Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo"

Transcript

1 Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo agendo tempestivamente sulle leve strategiche a disposizione Daniela Cazzato, Consultant Busacca & Associati I Il credito al consumo1 si presenta oggi come un importante forma di diversificazione dell offerta bancaria e costituisce quindi uno strumento fondamentale per la fidelizzazione e l acquisizione di nuovi clienti. I recenti sviluppi del mercato del credito al consumo in Italia evidenziano un costante aumento della concorrenza e un sempre più intenso impegno da parte di operatori specializzati e non. Tuttavia in Italia il peso dell indebitamento delle famiglie sulla dinamica dei consumi privati è notevolmente inferiore a quello di altri Paesi. 1 Ai sensi dell art. 121 del TUB, per credito al consumo si intende la concessione nell esercizio di un attività commerciale o professionale di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di una persona fisica che agisce per gli scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolti (consumatore). I crediti al consumo comprendono, oltre a quelli direttamente collegati con l acquisto di beni di consumo, anche quelli relativi all utilizzazione di carte di credito (Fonte: Cfr. Banca d Italia, Glossario, Appendice alla Relazione Annuale e Bollettino Statistico). 35

2 CARTESIO Al fine di sfruttare appieno gli ampi margini di crescita ancora esistenti, è fondamentale per banche e società finanziarie attuare rapidamente degli approcci organizzativi e dei modelli di business che consentano loro di incrementare efficienza e redditività nell erogazione di tale tipo di credito. Attori e prodotti del credito al consumo Oggi l erogazione del credito al consumo è presidiata da due principali tipi di operatori: banche o società finanziarie specializzate, ossia operatori bancari e non, che si occupano esclusivamente di credito al consumo; sotto il profilo proprietario, nella maggior parte dei casi si tratta di realtà appartenenti a gruppi bancari, di società captive provenienti dal comparto industriale oppure di società controllate da gruppi finanziari internazionali. banche generaliste, operatori bancari tradizionali che operano direttamente nel credito al consumo in ragione della loro forte vocazione retail e delle strategie di fidelizzazione della clientela perseguite. Quanto ai prodotti, questi rispondono a processi di acquisto differenti a seconda che vengano erogati con o senza vincolo di destinazione 2. In effetti, nel caso del credito finalizzato si tratta di un acquisto di impulso che risponde alla necessità di dilazionare nel tempo il pagamento di un certo bene di consumo: i clienti 2 I prodotti erogati nell ambito del credito al consumo si distinguono in due macro categorie: credito finalizzato, ossia il finanziamento per l acquisto di specifici beni di consumo, generalmente erogato direttamente presso gli esercizi commerciali, a seguito di convenzioni stipulate tra gli stessi esercizi commerciali e gli intermediari finanziari specializzati e il credito non finalizzato, che comprende prestiti personali (finanziamento erogato direttamente al cliente senza vincolo di destinazione, di importo determinato, che prevede un piano di rimborso definito), e cessione del quinto (finanziamento non finalizzato all acquisto di uno specifico bene che può essere richiesto solo da un lavoratore dipendente direttamente dalla banca o finanziaria; tale prestito verrà rimborsato tramite rate, trattenute direttamente sulla busta paga, di importo fisso non superiore alla quinta parte dello stipendio). Un altro prodotto del credito al consumo è rappresentato dalle carte revolving, ossia carte di credito che consentono il rimborso rateale del denaro speso e che rientrano nel credito finalizzato o non finalizzato a seconda che siano carte utilizzabili esclusivamente presso i punti vendita convenzionati oppure carte per prelievi su circuito internazionale. 36

3 Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo richiedono tali prestiti presso i punti vendita in cui hanno acquistato il bene di consumo che intendono finanziare, senza scegliere la banca o finanziaria con cui attivarlo. Di contro, i crediti non finalizzati vengono attivati dai clienti direttamente presso le banche/finanziarie e sono il frutto di un processo di valutazione e scelta sostanzialmente razionale. Posizionamento dei prodotti del credito al consumo in base al comportamento d acquisto dei clienti Comportamento d acquisto D impulso Razionale Prestiti personali Cessione del quinto Carte di credito revolving Prestiti finalizzati Non finalizzato Tipo di prestito Finalizzato Caratteristiche e prospettive del mercato Negli ultimi anni in Italia si è assistito a un costante e sostanziale sviluppo del mercato del credito al consumo, dovuto principalmente a mutamenti strutturali nella domanda, ossia all evoluzione della cultura finanziaria delle famiglie italiane sia nei confronti dell approccio al credito, sempre più considerato strumento di ottimizzazione del bilancio familiare, sia nelle scelte di allocazione del portafoglio. Dal 2002 al 2005 il mercato del credito al consumo in Italia è cresciuto in media 37

4 CARTESIO del 15% all anno, contro una media del 4,5% in Europa, registrando alla fine del 2005 consistenze pari a circa 76,5 miliardi di euro, con un incremento del 20,8% rispetto alla stessa data dell anno precedente. Andamento del mercato del credito al consumo in Italia ( ) ,8% ,4% 15,1% 13,8% Consistenze totali (milioni di euro) Tassi di crescita (%) Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Osservatorio sul Credito al Dettaglio ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA, vol. 20. Nonostante i forti tassi di sviluppo degli ultimi anni, il mercato risulta avere ancora ampi margini di crescita: ad oggi la massa di denaro erogata tramite credito al consumo corrisponde al 4,5% del PIL, percentuale più bassa rispetto ad altri Paesi europei (7,4% in Spagna, 8,1% in Francia, 10,7% in Germania) e lontanissima da Gran Bretagna (15,7%) e USA (18,2%). 38

5 Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Rapporto tra credito al consumo e PIL (2005) USA 18,2% Gran Bretagna 15,7% Germania 10,7% Francia 8,1% Spagna 7,4% Italia 4,5% Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Osservatorio sul Credito al Dettaglio ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA, vol. 20. Nel nostro Paese, quindi, il mercato del credito al consumo dovrebbe continuare a crescere con tassi superiori al 15% almeno fino al 2008, arrivando ad avere consistenze totali pari a 122 miliardi di euro. Evoluzione del mercato del credito al consumo in Italia ( ) ,0% 20,0% 15,0% Consistenze totali (milioni di euro) Tassi di crescita credito al consumo 10,0% 5,0% 0,0% Tassi di crescita consumo beni durevoli Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Osservatorio sul Credito al Dettaglio ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA, vol

6 CARTESIO Nonostante tali evidenze, la valutazione del livello di maturità del mercato del credito al consumo (data dal rapporto tra consistenze totali del credito al consumo e PIL nazionale) mostra ancora una notevole distanza dai mercati europeo e americano, dove il credito al consumo ha invece raggiunto dimensioni notevolmente superiori. Rapporto credito al consumo/pil in Italia, Europa e USA (2005) =304% 18,2% = 142% 10,9% 4,5% Italia Europa USA Rapporto Credito al consumo / PIL Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Osservatorio sul Credito al Dettaglio ASSOFIN -CRIF - PROMETEIA, vol. 20. Nota: Il rapporto tra i finanziamenti bancari destinati all acquisto di beni di consumo e il PIL complessivo per l Europa è stato calcolato tramite media pesata dei rapporti crediti al consumo/pil di Gran Bretagna, Germania, Francia e Spagna. Il forte divario che il mercato italiano del credito al consumo ancora registra nei confronti dell Europa (Ä=142%) e degli USA (Ä=304%) trova spiegazione in alcuni punti di criticità che attualmente caratterizzano gli operatori attivi nel mercato italiano e che risultano legati a offerta, prezzo, promozione e distribuzione. 40

7 Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Come agire per incrementare efficienza e redditività Diversificare l offerta. Le strutture specializzate si contraddistinguono per l operatività esclusiva nel credito al consumo e, di conseguenza, per la capacità di offrire ai clienti una gamma di prodotti ampia e in continua evoluzione. D altra parte, le banche generaliste possiedono un importantissimo vantaggio competitivo costituito dal fatto di avere a disposizione informazioni complete e sempre aggiornate sul comportamento finanziario dei clienti (reddito, capacità di spesa, risparmio). Nonostante tali punti di forza, gli operatori del mercato italiano mostrano spesso difficoltà a costruire dei profili di offerta che rispondano al meglio ai bisogni della clientela target. Tale difficoltà, nella maggior parte dei casi, trae origine dalla loro scarsa capacità di implementare adeguate strategie di ottimizzazione e diversificazione dell offerta. A tal proposito, il presupposto base per la corretta definizione di profili d offerta differenziati è costituito da una segmentazione dinamica che si basi su un adeguata caratterizzazione dei clienti (in funzione del comportamento attuale e futuro di acquisto e uso dei prodotti) e che consenta di classificare la clientela in modo tale da rendere possibile la definizione di strategie di offerta coerenti ed efficaci. L implementazione di una strategia di differenziazione dell offerta, che valorizzi al meglio le informazioni possedute sulla clientela, è sicuramente di non facile attuazione, ma risulta di fondamentale importanza per un erogazione efficace del credito al consumo, essendo in grado di determinare un incremento di redditività di oltre il 30%. Inoltre, soprattutto per le banche generaliste, un utilizzazione efficace delle informazioni sul comportamento finanziario dei clienti risulta fondamentale per definire azioni di cross-selling che permettano di aumentare rapidamente la copertura dei prodotti del credito al consumo: il reddito, la capacità di spesa, la propensione all indebitamento dei clienti e la loro evoluzione nel tempo sono infatti informazioni che aiutano a capire su quali segmenti è opportuno focalizzarsi e su quali prodotti è corretto far leva per attivare azioni di cross-selling. Il cliente apprezza la convenienza e la semplicità di acquistare più servizi da uno stesso operatore; di contro, l operatore ha la possibilità di aumentare la fidelizzazione dei clienti, ossia la quota di acquisti effettuati presso i suoi canali di vendita. 41

8 CARTESIO Attuare efficaci politiche di prezzo. I tassi di interesse costituiscono una delle principali leve per aumentare l attrattività dell offerta. Nonostante la forte riduzione registrata negli ultimi anni (-10% annuo), i prestiti alle famiglie si caratterizzano ancora per tassi mediamente più elevati di quelli alle imprese: essi possono andare dal 10%-13% normalmente applicato ai prestiti personali (il doppio di quanto pagano le grandi aziende per offrire ai loro clienti il tasso zero) fino al 24% per alcune carte di credito revolving. In più i tassi applicati dalle banche generaliste tendono ad essere, soprattutto per la diversità delle forme tecniche, mediamente più vantaggiosi di quelli delle società specializzate, grazie ad un costo medio della raccolta più basso (tramite l accesso diretto al risparmio del pubblico) e a una minore incidenza dei costi fissi (dovuta all offerta di un portafoglio prodotti diversificato). Attualmente l applicazione di efficaci politiche di prezzo è spesso ostacolata dall assenza di un adeguata strategia di gestione del rischio e dalla mancanza di una politica di prezzo trasparente e differenziata non solo sul prodotto, ma anche sul comportamento di acquisto dei clienti. Una migliore gestione del rischio, che sfrutti al meglio la forte conoscenza della situazione economico-finanziaria della clientela, risulta fondamentale per agevolare l attuazione di politiche di prezzo di penetrazione, permettendo alle banche di essere estremamente competitive. Ottimizzare la promozione dei prodotti. L utilizzazione delle leve di comunicazione è fondamentale per incrementare la penetrazione del credito al consumo. Tuttavia l efficacia e l efficienza delle campagne relative ai prodotti del credito al consumo sono spesso inficiate da una mancata ottimizzazione della pressione di marketing in termini di segmenti target individuati, canali di comunicazione scelti e prodotti/soluzioni promossi. Ottimizzare la pressione di marketing significa prima di tutto allocare le risorse dedicate alla comunicazione in modo da evitare che le campagne di marketing si rivolgano sempre agli stessi segmenti, trascurando di contro quelli che in base ad analisi statiche risultano fuori target o comunque poco attraenti. È facile intuire come i clienti che vengono continuamente sollecitati tramite campagne di comunicazione relative a una stessa offerta/prodotto sviluppino nel tempo una certa riluttanza nei confronti del brand o dell offerta promossa, rendendo le campagne di comunicazione addirittura controproducenti. Di contro, per i clienti meno esposti agli sforzi di comunicazione si registra una propensione all acquisto del prodotto pro- 42

9 Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo mosso molto più elevata. Quindi ottimizzando la frequenza delle campagne e proponendo a rotazione soluzioni e prodotti sempre diversi è possibile mantenere una redemption elevata in ogni segmento target, determinando un incremento nell efficacia delle campagne di marketing. A tal fine risulta inoltre di fondamentale importanza la scelta dei canali di comunicazione utilizzati: in generale, le campagne multi-canale basate su una scelta dei canali più idonei alla clientela target registrano livelli di redemption più alti rispetto a quelle realizzate tramite un unico canale, permettendo di ottenere miglioramenti dell efficienza di almeno il 20%. Diversificare in maniera efficiente la relazione con i clienti. Un elemento strategico di differenziazione nella competizione con banche e finanziarie specializzate è rappresentato dalla qualità della distribuzione. Tuttavia i canali di vendita dei prodotti del credito al consumo spesso risultano incapaci di gestire al meglio il rapporto con il cliente, ostacolando in questo modo l implementazione delle strategie commerciali e di business più idonee. Una delle principali aree di vantaggio competitivo relative alla gestione del cliente risulta quindi l efficienza del contatto con la clientela attraverso i canali messi a disposizione dagli operatori. Nello specifico, una riduzione sostanziale delle risorse impiegate e dei relativi costi e un incremento della produttività possono essere ottenuti esclusivamente attraverso una corretta differenziazione dei livelli di servizio offerti nei molteplici canali utilizzati dai clienti. A tal proposito è fondamentale prevedere diversi livelli di servizio in funzione del valore attuale e potenziale dei clienti e della complessità dei prodotti offerti, oltre a individuare fasi e momenti chiave della relazione con il cliente al fine di identificare i punti di contatto che è necessario presidiare meglio di altri. Perché tutto funzioni, i canali devono quindi essere in grado di classificare in tempo reale la clientela e associarvi strategie relazionali ben precise in funzione di parametri di valore, potenziale e grado di fidelizzazione predefiniti. Naturalmente questa capacità è il frutto di un efficace sistema di condivisione della conoscenza relativa al cliente (caratteristiche, orientamenti e storia di relazione con la banca), ma anche ai prodotti e alle strategie di prezzo e di rischio. 43

10 CARTESIO Modelli di affidabilità: credit scoring e judgmental Un aspetto che caratterizza il business del credito al consumo è il livello ancora elevato di rischiosità. Nel 2005 il rischio del mercato del credito al consumo ha mostrato un andamento contrastante. Nei primi sei mesi dell anno, infatti, la rischiosità (intesa come somma delle componenti relative all insolvenza grave, leggera e sofferenza) si è ridotta al minimo storico degli ultimi cinque anni (5,8%), per poi aumentare nel secondo semestre e attestarsi al 6,6%. Nonostante questo incremento, il rischio complessivo si è ridotto di mezzo punto percentuale rispetto a dicembre 2004 e di 1,6 punti percentuali rispetto a dicembre Il tasso di sofferenza, la componente che contribuisce in modo più rilevante alla determinazione del rischio complessivo, è stato pari al 3,8% (4% nel 2004; 4,5% nel 2003). Le insolvenze leggere si sono contratte passando dal 2,7% del 2003 all 1,8% del 2005; anche quelle gravi risultano in lieve miglioramento attestandosi all 1%. Peraltro anche la ricomposizione dei portafogli verso categorie di importo e di durata più elevate e la crescente attenzione dell offerta verso segmenti di clientela più near prime potrebbero avere influito sull evoluzione del rischio del mercato del credito al consumo nel Andamento della rischiosità del credito al consumo ( ) 8,2% 7,1% 6,6% 4,5% 4,0% 3,8% Tasso di rischiosità Tasso di sofferenza Fonte: elaborazioni Busacca & Associati su dati Osservatorio sul Credito al Dettaglio ASSOFIN -CRIF -PROMETEIA, vol. 20. Nota: Il tasso di rischiosità corrisponde alla somma delle componenti relative a sofferenza, insolvenza grave e insolvenza leggera. 44

11 Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo La valutazione del rischio di credito e quindi dell affidabilità dei clienti nel mercato del credito al consumo è un aspetto fondamentale che è necessario approfondire, in quanto ha influenze dirette sia sul livello dei tassi praticati, sia sui tempi di erogazione del credito, con implicazioni forti sulla soddisfazione dei clienti. In effetti la valutazione del rischio di insolvenza nel mercato del credito al consumo risulta particolarmente complessa, dal momento che l elevato numero di richieste e l importo solitamente basso del prestito, uniti alla difficoltà di reperire informazioni sui richiedenti crediti, rendono difficoltosa l applicazione di metodi convenienti dal punto di vista economico ed efficaci dal punto di vista del tempo impiegato per l istruttoria. Si distinguono due approcci di valutazione dell affidabilità creditizia: il credit scoring e il metodo judgmental. Credit scoring. Si tratta di una procedura che consente di valutare le richieste di credito in base a una serie di analisi statistiche: il processo di valutazione e accettazione prevede l elaborazione di una serie di dati 3 relativi al cliente ai quali viene assegnato un punteggio determinato in base ai criteri di selezione dell ente finanziatore e al livello di rischio che quest ultimo intende assumersi; l insieme dei punteggi dà origine a un indicatore sintetico (credit score) con cui è possibile valutare l affidabilità creditizia e quindi la possibilità di concedere o meno un prestito. In realtà, in alcuni casi interviene anche la valutazione dell analista esperto, che integra il risultato della valutazione della procedura con dei controlli supplementari o con domande aggiuntive ai richiedenti. I modelli di credit scoring presentano delle connotazioni positive e dei limiti. Per quanto riguarda i punti di forza, le metodologie di scoring: permettono di avere una standardizzazione delle delibere di erogazione del credito; si hanno quindi decisioni più oggettive e razionali in quanto espressione di procedimenti quantitativi basati sui dati e non su considerazioni personali; 3 I dati analizzati dalla procedura sono i seguenti: 1. dati personali del cliente (anagrafici, reddito, professione, etc.), elaborati con tecniche statistiche che considerano le precedenti esperienze dell istituto con diverse tipologie di consumatori. Lo scopo di questa valutazione è quello di cercare di prevedere il comportamento futuro del consumatore nel ripagare un eventuale debito; 2. dati ricavati da banche dati con le quali la procedura è collegata in automatico: protesti, fallimenti, controlli delle utenze, etc.; 3. dati relativi al comportamento creditizio del richiedente ricavati da alcune Centrali Rischi che registrano, per tutto il sistema bancario e finanziario, i debiti pregressi e in corso dei nominativi censiti. 45

12 CARTESIO possono essere utilizzate anche per il monitoraggio dell intero portafoglio prestiti (o almeno del segmento per cui sono stati costruiti) con cadenze ravvicinate, permettendo di intraprendere azioni correttive per il recupero del credito o per ristabilire un adeguato rapporto con la clientela. Di contro, i modelli di credit scoring: presentano una possibilità di deterioramento nel tempo: la capacità previsiva dei modelli si basa sulla stabilità delle relazioni tra le variabili dipendenti e l evento insolvenza ; di conseguenza, cambiamenti strutturali e modifiche nei criteri decisionali delle banche ne possono influenzare la stabilità temporale; se poco accurati possono risultare eccessivamente onerosi in termini di perdite non evitate o di buoni clienti persi. Approccio judgmental. L approvazione del prestito avviene sulla base del giudizio personale di analisti che deliberano di erogare o meno il credito tenendo conto delle politiche di rischio seguite dalla banca/finanziaria di appartenenza. Tale metodologia è molto rapida rispetto al credit scoring, in quanto bastano pochi elementi per arrivare a un giudizio complessivo e ciò rende più tempestiva l erogazione del credito. Di contro, il metodo judgmental presenta una scarsa utilità a fini previsionali, in quanto la valutazione dell affidabilità di un cliente deriva da valutazioni soggettive dell analista e, pertanto, non generalizzabili. Inoltre, implica anche un grado di rischio più elevato per la banca/finanziaria, vista l alta probabilità di sbagliare la valutazione di affidabilità dei richiedenti. In sintesi, da una parte il credit scoring permette di valutare coloro che richiedono il credito in maniera oggettiva ma rallenta il processo di erogazione dei crediti, dall altra l approccio judgmental rende l erogazione quasi immediata ma risulta poco attendibile e altamente rischioso. Sarebbe di fondamentale importanza, invece, utilizzare per l istruttoria metodi che risultino al tempo stesso semplici, veloci e attendibili e che siano capaci di valutare la solvibilità e affidabilità dei clienti, valorizzando le informazioni grezze a disposizione sui potenziali affidati. In effetti le metodologie utilizzate in tale campo sono in continua evoluzione e accanto ai modelli tradizionali basati su variabili quantitative e/o qualitative trovano spazio anche metodi alternativi quali, ad esempio, l analisi della tensione 46

13 Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo emotiva della voce come strumento di fraud detection. Si tratta di metodi già utilizzati negli Stati Uniti e in Gran Bretagna 4, basati sull analisi di impercettibili cambiamenti nella voce umana che permettono di riconoscere la veridicità delle affermazioni e quindi anche l eventuale intenzione dei richiedenti crediti di mentire sulla propria solvibilità. Conclusioni Il mercato del credito al consumo in Italia presenta ancora un alto potenziale di crescita: basti pensare che ad oggi la Spagna, il Paese europeo più simile all Italia per caratteristiche socioeconomiche, registra un rapporto tra credito al consumo e PIL maggiore rispetto a quello italiano di oltre il 60% (7,4% vs. 4,5%). Gli operatori possono cogliere queste opportunità di crescita e competere con successo in tale mercato intervenendo principalmente su: processi di gestione del cliente, al fine di migliorare la capacità di caratterizzare e classificare la clientela e orientare conseguentemente priorità aziendali e strategie di offerta e comunicazione; rete commerciale, al fine di interagire con i clienti in modo efficace ed efficiente, applicando specifiche strategie relazionali in base al valore, al potenziale e al grado di fidelizzazione della clientela; strumenti di gestione del rischio, al fine di conciliare da una parte la necessità degli operatori di minimizzare la rischiosità dei prestiti e dall altra l esigenza dei clienti di una maggiore semplicità e rapidità di accesso al credito al consumo. 4 In Gran Bretagna un numero crescente di compagnie assicurative usa tale tecnologia per analizzare le domande d indennizzo effettuate telefonicamente. Tali compagnie hanno respinto circa il 25% delle domande in un anno. 47

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

RISPOSTA AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA BANCA D ITALIA LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. RIFLESSI SULLE SEGNALAZIONI DI CENTRALE DEI RISCHI E DI VIGILANZA

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli