Congresso, al via il confronto attraverso gruppi di lavoro e community on line

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Congresso, al via il confronto attraverso gruppi di lavoro e community on line"

Transcript

1 Visita il sito Anno XXV - N luglio 2014 Primo piano Congresso, al via il confronto attraverso gruppi di lavoro e community on line Dibattito aperto per elaborare entro settembre i documenti per l appuntamento di dicembre a pagina 2-3 Ritratti Con La coppola storta, il made in Sicily è internazionale Eventi a basso impatto ambientale. La pluripremiata cooperativa EcoCongress di Perugia, organizza congressi, convegni, fiere, workshop e iniziative culturali con materiali e strategie che riducono spreco di rifiuti, consumi di risorse ed agenti inquinanti. EcoCongress è nata nel 2010 dall idea di un gruppo di quattro ragazzi under Viceministro Pistelli, cooperative per promuovere la crescita L impresa cooperativa è il miglior modo per innescare la crescita nei paesi... Legacoop AC Internazionale Parteciperà al summit imprenditoriale B20 Per la prima volta, un cooperatore, Andrew Crane, Ceo della cooperativa... Settori Legacoop Servizi La Direzione nazionale convoca l Assemblea di mandato La Direzione Nazionale di Legacoop Servizi, riunitasi il 15 luglio a Roma... Territori Lazio Welcomeday, next cooperation: particelle di futuro E bene che voi sappiate che attorno a voi c è una rete che vi aiuterà... Imprese Unipol-Censis Welfare familiare in crisi; italiani rinunciano a prestazioni Pubblichiamo di seguito, i principali risultati del Rapporto «Integrare il welfare, sviluppare la white economy. Come gli strumenti di welfare pubblici e privati possono rilanciare la crescita economica e l occupazione» realizzato nell ambito del programma pluriennale «Welfare, Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali» di Censis e Unipol, che sono stati presentati il9 luglio a Roma da Giuseppe Roma, Direttore... leggi Sondaggio Osservatorio SWG Italia incolpevole per i migranti morti nel Mediterraneo. Cresce in Italia l apprensione per il fenomeno dell immigrazione nel suo complesso. Tra i vari aspetti, per i continui naufragi di barconi gli italiani incolpano l Unione Europea, le mafie e gli stessi migranti. Pochi danno la responsabilità al governo attuale o ai suoi predecessori. Tornano di recente alla ribalta le stragi di migranti che vorrebbero approdare in Italia in fuga dal Medio Oriente e dal Nord Africa... Nota della redazione Questo numero è stato chiuso il 17 luglio 2014 alle ore 14,15 Segreteria di Redazione: Anna Colomberotto Tel Fax Organo ufficiale della Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue Settimanale di notizie a cura dell Ufficio Stampa di Legacoop Direttore Responsabile: Dora Iacobelli Registrazione al Tribunale di Roma n /90 del

2 Primo piano 2 Congresso, al via il confronto attraverso gruppi di lavoro e community on line Dibattito aperto per elaborare entro settembre i documenti per l appuntamento di dicembre Al via il confronto verso il Congresso. Tra martedì 15 luglio e mercoledì 16, infatti, si sono svolte a Roma le prime riunioni dei quattro gruppi di lavoro dedicati a Identità, valori e mission; Politica cooperativa e promozione; Rapporto tra associazione e imprese; Modello organizzativo. Quattro tavoli da cui dovranno uscire i documenti che porteranno al 39 Congresso, in programma dal 16 al 18 dicembre. I gruppi composti ognuno da 26 a 34 membri votati dalla Direzione Nazionale può contare su un coordinatore, un referente con il compito di raccogliere e sintetizzare i temi e le posizioni emerse, un animatore del confronto che dal gruppo si COMMUNITY/1 Cooperazione batte impresa di capitali 9 a 3 trasferirà on line. Prima della pausa di agosto ogni gruppo si riunirà una seconda volta, per darsi poi appuntamento a settembre e chiudere i propri lavori, con un testo da proporre al Congresso, entro la fine dell estate. In queste settimane, come accennato, il confronto non si svilupperà soltanto all interno dei quattro gruppi, ma anche nell area Community del portale di Legacoop, accessibile dalla terza linguetta posta sotto la testata. Obiettivo: coinvolgere nella preparazione al Congresso la platea più ampia possibile. Quindi tutte le imprese aderenti, ma anche le altre centrali cooperative con cui si sta costruendo l Alleanza e puntando a raccogliere anche la voce degli stessi cittadini. Come funziona quest area per il confronto on line? Tutti potranno leggere tutto. Gli interventi potranno ugualmente essere postati da chiunque, entrando nel sistema con user e password di Capace o compilando una form con pochi semplici dati. Saranno esclusi solo gli interventi contenenti insulti o diffamazioni. Il portale di Legacoop seguirà il dibattito, proponendo sia abstract dei lavori dei gruppi sia report sull andamento del confronto all interno della Community. L impresa di capitali? Batte la cooperazione solo su tre voci, almeno una delle quali non rappresenta certo un vanto. Sfrutta, infatti, di più i lavoratori, e poi punta a fare utili ed è più competitiva. Ma su tutte le altre undici voci il confronto si chiude con un pareggio (due casi) o con un netto vantaggio per le cooperative (nove casi) che vengono giudicate tra l altro più aperte al lavoro femminile, più rispettose dell ambiente, capace di far crescere anche il territorio, attenta ai giovani. Il ritratto emerge da un indagine di SWG tra la popolazione italiana e viene proposto all interno della Community di Legacoop, on line per creare un luogo dove far vivere anche in rete il confronto sui temi principali che animeranno i prossimi mesi verso il Congresso. Due per ora le discussioni aperte: la prima quella cui si riferisce l indagine è relativa all identità e ai valori della cooperazione. Un tema fondamentale per il futuro del comparto e per la stessa costruzione dell Alleanza delle Cooperative.

3 Primo piano 3 COMMUNITY/2 L ombra della casta pesa anche su Legacoop Quando pensa alle associazioni di rappresentanza lei oggi le associa maggiormente a 'organizzazioni indipendenti che operano negli interessi dei propri iscritti' o a 'organizzazioni organiche alla casta che difendono le proprie rendite di posizione'? Questa la domanda che sta all origine di un sondaggio di SWG che viene proposto sulla Community in apertura del secondo tema di discussione, legato all evoluzione del concetto di rappresentanza. Secondo SWG l associazione più organica alla casta è Confindustria, con il 58% degli interpellati che sceglie la seconda delle due opzioni proposte dalla domanda. Subito dietro di lei le quattro sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil e Ugl con percentuali che oscillano tra il 53% della Cgil e il 57% della Cisl. Piazzata male anche Confcommercio con il 49%. Ma non va molto meglio per Legacoop, che con il 45% guida il secondo gruppo, quello delle associazioni con un livello medio di schiacciamento sulla casta. Le meglio piazzate? Cia, Coldiretti e Cna con percentuali tra il 30 e il 34%. COMMUNITY/3 Perché ho aderito a Legacoop? Tra gli spunti di discussione che la piattaforma on line propone per il secondo tema, quello legato alla rappresentanza, c è anche un sondaggio sui motivi che hanno spinto le cooperative ad aderire a Legacoop. La motivazione principale? L area politica di riferimento, per il 39% (ognuno doveva esprimere tre motivazioni, ndr), percentuale che sale al 44% al nord e scende al 31% al sud e nelle isole. La credibilità dell associazione si piazza al secondo posto con il 32% e la sua forte diffusione territoriale sul terzo gradino del podio, con il 27%. CONGRESSO La Direzione approva il Regolamento per il 39 Congresso La Direzione Nazionale Legacoop ha approvato, il 16 luglio, il Regolamento che definisce le forme e i modi attraverso i quali la platea congressuale parteciperà allo svolgimento del 39 Congresso nazionale di Legacoop. Prendono il via quindi le Assemblee congressuali, che dovranno svolgersi non oltre il 9 dicembre 2014, per nominare un massimo di 659 delegati rappresentanti del mondo cooperativo.

4 Primo piano 4 RITRATTI DI NUOVE COOPERATIVE Con La coppola storta, il made in Sicily è internazionale La coppola storta è un prodotto della cooperativa Factory 23. Una cooperativa di donne artigiane di altissimo livello, che lavorano per trasformare la coppola da stereotipo di mafia a simbolo di una Sicilia che cambia. Sono già oltre 150 mila gli esemplari diffusi nel mondo, con un fatturato di oltre 200mila euro annui. Come nasce l idea cooperativa? L idea è nata nel 99 da una operazione culturale per recuperare gli antichi mestieri siciliani e dare un immagine nuova al copricapo legato allo stereotipo della mafia - racconta Tindara Agnello, 30 anni e art director della cooperativa. In seguito l intuizione si è trasformata in una realtà produttiva e nel 2011 con Factory 23 in cooperativa con sede a Piana degli Albanesi. Le donne lavoratrici, artigiane di altissimo livello, - spiega - sono le titolari dell impresa e produttrici de La coppola storta, marchio del prodotto interamente realizzato con antiche tecniche sartoriali.abbiamo voluto dare un significato al lavoro e all inclusione sociale - sottolinea - dimostrando che si può creare valore da esportare a livello internazionale. Quale è il valore aggiunto de La coppola storta? Produciamo le coppole rivisitandole in chiave contemporanea - spiega Agnello. Le adattiamo e personalizziamo per creare pezzi unici. Abbiamo anche una linea per la donna con trame leopardate, a fiori e accessori da abbinare. Ciascun pezzo ha l etichetta made in Sicily con nomi legati alla tradizione siciliana. C è la Meusa, che in siciliano è la milza, una ghiottoneria della gastronomia tipica isolana, c è la coppola Costanza, in onore di Costanza D Aragona regina di Sicilia e di Germania (moglie di Federico II di Svevia). E ancora le coppole Sciascia e Pirandello, i due più illustri scrittori siciliani. E infine Rosalia, la coppola dedicata a Santa Rosalia la Santuzza che ancora oggi continua a raccogliere la devozione dei Palermitani. È una azienda diffusa sul territorio - sottolinea - abbiamo scomposto la lavorazione salvaguardando i passaggi artigianali. Ognuno è specializzato in una fase, con la possibilità di lavorare da casa - spiega - e poi assembliamo i vari pezzi nella struttura interna. In questo modo assicuriamo la versatilità della produzione arrivando a creare anche 1000 coppole al mese. Dove è possibile trovare i vostri prodotti? Abbiamo un negozio a Palermo, nella splendida via Bara all Olivella - spiega - e corner espositivi in negozi di abbigliamento e artigianato. Siamo affermati anche nel mercato europeo ed internazionale - sottolinea - con un franchising a Vienna e corner in Belgio, Germania e in altre città europee. Siamo arrivati anche in Austria e Giappone dove stiamo per chiudere un accordo molto importante per i nostri store. E poi abbiamo aperto lo shop online link dove è possibile acquistare le coppole via web. All estero notiamo una grande attenzione ai dettagli sottolinea Agnello i clienti chiedono di sapere la storia del prodotto per conoscere le qualità è l unicità. Lo stile italiano poi è ha ancora molto apprezzato. È un souvenir speciale! C è chi torna dal Messico con il sombrero e dalla Sicilia con una coppola made in Sicily. Progetti per il futuro? Ci stiamo concentrando sull e-commerce e sui social network sottolinea - per noi è importante unire la tradizione con i nuovi mezzi di comunicazione. Dopo aver riscattato l immagine della coppola siciliana dall odiosa connotazione mafiosa, - aggiunge - abbiamo creato un progetto chiamato ironicamente il riciclaggio personalizzato per sostenere la cultura dell ecologia e del riciclo. La gente ci spedisce i capi che non indossa più da tutto il mondo - spiega - e noi li trasformiamo in coppole. A Natale ad esempio alcune nonne hanno regalato le coppoline ai nipoti fatte con loro abiti antichi e abbiamo avuto anche richieste dalle Filippine e dall America. Aderiamo alla rete di Addio Pizzo e lavoriamo su fronti comuni. Con la cooperativa Addio Pizzo Travel spiega infine stiamo ideando una collaborazione per offrire la possibilità ai turisti di visitare la nostra azienda e conoscere la nostra storia.

5 Imprese 5 >> Alleanza Cooperative >> Piemonte >> Bologna e Imola ALLEANZA COOPERATIVE Viceministro Pistelli, formula cooperativaperpromuoverelacrescita «L impresa cooperativa è il miglior modo per innescare la crescita nei paesi in via di sviluppo, perchè le cooperative sono imprese collettive di persone che raccolgono dal basso le esigenze dei territori e delle comunità». L Alleanza delle Cooperative Italiane si ritrova in pieno in quanto ha espresso il viceministro degli Esteri Lapo Pistelli che sta presiedendo l incontro dei Ministri per la Cooperazione allo Sviluppo, a Firenze, a Palazzo Vecchio, nell ambito del semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell Unione Europea. «Le cooperative italiane ed europee vogliono essere protagoniste nella crescita dei paesi deboli. Il semestre di Presidenza italiana dell Unione Europea prima e l Expo il prossimo anno, possono essere occasione per dare vita a progetti innovativi che accompagnino paesi dai tessuti socio economici fragili sulla via dello sviluppo». «A oggi sono oltre 300, infatti, i progetti di cooperazione allo sviluppo che le cooperative italiane ed europee stanno seguendo nei paesi in via di sviluppo: dall agricoltura al microcredito, dalle costruzioni alla pianificazione urbanistica, dall ambiente ai servizi di architettura, dallo sviluppo rurale al turismo. Noi ci siamo conclude la nota per continuare quest opera, che come ha sottolineato Pistelli rientra nel dna delle imprese cooperative». PIEMONTE Alleanza Cooperative, Gonella confermato alla presidenza Venerdì 11 luglio si è svolta a Torino la seconda Assemblea dell Alleanza delle Cooperative del Piemonte. Al termine dell Assemblea sono stati confermati i vertici dell Alleanza: il Presidente regionale, Giancarlo Gonella, e i co-presidenti Domenico Paschetta e Alberto Garretto. Stiamo andando verso la rappresentanza unica, ha detto Gonella. L unità del movimento cooperativo può portare ad una maggiore semplificazione della rappresentanza e creare nuovo sviluppo sul territorio. Sono quasi le cooperative piemontesi dell Alleanza, operanti nei diversi settori agroalimentare, costruzioni, distribuzione commerciale, credito, beni culturali, logistica per un fatturato totale di 14 miliardi e mezzo di euro, l 8% del PIL regionale. I soci sono oltre il milione e gli occupati, di cui l 80% assunto a tempo indeterminato. Presente all incontro anche l assessore regionale per le Pari Opportunità Monica Cerutti, che ha assicurato il suo impegno affinchè la Regione Piemonte non operi tagli orizzontali su tutti i capitoli. Inciderebbero anche sul welfare, colpendo proprio quelle fasce svantaggiate che si vogliono sostenere. Concludendo i lavori, il presidente nazionale Mauro Lusetti ha sottolineato che la crisi ha messo in luce che il modello convenzionale di impresa è fallito. La cooperazione deve valorizzare la propria differenza e la funzione sociale che esprime. Ora tocca a noi proseguire sul percorso di unificazione del movimento cooperativo. BOLOGNA E IMOLA Presentato il primo Rapporto unitario sulle cooperative L Alleanza delle Cooperative Italiane di Bologna e Imola (costituita da Legacoop, Agci, Confcooperative) per la prima volta pubblica unitariamente il rapporto sull andamento economico e sociale delle cooperative aderenti. I dati sono stati presentati il 15 luglio all Oratorio San Filippo Neri con la partecipazione del sindaco di Bologna, Virginio Merola, Giorgio Tabellini, presidente della Camera di Commercio, Sergio Prati, presidente dell ACI di Imola, Domenico Olivieri, co-presidente ACI Imola, Gianpiero Calzolari, presidente dell ACI di Bologna, il massmediologo Roberto Grandi, Daniele Passini, co-presidente di ACI Bologna, Walter Williams, che ha curato la

6 6 pubblicazione. L ACI di Bologna e Imola al 31 dicembre 2013 riuniva 531 imprese cooperative e società di capitali controllate da cooperative; le associate corrispondono a circa il 60% del totale delle cooperative del territorio ed esprimono il 90% dei principali valori economici (fatturato, investimenti e patrimonio netto), sviluppando un fatturato di oltre 14 miliardi di euro (senza considerare l apporto delle Banche di Credito Cooperativo e del gruppo UnipolSai). «Solamente chi sa continuamente rinnovarsi ha sottolineato Calzolari riesce a essere seriamente intergenerazionale. Con l Aci rilanciamo, perché non ci basta sopravvivere, vogliamo essere attori del cambiamento che serve al nostro paese». Gli occupati delle aderenti all ACI di Bologna e Imola sono oltre unità (+13% dal 2009 al 2013) e costituiscono il 12% del totale dei lavoratori del territorio. Il 2013 rispetto all anno precedente per la prima volta ha registrato una flessione del valore della produzione di circa 3 punti (dopo una crescita del 12% tra il 2008 ed il 2012), mentre continuano a crescere i soci (+ 3,86%) e gli occupati (+1,86%), anche se il peso della crisi inizia ad incidere sulla curva di crescita dell occupazione. Le cooperative negli anni della crisi hanno sacrificato gli utili (quasi dimezzati dal 2008 al 2012) per garantire il più possibile la tenuta occupazionale e la crescita degli investimenti (+15% dal 2008 al 2012), confermando una visione di lungo periodo. Su circa 1 milione di abitanti, sono ben 600 mila i rapporti associativi alle aderenti all ACI, come se fossero soci di almeno una cooperativa 3 bolognesi su 4. Pur depurati delle doppie appartenenze (per esempio, soci del consumo che sono contemporaneamente soci di una coop agricola o di abitanti o di produzione e lavoro), l estensione e il radicamento della cooperazione in questo territorio resta comunque notevole. «Dal rapporto ha affermato Roberto Grandi emerge il profilo di un movimento che, pur non essendo estraneo alle difficoltà economiche del momento, esprime un ruolo anticiclico e presenta un assoluto protagonismo rispetto alla comunità di riferimento ed elementi di rilievo in termini di inclusione sociale». La cooperazione (escluse le società di capitali controllate da cooperative) rappresenta nell area metropolitana bolognese circa il 20% del fatturato delle società che presentano bilanci e 7 sulle prime 10 aziende industriali e di servizi del bolognese (esclusi credito ed assicurazioni) sono cooperative o società aderenti al movimento.

7 Legacoop 7 >> Allenaza cooperative Internazionale >> Cooperatives Europe ALLEANZA COOPERATIVE INTERNAZIONALE Parteciperà al summit imprenditoriale B20 Per la prima volta, un cooperatore, Andrew Crane, Ceo della cooperativa australiana CBH (grano e cereali), parteciperà, in rappresentanza del movimento cooperativo mondiale, al summit imprenditoriale B20 che si terrà in Australia il prossimo novembre. Le prime riunioni preparatorie si sono tenute in Australia il luglio. Durante l evento verranno elaborate delle raccomandazioni che saranno presentate al G20. La nomina di questo cooperatore australiano rappresenta un segnale importante verso un concetto di società più giusta e di crescita sostenibile. Al B20, Andrew Crane proporrà un tipo di economia più equilibrata, in cui le imprese cooperative controbilancino le società per azioni, migliorando la diversità economica e la resilienza alla crisi. Il settore cooperativo ha dimostrato una capacità di resilienza alla crisi finanziaria e sta suscitando un rinnovato interesse da parte dei governi verso il modello d impresa cooperativa e verso il suo potenziale per lo sviluppo di un economia diversa e alternativa alle imprese di proprietà degli investitori. Secondo il World Co-Operative Monitor, le 300 maggiori imprese cooperative e mutue del mondo hanno un fatturato di 2 trilioni di US$, equivalente alla 9 economia mondiale. Le cooperative generano il 20% in più di posti di lavoro rispetto a quelli creati dalle multinazionali (ad esempio, 1 milione d imprese cooperative danno lavoro a 100 milioni di persone nel mondo). Come contrappeso alle società per azioni, le cooperative e le mutue giocano un ruolo chiave nel raggiungimento di una crescita sostenibile ed equilibrata e nel creare occupazione. (Fonte Euricse). Le cooperative, dai grandi marchi come Fonterra, Associated press e Ocean Spray alle cooperative di produttori che forniscono prodotti fairtrade - ha ribadito Andrew Crane - sono imprese forti commercialmente, focalizzate sui loro soci e le comunità locali in cui operano. Spero di avere l opportunità di condividere le idee dell impresa cooperativa con l agenda del G20 - ha aggiunto - e di promuovere la crescita per creare posti di lavoro e costruire la resilienza nell economia globale. Il successo della partecipazione di un cooperatore al B20 è estremamente importante per l Alleanza ha sottolineato la presidente dell ICA, Pauline Green, che segna un passo avanti nella nostra attività di advocacy. come definito nel Blueprint per una Decade cooperativa, che identifica alcune priorità per il movimento cooperativo internazionale fino alla fine di questo decennio ed oltre. Il G20 sta diventando sempre più importante nel decidere la direzione futura dell economia globale. Durante le riunioni del G20, la voce delle imprese mondiali, attraverso il B20, viene ascoltata. I leaders delle più importanti 20 economie del mondo discutono sulle maggiori tematiche. Se dobbiamo far crescere il movimento cooperativo a livello mondiale nei prossimi anni, - ha sottolineato - la nostra sfida oggi è di assicurare che quando il B20 s incontrerà a Brisbane a Novembre, Andrew Crane non sia lasciato solo nel far comprendere che la differenza cooperativa sia compresa ed opportunamente valutata. Il Direttore Generale dell ICA, Charles Gould esprimendo la propria soddisfazione per l importante risultato raggiunto con la partecipazione di Andrew Crane al B20, ha inoltre sottolineato che le cooperative affrontano le stesse sfide delle altre tipologie d impresa, ma la loro natura di impresa di proprietà dei soci, contribuisce a livelli più alti di resilienza alla crisi. Le ricerche internazionali hanno dimostrato, infatti, che le cooperative, a livello globale, hanno resistito dimostrando la loro capacità di ridurre le perdite di posti di lavoro e persino di accrescere l occupazione in Paesi, come l Italia e la Spagna ad esempio, fortemente colpiti dalla crisi economica. COOPERATIVES EUROPE Partecipa alla riunione dei ministri UEper la cooperazioneallo sviluppo Klaus Niederlander, Direttore di Cooperatives Europe è stato invitato a partecipare all incontro che si è tenuto a Firenze, il 15 luglio, sul ruolo del settore privato nello sviluppo. L evento s inserisce all interno della Riunione Informale dei Ministri UE per la Cooperazione allo Sviluppo organizzata dal Ministero degli Esteri italiano e dalla Com-

8 Legacoop 8 missione Europea a Firenze il luglio. Tema della conferenza il dialogo aperto teso ad esplorare come incoraggiare il settore privato a giocare un ruolo positivo nello sviluppo e come minimizzare le barriere e i rischi di tale impegno. Rappresentanti delle istituzioni italiane, Europee ed internazionali, Ministri competenti di vari paesi, rappresentanti del mondo imprenditoriale, ONG e della società civile in generale, hanno discusso di come i vari attori della cooperazione internazionale, nel rispetto dei rispettivi ruoli e funzioni, possano contribuire al piano di azioni proposto dalla Commissione Europea nella recente Comunicazione Un ruolo più forte del settore privato nel raggiungere una crescita inclusiva e sostenibile nei Paesi in via di Sviluppo. Il Direttore Niederlander, nel suo intervento, ha sottolineato l importante contributo delle imprese cooperative allo sviluppo come attori del settore privato e parte della società civile. Ha ricordato inoltre che le cooperative sono state menzionate nell ultima Comunicazione UE sullo sviluppo come pure nelle relative conclusioni del Consiglio UE. Nell offrire occupazione sotto forma di lavoro dignitoso ed innovazione sociale ha detto Niederlander le cooperative giocano un ruolo cruciale nel raggiungimento degli Obiettivi Post-2015, come dimostrato dalla piattaforma on line che Cooperatives Europe ha di recente creato, all interno di un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea, che presenta oltre 300 progetti di sviluppo realizzati dalle organizzazioni e dalle imprese cooperative di alcuni Paesi Europei. Il Direttore di Cooperatives Europe ha espresso il proprio apprezzamento nel vedere riconosciuto il ruolo delle imprese cooperative quando si parla di temi legati al settore privato nello sviluppo, ed ha sottolineato l importanza del contributo presente nei documenti strategici dell Unione Europea.

9 Settori 9 >> Legacoop Servizi >> Lega Pesca LEGACOOP SERVIZI La Direzione nazionale convoca l Assemblea di mandato La Direzione Nazionale di Legacoop Servizi, riunitasi il 15 luglio a Roma, ha deliberato all unanimità la convocazione dell Assemblea di mandato quadriennale per i giorni 4 e 5 novembre 2014 presso il Centro Congressi Frentani di Roma. I lavori preparatori per l Assemblea sono partiti già nel mese di aprile, a seguito della riunione della Direzione, con l avvio di un vero e proprio tour su tutto il territorio nazionale, durante il quale il Presidente Fabrizio Bolzoni, accompagnato in alcune occasioni dal Vice Presidente Vicario Angelo Migliarini, ha partecipato a numerosi momenti di confronto e ascolto dei comparti, dei territori e delle cooperative, che si concluderanno nei primi giorni di agosto. L Associazione nazionale si prepara quindi ora alla definizione delle proposte organizzative e programmatiche per il prossimo mandato quadriennale. I documenti verranno poi sottoposti alle assemblee regionali, tra gli ultimi giorni di settembre e il 30 ottobre 2014, per essere poi presentati a novembre ai delegati in occasione della due giorni di lavori. La Direzione ha quindi deliberato i regolamenti per lo svolgimento delle assemblee congressuali regionali e per le candidature a Presidente e Vice Presidente di Legacoop Servizi, nonché la nomina della commissione per la presentazione e l esame delle candidature. Durante i lavori, i membri della Direzione hanno inoltro provveduto all esame e all approvazione all unanimità del bilancio d esercizio 2013 dell Associazione. Sottoscritta ipotesi di accordo di rinnovo del CCNL per il settore TAXI Lunedì 14 luglio, le Associazioni di rappresentanza (Federlavoro e Servizi/Confcooperative, Legacoop Servizi, AGCI Servizi) e le Associazioni sindacali (U.NI.CA TAXI FILT- CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI) hanno sottoscritto a Roma l ipotesi di accordo di rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori delle cooperative esercenti attività nel settore taxi. Il CCNL entra in vigore dal 1 luglio 2014 e scade alla naturale scadenza di febbraio Le parti, inoltre, si sono impegnate ad istituire entro due mesi, una commissione, composta in maniera paritetica da rappresentanti dei datori di lavoro e dai rappresentanti delle Organizzazioni sindacali, con il compito di armonizzare e adeguare le parti normative del CCNL alle disposizioni di legge vigenti. Nel testo di ipotesi di accordo si indicano inoltre le tabelle retributive dal 1 luglio 2014 e dal 1 febbraio Premessa Ipotesi di Rinnovo Si conviene di rinnovare il CCNL di lavoro per i lavoratori che operano nell area merceologica taxi al fine di migliorare il servizio, di valorizzare le professionalità e di dare sviluppo alla cooperazione e tutelare i diritti dei lavoratori. L accordo interviene in un momento delicato per l intera economia europea e del nostro Paese in particolare la crisi ha assunto una gravità mai conosciuta in precedenza. In tale contesto, le Parti firmatarie il presente accordo, intendono accompagnare il percorso di stabilizzazione e di crescita del settore attraverso l impegno da parte delle Imprese cooperative e delle Organizzazioni sindacali nel fare del contratto e della sua applicazione uno degli elementi essenziali, non solo al fine di garantire agli operatori condizioni economiche e lavorative adeguate, ma anche per affermare un sistema di regole condiviso che contrasti le pratiche di concorrenza sleale presenti nel settore. Le Parti inoltre, col presente rinnovo contrattuale, hanno anche inteso rispondere all esigenza di produrre un unico riferimento contrattuale per tutto il settore. Esse si prefiggono, oltre agli obiettivi economici, anche obiettivi sociali, tra i quali la promozione dell occupazione e lo sviluppo professionale dei soci, dei lavoratori e delle lavoratrici e partecipano alla elaborazione dei programmi di sviluppo e alle decisioni concernenti le scelte strategiche, nonché

10 Settori 10 alla realizzazione dei processi produttivi dell azienda. Il testo dell accordo al seguente link LEGA PESCA Problema meduse, non incolpiamo la pesca Quello delle meduse è un problema annoso, che lievita per mille motivi e che con l estate esplode fino ad essere puntualmente portato all attenzione della stampa e dei fruitori del bene mare. E un problema legato a mille cause diverse, ma, ammonisce Ettore Ianì, presidente nazionale di Lega Pesca, per favore non incolpiamo la pesca. Niente processi sommari, perchè le cause sottostanti ai periodici fenomeni di proliferazione di questi strani animali per eccellenza planctonici (dal greco ϖλαγκτόν, ossia vagabondo) sono lontane dall essere state del tutto chiarite. E indubbio che ci troviamo di fronte ad un problema non più episodico, ma ad una nuova realtà. E ragionevole affermare che ciò può dipendere sia da cause naturali che da fattori di squilibrio più generale degli habitat marini. Ma è scorretto sottolinea Ianì imputarne la causa prima ai fenomeni di pesca intensiva, alla soluzione passpartout del sovrafruttamento delle risorse biologiche. Il binomio più pesca uguale più meduse è un equazione che cerca scorciatoie ingannevoli per articoli spesso solo di colore, dove l informazione scientifica cede il passo alla approssimazione, quando i bagnanti si imbattono nella proliferazione di meduse, o le foto dei litorali mostrano tappeti di fioriture violaceo-azzurrine e i commenti si sprecano. E plausibile che tra i fattori alla base del fenomeno ci siano l innalzamento della temperatura delle acque del Mediterraneo e l aumento della salinità dei mari costieri, causato da un minor apporto di acque dolci da parte dei fiumi. Stiamo parlando di acidificazione, surriscaldamento delle acque e ipossia, cioè l insieme di fenomeni molto complessi cui ci si riferisce ormai con il nome ombrello di cambiamenti climatici. Un processo globale, che altera profondamente gli equilibri ecosistemici, che influenza la stagionalità dei processi biologici e modifica le dinamiche di riproduzione delle specie. Vogliamo imputare anche i cambiamenti climatici alla pesca? o iniziare a capire che la pesca ne subisce gli effetti, più come vittima che come carnefice? L argomento che l invasione di meduse sia legata alla distruzione dei predatori causata dalla pesca non regge, perché il prelievo da predazione sul totale delle popolazioni di meduse in Mediterraneo è davvero limitato. Tonni e pesci spada, contrariamente a quanto generalmente si afferma, non sono soliti dedicarsi a queste prede di scarsissimo valore nutritivo e ad elevato contenuto di ammoniaca, preferendo le più saporite e nutrienti acciughe e sardine. Gli adulti di medusa sono cibo esclusivo delle tartarughe marine e di pochissime altre specie che non subiscono l effetto dei tentacoli urticanti. Detto che i pesci snobbano i pasti a base di meduse, va anche detto che l abbondanza di meduse crea fastidio non solo ai turisti, ma anche ai pescatori, perché rende difficile ed urticante la cernita del pesce, quando le meduse rimangono impigliate nelle reti. La presenza di meduse comporta inoltre la complessiva sottrazione di nutrimento dal mare, e sono in questo caso i pesci a farne le spese. A parte i pochi casi di meduse erbivore che si nutrono di fitoplacton, le meduse si nutrono prevalentemente di zooplancton, insieme di organismi come larve di crostacei, molluschi, uova e larve di pesci, sottraendo alimenti che sono alla base di tutte le catene alimentari marine e che rappresentano il cibo di specie ittiche di rilevante interesse economico (come sardine e acciughe che sono planctonfaghe). Da questo punto di vista, l aumento della presenza di meduse rischia di essere la classica goccia che fa traboccare il vaso del già preoccupante fenomeno del sovrasfruttamento delle risorse ittiche. Problema che va affrontato, però, con serietà e senza semplificazioni.

11 Territori 11 >> Marche >> Lazio >> Lazio >> Puglia >> Puglia >> Calabria >> Reggio Emilia >> Forlì-Cesena >> Messina MARCHE Welfare, è ora di una legge regionale E tempo che la Regione Marche si doti di una legge regionale per un sistema regionale integrato dei servizi sociali in attuazione della legge 328 del Per le Centrali cooperative regionali Agci, Confcooperative, Legacoop Marche, i sindacati Cgil, Cisl, Uil Marche e il Forum del Terzo settore serve una legge che sia occasione di rilancio del welfare regionale, che faccia sua la ricchezza e la qualità delle norme regionali di settore finora prodotte, frutto di discussioni fortemente partecipate e dai contenuti avanzati, che non possono e non devono essere abrogate o compresse in pochi articoli. La legge regionale deve essere l opportunità per elaborare una normativa di sistema, capace di scioglierne i principali nodi realizzando le condizioni per costruire sul territorio un sistema di welfare moderno, universalistico e capace di rispondere ai bisogni sociali che la crisi ha contribuito ad acuire, dando finalmente piena e autentica attuazione alla legge 328. E necessaria una legge per il welfare delle Marche centrata sulla rete dei servizi territoriali da costruire sui bisogni e sui diritti delle persone e delle famiglie piuttosto che sulla disponibilità transitoria delle risorse economiche. Un testo che preveda modalità di valutazione del grado di disagio socio-sanitario permettendo la predisposizione di un Piano Individualizzato, articolato attraverso prestazioni di natura e intensità assistenziale diversa. Una legge capace di assumere e delineare un modello chiaro ed efficace di governance politico-operativa e istituzionale del sociale, specie a livello locale, dentro il quadro di un ragionamento complessivo sul riordino degli assetti territoriali e delle funzioni delle autonomie locali. Per Centrali cooperative, sindacati, terzo settore, la legge regionale per il welfare deve puntare al rafforzamento del ruolo dell Ambito territoriale sociale che, in questi anni, ha svolto una funzione di cerniera positiva fra il livello della programmazione regionale e la rete delle politiche locali. Deve essere attuata dentro un orizzonte che tenga conto degli Enti territoriali, che valorizzi la partecipazione della cittadinanza attiva, centrale per le politiche di welfare. Deve prevedere la costruzione degli standard di una rete di servizi essenziali sul territorio dove poter anche realizzare anche interventi sperimentali sulle problematiche sociali, mutevoli nel tempo, e la possibilità di acquisto dei servizi da parte della pubblica amministrazione che non sia basato solo sulla gara d appalto ma che comprenda anche modalità di affidamento come la concessione e la convenzione, che riducono l incertezza nella qualità e nella continuità delle prestazioni favorendo investimenti e consolidamento dei servizi. Occorre, perciò, prevedere un Osservatorio sugli appalti per mantenere un controllo costante sulle gare evitando distorsioni legate alla ricerca di risparmio economico che si traduce spesso nel peggioramento della qualità dei servizi e delle condizioni di vita dei lavoratori. E anche necessario pensare ad un Osservatorio sulle politiche di welfare che possa valutare i cambiamenti e mantenere la coerenza di offerta del sistema dei servizi, sostenere la cooperazione d inserimento lavorativo, specie nei periodi di crisi, come una delle azioni di politica sociale più efficace e prevedere un Fondo di sostegno per gli investimenti nell economia sociale. LAZIO Welcomeday, next cooperation: particelle di futuro E bene che voi sappiate che attorno a voi c è una rete che vi aiuterà ma nessuno potrà sostituirsi alla vostra capacità e alle vostre attitudini imprenditoriali. Non c è niente che si possa sostituire alla vostra autonomia decisionale, alla vostra capacità di stare insieme. Concetti come la trasparenza vivono solo se ogni imprenditore

12 Territori 12 sa farli rivivere nella propria attività. Lo ha detto Mauro Lusetti, presidente Legacoop, intervenendo durante il Welcome day del Lazio, tenutosi il 15 luglio presso la Città dell altra economia, ed organizzato per dare il benvenuto alle 105 nuove cooperative che tra il 2013 e il 2014 hanno aderito all associazione. Se si decide di fare impresa scegliendo proprio la formula cooperativa, i valori di riferimento saranno prioritari. Sviluppare un impresa in cooperativa è una cosa di una bellezza straordinaria- ha aggiunto-. Noi cooperatori dobbiamo avere un forte senso di responsabilità nell agire quotidiano. Bisogna rispondere a un principio di onestà, prima ancora che di legalità. Perchè l onestà comprende la legalità. Lusetti ha poi spiegato: Oggi, qui al Welcome day del Lazio, stiamo raccontando la diversità dell impresa cooperativa. Stiamo raccontando un sistema valoriale che solo noi abbiamo. Non pensiamo di essere i migliori ma di essere la parte buona della società. Avere questa visione rispetto al futuro e sostenere l autoimprenditorialità delle persone e il recupero dei workers buy out- è la chiave per agire in una logica di salvaguardia del bene comune e della dignità dei lavoratori. E ha concluso: Abbiamo un movimento cooperativo che tiene lo sguardo alto. La cooperazione tiene lo sguardo alto e lo rivolge all orizzonte come ha spiegato Stefano Venditti, presidente Legacoop Lazio: Il Welcome day per noi significa entrare in connessione con il futuro. Il responsabile della Lega regionale ha poi esortato la cooperazione a promuovere l innovazione: Non spaventiamoci di fronte alle idee creative: sono particelle di futuro. Solo se cambiamo, nella prassi e nel lavoro, riusciremo a centrare l obiettivo di affermare la forma cooperativa come impresa preferita dalle persone e dalle comunità. Per Venditti, avere più imprese cooperative all interno dell economia italiana fa bene al Paese. La dimostrazione? Quel che è accaduto a Roma. In questa città, il movimento cooperativo si è riposizionato. Questa è la stessa città che subirà il terzo colpo- quasi mortaledi restringimento della quota di intervento del piano di rientro di Roma. Ma anche se subiamo tagli e arretramenti nel budget della spesa pubblica, la cooperazione non arretra. Ed è stata in grado di far scendere la quota di cassintegrati da per 50 cooperative nel 2012 a 315 per 25 cooperative nel I numeri della cooperazione nel Lazio sono molto più che positivi. Roberto Amici, direttore Legacoop regionale, li ha voluti evidenziare: imprese e occupati producono 12 miliardi di fatturato. Solo nella capitale, ci sono imprese cooperative che offrono lavoro a occupati e producono 10 miliardi di fatturato. Sociali e servizi i settori maggiormente in crescita nel Lazio Tutti i dati confermano che, anche in questo lungo periodo di crisi, le cooperative sociali sono continuate a crescere, sia in ordine di numerosità che in termini di fatturato- ha detto Pino Bongiorno, presidente LegacoopSociali Lazio-. Hanno tenuto dal punto di vista occupazionale e hanno consentito il mantenimento di livelli di coesione nel tessuto sociale del nostro Paese e della nostra Regione. Nel Lazio, in particolare, il trend di crescita è superiore a quello del resto del paese ha detto Bongiorno, la cui scelta di proiettare il discorso tratto da Il grande dittatore di C. Chaplin è stata molto apprezzata dal pubblico. Oggi al Welcome Day Lazio- ha detto Bongiorno- daremo il benvenuto alle nuove associate e offriremo loro gli strumenti per renderle protagoniste, assieme alle altre iscritte, di nuove importanti pagine della vita sociale ed economica della nostra Regione ha spiegato. Per Andrea Laguardia, responsabile Servizi di Legacoop Lazio, le cooperative aderenti hanno l obbligo di dover utilizzare strutture, competenze e strumenti della Lega. Se avete una idea da realizzate, voi dovete rivolgervi a noi! ha detto. E ha spiegato che le cooperative che nascono all interno del settore dei Servizi sono molto numerose e sono presenti in tutti i settori economici della città- dalla ristorazione alla vigilanza, dal trasporto merci e persone alla movimentazione e alla logistica, dall ecologia ai servizi integrati. Seguiamo la stesura dei contratti nazionali di lavoro; il contratto del multiservizi che ha generato l ente bilaterale Obsi, trasporto merci, trasporto persone, etc. All evento, anche Paolo Orneli, capo di Gabinetto Assessorato allo Sviluppo economico e alle Attività Produttive della Regione Lazio. L emergenza di oggi è creare occupazione e dare una prospettiva e una speranza alla gente- ha detto- il rapporto con il movimento cooperativo è strategico proprio in questa direzione. Solo il 21% delle imprese del Lazio sono guidate da donne. Ma nel movimento cooperativo si sale al 26%. La cooperazione è dunque un esempio da seguire. E, rivolgendosi alle nuove cooperative ha detto: Siete pazzi tra i pazzi perchè storicamente il Paese sembra essere nemico di chi fa impresa cooperativa. Ora, però, grazie alla Giunta Zingaretti, non c è più una Regione inutile. La Regione Lazio in passato ha fatto morire tante cooperative non pagandole. Ora, è diverso. Alla data odierna, l assessore ci assicura che è stato dato mandato per il pagamento della prima tranche. All evento, anche l assessore alle Attività produttive di Roma Capitale- Marta Leonori. Roma ha bisogno di tornare a un senso di economia che non sia solo individuale ma che sia capace di non lasciare sole le per-

13 Territori 13 sone. C è dunque bisogno dell esempio delle cooperative di comunità. La serata per le cooperative neoaderenti a Legacoop Lazio si è conclusa con una cena installata su una piattaforma con vista sul palcoscenico sul quale si è esibito Goran Bregovic, artista di fama internazionale, che è stato accolto da una folla numerosa. LAZIO Immagini e parole dal quotidiano, Visioni Sociali all Isola del Cinema Immagini e Parole dal Quotidiano, per il quarto anno consecutivo Visioni Sociali porta all Isola del Cinema, nell incredibile cornice dell Isola Tiberina, le testimonianze della cultura e del lavoro sociale. Quest anno si inizia, il 16 luglio, Schermo Tevere nello spazio FabriqueDu Cinema, con una serata dedicata interamente al Tevere, in particolare all isola Tiberina, con Il Regalo della Cooperazione Sociale alla città di Roma.Le cooperative aderenti a Legacoop Sociali Lazio, Federsolidarietà Lazio di Confcooperative/Federsolidarietà Lazio e Agci Solidarietà Lazio facenti parte dell Alleanza delle cooperative italiane hanno consegnato nell aprile di quest anno nelle mani del sindaco Ignazio Marino, un regalo speciale per la città. Per tre giorni consecutivi le centrali hanno mobilitato una ventina di cooperative sociali di inserimento lavorativo addette alla manutenzione del verde, alla pulizia e al decoro urbano per rimettere a nuovo l Isola Tiberina.L Alleanza delle cooperative italiane ha scelto questo luogo simbolico per offrire all Amministrazione comunale e a tutti i cittadini un servizio totalmente gratuito di manutenzione e pulizia. Roma più pulita e solidale: si può fare è lo slogan che ha accompagnato l iniziativa, che tra l altro è stato il contributo della cooperazione a La settimana del buon lavoro, promossa dall amministrazione della città per dare visibilità all impegno delle cooperative di inserimento lavorativo di persone socialmente svantaggiate. Saranno proposti cinque contributi video, prodotti da Visioni Sociali produzioni, che raccontano le due iniziative: Roma più pulita e solidale: si può fare!, reportage della pulizia dell Isola Tiberina; Uno per tutti, cortometraggio che spiega come siano complessi gli interventi di pulizia e di decoro urbano; Il Tevere e la Cooperazione di Pino Bongiorno che racconta il lungo rapporto della cooperazione con il fiume Tevere; La settimana del Buon Lavoro reportage sull iniziativa promossa da Roma Capitale; Lo spot che ha lanciato questa iniziativa. Interverranno: Pino Bongiorno (Presidente Lecoopsociali Lazio), Eugenio De Crescenzo (Presidente Agci Solidarietà), Ciro De Geronimo (Presidente Confcooperative/Federsolidarietà Lazio), Mauro Valente (Cooperativa Sociale Viola). Sono stati invitati:ignazio Marino (Sindaco di Roma Capitale), Mirko Coratti (Presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale), Rita Cutini (Assessore al Sostegno Sociale e Sussidiarietà di Roma Capitale), Estella Marino (Assessore all Ambiente, Agroalimentare e Rifiuti di Roma Capitale). Si prosegue il 23 luglio con Immagini e Parole Migranti, incontro dedicato al tema dei rifugiati e dei richiedenti asilo; il 30 luglio con Generazioni a Confronto organizzato in collaborazione con la Coop. Soc. Idea Prisma 82,che presenta Generazioni a Confronto: dalle esperienze di ieri alle aspettative di domani Progetto/Attività finanziato dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio, serata dedicata all invecchiamento attivo e allo scambio intergenerazionale; Si chiude il 6 agosto con Videonarrazioni, un viaggio random nel mondo del sociale attraverso le produzioni audiovisive realizzate dalla cooperazione e dal lavoro sociale. PUGLIA Masseria Canali a Mesagne da terra di mafia a Libera Terra Da terra di mafia a Libera Terra. A Mesagne, in provincia di Brindisi, è stata inaugurata, il 10 luglio, la Masseria Canali, bene confiscato alla mafia e restituito alla comunità. L intervento di ristrutturazione è stato finanziato dal Programma Operativo Nazionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale P.O. FESR Investiamo nel vostro futuro. La Masseria in contrada Canali fu di proprietà di un boss della Sacra corona unita, ancora oggi detenuto, e ora gestita dall associazione guidata dal prete antimafia, don Luigi Ciotti. Qui si afferma la supremazia dello Stato - ha detto don Ciotti -, nel contrasto della criminalità e alle mafie. Da beni esclusivi in mano mafiosa, diventano beni condivisi comunità. Grande partecipazione all evento del taglio del nastro: ragazze e ragazzi, personalità politiche e associazioni, come Legacoop Puglia e Generazioni (cooperatori under 40), ospiti del presidente Alessandro Leo, presidente della Cooperativa Terre di Puglia Libera Terra. Questa restituzione ha un valore etico ha proseguito don Luigi Ciotti - sociale ma anche politico. Ripartimao da qui, ha esordito il presidente della cooperativa pugliese di Libera, Ripartiamo da dove è nata l esperienza della cooperativa Terre di Puglia, convinti che, da un presidio fisico visibile della mafia sul territorio, si può creare occupazione e

14 Territori 14 lavoro. Convinti che, coltivando quella terra, si può comunicare agli altri che amare questo paese significa restituire dignità. Chi semina raccoglie. L inaugurazione di questa bellissima Masseria - ha affermato il presidente Legacoop Puglia, Carmelo Rollo, ai margini dell evento è un altra tappa importante, non solo per la valorizzazione dei nostri territori, ma, soprattutto, per la costruzione di percorsi di legalità che vedono protagonisti soprattutto i giovani. L impegno del presidente Alessandro Leo, lo sforzo quotidiano dei ragazzi impegnati come volontari nei campi di Libera, sono spiragli di un futuro che ha imboccato la strada giusta. Soprattutto in territori, come questo,tra i più colpiti dalla criminalità mafiosa. Costruire legalità significa, soprattutto, affermare principi culturali, con la promozione e la diffusione di una cultura della legalità e della solidarietà, com è nella vocazione di Libera. Per cui un grazie, da parte di tutta la società civile, all impegno da loro profuso quotidianamente. Al taglio del nastro anche l assessore regionale alle Politiche giovanili, Trasparenza e Legalità, Guglielmo Minervini: c è la voglia di una comunità di riprendersi in mano il proprio destino ha detto Minervini -. Non è semplicemente un luogo nel quale si prova a ricucire un rapporto sano e pulito con il lavoro agricolo. La terra è una risorsa su cui possiamo investire, in modo nuovo, per il nostro futuro e per portare sviluppo. PUGLIA Libero Cinema in Libera Terra Arriva in Puglia il Festival internazionale di cinema itinerante Libero Cinema in Libera Terra per promuovere la cultura della legalità e per dire No alla mafia attraverso tre diversi film selezionati, con proiezioni gratuite nelle piazze e nei luoghi confiscati alla criminalità. La rassegna è organizzata dalla Fondazione Cinemovel, da Libera con il sostegno di Coop. Tante le pellicole a tema: Pif con La mafia uccide solo d estate ; di Daniele Gaglianone con La mia Classe e Ester Sparatore con Mare magnum percorreranno l Italia da Roma a Castel Volturno, da Casal di Principe a Pollica, da Catania fino ad arrivare in Puglia con il seguente programma: Sabato 26 Luglio: a Bitonto, in Piazza Cattedrale: Film La mia Classe di Daniele Gaglianone Domenica 27 Luglio a Mesagne, in piazza Orsini: Film Buongiorno Taranto di Paolo Pisanelli. In apertura di tutte le serate della nona edizione è in programma la performance La mafia liquida, tra cinema e lavagna luminosa, dell artista Vito Baroncini. L evento si concluderà all estero con proiezioni a Berlino e Parigi. Sito CALABRIA Opportunità per sviluppo competitivo delle Pmi calabresi Nuove opportunità per lo sviluppo competitivo e sostenibile delle PMI calabresi E il tema del seminario di chiusura lavori organizzato da Legacoop Calabria e Coop Reti in collaborazione con Icie nell ambito del POR Calabria FESR AsseVII linea d intervento , che si svolgerà il 22 luglio a Lamezia Terme, presso Unioncamere Calabria (Via delle Nazioni, 24). Le reti di impresa sono un utile strumento per sviluppare percorsi integrati ed intersettoriali, condividere funzioni aziendali e valorizzare esperienze, competenze e relazioni. Il progetto COOP-RETI è nato per sostenere e sollecitare le cooperative a transitare da attività tradizionali ad attività innovative nel settore energetico-ambientale e dell innovazione sociale per accrescere la qualità della vita in contesti quotidiani. Programma Saluti Paolo Abramo, Presidente CCIAA Catanzaro Gianni Speranza, Sindaco di Lamezia Terme Giuseppe Pellegrino, Presidente Legacoop Calabria Il progetto Coop-Reti: obiettivi e risultati Angela Robbe, Responsabile Cooperative di Lavoro Legacoop Calabria Il Progetto Coop-Reti: attività e reti Pietro Andreotti, Presidente ICIE Istituto Cooperativo per l Innovazione Presentazione rete ASIA Rosario Bressi Filippo Laganà Presentazione rete Eequa Maurizio De Luca Tavola Rotonda: Sostenibilità, reti tra imprese, innovazione e qualità della vita: tra sfida e opportunità di sviluppo. Partecipano: Demetrio Arena - Assessore Regionale alle Attività Produttive Giacomo Mancini - Assessore Regionale alla Programmazione Paolo Abramo - Presidente CCIAA Catanzaro Peppino Vallone - Presidente ANCI Calabria Luigi Filice - Prorettore Unical Giorgio Gemelli - Responsabile Progetti intersettoriali e interregionali Legacoop Nazionale Coordina i lavori: Maria Rita Galati Chiusura seminario REGGIO EMILIA Coop comunità, iniziativa La Montagna incantata La Montagna incantanta è una bella e interessante iniziativa che da alcuni anni organizza il Consorzio di Bonifica dell Emilia Centrale sull Appennino reggiano e mo-

15 Territori 15 denese. Quest anno il programma dell iniziativa si sviluppa dal 20 giugno al 19 ottobre. Dal 18 al 20 luglio le protagoniste saranno le cooperative di comunità dell Appennino reggiano, I Briganti di Cerreto e la Valle dei Cavalieri. Venerdì 18, a partire dalle 16:00 fino a notte, si potrà partecipare alla vita di Cerreto Alpi con la cooperativa I Briganti di Cerreto: escursioni ai Laghi Cerretani, visite al bellissimo mulino perfettamente ristrutturato, racconti e narrazioni nel metato. Il giorno successivo ci si sposterà a Valbona, con esplorazione geostorica del paese, noto per i suoi allevamenti di mucche, pecore e cavalli. Si proseguirà per il Passo della Scalucchia, uno dei luoghi magici dell Appennino reggiano, per scendere a Succiso verso sera, accolti dalla cooperativa Valle dei Cavalieri nel suo bellissimo agriturismo. Verrà anche proiettato il documentario Cercando i Maggi, curato da Antonio Canovi e Angela Tincani e realizzato da Roberto Bulgarelli. Nell agriturismo sarà possibile pernottare e cenare con i prodotti della cooperativa. Domenica 20, di mattina presto, visita alla stalla delle pecore della cooperativa per la mungitura. Protagonisti saranno anche le persone della montagna: Claudio Farina e Davide Tronconi dei Briganti di Cerreto, Celio il cantastorie, Fabrizio Silvetti di Altri Passi, Dario Torri della Valle dei Cavalieri. Per informazioni: Angela Tincani, Consorzio di Bonifica dell Emilia Centrale ( ), ufficio Associazione Eutopia ( ), Valle dei Cavalieri ( ), I Briganti di Cerreto ( ). FORLÌ-CESENA Cooperative spurie, aperto il tavolo tra centrali cooperative e sindacati Si è riunito a Forlì, il 17 luglio, il tavolo di confronto sulla cooperazione spuria indetto tra le organizzazioni dei Lavoratori CGIL, CISL e UIL - convocate a livello regionale e territoriale - e le centrali aderenti all Alleanza delle Cooperative (AGCI Forlì-Cesena, Confcooperative Forlì-Cesena e Legacoop Romagna). Partendo dalla vicenda COPUA i rappresentanti dei Sindacati e delle Associazioni Cooperative hanno ribadito l intenzione congiunta di continuare lavorare nella massima coesione e utilizzando tutti gli strumenti a loro disposizione per tutelare i diritti dei lavoratori e salvaguardare le imprese sane, di fronte a comportamenti che si allontanano dai principi e dai valori a cui fa riferimento l esperienza mutualistica. Si è affermata la necessità di promuovere in tutte le sedi i principi non negoziabili che stanno alla base della cooperazione, con una presa di distanza chiara e netta rispetto a coloro che non li applicano nella pratica imprenditoriale. La cooperazione spuria distorce, dequalifica, impoverisce e spesso apre a situazioni di illegalità i territori. Su questo bisogna lavorare insieme, parte pubblica e privata, affinché vengano valorizzate le aziende legate al territorio. I tanti protocolli firmati in materia, essendo ancora purtroppo non pienamente applicati, non hanno ad oggi portato i risultati attesi da tutti gli attori coinvolti. È ancora in vigore, purtroppo, la pratica del massimo ribasso reale o celato nella proposta economicamente più vantaggiosa e non vengono tutelati coloro che rispettano gli standard di efficienza, qualità e sicurezza. Quando la qualità imprenditoriale viene letta dal mercato come demerito la strada per uscire dalla crisi non solo è lontana, ma inesistente. Il dumping a cui sono sottoposte quotidianamente le imprese locali che applicano i contratti regolari di lavoro, le regole di sicurezza e le disposizioni in materia di qualità e sostenibilità ambientale, rappresenta un grave danno non solo per i lavoratori, ma per tutta una comunità che vede in questo modo compromessa la propria Storia, il proprio presente imprenditoriale e dunque la tenuta sociale per uno sviluppo responsabile. Il tutto dando ulteriore slancio negativo alla situazione di crisi economica in atto. Per queste ragioni è interesse comune dare esecutività alle leggi regionali in materia e procedere alla formalizzazione degli accordi ad esse necessariamente conseguenti. È ormai inderogabile un patto regionale che veda coinvolta anche la committenza per la costituzione di un tavolo strutturale in grado di coordinare le scelte in tema di appalti e di operare in stretta relazione con gli organismi previsti dalla legge regionale, in modo da garantire l integrale applicazione dei contratti nazionali di lavoro sottoscritti da CGIL, CISL e UIL e la congruita genuina negli appalti. MESSINA Incontro sulla sanità integrativa Lunedì 7 luglio si è svolto presso la sede di Legacoop Messina, un incontro sulla Sanità integrativa e gli adempimenti obbligatori da parte delle cooperative sociali. La riunione, organizzata per spiegare in dettaglio l adesione alla mutua e i servizi che la stessa offre ai lavoratori, ha visto la presenza notevole di tanti cooperatori della provincia di Messina, interessati all adempimento previsto dal CCNL delle cooperative sociali sulla sanità integrativa e a capirne di più sull accantonamento dei 5 euro al mese per tutti i dipendenti in forza, sia essi a tempo indeterminato che a tempo determinato. L adempimento contrattuale è obbligatorio

16 Territori 16 da maggio 2013, ossia da maggio 2013 la cooperativa sociale deve aver accantonato 5 euro al mese per tutti i dipendenti e questo accantonamento deve risultare dal bilancio chiuso al 31/12/2013. All incontro hanno partecipato Domenico Arena, presidente di Legacoop Messina, Angela Peruca, responsabile regionale di Legacoop Sociali e Roberto Roccuzzo, componente del comitato esecutivo della Mutua Legacoop Sicilia. Il 14 febbraio di quest anno Legacoop Sicilia ha provveduto a costituire la Mutua Regionale, ed ha avviato rapporti di collaborazione con Nuova Mutua Sanità e Pronto Serenità, che possono dare un riscontro positivo all attuazione di un piano sanitario integrativo. Infatti, aderendo alla Mutua Regionale si garantisce a tutti gli associati la possibilità di usufruire di sconti presso un ampia rete di strutture convenzionate, con la possibilità di effettuare visite specialistiche e di diagnostica strumentale, in regime di libera professione, a costi preferenziali ridotti e senza lunghe liste d attesa. L incontro si è concluso con l impegno delle cooperative presenti ad aderire alla mutua siciliana e nel contempo la stessa mutua si è data l obiettivo di estendere il più possibile alle cooperative sociali e non la partecipazione. In conclusione si sta lavorando affinchè la Mutua siciliana aderisca in qualità di mutua

17 Imprese 17 >> Unipol-Censis >> Coop Murri >> Coop Edile di Orgosolo >> Coop En Kài Pan >> FpS Media >> Isfid Prisma >> El Tamiso >> La Locanda dei Girasoli >> Itaca UNIPOL-CENSIS Welfare familiare in crisi; italiani costretti a rinunciare a prestazioni Pubblichiamo di seguito, i principali risultati del Rapporto «Integrare il welfare, sviluppare la white economy. Come gli strumenti di welfare pubblici e privati possono rilanciare la crescita economica e l occupazione» realizzato nell ambito del programma pluriennale «Welfare, Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali» di Censis e Unipol, che sono stati presentati il9 luglio a Roma da Giuseppe Roma, Direttore Generale del Censis, e discussi, tra gli altri, da Pierluigi Stefanini, Presidente del Gruppo Unipol, Marco Peronaci, Rappresentante permanente aggiunto d Italia presso l Unione europea, Patrizia Grieco, Presidente dell Enel, Marco Gay, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute, e Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali. Frena la spesa privata per sanità e assistenza: welfare familiare in crisi. Nell ultimo anno la spesa sanitaria privata ha registrato un -5,7%, il valore pro-capite si è ridotto da 491 a 458 euro all anno, le famiglie italiane hanno dovuto rinunciare complessivamente a 6,9 milioni di prestazioni mediche private e per la prima volta è diminuito anche il numero delle badanti che lavorano nelle case degli anziani bisognosi: 4mila in meno. Sono i segnali di una inversione di tendenza rispetto a un fenomeno consolidato nel lungo periodo per cui le risorse familiari hanno compensato una offerta del welfare pubblico che si restringeva. Oggi anche il welfare privato familiare comincia a mostrare segni di cedimento. Tra il 2007 e il 2013 la spesa sanitaria pubblica è rimasta praticamente invariata (+0,6% in termini reali) a causa della stretta sui conti pubblici. È aumentata, al contrario, la spesa di tasca propria delle famiglie (out of pocket): +9,2% tra il 2007 e il 2012, per poi ridursi però del 5,7% nel 2013 a 26,9 miliardi di euro. E anche il numero dei collaboratori domestici per attività di cura e assistenza (963mila persone) ha registrato una flessione nell ultimo anno (-0,4% nel 2013), dopo un periodo di crescita costante (+4,2% tra il 2012 e il 2013). È quanto emerge dal Rapporto «Welfare, Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali» di Censis e Unipol. La domanda crescente di cura e di assistenza. Il Censis stima che 4,1 milioni di persone in Italia sono attualmente portatrici di disabilità (il 6,7% della popolazione), nel 2020 diventeranno 4,8 milioni, per arrivare a 6,7 milioni nel La spesa totale per le disabilità ha registrato un forte incremento, superiore al 20% in termini reali tra il 2003 e il 2011, passando da 21,2 miliardi di euro a quasi 26 miliardi. Cresce anche la domanda di assistenza per la popolazione anziana non autosufficiente (long term care). In Italia gli anziani che usufruiscono di assistenza domiciliare integrata sono passati da poco più di 200mila nei primi anni 2000 a oltre 532mila nel 2012, cioè dal 2,1% della popolazione anziana (persone con 65 anni e oltre) al 4,3%. La spesa complessiva per gli anziani serviti dalla long term care è pari attualmente all 1,7% del Pil, ma nel 2050 l incidenza potrebbe arrivare al 4%, alla luce delle proiezioni demografiche. Il welfare pubblico si è ristretto. L allungamento dell aspettativa di vita, il marcato invecchiamento della popolazione, le previsioni di incremento delle disabilità e del numero delle persone non autosufficienti prefigurano bisogni crescenti di protezione sociale. Negli anni a venire l incremento della domanda di sanità e di assistenza proseguirà a ritmi serrati. Una domanda che l offerta pubblica però non potrà soddisfare. C è già oggi una domanda inevasa di cure e di assistenza a cui il sistema pubblico non riesce a fare fronte. Il 73% delle famiglie italiane ha fatto ricorso almeno una volta negli ultimi due anni a visite specialistiche o a esami diagnostici a pagamento (in intramoenia o presso studi privati). La motivazione principale (per il 75%) sono i tempi inaccettabili delle liste d attesa. Il 31% delle famiglie ha invece dovuto rinunciare almeno una volta negli ultimi due anni a visite specialistiche, a esami diagnostici o a cicli di riabilitazione. In più, il 72% delle famiglie dichiara che oggi avrebbe difficoltà se dovesse affrontare spese mediche particolarmente impegnative dal punto di vista economico. Integrare gli strumenti di welfare pubblici e privati. La via dell integrazione è un opportunità per soddisfare una domanda che la sola offerta pubblica non è più in grado di coprire. L Italia resta una delle poche economie avanzate in cui la spesa sanitaria out of pocket intermediata, ovvero gestita at-

18 Imprese 18 traverso assicurazioni integrative o strumenti simili, si ferma a una quota molto bassa: appena il 13,4% del totale della spesa sanitaria privata a fronte del 43% della Germania, del 65,8% della Francia, del 76,1% degli Stati Uniti. La presenza di operatori privati specializzati e qualificati sia nel campo delle prestazioni sanitarie che dell assistenza, con servizi resi accessibili attraverso strumenti assicurativi integrativi, permette di fornire servizi più adeguati. Un esempio paradigmatico è quello dell assistenza domestica tramite badanti a persone anziane o disabili, la cui domanda è decisamente in crescita. Non solo l Italia è il Paese dell area Ocse con la più elevata percentuale di familiari che prestano assistenza a persone anziane o disabili in modo continuativo (il 16,2% della popolazione: il doppio, ad esempio, della Svezia). Ma oggi le famiglie sono in gran parte costrette a reclutare le badanti autonomamente attraverso canali informali, le pagano di tasca propria, con forme diffuse di irregolarità lavorativa, senza garanzie sulla loro professionalità e affidabilità. La «white economy», volano per la crescita e l occupazione. Da una integrazione degli strumenti di welfare pubblici con il mercato sociale privato, puntando a valorizzare l economia della salute, dell assistenza e del benessere delle persone (la «white economy»), può scaturire una vera rivoluzione produttiva e occupazionale, utile a risollevare l Italia dalla prolungata fase di stagnazione. Considerato nell insieme, il sistema di offerta di servizi di diagnostica e cura, farmaci, ricerca in campo medico e farmacologico, tecnologie biomedicali, servizi di assistenza a malati, disabili, persone non autosufficienti genera oggi un valore della produzione di oltre 186 miliardi di euro, pari al 6% della produzione economica nazionale, con una occupazione di 2,7 milioni di addetti. Questa articolata filiera comprende le attività dei servizi sanitari (110,9 miliardi di euro di produzione e 1,2 milioni di occupati), i servizi di assistenza sociale (21,6 miliardi e 447mila addetti), l industria farmaceutica (26,6 miliardi e 60mila addetti), la produzione di strumenti biomedicali, elettromedicali, di diagnostica e i relativi servizi (17,6 miliardi e 53mila addetti). Nel cluster va considerato anche il vasto segmento dell assistenza personale, delle badanti e dell accompagnamento, che genera 9,4 miliardi di valore con quasi 1 milione di addetti. Tuttavia, manca ancora una matura consapevolezza collettiva. Alla domanda su come si pensa di affrontare in futuro la vecchiaia ed eventuali malattie, il 52,5% degli italiani mostra un atteggiamento fatalista (non ci pensa o rinvia il problema), il 26% conta sui propri risparmi, il 25% si affida al welfare pubblico, l 8% all aiuto dei familiari e solo il 4% ha stipulato polizze assicurative. «Appare ormai maturo il tempo di una nuova integrazione tra pubblico e privato, capace non solo di garantire la tutela sanitaria e sociale delle persone, ma anche di favorire la crescita economica, a partire dai territori», ha detto Pierluigi Stefanini,Presidente del Gruppo Unipol. «Se sapremo superare i pregiudizi consolidati, il pilastro socio-sanitario, inteso non più solo come un costo, può divenire una solida filiera economico-produttiva da aggiungere alle grandi direttrici politiche per il rilancio della crescita nel nostro Paese», ha concluso Stefanini. «Nei lunghi anni della recessione le famiglie italiane hanno supplito con le proprie risorse ai tagli del welfare pubblico», ha detto Giuseppe Roma, Direttore Generale del Censis. «Oggi questo peso inizia a diventare insostenibile. Per questo è necessario far evolvere il mercato informale e spontaneo dei servizi alla persona in una moderna organizzazione che garantisca prezzi più bassi e migliori prestazioni utilizzando al meglio le risorse disponibili», ha concluso Roma. Fonte Censis - COOP MURRI Paolo Motta è il nuovo presidente Paolo Motta, bolognese, 71 anni, già vicepresidente della Cooperativa Murri è stato nominato nuovo presidente della Cooperativa. Succede ad Adolfo Soldati, scomparso, dopo una grave malattia, il 30 giugno scorso. Il consigliere di amministrazione, Alberto Alberani, bolognese, 55 anni, responsabile delle Cooperative Sociali di Legacoop Emilia Romagna, è stato nominato vicepresidente della Cooperativa. La nuova governance della Cooperativa Murri risulta quindi così composta: presidente Paolo Motta, vicepresidente Alberto Alberani. I consiglieri sono: Elisa Conticelli, Sonia Parisi, Maria Viviani, Valeria Bortolotti, Claudio Leonini, Mauro Raparelli. Il consiglio di amministrazione della Cooperativa, che si è riunito il 9 luglio, dopo aver ricordato in apertura di seduta l impegno di Adolfo Soldati, per vent anni alla guida della Murri, ne ha ribadito gli obiettivi: mantenere la leadership nazionale nel settore della bioarchitettura e ricercare nuove iniziative imprenditoriali per trasformare la crisi del settore dell edilizia in una opportunità di crescita. In questa ottica la Cooperativa Murri sta valutando la possibilità di portare a termine un altro importante progetto: l accorpamento di più cooperative operanti in regione. Fu lo stesso Adolfo Soldati a lanciare l idea e a giustificarne la realizzazione per le significative sinergie e gli enormi risparmi di costi che si sarebbero potuti ottenere. Il consiglio di amministrazione ha deciso inoltre di valorizzare l importante raccolta di opere d arte dedicate al tema della casa, voluta dal presidente Soldati. La collezione, che annovera opere di grandi artisti internazionali (Aldo Mondino, Emilio Tadini, Concetto Pozzati, Tino Stefanoni, Georges Lilanga, Isao Sugiyama, Boris Mikhailov, Weng Fen, ecc.), è stata esposta per la prima volta nel 2008 nel Palazzo Comunale di Bologna. Il prossimo 30 luglio, nel trigesimo della scomparsa di Adolfo Soldati, la Cooperativa ha programmato per le ore una cerimonia commemorativa, che prevede anche l apertura al pubblico della collezione, ospitata nei locali della Murri (piazza Caduti di San Ruffillo n 5 Bologna). COOP EDILE DI ORGOSOLO Contro la crisi la cooperativa investe anche nell eolico Diversificare per superare la crisi. E farlo in direzione della sostenibilità. È la scelta che ha compiuto già da qualche tempo la cooperativa Edile di Orgosolo, quasi l unica

19 Imprese 19 sopravvissuta in Sardegna a questi anni di crollo delle commesse. Così dopo aver realizzato un impianto fotovoltaico, con il sostegno di Coopfond si appresta ora a realizzare cinque mini impianti eolici. La cooperativa, nata nel 1970, conta 13 soci di cui 12 lavoratori e 23 dipendenti. Essendo la committenza per l 85% pubblica, in questi anni sono stati tanti i sacrifici necessari e le difficoltà. Ma la struttura solida ha retto e l Edile di Orgosolo è rimasta il principale, se non l unico, presidio di Legacoop nel settore sull isola. E per dare respiro alle casse ed essere pronti a cogliere la ripresa ha scelto anche di diversificare. È stato realizzato così un impianto fotovoltaico da 700 Kwh e oggi vuole compiere un passo ulteriore lungo questa strada con cinque mini impianti eolici, ciascuno da 60 Kwh. Per farlo, leasing e mutui a parte, i soci hanno scelto di ricapitalizzare la cooperativa e hanno chiesto al Fondo mutualistico di Legacoop che nell ultimo Cda ha accolto la richiesta di contribuire con una somma analoga a quella messa da loro complessivamente a disposizione. COOP EN KÀI PAN Il teatro sociale nelle Terre di Don Peppe Diana Progetto di teatro sociale, promosso dalla Cooperativa En Kài Pan, si svolge dal 15 luglio al 7 agosto 2014, in quattro diversi appuntamenti, presso la sede della Cooperativa Le Terre di Don Peppe Diana - Libera Terra a Castelvolturno (Ce), nel corso dei Campi di Volontariato organizzati con l Associazione Libera. L idea è di realizzare degli happening ispirati a quattro opere del drammaturgo tedesco Bertold Brecht: L opera da tre soldi, L anima buona di Sezuan, Madre Courage e Antigone. L happening spiega Luca Gatta, Direttore artistico della Cooperativa En Kài Pan è una manifestazione artistica d avanguardia con vari intermezzi, caratterizzata dall improvvisazione da parte degli artisti, senza alcuna matrice artistica riconoscibile e con la partecipazione attiva del pubblico. Gli happening aggiunge Tiziana Sellato, Presidente della Cooperativa En Kài Pan sono performance estemporanee realizzate però sotto la guida del nostro Direttore artistico, Luca Gatta, regista e attore, che realizzerà quattro brevi laboratori con i giovani dei campi di volontariato che si trovano presso la Cooperativa Le Terre di Don Peppe Diana. Non si tratterà continua Luca Gatta di mettere in scena veri e propri spettacoli, né di realizzare delle produzioni teatrali a tutti gli effetti, ma di presentare degli studi sull opera di Brecht realizzati da giovani che non sono attori professionisti, guidati però da un regista teatrale. Lo scopo dice Massimo Rocco, Presidente Cooperativa Le Terre di Don Peppe Diana - è di affrontare dei temi importanti e attuali legati alla lotta per la legalità che le cooperative come la nostra e l Associazione Libera affrontano ogni giorno con il loro lavoro ed il loro impegno. En Kài Pan nasce nel marzo del 2014 e i soci hanno unito le loro esperienze, competenze e conoscenze nel campo dell arte, della cultura e delle arti performative, per realizzare un progetto di emancipazione del territorio e di integrazione sociale, utilizzando il medium artistico e culturale. La cooperativa si propone come mission di inserire e impiegare nella sua compagine sociale risorse umane e intellettuali provenienti dal mondo del disagio dando così possibilità di lavoro nei settori artistici a chi non ne avrebbe; attraverso l organizzazione di corsi formativi, workshop e seminari, si cercherà di stimolare la creatività e formare figure professionali legate al mondo dell arte e dell espressività. Lungi dal credere in una realtà totalmente virtuale, En Kài Pan sarà anche uno spazio aggregativo fisico dove socializzare, progettare, creare in sinergia con altri esseri umani. Le Terre di Don Peppe Diana Libera Terra é un impresa cooperativa attenta alle produzioni biologiche di alta qualità e rispettose delle tradizioni locali, capace di coinvolgere altri produttori sani del territorio promuovendo anche attività di fattoria didattica e di turismo responsabile. I soci della cooperativa si occupano della gestione di un caseificio bufalino, producendo mozzarella, ricotta e formaggio destinati alla distribuzione nel mercato locale e nazionale con il marchio Libera Terra - Qualità nella Legalità e sono impegnati altresì nella conduzione di terreni agricoli confiscati disseminati sui territori dei cinque comuni del casertano coinvolti. Nel 2012 sono ufficialmente iniziate le attività di produzione e vendita de Il G(i)usto della Mozzarella Libera Terra dopo l acquisizione del marchio DOP del consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana. FPS MEDIA FpS Media: la cooperativa si racconta al Workcoffee Imprenditoria giovanile, fare giornalismo oggi, cooperative tra professionisti, questi i temi affrontati nel corso dell aperitivo al Workcoffee di Milano che si è svolto il 10 luglio. Il caso di FpS Media ha aperto il dibattito sul mestiere del giornalista e sulle possibilità dei giovani di fare impresa in forma cooperativa. Ad approfondire la realtà in crescita delle cooperative tra professionisti è intervenuta Idanna Matteotti, Responsabile Area Cultura e media di Legacoop Lombardia. FpS Media è un modello imprenditoriale per le aziende giornalistiche per la European Federation of Journalists. Ma è soprattutto una delle poche società tra giornalisti ad essere in crescita costante dalla sua fondazione, nel Negli anni della crisi e in un settore tra quelli più in difficoltà. Anche

20 Imprese 20 per questo ha partecipato a Vienna come caso di studio, al Confronting Austerity: financial and employment models for journalism. FpS Media Fuori per Servizio è una cooperativa di giovani professionisti della comunicazione di Milano. L età media 32 anni. Terminati gli studi alla scuola di giornalismo Ifg Carlo De Martino di Milano, un gruppo di 10 giovani professionisti decide di affrontare il mondo del lavoro in completa autonomia e creare una cooperativa, che oggi annovera oltre 70 clienti, tra i quali l Espresso, Il Sole 24 ore, RepTV, Cosmopolitan, La7. Il segreto? Il lavoro di squadra, tanta professionalità e ancora più voglia di imparare, integrare mestieri e proporre soluzioni chiavi in mano. Ci occupiamo di giornalismo, comunicazione, editoria digitale, produzione servizi multimediali e innovazione nel settore dell informazione racconta Natascia Gargano, di FpS Media Siamo diventati un esempio e siamo soddisfatti dei risultati ottenuti: da 80mila euro del primo anno, prevediamo dopo 5 anni di raggiungere 400mila euro di fatturato. Il settore è in grave difficoltà, essere assunti è quasi impossibile, così abbiamo deciso di tentare e trovare una strada diversa. La forma cooperativa c è sembrata, ed è effettivamente, la forma di impresa più adatta per realtà come le nostre. La buona organizzazione è essenziale. All inizio è stato molto impegnativo racconta Gargano. Per prima cosa ci siamo formati a vicenda, per sopperire sempre alle necessità, imparando a gestire gli strumenti contemporanei: audio e video, social network, grafica. Abbiamo poi suddividendo i compiti e ci siamo strutturati nella parte amministrativa. Lavoriamo per gruppi di lavoro, ognuno con un coordinatore sottolinea - e collaboriamo con settori vicini al nostro: grafici, art-director con cui facciamo rete. C è totale parità nei ruoli e nella rappresentanza di genere. I primi anni abbiamo fatto molti sacrifici ed investito i guadagni per acquistare l attrezzatura, pagare la struttura, i buoni risultati sono arrivati dopo. Saper essere flessibili e imparare più mestieri. Siamo in grado seguire per intero un progetto nei diversi aspetti ed offrire pacchetti completi sottolinea Abbiamo imparato cose che pensavamo di non poter fare, e siamo oggi un agenzia di comunicazione, una realtà variegata dove trovare tutto. Non si può fare a meno dell informazione, aggiunge ma il modo di comunicare dei giornali è cambiato, come il lavoro giornalistico che deve saper declinare ogni aspetto utilizzando gli strumenti contemporanei. FpS Media Fuori per servizio è un nome che rappresenta il nostro modo di lavorare racconta infine professionisti pronti a conoscere la realtà e i contesti nuovi. ISFID PRISMA Concluso il corso di formazione per attività di pescaturismo Si sono concluse le prime due edizioni del Corso di formazione per attività di pescaturismo organizzato e realizzato da Isfid Prisma società cooperativa con sede a Marghera - Venezia (struttura di servizi formativi e consulenziali promossa dalla Legacoop Veneto), in collaborazione con Legacoop Veneto, Federcoopesca e Agrital. Indirizzato agli imprenditori ittici interessati ad avviare e/o esercitare l attività di pescaturismo sulla base della L.R. n. 28/2012 che disciplina i settori agriturismo, ittiturismo e pescaturismo (e delle disposizioni applicative di cui al DGR n.604 del 3 maggio 2013), il corso è iniziato fine giugno e la partecipazione è stata totalmente gratuita grazie al contributo concesso dalla Regione Veneto su proposta dell assessore regionale alla pesca Franco Manzato, in risposta alla richiesta sottoscritta unitariamente dalle centrali cooperative. Ciascuna delle due edizioni, tenutesi rispettivamente a Cà Savio (Cavallino Tre-Porti) e Caorle, ha visto la presenza di 25 frequentanti, per un totale di ben 50 partecipanti: tutti hanno superato con successo la prova finale, ottenendo così l Attestato d idoneità al pescaturismo. Un terzo e ultimo percorso formativo si svolgerà a Caorle dal 28 luglio prossimo. Nel dettaglio, il programma prevede quattro moduli: il primo (10 ore) sulle normative in materia di sicurezza a bordo (primo soccorso, lavoro, navigazione, dotazione e attrezzature obbligatorie per la pesca e il pescaturismo,...; il secondo (sempre da 10 ore) sulla normativa in materia igienico-sanitaria pertinente la preparazione, conservazione e somministrazione di alimenti; il terzo modulo (6 ore) sulle normative pertinenti l esercizio e le attività di pesca (professionale e sportiva e di pescaturismo) nelle acque interne del Veneto (sistemi di pesca consentiti e vietati); infine il quarto (4 ore) sulle normative regionali in materia di tutela e salvaguardia ambientale. EL TAMISO La festa per 30 anni di storia La cooperativa El Tamiso altro non è che un telaio entro cui è tessuto un intreccio di relazioni tra agricoltori, consumatori, fornitori, amici, conoscenti, con un ideale comune, che basano il proprio stile di vita sui principi dell agricoltura biologica e che perseguono il sogno di un mondo equo e sostenibile attraverso le semplici scelte quotidiane... da 30 anni! Questa l azzeccata definizione, elaborata socio e prezioso collaboratore Paolo Zampieri, della Cooperativa El Tamiso che festeggia i trent anni di attività. Trent anni di lavoro duro nei campi e dietro alla scrivania per promuovere e divulgare un nuovo (o molto vecchio) modo di relazionarsi con la terra e l ambiente che ci circonda, fondato sul rispetto e la sostenibilità.

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE

RELAZIONE DEL PRESIDENTE DIREZIONE LEGACOOP EMILIA ROMAGNA Europa 2020 L orizzonte della Cooperazione Conferenza economica RELAZIONE DEL PRESIDENTE BOLOGNA 26 MARZO 2015 Signori invitati, care cooperatrici e cari cooperatori,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE

IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE Il dibattito nel nostro Paese da tempo rincorre le emergenze istituzionali, economiche,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli