il corteggiamento. L interesse del gruppo è rivolto verso un passato di tipo romantico, nel quale i rapporti tra i giovani erano regolati da controlli sociali morali fortemente vincolanti, molto diversi da quelli attuali. Nel passato, era molto diffusa la serenata eseguita dall innamorato verso la fanciulla da richiedere in sposa. Il gruppo ha proposto questa interessante problematica rappresentando una serenata e un saltarello festivo e, quindi, risolutorio e conclusivo dell incontro tra i due innamorati. Tuttavia, per evitare di avere come riferimento soltanto un passato ormai desueto, quantunque interessante da documentare, forse sarebbe stato utile confrontare quel passato del mondo contadino con quello attuale postindustriale e postmoderno.

9 Asprumunti, tema: Vita in ruga (ovvero, la vita del vicinato di una strada). Anche in questo caso l interesse fondamentale del gruppo è rivolto ad un passato paesano ormai desueto, nel quale mancava la televisione e le relazioni sociale di stretta reciprocità, quali, per esempio, quelle del vicinato erano quelle più prossime e vincolanti. Lo spettacolo è stato messo in scena in modo appropriato con voce narrante che ha spiegato le regole che fissavano, nel passato, il comportamento, nelle diverse fasi sociali, delle famiglie e dei diversi personaggi del vicinato paesano di strada. Sarebbe stato interessante concludere tramite confronti con l attuale realtà di tipo urbano nella quale è presente soprattutto l individualismo, rispetto alla reciprocità solidale del passato. Pizzeche & Muzzeche, tema: La litigata (ovvero, il litigio delle donne nel vicinato). Come per i gruppi precedenti, la messa in scena riguarda la vita paesana del vicinato dove spesso, in contrasto con i rapporti di reciprocità, avvenivano forme di scontro veicolate dalle donnesche ne erano le protagoniste principali. I motivi potevano essere vari, ma spesso erano basati su pettegolezzi della quotidianità, così come quelli proposti dal gruppo. Tuttavia, anche in questo caso, così come per quelli precedenti, sono valide le considerazioni già fatte prima. Lu Chicchirichì, tema: La devozione di Viggiano e la devozione dei pellegrini. Il gruppo affronta l attuale realtà folklorica della devozione popolare rivolta alla Madonna nera, di tradizione grecobizantina, presente a Viggiano, in Basilicata e in altre comunità dell Europa mediterranea. Nella messa in scena, è risultato interessante il racconto, realizzato da ragazzi che ne parlano tra di loro, dell origine della devozione e della festa in onore della Madonna. Nelle fasi scenografiche risultano bene incastrati i diversi momenti sia devozionali, sia festivi, nei quali si connettono con particolare attenzione gli spazi teatrali riservati alla processione e quelli del ballo del catafalco della Madonna. I Gioppini, tema: La cultura contadina bergamasca. Questo gruppo, come altri visti prima, ha rivolto il suo interesse alla messa in scena di un mondo contadino ormai scomparso; tuttavia, tale attenzione al passato è stata trasposta teatralmente con una trasposizione scenica molto moderna e contemporanea, nella quale sono stati utilizzati gli spazi e le fasi dello spettacolo in modo appropriato nel rappresentare i diversi argomenti. Da qui l originalità dello spettacolo strutturato su elementi semplici, come la cattura delle api per rinchiuderle nell arnia ripresa da uno scioglilingua bergamasco o come la riproposta della baghette (la cornamusa lombarda). Da sottolineare, nella rappresentazione, il cambio degli abiti di scena durante lo spettacolo per passare a fasi ed argomenti differenti. Per quanto riguarda gli argomenti messi in scena, si deve precisare, inoltre, che l attualizzazione moderna dello spettacolo colma l assenza di confronti con l odierna realtà culturale. Lapecheronza, tema: La tradizione contadina di Ruvo di Puglia. Anche questo gruppo rivolge le sue attenzioni alle antiche tradizioni della vendemmia delle comunità pugliesi e, in generale, meridionali; in tale quadro culturale colloca l origine dei propri balli nella pigiatura dell uva nei tini per ottenere il mosto e, quindi, nelle connesse feste in occasione delle varie raccolte, da quella dei cereali a quella dell uva. In sostanza, secondo la messa in scena proposta dal gruppo, si andrebbe dal tripudiare sull uva per ottenere il mosto ai passi dei balli delle varie tarantelle. In tale contesto, inoltre, si collocherebbe anche il ritmo che caratterizza l andatura del calesse. Se l argomento vendemmia e tradizioni enoiche risulta interessante, forse sarebbe stato opportuno, proprio nel contesto pugliese, in cui sono presenti derivazioni della Grecia dionisiaca, storicizzare il fenomeno, trovando riscontri con i riti e le danze dionisiache e cercando, fra l altro, di verificare i processi di trasformazione, che si sono verificati negli ultimi quarant anni, tra il ballo delle tarantate di Galatina e quello dell odierna pizzica, come fenomeno di attrazione spettacolare. 9

10 editoriale speciale italia e regioni All Umbria lo scudetto dei giochi popolari 10 Le Marche portano bene all Umbria. Senigallia 2007-Grottammare 2014: sette anni dopo, l Umbria torna sul gradino più alto dei Giochi della tradizione popolare. E lo fa per merito del Gruppo folklorico Spoletino di Spoleto (Perugia), portacolori della regione vincitrice della manifestazione che rispolvera i giochi di una volta. Tre le discipline conquistate dal team umbro: trottola, fazzoletto e corsa nei sacchi. Quanto basta per mettere lo scudetto in saccoccia e portare a casa il trofeo assegnato dalla Fitp. Scenario dell edizione 2014 il Villaggio Le Terrazze. Larga la partecipazione dei componenti dei vari gruppi di tutte le regioni presenti a Italia e Regioni. Nonostante le bizze del tempo, un po di pioggia qua e là, nessuno si è tirato indietro quando è stato chiamato in causa. Una competizione sana all insegna della gioia e dell allegria. Vince l Umbria. Festeggiano tutti. La magia del folklore regala anche queste emozioni. Regioni presenti Abruzzo - Basilicata - Calabria - Puglia Toscana - Marche - Umbria - Lombardia Regione vincitrice Umbria Regioni vincitrici dei giochi Braccio di ferro maschile: Marche Braccio di ferro femminile: Abruzzo Cerchio: Abruzzo Tiro alla fune femminile: Marche Tiro alla fune maschile: Calabria Trottola: Umbria Fazzoletto: Umbria Lippa: Lombardia Ciappa: Basilicata Corsa con l uovo nel cucchiaio: Calabria Corsa nei sacchi: Umbria Corsa 1500 metri: Basilicata Vincitori dei giochi Braccio di ferro maschile: Nicolas Sanpaolo Braccio di ferro femminile: Rita Di Credico Cerchio: Marcello Bernabei Tiro alla fune femminile: Paola Polidori, Sara Antonelli, Alice Rotoli, Gerica Donati, Ilaria Ubaldi, Veronica Cerioni Tiro alla fune maschile: Demetrio Core, Antonio Familiare, Concetto Familiare, Luca Antonio Familiare, Filippo Cilione, Saverio Ambrogio Trottola: Furio Profili Fazzoletto: Giulia Carlini, Daniele Valentini, Marco Magrini, Michele Magrini Veronica Caputi, Martina Bosi Lippa: Ivan Botta Corsa con l uovo nel cucchiaio: Rosanna Ronchi Corsa nei sacchi: Daniele Valentini Corsa 1500 metri: Maurizio Gargaro Ciappa: Prospero Pizzo

11 IL FOLKLORE D ITALIA n. 05 / 2014 BRACCIO DI FERRO FEMMINILE CIAPPA CERCHIO LIPPA

12 speciale italia e regioni BRACCIO DI FERRO MASCHILE CORSA 1500 METRI CORSA CON L UOVO NEL CUCCHIAIO 12 FAZZOLETTO

13 IL FOLKLORE D ITALIA n. 05 / 2014 TIRO ALLA FUNE FEMMINILE TROTTOLA 13 CORSA NEI SACCHI TIRO ALLA FUNE MASCHILE

14 speciale italia e regioni Asprumunti Città di Matelica Coro Folk Sulmona 14 I Passeri solitari

15 Lapecheronza La Mannola Lu Chicchirichì 15 Sa mmalindine Teatino tp.org

16 speciale italia e regioni Colle del Verdicchio Amici del Folk Gigetto del Bicchiere 16 Gioppini La Cocolla de Mojia

17 IL FOLKLORE D ITALIA n. 05 / 2014 La rondinella Ortensia Lerario 17 Pizzeche & Muzzeche Spoletino

18 speciale italia e regioni Profumi e sapori da tutta Italia Il folklore apre la cucina e delizia tutti 18 Convince e piace sempre più il binomio folklore-gastronomia. Tanto da valutare la succulenta idea di una manifestazione ad hoc, autonoma, che possa meglio esprimere la tradizione culinaria dei territori presenti. La proposta arriva da Grottammare, sede della 33.ma edizione di Italia e Regioni e presto potrebbe essere argomento di discussione nell ambito delle attività ufficiali della Fitp. Insomma un momento da coltivare e cucinare. Questo perché, nell ambito del Raduno dei gruppi folklorici affiliati alla Fitp, da alcuni anni trova spazio e risalto la manifestazione Italia in piazza con i cuochi, finalizzata alla riscoperta e alla diffusione della cucina tradizionale casalinga nazionale. L edizione 2014 ha visto protagonisti otto partecipanti, che presso il Villaggio Le Terrazze hanno dato vita ad una sfida a colpi di mestoli e pentole, prendendo per la gola i presenti. Su tutti i componenti della giuria presieduta da Aldo Pierangeli, assessore della Fitp, che hanno assegnato il primo posto a Giuseppe Basile del Gruppo folklorico Lapecheronza di Ruvo di Puglia (Bari) e Enzo Biondo del Gruppo folklorico Asprumunti di Cardeto (Reggio Calabria). Il concorrente pugliese ha deliziato tutti con la Purea di fave in letto di verdure con crostini e contorno di friggitelli ; il cuoco calabrese ha convinto con i Maccaruni cu buccularu. Per la valutazione dei piatti si è tenuto conto di tre aspetti: ambientale, tecnico e qualitativo. Elementi riportati nel regolamento della manifestazione gastronomica. Pietanze da ogni angolo d Italia si sono incontrate nelle Marche. Delizie culinarie a confronto. I profumi e i sapori emanati hanno deliziato tutti. Una festa delle prelibatezze di casa nostra con protagonisti i componenti dei gruppi folklorici affiliati alla Fitp. Tradizioni popolari a tutto tondo: la cucina tipica indossa l abito tradizionale e si delizia con pentole e fornelli. E non sono mancati la musica, le danze e i canti popolari, prima, durante e dopo la preparazione dei piatti. Un percorso interessante e necessario, se si considera che, in molte parti d Italia, non c è una vera e propria letteratura gastronomica e che ricette e tipicità vengono quasi sempre tramandate dalla tradizione orale, la stessa che caratterizza il mondo del folklore. Da qui la necessità di cerare appositi momenti di confronto e di valorizzazione di questo spaccato della tradizione popolare che ha nella cucina un punto di riferimento molto importante. Su queste motivazioni la Federazione italiana tradizioni popolari coltiva l idea di dare maggiore impulso a questo evento, pur tutelando il contesto per cui la rassegna è nata. Insomma, Cuochi in piazza cresce e sogna di diventare al più presto maggiorenne.

19 1 classificato ex aequo con 150 punti OPERATORE: Giuseppe Basile GRUPPO FOLKLORICO: Lapecheronza Lapecheronza di Ruvo di Puglia (Bari) PIETANZA: Purea di fave in letto di verdure con crostini e contorno di friggitelli *** OPERATORE: Enzo Biondo GRUPPO FOLKLORICO: Asprumunti di Cardeto (Reggio Calabria) PIETANZA: Maccaruni cu buccularu *** 2 classificato con 126 punti OPERATORE: Leonello Marcolini GRUPPO FOLKLORICO: La Mannola di Amandola (Fermo) PIETANZA: Strozzapreti alla sibillina *** 3 classificato ex aequo con 105 punti OPERATORE: Enrico Marini GRUPPO FOLKLORICO: Spoletino di Spoleto (Perugia) PIETANZA: Fegatelli di maiale alla spoletina *** OPERATORE: Angelantonio Maggiore GRUPPO FOLKLORICO: Pizziche & Muzzeche di Vieste (Foggia) PIETANZA: Gnocchitelli di ricotta *** 4 classificato ex aequo con 100 punti OPERATRICI: Gabriella Seghi, Vincenza Lo Monaco GRUPPO FOLKLORICO: Gigetto del bicchiere di Rivoreta Cutigliano (Pistoia) PIETANZA: Polenta di granturco con sugo di cinghiale *** OPERATRICE: Rosanna Quistini GRUPPO FOLKLORICO: I Gioppini di Bergamo PIETANZA: Polenta bergamasca con involtini (uccellini scappati) *** OPERATORE: Elio Paoloni GRUPPO FOLKLORICO: Staphilè di Staffolo (Ancona) PIETANZA: Brodetto alla marottese *** Giuria Presidente GESUALDO PIERANGELI, assessore nazionale Fitp Componenti GIUSEPPE BERNABEI, indicato dal Coro folk Sulmona (L Aquila) CESIDIO PETAZZA, indicato dal Gruppo folk Teatino di Chieti PIETRO BASILE, indicato dal Gruppo folk La Rondinella di Cancellara (Potenza) ENZO COCCA, assessore nazionale Fitp Rappresentanti Enti territoriali PINO GALA, componente Consulta scientifica Fitp 19 tp.org

20 speciale ital 20

21 ia e regioni 21

22 speciale italia e regioni Amatevi e perdonate Tante emozioni e grande momento di fede durante la celebrazione della messa presso la chiesa San Pio V di Grottammare. Officiato da don Guido Coccia, il rito religioso dedicato ai gruppi folklorici presenti a Italia e Regioni ha posto l attenzione sull amore e sul perdono. «Amate l altro come Dio ci ha amato», ha evidenziato il sacerdote durante l omelia. Don Coccia ha parlato anche di libertà, responsabilità e fragilità. La messa è stata animata dal Coro Lerario di Silvi Marina (Teramo). Ma tutti i sodalizi presenti sono stati coinvolti durante la celebrazione eucaristica. Preghiere, canti e il momento della Comunione, con l offerta dei doni da parte dei rappresentanti di tutti i gruppi presenti. Preghiere e liturgia in formato folklore. In ogni manifestazione targata Fitp questo momento speciale si rinnova. E nessuno vuole perderlo per la magia particolare che regala. Nazionale Fitp, nuovo successo Torna in campo e vince la Nazionale di calcio della Fitp. A Grottammare, in occasione della 33.ma edizione di Italia e Regioni, il nostro team ha battuto in un incontro di calcio a 5 i politici locali il risultato finale. Guidati dal presidente nazionale Benito Ripoli, sono scesi in campo Giovanni e Maurizio Gargaro, Saverio Cota, Antonio Ripoli, Emanuele Setaro, Umberto e Prospero Strigliano, Michele Longo, Francesco D Avanzo, Basilio Pennesi, Franco Gurgoglione e Antonio De Cato. Per la Fitp hanno segnato Saverio Cota (tripletta), Benito Ripoli (tripletta), Basilio Pennesi (doppietta), Michele Longo, Francesco D Avanzo e Emanuele Setaro. I politici di Grottammare (diretti a bordo campo da Alessandra Buca) hanno schierato Alessandro Rocchi, Gabriele Palestrini, Bruno Talamonti, Stefano Novelli, Cesare Carboni, Clarita Carboni, Claudio Tacchini e Lucio Scartozzi.

23 il personaggio Quel singolare cavaliere veliterno di Ivo Di Matteo Presidente Comitato Fitp-Lazio VELLETRI (Roma) - Tra i personaggi del folklore laziale, un ruolo di primo piano spetta sicuramente a Franco De Masi, presidente del Gruppo folklorico equestre Città di Velletri. Già dal nome del Gruppo si capisce di cosa si occupa Franco. Sono più di trenta anni, prima come direttore tecnico poi come presidente, che è alla guida del sodalizio, affiliato alla Fitp, forse l unico gruppo che ha poco a che fare con la musica o il ballo popolare, ma di costumi, i suoi cavalieri ne indossano molti, di tutte le epoche e di tutte le fogge fedelmente riprodotti, fedele nei minimi particolari è anche la riproduzione dei finimenti e delle bardature per i cavalli. I soci e cavalieri del Gruppo sono venti, si esibiscono in sfilate e rievocazioni storiche, giostre dell anello, quintane e caroselli dove si distinguono per la loro abilità equestre e destrezza. Franco, con i suoi ragazzi e cavalli, a volte lo incontriamo anche nelle manifestazioni prettamente targate Fitp, come nell edizione del calendario 2012 a Nemi, allo stadio Olimpico per la Partita del cuore 2013, al Festival internazionale di Velletri, alla festa di San Antonio Abate. Da segnalare anche la partecipazione alla 29.ma edizione di Viva la Befana con il corteo dei Magi a San Pietro da Papa Francesco. I costumi che indossano sono romani, rinascimentali o dei primi dell Ottocento a seconda della manifestazione che in quel momento rappresentano; anche i carri, Franco De Masi con l attrice Gabriella Pession carrozze e bighe sono fedelmente riprodotti, quando non sono addirittura originali. De Masi possiede un parco carrozze da far invidia ai più forniti cineasti. Carrozze come landau, berline, vis-à-vis, carretti a vino, bighe e slitte che guida con destrezza passando tra la folla, con i suoi bei cavalli bianchi di origine andalusa o neri di razza frisona, con una semplicità che lo rende non un cocchiere ma il cocchiere, anche grazie all aiuto dei suoi artieri abituati ormai a qualsiasi situazione equestre. Le esibizioni più impegnative sono le sfilate nei cortei storici con i costumi del 500, i caroselli, il palio, ma Franco partecipa sovente anche a produzioni di spettacoli televisivi e fiction, lo abbiamo visto in Don Matteo con Terence Hill e recentemente nelle vesti del cocchiere nella fiction Rai Rossella, il coraggio di una donna, ed è anche spesso presente al cinema ma non da spettatore. Il gruppo dei Cavalieri veliterni si è esibito più volte all estero in occasione di Festival internazionali (come quello di Murcia - Spagna) e continua ancora ad esibirsi riscuotendo unanimi consensi. Chissà se un giorno il presidente De Masi ci farà la sorpresa di comparire con la sua cavalleria in qualche edizione di Italia e Regioni? 23 tp.org

24 lo studio La moderna messa in scena delle tradizioni popolari 24 colo è proposto; si devono tenere presenti le esigenze dei promotori, di fatto, organizzatori e committenti della festa e della relativa perfomance. Ma ci ha più volte suggerito Virginia Barret nel seminario didattico svoltosi a San Giovanni Rotondo tutto può essere superato con una buona dose di creatività. Quindi, una sceneggiatura deve, necessariamente, essere accompagnata da un lavoro che porta ad analizzare possibili problemi, definire i concetti e trovare soluzioni che portino a una versione che funzioni nella realizzazione degli spettacoli. Se, pertanto, vogliamo buttar giù uno spaccato di vita tradizionale in forma di sceneggiatura, la prima domanda che ci si presenta è da dove cominciare. E raro che le idee arrivino complete. Molte sceneggiature nascono da un improvvisa scintilla intuitiva; emerge da una sequenza di immagini, da un personaggio che abbiamo conosciuto e che vive nei nostri ricordi o nei ricordi di una intera nostra comunità. Possono essere brandelli di storie a richiamare la nostra attenzione e chiedere di essere raccontati. Infatti, le nostre tradizioni traboccano di storie affascinanti, personaggi, miti, leggende, feste che possono diventare... scena. Ci sono, quindi Franco Megna Segretario Generale Fitp Negli ultimi decenni, con le riflessioni provocate dal diffondersi delle istanze avanzate dall antropologia della perfomance, è sorta, tra i gruppi folklorici italiani, una particolare attenzione per stabilire come mettere in scena, con adeguata proprietà, le tradizioni popolari di realtà economico-sociali e agro-pastorali di un passato ormai scomparso; in pratica, è nato il problema come compiere le trasposizioni canore e coreutiche, un tempo esibite nelle piazze e per le strade dei quartieri urbani e dei paesi, negli attuali particolari spazi circoscritti e ristretti come sono i palcoscenici allestiti in occasione delle numerose feste, sagre e rassegne, durante le quali i gruppi si esibiscono, riproponendo rifunzionalizzate le proprie tradizioni. Nell odierno momento di ricerca, tale questione richiede una prima semplice riflessione sullo stato dell arte su come continuare il cammino intrapreso da diversi gruppi per realizzare le messe in scena delle rappresentazioni da essi proposte. Si tratta di una riflessione che, ovviamente, è aperta al contributo di possibili differenti opinioni che si auspica ci siano. Per entrare nel vivo del dibattito, per esempio, con piacere noto che diversi gruppi folklorici, prima di affrontare il palcoscenico, scrivono la sceneggiatura delle loro trasposizioni sceniche, cercando di armonizzare la ricerca etnografica, da un lato, e le regole dello spettacolo, dall altro. Scrivere una specifica sceneggiatura non è cosa facile, sia perché nessuno di noi è scrittore o regista, sia perché, molte volte, come è stato sottolineato nell interessante e valido seminario didattico di San Giovanni Rotondo, i gruppi, nelle piazze e/o nei teatri, devono superare problematiche tecniche e logistiche di non facile soluzione e tra di loro spesso abbastanza differenti; per esempio, rispetto ad un passato basato soltanto sulla spontaneità dell esibizione, attualmente si devono considerare gli spazi, l efficienza degli impianti fonici e illuminotecnici; si deve valutare la realtà sociale alla quale lo spetta-

25 IL FOLKLORE D ITALIA n. 05 / 2014 di, molti modi per iniziare, molte forme per ordinare le idee. In tale fermento, però, è importante scrivere qualcosa per vedere ciò che si ha in mano e, quindi, cominciare a decidere per trovare la direzione da prendere, anche perché scrivere significa liberare la mente da alcune idee e lasciare così spazio perché altre emergano. Come è noto, le buone idee evocano nuove idee. Le idee si collegano ad altre idee e eureka! la storia comincia a prendere forma nelle sue componenti fondamentali: l idea di base, la trama, i personaggi, la musica, le immagini (canti, danze, costumi, coreografie, ecc ), i dialoghi e così di seguito. Per la realizzazione di una messa in scena, ho messo al primo punto, tra le componenti fondamentali, l idea di base o di partenza, in quanto, nelle nostre sale prove, solo osservando la linea narrativa, possiamo capire se la storia che vogliamo raccontare ha un senso logico, se ha movimento e direzione. Se un quadro non è collegato al successivo, possiamo aver preso una direzione che non ha nulla a che fare con la storia. Se la storia si è impantanata, dobbiamo e possiamo capire dove manca l azione. Se il dialogo scenico non è chiaro, dobbiamo e possiamo vedere che la storia non procede o ha perso emozione. Se prima si dedica più tempo a pianificare la sceneggiatura, si arriverà con maggiore facilità ad un esito più scorrevole; in conclusione, si arriverà a trasposizioni sceniche delle proprie tradizioni popolari convincenti ed attuali da un punto di vista spettacolare, con il consenso positivo del pubblico. La realizzazione di una sceneggiatura necessita, pertanto, non solo della nostra conoscenza e della nostra abilità, ma anche della nostra passione e inventiva, oserei dire, necessita di intuizione artistica; ovvero, per scrivere una sceneggiatura sono necessari la nostra voce particolare, la nostra visione, la nostra prospettiva, la nostra esperienza, ma, soprattutto, i nostri atteggiamenti personali che non possono prescindere dallo studio e dalla voglia di imparare. Ma, nonostante la nostra esperienza, la nostra abilità, la nostra passione, i nostri studi, alla fine, bisogna essere criticamente coscienti che la domanda che ci si deve porre, nel realizzare una trasposizione scenica di una tradizione popolare rifunzionalizzandola, è sempre la stessa: piacerà al pubblico?. Un dato fondamentale per pensare al successo è ricordare che il consenso del pubblico non dipende mai da un solo elemento. Generalmente, uno spettacolo piace se emoziona, se c è qualcosa in quello spettacolo che parla agli spettatori. Piace se tra il palcoscenico e il pubblico si stabilisce un contatto. Stabilire un contatto (con garbo, con intelligenza, senza invadenza o volgarità) è l espressione chiave per ottenere l applauso. Ci sono modi precisi nei quali il pubblico nella scena entra in rapporto con gli attori ; cogliere queste modi ci può aiutare a tirar fuori gli elementi piacevoli delle nostre sceneggiature. Proprio come uno scultore che modella il legno o il marmo deve accordarsi al materiale che utilizza, così noi dobbiamo impiegare il nostro corpo e la nostra voce quali mezzi per rendere accessibile la nostra interpretazione. A Grottammare, per esempio, I Gioppini di Bergamo, lavorando sulla gestualità, sulla postura, sulle varie e diverse assonanze della voce, hanno fatto diventare uno scioglilingua popolare un piccolo capolavoro scenico. Bisogna, quindi, partire da una sorta di interiorizzazione della scena che si va a rappresentare; bisogna inghiottire e digerire ogni attimo del testo (musicale, canoro, coreutico, scenico, ecc ) prima di poterlo esteriorizzare. Non sempre si può improvvisare: a decretare un successo è la qualità della tensione, la qualità del ritmo, prima della sceneggiatura e, poi, della trasposizione scenica. 25

26 l evento Riconoscimenti per antropologi e ricercatori La ricerca va in vetrina a Cassano all Ionio di Leonardo Alario Consulta Scientifica Fitp così coinvolto il pubblico da essere applaudito più volte e lodato dalla stampa nei giorni successivi. Notevoli e applauditi gli interventi, nel corso della consegna dei riconoscimenti, del presidente Benito Ripoli e del presidente regionale della Fitp, Michele Putrino, così come del presidente della Pro loco di Castrovillari, Giovanni Amato, e 26 Alcuni protagonisti della manifestazione in terra calabrese CASSANO ALL IONIO (Cosenza) - Straordinario successo ha ottenuto la nostra Federazione la prima serata, quella del 26 settembre dedicata al tema della partenza e delle dolorose conseguenze tra speranza di riscatto e desiderio del ritorno. Il Gruppo folklorico Pro loco di Castrovillari ha presentato, curato da Gerardo Bonifati, assessore alla cultura della Fitp, lo spettacolo demoetnoantropologico Paisanə, e Franco Megna, segretario generale della Fitp, ha parlato, con un avvincente monologo, di Lettere di spartenza. Nel corso della serata la Fitp e il Gruppo folklorico Pro loco di Castrovillari sono stati acclamati soci onorari dell Istituto di Ricerca. Lo spettacolo ha dell assessore del Comune di Cassano, Paola Grosso. In un clima di grande cordialità, segnato da spirito d amicizia e di fedeltà all impegno proprio della Fitp, che è quello di ricercare, studiare e riproporre la cultura di tradizione orale delle nostre popolazioni per preservarla e diffonderla nel mondo, e, ancor più, quella di

27 IL FOLKLORE D ITALIA n. 05 / 2014 Mons. Nunzio Galantino proporre messaggi di pace e di fratellanza universale fra i popoli, la serata si è conclusa, tra emozione e commozione, con saluti non rituali, ma intensi e sentiti. Nel corso della serata successiva, dedicata alla consegna dei riconoscimenti dalla giuria del Premio Cassano, giunto alla 17.ma edizione (presieduta da Ottavio Cavalcanti dell Università della Calabria, e composta da Pasquale Caratù e Annaluisa Rubano dell Università di Bari, da Filippo Burgarella, Giampiero Givigliano e Giuseppe Trebisacce dell Università della Calabria, e da Leonardo R. Alario, presidente dell Istituto di ricerca e di studi di Demologia e di Dialettologia e ideatore del Premio), ancora una volta la Fitp in evidenza, poiché il Premio per l Antropologia è stato assegnato quest anno al presidente della Consulta scientifica, il prof. Mario Atzori, insigne studioso di chiara fama, per una vita dedicata alla didattica universitaria e alla ricerca, spaziando, con acume, dall etnografia sarda alle sortite in terra d Africa, lasciando tracce non effimere nel campo museografico e della documentazione visuale. Altri premiati sono stati lo storico Francesco Salvatore Prontera dell Università di Perugia, il linguista Danilo Bertoli dell Università di Bari, l etnomusicologo Cataldo Perri, la Casa editrice Falco e il giornalista Matteo Cosenza. Da segnalare anche la presenza di mons. Nunzio Galantino, vescovo di Cassano e segretario generale della Cei. Il Premio Cassano, istituito da Leonardo R. Alario, per anni docente di Storia delle tradizioni popolari nell Università della Calabria, membro del Comitato scientifico del Centro interdipartimentale di documentazione demoantropologica dell Università della Calabria e della Consulta scientifica della Fitp, è destinato a studiosi antro- pologi, linguisti, etnomusicologi, storici, editori di chiara fama, che abbiano dedicato una collana alle discipline demo-antropologiche, linguistiche e storiche, per far conoscere alle giovani generazioni la loro opera e stimolarle, così, alla ricerca, ma anche per invitare detti studiosi a rivolgere le loro ricerche e i loro studi al Meridione d Italia in modo sistematico, continuo e, infine, proficuo per ridisegnare la mappa delle condizioni sociali, antropiche, culturali della regione. La collaborazione, insomma, fra Irsdd, che opera d intesa con le Università italiane, la Fitp e la Pro loco di Castrovillari ha dato subito i suoi frutti, e frutti notevoli. Il prof. Atzori ritira il Premio per l Antropologia 27

28 vita dei gruppi Sulla Grande Muraglia il folklore calabrese con la Pro loco di Castrovillari ristica ambita e desiderata. Infatti, molto suggestivo è stato visitare e ammirare i luoghi e i prestigiosi e maestosi monumenti che caratterizzano la realtà culturale cinese: la Città Proibita, simbolo dell antico potere imperiale, la famosa Piazza Tienanmen dove sorge il mausoleo di Mao Tse-Tung, gli spettacoli di arti marziali dei monaci Shaolin, il Palazzo d Estate residenza estiva dell Imperatore, la Grande Muradi Anna Rita Cardamone giornalista CASTROVILLARI (Cosenza) - La stagione estiva del Gruppo folklorico della Pro loco di Castrovillari si conclude con un particolare successo conseguito con la trasferta nella Repubblica Popolare Cinese. 28 Infatti, in questo ultimo periodo, che apre le porte all autunno, il sodalizio calabrese è stato protagonista di tre importanti manifestazioni: lo spettacolo presso il Largo del Protoconvento Francescano in occasione di Civita...nova 2014 a Catrovillari, l esibizione avvenuta a Cassano Jonio in occasione della consegna del riconoscimento come socio onorario dell Irsdd (Istituto di ricerca e di studi di De- mologia e di Dialettologia) e, infine, la partecipazione al Festival internazionale del folklore di Pechino. Queste interessanti esperienze hanno determinato che il gruppo non sia considerato come un semplice realizzatore di spettacoli in grado di promuovere viaggi e divertimento, ma soprattutto come un centro di ricerca orientata allo studio delle tradizioni popolari dell area culturale del Pollino, in generale, e di Castrovillari, in particolare; tali attenzioni di indagine scientifica di tipo etno-antropologico, inoltre, vengono sviluppate, tramite un attenta riflessione critica, per realizzare uno specifico processo di rifunzionalizzazione delle tradizioni popolari del passato, grazie ad una loro moderna messa in scena al fine di riattualizzarle nell ambito dei canoni delle odierne rappresentazioni teatrali e televisive. Questo obiettivo ha consentito al gruppo di proporsi verso gli altri come esempio e stimolo per accogliere e sviluppare tale istanza di riattualizzazione e rifunzionalizzazione del vasto patrimonio culturale che caratterizza le diverse regioni italiane. Sulla base di tale quadro culturale e scientifico la comunità di Castrovillari e del Pollino sono stati adeguatamente rappresentati a Pechino nel XVI Festival Internazionale del Turismo. Infatti, la manifestazione che ha visto i 25 componenti del gruppo presenti in Asia a rappresentare la cultura e le tradizioni calabresi, ha confermato ancora una volta che la formazione castrovillarese viene scelta per rappresentare il folklore italiano, in cui opera da anni, con capacità, dedizione e passione. Il gruppo, oltre ad esibirsi in diversi luoghi della capitale cinese, ha avuto l occasione di visitare posti magici che, negli ultimi tempi, hanno fatto della Cina una realtà culturale divenuta meta tu-

29 La Pro loco di Castrovillari in Cina glia, una delle sette meraviglie del mondo, estesa per oltre 7000 km, Il Tempio del Cielo, imponente edificio immerso nella natura reso affascinante per i suoi colori e la sua architettura e tanto altro che non cito per esigenze di sintesi. Un esperienza straordinaria e indimenticabile che ha regalato a tutti i componenti momenti di grande emozione risultando occasione irripetibile di arricchimento, insegnamento e opportunità di confronto tra la nostra cultura e le nostre tradizioni con quelle molto differenti del mondo Cinese. Ancor prima di incantare il pubblico delle città di Pechino e di Tianjin, il Gruppo folklorico della Pro loco di Castrovillari si era esibito qualche giorno prima della partenza all interno della manifestazione Civita nova con lo spettacolo Suoni e memorie di un tempo perduto. Un importante e suggestiva nuova espressione scenica da offrire al pubblico come spettacolo di piazza, nel quale le esibizioni del corpo teatrale abbandonano definitivamente l impostazione statica e continuativa del semicerchio, sinistra e destra a tempo ed avanti con la prossima canzone, per favorire lo svolgimento di uno spettacolo improntato su racconti scenici tratti dalla tradizione; in tali canovacci si possono utilizzare poesie, canti, musiche, balli popolari come strutture portanti di contenuti facili da veicolare verso gli spettatori. Queste strutture sono realtà e dimensioni socio-culturali di un passato ormai desueto che, però, può essere rivitalizzato come nostalgia, come viaggio nel passato, nel recente processo di recupero di identità che attualmente reagiscono al diffondersi della globalizzazione. Inoltre, il gruppo si è nuovamente esibito presso il Teatro comunale di Cassano allo Jonio nel corso della 17.ma edizione Premio Cassano istituito dall Irsdd, presieduto dal prof. Leonardo R. Alario, con una rivisitazione dello spettacolo demoetnoantropologico Paisani che tanta soddisfazione ha dato negli anni alla Pro loco locale. Nel corso della serata il presidente dell Istituto ha consegnato al presidente della Pro loco, Giovanni Amato, alla presenza delle numerose autorità del mondo accademico antropologico e della Federazione italiana tradizioni popolari il riconoscimento di Socio Onorario dell Istituto di Ricerca. I numerosi encomi ricevuti nel tempo danno al gruppo un importante prestigio in Italia e all estero a conferma della capacità di far conoscere e raccontare il folklore castrovillarese dando, inoltre, la possibilità ai tanti giovani, che frequentano la Pro loco, di nutrirsi di esperienze straordinarie, di godere del valore assoluto dell amicizia consolidato dallo stare bene insieme e di conoscere sempre meglio, grazie allo studio e alla ricerca continua, le tradizioni della nostra terra amata e apprezzata da un pubblico sempre più attento e numeroso che richiede costantemente nuove e significative proposte spettacolari. 29

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PALIO DEI CASTELLI XL

PALIO DEI CASTELLI XL PALIO DEI CASTELLI XL Dal 1972 al 2015 // Intro Carissimi Soci ed Amici, la Pro Loco Castiglione Olona è lieta di festeggiare la quarantesima edizione del Palio dei Castelli con tutti Voi, che in questi

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 PREMESSA Il progetto annuale è stato definito secondo il modello di programmazione per sfondo integratore. Il GIRO D

Dettagli

Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO

Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO Gentilissimi, in allegato le nostre proposte teatrali per la Vostra scuola, con i progetti fare teatro e vedere

Dettagli

ceri di gubbio palio di siena sbandieratori di oristano carnevale di viareggio scacchi viventi presepe vivente di marostica infiorata di genzano

ceri di gubbio palio di siena sbandieratori di oristano carnevale di viareggio scacchi viventi presepe vivente di marostica infiorata di genzano CALENDARIO 41x50:Calendario Presid 41x50 12-11-2008 17:03 Pagina A regata storica di venezia battaglia delle arance infiorata di genzano carnevale di viareggio scacchi viventi palio di siena calcio storico

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

La musica che ho in mente

La musica che ho in mente SOCIETA FILARMONICA DI BUSSOLENO La musica che ho in mente Concorso per le scuole materne, elementari, medie e liceo del territorio di Bussoleno, Chianocco, Foresto. Concorso dedicato e gestito dalla Società

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

NEWS ITALO CONTI AUTORE E REGISTA

NEWS ITALO CONTI AUTORE E REGISTA VISITA IL SITO WWW.ITALOCONTI.COM NEWS ITALO CONTI AUTORE E REGISTA 09-11-13-18-19-24-25-26 Gennaio 2014 PORTA IN SCENA LA PRIMA DI WWW.SCAMPAMORTE.IT E terminata la 41 fatica della Filodrammatica Cittadina

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

SuperClasse CUP E D I Z I O N E 2 0 1 1

SuperClasse CUP E D I Z I O N E 2 0 1 1 SuperClasse CUP E D I Z I O N E 2 0 1 1 SUPERCLASSE CUP IL PROGETTO La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settore Giovanile e Scolastico, con il patrocinio del Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 CRITERI DI ESPOSIZIONE DEI DATI L analisi che segue espone i dati dello spettacolo relativi alle manifestazioni avvenute nel primo semestre 2006 rilevati

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Io sono l attimo come il fiume che scorre

Io sono l attimo come il fiume che scorre Io sono l attimo come il fiume che scorre Cristina Pia Sessa Sgueglia IO SONO L ATTIMO COME IL FIUME CHE SCORRE Le mie poesie teatro di vita www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Cristina Pia Sessa

Dettagli

TEMATICA: fotografia

TEMATICA: fotografia TEMATICA: fotografia utilizzare la fotografia e il disegno per permettere ai bambini di reinventare una città a loro misura, esaltando gli aspetti del vivere civile; Obiettivi: - sperimentare il linguaggio

Dettagli

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 L anno scolastico si e concluso,ed è giunto il momento di fare una verifica sul lavoro svolto e sui risultati conseguiti. Il percorso

Dettagli

Associazione Giornalisti Cosentini Maria Rosaria Sessa. Cosenza - Sala Convegni Coni - Piazza Matteotti 19 giugno 2010

Associazione Giornalisti Cosentini Maria Rosaria Sessa. Cosenza - Sala Convegni Coni - Piazza Matteotti 19 giugno 2010 Associazione Giornalisti Cosentini Maria Rosaria Sessa Cosenza - Sala Convegni Coni - Piazza Matteotti 19 giugno 2010 L attenzione ai problemi interni L attenzione ai problemi dello sviluppo favorire la

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Home INCONTRO ESTIVO CON UN AMICO DI CEFALU'

Home INCONTRO ESTIVO CON UN AMICO DI CEFALU' Home INCONTRO ESTIVO CON UN AMICO DI CEFALU' 4 Agosto 2008, 08:24 Giuseppe Tornatore, dopo vent anni torna a Cefalù come un semplice ospite a passare una serata con amici, una sera d estate. Una serata

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

ALKEOS Associazione per Fini Sociali ONLUS Alkeos_onlus@yahoo.it

ALKEOS Associazione per Fini Sociali ONLUS Alkeos_onlus@yahoo.it Razionale del progetto Si tratta del primo appuntamento di portata internazionale di una lunga serie di eventi che si apre con il 2005, in sintonia con l importante progetto realizzato dall Associazione

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Indagine tra gli studenti della Laurea Triennale UNISG

Indagine tra gli studenti della Laurea Triennale UNISG Indagine tra gli studenti della Laurea Triennale UNISG Seconda Edizione, A.A. 2013-2014 Principali risultati 18 Giugno 2014 Indagine realizzata a dicembre 2012 tra gli iscritti alla Laurea Triennale nell

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA.

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. AIRC. DA OLTRE 40 ANNI LA NOSTRA FORZA SONO LE TANTE PERSONE CHE CREDONO IN NOI. Dietro la sigla AIRC ci sono quasi due milioni di soci

Dettagli

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo Prefazione Il calendario 2011 della Croce Rossa Italiana della Provincia di Teramo è dedicato agli oltre mille tra Volontarie e Volontari che, dopo aver svolto la loro attività lavorativa, impegnano parte

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

INDAGINE SULLE VACANZE

INDAGINE SULLE VACANZE Livello scolare: 5 a classe INDAGINE SULLE VACANZE Competenze interessate Contenuti Nuclei coinvolti Collegamenti esterni -Rappresentare relazioni e dati e, in situazioni significative, utilizzare le rappresentazioni

Dettagli

La Movida. Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura

La Movida. Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura Alla C.A. del dirigente scolastico Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura Da realizzarsi nel corso dell anno scolastico 2013-2014 Foto di gruppo Salone internazionale

Dettagli

Una nuova opera sui Balli Nazionali Video dimostrativi con amalgamazioni per appassionati, competitori, maestri e dirigenti.

Una nuova opera sui Balli Nazionali Video dimostrativi con amalgamazioni per appassionati, competitori, maestri e dirigenti. www.tuttoballo.net è un dominio registrato. Copyright 2004. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta, memorizzata in sistemi d'archivio o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo. I trasgressori

Dettagli

Periodico d informazione del Club ANNO 2015/2016-14 aprile

Periodico d informazione del Club ANNO 2015/2016-14 aprile Periodico d informazione del Club ANNO 2015/2016-14 aprile 100 Percent Paul Harris Fellow Club www.rotaryclubdalminecentenario.org Il mentalismo e la prestidigitazione Nella serata del 14 aprile Gian Battista

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA.

VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. VOI SIETE LA FORZA DELLA RICERCA ANCHE NEI VOSTRI MOMENTI DI GIOIA. AIRC. DA OLTRE 40 ANNI LA NOSTRA FORZA SONO LE TANTE PERSONE CHE CREDONO IN NOI. SOSTENGA LA RICERCA NEI MOMENTI CHE CONTANO, PER LEI

Dettagli

Scuola Teatro Natura

Scuola Teatro Natura PROPOSTE DI GITE SCOLASTICHE PER SCUOLE ELEMENTARI E MEDIE 8-13 ANNI Scuola Teatro Natura Teatro del Montevaso presso Tenuta Agroforestale del Montevaso - chianni 1/5 SCUOLA TEATRO NATURA PERCORSI PER

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli GLI SPETTACOLI 1 Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli Il Filo di Arianna è una performance teatrale che si interroga sulla condizione femminile nella società contemporanea. Al

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Veneto cantiere cultura energia creativa

Veneto cantiere cultura energia creativa Veneto cantiere cultura energia creativa Atlante Veneto della Cultura FEDERCULTURE statistiche e analisi sulle dinamiche del settore cultura in Veneto Roberto Grossi, Presidente Federculture L ATLANTE

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri)

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri) Linee programmatiche per un anno di cammino per Adolescenti PRIMO ANNO TEMA DI FONDO: Il Senso della VITA, qualsiasi essa sia La riflessione su questo tema si sviluppa in quattro tappe per un totale di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROGETTO

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

UNIVERSITÀ DI SIENA 1240. Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne L ANTICO FA TESTO

UNIVERSITÀ DI SIENA 1240. Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne L ANTICO FA TESTO L ANTICO FA TESTO Progetto didattico per la valorizzazione del mondo antico e degli spazi museali attraverso forme di drammaturgia contemporanea a cura del Centro di Antropologia del Mondo Antico Premesse

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi.

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi. Cari amici dei Salesiani, all inizio di questo nuovo anno formativo desideriamo presentarvi un breve riassunto delle nostre attività dalla fine del giugno scorso fino a settembre. 1 giugno - Animazione

Dettagli

FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015

FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015 FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015 L Associazione Cavalieri di Santa Fina, il cui nome onora Fina dei Ciardi, la giovinetta morta in odore di santità il 12 marzo 1253 e diventata compatrona di San

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 3 3 Ad Emmaus si canta che è una bellezza S O M M A R I O In Prima 1 Caro amico 2 ti scrivo Eventi 3 Articolo 4 Fashion Lavelli 5 LA SETTIMANA SCORSA

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

SUL MATRIMONIO. Kahlil Gibran

SUL MATRIMONIO. Kahlil Gibran SUL MATRIMONIO Allora Almitra di nuovo parlò e disse: Che cos è il Matrimonio, maestro? E lui rispose dicendo: Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre. Sarete insieme quando le bianche ali

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

L importanza di abitare in periferia

L importanza di abitare in periferia I nuovi colori dell Italia elettorale L importanza di abitare in periferia di Ilvo Diamanti LA GIORNATA DELLE MARCHE TRA IDENTITA E ORGOGLIO Materiali presentati al Teatro Rossini, Pesaro, 10 dicembre

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Festa di compleanno della FILARMONICA AVVENIRE BRUSIO CHE COMPIE 125 ANNI

Festa di compleanno della FILARMONICA AVVENIRE BRUSIO CHE COMPIE 125 ANNI Intervento di Arturo Plozza sindaco di Brusio Brusio, sabato 19.05.2012 Festa di compleanno della FILARMONICA AVVENIRE BRUSIO CHE COMPIE 125 ANNI Buona sera a tutti! Una festa di paese che coinvolge tutta

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

LIONS CLUB SESTO SAN GIOVANNI HOST. 48 ANNO SOCIALE 2014-2015 Newsletter N 4 Maggio - Giugno 2015

LIONS CLUB SESTO SAN GIOVANNI HOST. 48 ANNO SOCIALE 2014-2015 Newsletter N 4 Maggio - Giugno 2015 Distretto 108Ib-4 1 Circoscrizione Zona B LIONS CLUB SESTO SAN GIOVANNI HOST 48 ANNO SOCIALE 2014-2015 Newsletter N 4 Maggio - Giugno 2015 Presidente Segretario Cerimoniere Luca Sabatini Salvatore Bomparola

Dettagli