Validazione dei sistemi di rating

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Validazione dei sistemi di rating"

Transcript

1 Validazione dei sistemi di rating Aspetti di business e metodologici III Convention Aifirm Milano, 18 Ottobre 2002

2 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni metodologiche Processo di validazione Conclusioni Allegati Esempi di validazione Credit Scoring Spunti metodologici per la validazione della PD 2

3 Il contesto di riferimento La necessità delle fasi di validazione e test dei sistemi di rating nasce da: L esigenza normativa che deriva dall interpretazione diretta dell accordo di Basilea: Il Comitato di Basilea prevede alcuni requisiti minimi di qualità per la validazione dell approccio IRB: La qualità dei dati di input (Requisito Informatico) La qualità del modello di Rating (Requisito metodologico) La qualità del processo di Credit Risk Management (Requisito organizzativo) L approccio IRB può essere validato solo se la banca è in grado di dimostrare in modo esaustivo e convincente di aver rispettato tutti i requisiti minimi richiesti. In particolare, la qualità del modello di rating può essere valutata esclusivamente attraverso una fase di testing. L esigenza gestionale di massimizzazione del risultato economico che impone una valutazione scientifica del rischio di credito e rende necessaria l adozione di test per la manutenzione/implementazione dei sistemi di rating. Basilea spinge per l adozione di sistemi di rating che siano: Frutto di procedimenti statistici Risultato dell aggregazione di differenti fonti informative Statisticamente robusti e flessibili Questo comporta un upgrade significativo, se non il rifacimento, dei sistemi di scoring attualmente utilizzati 3

4 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni metodologiche Processo di validazione Conclusioni Allegati Esempi di validazione Credit Scoring Spunti metodologici per la validazione della PD 4

5 Le implicazioni di business L implementazione di un efficace sistema di rating contribuisce al processo di creazione di valore Visione strategica del rischio Gestione del portafoglio Ottimizzazione del processo del credito Gestione del valore della Clientela Allocazione del capitale Supporto alla visione strategica del profilo di rischio Supporto al processo di formulazione delle politiche creditizie Ottimizzazione del mix di portafoglio Riduzione degli assorbimenti patrimoniali Recupero di efficienza dei processi Riduzione dei costi operativi Incremento delle potenzialità di cross selling Ristrutturazione rapporti con clientela Allontanamento clientela non remunerativa Supporto al processo di allocazione Ottimizzazione del profilo di rischio rendimento 5

6 Le implicazioni di processo - Impatti sui sistemi esistenti - La creazione ed implementazione di un sistema di rating ha un impatto notevole su tutta la struttura della Banca, rappresentando il rating il principale strumento per la gestione del credito in tutte le sue fasi: Supporto alla selezione della clientela su cui indirizzare azioni di marketing Valutazione del merito creditizio EarlyWarning Indirizzo all apposta-zione ad incaglio Rinnovo affidamenti Misurazione del capitale a rischio Sistema di limiti Misurazione della performance in ottica rischio/rendimento Pianificazione Marketing Vendita e Concess. Ctrl. Andam. Recupero Risk & Perf. Mgmt. Bilancio Supporto alla pianificazione del portafoglio crediti - analisi rischio rendimento - analisi rischio-settori econ. Valutazione del merito creditizio Sistema di deleghe Orientamento del pricing Stima della LGD Impostazione delle strategie di recupero Supporto alla stima degli accantonamenti per rischio di credito 6

7 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni metodologiche Processo di validazione Conclusioni Allegati Esempi di validazione Credit Scoring Spunti metodologici per la validazione della PD 7

8 Le implicazioni metodologiche - Output di un sistema di internal rating evoluto - Un sistema di internal rating evoluto deve essere in grado di produrre le seguenti misure di rischio: Credit Scoring: è un valore numerico che sintetizza l insieme delle variabili ritenute rilevanti per caratterizzare il rischio creditizio di ogni controparte. Risk components: Probability of Default (PD): è la probabilità che si verifichi l evento default nei 12 mesi seguenti. Loss Given Default (LGD): è il tasso di perdita condizionato al verificarsi del default. Exposure at default (EAD): è l ammontare dell esposizione al manifestarsi del default. Maturity (M): è la durata contrattuale della forma tecnica erogata. Rating: è una segmentazione delle controparti in classi che ne riflettono il merito creditizio e cui corrisponde una PD Dal punto di vista metodologico è necessario distinguere le proprietà delle stime dei Credit Scoring dalle proprietà delle Risk Components (in particolare PD e LGD) e dei Rating 8

9 Le implicazioni metodologiche - Proprietà dei Credit Scoring, Risk Components e Rating - Le principali proprietà che i Credit Scoring dovrebbero presentare sono: Stabilità strutturale: i valori dei parametri stimati non devono dipendere significativamente dal particolare campione di stima utilizzato. Coerenza interpretativa: il valore di ogni parametro, o perlomeno il suo segno, deve risultare coerente con l interpretazione che ha motivato l introduzione della relativa variabile nella fase di specificazione nel modello. Elevata capacità discriminante: i modelli di Credit Scoring debbono mantenere delle performance elevate sia in fase di addestramento che di test in termini di corretta classificazione delle controparti. Le principali proprietà che le Risk Components (PD,LGD) dovrebbero presentare sono: Elevata capacità previsionale: LGD e PD devono avere carattere forward-looking, debbono cioè includere elementi di previsione al loro interno che permettano di interpretare prontamente i primi segnali di vulnerabilità creditizia (PD) o di volatilità del recupero (LGD) Stima conservativa: LGD e PD debbono essere ispirate ad un principio di prudenza nella valutazione, debbono cioè essere stime di tipo through the cycle(*) in modo da risultare poco sensibili alla congiuntura. Le principali proprietà che i Rating dovrebbero presentare sono: Stabilità:il rating assegnato ad una controparte deve risultare stabile lungo l orizzonte temporale di previsione Sensitività: controparti appartenenti alle classi di rating migliori devono subire un downgrade con sufficiente anticipo rispetto all evento default Correlazione: le classi di rating devono risultare correlate con l evento default. (*) definite nei punti di minimo del ciclo economico 9

10 Le implicazioni metodologiche - Metodologie di validazione - Occorre distinguere le metodologie di validazione dei Credit Scoring dalle metodologie di validazione delle Risk Components e dei Rating Le Metodologie di testing per la validazione dei Credit Scoring sono principalmente: Analisi di stabilità: studiano la distribuzione dei bad e dei good in produzione e ne confrontano la divergenza con il campione di sviluppo Analisi di performance: studiano il fenomeno della concentrazione, dei bad per decile e degli odds per decile all interno della popolazione Analisi degli outliers: studiano il fenomeno degli outliers intesi come controparti bad aventi score elevato Analisi dei cut off: studiano le implicazioni dei cut off scelti dalla Banca in termini di costi (errore di prima specie e di seconda specie) e di benefici (automazione dei processi). Le Metodologie di testing per la validazione delle Risk Components sono principalmente: Analisi di Back Testing: studiano l affidabilità previsionale delle Risk Components teoriche mettendole a confronto con quelle empiricamente risultanti dall analisi delle serie storiche (v. All. 1). Analisi di Stress testing: studiano l affidabilità previsionale delle Risk Components teoriche mettendole a confronto con quelle risultanti da scenari legati a condizioni di mercato estreme (v. All. 2). Analisi di compliance con la normativa di Basilea: sono le analisi che mirano a verificare alcune peculiarità normative richieste Le Metodologie di testing per la validazione dei Rating sono principalmente: Analisi dei passaggi di stato: sono le analisi e i test che permettono di verificare la coerenza in termini di stabilità e sensitività degli eventi di migrazione. 10

11 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni metodologiche Processo di validazione Conclusioni Allegati Esempi di validazione Credit Scoring Spunti metodologici per la validazione della PD 11

12 Processo di validazione L importanza che riveste il sistema di rating all interno di tutti i processi della Banca è il motivo principale per cui è necessario sviluppare un processo di validazione che può essere articolato nelle seguenti attività: Sviluppo dei test Creazione Ambiente di Analisi Applicazione Test Azioni Implementative Finalizzato alla realizzazione della metodologia necessaria alla validazione e testing dei modelli di internal rating Finalizzato alla realizzazione di una piattaforma che permetta di avere a disposizione dati provenienti da diverse procedure e necessari alle analisi statistiche Finalizzata alla realizzazione informatica dei test e alla loro applicazione Finalizzate alla individuazione/correzione delle anomalie informatiche ed organizzative che possono aver causato fenomeni di underperformance Al fine di realizzare un processo di validazione sono inoltre necessari: Competenze specifiche Strumenti informatici Basi dati In generale competenze informatiche, statistico/quantitative e di business Strumenti informatici flessibili per l analisi e serie storiche complete 12

13 Processo di validazione - Le competenze richieste - Competenze Specifiche Sviluppo dei test: Competenze quantitative per la definizione dei test Competenze organizzative e di business di supporto per la parametrizzazione (soglie di accettabilità/rifiuto, tipologie di analisi) dei test Competenze informatico/quantitative per lo sviluppo delle query di analisi E quindi necessario un forte approccio progettuale, che contempli l utilizzo delle seguenti competenze per le differenti fasi Creazione dell ambiente di analisi: Competenze informatiche e di business per lo sviluppo funzionale dell ambiente di analisi Competenze informatico/tecnologiche per l implementazione dell ambiente di analisi Applicazione/implementazione dei test: Competenze informatico/quantitative per l implementazione delle query di analisi Competenze di tipo quantitativo/organizzative e di business per l interpretazione dei risultati Competenze di business per l individuazione di problemi organizzativi Competenze informatiche per l individuazione di problemi informatico/tecnologici Competenze quantitative per l individuazione di problemi metodologici Azioni implementative: Competenze di business per azioni implementative di tipo organizzativo Competenze informatiche per azioni implementative di tipo informatico/tecnologico Competenze quantitative per azioni implementative di tipo metodologico 13

14 Processo di validazione - Strumenti informatici e base dati di riferimento - Competenze Specifiche Strumenti informatici Basi dati Strumenti informatici L ambiente di prova sia un DataBase di tipo relazionale (DB2, Access, Oracle) Perché è più facilmente testabile ai fini di validazione della base dati Per eseguire analisi cross section tra tabelle originate da procedure differenti e utili a: Sviluppare i test di validazione dei modelli Effettuare azioni implementative Risulta più flessibile per lo sviluppo di ulteriori analisi Dal punto di vista informatico sono dunque necessari alcuni strumenti specifici e determinate basi dati Gli strumenti di analisi permettano elaborazioni statistiche (SAS, Matlab, E-views) Ottimizzazione dei tempi di elaborazione Permettono analisi consistenti Sono strumenti flessibili di analisi, programmabili per test non standard Base dati di riferimento: Archivio anagrafico Per il reperimento delle informazioni di carattere anagrafico socio demografico Base dati SISBA Per il reperimento delle informazioni di carattere andamentale/comportamentale del rapporto Segnalazioni in Centrale Rischi Per il reperimento delle informazioni relative alle segnalazioni in CR Banca d Italia Procedura fidi e garanzie Per il reperimento delle informazioni relative alle forme tecniche di affidamento e di garanzia Procedura sofferenze Per il reperimento delle informazioni relative alla gestione delle sofferenze e dei flussi di recupero 14

15 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni metodologiche Processo di validazione Conclusioni Allegati Esempi di validazione Credit Scoring Spunti metodologici per la validazione della PD 15

16 Conclusioni Lo sviluppo di metodologie e processi di validazione di tutte le misure di rischio prodotte da un sistema di credit risk management evoluto permette: L acquisizione di competenze specifiche sul core business della banca La possibilità di disegnare ed adeguare gli strumenti di misurazione alle strategie della Banca La capacità di reagire in maniera tempestiva a cambiamenti del mercato La possibilità di integrare attraverso un minimo comune denominatore realtà bancarie differenti 16

17 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni metodologiche Processo di validazione Conclusioni Allegati Esempi di validazione Credit Scoring Spunti metodologici per la validazione della PD 17

18 Allegato 1: Esempi di validazione Credit Scoring - Analisi di stabilità - Esemplificativo Calcolo degli indici descrittivi 12 Analisi distibuzione Bad 180 Analisi distribuzione Good Numero di cattivi Statistiche Bad Mean 624,49 Standard Error 0,35 Median 622 Mode 627 Standard Deviation 25,04 Sample Variance 489,58 Kurtosis 4,75 Skewness 1,83 Range 184 Minimum 554 Maximum 750 Sum Count 7763 Score Statistiche Good Mean 699,01 Standard Error 0,30 Median 699 Mode 690 Standard Deviation 44,04 Sample Variance 1584,56 Kurtosis -0,52 Skewness -0,77 Range 189 Minimum 559 Maximum 751 Sum Count Numero di Good La distribuzione dei bad presenta: Score Indice di curtosi >3 l altezza delle code è più marcata rispetto a una distribuzione normale Indice di skewness positivo la distribuzione è asimmetrica con coda allungata per i valori superiori al valor medio La distribuzione dei good presenta: Indice di curtosi <3 l altezza delle code è meno marcata rispetto a una distribuzione normale Indice di skewness negativo la distribuzione è asimmetrica con coda allungata per i valori inferiori al valor medio Coerentemente con le aspettative, lo score medio dei good risulta superiore a quello dei bad 18

19 Allegato 1: Esempi di validazione Credit scoring - Analisi di stabilità - segue Esemplificativo Calcolo degli indici di divergenza e stabilità 180 Analisi distribuzione Bad e Good 4,5% Confronto dati in produzione/ campione di sviluppo 160 4,0% Numero Bad/ Good distribuzione bad e good Score Indice di divergenza (dati in produzione) 0,986 Indice di divergenza (campione di sviluppo) 2,7486 Indice di stabilità 0,9856 Good Bad % popolazione 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% Score I bad e i good si concentrano rispettivamente nei livelli più bassi e più elevati di score La stabilità della popolazione oggetto di analisi appare soddisfacente in quanto prossima al valore nullo in corrispondenza del quale la divergenza dei dati in produzione coincide con quella del campione di sviluppo Good Bad 19

20 Allegato 1: Esempi di validazione Credit Scoring - Analisi di performance - Esemplificativo Test di performance Analisi concentrazione bad Analisi numeri Bad per Decile Analisi Odds per Decile Bad 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Numero di bad Good/Bad % 10% 20% 30% 40% 50% 60% Popolazione 70% 80% 90% 100% Score Analisi della performance dati in produzione Area di Concentrazione 89,17% Decili Bad per Decile Odds per Decile , , , , , , , , , campione di sviluppo Area di Concentrazione 94,16% Decili Bad per Decile Odds per Decile , , , , , , , , , ,3 Il valore dell area di concentrazione è superiore al 75% e risulta pertanto soddisfacente L andamento dei bad per decile è decrescente, coerentemente con le finalità del modello di scoring L andamento degli odds per decile è crescente, coerentemente con le finalità del modello di scoring 20

21 Allegato 1: Esempi di validazione Credit Scoring - Analisi degli outliers- Esemplificativo Outliers Elenco degli outliers rilevati Media dei good: 255 NDG status score errore informatico errore organizzativo xxxxxxx bad 312 errato popolamento della base dati xxxxxxx bad 301 errato caricamento dei dati nel sistema xxxxxxx bad 339 errato caricamento dei dati nel sistema xxxxxxx bad 331 errato popolamento della base dati xxxxxxx bad 326 errato popolamento della base dati xxxxxxx bad 298 errato caricamento dei dati nel sistema xxxxxxx bad 287 errato popolamento della base dati Il confronto con il personale della Direzione Informatica ha consentito di rilevare il campo che ha generato l errore di popolamento della base dati e sono in corso interventi correttivi Gli outliers di tipo organizzativo sono stati generati durante l inserimento manuale dei dati relativi al cliente (una certa percentuale di errori di questo tipo risulta fisiologica) 21

22 Allegato 1: Esempi di validazione Credit Scoring - Analisi dei cut off - Esemplificativo Analisi dei cut off Suddivisione della popolazione tra le aree 5% 23% 72% Legenda: Numero NDG compresi nell area di accettazione Numero NDG compresi nell area di incertezza Numero NDG compresi nell area di rifiuto Le griglie relative allo score di accettazione hanno generato i seguenti risultati Il 72% delle pratiche sono comprese nell area bianca di accettazione automatica e quindi si può procedere all erogazione del credito immediata Il 5% delle pratiche sono comprese nell area nera di rifiuto automatico e quindi devono essere respinte Il 23% delle pratiche cadono nell area grigia di incertezza e ciò genera la necessità di effettuare analisi ulteriori per poter giungere ad una decisione in merito alla possibilità di affidamento del cliente 22

23 Allegato 1: Esempi di validazione Credit Scoring - Analisi dei cut off: area nera di rifiuto automatico - Esemplificativo Area nera di rifiuto automatico Composizione area nera di rifiuto automatico 8% composizione dell'area nera 92% status numeri sul tot relativo Bad 50 19,10% Good 582 5,00% Totale 632 5,30% Legenda: Numero Bad compresi nell area di rifiuto Numero Good compresi nell area di rifiuto Dall analisi emerge che un area nera di rifiuto automatico con cut off pari a 197 è in grado di discriminare correttamente il 19,1% del totale dei bad e implica un errore di seconda specie del 5% I 50 bad rifiutati automaticamente rappresentano il beneficio del sistema; i 582 good rifiutati automaticamente ne rappresentano il costo Nota: L analisi può essere effettuata solo sul campione di sviluppo 23

24 Allegato 1: Esempi di validazione Credit Scoring - Analisi dei cut off: area grigia di incertezza - Esemplificativo Area grigia Composizione area grigia di incertezza 4% 96% composizione dell'area grigia status numeri sul tot relativo Bad ,70% Good ,60% Totale ,00% Legenda: Numero Bad compresi nell area di incertezza Numero Good compresi nell area di incertezza Le controparti che appartengono all area grigia e che quindi richiederanno un processamento manuale sono 2644 Dall analisi emerge che l area grigia di incertezza con cut off tra 197 e 232 sospende il giudizio sul 21,6% dei good e sul 40% dei bad 24

25 Allegato 1: Esempi di validazione Credit Scoring - Analisi dei cut off: area bianca di accettazione automatica - Esemplificativo Area bianca di accettazione automatica Composizione area bianca di accettazione automatica 2% 98% composizione dell'area bianca status numeri sul tot relativo Bad ,20% Good ,40% Totale ,70% Legenda: Numero Bad compresi nell area di accettazione Numero Good compresi nell area di accettazione Dall analisi emerge che un area bianca di accettazione automatica con cut off pari a 232 è in grado di discriminare correttamente il 70,4% del totale dei good ed implica un errore di prima specie del 41% Gli 8268 good accettati automaticamente rappresentano il beneficio del sistema; i 108 bad accettati automaticamente ne rappresentano il costo 25

26 Allegato 1: Esempi di validazione Credit Scoring - Analisi dei cut off: performance della procedura automatizzata - Esemplificativo Performance procedura automatizzata Errori di prima e seconda specie 100,00% 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% bad Status good bad good Classificazione 0,00% Legenda: Entità degli errori di classificazione Entità delle corrette classificazioni Status bad good Classificazione bad good ,55% 66,45% 100,00% ,71% 93,29% 100,00% Dall analisi emerge che la procedura automatizzata consente di classificare correttamente il 33,55% dei bad e il 93,29% dei good; l entità dell errore di prima specie (bad accettati automaticamente) è del 66,45%, l entità dell errore di seconda specie (good rifiutati) è pari al 6,71% 26

27 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni metodologiche Processo di validazione Conclusioni Allegati Esempi di validazione Credit Scoring Spunti metodologici per la validazione della PD 27

28 Allegato 2: Spunti metodologici per la validazione della PD - Le analisi di back testing - Con le analisi di back testing si intende verificare l affidabilità previsionale delle Risk Components teoriche mettendole a confronto con quelle empiricamente riscontrate Attraverso una semplice verifica di ipotesi è possibile valutare lo scostamento delle probabilità di default osservate con quelle teoriche all interno di ogni classe di rating H 0 : p pt Default rate inferiore alla PD teorica della classe H1 : p > pt Default rate superiore alla PD teorica della classe La statistica test può essere espressa quindi in termini di frequenza relativa di default: Z p o p pt ( 1 pt ) n t In cui: p o è la frequenza relativa di default osservata all interno della classe p t è la PD teorica n è il numero di controparti presenti nella classe di rating La scelta di un opportuno livello di significatività consente quindi di stabilire l ampiezza delle aree di accettazione e di rifiuto dell ipotesi nulla (il default rate è inferiore alla PD teorica) 28

29 Allegato 2: Spunti metodologici per la validazione della PD - Le analisi di back testing - Con le analisi di back testing si intende verificare l affidabilità previsionale delle Risk Components teoriche mettendole a confronto con quelle empiricamente riscontrate Avendo a disposizione la serie storica dei tassi di default per una particolare classe di rating è possibile attraverso semplici verifiche di ipotesi valutare lo scostamento tra il tasso di default osservato negli anni e le PD teoriche all interno di ogni classe di rating H 0 : µ x pt Default rate inferiore alla PD teorica della classe H 0 : µ x = pt Default rate uguale alla PD teorica della classe 1 2 H1 : µ x > pt Default rate superiore alla PD teorica della classe H1 : µ x pt Default rate diverso alla PD teorica della classe La statistica test può essere espressa in questo modo µ pt Z = x σ x n In cui: µ x è la media del tasso di default osservato negli anni all interno della classe p t è la PD teorica n è il numero di anni di osservazioni di default rate per la classe di rating σ è lo scarto quadratico medio del tasso di default della popolazione x La scelta di un opportuno livello di significatività consente quindi di stabilire l ampiezza delle aree di accettazione e di rifiuto dell ipotesi nulla (il default rate è inferiore alla PD teorica) Se l ipotesi nulla del test unilaterale 1 è vera la PD teorica risulterà, in coerenza con la normativa di Basilea, una stima conservativa di tipo through the cycle 29

30 Allegato 2: Spunti metodologici per la validazione della PD - Le analisi di stress testing - L approccio econometrico è la base per lo sviluppo di una metodologia di stress testing delle probabilità di default Le controparti in portafoglio vengono suddivise in segmenti. Attraverso una procedura di mapping, ogni segmento viene caratterizzato come dipendente da un insieme di grandezze macroeconomiche Segmenti diversi possono dipendere dallo stesso fattore macroeconomico La dipendenza dagli stessi fattori macroeconomici e/o la correlazione tra fattori diversi spiega dunque la correlazione tra i vari segmenti L ipotesi di partenza per lo sviluppo del modello consiste nell esprimere, per ogni segmento, la probabilità di insolvenza delle controparti di ogni classe di rating attraverso la seguente relazione (ad esempio per le controparti AAA): p y j, t In cui: [ 1+ exp( y ] j, t = 1 j, t ) = β + β x + β x + K+ β x + υ j,0 j,1 j,1, t j,2 ( x, x, K x ) x j, t = j,1, t j,2, t, j, k, t β ( β, β, β, K β ) j = j, 0 j,1 j,2, j, k p j, t j,2, t j, k j, k, t j, t è l insieme dei fattori sistematici che influenzano il segmento j-esimo ; è il vettore dei parametri del modello logit; è la probabilità di default condizionale (ai fattori macroeconomici) per le controparti AAA del segmento j-esimo. x, Le grandezze macroeconomiche, individuate dalle variabili j t, rappresentano la componente di rischio sistematica, il termine d errore υ j,t rappresenta la componente di rischio idiosincratica associata al segmento j-esimo. 30

31 Allegato 2: Spunti metodologici per la validazione della PD - Le analisi di stress testing - Secondo l approccio econometrico standard, il generico fattore i-esimo relativo al segmtno j-esimo x j, i, t si evolve nel tempo secondo il modello autoregressivo AR(2) x j, i, t = i,0 + α i,1 x j, i, t 1 + α i,2 x j, i, t 2 + α ε ~ N, j, i, t, ε j, i, t ( 0 σ ) Le correlazioni tra i vari fattori vengono considerate ipotizzando che gli errori j, i, t dei singoli processi siano tra loro dipendenti e possano essere congiuntamente descritti come: ( 0, ) εt ~ N Σ ε i ε La simulazione condizionale dei futuri valori dei fattori sistematici viene ottenuta generando congiuntamente gli errori ε t dei processi AR(2) e utilizzando i dati storici dei fattori come valori ritardati degli stessi. In questo modo è possibile ottenere una distribuzione della probabilità di default condizionale a un particolare scenario,e sottoporre le PD stressate ai test di scostamento dalla PD teorica. 31

32 Allegato 2: Spunti metodologici per la validazione della PD - Le analisi di stress testing - Esemplificativo Generazione degli scenari per stress testing Espansione 0.44% 0.78% 1.12% 1.46% 1.80% 2.14% 2.48% 2.82% 3.16% 3.50% 3.84% Sulla base delle ipotesi sviluppate sui fattori macroeconomici è stato possibile generare le seguenti distribuzioni delle probabilità di default condizionali (1000 simulazioni dei fattori sistematici) per la classe di rating AAA appartenente al segmento % 0.78% 1.12% 1.46% 1.80% 2.14% Lungo Periodo 2.48% 2.82% 3.16% 3.50% 3.84% Recessione % 0.78% 1.12% 1.46% 1.80% 2.14% 2.48% 2.82% 3.16% 3.50% 3.84% 32

33 33

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali Nuovo schema di regolamentazione Versione integrale Comprendente

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Board of the International Organization of Securities Commissions Requisiti di margine per i derivati non compensati centralmente Settembre 2013 Il presente

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli