Human Resources and Volunteers Management Corso Avanzato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Human Resources and Volunteers Management Corso Avanzato"

Transcript

1 Human Resources and Volunteers Management Corso Avanzato Modulo 1: Le basi essenziali DU 1.1 Un approccio basato sulla necessità di coinvolgimento dei volontari o L analisi dei bisogni della comunità o Pianificazione strategica come pianificare in modo significativo il coinvolgimento dei volontari DU 1.2 Preparare la vostra organizzazione per il coinvolgimento dei volontari o Valori, politiche (policies) e strumenti Modulo 2: La gestione dei volontari Gestione dei volontari 1: i primi passi o Le 9 fasi della gestione dei volontari o Selezione e reclutamento o Orientamento e formazione DU 2.2 Gestione dei volontari 2: un processo continuo 1

2 o Motivazione e riconoscimento o Tutoraggio e Monitoraggio o Valutazione ed impatto Modulo 3 Un quadro generale DU 3.1 Aspetti dei programmi di gestione dei volontari o Valutazione del rischio o Come accrescere il vostro reparto di gestione dei volontari Promuovere il volontariato all interno e all esterno dell organizzazione DU 3.2 Lavorare con i vari portatori di interesse o La comunicazione ed il volontariato Chiarire i concetti, sfatare i miti o Come lavorare con i volontari aziendali 2

3 Modulo 1: Le basi essenziali DU 1.1 Un approccio basato sulla necessità di coinvolgimento dei volontari o L analisi delle esigenze della comunità Definiamo innanzitutto che cosa è una valutazione dei bisogni comunitari. Una semplice definizione potrebbe essere che: una valutazione dei bisogni della comunità è uno strumento di raccolta delle informazioni relative alle opinioni, ai bisogni, alle sfide e alle risorse della comunità utilizzate per determinare quali progetti di volontariato rispondono alle reali esigenze della comunità. Una comunità ha bisogno che una valutazione sia condotta dalla vostra organizzazione attraverso la nomina di un gruppo di lavoro (di valutazione). Questo gruppo dovrebbe comprendere impiegati e/o volontari che hanno un buon grado di conoscenza della comunità e capaci di dedicare il tempo e le risorse necessarie per valutare le necessità della collettività (o comunità). Durante lo svolgimento della valutazione, il gruppo incontrerà i leader della comunità ed i membri in generale. Di seguito ecco alcuni strumenti per la valutazione delle esigenze collettive: Interviste Raccogliere informazioni dai membri della società (community) che sono in grado di conoscere le esigenze della comunità. Queste persone potrebbero essere i leader della comunità, professionisti, o altri individui che appartengono in particolare ad organizzazioni, istituzioni pubbliche ed aziende. Forum Pubblico Portare una vasta gamma di membri della comunità insieme ad incontri pubblici dove raccogliere informazioni attraverso gruppi di discussione. Focus group Ottenere opinioni ed idee da un piccolo gruppo mirato di membri della comunità. Indagine Utilizzare un sondaggio formale od un questionario per raccogliere informazioni da un ampio numero di membri della comunità. 3

4 Analisi secondaria dei dati Revisione ed analisi dei dati che sono già stati raccolti sulle questioni e sulle esigenze della comunità. Le fasi dello svolgimento di una valutazione dei bisogni comunitari Formare un gruppo di valutazione sui bisogni comunitari Promuovere ed informare la comunità circa la valutazione, i suoi metodi ed obiettivi Selezionare degli strumenti per l indagine sui bisogni comunitari Sviluppare un piano per la valutazione (chi, che cosa, quando, dove, come) Implementare la valutazione utilizzando gli strumenti selezionati Analizzare i risultati Preparare un rapporto descrivendo in dettaglio i risultati Utilizzare il rapporto per determinare gli stakeholders ed i volontari da coinvolgere Il tipo di informazioni che dovrebbero essere raccolte dipende dalla singola comunità e dalle sue esigenze specifiche. Tuttavia, le seguenti informazioni devono comparire in tutte le valutazioni dei bisogni della comunità: Descrizione della comunità e statistiche applicabili Esigenze identificate dai leader della comunità e dai suoi membri Le azioni attuali intraprese per rispondere alle esigenze della comunità (incluse le azioni di volontariato, se ve ne sono) La disponibilità di risorse locali che rispondano ai bisogni della comunità Opportunità di progetti Sfide per progetti Coinvolgimento della comunità nel progetto Sostenibilità a lungo termine del progetto da parte della comunità Una volta che si saranno raccolte le informazioni necessarie, dovranno essere analizzate e bisognerà stilare un rapporto da condividere con i colleghi e gli stakeholders con cui si lavora: il consiglio di amministrazione, tutti i partner di progetto ed i membri della comunità che sono stati particolarmente coinvolti nel fornire informazioni per la 4

5 valutazione. o La pianificazione strategica Come pianificare in modo significativo il coinvolgimento dei volontari Lo sviluppo di una pianificazione strategica è in realtà uno strumento per concentrare gli sforzi e capire la modalità per avere volontari adeguati per la vostra attività e come sviluppare in modo sostenibile ed a lungo termine il servizio di volontariato della vostra organizzazione. Così facendo, è possibile ottenere i seguenti benefici: Sfruttare le risorse e le opportunità emergenti per la vostra organizzazione e per i vostri target groups (gruppi di riferimento) Un uso più efficiente di tempo, energia e risorse. Le strategie dovrebbero essere sempre formulate prima di agire, non essere decise dopo aver già intrapreso un azione. Senza una chiara idea del come, i vostri sforzi di avere la migliore squadra di volontari potrebbero trasformarsi in uno spreco di tempo e fatica con la conseguenza di non riuscire a sfruttare appieno le opportunità emergenti. Le strategie dovrebbero essere aggiornate periodicamente per rispondere ai bisogni di un contesto sociale in continua evoluzione, includendo nuove opportunità o le esigenze dei volontari. DU 1.2 Preparare la vostra organizzazione per il coinvolgimento dei volontari o Valori, politiche e strumenti La vostra organizzazione deve affermare il valore del volontariato e rendere le persone consapevoli che il volontariato dona un contributo fondamentale per gli obiettivi dell organizzazione. Allo stesso tempo, assicurarsi che tutte le persone capiscano che il 5

6 volontariato non sostituisce né svaluta il ruolo del personale retribuito della vostra organizzazione. Una policy (politica) fornisce una panoramica delle attività svolte attualmente dai volontari e stabilisce una base per l espansione, se richiesta, per il ruolo dei volontari affianco al personale retribuito. Questo documento, le procedure e la guida forniscono un quadro di riferimento per il coinvolgimento dei volontari. Si tenga presente che i volontari possono/sono coinvolti in diversi livelli della vostra organizzazione: Consiglio di amministrazione/comitato di gestione, diverse attività in progetti specifici, periodi di tempo a lungo e breve termine, etc. Conoscendo questa situazione, prova ad elencare i ruoli assunti dai volontari. Un documento programmatico permetterà di chiarire tutti gli aspetti del coinvolgimento dei volontari e si ispira ai seguenti principi di good practice (buona pratica): I compiti che devono essere svolti dai volontari verranno chiaramente definiti, affinché ognuno sia sicuro del rispettivo ruolo e delle responsabilità. L organizzazione rispetterà la legge sulla protezione ed il trattamento dei dati personali durante l utilizzo dei dati ricevuti dai volontari. Le opportunità di volontariato andranno ad integrare e NON a rimpiazzare il lavoro del personale retribuito. I volontari avranno regolarmente l opportunità di condividere idee o preoccupazioni Tutte le politiche (policies) attuali o future saranno controllare rispetto alla loro capacità di coinvolgere i volontari. All inizio del documento sulle politiche del volontariato è necessario specificare il suo scopo Evidenziare e riconoscere il valore del contributo dato dai volontari 6

7 Riflettere sullo scopo, i valori, le norme e le strategie dell organizzazione nel suo approccio nel coinvolgere i volontari; Riconoscere i rispettivi ruoli, i diritti e le responsabilità dei volontari; Confermare l impegno dell organizzazione nel coinvolgere i volontari nelle sue attività; Stabilire principi chiari per il coinvolgimento dei volontari; Garantire costantemente sia la qualità delle offerte di opportunità di volontariato che del lavoro svolto dai vostri volontari. Un documento di politica del volontariato avrà diverse sezioni riferite a : - Reclutamento e Selezione (documenti e procedure, profilo del volontario, periodi di reclutamento, criteri di selezione) - Assistenza e Tutoraggio (opportunità di apprendimento e sviluppo, incontri di assistenza e tutoraggio) - Problem Solving (conflitto di interessi, situazioni di conflitto, procedure per la risoluzione di conflitti) - Valutazione e monitoraggio (documenti utilizzati e periodi di tempo per le candidature, tipi di procedure) Si raccomanda di includere nel documento tutte le fasi di gestione dei volontari e di risistemarle di tanto in tanto quando con la pratica si assumono nuove metodologie o migliori soluzioni per migliorare il lavoro (la collaborazione) con i volontari. Modulo 2: Gestione dei volontari D.U

8 I volontari sono l elemento fondante di molte piccole e medie organizzazioni no-profit. I volontari aiutano queste organizzazioni a realizzare la loro mission ed i loro obiettivi. Tuttavia, una sfida fondamentale per qualsiasi organizzazione è selezionare volontari competenti che possano contribuire alla fornitura di un servizio in un ambiente sicuro e convincere i migliori a restare nella vostra organizzazione. La gestione dei volontari si compone di 9 fasi. Si comincia molto tempo prima di intervistare qualcuno per una posizione e finisce quando il volontario lascia l organizzazione. Con questo noi ci riferiamo già alle 9 fasi della gestione dei volontari che vi proponiamo. 1. Preparazione dell organizzazione per coinvolgere i volontari 2. Reclutamento 3. Selezione 4. Orientamento 5. Formazione 6. Tutoraggio e Monitoraggio 7. Motivazione 8. Riconoscimento 9. Valutazione Preparate la vostra organizzazione Informate il vostro personale ed il consiglio di amministrazione circa il coinvolgimento di volontari nei progetti dell organizzazione. Create delle descrizioni del lavoro (job descriptions) per i membri del comitato, con lo scopo del comitato, lo scopo del lavoro e le responsabilità dei presidenti del comitato e dei membri. Molte organizzazioni no-profit richiedono volontari ma successivamente non danno loro chiare indicazioni su come operano i loro comitati. Istituite dei comitati (consigli) futuri e nominate i membri del comitato in anticipo sul loro servizio con il reclutamento di potenziali funzionari e presidenti da utilizzare nei 8

9 comitati. Reclutare dalla vostra base associativa, venditori commerciali e fornitori, celebrità accademiche o famose e leader di industria. Si pensi ai documenti necessari nella vostra organizzazione al fine di lavorare con i volontari: - descrizioni del lavoro Sì, una job description non è necessaria solo per il personale retribuito - le politiche di volontariato all interno della vostra organizzazione. Spiegate al vostro personale come dovrebbe essere il rapporto con i volontari: aperto, i volontari devono essere considerati dall organizzazione un valore aggiunto al lavoro. Attraverso i diagrammi e la descrizione delle posizioni lavorative della vostra organizzazione identificate dei ruoli per i vostri volontari che non sostituiscano il lavoro del vostro personale. Organigramma Un primo passo nello sviluppo di programmi e politiche di volontariato consiste nell identificare quali attività specifiche devono essere svolte dai volontari (quando si inizia un progetto o un programma che prevede la partecipazione dei volontari) all interno delle organizzazioni. Per ogni posizione devono essere stabilite condizioni specifiche e le responsabilità del personale e dei volontari, tra cui il tipo di partecipante / la categoria di beneficiari con cui il volontario che occupa la posizione lavoreranno. Descrizione delle posizioni 9

10 È indispensabile per descrivere le posizioni all interno della propria organizzazione in relazione ai rischi inerenti le persone vulnerabili o l ambiente. Le descrizioni delle posizioni non devono essere lunghe ma devono fissare le linee guida e gli standard di comportamento. Le descrizioni devono chiarire i ruoli e le responsabilità del personale e dei volontari dell organizzazione. Le seguenti informazioni possono essere incluse in una descrizione di posizione: Titolo Partecipanti (Bambini, anziani, ecc.) Obiettivi Attività e compiti Profilo delle responsabilità Tempo di impegno previsto Limiti e limitazioni Competenze, esperienze e qualifiche richieste Caratteristiche personali e qualità necessarie e/o desiderate Orientamento e offerta formativa Supporto, controllo e valutazione prevista Attività obbligatorie (es: formazione, riunioni mensili, viaggi) Condizioni di lavoro (es: ambiente per non-fumatori) Benefici per i volontari Processo di reclutamento Il processo di reclutamento dei volontari di solito è meno formale di quello dei lavoratori. Infatti, il reclutamento dei volontari può essere fatto a volte solo grazie ad amici o conoscenti incoraggiati a dare una mano con le attività dell organizzazione. Tuttavia, se 10

11 si desidera avere una gestione professionale dei volontari, il processo sicuramente sarà molto più complesso. Fate attenzione al processo di reclutamento che scegliete Si consiglia di ricorrere ad una procedura di reclutamento più formale con cui registrare comunicazioni o di richieste per i volontari accompagnate dalle descrizioni delle attività. Si consiglia di evitare comunicazioni di reclutamento come Aiuto! Siamo disperati! Venite e diventate volontari!. Questo senso di urgenza non sempre attrae il tipo di volontario che l organizzazione vuole o di cui ha bisogno. Invece, gli avvisi di reclutamento dovrebbero comunicare che la vostra organizzazione seleziona attentamente i volontari. Per esempio, l avviso di reclutamento dovrebbe essere: Stiamo cercando volontari maturi ed affidabili con esperienza nel campo X che vogliano unirsi a noi per svolgere attività come X, Y, Z. State attenti a come reclutate, in particolare per posizioni di fiducia con partecipanti vulnerabili. Assicuratevi che i materiali di reclutamento definiscano chiaramente che l organizzazione si prenda le proprie responsabilità seriamente nel rispetto dei partecipanti e che seleziona tutti i candidati attentamente. Non lasciate le persone con l impressione che ogni candidato sarà accettato. Assicuratevi che il vostro materiale promozionale, tra cui le descrizioni delle posizioni, siano corretti e aggiornati. 11

12 Se state selezionando attraverso il vostro centro di volontariato locale, assicuratevi che il proprio personale sia aggiornato sui cambiamenti nelle descrizioni delle posizioni e su particolari condizioni che possono influire sul rifiuto dei volontari. Quando qualcuno mostra interesse per una posizione, invia informazioni a lui/lei prima di iniziare un colloquio. Assicuratevi che i documenti contengano tutte le informazioni disponibili sulla posizione in questione. È giusto che non ci siano sorprese e che i potenziali candidati abbiano la possibilità di scegliere se partecipare. Questo permette di risparmiare tempo che potrebbe essere perso nell intervistare qualcuno che non è a conoscenza delle procedure di selezione e che rifiuta di procedere. È importante avere un processo di reclutamento formale. L'organizzazione dovrebbe essere trasparente nei suoi processi, tra cui la selezione, e mettere in chiaro che non tutti sono assunti per la posizione per la quale si sono candidati. Il processo di selezione dovrebbe essere basato sulla valutazione del rischio a cui i partecipanti sono esposti. Considerate i seguenti passi: Considerare ogni posizione singolarmente Esaminare la descrizione della posizione e determinare la natura ed il grado di rischio a cui i partecipanti sono esposti attraverso lo svolgimento dei servizi da parte dei volontari nella posizione. 12

13 La selezione può includere le informazioni dei controlli della polizia ed è proporzionale al grado di rischio a cui i partecipanti o i volontari sono esposti durante lo svolgimento dei servizi dei volontari. Considerato tutto quello che si sa sulla posizione, cosa c è da sapere sui candidati per decidere se accettare o rifiutare le loro domande? Avete bisogno di conoscere: qualifiche professionali, atteggiamenti riguardo i partecipanti/ i beneficiari/ la vostra causa, motivazione verso il volontariato, ecc. 1. Assicurarsi che il modulo di candidatura chieda solo informazioni riguardo i requisiti della posizione. 2. Domande su questioni come la razza, la nazione di origine, il colore, la religione o il sesso siano vietati secondo le leggi sui diritti umani. Selezione I colloqui sono un passo estremamente importante nel processo di selezione. Il colloquio offre non solo l opportunità di parlare con il potenziale volontario della loro formazione, talento, capacità, interessi, interessi e disponibilità, ma anche di affrontare qualsiasi dubbio l organizzazione possa avere sull idoneità del candidato per la posizione. Il colloquio serve anche a comunicare le vostre aspettative organizzative. In altre parole, un colloquio aiuta a determina se il candidato è la soluzione giusta per quel lavoro. 13

14 Quando si pianifica un colloquio con un potenziale volontario, si può prendere in considerazione quanto segue: avere almeno due persone per a gestione del colloquio; spiegare le fasi del colloquio al candidato; creare un ambiente confortevole per il candidato; descrivere nel dettaglio la posizione, usando la job description; descrivere le procedure di selezione della vostra organizzazione; registrare le risposte del candidato ai quesiti e tenerli in archivio; fare attenzione agli atteggiamenti riguardo il vostro gruppo di riferimento; porre a tutti i candidate le stesse domande di base per coerenza. La scelta di domande appropriate è davvero importante nella selezione di un volontario. Inoltre, bisogna ricordarsi che le informazioni richieste duranti i colloqui sono soggetti alle stesse leggi, provinciali e federali, sui diritti umani del punto 4 Modulo di candidatura. Le domande devono incoraggiare risposte che permetteranno di valutare importanti esperienze di lavoro, l educazione formale ed informale, l entusiasmo, l abilità a lavorare con gli altri, l affidabilità e molte altre cose direttamente correlate alla descrizione del lavoro. Controllo delle referenze. Verificare le referenze può rivelarsi la più efficace delle azioni di screening durante il processo selettivo. Le referenze confermeranno il background e le abilità dei candidati e forniranno un opinione esterna circa l idoneità della persona al posto richiesto. Chiedete sempre referenze. 14

15 È un errore supporre che i candidati vi forniranno solo i nomi di quanti potrebbero parlarvi bene di loro. Spesso la gente si aspetta che i contatti forniti per le referenze non vengano interpellati. Lo screening è un processo messo in atto da un organizzazione per garantire, di volta in volta, la giusta combinazione tra il lavoro da svolgere e la persona che se ne occuperà. Lo screening, inoltre, aiuta a creare e preservare un ambiente lavorativo sicuro. È un processo in divenire, volto a identificare qualsiasi soggetto pagato o meno, volontario o membro dello staff che potenzialmente potrebbe arrecare danno ai beneficiari, a minori o altri soggetti vulnerabili. Le procedure e i requisiti da seguire e soddisfare nell effettuare lo screening variano da organizzazione a organizzazione, in base al grado di rischio al quale i partecipanti sono potencialmente esposti. Chiaramente, i requisiti per selezionare i volontari destinati a lavorare con bambini o altri soggetti vulnerabili senza supervisione sono di gran lunga superiori rispetto a quelli da soddisfare nel selezionare volontari che lavoreranno con la stessa tipologia di partecipanti in un contesto controllato. Orientamento e formazione. Gli step di seguito descritti potrebbero essere inclusi nel periodo di prova, perlomeno fino a quando il periodo di formazione del/lla candidato/a non sia concluso. Un periodo di prova compreso fra le 2 settimane e i 2 mesi consente, tanto all organizzazione quanto al volontario, di esser certi di aver fatto la scelta giusta e offre a entrambi la possibilità di cambiare idea. Durante il periodo di orientamento e formazione un organizzazione dovrebbe: prendere coscienza dei valori, dell approccio e dello stile lavorativo del volontario in tal senso, il gioco di ruolo potrebbe essere utile ad indagare alcuni dei suddetti aspetti; 15

16 assicurarsi che il volontario comprenda e abbia ben chiare le politiche organizzative relative al proprio ruolo all interno dell organizzazione (quelle, ad esempio, che regolano i viaggi su strada con soggetti vulnerabili); lavorare per sviluppare le capacità interpersonali necessarie per l area in cui il volontario sarà impegnato e prendere una decisione definitiva e scegliere se offrire al volontario il posto da lui richiesto su base permanente. Fidatevi delle vostre osservazioni e in base a queste prendete opportune decisioni per il periodo di prova: Comunicate a tutto lo staff la lunghezza del periodo di prova dei volontari; Una volta conclusosi il periodo di prova, sottoponete personalmente il volontario a un colloquio; A meno che non abbiate la prova chiara e inconfutabile che il volontario intenda arrecare danno ad un partecipante, dovreste evitare di menzionare questa possibilità per ovvie ragioni di responsabilità; Le basi sulle quali decidere di sospendere il rapporto professionale con il volontario dovrebbero essere strettamente collegate alla sua performance in relazione al ruolo desiderato (ad esempio Questo non è il ruolo più appropriato alle tue capacità ); Ove possibile, fornite al volontario le ragioni dell interruzione del rapporto professionale (sottolineandone le lacune nella performance lavorativa); 16

17 Enfatizzate quanto, per l organizzazione, sia importante adempiere al proprio dovere, assegnando nel modo più adeguato ruoli che coinvolgano soggetti vulnerabili; Infine, ringraziateli sempre per averci provato ed eventualmente suggerite loro un altro ruolo (ove ve ne sia voglia o necessità). Sebbene l orientamento e la formazione dei volontari richieda delle risorse, alla lunga la vostra organizzazione ne beneficerà, grazie a volontari più informati, performance lavorative migliori, una maggiore soddisfazione professionale e un ambiente lavorativo più sicuro. Le sessioni di orientamento e formazione offrono l opportunità di osservare e valutare i volontari. Fate in modo che gli eventi dedicati all orientamento diventino obbligatori e organizzate attività di formazione quando necesario (se ad esempio i volontari hanno bisogno di acquisire competenze specifiche per le attività nelle quali saranno coinvolti). Oltre ad offrire l opportunità di distribuire informazioni scritte come guide e manuali e di rispondere a domande mirate, gli eventi dedicati all orientamento e alla formazione danno all organizzazione la possibilità di seguire il volontario durante il suo inserimento di prova, ma non solo. L organizzazione dovrebbe accertarsi che il candidato comprenda sin dal principio che le attività di orientamento e formazione costituiscono parte integrante delle sue responsabilità come volontario. Coinvolgete altri volontari e membri del vostro staff nell orientamento e nella formazione: potrebbe rivelarsi un opportunità per avvicinare questi ultimi ai volontari e creare una cultura comune, fornendo informazioni adeguate sulle attività future. 17

18 Supervisione e monitoraggio I volontari dovrebbero compilare dei registri mensili e redigere brevi relazioni sulle attività svolte. Ciò vi terrà aggiornati sul loro lavoro e risulterà un utile strumento per i report annuali o le relazioni di progetto della vostra organizzazione. Talvolta, in base alla tipologia delle attività di volontariato, è necessario che l informazione ivi contenuta venga verificata e che voi, in qualità di coordinatori dei volontari, li incontriate regolarmente per fornire la vostra opinione sul lavoro svolto. È, questo, un aspetto particolare del processo di gestione dei volontari: la supervisione. Uno dei vostri compiti potrebbe anche essere quello di lavorare attivamente per ridurre i rischi connessi a determinati ruoli. Potreste, ad esempio, ideare ruoli per i quali i volontari debbano lavorare in coppia con soggetti vulnerabili o introdurre una fase iniziale durante la quale una persona con esperienza possa affiancare i nuovi volontari in qualità di mentore. Valutate sempre tutte le caratteristiche di una determinata attività e cercate di trovare le migliori opzioni tanto per i volontari, quanto per i risultati della vostra organizzazione. Laddove i vostri volontari ricoprano attivamente più di un ruolo, assicuratevi che possano svolgere in buone condizioni i loro compiti e che non vengano da questi sopraffatti. Nel caso in cui si ritrovino a cambiare ruolo, assicuratevi che posseggano tutte le informazioni e le competenze necessarie richieste dalla nuova posizione. Motivazione e riconoscimento Mantenere alto il coinvolgimento dei volontari vuol dire conoscerne la motivazione. Si è detto che i volontari possono rendere la propria comunità un posto migliore se la causa o il problema con i quali l organizzazione ha a che fare li appassiona o li ha addirittura toccati in passato, o se davvero ne condividono i valori. Un altra importante motivazione è la possibilità di entrare in contatto con gli altri ed ampliare le proprie reti personali/professionali, acquisendo al contempo nuove abilità. Queste sono tutte valide 18

19 ragioni, e sapere cos è in primo luogo a motivare una persona tanto da impegnarsi vi aiuterà a stabilire come mantenerne alto il coinvolgimento. Se, ad esempio, la sua principale motivazione è quella di acquisire nuove abilità, assicuratevi che le opportunità di volontariato offertegli siano impegnative, stimolanti e diversificate. Se c è una cosa importante da tenere sempre a mente, è che un/a volontario/a motivato/a lo sarà dal primo istante: qualsiasi azione intraprendiate o proposta avanziate può motivarlo/a o meno. Similare, o forse più specifico, è il riconoscimento, complementare alla motivazione. A chiunque piace essere ringraziato. E se si considera ciò che un volontario ha donato il suo inestimabile tempo l importanza del riconoscimento colpisce davvero nel segno. Tuttavia esattamente come accade per le motivazioni ognuno preferisce essere apprezzato in modo diverso. Per alcuni il riconoscimento pubblico è qualcosa di davvero significativo; per altri è imbarazzante. C è chi ama molti ringraziamenti; altri preferirebbero che invece l organizzazione spendesse quelle risorse per programmi e servizi. La soluzione migliore è quella di chiedere semplicemente ai volontari come vorrebbero che venisse dato loro riconoscimento; in questo modo ciascuno verrà ringraziato nella maniera per lui più significativa. Dare riconoscimento ai volontari in modo efficace. Grazie o ben fatto sono il primo passo per apprezzare il lavoro dei volontari. Espressioni di apprezzamento e riconoscimento sono importanti per mantenerli motivati ed entusiasti. Il riconoscimento ha molteplici funzioni, al di là della semplice cortesia umana. Per il volontario, ottenere riconoscimento vuol dire che qualcuno vede e ha a cuore ciò che fa. Per il resto dell organizzazione, il riconoscimento crea modelli di ruolo e definisce gli standard dell associazione. Linee guida per il riconoscimento: Ponete enfasi sui successi piuttosto che sui fallimenti; Date riconoscimento e ricompense pubblicamente e in modo del tutto aperto; Fate apprezzamenti personali e sinceri; 19

20 Adattate riconoscimenti e ricompense all unicità dei bisogni delle persone coinvolte. Poter scegliere il giusto riconoscimento o la giusta recompensa fra una vasta gamma di opzioni, vi permetterà di riconoscere i risultati ottenuti in modo del tutto appropriato alle caratteristiche di una data circostanza, permettendovi di operare una scelta tra una più ampia varietà di possibili opzioni; Il tempismo è fondamentale. Riconoscete i contributi ricevuti durante un progetto. Premiateli con tempestività, non appena si consegue un obiettivo importante. I ritardi affievoliscono l impatto della maggior parte delle ricompense; Battetevi perché il nesso fra traguardi e ricompense sia chiaro e venga sempre comunicato in modo inequivocabile. Assicuratevi che i volontari comprendano sempre la ragione per cui ricevono una ricompensa e i criteri utilizzati nel determinarla; Attribuite valore al riconoscimento. Vale a dire, rendete merito a quanti danno riconoscimento a chi fa del proprio meglio per il bene dell organizzazione. Secondo quanto individuato da McClelland e Atkinson, gli essere umani presentano tre distinte tipologie di informazione: affiliazione, conseguimento dell obiettivo e potere/influenza. Tenendo bene a mente la motivazione di un volontario potrete personalizzare il riconoscimento, affinché sia di gran lunga più significativo per coloro a cui è rivolto. Valutazione e impatto La valutazione della performance lavorativa di un volontario andrebbe eseguita perlomeno una volta l anno e due/tre volte durante i primi dodici mesi. Ciò va messo in chiaro con il candidato sin dal principio e i volontari dovrebbero essere supportati al fine di comprendere il processo del quale sono parte integrante, in modo da poter fornire informazioni adeguate durante la fase di valutazione. 20

21 Fornire commenti sulla performance lavorativa di un/a volontario/a è fondamentale per poterla migliorare, aumentandone così la soddisfazione professionale e contribuendo a creare un ambiente lavorativo più sicuro. Se i vostri volontari non sono avvezzi ai processi valutativi, dovete spiegarne loro gli obiettivi, chiarendone i benefici in termini di effettivo miglioramento. I benefici della valutazione potrebbero essere: Assicurare che venga mantenuto un certo standard dei i servizi; Migliorare la performance lavorativa dei volontari e dello staff; Ottenere il parere dei volontari in merito a ciò che l organizzazione potrebbe fare meglio per supportarli nello svolgimento dei propri compiti. Tutti i processi di valutazione dovrebbero partire dalla descrizione del ruolo occupato come punto di riferimento e inoltre stabilire, sin dalla fase preparatoria, altre tipologie di documenti da utilizzare per raccogliere dati e commenti: formulari di osservazione, questionari, fogli di monitoraggio, commenti dei beneficiari e dello staff, ecc. Durante la valutazione: In compagnia del volontario, passate in rassegna la descrizione del ruolo occupato, punto per punto; Chiedete al volontario di valutare la qualità del lavoro svolto in relazione al ruolo occupato all interno dell organizzazione e quanto ne trae beneficio; Commentate la sua performance lavorativa; Mantenetevi positivi nei commenti, ma mettete in chiaro ogni vostra eventuale preoccupazione; Documentate la valutazione; 21

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli