COMUNICAZIONE E LEADERSHIP PER IL PERSONALE DIRIGENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICAZIONE E LEADERSHIP 2014-2016 PER IL PERSONALE DIRIGENTE"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE IN MANAGEMENT, COMUNICAZIONE E LEADERSHIP PER IL PERSONALE DIRIGENTE DELL AZIENDA SANITARIA DELL ALTO ADIGE Persona di riferimento per l Accademia Europea Bolzano (EURAC): Ines Simbrig Persona di riferimento per l Università della Svizzera Italiana (USI): Marisa Clemenz

2 Obiettivi e risultati attesi Le e i dirigenti partecipanti sono rafforzati nella loro capacità dirigenziale individuale e indirizzano il loro atteggiamento sull efficace gestione delle persone sono in grado di affrontare più efficacemente i conflitti e costruire la propria competenza comunicativa ricavano strumenti per l organizzazione, valutazione e sviluppo di compiti dirigenziali e sono in grado di gestire diversi metodi dello sviluppo del personale adatti alle diverse situazioni raggiungono una nuova funzionalità nella dimensione aziendale e orientata al management del personale sono in grado di implementare nei loro settori di responsabilità sia innovazioni strategiche sia iniziative per la produttività e la riduzione dei costi hanno una visuale allargata dei compiti dirigenziali tramite un intenso scambio di esperienze nel gruppo così come tramite le best practices, hanno un contatto diretto con la realtà ed elementi di transfer per l attuazione concreta, suggerimenti ed impulsi sviluppano insieme soluzioni e la loro realizzazione nel sistema dirigenziale ricevono consulenza e supporto nella pratica dirigenziale Possono far riconoscere i punti ECTS guadagnati tramite questo corso per eventuali ulteriori percorsi di studio presso l USI. Contenuti e svolgimento Il corso di formazione si terrà fra novembre 2014 e giugno 2016 e sarà formato da 8 moduli da 3 giornate. Alla fine di ogni modulo si terrà un esame. Le persone partecipanti, inoltre, elaboreranno un progetto orientato alla pratica in piccoli gruppi in altre 6 giornate (3 giorni singoli in aula, 3 giorni di lavori in gruppo fuori aula). Dopo l ultimo modulo i progetti saranno presentati nel corso di una manifestazione finale di mezza giornata. 1

3 Modulo 1: Comunicazione, management del conflitto, dinamica di gruppo Bianca Ender, Bernd Karner Date: novembre 2014 / EURAC Acquisire conoscenze teoriche in merito ai processi comunicativi Migliorare le proprie capacità comunicative, di ascolto e di osservazione Apprendere elementi di comprensione delle dinamiche di gruppo e delle situazioni conflittuali Imparare a gestire i conflitti all'interno dei gruppi Le relazioni interpersonali e la comunicazione efficace: gli assiomi e le tecniche della comunicazione Elementi teorici per la facilitazione della comprensione reciproca, l ascolto attivo e gli strumenti per una comunicazione efficace Esercitazioni e simulazioni sulla comunicazione efficace Gruppi e conflitti: fasi di sviluppo di un gruppo, caratteristiche, dinamiche e comportamenti in gruppo Competizione e collaborazione nei gruppi di lavoro, Riconoscimento, gestione e trasformazioe dei conflitti Esercitazioni e simulazioni volte a lavorare sui comportamenti che facilitano e ostacolano l efficienza e l efficacia di un team e sulla risoluzione dei conflitti 2

4 Modulo 2: Human Resource Management Daniel Keller Date: febbraio 2015 / EURAC Migliorare in modo cruciale la propria competenza di gestione Attivare e rafforzare i potenziali di performance e le competenze dei dirigenti e collaboratori Il management come professione anziché vocazione: standard professionali Principi, compiti e strumenti di gestione efficace nell applicazione - al dirigente stesso (gestione di se stesso) - al superiore (gestione del capo) - ai collaboratori (gestione dei collaboratori) - ai colleghi (gestione dei colleghi) Aumento dell efficacia di persone nelle organizzazioni: conoscere e utilizzare potenziali di performance La comunicazione efficace del dirigente Modulo 3: Management Sanitario Marco Meneguzzo, Gianni Rossi, Angelo Tanese Date: aprile 2015 / EURAC Conoscere i concetti ed il linguaggio base dell analisi economico-aziendale applicata al settore sanitario 3

5 Fornire una visione complessiva delle discipline manageriali e stimolare la crescita di competenze di analisi delle istituzioni sanitarie viste come realtà aziendali in un ottica unitaria, capace di coniugare elementi di analisi dell ambiente economico, sociale e di settore con logiche e tecniche di management Introdurre alle logiche ed ai metodi di misurazione e valutazione dei risultati ed ad alle modalità di individuazione e coinvolgimento degli stakeholders Lo sviluppo dell approccio economico-aziendale nei sistemi sanitari Assetti istituzionali ed assetti proprietari (pubblico, privato for profit, privato non profit) I processi tipici delle aziende sanitarie: organizzazione, gestione, e rilevazione (finanza e sistemi contabili) Tecniche e logiche di management: visione d insieme ed analisi delle tendenze in atto a livello internazionale (H+, EHMA, ecc.) Il principio di economicità e logiche di rendicontazione: - logica di equilibrio economico - logica di sviluppo organizzativo - logica di competitività e qualità dei servizi - logica di sostenibilità e legittimazione sociale delle scelte Valutazione delle performance nelle aziende sanitarie Le diverse tipologie di aziende sanitarie Assetti proprietari ed influenza sulla missione aziendale Esercitazione e discussione in gruppo sulla mappatura degli stakeholder Logiche di accountability e sistemi di rendicontazione sociale nelle aziende sanitari Lavoro di progetto Bianca Ender e Bernd Karner Data: 19 maggio 2015 / Bad Bachgart 4

6 Modulo 4: Strategia e pianificazione Marco Meneguzzo, Giorgio Pellanda, Francesco Ripa di Meana Date: settembre 2015 / EURAC Conoscere le tendenze in atto nell ambiente di riferimento in cui operano aziende, autorità ed istituzioni attive nel settore sanitario e sociosanitario Accrescere la capacità di formulare, realizzare e verificare i risultati di strategie aziendali, con particolare attenzione a strategie di partnership e cooperazione ed alla creazione di network e reti Offrire un'ampia visione sulla gestione e controllo strategico e sul raccordo tra scelte strategiche e strategie organizzative Contenuti Introduzione ai sistemi di pianificazione strategica nelle organizzazioni sanitarie Punti di convergenza e divergenza nei processi di formulazione strategica tra organizzazioni sanitarie pubbliche, private no profit e for profit L adozione dei sistemi pianificazione e gestione strategica nelle diverse tipologie di organizzazioni sanitarie (ospedali, centri diagnostici, reti ospedalieri, case per anziani, ospedali specializzati ed universitari) Le esperienze di pianificazione strategica nelle ASL e nelle AO a livello europeo, svizzero ed italiano Presentazione di un'esperienza di riorientamento strategico Il collegamento tra pianificazione strategica e sistemi di performance management I processi di formulazione della strategia; le analisi SWOT / SWOC L analisi dell ambiente esterno (politico, sociale ed economico) e del sistema competitivo in chiave di minacce ed opportunità L analisi dell ambiente interno; punti di forza e debolezza dell organizzazione I processi di controllo strategico Tecniche e metodologie per il controllo strategico: la Balanced scorecard (BSC) 5

7 L adozione della BSC nelle istituzioni sociosanitarie Dalla pianificazione strategica alla attuazione della strategia: il raccordo tra scelte strategiche e le scelte organizzative Modulo 5: Analisi di bilancio, Programmazione e controllo di gestione / Budgeting Domenico Ferrari, Stefano Calciolari Date: novembre 2015 / EURAC Conoscere le principali prospettive della rendicontazione aziendale e le sue specificità nel contesto sanitario (pubblico) Saper leggere ed interpretare i documenti di bilancio fondamentali Conoscere i principi della contabilità analitica e del controllo di gestione calati nelle specificità del settore sanitario Conoscere e saper discutere i principali report a supporto della programmazione aziendale Il sistema azienda e i valori degli scambi economici La dimensione patrimoniale e reddituale di un azienda: Il conto economico ed il conto del patrimonio L analisi del bilancio: riclassificazioni dei documenti contabili e indici di bilancio Caso didattico su riclassificazioni e analisi per indici: applicazione dei concetti di redditività, solidità e liquidità. Programmazione e controllo di gestione (P&C) nel settore sanitario Il modello di contabilità analitica: principi e concetti fondamentali La programmazione e il budgeting 6

8 Il benchmarking: tipologie, processo d implementazione e relazioni con la contabilità analitica Lavoro di progetto Bianca Ender e Bernd Karner Data: 9 dicembre 2015 / Bad Bachgart Modulo 6: Modelli organizzativi Stefano Calciolari, Carlo De Pietro Date: 1-3 febbraio 2016 / EURAC Conoscere i fondamentali principi organizzativi ed i criteri di progettazione delle organizzazioni, tenendo conto delle specificità settore sanitario Saper valutare la coerenza tra obiettivi strategici e scelte di progettazione organizzativa Conoscere i principi e le logiche di cambiamento organizzativo in contesti ad alta professionalizzazione Leggere i trend di sviluppo organizzativo (in ambito acuto e del territorio) Elementi di progettazione organizzativa in sanità Analisi organizzativa: archetipi e modelli organizzativi Parametri fondamentali del design organizzativo Dalla progettazione organizzativa allo sviluppo organizzativo - Il cambiamento organizzativo in sanità: un modello interpretativo per la sua gestione - Principi e logiche di gestione del cambiamento: attori, fasi e strategie di 7

9 comportamento - Leadership, cultura organizzativa e tattiche di mobilitazione del personale - Istituzionalizzazione del cambiamento Un caso emblematico di riprogettazione e sviluppo organizzativo L evoluzione dei modelli organizzativi nell assistenza acuta (trend nazionali ed internazionali) - dipartimentalizzazione - modelli per intensità di cura ed assistenza - Asset management vs. disease management L evoluzione dei modelli organizzativi per l integrazione ospedale-territorio Modulo 7 Gestione dei processi e percorsi diagnostico-terapeutici Giovanni Rabito, Andrea Capponi Data: 4-5 aprile 2016 / EURAC Conoscere i principi della gestione per processi Saper descrivere (in termini di percorsi diagnostico-terapeutici) le modalità di trattamento di un problema di salute all interno di una struttura sanitaria o di reti di strutture sanitarie Conoscere principi ed informazioni utili alla progettazione di un sistema di monitoraggio e reporting dei percorsi diagnostico-terapeutici La gestione per processi: approccio manageriale al coordinamento dei servizi per il paziente Tipologie di processo e implicazioni organizzative 8

10 Un particolare processo in sanità: il percorso diagnostico-terapeutico La gestione per processi come strumento di governo clinico I sistemi di governo integrato: precondizioni organizzative, principali strumenti ed esperienze applicative pratiche Proposta di percorso logico per l introduzione e lo sviluppo di un sistema di governo clinico Metodologia per la definizione dei percorsi diagnostico-terapeutici e assistenziali Presentazione di due esperienze concrete di eccellenza Progettazione di un sistema di reporting e monitoraggio dei percorsi del paziente Diritto amministrativo e responsabilità giuridica dei dirigenti pubblici Anton von Walther Data: 6 aprile 2016, / EURAC Ottenere più chiarezza rispetto alla responsabilità amministrativa Raggiungere più certezza rispetto a determinati decisioni Distinzione tra responsabilità penale, civile e amministrativa Premessa della responsabilità diritto costituzionale, principi legali Elementi della responsabilità: Proposito/negligenza azione/omissione Entità del danno Differenziazione della responsabilità dei dipendenti dalla responsabilità dell ente Corte dei conti accenni storici, organizzazione, poteri Colpa grave Limitazioni di responsabilità: forza maggiore, coincidenza, errore, stato d emergenza, legittima difesa Giurisprudenza della corte dei conti Accenni rispetto alla responsabilità penale 9

11 Bioetica Deborah Mascalzoni Data: 6 aprile 2016, / EURAC Obiettivo: Aggiornare il background etico dei partecipanti in modo da orientarli all etica gestionale con il paziente al centro Etica medica: refreshment e punti salienti Principi di etica gestionale Il paziente al centro: approcci etici alla cura Consenso informato al trattamento Consenso informato per la ricerca Normativa per il trattamento dei dati Lavoro di progetto Bianca Ender e Bernd Karner Data: 3 maggio 2016 / Bad Bachgart 10

12 Modulo 8: Pianificazione, management e valutazione della qualità Josef Bernhart, Kurt Promberger Date: 7-9 giugno 2016 / EURAC Ricevere i concetti di base rispetto alla qualità sociosanitaria e conoscere i modelli più conosciuti per la valutazione della qualità Progettare e applicare strumenti di valutazione della qualità Sistemi di qualità nella sanità e nei servizi sociosanitari Caso pratico: implementazione di un sistema di qualità nella sanità Gradimento dei clienti rispetto ai servizi umani Discussione di casi: Valutazione e utilizzazione del gradimento dei clienti Benchmarking nella sanità e nei servizi sociosanitari Presentazione finale dei lavori di progetto Data: 10 giugno 2016, / EURAC 11

13 Lavoro di progetto Il lavoro di progetto deve permettere il trasferimento dei contenuti del corso nel proprio ambiente lavorativo dando la possibilità ai partecipanti di poter applicare concretamente tutto ciò che può costituire un miglioramento della loro attività e del loro ruolo all interno della struttura in cui operano. Gli obiettivi sono: La persone partecipanti descrivono casistiche del proprio vissuto professionale utilizzano su questi casi i concetti imparati (teorie, modelli, strumenti) ed elaborati personalmente guadagnano in questo modo una conoscenza più profonda ed allargata del proprio agire dirigenziale traggono conseguenze per lo sviluppo e l ottimizzazione della pratica professionale. Ogni gruppo di lavoro cerca, fra le relatrici o i relatori, una persona con competenze tecniche che accompagnerà il gruppo tramite telefono oppure . Nei tre giorni singoli i tutor Bianca Ender e Bernd Karner accompagneranno i processi. In ulteriori tre giornate, che le persone partecipanti trascorreranno al di fuori dell aula, sarà sviluppato anche il lavoro su progetti (in gruppi). Alla fine ogni persona partecipante dovrà presentare un elaborato personale scritto su pianificazione, contenuti, attuazione e risultati personali concreti del progetto, da utilizzare nella pratica professionale. La valutazione del lavoro di progetto (sostenuto / non sostenuto) sarà effettuato sia dal relatore / la relatrice scelta che da Bernd Karner e Bianca Ender. I risultati dei lavori di progetto saranno presentati in una mezza giornata dopo l ultimo modulo. 12

14 Coaching Il presente programma, oltre a permettere la trasmissione di contenuti inerenti la pratica professionale, garantisce che il personale dirigenziale che partecipa al corso cresca nella propria competenza dirigenziale personale e possa riflettere sui processi e sulle sfide attuali o in divenire. Il coaching è orientato alle soluzioni e mette al centro la persona come individuo per sostenerla in tutte le sfaccettature della sua personalità. Si tratta di una relazione basata sul rispetto e affidamento reciproci che funziona su base volontaria. In ogni seduta di coaching vengono definiti obiettivi chiari per poi poter sviluppare possibilità di come raggiungerli. Risultati attesi del coaching: risolvere problemi concreti ed attuali scavalcare al meglio l incertezza di decisione avere concetti più chiari del proprio lavoro da dirigente gestire meglio i conflitti rafforzare la propria competenza di leadership Per questi motivi si offre a ogni partecipante la possibilità di avvalersi di due sedute di coaching di 1,5 ore ciascuna con un coach di sesso femminile o maschile in lingua italiana o tedesca. Come coach ci saranno Micki Gruber e Georg Senoner. I partecipanti avranno la possibilità di conoscere i due coach e di avere le spiegazioni degli obiettivi e del percorso del coaching durante il modulo 2. Le sedute avranno luogo a Bolzano; se ci sono più richieste di un comprensorio sanitario si possono organizzare più appuntamenti in una giornata nei locali del comprensorio corrispondente. Le sedute di coaching saranno organizzate tramite un sistema di buoni con le seguenti caratteristiche: ogni partecipante riceverà due buoni, ogni buono avrà il controvalore di una seduta di coaching di 90 minuti 13

15 il rimborso dei buoni sarà anonimo: il buono verrà consegnato al coach all inizio della seduta, la rendicontazione con l EURAC si svolgerà senza indicazione dei nomi. I coach hanno l obbligo di secretezza Il rimborso dei buoni si svolge rispetto alle necessità in date che possono essere scelte liberamente Non c è l obbligo di rimborsare i buoni i partecipanti possono usarne uno, due oppure nessuno. Crediti ECTS e certificato per il corso Per questo corso di formazione si assegnano 19 crediti ECTS in totale. Questi possono essere suddivisi in 1-2 crediti per modulo e oltre 6 crediti per il lavoro di progetto orientato alla prassi: Moduli in aula: 24 giornate (192h) 13 crediti ECTS Lavoro di progetto in aula: 3 giornate (24h) 3 crediti ECTS Lavoro di progetto fuori dell aula: 3 giornate (24h) 3 crediti ECTS Totale: = 240 ore 19 crediti ECTS Dopo la conclusione positiva del corso (90% presenza durante i moduli, superamento degli esami di modulo, esecuzione positiva del lavoro di progetto) i partecipanti riceveranno un Certificate of Advanced Studies (CAS) in Health Care Management da EURAC ed USI. Questo certificato documenta la partecipazione a 240 ore di corso nell ambito di Health Care Management e da il diritto di far riconoscere 16 ossia 19 crediti ECTS in percorsi formativi avanzati a USI (vedasi sotto). 14

16 Integrazione nel percorso Master all Università della Svizzera Italiana All Università della Svizzera Italiana esiste la possibilità di partecipare a un Master of Advanced Studies (MAS) in economia e management sanitario e sociosanitario ( Net-MEGS ) che ha la dimensione di 60 crediti ECTS. Da 2013 a 2015 ha luogo per l ottava volta ed è integrata dal 2003 alla Swiss School of Public Health (SSPH+). NetMEGS può essere adattato nella sua struttura flessibilmente alle attività professionali dei partecipanti e quindi risulta una concordanza conveniente. Inoltre nell ambito di NetMEGS c è la possibilità di concludere già con un Diploma of Advanced Studies (DAS) con 30 crediti ECTS. Per il Diploma of Advanced Studies (DAS) si possono riconoscere 13 crediti ECTS dei moduli nonché 3 crediti ECTS del lavoro di progetto cioè dai 30 crediti necessari se ne ricevono già 16 tramite questo corso formativo. Se un partecipante vuole frequentare il Master of Advanced Studies (MAS) si possono riconoscere i 13 crediti dei contenuti nonché i 6 crediti ECTS rispetto al lavoro di progetto. Cioè dai 60 crediti necessari se ne ricevono già 19 tramite questo corso formativo. Se un partecipante decide di agganciare un MAS al percorso DAS si possono riconoscere anche i tre crediti rimasti del lavoro di progetto. 15

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO 17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO PRESENTAZIONE CORSO DOCENTI CONTENUTI MODALITA DIDATTICHE SYLLABUS MATERIALE DI RIFERIMENTO MODALITA DI ESAME 1 MODALITA ESAME

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli