ABRUZZO ANDAMENTO LENTO TERAMANO. Giù per le antiche delle Abbazie. L anello di Padula. CANZANO Il borgo sospeso nel cielo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABRUZZO ANDAMENTO LENTO TERAMANO. Giù per le antiche delle Abbazie. L anello di Padula. CANZANO Il borgo sospeso nel cielo"

Transcript

1 ABRUZZO TERAMANO Rivista bimestrale sul territorio ANDAMENTO LENTO 02 APRILE MAGGIO 2012 CANZANO Il borgo sospeso nel cielo Val vomano Giù per le antiche strade Percorsi La via delle Abbazie itinerari L anello di Padula DISTRIBUZIONE GRATUITA

2 Concessionaria DI UBALDO & FORLINI SRL Via Galilei, Giulianova (TE) - Tel Filiali: Teramo tel Silvi tel

3 abruzzoteramano EDITORIALE SGUARDO AL CIELO, PIEDI SULLA TERRA! storie di copertina La green way di casa nostra I luoghi hanno memoria. Ricordano tutto. Il ricordo è inciso nella pietra, nella sabbia, nell acqua. (Wim Wenders) Tornano i giorni della Pasqua e noi la celebriamo con rappresentazioni religiose itineranti che culminano, all alba del Venerdì Santo, nel centro storico di Teramo. La processione della Desolata è un esempio in tutta la Regione di grande devozione mariana. Un evento atteso un anno intero, una rappresentazione teatrale collettiva tra passi, canti e cori strazianti delle donne vestite di nero. Una memoria mai perduta. La morte e Resurrezione del Cristo si rievoca in ogni borgo del teramano con funzioni e processioni che riaffermano il vincolo partecipativo delle comunità. Il senso di appartenenza cristiana ma anche l amore per l arte, ci porta a riscoprire le splendide chiese del romanico che costellano la valle del Mavone da qualcuno definita, con splendida intuizione, via sacra. Torna la primavera, cambia il paesaggio, le giornate si allungano. I boschi e i sentieri in montagna si ripopolano di camminatori. Le cenge del Gran Sasso sono nuovamente prese d assalto dai ragni delle pareti, gli arrampicatori. Gli amanti delle due ruote salgono in sella alla ricerca di piste ciclabili, dove pedalare in tranquillità sui sentieri della libertà, le green way di cui abbiamo bisogno come il pane. Quello che la nostra rivista vuole trasmettere a voi lettori, sta soprattutto negli occhi e nella mente di chi desidera semplicemente scoprire il bello della vita, guardarsi intorno e vedere i contorni e le prospettive di una terra, l Abruzzo teramano, che ancora una volta stupisce per la sua bellezza. Sergio Scacchia Se un amante della bici dovesse un giorno immaginare come possa essere il paradiso, lo vedrebbe fatto di piste ciclabili, colonnine di bike sharing e città piene di gente a cavalcar sellini. Nel prossimo biennio la Teramo Mare ciclabile lungo il fiume Tordino sarà realtà. La nostra provincia giungerà buon ultima perche, nelle vicine Marche, gli ascolani inaugureranno presto il collegamento dolce tra San Benedetto e il capoluogo, attraverso il Tronto. Che la realizzazione di piste ciclabili sia una priorità regionale nella gestione della mobilità e del turismo, è sotto gli occhi di tutti. È la grande sfida per una migliore qualità della vita, con una ricaduta che potrebbe essere molto positiva per il turismo teramano e quello dei comuni interessati al Piano d Area della Vallata del Tordino come Giulianova, Roseto, Mosciano, Bellante, Canzano, Castellalto, Notaresco. L Amministrazione Provinciale avrebbe individuato come prioritario per lo sviluppo del territorio, una via verde che colleghi il capoluogo col mare. Il progetto prevede non solo una semplice pista ciclabile e pedonale ma anche un autentica green way di passerelle e segnaletica che farà scoprire una serie di emergenze ambientali, urbanistiche, culturali e storiche. Sarà possibile il recupero di antichi collegamenti rurali, attrezzandoli per il turismo ciclo pedonale. Daremo il giusto impulso a un turismo nuovo, giovane ed europeo che coniughi la costa con l entroterra e le sue attrattive. Il sogno sarebbe quello di creare una grande via che dal mare conduca in montagna seguendo gli antichi sentieri pastorali risalenti il Tordino fino a Padula e il Rifugio della Fiumata, alle sorgenti sotto il monte Gorzano. Riscopriremmo splendide testimonianze di vita tra cui vecchie masserie, mulini antichi come quello di Casanova, pregevoli monumenti come l esempio cistercense della fatiscente chiesa di San Flaviano di Tavolero e la romanica San Paolo a Pezzelle, deliziosi borghi nel cuore del Parco come Colle e Fiume che conservano ancora architetture antiche. C è bisogno che la politica favorisca l accessibilità ciclistica con infrastrutture dedicate alla mobilità alternativa, realizzando il biciplan, il piano strategico della mobilità ciclistica come nella vicina Ascoli Piceno. Anche le strade delle colline teramane, panoramiche e poco trafficate, devono diventare itinerari per il cicloturismo, valorizzando le tante emergenze territoriali delle frazioni: fonti storiche, piccoli borghi antichi, aree archeologiche. Dalla costa adriatica dell Abruzzo teramano verso l interno, terra d incantevoli borghi e di parchi. Questi gli obiettivi da raggiungere. Abruzzo in bici è un sito curato dal professor Lucio De Marcellis dove è possibile trovare le ipotesi di quattro stupendi percorsi alternativi alle auto: il Crinale vibratiano (Alba Adriatica, Colonnella, Controguerra, Ancarano, Sant Egidio); il Crinale dei Farnese e dei Borbone (Giulianova paese, Montone, Bellante, Campli, Civitella del Tronto); il Crinale Aprutino (Roseto, Montepagano, Notaresco, Castellalto, Valle Canzano, Collurania, Teramo); il Crinale di Adriano (Pineto, Atri, Cellino, Cermignano, Val Vomano, collinare verso Pilone, Villa Ruzzi, Castel Castagna, Isola del Gran Sasso). l 3

4 abruzzoteramano PROTAGONISTI ANDAMENTO LENTO Finché uomini e donne continueranno ad avere gambe, continueranno ad esistere le biciclette. 4 Pineto, la Torre di Cerrano Incontriamo alcuni rappresentanti del raggruppamento apartitico di associazioni che raccoglie le adesioni di 61 sigle tra turismo, sport, ambiente e ha tra i suoi obiettivi la promozione della mobilità ciclabile: Lucio De Marcellis, Alessandro Tursi, Raffaele Di Marcello e Fabio Vallarola in rappresentanza di un gruppo più numeroso (tra cui Gianluigi Camillini, Dante Caserta, Giovanna Gotta, Mauro Vanni, Massimo Fiamma, Niels van Bemmelen, Valter Ciaffoni e altri). Iniziamo parlando del cosiddetto «Corridoio Verde Adriatico». Qual è lo stato di avanzamento della ciclabile costiera? «Sono completi i tratti dal Tronto fino a Cologna spiaggia, il territorio di Pineto fino alla Torre di Cerrano esclusa, l area metropolitana di Montesilvano-Pescara-Francavilla, non tutta ciclabile ma si può utilizzare il lungomare che è molto più sicuro della Statale 16. Stesso discorso per Silvi e Roseto, quasi prive di ciclabili, ma almeno dotate di un lungomare che permette di evitare la statale. Poi da Ortona a Vasto c è la vecchia ferrovia di 49 km che percorre tutta la Costa dei Trabocchi, per la quale è prevista la riconversione in ciclabile. Infine Vasto, che ha realizzato il collegamento con San Salvo Marina. I punti dolenti sono al momento il tratto rosetano del Borsacchio, vero buco nero del sistema ciclabile regionale, e l attraversamento del Vomano, dove c è bisogno di una corsia protetta sul ponte SS 16. Da citare la ciclabile Porto d Ascoli- San Benedetto-Grottammare-Cupra marittima, che va al più presto collegata con quella della costa teramana, per realizzare un tratto continuo di oltre 40 km da Cupra a Cologna». A che punto siamo con la cultura della bici nel teramano? «L alibi di molti amministratori per cui non servono le ciclabili poiché nessuno usa la bici è falso: il motto degli amministratori olandesi negli anni 60, quando si decise di ridurre l uso dell auto per puntare tutto sulla bici fu costruite le ciclabili e i ciclisti verranno. E così è stato. Già in molte città del nord la ciclo-cultura è un tutt uno con la cultura urbana di tendenza, soprattutto tra i gio-

5 Il Coordinamento pubblica le sue attività sul sito internet e sul gruppo Facebook. vani: la bici fa moda e aggregazione, è divenuta sinonimo di stile di vita. L orografia da noi, però, incide: la costa è perfetta ma per l interno siamo ai primissimi passi». Già, le aree interne! «Una costa è forte turisticamente se ha alle spalle un territorio ricco di offerte. Da qui la necessità di una serie di collegamenti mare-entroterra sfruttando le valli fluviali, quasi in piano, dove tutti possono pedalare agevolmente. Ecco le proposte per la Ciclabile del Tordino (la Teramo-mare), ma anche le piste in sede riservata o protetta lungo il Vibrata, il Salinello (dove si potrebbe sfruttare l ampia carreggiata), il Vomano (lungo i percorsi esistenti nei pressi degli argini), il Piomba e del Saline-Fino». A proposito di Teramo-mare ciclabile «La fase progettuale è avanzata; si è ipotizzato un tracciato e si sta procedendo ai rilievi delle proprietà e degli eventuali vincoli. Entro la fine del 2012 il progetto preliminare dovrebbe essere pronto e, non appena la Provincia riuscirà a reperire i fondi (l opera comporta un impegno economico considerevole) si potrà dare avvio ai primi lavori, magari suddividendoli in lotti. I tempi, purtroppo, dipendono dalle disponibilità. Nulla vieta che ogni Comune inizi a realizzare i tratti di propria competenza, magari tracciando inizialmente un percorso per mountain bike. Una volta aperta la strada, probabilmente, anche i privati saranno interessati a investire sul percorso, magari con punti di ristoro, agriturismi ecc., finanziando piccoli tratti. In altre zone d Italia si è iniziato con poco e adesso i percorsi ciclabili muovono un economia di milioni di euro». In cosa consiste la proposta di legge regionale sulla mobilità ciclabile? «È introdotto il concetto di rete ciclabile, inteso come sistema condiviso, su base regionale, di percorsi ciclopedonali. La rete viene poi meglio specificata su base provinciale e, con appositi uffici in Regione e nelle quattro Province, tutti gli Enti interessati possono concentrare le risorse non più sulla singola opera ma su un tratto di un sistema più ampio. Infatti la singola opera, pensata magari per un solo comune, diventa parte della viabilità ciclabile dell intera regione, collegandosi con il sistema di piste ciclabili studiato dalla FIAB (Bicitalia) per l intero territorio nazionale che, a sua volta, si collega alla rete Eurovelo che attraversa tutta l Europa. La legge, quindi, non è più una semplice legge di finanziamento ma crea una vera e propria rete ciclabile regionale favorendo anche l intermodalità bici+treno e bici+autobus. Speriamo che la proposta sia condivisa da tutte le forze politiche e venga adottata al più presto dal Consiglio regionale». C era anche l idea di collegare i parchi marini dell Adriatico attraverso sistemi di mobilità sostenibile. «Esiste una rete di lavoro tra tutte le Aree Protette marine e costiere dell Adriatico con il nome di AdriaPAN (Adriatic Protected Areas Network) e che è stata interessata, grazie al Consorzio di gestione dell Area marina protetta Torre del Cerrano, dall idea di creare un sistema di mobilità turistica a basso impatto che si avvalesse dell uso della bicicletta per i propri spostamenti. L idea ha avuto un immediato riscontro, in particolare da parte delle aree protette centro-adriatiche sia italiane che croate». Si tratta del progetto che ha preso il nome di BySEAcle. «L idea è di avviare una mobilità turistica su biciclette lavorando esattamente come si fa per la protezione delle specie migratrici dell avifauna. Il ciclo-turista è identificato come una specie in pericolo, cosa che sulle strade normali non è poi lontana dalla realtà, che trova rifugio all interno delle aree protette avendo a disposizione piste ciclabili, ricettività adeguata, servizi, informazioni e quant altro e, quando deve lasciare l area protetta, può trovare informazioni e servizi necessari per raggiungere sano e salvo la successiva zona verde in termini di piste esistenti per bici, trasporto in treno, in traghetto o in barca, punti di appoggio, associazioni attive». l abruzzoteramano Diamo voce al Coordinamento Ciclabili Abruzzo Teramano per farci raccontare l intensa attività che sta portando avanti in favore dell ambiente. Cologna spiaggia Atri Pineto Giulianova - sud Giulianova - nord 5

6 Il Tuo Impianto Fotovoltaico CHIAMA SUBITO! La Tua Energia Ideale > Non paghi più la Bolletta > Guadagni con il Conto Energia > Salvi la Natura > Tutto con Finanziamento al 100% ACCE(N)DI AL RISPARMIO! INFORMATI SUBITO, CHIAMA I SEGUENTI NUMERI. Tel / / Felicioni Energy s.r.l Pineto Roma Shanghai Mumbai Skype: felicioni.energy - -

7 abruzzoteramano Le vie del sacro Il tesoro di Ermengarda a Guardia Vomano Un viaggio senza tempo nella preziosa eleganza benedettina di San Clemente, perla del romanico abruzzese e capolavoro dell architettura medievale. Il mostro, istoriato nella pietra bianca del capitello, ha il viso beffardo e la lunga barba. Intorno si annidano demoni, uccelli, serpenti e fiori d ibisco. S intrecciano voluttuosamente, creando un immaginario fantastico che risalta ancor più nella preziosa eleganza dell interno e nel rigore dtella semplicità benedettina dell esterno. L antico cenobio di San Clemente sovrasta il piccolo abitato di Guardia Vomano che custodisce nel suo toponimo il ricordo di una sofferta dominazione longobarda. L austera facciata in pietra si raggiunge lasciando la costa adriatica di Roseto degli Abruzzi, inoltrandosi lungo la statale 150 e superando il casello dell autostrada A14. La chiesa è una splendida derivazione della più famosa abbazia casauriense, dalla quale ha ereditato, oltre al nome del santo, anche un meditato confronto con l arte classica dei suoi capolavori. Il tempio non ha guglie prominenti, né rosoni fantastici, non mostra immense finestre dai vetri istoriati, ma l intrigante gradinata in ciottoli di fiume è l anticamera di un vero scrigno d arte. Adagiato a fianco di un antico cimitero, tra il verde dei campi di una collina che permette di raggiungere con lo sguardo sia il mare sia la montagna, il minuscolo gioiello dell arte romanica abruzzese domina la vallata. Le origini di questo monumento sono avvolte nel mistero. La tradizione vuole che la famiglia reale di Ludovico II re d Italia dall 844, associato all Impero con il fratello Lotario e in guerra perenne con i Saraceni, fosse uscita miracolosamente illesa da una congiura ordita dal duca di Benevento, Adelchi. L imperatore, dopo lo scampato pericolo, era impegnato nella costruzione dell abbazia di Casauria e la famiglia imperiale proseguì il suo viaggio verso Nord. L imperatrice con il suo seguito si fermò presso il Castrum Wardae, (Castello di Guardia) e fu qui che la madre dell imperatore, donna Ermengarda, decise di fondare sull esempio del figlio, un secondo monastero intitolato a San Clemente. Il complesso divenne la più importante dipendenza casauriense. L abbazia nasceva proprio quando il monachesimo benedettino si avviava al suo massimo splendore configurandosi lungo le direttrici delle antiche strade romane, come importante propaggine dei gran- di monasteri quali Montecassino, Santa Maria di Farfa, San Vincenzo al Volturno. Il portale all esterno si presenta con una pietra scolpita con lussuosi tralci vegetali. All interno, in tre navate e con il presbiterio rialzato, l immagine che ci si aspetta cupa, sepolcrale, in penombra è, al contrario, festa d immagini. Dai capitelli che rimandano alle importanti testimonianze di San Liberatore a Majella e Santa Maria di Bominaco dell Aquila, spuntano volti demoniaci tra grovigli inestricabili dai quali s intuiscono teste di arieti e capri, oltre a un uomo che curiosamente si morde il piede. Sul presbiterio sopraelevato, spicca il ciborio a base quadrata con una copertura sostenuta da quattro colonnine. È un vero capolavoro attribuito alla bottega artistica di Ruggero e dei figli Roberto e Nicodemo, un opera notevole caratterizzata da un estrosa decorazione con intrecci di nastri, figure antropomorfe, forme vegetali e grifoni alati. Da alcuni anni sono tornati alla luce, pietre della prima fondazione e una serie di ambienti utilizzati come sepolture. I ritrovamenti sono visibili con un piano calpestabile in vetro. San Clemente al Vomano merita una visita. È un presidio di fede, testimonianza del primato di Dio. l L interno di San Clemente al Vomano 7

8 abruzzoteramano Un cucchiaio di buon cibo, un pizzico di paesaggio, una manciata di cultura. Ecco tre ingredienti per catturare l attenzione del turista su Canzano. Il borgo, tra vedute pittoresche e scorci da cartolina, nasconde un patrimonio ARGOMENTO da non perdere. I LUOGHI DELL ANIMA: canzano il borgo sos nel cielo Il classico della cucina: il tacchino alla canzanese Tiziano Terzani, vestito bianco candido, descriverebbe così, L indimenticabile nella sua maniera forbita, questo posto meraviglioso: «Il Divino Artista è inesauribile con le sue sorprese. Gli spazi sono magici e, nei paesaggi del cielo, le montagne e le colline rivaleggiano con l atmosfera». Risalendo la valle del Vomano, attraverso la zona rurale di San Martino, il borgo di Canzano appare agli occhi, con il suo tipico aspetto che lo fa sembrare un gigantesco essere vivente, arroccato su di un colle olivato. Nell epoca dei social network, del cemento che ingombra i panorami, tra centri commerciali e città assediate da ruspe, è bello 8 CANZANESE E STORIONE Il piccolo paese dai grandi tesori culinari Ricordo, anni fa, un bellissimo incontro con una donna dal volto solare e ipnotico. Editta Serpente ancora oggi e da molti anni rappresenta a Canzano la storia del merletto di cui il paese si fregia di esserne capitale. Quel giorno dopo aver terminato le riprese per una trasmissione di Rete 8, la fondatrice di una fiorente scuola di esperte ricamatrici, mi disse piena di passione: «Il ricamo non è solo patrimonio culturale del nostro paese, è amore e riscoperta di un occupazione antica che ha sempre caratterizzato la donna, sin dai tempi della Bibbia». Roba da non credere. Canzano, a dispetto delle sue dimensioni, offre di tutto: associazioni di anziani che organizzano scuole di cucina e quadriglie, donatori di sangue, una banda musicale dalle tradizioni antiche. Ma è, da sempre, la gastronomia a farla da padrone con il suo tacchino alla canzanese, vero culto della tavola abruzzese. La deliziosa pietanza fredda in gelatina, rappresenta la nostra cucina nel mondo. Pensate che è stato proprio il piatto teramano a sbarcare nientemeno che sulla luna! Infatti, si racconta, quasi come leggenda, che Neil Armstrong, il primo uomo a porre piede sul satellite della terra, lo individuò come cibo ideale per le imprese degli astronauti, perché nutriente, saporito e con lunga conservazione. In paese però si eccelle anche nei dolci. Proverbiali sono le ciambelle di San Biagio, il santo patrono del paese, protettore dai mali della gola. Sono incredibilmente buone. E poi c è lo storione che non è un pesce dei mari del nord ma un gustoso dessert di mandorla, cioccolato e crema, che non giova al colesterolo, ma che mette allegria a fine pasto.

9 peso abruzzoteramano La Cappella Scrovegni d Abruzzo trovare ancora luoghi dell anima. Parliamo di uno di quei villaggi collinari in Italia pieni di storia e di storie, per chi cerca il bello, l autentico per ospitalità, gastronomia e arte minore. Un luogo sospeso nel cielo tra scorci da cartolina. Storia sontuosa, quella di Canzano. Alcuni reperti archeologici confermano un insediamento romano. Il massimo splendore è nel medioevo quando fu costruito un castello. Allora il luogo si chiamava Canzanella, cittadella della Buona vista. Seguirono anni di dominio degli Acquaviva, Duchi di Atri, le vicende del Regno delle Due Sicilie e l unificazione d Italia. Qui non si è mai rinunciato ai ritmi lenti. Il piccolo centro defilato in alto, guarda il mare volgendo le spalle alle vette dell Appennino. Si respira l aria dell arriere-pays, come chiamano i francesi i piccoli paesi dell entroterra, immuni dall ostentazione del lusso e dagli schiamazzi della costa. Dal balcone di una signora che si è prestata a ospitarmi per il tempo di scattare foto di un incomparabile veduta, il Gran Sasso ancora innevato, luccica come fosse di metallo.il borgo è minimo, ma è un acropoli di antiche dimore e archi, torri, porte e scale dentro un anello di mura, che si sciolgono in rivoli di strade e abitazioni. Il paese inizia dalla Porta Nuova, attraversa via Roma e, in piazza, si dirama in un intarsio urbano di vicoli stretti a spina di pesce, come la strada piazzetta larga appena 65 centimetri. Un antica cinta muraria segna il suo profilo con un torrione merlato del secolo XI. «Noi viviamo di economia agricola mi dice Antonio Parnanzone, per anni componente della dinamica Pro Loco- ecco perché con Benito Marsilii e Angeloandrea De Martiniis abbiamo il sogno di allestire un museo di cultura contadina con un associazione che potrebbe nascere grazie alla collaborazione dell azienda agricola Cerulli Irelli Spinozzi. È uno scampolo di meraviglia visitato anche dalla Madonna. Un antica tradizione racconta del miracoloso apparire della Vergine che, dall alto di un albero, comunicò a un contadino il desiderio di una chiesa eretta in suo onore. Oggi questo luogo sacro sorge su uno dei tre colli dell abitato: il Castellano, con la chiesa gotico-barocca della Madonna dell Alno, il Civetta, con un ameno boschetto e San Salvatore con la solitaria pieve omonima. Da non perdere la chiesa di San Biagio con il suo campanile in cotto e le neviere, freschi sotterranei dove, in un epoca senza frigoriferi, le donne conservavano le provviste familiari. vallata del Vomano-Mavone è costellata da una serie di edifici romanici di grande valore artistico. Ba- L ampia sti pensare all abbazia di Santa Maria di Propezzano del XIV secolo, San Clemente, Santa Maria di Ronzano, San Giovanni ad Insulam e, nel cuore della Valle Siciliana, San Valentino di Isola. Forse l esempio più suggestivo di questa magnifica stagione del Romanico abruzzese è la chiesa dei S.S. Salvatore e Nicola, appena fuori l abitato di Canzano. È un monumento che lascia il segno raccontando una storia di fede e arte, scritta nel fascino delle sue pietre e del suo territorio. L antica pieve, stupenda nella sua semplicità e linearità si presenta solitaria e austera, dall alto dei suoi secoli di storia. L interno è a tre navate con abside centrale. Bellissima la descrizione che ne fa il noto critico d arte teramano Giovanni Corrieri: «La ricchezza della decorazione pittorica di San Salvatore può essere oggi considerata, nonostante la sua frammentarietà, la Cappella Scrovegni d Abruzzo per la persistenza del linguaggio giottesco, annunciatore di un successivo Rinascimento, che però da noi giunse il modo assolutamente improprio». Infatti l imponente ciclo di affreschi custoditi all interno, malgrado mutilazioni dovute dall incuria dell uomo, rimane uno dei più estesi e completi esistenti in Abruzzo. È il frutto prezioso della proficua collaborazione di più artisti di scuola farfense, ispirati da Giotto. Il linguaggio artistico di questo grande pittore penetrò nel 300 da Rimini, fino alle Marche e poi in Abruzzo. Si rimane stupiti, entrando nell enclave del XII secolo, nell ammirare opere come Il Giudizio di Salomone e S. Anna e la nascita della Madonna. Poche notizie certe sull ignoto architetto che mirabilmente utilizzò le pietre marroni per innalzare la massa muraria e i pilastri di questo capolavoro. 9

10 itinerari: la valle del vomano / 1 GIù PER LE ANTICHE STRADE ARGOMENTO Dal mare alla montagna attraverso una delle valli più interessanti del teramano solcata dal fiume Vomano. Arte sacra, storia, cultura millenaria e gastronomia! Immaginate un tuffo nel passato, tra verdi rilievi, abbazie secolari e cemento intorno a violentare la storia. Benvenuti lungo la vallata del fiume Vomano e le sue colline, alla scoperta di un itinerario sacro nell arte del romanico abruzzese. Un percorso di alto livello storico, religioso e culturale nell entroterra teramano lungo le vie, dai valichi montani al mare, percorse da pastori, artigiani, soldati e monaci. Luoghi dove si respira l aria della fatica che generazioni di contadini hanno fatto per crescere i loro figli. Posti dove si scoprono le atmosfere mistiche di religiosi che, nelle colline, hanno trovato un insediamento perfetto per l ora et labora caro a San Benedetto. Montepagano guarda la costa dai suoi trecento e passa metri di altezza. L antica Mons Pagus romana, poi feudo dei Duchi di Atri, accoglie i visitatori con un museo di arti e tradizioni e la torre campanaria sopravvissuta alla distruzione della vecchia chiesa di Sant Antimo, crollata miseramente. L orologio del manufatto, di notte, lo puoi scambiare per luna piena appena sorgente. Il borgo dura sì e no cento passi, ma quanta bellezza! Appena scoperta la chiesa dell Annunciazione con le sue statue lignee del quattrocento e l altare dorato e intagliato, già arriva il belvedere da dove si scorge l Adriatico fino al pescarese. A sorprendere è la valle, il vento che l odore della legna nelle case fa più pungente, il verde che la primavera rende vivido e creativo e la multiforme ricchezza del paesaggio rurale sempre più minacciato dall espansione urbana. Qualche chilometro ed eccoci a Morrodoro, l antica Morrum, ricco feudo agricolo dei potenti Acquaviva. Qui c è un museo dedicato 10 Castellalto

11 del porticato, è interessante la Porta Santa che si apre due volte l anno, il 10 maggio e nella festa dell Ascensione. All interno, sono belli gli affreschi del quattrocento che raffigurano i Papi Bonifacio IX, Alessandro II e Martino V mostranti bolle con i privilegi concessi alla piccola basilica. A fianco, imperdibile anche se chiuso quasi sempre, il chiostro a pianta quadrata con gli affreschi del pittore polacco Sebastiano Majeski. Poco lontano è consigliabile una visita al Giardino delle erbe officinali dove si coltivano oltre trecento tipi di essenze per medicina, uso alimentare e cosmesi. Abbandonando di nuovo la valle e salendo verso la collina orientale, si scopre la bella Notaresco con i suoi antichi palazzi. Un tempo era un emporio famoso con i suoi bachi da seta e il commercio di olio, vino, formaggi e filati. L antica Nutarisco era la fortezza medievale del re Lotario, punto di riferimento in seguito per le lotte d indipendenza del Risorgimento fino all Unità d Italia. Non lontano c è Guardia Vomano con l abbazia romanica di San Clemente, fatta costruire da Ermengarda nel IX secolo, con il fantastico ciborio dalle decorazioni floreali e animali di Roberto di Ruggero di cui parliamo in altra parte del magazine. Le colline si ammantano di abruzzoteramano piccoli centri discreti, arroccati sui poggi con i loro acciottolati, gli archi a blocchetti di pietra, gli stemmi signorili. Castellalto, con la sua entrata antica, è quasi una finestra spalancata sull infinito. La vista spazia dalla valle del Tordino a quella del Vomano. Pochi chilometri sotto, la frazione Castelbasso stupisce con il suo puzzle di vicoli stretti, labirintici spezzoni di tracciati medievali. C è da soffermarsi a scoprire la chiesa di San Pietro del Il suo portale regala elementi decorativi singolari con scritte in vernacolo e due leoni rozzamente scolpiti. Tornando nel fondo valle, in lontananza fa bella mostra di sé la torre, a base triangolare, del piccolo paese di Montegualtieri, frazione di Cermignano, esempio rarissimo nella storia dell architettura medievale. È alta circa quaranta metri, alla sommità ci sono belle merlature e anticamente serviva per avvistare incursioni nemiche. Il nostro viaggio potrebbe continuare nella valle Siciliana, scoprendo il romanico di Santa Maria di Ronzano, San Giovanni ad Insulam e, non distante dal paretone del Gran Sasso, San Valentino di Isola. Ma questi gioielli d arte, converrete, meritano ben altro tempo e spazio! alla civiltà contadina nell antico palazzo De Gregoriis che custodisce antichi reperti di vita agreste. Come in una commedia di Eduardo De Filippo, gli uomini e le donne del paese accolgono con la loro genuina socialità. Il piacere degli occhi e quello della gola vanno a braccetto in questa che è una delle strade più importanti del vino in provincia di Teramo. La parrocchiale di San Salvatore, opera del 1331 di Mastro Gentile da Ripatransone, è bella ma impallidisce al cospetto del grande manufatto a qualche chilometro verso la valle: la romanica Santa Maria di Propezzano, l insediamento più antico e artistico, la cui fondazione risale al 715 d.c. a dar ragione alla scritta, in carattere gotico, sotto il portico. È il primo dei cinque grandi monumenti sacri di questa incredibile valle dei templi. È ancora un mistero la leggenda dell edificazione del tempio ad opera di pellegrini tedeschi che, di ritorno da una visita alla tomba di San Pietro, nel riposarsi, assistettero all apparizione della Vergine desiderosa di avere una chiesa tutta per lei. L abbazia fu completata nel 1285 con la sua struttura architettonica essenziale, l artistico rosone formato da tetti concentrici con fregi in terracotta e, sopra, lo stemma dei soliti Acquaviva. A destra Il borgo medievale di Castelbasso La cripta di San Giovanni ad Insulam 11

12

13 abruzzoteramano itinerari: la valle del vomano / 2 la via delle abbazie un magnifico percorso ciclopedonale La cicloturistica sul Vomano è un bellissimo itinerario che collega il mare alla Strada Maestra del Parco e, fino a Castelnuovo, è alla portata di tutti. La biforcazione sul fiume Mavone, consente di raggiungere Isola del Gran Sasso e il suo santuario. Poche indicazioni da parte dei comuni attraversati e, i turisti della costa in estate, potrebbero conoscere il nostro entroterra, per il percorso La Via delle Abbazie. Si parte da Scerne, ponte sul Vomano, Statale 16, risalendo la valle nell argine sud, lato Pineto. Occorre una mountain bike o una city bike con gomme grandi. La prima parte del percorso, ben tenuto dal comune, costeggia il fiume e s incontra una zona verde adatta per una bella area di sosta. Qualsiasi gamba può giungere al ponte di Fontanelle di Atri. Attraversatolo, si inizia a costeggiare l argine nord di Notaresco. Di fronte c è la splendida abbazia di Santa Maria di Propezzano. In corrispondenza dell altro gioiello romanico, San Clemente al Vomano, si punta verso la chiesa, lasciando l argine alle spalle. La deviazione è necessaria perché il fiume sta erodendo la sponda. La grande sorpresa è l incontro con Giuseppe Tupitti, artista e artigiano. Nella sua casa, sul percorso, questo signore ha realizzato un piccolo museo privato, macchina del tempo. Ci sono le trebbiatrici, cinque volte più piccole del normale, i mini trattori, le artistiche sculture di ferro battuto. Un cartello avvisa: Io con la vita mi diverto. Raggiunta la statale, si costeggia il marciapiede nei pressi del ristorante I Tre Archi, poi dell agriturismo Il Cammino storto. Siamo vicini all area industriale di Castelnuovo. Fin qui, tutto facile. In breve scopriamo la torre triangolare di Montegualtieri. Attraversato il ponte, si entra nel territorio di Cellino. Svoltando a destra, costeggiando il fiume a monte, si arriva a Piane Vomano e, per un saliscendi, alla località Taverna. Più avanti c è la diga con il lago artificiale di Villa Vomano. Sulla statale Piceno-Aprutina, in prossimità del cavalcavia della superstrada A24, si svolta a sinistra per strade secondarie, superando la località Zampitti. Dopo il bivio per Miano, quello di Spiano. Una breve salita da percorrere a piedi introduce, a sinistra, per un tratturo che porta a Piane di Collevecchio. È il tratto più difficoltoso ma anche il più bello. Si costeggia il fiume in un bosco incontaminato. I Romani, qui, avevano costruito cisterne e terme. I resti archeologici, affiorati su terreni privati e le locali acque sulfuree lo confermano. Una nuova passerella conduce sulla destra del fiume, zona industriale. In poche pedalate si avvista Montorio, la porta del Parco. In bici, sotto un cielo celeste come i colori a matita dei bambini, lungo il fiume che scorre placido nella valle dei templi e i paesi immoti sulle colline. Il percorso in mappa: 13

14 abruzzoteramano SPORT E NATURA L ANELLO DI PADULA Alla scoperta di Macchiatornella, borgo magico con le sue cascate. Panorami che trafiggono per la loro armonia perché la bellezza, come dice Ezra Pound, non si spiega, si ammira! Macchiatornella Il profilo aggressivo del Gorzano, nei Monti della Laga, sembra emergere come un isola misteriosa all orizzonte del mare di nebbia che caratterizza in prima mattina la fitta boscaglia ricca di faggi, cerri e castagni secolari. Superato l abitato di Padula, si apre il poggio su cui si adagiano le abitazioni di Macchiatornella. Nel profondo di questi boschi sembrano essersi consumate leggende drammatiche nel corso dei secoli. Qui pare abbia trovato rifugiato il conte Odoardo della nobile famiglia dei Sticchi, il quale, in preda a sconvolgimenti interiori all indomani della morte della donna amata, si ritirò nel profondo della selva in eremitaggio. Fu trovato morto di stenti e di freddo nel cavo di una castagno secolare che aveva adibito a dimora. Sul luogo sorse un eremo, oggi scomparso. Storie fantastiche raccontano che il borgo, secoli fa, fosse quasi recintato da una impenetrabile macchia montana, con un castello medioevale posto nella parte più alta del paese a guardia della vallata del Tordino. Si spiega anche con questa leggenda la posizione dell abitato, tutto in salita, al di sopra delle splendide cascate Cantagalli, un tuffo d acqua che per secoli è stato creduto magico. Un poeta le definì l agitate acque che per gran sassi ribollon cadendo in strazianti grida. Nel bosco pare sia vissuto anche un negromante, incantato dalla magia del luogo, i cui amici raccontano le fole degli anziani abitanti sembra fossero gatti selvatici, lupi e faine, con i quali il vecchio demoniaco riusciva a comunicare non si sa come. E più l eremita si bagnava alle sorgenti di pietra, più sembra divenisse immortale. In questi luoghi è possibile trovare buone quantità di tartufo, alimento controverso nell antichità. Questo tubero dalle forme sgraziate e dal colore nero, secoli fa, veniva guardato con sospetto. Si credeva fosse animato. Pianta o escrescenza del demonio e delle streghe che lo avevano eletto a loro cibo, pensare oggi al tartufo come il re della tavola ricercata, strappa un sorriso. l L ESCURSIONE Dal centro abitato di Padula, (m.932), si arriva al vecchio mulino e, seguendo il Sentiero Italia per la tappa del Ceppo, si raggiunge il ponte Flammagno. Qui chi ama la flora scoprirà diversi esemplari di tasso, una specie arborea protetta. Una breve deviazione porta alle cascate Cantagalli, tre balzi con cui il Fosso della Cavata confluisce nel fiume Tordino. Raggiunta la Radura delle Macere (m.1140), si attraversa il fosso su di un piccolo ponte in ferro. Una comoda sterrata permette di scendere, con davanti agli occhi una bella vista sull alta valle del Tordino. Difficoltà: turistica Quota massima: Macere (m.1140) Sviluppo: m Dislivello totale: m. 426 Tempo percorrenza: 1h 15 14

15 abruzzoteramano PERCORSI D ARTE Lu Jase Criste de lu colle a Cesacastina Non so se vi siete mai soffermati, camminando in montagna, davanti alle piccole cappelle, deliziose icone del buon viaggio, per una preghiera o, semplicemente, per osservare e penetrare un pizzico dell immensa devozione che anima gli abitanti delle terre alte. È quanto di più poetico possa esistere. La tradizione popolare ricorda che l immagine santa serviva a proteggere i viandanti dalle forze del male che vagavano senza posa. Sulla conservazione di tutte queste impronte mistiche non gravano solo le avversità meteorologiche ma, soprattutto, incuria e vandalismo. C è ovunque un patrimonio di religiosità popolare impossibile da catalogare con un numero incalcolabile di edicole, nicchie e crocicchi. David Maria Turoldo, frate dei Servi di Maria, scomparso nel 92, descriveva così questa devozione di strada: «Povere immagini opere di anonimi artisti che per me sono amabili al pari di Giotto e Cimabue». A Cesacastina, nel cuore dei monti della Laga, c è una di queste creazioni di arte e fede. Una cona votiva dedicata al transumante che oggi richiama per lo più memorie infantili o statuine di presepe, ma che un tempo significava essere uomini percossi dalle lame acuminate del sole, tormentati dalle piogge. I pastori attingevano forza fisica dalla devozione cristiana. Proprio la scorsa estate, in ricordo di questi antichi carovanieri dell angoscia è terminato il restauro del crocefisso de lu Jase Criste de lu colle tornato bello come non mai nel piccolo tabernacolo posto a fianco di un tratturo che arriva a Campotosto, attraverso il Colle di Mezzo. Era, questo, il percorso delle greggi che, per recarsi ai pascoli romani, invadevano le strade come un fiume di lana, coprendo ogni spazio con i loro velli, tra i cani bianchi abbaianti e polvere sollevata, a sfumare il paesaggio come in un sogno. La cona votiva di Cesacastina fu realizzata dall agiata famiglia Baldassarre che commissionò il crocefisso a un falegname lo- Il crocifisso prima e dopo il restauro Il restauro dell antico crocifisso sul tratturo di Campotosto, nella cona votiva che proteggeva i transumanti nel loro cammino. cale, Alfonso Vetuschi, alla fine del 1850, ricavandolo da pezzi diversi di legno assemblati tra loro in modo un po artigianale. Lo stesso artista realizzò le due porte della chiesa seicentesca dei Santi Pietro e Paolo a forma di croce con il suo inconfondibile campanile a vela e a tre campane. l 15

16 abruzzoteramano la storia: nel 150º della morte di san gabriele Un miracolo della resistenza? Il 25 aprile è una data patrimonio di tutti, ancor più per l Abruzzo teramano che ha vissuto con dolore, tra il 1941 e il 44, innumerevoli stragi di civili inermi. La festa della Liberazione è un appuntamento di condivisione dei valori della democrazia al di là delle ideologie perché il fascismo e l antifascismo - come dice lo scrittore Marcello Veneziani - sono morti insieme. Grazie al professore Giovanni Di Giannatale conosciuto storico teramano e studioso della spiritualità passionista, rievochiamo un episodio che fa scoprire una Resistenza più nascosta e umile, non riconducibile a parti politiche ma animata dai valori della solidarietà. Una storia in odore di miracolo per il santo tanto amato dai giovani! Verso la fine del maggio 1940 racconta Di Giannatale prima che l Italia dichiarasse guerra all Inghilterra e alla Francia, si presentarono nel ritiro dei Passionisti di Isola, l Ispettore della Polizia generale di Teramo, Roberto Falcone, il Questore, Innocenzo Aloisi, e funzionari della Prefettura, per chiedere spazi adatti ad ospitare internati politici ebrei e successivamente cinesi. I deportati ebbero come cappellano Padre Antonio Tchang Chan - I, dei Minori conventuali, inviato dalla Santa Sede nel maggio del 41 per assistere spiritualmente dei prigionieri di guerra. Grazie all opera del religioso si convertirono al cattolicesimo tre ebrei e ottantadue cinesi, quaranta dei quali battezzati solennemente il 4/08/1941 nel Santuario di S. Gabriele. Padre Antonio continuò il suo apostolato, sostenuto anche dai passionisti, che apprezzavano le sue iniziative religiose e umanitarie. Il clima di serenità che regnava nel ritiro, pur sotto la sorveglianza dei Carabinieri, fu interrotto in occasione dell armistizio dell 8 settembre dal generale Badoglio e dagli Alleati, armistizio che segnò il passaggio italiano agli anglo-americani, contro la Germania. Molti prigionieri inglesi, fuggiti dai campi di concentramento della provincia, giunsero nella Valle Siciliana, a Tossicia, Colledara e Isola, chiedendo aiuto ai Passionisti. Per circa un mese, il religioso aiutò molti di loro senza che i tedeschi si accorgessero di nulla. La delazione di qualcuno fornì informazioni ai militari che lo arrestarono nel novembre del La sentenza di morte fu emessa il 3 giugno Quando l uomo fu davanti al plotone di esecuzione, nel cortile del campo di concentramento di Avezzano, alcuni aerei inglesi iniziarono a bombardare, costringendo i militari a scappare di fronte alle bombe che piovevano dal cielo. Padre Tchang, che, rassegnato, aveva raccomandato l anima a Dio, approfittò della confusione e fuggì. Egli attribuì la salvezza ad una grazia di San Gabriele, che aveva pregato ardentemente davanti al plotone di esecuzione. Lo raccontò Un avvenimento della resistenza teramana rievocato dallo storico Giovanni Di Giannatale, studioso della spiritualità del santo dei giovani. egli stesso ai passionisti quando, nell estate del 1944, tornò nel Santuario per ringraziare il santo che gli aveva salvato la vita e che aggiungeva pieno di devota gratitudine aveva operato per suscitare la conversione di ebrei e cinesi. Dal volume San Gabriele dell Addolorata. Studi e ricerche [ cap. XII, pr. 11 ] in corso di stampa. Asilo Albergo per CANI Asilo Albergo per Cani s.a.s. di M. Di Francescantonio & C. Via C. di Giorgio, Castellalto (TE) Telefono e fax Mobile

17 abruzzoteramano «Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.» (Gustave Flaubert, 1857) Il piccolo volume è l opera di esordio di un giovane e versatile giornalista teramano. Cronache di un cittadino qualunque è una raccolta di racconti tra il reale e il fantascientifico, che hanno per protagonista un anonimo cittadino di ispirazione marcovaldesca e fantozziana le cui vicende non sono altro che il paradigma dell alienazione dell uomo moderno. Un prodotto interessante per riflettere e anche conoscere meglio le potenzialità di uno dei migliori esordienti della nostra provincia. Fabio Petrella, Cronache di un cittadino qualunque, Evoé Edizioni, Teramo Il libro non è solo il resoconto di una lunga traversata sulle montagne dell Abruzzo aquilano e teramano. Racconta spettacolari escursioni, incontri con pastori, vecchi carbonai, abitanti di borghi delle terre alte. Viaggiando con Scacchia, scoprirete chiese abbandonate, resti di civiltà arcaiche, antichi pellegrinaggi religiosi. Il volume è completato dalle descrizioni, a cura di M. Fiorito, di percorsi facili per iniziare a camminare in montagna e splendide foto di Alessandro de Ruvo. Sergio Scacchia, Il mio Ararat, La Cassandra Edizioni, Roseto degli Abruzzi Cinque dee, belle in modo assurdo e spaventosamente potenti, insieme al dio Mas e al dio Dahan esercitano il loro dominio sulle cinque Terre che compongono Penthànweald, ma la loro litigiosità è tale da rendere impossibile la condivisione di tempi e intenti. È così che gli Inferi danno vita a una creatura fantastica, la Fanciulla delle Fiamme, che presto diventerà la sovrana assoluta. L opera stile fantasy di una ventenne piena di verve che vive a Pescara. Chiara Cilli, Il risveglio del fuoco, Edizioni Tabula fati, Chieti

18 abruzzoteramano Pacot Video: la vita delle immagini Le riprese video non necessitano di molte parole; esse stesse sono parola del vissuto Questa è la storia di un teramano, ragioniere in una tranquilla azienda manifatturiera. Rincorreva un sogno: regalare momenti indimenticabili. Un mattino del 1992, abbandonò aridi registri, calcolatrice e penna e brandì una telecamera, fluttuando tra matrimoni, comunioni, compleanni, recite scolastiche. Nasceva Pacot Video, una delle prime ditte di post produzione in Abruzzo, capostipite nel teramano. Un autentica fabbrica dei ricordi con filmati sempre originali, capaci di raccontare in modo brioso la storia unica di ogni evento da immortalare. Perché, diteci, cos è l atto creativo, se non un qualcosa che solo in quel momento ci avvicina a Dio? Un nanosecondo irripetibile in cui l arte si fonde con la passione e la perizia. Forse esageriamo, parlando di video. In effetti, nelle occasioni che meritano di essere ricordate nel tempo attraverso immagini, ciò che conta è beccare il momento che farà emozionare lo spettatore. Nel tempo la storia si è arricchita di video istituzionali per enti, pubblicitari per aziende, docu-film storici sulla Resistenza teramana con un riconoscimento alla carriera nel Premio Internazionale di Fotografia Cinematografica Gianni Di Venanzo. Ancora, video sociali, culturali, filmati su convegni e manifestazioni di grande livello, collaborazioni con la tv locale Rete 8 e con il Parco Gran Sasso Monti della Laga. Poi, nel 2009, la Pacot Video sale agli onori della cronaca per la realizzazione di uno scoop giornalistico conosciuto come Il fuori onda di Giancarlo Fini con il magistrato Trifuoggi, che mise a rischio la tenuta del governo e che fece conoscere cosa veramente pensava il presidente della Camera dell allora capo del Governo, Berlusconi. Nel frattempo Pacot si specializza in internet, diventando gestore e webmaster di siti e blog. Noi ospitiamo Vincenzo soprattutto per la passione dimostrata nei confronti del territorio, con lavori che intersecano la storia dei paesi con la loro gente, video su borghi d arte teramani, tra i quali Campli, Atri, Canzano, Castellalto, luoghi magici come Pietracamela, il Gran Sasso e la città di Teramo. 18 Dal canada un atto d amore per l abruzzo teramano QUI teramo, canada Deliziosa la faccia sorridente di Paola Chiarini che la mia web cam rimanda, dal Canada. Potenza della tecnologia che fa diventare piccolo il globo. Nel paese delle giubbe rosse, è il presidente, guarda caso, di un associazione di oltre cento conterranei che si chiama Abruzzo Teramano: «Certo - dice ridendo - ma noi il nome l abbiamo scelto più di dieci anni fa. Siete voi ad aver copiato». Come ti sei trovata di là dall oceano? «Dopo il Liceo Scientifico a Teramo, mi sono iscritta all Università di Roma e, con uno scambio studentesco, sono giunta a Toronto nel gennaio del 90. La città mi accolse con una nevicata incredibile. Gli spazi immensi, il verde della natura, l ordine, accrescevano in me il desiderio di conoscere questo mondo nuovo. Ottenni un permesso di lavoro e insegnai lingua italiana nelle scuole elementari di Toronto. Mi ritrovai negli studi di Radio Chin /TV International che entra nelle case di trentatré comunità etniche con programmi nelle lingue di appartenenza. Iniziai creando spot pubblicitari, arrivai davanti ai microfoni conducendo sei ore di programma pomeridiano dal vivo ogni giorno. Nel frattempo accumulavo esperienze musicali come organista e direttrice di coro della Royal Opera». Dal tono si intusce un pizzico di nostalgia. «Teramo conserva tanto di me. Vorrei passeggiare nei suoi vicoletti, rivedere l Istituto musicale Braga o la sede della Corale G. Verdi dove ho cantato, la Cattedrale dove ho diretto il Coro Interparrocchiale. Il mio sogno è ritrovarmi a Teramo per la processione del venerdì Santo, rivedere la fontana di piazza Garibaldi, dove da bambina zampillava l acqua e i giardinieri mettevano vasetti di fiori con la data del giorno». Glielo dite voi a Paola che oggi, al posto di quella fontana storica, c è l Ipogeo? l la ricetta di zi tarqui Lu Lattacciòle La rivalità tra la Nonna-di-Città e la Nonnadi-Campagna si giocava anche in cucina. Per merenda, per esempio, una ti dava il pane con l acqua e lo zucchero, l altra strusciato col pomodoro appena raccolto. E se proprio eri stata brava, pane e cioccolata una e... lu lattacciòl l altra. Ingredienti: 5 uova, 5 cucchiai di zucchero, 1/2 l di latte. Sbattere ben bene le uova e lo zucchero, poi amalgamare piano il latte con una frusta evitando di formare la schiuma. Caramellare un po di zucchero con un cucchiaio di acqua e passarlo sul fondo di uno stampo da budino (o di qualche formina). Riempire le forme e cuocere in forno, a bagnomaria, per circa un ora a 150. Far raffreddare e servire scodellato, freddo di frigorifero. Buono, semplice e veloce, guai a chiamarlo budino, onde evitare rivolgimenti nella tomba!

19 ritira o ricevi La tua copia gratuita di Abruzzo Teramano Cartolibreria Ferretti Carlo Via Pannella 56, Teramo La Nuova Editrice librerie - Corso San Giorgio, Teramo - Via Nazionale 212, Roseto degli Abruzzi - Via N.Sauro 35, Giulianova - Lungomare Marconi 270, Alba Adriatica - Centro Affari Grillo, Martinsicuro Libreria Ianni Via Gorizia 25, Giulianova Salumeria del Parco Piazza Orsini 35, Montorio al Vomano Per i gentili clienti delle strutture ricettive: Hotel Liberty Lungomare Roma 8, Roseto degli Abruzzi Hotel Bellavista Lungomare Trento 75, Roseto degli Abruzzi Villaggio Lido d Abruzzo Via Makarska, Roseto degli Abruzzi Abruzzo Marina Hotel Via Garibaldi 196, Silvi Marina ed ancora: Ristorante La Tacchinella Via Roma 18, Canzano Country House San Pietro C.da Case Sacchetti, Morro d Oro (Te) Ristorante Vecchia Marina Lungomare Trento 37, Roseto degli Abruzzi Ristorante Corte dei Tini Strada Statale 81, Villa Vomano (Te) La distribuzione si arricchisce di enti, pro loco, associazioni e comitati che operano sul territorio. Un gruppo di amici riceve personalmente un cospicuo numero di copie per la consegna a chi ritiene possa esserne grato destinatario per interesse e passione agli argomenti trattati.chiunque sia interessato a distribuire gratuitamente ad amici e clienti la nostra rivista, può farcene richiesta. È possibile ricevere direttamente a casa senza spese la nostra rivista. Al fine di promuovere il territorio, ogni istituzione pubblica ed associativa può collaborare alla realizzazione di numeri speciali. Per ogni esigenza, richiesta o suggerimento scrivete a: abruzzoteramano ABRUZZOTERAMANO DOVE & QUANDO Prossima uscita sabato 2 giugno 2012 ABRUZZOTERAMANO LA CASSANDRA Autorizzazione del Tribunale di Teramo n. 280 del 3 giugno 1996 Direttore Responsabile Annamaria Santarelli Direttore Editoriale Sergio Scacchia Organizzazione Generale Lucio Albano ABRUZZO TERAMANO - La Cassandra Vietata la riproduzione anche parziale di testi, articoli e foto se non autorizzata in forma scritta. In collaborazione con Erinaceus Ass. di Promozione Turistica della Provincia di Teramo Grafica ed impaginazione Sabrina Tarquini Assistente alla produzione Lorenzo Sichetti Stampa e confezione La Cassandra Edizioni snc Via dell Artigianato - Z. ind. di Scerne - Pineto (Te) Trasporto e distribuzione Parcel, Logistics & Express

20

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

Ogni mattina si parte alla scoperta di qualcosa di nuovo. Dopo una lauta colazione,

Ogni mattina si parte alla scoperta di qualcosa di nuovo. Dopo una lauta colazione, ANNA E VITTORIO, PELLEGRINI IRRIDUCIBILI Ha colto nel segno Simone quando ci ha definiti pellegrini "irriducibili"... Siamo partiti da Milano con la speranza di riuscire a percorrere tutte le 16 tappe,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli