Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici"

Transcript

1 Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

2 Fallimenti micro Fallimenti nel ottenere l efficienza derivano da violazioni delle assunzioni del primo teorema, quindi dall esistenza di Regimi non concorrenziali Mercati incompleti Esternalità Beni pubblici Costi di transazione e asimmetrie informative Beni meritori e disuguaglianza (in seguito)

3 Concorrenza perfetta La concorrenza perfetta è una forma di mercato identificata dalla presenza di: beni omogenei elevata numerosità degli operatori (price taker) assenza di intese o di accordi tra di essi libertà di ingresso e di uscita dal mercato perfetta informazione Se ne manca anche uno solo il mercato acquista caratteristiche di concorrenza imperfetta.

4 Regimi non concorrenziali Principali esempi di concorrenza imperfetta: Monopolio: una sola (grande) impresa e barriere che impediscono l ingresso di altre imprese nel mercato Concorrenza monopolistica: come la concorrenza perfetta ma prodotto non omogeneo (differenziato). Oligopolio: poche grandi imprese (ci possono essere o non essere barriere; il prodotto può non essere omogeneo).

5 Strutture di mercato: sintesi I prodotti sono differenziati? No Si Uno Monopolio Tanti singoli monopoli (differenziazione di prezzo) Quanti produttori ci sono? Pochi Oligopolio Molti Concorrenza perfetta Concorrenza monopolistica

6 Monopolio e barriere di entrata Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori Nei mercati ci possono essere diversi tipi di barriere di entrata: economie di scala, barriere legali, merceologiche.

7 Cause non tecnologiche : Barriere legali (licenze, brevetti,...) Barriere all entrata derivanti dal controllo su alcuni input indispensabili per il processo produttivo Economie di rete (network): valore di un prodotto per i consumatori maggiore con il numero di utilizzatori Cartelli tra imprese Principali cause We d like some more! Please! Please! Cause tecnologiche : Rendimenti di scala crescenti: Please! OPEC Vs. World Elevati costi fissi per intraprendere l attività e irrecuperabilità dell investimento (sunk costs)

8 Tipologie Monopolio delle risorse una sola impresa detiene una risorsa chiave Monopolio legale una sola impresa detiene il diritto esclusivo di produzione di un bene Monopolio naturale una sola impresa è in grado di fornire all intero mercato un bene o un servizio a costi più bassi di quelli che affronterebbero due o più imprese

9 Decisioni di produzione e di prezzo Monopolio e concorrenza diversa percezione della domanda (elasticità della domanda dell impresa rispetto al prezzo). Le imprese concorrenziali prendono il prezzo come dato domanda orizzontale (perfettamente elastica). Essendo l unico a vendere il bene, il monopolista intera curva di domanda del mercato (inclinata verso il basso).

10 Il problema dl monopolista La curva di domanda è per il monopolista l insieme delle sue possibilità di scelta. Può decidere qualsiasi coppia di quantità e prezzo (Q, P), purché, appunto, sulla curva di domanda. P (profitto ) Q venduta (profitto ). Come si ottiene l ottimo? Con Cma=Rma! [non conveniente variare P] come in concorrenza. Il prezzo risultante sarà però più alto.

11 Concorrenza perfetta Prezzo Mercato Offerta = NxCma 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo Impresa concorrenziale Cma Domanda dell impresa individuale Rma Quantità

12 Monopolista Prezzo Mercato 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo Impresa monopolista Rma 1,000 3,000 Cma Domanda Quantità

13 Decisioni di produzione e di prezzo Per un impresa in concorrenza, il prezzo e il costo marginale sono uguali: P = Rma = Cma Per un impresa monopolista, il prezzo è superiore al costo marginale: P > Rma = Cmq La formula del mark up è un altro modo per vedere il potere di mercato del monopolista P Cma P 1 e P Cma Cma e e 1 Tanto più elevato (basso) quanto più la domanda è rigida (elastica) [nota e >1]

14 Monopolista: Profitti (rendita) Prezzo Mercato 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo Impresa monopolista Rma 1,000 3,000 Cma Cu Profitto Domanda Quantità Nota: il monopolio, in questo esempio, produce nel punto di costo medio minimo

15 E in concorrenza extraprofitti? Prezzo Mercato Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Impresa concorrenziale Cma Cu Rma Domanda dell impresa individuale Quantità

16 Entrata e uscita Prezzo Mercato Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Impresa concorrenziale Cma Cu Rma Domanda dell impresa individuale Quantità

17 Medio periodo: P=Cu Prezzo Mercato Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Impresa concorrenziale Cma Cu Domanda dell impresa individuale Rma Quantità

18 Profitti, extra-profitti, rendita In concorrenza perfetto spesso si parla di profitti (o profitti normali) contrapposti a extra profitti o quasi rendite. In monopolio di profitti oppure rendite.

19 Profitti, extra-profitti, rendita In concorrenza perfetto spesso si parla di profitti (o profitti normali) contrapposti a extra profitti o quasi rendite. In monopolio di profitti oppure rendite. 1. Profitto normale remunerazione imprenditore (in entrambi in regimi) 2. Profitto di monopolio = Rendita monopolio con P>Cu 3. Extra profitto = Quasi rendita concorrenza con P>Cu temporaneamente (breve periodo) 4. Perdita P<Cu: monopolista non produce in perdita (se non sussidiato), in concorrenza può accadere nel breve periodo

20 Monopolio naturale Dipende dalle caratteristiche della tecnologia (in rapporto all ampiezza del mercato) rendimenti crescenti di scala (costi medi decrescenti) In questo caso P=Cma (efficienza) implica profitti negativi, per avere profitti positivi occorre P>Cma. Nota: concorrenza perfetta rendimenti decrescenti di scala

21 Monopolio naturale Rma = Cma Regime di monopolio Prezzo Perdita! 1,000 3,000 Cu Cma Domanda Quantità Prezzo Rendita? Rma 1,000 3,000 Cu Cma Domanda Quantità

22 Monopolio naturale Mercato contendibile (monopolio barriera) Prezzo 10 Rendita = Rma 1,000 3,000 NxCu NxCma Domanda Quantità Prezzo 10 Regime di monopolio Rma 1,000 3,000 Rendita Cu Cma Domanda Quantità

23 Costi del monopolio 1. Inefficienza allocazione 2. Inefficienza produttiva 3. Inefficienza dinamica (innovazione) dibattito su efficienza dinamica e forme di mercato 4. Costi sociali di attività rent seeking Attività di lobby (political economy) Altri costi per il mantenimento delle barriere

24 1) Inefficienza allocativa La presenza di una condizione di monopolio comporta tipicamente perdite di benessere per la collettività: La conseguenza indesiderabile tradizionalmente messa in luce dalla letteratura economica è che il monopolista tipicamente produrrà/offrirà una quantità inferiore a quella efficiente e i consumatori sopporteranno un prezzo superiore a quello che avrebbero dovuto pagare ad una impresa operante in una industria concorrenziale (inefficienza allocativa)

25 Monopolista (distribuzione) Prezzo 10 Regime concorrenziale Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Regime di monopolio Rma 1,000 3,000 Cma Domanda Quantità Surplus del consumatore Surplus del produttore

26 Monopolista (inefficienza) Prezzo 10 Regime concorrenziale Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Mercato monopolistico Rma 1,000 3,000 Inefficienza allocativa Cma Domanda Quantità

27 2) Inefficienza produttiva Il potere di mercato consente al monopolista di non doversi preoccupare di produrre nel modo tecnicamente più efficiente Può massimizzare i profitti senza minimizzare i costi, ma perché dovrebbe produrre con una tecnologia meno efficiente (maggiori costi)? non avendo rivali è meno spronato a innovare e adottare la migliore tecnologia (effetto di rimpiazzo) l ambiente competitivo seleziona le imprese più efficienti da quelle inefficienti (che falliscono); in un mercato monopolistico non avviene nessuna selezione

28 Inefficienza produttiva Prezzo 10 Cu Monopolista Domanda A Rma 1,000 3,000 Cma Quantità Concorrenza (minimizza i costo) Prezzo 10 NxCu Domanda B 1,000 3,000 NxCma Rma = P C Quantità Inefficienza allocativa Inefficienza produttiva

29 Ricapitolando: Inefficienza Inefficienza allocativa Regime monopolistico Prezzo > Costo medio Regime concorrenziale Prezzo = Costo medio Nel medio periodo per effetto della libertà di entrata e di uscita dal mercato Inefficienza produttiva Regime monopolistico Prezzo > Cma (=Rma) Regime concorrenziale Prezzo = Cma (=Rma)

30 3) Efficienza dinamica Efficienza dinamica: possibilità di introdurre nuovi processi e prodotti da parte delle imprese Cosa cambia: da un punto di vista statico, indaghiamo se la concorrenza spinge le imprese ad operare sulla frontiera dell efficienza produttiva corrente dinamicamente, indaghiamo se la concorrenza stimola le imprese a spostare la frontiera dell efficienza produttiva/tecnica più velocemente e in avanti Minori incentivi ad innovare in monopolio?

31 Efficienza dinamica e forme di mercato Problema: le grandi imprese possono essere più efficienti delle piccole nell innovare e, quindi, la concorrenza può essere di ostacolo a questa forma di efficienza dinamica? Due visioni: Il potere di mercato riduce la rischiosità degli investimenti in innovazione, il monopolio favorirebbe quindi il progresso tecnologico Il potere di mercato scoraggerebbe le imprese che lo possiedono ad innovare per accrescere la propria competitività

32 Pro monopolio (Schumpeter) Innovazione favorita in mercati caratterizzati da elevato grado di concentrazione: innovazioni tecnologiche richiedono investimenti ingenti in R&S (per incertezza esito ricerca / per rendimenti di scala crescenti della R&S); solo in presenza di potere di mercato si potrà sfruttare il vantaggio di costo derivante dall innovazione. Schumpeter J.A., Capitalismo, socialismo e democrazia, 1967 (1943)

33 Contro il monopolio (Arrow) Entrambi i regimi sono subottimali, ma monopolista considera solo profitto addizionale della nuova tecnologia; impresa in concorrenza considera l intero profitto Quindi Alti profitti del monopolista (senza innovare) sono un disincentivo all adozione di nuove tecnologie Il maggiore incentivo per l impresa in concorrenza è che i suoi profitti (senza innovare) sono nulli Arrow K.J., Economic welfare and the allocation of resources for invention, 1962

34 Efficienza dinamica e forme di mercato Sul punto teoria economica ed evidenze empiriche non suggeriscono risultati univoci. Probabilmente l ambiente più idoneo per investire in R&S prevede una situazione intermedia Comunque, criteri di valutazione diversi (efficienza dinamica invece che allocativa) possono portare a conclusioni diverse su cosa si debba preferire Dibattito sulla proprietà intellettuale (freeware) Si veda:

35 4) Attività di rent seeking Il potere di mercato deriva dalle barriere Il monopolista, per salvaguardare il proprio vantaggio, destinerà risorse per preservarle oppure rafforzarle Risorse in attività di rent seeking: per creazione di monopoli legali (lobby) pubblicità differenziazione/fidelizzazione prodotto

36 Attività di rent seeking Profitti monopolio risorse rent seeking: La concorrenza in questa attività può spingere a spendere tutti i profitti attesi!! A volte queste attività hanno un valore sociale Pubblicità: se migliora l informazione necessaria ai consumatori per comprendere le caratteristiche distintive del prodotto Ma generale: ulteriori costi sociali!!!

37 Interventi di politica economica Trasformando i monopoli privati in imprese pubbliche, cui viene imposto l obiettivo di massimizzare il benessere sociale del profitto. Regolamentazione del comportamento del monopolista (per lo più fissando il prezzo) Stimolare la concorrenza (normativa antitrust) Non agire

38 Inconvenienti Se vi sono costi medi decrescenti sia il monopolio pubblico che l impresa regolamentata lavorerebbero in perdita e andrebbero sussidiate. Nelle imprese sussidiate (pubbliche o private) si indeboliscono fortemente gli incentivi a tenere comportamenti efficienti

39 Esternalità C è una esternalità ogni volta ogni volta che una decisione economica di un soggetto influenza l utilità o il profitto di un altro soggetto per una via diversa da quelle del mercato. Le esternalità possono essere positive (accrescono l utilità o il profitto) o negative (li riducono); possono essere anche reciproche. Le esternalità provocano fallimento del mercato perché rendono diverso il costo marginale sociale da quello privato e/o il beneficio marginale sociale da quello privato.

40 Origine delle esternalità Assenza di diritti di proprietà individuali sulle risorse (ognuno le usa non tenendo conto degli effetti sugli altri) Attività di produzione o consumo congiunto (quando l attività di un individuo determina congiuntamente beni o mali per altri) Esempio, la fabbrica che inquina è come se avesse oltre al proprio anche il prodotto congiunto dell inquinamento.

41 Esempio: produzione che inquina Cma Sociale > Cma Privato. Il prezzo rispecchia Cma e non Cma Sociale. Il P di mercato (6) è minore del P ombra (8) e Q prodotta è maggiore di quella efficiente. Prezzo Esternalità negativa Cma Sociale 1,000 3,000 Cma Privato Bma Privato Quantità Inefficienza allocativa

42 Esternalità L esempio precedente ha un significato generale: quando l esternalità è negativa il mercato produce una quantità maggiore di quella ottimale (perché il mercato mette nel conto solo una parte dei costi: quelli privati e non quelli sociali). Vale anche il risultato reciproco: quando l esternalità è positiva il mercato produce una quantità minore di quella ottimale (perché il mercato mette nel conto solo una parte dei benefici: quelli privati e non quelli sociali).

43 Esempio: produzione di tecnologia Bma Sociale > Bma Privato. Il P rispecchia Bma e non Bm Sociale. Il P di mercato (6) è minore del prezzo ombra (9) e la Q è minore di quella efficiente. Prezzo Esternalità positiva Cma Privato Inefficienza allocativa Bma Sociale Bma Privato 1,000 3,000 Quantità

44 Rimedi alle esternalità Imposte pigouviane Regolamentazione Teorema di Coase (assegnazione dei diritti)

45 Rimedi alle esternalità (Pigou) Imposte (sussidi) pigouviane Tassa per unità prodotta pari al danno marginale in corrispondenza della Q di produzione efficiente Prezzo 10 (1+t) P M = P E 8 Esternalità negativa Cma Sociale Cma Privato P M 6 Cecil Pigou Gettito fiscale ,000 3,000 Bma Privato Quantità

46 Rimedi (regolamentazione) Contingentamento 1) alla produzione; 2) sull inquinamento (non proprio la stessa cosa) Alternativo vincoli sugli input (tecnologia) 1 Quantità regolamentata Eventule rendimento licenze di produzione Prezzo Esternalità negativa Cma Sociale 1,000 3,000 Cma Privato Bma Privato Quantità

47 Rimedi (regolamentazione) Contingentamento 1) alla produzione; 2) sull inquinamento (non proprio la stessa cosa) Alternativo vincoli sugli input (tecnologia) 1 Quantità regolamentata Prezzo Esternalità negativa Cma Sociale Cma Privato 2 inquinamento massimo consentito 2 0 1,000 3,000 Bma Privato Quantità

48 Problemi in entrambi i casi Difficoltà di determinare la funzione di danno marginale, difficile stabilire 1. quali attività generano sostanze inquinanti ed in che quantità; 2. l impatto delle sostanze inquinanti; 3. il valore del danno provocato In generale occorrono informazioni sui costi opportunità privati e sui costi e valori sociali che l autorità pubblica di fatto non possiede. Problema informativo di Hayek/Mises.

49 Teorema di Coase Idea di fondo: l assenza di diritti di proprietà come causa di esternalità, quindi per eliminarle occorre assegnare questi diritti. Proposizione 1: in assenza di costi di transazione se vengono assegnati i diritti di proprietà le parti troveranno un accordo che eliminerà l'esternalità. Proposizione 2: in presenza di costi di transazione può essere necessario per raggiungere l efficienza non soltanto assegnare i diritti di proprietà, ma anche assegnarli a uno specifico soggetto. R. Coase Nota che il soggetto a cui sono assegnati questi diritti non è rilevante per l efficienza!!!

50 Beni pubblici I beni pubblici sono identificati da due proprietà: 1. non rivalità: la stessa unità del bene può essere consumata da più soggetti, senza che ciò riduca la sua utilità per i soggetti che la consumano; 2. non escludibilità: se una unità del bene è offerta a un soggetto, è offerta (gratis) a tutti gli altri. Il problema è che il mercato non li produce!!! (sono un particolare tipo di esternalità)

51 Free riding Free rider chi che, pur godendo di un bene o servizio, non ne paga il relativo prezzo. Dato che nessuno può essere escluso dal godere dei benefici di un bene pubblico, ciascuno agirà da free rider confidando sul fatto che gli altri pagheranno per la produzione del bene. Ma se tutti agiscono così nessuno paga per il bene, e quindi non esiste alcun incentivo per la produzione privata del bene pubblico.

52 Beni pubblici impuri La natura di bene pubblico non è assoluta, ma dipende dalle condizioni dei mercati e dai livelli tecnologici raggiunti in un futuro non troppo lontano il faro potrebbe diventare un servizio escludibile. I beni possono avere diversi gradi di non rivalità e non escludibilità si parla anche di beni pubblici impuri. Ad esempio, possono esistere: beni rivali, ma non escludibili (le strade di un centro cittadino nelle ore di punta) beni escludibili, ma non rivali (una grande spiaggia)

53 Beni pubblici/privati: tassonomia

54 Beni pubblici/privati: tassonomia

55 Beni comuni (risorse collettive) Le risorse comuni = beni non escludibili, ma rivali. Esempio principale è dato dai beni naturali ed ambientali. The Tragedy of Commons: Essendo non escludibili chiunque può utilizzarli senza pagare alcunché, ma essendo anche rivali l uso da parte di ciascuno riduce la possibilità altrui di goderne. Le risorse comuni proprio perché non escludibili tendono ad essere usate troppo intensamente. Ciò crea un esternalità negativa che proprio perché sono beni rivali ne compromette il godimento altrui. L esternalità colpisce soprattutto le generazioni future.

56 Rimedi Beni pubblici puri Produzione pubblica (impresa pubblica o sovvenzionata). Problemi: Anche se tutti consumano la stessa quantità di un bene pubblico, ciò non significa che tale consumo debba essere valutato da tutti allo stesso modo. Il valore che gli individui danno al bene pubblico è una informazione privata (free riding). Fallimenti pubblici (possibile che la cura sia peggiore della malattia). Beni comuni (esternalità) Tassa Piguviana/regolamentazione/renderli privati

57 The Bowerbird s story Asimmetrie informative Comportamento degli uccelli

58 Asimmetrie informative La selezione avversa (adverse selection) = quando in una transazione, un individuo (principale) non può osservare importanti caratteristiche esogene dell altro (agente) o del bene che questo vende Il rischio di comportamento sleale o azzardo morale (moral hazard) = quando in una transazione, un individuo (principale) non può osservare importanti azioni dell altro (agente)

59 Informazione e fallimenti del mercato Il mercato dei bidoni e la selezione avversa L acquirente (principale) non può osservare la qualità dell auto usata che il venditore (agente) propone L acquirente quindi sarà disposto a comprare solo bidoni, non esiste il mercato della auto usate di buona qualità Soluzione Bowerbird: segnalazione (ma è costosa) Assicurazioni e il rischio di comportamento sleale L assicuratore (principale) non può osservare come l acquirente della polizza (agente) si comporterà Proporrà quindi solo (costose) polizze per agenti rischiosi, non esiste il mercato delle polizze per agenti poco rischiosi

60 Prezzi e informazione Tipi di bene in base alla capacità el prezzo di informare sulla qualità: Search good Experience good Credence good Nel caso degli experience good e, soprattutto, dei credence good l acquisto ed il consumo sono condizionati da un forte problema di asimmetria informativa: Solo il venditore ne conosce ex ante la qualità.

61 Search good Beni o servizi la cui qualità può essere facilmente riconosciuta dal consumatore anche prima dell acquisto Si può cercare il bene di qualità migliore facendo confronti tra beni diversi, ma senza doverli necessariamente acquistare. Sono i beni di consumo corrente, dove il prezzo fa da segnale: cibo, vestiario,...

62 Experience good Beni o servizi la cui qualità può essere accertata dal consumatore solo dopo l acquisto (= solo dopo averli sperimentati ). Sono i beni più sofisticati (high tech) o i servizi valutabili ex post (parrucchiere, meccanico). Il prezzo non è più un segnale sufficiente. Il produttore di un experience good ha interesse a creare e mantenere una reputazione di alta qualità che, di fatto, trasformi il bene in search good.

63 Credence good Beni o servizi la cui qualità non può essere accertata dal consumatore neppure dopo averli utilizzati (= ci si deve comunque fidare di chi ce li ha venduti o erogati). Tipici esempi di credence goods sono le prestazioni professionali del medico o dell avvocato (o quelle dei prof universitari!). Il prezzo non segnala nulla!

64 Alcuni esempi Gli esempi che seguono spiegano, con casi pratici, le asimmetrie informative Sono facoltativi e sono liberamente tratti dai lucidi di Nicola Giocoli dell Università di Pisa

65 Il calciatore pigro (Informazione nascosta) Calciatore (agente) ingaggiato da club (principale) con contratto pluriennale e multimilionario. Il calciatore, dopo la firma, è sicuro di ricevere l ingaggio, a prescindere dall impegno in allenamento e in campo. Potrebbe non impegnarsi Tipica situazione di azione nascosta o azzardo morale: L agente è incentivato a perseguire opportunisticamente il proprio interesse (non impegnarsi troppo) invece di quello del principale (massimo impegno) Il club può monitorare (controllare) il comportamento del calciatore, contratto con clausole che consentano di multarlo per uno stile di vita non professionale (Bacco, Tabacco e Venere ), Ma l impegno profuso sul campo è difficile da monitorare. Come può il club difendersi da un comportamento opportunistico? Nel contratto una parte rilevante dell ingaggio può dipendere dai risultati individuali (gol segnati) e/o collettivo (vittoria in campionato). Il principale vende all agente parte del (valore economico del) risultato ottenuto grazie al suo comportamento. Ciò consente di riallineare l interesse/incentivo di agente e principale il calciatore, impegnandosi al massimo, perseguirà sia il proprio interesse che quello del club.

66 Il caso Marpalat Fallisto Manzi, proprietario del 100% di Marpalat, ha deciso di quotarla in Borsa, vendendo parte delle azioni. Il sig. Rossi, semplice risparmiatore, vuole comprare azioni, divenendo così proprietario di una piccola quota di Marpalat. Rossi non conosce il vero valore delle azioni, perché non conosce il vero valore della Marpalat, noto solo al proprietario. Manzi ha interesse a far credere che esso sia il più alto possibile. Esistono i bilanci della società, ma Rossi non può sapere se tali bilanci sono veritieri. Primo problema di asimmetria informativa informazione nascosta: fidandosi dei bilanci, Rossi rischia di pagare le azioni molto più del vero valore. Soluzione: la legge impone che, a tutela dei risparmiatori, il bilancio di una società quotata in Borsa sia certificato (garantito nella sua verità) da una società di revisione. Il prezzo per le azioni Marpalat dovrebbe rispecchiare il vero valore, come risulta dai bilanci certificati. Ma... la società di revisione è, per legge, assunta e remunerata da Marpalat stessa. Rischio che essa non agisca per tutelare gli interessi del mercato e dei risparmiatori, ma quelli di Manzi, che può assicurarle nuovi e remunerativi incarichi da parte di altre sue società. Secondo problema di asimmetria informativa azione nascosta: dopo essere stata ingaggiata per tutelare gli interessi dei risparmiatori (principale), la società di revisione (agente) persegue il proprio interesse, certificando un bilancio falso e quindi aiutando Manzi a sopravvalutare il valore delle azioni Marpalat. Soluzione: la legge potrebbe prescrivere che la società di revisione sia assunta e pagata da un autorità indipendente che persegue fini collettivi, es. Consob.

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni CAPITOLO 10 Mercati concorrenziali: applicazioni 1 1 L efficienza economica in un mercato concorrenziale 2 2 L efficienza economica in un mercato concorrenziale In corrispondenza dell equilibrio perfettamente

Dettagli

Dispensa per le lezioni di microeconomia. Marco Missaglia

Dispensa per le lezioni di microeconomia. Marco Missaglia Dispensa per le lezioni di microeconomia Marco Missaglia 1 Introduzione In questa dispensa si tratteranno alcune questioni legate ai mercati, alla loro efficienza e ai loro fallimenti. Prima di tutto cercheremo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Analisi degli effetti concorrenziali ed evidenze empiriche con particolare attenzione alla pratica del franchising

Analisi degli effetti concorrenziali ed evidenze empiriche con particolare attenzione alla pratica del franchising UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea specialistica in Marketing e analisi di Mercato curriculum in Marketing Management. RESTRIZIONI VERTICALI Analisi degli effetti

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Dispense di politica economica Le politiche per il welfare

Dispense di politica economica Le politiche per il welfare Il Welfare State Dispense di politica economica Le politiche per il welfare Nell attuare le politiche macroeconomiche e microeconomiche lo Stato si propone come obiettivo fondamentale quello di assicurare

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Andrea Delogu. Beni pubblici, beni privati e privatizzazioni

Andrea Delogu. Beni pubblici, beni privati e privatizzazioni 160 Andrea Delogu Beni pubblici, beni privati e privatizzazioni Sommario: I - Le origini della teoria dei beni pubblici. II - Sistemi di distribuzione alternativi dei beni pubblici. III - Considerazioni

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA

GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Economia Aziendale Anna CODINI GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA Paper numero 69 Dicembre 2007 GOVERNO DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Servizio analisi e verifica dell impatto della regolamentazione Programma Operativo di Assistenza Tecnica alle

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli