Ludovico Bomben Works

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ludovico Bomben Works"

Transcript

1 Ludovico Bomben Works

2 Pala 5 / serie dei bianchi / IL RE

3 Titolo: Pala 5 / Serie dei Bianchi / IL RE Anno: 2013 Tecnica: Installazione Dimensione: 150 (h) x 134 x 3 cm Materiali: Corian, Oro 24k, Mdf PREMIO FRANCESCO FABBRI PER LE ARTI CONTEMPORANEE Opera vincitrice PREMIO ROTARY IL RE è la prima opera realizzata di un progetto ampio e articolato che sta prendendo forma in questo periodo dopo alcuni mesi di studio e progettazione. Il ragionamento iniziale è partito dal tentativo di creare una sintesi tra opere di genere religioso, in particolare la pala d altare e l icona russa, espressioni artistiche di cui ho estrapolato alcuni elementi fondamentali che sono stati poi fusi insieme, e riorganizzati in chiave contemporanea. Le linee fondamentali del progetto prevedono l elaborazione grafica delle classiche forme della pala d altare e l inserimento di parti in oro tipiche dell arte ortodossa, con l intento di giungere ad un unione che, libera da differenze di culto, mette in rilievo semplicemente l idea del passaggio ad altra dimensione, il confine tra mondo visibile e invisibile. Ad un primo sguardo il lavoro potrebbe far pensare ad un idolo, ma l intenzione è piuttosto quella di svelare un ulteriore possibilità di collegamento attraverso un immagine che desti nella coscienza una visione spirituale. IL RE come già detto è il primo capitolo di un unico grande racconto che, spero un giorno di presentare unito in un unico percorso visivo. Per la produzione di quest opera sono stati compiuti vari passaggi che mescolano lavorazioni e tecnologie contemporanee, materiali di ultima generazione, antichi metodi decorativi e remote tecniche di disegno. I disegni preparatori sono stati creati utilizzando una serie di griglie grafiche costruite su rapporti di sezione aurea che in un secondo momento sono state elaborate con programmi di disegno 3d. I disegni definitivi sono stati poi lavorati da macchine a controllo numerico (pantografi cnc) e, una volta pronte le lavorazioni primarie, sono stati assemblati manualmente e decorati a mano. Anche l uso dei materiali è stato pensato con l idea di mettere insieme antico e nuovo, scegliendo di unire il Corian (composito avanzato di minerali naturali e polimeri acrilici) con l Oro (24 Karati) e il legno (MDF - pannello di fibra a media densità).

4

5

6

7

8

9

10

11 Serie dei bianchi / STUDIO PER SANTO GENERICO/1

12 Titolo: Serie dei Bianchi / STUDIO PER SANTO GENERICO/1 Anno: 2014 Tecnica: Installazione Dimensione: 80 x 60 x 2 cm Materiali: Corian, Foglia Oro 600 Studio per santo generico/1 è il naturale proseguimento del lavoro precedente (IL RE) appartenente alla Serie dei Bianchi che a sua volta è parte del grande progetto: Dai Corpi Celesti. Questo lavoro, come gli altri, nasce con l intento di creare un immagine sacra contemporanea. Il titolo ci porta da subito al riferimento del Santo, detto generico perchè l intento è di eliminare completamente tutta la parte narrativa legata alle figure dei santi. Così il bianco puro del materiale e la misurata costruzione geometrica sostituiscono completamente tutte le articolate iconografie (es: San Giorgio e il Drago, San Pietro e il Paradiso) mantenendo la sola idea di Santità e liberandosi da legami con particolari branche religiose. In questo caso la decorazione in foglia oro è stata applicata sul retro del lavoro per due motivi distinti, uno concettuale ed uno tecnico: - essendo un elemento molto delicato, prezioso e concettualmente utilizzabile per il passaggio ad altra dimensione è protetto dalla superficie frontale; - con una particolare illuminazione dedicata, grazie al gioco di riflessione della luce tra muro/oro/muro si crea, intorno al lavoro, una naturale aura dorata, quasi impercettibile ma presente. Questo effetto è consentito anche dal particolare tipo di aggancio a parete che è stato studiato per mantenere l opera staccata da muro, grazie all uso di calamite, che permettono di sostenere il pezzo con due soli punti di ancoraggio. 865 Ludovico Bomben - Studio per santo generico

13

14

15

16

17

18 R436

19 Titolo: R436 Anno: 2010 Tecnica: Installazione Dimensione: Variabile Materiali: Rosari Cristiani R436 è rosario cristiano lungo 43,6 metri. Le proporzioni della croce e della medaglietta sono state mantenute uguali ad un comune rosario, e le serie di preghiere ( <10+1x4 > + 10 palline) sono state moltiplicate per il numero complessivo delle palline-preghiere del rosario (59). La scelta di questa moltiplicazione non ha particolari significati concettuali, quello che mi interessa è giungere ad una notevole lunghezza/ peso/ingombro dell oggetto. La moltiplicazione del ciclo di preghiere impone un certo sacrificio di tempo per poter utilizzare l oggetto e un certo ingombro per poterlo portare con se; questi elementi a livello concettuale rimandano ad alcuni valori portanti del cristianesimo stesso, il sacrificio, la sofferenza e la sopportazione. Il lavoro sottolineando questi aspetti induce l osservatore ad interrogarsi sul fatto se essi siano valori o meno, senza esprimere nessun giudizio. Per l installazione del rosario ho ideato appositamente un disegno in sezione aurea che ricorda la prosettiva rovesciata delle navate di una chiesa.

20

21

22

23

24 PIEDRITTO

25 Titolo: Piedritto Anno: 2011 Tecnica: Installazione Ambientale Dimensione: Variabile Materiali: Cemento, Legno DOLOMITI CONTEMPORANEE - Laboratorio d arti visive in ambiente CONTRACTIONS. L opera tra implosione energetica ed espansione di senso a cura di Daniele Capra L intervento che ho realizzato per Contractions è Piedritto, una grande colonna composta da 260 sacchi di cemento impilati uno sull altro, che da terra cresce fino a toccare il soffitto. Si erge maestosa all interno di uno degli spazi espositivi di Sass Muss, il Padiglione Schiara, un grande capannone industriale di 1800 metri quadrati. L ambiente è completamente realizzato in cemento, il pavimento, i pilasti, i particolari travi curvati tutto all interno è grigio cemento e non si può fare a meno di sentire il forte odore acre del materiale. L idea di costruire un finto pilastro portante, costituito da sacchi, è nata proprio pensando alla relazione che si instaura con l ambiente circostante. Dal punto di vista formale e concettuale si crea una tensione tra i veri pilastri portanti e l opera, che richiama la forma e la funzione del pilastro fingendosi tale. Non c è verità strutturale al suo interno ma la sua composizione è tale e quale a quella dell intero ambiente e della sua architettura. Un grande accumulo di materiale vergine, non ancora lavorato ma che simula la sua funzione e si confronta con uno dei suoi utilizzi pratici e, di fatto, contiene l energia necessaria ad un suo possibile sviluppo. In questa situazione di confronto concreto Piedritto diventa anche una sorta di monolito inteso come monumento, in cui si catalizza il ragionamento sulla materia e sul suo possibile utilizzo e su come la manipolazione a volte coincida con lo stesso atto dimostrativo. L operazione è stata realizzata in collaborazione con il Gruppo Grigolin che ha messo a disposizione i materiali per costruzione dell opera.

26

27

28 IPOTESI PER L INSTALLAZIONE DELL OPERA IPOTESI PER LA DISPOSIZIONE DEI SACCHI: La colonna di sacchi sar composta da livelli sovrapposti di 4 sacchi DISPOSIZIONE DEI SACCHI posizionati in modo da lasciare al centro uno spazio vuoto. Nella salita verso l'alto ogni livello viene specchiato di 90 gradi in La colonna modo da creare di una sacchi struttura sarà che consenta composta la copertura da livelli delle 'fughe' sovrapposti di tra i sacchi del livello sottostante. Questo garantisce una migliore 4 sacchi stabilit alla posizionati colonna. Ci in saranno modo quindi da due lasciare piani che al si centro ripetono uno spazio vuoto. s a l e n d o, i l p i a n o 1 ( g i a l l o ) e i l p i a n o 2 ( a z z u r r o ). Nella Nello salita spazioverso libero l alto centroogni verr posizionata livello viene una sorta specchiato di armatura, di 90 gradi fissata a soffitto e messa in pressione a terra. Salendo, ad ogni in modo metro, verranno da creare poi costruiti una dei struttura bracci collegati che all'armatura consenta chela si copertura delle interse fughe cano con tra i sacchi i sacchi per o ttener del elivello ulteriorsottostante. e stabilit. Questo garantisce una migliore stabilità alla colonna. Ci saranno quindi due piani che si ripetono salendo, il piano 1 (giallo) e il piano 2 (azzurro). Nello spazio libero al centro verrà posizionata una armatura, fissata a soffitto e messa in pressione a terra. Salendo, ad ogni metro, verranno poi costruiti dei bracci collegati all armatura che intersecandosi con i sacchi consentiranno ulteriore stabilità. 10 PIANO 1 PIANO 2 111, , , , IPOTESI PERS TRUTTURA PORTANTE STRUTTURA PORTANTE La struttur as ar realizzata in lococ on cantinelle in abeted id ifferentes ezione. La struttura Quatsarà trom ontanti realizzata princip alisin viluppat loco ii ncon cantinelle verticalee in abete tenutii di nsieme differente da due basii sezione. n Quattro montanti multistrato( 60x60x2cm) principali fissatea sviluppati soffitto in con tassel li ea terr ac on bi-a de sivo. verticale e tenuti insieme da due basi in Salend ou lteriori basette in multistr ato multistrato (12x12x2cm) (60x60x2cm) e unafissate seried ib a raccia soffitto checon tasselli e a oltrterra eaf ar con pres asbi-adesivo. ui sacchi di cemsalendo ento ulteriori basette garantisconos in multistrato olidit all'intera(12x12x2cm) struttura( i sac c h ia ssor bira nn af orma e una serie di bracci che oltre a far presa dell'in gombro dell ec antine ll ec he di sui sacchi consegue di cemento nz as aran garantiscono no nasc oste). solidità Le all intera struttura misure sono(i indicativec sacchi onsiderato assorbiranno il fatto la forma dell ingombro che il lavo sa delle r e secantinelle guito su lp os che to di conseguenza certament saranno es ubiranno nascoste). alcune modifiche.

29

30

31

32 LA CASA PER L ALBERO

33 Titolo Progetto: La Casa Per L Albero Anno: 2011 Tecnica: Installazione Dimensione: 550 (h) x 300 x 200 cm Materiali: Corten, Legno Premio InSesto 2011 a cura di Marco Minuz Progetto per Ex Essicatoi di San Vito al Tagliamento Ci sono casette per appoggiare una valigia e poi ripartire, casette per addormentarsi abbracciati, casette per nascondere le proprie paure, casette per custodire la foto di qualcuno che ora ci manca, casette per picchiare la propria moglie e poi uscire con una cravatta, casette per mostrare un vaso rosso, fragile fragile. Poi ci sono anche casette che cercano di staccarsi dal suolo, di sparire in nuvole verdi di foglie, come quando da piccoli, con un semplice mantello, potevamo volare con un soffio di vento. Casette pensate dagli antichi per salvarsi dai pericoli, sognate da alcuni baroni che ambivano a possedimenti di libertà, sempre volute dai bambini. Forse dovremmo capire che le casette sugli alberi ci servono ancora, dovremmo accorgerci che ce ne sono troppo poche e riflettere che forse ogni quartiere dovrebbe averne una. Le casette sugli alberi sono luoghi magici, che ci staccano dal suolo per avvicinarci un po al cielo, che ci aiutano a prendere coraggio per sfidare convenzioni e ritornare a giocare. Luoghi per piangere, meditare, sparire, amoreggiare, stupirci, parlare con gli alberi, e soprattutto per vedere tutto dall alto e accorgerci che, molto spesso, siamo buffe creature che si prendono troppo sul serio. Luoghi per lasciare giù i quotidiani problemi di terra e acquistarne di nuovi... quelli d aria. Marco Minuz

34 Chi vuole guardare bene la terra deve tenersi alla distanza necessaria Italo Calvino, Il Barone Rampante CONCEPT L idea di proporre LA CASA PER L ALBERO è nata dopo una lunga riflessione fatta su i luoghi che ospiteranno l opera, su le persone che la fruiranno e sulla memoria di tutti quei ragazzi che come me hanno avuto o sognato una casa sull albero. Il complesso degli Ex Essicatoi di San Vito al Tagliamento è un chiaro esempio della storia delle nostre terre e fin da subito suscita, in chi lo osserva, la memoria di tempi lontani, tempi in cui il modus vivendi era certamente legato alla natura e al contatto con le sue creature. All epoca ma ancora oggi, gli abitanti della cittadina e dei paesi vicini sono stati circondati dai campi, dalle boscaglie, dai canali, dalla grava... questo contesto non può essere trascurato in quanto contribuisce a formare le personalità, le visioni e le abitudini delle persone che lo vivono. Sono certo che la fascinazione della casa sull albero abbia attraversato la maggior parte dei giovani, a prescindere dalla generazione a cui appartengono o sono appartenuti, perché coincide con l archetipo del nido, del riparo, della protezione e del contatto con la natura. Questa idea si è certamente evoluta ad uno stadio più ludico con lo sviluppo della società contemporanea ma anche in questo caso resta un elemento di grande interesse all interno di questo progetto. Ho cercato di sviluppare l opera in modo di mantenere questi elementi concettuali elaborando però una composizione formale insolita. LA CASA PER L ALBERO non si legherà direttamente al tronco ma sarà collocata vicino ai rami che in parte la ingloberanno. Questo mi ha consentito una maggiore libertà nello sviluppo della parte formale che, come si vedrà nelle immagini seguenti, è composta da un unico blocco compatto. La forma comunica con grande semplicità e immediatezza il concetto di casa attraverso la scelta del classico tetto a due falde e alla semplicità dei volumi che è stata adottata per creare un distacco netto tra le forme naturali dell albero e la struttura. Essa assume così un carattere fortemente scultoreo reso ancora più forte dalla finitura ruggine che sarà applicata a tutta la costruzione. La copertura superiore e l accesso dalle scale saranno realizzati in lamiera forata consentendo uniformità visiva da lontano e alleggerendo la pienezza della forma attraverso il gioco ottico reso dai migliaia di fori delle lamiere. All interno si creerà una situazione percettiva molto particolare in quanto la luce verrà filtrata e divisa dalla texture della lamiera in tanti piccoli fasci luminosi. Questo elemento diventa molto importante se consideriamo la possibilità di frequentare lo spazio interno. Il lavoro infatti nasce con l intento di offrire ai visitatori la possibilità di uno spazio in cui potersi estraniare, dove fermarsi per qualche istante e ritrovare contatto con se stessi attraverso la natura. Una sorta di non luogo, di spazio senza tempo, atto alla contemplazione del mondo esterno quanto di quello interno, pensato per chi in qualsiasi momento voglia ritrovare un po di pace. Considerata la presenza del centro giovani all interno della logistica degli spazi degli Ex Essicatoi, lo spazio è nato anche per un uso più ludico con un sottile intento formativo finalizzato allo sviluppo della curiosità per la scoperta di un altro modo di vivere.

35 PARTERSHIP Un elemento fondamentale del progetto è costituito dalla fase di realizzazione e presentazione dell opera per la quale sono state coinvolte alcune aziende del territorio. La possibilità di partecipare ad un concorso per la realizzazione di un opera permanente all interno della provincia di Pordenone, rende di estremo interesse l opportunità di radunare un gruppo di lavoro formato da aziende specializzate in diversi settori e coordinarle insieme per un prodotto finale. Una collaborazione aperta tra diverse professionalità intesa come primo passo verso la tessitura di una rete tra aziende, artisti visivi e luoghi deputati alla cultura e alla formazione. Proprio in questo momento storico e in particolare nel nostro territorio, è essenziale costruire reti di scambio tra produzione e cultura, lavorando tanto sul prodotto quanto sulla formazione di un terreno sociale diretto verso una continua crescita collettiva. La collaborazione prevede anche gli interventi di due giovani artisti che hanno collaborato alla fase di presentazione del progetto contribuendo alla realizzazione dei rendering del modello. A seguire un estratto dal testo, scritto appositamente per l occasione, da Gianluca D Incà Levis: Accogliendo lo stimolo creativo dell artista, ed accettando di applicare il proprio knowhow alla risoluzione di un problema tecnico inedito (e privo di un movente commerciale immediato), il fabbricante è liberamente entrato in gioco, partecipando alla fase ideativa e costruttiva di un oggetto nuovo, mettendo il proprio impegno, la curiosità, l ingegno, accanto a quelli dell artista. In tal modo, attraverso questa sinergia, il cantiere di Sass Muss è divenuto una sorta di fabbrica. Un autentica officina, a proposito della quale riteniamo appropriato parlare di fertilità di un modello produttivo culturale. Utilizzare l idea dell artista per stimolare in modo anticonvenzionale l intelligenza tecnologica della fabbrica può dimostrarsi proficuo. E la corrispondenza di questo modello è senz altro virtuosa e biunivoca. Laddove l impulso poietico viene accolto, si genera infatti la possibilità di una cooperazione fattiva, utile per entrambi i soggetti. Il fabbricante (il fabbricante creativo) accetta di condividere, di con-cedere, la propria conoscenza tecnica, permettendo così la realizzazione dell opera. In cambio, egli ottiene nuova linfa, un sguardo differente. La nuova prospettiva lo nutre. Se decide di affidarvisi, il suo sistema d imprendere si arricchisce culturalmente (si apre). Grazie a quest apertura, egli può aggiornare e corroborare l immagine della propria azienda, e, talvolta, perfino decidere di modificare il processo produttivo. L acquisizione del surplus ideativo può alla fine venire acquisito stabilmente all interno della filiera produttiva, consentendo di realizzare un prodotto diverso, rinnovato. Gianluca D Incà Levis, ottobre 2011

36

37

38 A-CROSS

39 Titolo: A-Cross Anno: 2009 Tecnica: Installazione Dimensione: 550 (h) x 375 x 55 cm Materiali: Ferro, Acciaio ILLUMINAZIONI - LA BIENNALE DI VENEZIA 54. ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D ARTE PADIGLIONE ITALIA - ACCADEMIE ARSENALE - TESE DI SAN CRISTOFORO A-cross è una grande scala bianca di 5,5 metri a forma di croce latina rovesciata. Il lavoro, ovviamente, non si limita alla provocazione ma indaga le possibilità dell utilizzo del simbolo. Nonostante le misure siano quelle della croce latina e non cristiana, questo particolare simbolo, rovesciato, rimanda ad una serie di interpretazioni negative, legate nella cultura occidentale alle manifestazioni del male. In questo caso però il simbolo viene trasformato in una scala, che sale verso il cielo alludendo ad un ascesa, o meglio alla possibilità della risalita, diventando una sorta di paradosso. Due elementi, concettualmente così lontani, uno modesto strumento di lavoro e l altro simbolo carico di significati spirituali, diventano insieme senso nuovo e pongono una domanda: quali sono le strade, quanto noi stessi possiamo costruirle e quanto sono valide quelle che ci hanno date per vere.

40 Vista frontale

41

42 AUTOGRAFOS

43 Titolo: Autografos Anno: 2010 Tecnica: Disegno a penna su carta Dimensione: 160 (h) x 108 cm Materiali: Carta, MDF FONDAZIONE BEVILACQUA LA MASA - 94.MA COLLETTIVA Giuria del concorso: Angela Vettese, Caroline Corbetta, Ra Di Martino, Carlo Di Raco, Anita Sieff, Andrea Viliani, Paolo Zani. Come spesso accade durante un processo di ricerca artistica ci si trova ad iniziare un progetto da un idea che si modifica anche radicalmente durante la realizzazione della stessa. L opera qui presentata parte dall intento di consumare-scaricare una penna nera in un foglio di carta per verificare una delle sue possibili estensioni formali. Partendo da questo concetto ho iniziato a lavorare al progetto e mi sono trovato nel mio laboratorio di fronte ad un grande foglio bianco su cui dovevo iniziare a scaricare la penna; ho istintivamente iniziato a fare il mio autografo. Così firma dopo firma vedevo gradualmente il foglio scurirsi e la penna consumarsi e i segni che si creavano iniziavano a prendere forme che spostavano il mio interesse dalla misurazione della penna all idea di autografo. Scoprivo lentamente che la continua sovrapposizione delle firme dava vita ad un groviglio di segni neri, non casuale, ma con una sua linearità e con un movimento proprio che rendeva la nuova immagine estremamente interessante. Durante la realizzazione di varie prove ho iniziato a ragionare sul valore simbolico della firma e dell autografo, che di fatto sono quello strumento che ci consente di dichiararci, di garantire la nostra presenza, di rivendicare la paternità di un opera o di rendere nota la nostra adesione a qualcosa. AUTOGRAFO: gr. AUTOGRAFOS composto di AUTOS = egli stesso e GRAFO = disegnare, scrivere. - Scritto di propria mano come sost. Scrittura o Disegno di mano dell autore stessa, Originale. FIRMARE: dal lat. FIRMARE fermare, e fig ratificare, ma che nei tempi barbari significò affermare solennemente, onde poi in senso di sanzionare, render fermo un atto con la sottoscrizione del proprio nome (v. fermo). Segnare col proprio nome; La forma che il disegno iniziava a mostrare attraverso la sovrapposizione dei segni stava lentamente annullando la leggibilità delle firme e quindi facendomi arrivare ad un inaspettato risultato. Lo strumento generalmente usato per dichiarare se stessi diventa un insieme di segni illeggibili, una massa informe che non può essere tradotta con gli strumenti convenzionali ma esige di essere letta da un piano ulteriore. Il segno diventa disegno, la firma diventa forma e si imprime nel foglio comunicando la dichiarazione di me stesso attraverso un immagine che parte dall autografo e genera una struttura che si staglia tra la scrittura e l immagine.

44

45

46

47

48

49

50 LACRIME

51 Titolo: Lacrime Anno: 2010 Tecnica: Installazione Dimensione: 10,6 x 6,1 x 5,7 cm Materiali: Lacrime, Vetro ELABORARE IL LUTTO. L Arte orfana della specie. a cura di Gaetano Mainenti, Atej Tutta Oggetto realizzato da Cesare Toffolo Il momento dell elaborazione artistica prevede sempre, nel mio caso, una parte dedicata allo studio scientifico del linguaggio e una parte più emotiva. Cercando il significato di elaborare mi sono imbattuto in una definizione riferita al cibo che dice: concuocerlo negli organi digerenti disponendolo all assimilazione. Allo stesso modo ho cercato di elaborare il lutto utilizzando come materiale il dolore che ho provato in questo ultimo periodo della mia vita e piangendolo ho avuto modo di esternarlo e di vederlo tradotto in forma, e quindi in lacrime. Questo parte intima e personale si lega in modo molto forte alla stessa parola lutto la cui radice latina è luctus da lugére = piangere. Saranno così esposte le mie lacrime come una sorta di reliquia che contenga l energia utile a portare avanti un messaggio di speranza e di dedizione verso un importante causa. L opera si staglia in quello spazio che esiste tra essa e il suo spettatore perché l oggetto diventa simbolo del procedimento che serve per crearlo, il pianto.

52

53

54 Ludovico Bomben via claut Pordenone Italia

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

LIBERI DI VOLARE. Concorso di pittura a premi

LIBERI DI VOLARE. Concorso di pittura a premi LIBERI DI VOLARE Concorso di pittura a premi Arzignano, 11 Aprile 2014 Premessa della giuria: gli elaborati prodotti dagli alunni partecipanti, hanno evidenziato un notevole impegno; molti lavori si sono

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA Commissione Catasto CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 IL DISEGNO DELLE GROTTE PREMESSA Il rilievo di una grotta è destinato ad essere utilizzato

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO Rimini Fiera 7-10 novembre 07 Presentazione La presenza dell U.O.S. Tutela dell Ambiente Naturale fra le iniziative previste nella manifestazione fieristica 2007 nasce dal desiderio di approfittare di

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

Cliccare per avanzare

Cliccare per avanzare Cliccare per avanzare UNITÀ DI APPERENDIMENTO Dalla sillaba al fonema TEMPI Otto settimane DESTINATARI bambini e bambine di 5 anni SITUAZIONE INIZIALE La presente unità non può prescindere dal raggiungimento

Dettagli

A proposito di sogni

A proposito di sogni A proposito di sogni Nel V libro delle Metamorfosi Apuleio descrive con ricchezza di particolari il meraviglioso palazzo divino, costruito in oro e pietre preziose, nel quale Psiche è magicamente trasportata

Dettagli

Le novità 2014 per CoachMag

Le novità 2014 per CoachMag Le novità 2014 per CoachMag Credits Direttore editoriale: Natascia Pane direttore@coachmag.it - tel. +39 340 5279723 Editore: LA CASE Books, Los Angeles, CA 90093, USA. www.lacasebooks.com Fondatrice:

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

Quando il tubo diventa design.

Quando il tubo diventa design. Quando il tubo diventa design. ELEMENTI DI ARREDO, OGGETTI ESCLUSIVI, REGALI PERSONALIZZATI, ARTICOLI DA COLLEZIONE. www.eurotubidesign.com Dalla produzione industriale all artigianato creativo. Artigianato

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15

Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15 Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15 Ricordi di viaggio Ecco siamo arrivati alla fine di questo anno di scuola. Abbiamo fatto un viaggio nel tempo: le ore, i giorni, le stagioni; i nostri

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Presentazione attività

Presentazione attività Il re dei Confini - a cura di Alessandro Carboni L'arte, il paesaggio e l'architettura per bambini Presentazione attività Il Re dei confini è un progetto che promuove attività per bambini sull arte, l

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA J.DA GORZANO SEZIONE TRE ANNI A.S.2012-2013 PROGETTO DIDATTICO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO: IL VIAGGIO DI ZEB ALLA SCUOLA DELL

SCUOLA DELL INFANZIA J.DA GORZANO SEZIONE TRE ANNI A.S.2012-2013 PROGETTO DIDATTICO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO: IL VIAGGIO DI ZEB ALLA SCUOLA DELL SCUOLA DELL INFANZIA J.DA GORZANO SEZIONE TRE ANNI A.S.2012-2013 PROGETTO DIDATTICO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO: IL VIAGGIO DI ZEB ALLA SCUOLA DELL INFANZIA LA FASE DI ACCOGLIENZA INIZIA TRA FINE MAGGIO

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

Scuole Classiche e moderne. La realtà Italiana.

Scuole Classiche e moderne. La realtà Italiana. CONTINUA L INTRODUZIONE ARCHITETTURA FENG SHUI Scuole Classiche e moderne. La realtà Italiana. 1. Parlando strettamente nell ambito del Feng Shui c'è anche da comprendere che esistono le Scuole classiche

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

periodo di realizzazione: 2006-2007 committente / proprietario: premi architettonici: tipologia intervento: destinazione intervento: dimensioni:

periodo di realizzazione: 2006-2007 committente / proprietario: premi architettonici: tipologia intervento: destinazione intervento: dimensioni: Enrico Iascone Architetti Case Bianche Case Bianche Residence a Bologna indirizzo: via delle Lame, 29 città: progettista: consulenti: Bologna Enrico Iascone Carlotta Menarini Camilla Belletti Filippo Marsigli

Dettagli

Progetto espositivo. Sguardi per una città visibile. Cerco di creare un dialogo con il luogo: io lo esploro, lui mi rimanda delle cose

Progetto espositivo. Sguardi per una città visibile. Cerco di creare un dialogo con il luogo: io lo esploro, lui mi rimanda delle cose Progetto espositivo Sguardi per una città visibile Cerco di creare un dialogo con il luogo: io lo esploro, lui mi rimanda delle cose L evento espositivo intitolato Sguardi per una città visibile nasce

Dettagli

CSR: fare Impresa in modo sostenibile in tempi di crisi. Torino, 12 giugno 2012

CSR: fare Impresa in modo sostenibile in tempi di crisi. Torino, 12 giugno 2012 CSR: fare Impresa in modo sostenibile in tempi di crisi Torino, 12 giugno 2012 IL PROGETTO WEB-CAM: LA MAPPA A QUADRANTI E IL PRIMO BILANCIO INTEGRATO ON-LINE IN TEMPO REALE 365 GIORNI ALL'ANNO Modalità

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina Dalla terra alla tavola Offrire ai bambini la possibilità di creare e curare un piccolo orto

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12. E pace in terra raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.2007 INTRODUZIONE Il lavoro è stato svolto all interno di tre classi

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

P8SEMP CONCORSO DI IDEE CASA A MISURA DI BAMBINO

P8SEMP CONCORSO DI IDEE CASA A MISURA DI BAMBINO CONCORSO DI IDEE CASA A MISURA DI BAMBINO RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1_CONCEPT L idea di progetto prevede lo sviluppo di un complesso architettonico integrato con l ambiente ed al contempo connotato da una

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

Voci dall infinito. richiami per l Anima

Voci dall infinito. richiami per l Anima Voci dall infinito richiami per l Anima Copertina di Rocco Vassallo. Disegni di Mario G. Galleano. Mario Giovanni Galleano VOCI DALL INFINITO richiami per l Anima www.booksprintedizioni.it Copyright 2013

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

boy boy old Roberto Boccaccino

boy boy old Roberto Boccaccino boy old boy Roberto Boccaccino boy old boy Fotografie e testi di Roberto Boccaccino Islanda, 2013. Þingeyri A Þingeyri non ci sono ragazzi sopra i quindici anni. Non ce n è nemmeno uno. La ragione è precisa,

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

Manuale d uso. UTILIZZO delle PROCEDURE

Manuale d uso. UTILIZZO delle PROCEDURE Manuale d uso UTILIZZO delle PROCEDURE Versione 1.0 Maint manager è sviluppato da ISI per Sommario. Manuale utente...1 Sommario...2 Gestione della manutenzione:...3 Richieste di servizio...3 Dichiarazione

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

Pensare come i granchi

Pensare come i granchi Pensare come i granchi De Bono, "Il pensiero laterale", BUR 1996) Quando ci troviamo di fronte ad un problema da risolvere, abbiamo tendenzialmente due alternative: affrontarlo frontalmente per rimuovere

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO III ROSSANO Scuola Primaria PROGETTO DI LABORATORIO ESPRESSIVO ARTE E MANUALITA

ISTITUTO COMPRENSIVO III ROSSANO Scuola Primaria PROGETTO DI LABORATORIO ESPRESSIVO ARTE E MANUALITA ISTITUTO COMPRENSIVO III ROSSANO Scuola Primaria PROGETTO DI LABORATORIO ESPRESSIVO ARTE E MANUALITA allegato al Piano annuale di inclusività per alunni con Bisogni Educativi Speciali: IN QUESTA SCUOLA

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE 26 OTTOBRE 2015 RELAZIONE PRESIDENTE ing. Filippo Pontiggia E da poco più di un anno che ricopro la carica di Presidente del Gruppo Giovani, un anno trascorso velocemente, ricco

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

TIMBRI E STAMPE TIMBRANDO LE STAGIONI Che cos è un timbro? Come si realizza? Che cosa produce?

TIMBRI E STAMPE TIMBRANDO LE STAGIONI Che cos è un timbro? Come si realizza? Che cosa produce? LABORATORIO DIDATTICO CREATIVO Timbri e stampe è una proposta di laboratorio didattico rivolto alle classi della Scuola dell infanzia per l anno scolastico 2014-15. L obiettivo è avvicinare il bambino

Dettagli

Siamo artigiani, creativi, designers un team flessibile e competente al servizio della comunicazione.

Siamo artigiani, creativi, designers un team flessibile e competente al servizio della comunicazione. Un agenzia al servizio dei creativi, della creatività e della voglia di spingersi continuamente oltre nella ricerca di soluzioni non convenzionali Lascio sempre libera mezza giornata, la mattina o il pomeriggio,

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Geberit dà spazio alle idee con un draft.

Geberit dà spazio alle idee con un draft. Geberit dà spazio alle idee con un draft. Praticamente ridisegnare il bagno, la proposta che Geberit ha rivolto ad una selezione di architetti di Roma chiamati a tracciare un veloce ed essenziale draft

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

uen retiro, agli antipodi TESTO DI ALBERTO MAZZANTINI 68 CASA da Sogno FOTO: UNIQUE HOME STAYS THE VINE HOUSE

uen retiro, agli antipodi TESTO DI ALBERTO MAZZANTINI 68 CASA da Sogno FOTO: UNIQUE HOME STAYS THE VINE HOUSE uen retiro, agli antipodi TESTO DI ALBERTO MAZZANTINI FOTO: UNIQUE HOME STAYS THE VINE HOUSE 68 CASA da Sogno Due Paesi fra loro agli antipodi, Italia e Sudafrica, eppure lo stile non conosce confini,

Dettagli

LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza

LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza Scuola dell Infanzia Don Lorenzo Milani Sezione tre anni Anno scolastico 2012-2013 2013 Insegnanti: Dell Anno ell Anno Annalisa Scarpelli Barbara LA TERRA PORTATA

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

FARE SCIENZA A SCUOLA

FARE SCIENZA A SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/16 PROGETTO DI RICERCA AZIONE (Sviluppo del pensiero scientifico) FARE SCIENZA A SCUOLA NOI LA LUCE E LE OMBRE NELLO SPAZIO E NEL TEMPO

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Il progetto educativo di quest anno costituisce uno stimolante viaggio esplorativo nel mondo dei colori che i bambini impareranno a riconoscere ad

Il progetto educativo di quest anno costituisce uno stimolante viaggio esplorativo nel mondo dei colori che i bambini impareranno a riconoscere ad Il progetto educativo di quest anno costituisce uno stimolante viaggio esplorativo nel mondo dei colori che i bambini impareranno a riconoscere ad usare, a realizzare per. pasticciare liberamente. In questo

Dettagli

Dai diamanti non nasce niente

Dai diamanti non nasce niente LA NOSTRA IDEA IN POCHE PAROLE Innanzitutto, un cambio di prospettiva. Il centro non è la violenza, ma ciò che resta. Importa ciò che vive, ha un corpo, segni tangibili e un dolore sommerso e stordente,

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

Le frasi sono state mescolate

Le frasi sono state mescolate Roma o Venezia? 1 Questo percorso ti aiuterà a capire che cosa sia e come si costruisca un testo argomentativo Nella prossima pagina troverai un testo in cui ad ogni frase corrisponde un diverso colore.

Dettagli

Dodici scatti in cerca di autori. Un calendario per Molfetta

Dodici scatti in cerca di autori. Un calendario per Molfetta CONCORSO FOTOGRAFICO, a tema. Dodici scatti in cerca di autori. Un calendario per Molfetta 1 a edizione 2014 Da un idea della Soc. Coop. FeArT e dell Ass. di promozione turistica Puglia Autentica, in rete

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli