Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici"

Transcript

1 Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Fallimenti del mercato: Aspetti microeconomici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

2 Fallimenti micro Fallimenti nel ottenere l efficienza derivano da violazioni delle assunzioni del primo teorema, quindi dall esistenza di Regimi non concorrenziali Mercati incompleti Esternalità Beni pubblici Costi di transazione e asimmetrie informative Beni meritori e disuguaglianza (in seguito)

3 Concorrenza perfetta La concorrenza perfetta è una forma di mercato identificata dalla presenza di: beni omogenei elevata numerosità degli operatori (price taker) assenza di intese o di accordi tra di essi libertà di ingresso e di uscita dal mercato perfetta informazione Se ne manca anche uno solo il mercato acquista caratteristiche di concorrenza imperfetta.

4 Regimi non concorrenziali Principali esempi di concorrenza imperfetta: Monopolio: una sola (grande) impresa e barriere che impediscono l ingresso di altre imprese nel mercato Concorrenza monopolistica: come la concorrenza perfetta ma prodotto non omogeneo (differenziato). Oligopolio: poche grandi imprese (ci possono essere o non essere barriere; il prodotto può non essere omogeneo).

5 Strutture di mercato: sintesi I prodotti sono differenziati? No Si Uno Monopolio Tanti singoli monopoli (differenziazione di prezzo) Quanti produttori ci sono? Pochi Oligopolio Molti Concorrenza perfetta Concorrenza monopolistica

6 Monopolio e barriere di entrata Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori Nei mercati ci possono essere diversi tipi di barriere di entrata: economie di scala, barriere legali, merceologiche.

7 Cause non tecnologiche : Barriere legali (licenze, brevetti,...) Barriere all entrata derivanti dal controllo su alcuni input indispensabili per il processo produttivo Economie di rete (network): valore di un prodotto per i consumatori maggiore con il numero di utilizzatori Cartelli tra imprese Principali cause We d like some more! Please! Please! Cause tecnologiche : Rendimenti di scala crescenti: Please! OPEC Vs. World Elevati costi fissi per intraprendere l attività e irrecuperabilità dell investimento (sunk costs)

8 Tipologie Monopolio delle risorse una sola impresa detiene una risorsa chiave Monopolio legale una sola impresa detiene il diritto esclusivo di produzione di un bene Monopolio naturale una sola impresa è in grado di fornire all intero mercato un bene o un servizio a costi più bassi di quelli che affronterebbero due o più imprese

9 Decisioni di produzione e di prezzo Monopolio e concorrenza diversa percezione della domanda (elasticità della domanda dell impresa rispetto al prezzo). Le imprese concorrenziali prendono il prezzo come dato domanda orizzontale (perfettamente elastica). Essendo l unico a vendere il bene, il monopolista intera curva di domanda del mercato (inclinata verso il basso).

10 Il problema dl monopolista La curva di domanda è per il monopolista l insieme delle sue possibilità di scelta. Può decidere qualsiasi coppia di quantità e prezzo (Q, P), purché, appunto, sulla curva di domanda. P (profitto ) Q venduta (profitto ). Come si ottiene l ottimo? Con Cma=Rma! [non conveniente variare P] come in concorrenza. Il prezzo risultante sarà però più alto.

11 Concorrenza perfetta Prezzo Mercato Offerta = NxCma 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo Impresa concorrenziale Cma Domanda dell impresa individuale Rma Quantità

12 Monopolista Prezzo Mercato 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo Impresa monopolista Rma 1,000 3,000 Cma Domanda Quantità

13 Decisioni di produzione e di prezzo Per un impresa in concorrenza, il prezzo e il costo marginale sono uguali: P = Rma = Cma Per un impresa monopolista, il prezzo è superiore al costo marginale: P > Rma = Cmq La formula del mark up è un altro modo per vedere il potere di mercato del monopolista P Cma P 1 e P Cma Cma e e 1 Tanto più elevato (basso) quanto più la domanda è rigida (elastica) [nota e >1]

14 Monopolista: Profitti (rendita) Prezzo Mercato 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo Impresa monopolista Rma 1,000 3,000 Cma Cu Profitto Domanda Quantità Nota: il monopolio, in questo esempio, produce nel punto di costo medio minimo

15 E in concorrenza extraprofitti? Prezzo Mercato Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Impresa concorrenziale Cma Cu Rma Domanda dell impresa individuale Quantità

16 Entrata e uscita Prezzo Mercato Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Impresa concorrenziale Cma Cu Rma Domanda dell impresa individuale Quantità

17 Medio periodo: P=Cu Prezzo Mercato Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Impresa concorrenziale Cma Cu Domanda dell impresa individuale Rma Quantità

18 Profitti, extra-profitti, rendita In concorrenza perfetto spesso si parla di profitti (o profitti normali) contrapposti a extra profitti o quasi rendite. In monopolio di profitti oppure rendite.

19 Profitti, extra-profitti, rendita In concorrenza perfetto spesso si parla di profitti (o profitti normali) contrapposti a extra profitti o quasi rendite. In monopolio di profitti oppure rendite. 1. Profitto normale remunerazione imprenditore (in entrambi in regimi) 2. Profitto di monopolio = Rendita monopolio con P>Cu 3. Extra profitto = Quasi rendita concorrenza con P>Cu temporaneamente (breve periodo) 4. Perdita P<Cu: monopolista non produce in perdita (se non sussidiato), in concorrenza può accadere nel breve periodo

20 Monopolio naturale Dipende dalle caratteristiche della tecnologia (in rapporto all ampiezza del mercato) rendimenti crescenti di scala (costi medi decrescenti) In questo caso P=Cma (efficienza) implica profitti negativi, per avere profitti positivi occorre P>Cma. Nota: concorrenza perfetta rendimenti decrescenti di scala

21 Monopolio naturale Rma = Cma Regime di monopolio Prezzo Perdita! 1,000 3,000 Cu Cma Domanda Quantità Prezzo Rendita? Rma 1,000 3,000 Cu Cma Domanda Quantità

22 Monopolio naturale Mercato contendibile (monopolio barriera) Prezzo 10 Rendita = Rma 1,000 3,000 NxCu NxCma Domanda Quantità Prezzo 10 Regime di monopolio Rma 1,000 3,000 Rendita Cu Cma Domanda Quantità

23 Costi del monopolio 1. Inefficienza allocazione 2. Inefficienza produttiva 3. Inefficienza dinamica (innovazione) dibattito su efficienza dinamica e forme di mercato 4. Costi sociali di attività rent seeking Attività di lobby (political economy) Altri costi per il mantenimento delle barriere

24 1) Inefficienza allocativa La presenza di una condizione di monopolio comporta tipicamente perdite di benessere per la collettività: La conseguenza indesiderabile tradizionalmente messa in luce dalla letteratura economica è che il monopolista tipicamente produrrà/offrirà una quantità inferiore a quella efficiente e i consumatori sopporteranno un prezzo superiore a quello che avrebbero dovuto pagare ad una impresa operante in una industria concorrenziale (inefficienza allocativa)

25 Monopolista (distribuzione) Prezzo 10 Regime concorrenziale Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Regime di monopolio Rma 1,000 3,000 Cma Domanda Quantità Surplus del consumatore Surplus del produttore

26 Monopolista (inefficienza) Prezzo 10 Regime concorrenziale Offerta 1,000 3,000 Domanda Quantità Prezzo 10 Mercato monopolistico Rma 1,000 3,000 Inefficienza allocativa Cma Domanda Quantità

27 2) Inefficienza produttiva Il potere di mercato consente al monopolista di non doversi preoccupare di produrre nel modo tecnicamente più efficiente Può massimizzare i profitti senza minimizzare i costi, ma perché dovrebbe produrre con una tecnologia meno efficiente (maggiori costi)? non avendo rivali è meno spronato a innovare e adottare la migliore tecnologia (effetto di rimpiazzo) l ambiente competitivo seleziona le imprese più efficienti da quelle inefficienti (che falliscono); in un mercato monopolistico non avviene nessuna selezione

28 Inefficienza produttiva Prezzo 10 Cu Monopolista Domanda A Rma 1,000 3,000 Cma Quantità Concorrenza (minimizza i costo) Prezzo 10 NxCu Domanda B 1,000 3,000 NxCma Rma = P C Quantità Inefficienza allocativa Inefficienza produttiva

29 Ricapitolando: Inefficienza Inefficienza allocativa Regime monopolistico Prezzo > Costo medio Regime concorrenziale Prezzo = Costo medio Nel medio periodo per effetto della libertà di entrata e di uscita dal mercato Inefficienza produttiva Regime monopolistico Prezzo > Cma (=Rma) Regime concorrenziale Prezzo = Cma (=Rma)

30 3) Efficienza dinamica Efficienza dinamica: possibilità di introdurre nuovi processi e prodotti da parte delle imprese Cosa cambia: da un punto di vista statico, indaghiamo se la concorrenza spinge le imprese ad operare sulla frontiera dell efficienza produttiva corrente dinamicamente, indaghiamo se la concorrenza stimola le imprese a spostare la frontiera dell efficienza produttiva/tecnica più velocemente e in avanti Minori incentivi ad innovare in monopolio?

31 Efficienza dinamica e forme di mercato Problema: le grandi imprese possono essere più efficienti delle piccole nell innovare e, quindi, la concorrenza può essere di ostacolo a questa forma di efficienza dinamica? Due visioni: Il potere di mercato riduce la rischiosità degli investimenti in innovazione, il monopolio favorirebbe quindi il progresso tecnologico Il potere di mercato scoraggerebbe le imprese che lo possiedono ad innovare per accrescere la propria competitività

32 Pro monopolio (Schumpeter) Innovazione favorita in mercati caratterizzati da elevato grado di concentrazione: innovazioni tecnologiche richiedono investimenti ingenti in R&S (per incertezza esito ricerca / per rendimenti di scala crescenti della R&S); solo in presenza di potere di mercato si potrà sfruttare il vantaggio di costo derivante dall innovazione. Schumpeter J.A., Capitalismo, socialismo e democrazia, 1967 (1943)

33 Contro il monopolio (Arrow) Entrambi i regimi sono subottimali, ma monopolista considera solo profitto addizionale della nuova tecnologia; impresa in concorrenza considera l intero profitto Quindi Alti profitti del monopolista (senza innovare) sono un disincentivo all adozione di nuove tecnologie Il maggiore incentivo per l impresa in concorrenza è che i suoi profitti (senza innovare) sono nulli Arrow K.J., Economic welfare and the allocation of resources for invention, 1962

34 Efficienza dinamica e forme di mercato Sul punto teoria economica ed evidenze empiriche non suggeriscono risultati univoci. Probabilmente l ambiente più idoneo per investire in R&S prevede una situazione intermedia Comunque, criteri di valutazione diversi (efficienza dinamica invece che allocativa) possono portare a conclusioni diverse su cosa si debba preferire Dibattito sulla proprietà intellettuale (freeware) Si veda:

35 4) Attività di rent seeking Il potere di mercato deriva dalle barriere Il monopolista, per salvaguardare il proprio vantaggio, destinerà risorse per preservarle oppure rafforzarle Risorse in attività di rent seeking: per creazione di monopoli legali (lobby) pubblicità differenziazione/fidelizzazione prodotto

36 Attività di rent seeking Profitti monopolio risorse rent seeking: La concorrenza in questa attività può spingere a spendere tutti i profitti attesi!! A volte queste attività hanno un valore sociale Pubblicità: se migliora l informazione necessaria ai consumatori per comprendere le caratteristiche distintive del prodotto Ma generale: ulteriori costi sociali!!!

37 Interventi di politica economica Trasformando i monopoli privati in imprese pubbliche, cui viene imposto l obiettivo di massimizzare il benessere sociale del profitto. Regolamentazione del comportamento del monopolista (per lo più fissando il prezzo) Stimolare la concorrenza (normativa antitrust) Non agire

38 Inconvenienti Se vi sono costi medi decrescenti sia il monopolio pubblico che l impresa regolamentata lavorerebbero in perdita e andrebbero sussidiate. Nelle imprese sussidiate (pubbliche o private) si indeboliscono fortemente gli incentivi a tenere comportamenti efficienti

39 Esternalità C è una esternalità ogni volta ogni volta che una decisione economica di un soggetto influenza l utilità o il profitto di un altro soggetto per una via diversa da quelle del mercato. Le esternalità possono essere positive (accrescono l utilità o il profitto) o negative (li riducono); possono essere anche reciproche. Le esternalità provocano fallimento del mercato perché rendono diverso il costo marginale sociale da quello privato e/o il beneficio marginale sociale da quello privato.

40 Origine delle esternalità Assenza di diritti di proprietà individuali sulle risorse (ognuno le usa non tenendo conto degli effetti sugli altri) Attività di produzione o consumo congiunto (quando l attività di un individuo determina congiuntamente beni o mali per altri) Esempio, la fabbrica che inquina è come se avesse oltre al proprio anche il prodotto congiunto dell inquinamento.

41 Esempio: produzione che inquina Cma Sociale > Cma Privato. Il prezzo rispecchia Cma e non Cma Sociale. Il P di mercato (6) è minore del P ombra (8) e Q prodotta è maggiore di quella efficiente. Prezzo Esternalità negativa Cma Sociale 1,000 3,000 Cma Privato Bma Privato Quantità Inefficienza allocativa

42 Esternalità L esempio precedente ha un significato generale: quando l esternalità è negativa il mercato produce una quantità maggiore di quella ottimale (perché il mercato mette nel conto solo una parte dei costi: quelli privati e non quelli sociali). Vale anche il risultato reciproco: quando l esternalità è positiva il mercato produce una quantità minore di quella ottimale (perché il mercato mette nel conto solo una parte dei benefici: quelli privati e non quelli sociali).

43 Esempio: produzione di tecnologia Bma Sociale > Bma Privato. Il P rispecchia Bma e non Bm Sociale. Il P di mercato (6) è minore del prezzo ombra (9) e la Q è minore di quella efficiente. Prezzo Esternalità positiva Cma Privato Inefficienza allocativa Bma Sociale Bma Privato 1,000 3,000 Quantità

44 Rimedi alle esternalità Imposte pigouviane Regolamentazione Teorema di Coase (assegnazione dei diritti)

45 Rimedi alle esternalità (Pigou) Imposte (sussidi) pigouviane Tassa per unità prodotta pari al danno marginale in corrispondenza della Q di produzione efficiente Prezzo 10 (1+t) P M = P E 8 Esternalità negativa Cma Sociale Cma Privato P M 6 Cecil Pigou Gettito fiscale ,000 3,000 Bma Privato Quantità

46 Rimedi (regolamentazione) Contingentamento 1) alla produzione; 2) sull inquinamento (non proprio la stessa cosa) Alternativo vincoli sugli input (tecnologia) 1 Quantità regolamentata Eventule rendimento licenze di produzione Prezzo Esternalità negativa Cma Sociale 1,000 3,000 Cma Privato Bma Privato Quantità

47 Rimedi (regolamentazione) Contingentamento 1) alla produzione; 2) sull inquinamento (non proprio la stessa cosa) Alternativo vincoli sugli input (tecnologia) 1 Quantità regolamentata Prezzo Esternalità negativa Cma Sociale Cma Privato 2 inquinamento massimo consentito 2 0 1,000 3,000 Bma Privato Quantità

48 Problemi in entrambi i casi Difficoltà di determinare la funzione di danno marginale, difficile stabilire 1. quali attività generano sostanze inquinanti ed in che quantità; 2. l impatto delle sostanze inquinanti; 3. il valore del danno provocato In generale occorrono informazioni sui costi opportunità privati e sui costi e valori sociali che l autorità pubblica di fatto non possiede. Problema informativo di Hayek/Mises.

49 Teorema di Coase Idea di fondo: l assenza di diritti di proprietà come causa di esternalità, quindi per eliminarle occorre assegnare questi diritti. Proposizione 1: in assenza di costi di transazione se vengono assegnati i diritti di proprietà le parti troveranno un accordo che eliminerà l'esternalità. Proposizione 2: in presenza di costi di transazione può essere necessario per raggiungere l efficienza non soltanto assegnare i diritti di proprietà, ma anche assegnarli a uno specifico soggetto. R. Coase Nota che il soggetto a cui sono assegnati questi diritti non è rilevante per l efficienza!!!

50 Beni pubblici I beni pubblici sono identificati da due proprietà: 1. non rivalità: la stessa unità del bene può essere consumata da più soggetti, senza che ciò riduca la sua utilità per i soggetti che la consumano; 2. non escludibilità: se una unità del bene è offerta a un soggetto, è offerta (gratis) a tutti gli altri. Il problema è che il mercato non li produce!!! (sono un particolare tipo di esternalità)

51 Free riding Free rider chi che, pur godendo di un bene o servizio, non ne paga il relativo prezzo. Dato che nessuno può essere escluso dal godere dei benefici di un bene pubblico, ciascuno agirà da free rider confidando sul fatto che gli altri pagheranno per la produzione del bene. Ma se tutti agiscono così nessuno paga per il bene, e quindi non esiste alcun incentivo per la produzione privata del bene pubblico.

52 Beni pubblici impuri La natura di bene pubblico non è assoluta, ma dipende dalle condizioni dei mercati e dai livelli tecnologici raggiunti in un futuro non troppo lontano il faro potrebbe diventare un servizio escludibile. I beni possono avere diversi gradi di non rivalità e non escludibilità si parla anche di beni pubblici impuri. Ad esempio, possono esistere: beni rivali, ma non escludibili (le strade di un centro cittadino nelle ore di punta) beni escludibili, ma non rivali (una grande spiaggia)

53 Beni pubblici/privati: tassonomia

54 Beni pubblici/privati: tassonomia

55 Beni comuni (risorse collettive) Le risorse comuni = beni non escludibili, ma rivali. Esempio principale è dato dai beni naturali ed ambientali. The Tragedy of Commons: Essendo non escludibili chiunque può utilizzarli senza pagare alcunché, ma essendo anche rivali l uso da parte di ciascuno riduce la possibilità altrui di goderne. Le risorse comuni proprio perché non escludibili tendono ad essere usate troppo intensamente. Ciò crea un esternalità negativa che proprio perché sono beni rivali ne compromette il godimento altrui. L esternalità colpisce soprattutto le generazioni future.

56 Rimedi Beni pubblici puri Produzione pubblica (impresa pubblica o sovvenzionata). Problemi: Anche se tutti consumano la stessa quantità di un bene pubblico, ciò non significa che tale consumo debba essere valutato da tutti allo stesso modo. Il valore che gli individui danno al bene pubblico è una informazione privata (free riding). Fallimenti pubblici (possibile che la cura sia peggiore della malattia). Beni comuni (esternalità) Tassa Piguviana/regolamentazione/renderli privati

57 The Bowerbird s story Asimmetrie informative Comportamento degli uccelli

58 Asimmetrie informative La selezione avversa (adverse selection) = quando in una transazione, un individuo (principale) non può osservare importanti caratteristiche esogene dell altro (agente) o del bene che questo vende Il rischio di comportamento sleale o azzardo morale (moral hazard) = quando in una transazione, un individuo (principale) non può osservare importanti azioni dell altro (agente)

59 Informazione e fallimenti del mercato Il mercato dei bidoni e la selezione avversa L acquirente (principale) non può osservare la qualità dell auto usata che il venditore (agente) propone L acquirente quindi sarà disposto a comprare solo bidoni, non esiste il mercato della auto usate di buona qualità Soluzione Bowerbird: segnalazione (ma è costosa) Assicurazioni e il rischio di comportamento sleale L assicuratore (principale) non può osservare come l acquirente della polizza (agente) si comporterà Proporrà quindi solo (costose) polizze per agenti rischiosi, non esiste il mercato delle polizze per agenti poco rischiosi

60 Prezzi e informazione Tipi di bene in base alla capacità el prezzo di informare sulla qualità: Search good Experience good Credence good Nel caso degli experience good e, soprattutto, dei credence good l acquisto ed il consumo sono condizionati da un forte problema di asimmetria informativa: Solo il venditore ne conosce ex ante la qualità.

61 Search good Beni o servizi la cui qualità può essere facilmente riconosciuta dal consumatore anche prima dell acquisto Si può cercare il bene di qualità migliore facendo confronti tra beni diversi, ma senza doverli necessariamente acquistare. Sono i beni di consumo corrente, dove il prezzo fa da segnale: cibo, vestiario,...

62 Experience good Beni o servizi la cui qualità può essere accertata dal consumatore solo dopo l acquisto (= solo dopo averli sperimentati ). Sono i beni più sofisticati (high tech) o i servizi valutabili ex post (parrucchiere, meccanico). Il prezzo non è più un segnale sufficiente. Il produttore di un experience good ha interesse a creare e mantenere una reputazione di alta qualità che, di fatto, trasformi il bene in search good.

63 Credence good Beni o servizi la cui qualità non può essere accertata dal consumatore neppure dopo averli utilizzati (= ci si deve comunque fidare di chi ce li ha venduti o erogati). Tipici esempi di credence goods sono le prestazioni professionali del medico o dell avvocato (o quelle dei prof universitari!). Il prezzo non segnala nulla!

64 Alcuni esempi Gli esempi che seguono spiegano, con casi pratici, le asimmetrie informative Sono facoltativi e sono liberamente tratti dai lucidi di Nicola Giocoli dell Università di Pisa

65 Il calciatore pigro (Informazione nascosta) Calciatore (agente) ingaggiato da club (principale) con contratto pluriennale e multimilionario. Il calciatore, dopo la firma, è sicuro di ricevere l ingaggio, a prescindere dall impegno in allenamento e in campo. Potrebbe non impegnarsi Tipica situazione di azione nascosta o azzardo morale: L agente è incentivato a perseguire opportunisticamente il proprio interesse (non impegnarsi troppo) invece di quello del principale (massimo impegno) Il club può monitorare (controllare) il comportamento del calciatore, contratto con clausole che consentano di multarlo per uno stile di vita non professionale (Bacco, Tabacco e Venere ), Ma l impegno profuso sul campo è difficile da monitorare. Come può il club difendersi da un comportamento opportunistico? Nel contratto una parte rilevante dell ingaggio può dipendere dai risultati individuali (gol segnati) e/o collettivo (vittoria in campionato). Il principale vende all agente parte del (valore economico del) risultato ottenuto grazie al suo comportamento. Ciò consente di riallineare l interesse/incentivo di agente e principale il calciatore, impegnandosi al massimo, perseguirà sia il proprio interesse che quello del club.

66 Il caso Marpalat Fallisto Manzi, proprietario del 100% di Marpalat, ha deciso di quotarla in Borsa, vendendo parte delle azioni. Il sig. Rossi, semplice risparmiatore, vuole comprare azioni, divenendo così proprietario di una piccola quota di Marpalat. Rossi non conosce il vero valore delle azioni, perché non conosce il vero valore della Marpalat, noto solo al proprietario. Manzi ha interesse a far credere che esso sia il più alto possibile. Esistono i bilanci della società, ma Rossi non può sapere se tali bilanci sono veritieri. Primo problema di asimmetria informativa informazione nascosta: fidandosi dei bilanci, Rossi rischia di pagare le azioni molto più del vero valore. Soluzione: la legge impone che, a tutela dei risparmiatori, il bilancio di una società quotata in Borsa sia certificato (garantito nella sua verità) da una società di revisione. Il prezzo per le azioni Marpalat dovrebbe rispecchiare il vero valore, come risulta dai bilanci certificati. Ma... la società di revisione è, per legge, assunta e remunerata da Marpalat stessa. Rischio che essa non agisca per tutelare gli interessi del mercato e dei risparmiatori, ma quelli di Manzi, che può assicurarle nuovi e remunerativi incarichi da parte di altre sue società. Secondo problema di asimmetria informativa azione nascosta: dopo essere stata ingaggiata per tutelare gli interessi dei risparmiatori (principale), la società di revisione (agente) persegue il proprio interesse, certificando un bilancio falso e quindi aiutando Manzi a sopravvalutare il valore delle azioni Marpalat. Soluzione: la legge potrebbe prescrivere che la società di revisione sia assunta e pagata da un autorità indipendente che persegue fini collettivi, es. Consob.

FALLIMENTI DEL MERCATO

FALLIMENTI DEL MERCATO FALLIMENTI DEL MERCATO L efficienza del Mercato Il benessere economico garantito dal Mercato è misurato in termini di efficienza paretiana. Secondo il primo teorema dell economia del benessere ogni EGC

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

ASIMMETRIA INFORMATIVA

ASIMMETRIA INFORMATIVA ASIMMETRIA INFORMATIVA Equilibrio domanda offerta Il prezzo e la quantità di mercato di un certo bene dipendono dall interazione fra domanda e offerta La domanda indica la disponibilità ad acquistare un

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

Una tassonomia dei mercati

Una tassonomia dei mercati Monopolio capitolo 15 Una tassonomia dei mercati concorrenza perfetta monopolio oligopolio concorrenza monopolistica 1 Concorrenza perfetta tanti venditori, tanti compratori bene omogeneo (identico o perfettamente

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato I fallimenti del mercato Diritti di proprietà ed esecuzione dei contratti Anche in un economia ideale, caratterizzata da concorrenza perfetta ed efficienza paretiana, gli economisti più liberisti riconoscono

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2.

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2. CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita A. Mercati non concorrenziali 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO

CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO A. Mercati non concorrenziali 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Monday, October 1, 12 ECONOMIA DELL ISTRUZIONE

Monday, October 1, 12 ECONOMIA DELL ISTRUZIONE ECONOMIA DELL ISTRUZIONE Obiettivi Analizzare la natura economica del bene istruzione; Individuare le caratteristiche della sua produzione e del relativo mercato ; Analizzare le ragioni e le modalità dell

Dettagli

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 17: Il monopolio Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Concorrenza imperfetta La concorrenza perfettaè una forma di mercato identificata dalla

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio.

Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio. Lezione 4: l'approccio economico tradizionale ai diritti di proprietà intellettuale. Il confronto tra gli incentivi in concorrenza e in monopolio. 1) Approccio economico tradizionale alla questione della

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio.

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio. 7 novembre 2013 1) Supponete che la domanda di appartamenti a Cagliari sia p = 1000 5q, mentre l o erta sia q = 100. Trovate l equilibrio nel mercato degli appartamenti e disegnate il gra co. Supponete

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Informazione asimmetrica

Informazione asimmetrica Informazione asimmetrica L informazione posseduta dalle due parti di una relazione economica può essere distribuita in maniera diversa: parliamo in questo caso di informazione asimmetrica. È possibile,

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Alcuni modelli micoreconomici

Alcuni modelli micoreconomici E. Marchetti Sapienza Università Roma ESTERNALITA E BENI PUBBLICI Alcuni modelli micoreconomici Complementi di Economia Politica le Esternalità: Definizione di esternalità: Si ha un esternalità quando

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Lezione 13. Cabral cap. 16. A cura Prof. Stefano Capri

Lezione 13. Cabral cap. 16. A cura Prof. Stefano Capri Lezione 13 Cabral cap. 16 A cura Prof. Stefano Capri Tecnologia ed economia Kuznets (Modern Economic Growth: Rate, Structure, and Spread, 1966): caratteristica distintiva della crescita economica moderna

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Le cause delle distorsioni Concorrenza insufficiente Rendimenti crescenti di scala

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8. ESTERNALITÀ, BENI UBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8.1. Un fenomeno di esternalità positiva può essere segnalato, in equilibrio di concorrenza perfetta, dal fatto che 1) Il beneficio marginale sociale

Dettagli

3. Asimmetrie informative

3. Asimmetrie informative Lezione seconda parte seconda Beni pubblici e altre cause di fallimento del mercato 1 3. Asimmetrie informative 3.1 rischio 3.2 assicurazione 3.3 asimmetrie informative 2 1 3.1 rischio Una situazione rischiosa

Dettagli

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007)

Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) Economia delle istituzioni Seconda settimana (5 febbraio 8 marzo 2007) 1 Le asimmetrie informative Alcuni individui dispongono di informazioni private che altri non hanno Es: produttori/consumatori imprenditori/compagnia

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Richiami di microeconomia La curva di domanda o Le scelte

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli

La politica commerciale

La politica commerciale La politica commerciale Arcangelis 2005 1 Introduzione Se la Cina impone un dazio sulle importazioni dall UE e dagli USA, che cosa accade? E se sussidia le proprie esportazioni? Qual è stato l effetto

Dettagli

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione.

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione. Giuseppe Bertola Il mercato Il Mulino 2011 Cap.1 Gli ingredienti del mercato Lo scambio volontario tra persone è fonte di enormi benefici. Essendo volontario differisce nelle motivazioni dal furto e dal

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A COMPITO TIPO A - QUESTO TESTO DEVE ESSERE RI-CONSEGNATO Cognome: Nome: Matricola: AVVISI IMPORTANTI 1. PROPEDEUTICITA : ogni voto assegnato PRIMA di aver superato gli

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

NOME STUDENTE: @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

NOME STUDENTE: @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ Universita' Politecnica delle Marche Corso di laurea di primo livello in Economia, Mercati e Gestione d'impresa Anno accademico 2008-2009 ESAME DI POLITICA ECONOMICA - Appello_3 [1] NOME STUDENTE: ******************************************************************************

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Informazioni visita IPZS 9.30 Appuntamento in via Salaria n. 712,

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE ECONOMIA POLITICA (corso avanzato) CdL in Giurisprudenza Università della Calabria Docente : Marianna Succurro LA PROPRIETA INTELLETTUALE [tratto da Franzoni L.A., Marchesi D.(2006), Economia e politica

Dettagli

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO

IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE IL RUOLO DELL INFORMAZIONE NELL EQUILIBRIO DI MERCATO Diego Medici Gli investitori e gli analisti in questi mesi non ritengono più sufficienti

Dettagli

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale

Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Economia Pubblica Informazione incompleta e Azzardo morale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Asimmetrie Informative Giochi

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Un semplice mercato

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Innovazione tecnologica. Innovazione tecnologica. Incentivi ad innovare

Innovazione tecnologica. Innovazione tecnologica. Incentivi ad innovare Innovazione tecnologica efinizione Come si misura ati Innovazione:motore di crescita economica Cause: Incentivi di mercato (imprese) Politiche per l innovazione Innovazione tecnologica Innovazione nuova

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Indice. Prefazione, xi. 2.5 L elasticità, 37. capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1

Indice. Prefazione, xi. 2.5 L elasticità, 37. capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1 Indice Prefazione, xi capitolo 1 Avventure microeconomiche, 1 1.1 La microeconomia (e ciò che può insegnarci su Rosa e Laura), 1 Gli strumenti della microeconomia, 2; Usare gli strumenti della microeconomia,

Dettagli

Capitolo 10 Potere di mercato: Monopolio e Monopsonio

Capitolo 10 Potere di mercato: Monopolio e Monopsonio Temi da discutere Capitolo 10 Potere di mercato: e Monopsonio Potere di monopolio Fonti del potere monopolistico Il costo sociale del potere monopolistico Temi da discutere Concorrenza perfetta Monopsonio

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione fornisce la principale motivazione economica dell esistenza

Dettagli

La concorrenza perfetta

La concorrenza perfetta La concorrenza perfetta Caratteristiche POLVERIZZAZIONE DEL MERCATO: molti piccoli acquirenti e produttori, incapaci di influire sul prezzo di mercato OMOGENEITÀ DI PRODOTTO : le imprese producono beni

Dettagli

massimizzazione del benessere sociale

massimizzazione del benessere sociale POLITICA ECONOMICA A.A. 2011-2012 Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE (1930-1950) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Struttura di mercato e potere di mercato

Struttura di mercato e potere di mercato Struttura di mercato e potere di mercato Valutazione del potere di mercato Potere di mercato dal punto di vista teorico: P>Cma Come valutare il potere di mercato in concreto? Prima problema cosa intendiamo

Dettagli

Indice INTRODUZIONE. I cinque concetti fondamentali dell economia 2. Teoria economica e grafici 38. Modelli economici e benefici dello scambio 16

Indice INTRODUZIONE. I cinque concetti fondamentali dell economia 2. Teoria economica e grafici 38. Modelli economici e benefici dello scambio 16 Indice PARTE 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 I cinque concetti fondamentali dell economia 2 Che cos è l economia? 3 Microeconomia e macroeconomia 3 Quali sono i cinque concetti fondamentali dell economia? 3

Dettagli

Razionalità limitata e informazioni private

Razionalità limitata e informazioni private Razionalità limitata e informazioni private Milgrom e Roberts: Capitolo 5 1 L informazione è una risorsa fondamentale, per lo scambio e la pianificazione, ma costosa da raccogliere ed elaborare. Le comunicazioni

Dettagli

PROPRIETÁ INTELLETTUALE, ESTERNALITÁ E RENDITA Il caso del brevetto. Giuseppe Clerico

PROPRIETÁ INTELLETTUALE, ESTERNALITÁ E RENDITA Il caso del brevetto. Giuseppe Clerico PROPRIETÁ INTELLETTUALE, ESTERNALITÁ E RENDITA Il caso del brevetto Giuseppe Clerico JEL Classification: H10, H23, K11, O31, O34 Parole chiave: brevetto, diritti di proprietà, proprietà intellettuale,

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Capitolo 6 Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Costo opportunità Adalberto può guadagnare 6 all ora come cameriere; in alternativa può effettuare raccolta per riciclaggio al prezzo di 2

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez2 Nuove teorie dell impresa La teoria manageriale Quali problemi fondamentali delle moderne organizzazioni delle imprese non sono stati

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas L elettricità Caratteristiche 1. Non è immagazzinabile 2. Deve essere fornita nel momento stesso in cui viene richiesta Problemi vincoli che l elettricità

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 Ampliamo la teoria ipotizzando che ci siano molti tipi differenti di lavoratori (i.e. specializzati, non specializzati) e molti tipi differenti

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

Corso di scienza delle finanze

Corso di scienza delle finanze Il Mulino, Bologna, Quinta edizione 2010 -------------------------------------------------------------------- Corso di scienza delle finanze Paolo BOSI Capitolo I. Le ragioni dell'intervento pubblico (P.

Dettagli