in collaborazione con e con il patrocinio di Assessorato della Famiglia,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in collaborazione con e con il patrocinio di Assessorato della Famiglia,"

Transcript

1 . Il Dado Magico A.S.D Associazione Nazionale di Promozione Sociale e Solidarietà Familiare Ente di Formazione Professionale via Piave n Capo d Orlando (ME) in collaborazione con Centro Internazionale Ludoteche Via del Proconsolo Firenze e con il patrocinio di Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro Presidenza del Consiglio Provinciale PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Studio Ricerca sulle Ludoteche in Sicilia Anno 2009

2 L Associazione Il Dado Magico A.S.D. (www.ildadomagico.it), la cui sede nazionale si trova a Capo d Orlando (ME), opera da 13 anni sul territorio Regionale e Nazionale, specializzandosi nella programmazione, progettazione e gestione di servizi rivolti alla famiglia e a tutti i suoi componenti, con particolare attenzione ai servizi per l infanzia. Rivolgersi ad un target di riferimento così ampio, ma ricco tanto di richieste quanto di risorse interne, è stata una decisione chiara fin dall inizio dell attività dell Associazione, la quale, pertanto, ha scelto di costituirsi come Ente di Promozione Sociale e di Solidarietà Familiare. La formazione e la successiva collaborazione con il Centro Internazionale Ludoteche ci ha sempre più portati a riflettere sul valore fondamentale della Ludoteca come servizio sociale, vista la sua potenzialità intrinseca a rispondere alle diverse esigenze della realtà sociale in maniera mirata ed adeguata. L esperienza maturata nel tempo, però, ha rivelato una profonda carenza legislativa e normativa rispetto al servizio di Ludoteca, come pure una notevole confusione che tuttora alberga nel campo dei servizi per l infanzia e per la famiglia, nonostante il crescente bisogno di strutture funzionali, efficaci ed efficienti, la quale esigenza non trova purtroppo alcun riscontro da parte dei servizi pubblici: basti pensare, a titolo d esempio, alle lunghissime liste d attesa relative agli asili nido della nostra Regione come di altre Regioni italiane; nel 2000 solo il 67,3% delle domande di iscrizione ai nidi venivano accolte, per un numero di bambini in lista di attesa su un totale di richieste di iscrizione di Più recentemente si è assistito ad un ampliamento dei posti disponibili, nonostante ciò, però, il problema non ha trovato un riscontro risolutivo, come si evince, peraltro dai seguenti dati: Sulla base di una recente indagine svolta da Cittadinanzattiva, è possibile confrontare l andamento delle domande di ammissione e dei posti disponibili con riferimento alle strutture comunali nei soli capoluoghi di provincia. Esprimendo le due variabili in rapporto alla popolazione con meno di tre anni residente e aggregando per regione, per gli anni tra il 2002 e il 2005 si segnala un ricorrente legame positivo tra ampliamento dei posti disponibili e crescita delle liste di attesa. In altri termini, le liste di attesa presso le strutture pubbliche anziché ridursi spesso si allungano all aumentare dei posti disponibili 2. Analizzando tutto ciò, appare chiaro che il settore privato assume anch esso grande rilevanza in relazione all offerta di servizi ludico-educativi; da ciò è inevitabilmente scaturita una profonda riflessioni sulla quantità e qualità dei servizi rivolti all infanzia e alla famiglia nel territorio siciliano, la quale ha stimolato ulteriormente il nostro interesse nel raggiungere delle conoscenze il più aderente possibile alla realtà. Proprio a questo scopo, supportati dalla collaborazione con il Centro Internazionale Ludoteche, nella persona del Direttore del Centro Giorgio Bartolucci, 1 Elaborazioni IRES su dati del Centro Nazionale di documentazione e analisi per l infanzia e l adolescenza 2 Da Il difficile accesso ai servizi di istruzione per la prima infanzia in Italia: i fattori di offerta e di domanda di Francesco Zollino su

3 abbiamo programmato un indagine conoscitiva riguardante la realtà delle Ludoteche nella nostra Regione, la quale ha previsto la somministrazione telefonica di un questionario, elaborato dal Centro Internazionale Ludoteche, con la Nostra collaborazione, a tutti i Comuni della Sicilia e alle Ludoteche attive sul territorio, al fine di creare una banca dati tracciando una mappatura dei servizi esistenti, ma, soprattutto, avendo come chiaro riferimento le linee guida elaborate dal Gruppo Europeo delle Ludoteche, con lo scopo di valutare quale sia l offerta pubblica e privata e quanto i servizi che ricadono attualmente sotto il nome di Ludoteca possano essere realmente definiti tali. Il questionario, il quale è composto da 82 quesiti suddivisi in 9 sezioni, è comprensivo di una prima parte, somministrata ai responsabili dei servizi sociali, relativa alla presenza e alla tipologia di servizi sul territorio di riferimento, richiedendo anche dati per contattare le Ludoteche, mentre la seconda parte, più ampia, è stata proposta ai responsabili delle Ludoteche stesse, ai quali sono state richieste informazioni riguardanti: L utenza (fascia d età, numero di iscritti, frequenza giornaliera, ecc.); L organizzazione ( giorni di apertura, servizio di prestito dei giocattoli, utilizzo di schede di registrazione, ecc); I locali (n. locali disponibili, presenza di spazi esterni, presenza di locali riservati ai genitori, ecc); I giocattoli (dotazione iniziale e attuale, presenza di un laboratorio di costruzione dei giocattoli, ecc); Il personale (n. risorse umane, presenza di volontari, titolo di studio, ecc); Le attività ( presenza e tipologia di laboratori permanenti e/o periodici, attività sul territorio, ecc); La ludoteca come servizio sociale/educativo (partecipazione dei genitori alle attività, rapporti con le scuole, gli ospedali, l assistenza sociale, ecc). Dai 441 questionari somministrati, i quali hanno permesso la rilevazione di n.113 ludoteche presenti su tutto il territorio regionale (su n.390 Comuni), emergono elementi complessi per la loro variabilità. Data la grande mole dei dati rilevati, abbiamo deciso di presentare in questa sede solo alcuni di essi, rappresentativi, comunque, della realtà emersa e sintetizzati come di seguito esposto. In riferimento ai quesiti dedicati ai Comuni (sezione 01- n. 11 domande), rivolti, nello specifico, ai responsabili degli Uffici Servizi Sociali, questi ultimi al quesito Avete ludoteche sia pubbliche che private? - hanno risposto nel seguente modo: - 57 Si, No, - 51 Non So/Non Risponde;

4 si può dunque affermare che, almeno nel 13,10% dei casi è riscontrabile un assoluta carenza di comunicazione tra l Ente pubblico e i possibili servizi attivi sul proprio contesto territoriale. Molti dei Comuni intervistati, infatti, non hanno saputo fornire alcuna notizia sui servizi esistenti sul territorio, giungendo ad affermarne l inesistenza anche laddove questi erano invece presenti. Anche nel caso in cui esiste una collaborazione tra Ente pubblico e privato ad esempio le Ludoteche finanziate con i fondi della L. 328/00 e della L. 285/97- alcuni Responsabili dei Servizi Sociali contattati non hanno fornito in merito alcune indicazioni, eppure, in questi casi, come confermato dai Responsabili delle Ludoteche stesse, gran parte degli utenti vengono segnalati ed inviati dagli stessi Servizi Sociali. Rispetto alla tipologia del servizio (quesito 01.02), gli intervistati hanno risposto in tal modo: - 25 Pubbliche, - 68 Private, - 20 Non so/non Risponde. Dalla sezione 02 alla sezione 09, i quesiti sono stati rivolti direttamente ai responsabili delle Ludoteche, al fine di raccogliere dati più attendibili e rispondenti alla reale gestione ed organizzazione del servizio. Riguardo alla frequenza giornaliera (quesito 02.05), si può affermare che i dati emergenti, confrontati con il numero degli iscritti (quesito 02.04), rimandano a realtà territoriali variegate, tanto che, se in alcuni contesti il confronto è positivo, denotando una costante presenza quotidiana, in altri gli utenti giornalmente frequentanti risultano essere inferiori al 50% delle iscrizioni. Rispetto alla possibilità di somministrazione dei pasti all interno dei locali (quesito 02.09), - nel 59, 29% dei casi la risposta è negativa, - nel 23% dei casi non vi è risposta o si dichiara di non essere a conoscenza del dato richiesto, - mentre il 17,7% dei soggetti intervistati rispondono affermativamente. In quest ultimo caso il protocollo richiedeva di specificare dove i pasti vengono preparati (quesito 02.10), i dati a riguardo sono i seguenti: - nel 50%dei casi la preparazione dei pasti avviene direttamente in struttura, - nel 10% dei casi si tratta di pasti e/o merende portati da casa, - 1 solo responsabile tra quelli intervistati dichiara che vengono utilizzate entrambe le metodologie, - mentre solo il 15% delle Ludoteche si serve, per tale servizio, di ditte esterne, affermando anche che all interno della struttura è presente uno spazio specificamente adibito all accettazione pasti. In realtà tali dati risultano altamente esplicativi della confusione che alberga nel settore, poiché il servizio Ludoteca non prevede alcun locale adibito a cucina. Gli stessi dati, inoltre, risultano negativi poiché indicano chiaramente l utilizzo della Ludoteca quale servizio di custodia, una

5 funzione che caratterizza altre strutture, ma non di certo le Ludoteche. Ciò, dunque, potrebbe essere spunto di riflessione, poiché denota una forte richiesta di servizi a cui i genitori possano affidare i propri figli quando si trovano impegnati nell attività lavorativa. Questa necessità emerge anche dalla rilevazione riguardante la fascia d età dell utenza (quesito 02.01), dalla quale emerge che, nella maggior parte dei casi, le strutture contattate sono frequentate da bambini sotto i sei anni d età; questo dato sembrerebbe evidenziare che molti dei servizi definiti ludoteche sono in realtà asili e/o nidi mascherati. Forse, anziché offrire questi ultimi servizi, altamente regolamentati a tutela del bambino, si preferisce, attraverso vie più percorribili dal punto di vista burocratico, aprire servizi indicati come Ludoteche, di fatto, ancora, senza alcuna regolamentazione. Con ciò, di certo, non si vuole colpevolizzare una tipologia d azione che vuole soddisfare i bisogni di un territorio altamente carente di servizi per la prima infanzia, ma, piuttosto, l intento è, ancora una volta, quello di stimolare e autorità competenti a promuovere un programma che comprenda ed integri i servizi educativi e sociali rivolti a questa fascia d età, procedendo attraverso un attenta analisi dei bisogni rispetto al territorio di riferimento. Allo stesso modo, si rende necessaria una regolamentazione anche della Ludoteca, per valorizzare la sua valenza sociale e ludico-educativa, come pure diviene fondamentale un riconoscimento per altre tipologie di servizi che potranno avere una loro denominazione specifica che ne identifichi le finalità e le attività. Un attenzione particolare è da rivolgere alla Sezione 03, interamente rivolta ad indagare l organizzazione delle diverse Ludoteche, ciò al fine di effettuare un confronto con le linee guida proposte dal Gruppo Europeo delle Ludoteche; le risposte agli specifici quesiti, infatti, denotano in maniera chiara, ancora una volta, come, nella maggior parte dei casi, nell organizzazione delle Ludoteche non siano previsti alcuni servizi o attività fondamentali. Un esempio di ciò è rappresentato dal dato relativo al prestito dei giocattoli (quesito 03.04), secondo il quale solo 13, ossia il 11,5%, delle Ludoteche affermano di effettuare tale attività. In questa sezione, inoltre, si è voluto rilevare l utilizzo di schede di registrazione (quesito 03.05), il quale è risultato effettivo solo nel 31,86% dei casi, il 44,25% dei soggetti intervistati ha affermato di non utilizzare tale strumento, nel 23,89% dei casi non si è rilevata alcuna risposta (non so/non risp.). Rispetto alla presenza di tessere di iscrizione, - il 42,48% dei responsabili intervistati ha risposto affermativamente, - il 32,74% ha fornito un riscontro negativo, - nei restanti casi non si è rilevata alcuna risposta significativa. Al fine di vagliare l organizzazione strutturale del servizio, è stata costruita una sezione (sez. 04) del questionario che comprende quesiti relativi ai locali. Da questa emerge che:

6 a) in relazione agli spazi disponibili, si sono sintetizzati i dati creando degli intervalli relativi alla superficie complessiva dei locali: meno di 50 mq 2,67% delle ludoteche intervistate da 51 a 150 mq 16,81% da 151 a 300 mq 28,32% da 301 a 500 mq 4,42% da 501 a 1000 mq 1,77% più di 1000 mq 0,88% non so 12,39% nessuna risposta 32,74% b) sono presenti spazi all aperto (quesito 04.05) nel 40,71% dei casi, nel 37,17% dei casi si è registrata una risposta negativa, mentre il 22,12% degli intervistati non ha fornito alcuna indicazione. c) È stata effettuata una progettazione degli spazi (quesito 04.06) nel 41,59% delle strutture contattate, il 17,70% di queste non ha previsto una progettazione di tal tipo, mentre la restante parte ha risposto non so o non ha fornito alcun dato significativo. d) Il quesito risulta di sostanziale importanza, poiché indaga la presenza di spazi riservati ai genitori, presupposto fondamentale per un servizio che dovrebbe rivolgersi all intera famiglia, accogliendo un utenza da 0 a 99 anni. Uno spazio riservato alle famiglie: - è presente solo nel 39,82% dei casi, - è totalmente assente nel 32,75% delle Ludoteche intervistate, - mentre nei restanti casi non ci è stato fornito il dato richiesto. In una Ludoteca, ovviamente, uno spazio e una valenza fondamentale devono essere rivolti al giocattolo, inteso in tutte le sue accezioni; la sezione 05, pertanto, è dedicata a rilevare alcuni aspetti strettamente correlati a tale argomento. Uno dei più significativi è senza dubbi la presenza di laboratori di costruzione dei giocattoli, la quale attività dovrebbe essere uno dei segni distintivi di una Ludoteca per diversi ordini di motivi: attraverso essa, infatti, si stimola la manualità, la fantasia, la creatività, si sperimenta e si esercita la coordinazione motoria, soprattutto in riferimento ai movimenti fini degli arti, si promuove la conoscenza dei materiali, anche attraverso un educazione rivolta alla salvaguardia dell ambiente, mostrando agli utenti, inoltre, come ci si può divertire con poco, per la promozione di una cultura che contrasti il consumismo, il tutto, dunque, attraverso un attività che possiede la caratteristica di stimolare la cooperazione, l interazione e la socializzazione, permettendo l espressione delle proprie capacità di problem solving all interno del

7 gruppo e generando una circolarità dal punto di vista comunicativo. I dati rilevati riassumono una realtà in cui: - solo nel 43,36% delle strutture si costruiscono giocattoli, - mentre nel 46,6% non si svolge tale attività. Questo è di certo un dato fortemente negativo, dettato forse dal fatto che gli operatori, mancando dei punti fermi e delle linee guida precise che possano mettere in luce i bisogni psico-pedagogici, sociali e cognitivi dell utenza e, di conseguenza, promuovere risposte adeguate, non riescono a porre riscontro in maniera puntuale a tali esigenze, in quanto non supportati o da un adeguata attività formativa o da un attenzione ed una presenza significativa delle Istituzioni rispetto a tali servizi, i quali, dunque, si ritrovano senza alcun riferimento fisico e/o normativo. Un dato più confortante deriva invece dall analisi delle risposte relative al quesito Avete libri? - al quale, nel 67,26% dei casi è stata fornita una risposta positiva; tuttavia sarebbe importante che tale percentuale fosse più vicina alla totalità dei casi, in quanto presupposto fondamentale di una Ludoteca è presentare giochi, attività, stimoli vari, di modo che l utente possa approcciarsi a quelli che meglio rispondono alla propria personalità, al proprio gusto o, semplicemente, al proprio stato emotivo dello specifico momento. Rispetto alla presenza di schede di rilevazione per i giocattoli, solo i referenti di 17 Ludoteche ne hanno affermato la presenza, il 54% di essi hanno, invece risposto negativamente, mentre nei restanti casi hanno riferito di non conoscere tale dato o non hanno fornito risposta alcuna. Rispetto all organizzazione e alla formazione del personale (sezione 06) emerge che: - nel 60,17% dei casi è presente all interno della struttura un coordinatore, - nel 4,42% dei casi non è prevista tale figura, - nei restanti casi (35,41%) non è stato fornito alcun dato significativo. I quesiti e mirano a rilevare informazioni riguardo eventuali corsi di formazione specifici svolti dagli operatori, richiedendone, in caso di risposta affermativa, la tipologia. È emerso che, tra il personale specificamente formato: - 10 operatori hanno conseguito la qualifica di Ludotecario, - 16 quella di Animatore, - 3 hanno portato a termine un corso per Operatore Socio-Assistenziale, - una sola persona ha frequentato un corso per Assistente all infanzia. - La maggior parte del personale, invece, possiede titoli di studio che vanno dal Diploma di scuola secondaria di secondo grado alla Laurea in discipline inerente l area umanistica. Guardando i suddetti dati non si può prescindere dall affermare la necessità sostanziale di personale altamente formato che operi all interno della Ludoteca. Tale servizio, infatti, è indubbiamente molto complesso, ma, proprio per questo, in grado di intervenire positivamente sulla crescita

8 dell individuo; ciò, però, può avvenire solamente qualora gli interventi vengano programmati, progettati ed attuati in modo altamente professionale, attraverso, dunque, le competenze di personale adeguatamente formato che possa trasferire le proprie conoscenze e le proprie abilità ludico-educative sul piano pratico. Rispetto alle attività (sezione 07) i dati sono così riassumibili: a) Laboratori permanenti: - sono presenti nel 33,63% delle strutture contattate, - non sono previsti nel 38,94% dei casi, - mentre nella restante parte (27,43%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); b) Laboratori saltuari o periodici: - sono attivati all interno del 40,71% delle Ludoteche, - non lo sono nel 36,28% dei casi, - mentre nella restante parte non sono stati raccolti dati significativi (non so 1,77% / nessuna risposta 21,24%); c) Progettazione delle attività: avviene nella quasi totalità dei casi (92,92%); d) Riunioni di verifica: - sono svolte nel 58,40% dei casi, - l organizzazione non prevede un attività di tal tipo nel 9,73% dei casi, - mentre nella restante parte (31,87%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); e) Eventuali attività svolte sul territorio: - si è rilevato un riscontro positivo nel 38,05% dei casi, - una risposta negativa è stata fornita dal25,66% dei referenti contattati, - l 1,77% degli intervistati ha risposto non so, negli altri casi non è stato raccolto alcun dato. La sezione 08 è stata prevista allo scopo di indagare quanto le Ludoteche presenti sul territorio regionali si configurino effettivamente come servizi sociali ed educativi; di seguito i dati emergenti: a) I genitori e/o gli adulti partecipano alle attività (quesito 08.01) - all interno del 51,33% delle strutture, - non si riscontra il loro coinvolgimento nel 22,12% dei casi, - mentre nella restante parte (26,55%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); b) Rapporti con la scuola: - dichiarano di averne intrapreso il 23% dei soggetti intervistati, - non sussistono nel 37,17% dei casi,

9 - mentre nella restante parte (39,83%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); c) Rapporti con ospedali o cliniche: - sono presenti nel 18,58% dei casi, - non sussistono nel 46,90% dei casi, - mentre la percentuale restante (34,52%) ricade nelle opzioni non so e non risponde ; d) Rapporti con l Assistenza Sociale: - la Ludoteca fornisce supporto all Assistenza Sociale nel 23% dei casi, - si riscontra una risposta negativa nel 46,90% dei casi, - mentre nella restante parte (30,10%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); e) Informazioni alla famiglia: - vengono fornite nel 57,52% dei casi, - non si erogano informazioni di alcun tipo nel 15,93 % dei casi, - mentre la percentuale restante (26,55%) ricade nelle opzioni non so e non risponde. 3 I dati raccolti, danno conferma, purtroppo, di quella che è una reale e profonda carenza di conoscenze ed informazione e formazione specifica sulla Ludoteca, la quale è strettamente connessa ad un importante deficit legislativo di settore infatti solo un numero irrisorio di Comuni su tutto il territorio regionale dichiara di aver stilato un regolamento comunale sul servizio Ludoteca. Ciò, dunque, contribuisce ad alimentare la confusione relativa al servizio, permettendo di chiamare tutto ludoteca ed impedendo, pertanto, l erogazione di servizi di qualità realmente basati sui bisogni della famiglia contemporanea ed efficaci nel rispondere adeguatamente alle esigenze sociali, psico-pedagogiche ed educative dell infanzia, rispettandone quindi le tappe evolutive. Troppo spesso, infatti, non è chiaro il profondo valore del giocattoli e del gioco, quest ultimo inteso, non tanto come attività ludica fine a se stessa, quanto, piuttosto come spazio di vita, di crescita, di esperienza potremmo dire, con le parole di Winnicott, come uno spazio che si struttura all interno dell area dell illusione, ossia quell area a ponte tra il mondo esterno ed il mondo interno, in cui prendono vita la fantasia e la creatività e che caratterizza e permette il difficile percorso dallo stato di dipendenza del bambino fino all indipendenza, stimolando l affermazione del Vero Sé. Il gioco, dunque, è, per Winnicott, sempre un'esperienza creativa e la capacità di giocare in maniera creativa permette al soggetto di esprimere l'intero potenziale della propria personalità, "grazie alla sospensione del giudizio di verità sul mondo, a una tregua dal faticoso e doloroso processo di distinzione tra sé, i propri desideri, e la realtà, le sue frustrazioni" 4 3 Tutti i dati esposti derivano dallo Studio-ricerca sulle Ludoteche nella Regione Sicilia condotta dall Associazione Nazionale Il Dado Magico A.S.D. 4 D. W. Winnicott, Gioco e realtà, Armando Editore

10 . In questo modo, attraverso un atteggiamento ludico verso il mondo, e solo qui, in questa terza area neutra e intermedia tra il soggettivo e l'oggettivo, può comparire l'atto creativo, che permette al soggetto di trovare se stesso, di essere a contatto con il nucleo del proprio Sé; inoltre, "l'esperienza culturale comincia con il vivere in modo creativo, ciò che in primo luogo si manifesta nel gioco" 5. La creatività è uno stato di vitalità esistenziale, comune ad ogni essere umano, sia esso bambino o adolescente o adulto, ed è per questo che, per Winnicott, il gioco, intendendo con esso un atteggiamento ludico e creativo verso il mondo, non ha età: "io considero alla stessa stregua il modo di godere altamente sofisticato della persona adulta rispetto alla vita, o alla bellezza o all'astratta inventiva umana, e il gesto creativo di un bambino, che tende la mano alla bocca della madre, e che tocca i suoi denti, e la vede creativamente. Per me, il giocare porta in maniera naturale all'esperienza culturale e invero ne costituisce le fondamenta". Il gioco, dunque, come attività afinalistica, ma certamente deputata allo sviluppo cognitivo, affettivo, motivazionale e di personalità dell individuo, da fasi di sviluppo precoci fino all età adulta e anche più. Winnicott, infatti, introduce una significativa analogia tra l oggetto transizionale, l area dell illusione e l area del gioco : il gioco comincia nello spazio potenziale che si crea tra madre e bambino, la zona dell illusione: nell atto di giocare il bambino è in grado di essere creativo perché fa ancora effettivamente esperienza, in qualche misura, dell onnipotenza, può far uso dell intera personalità, e solo nell essere creativo scopre il Sé. All interno di questo contesto deve svolgersi, la conoscenza della realtà che dovrà essere offerta al bambino non solo gradualmente, ma anche come una sua scoperta, ancora una volta come qualcosa che fa lui, che egli crea. La progressiva disillusione, questa presentazione e conoscenza della realtà, diviene, così, apprendimento. 6 Ecco i grandi valori del gioco e dei giocattoli, le cui caratteristiche il ludotecario dovrebbe avere ben chiare. Da qui, dunque, anche l importanza del prestito dei giochi che dovrebbe caratterizzare ogni Ludoteca, poiché peremette la continuazione dell esperienza e la condivisione di questa all interno del nucleo familiare, dando, inoltre, la possibilità anche alle famiglie in condizioni socio-economiche meno agiate di affermare e soddisfare l inalienabile diritto al gioco di ogni bambino; diritto che, troppo spesso, è invece concesso solo ad alcune fasce d età, come si è evidenziato, infatti, nessuna delle Ludoteche da noi contattate ha affermato di non porre limiti di età per la propria utenza. Tutto ciò devia da quella che è la nostra idea di Ludoteca, intesa come servizio sociale fruibile da tutti i bambini da 0 a 99 anni che abbiano voglia di esprimersi attraverso il gioco, di conoscersi,sperimentarsi, scambiare esperienze in uno spazio costruito per loro e da loro. 5 ibidem 6 ibidem

11 Ci auguriamo, quindi, che quanto esposto fin qui possa essere per tutti spunto di riflessione, per noi è ulteriore motivo per perpetuare il nostro impegno, anche e soprattutto attraverso il coinvolgimento e la sensibilizzazione degli Enti Pubblici in relazione al riconoscimento della Ludoteca come servizio sociale e del Ludotecario quale figura preposta e professionista del settore, questo perché anche noi, come Shaw crediamo che l uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare. Vorremmo chiudere la nostra breve relazione ringraziando la Provincia Regionale di Messina Ass.to alla Solidarietà Sociale- e la Regione Sicilia Ass.to della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali le quali hanno gentilmente patrocinato la ricerca presentata, e il Centro Internazionale Ludoteche, nella persona del Direttore Giorgio Bartolucci, la cui collaborazione, come sempre, è risultata preziosa. I Relatori Per L Associazione Il Dado Magico A.S.D. La Presidente La Vicepresidente Irene Catalano Rando Dott.ssa Deborah Bontempo _ Per il Centro Internazionale Ludoteche Il Direttore Dott. Giorgio Bartolucci

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE I soggetti coinvolti nel trattamento dei dati personali, sono espressamente indicati dal Testo Unico sulla privacy, che ha provveduto anche a descriverne profilo e funzioni.

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli