BANDO DI AMMISSIONE. MASTER UNIVERSITARIO di SECONDO LIVELLO in HUMAN RESOURCES MANAGEMENT & ORGANIZATIONAL LEARNING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO DI AMMISSIONE. MASTER UNIVERSITARIO di SECONDO LIVELLO in HUMAN RESOURCES MANAGEMENT & ORGANIZATIONAL LEARNING"

Transcript

1 BANDO DI AMMISSIONE MASTER UNIVERSITARIO di SECONDO LIVELLO in HUMAN RESOURCES MANAGEMENT & ORGANIZATIONAL LEARNING Le nuove competenze per una gestione strategica delle persone Prima edizione

2 INDICE 1. Presentazione e obiettivi pag Destinatari pag Prospettive occupazionali pag Numero di iscritti pag Titoli di studio richiesti e criteri di ammissione pag Frequenza pag Percorso e crediti formativi pag Quadro generale delle attività pag Modalità di svolgimento delle verifiche e della prova finale pag Calendario delle lezioni pag Direzione e coordinamento pag Comitato di direzione scientifica pag Team di docenza pag Quota di iscrizione e modalità di pagamento pag Borse di studio, finanziamenti e istanze pag Domanda di pre-iscrizione pag Modalità di immatricolazione pag Sede pag. 17 2

3 1. PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Le funzioni specialistiche di organizzazione e di gestione delle risorse umane stanno evolvendo rapidamente. Mentre i processi più tradizionali di amministrazione del personale sono sempre più oggetto di outsourcing, le funzioni di organizzazione e personale interne alle aziende sono attratte verso nuovi modelli di riferimento che ne enfatizzano la dimensione di agente del cambiamento nei processi di trasformazione, e di partner strategico della direzione aziendale. Contestualmente al rinnovamento del ruolo della funzione del personale e organizzazione, si sviluppano sempre di più i servizi complementari offerti dalle grandi e piccole società di consulenza e formazione, a supporto dei processi interni di gestione del personale. Si avverte inoltre l esigenza di diffondere la cultura delle risorse umane anche nell ambito delle funzioni specialistiche, quale portatrice di una visione integrata della gestione delle risorse dell organizzazione. Se in passato gli addetti ai settori del personale e dell organizzazione si formavano un idoneo bagaglio di competenze soprattutto attraverso l esperienza, oggi si avverte l esigenza di disporre di una preparazione di base più professionale e più recettiva del cambiamento. I responsabili delle risorse umane dovranno assumere sempre di più il ruolo di progettisti, architetti e coach. Avranno la responsabilità principale di essere partner del vertice aziendale nel costruire organizzazioni nelle quali le persone continuino ad espandere la loro capacità di comprendere la complessità, di chiarire la visione e gli obiettivi, di essere responsabili sia del business che dello sviluppo delle persone. I cambiamenti che caratterizzano il contesto economico non possono non coinvolgere le HR che devono oggi assumere un ruolo sempre più proattivo all interno dell azienda e che dovranno conoscere e mettere in atto nuovi strumenti strategici, gestionali ed operativi. Accanto alle tradizionali e fondamentali competenze del saper scegliere, gestire, formare e motivare e valutare i propri collaboratori, che sono tipiche di un esperto in gestione delle risorse umane, oggi diventa quanto mai strategico anche saper trattenere le risorse in azienda attraverso la messa in atto di azioni che contribuiscano ad aumentare il livello di engagement delle persone anche in funzione della gestione del cambiamento organizzativo che ormai diventa leva strategica per il successo dell organizzazione. Il master è caratterizzato da un approccio multidisciplinare che garantisce l integrazione di conoscenze teoriche e abilità comportamentali, e da uno stage che permette una diretta applicazione in ambito aziendale delle competenze acquisite. Il Master ha come obiettivo quello di: Completare e approfondire le competenze acquisiste nel corso degli studi universitari. Sviluppare le nuove competenze degli HR Superior Performer. Presentare i più aggiornati modelli strategici ed operativi di gestione e sviluppo delle risorse umane. 2. DESTINATARI Il Master è destinato a: Laureati motivati a conseguire una specializzazione unica nella gestione e sviluppo delle risorse umane. Professionisti delle risorse umane che desiderano acquisire gli strumenti più innovativi e le competenze più aggiornate per una gestione strategica delle persone. 3. PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI Il Master Universitario in Human Resources Management & Organizational Learning è rivolto a formare una professionalità capace di intervenire sulle organizzazioni complesse, dell industria e dei servizi, private e pubbliche, con una visione ampia e completa delle problematiche di gestione delle risorse umane. In data 11 dicembre 2011 sul sito di Isfol-Orientaonline si legge: Le possibilità occupazionali in quest Area ed in particolare per l Esperto in Gestione delle Risorse Umane risultano essere in aumento, non solo nel settore privato ma anche all interno della pubblica amministrazione, grazie 3

4 ad un cambiamento di strategia, che vede nel personale non più un peso da amministrare, ma una vera e propria risorsa da rivalutare. Questo tipo di professione può essere ricoperto indistintamente da uomini e donne, ma si caratterizza tuttavia per una leggera prevalenza femminile. La figura che si intende formare risulta oggi fondamentale nel contesto economico attuale, perché il settore delle risorse umane risulta strategico per le aziende. Tale orientamento è dimostrato anche dalla quantità di organizzazioni che sempre più fanno riferimento ad esperti e professional delle risorse umane: aziende (grandi e medie), società di consulenza, associazioni di categoria, enti di formazione, pubblica amministrazione, società di selezione e head hunting, agenzie per il lavoro. Migliorare gli aspetti della relazione fra persona e lavoro, favorendo lo sviluppo culturale e professionale, è diventato un obiettivo comune ora che le competenze tecniche e professionali non sono più in grado da sole a garantire una prassi lavorativa di successo. In particolare il Master in Human Resources Management & Organizational Learning forma esperti nel settore della gestione delle risorse umane, in particolare nella Direzione delle risorse umane, negli ambiti della selezione, della valutazione della performance e del potenziale, della formazione e dello sviluppo, della gestione dei processi di change management, della compensation & benefit, nell'ambito di organizzazioni pubbliche e private, produttive e di servizi, profit e non profit, con funzioni di responsabilità o di collaborazione di elevato profilo o in qualità di liberi professionisti. 4. NUMERO ISCRITTI Il numero totale dei partecipanti al corso non può essere inferiore a 15 o superiore a 20. L'Università si riserva, inoltre, di non attivare il corso in caso di mancato raggiungimento del numero minimo di iscritti previsto nel regolamento, dandone tempestiva comunicazione agli interessati entro 10 giorni dalla data prevista di inizio. In caso di mancata attivazione del Master l'università provvederà a restituire le eventuali tasse incassate con esclusione di ulteriori altre spese, materiali e non, sostenute dal candidato. 5. TITOLI DI STUDIO RICHIESTI E CRITERI DI AMMISSIONE Il titolo di studio richiesto per la partecipazione al Master è la laurea di secondo livello o titolo equipollente. Dato che le aree dell'organizzazione e del personale accolgono e integrano professionisti con un background eterogeneo saranno ammessi al Master studenti con una laurea magistrale in discipline economico-statistiche, ingegneristiche, umanistiche, giuridiche e politicosociali. E facoltà del Direttore del master l ammissione di studenti con titoli equipollenti a quelli indicati. L ammissione al corso è subordinata alla valutazione da parte di una Commissione del curriculum accademico e professionale e all'esito positivo del colloquio attitudinale/motivazionale. I candidati che non siano in possesso dei requisiti richiesti per l ammissione possono partecipare al Master, limitatamente alle attività d aula e rispettando l obbligo di frequenza, in qualità di uditori. Al termine dei corsi riceveranno un attestato di frequenza. 6. FREQUENZA Per il conseguimento del titolo accademico di Master universitario di secondo livello la frequenza è obbligatoria. In particolare, è necessaria la presenza ad almeno il 80% delle ore di aula e l 80% delle ore di stage complessivamente previste dal piano di studi 7. PERCORSO E CREDITI FORMATIVI Il percorso formativo, della durata complessiva di dieci mesi circa, cinque dei quali dedicati allo stage (o ad un project work da realizzare sotto la supervisione di un tutor accademico sul luogo di lavoro per gli studenti che lavorano) è full immersion ed è costituito da: - una fase di apprendimento in aula; - esercitazioni guidate su singoli argomenti trattati; - elaborazione e presentazione di case history multidisciplinari; 4

5 - testimonianze e warm up - workshop inerenti a tematiche di particolare rilevanza ed attualità; - stage o project work. Per ogni studente è previsto l affiancamento di un tutor LIUC e di un tutor aziendale, limitatamente al periodo di stage o di project work. Grande enfasi è data alle esercitazioni, al lavoro di gruppo, al lavoro extra-aula. A fine percorso dovrà essere discussa una agile tesi-progetto, che verrà redatta nel periodo di stage con l ausilio dei due tutor. Verranno, inoltre, attivate testimonianze e momenti di incontro con qualificati operatori e personalità internazionali del mondo delle risorse umane. Il continuo orientamento alla ricerca e la stretta interazione con le aziende, le Università ed i Centri di ricerca più prestigiosi garantiscono che i programmi ed il materiale didattico rispecchino le metodologie più innovative ed efficaci. Per quanto riguarda la metodologia didattica sono privilegiati metodi attivi di insegnamento che stimolano le dinamiche di apprendimento esperienziale. In particolare, viene fatto ampio ricorso all analisi di casi aziendali concreti, da cui, attraverso un processo induttivo, sono ricavati i principi generali. Lo sviluppo delle capacità critiche e dell apprendimento attivo dei partecipanti procede, inoltre, con il ricorso ad altre metodologie didattiche interattive come esercitazioni pratiche, business game, discussioni guidate. Il Master prevede circa 400 ore di formazione in aula, alle quali si aggiungono attività di studio individuale e lo stage o project work di 700 ore fino a raggiungere un carico di lavoro di più di 1500 ore, pari a 60 crediti ed equivalenti ad una annualità universitaria. 5

6 8. QUADRO GENERALE DELLE ATTIVITA' FORMATIVE Il percorso formativo si articola in 3 moduli didattici che comprendono le materie di insegnamento esposte nella seguente tabella con l indicazione del relativo numero di ore di lezione, di carico di lavoro individuale, dei relativi crediti e del raggruppamento disciplinare. Di seguito vengono presentati obiettivi e contenuti delle singole discipline. E previsto un modulo propedeutico Basic skills obbligatorio per gli studenti che non hanno una formazione economica e facoltativo per chi proviene da una facoltà con indirizzo economico. MODULO Basic skills 1.Management & organization SETTORE SCIENT. DISCIPLINARE ORE AULA ORE STUDIO INDIVID. CARICO COMPLESSIVO DISCIPLINA CREDITI Corsi propedeutici in general management Economia aziendale ( 20) Sistemi di contabilità aziendale ( 20) Organizzazione aziendale e gestione delle risorse umane SECS-P/ Multicultural strategy SECS-P/ Diritto del lavoro e relazioni industriali IUS/ Comunicazione interna SECS-P/ HR e information technology SECS-P/ Strategic HR Management SECS-P/ People management Ricerca e selezione delle persone SECS-P/ Individual & Organizational Learning SECS-P/ Sistemi di valutazione e di performance management SECS-P/ Politiche retributive e compensation management SECS-P/ Sviluppare la Leadership in azienda SECS-P/ Soft skills Change Management SECS-P/ Comportamento organizzativo SECS-P/ Training & Development SECS-P/ Total Reward System: dalla motivazione all Engagement SECS-P/ Workshop nuove frontiere HR 16 Totale aula Stage e project work Totale lavoro

7 BASIC SKILLS Economia aziendale L'insegnamento di Economia aziendale e contabilità introduce gli allievi a una visione unitaria dei fenomeni aziendali. Il corso offre gli elementi per comprendere il ruolo delle diverse funzioni tecnico-professionali nel concorrere allo sviluppo e alla funzionalità duratura dell'impresa. In quest'ottica vengono forniti agli allievi i principali strumenti di analisi economica dell'azienda insieme agli strumenti a supporto delle scelte strategiche, per analizzare le alternative di azione più adeguate ai vari contesti competitivi. - Fondamenti di Economia aziendale: Il concetto di azienda e l'economia aziendale; finalità delle aziende; gli assetti istituzionali, la struttura della azienda, l'ambiente economico, il sistema competitivo; le scelte aziendali: economiche, di estensione, di organizzazione. - Elementi di strategia aziendale: Definizione di strategia e caratteristiche delle strategie delle risorse umane; fondamenti di analisi strategica; la formula imprenditoriale e le strategie competitive; settore e mercato; il sistema competitivo; il vantaggio competitivo e le sue determinanti; la generazione del valore; l impresa come portafoglio di risorse: il capitale umano dell impresa; competenze aziendali e opzioni strategiche. Sistemi di contabilità aziendale Il corso si prefigge di porre gli studenti nella condizione di comprendere il bilancio d esercizio; esprimere un giudizio sull equilibrio economico finanziario dell impresa tramite una rielaborazione delle informazioni contenute nel bilancio. i principi e i concetti fondamentali della contabilità intesa come linguaggio dell azienda; il metodo contabile della partita doppia attraverso una serie graduale di applicazioni pratiche; i processi contabili necessari per redigere il bilancio di esercizio (stato patrimoniale, conto economico). elementi fondamentali per la lettura e l interpretazione del bilancio di esercizio: la riclassificazione degli schemi di stato patrimoniale e conto economico la costruzione dei principali indicatori o quozienti di bilancio 7

8 Modulo 1: MANAGEMENT & ORGANIZATION Organizzazione aziendale Il corso di Organizzazione aziendale mira ai seguenti obiettivi: - fornire a tutti gli studenti gli elementi di base utili per capire il funzionamento dell'organizzazione delle imprese; - comprendere il ruolo delle HR all'interno dell'intera struttura organizzativa - fornire criteri e strumenti di progettazione dell organizzazione applicabili al livello dell'intera azienda, delle sue specifiche unità operative e dei ruoli o compiti professionali. - Varietà delle forme e dei modelli organizzativi. - Analisi e progettazione degli assetti organizzativi aziendali. L evoluzione degli assetti organizzativi in relazione alle strategie aziendali. - Il ruolo della direzione del personale nei diversi modelli organizzativi e nei suoi rapporti con il top e middle management. - Le forme organizzative emergenti, la learning organization, il knowledge management. - Il disegno delle mansioni e dei ruoli professionali. - I progetti di business process rengineering. Il cambiamento organizzativo: il ruolo dei processi di apprendimento, dello sviluppo delle risorse e della gestione del potere. Trasformazione dell azienda e riflessi sugli assetti istituzionali e di governance. - I sistemi di gestione delle risorse umane Multicultural strategy Il corso si propone di fornire gli strumenti concettuali e operativi per poter gestire la multiculturalità che caratterizza le imprese moderne. Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di: - comprendere l impatto delle differenze culturali sul business e il management - valutare e interpretare le diversità culturali attraverso i modelli concettuali più moderni - comprendere e gestire i diversi livelli di influenza culturale sul business (nazionale/regionale, di comparto produttivo, professionale, funzionale, aziendale) e le loro interazioni - comprendere e gestire l impatto delle influenze culturali, sull organizzazione, la strategia di impresa, il rapporto con i clienti e il personale - comprendere le competenze necessarie per il management a livello internazionale, con particolare riferimento alla gestione della diversità culturale. - La cultura: significati e modelli interpretativi - Le sfere di influenza culturale: nazionale/regionale, comparto produttivo, professionale, funzionale, aziendale - La comunicazione tra culture diverse: barriere e ostacoli alla comunicazione interculturale, stili di comunicazione, negoziazione internazionale - Cultura e gestione delle risorse umane: Il significato culturale di human resources management, rendere significativi i sistemi di gestione delle risorse umane attraverso le culture - Le opzioni strategiche per la gestione delle differenze culturali: la creazione di alleanze culturalmente strategiche; la conquista di un vantaggio competitivo attraverso le differenze culturali 8

9 Diritto del lavoro e relazioni Industriali Il corso intende rispondere all esigenza di chi opera all'interno delle HR di acquisire una più ampia competenza nelle discipline giuridiche del lavoro, necessaria per ottimizzare le capacità di interlocuzione con i soggetti e le funzioni, aziendali e istituzionali, che operano nella gestione delle risorse umane e nel mercato del lavoro. Particolare attenzione sarà data alle questioni più controverse e di maggiore attualità (riforma Fornero e recenti adeguamenti). - I fondamenti della disciplina del rapporto individuale di lavoro nel settore privato - Il contratto individuale e la contrattazione collettiva: la contrattazione di secondo livello e l impatto sulla gestione del personale. - Le linee di sviluppo del diritto del lavoro nel contesto nazionale ed europeo: il sistema attuale delle relazioni industriali in Italia e in Europa. I soggetti delle relazioni industriali a livello europeo e internazionale. - Gli assetti contrattuali e le caratteristiche dei processi negoziali. Il modello della concertazione e le sue implicazioni nella gestione delle risorse umane. - Le problematiche della partecipazione e del dialogo sociale. Strumenti e logiche negoziali nella fase di crescita interna ed esterna delle imprese e nella gestione della crisi. - L analisi dell attuale riforma del lavoro. Comunicazione interna La comunicazione Interna che sta assumendo un ruolo sempre più centrale nella gestione e nello sviluppo dei propri collaboratori: diventa sempre più strategico supportare i propri collaboratori con un adeguato livello di informazione e di coinvolgimento affinché possano prendere consapevolezza degli obiettivi, delle strategie e della cultura d'impresa orientando così le aziende verso gli obiettivi di business. Il corso si pone l obiettivo di fornire gli strumenti a chi andrà a gestire le risorse umane per: - Integrare e migliorare i flussi e le azioni di comunicazione per creare sinergie - Supportare e facilitare i possibili cambiamenti in azienda, coinvolgendo attivamente il personale interno e favorendo la diffusione di una cultura aziendale comune - Individuare strategie mirate di comunicazione interna - Scegliere gli strumenti più appropriati attraverso cui veicolare la comunicazione - Migliorare il dialogo con il top management - Misurare l efficacia delle azioni di comunicazione interna - Principi e mission e obiettivi della comunicazione interna - Comunicazione interna come leva gestionale: il suo impattto sul comportamento organizzativo - Piano di comunicazione interna in relazione alla mission e ai valori aziendali - Gli strumenti specifici: house organ, giornali aziendali, intranet, eventi interni - Gestione e condivisione del piano di comunicazione interna - Gli strumenti per la valutazione dei feedback dei dipendenti - Comunicazione interna ed esterna, l importanza della coerenza e della sinergia nel mondo 2.0 9

10 HR e information technology Il corso si propone l obiettivo di sviluppare conoscenze e competenze nel campo dei progetti di gestione delle tecnologie dell informazione e comunicazione quali supporti fondamentali gestione delle risorse umane Il corso offrirà in particolare l opportunità di: - comprendere le principali variabili per gestire con successo tali progetti; - comprendere le esigenze delle funzioni aziendali per poterle tradurre efficacemente in innovazioni di processo in cui è previsto ampio impiego delle tecnologie dell informazione e comunicazione; - comprendere i trend evolutivi del comparto dell ICT al fine di utilizzare efficacemente tali risorse come leva strategica per una avanzata gestione delle risorse umane - Architettura e ruolo dei moderni sistemi informativi aziendali. - Le tecnologie dell informazione e comunicazione e le più recenti linee evolutive. - I sistemi ERP e le applicazioni dell area risorse umane. Le problematiche di attuazione dei progetti. - Qualità e caratteristiche dei più diffusi pacchetti applicativi per i sistemi del personale: confronto e valutazione delle alternative disponibili. - L integrazione dei sistemi informativi del personale nei sistemi informativi direzionali e di supporto alle decisioni. Strategic Human Resources Management Il corso ha l'obiettivo principale di mettere a fuoco le modalità e gli strumenti attraverso cui la direzione delle risorse umane possa assumere sempre più il ruolo di partner strategico innovativo del management team. I responsabili di HR sono sempre di più chiamati per affiancare i responsabili funzionali nel costruire un clima capace di generare senso e significato alle azioni quotidiane. il processo strategico delle risorse umane; strategia di business e strategic capabilities; il contributo delle risorse umane nella costruzione della mappa strategica d impresa; il ruolo dei valori nella creazione della cultura d impresa; allineamento verticale e orizzontale nei processi di gestione del personale; il ruolo strategico della direzione risorse umane. Modulo 2: PEOPLE MANAGEMENT La ricerca e la selezione delle persone Il corso si propone di mettere in condizione i partecipanti di conoscere e sperimentare i principali strumenti e le tecniche a disposizione del bagaglio formativo del reclutatore/selezionatore. La ricerca e la selezione del personale sono attività fondamentali all interno dell azienda per avere successo e rimanere competitiva sul mercato. In particolare gli obiettivi formativi del corso sono 10

11 relativi a fornire: - Tutti gli elementi di cui è composto il processo di reclutamento e selezione del personale; - Conoscenza e sperimentazione attiva di momenti quali l analisi della committenza, le dimensioni interpersonali legate al rapporto con il candidato e in particolare il primo contatto telefonico, l intervista di selezione, il reporting e la presentazione al committente aziendale - Alcune tecniche di Assessment Center quali giochi di gruppo, test di selezione, atopresentazione. - Analisi del contesto: - Il mercato del lavoro e la sua evoluzione; principali soggetti che si occupano di selezione - Il ruolo del selezionatore: analisi del sistema di conoscenze e competenze del selezionatore - Analisi della domanda: analisi del ruolo e stesura della Job Description - Il processo di reclutamento: le diverse fonti di recruiting, L elaborazione di un piano di reclutamento, la gestione degli annunci, recezione e screening dei curricula; - Il ruolo dei social network nel processo di ricerca - Il processo di selezione: metodologie e strumenti della selezione, principali strumenti testistici, le prove e le esercitazioni, l intervista di selezione; obiettivi e pianificazione dell intervista; - L Assessment Center: la logica e gli utilizzi; la tipologia delle prove - I risultati del processo di selezione: la valutazione dei candidati e la stesura della relazione, la presentazione delle candidature e la stesura del report; il colloquio finale Individual & organizational learning Il corso si propone due obiettivi: - fornire ai partecipanti la conoscenza dei principali aspetti del Knowledge Management, insieme di metodologie e strumenti innovativi per la massimizzazione dell'efficienza e dell'efficacia aziendali, intesi come leve di redditività e ottimizzazione delle risorse. Il KM fornisce le metodologie per identificare,raccogliere, valutare, distribuire, condividere e generare conoscenza aziendale, eliminando le aree di ridondanza, inefficienza e creando metodi e strumenti per ottenere nuove opportunità di vantaggio competitivo. - sviluppare riflessioni sul tema delle strategie e dei metodi della formazione continua e dello sviluppo del capitale umano con particolare riguardo all'individuazione e alla soddisfazione delle esigenze formative delle persone che partecipano al risultato aziendale, fornendo conoscenze e competenze sulle dimensioni teorico-metodologiche relative alla formazione continua ed allo sviluppo delle risorse umane e delineando il nucleo essenziale dei saperi teorico-pratici per gli esperti della formazione fornendo gli strumenti metodologici per leggere la complessità dello sviluppo formativo. - La conoscenza come asset aziendale strategico per acquisire un vantaggio competitivo; - Gli stadi evolutivi e le fonti della conoscenza - La produzione della conoscenza organizzativa: Il modello dei 4 processi, da/a tacita/esplicita: internalizzazione, esternalizzazione, socializzazione, combinazione - Identificare e valutare le aree di conoscenza strategiche per l'azienda; - Il processo di apprendimento negli adulti: l'andragogia - Il processo formativo: analisi dei bisogni, progettazione, erogazione e valutazione della formazione - Come verificare il ritorno sull'investimento effettuato - Coaching e mentoring 11

12 Sistemi di valutazione e performance management Il corso ha l'obiettivo di sviluppare nei partecipanti la capacità di gestire l'intero processo di valutazione del personale. In particolare, il corso consente di affrontare le principali problematiche relative al performance management, approfondendo finalità e metodologie e fornendo strumenti teorici per il goal setting e la gestione del feedback. Il corso consente quindi di apprendere le competenze per: - definire sistemi di valutazione del personale coerenti con gli obiettivi aziendali - applicare metodologie e strumenti di valutazione del personale - I sistemi di valutazione del personale: valutazione della posizione, della prestazione e del potenziale - Natura e obiettivi della valutazione - L analisi e la valutazione della prestazione: Natura e obiettivi della prestazione; Processo: osservazione; analisi; valutazione; colloquio; metodologie e strumenti di valutazione delle prestazioni: la valutazione per risultati; la valutazione per comportamenti/obiettivi; i modelli misti - L analisi e la valutazione del potenziale: il concetto di potenziale; finalità della valutazione del potenziale; le fasi dell intervento; gli approcci e gli strumenti metodologici: l Intervista di potenziale; - La valutazione del potenziale e le politiche di sviluppo organizzativo. Politiche retributive e compensation management L'obiettivo del percorso è esaminare tutti gli elementi essenziali per la costruzione di un sistema retributivo in linea con gli obiettivi di business e che tenga in considerazione da un lato le specificità del proprio settore di appartenenza e dall'altra l'evoluzione dei mercati. Verrà analizzato il processo di impostazione di un sistema retributivo secondo i criteri dell'equità interna e della competitività esterna attraverso una corretta analisi dei trend. - I sistemi retributivi: il sistema di retribuzione variabile legato ai risultati aziendali; - Gli incentivi a lungo termine e il total reward - L'equità interna: la costruzione e il mantenimento di un sistema retributivo coerente con la policy aziendale e orientato agli obiettivi di business - La competitività esterna : metodo e strumenti d' analisi - La costruzione della strutture retributive: quante crearne e come differenziarle all'interno dell'azienda. - Remunerare le perfomance - La multidimensionalità della performance: criteri di progettazione e valutazione - Identificazione degli strumenti più opportuni per soddisfare le esigenze di breve e di lungo periodo - Come differenziare e fare retention delle risorse chiave nei periodi di crisi > Il sistema di incentivazione - Bilanciamento dell'analisi dal breve al lungo termine - Analisi delle esigenze di retention 12

13 Modulo 3: SOFT SKILLS Sviluppare la leaderhip in azienda Il corso si propone di portare i partecipanti a comprendere come la leadership sia elemento cardine del comportamento organizzativo e come l utilizzo di giusti stili e modelli di leadership possa motivare e responsabilizzare i membri di un gruppo di lavoro. Si intende inoltre approfondire le competenze dei leader superior performer ed il percorso della leadership nel corso degli ultimi anni: leadership situazionale, leadership partecipativa, leadership a tutto campo, emotional leadership, servant leadership. leadership & management un binomio inscindibile; Le competenze del leader e del manager; le competenze dei leader superior performer; approcci alla leadership: dalla leadership situazionale alla servant leadership; come sviluppare la leadership in azienda i nuovi modelli di leadership. Change management Non esiste azienda che nel corso dell ultimo anno non si sia trovata a gestire un processo di cambiamento: modifica di strutture organizzative, riposizionamento strategico, sviluppo di nuove competenze, introduzione di nuovi sistemi di valutazione, acquisizioni In questa nuova era le persone che si muovono lentamente e non sanno gestire i processi di cambiamento sono già sulla strada dell estinzione. Il corso si propone di mostrare le trappole del cambiamento e fornire ai partecipanti metodologie e strumenti per gestire con successo tutte la fasi del processo di cambiamento (personale, organizzativo, strategico, culturale). Change management in azione: i pilastri del cambiamento; cambiamento ed apprendimento: un binomio inscindibile; il processo di cambiamento auto diretto; paure e resistenze: come superarle; Più spingi più resisto : imparare ad aspettare il momento giusto; CHKEYS: un modello di cambiamento in 7 fasi. Cambiamento e cultura aziendale: sviluppare la cultura del cambiamento; il cambiamento operativo, strategico, organizzativo e culturale. Comportamento organizzativo Obiettivo del corso è di sviluppare in una prospettiva manageriale i concetti di base utili per la comprensione del comportamento umano all'interno delle organizzazioni. Più specificamente, il corso si prefigge di fornire concetti e strumenti operativi per: - comprendere e utilizzare le fondamentali teorie di comportamento organizzativo; - sviluppare capacità critiche analizzando come le teorie di comportamento organizzativo si applichino alle scelte manageriali; - individuare approcci alla risoluzione di problemi aziendale attraverso la discussione in aula di casi rilevanti. 13

14 - Il benessere organizzativo in azienda - La cultura organizzativa e l'ambiente di lavoro - Processi interpersonali e di gruppo; caratteristiche delle dinamiche interpersonali e di gruppo: dinamiche di gruppo, principali tipologie di gruppo - la gestione dello stress e delle emozioni - Leadership: natura della leadership, modelli di leadership; leadership e performance; modelli di valutazione della leadership. - La negoziazione e la gestione dei conflitti - La gestione delle riunioni - L'innovazione e il pensiero creativo - Problem solving e problem setting: tecniche efficaci per l'individuazione e la risoluzione dei problemi - Processi di comunicazione: modelli di comunicazione interpersonale e stili di comunicazione, reti di comunicazione. - La resilienza e la gestione dello stress Training and development Obiettivo L'obiettivo del corso è quello di approfondire i processi e gli strumenti orientati allo sviluppo delle competenze ed alla crescita delle persone. Come attrarre, trattenere e motivare i talenti? Come gestire gli high flyer? I sistemi di carriera: politiche e criteri di valutazione; percorsi di carriera; I principali strumenti di sviluppo delle competenze e della carriera La gestione e lo sviluppo dei talenti e degli high flyer Dal training al learning: metodologie e strumenti Total reward system: dalla motivazione all'engagement Il fatto che le persone mettano in gioco le loro competenze o ne sviluppino di nuove dipende dalla loro motivazione. La motivazione insieme, alla strategia ed alle competenze è il fattore fondamentale per l ottenimento dei risultati aziendali. Obiettivo del corso è quello far comprendere cosa è la motivazione e far luce sui principali meccanismi che la alimentano. Il processo psicologico in base al quale la motivazione nasce, si sviluppa e svanisce; Le teorie fondamentali sulla motivazione; Credenze erronee riguardo alla motivazione; Quando premiare equivale a deprimere; Prima di motivare evitiamo di demotivare; Dalla motivazione all engagement; Misurare l engagement; Stage, project work In un continuum didattico con il percorso formativo in aula, è previsto un project work della durata di cinque mesi (pari a un monte-ore di circa 700 ore) per tutti gli studenti ammessi al Master. Il progetto sul quale ogni partecipante lavorerà dovrà riguardare un tema trasversale alle materie trattate. Per gli studenti non occupati, il project work sarà rappresentato da uno stage in azienda. 14

15 Per coloro che già operano in azienda, si tratterà invece di un progetto professionale concordato con l azienda e collegato con la normale attività lavorativa. 9. MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI PROFITTO E DELLA PROVA FINALE Sono previsti esami sotto forma di test scritti o colloqui orali, a cura dei docenti del corso. Le votazioni saranno espresse in trentesimi. Sono previste sessioni di recupero, in caso di esito negativo, ma non è comunque possibile sostenere lo stesso esame per più di tre volte. È inoltre previsto un colloquio finale in cui verranno presi in considerazione i lavori condotti nell ambito della tesi progetto, la partecipazione alle esercitazioni, nonché l attività svolta durante lo stage. Il voto finale sarà espresso in centodecimi. In caso di valutazione positiva della commissione, ai partecipanti verrà rilasciato il diploma di Master Universitario di Secondo Livello in Human Resources Management & Organizational Learning. Coloro i quali non superino gli esami secondo le modalità sopra specificate potranno ottenere alla fine del Master un attestato di frequenza, sotto la condizione del raggiungimento del numero richiesto di presenze in aula. 10. CALENDARIO DELLE LEZIONI L avvio dei moduli è previsto per il giorno 9 ottobre Il Master sarà impostato secondo il seguente calendario: 30 settembre ottobre 2013: modulo Basic Skills 10 ottobre 2013 febbraio 2014: aula (lezioni - testimonianze esami visite aziendali colloqui di stage) febbraio 2014 giugno 2014: stage giugno 2014: consegna tesi luglio 2014: discussione tesi 11. DIREZIONE E COORDINAMENTO Presidente: Gianfranco Rebora, Professore ordinario di Organizzazione aziendale Direttore scientifico: Vittorio D'Amato, Direttore CeRCA-Centro sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Direttrice: Daniela Mazzara, docente di Comportamento organizzativo e ricercatrice CeRCA-Centro sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo. Coordinatrice: Chiara Carrettoni, ricercatrice CeRCA-Centro sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo. 12. COMITATO DI DIREZIONE SCIENTIFICA Il Comitato di Direzione Scientifica è composto da 5 membri: Gianfranco Rebora (Presidente Università Carlo Cattaneo - LIUC), Vittorio D Amato (Direttore Scientifico del Master - Università Carlo Cattaneo - LIUC), Daniela Mazzara (Direttrice del Master - Università Carlo Cattaneo LIUC), Monica Giani (Università Carlo Cattaneo - LIUC), Marco Morbidelli (Direttore del Personale, dell'organizzazione e dell'ict dell'area Farmaceutica del Gruppo Angelini). 13. TEAM DI DOCENZA La faculty del Master prevede la presenza congiunta di docenti dell Università, nonché di accreditati e riconosciuti professionisti nazionali e internazionali delle Human Resources. La scelta di un corpo docenti che rifletta un equo e giusto bilanciamento tra mondo accademico e mondo professionale risponde alla precisa esigenza di trasferire contenuti didattici ad alto valore operativo e innovativo, così da trovare reale ed immediato riscontro nella pratica lavorativa e favorire la comprensione delle dinamiche aziendali e di settore. 15

16 14. QUOTA DI ISCRIZIONE E MODALITA' DI PAGAMENTO Visto il consistente contributo economico da parte delle aziende partner che copre il 50% del costo del Master, la quota a carico dello studente è di 3.250,00 (suddivisibile in due rate) comprensivo del materiale didattico. È prevista, da ultimo, la possibilità di rivolgere alla Direzione Generale dell Università Carlo Cattaneo LIUC istanze per pagamenti che prevedano una maggiore rateazione, purché l ultimo pagamento avvenga prima dell avvio del periodo di stage. 15. DOMANDA DI PRE-ISCRIZIONE La domanda di pre-iscrizione può essere scaricata esclusivamente accedendo al sito sul quale si troveranno tutte le indicazioni. Le domande possono essere presentate direttamente a mano o spedite tramite posta (alla c.a. della Sig.ra Elisabetta Mentasti Segreteria Master, Corso Matteotti Castellanza (Va), entro l 11 settembre 2013 allegando i seguenti documenti: Curriculum Vitae, con indicazione della data di immatricolazione e dell argomento di tesi; Piano studi con indicazione dei voti degli esami; quattro fotografie identiche formato tessera (tutte firmate sul retro), di cui una verrà autenticata a cura della segreteria; fotocopia (fronte e retro) firmata della carta d'identità; certificato di Laurea; eventuali altri titoli ritenuti rilevanti ai fini della selezione. Si specifica che non verranno accettate domande pervenute tramite o fax. Gli orari della segreteria sono i seguenti: Lunedì e Giovedì 9:00 12:00; 14:00 16:30; Martedì, Mercoledì e Venerdì 9:00 12:00. I candidati ammessi, le modalità di pagamento della prima rata e di immatricolazione per i candidati idonei ammessi, saranno rese disponibili sul sito del Master che dovrà essere monitorato dai candidati. 16. MODALITA' DI IMMATRICOLAZIONE I nomi dei candidati che avranno superato la selezione, saranno pubblicati sul sito dell Università Carlo Cattaneo LIUC, congiuntamente alle informazioni utili per la formalizzazione dell iscrizione. Agli studenti immatricolati, verrà rilasciato un documento di riconoscimento, denominato US card, valido per l intero percorso di studi. Al termine degli studi o in caso di trasferimento, decadenza o rinuncia agli studi, tale documento deve essere restituito alla Segreteria Master. In caso di furto, smarrimento o distruzione dello stesso, lo studente deve esplicitare le circostanze in cui è avvenuto il fatto e chiedere il rilascio del duplicato presentando alla Segreteria Master la documentazione di seguito indicata: domanda redatta in carta legale contenente le generalità del richiedente ed il numero di matricola; copia della denuncia di furto o smarrimento rilasciata da autorità di Pubblica Sicurezza o Carabinieri; due fotografie formato tessera debitamente firmate sul retro; quietanza di pagamento per indennità-duplicato della tessera di iscrizione. Lo studente è responsabile personalmente di eventuali alterazioni della propria US card. Il costo del duplicato della US card è fissato in Euro 20,00 (venti). 17. SEDE Il Master si terrà presso l Università Carlo Cattaneo LIUC, C.so Matteotti 22, Castellanza (VA). 16

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

Bando di concorso per l ammissione al MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO CULTURA DELL INNOVAZIONE, MERCATI E CREAZIONE D IMPRESA.

Bando di concorso per l ammissione al MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO CULTURA DELL INNOVAZIONE, MERCATI E CREAZIONE D IMPRESA. Bando di concorso per l ammissione al MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO CULTURA DELL INNOVAZIONE, MERCATI E CREAZIONE D IMPRESA Sede di Bologna codice: 8159 Anno Accademico 2008/09 Scadenza Bando : 31

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D.R. n. 1000 del 16.7.2013 Master di I Livello in MANAGEMENT DEI PRODOTTI E SERVIZI DELLA COMUNICAZIONE I L R E T T O R E VISTO lo Statuto dell'università degli Studi di Cagliari, emanato con D.R. n. 339

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. A.G Decreto n.211 IL RETTORE Visto il D.M. 270/04; Visto Visto Vista Preso atto Vista Attesa Visto il Regolamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Bando di concorso per l ammissione al Master universitario di I livello in International Management - MIEX Sede di Bologna codice: 8367 Anno Accademico 2014-2015 Scadenza bando: 14 luglio 2014 ore 13,00

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli