UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI PRENDITORI DI FINANZIAMENTI DI CREDITO AL CONSUMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI PRENDITORI DI FINANZIAMENTI DI CREDITO AL CONSUMO"

Transcript

1 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI PRENDITORI DI FINANZIAMENTI DI CREDITO AL CONSUMO LORENZO QUIRINI * LUIGI VANNUCCI ** 1. Introduzione Tra i rischi economici che gli operatori devono fronteggiare, il cosiddetto rischio di controparte gioca un ruolo fondamentale in specie per il settore bancario o settori ad esso assimilabili. Per questi ultimi uno sviluppo notevole a livello mondiale si sta registrando in questi anni, sia in termini di numero di contratti che di valore dei beni e servizi finanziati, nel settore del credito al consumo: per una analisi storico-sociale a tutto tondo del fenomeno si vedano (Gelpi et al., 1994). Oltre a quello storico-sociale sono numerosi i filoni di indagine che riguardano questo settore e i riferimenti bibliografici potrebbero in modo specifico riguardare: le modalità tecniche di utilizzo del credito concesso (carte di credito, carte di credito revolving, prestiti personali), l inserimento delle dinamiche dei volumi di credito al consumo in quelle del ciclo economico, l analisi delle serie storiche per stimare trend e fluttuazioni del fenomeno nel medio lungo-periodo, la graduazione del * Responsabile UNITÀ RISK MANAGEMENT CONSUM.IT Gruppo MPS. ** Università degli Studi di Firenze. Un sentito ringraziamento dagli Autori al professor Giuseppe Catturi e ai dottori Francesco Di Bello e Fabio Giannotti, Presidente e Direttori Generali (in ordine cronologico) di Consum.it Spa Gruppo MPS, nonché al dottor Andrea Manni, Vice Direttore Generale, che hanno deciso di affinare e consolidare l intreccio tra modelli teorici e problematiche operative e contribuito con suggerimenti, osservazioni e commenti a che il lavoro si posizionasse in modo equilibrato tra i due punti di vista. Quanto segue in questa pubblicazione non è che una selezione del complessivo lavoro svolto dall Unità Risk Management di Consum.it Spa: qui si riporta soltanto la proposta di un indicatore di affidabilità, legandolo essenzialmente alla determinazione dei margini operativi (differenza tra interessi contrattualmente attesi e mancati introiti), e si illustra come questo indicatore possa essere previsto condizionatamente alle modalità con cui si presentano alcune caratteristiche dei soggetti prenditori. Ringraziamo inoltre il Comitato Scientifico di Studi e Note di Economia e, in particolare e sentitamente, il professor Bruno Chiandotto che, con una sua attenta lettura di una prima stesura della nota, ha, tra l altro, consentito un avvicinamento nell esposizione dei contenuti allo stile più consueto del periodico. 69

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 merito creditizio dei soggetti prenditori (credit scoring e risk assessment), le problematiche di selezione avversa e di azzardo morale, la struttura dei mercati e il prezzaggio del credito, la teoria economica del comportamento dei consumatori e l analisi della loro propensione alla liquidità, gli aspetti psicologici del consumatore compulsivo, i comportamenti fraudolenti, i riferimenti normativi (trasparenza, utilizzo dei dati personali... ). Molti di questi aspetti si possono trovare trattati sui testi (Di Antonio, 1994), (Filotto, 1999) e per un ampia bibliografia aggiornata al 2004 si può consultare il sito dell Istituto Universitario Europeo: Per dare un idea degli ordini di grandezza degli importi finanziati, si riporta nella Tabella 1 in miliardi di euro l ammontare dei nuovi crediti erogati alle famiglie, sia come consumatrici che come produttrici di reddito, nei 12 mesi degli anni dal 1996 al 2004 secondo EUROFINAS, la federazione europea di 13 associazioni nazionali di aziende che esercitano il credito in uno o più settori dei quattro fondamentali: acquisto di beni immobili, credito industriale, acquisto di veicoli, credito al consumo per l acquisto di beni e servizi personali. Gli Stati rappresentati sono: Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Irlanda, Marocco, Olanda, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia. Tabella 1 Nuovi crediti annuali alle famiglie Valori espressi in miliardi di euro (e) (e) valore stimato Fonte: Di questi finanziamenti erogati l ammontare dello stock di debito residuo dei soggetti finanziati a giugno 2004 è stimato da EUROFINAS in 503 miliardi di euro. Di questi: 199, il 40 per cento, è per il credito al consumo; 163, il 32 per cento, per l acquisto di veicoli; 99, il 20 per cento, per l acquisto di beni immobili; 42, l 8 per cento, per il credito industriale. I notevoli tassi annui di crescita (spesso a due cifre) degli affidamenti, l aumento del numero di operatori specializzati, l arricchimento dell offerta con prodotti sempre più mirati sulle esigenze dei clienti (oltre alla forma tradizionale di crediti finalizzati all acquisto di uno specifico bene o servizio stanno sempre di più prendendo campo le carte di credito, le carte di credito revolving, i prestiti personali...) richiedono, dal punto di vista delle aziende erogatrici, il costante affinamento di modelli di valutazione dei rischi, che valorizzino al meglio i dati interni di archivio, che diventano col tempo sempre più estesi e ricchi di informazioni fini e significative. 70

3 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI... Questa esigenza, di utilizzare i dati interni ai sistemi di gestione delle attività creditizie per guadagnare in efficienza, è allineata tra l altro alla proposta di revisione, la cosiddetta Basilea 2, dell Accordo di Basilea del 1988, proposta tesa alla elaborazione del Nuovo Accordo, che andrà a sostituire la precedente normativa entro il 2006 e con decorrenza degli effetti dal 1 gennaio 2007, in particolar modo per quanto attiene «i requisiti patrimoniali minimi (primo pilastro)» e «il processo di controllo prudenziale (secondo pilastro)», da affidare ad analisi e a procedure sempre più oggettivi. Parallelamente e in connessione vanno registrate a livello normativo le Deliberazioni n. 8, 9, 10 del Garante per la privacy pubblicate sulla GU n. 300 del 23/12/2004. In particolare la n. 8 ha per oggetto il «Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti»: detto codice deontologico è stato tra l altro sottoscritto da tutte le principali associazioni rappresentative sia delle aziende erogatrici dei crediti che dei consumatori. Il Codice, che è entrato in vigore dal 1 gennaio 2005, consta di un preambolo e di 14 articoli, riguardanti rispettivamente: 1. Definizioni; 2. Finalità del trattamento; 3. Requisiti e categorie dei dati; 4. Modalità di raccolta e registrazione dei dati; 5. Informativa; 6. Conservazione e aggiornamento dei dati; 7. Utilizzazione dei dati; 8. Accesso ed esercizio di altri diritti degli interessati; 9. Uso di tecniche o sistemi automatizzati di credit scoring; 10. Servizi di accesso a banche dati pubbliche e trattamento di dati provenienti da fonti pubbliche; 11. Misure di sicurezza dei dati; 12. Misure sanzionatorie; 13. Disposizioni transitorie e finali; 14. Entrata in vigore. In particolare l articolo 9, che si riporta integralmente: «Nei casi in cui i dati personali contenuti in un sistema di informazioni creditizie siano trattati anche mediante l impiego di tecniche o sistemi automatizzati di credit scoring, il gestore e gli intermediari partecipanti assicurano il rispetto dei seguenti principi: le tecniche o i sistemi, messi a disposizione dal gestore (nda i sistemi di informazione creditizia) o impiegati per conto degli intermediari partecipanti (nda banche e società finanziarie specializzate), possono essere utilizzati solo per l istruttoria di una richiesta di credito o per la gestione dei rapporti di credito instaurati; i dati relativi a giudizi, indicatori o punteggi associati ad un interessato sono elaborati e comunicati dal gestore al solo intermediario partecipante che ha ricevuto la richiesta di credito dall interessato o che ha precedentemente comunicato dati riguardanti il relativo rapporto di credito e, comunque, non sono conservati nel sistema di informazioni creditizie ai sensi dell articolo 6 del presente codice, né resi accessibili agli altri intermediari partecipanti; i modelli o i fattori di analisi statistica, nonché gli algoritmi di calcolo dei giudizi, indicatori o punteggi sono verificati periodicamente con cadenza almeno annuale ed aggiornati in funzione delle risultanze di tali verifiche; quando la ri- 71

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 chiesta di credito non è accolta, l intermediario partecipante comunica all interessato se, per istruire la richiesta di credito, ha consultato dati relativi a giudizi, indicatori o punteggi di tipo negativo ottenuti mediante l uso di tecniche o sistemi automatizzati di credit scoring e, su sua richiesta, gli fornisce tali dati, nonché una spiegazione delle logiche di (su come funzionano) funzionamento dei sistemi utilizzati e delle principali tipologie di fattori tenuti in considerazione nell elaborazione». Impone sia verifiche e aggiornamenti piuttosto frequenti dell affidabilità dei soggetti prenditori, che l utilizzo di tecniche o sistemi automatizzati di credit scoring sorretti da logiche ragionevoli e spiegabili a coloro la cui richiesta di credito non è accolta. Con queste premesse lo scopo precipuo del presente lavoro è l ideazione e la costruzione di un indicatore atto a descrivere l affidabilità, su diversi orizzonti temporali, per contratti di finanziamento di tipo retail sottoscritti nell attività di credito al consumo. A tal fine è introdotta una classe di variabili aleatorie, ognuna delle quali caratterizzata dal tempo intercorso dalla stipula del contratto e, successivamente, condizionata alle condizioni socio-economico-finanziarie del soggetto a cui si riferisce. Con tali variabili aleatorie e i loro indicatori di sintesi si intende esprimere il grado (deterministico se ex post o aleatorio se ex ante) di affidabilità dei soggetti con i quali una istituzione, che eroga finanziamenti, può relazionarsi. L analisi della distribuzione di tali variabili aleatorie, in specie di quelle condizionate alle situazioni socio-economiche dei soggetti da finanziare, potrà suggerire puntuali regole di comportamento al finanziatore, motivando qualitativamente e quantitativamente le ragioni di convenienza economico-finanziaria, che lo devono, non solo far propendere o meno per la concessione del credito richiesto, ma anche suggerirgli, nel perdurare della durata contrattuale, metodi adeguati di monitoraggio dei crediti concessi. Si esamina in particolare il caso di prestiti concessi presso punti di vendita e finalizzati all acquisto di uno specifico bene/servizio. Il piano finanziario di rimborso, in tali contesti, prevede in genere un ammortamento a rata costante, con scadenza mensile, nel quale la durata è fissata al momento della stipula del contratto. Sebbene il linguaggio sia focalizzato su contratti di finanziamento sottoscritti nell attività più tradizionale di credito al consumo, il cui piano finanziario di rientro prevede in genere un ammortamento a rata mensile costante, la procedura che illustreremo nei paragrafi successivi si presta a essere opportunamente generalizzata per tenere conto delle evoluzioni del mercato in questo tipo di attività che prevede anche l impiego di carte di credito e di carte revolving, di finanziare i soggetti con clausole di personalizzazione dei parametri contrattuali. 72

5 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI La proposta Siano fissati, per un generico contratto di credito al consumo stipulato all epoca 0 e che preveda la corresponsione di m rate posticipate, b il valore nominale del bene finanziato r h la h-ma rata periodale posticipata (in genere si tratta di rate mensili, costanti, immediate, posticipate) con h = 1, 2,..., m i il tasso interno periodale Con tale parametrizzazione del finanziamento, nella struttura piatta dei tassi di interesse e con la legge dell interesse composto nel continuo, le grandezze introdotte sono legate dalla relazione All epoca 0 si può ipotizzare che il soggetto affidato, alle scadenze contrattuali previste, non adempia pienamente ai suoi obblighi, ma versi una successione di rate mensili aleatorie pari a dove è un valore maggiore o uguale di m, che tenga conto di ritardi nel pagamento delle rate, e h è l epoca del pagamento della rata h-ma R h. Nel seguito qualora si utilizzi la variabile r h anche per h > m essa è da intendersi ovviamente nulla per tali h. Non si considera per semplicità il ritardo o l anticipo di alcuni giorni nel pagamento delle singole rate dovuti a intoppi tecnici e alla resa dei conti poco rilevanti. È invece l aleatorietà degli importi R h il fattore che, nella realtà operativa di questo tipo di attività, genera il rischio di credito. Operativamente i valori più plausibili delle variabili R h risultano pari a r h se il cliente paga regolarmente la rata prevista 0 se il cliente non paga r h-1 +r h (o r h-2 +r h-1 +r h o...) se il cliente provvede anche al pagamento (totale o parziale) di rate in precedenza «saltate». Ma si possono prefigurare pagamenti parziali di rate e financo situazioni in cui R h debba essere negativa, per il fatto che precedenti rate pagate non risultino andate a buon fine in seguito ai necessari riscontri amministrativo-contabili. In questa nota si propone di associare al generico contratto, per misurare il grado di affidabilità dei soggetti finanziati alle varie epoche di scadenza, le variabili aleatorie, che rappresentano l indicatore di affidabilità qui proposto, 73

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 È evidente che (se non ci sono «errori» con pagamenti eccedenti il dovuto) risulti X t [0, 1] e come sia naturale interpretare tali variabili come indicatori dell affidabilità dei soggetti finanziati, affidabilità analizzata dinamicamente nel perdurare contrattuale: quanto più i valori dell indicatore sono vicini a 1 tanto più è affidabile il soggetto, mentre quanto più essi sono vicini a 0 tanto meno è affidabile il soggetto. All epoca 0 tali indicatori sono tutte variabili aleatorie e, ovviamente, con il trascorrere del tempo i loro definitivi valori su ogni rapporto contrattuale si conoscono via via con certezza, finché, dopo l ultima scadenza, tutti hanno natura deterministica. È non privo di interesse considerare che per t = si ha potrebbe essere considerata un caso particola- Questa variabile X re della variabile con cui si misurerebbe il grado di affidabilità alla scadenza usando un tasso mensile di valutazione delle rate pagate pari a i *, che può anche diffierire da i: se i = i * allora Y (i) = X. Giova subito puntualizzare il ruolo giocato dalla variabile Y (i * ). Ex post (all epoca ) l unico tasso per il quale vale Y (i * ) = 1 e sia i 1, è interpretabile quale tasso di redditività conseguito effettivamente. Ex ante (alla stipula del contratto, all epoca 0) l unico tasso per il quale risulta per il valore atteso E [Y (i * )] = 1 74

7 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI... e sia i 2, è interpretabile quale tasso atteso di redditività sul finanziamento concesso o concedibile. Sono evidenti le opportune riflessioni che le relazioni tra questi due tassi suggeriscono a seconda che sia i 1 > i 2, i 1 < i 2, i 1 = i 2. Utili deduzioni si potranno poi fare confrontando detti tassi con il tasso relativo agli approvvigionamenti di capitale sul mercato finanziario: se tale tasso fosse i 3 almeno ex ante dovrebbe allora risultare i 2 > i 3 e con la differenza di tali tassi, i 2 - i 3, sufficiente per fronteggiare almeno le spese di gestione imputabili al contratto in esame. Analoghe considerazioni si potranno fare ex post con i 1 al posto di i 2 nel confronto con i 3. Per completare i riferimenti operativi del modello proposto si pensi poi di aver determinato ex ante gli valori medi E [X t ] per t = 1, 2,..., Il carattere della successione di tali valori, per esempio crescente o decrescente o con un unico minimo o..., può fornire preventive utili indicazioni sull epoca di massima criticità del rapporto contrattuale e suggerire adeguate e mirate metodologie di monitoraggio in modo da dare tempestività e giusto contenuto al necessario intervento. Infine, è evidente che le variabili X t per t = 1, 2,..., potrebbero tutte considerarsi in funzione del tasso di valutazione i *, anziché essere considerate per il solo tasso interno i: ciò potrebbe tornare utile in un analisi tesa a confrontare, omogeneizzando da questo punto di vista, diverse tipologie di finanziamento, caratterizzate da significative differenze sia nei tassi interni che nelle affidabilità dei soggetti. Si può segnalare a questo riguardo che per i * = 0 si traggono le informazioni relative alle cumulate dei flussi nominali alle varie scadenze, ovvero per t = 1, 2,...,. 3. Le interpretazioni dell indicatore L indicatore di affidabilità ideato è un «misuratore del rispetto degli obblighi contrattuali» e può rivelarsi adeguato per integrare in una visione unitaria le varie fasi del ciclo del credito al consumo: l accettazione, l impatto rischio redditività, il monitoraggio degli intermediari (dealer). Si noti anzitutto che tale indicatore è insensibile alla scala, cui il finanziamento si riferisce: moltiplicando tutte le r h e le R h, con h = 1, 2,...,, per una costante positiva il valore dell indicatore non cambia. Può essere d interesse in chiave operativa fissare l attenzione su alcuni «tipi puri» di non completa affidabilità creditizia, condizioni che riducono il valore dell indicatore rispetto a quello massimo pari a 1. 1) Pagamento sistematico di una quota costante delle rate Si rifletta che se per ogni h = 1, 2,..., m, con = m, risultasse de- 75

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 terministicamente Rh = a rh con a Œ [0, 1] allora l indicatore di affidabilità per ogni epoca t sarebbe proprio a (variabile deterministica). È infatti per t = 1, 2,..., m 2) Incertezza nel rispetto del pieno impegno contrattuale alle varie epoche Si rifletta che se per ogni h = 1, 2,..., m, ancora con = m, fosse stimata ex ante con p costante la probabilità del pagamento totale della rata corrispondente (e con probabilità 1 p l affidato non pagasse alcunché) allora l indicatore è una variabile aleatoria e il suo valore atteso per ogni epoca sarebbe proprio p, essendo E [R h ] = pr h, per t = 1, 2,..., m per t = 1, 2,..., m Si rinvia alla nota (1) dell Appendice l indicazione della varianza nell ipotesi di indipendenza per le m variabili aleatorie R h. 3) Ritardo sistematico di tutti i pagamenti Si rifletta che se j fosse il ritardo in mesi con cui deterministicamente l affidato adempisse (pienamente dal punto di vista degli importi) ai suoi obblighi contrattuali, allora l indicatore di affidabilità all epoca finale m+j sarebbe proprio (1 + i)-j essendo i il tasso contrattuale. È infatti In questo caso si assisterebbe a una progressiva crescita dell indicatore di affidabilità al crescere dell indice t: esso risulterebbe addirittura nullo per t = 1, 2,..., j, poiché fino all epoca 1 + j non si avrebbe alcun 76

9 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI... pagamento. Si noti come l indicatore si mostri adeguato anche per misurare la puntualità dei pagamenti contrattualmente previsti, così come richiesto dal Codice deontologico richiamato nell introduzione. Nelle casistiche concrete ovviamente l indicatore di affidabilità è il risultato della presenza concomitante dei tre suddetti «tipi puri» di inaffidabilità: si potranno registrare decurtazioni negli importi delle rate da pagare, «salti» di pagamenti, ritardi nei pagamenti senza la sistematicità sopra prefigurata. Un altra interpretazione dell indicatore di affidabilità, di attualità alla luce delle raccomandazioni degli Accordi di Basilea, può scaturire dal cosiddetto default contrattuale, che è appunto un particolare «missaggio» (il termine è inerente alla musica, ma rende bene l idea) dei tre suddetti tipi puri di inadempienze contrattuali. Si ha default quando si ipotizza di osservare un puntuale adempimento agli obblighi contrattuali fino all epoca m 1 e a quell epoca con probabilità p D, detta probabilità di default, il prenditore smette di onorare il suo impegno per le rate successive e paga, in un epoca finale m, solo un importo δ (con probabilità 1 p D c è invece pieno rispetto dell obbligo contrattuale): l importo δ può anche determinarsi come quota recuperata sul credito valutato all epoca finale, come sarà illustrato nelle esemplificazioni di cui alla successiva Tabella 5. Ad oggi gli Accordi di Basilea stabiliscono per l Italia che si verifica il default se m m 1 corrisponde a un periodo uguale o maggiore di 180 giorni. Con tale assunzione l indicatore di affidabilità all epoca 0 si lega alle componenti della quadrupla (m 1, p D, δ, m), esso avrebbe carattere aleatorio con un valore medio pari a Per la varianza si rinvia alla nota (2) dell Appendice. 4. Alcune risultanze numeriche A titolo illustrativo si riportano nelle seguenti Tabelle: alcuni valori numerici dell indicatore di affidabilità legati alle suddette considerazioni e interpretazioni; il tasso effettivo (o il suo valore medio quando, ex ante, l indicatore ha natura aleatoria), tenuto conto delle varie tipologie di inadempienza contrattuale. Il valore del bene è fissato in tutti i successivi casi considerati nelle Tabelle 2-5 a euro 6.000, rate mensili costanti immediate posticipate e durata contrattuale di m = 12 mesi. Per i tassi si indicano in ogni caso quelli annui equivalenti; con tasso effettivo si intende ovviamente (1 + i 2 )

10 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 Tabella 2 Affidabilità e rate sistematicamente ridotte i rata mens, rata ridotta X 6 X 12 tasso eff, 0,00 500,00 475,00 0,9500 0,9500-0,0765 0,04 510,70 485,17 0,9500 0,9500-0,0449 0,08 521,16 495,10 0,9500 0,9500-0,0139 0,12 531,37 504,81 0,9500 0,9500 0,0170 0,16 541,36 514,29 0,9500 0,9500 0,0478 (a = 0,95) Tabella 3 Affidabilità e probabilità 1 p di non pagare singole rate con indipendenza degli eventi 1 p E [X 6 ] σ [X 6 ] E [X 12 ] σ [X 12 ] tasso eff, 0,00 1,0000 0,0000 1,0000 0,0000 0,1200 0,02 0,9800 0,0572 0,9800 0,0330 0,0784 0,04 0,9600 0,0800 0,9600 0,0462 0,0378 0,06 0,9400 0,0970 0,9400 0,0560-0,0019 0,08 0,9200 0,1108 0,9200 0,0640-0,0406 Tasso di contratto i = 0,12 Tabella 4 Affidabilità e rate sistematicamente in ritardo j mesi ritardo X 4 X 8 X 12 X 12+j tasso eff, 0 1,0000 1,0000 1,0000 1,0000 0, ,7394 0,8626 0,9037 0,9813 0, ,4860 0,7290 0,8099 0,9629 0, ,2396 0,5989 0,7186 0,9449 0, ,0000 0,4724 0,6298 0,9272 0,0723 Tasso di contratto i = 0,12 Tabella 5 Affidabilità in alcuni casi di default m 1 p D quota recup,tot, recup,eff, E [X 12 ] σ [X 12 ] tasso eff, 8 0,1 0, , ,28 0,9902 0,0293 0, ,2 0, ,04 999,52 0,9656 0,0688 0, ,3 0, ,04 499,76 0,9261 0,1129-0, ,1 0, , ,72 0,9858 0,0425 0, ,2 0, , ,48 0,9487 0,1025 0, ,3 0, ,96 771,24 0,8887 0,1700-0, ,1 0, , ,95 0,9818 0,0545 0, ,2 0, , ,97 0,9322 0,1356-0, ,3 0, , ,98 0,8510 0,2276-0,1725 Tasso di contratto i = 0,12, m = = 12 78

11 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI... Era scontato, ma le Tabelle 3, 4 e 5, tutte con tasso contrattuale al 12 per cento, mostrano la stretta concordanza tra E [X ] o X e il tasso effettivo di rendimento, (1 + i 2 ) Al diminuire della affidabilità diminuisce tale tasso e non è complicato in ogni ambito di tipologie contrattuali, caratterizzate da diversi tassi contrattuali, «legare» i valori dei due indicatori, dimodoché, già «guardando» le serie storiche dei rapporti dei flussi effettivi e di quelli nominali di un portafoglio di contratti omogenei (si riveda l interpretazione dell affidabilità come pagamento parziale di rate, Tabella 2, particolarmente calzante nel contesto di un analisi cumulativa) ci si possa fare un idea piuttosto precisa del costo del rischio di insolvenza, rappresentato dalla differenza tra il tasso contrattuale e quello effettivo, e del margine operativo netto del portafoglio, rappresentato dal tasso effettivo. A titolo illustrativo, con l ipotesi di rate costanti mensili posticipate immediate, nelle seguenti Tabelle a doppia entrata, che hanno in riga diversi possibili tassi contrattuali e in colonna diverse durate contrattuali (in mesi), si riportano i tassi annui effettivi (ovvero il margine operativo netto del portafoglio) al variare dell affidabilità, affidabilità nell accezione di pagamento sistematico di una quota fissa della rata contrattuale a. Tabella 6 Tasso effettivo con affidabilità durate tassi ,00-0,0829-0,0455-0,0314-0,0239-0,0193-0,0162 0,04-0,0464-0,0076-0,0070 0,0148 0,0196 0,0228 0,08-0,0100 0,0303 0,0455 0,0536 0,0585 0,0618 0,12 0,0265 0,0682 0,0840 0,0922 0,0973 0,1008 0,16 0,0629 0,1060 0,1223 0,1309 0,1362 0,1397 0,20 0,0994 0,1439 0,1607 0,1696 0,1750 0,1787 a = 0,975 Tabella 7 Tasso effettivo con affidabilità durate tassi ,00-0,1603-0,0897-0,0623-0,0477-0,0386-0,0325 0,04-0,1272-0,0539-0,0254-0,0102-0,0008 0,0056 0,08-0,0940-0,0180 0,0116 0,0273 0,0370 0,0436 0,12-0,0609 0,0179 0,0484 0,0647 0,0747 0,0816 0,16-0,0277 0,0537 0,0853 0,1021 0,1124 0,1195 0,20 0,0054 0,0894 0,1221 0,1394 0,1501 0,1574 a = 0,950 79

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 Tabella 8 Tasso effettivo con affidabilità durate tassi ,00-0,2327-0,1327-0,0928-0,0713-0,0579-0,0487 0,04-0,2025-0,0988-0,0573-0,0350-0,0211-0,0116 0,08-0,1724-0,0648-0,0219 0,0015 0,0156 0,0254 0,12-0,1423-0,0310 0,0135 0,0373 0,0522 0,0624 0,16-0,1123 0,0028 0,0488 0,0734 0,0888 0,0993 0,20-0,0823 0,0366 0,0840 0,1095 0,1253 0,1362 a = 0,925 Dall esame di queste Tabelle tra i vari commenti possibili ne emerge uno particolarmente significativo: a parità di tasso contrattuale e di indicatore di affidabilità, il margine operativo netto è correlato positivamente alla durata contrattuale. 5. Le caratteristiche dei soggetti finanziati e la loro affidabilità Fin qui il discorso è stato condotto pensando al generico rapporto contrattuale. A questo livello si potrebbero determinare le informazioni sulle variabili aleatorie introdotte nel precedente paragrafo, in particolare sulle loro distribuzioni o i loro momenti (valori attesi, varianze, asimmetrie, curtosis) o altri valori di sintesi (quali valori a rischi, mediana, frattili, moda...), basandosi sulle risultanze di archivio relative ai contratti passati e in essere. Questa attività conoscitiva potrebbe non solo controllare la qualità creditizia dei soggetti affidati a consuntivo di attività di finanziamento già concluse o in itinere, ma anche, in ottica previsionale ipotizzando che il futuro non sia troppo distante dal presente e dal (recente) passato, impiegarsi per stime puntuali e intervallari per gli esiti economico-finanziari futuri: a tal fine si rifletta che le risultanze di archivio non danno conto soltanto dei flussi finanziari contrattualmente previsti e di quelli effettivamente manifestatisi, ma anche delle modalità delle caratteristiche monitorate dei soggetti prenditori, modalità note fino dal momento della stipula del contratto di finanziamento. In altre parole rileggere l indicatore condizionato alle caratteristiche dei soggetti finanziati come uno strumento di ordinamento del merito creditizio (credit scoring e risk assessment). La letteratura è in questo ambito molto estesa e la modellistica proposta estremamente variegata. Senza pretesa di completezza si citano i contributi metodologici più allineati alla nostra visione del problema: (Abi, 2000), (Avery et al., 2004), (Breiman et al., 1998), (Hand et al., 1997), (Lewis, 1992), (Robson et al., 2001), (Rosemberg et al., 1994), (Thomas et al., 2002), (Venables et al., 1994). È evidente come il bagaglio informativo sulle caratteristiche dei 80

13 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI... soggetti prenditori non possa che avere un valore positivo. Esso, con la ripartizione dei prestiti richiesti sulla base delle specifiche caratteristiche dei soggetti richiedenti, può consentire un ordinamento dei contratti fin dalla fase della loro acquisizione in portafoglio in base alla affidabilità attesa condizionata, E [X t c] (per la interpretazione tecnica di questo valore atteso si rinvia alla nota (3) dell Appendice), e di conseguenza, in ipotesi di tasso di finanziamento costante applicato a una data tipologia di contratti, alla convenienza attesa. Sono numerose le potenziali caratteristiche da considerare: nei dati archiviati per ogni singolo contratto si prevedono sequenze di stringhe alfa-numeriche e ogni specifica stringa descrive la modalità con cui la corrispondente caratteristica si presenta. Alcune di queste caratteristiche nell ambito dell attività di credito al consumo sono qui riportate a mero titolo esemplificativo. Informazioni relative al prenditore principale: Età cliente, Sesso, Provincia nascita, Anzianità d indirizzo, Anzianità nell ultimo impiego, Tipo attività, Provincia residenza, Presenza telefono fisso, Reddito prenditore principale, Stato civile. Informazioni relative al coobbligato: Presenza coobbligato, Grado di parentela, Telefono, Età, Sesso, Tipo attività. Informazioni relative alla operazione: Numero rate, Destinazione finanziamento, Modalità di pagamento, Campagna promozionale, Valore bene, Anticipo/Finanziato, Importo rata, Dilazione primo pagamento, Tan pratica. Informazioni provenienti da sistemi di valutazione del merito creditizio, quali gli score di bureau... (Crif, Experian sono i più noti nel mercato domestico). Si intuisce la diversa rilevanza che le singole caratteristiche possono avere ai fini discriminativi dell affidabilità del singolo contratto e come sia pregiudiziale una rigorosa determinazione di un numero ragionevole di caratteristiche giudicate a tal fine sufficienti e significative. Per conseguire tale obiettivo si possono usare varie procedure di analisi statistica dei dati, ma, qualunque sia la procedura impiegata in funzione delle finalità che si intendono conseguire, occorre essere consapevoli che una variabilità negli esiti finali dei rapporti economico-finanziari persisterà comunque. Una delle possibili vie da percorrere è quella di procedere, sulla scorta delle informazioni disponibili, alla formazione di gruppi omogenei di soggetti prenditori. Così operando la variabilità accidentale complessiva, che caratterizza l insieme dei dati, viene scissa in due componenti, la prima interna ai gruppi, che conserva la sua natura accidentale, la seconda tra i gruppi, che non ha più natura accidentale in quanto attribuibile alle specifiche caratteristiche distintive di ciascun gruppo. Un problema da risolvere è quello della determinazione del numero di gruppi: ovviamente, più elevato è il numero dei gruppi, maggiore è l omogeneità all interno di ciascuno di essi. Ragioni operative possono, 81

14 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 comunque, consigliare di non procedere alla determinazione di un numero di gruppi troppo elevato. A tal proposito si segnala che anche i più noti sistemi di rating internazionali classificano i soggetti debitori (aziende, enti pubblici, Stati, settori, aree economicamente omogenee) in relativamente poche classi: Standard & Poor, per esempio, definisce usualmente 20 classi di merito. Una volta operato il raggruppamento delle unità prenditrici, la misura dell affidabilità creditizia di un singolo contratto risulta diversificata in tanti valori quanti sono i «gruppi omogenei» costituiti. Si rinvia alla nota (4) dell Appendice per richiamare alcuni risultati di base, utili quando ci si ponga operativamente il problema della formazione dei gruppi sulla scorta delle specifiche caratteristiche dei soggetti prenditori. A mero titolo illustrativo, si riporta, nella seguente Tabella 9, un facsimile di risultati, ottenibili sulla scorta delle considerazioni appena esposte e relativi alla stima dei primi due momenti dell indicatore di affidabilità a 12 mesi: i diversi «gruppi omogenei per affidabilità creditizia» sono stati formati in funzione delle modalità con cui si presentano le caratteristiche dei soggetti da finanziare. L individuazione specifica dei gruppi e la rilevanza delle singole caratteristiche è possibile con l impiego di apposite tecniche di elaborazione dati, tra le quali gioca un ruolo fondamentale l algoritmo di riduzione della componente accidentale della varianza basato sulla considerazione dei cosiddetti alberi dicotomici. Nella esemplificazione virtuale è così emersa l opportunità di segmentare l ipotetica popolazione in 10 gruppi di diverso peso, ovvero si è creato un albero dicotomico di classificazione dei soggetti (finanziati o da finanziare) che, partendo per ogni soggetto da alcune decine di caratteristiche ognuna estrinsecabile in molteplici modalità, li fa comun- Tabella 9 Esempio di segmentazione di una ipotetica popolazione di contratti in 10 «modalità» dell unica «caratteristica» 1. «caratteristica» E [X 12 c 1 j ] σ [X 12 c 1 j ] %popolazione c 11 0,9798 0, ,5 c 12 0,9631 0, ,4 c 13 0,9559 0, ,4 c 14 0,9298 0,1894 8,0 c 15 0,9192 0,2157 6,0 c 16 0,9157 0,2073 0,8 c 17 0,8783 0,2624 1,0 c 18 0,8540 0,3065 0,9 c 19 0,8106 0,3146 0,4 c 110 0,7624 0,3552 0,6 82

15 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI... que «confluire» mediante successive scelte dicotomiche in uno e uno solo dei 10 nodi terminali dell albero: è alla fin fine come se i soggetti si presentassero riclassificati con un unica «caratteristica» estrinsecabile in 10 diverse «modalità». Per una interpretazione dei dati riportati in Tabella 9 si vedano le note (3) e (4) in Appendice. 6. Conclusioni Al termine di questo lavoro, in cui si è voluto proporre una nuova tipologia di indicatore di affidabilità creditizia, cogliendone la rilevanza per i molteplici aspetti operativi, preme sottolineare come lo strumento ideato, la cui analisi è tuttora in fase di approfondimento in varie direzioni, serva a rileggere con una chiave unica i più significativi momenti del processo industriale creditizio, quali la fase di accettazione, quella del monitoraggio di portafoglio, la stima corretta della redditività. 83

16 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 APPENDICE (1) Se si ponesse l ipotesi (consueta in teoria, ma non del tutto plausibile operativamente e da considerarsi solo quale prima approssimazione) dell indipendenza per le m variabili aleatorie R h, il valore della varianza dell indicatore X t per t = 1, 2,..., m risulterebbe, essendo σ 2 [R h ] = p (1 - p) r 2 h, da cui si potrebbe rilevare, dato p (0, 1), una diminuzione di σ 2 [X t ] al crescere di t. Su tale formula per la varianza si basano alcuni dei risultati numerici della Tabella 3. (2) La varianza dell indicatore di affidabilità nella situazione di default contrattuale ipotizzato è pari a Su tale formula per la varianza si basano alcuni risultati numerici della Tabella 5. (3) Si indichi con c = (c 1 j1, c 2 j2,..., c d jd ) il generico vettore delle modalità con cui si possono presentare le d caratteristiche monitorate (d è un numero intero, che nella operatività può essere abbastanza elevato, da 10 a 40), quindi con c 1 j1 C 1, c 2 j2 C 2,..., c d jd C d essendo C 1, C 2,..., C d gli insiemi delle diverse modalità con cui si possono presentare le suddette rispettive caratteristiche. Con questa base dati le considerazioni fatte finora sulle variabili aleatorie X t per t = 1, 2,..., potrebbero, in ottica previsionale, essere fatte sulle variabili aleatorie condizionate alle identificazioni di volta in volta considerate X t c per t = 1, 2,..., 84

17 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI... o Y (i * ) c per t = 1, 2,..., Tra gli addetti al settore si potrebbe parlare dell impiego di queste variabili condizionate, o meglio dei loro valori attesi E [X t c], come di score di accettazione e una loro estensione, con condizionamento a informazioni di affidabilità riferite a epoche precedenti quella di riferimento, del tipo X t c, X t1,..., X ts per t = 1, 2,..., con t 1 <... < t s < t o Y (i * ) c, X t1,..., X ts per t = 1, 2,..., con t 1 <... < t s < t consentirebbe di vederle, come si usa dire in ambito industriale, come score comportamentali, sempre con riferimento ai loro valori attesi E [X t c, X t1,..., X ts ]. (4) La questione di quali e quanti gruppi siano adeguati per una ripartizione dell insieme dei soggetti prenditori dal punto di vista del loro merito creditizio è decisiva in un corretto impiego di metodi e modelli della statistica inferenziale ai problemi di affidabilità e si è ritenuto opportuna la presentazione di alcuni risultati di base per tale aspetto. Si pone anzitutto il problema di determinare la distribuzione, o quantomeno alcuni significativi valori di sintesi di essa, di stimatori associati a campioni senza reibussolamento estratti casualmente da popolazioni finite. Il confronto di tali distribuzioni con i dati effettivamente associati a sottoinsiemi della popolazione, riguardanti quei casi in cui si registrano differenti modi di presentarsi delle caratteristiche ricavate da dati contrattuali, consentirà, poi, di apprezzare l effetto sistematico di tali caratteristiche sulla variabile di interesse. Sia dunque Z una variabile aleatoria empiricamente individuata dalla n-pla di valori (z 1, z 2,..., z n ), che in questo contesto potrebbe stare per una delle variabili aleatorie precedentemente introdotte: X t o Y (i * ). Per la funzione di ripartizione, per il valor medio, per la varianza e per lo scarto quadratico medio di Z vale (con ovvio significato dei simboli) rispettivamente 85

18 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 Si supponga ora di costruire un campione di numerosità n 1, con 1 n 1 n, estratto casualmente dalla n-pla di valori ( z 1, z 2,..., z n ) senza poter considerare più volte la stessa componente. Ex ante si tratta allora di considerare una n 1 -pla di variabili aleatorie scambiabili (W 1, W 2,..., W n1 ). Introducendo gli stimatori media campionaria e varianza campionaria si ricava che (dettagli omessi) (si tralascia per brevità l espressione di σ 2 [A] quale funzione dei primi quattro momenti di Z). È immediato a questo punto arguire (basandosi sulla disuguaglianza di Cebicev o sul teorema limite centrale o...) come, disponendo dei dati riferiti ad un predeterminato, e non casuale, sottoinsieme degli n casi (per esempio quello che si riferisce ad una predeterminata caratteristica dei dati contrattuali che si presenti n 1 volte negli n 86

19 L. QUIRINI - L. VANNUCCI, UN INDICATORE PER MISURARE L AFFIDABILITÀ DI SOGGETTI... casi e siano w 1, w 2,..., w n1 i dati effiettivamente osservati), questo possa intendersi come un campione casuale o meno e coerentemente affidare le differenza tra valori osservati (non più aleatori), e valori medi teorici, E [S] e E [A], a pura accidentalità o, al contrario, a sistematicità. Si noti come i risultati indicati possano tra l altro utilizzarsi per prevedere quanta della varianza di Z possa essere «spiegata sistematicamente dal caso» (sembra un paradosso ma non lo è!). Se si procede ad una ripartizione casuale degli n casi in s gruppi rispettivamente di numerosità n 1, n 2,..., n s, con la condizione che n 1 + n n s = n, la componente sistematica della varianza di Z dovuta al caso è e quella accidentale della stessa varianza è Quest ultimo risultato è molto utile per stabilire il numero dei gruppi con cui procedere a ripartire gli n casi sulla base di predefinite caratteristiche associate a ognuno degli n casi, quando si disponga di una procedura (come quella degli alberi dicotomici) che formi tali gruppi, procedendo via via a partizioni sempre più fini della popolazione. Si noti come la somma delle due componenti della varianza dia σ 2 [Z], la cosiddetta varianza totale. L obiettivo è ora la minimizzazione della componente accidentale della varianza (o la massimizzazione della componente sistematica): se agisse il caso nella riduzione della componente accidentale della varianza di Z ad un incremento unitario del numero dei gruppi (da s a s+1) tale riduzione dovrebbe essere pari, indipendentemente da s, a 87

20 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 Questo rapporto gioca un ruolo importante: dal confronto tra esso e l effettiva riduzione della componente accidentale della varianza di Z per ogni gruppo di volta in volta aggiunto, si può individuare un criterio ragionevole ed efficace per determinare il numero di gruppi «conveniente»: ha significato continuare ad aggiungere gruppi (ovvero nel presente contesto segmentare in modo sempre più fine la popolazione di riferimento in base alle modalità con cui si presentano le caratteristiche dei soggetti da finanziare), fintantoché la riduzione marginale (e ovviamente decrescente) della componente accidentale della varianza di Z per ogni gruppo aggiunto è maggiore del suddetto rapporto. Beninteso che il numero di gruppi, che così si individua, rappresenta un limite superiore: ragioni operative possono suggerire di fermarsi assai prima. 88

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Credito al consumo: come cambia l offerta commerciale delle banche? ABI Roma 23/06/09 Gianpiero Martin

Credito al consumo: come cambia l offerta commerciale delle banche? ABI Roma 23/06/09 Gianpiero Martin Credito al consumo: come cambia l offerta commerciale delle banche? ABI Roma 23/06/09 Gianpiero Martin Principi della nuova Direttiva Europea 1) Creare un unico mercato del credito : applicazione delle

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2005 NUMERO DICIANNOVE CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2005 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati 1. Premessa Negli anni più recenti l economia italiana ha registrato una notevole contrazione.

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Parte 1^ Di Angelo Fiori

Parte 1^ Di Angelo Fiori Relazioni fra tempo e denaro Alcuni concetti, regole ed esempi per cominciare ad orientarsi nelle relazioni fra tempo e denaro, utilizzando anche le funzionalità del foglio di calcolo di microsoft excel

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa

Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa di Andrea Panizza (*) e Marco Gennari (**) Il controllo delle dinamiche del ciclo del credito, tema fondamentale per le aziende di ogni

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Vincenzo Ciancio Armando Ciancio. Metodi matematici per le applicazioni finanaziarie

Vincenzo Ciancio Armando Ciancio. Metodi matematici per le applicazioni finanaziarie A01 73 Vincenzo Ciancio Armando Ciancio Metodi matematici per le applicazioni finanaziarie Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato Metodi quantitativi per il targeting Per le piccole e medie imprese il Data Base di Marketing (DBM) è di importanza cruciale nella segmentazione della clientela e individuazione del target di interesse

Dettagli

INFORMATIVA e CONSENSO (ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali") INFORMATIVA

INFORMATIVA e CONSENSO (ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali) INFORMATIVA INFORMATIVA e CONSENSO (ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali") INFORMATIVA Ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, "Codice in

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico

l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico Statistica negli esperimenti reali si effettuano sempre un numero finito di misure, ( spesso molto limitato ) l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico Statistica descrittiva

Dettagli

Documento Comparativo Mutui

Documento Comparativo Mutui INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica IGEA BANCA S.P.A. Sede legale e Direzione Generale Via Paisiello, 38 00198 Roma Capitale sociale 16.025.184,00 Codice fiscale e n iscrizione al

Dettagli

Temi di Economia e Finanza

Temi di Economia e Finanza Temi di Economia e Finanza Le determinanti sui tassi d'interesse sui mutui: un'analisi empirica per i paesi del'area Euro A cura di Carlo Milani Giugno 2010 - Numero 2 - Sintesi Centro Studi e Ricerche

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II Commissione Regionale del Piemonte Ordine dei Dottori Commercialisti di Ivrea Pinerolo -Torino L OPPORTUNITA DI BASILEA. Il Dottore Commercialista tra Banca e Impresa Il processo di concessione del credito

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

BREVE DESCRIZIONE DELL APPLICATIVO CREDEL

BREVE DESCRIZIONE DELL APPLICATIVO CREDEL BREVE DESCRIZIONE DELL APPLICATIVO CREDEL Il Sistema Informativo CREDEL è uno strumento di supporto gestionale e decisionale nel trattamento dei crediti per Istituti Bancari e Parabancari, particolarmente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

La crisi italiana deve tuttavia ancora trovare una risposta nel rilancio dell economia e dell occupazione.

La crisi italiana deve tuttavia ancora trovare una risposta nel rilancio dell economia e dell occupazione. Proposta di finanziamento della fiscalizzazione dei contributi per giovani neoassunti mediante l attivo realizzato con la contribuzione versata dai lavoratori il cui pensionamento è stato rinviato dalla

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

I) Finalità del Trattamento

I) Finalità del Trattamento INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 30 GIUGNO 2003 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PER I PRODOTTI MUTUI I) Finalità del Trattamento GE Capital Servizi

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

IL NUOVO CODICE CHE METTE LE COSE IN CHIARO PRESTITI E TUTELA DELLA PRIVACY: In collaborazione con: Federconsumatori

IL NUOVO CODICE CHE METTE LE COSE IN CHIARO PRESTITI E TUTELA DELLA PRIVACY: In collaborazione con: Federconsumatori In collaborazione con: www.adiconsum.it www.assoutenti.it www.confconsumatori.com www.adoc.org www.cittadinanzattiva.it Federconsumatori www.federconsumatori.it PRESTITI E TUTELA DELLA PRIVACY: IL NUOVO

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Avv. Diego Corapi. Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Avv. Diego Corapi. Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Dott.ssa Claudia Rossi... Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

Informazioni amministrative e dati statistici L esperienza in corso sulla nuova fonte Inail: Denuncia Nominativa Assicurati

Informazioni amministrative e dati statistici L esperienza in corso sulla nuova fonte Inail: Denuncia Nominativa Assicurati V Conferenza Nazionale di Statistica Innovazione tecnologica e informazione statistica Integrazione tra registri e rilevazioni statistiche Roma 15,16, 17 novembre 2000 Informazioni amministrative e dati

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Oggetto: Premessa Istruzioni metodologiche per la determinazione dell informativa sul profilo di rischio e sull orizzonte temporale d investimento consigliato

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

HCINQUE. Descrizione sintetica

HCINQUE. Descrizione sintetica HCINQUE Descrizione sintetica La Consulenza Finanziaria Indipendente è stata finalmente accettata anche in Italia così come negli Stati Uniti, dove esiste da 30 anni, e come in molti altri Paesi dove la

Dettagli

INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DELL'ART. 13 e 23 DEL D. LGS. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali")

INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DELL'ART. 13 e 23 DEL D. LGS. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DELL'ART. 13 e 23 DEL D. LGS. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") Gentile Cliente, ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n.

Dettagli

Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di

Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di Capitalizzazione e attualizzazione finanziaria Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di interesse rappresenta quella quota di una certa somma presa

Dettagli

Riflessi del nuovo assetto regolamentare e di vigilanza nei rapporti tra le banche e la clientela

Riflessi del nuovo assetto regolamentare e di vigilanza nei rapporti tra le banche e la clientela Riflessi del nuovo assetto regolamentare e di vigilanza nei rapporti tra le banche e la clientela Lecce, 29 giugno 2015 Luca Giannini Ufficio Tributario, Bilancio e Vigilanza 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

FINANZIAMENTO "RISPARMIO ENERGETICO"

FINANZIAMENTO RISPARMIO ENERGETICO Pag. 1 / 6 Foglio Informativo 1.1.7 Prodotti della Banca Finanziamenti Altri finanziamenti- Finanziamento risparmio energetico FINANZIAMENTO "RISPARMIO ENERGETICO" INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte

Dettagli

ORIGINALE PER COMPASS

ORIGINALE PER COMPASS DATI RICHIEDENTE DATI COOBBLIGATO Associata INFORMATIVA D.Lgs. 196/2003: Codice in materia di protezione dei dati personali I dati forniti dal Richiedente e dall eventuale Coobbligato (di seguito il/gli

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI. Guido Carli. Dipartimento di Scienze economiche e aziendali

LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI. Guido Carli. Dipartimento di Scienze economiche e aziendali LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI Guido Carli Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Impostazione matematico-finanziaria del metodo del Costo Ammortizzato, richiamato dallo

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

DOMANDA AMMISSIONE A SOCIO

DOMANDA AMMISSIONE A SOCIO Socio n Ndg n Spazio riservato a Garcom DOMANDA AMMISSIONE A SOCIO Piacenza, Spett.le COOPERATIVA DI GARANZIA FRA COMMERCIANTI STRADA BOBBIESE, 8 29100 PIACENZA Il sottoscritto nato a il residente in Via

Dettagli