Standard G-Live. Enrico Peduzzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Standard G-Live. Enrico Peduzzi"

Transcript

1 Enrico Peduzzi Standard G-Live Prefazione alla nuova edizione Lo Standard G-Live nasce nel cosiddetto periodo dei manifesti basandosi, come affermato nel documento stesso, sulle idee di Dogma 99 e cercando di colmare un vuoto di teoria che fino a quel momento nessuno aveva ancora affrontato: la gestione di una campagna continuativa con numerosi eventi coordinati e concatenati su tutta la nazione (o comunque su un vasto territorio). Per la campagna di Anno Mille era un problema pressante organizzare e coordinare nello stesso continuum una decina di eventi al mese sparsi in tutta Italia e gestiti da staff diversi, con in più il fenomeno di una certa percentuale di giocatori che viaggiavano da una città all altra dando per scontato il proprio immediato inserimento nelle trame locali (che ci sembrava doveroso garantire). Il primo passo era necessariamente rendere autonomi gli staff locali: con così tanti eventi così ravvicinati il lavoro di revisione doveva essere ridotto al minimo, era dunque indispensabile trovare un metodo che garantisse massima autonomia agli organizzatori locali e che contemporaneamente riducesse al minimo le possibilità di creare paradossi e incongruenze. Dogma 99 è stato un ottima piattaforma di partenza per costruire quello che è diventato lo Standard G-Live (Standard per il Gioco-Live) utilizzandolo su scala nazionale. Un segno del buon lavoro fatto è sicuramente legato al successo di Anno Mille, soprattutto in relazione al fatto che in questi anni molte campagneclone hanno tentato di copiare lo Standard G-Live magari apportando piccole modifiche. Sorvolando sulla disdicevole e tristemente diffusa usanza del mondo larp di non citare le fonti a cui ci si ispira, possiamo constatare che coloro che hanno ciecamente copiato lo Standard G-Live senza capirlo a fondo e che hanno apportato modifiche senza rendersi conto degli squilibri che ne sarebbero derivati hanno tristemente capitolato nel tempo. Al contrario Anno Mille e lo Standard G-Live hanno dimostrato una solidità eccezionale, che ci ha portati fino a oggi. 59

2 Quella indicata qui di seguito è la versione più recente dello Standard G- Live, di cui i primi dieci punti rappresentano il nucleo originale a cui si sono poi aggiunti i paragrafi successivi. 60

3 Lo Standard G-Live nasce esclusivamente per evitare paradossi o squilibri, permettendo la realizzazione di una campagna unitaria che al contempo garantisca ai singoli organizzatori la massima autonomia. Pone le sue basi su Dogma 99, documento fondamentale per capire l orientamento e l evoluzione del Gioco-Live nell immediato futuro. I parametri Il Gioco di Ruolo dal Vivo è un mezzo espressivo di nuova concezione, una forma di espressione artistica interattiva soggettiva, dove il partecipante è il protagonista assoluto della propria storia e contemporaneamente anche il suo unico spettatore diretto. Il Gioco di Ruolo dal Vivo non è un gioco di narrazione. È proibito creare azione semplicemente descrivendola o scrivendola sulla scheda di un personaggio o da qualunque altra parte. Il grv è azione, non letteratura. Un personaggio esiste solo attraverso i suoi atti e nell interazione con gli altri personaggi. Principio di locazione. Niente locazioni fisiche di fantasia! Ognuno è dove si trova, ogni oggetto è dove si trova. La geografia fisica del mondo è identica alla geografia fisica reale. Niente pianure in montagna, territori sprofondati o cose simili. Ogni locazione di gioco si trova esattamente dov è. Se si gioca a Palermo la locazione è Palaun, se si gioca in riva al mare ci si trova in riva al mare ecc. Ogni personaggio si trova, va e vive dove si trova, va e vive il giocatore. Se due giocatori non si incontrano fisicamente i due personaggi non si possono incontrare; se un personaggio di Drepania vive a Palaun dovrà giustificare In Ruolo la sua presenza a Palaun. Ogni gruppo è composto dal numero dei suoi partecipanti. Se vieni a giocare in 3 vali 3. Ogni oggetto di gioco si trova esattamente dov è posizionato. Se una zona è fuori dal gioco (per esempio la tenda del giocatore), gli oggetti in gioco non vi devono entrare. L ideale sarebbe che tutti i giocatori contraddistinguessero un borsone o simile come fuori gioco dove tenere gli effetti privati cosicché tutti gli oggetti, anche all interno della tenda (tranne il borsone, contraddistinto, appunto), restino sempre in gioco. Tutto deve essere real. Qualunque cosa non possa essere rappresentata in maniera efficace o abbastanza realistica non deve essere presente durante il gioco (anche si tratti di oggetti fantastici, mostri, elementi fantasy ecc.), di conseguenza ogni cosa è per come si vede. Le comunicazioni narrative sono inutili. Cose come Vedete la locanda andare a fuoco non funzionano: i giocatori lontani non possono minimamente accorgersi della cosa e al loro ritorno non troveranno tracce dell accaduto. 61

4 Il live prima di tutto. Il grv è un attività aggregativa e l aggregazione va tenuta nella massima considerazione. Non si può assolutamente impedire a un giocatore di partecipare a un Live per motivi di Background (se la sua città è assediata, in accordo con l organizzazione si dovrà trovare un modo per farlo uscire e rientrare ecc.). Di fondamentale importanza sono i punti di incontro, aggregazione e socializzazione, come taverne, locande ecc. All inizio e alla fine di ogni Live di almeno due giorni ci deve essere una cerimonia in Time Out (anche solo in parte) che permetta ai giocatori di avere un momento dove si consolidi la certezza che è solo un gioco, che sono i personaggi a essere in scontro e che i giocatori di ruolo sono persone splendide. Nessun Main Plot. Non esistono Plot più importanti di altri, per ogni giocatore la storia è quella che vive lui. Ogni giocatore è motore di storie, deve poter creare la sua avventura in modo autodeterminato e con la massima libertà. Gli organizzatori devono fare il possibile per facilitare tale attività e, quando possibile, addirittura incentivarla. È importante che i giocatori capiscano che possono creare attivamente gioco e che non devono sentirsi semplici clienti in attesa di essere serviti. Nessun interesse personale. Si deve escludere, sia In Ruolo sia (naturalmente e soprattutto) Fuori Gioco, l interesse personale dell organizzatore come base di comportamento. Come nella realtà, anche nel gioco si formano spontaneamente Gruppi e Fazioni in cui i personaggi devono essere lasciati liberi di aggregarsi per affinità caratteriali e finalità. Questo genera gruppi trasversali legati da motivi diversi dalla provenienza geografica e permette di evitare situazioni tipo: tutti i palermitani contro tutti i catanesi, oppure tutti amici per liberare una signoria dagli orchi (di solito png e dunque stupidi: se i nemici fossero pg non si immolerebbero come idioti). Partite Full Time. Nessuno stacco di nessun tipo deve interrompere la concentrazione dei giocatori e la continuità del gioco: non va mai chiamato il Time Out; nessun Time Freeze dovrebbe durare più di 30 secondi; nessuno deve uscire fuori ruolo, se un giocatore alza un dito i personaggi vedranno uno che alza un dito; a chi dice cose Fuori Ruolo o anacronistiche l organizzazione dovrebbe ventilare una conseguenza, anche leggera. Nessuna Verità. Sono assolutamente da evitare le Verità Masteriali : incantesimi di divinazione, risposte dagli dei ecc. In una fase caotica come quella che ci avviamo ad affrontare, se un Master comunica una verità si potrebbero creare paradossi o peggio infastidire o compromettere altre organizzazioni. Se una informazione non è data come una verità potrà essere sempre confutabile o modificabile. Per lo stesso motivo è consigliabile eliminare Sieri della Verità, Letture del pensiero, o altre forme di coercizione 62

5 totale della verità: un personaggio deve sempre poter mentire, o il gioco ne risentirà riguardo a Furti, Omicidi, Tradimenti, Trame, Segreti ecc. Masterizzazione Delegata: chiunque può essere Master purché durante l evento vengano rispettati i parametri dello Standard. Recentemente sono stati aggiunti i seguenti punti Principio di Locazione Temporale. In aggiunta al Principio di Locazione, già indicato, è vietato creare discontinuità nel sistema temporale. Impedisce il procedere globale della campagna, soprattutto se giocata in più posti. Crea confusione e problemi. Tutela del Personaggio. Un personaggio può morire solo in azione, cioè solo durante un evento e solo in seguito a un azione che ne determina la morte. Non è possibile in alcun modo far morire un personaggio mentre non è in gioco, a meno che lo Staff Master si accordi col giocatore che lo gestisce (e col suo consenso). Impossibilità di Resurrezione. Quando un personaggio ha portato a termine il suo Tempo di Grazia non vi è alcuna possibilità che torni in vita. Il Gioco- Live è fatto di emozioni, e una delle più forti fra esse è la tensione per la propria morte. Se esiste la possibilità che un personaggio defunto torni in vita, si va a perdere questa componente fondamentale. Anche una possibile scelta che renda la Resurrezione molto difficoltosa e rara porta gravi conseguenze, prima fra tutte la possibile accusa allo Staff Master di agevolare alcuni giocatori rispetto ad altri. Un giocatore, un personaggio. È possibile affidare la gestione di un png a un giocatore che ha già un pg, ma la libera gestione di due o più personaggi comprometterebbe la possibilità di interazione con gli altri giocatori. Niente Master contro i pg. I master sono solo arbitri del gioco, non sono Narratori, non devono essere la controparte dei giocatori, altrimenti verranno visti come il nemico da sconfiggere, riducendo la fiducia nel loro operato. Chi ascolta è sempre in gioco. Se un giocatore sa una cosa, la sa anche il suo personaggio. Non si deve costringere un giocatore a separare le proprie conoscenze da quelle del proprio personaggio, o l interpretazione risulterà forzata o addirittura pilotata. Possibile scelta di implementazione 1. Tutti gli organizzatori che aderiscono allo Standard G-Live sono tenuti a farsi portavoce verso i propri giocatori per comunicazioni riguardanti gli eventi organizzati dagli altri aderenti. 2. Tutti gli organizzatori che aderiscono allo Standard G-Live devono farsi promotori dell adesione dei propri giocatori agli eventi organizzati dagli altri aderenti. 63

6 3. Chiunque voglia aderire e organizzare un evento con Standard G-Live può farlo liberamente; la notizia deve essere diffusa il prima possibile a tutti gli altri aderenti così che siano facilitati a partecipare. Tutto il materiale informativo dovrà presentare anche il Logo Standard G-Live (volantini, manifesti, ecc.). Un arbitro accerterà il rispetto dello standard. 4. Nel caso in cui lo Standard G-Live non venga rispettato gli aderenti possono chiedere che la situazione venga rettificata, e nel caso ciò non avvenga potranno pretendere il rimborso di una parte della quota di partecipazione. 5. Nel caso in cui la situazione non venga rettificata o in alternativa non vengano restituite le quote ai giocatori, l organizzatore sarà considerato poco attendibile, perderà la possibilità di chiedere a sua volta eventuali rimborsi e il precedente verrà segnalato in occasione di nuove organizzazioni. Da tenere in alta considerazione è anche la possibile reazione dei giocatori che probabilmente rifiuteranno di partecipare a ulteriori eventi dello stesso organizzatore. 6. Al termine dell anno solare si terrà una riunione a cui potranno partecipare tutti gli aderenti allo Standard G-Live. Coloro che ne rinnoveranno la sottoscrizione potranno continuare la seduta e apportare modifiche allo Standard, per votazione. 7. A ogni evento organizzato con lo Standard G-Live tutti i personaggi dei gruppi aderenti e dei loro giocatori vengono approvati automaticamente per intero con tutto il Background; al contrario tutti gli oggetti magici andranno approvati di volta in volta dall organizzazione. 8. Tutti gli aderenti concederanno ai propri giocatori Punti Esperienza, secondo le proprie regole, per la partecipazione a qualunque evento che rispetti lo Standard G-Live. Il Gioco di Ruolo dal Vivo è come un banchetto a buffet: agli organizzatori tocca il compito di cucinare, apparecchiare e disporre le pietanze sul tavolo, ai giocatori è data la possibilità di mangiare ciò che vogliono nell ordine che preferiscono e persino la scelta di astenersi dal mangiare, se così desiderano. Enrico Peduzzi, agosto 2003 L autore Enrico Peduzzi fa giochi di ruolo dal 1992 e larp dal 1998; dallo stesso anno gestisce la campagna larp fantasy Anno Mille, producendo oltre 300 eventi in quasi tutta Italia. Ha realizzato una decina di larp da camera, murder party e giochi di comitato, e vari manuali e articoli sul gioco di ruolo. Attualmente lavora con Anno Mille alla diffusione del larp per l educazione, la tutela delle tradizioni locali, la valorizzazione dell artigianato, il turismo alternativo e lo stile di vita sano. Indicazioni bibliografiche di questo articolo: Peduzzi E. (2003), Standard G-Live, Trapani; rist. in Larp Frescos. Affreschi antichi e moderni sui giochi di ruolo dal vivo, a cura di A. Castellani e J.T. Harviainen, Larp Symposium, Firenze

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless CONFLITTO DI RUOLO Gioco di Ruolo Diceless Willoworld 2007 1 LE REGOLE DEL GIOCO 1. Intro Un gioco di ruolo diceless è l evoluzione ultima del gioco di ruolo classico, un confronto tra personaggi dove

Dettagli

Parte Generale. Art.1 Chi siamo e quali obiettivi ci poniamo

Parte Generale. Art.1 Chi siamo e quali obiettivi ci poniamo REGOLAMENTO GAS MALATESTA Parte Generale Art.1 Chi siamo e quali obiettivi ci poniamo Finalità del GAS MALATESTA è provvedere all acquisto di beni e servizi cercando di realizzare una concezione più umana

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CAPITOLO I: Il tempo 1.0 Premessa 1.1 Acquisti e vendite 1.2 Limite di scene 1.3 Giocare bene

CAPITOLO I: Il tempo 1.0 Premessa 1.1 Acquisti e vendite 1.2 Limite di scene 1.3 Giocare bene I II CAPITOLO I: Il tempo 1.0 Premessa Questo manuale nasce dalla necessità del Game Master, di mettere per inciso alcuni punti sulla filosofia di gioco che non sono stati bene approfonditi nel manuale

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

tanze e strade alternative Ci sono 2 STANZE base che devi considerare:

tanze e strade alternative Ci sono 2 STANZE base che devi considerare: I ntroduzione Disegnare un dungeon valido ed avventuroso per HeroQuest è una sfida divertente ed stimolante. Cerca di rendere il dungeon interessante ed eccitante possibilmente sia per il Master che per

Dettagli

Regolamento della Banca del Tempo Prestami un ora

Regolamento della Banca del Tempo Prestami un ora Regolamento della Banca del Tempo Prestami un ora Art. 1 Istituzione e finalità La Banca del Tempo Prestami un ora è istituita presso l Associazione socio-culturale Amici Insieme sita in via Pulcino N

Dettagli

GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI

GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI S7 TARGET Attività adatta per un gruppo di 25-30 persone frequentanti la Scuola Secondaria di Primo o Secondo grado o gruppi di persone con età comunque superiore ai 13 anni.

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

VERBALE della CONSULTA DEL 18 Dicembre 2013

VERBALE della CONSULTA DEL 18 Dicembre 2013 VERBALE della CONSULTA DEL 18 Dicembre 2013 ll giorno 18 del mese di Dicembre dell anno 2013 alle ore 21.10 presso la sede sociale in Milano, via Bezzecca n. 3, si è riunita la Consulta del C.I.G.,, per

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Libretto di aforismi di Dario Amadei

Libretto di aforismi di Dario Amadei Libretto di aforismi di a cura di La scrittura è uno strumento importante perché ci permette di esternare dei concetti che altrimenti non avremmo il coraggio di esprimere chiaramente, ammantandoli di una

Dettagli

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza (Parte dei contenuti del testo sono tratti dai contributi di Mauro Palazzi ai corsi di formazione sul rischio in situazioni di emergenza)

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria Il paradiso dei monelli. Sezione Primavera e Sezione Infanzia

Scuola dell Infanzia Paritaria Il paradiso dei monelli. Sezione Primavera e Sezione Infanzia 1 Scuola dell Infanzia Paritaria Il paradiso dei monelli Sezione Primavera e Sezione Infanzia Progetto di un intervento didattico sul Campo di Esperienza I discorsi e le parole Premessa: L arrivo della

Dettagli

FAQ AVVOCATO. Circa 6.000 partner.

FAQ AVVOCATO. Circa 6.000 partner. FAQ AVVOCATO DOMANDE Come faccio per aderire? Devo superare qualche esame o selezione? Devo spendere soldi per far parte del Vostro network? Posso abbellire il mio studio con Vs quadri, con le vostre grafiche,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione di questa attività deve essere considerata anche l

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Punto di Svolta Associazione Culturale Ricerca e Formazione

Punto di Svolta Associazione Culturale Ricerca e Formazione Punto di Svolta Associazione Culturale Ricerca e Formazione Corso di Formazione in Programmazione NeuroLinguistica Umanistico Trasformativa Didattico esperienziale Programma 2013 I Livello Febbraio 16-17

Dettagli

Art. 1. Il Cinema incontra il lavoro: Mercogliano Film Festival

Art. 1. Il Cinema incontra il lavoro: Mercogliano Film Festival Art. 1 L INAIL Direzione Regionale Campania, il Comune di Mercogliano, la Direzione Regionale del Lavoro, l Ufficio Scolastico Regionale per la Campania e l EBTC Ente Bilaterale Turismo Campano nell ambito

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

MUTUO AGEVOLATO CSR: LE PROPOSTE SIBC

MUTUO AGEVOLATO CSR: LE PROPOSTE SIBC MUTUO AGEVOLATO CSR: LE PROPOSTE SIBC 1. TASSO DI RIFERIMENTO 2. SPREAD 3. PIANO DI AMMORTAMENTO E IMPORTO MUTUABILE 4. SOVVENZIONARE CSR E NON CENTROBANCA 5. FINESTRE TEMPORALI PER RINEGOZIAZIONE 1. TASSO

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Indice ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 6-7 8-11 12-13 14-15

Indice ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 6-7 8-11 12-13 14-15 Indice 5 6-7 8-11 12-13 14-15 ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 2 3 TRAVELLING Il portale delle esperienze. Vivi momenti indimenticabili

Dettagli

Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO

Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO ALESSIO MICHELE AURORA LUCA MARTINA GIANLUCA DOMANDA E possibile rendere divertente l apprendimento della grammatica? PERCHE ABBIAMO SCELTO LA GRAMMATICA Abbiamo fatto

Dettagli

Lande Immortali GDR-Descrittivo. Progetto a cura di Martino Michele Matricola: 0124000461 Miglio Stefano Matricola: 0124000462

Lande Immortali GDR-Descrittivo. Progetto a cura di Martino Michele Matricola: 0124000461 Miglio Stefano Matricola: 0124000462 Lande Immortali GDR-Descrittivo Progetto a cura di Martino Michele Matricola: 0124000461 Miglio Stefano Matricola: 0124000462 Cos è!? Lande Immortali è un gioco di ruolo del tipo descrittivo. Attualmente

Dettagli

Regolamento di Mediazione

Regolamento di Mediazione Regolamento di Mediazione www.amar-conciliazione.it Iscritta al n. 98 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione istituito presso il Ministero della Giustizia Indice art.

Dettagli

Istruzioni per la creazione di un questionario online

Istruzioni per la creazione di un questionario online Istruzioni per la creazione di un questionario online Indice 1. COS E SURVEY 1.0... 3 1.1 Tipologie di questionario... 5 1.2 Tipologie di quesiti... 8 1.3 Modalità di pubblicazione del questionario...13

Dettagli

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome Guida NetPupils Un social network è un sito che dà la possibilità alle persone di entrare in contatto e condividere informazioni. I social network si basano su quella che viene definita amicizia : concedendo

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OPENLAB - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

colore Il sistema che rivoluziona la produzione del in negozio Factory, COPERTINAFRANCHI & KIM ISF è una versione in scala

colore Il sistema che rivoluziona la produzione del in negozio Factory, COPERTINAFRANCHI & KIM ISF è una versione in scala COPERTINAFRANCHI & KIM A CURA DELLA REDAZIONE Il sistema che rivoluziona la produzione del colore in negozio Dire che In Shop Factory di Franchi & Kim è solo un sistema di produzione di prodotti vernicianti

Dettagli

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali ACE PROTEGGE LA RISERVATEZZA DEI TUOI DATI Ace European Group Ltd. fin dalla sua nascita ha deciso di ispirare la propria azione ai valori della sicurezza, della trasparenza e della qualità. Il risultato

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com www.centroaspen.it www.titania.ct.it www.benessere.com L assertività: dalle origini

Dettagli

Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici

Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici Di Enrico Mordillo In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra schemi motori di base,

Dettagli

Mondi che funzionano. Dall Odissea a Game of Thrones, pratica alla scrittura di ambientazioni solide e avvincenti per le vostre storie.

Mondi che funzionano. Dall Odissea a Game of Thrones, pratica alla scrittura di ambientazioni solide e avvincenti per le vostre storie. Mondi che funzionano Dall Odissea a Game of Thrones, pratica alla scrittura di ambientazioni solide e avvincenti per le vostre storie. Books, 30 Novembre 2014 Un po di premesse Chi siamo, chi sono, cosa

Dettagli

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 Premessa Social Watch è una rete internazionale di organizzazioni della società civile con membri in

Dettagli

# NARCOTICS ANONYMOUS NARCOTICI ANONIMI Area Toscana

# NARCOTICS ANONYMOUS NARCOTICI ANONIMI Area Toscana # NARCOTICS ANONYMOUS NARCOTICI ANONIMI Area Toscana LINEE GUIDA Premessa Queste linee guida sono nate allo scopo di chiarire, semplificare ed aiutare i nostri servizi a livello di Area. Dovrebbero essere

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

COMUNICATO ASS. IL CERCAPADRONE ONLUS: SUL CASO DOGMAR, LA NOSTRA POSIZIONE ALDILA DELLE MENZOGNE E DEI SENTITO DIRE.

COMUNICATO ASS. IL CERCAPADRONE ONLUS: SUL CASO DOGMAR, LA NOSTRA POSIZIONE ALDILA DELLE MENZOGNE E DEI SENTITO DIRE. COMUNICATO ASS. IL CERCAPADRONE ONLUS: SUL CASO DOGMAR, LA NOSTRA POSIZIONE ALDILA DELLE MENZOGNE E DEI SENTITO DIRE. La scrivente associazione, tramite il lavoro dei propri volontari locali, si interessa

Dettagli

proposta di legge n. 165

proposta di legge n. 165 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 165 a iniziativa del Consigliere BUGARO presentata in data 10 aprile 2007 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE FAMIGLIE MARCHIGIANE

Dettagli

Il mestiere impossibile. Andrea Varani

Il mestiere impossibile. Andrea Varani Andrea Varani Il mestiere impossibile Insegnare diventa spesso un mestiere impossibile, implica agire con urgenza, decidere nell incertezza, operare senza avere il tempo di meditare. Tutto ciò senza una

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SVILUPPO DI DATABASE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SVILUPPO DI DATABASE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SVILUPPO DI DATABASE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA SVILUPPO DI DATABASE INTRODUZIONE

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

ASSOCIAZIONE ARKE ONLUS UN DENTISTA PER AMICO

ASSOCIAZIONE ARKE ONLUS UN DENTISTA PER AMICO ASSOCIAZIONE ARKE ONLUS UN DENTISTA PER AMICO S T A T U T O Articolo 1 (denominazione) E costituita l Associazione denominata ARKE. Articolo 2 (sede) L Associazione ha sede a Chiavari (Genova). Possono

Dettagli

ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE. Signori Soci,

ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE. Signori Soci, ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE Signori Soci, in relazione alle modifiche statutarie sottoposte all odierna Assemblea sociale, si è resa necessaria una rivisitazione del vigente testo del

Dettagli

Le norme ISO 9000 e l agroalimentare

Le norme ISO 9000 e l agroalimentare Le norme ISO 9000 e l agroalimentare a cura del CENTRO ITALIANO SERVIZI DALLA TERRA ALLA TAVOLA, Parma Come deve agire un azienda per soddisfare i propri clienti? Sicuramente deve evitare di disattendere

Dettagli

DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI

DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI 2006-10-31 TICLE Srl - www.ticle.it Pag. 1/9 Dalla IV di copertina... Knowledge Based Project Management - Presentazione Questo libro nasce da un esperienza ventennale

Dettagli

Pierina Levorato psicologa psicoterapeuta Consultorio familiare ULSS n. 2 FELTRE

Pierina Levorato psicologa psicoterapeuta Consultorio familiare ULSS n. 2 FELTRE Come litigare in modo costruttivo Pierina Levorato psicologa psicoterapeuta Consultorio familiare ULSS n. 2 FELTRE Chiunque può arrabbiarsi, questo è facile. Ma arrabbiarsi con la persona giusta, e nel

Dettagli

Architettura dei sistemi di database

Architettura dei sistemi di database 2 Architettura dei sistemi di database 1 Introduzione Come si potrà ben capire, l architettura perfetta non esiste, così come non è sensato credere che esista una sola architettura in grado di risolvere

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Con il patrocinio delle

Con il patrocinio delle Con il patrocinio delle MassiMe istituzioni Le Virtù d abruzzo La promozione delle eccellenze enogastronomiche abruzzesi in Italia e all estero. Nuovi sbocchi commerciali per le produzioni d alta qualità

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

BIBLIOTECA PROVINCIALE CAPPUCCINI Via Cappuccini 1, 50134 FIRENZE Tel. 055-482186 I - STATUTO

BIBLIOTECA PROVINCIALE CAPPUCCINI Via Cappuccini 1, 50134 FIRENZE Tel. 055-482186 I - STATUTO BIBLIOTECA PROVINCIALE CAPPUCCINI Via Cappuccini 1, 50134 FIRENZE Tel. 055-482186 I - STATUTO 1. La Biblioteca della Provincia dei Frati Minori Cappuccini, con sede in Firenze, Via Cappuccini 1, con annessi

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

SOLUZIONI FINANZIARIE, ASSICURATIVE E SERVIZI ALLA MOBILITÀ.

SOLUZIONI FINANZIARIE, ASSICURATIVE E SERVIZI ALLA MOBILITÀ. SOLUZIONI FINANZIARIE, ASSICURATIVE E SERVIZI ALLA MOBILITÀ. ŠKODA CREDIT. LA MIA BANCA VIAGGIA CON ME. Salvo approvazione Škoda Credit. All interno sono contenute informazioni puramente indicative circa

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

Progetto genitorialità 2014-2015

Progetto genitorialità 2014-2015 Assessorato Assessorato alle Politiche alle Politiche mune di COMUNE Parma DI per PARMA l Infanzia per e per l Infanzia la Scuola e per la Scuola rogetto genitorialità 2013-2014 Progetto genitorialità

Dettagli

" Gioco, sport, avventura"

 Gioco, sport, avventura "Oltre il cortile " Gioco, sport, avventura" proposta di Centro Ricreativo Estivo riservata ai ragazzi della Scuola Primaria Introduzione Questa iniziativa pone al centro il desiderio di far acquisire

Dettagli

Regolamento Green Fields

Regolamento Green Fields C.F. E P. IVA: 00171620834 CAPITALE SOC. INT. VERSATO: EURO 10.000.000,00 R.E.A.: MESSINA N. 98088 Irritec S.p.A. Via Gambitta Conforto, C.da S. Lucia 98071 Capo d'orlando (Me) - Italy Tel. +39 0941922111

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

Vinciamo insieme. Con il sostegno di :

Vinciamo insieme. Con il sostegno di : Vinciamo insieme. Con il sostegno di : Gli obiettivi Mantua Sport Network nasce per raggiungere quegli obiettivi sportivi e sociali che nessuna società sportiva - da sola - sarebbe in grado di ottenere:

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO INDICE

REGOLAMENTO INTERNO INDICE INDICE 1. REVISIONI... 3 2. SCOPO... 4 3. CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 4. RIFERIMENTI NORMATIVI... 6 5. REGOLE GENERALI... 7 5.1 ACCESSO AI LOCALI DELLA SEDE DEI DIPENDENTI E DEI COLLABORATORI 7 5.2 ACCESSO

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2592 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARZANO, CAPUA, FASSINA, GALGANO, GRIBAUDO, GIUSEPPE GUERINI, LA MARCA, LAFORGIA, LAVAGNO,

Dettagli

www.retescuole.net IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA

www.retescuole.net IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA www.retescuole.net IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA Introduzione L obbligo di istruzione per 10 anni, così come previsto

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche

Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche Comunicazione AGESCI e social network 2015 Vademecum di buone pratiche Premessa Il presente documento è frutto di un incontro tra gli incaricati regionali alla comunicazione, avvenuto ad ottobre 2015,

Dettagli

UN MONDO DIRITTO Progetto scuola primaria di Rivalta Anno scolastico 2009-2010

UN MONDO DIRITTO Progetto scuola primaria di Rivalta Anno scolastico 2009-2010 UN MONDO DIRITTO Progetto scuola primaria di Rivalta Anno scolastico 2009-2010 In occasione dell anniversario della Convenzione Internazionale sui Diritti dei Bambini (20 novembre 1989-2009) le dieci classi

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 Il comitato di condotta ha individuato gli obiettivi principali da raggiungere nei prossimi quattro anni in relazione alle indicazioni dei programmi portati

Dettagli

Federazione VIP ViviamoInPositivo Italia ONLUS

Federazione VIP ViviamoInPositivo Italia ONLUS Ultimo aggiornamento: 26-10-2013 Federazione VIP ViviamoInPositivo Italia ONLUS Via Silvio Pellico, 10-12100 Cuneo e-mail: staffmissioni@vipitalia.org;direttivo@vipitalia.org Articolo 1 Missioni VIP Italia

Dettagli

NORME PER I VOLONTARI CHE SI OCCUPANO DELL ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE

NORME PER I VOLONTARI CHE SI OCCUPANO DELL ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE NORME PER I VOLONTARI CHE SI OCCUPANO DELL ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ ASSOCIATIVE L attività de Il Portico Associazione di Promozione Sociale ONLUS si è sempre caratterizzata per aver organizzato l

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

Creazione degli abstract per i libri per ragazzi

Creazione degli abstract per i libri per ragazzi Creazione degli abstract per i libri per ragazzi La creazione di abstract per i libri per ragazzi riguarda solo ed esclusivamente i documenti di narrativa (romanzi, racconti, fiabe, fantasy) o comunque

Dettagli

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito TEATRO E NARRAZIONE AREABAMBINI GIALLA Via degli Armeni, 5 Tel 0573-32640 LINEE GUIDA E OBIETTIVI EDUCATIVI Tutti gli itinerari condividono il presupposto che per il bambino ogni esperienza è frutto di

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LUSSANA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LUSSANA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2455 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LUSSANA Nuove disposizioni per la tutela del diritto all oblio su internet in favore delle

Dettagli