in collaborazione con e con il patrocinio di Assessorato della Famiglia,

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in collaborazione con e con il patrocinio di Assessorato della Famiglia,"

Transcript

1 . Il Dado Magico A.S.D Associazione Nazionale di Promozione Sociale e Solidarietà Familiare Ente di Formazione Professionale via Piave n Capo d Orlando (ME) in collaborazione con Centro Internazionale Ludoteche Via del Proconsolo Firenze e con il patrocinio di Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro Presidenza del Consiglio Provinciale PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Studio Ricerca sulle Ludoteche in Sicilia Anno 2009

2 L Associazione Il Dado Magico A.S.D. (www.ildadomagico.it), la cui sede nazionale si trova a Capo d Orlando (ME), opera da 13 anni sul territorio Regionale e Nazionale, specializzandosi nella programmazione, progettazione e gestione di servizi rivolti alla famiglia e a tutti i suoi componenti, con particolare attenzione ai servizi per l infanzia. Rivolgersi ad un target di riferimento così ampio, ma ricco tanto di richieste quanto di risorse interne, è stata una decisione chiara fin dall inizio dell attività dell Associazione, la quale, pertanto, ha scelto di costituirsi come Ente di Promozione Sociale e di Solidarietà Familiare. La formazione e la successiva collaborazione con il Centro Internazionale Ludoteche ci ha sempre più portati a riflettere sul valore fondamentale della Ludoteca come servizio sociale, vista la sua potenzialità intrinseca a rispondere alle diverse esigenze della realtà sociale in maniera mirata ed adeguata. L esperienza maturata nel tempo, però, ha rivelato una profonda carenza legislativa e normativa rispetto al servizio di Ludoteca, come pure una notevole confusione che tuttora alberga nel campo dei servizi per l infanzia e per la famiglia, nonostante il crescente bisogno di strutture funzionali, efficaci ed efficienti, la quale esigenza non trova purtroppo alcun riscontro da parte dei servizi pubblici: basti pensare, a titolo d esempio, alle lunghissime liste d attesa relative agli asili nido della nostra Regione come di altre Regioni italiane; nel 2000 solo il 67,3% delle domande di iscrizione ai nidi venivano accolte, per un numero di bambini in lista di attesa su un totale di richieste di iscrizione di Più recentemente si è assistito ad un ampliamento dei posti disponibili, nonostante ciò, però, il problema non ha trovato un riscontro risolutivo, come si evince, peraltro dai seguenti dati: Sulla base di una recente indagine svolta da Cittadinanzattiva, è possibile confrontare l andamento delle domande di ammissione e dei posti disponibili con riferimento alle strutture comunali nei soli capoluoghi di provincia. Esprimendo le due variabili in rapporto alla popolazione con meno di tre anni residente e aggregando per regione, per gli anni tra il 2002 e il 2005 si segnala un ricorrente legame positivo tra ampliamento dei posti disponibili e crescita delle liste di attesa. In altri termini, le liste di attesa presso le strutture pubbliche anziché ridursi spesso si allungano all aumentare dei posti disponibili 2. Analizzando tutto ciò, appare chiaro che il settore privato assume anch esso grande rilevanza in relazione all offerta di servizi ludico-educativi; da ciò è inevitabilmente scaturita una profonda riflessioni sulla quantità e qualità dei servizi rivolti all infanzia e alla famiglia nel territorio siciliano, la quale ha stimolato ulteriormente il nostro interesse nel raggiungere delle conoscenze il più aderente possibile alla realtà. Proprio a questo scopo, supportati dalla collaborazione con il Centro Internazionale Ludoteche, nella persona del Direttore del Centro Giorgio Bartolucci, 1 Elaborazioni IRES su dati del Centro Nazionale di documentazione e analisi per l infanzia e l adolescenza 2 Da Il difficile accesso ai servizi di istruzione per la prima infanzia in Italia: i fattori di offerta e di domanda di Francesco Zollino su

3 abbiamo programmato un indagine conoscitiva riguardante la realtà delle Ludoteche nella nostra Regione, la quale ha previsto la somministrazione telefonica di un questionario, elaborato dal Centro Internazionale Ludoteche, con la Nostra collaborazione, a tutti i Comuni della Sicilia e alle Ludoteche attive sul territorio, al fine di creare una banca dati tracciando una mappatura dei servizi esistenti, ma, soprattutto, avendo come chiaro riferimento le linee guida elaborate dal Gruppo Europeo delle Ludoteche, con lo scopo di valutare quale sia l offerta pubblica e privata e quanto i servizi che ricadono attualmente sotto il nome di Ludoteca possano essere realmente definiti tali. Il questionario, il quale è composto da 82 quesiti suddivisi in 9 sezioni, è comprensivo di una prima parte, somministrata ai responsabili dei servizi sociali, relativa alla presenza e alla tipologia di servizi sul territorio di riferimento, richiedendo anche dati per contattare le Ludoteche, mentre la seconda parte, più ampia, è stata proposta ai responsabili delle Ludoteche stesse, ai quali sono state richieste informazioni riguardanti: L utenza (fascia d età, numero di iscritti, frequenza giornaliera, ecc.); L organizzazione ( giorni di apertura, servizio di prestito dei giocattoli, utilizzo di schede di registrazione, ecc); I locali (n. locali disponibili, presenza di spazi esterni, presenza di locali riservati ai genitori, ecc); I giocattoli (dotazione iniziale e attuale, presenza di un laboratorio di costruzione dei giocattoli, ecc); Il personale (n. risorse umane, presenza di volontari, titolo di studio, ecc); Le attività ( presenza e tipologia di laboratori permanenti e/o periodici, attività sul territorio, ecc); La ludoteca come servizio sociale/educativo (partecipazione dei genitori alle attività, rapporti con le scuole, gli ospedali, l assistenza sociale, ecc). Dai 441 questionari somministrati, i quali hanno permesso la rilevazione di n.113 ludoteche presenti su tutto il territorio regionale (su n.390 Comuni), emergono elementi complessi per la loro variabilità. Data la grande mole dei dati rilevati, abbiamo deciso di presentare in questa sede solo alcuni di essi, rappresentativi, comunque, della realtà emersa e sintetizzati come di seguito esposto. In riferimento ai quesiti dedicati ai Comuni (sezione 01- n. 11 domande), rivolti, nello specifico, ai responsabili degli Uffici Servizi Sociali, questi ultimi al quesito Avete ludoteche sia pubbliche che private? - hanno risposto nel seguente modo: - 57 Si, No, - 51 Non So/Non Risponde;

4 si può dunque affermare che, almeno nel 13,10% dei casi è riscontrabile un assoluta carenza di comunicazione tra l Ente pubblico e i possibili servizi attivi sul proprio contesto territoriale. Molti dei Comuni intervistati, infatti, non hanno saputo fornire alcuna notizia sui servizi esistenti sul territorio, giungendo ad affermarne l inesistenza anche laddove questi erano invece presenti. Anche nel caso in cui esiste una collaborazione tra Ente pubblico e privato ad esempio le Ludoteche finanziate con i fondi della L. 328/00 e della L. 285/97- alcuni Responsabili dei Servizi Sociali contattati non hanno fornito in merito alcune indicazioni, eppure, in questi casi, come confermato dai Responsabili delle Ludoteche stesse, gran parte degli utenti vengono segnalati ed inviati dagli stessi Servizi Sociali. Rispetto alla tipologia del servizio (quesito 01.02), gli intervistati hanno risposto in tal modo: - 25 Pubbliche, - 68 Private, - 20 Non so/non Risponde. Dalla sezione 02 alla sezione 09, i quesiti sono stati rivolti direttamente ai responsabili delle Ludoteche, al fine di raccogliere dati più attendibili e rispondenti alla reale gestione ed organizzazione del servizio. Riguardo alla frequenza giornaliera (quesito 02.05), si può affermare che i dati emergenti, confrontati con il numero degli iscritti (quesito 02.04), rimandano a realtà territoriali variegate, tanto che, se in alcuni contesti il confronto è positivo, denotando una costante presenza quotidiana, in altri gli utenti giornalmente frequentanti risultano essere inferiori al 50% delle iscrizioni. Rispetto alla possibilità di somministrazione dei pasti all interno dei locali (quesito 02.09), - nel 59, 29% dei casi la risposta è negativa, - nel 23% dei casi non vi è risposta o si dichiara di non essere a conoscenza del dato richiesto, - mentre il 17,7% dei soggetti intervistati rispondono affermativamente. In quest ultimo caso il protocollo richiedeva di specificare dove i pasti vengono preparati (quesito 02.10), i dati a riguardo sono i seguenti: - nel 50%dei casi la preparazione dei pasti avviene direttamente in struttura, - nel 10% dei casi si tratta di pasti e/o merende portati da casa, - 1 solo responsabile tra quelli intervistati dichiara che vengono utilizzate entrambe le metodologie, - mentre solo il 15% delle Ludoteche si serve, per tale servizio, di ditte esterne, affermando anche che all interno della struttura è presente uno spazio specificamente adibito all accettazione pasti. In realtà tali dati risultano altamente esplicativi della confusione che alberga nel settore, poiché il servizio Ludoteca non prevede alcun locale adibito a cucina. Gli stessi dati, inoltre, risultano negativi poiché indicano chiaramente l utilizzo della Ludoteca quale servizio di custodia, una

5 funzione che caratterizza altre strutture, ma non di certo le Ludoteche. Ciò, dunque, potrebbe essere spunto di riflessione, poiché denota una forte richiesta di servizi a cui i genitori possano affidare i propri figli quando si trovano impegnati nell attività lavorativa. Questa necessità emerge anche dalla rilevazione riguardante la fascia d età dell utenza (quesito 02.01), dalla quale emerge che, nella maggior parte dei casi, le strutture contattate sono frequentate da bambini sotto i sei anni d età; questo dato sembrerebbe evidenziare che molti dei servizi definiti ludoteche sono in realtà asili e/o nidi mascherati. Forse, anziché offrire questi ultimi servizi, altamente regolamentati a tutela del bambino, si preferisce, attraverso vie più percorribili dal punto di vista burocratico, aprire servizi indicati come Ludoteche, di fatto, ancora, senza alcuna regolamentazione. Con ciò, di certo, non si vuole colpevolizzare una tipologia d azione che vuole soddisfare i bisogni di un territorio altamente carente di servizi per la prima infanzia, ma, piuttosto, l intento è, ancora una volta, quello di stimolare e autorità competenti a promuovere un programma che comprenda ed integri i servizi educativi e sociali rivolti a questa fascia d età, procedendo attraverso un attenta analisi dei bisogni rispetto al territorio di riferimento. Allo stesso modo, si rende necessaria una regolamentazione anche della Ludoteca, per valorizzare la sua valenza sociale e ludico-educativa, come pure diviene fondamentale un riconoscimento per altre tipologie di servizi che potranno avere una loro denominazione specifica che ne identifichi le finalità e le attività. Un attenzione particolare è da rivolgere alla Sezione 03, interamente rivolta ad indagare l organizzazione delle diverse Ludoteche, ciò al fine di effettuare un confronto con le linee guida proposte dal Gruppo Europeo delle Ludoteche; le risposte agli specifici quesiti, infatti, denotano in maniera chiara, ancora una volta, come, nella maggior parte dei casi, nell organizzazione delle Ludoteche non siano previsti alcuni servizi o attività fondamentali. Un esempio di ciò è rappresentato dal dato relativo al prestito dei giocattoli (quesito 03.04), secondo il quale solo 13, ossia il 11,5%, delle Ludoteche affermano di effettuare tale attività. In questa sezione, inoltre, si è voluto rilevare l utilizzo di schede di registrazione (quesito 03.05), il quale è risultato effettivo solo nel 31,86% dei casi, il 44,25% dei soggetti intervistati ha affermato di non utilizzare tale strumento, nel 23,89% dei casi non si è rilevata alcuna risposta (non so/non risp.). Rispetto alla presenza di tessere di iscrizione, - il 42,48% dei responsabili intervistati ha risposto affermativamente, - il 32,74% ha fornito un riscontro negativo, - nei restanti casi non si è rilevata alcuna risposta significativa. Al fine di vagliare l organizzazione strutturale del servizio, è stata costruita una sezione (sez. 04) del questionario che comprende quesiti relativi ai locali. Da questa emerge che:

6 a) in relazione agli spazi disponibili, si sono sintetizzati i dati creando degli intervalli relativi alla superficie complessiva dei locali: meno di 50 mq 2,67% delle ludoteche intervistate da 51 a 150 mq 16,81% da 151 a 300 mq 28,32% da 301 a 500 mq 4,42% da 501 a 1000 mq 1,77% più di 1000 mq 0,88% non so 12,39% nessuna risposta 32,74% b) sono presenti spazi all aperto (quesito 04.05) nel 40,71% dei casi, nel 37,17% dei casi si è registrata una risposta negativa, mentre il 22,12% degli intervistati non ha fornito alcuna indicazione. c) È stata effettuata una progettazione degli spazi (quesito 04.06) nel 41,59% delle strutture contattate, il 17,70% di queste non ha previsto una progettazione di tal tipo, mentre la restante parte ha risposto non so o non ha fornito alcun dato significativo. d) Il quesito risulta di sostanziale importanza, poiché indaga la presenza di spazi riservati ai genitori, presupposto fondamentale per un servizio che dovrebbe rivolgersi all intera famiglia, accogliendo un utenza da 0 a 99 anni. Uno spazio riservato alle famiglie: - è presente solo nel 39,82% dei casi, - è totalmente assente nel 32,75% delle Ludoteche intervistate, - mentre nei restanti casi non ci è stato fornito il dato richiesto. In una Ludoteca, ovviamente, uno spazio e una valenza fondamentale devono essere rivolti al giocattolo, inteso in tutte le sue accezioni; la sezione 05, pertanto, è dedicata a rilevare alcuni aspetti strettamente correlati a tale argomento. Uno dei più significativi è senza dubbi la presenza di laboratori di costruzione dei giocattoli, la quale attività dovrebbe essere uno dei segni distintivi di una Ludoteca per diversi ordini di motivi: attraverso essa, infatti, si stimola la manualità, la fantasia, la creatività, si sperimenta e si esercita la coordinazione motoria, soprattutto in riferimento ai movimenti fini degli arti, si promuove la conoscenza dei materiali, anche attraverso un educazione rivolta alla salvaguardia dell ambiente, mostrando agli utenti, inoltre, come ci si può divertire con poco, per la promozione di una cultura che contrasti il consumismo, il tutto, dunque, attraverso un attività che possiede la caratteristica di stimolare la cooperazione, l interazione e la socializzazione, permettendo l espressione delle proprie capacità di problem solving all interno del

7 gruppo e generando una circolarità dal punto di vista comunicativo. I dati rilevati riassumono una realtà in cui: - solo nel 43,36% delle strutture si costruiscono giocattoli, - mentre nel 46,6% non si svolge tale attività. Questo è di certo un dato fortemente negativo, dettato forse dal fatto che gli operatori, mancando dei punti fermi e delle linee guida precise che possano mettere in luce i bisogni psico-pedagogici, sociali e cognitivi dell utenza e, di conseguenza, promuovere risposte adeguate, non riescono a porre riscontro in maniera puntuale a tali esigenze, in quanto non supportati o da un adeguata attività formativa o da un attenzione ed una presenza significativa delle Istituzioni rispetto a tali servizi, i quali, dunque, si ritrovano senza alcun riferimento fisico e/o normativo. Un dato più confortante deriva invece dall analisi delle risposte relative al quesito Avete libri? - al quale, nel 67,26% dei casi è stata fornita una risposta positiva; tuttavia sarebbe importante che tale percentuale fosse più vicina alla totalità dei casi, in quanto presupposto fondamentale di una Ludoteca è presentare giochi, attività, stimoli vari, di modo che l utente possa approcciarsi a quelli che meglio rispondono alla propria personalità, al proprio gusto o, semplicemente, al proprio stato emotivo dello specifico momento. Rispetto alla presenza di schede di rilevazione per i giocattoli, solo i referenti di 17 Ludoteche ne hanno affermato la presenza, il 54% di essi hanno, invece risposto negativamente, mentre nei restanti casi hanno riferito di non conoscere tale dato o non hanno fornito risposta alcuna. Rispetto all organizzazione e alla formazione del personale (sezione 06) emerge che: - nel 60,17% dei casi è presente all interno della struttura un coordinatore, - nel 4,42% dei casi non è prevista tale figura, - nei restanti casi (35,41%) non è stato fornito alcun dato significativo. I quesiti e mirano a rilevare informazioni riguardo eventuali corsi di formazione specifici svolti dagli operatori, richiedendone, in caso di risposta affermativa, la tipologia. È emerso che, tra il personale specificamente formato: - 10 operatori hanno conseguito la qualifica di Ludotecario, - 16 quella di Animatore, - 3 hanno portato a termine un corso per Operatore Socio-Assistenziale, - una sola persona ha frequentato un corso per Assistente all infanzia. - La maggior parte del personale, invece, possiede titoli di studio che vanno dal Diploma di scuola secondaria di secondo grado alla Laurea in discipline inerente l area umanistica. Guardando i suddetti dati non si può prescindere dall affermare la necessità sostanziale di personale altamente formato che operi all interno della Ludoteca. Tale servizio, infatti, è indubbiamente molto complesso, ma, proprio per questo, in grado di intervenire positivamente sulla crescita

8 dell individuo; ciò, però, può avvenire solamente qualora gli interventi vengano programmati, progettati ed attuati in modo altamente professionale, attraverso, dunque, le competenze di personale adeguatamente formato che possa trasferire le proprie conoscenze e le proprie abilità ludico-educative sul piano pratico. Rispetto alle attività (sezione 07) i dati sono così riassumibili: a) Laboratori permanenti: - sono presenti nel 33,63% delle strutture contattate, - non sono previsti nel 38,94% dei casi, - mentre nella restante parte (27,43%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); b) Laboratori saltuari o periodici: - sono attivati all interno del 40,71% delle Ludoteche, - non lo sono nel 36,28% dei casi, - mentre nella restante parte non sono stati raccolti dati significativi (non so 1,77% / nessuna risposta 21,24%); c) Progettazione delle attività: avviene nella quasi totalità dei casi (92,92%); d) Riunioni di verifica: - sono svolte nel 58,40% dei casi, - l organizzazione non prevede un attività di tal tipo nel 9,73% dei casi, - mentre nella restante parte (31,87%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); e) Eventuali attività svolte sul territorio: - si è rilevato un riscontro positivo nel 38,05% dei casi, - una risposta negativa è stata fornita dal25,66% dei referenti contattati, - l 1,77% degli intervistati ha risposto non so, negli altri casi non è stato raccolto alcun dato. La sezione 08 è stata prevista allo scopo di indagare quanto le Ludoteche presenti sul territorio regionali si configurino effettivamente come servizi sociali ed educativi; di seguito i dati emergenti: a) I genitori e/o gli adulti partecipano alle attività (quesito 08.01) - all interno del 51,33% delle strutture, - non si riscontra il loro coinvolgimento nel 22,12% dei casi, - mentre nella restante parte (26,55%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); b) Rapporti con la scuola: - dichiarano di averne intrapreso il 23% dei soggetti intervistati, - non sussistono nel 37,17% dei casi,

9 - mentre nella restante parte (39,83%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); c) Rapporti con ospedali o cliniche: - sono presenti nel 18,58% dei casi, - non sussistono nel 46,90% dei casi, - mentre la percentuale restante (34,52%) ricade nelle opzioni non so e non risponde ; d) Rapporti con l Assistenza Sociale: - la Ludoteca fornisce supporto all Assistenza Sociale nel 23% dei casi, - si riscontra una risposta negativa nel 46,90% dei casi, - mentre nella restante parte (30,10%) non sono stati raccolti dati significativi (non so/nessuna risposta); e) Informazioni alla famiglia: - vengono fornite nel 57,52% dei casi, - non si erogano informazioni di alcun tipo nel 15,93 % dei casi, - mentre la percentuale restante (26,55%) ricade nelle opzioni non so e non risponde. 3 I dati raccolti, danno conferma, purtroppo, di quella che è una reale e profonda carenza di conoscenze ed informazione e formazione specifica sulla Ludoteca, la quale è strettamente connessa ad un importante deficit legislativo di settore infatti solo un numero irrisorio di Comuni su tutto il territorio regionale dichiara di aver stilato un regolamento comunale sul servizio Ludoteca. Ciò, dunque, contribuisce ad alimentare la confusione relativa al servizio, permettendo di chiamare tutto ludoteca ed impedendo, pertanto, l erogazione di servizi di qualità realmente basati sui bisogni della famiglia contemporanea ed efficaci nel rispondere adeguatamente alle esigenze sociali, psico-pedagogiche ed educative dell infanzia, rispettandone quindi le tappe evolutive. Troppo spesso, infatti, non è chiaro il profondo valore del giocattoli e del gioco, quest ultimo inteso, non tanto come attività ludica fine a se stessa, quanto, piuttosto come spazio di vita, di crescita, di esperienza potremmo dire, con le parole di Winnicott, come uno spazio che si struttura all interno dell area dell illusione, ossia quell area a ponte tra il mondo esterno ed il mondo interno, in cui prendono vita la fantasia e la creatività e che caratterizza e permette il difficile percorso dallo stato di dipendenza del bambino fino all indipendenza, stimolando l affermazione del Vero Sé. Il gioco, dunque, è, per Winnicott, sempre un'esperienza creativa e la capacità di giocare in maniera creativa permette al soggetto di esprimere l'intero potenziale della propria personalità, "grazie alla sospensione del giudizio di verità sul mondo, a una tregua dal faticoso e doloroso processo di distinzione tra sé, i propri desideri, e la realtà, le sue frustrazioni" 4 3 Tutti i dati esposti derivano dallo Studio-ricerca sulle Ludoteche nella Regione Sicilia condotta dall Associazione Nazionale Il Dado Magico A.S.D. 4 D. W. Winnicott, Gioco e realtà, Armando Editore

10 . In questo modo, attraverso un atteggiamento ludico verso il mondo, e solo qui, in questa terza area neutra e intermedia tra il soggettivo e l'oggettivo, può comparire l'atto creativo, che permette al soggetto di trovare se stesso, di essere a contatto con il nucleo del proprio Sé; inoltre, "l'esperienza culturale comincia con il vivere in modo creativo, ciò che in primo luogo si manifesta nel gioco" 5. La creatività è uno stato di vitalità esistenziale, comune ad ogni essere umano, sia esso bambino o adolescente o adulto, ed è per questo che, per Winnicott, il gioco, intendendo con esso un atteggiamento ludico e creativo verso il mondo, non ha età: "io considero alla stessa stregua il modo di godere altamente sofisticato della persona adulta rispetto alla vita, o alla bellezza o all'astratta inventiva umana, e il gesto creativo di un bambino, che tende la mano alla bocca della madre, e che tocca i suoi denti, e la vede creativamente. Per me, il giocare porta in maniera naturale all'esperienza culturale e invero ne costituisce le fondamenta". Il gioco, dunque, come attività afinalistica, ma certamente deputata allo sviluppo cognitivo, affettivo, motivazionale e di personalità dell individuo, da fasi di sviluppo precoci fino all età adulta e anche più. Winnicott, infatti, introduce una significativa analogia tra l oggetto transizionale, l area dell illusione e l area del gioco : il gioco comincia nello spazio potenziale che si crea tra madre e bambino, la zona dell illusione: nell atto di giocare il bambino è in grado di essere creativo perché fa ancora effettivamente esperienza, in qualche misura, dell onnipotenza, può far uso dell intera personalità, e solo nell essere creativo scopre il Sé. All interno di questo contesto deve svolgersi, la conoscenza della realtà che dovrà essere offerta al bambino non solo gradualmente, ma anche come una sua scoperta, ancora una volta come qualcosa che fa lui, che egli crea. La progressiva disillusione, questa presentazione e conoscenza della realtà, diviene, così, apprendimento. 6 Ecco i grandi valori del gioco e dei giocattoli, le cui caratteristiche il ludotecario dovrebbe avere ben chiare. Da qui, dunque, anche l importanza del prestito dei giochi che dovrebbe caratterizzare ogni Ludoteca, poiché peremette la continuazione dell esperienza e la condivisione di questa all interno del nucleo familiare, dando, inoltre, la possibilità anche alle famiglie in condizioni socio-economiche meno agiate di affermare e soddisfare l inalienabile diritto al gioco di ogni bambino; diritto che, troppo spesso, è invece concesso solo ad alcune fasce d età, come si è evidenziato, infatti, nessuna delle Ludoteche da noi contattate ha affermato di non porre limiti di età per la propria utenza. Tutto ciò devia da quella che è la nostra idea di Ludoteca, intesa come servizio sociale fruibile da tutti i bambini da 0 a 99 anni che abbiano voglia di esprimersi attraverso il gioco, di conoscersi,sperimentarsi, scambiare esperienze in uno spazio costruito per loro e da loro. 5 ibidem 6 ibidem

11 Ci auguriamo, quindi, che quanto esposto fin qui possa essere per tutti spunto di riflessione, per noi è ulteriore motivo per perpetuare il nostro impegno, anche e soprattutto attraverso il coinvolgimento e la sensibilizzazione degli Enti Pubblici in relazione al riconoscimento della Ludoteca come servizio sociale e del Ludotecario quale figura preposta e professionista del settore, questo perché anche noi, come Shaw crediamo che l uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare. Vorremmo chiudere la nostra breve relazione ringraziando la Provincia Regionale di Messina Ass.to alla Solidarietà Sociale- e la Regione Sicilia Ass.to della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali le quali hanno gentilmente patrocinato la ricerca presentata, e il Centro Internazionale Ludoteche, nella persona del Direttore Giorgio Bartolucci, la cui collaborazione, come sempre, è risultata preziosa. I Relatori Per L Associazione Il Dado Magico A.S.D. La Presidente La Vicepresidente Irene Catalano Rando Dott.ssa Deborah Bontempo _ Per il Centro Internazionale Ludoteche Il Direttore Dott. Giorgio Bartolucci

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA

CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA Asilo nido Scuola materna Ludoteca - Doposcuola Via San Francesco, 71 Latina CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA Pensato e creato per bambini da zero a dieci anni, è il luogo in cui il bambino apprende

Dettagli

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità La ludoteca, sia pubblica che privata, si configura come un luogo finalizzato alla promozione e alla diffusione della cultura del gioco. La ludoteca in

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA 93010 DELIA (CL) Via G. Dolce, 8 - Tel Presidenza 0922-826570 - Tel Segreteria e Fax 0922-820290 - Tel. Sc. Elementare 0922-820289-Tel. Sc Materna

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1157 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CECCACCI RUBINO Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva»

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità Scuola secondaria di primo grado: "A. BROFFERIO" C.M. ATMM003004 C.so XXV Aprile, 2 ASTI Tel. e Fax 0141 21 26 66 Con sez. associata Martiri della Libertà Via G. Invrea, 4 - ASTI - Tel. e Fax 0141 21 12

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Premessa La valutazione del grado di soddisfazione degli utenti rappresenta un importante aspetto nella gestione di qualsiasi organizzazione,

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano)

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) Cervignano del Friuli PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) 1 PRESENTAZIONE CHI SIAMO Il Nido è un Servizio Comunale, gestito da personale della Cooperativa ITACA, in

Dettagli

mondo scarabocchio città futura

mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio Dall autunno 2014 la Cooperativa città futura ha attivato nuovi servizi complementari presso il nido Scarabocchio di Trento, con l obiettivo di implementare

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 19.06.2008 INDICE Art. 1 - Finalità generali

Dettagli

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Verbania 1 2 aprile 2008 1 QUADRO DI RIFERIMENTO INTERNAZIONALE Il 13

Dettagli

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Fobap Onlus, forte della convinzione che il tempo libero rappresenti qualcosa di determinante nella vita quotidiana di ogni persona, propone per il terzo

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE I NOSTRI RIFERIMENTI Associazione Antidroga Picena C.so Mazzini, 248 - Ascoli Piceno aap2010@libero.it 0736/258855 DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE Condividere strategie per rendere efficaci gli incontri

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Nati per Leggere Piemonte. Linee guida per la compilazione del questionario

Nati per Leggere Piemonte. Linee guida per la compilazione del questionario Linee guida per la compilazione del questionario Maggio 2014 Introduzione Gli indicatori e le relative linee guida riportati in questo breve documento sono stati elaborati da Fondazione Fitzcarraldo attraverso

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE L Associazione culturale Alice in Città nasce nel 2005 per dare forma istituzionale ad un esperienza lavorativa sviluppata fin dal 99 nell organizzazione di campi estivi.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

Laboratorio creativo. Giochiamo a...giocare

Laboratorio creativo. Giochiamo a...giocare Ludoteca " La Tana dell'orso" Documentazione Laboratorio creativo Giochiamo a...giocare Il gioco: dialogo con sé e con l ambente fisico e sociale Non si smette di giocare perché si diventa vecchi, si diventa

Dettagli

Progetto Organizzativo

Progetto Organizzativo Progetto Organizzativo CRITERI DI ACCESSO AL SERVIZIO Il bambino per il quale si richiede il servizio deve avere un età compresa dai 3 mesi e i 13 anni. Date le esigenze delle famiglie, punti di forza

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) Campagna di informazione rivolta al mondo scolastico sul tema della sicurezza nei

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere.

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Titolo DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Servizi di riferimento Dalla primavera del 2005 è stato attivato nella fabbrica

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: PER UNA SCUOLA DELL INCLUSIONE 2014 AMBITO D INTERVENTO: Assistenza scolastica agli alunni diversamente abili AMBITO TERRITORIALE: I volontari svolgeranno

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

Gruppo di lavoro genitori

Gruppo di lavoro genitori Onlus Gruppo di lavoro genitori PREMESSA Noi genitori, consapevoli di quanto sia impegnativo occuparsi dei nostri figli sotto il profilo educativo ed assistenziale, mettiamo a disposizione della scuola

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni PREMESSA: LE ATTIVITA ESTIVE.. 3 ORGANIZZAZIONE.. 4 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO GENITORI...7 SINTESI SUL

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina Dalla terra alla tavola Offrire ai bambini la possibilità di creare e curare un piccolo orto

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE OBIETTIVI FORMATIVI Con

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Azioni positive per lo sviluppo dei diritti di cittadinanza delle bambine e dei bambini e loro partecipazione attiva alla vita della comunità. OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana Perchè sceglierci? Perchè il nostro Asilo Nido fornisce un servizio assistenziale ed educativo che, in collaborazione con le famiglie, sa fornire uno spazio

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, BIANCONI Disciplina della professione di educatore di asilo nido e istituzione

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Indice Obiettivi della ricerca Caratteristiche socio demografiche del campione I risultati della ricerca Percezione della discriminazione di Esperienze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Città di Pescara Medaglia d oro al Merito Civile LUDOTECA THOMAS DEZI SERVIZIO EDUCATIVO TERRITORIALE

Città di Pescara Medaglia d oro al Merito Civile LUDOTECA THOMAS DEZI SERVIZIO EDUCATIVO TERRITORIALE Città di Pescara Medaglia d oro al Merito Civile LUDOTECA THOMAS DEZI SERVIZIO EDUCATIVO TERRITORIALE Il gioco non è un semplice trastullarsi esso ha una grande serietà e un profondo significato (Froebel)

Dettagli

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA Definizione Il Coordinatore di servizio/unità operativa/struttura è una figura che appartiene al management intermedio dell impresa cooperativa. Si

Dettagli