Scelte di Outsourcing in sanità: aspetti e strumenti del management infermieristico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scelte di Outsourcing in sanità: aspetti e strumenti del management infermieristico"

Transcript

1 pubblicazioni Scelte di Outsourcing in sanità: aspetti e strumenti del management infermieristico di Dott.ssa Annalisa Alberti Dirigente SITRA, A.O G.Salvini Garbagnate Milanese(MI) di Dott.ssa Claudia Timoftica Infermiera - Professore a contratto di Statistica Medica, Facoltà di Medicina e Chirurgia CdL Infermieristica di Luca Guidi Coordinatore Infermieristico A.O G.Salvini Garbagnate Milanese (MI) Commento: data la complessità dell argomento, e la scarsità di materiale sugli aspetti infermieristici, l articolo vuole essere uno spunto di riflessione e di ricerca rivolto prevalentemente a chi si occupa di Coordinamento e Direzione delle risorse umane. Introduzione Nel corso dell ultimo decennio, una serie di fattori associati al contesto sociale economico e politico, hanno portato a un ripensamento delle modalità operative e degli assetti istituzionali tradizionalmente adottati dalle pubbliche amministrazioni (PA). L introduzione di logiche e modelli propri dell approccio economico aziendale, e le riforme attuate per la PA hanno favorito l introduzione di strumenti tradizionalmente usati nel settore privato per il conseguimento dell economicità di gestione 1. Nel settore sanitario, l incapacità del SSN di garantire adeguati livelli di efficienza, efficacia e qualità della prestazione anche dopo i decreti 502/92 e 517/93, ha portato il management sanitario a ricercare soluzioni atte a modificare le modalità di gestione delle combinazioni economiche delle aziende sanitarie con lo scopo di ridurre l estensione verticale delle combinazioni di produzione e consumo A. In un ottica di riassetto organizzativo, specializzazione e complementarietà, l esigenza di rendere l azienda sanitaria più snella, flessibile e adattabile alle opportunità e ai vincoli provenienti dall ambiente esterno si è sostanziata nella ricerca di un equilibrio dinamico e sinergico tra competenze, risorse e attività interne e quelle acquisibili all esterno attraverso l instaurazione di opportune relazioni di collaborazione e partnership. Tra le diverse possibili strategie di esternalizzazione, cioè il coinvolgimento di attori esterni per lo svolgimento di attività di pertinenza dell azienda e precedentemente svolte in house assumono rilievo, i rapporti di: consorzi subfornitura outsourcing Tralasciando la sub-fornitura e i consorzi, l outsourcing è quella particolare modalità di esternalizzazione che ha per oggetto l enucleazione di intere aree di attività, strategiche e non, che si fonda sulla costituzione di una partnership tra l azienda A. I decreti istituirono le Aziende Sanitarie con adeguati spazi di autonomia economica e amministrativa 34. N.1/ IO INFERMIERE

2 che esternalizza e un azienda già presente sul mercato in qualità di specialista 2. Quindi l outsourcing è un sistema di gestione attraverso il quale un azienda sposta all esterno della propria organizzazione, alcune parti del processo di produzione, che tendenzialmente non rientrano secondo essa nelle attività strategiche caratterizzanti il proprio core-service, ovvero quello per cui si distingue sul mercato o per cui si è specializzata 3. Breve revisione della letteratura La letteratura nazionale e internazionale ha ampiamente affrontato i vantaggi della diffusione dell outsourcing in una azienda privata, nei settori produttivi o nelle fasi di un processo 4-5. Analoga attenzione è stata dedicata ai potenziali benefici dell outsourcing nel settore sanitario, nel quale lo strumento in discussione ha registrato nel corso degli ultimi anni un notevole sviluppo a livello internazionale 6-7. Le teorie considerano l azienda come un insieme di risorse di carattere: organizzativo umano fisico Tali risorse interne, se poi rare e difficilmente imitabili, costituiscono la chiave di volta per l acquisizione di un vantaggio competitivo sostenibile. Per sfruttare a pieno tali risorse, potrebbe risultare necessario disporne di complementari rispetto a quelle già esistenti, reperite all esterno attraverso rapporti di collaborazione con altre aziende, instaurando con esse rapporti di outsourcing. Ciò consentirebbe di colmare il gap tra quanto disponibile internamente e quanto necessario per il perseguimento della strategia. Questo prevede una...l outsourcing è un sistema di gestione attraverso il quale un azienda sposta all esterno della propria organizzazione, alcune parti del processo di produzione... preventiva analisi delle risorse interne esistenti e dei punti di debolezza dell azienda 8. Oggi più che in passato, le aziende affidano a terzi il compito di svolgere fasi del processo produttivo, incluse quelle a elevato contenuto gestionale, per dedicarsi, a attività per le quali si ritiene di disporre di competenze distintive tali da generare un vantaggio competitivo sostenibile. In particolare l outsourcing delle attività non critiche e per le quali non si dispone di competenze specifiche, permette all azienda di focalizzare la propria attenzione sulle attività che consentono il conseguimento del vantaggio competitivo. Altra motivazione alle scelte di outsourcing può essere individuata nelle pressioni che provengono dal contesto di riferimento. Specialmente in determinati settori, le aziende ricevono pressioni sociali dall ambiente istituzionale nel quale operano e alle quali tentano di rispondere per poter sopravvivere 9. Nelle aziende sanitarie il contesto normativo potrebbe influenzare in modo significativo le scelte di outsourcing. Si pensi all insieme dei vincoli per la gestione delle risorse umane B. Questi ultimi potrebbero essere attenuati attraverso il ricorso all affidamento all esterno di determinate attività o servizi precedentemente svolti all interno 10. Analizzando importanti studi emerge che B. È possibile ricorre a rapporti di collaborazione con il privato per attività in tutela della salute- art 9-bis del d.lgs..502/92 e successivo d-lgs. 229/99 art.10. che confermano la possibilità di usare modelli gestionali innovativi. Inoltre l Art. 36. comma 7 del d.lgs 29/93 prevede per la PA(il privato è già fruitore di tali possibilità normative) la facoltà di avvalersi di forme contrattuali flessibili nei rapporti con il personale di cui si avvale. IO INFERMIERE - N.1/

3 l outsourcing sembra produrre risultati in termini strategici ed economici, ma in misura inferiore rispetto a quanto atteso dal management aziendale e talora non sufficiente per giustificare i cambiamenti organizzativi. Secondo una ricerca dell American Management Association, circa il 75% dei manager intervistati ritiene che le operazioni di outsourcing non abbiano raggiunto i risultati attesi e oltre il 50% rivela di aver riportato in house almeno una delle attività precedentemente affidate a terzi 11. Altri punti critici emersi dalle ricerche sono: il rapporto che intercorre con il terzo (fornitore del servizio), la difficoltà di collaborazione tra prestatori di lavoro interni e personale in outsourcing 12. Tra i fattori in grado di influenzare il successo delle operazioni, la letteratura indica la presenza tra le parti di elementi di natura relazionale. In particolare, il successo delle operazioni di outsourcing risulterebbe minore qualora realizzate per motivazioni prevalentemente economiche 13 o per reazione a vincoli contingenti e maggiore qualora il rapporto sia impostato secondo logiche di partnership 14. Se da un lato l outsourcing può consentire l ottenimento di benefici, dall altro può incidere negativamente sul conseguimento delle finalità istituzionali a causa dei possibili effetti sulla qualità dell output erogato, sui rapporti interpersonali e professionali, sul clima aziendale per il possibile aumento di tensioni interne, e sulla motivazione del personale 15. Nelle aziende sanitarie, tipici sistemi professionali 16, la qualità dell output erogato, la sua efficacia e la sua apropriatezza dipendono in maniera cruciale dall assistenza prestata al paziente, rispetto alla quale l attività infermieristica per sua stessa natura riveste un ruolo essenziale. Outsourcing e campo di applicazione Gli esperti di organizzazione aziendale hanno identificato due tipologie di motivazioni che possono indurre un azienda/istituzione ad esternalizzare un settore produttivo o un servizio, ribadendo che, quando le ragioni tattiche (come riduzioni dei costi operativi, la difficoltà nella gestione o nel controllo di una funzione aziendale più o meno complessa) prevalgono su quelle strategiche (quali la riduzione dei rischi, l aumento della produttività, il focalizzarsi sul corebusiness,..), le possibilità di ottenere risultati insoddisfacenti aumentano 17. Al contrario, sono una solida base per un outsourcing efficace, le decisioni fondate su considerazioni di carattere strategico, tendenti a concentrare le proprie attività nelle aree in cui l azienda/istituzione costituisce il proprio vantaggio competitivo 18. Se in una prima fase di sviluppo del fenomeno Tabella 1: Servizi erogabili dal privato nelle organizzazioni sanitarie Manutenzione Servizio accoglienza e reception Alloggio Fornitura presidi Parcheggi Fornitura materiale sterile Mensa Sicurezza Poste Alloggio per parenti Pulizie Negozi Gestione manutenzione struttura Gestione telecomunicazione Manutenzione apparecchiature elettromedicali Smaltimento rifiuti Servizi finanziari/legali Gestione sistemi informatici Servizio giardinaggio Trasporti interni(attività di pedonaggio) Lavanderia Eventi formativi (Fonte: Smith modificato da Alberti A, C.Timoftica, Guidi L. Tratto da d Amore M 2008) 36. N.1/ IO INFERMIERE

4 dell ourtsourcing le aziende sanitarie sono ricorse all affidamento all esterno di attività non sanitarie o periferiche rispetto al core bisness (outsourcing tradizionale), in tempi più recenti la prassi in discussione è stata estesa anche a fasi del processo produttivo Tabella 2: Outsourcing: le differenze fra campi di applicazione Settore for-profit Distinzione pertinente fra attività di core e attività di contorno Si esternalizzano attività e servizi ausiliari Outsourcer altamente specializzato Si definiscono aspettative di qualità e standard Attivazione sistema di controllo dell autsourcer Quantificazione costi ex-ante ed ex-post C Motivazione di carattere strategico economicamente quantificabili Motivazione di carattere tattico economicamente quantificabili Settore infermieristico Distinzione non pertinente fra attività di core e attività di contorno Si esternalizza un attività di core-service Outsourcer non specializzato, selezione in base al costo e non in base alla competenza Si definiscono aspettative di risparmio Non attivazione sistema di controllo dell outsourcer Non quantificazione costi ex-post C Motivazioni non ben quantificabili, se non per riduzione costi di rischio Motivazioni non ben quantificabili, se non per riduzione costi operativi (Fonte: Amore M modificato da Alberti A, C.Timoftica, Guidi L.) sanitario ad elevata complessità gestionale e tradizionalmente riconducibili al core business 1. Sebbene l affidamento a terzi si concentri soprattutto nell area dei servizi ausiliari, non mancano casi di outsourcing di servizi diagnostici, essenziali e sociosanitari 19. Coerentemente con le indicazioni rintracciabili in letteratura, dubbi sorgono tuttavia sulla effettiva capacità dei rapporti di outsourcing attivati, di conseguire i risultati attesi Smith C.A (1999) un autorevole studioso anglosassone ha individuato i servizi erogati tradizionalmente dal privato in un organizzazione sanitaria. (Tabella n 1) Fra questi non è presente l assistenza infermieristica, che definita come un comportamento osservabile che si attua mediante lo svolgimento di un complesso di azioni (prestazioni) fra loro coordinate, per risolvere un bisogno specifico manifestatisi in un cittadino/malato, è quindi da intendersi come parte integrante del core-service 21. Le disfunzioni accennate prima riguardano l applicazione dell outsourcing rispetto all assistenza, anche per le differenze fra campi di applicazione: fra lo strumento del settore for-profit in generale e l assistenza infermieristica. (Tabella n 2) L outsourcing della risorsa umana infermieristica L outsourcing del personale infermieristico al contrario di quello medico, presenta diverse problematiche legate al ruolo svolto dallo stesso nella definizione, qualificazione e quantificazione dell output erogato dall azienda. L assistenza infermieristica contribuisce direttamente alla definizione del core service dell azienda sanitaria, alla creazione di valore e, qualora interpretata dall azienda come core competence al conseguimento del vantaggio competitivo 22. In Italia, la diversa percezione di alcuni Top Manager aziendali della rilevanza strategica dei servizi infermieristici induce a interpretare questi ultimi come attività essenziali ma non qualificabili per tutti come core competencies della specifica azienda. Per tali aziende i servizi infermieristici, sono necessari ed essenziali per lo svolgimento dei processi sanitari, ma non significativi al fine del conseguimento del vantaggio competitivo, potrebbero quindi essere configurati come basic activities cioè, attività necessarie per il funzionamento dell azienda ma che non danno vantaggio competitivo 23. C. I costi ex-ante derivano dalla necessità di definire e quantificare una transazione, i costi ex-post traggono origine dalla necessità di modificare la struttura di gestione scelta in quanto non più in grado di governare la transazione nel caso si manifesti un comportamento di prevaricazione o opportunistico del terzo. IO INFERMIERE - N.1/

5 Attività di contesto Professionalità Sanitarie Non-core Vantaggio competitivo Assistenza medico-infermieristica Professionalità Sanitarie Core In linea di principio, gli studi riportati in letteratura sottolineano l inappropriatezza dell outsourcing del personale qualora l attività sia riconducibile al core business dell azienda e sia per sua natura di carattere relazionale e non sia strettamente routinaria Tali caratteristiche sono riscontrabili e caratterizzanti la professione infermieristica, per la quale andrebbe evitato il ricorso all outsourcing 22. In Italia invece le A.O Pubbliche e Private ricorrono all outsourcing del personale infermieristico, normalmente per far fronte a carenze temporanee di professionalità, dovute anche a vincoli normativo istituzionali (outsourcing di soluzione D ) 26, per far fronte a una carenza di personale che non può essere altrimenti affrontata in modo efficace a causa delle rigidità insite nel contesto istituzionale di riferimento. È ancora in fase di studio se il ricorso all outsourcing delle risorse umane infermieristiche consentirà alle aziende sanitarie di conseguire vantaggi in termini reddituali attraverso l eliminazione dei costi diretti e indiretti correlati all assunzione, alla formazione, alla supervisione, alla gestione amministrativa e alla sostituzione del personale. In sintesi i principali vantaggi percepiti, del ricorso all outsourcing del personale infermieristico possono essere ricondotti 22 : Questi aspetti dipendono da una valutazione a priori dei fattori che influenzano i risultati dell operazione di outsourcing. Tra questi fattori rientrano le caratteristiche del terzo che influenzano la tipologia e l intensità della relazione oltre al contenuto del contratto intercorrente tra le parti. Particolare attenzione inoltre, deve essere posta nella selezione e stipula del contratto, risulta quindi fondamentale la preparazione del management infermieristico a tutti i livelli dell azienda sanitaria, quadri intermedi e dirigenza che gestirà le fasi 27. Sebbene la fase preliminare sia fondamentale per la creazione del valore, proprio per l importanza dell attività infermieristica nel processo assistenziale, nella fase operativa (inserimento del personale nelle Unità Operative), si dovranno considerare le condizioni organizzative e relazionali che possono influenzare la performance, e l outcome e quindi l esito della stessa operazione di outsourcing. Uno strumento del management infermieristico per pianificare le scelte di outsourcing La direzione infermieristica con il suo 4 livello funzionale, all apice di un una struttura organizzativa complessa E, ha tra le sue competenze quelle di pianificare, dirigere e gestire i costi in relazione agli obiettivi ed alle politiche assistenziali/sanitarie, applicare il Problem solving e il Decision making nella Sostituzione immediata del personale assente a cura terzo Attività di formazione e aggiornamento del personale in outsourcing a carico del terzo Attività inerenti all assunzione del personale in in outsourcing a carico del terzo Gestione operativa e amministrativa del personale in outsourcing a carico del terzo Sostituzione di costi fissi del lavoro con costi variabili D. Si ricorre all outsourcing di soluzione qualora l azienda non intenda dismettere la specifica attività o qualche fase del processo produttivo, ma esigenze contingenti o urgenti richiedono il ricorso a soggetti esterni per la fornitura parziale delle professionalità necessarie in questo caso infermieristiche. E. In Italia identificato come Dirigente Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitativo Assistenziale. 38. N.1/ IO INFERMIERE

6 gestione delle attività finanziarie partecipando alla pianificazione del fabbisogno del personale di assistenza. Ribadendo l importanza della relazione che si instaura tra il terzo e l azienda sanitaria anche in funzione di una buona operazione di outsourcing, alcuni ricercatori americani, propongono un format di aree/competenze che il terzo deve dimostrare di possedere per potere proporsi come erogatore di servizi infermieristici. Queste aree verranno indagate nel momento della selezione dal Dirigente Infermieristico 29 : Sommario esecutivo: raccolta breve e coincisa degli obiettivi e soluzioni richieste. Organizzazione: stato, nome, indirizzo e sede operativa, inclusi legami con associazioni pubbliche e private, Mission, direzione, competenze specialistiche. Stabilità finanziaria: situazione finanziaria, liquidità e bilancio sociale. Perdite di bilancio o attività comprese eventuali pendenze con istituti di credito. Processo: specificare gli obiettivi e come intende raggiungerli gli indicatori di processo adottati da entrambe le parti. Il sistema di pagamento, la capacità del supporto informatico. Struttura gestionale del progetto: descrizione del team di implementazione del progetto, con il responsabile del progetto e delle varie fasi. Dichiarazione dei contratti usati, licenze possedute ecc. Piano per risoluzione dei problemi: spiegazione del piano di risoluzione di problematiche contingenti e straordinarie che riguardano il personale la struttura. Risposte del servizio e crescite organizzative: piano di crescita del servizio a 3 e 5 anni. L infrastruttura del sistema e i programmi del software: descrizione del software usato dal venditore, i criteri decisionali per la scelta del software. Le strutture informatiche per supportare il lavoro, la manutenzione del server, dei servizi tecnici, inclusa la frequenza di aggiornamento dei programmi. Precedenti esperienze e referenze: specificare il livello di competenza di capacità di svolgere le funzioni richieste, le esperienze rilevanti in organizzazione di simili servizi. Dichiarazione dei principi etici, sensibilità culturale, caratteristiche distintive dei membri del management. Prezzo e termini di pagamento: descrizione dei servizi offerti, il motivo della competitività per quel prezzo. Se rimarrà competitivo nel tempo o se ci saranno variazioni e in base a che cosa. I termini di pagamento incluse le procedure di cambiamento. Autorizzazione alla negoziazione: determina l ufficialità della contrattazione e le procedure successive. Conclusioni L introduzione di logiche e modelli propri dell approccio economico aziendale, hanno portato all introduzione anche nelle PA di strumenti usati nel settore privato, affidando a terzi fasi del processo produttivo. Se da un lato l outsourcing può servire per conseguire benefici dall altro può incidere in modo negativo sul conseguimento delle finalità istituzionali. In Italia le AO Pubbliche e Private ricorrono all outsourcing del personale Infermieristico, normalmente per far fronte a carenze temporanee di professionalità attenuando i vincoli in materia di gestione del personale. In secondo luogo per la percezione della limitata rilevanza strategica dei servizi infermieristici per il raggiungimento del vantaggio competitivo. Affinché l operazione di outsourcing della risorsa umana infermieristica vada a buon fine risulta strategico nella fase preliminare la scelta del terzo e la stipula del contratto anche con strumenti propri del management infermieristico. Successivamente nella fase operativa le condizioni organizzative e relazionali influenzeranno la performance, e l outcome del processo assistenziale, e di conseguenza l esito finale dell operazione di outsourcing. Note: l articolo è ripreso dai lavori, della Prof. M. S. Macinati citati in bibliografia, ricercatrice dell Università Cattolica di Roma, consultata prima della pubblicazione, e dal lavoro di d Amore M, Peroni A del 2008 da cui sono state modificate le tabelle presenti. La bibliografia è presente sul sito internet nella sezione IO INFERMIERE IO INFERMIERE - N.1/

7 Bibliografia 1. Macinati M.S.(2006), Outsourcing in sanità:successo o fallimento? Indicazioni da una ricerca empirica, Politiche Sanitarie, 3: Arcari AM(1996), L outsourcing: una possibile modalità di organizzazione delle attivitàndi servizi, Economia & Management, 4: Gianani R, Massara, A.M.(2000), Outsourcing e sanità. Milano: Franco angeli 4. Kakabadse A, Kakabadse N (2002), Trends in outsourcing, European Management Journal, 20: McCarthy I, Anagnostou A (2004), The impact of outsourcing on the transaction cost and boundaries of manufacturing, International Journal of Production Economics, 88: Young S (2005). Outsourcing in the Australian health sector, Intern. Journal of Public sector Management, 18: Janssens SM, Mohaghegh S (2005), Outsourcing versus in house provision of sleep diagnostic service, Journal of american Accademy of Business, 6: Grant RM (1991), The resource based theory of competitive advantage: implication for strategy formulation, California Management Review, 33: Scott WR,(1987), The adolescenze of institutional theory, Administrative Science Quarterly, 32: Macinati MS (2006), Scelte di outsourcing in sanità: I risultati di una ricerca empirica, Tendenze Nuove 4-5: Greenberg ER, Canzoneri C (1997), Outsourcing: the AMA survey, American Managemnt Association, New York. 12 Byrne JA(1996), Has outsourcing gone too far? It s the corporate rage, but farming out work can cost a company dearly, Business Week, April 1: Young S, McNeil J (2000), When performance fails to meet expectations: managers objectives for outsourcing, The Economics and Labour Relations Review, 11: Brandes H, Lilliecreutz J, Brege S (1997), outsourcing: success or failure? Findings from five case studi, European Journal of Phurcasing and Supplay management, 3: Society for human Resource Manage.(2004), Human resource outsourcing survey report, SHRM Research, Virginia. 16 Mintzberg H.(1979), The structuring of organization, Prentice Hall, Englewood Cliffs. 17 Cicchetti, A.(2004). La progettazione organizzativa. Milano: Franco Angeli Sanità. 18 Ferrocino N (2004). Dossier: l outsourcing. Cultura d Impresa. Accesso 05/01/09 da 19 Macinati MS(2006). Il ricorso all outsourcing nel Ssn: i risultati di un indagine empirica, Mecosan, 57: PA Counsulting Group(1996), International strategic sourcing survey, PA Consultino, London. 21 d Amore M, Peroni A, (2008), Outsourcing delle risorse umane infermieristiche tra etica e management: l indagine in una azienda U.S.L della Regione Lazio. Prof Inferm.61(2): Macinati MS(2007). Personale infermieristico interno e in outsourcing: contesto aziendale e soddisfazione professionale. Mecosan. 64: Macinati MS(2007). Outsourcing in the Italian National Health service: findings from a national survey. Int J Health Plann Mgmt. 24 Gilley K.M, et al(2004). Human resource outsourcing and performance in manufacturing firm, Journal of Business Research, 57.pp Lepack DP, Snell SA( 1998). Virtual HR : strategic human resource management in the 21st century. Human resource Management Review,8, pp Accabi R, Lopez L(1995). Outsourcing estremo per situazioni complesse., l Impresa, 10,pp Shaffer, Franklin A.(2000). Outsourcing: A managerial competency for the 21st Century. Nursing Administrator. 25(1): Saiani L. Brugnolli A. Gli obiettivi ed i contenuti core di management infermieristico nei percorsi formativi di base e post-base. 25(2): Mackey A. T, McNiel O.N, Klingensmith K.(2004) Outsourcing Issue for Nurse Practitioner Practices. Nursing economic 22: 21-33

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli