Scuola comunale dell infanzia TEMPO MAGICO via Vasari, 23 Trieste

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola comunale dell infanzia TEMPO MAGICO via Vasari, 23 Trieste"

Transcript

1 Scuola comunale dell infanzia TEMPO MAGICO via Vasari, 23 Trieste Predisposto dal Collegio degli Educatori in data 09/10/13 Adottato dal Consiglio di Scuola in data 28/10/13 1

2 Il nostro paese e la nostra città vantano un importante primato: un sistema di offerta di scuole dell'infanzia - quelle che una volta chiamavamo "asili" e che sono riservate ai piccoli tra i 3 e i 6 anni - che riesce a rispondere ad oltre il 90% della richiesta da parte delle famiglie, un record assoluto che ci mette ai primi posti in Europa. Oltre all'evidente funzione di aiuto alla conciliazione tra tempi di vita e di lavoro, siamo in grado di offrire ai nostri bambini una meravigliosa palestra dove imparare a stare insieme, ad ascoltare, a rispettare le regole, a creare relazioni, arrivando così alla scuola primaria in grado di seguire l'insegnante e relazionarsi più agevolmente con i compagni: è stato dimostrato infatti che i bimbi che hanno già frequentato la scuola dell'infanzia saranno, nei successivi cicli scolastici, più preparati, più socievoli, autonomi e creativi. Non dimentichiamo altresì che la scuola dell'infanzia rappresenta anche un momento fondamentale di integrazione per i bimbi e per le famiglie che non hanno la cittadinanza italiana: per apprendere l'italiano e per confrontarsi, primo momento di socializzazione e punto di incontro anche per mamma e papà. Da tantissimi anni quindi Trieste rappresenta un fiore all'occhiello del sistema educativo italiano per il segmento 3-6, grazie soprattutto al lavoro, molto spesso faticoso e poco conosciuto, del personale delle nostre scuole. Un patrimonio che si colloca tra i migliori d'italia e che affida al Comune di Trieste, all'area Educazione e soprattutto agli educatori, coordinatori pedagogici e personale ausiliario una grande responsabilità: quella di contribuire, ogni giorno, al percorso educativo e pedagogico che porterà i nostri bambini e bambine alla scuola dell'obbligo. Il POF, Piano dell Offerta Formativa, è un importante strumento di programmazione della singola scuola, ma è solo un primo passo di un anno ricco di nuove esperienze che vedrà i bambini come primi protagonisti. Il buon successo è dato dall impegno di tutti gli attori di questa avventura chiamata scuola dell infanzia e l educazione deve continuare ad essere una scommessa 2

3 importante che tutti, nei nostri rispettivi ruoli, dobbiamo saper giocare: un investimento da realizzare per permettere ai nostri bambini di esercitare i propri diritti e per consentire alla nostra comunità di costruirsi un futuro. Auguro a tutti, bambine e bambini, operatori e famiglie, un proficuo anno scolastico. Antonella GRIM, Assessore Area Educazione Università e Ricerca 3

4 Sommario Parte generale pag. 5 La nostra scuola pag. 9 I progetti di intersezione pag. 20 L intercultura pag. 21 L identità del Tempo Magico pag. 23 I Progetti di sezione pag. 25 La sezione azzurra pag. 26 La sezione verde pag. 31 La sezione rossa pag. 35 La sezione arancio pag. 39 La sezione rosa pag. 42 La sezione gialla pag. 45 Educazione alla religione cattolica pag. 48 I bambini del Sabato pag. 50 4

5 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Un bambino può insegnare sempre tre cose ad un adulto: a essere contento senza motivo, a essere sempre occupato con qualche cosa, e a pretendere con ogni sua forza quello che desidera. Paulo Coelho, Monte Cinque, 1996 Il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) è la carta d identità delle scuole che illustra le modalità organizzative e la progettazione degli itinerari di apprendimento finalizzati allo sviluppo di tutte le dimensioni della personalità di ciascun bambino, facendo riferimento ai campi di esperienza cioè ai diversi ambiti del fare e dell'agire del bambino: 1. Il sé e l altro: le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme 2. Il corpo e il movimento: identità, autonomia, salute 3. Immagini, suoni, colori: gestualità, arte, musica, multimedialità 4. I discorsi e le parole: comunicazione, lingua, cultura 5. La conoscenza del mondo: ordine, misura, spazio, tempo, natura così come definiti nelle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (MIUR, Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca settembre 2012). Le scuole elaborano annualmente P.O.F. che viene pubblicato on line all'indirizzo: 5

6 Le finalità In questo documento il bambino è sempre al centro dell'azione educativa e, compito della scuola dell infanzia, è promuovere il suo sviluppo armonico e globale attraverso una metodologia basata sul gioco ed adeguata al livello di maturazione cognitiva, espressiva, affettiva e sociale: 1) creando uno spazio privilegiato per consolidare la propria personalità (maturazione dell identità); 2) stimolando ad apprendere condotte che progressivamente lo conducano all indipendenza (conquista dell autonomia); 3) proponendo svariate esperienze: sensoriali, percettive, motorie e intellettive (acquisizione delle competenze); 4) organizzando un luogo di vita, di relazioni e di apprendimenti, in un ambiente accogliente e motivante in cui si iniziano a conoscere le prime regole di convivenza collettiva (senso della cittadinanza). Essenziali a garantire tali finalità risultano essere le professionalità degli operatori e il dialogo continuo con le famiglie. L ambiente scolastico diviene così un contesto ricco di relazioni dove il personale agisce in stretta cooperazione con le famiglie nell ottica di una costante e reciproca alleanza educativa. Inoltre, da sempre, uno dei principi che assicurano la coerenza tra le diverse esperienze di vita dei bambini è quello della continuità educativa tra i vari cicli scolastici (nido d'infanzia, scuola dell'infanzia, scuola primaria e S.I.S.) tenendo sempre in primo piano la necessità di non frammentare i percorsi formativi. 6

7 I riferimenti normativi Oltre alle Indicazioni Nazionali del M.I.U.R. ed al Regolamento per le scuole dell'infanzia del Comune di Trieste, le scuole adottano come riferimento costante dell'azione educativa la "Convenzione ONU sui diritti dell infanzia e dell adolescenza", approvata dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, lo strumento normativo internazionale più importante e completo in materia di promozione e tutela dei diritti dell'infanzia. Gli ambienti di apprendimento Anche l organizzazione degli spazi e dei tempi necessita di un pensiero pedagogico condiviso dall intera equipe scolastica. In particolare: lo spazio deve risultare accogliente, invitante e funzionale 1) il tempo deve essere organizzato in routine quotidiane (l accoglienza, la merenda, l igiene personale, il gioco libero, il gioco strutturato ), rispettose dei ritmi del bambino e che gli consentano di riconoscere i diversi momenti della giornata scolastica attraverso una distribuzione ordinata delle attività educative, pur evitando gli irrigidimenti. L'organizzazione L orario d accoglienza è dalle 8.00 alle 9.00 con la possibilità di fruire di un servizio di pre-accoglimento fin dalle 7.30 in presenza di motivate esigenze familiari. Il ricongiungimento può avvenire in due momenti distinti: il primo è tra le ore e le (in base all organizzazione di ogni singola scuola), il secondo tra le ore e le È possibile un uscita intermedia concordata, di norma, alle ore Nel servizio opera: il coordinatore con funzioni pedagogiche, organizzative e gestionali, oltre che di raccordo tra bambini, insegnanti, genitori, amministrazione e 7

8 territorio; il personale educativo soggetto a turnazione antimeridiana e pomeridiana; il personale d appoggio incaricato di accogliere e seguire i bambini nelle loro attività ricorrenti di vita quotidiana, di riordinare e di curare le pulizie degli ambienti. E' previsto l insegnante di religione cattolica per i bambini che si avvalgono di tale insegnamento. La gruppo sezione (la tradizionale classe ) sezione rappresenta un modello organizzativo che favorisce il raggiungimento degli obiettivi formativi attraverso il riconoscimento di punti di riferimento significativi come gli angoli strutturati e i laboratori. Le classi si rapportano tra loro in modo aperto e flessibile, per consentire attività didattiche di intersezione per piccoli e grandi gruppi di bambini provenienti dalle diverse sezioni. La sezione è costituita da 25 bambini, ridotto a 20 in caso di presenza di bambini disabili con l'affiancamento di un insegnante di sostegno e la predisposizione di interventi individualizzati al fine di favorirne in modo adeguato ed efficace la frequenza. L'inclusione Particolare attenzione viene data ai bambini in situazione di disabilità, di disagio e di svantaggio sia con la costruzione di un percorso adeguato alle singole esigenze del bambino sia attraverso il lavoro di rete con i diversi servizi territoriali (Azienda Sanitaria, Servizi Sociali ). Le scuole dell infanzia di Trieste, città multiculturale e sensibile da sempre ai temi della convivenza tra etnie diverse, prevedono forme di accoglienza volte a favorire l inclusione dei bambini con cittadinanza non italiana, nella ferma convinzione che accogliere significa valorizzare l'identità culturale di ciascuno ed è dunque sinonimo di calore, professionalità e accuratezza. 8

9 Ed ecco la nostra scuola IL TEMPO MAGICO 9

10 Per conoscerci meglio. Ci sembra importantissimo spiegarvi come lavoreremo con i vostri bambini, farvi capire che le scelte educative, di materiali, di tempi non sono casuali ma conseguenti ad un pensiero pedagogico che viene da riflessione e pratica. Ecco allora i principali pilastri che reggono l impianto di questo Piano dell offerta formativa: il bambino è il reale protagonista della scuola, la quale deve presentare caratteristiche di flessibilità in modo che l organizzazione sia al servizio della pedagogia e non viceversa i tempi del bambino vanno rispettati per quanto concerne l orario scolastico, l organizzazione della giornata, i ritmi fisiologici, il primo inserimento e l ambientamento quotidiano gli spazi della scuola vanno costruiti in modo da favorire un alternanza di attività guidate e gioco libero, stimolato dalle proposte presenti nell ambiente i rapporti con la famiglia sono fondamentali per fondare un reale patto educativo in cui scuola e famiglia lavorano il più possibile in modo coerente e comunque guidati da fiducia reciproca gli apprendimenti devono essere guidati dall interesse del bambino e calibrati sul suo livello maturazionale l insegnante costruisce un rapporto con ogni singolo bambino sulla base di un analisi individualizzata delle caratteristiche cognitive e di personalità, della storia personale, delle competenze, dei tempi di sviluppo il lavoro per intersezione e nei laboratori affianca il lavoro in sezione va favorita la continuità verticale (con l asilo nido e la scuola primaria) ed orizzontale (rapporti con la famiglia e con altri operatori del territorio che si occupino dei bambini) 10

11 i bambini diversamente abili vanno inseriti nella scuola dell infanzia in modo da favorire al massimo lo sviluppo delle loro potenzialità e la socializzazione per i bambini provenienti da famiglie immigrate da altri Paesi l accoglienza va pensata in modo da offrire le medesime opportunità dei bambini italiani, con particolare attenzione al vissuto familiare il lavoro collegiale, la progettazione, la verifica e la valutazione sono momenti di riflessione sul proprio operare necessari ad assicurare un servizio di qualità. QUEST ANNO COSA SI FA??? continuiamo la nostra programmazione triennale sul tema DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE che esamina in particolare gli elementi naturali acqua, terra, aria. L anno scorso abbiamo trattato il tema dell acqua, ora tocca alla TERRA Buona lettura e buon anno scolastico al Tempo Magico 11

12 I nostri spazi La nostra scuola dell infanzia occupa tre piani dell ala sinistra di un edificio che ospita anche la primaria Anita Pittoni e dispone dei seguenti spazi: servizio Nel seminterrato: due refettori e la cucina, oltre ad alcuni locali di Al piano terra: tre sezioni - gialla, arancione e rosa- un laboratorio per le attività motorie, la direzione ed un corridoio molto spazioso che funge anche da salone ed ospita gli armadietti dei bambini Al primo piano: tre sezioni rossa, azzurra e verde- un laboratorio per attività varie, uno spogliatoio ed un corridoio molto spazioso che funge anche da salone ed ospita gli armadietti dei bambini Oltre che di questi spazi, i bambini usufruiscono della palestra a turno con la scuola primaria, e di un giardino attrezzato con giochi, tavoli e panchine 12

13 Il territorio, l utenza, i servizi Il rione di Barriera Vecchia è estremamente popoloso ed ha un numero elevato di bambini, infatti a pochi metri di distanza ci sono due scuole materne molto grandi e sempre al completo, nonché un asilo nido. Sono presenti le scuole primarie Anita Pittoni, Gaspardis e la secondaria di primo grado Fonda Savio, il ricreatorio Giglio Padovan ed alcuni oratori parrocchiali. L offerta formativa è poi completata da alcune società sportive. Gli spazi verdi sono molto limitati, in particolare è utilizzato dai nostri bambini il giardino di Villa Engelmann. Per quanto riguarda i servizi cui si appoggia la popolazione del nostro rione, in via Pascoli esiste l ufficio del Servizio Sociale mentre il Distretto Sanitario cui appartiene territorialmente la gran parte delle nostra famiglie è il quarto, che ha sede nel comprensorio di San Giovanni (ex OPP). I bambini iscritti alla nostra scuola provengono nella quasi totalità dalla zona limitrofa, il che favorisce le relazioni anche extra-scolastiche e spiega l elevato numero di famiglie non italiane, da cui infatti il quartiere è popolato in misura elevata. Anche quest anno il polo del sabato rimane presso la nostra scuola, visto anche il buon esito del primo anno in cui genitori e bambini si sono dichiarati molto soddisfatti. Al momento la maggioranza degli iscritti è naturalmente proveniente dal TEMPO MAGICO, ma non mancano tanti bambini di altre scuole comunali. Tra i progetti di sezione troverete anche il progetto del sabato. 13

14 La giornata scolastica La scuola dell infanzia è aperta dal lunedì al venerdì con orario 8-17 (è possibile un pre-accoglimento alle 7.30); l entrata avviene entro le 9, l uscita in tre momenti: dalle 13 alle 13.15, dalle alle e dalle alle 17. Al sabato la scuola è aperta con orario antimeridiano dalle 7.30 alle 13. A scuola la giornata del bambino segue questi ritmi: 9 merenda e poi tutti in bagno attività organizzate nel gruppo classe o intersezione igiene personale 12 pranzo e a seguire lavatura dei denti attività organizzate didattiche, di laboratorio, nel gruppo classe 15 merenda uscita e gioco libero 14

15 Le risorse umane Coordinatore pedagogico: Isabella Herlinger Insegnanti sezione rosa sezione arancione sezione gialla sezione rossa sezione azzurra sezione verde sabato religione cattolica maestre Gioeli e Adriana - Federica sostegno maestre Linda e Noretta maestre Alessandra e Sabina maestre Cristina e Simona maestro Lucio e maestra Lucia maestre Carla e Rossella Laura sostegno maestre Laura e Federica maestra Patrizia personale d appoggio: Paola, Flora e Antonella (coadiuvano il personale educativo soprattutto per l igiene personale dei bambini). In cucina: Etta, Magda, Matti,Davide Alle pulizie: Ilaria e Bojana 15

16 Le risorse materiali Alla scuola sono assegnate annualmente delle dotazioni finanziarie sia dall Amministrazione Comunale sia in base alla legge regionale 10/88. Tali dotazioni vengono impiegate, per l acquisto di beni di consumo (cancelleria, drogheria, farmacia), sviluppo foto e acquisto libri e giochi per la sezione. Il calendario scolastico Apertura servizio: 12/09/13 Vacanze di Natale: 23/12-06/01 compresi Vacanze di Carnevale: 03,04,05/03 Vacanze di Pasqua: dal 17/04 al 22/04 compresi Ponte: 02/05/2014 chiusura servizio: 27/06/14 inoltre tutti i giorni festivi chiusura ore 14: giorno della festa finale 16

17 La continuità educativa Si tratta di una metodologia di lavoro condivisa fra operatori di servizi diversi che assicura coerenza fra i vari soggetti che a diverso titolo o in momenti diversi seguono il bambino. Questi gli strumenti impiegati Continuità verticale Colloqui insegnanti scuola dell infanzia/scuola primaria Visite dei bambini grandi alle due scuole primarie del rione Documentazione di passaggio Continuità orizzontale Colloqui scuola-famiglia Collaborazioni con Azienda per i Servizi Sanitari e con i Servizi Sociali Contatti con associazioni sportive e del privato sociale presenti sul territorio 17

18 L inserimento Il primo inserimento nella scuola materna è un momento molto importante per evitare che il bambino lo viva come una forzatura e quindi vi si opponga. Alle volte capita che un bambino venga a scuola volentieri nelle prime settimane e poi cominci a rifiutarla, altre volte succede che rifiuti il cibo per lungo tempo o un insegnante diversa da quella cui si è legato Per aiutare il bambino in questa fase così delicata ed importante la scuola dell infanzia attua queste strategie: 1. inserimento graduale (non da subito presenza a scuola per l intera mattinata) 2. compresenza delle due insegnanti di sezione per la prima settimana 3. colloqui informativi e di conoscenza con le famiglie 4. assoluto rispetto, compatibilmente alle esigenze familiari, dei tempi del bambino 5. scelta degli spazi per i giorni dell inserimento (preferibilmente la propria sezione)

19 I genitori dentro la scuola Consiglio della scuola Riunioni informative per i genitori nuovi a giugno e a settembre Riunione di presentazione della programmazione ad inizio anno scolastico Colloqui con le insegnanti in corso d anno Commissione mensa Festa finale L attività collegiale Viene convocato mensilmente il Collettivo del personale, cui spetta formulare il Piano dell Offerta formativa, discutere di problematiche psico-pedagogiche, decidere in merito all organizzazione scolastica. Al di là del mero elenco delle riunioni, ciò che conta è che l attività collegiale permetta di operare scelte condivise da tutto lo staff educativo e dal personale ausiliario, che non ci siano decisioni calate dall alto se non in momenti di emergenza, e che le iniziative e i contributi di ogni singolo vengano opportunamente valutati e trasportati nella pratica laddove possibile. Ogni anno il personale è impegnato in un attività formativa volta a produrre cambiamento, consapevolezza del proprio agire e approfondimento di specifiche tematiche. Da quest anno si avvia una collaborazione triennale con l Università degli Studi di Trieste, Dipartimento di Studi Umanistici, che curerà con i propri docenti e ricercatori la formazione per il personale di Area Educazione. 19

20 Progetti DI INTERSEZIONE Sono i progetti che interessano tutte le sezioni e sono condotti nella modalità intersezione : bambini di sezioni diverse, anche per fasce d età omogenea, lavorano su un tema specifico con alcune insegnanti della scuola o con personale esterno. Progetti dedicati ai bambini grandi: educazione stradale, lingua straniera, danza. Inoltre in intersezione vengono proposti la religione cattolica (per chi se ne avvale), i canti, la preparazione e l attuazione delle feste. La compresenza delle insegnanti E previsto che, in occasione di progetti di intersezione, di uscite didattiche, per assenza della collega non sostituita, le insegnanti possano modificare il proprio orario di lavoro per favorire queste attività didattiche. Uscite didattiche Sono programmate delle uscite didattiche per la conoscenza del territorio, la biblioteca QUARANTOTTI GAMBINI, la visita alla mostra dei presepi (gruppi di bambini grandi). Inoltre le uscite per sezione che troverete elencate nei singoli progetti, ed altre in corso d anno secondo le disponibilità dei trasporti forniti dall Area Educazione. 20

21 Al Tempo Magico tutto fa intercultura Proprio così nella nostra scuola l educazione interculturale non è una materia o un attività didattica specifica, ma attraversa ogni momento della vita dei bambini e degli operatori. L interculturalità penetra tutta la nostra quotidianità: lo si vede nelle relazioni tra bambini che legano spontaneamente senza sapere se l altro è italiano o no; lo si capisce dai comportamenti degli operatori scolastici, ormai abituati a spiegarsi con un linguaggio gestuale e a dare molte informazioni che esulano dalla vita della scuola dell infanzia ma risultano utilissime per l inserimento sociale delle famiglie immigrate. Si nota nella presenza di numerosi mediatori spontanei, siano essi bambini che parlano due lingue, mamme che si aiutano fra loro, o fratelli maggiori che vengono a fare da mediatori alle proprie mamme. Un effetto di questo naturalmente si produce anche nelle attività didattiche, in quanto le maestre nei primi mesi di scuola utilizzano una metodologia che privilegia codici affettivi, corporei, espressivi piuttosto che verbali in senso stretto. Siamo certi di poter affermare che il bambino italiano che frequenta la nostra scuola non perde nulla in termini di apprendimenti, che sono ugualmente curati, ma acquisisce un bagaglio di competenze relazionali, una sensibilità verso l altro, un educazione alla convivenza che lo accompagneranno sempre. Ciò che in altre scuole è scontato al Tempo Magico non lo è, e così ci troviamo a spiegare cos è una risma di carta, o a dover compilare i moduli al posto dei genitori: certamente questo è un onere aggiuntivo al nostro lavoro ma la soddisfazione che deriva dalla sensazione di essere realmente importanti per queste persone è impagabile e regge la carica motivazionale che ci accompagna negli anni. 21

22 Le buone pratiche che adottiamo Presenza dei mediatori culturali all inizio dell anno per sostenere l inserimento del bambino e della sua famiglia Presenza dei mediatori culturali agli incontri con le famiglie Presenza dei mediatori culturali per coadiuvare il bambino straniero nelle attività didattiche Traduzioni di alcuni materiali informativi Attività educative interculturali di sezione: l oggetto di..la favola o la canzoncina il racconto delle proprie vacanze dai nonni.la Pasqua ortodossa Feste a tema Laboratori di italiano come lingua seconda 22

23 L identità del Tempo Magico Da qualche anno il Tempo Magico ha scelto queste linee come fondanti la propria identità Contemporaneamente esse rappresentano l obiettivo da raggiungere ogni anno. Ecco gli elementi che sono condivisi da tutto il team come importanti: la relazione fra colleghi e con le famiglie: vengono ritenuti elementi fondamentali la disponibilità e la collaborazione. In particolare con le famiglie è importante poter dedicare tempo all ascolto, avere e dare fiducia e costruire un rapporto continuativo nel tempo. L adeguatezza del progetto educativo tarato sul bambino reale e l adesione ad esso nel corso dell a.s. La costruzione del gruppo classe e di un rapporto con i bambini fondato sulla sincerità e sulla fiducia L importanza data anche alle regole di comportamento dei bambini condivise con le famiglie La documentazione fotografica per insegnanti e genitori Le uscite didattiche legate alla programmazione L accettazione sincera e priva di pregiudizi delle culture altre, la loro accoglienza con il lavoro di mediazione e di spiegazione che ne deriva. La continua autovalutazione e riflessione sul proprio agire, con un attenzione particolare per quella parte maggiormente legata alla ripetitività La presenza di certezze organizzative 23

24 Un attenzione speciale a. tutti quei bambini e a quelle famiglie che mostrano qualche difficoltà in più: perché non comprendono bene la nostra lingua, perché sono arrivati da un altra città e non conoscono ancora nessuno, perché hanno bisogno di un aiuto speciale per cominciare ad affrontare la Vita Ecco allora le progettazioni per i bambini diversamente abili, i progetti calibrati non solo sull età dei bambini quanto sull effettivo grado di maturazione, le griglie per i bambini grandi per verificare il possesso dei pre-requisiti necessari ad affrontare la scuola primaria. Che dire? Noi ce la mettiamo tutta! Buon anno scolastico! 24

25 I progetti di sezione 25

26 PROGRAMMAZIONE DELLA SEZIONE AZZURRA tutti giù per INTRODUZIONE In questo secondo anno del percorso didattico comune dedicato alla conoscenza dell Ambiente che ci circonda, affronteremo con i nostri bambini il tema della TERRA. Un argomento sicuramente impegnativo, vastissimo e carico di spunti metodologici e didattici. Quindi la TERRA vista come nome del nostro pianeta, oppure come semplice materiale con cui giocare ma anche fondamentale per farci crescere una piantina. Essa rappresenterà il filo conduttore che ci porterà fino alla fine dell anno scolastico, con la speranza di rendere le varie esperienze programmate altrettanto coinvolgenti e motivanti come lo sono state, l anno passato, quelle riferite all acqua. LA NOSTRA SEZIONE E ALCUNE NOVITA La Sezione Azzurra accoglie quest anno 25 bambini, di cui 16 maschietti e 9 femmine, suddivisi così per fasce d età: 7 Grandi, 9 Medi e 9 Piccoli. Di questi 25 bambini, 10 hanno la cittadinanza non italiana, e perciò, all occorrenza, lavoreremo a stretto contatto con i mediatori linguistici e culturali. Accanto agli spazi già conosciuti (angoli gioco, cucinetta, travestimenti, piccola libreria, angolo morbido, ecc.) quest anno pensiamo di proporre alcune novità stimolanti quali: IL SOMMERGIBILE AZZURRO (nuovo cartellone per l appello) OGGI AIUTO IO (attività quotidiana per migliorare l autonomia rivolta ai Grandi e ai Medi) IL MIO COMPLEANNO (nuova proposta per festeggiare il compleanno) 26

27 LE FINESTRE CREATIVE (abbellimento delle nostre finestre seguendo la stagionalità) Cercheremo di dare sempre opportuni spazi anche alle famiglie, attraverso le riunioni e i colloqui individuali. Inoltre coinvolgeremo i genitori in alcune attività didattiche e organizzative (p.e. uscite didattiche, gite, laboratori). LA NOSTRA MASCOTTE Per aiutare i bambini a raggiungere determinati OBIETTIVI che elencheremo successivamente, abbiamo pensato di farci aiutare da una simpatica mascotte, una carota, che fungerà da compagno di viaggio alla scoperta della terra. Le nostre proposte didattiche si articoleranno quindi in 3 momenti ben definiti dell anno che andranno a sviluppare il Progetto: IN VIAGGIO CON CAROTINA Indicativamente, terminato l importante periodo degli inserimenti, suddivideremo i restanti mesi dell anno con attività che coinvolgeranno la nuova mascotte. 1. CONOSCIAMO CAROTINA (creazione del personaggio, attività manipolative e grafico pittoriche, conversazioni, letture di favole e racconti, esperienze con i 5 sensi, giochi, ecc.) 2. CAROTINA CI SPIEGA LA TERRA (attività manuali con la terra, creazione di piccole serre e terrari, la semina, conoscenza del pianeta Terra, utilizzo del materiale portato dai bambini, ecc.) 3. CAROTINA INCONTRA GLI ABITANTI DI PULITIK ( approfondimento delle tematiche legate all educazione ambientale e al riciclo, con la narrazione e la drammatizzazione di una storia che racconterà l arrivo sulla Terra degli abitanti di PULITIK, il pianeta più pulito dell Universo. Arrivati con la loro astronave da molto lontano, troveranno il nostro pianeta molto sporco e bisognoso d aiuto.) 27

28 OBIETTIVI Conoscere, sperimentare, rielaborare tecniche e materiali Individuare caratteristiche dall osservazione di materiali Saper classificare, elencare, raggruppare, contare e misurare Esplorare nuovi materiali anche attraverso il gioco Confrontare le caratteristiche della terra durante gli esperimenti (prima, durante, dopo) Saper fare delle ipotesi su esperienze di trasformazione Acquisire regole comportamentali per la salvaguardia dell Ambiente Orientarsi nello spazio e nel tempo Utilizzare un adeguato linguaggio per descrivere le cose e per ricostruire le esperienze Saper stabilire relazioni temporali, causali, logiche Riuscire ad ascoltare e comunicare con i compagni Assumere comportamenti adeguati al luogo e alla situazione CAMPI DI ESPERIENZA COINVOLTI Pur nella consapevolezza che le proposte da noi formulate comprenderanno l intera gamma dei Campi di Esperienza, ne elenchiamo quelli sicuramente più coinvolti: IL SE E L ALTRO I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO ATTIVITA E METODOLOGIE D INTERVENTO Partendo dalla traccia del Progetto didattico IN VIAGGIO CON CAROTINA cercheremo di raggiungere i nostri OBIETTIVI salvaguardando comunque sempre le caratteristiche del singolo bambino e del gruppo Sezione, nonché suddividendo alcune proposte rispettando le 3 fasce d età presenti a scuola. Elenchiamo ora le attività e le metodologie più significative: osservazione di terra, pietre, fango, sabbia 28

29 manipolazione dei materiali giochi di trasformazione, travaso e costruzione giochi di semina e raccolta esperienze di assaggio e osservazione dei prodotti della terra (ortaggi, legumi, verdure, frutta) rappresentazione grafica e tridimensionale di fiori, piante, alberi osservazione e conoscenza della vita (animale e vegetale) sopra e sotto la terra rappresentazione e drammatizzazione dei mestieri legati alla terra (il contadino, il giardiniere, l ortolano, il fattore, ecc.) ascolto di favole, storie e racconti riguardanti il tema della terra ascolto e ripetizione di canzoni e filastrocche varie attività grafico/pittoriche (disegni, cartelloni, schede prestampate, tecniche stencil e frottage, ecc.) costruzione a scuola di piccole serre e terrari per la semina conversazioni e interviste con il gruppo classe creazioni di cartelloni e tabelle per la raccolta delle osservazioni sugli esperimenti l osservazione dei colori della terra l esperienza dei profumi della terra giochi di drammatizzazione, trasformazione, travestimento MATERIALI Utilizzeremo il materiale di cancelleria, di riciclo e quello portato dai bambini. Video, DVD, CD musicali, libri, riviste, das, pasta di sale, carta, cartoncino, colla, tempera, ecc. SPAZI Sezione, palestra, giardino, salone, stanza morbida, aula laboratorio al primo piano. USCITE DIDATTICHE L elenco, che non si può ritenere esaustivo, potrà essere modificato in qualsiasi momento. Molto dipenderà dalle condizioni atmosferiche, dalle disponibilità finanziarie per l utilizzo degli scuolabus, dagli interessi dimostrati dai bambini, dal possibile appoggio e collaborazione dei genitori. 29

30 ORTO BOTANICO IMMAGINARIO SCIENTIFICO (con laboratorio legato all argomento terra) CENTRO DIDATTICO NATURALISTICO DI BASOVIZZA AZIENDA AGRICOLA SUL CARSO TRIESTINO RIONE PARCO DI VILLA ENGELMANN VERIFICA La verifica del raggiungimento degli OBIETTIVI e dell acquisizione degli APPRENDIMENTI, passerà attraverso l osservazione sistematica, la compilazione di schede di valutazione per ogni singolo bambino, la raccolta del materiale personale del bambino, il costante confronto tra gli insegnanti, i periodici colloqui scuola/famiglia, la raccolta del materiale fotografico (anche attraverso il libro di Sezione con le foto delle attività più rappresentative), la valutazione dell utilizzo del libro dei percorsi formativi (solo bambini Grandi e Medi ). ALTRE ATTIVITA Valuteremo durante l anno eventuali proposte dovessero giungere alla nostra Sezione o all intera scuola da parte delle famiglie, dal territorio, dall Area Educazione, da singole Agenzie educative, dalle altre insegnanti. Seguendo sempre, parallelamente al Progetto annuale, le attività legate alle routine quotidiane, al cambiamento delle stagioni e alle festività tradizionali, parteciperemo anche alle proposte didattiche di Intersezione. Confidando, come sempre, nella vostra pazienza e collaborazione, auguriamo a tutti in buon anno scolastico. 30

31 PROGRAMMAZIONE DELLA SEZIONE VERDE (tracce del passato tracce del presente) INTRODUZIONE GENERALE AL PROGETTO tracce del passato A partire da importanti domande quali: chi erano i dinosauri e perché sono spariti? Chi c era prima e chi è venuto dopo? Esisteva l uomo al tempo dei dinosauri? e tante altre ancora, la nostra proposta didattica verterà, in primo luogo, sull approfondimento delle tracce del passato, che fungeranno da stimolo per avvicinare i bambini alla Preistoria. Molteplici avventure e grandi imprese fantastiche accompagneranno i Verdi esploratori attraverso il mondo dell uomo primitivo. Racconteremo com era la sua vita e come si è evoluto per soddisfare i bisogni primari come per esempio: il nutrirsi, il proteggersi dal freddo, dal caldo e dalle belve feroci. I piccoli esploratori entreranno nella macchina del tempo e vivranno esperienze ludiche e motivanti, dove la fantasia e la curiosità saranno protagoniste. 31

32 tracce del presente Successivamente, attraverso storie, poesie, racconti, parleremo insieme della terra da scoprire: cioè della Natura, cercando di costruire insieme ai bambini atteggiamenti e comportamenti di rispetto nei confronti dei viventi e del mondo in cui viviamo. Il contatto assiduo con gli elementi naturali, seguito poi dalla discussione e dalla rielaborazione dell esperienza, consentirà poi ai bambini di esplorare e scoprire come sono fatte e come funzionano le cose, la terra, l aria, l acqua, i semi. Si faranno quindi esperienze di manipolazione, di osservazione, di semina, di costruzione, e tante altre attività che ci insegneranno le regoline per diventare dei piccoli Verdi naturalisti. LA MAPPA DELLE ATTIVITA Tracce del passato Raccolte e preparazione dei materiali di tutto il progetto Costruzione della macchina del tempo e del suo motore che funziona per finta L uovo del dinosauro Le orme I fossili L osso di dinosauro L ambiente dei dinosauri Cosa mangiavano La loro scomparsa Costruzione di un libro tattile Facciamo i fossili in rilievo Noi bambini come gli uomini primitivi La scoperta del fuoco Creazione di semplici utensili per la caccia, l alimentazione, la scrittura rupestre con la polvere di caffè Preparazione del nostro museo di fine anno Tracce del presente Domande e scoperte curiose sulla: terra da scoprire (miscugli ed esperimenti) Terre diverse per forma e colori Com è fatta la terra La terra che dona Un mini orto in Sezione Semina che passione L orto multiculturale Raccogliamo sacchetti prelibati I vasetti profumati Il gioco della bancarella Lettura di libri sulla difesa della natura 32

33 CHI DOVE QUANDO Gruppi di età omogenea Gruppi di età mista In Sezione Palestra grande o stanza morbida Salone Giardino In più periodi dell anno Prima tappa (da ottobre a gennaio) Seconda tappa (da febbraio a maggio) STRATEGIE METODOLOGICHE La conquista di nuove conoscenze avverrà attraverso la manipolazione e la costruzione di semplici elaborati in argilla o altra pasta modellabile. Principalmente utilizzeremo una metodologia scientifica, inserendo nel gioco del fare del bambino alcuni atteggiamenti fondamentali: di indagine (esplorare, ricercare, osservare, analizzare ) applicativo-operativo (progettare e agire) concettuale-cognitivo (ipotizzare, denominare, ragionare ) COSA CI SERVE Materiale di riciclo portato da casa con l aiuto dei genitori Carta da pacco, colori a tempera, colla vinilica, rotolo foglio alluminio, pellicola trasparente, gesso in polvere, vaschette di alluminio, olio Semenze di diverso tipo, terre, contenitore di uova di cartone, spruzzino per l acqua, spugne vecchie 33

34 CAMPI DI ESPERIENZA COINVOLTI La conoscenza del mondo Linguaggi, creatività, espressione I discorsi e le parole Il sé e l altro Corpo e movimento OBIETTIVI Ascoltare, capire, intervenire adeguatamente Riorganizzare le fasi di una storia Riconoscere analogie e differenze Riflettere sulle esperienze fatte Sperimentare varie tecniche grafico pittoriche e costruttive Memorizzare e mimare testi musicali Sviluppare l immaginazione e la fantasia Sviluppare la curiosità e l esplorazione, porre domande, discutere, confrontare ipotesi, spiegazioni, soluzioni e azioni Maturare il rispetto verso la natura acquisendo piccole norme di comportamento VERIFICA Osserveremo i comportamento dei bambini nelle diverse attività, raccoglieremo le loro verbalizzazioni e gli elaborati realizzati sia individualmente che in gruppo. Verificheremo il livello di gradimento e partecipazione con osservazioni sistematiche. Documenteremo con foto gli esperimenti e le uscite. Ci confronteremo periodicamente tra insegnanti per la valutazione delle strategie impiegate. 34

35 SEZIONE ROSSA CON I PIEDI... PER TERRA! COMPOSIZIONE DELLA SEZIONE La sezione rossa è composta da 25 bambini di età diverse: 7 piccoli, 10 medi e 8 grandi. I bambini nuovi sono in tutto 10. PROGETTO ACCOGLIENZA I primi giorni di scuola li dedichiamo all'accoglienza e all'inserimento dei bambini nuovi. Aiutiamo così i bambini a superare il distacco dai genitori e ad accettare e conquistare serenamente il nuovo ambiente che, gradualmente, diventerà per loro un contesto familiare. Ascoltiamo e osserviamo i bambini durante l'inserimento e ci poniamo come punto di riferimento affettivo. Anche i bambini che proseguono il loro percorso hanno bisogno di sentirsi rassicurati. Ecco perchè già a settembre attrezziamo e strutturiamo gli spazi in modo accogliente e prepariamo i più grandi all'arrivo dei nuovi amici. Tramite attività di gruppo, motorie e musicali, i bambini scoprono il piacere di stare assieme e, una volta superata questa prima fase molto importante, inizieremo con la Programmazione annuale Con i piedi... per terra!. INTRODUZIONE Il Progetto scelto dalla Scuola come sfondo generale è la terra. Conosceremo meglio questo prezioso elemento della natura e aiuteremo i bambini ad acquisire atteggiamenti positivi nei confronti dell'ambiente. 35

36 Attraverso giochi, attività ed esperimenti abbracceremo tutti i Campi di esperienza: Il sé e l'altro Il corpo e il movimento Immagini, suoni, colori I discorsi e le parole La conoscenza del mondo. OBIETTIVI Come previsto dalle Indicazioni Nazionali, la scuola dell'infanzia si pone la finalità di promuovere nei bambini lo sviluppo dell'identità, dell'autonomia, della competenza e li avvia alla cittadinanza. Tenendo conto di questi obiettivi generali del processo formativo, gli obiettivi del nostro Progetto saranno i seguenti: Osservare e conoscere elementi naturali presenti nel proprio ambiente Usare i sensi per riconoscere le caratteristiche di quanto osservato Raccontare le esperienze vissute Stimolare la curiosità, la discussione, il confronto Favorire la capacità di formulare ipotesi, verificando i risultati ottenuti Maturare rispetto e assumere comportamenti responsabili verso la natura. METODOLOGIA Il percorso educativo-didattico sarà diviso a tappe e, ogni volta, si partirà dalle conoscenze dei bambini. 36

37 Elemento terra Discutiamo insieme: Che cosa ti viene in mente quando diciamo terra? Com'è fatta?... Ascoltiamo quello che dicono i bambini. Sulla terra possiamo star seduti, giocare, pasticciare... Condividiamo l'idea che Terra è anche il nome del pianeta in cui viviamo! Terra da scoprire Facciamo esperienze concrete, di manipolazione e di osservazione. Leggiamo libri che ci aiutino a capire meglio. Ci sono tanti tipi di terra se intesa come terreno... Terra intorno a me Anche nella nostra città è possibile osservare vari tipi di terra e di terreno: nel giardino della scuola, al parco giochi. E poi c'è il nostro Carso! Gli abitanti della...terra La terra permette la vita anche a piante e animali. Scopriamo assieme anche i loro piccoli e interessanti segreti. Terra da rispettare Rinforziamo in itinere la consapevolezza che la natura è preziosa per noi e che possiamo aiutarla a mantenere la sua bellezza con gesti di cura quotidiani. STRUMENTI Se sarà possibile nel corso dell'anno scolastico, effettueremo delle uscite didattiche per rinforzare le nostre conoscenze. La prima uscita, a novembre, sarà all Orto Botanico per osservare le piante e lavorare la terra 37

38 Inoltre utilizzeremo: libri e storie filastrocche e canzoni a tema immagini di ambienti naturali dvd e documentari cd musicali. Tutti i bambini della sezione rossa avranno 20 incontri con un insegnante di inglese specializzata. DOCUMENTAZIONE E VERIFICA Anche quest'anno prosegue la tradizione del DIARIO DI BORDO! Leggetelo ogni giorno per sapere subito che cosa è successo di bello a scuola! Gli elaborati dei bambini saranno raccolti nel quaderno personale. Verificheremo sistematicamente le conquiste dei bambini tramite osservazioni, piccole domande e semplici consegne. Terremo conto anche dell'interesse, del gradimento e dei tempi di apprendimento di ogni bambino, in modo da modificare in ogni momento la metodologia. Programmeremo incontri individuali con le famiglie per conoscere di più i nostri bambini e aiutarli a stare bene a scuola. Buon anno scolastico a tutti! 38

39 Sezione ARANCIO Nell ambito della programmazione triennale della scuola Il Tempo Magico, dopo l anno scolastico precedente dedicato all ACQUA, il tema conduttore comune di quest anno sarà la TERRA. Nello specifico, visto l ampiezza dell argomento, nella nostra sezione la progettazione seguirà il tema IL MIO AMICO ALBERO Dopo un primo periodo dedicato all accoglienza dei bambini nuovi e delle loro famiglie e dei bambini vecchi, alla conoscenza reciproca, alla scoperta delle novità della classe con una diversa suddivisione degli spazi e la creazione di alcuni angoli specifici - con attività e materiali diversi che comportano una modifica sostanziale dell ambiente in cui trascorreranno molte ore della loro giornata - inizieremo un percorso che andrà da ottobre a dicembre con momenti già evidenziati nella progettazione dell altro anno scolastico. Particolare attenzione verrà data alle osservazioni e riflessioni sui cambiamenti stagionali e le caratteristiche specifiche del periodo (modificazioni ambientali, frutta, verdura, animali, ricorrenze ). Il percorso di questo primo periodo verrà continuamente ampliato fino a giugno, negli spazi interni ed esterni della scuola, con momenti di piccolo e grande gruppo e momenti individuali. 39

40 Verrà dedicata una particolare attenzione e importanza al percorso dei bambini grandi, ben 10, e allo sviluppo delle loro competenze in ambito di precalcolo, prelettura e prescrittura, anche con la scelta di un libro personale specifico e l allestimento di un angolo tranquillo in sezione in cui poter svolgere momenti mirati. E nostra intenzione creare un mini laboratorio sul recupero e riciclo della carta, con la realizzazione di oggetti, frutta, animali inerenti e come completamento al tema trattato. IL MIO AMICO ALBERO INDAGINE INIZIALE CONOSCITIVA - cosa conosco dell albero - raccolta informazioni - schede e immagini ESPLORIAMO L AMBIENTE vari esperimenti uscite nel circondario se disponibilità bus uscite più distanti e specifiche CONOSCENZA DEGLI ALBERI come sono fatto: foglie e corteccia come mi chiamo: alberi locali come vivo cosa vi dono: fiori, legno,carta,frutta, riparo come mi trasformo: le stagioni a chi servo: animali.. 40

41 SEMINA E CURA DELLE PIANTE - come mi vedono gli altri pianto, curo e vedo crescere DOCUMENTAZIONE cartelloni vari fotografie, disegni, schede realizzazione libretto fogliario carta pesta Visto il successo e l importanza per i bambini, stranieri e non, della lettura, si continuerà il progetto BIBLIOTECA con il prestito settimanale dei libri ai bambini, da leggere a casa con i propri genitori. Per un maggiore coinvolgimento famiglia/bambini, ciascuno avrà in dotazione un proprio libretto su cui segnare il percorso letterario seguito durante l anno scolastico. 41

42 Sezione Rosa A SPASSO PER PALLONDO L'argomento che tratteremo quest'anno è la terra. Partendo dalle considerazioni dei bambini a riguardo andremo a confrontarci con questo elemento dando la possibilità di manipolarla e di considerarla per consistenza, colore e proprietà. Svolgeremo esperienze sensoriali con terra e sabbia supportate da altri materiali esistenti in natura e con piccoli elementi dei giochi dei bambini daremo loro la possibilità di intraprendere giochi simbolici. A questo scopo introdurremmo il metodo delle Scatole Azzurre ideato dalla terapeuta Dora Kalff, da svolgere in piccolo gruppo allo scopo di stimolare i bambini, che vivranno l'esperienza di gioco, sul piano percettivo, sensoriale ed emozionale. Questa attività estremamente coinvolgente stimola il bambino alla condivisione verbale dell'esperienza creando momenti di rilassamento. Dalla forma a palla del pianeta cominceremo un viaggio di esplorazione con l ausilio di un pallone mappamondo che chiameremo Pallondo. Scopriremo che fuori la Terra si divide fra due importanti elementi: terra, per l'appunto, e acqua. Ricorderemo ciò che è stato detto l'anno scorso sull' acqua e sulla sua funzione essenziale alla vita e osserveremo come, assieme alla terra sia fondamentale alla vita. 42

43 Esplorando gli ambienti naturali approfondiremo l'argomento affrontando il perchè dell'esistenza delle montagne e delle pianure, soffermandoci sulla provenienza della terra e sulla ricchezza di elementi in essa presenti, talvolta visibili ad occhio e talaltre invisibili. Cercheremo di analizzare come la vita di animali e uomini si fonda con la natura. A grandi linee scopriremo che anche il modo di vestire cambia a seconda del continente che abitiamo, delle peculiarità del clima e come la flora e la fauna siano capaci di adattarsi all'ambiente. Cercheremo di individuare specie animali che abitano esclusivamente un continente. Nel nostro viaggio non scorderemo di indicare ai bambini che il mondo, oltre ad essere un fuori è anche un dentro e che l'interno della Terra è una massa infuocata dalla quale dipendono i fenomeni di eruzione vulcanica. Una parte del progetto avrà inizio con un C'era una volta e racconterà di come un tempo la terra non era abitata da uomini che avevano l'aspetto che abbiamo noi, di come le case non fossero comode, che per poter mangiare bisognava cacciare e anche di come nacque il primo contadino. Percorreremo quindi i passi intrapresi dall'umanità e percorreremo le strade straordinarie intraprese dall'uomo per superare gli ostacoli alla sopravvivenza. Con passo leggero ricalcheremo le orme dei nostri antenati per la creazione di ambienti sempre più sicuri e comodi, nei quali abitare. Nel corso dell'anno scolastico seguiremo e osserveremo le condizioni metereologiche e i cambiamenti stagionali della Terra. Attueremo alcune esperienze di semina e coltivazione. Allestiremo all' interno della sezione un mini-giardino-zen. 43

44 A conclusione del progetto porremmo l'accento sull'importanza di conservare un equilibrio biologico rispettando, anche individualmente, piccole regole per non inquinare l ambiente. Per mettere a conoscenza i genitori di ciò che, a grandi linee giornalmente, verrà svolto all interno della sezione, metteremo a loro disposizione un calendario settimanale delle attività, permettendo in questo modo un maggiore dialogo con i propri figli che, in alcuni casi, risultano evasivi o frammentati nelle risposte. L orario sarà eventualmente cambiato in caso di uscite o interventi da parte di agenzie esterne e/o secondo eventuali esigenze espresse dai bambini. Dopo l' intervento positivo dell'anno scorso con l'associazione Oltre quella sedia riproporremo altri tre incontri di educazione alla convivenza sociale. L' associazione incontrerà i bambini con nuove emozionanti idee. In corso d'anno sono in progetto alcune uscite didattiche. La prima si attuerà nel mese di novembre con una visita all' Ente Nazionale Protezione Animali; le altre saranno subordinate all'eventuale disponibilità del sevizio di scuolabus. Inoltre tutti i bambini della sezione seguiranno 20 lezioni di inglese con un insegnante specializzata. 44

45 Sezione gialla Progetto: viaggio nei segreti della terra Premessa Seguendo il progetto triennale " Natural-mente ", che comprende i tre elementi della natura ( acqua, terra, aria ), quest' anno accompagneremo i bambini in un percorso basato su avventure di apprendimento sull' argomento "terra". L' esperienza diretta è per i bambini la modalità più efficace per imparare. Proprio il "fare" immerge il bambino nel mondo che lo circonda e gli fa vivere in prima persona le esperienze più significative, attraverso le quali acquisisce competenze e stimola la sua creatività in una prospettiva ecologica.... alcune delle FINALITA': - dare una risposta alla curiosità dei bambini; - rispettare la natura, nostra amica; - fare esperienze sensoriali: toccare, osservare,manipolare annusare, ascoltare... - compiere una rielaborazione grafico-pittorica sulle esperienze vissute; - conoscere i vari ambienti naturali che ci circondano; - sviluppare uno spirito di collaborazione e di relazione all' interno del piccolo gruppo e del gruppo sezione... 45

46 ...alcuni dei PERCORSI FORMATIVI: - racconti sulla nascita della terra; - la terra e i suoi doni; - manipolazione di tipi diversi di terra; - la terra come casa di alcuni animali; - la talpa racconta: " Chi me l'ha fatta in testa? "; - scoperte e conoscenze di animali che vivono sopra e sotto la terra; - la magica trasformazione dal seme alla pianta; - osserviamo con attenzione gli alberi del nostro giardino e scopriamo che... ( cambiamento stagionale ) Nell' ambito del progetto, riteniamo siano necessarie delle uscite didattiche, quali ad esempio: gita sul Carso, visita all'orto Botanico, al museo di storia naturale, lo Speleovivarium, fattoria didattica. Per organizzare con 25 bambini questa parte fondamentale del progetto, abbiamo bisogno del supporto di mezzi di trasporto quali lo scuolabus. Se così non fosse possibile a causa delle ridotte risorse economiche, queste uscite didattiche non potranno essere effettuate. Questo progetto si snoderà attraverso tutto l'anno scolastico. Alcuni laboratori: GIOCO-IMPARO - la mente abbraccia il cuore: impariamo a dare un nome alle nostre emozioni prendendone consapevolezza - scopriamo insieme il mondo in modo ludico e divertente con il libro ( attraverso schede operative per bambini 46

47 "medi" e "grandi" ); - W i genitori a scuola! Laboratorio del "fare" con mamma e papà; -... e dopo mangiato... il tempo magico della storia... - facciamo festa! Laboratorio di: Halloween, S. Nicolò, Natale, Carnevale, Pasqua, festa del papà, della mamma e compleanni!!! e allora, siete pronti per iniziare questo percorso insieme a noi? Pronti? Via!!!... 47

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO CIRIBIRICOCCOLE s.n.c Via Don Paviolo 3, tel 011-8005349 10036 settimo torinese P.IVA. :10565620019 Asilo.ciribiricoccole@gmail.com ASILO NIDO CIRIBIRICOCCOLE PROGETTO EDUCATIVO ANNO EDUCATIVO 2012-2013

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli