BANDO ANNO SCOLASTICO 2009/2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO ANNO SCOLASTICO 2009/2010"

Transcript

1 Allegato parte integrante ALLEGATO D) BANDO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO SCUOLA DELL INFANZIA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE BANDO ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Assegno di studio per le spese di iscrizione e frequenza delle istituzioni scolastiche paritarie Pag. 1 di 5 All. 004 RIFERIMENTO: 2009-S

2 PREMESSA L assegno di studio di cui al presente bando è previsto dall articolo 76 della legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5 ed è disciplinato al Capo III del regolamento di attuazione emanato con DPP 1 ottobre 2008, n /Leg. L assegno di studio è concesso sulla base di criteri che tengono conto della condizione economica familiare dello studente. Pertanto, ai fini della presentazione della domanda è necessario aver effettuato presso i Centri di assistenza fiscale (CAF) accreditati la Dichiarazione Sostitutiva ICEF per ciascun componente il nucleo familiare, riferita ai valori di reddito e di patrimonio dell anno La domanda di assegno di studio deve essere presentata entro il 15 dicembre 2009 alla segreteria dell istituzione scolastica paritaria frequentata; possono presentare la domanda: - uno dei genitori, anche adottivi o affidatari, o la persona che esercita la potestà dei genitori; - lo studente maggiorenne unicamente se costituisce nucleo autonomo, ai sensi del punto DESTINATARI DEGLI INTERVENTI Possono beneficiare dell assegno di studio gli studenti in possesso dei requisiti elencati al punto 2. iscritti e frequentanti le seguenti istituzioni scolastiche paritarie: 1. COLLEGIO ARCIVESCOVILE CELESTINO ENDRICI, sede di Trento; 2. COLLEGIO ARCIVESCOVILE CELESTINO ENDRICI, sede di Rovereto; 3. ISTITUTO SACRO CUORE di Trento; 4. SCUOLA SACRA FAMIGLIA di Trento; 5. SCUOLA MARIA SS. BAMBINA di Trento; 6. ISTITUTO SALESIANO MARIA AUSILIATRICE di Trento; 7. ISTITUTO SALESIANO SANTA CROCE di Mezzano del Primiero; 8. SCUOLA RUDOLF STEINER di Trento; 9. SCUOLA PRIMARIA VERONESI di Rovereto; 10. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO VERONESI di Rovereto; 11. ISTITUTO IVO DE CARNERI - OXFORD CIVEZZANO di Civezzano; 12. SCUOLA PRIMARIA GARDASCUOLA di Arco 13. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GARDASCUOLA di Arco. 14. ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO GARDASCUOLA di Arco; 15. LICEO SCIENTIFICO GARDASCUOLA di Arco. 2. REQUISITI DI AMMISSIONE Per l ammissione all assegno di studio lo studente deve possedere i seguenti requisiti: Pag. 2 di 5 All. 004 RIFERIMENTO: 2009-S

3 A) essere residente in provincia di Trento; B) avere un età non superiore ai vent anni alla conclusione dell anno scolastico cui si riferisce l assegno di studio, intendendosi, convenzionalmente, quale data di conclusione dell anno scolastico, il giorno 5 giugno 2010; C) avere conseguito la promozione alla classe frequentata nell anno scolastico al quale la concessione dell assegno di studio si riferisce; D) frequentare la classe di iscrizione per almeno un quadrimestre nell anno scolastico al quale la concessione dell assegno di studio si riferisce; E) appartenere ad un nucleo familiare con un indicatore della condizione economica non superiore al limite ICEF stabilito per l accesso al beneficio. 3. LIMITE ICEF PER L ACCESSO AL BENEFICIO Sono ammessi all assegno di studio gli studenti che appartengono ad un nucleo familiare con un indicatore della condizione economica ICEF pari o inferiore a 0,3529, corrispondente ad un reddito equivalente di ,00 euro per un nucleo di tre componenti. 4. AMMONTARE DELL ASSEGNO DI STUDIO L assegno di studio è concesso a fronte delle spese di iscrizione e frequenza (retta scolastica) fino ad un massimo di euro: 600,00 per la scuola primaria (elementare); 700,00 per la scuola secondaria di primo grado (media inferiore); 1.100,00 per la scuola secondaria di secondo grado (media superiore). L assegno di studio è corrisposto nella misura massima se il nucleo familiare ha un indicatore della condizione economica ICEF compreso tra 0,00 e 0,2255, corrispondente ad un reddito equivalente di ,00 euro per un nucleo di tre componenti. Per valori dell indicatore della condizione economica ICEF compresi tra 0,2255 e 0,3529 l importo dell assegno di studio diminuisce proporzionalmente all aumentare dell ICEF, con scaglioni di un euro, sino a diventare pari a 50,00 euro in corrispondenza del limite ICEF. Se l indicatore della condizione economica ICEF è maggiore del valore 0,3529 la domanda non è idonea. Per altre tipologie di spesa lo studente deve rivolgersi al Comprensorio di residenza. Gli interventi relativi ai libri di testo sono disposti direttamente dalle istituzioni scolastiche paritarie frequentate. L assegno di studio non è cumulabile con altri assegni o borse di studio concessi, per le medesime finalità, dalla Provincia su altre leggi provinciali. E cumulabile con analoghi benefici concessi da altri Enti o istituzioni pubbliche fino a concorrenza della spesa sostenuta per l anno scolastico di riferimento. E posto in capo al richiedente l assegno di studio l onere di comunicare al soggetto erogatore l importo di tali ulteriori benefici, al fine di un eventuale rideterminazione dell assegno stesso. Pag. 3 di 5 All. 004 RIFERIMENTO: 2009-S

4 5. COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE Fanno parte del nucleo familiare i soggetti componenti la famiglia anagrafica, ai sensi dell articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n.223, salvo quanto stabilito da quanto segue. I coniugi che hanno diversa residenza anagrafica, anche se risultano a carico ai fini IRPEF di altre persone, fanno parte dello stesso nucleo familiare, identificato sulla base della famiglia anagrafica di uno dei coniugi che è considerata di comune accordo corrispondente alla residenza familiare. Detti criteri di attrazione non operano nei seguenti casi: a) quando è stata pronunciata separazione giudiziale o è intervenuta l omologazione della separazione consensuale ai sensi dell articolo 711 del codice di procedura civile, ovvero quando è stata ordinata la separazione ai sensi dell articolo 126 del codice civile; b) quando la diversa residenza è consentita a seguito di provvedimenti temporanei ed urgenti di cui all articolo 708 c.p.p.; c) quando uno dei coniugi è stato escluso dalla potestà sui figli o è stato adottato, ai sensi dell articolo 333 del codice civile, il provvedimento di allontanamento dalla residenza familiare; d) quando si è verificato uno dei casi di cui all articolo 3 della legge 1 dicembre 1970, n.898, e successive modificazioni, ed è stata proposta domanda di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio; e) quando sussiste abbandono del coniuge, accertato in sede giurisdizionale o dalla pubblica autorità competente in materia di servizi sociali. I soggetti a carico ai fini IRPEF, anche se componenti altra famiglia anagrafica, fanno parte del nucleo familiare della persona di cui sono a carico. Quando un soggetto risulta a carico ai fini IRPEF di più persone, si considera, tra quelle di cui è a carico, componente il nucleo familiare: a) della persona della cui famiglia anagrafica fa parte; b) se non fa parte della famiglia anagrafica di alcuna di esse, della persona tenuta agli alimenti ai sensi degli articoli 433 e seguenti del codice civile, secondo l ordine ivi previsto; in presenza di più persone obbligate agli alimenti nello stesso grado, si considera componente il nucleo familiare di quella tenuta in misura maggiore ai sensi dell articolo 441 del codice civile. Il figlio minore di 18 anni, anche se a carico ai fini IRPEF di altre persone, fa parte del nucleo familiare del genitore con quale risulta residente. Non fanno parte del nucleo familiare da valutare i minori affidati e le persone accolte con provvedimento amministrativo o dell autorità giudiziaria, nonché le persone che prestano in modo esclusivo, con regolare contratto di lavoro, attività di assistenza ad uno o più componenti il nucleo familiare medesimo. Il soggetto che si trova in convivenza anagrafica ai sensi dell articolo 5 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n.223, è considerato nucleo familiare a sé stante, salvo che debba essere considerato componente del nucleo familiare del coniuge, ovvero del nucleo familiare della persona di cui è a carico ai fini IRPEF, ai sensi delle disposizioni della presente disciplina. Se della medesima Pag. 4 di 5 All. 004 RIFERIMENTO: 2009-S

5 convivenza anagrafica fanno parte il genitore e il figlio minore, quest ultimo è considerato componente dello stesso nucleo familiare del genitore. Nucleo autonomo. Il nucleo si considera autonomo, ovvero formato dal solo studente destinatario del beneficio se sussistono contestualmente due condizioni: - residenza esterna all unità abitativa del nucleo familiare da almeno due anni; - possesso di un reddito minimo fissato nel limite per determinare la persona fiscalmente a carico (euro 2.840,51). 6. INFORMATIVA All indirizzo Internet è disponibile il modulo di trasparenza che consente di calcolare, in via del tutto indicativa, l importo dell assegno di studio. Per presentare la domanda è comunque necessario aver effettuato la Dichiarazione Sostitutiva ICEF. La Provincia, tramite il Servizio Scuola dell Infanzia, Istruzione e Formazione professionale, effettuerà, ai sensi del D.P.C.M. 9 aprile 2001, un controllo a campione sulla veridicità delle dichiarazioni presentate. In presenza di dichiarazioni non veritiere, lo studente sarà tenuto alla restituzione della somma percepita e perderà il diritto ad ottenere altre erogazioni per l intera durata del corso di studi. Pag. 5 di 5 All. 004 RIFERIMENTO: 2009-S

Allegato parte integrante ALLEGATO A) REGOLAMENTO ICEF

Allegato parte integrante ALLEGATO A) REGOLAMENTO ICEF Allegato parte integrante ALLEGATO A) REGOLAMENTO ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA FAMILIARE APPROVATI CON DELIBERAZIONE N. 1122

Dettagli

COMPRENSORIO ALTO GARDA E LEDRO

COMPRENSORIO ALTO GARDA E LEDRO COMPRENSORIO ALTO GARDA E LEDRO Riva del Garda (TN) DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO B) - Individuazione degli elementi variabili da considerare nella valutazione della condizione economica familiare

Allegato parte integrante ALLEGATO B) - Individuazione degli elementi variabili da considerare nella valutazione della condizione economica familiare Allegato parte integrante ALLEGATO B) - Individuazione degli elementi variabili da considerare nella valutazione della condizione economica familiare Individuazione degli elementi variabili da considerare

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 2147 Prot. n. 24/2016-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Approvazione dei criteri e delle modalità per la concessione degli assegni

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1834 Prot. n. 25/2017-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Approvazione dei criteri e delle modalità per la concessione degli assegni

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI STUDIO ANNO SCOLASTICO 2014/15

BANDO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI STUDIO ANNO SCOLASTICO 2014/15 MAGNIFICA COMUNITA DEGLI ALTIPIANI CIMBRI Fraz. Gionghi n. 107-38046 LAVARONE 0464/784170 0464/780899 C.F. 96085530226 P.IVA 02221320225 BANDO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI STUDIO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO INFANZIA E ISTRUZIONE DEL PRIMO GRADO Prot. n. 20/2016-A DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 20 DI DATA 06 Aprile 2016 O G G E T T O: Legge provinciale sulla scuola 7

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Comune di Marta----Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta.vt.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI

Dettagli

Comunità Alta Valsugana e Bersntol

Comunità Alta Valsugana e Bersntol Comunità Alta Valsugana e Bersntol - - - - - - - - - - - - Tolgamoa schòft Hoa Valzegu ont Bersntol Servizio Istruzione, Mense e Programmazione BANDO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI STUDIO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

COMUNE DI BASELGA DI PINÉ Provincia di Trento

COMUNE DI BASELGA DI PINÉ Provincia di Trento AMMISSIONE AL SERVIZIO DI NIDO PER L INFANZIA, SEDE DI RIZZOLAGA ANNO EDUCATIVO 2017/2018 DECORRENZA GENNAIO 2018 Il sottoscritto nato a il residente a in via Codice fiscale tel. CHIEDE L AMMISSIONE Al

Dettagli

Comunità Alta Valsugana e Bersntol

Comunità Alta Valsugana e Bersntol G296-0002788-02/11/2017 A - Allegato Utente 3 (A03) Comunità Alta Valsugana e Bersntol - - - - - - - - - - - - Tolgamoa schòft Hoa Valzegu ont Bersntol Servizio Istruzione, Mense e Programmazione BANDO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO INFANZIA E ISTRUZIONE DEL PRIMO GRADO Prot. n. 123/2016-A DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 120 DI DATA 07 Dicembre 2016 OGGETTO: Legge provinciale 7 agosto 2006, n.

Dettagli

Comunità Alta Valsugana e Bersntol

Comunità Alta Valsugana e Bersntol ALLEGATO B) Comunità Alta Valsugana e Bersntol - - - - - - - - - - - - Tolgamoa schòft Hoa Valzegu ont Bersntol Servizio Istruzione, Mense e Programmazione BANDO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI STUDIO

Dettagli

COMUNITÀ TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME

COMUNITÀ TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME COMUNITÀ TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME BANDO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI STUDIO ANNO SCOLASTICO 2014/15 1. MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI ASSEGNO DI STUDIO L assegno di studio di

Dettagli

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF Allegato A) alla deliberazione della Giunta della Comunità n. 223 dd. 29.10.2013 IL SEGRETARIO F.to dott. Copat Pulo Nino DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI DI STUDIO E DI FACILITAZIONI DI VIAGGIO PER L'A.S. 2015/2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI DI STUDIO E DI FACILITAZIONI DI VIAGGIO PER L'A.S. 2015/2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI DI STUDIO E DI FACILITAZIONI DI VIAGGIO PER L'A.S. 2015/2016 Allegato 1. INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA

Dettagli

COMUNITÀ DELLA VALLAGARINA

COMUNITÀ DELLA VALLAGARINA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITÀ DELLA VALLAGARINA ALLEGATO A) DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE I.C.E.F. INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO SCUOLA DELL'INFANZIA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 47 DI DATA 31 Marzo 2011 O G G E T T O: Legge provinciale sulla

Dettagli

COMUNITÀ TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME

COMUNITÀ TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME COMUNITÀ TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME BANDO PER LA CONCESSIONE DELLA FACILITAZIONE DI VIAGGIO ANNO SCOLASTICO 2014/15 La facilitazione di viaggio di cui al presente bando è prevista dall'articolo 72

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO INFANZIA E ISTRUZIONE DEL PRIMO GRADO Prot. n. 111/2017-A DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 106 DI DATA 21 Novembre 2017 OGGETTO: Legge provinciale sulla scuola 7 agosto

Dettagli

Istituzioni scolastiche paritarie e scuole dell'infanzia steineriane

Istituzioni scolastiche paritarie e scuole dell'infanzia steineriane Istituzioni scolastiche paritarie e scuole dell'infanzia steineriane Concessione dell'anticipo sui contributi in conto gestione a. s. 2017/2018 Determinazione n. 106 del 21/11/2017 Legge provinciale sulla

Dettagli

Misure di sostegno al reddito: l assegno di maternità

Misure di sostegno al reddito: l assegno di maternità Misure di sostegno al reddito: l assegno di maternità di angelo facchini Pubblicato il 3 aprile 2013 Parliamo dell assegno di maternità dello Stato, e dell assegno di maternità dei Comuni. Assegno di maternità

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151

Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151 Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151 81750 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO INFANZIA E ISTRUZIONE DEL PRIMO GRADO Prot. n. 39/2017-A DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 37 DI DATA 11 Aprile 2017 OGGETTO: Legge provinciale sulla scuola 7 agosto

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLAGARINA

COMUNITA DELLA VALLAGARINA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITA DELLA VALLAGARINA ALLEGATO A) DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE I.C.E.F. INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA FAMILIARE AI FINI DELL AMMISSIONE AGLI

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLAGARINA

COMUNITA DELLA VALLAGARINA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITA DELLA VALLAGARINA ALLEGATO A) DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE I.C.E.F. INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE

Dettagli

Il reddito, il patrimonio e i componenti del nucleo familiare da valutare sono considerati secondo i pesi indicati nella seguente tabella:

Il reddito, il patrimonio e i componenti del nucleo familiare da valutare sono considerati secondo i pesi indicati nella seguente tabella: DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA FAMILIARE AI FINI DELL AMMISSIONE AGLI

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE NUMEROSE - Anno 2015

BANDO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE NUMEROSE - Anno 2015 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE Carignano, Carmagnola, Castagnole P.te, Lombriasco, Osasio, Pancalieri, Piobesi T.se, Villastellone CISA 31: Via Avvocato Cavalli, n 6 - Carmagnola (TO) C.F.

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO A)

Allegato parte integrante ALLEGATO A) Allegato parte integrante ALLEGATO A) Bando per la concessione di una borsa di studio agli studenti del secondo ciclo di istruzione per la frequenza del quarto anno all estero 2015/16 (ai sensi della deliberazione

Dettagli

Allegato parte integrante ICEF FONDO GIOVANI INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE

Allegato parte integrante ICEF FONDO GIOVANI INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE Allegato parte integrante ICEF FONDO GIOVANI INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA FAMILIARE, AI FINI DELL ACCESSO ALLE BORSE DI STUDIO E AI

Dettagli

COMUNE di FIANO. (Provincia di Torino) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO AL CONTRIBUTO IN CONTO RETTA ASILO NIDO

COMUNE di FIANO. (Provincia di Torino) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO AL CONTRIBUTO IN CONTO RETTA ASILO NIDO COMUNE di FIANO (Provincia di Torino) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO AL CONTRIBUTO IN CONTO RETTA ASILO NIDO Approvato con deliberazione C. C. n. 32 del 30.9.2014 INDICE Articolo 1) Oggetto e definizione

Dettagli

C.I.S.A.P. CONSORZIO INTERCOMUNALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA COLLEGNO GRUGLIASCO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N.

C.I.S.A.P. CONSORZIO INTERCOMUNALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA COLLEGNO GRUGLIASCO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. C.I.S.A.P. ORIGINALE CONSORZIO INTERCOMUNALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA COLLEGNO GRUGLIASCO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 06 CONTRIBUTI ECONOMICI PER LA SPERIMENTAZIONE DI

Dettagli

Il valore delle borse di studio sarà quindi determinato dal rapporto tra il numero complessivo delle domande ammissibili e le risorse disponibili.

Il valore delle borse di studio sarà quindi determinato dal rapporto tra il numero complessivo delle domande ammissibili e le risorse disponibili. Allegato A Borse di studio La Giunta Regionale, nel rispetto di quanto previsto dalla delibera dell A.L. 24/2010, per ridurre il rischio di abbandono scolastico e favorire l assolvimento dell obbligo di

Dettagli

Pag. 1 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

Pag. 1 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S Allegato parte integrante DISCIPLINA ICEF ALLEGATO DISCIPLINA RELATIVA AL REGIME TARIFFARIO DI FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA DA PARTE DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA PROVINCIALI ED EQUIPARATE

Dettagli

Comune di MONTALCINO

Comune di MONTALCINO Comune di MONTALCINO BANDO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2007/2008 Vista la normativa vigente in materia di diritto allo studio: Il Comune di MONTALCINO adotta il presente bando per l erogazione

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE(I.S.E.E.)

ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE(I.S.E.E.) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.). (Approvato con Deliberazione del Comitato dei Sindaci del 07.09.2006) ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESENZIONE O LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ECONOMICHE IN MATERIA DI MENSA E TRASPORTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L ESENZIONE O LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ECONOMICHE IN MATERIA DI MENSA E TRASPORTI SCOLASTICI COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L ESENZIONE O LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ECONOMICHE IN MATERIA DI MENSA E TRASPORTI SCOLASTICI Approvato con deliberazione C.C. nr. 67 del 30.09.09

Dettagli

Legge provinciale sulla scuola 7 agosto 2006, n. 5. Concessione dei contributi per il sostegno degli

Legge provinciale sulla scuola 7 agosto 2006, n. 5. Concessione dei contributi per il sostegno degli Legge provinciale sulla scuola 7 agosto 2006, n. 5. Concessione dei contributi per il sostegno degli studenti con bisogni educativi speciali alle istituzioni scolastiche paritarie per l'anno scolastico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE EROGATI DAL CONSORZIO C.I. di S., E PER L'EVENTUALE COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE EROGATI DAL CONSORZIO C.I. di S., E PER L'EVENTUALE COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI Comuni di: Beinasco, Bruino, Orbassano Piossasco, Rivalta, Volvera ALLEGATO A) NUOVO TESTO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE EROGATI

Dettagli

GLI ASSEGNI DI MATERNITA E PER IL NUCLEO FAMILIARE CONCESSI DAL COMUNE

GLI ASSEGNI DI MATERNITA E PER IL NUCLEO FAMILIARE CONCESSI DAL COMUNE GLI ASSEGNI DI MATERNITA E PER IL NUCLEO FAMILIARE CONCESSI DAL COMUNE 1. L ASSEGNO DI MATERNITA 1.1 LE CARATTERISTICHE DELLA PRESTAZIONE L assegno di maternità concesso dal Comune è una prestazione monetaria

Dettagli

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2019/2020

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2019/2020 1. COSA E L ISEE Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2019/2020 L Indicatore della Situazione Economica Equivalente, di seguito denominato ISEE, è lo strumento di valutazione, attraverso criteri

Dettagli

DirezioneDB15.07 Allegato 1

DirezioneDB15.07 Allegato 1 Bando Modalità e procedure per la presentazione delle domande di assegnazione dell ASSEGNO DI STUDIO PER ISCRIZIONE E FREQUENZA Anno scolastico 2011/2012. (L. r. n. 28 del 28.12.2007 art. 12 comma 1 a)

Dettagli

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2017/2018

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2017/2018 EDiSU ENTE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2017/2018 1. COSA E L ISEE L Indicatore della Situazione Economica Equivalente, di seguito denominato

Dettagli

Il/la sottoscritto/a, sesso. nato/a a ( Provincia ), il giorno / / (Comune o Stato estero di nascita) (sigla) (data di nascita)

Il/la sottoscritto/a, sesso. nato/a a ( Provincia ), il giorno / / (Comune o Stato estero di nascita) (sigla) (data di nascita) codice modulo 682 DOMANDA UNICA 2018/2019 DOMANDA UNICA DI CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI TARIFFARIE DEI SERVIZI PER IL DIRITTO ALLO DIRITTO ALLO STUDIO E ALLA PRIMA INFANZIA (Deliberazione della Giunta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A

REPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A REPUBBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A ASSESSORATO BB. CC. AA. & P. I. DIPARTIMENTO PUBBLICA ISTRUZIONE SERVIZIO VIII - UNITA OPERATIVA XVII DIRITTO ALLO STUDIO ED EE. RR. SS. UU. 90146 Palermo

Dettagli

Comune di San Cesario sul Panaro

Comune di San Cesario sul Panaro Allegato A) Comune di San Cesario sul Panaro BANDO PUBBLICO ANNO 2016 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI COSTI E A SOSTEGNO AL REDDITO RIVOLTO ALLE FAMIGLIE RESIDENTI NEL COMUNE DI SAN

Dettagli

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2018/2019

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2018/2019 EDiSU ENTE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2018/2019 1. COSA E L ISEE L Indicatore della Situazione Economica Equivalente, di seguito denominato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELLA CONTRIBUZIONE A.A. 2013-2014 ART.1- DESTINATARI Gli studenti iscritti ad un corso di laurea di primo livello o ad un corso di laurea

Dettagli

Comune di San Cesario sul Panaro

Comune di San Cesario sul Panaro Allegato A) Comune di San Cesario sul Panaro BANDO PUBBLICO ANNO 2015 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI COSTI E A SOSTEGNO AL REDDITO RIVOLTO ALLE FAMIGLIE RESIDENTI NEL COMUNE DI SAN

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI Approvato con deliberazione C.C. n. 77 del 06.03.2000; Modificato con deliberazione C.C. n. 76

Dettagli

Articolo 2 legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9

Articolo 2 legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 Dipartimento Welfare-Servizio politiche sociali Articolo 2 legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 Ulteriori interventi a sostegno del sistema economico e delle famiglie Articolo 2 Oggetto del contributo:

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITA DELLA VALLAGARINA

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITA DELLA VALLAGARINA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITA DELLA VALLAGARINA Allegato E) MODULO RACCOLTA DATI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO DI STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2017/2018 di cui all'articolo 72 della

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITA DELLA VALLAGARINA

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITA DELLA VALLAGARINA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNITA DELLA VALLAGARINA Allegato E) MODULO RACCOLTA DATI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO DI STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 di cui all'articolo 72 della

Dettagli

(Borse di studio Buoni-libro)

(Borse di studio Buoni-libro) ALLEGATO A PROVINCIA DI PISA COMUNE DI -VOLTERRA CONCORSI PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI FINANZIARI INDIVIDUALI ANNO SCOLASTICO 2008/2009 (Borse di studio Buoni-libro) In conformità alle disposizioni

Dettagli

Concessione alle istituzioni scolastiche paritarie dei contributi in conto gestione a. s

Concessione alle istituzioni scolastiche paritarie dei contributi in conto gestione a. s Concessione alle istituzioni scolastiche paritarie dei contributi in conto gestione a. s. 20172018 Impegno di spesa Euro 6.041.199,68 sul capitolo 252150 dell'esercizio finanziario 2018 Determinazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO ASSEGNAZIONE BORSE DI STUDIO A SOSTEGNO DELLA SPESA DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE PER L ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Legge 10.3.2000, n. 62 - D.P.C.M. 14.02.2001 n. 106 Deliberazione Giunta Regionale n.

Dettagli

REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE.

REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE. REGOLAMENTO PRINCIPI PER LA UTILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI PER ATTIVITA CULTURALI, ASSISTENZIALI E RICREATIVE AL PERSONALE DEL CONSIGLIO REGIONALE. PREMESSO CHE: Il Consiglio regionale, stanzia annualmente

Dettagli

BANDO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA

BANDO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA BANDO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia di

Dettagli

AREA SOCIO SCOLASTICA SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI

AREA SOCIO SCOLASTICA SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI AREA SOCIO SCOLASTICA SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI REGOLAMENTO APPLICATIVO I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente per i Servizi Educativi e Scolastici Il presente regolamento è stato

Dettagli

ISTANZA PER LA RICHIESTA DEL CONTRIBUTO BUONO SCUOLA PER L ANNO SCOLASTICO 2008/09 (L.R. 3 ottobre 2002, n. 14, art. 3)

ISTANZA PER LA RICHIESTA DEL CONTRIBUTO BUONO SCUOLA PER L ANNO SCOLASTICO 2008/09 (L.R. 3 ottobre 2002, n. 14, art. 3) ISTANZA PER LA RICHIESTA DEL CONTRIBUTO BUONO SCUOLA PER L ANNO SCOLASTICO 2008/09 (L.R. 3 ottobre 2002, n. 14, art. 3) ALLA REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELL' ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il sottoscritto (solo padre o madre) COGNOME NOME Dipendente a tempo indeterminato dell Azienda U.S.L. Unica Della Romagna, sede territoriale di Rimini Figlio di dipendente a

Dettagli

3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF

3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF 3. DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA ESPERTO ICEF Le borse di studio ed i prestiti d onore del Fondo giovani sono concessi a soggetti la cui condizione economica familiare rientra nei limiti stabiliti

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI BORSA DI STUDIO (COMMA 4 BIS, ARTICOLO 73, DELLA L.P. 7 AGOSTO 2006, N. 5 ) ANNO 2012

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI BORSA DI STUDIO (COMMA 4 BIS, ARTICOLO 73, DELLA L.P. 7 AGOSTO 2006, N. 5 ) ANNO 2012 Esente da bollo ai sensi del DPR 642/72 Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Ufficio attività sportive Via Gilli, 4 38121 T R E N

Dettagli

Modello ISEE e nucleo familiare: regole di compilazione

Modello ISEE e nucleo familiare: regole di compilazione Modello ISEE e nucleo familiare: regole di compilazione Data Articolo: 17 Febbraio 2017 Autore Articolo: Michela Schiabel Una delle maggiori difficoltà nella compilazione della Dichiarazione sostitutiva

Dettagli

COMUNE DI BOTTANUCO CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO

COMUNE DI BOTTANUCO CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO COMUNE DI BOTTANUCO PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato per i Servizi alla Comunità - Pubblica Istruzione e Cultura CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO Anno Scolastico 2015/2016 Approvato con

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA PROVINCIA DI PORDENONE

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA PROVINCIA DI PORDENONE Regolamento comunale per la assegnazione di contributi economici per diritto allo studio e compartecipazione ai costi di frequenza dell asilo nido.

Dettagli

COMUNE DI CIVO PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO BONUS BEBE

COMUNE DI CIVO PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO BONUS BEBE COMUNE DI CIVO PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO BONUS BEBE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERA N. 46 del 12.12.2016 c Attenzione: la Regolamento Comunale per la concessione degli assegni una

Dettagli

Scuola Primaria/Secondaria di primo grado - Scuola Secondaria di secondo grado

Scuola Primaria/Secondaria di primo grado - Scuola Secondaria di secondo grado Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo Ufficio Accettazione/Palazzo Chigi Via dell Impresa, 91 00187 Roma Domanda di partecipazione al concorso per

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Piazzetta Cesarino Monti 20824 Lazzate (MB) - Tel.: 02.96720202 - Fax: 02.96720617 - http://www.lazzate.com - comune@lazzate.com - P. IVA 00758650964

Dettagli

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-OYEN

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-OYEN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-OYEN REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DELL INDICATORE REGIONALE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.R.S.E.E.) AI FINI DELL ACCESSO

Dettagli

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2018/2019

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2018/2019 1. COSA E L ISEE Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2018/2019 L Indicatore della Situazione Economica Equivalente, di seguito denominato ISEE, è lo strumento di valutazione, attraverso criteri

Dettagli

COMUNE DI MORNICO AL SERIO

COMUNE DI MORNICO AL SERIO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del C.C. n. 23 del 19/09/2006 Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA Piazza Vittorio Emanuele II n.31-48010 Cotignola (RA) TELEFONO: 0545/908811 - TELEFAX: 0545/41282 P.IVA 00148580392 e-mail: comunecotignola@racine.ra.it SETTORE

Dettagli

L.R. 11/2006, art. 9 bis, c. 4 B.U.R. 11/11/2009, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 novembre 2009, n. 0306/Pres.

L.R. 11/2006, art. 9 bis, c. 4 B.U.R. 11/11/2009, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 novembre 2009, n. 0306/Pres. L.R. 11/2006, art. 9 bis, c. 4 B.U.R. 11/11/2009, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 novembre 2009, n. 0306/Pres. Regolamento per la determinazione del sostegno al figlio minore ai sensi dell

Dettagli

RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2009

RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2009 Facoltà di Economia Via Perrone, 18 28100 Novara (Italy) URL: www.eco.unipmn.it Telefono: (+39) 0321 375 520 Telefax: (+39) 0321 375 512 E-mail: segpres@eco.unipmn.it RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA

Dettagli

Comune di Verdellino REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI E SERVIZI COMUNALI AGEVOLATI

Comune di Verdellino REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI E SERVIZI COMUNALI AGEVOLATI Comune di Verdellino REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI E SERVIZI COMUNALI AGEVOLATI approvato con delibera di Consiglio comunale n. 3 del 19.02.2002 ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE - AUTOCERTIFICAZIONE (art. 2 L. 4.01.1968 n. 15, modificato dall art. 3 L. 15.05.1997, n. 127 e art. 1 D.P.R. 20.10.1998, n.

Dettagli

COMUNE DI VODO DI CADORE

COMUNE DI VODO DI CADORE COMUNE DI VODO DI CADORE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI ASSEGNI UNA TANTUM DENOMINATI BONUS BEBÈ Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 24 in data 17.08.2012. INDICE Articolo 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO SCOLASTICI COMUNE DI PRECENICCO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO SCOLASTICI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 16/11/2000 Modificato

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI CALALZO ANNO 2014

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI CALALZO ANNO 2014 Prot. 000 Calalzo di Cadore, BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI CALALZO ANNO 2014 Vista la delibera della giunta comunale n. del, esecutiva Premesso che: Il Comune di Calalzo di Cadore,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO PER LA CLASSE PRIMA DI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO PER LA CLASSE PRIMA DI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO U NIONE DEI COMUNI L O M B ARDA DELLA VALLETTA P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO PER LA CLASSE PRIMA DI SCUOLA SECONDARIA DI

Dettagli

COMUNE DI COLOGNA VENETA Assessorato alla Pubblica Istruzione e Cultura (Provincia di Verona)

COMUNE DI COLOGNA VENETA Assessorato alla Pubblica Istruzione e Cultura (Provincia di Verona) Allegato B) COMUNE DI COLOGNA VENETA Assessorato alla Pubblica Istruzione e Cultura (Provincia di Verona) Bando di Concorso Borsa di Studio Bernardino Anti Cologna Veneta, lì 07.09.2016 prot. n. 0014669

Dettagli

IL COMUNE DI CAPRESE MICHELANGELO Vista la determinazione n. 425 del 26/09/2013 PACCHETTO SCUOLA

IL COMUNE DI CAPRESE MICHELANGELO Vista la determinazione n. 425 del 26/09/2013 PACCHETTO SCUOLA COMUNE DI CAPRESE MICHELANGELO PROVINCIA DI AREZZO Via Capoluogo n. 87, 52033 CAPRESE MICHELANGELO (AR) tel 0575.793912 - fax 0575.793407 e-mail anagrafe@capresemichelangelo.net - www.capresemichelangelo.net

Dettagli

Calcolo della situazione economica del nucleo familiare. Modalità e termini di presentazione della domanda

Calcolo della situazione economica del nucleo familiare. Modalità e termini di presentazione della domanda ASSEGNO DI MATERNITÀ DEI COMUNI Chi può fare la richiesta Requisiti reddituali Domanda per la concessione dell'assegno Concessione e misura dell'assegno Cumulo dei benefici L'assegno al nucleo familiare

Dettagli

Città di Monopoli URP - Servizi di comunicazione ai cittadini

Città di Monopoli URP - Servizi di comunicazione ai cittadini Città di Monopoli URP - Servizi di comunicazione ai cittadini RIPARTIZIONE V^ Cultura - Pubblica Istruzione - Servizi Sociali Sport Turismo Spettacolo tel. 080/4140352- fax 080/742244 e_mail: Ripartizione-V@comune.monopoli.ba.it

Dettagli

ALLEGATO A. 1. spese per servizi di mensa a gestione diretta/indiretta degli Enti locali;

ALLEGATO A. 1. spese per servizi di mensa a gestione diretta/indiretta degli Enti locali; ALLEGATO A REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE, SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE, ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Servizio Istruzione A V V I S O Domanda per la fruizione del

Dettagli

COMUNE DI TAINO. Art. 11 Criteri per la definizione delle tariffe. Art. 12 Determinazione delle fasce economiche e determinazione delle rette

COMUNE DI TAINO. Art. 11 Criteri per la definizione delle tariffe. Art. 12 Determinazione delle fasce economiche e determinazione delle rette COMUNE DI TAINO Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate approvato con delibera C.C. n.40 del 29.11.2004

Dettagli

CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DELL INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 (Pacchetto Scuola)

CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DELL INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 (Pacchetto Scuola) allegato A Comune di Volterra CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DELL INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 (Pacchetto Scuola) In conformità alle disposizioni previste dal Piano di Indirizzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI STEZZANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE legge 27 dicembre 1997, n. 449 d.lgs. 31 marzo

Dettagli

Art. 3 Requisiti di accesso all'incentivo economico individuale

Art. 3 Requisiti di accesso all'incentivo economico individuale Il Pacchetto scuola per l'anno scolastico 2018/2019 è destinato a studenti residenti in Toscana iscritti ad una scuola secondaria di primo o secondo grado, statale, paritaria privata o degli Enti locali,

Dettagli

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL CONTRIBUTO PER LA FREQUENZA DI STRUTTURE PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL CONTRIBUTO PER LA FREQUENZA DI STRUTTURE PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL CONTRIBUTO PER LA FREQUENZA DI STRUTTURE PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 27 del 25-07-2007

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 117 del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non OGGETTO: Art. 72 della L.P. 07.08.2006 n. 5 ( Sistema educativo di istruzione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA

BANDO DI CONCORSO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA Allegato A BANDO DI CONCORSO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione

Dettagli

Assegni per il nucleo familiare: regole generali e nuovi livelli reddituali

Assegni per il nucleo familiare: regole generali e nuovi livelli reddituali Assegni per il nucleo familiare: regole generali e nuovi livelli reddituali Data Articolo: 01 Luglio 2011 Autore Articolo: Antonio Fior Sono stati rivalutati i livelli di reddito ai fini della corresponsione

Dettagli

BUONO LIBRI PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO AGLI STUDENTI FREQUENTANTI LE CLASSI PRIME DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO

BUONO LIBRI PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO AGLI STUDENTI FREQUENTANTI LE CLASSI PRIME DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO Comune aderente al Coordinamento Comasco per la Pace Delib. C.C. n. 67 del 14/12/1998 www.comune.casnateconbernate.co.it e-mail protocollo@comune.casnateconbernate.co.it BUONO LIBRI PER LA FORNITURA DI

Dettagli

REGOLAMENTO I.S.E.E.

REGOLAMENTO I.S.E.E. Comune di Sant Ilario d Enza (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28.10.02 CAPO I

Dettagli

COMUNE DI SCANZANO JONICO

COMUNE DI SCANZANO JONICO COMUNE DI SCANZANO JONICO PROVINCIA DI MATERA P.zza della Rinascenza n 11 - Tel 0835952911 Fax 0835952952 C.F. 81001190776 www.comune.scanzanojonico.mt.it Pec: protocollo@pec.comune.scanzanojonico.mt.it

Dettagli