Ludovico Bomben Works

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ludovico Bomben Works"

Transcript

1 Ludovico Bomben Works

2 Pala 5 / serie dei bianchi / IL RE

3 Titolo: Pala 5 / Serie dei Bianchi / IL RE Anno: 2013 Tecnica: Installazione Dimensione: 150 (h) x 134 x 3 cm Materiali: Corian, Oro 24k, Mdf PREMIO FRANCESCO FABBRI PER LE ARTI CONTEMPORANEE Opera vincitrice PREMIO ROTARY IL RE è la prima opera realizzata di un progetto ampio e articolato che sta prendendo forma in questo periodo dopo alcuni mesi di studio e progettazione. Il ragionamento iniziale è partito dal tentativo di creare una sintesi tra opere di genere religioso, in particolare la pala d altare e l icona russa, espressioni artistiche di cui ho estrapolato alcuni elementi fondamentali che sono stati poi fusi insieme, e riorganizzati in chiave contemporanea. Le linee fondamentali del progetto prevedono l elaborazione grafica delle classiche forme della pala d altare e l inserimento di parti in oro tipiche dell arte ortodossa, con l intento di giungere ad un unione che, libera da differenze di culto, mette in rilievo semplicemente l idea del passaggio ad altra dimensione, il confine tra mondo visibile e invisibile. Ad un primo sguardo il lavoro potrebbe far pensare ad un idolo, ma l intenzione è piuttosto quella di svelare un ulteriore possibilità di collegamento attraverso un immagine che desti nella coscienza una visione spirituale. IL RE come già detto è il primo capitolo di un unico grande racconto che, spero un giorno di presentare unito in un unico percorso visivo. Per la produzione di quest opera sono stati compiuti vari passaggi che mescolano lavorazioni e tecnologie contemporanee, materiali di ultima generazione, antichi metodi decorativi e remote tecniche di disegno. I disegni preparatori sono stati creati utilizzando una serie di griglie grafiche costruite su rapporti di sezione aurea che in un secondo momento sono state elaborate con programmi di disegno 3d. I disegni definitivi sono stati poi lavorati da macchine a controllo numerico (pantografi cnc) e, una volta pronte le lavorazioni primarie, sono stati assemblati manualmente e decorati a mano. Anche l uso dei materiali è stato pensato con l idea di mettere insieme antico e nuovo, scegliendo di unire il Corian (composito avanzato di minerali naturali e polimeri acrilici) con l Oro (24 Karati) e il legno (MDF - pannello di fibra a media densità).

4

5

6

7

8

9

10

11 Serie dei bianchi / STUDIO PER SANTO GENERICO/1

12 Titolo: Serie dei Bianchi / STUDIO PER SANTO GENERICO/1 Anno: 2014 Tecnica: Installazione Dimensione: 80 x 60 x 2 cm Materiali: Corian, Foglia Oro 600 Studio per santo generico/1 è il naturale proseguimento del lavoro precedente (IL RE) appartenente alla Serie dei Bianchi che a sua volta è parte del grande progetto: Dai Corpi Celesti. Questo lavoro, come gli altri, nasce con l intento di creare un immagine sacra contemporanea. Il titolo ci porta da subito al riferimento del Santo, detto generico perchè l intento è di eliminare completamente tutta la parte narrativa legata alle figure dei santi. Così il bianco puro del materiale e la misurata costruzione geometrica sostituiscono completamente tutte le articolate iconografie (es: San Giorgio e il Drago, San Pietro e il Paradiso) mantenendo la sola idea di Santità e liberandosi da legami con particolari branche religiose. In questo caso la decorazione in foglia oro è stata applicata sul retro del lavoro per due motivi distinti, uno concettuale ed uno tecnico: - essendo un elemento molto delicato, prezioso e concettualmente utilizzabile per il passaggio ad altra dimensione è protetto dalla superficie frontale; - con una particolare illuminazione dedicata, grazie al gioco di riflessione della luce tra muro/oro/muro si crea, intorno al lavoro, una naturale aura dorata, quasi impercettibile ma presente. Questo effetto è consentito anche dal particolare tipo di aggancio a parete che è stato studiato per mantenere l opera staccata da muro, grazie all uso di calamite, che permettono di sostenere il pezzo con due soli punti di ancoraggio. 865 Ludovico Bomben - Studio per santo generico

13

14

15

16

17

18 R436

19 Titolo: R436 Anno: 2010 Tecnica: Installazione Dimensione: Variabile Materiali: Rosari Cristiani R436 è rosario cristiano lungo 43,6 metri. Le proporzioni della croce e della medaglietta sono state mantenute uguali ad un comune rosario, e le serie di preghiere ( <10+1x4 > + 10 palline) sono state moltiplicate per il numero complessivo delle palline-preghiere del rosario (59). La scelta di questa moltiplicazione non ha particolari significati concettuali, quello che mi interessa è giungere ad una notevole lunghezza/ peso/ingombro dell oggetto. La moltiplicazione del ciclo di preghiere impone un certo sacrificio di tempo per poter utilizzare l oggetto e un certo ingombro per poterlo portare con se; questi elementi a livello concettuale rimandano ad alcuni valori portanti del cristianesimo stesso, il sacrificio, la sofferenza e la sopportazione. Il lavoro sottolineando questi aspetti induce l osservatore ad interrogarsi sul fatto se essi siano valori o meno, senza esprimere nessun giudizio. Per l installazione del rosario ho ideato appositamente un disegno in sezione aurea che ricorda la prosettiva rovesciata delle navate di una chiesa.

20

21

22

23

24 PIEDRITTO

25 Titolo: Piedritto Anno: 2011 Tecnica: Installazione Ambientale Dimensione: Variabile Materiali: Cemento, Legno DOLOMITI CONTEMPORANEE - Laboratorio d arti visive in ambiente CONTRACTIONS. L opera tra implosione energetica ed espansione di senso a cura di Daniele Capra L intervento che ho realizzato per Contractions è Piedritto, una grande colonna composta da 260 sacchi di cemento impilati uno sull altro, che da terra cresce fino a toccare il soffitto. Si erge maestosa all interno di uno degli spazi espositivi di Sass Muss, il Padiglione Schiara, un grande capannone industriale di 1800 metri quadrati. L ambiente è completamente realizzato in cemento, il pavimento, i pilasti, i particolari travi curvati tutto all interno è grigio cemento e non si può fare a meno di sentire il forte odore acre del materiale. L idea di costruire un finto pilastro portante, costituito da sacchi, è nata proprio pensando alla relazione che si instaura con l ambiente circostante. Dal punto di vista formale e concettuale si crea una tensione tra i veri pilastri portanti e l opera, che richiama la forma e la funzione del pilastro fingendosi tale. Non c è verità strutturale al suo interno ma la sua composizione è tale e quale a quella dell intero ambiente e della sua architettura. Un grande accumulo di materiale vergine, non ancora lavorato ma che simula la sua funzione e si confronta con uno dei suoi utilizzi pratici e, di fatto, contiene l energia necessaria ad un suo possibile sviluppo. In questa situazione di confronto concreto Piedritto diventa anche una sorta di monolito inteso come monumento, in cui si catalizza il ragionamento sulla materia e sul suo possibile utilizzo e su come la manipolazione a volte coincida con lo stesso atto dimostrativo. L operazione è stata realizzata in collaborazione con il Gruppo Grigolin che ha messo a disposizione i materiali per costruzione dell opera.

26

27

28 IPOTESI PER L INSTALLAZIONE DELL OPERA IPOTESI PER LA DISPOSIZIONE DEI SACCHI: La colonna di sacchi sar composta da livelli sovrapposti di 4 sacchi DISPOSIZIONE DEI SACCHI posizionati in modo da lasciare al centro uno spazio vuoto. Nella salita verso l'alto ogni livello viene specchiato di 90 gradi in La colonna modo da creare di una sacchi struttura sarà che consenta composta la copertura da livelli delle 'fughe' sovrapposti di tra i sacchi del livello sottostante. Questo garantisce una migliore 4 sacchi stabilit alla posizionati colonna. Ci in saranno modo quindi da due lasciare piani che al si centro ripetono uno spazio vuoto. s a l e n d o, i l p i a n o 1 ( g i a l l o ) e i l p i a n o 2 ( a z z u r r o ). Nella Nello salita spazioverso libero l alto centroogni verr posizionata livello viene una sorta specchiato di armatura, di 90 gradi fissata a soffitto e messa in pressione a terra. Salendo, ad ogni in modo metro, verranno da creare poi costruiti una dei struttura bracci collegati che all'armatura consenta chela si copertura delle interse fughe cano con tra i sacchi i sacchi per o ttener del elivello ulteriorsottostante. e stabilit. Questo garantisce una migliore stabilità alla colonna. Ci saranno quindi due piani che si ripetono salendo, il piano 1 (giallo) e il piano 2 (azzurro). Nello spazio libero al centro verrà posizionata una armatura, fissata a soffitto e messa in pressione a terra. Salendo, ad ogni metro, verranno poi costruiti dei bracci collegati all armatura che intersecandosi con i sacchi consentiranno ulteriore stabilità. 10 PIANO 1 PIANO 2 111, , , , IPOTESI PERS TRUTTURA PORTANTE STRUTTURA PORTANTE La struttur as ar realizzata in lococ on cantinelle in abeted id ifferentes ezione. La struttura Quatsarà trom ontanti realizzata princip alisin viluppat loco ii ncon cantinelle verticalee in abete tenutii di nsieme differente da due basii sezione. n Quattro montanti multistrato( 60x60x2cm) principali fissatea sviluppati soffitto in con tassel li ea terr ac on bi-a de sivo. verticale e tenuti insieme da due basi in Salend ou lteriori basette in multistr ato multistrato (12x12x2cm) (60x60x2cm) e unafissate seried ib a raccia soffitto checon tasselli e a oltrterra eaf ar con pres asbi-adesivo. ui sacchi di cemsalendo ento ulteriori basette garantisconos in multistrato olidit all'intera(12x12x2cm) struttura( i sac c h ia ssor bira nn af orma e una serie di bracci che oltre a far presa dell'in gombro dell ec antine ll ec he di sui sacchi consegue di cemento nz as aran garantiscono no nasc oste). solidità Le all intera struttura misure sono(i indicativec sacchi onsiderato assorbiranno il fatto la forma dell ingombro che il lavo sa delle r e secantinelle guito su lp os che to di conseguenza certament saranno es ubiranno nascoste). alcune modifiche.

29

30

31

32 LA CASA PER L ALBERO

33 Titolo Progetto: La Casa Per L Albero Anno: 2011 Tecnica: Installazione Dimensione: 550 (h) x 300 x 200 cm Materiali: Corten, Legno Premio InSesto 2011 a cura di Marco Minuz Progetto per Ex Essicatoi di San Vito al Tagliamento Ci sono casette per appoggiare una valigia e poi ripartire, casette per addormentarsi abbracciati, casette per nascondere le proprie paure, casette per custodire la foto di qualcuno che ora ci manca, casette per picchiare la propria moglie e poi uscire con una cravatta, casette per mostrare un vaso rosso, fragile fragile. Poi ci sono anche casette che cercano di staccarsi dal suolo, di sparire in nuvole verdi di foglie, come quando da piccoli, con un semplice mantello, potevamo volare con un soffio di vento. Casette pensate dagli antichi per salvarsi dai pericoli, sognate da alcuni baroni che ambivano a possedimenti di libertà, sempre volute dai bambini. Forse dovremmo capire che le casette sugli alberi ci servono ancora, dovremmo accorgerci che ce ne sono troppo poche e riflettere che forse ogni quartiere dovrebbe averne una. Le casette sugli alberi sono luoghi magici, che ci staccano dal suolo per avvicinarci un po al cielo, che ci aiutano a prendere coraggio per sfidare convenzioni e ritornare a giocare. Luoghi per piangere, meditare, sparire, amoreggiare, stupirci, parlare con gli alberi, e soprattutto per vedere tutto dall alto e accorgerci che, molto spesso, siamo buffe creature che si prendono troppo sul serio. Luoghi per lasciare giù i quotidiani problemi di terra e acquistarne di nuovi... quelli d aria. Marco Minuz

34 Chi vuole guardare bene la terra deve tenersi alla distanza necessaria Italo Calvino, Il Barone Rampante CONCEPT L idea di proporre LA CASA PER L ALBERO è nata dopo una lunga riflessione fatta su i luoghi che ospiteranno l opera, su le persone che la fruiranno e sulla memoria di tutti quei ragazzi che come me hanno avuto o sognato una casa sull albero. Il complesso degli Ex Essicatoi di San Vito al Tagliamento è un chiaro esempio della storia delle nostre terre e fin da subito suscita, in chi lo osserva, la memoria di tempi lontani, tempi in cui il modus vivendi era certamente legato alla natura e al contatto con le sue creature. All epoca ma ancora oggi, gli abitanti della cittadina e dei paesi vicini sono stati circondati dai campi, dalle boscaglie, dai canali, dalla grava... questo contesto non può essere trascurato in quanto contribuisce a formare le personalità, le visioni e le abitudini delle persone che lo vivono. Sono certo che la fascinazione della casa sull albero abbia attraversato la maggior parte dei giovani, a prescindere dalla generazione a cui appartengono o sono appartenuti, perché coincide con l archetipo del nido, del riparo, della protezione e del contatto con la natura. Questa idea si è certamente evoluta ad uno stadio più ludico con lo sviluppo della società contemporanea ma anche in questo caso resta un elemento di grande interesse all interno di questo progetto. Ho cercato di sviluppare l opera in modo di mantenere questi elementi concettuali elaborando però una composizione formale insolita. LA CASA PER L ALBERO non si legherà direttamente al tronco ma sarà collocata vicino ai rami che in parte la ingloberanno. Questo mi ha consentito una maggiore libertà nello sviluppo della parte formale che, come si vedrà nelle immagini seguenti, è composta da un unico blocco compatto. La forma comunica con grande semplicità e immediatezza il concetto di casa attraverso la scelta del classico tetto a due falde e alla semplicità dei volumi che è stata adottata per creare un distacco netto tra le forme naturali dell albero e la struttura. Essa assume così un carattere fortemente scultoreo reso ancora più forte dalla finitura ruggine che sarà applicata a tutta la costruzione. La copertura superiore e l accesso dalle scale saranno realizzati in lamiera forata consentendo uniformità visiva da lontano e alleggerendo la pienezza della forma attraverso il gioco ottico reso dai migliaia di fori delle lamiere. All interno si creerà una situazione percettiva molto particolare in quanto la luce verrà filtrata e divisa dalla texture della lamiera in tanti piccoli fasci luminosi. Questo elemento diventa molto importante se consideriamo la possibilità di frequentare lo spazio interno. Il lavoro infatti nasce con l intento di offrire ai visitatori la possibilità di uno spazio in cui potersi estraniare, dove fermarsi per qualche istante e ritrovare contatto con se stessi attraverso la natura. Una sorta di non luogo, di spazio senza tempo, atto alla contemplazione del mondo esterno quanto di quello interno, pensato per chi in qualsiasi momento voglia ritrovare un po di pace. Considerata la presenza del centro giovani all interno della logistica degli spazi degli Ex Essicatoi, lo spazio è nato anche per un uso più ludico con un sottile intento formativo finalizzato allo sviluppo della curiosità per la scoperta di un altro modo di vivere.

35 PARTERSHIP Un elemento fondamentale del progetto è costituito dalla fase di realizzazione e presentazione dell opera per la quale sono state coinvolte alcune aziende del territorio. La possibilità di partecipare ad un concorso per la realizzazione di un opera permanente all interno della provincia di Pordenone, rende di estremo interesse l opportunità di radunare un gruppo di lavoro formato da aziende specializzate in diversi settori e coordinarle insieme per un prodotto finale. Una collaborazione aperta tra diverse professionalità intesa come primo passo verso la tessitura di una rete tra aziende, artisti visivi e luoghi deputati alla cultura e alla formazione. Proprio in questo momento storico e in particolare nel nostro territorio, è essenziale costruire reti di scambio tra produzione e cultura, lavorando tanto sul prodotto quanto sulla formazione di un terreno sociale diretto verso una continua crescita collettiva. La collaborazione prevede anche gli interventi di due giovani artisti che hanno collaborato alla fase di presentazione del progetto contribuendo alla realizzazione dei rendering del modello. A seguire un estratto dal testo, scritto appositamente per l occasione, da Gianluca D Incà Levis: Accogliendo lo stimolo creativo dell artista, ed accettando di applicare il proprio knowhow alla risoluzione di un problema tecnico inedito (e privo di un movente commerciale immediato), il fabbricante è liberamente entrato in gioco, partecipando alla fase ideativa e costruttiva di un oggetto nuovo, mettendo il proprio impegno, la curiosità, l ingegno, accanto a quelli dell artista. In tal modo, attraverso questa sinergia, il cantiere di Sass Muss è divenuto una sorta di fabbrica. Un autentica officina, a proposito della quale riteniamo appropriato parlare di fertilità di un modello produttivo culturale. Utilizzare l idea dell artista per stimolare in modo anticonvenzionale l intelligenza tecnologica della fabbrica può dimostrarsi proficuo. E la corrispondenza di questo modello è senz altro virtuosa e biunivoca. Laddove l impulso poietico viene accolto, si genera infatti la possibilità di una cooperazione fattiva, utile per entrambi i soggetti. Il fabbricante (il fabbricante creativo) accetta di condividere, di con-cedere, la propria conoscenza tecnica, permettendo così la realizzazione dell opera. In cambio, egli ottiene nuova linfa, un sguardo differente. La nuova prospettiva lo nutre. Se decide di affidarvisi, il suo sistema d imprendere si arricchisce culturalmente (si apre). Grazie a quest apertura, egli può aggiornare e corroborare l immagine della propria azienda, e, talvolta, perfino decidere di modificare il processo produttivo. L acquisizione del surplus ideativo può alla fine venire acquisito stabilmente all interno della filiera produttiva, consentendo di realizzare un prodotto diverso, rinnovato. Gianluca D Incà Levis, ottobre 2011

36

37

38 A-CROSS

39 Titolo: A-Cross Anno: 2009 Tecnica: Installazione Dimensione: 550 (h) x 375 x 55 cm Materiali: Ferro, Acciaio ILLUMINAZIONI - LA BIENNALE DI VENEZIA 54. ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D ARTE PADIGLIONE ITALIA - ACCADEMIE ARSENALE - TESE DI SAN CRISTOFORO A-cross è una grande scala bianca di 5,5 metri a forma di croce latina rovesciata. Il lavoro, ovviamente, non si limita alla provocazione ma indaga le possibilità dell utilizzo del simbolo. Nonostante le misure siano quelle della croce latina e non cristiana, questo particolare simbolo, rovesciato, rimanda ad una serie di interpretazioni negative, legate nella cultura occidentale alle manifestazioni del male. In questo caso però il simbolo viene trasformato in una scala, che sale verso il cielo alludendo ad un ascesa, o meglio alla possibilità della risalita, diventando una sorta di paradosso. Due elementi, concettualmente così lontani, uno modesto strumento di lavoro e l altro simbolo carico di significati spirituali, diventano insieme senso nuovo e pongono una domanda: quali sono le strade, quanto noi stessi possiamo costruirle e quanto sono valide quelle che ci hanno date per vere.

40 Vista frontale

41

42 AUTOGRAFOS

43 Titolo: Autografos Anno: 2010 Tecnica: Disegno a penna su carta Dimensione: 160 (h) x 108 cm Materiali: Carta, MDF FONDAZIONE BEVILACQUA LA MASA - 94.MA COLLETTIVA Giuria del concorso: Angela Vettese, Caroline Corbetta, Ra Di Martino, Carlo Di Raco, Anita Sieff, Andrea Viliani, Paolo Zani. Come spesso accade durante un processo di ricerca artistica ci si trova ad iniziare un progetto da un idea che si modifica anche radicalmente durante la realizzazione della stessa. L opera qui presentata parte dall intento di consumare-scaricare una penna nera in un foglio di carta per verificare una delle sue possibili estensioni formali. Partendo da questo concetto ho iniziato a lavorare al progetto e mi sono trovato nel mio laboratorio di fronte ad un grande foglio bianco su cui dovevo iniziare a scaricare la penna; ho istintivamente iniziato a fare il mio autografo. Così firma dopo firma vedevo gradualmente il foglio scurirsi e la penna consumarsi e i segni che si creavano iniziavano a prendere forme che spostavano il mio interesse dalla misurazione della penna all idea di autografo. Scoprivo lentamente che la continua sovrapposizione delle firme dava vita ad un groviglio di segni neri, non casuale, ma con una sua linearità e con un movimento proprio che rendeva la nuova immagine estremamente interessante. Durante la realizzazione di varie prove ho iniziato a ragionare sul valore simbolico della firma e dell autografo, che di fatto sono quello strumento che ci consente di dichiararci, di garantire la nostra presenza, di rivendicare la paternità di un opera o di rendere nota la nostra adesione a qualcosa. AUTOGRAFO: gr. AUTOGRAFOS composto di AUTOS = egli stesso e GRAFO = disegnare, scrivere. - Scritto di propria mano come sost. Scrittura o Disegno di mano dell autore stessa, Originale. FIRMARE: dal lat. FIRMARE fermare, e fig ratificare, ma che nei tempi barbari significò affermare solennemente, onde poi in senso di sanzionare, render fermo un atto con la sottoscrizione del proprio nome (v. fermo). Segnare col proprio nome; La forma che il disegno iniziava a mostrare attraverso la sovrapposizione dei segni stava lentamente annullando la leggibilità delle firme e quindi facendomi arrivare ad un inaspettato risultato. Lo strumento generalmente usato per dichiarare se stessi diventa un insieme di segni illeggibili, una massa informe che non può essere tradotta con gli strumenti convenzionali ma esige di essere letta da un piano ulteriore. Il segno diventa disegno, la firma diventa forma e si imprime nel foglio comunicando la dichiarazione di me stesso attraverso un immagine che parte dall autografo e genera una struttura che si staglia tra la scrittura e l immagine.

44

45

46

47

48

49

50 LACRIME

51 Titolo: Lacrime Anno: 2010 Tecnica: Installazione Dimensione: 10,6 x 6,1 x 5,7 cm Materiali: Lacrime, Vetro ELABORARE IL LUTTO. L Arte orfana della specie. a cura di Gaetano Mainenti, Atej Tutta Oggetto realizzato da Cesare Toffolo Il momento dell elaborazione artistica prevede sempre, nel mio caso, una parte dedicata allo studio scientifico del linguaggio e una parte più emotiva. Cercando il significato di elaborare mi sono imbattuto in una definizione riferita al cibo che dice: concuocerlo negli organi digerenti disponendolo all assimilazione. Allo stesso modo ho cercato di elaborare il lutto utilizzando come materiale il dolore che ho provato in questo ultimo periodo della mia vita e piangendolo ho avuto modo di esternarlo e di vederlo tradotto in forma, e quindi in lacrime. Questo parte intima e personale si lega in modo molto forte alla stessa parola lutto la cui radice latina è luctus da lugére = piangere. Saranno così esposte le mie lacrime come una sorta di reliquia che contenga l energia utile a portare avanti un messaggio di speranza e di dedizione verso un importante causa. L opera si staglia in quello spazio che esiste tra essa e il suo spettatore perché l oggetto diventa simbolo del procedimento che serve per crearlo, il pianto.

52

53

54 Ludovico Bomben via claut Pordenone Italia

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

BOMBEN LUDOVICO CURRICULUM VITAE

BOMBEN LUDOVICO CURRICULUM VITAE BOMBEN LUDOVICO CURRICULUM VITAE 2015 99.ma COLLETTIVA GIOVANI FONDAZIONE BEVILACQUA LA MASA Piazza San Marco, Venezia Monica Calcagno, Mauro Covacich, Denis Isaia, Mario Mazzoli, Giovanni Morbin, Caterina

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi

DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi PROGETTO L ARTE DEL RACCONTO E DEL SILENZIO DESCRIZIONE PERCORSO con il gruppo Medi Partendo dalla considerazione che il quadro racconta una storia, trasmette emozioni, è traccia di un significato e porta

Dettagli

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri Per l aula di meditazione che ha sede in via Piranesi 14 a Milano abbiamo commissionato all artista Antonello Ruggieri una installazione che favorisca gli stati meditativi che intendiamo coltivare; tale

Dettagli

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti.

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti. PRESENTAZIONE Dalla relazione svolta dal card. Carlo M. Martini a Camaldoli, luglio 2002, al convegno Cristianesimo e democrazia nel futuro dell Europa. La Bibbia divenga il libro del futuro dell Europa

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI

INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI Milano, 13 settembre 2012 INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI Quando Gabriele Nissim, Presidente dell Associazione del Giardino dei Giusti, mi ha offerto la progettazione del nuovo Giardino

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana Nel lontano 1200, un re della dinastia etiope Zaguè, di nome Lalibela, decise di costruire nella sua città una copia dei monumenti esistenti a Gerusalemme. Ci mise tutto il suo impegno e la sua fede disponendoli

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere Introduzione STRUTTURA STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere l'intera costruzione. Per gli edifici di civile abitazione (residenziali), nei casi usuali

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Int Reesrtior auro 126 VILLE&CASALI

Int Reesrtior auro 126 VILLE&CASALI Interior Rest auro 126VILLE&CASALI La quiete dentro Un intimo approdo per barche, soavemente immerso nel lago d Orta, diventa uno spazio simbolico per il tempo libero testo di FRANCESCA TAMBERLANI foto

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Il progetto per i nuovi uffici è stato

Il progetto per i nuovi uffici è stato Architettura e ambiente Ampliamento degli uffici LignoAlp, Damiani-Holz &Ko di Bressanone Di ATTIA SCAGNOL, MODUS architects Di Francesco Panebianco Il progetto per i nuovi uffici è stato guidato dalla

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Presentazione attività

Presentazione attività Il re dei Confini - a cura di Alessandro Carboni L'arte, il paesaggio e l'architettura per bambini Presentazione attività Il Re dei confini è un progetto che promuove attività per bambini sull arte, l

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Quando il tubo diventa design.

Quando il tubo diventa design. Quando il tubo diventa design. ELEMENTI DI ARREDO, OGGETTI ESCLUSIVI, REGALI PERSONALIZZATI, ARTICOLI DA COLLEZIONE. www.eurotubidesign.com Dalla produzione industriale all artigianato creativo. Artigianato

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

TFA 2015 Classe A060 Chimica Generale ed Inorganica

TFA 2015 Classe A060 Chimica Generale ed Inorganica TFA 2015 Classe A060 Chimica Generale ed Inorganica DENSITÀ La densità è una grandezza che rappresenta la massa contenuta nell unità di volume [d] = S.I. g [d] = g L ml d = m V Unità di misura [d] = Kg

Dettagli

Deutsche Bank presenta le opere di Elena Lattanzi, 20 Maggio 2006. Omaggio a Monopoli

Deutsche Bank presenta le opere di Elena Lattanzi, 20 Maggio 2006. Omaggio a Monopoli Deutsche Bank presenta le opere di Elena Lattanzi, 20 Maggio 2006. Omaggio a Monopoli Monopoli è una città sul mare che vive di campagna, una città comunità che abbraccia confini e territori non segnati

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

la cultura della Sicurezza Obiettivi cognitivi del percorso didattico: SAPERE Obiettivi attitudinali: SAPER FARE

la cultura della Sicurezza Obiettivi cognitivi del percorso didattico: SAPERE Obiettivi attitudinali: SAPER FARE GUIDA Il percorso didattico interdisciplinare vuole sensibilizzare gli alunni a sviluppare la cultura della Sicurezza con attività partecipative e ludiche coinvolgenti. Obiettivi cognitivi del percorso

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International Cannaregio 3384/b Campo dei Mori 30121 Venezia www.spazioartedeimori.com info@spazioartedeimori.com

Dettagli

C'è uovo e uovo. Opere realizzate dagli studenti dell'accademia di Ravenna

C'è uovo e uovo. Opere realizzate dagli studenti dell'accademia di Ravenna C'è uovo e uovo Opere realizzate dagli studenti dell'accademia di Ravenna È con grande piacere che l'accademia di Belle Arti di Ravenna partecipa a quest'edizione del Baccanale di Imola, esponendo opere

Dettagli

Forma e colore con Kandinsky

Forma e colore con Kandinsky Forma e colore con Kandinsky Kandinsky : l arte entra nella scuola come verifica finale di un percorso su colore forma -dimensione L arte è piena di colori, il mondo è pieno di colori e noi ci viviamo

Dettagli

I SIMBOLI MEDIOEVALI

I SIMBOLI MEDIOEVALI I SIMBOLI MEDIOEVALI VERSO UN ARTE SIMBOLICA L arte medioevale ha la funzione di esprimere concetti e simboli religiosi mediante immagini, per far conoscere ai fedeli la storia sacra. Dall arte imperiale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Progetto di ampliamento della sede Arnoldo Mondadori Editore con completa ristrutturazione della CASCINA

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

IL VIAGGIO. (sguardo sociologico) VIAGGIATORE E TURISTA

IL VIAGGIO. (sguardo sociologico) VIAGGIATORE E TURISTA IL VIAGGIO (sguardo sociologico) VIAGGIATORE E TURISTA TURISTA Vacanza perfetta Adatta l ambiente a sé Villaggio turistico Rimane sempre a casa! VIAGGIATORE Accetta l imprevisto Si adatta all ambiente

Dettagli

QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016. AFLIN Fior di Loto India Onlus

QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016. AFLIN Fior di Loto India Onlus QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016 AFLIN Fior di Loto India Onlus Da sempre fin dalle antiche civiltà sono esistite associazioni tra mondo metafisico ed Alberi e Boschi, con sacralizzazione

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Martin Design. Fioriere. Tavoli. Pareti verticali. Pavimenti. Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten

Martin Design. Fioriere. Tavoli. Pareti verticali. Pavimenti. Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten Fioriere Tavoli Pareti verticali Pavimenti Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten Rivestimenti in Cover-art Via S. Agata, 65 22066 Mariano Comense (CO) Tel. 031 748768 Fax 031

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE SCUOLE PRIMARIE DI BREONIO, FUMANE, MARANO,S.ANNA D ALFAEDO,VALGATARA a.s.2014-15 Nelle scuole dell Infanzia e nelle scuole primarie dell Istituto Comprensivo

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

A proposito di sogni

A proposito di sogni A proposito di sogni Nel V libro delle Metamorfosi Apuleio descrive con ricchezza di particolari il meraviglioso palazzo divino, costruito in oro e pietre preziose, nel quale Psiche è magicamente trasportata

Dettagli

Casa Latscha nel Taunus, Germania

Casa Latscha nel Taunus, Germania Progetti Veronica Dal Buono Anche per l architetto contemporaneo è essenziale il confronto con la complessità dell abitare: l architettura di qualsiasi tipo, come insegna Heidegger, comincia infatti dall

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

CURRICULUM VITÆ. 3482465543 giuliamabelli@gmail.com. Nata a Udine, il 28 febbraio 1989 Attualmente studia e lavora a Venezia

CURRICULUM VITÆ. 3482465543 giuliamabelli@gmail.com. Nata a Udine, il 28 febbraio 1989 Attualmente studia e lavora a Venezia GIULIA MARIA BELLI CURRICULUM VITÆ 3482465543 giuliamabelli@gmail.com Nata a Udine, il 28 febbraio 1989 Attualmente studia e lavora a Venezia 2014 - Conseguimento del Diploma di secondo livello in Pittura,

Dettagli

periodo di realizzazione: 2006-2007 committente / proprietario: premi architettonici: tipologia intervento: destinazione intervento: dimensioni:

periodo di realizzazione: 2006-2007 committente / proprietario: premi architettonici: tipologia intervento: destinazione intervento: dimensioni: Enrico Iascone Architetti Case Bianche Case Bianche Residence a Bologna indirizzo: via delle Lame, 29 città: progettista: consulenti: Bologna Enrico Iascone Carlotta Menarini Camilla Belletti Filippo Marsigli

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

- La comunicazione epistolare come modalità di sostegno alle persone in lutto

- La comunicazione epistolare come modalità di sostegno alle persone in lutto - La comunicazione epistolare come modalità di sostegno alle persone in lutto Sintesi: 1. Caratteristica: metodologia per il sostegno psicologico a distanza per le persone in lutto 2. Utenti: persone in

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

In Québec, a pochi chilometri dal villaggio. La casa SCULTURA INTERIOR

In Québec, a pochi chilometri dal villaggio. La casa SCULTURA INTERIOR INTERIOR La casa SCULTURA I VINCOLI DATI DALL USO DI MATERIALI DI RECUPERO SCATENANO LA CREATIVITÀ DI UN ARTISTA ATIPICO IN UN AREA CANADESE DOVE LA NATURA APPARE COME UN ENTITÀ POTENTE E PROTETTIVA di

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e

IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e i capelli che sfiorano la tastiera, guardo ad occhi

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita 1 2 Una esperienza coinvolgente e vissuta sul terre della creatività Una giornata r provocazioni, non esperti, in una decina di La realizzazion propria opera

Dettagli

Natale nei cieli di Mirò

Natale nei cieli di Mirò Natale nei cieli di Mirò Al corso #miramirò a seguito visita mostra di #miromantova abbiamo proposto un grande cielo natalizio con i segni e i simboli letti nelle Costellazioni di Miró. Le Costellazioni

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

LIBERI DI VOLARE. Concorso di pittura a premi

LIBERI DI VOLARE. Concorso di pittura a premi LIBERI DI VOLARE Concorso di pittura a premi Arzignano, 11 Aprile 2014 Premessa della giuria: gli elaborati prodotti dagli alunni partecipanti, hanno evidenziato un notevole impegno; molti lavori si sono

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

DESIGN STEP UP SPACE PORTFOLIO. www.arkinsrl.com

DESIGN STEP UP SPACE PORTFOLIO. www.arkinsrl.com DESIGN STEP UP SPACE PORTFOLIO www.arkinsrl.com Arkin arte e tecnica Arkin progetta e costruisce facciate di altissima qualità per le più svariate destinazioni d uso: dallo showroom al capannone industriale,

Dettagli

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori Toni Benetton Treviso, Italia 1910-1996, è considerato uno dei maggiori scultori contemporanei, particolarmente autorevole nel campo delle Macrosculture. Nel 1938 frequenta il corso di scultura all Accademia

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni Profilo 3-4 anni Pagina 1 di 7 IL CORPO E IL MOVIMENTO IDENTITA CORPOREA Indica le parti fondamentali del corpo su

Dettagli

(Proposta didattica per scuole dell obbligo)

(Proposta didattica per scuole dell obbligo) Percorsi e giochi intor no a Venezia (Proposta didattica per scuole dell obbligo) Sei un insegnante e hai in programma una visita a Venezia con i tuoi alunni? Affidati a macacotour! Il primo servizio pensato

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Indice generale. Principi e applicazioni di base di Autodesk Revit Architecture

Indice generale. Principi e applicazioni di base di Autodesk Revit Architecture Indice generale Introduzione... xv Autodesk Revit Architecture...xv Storia e filosofia di Autodesk Revit Architecture...xvi A chi è rivolto questo libro...xvii Come usare questo libro...xviii Nuovi utenti...xviii

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ.

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO MA COME TI TRUCCHI?! PER PERSONE CON DISABILITÀ. UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ. Relatore: Martina Tarlazzi Make your smile up LA NASCITA DEL

Dettagli

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso*

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Tredimensioni 3(2006) 321-326 LETTO PER VOI «La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Anna Deodato ** «V orrei che

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli