Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione e misurazione del rischio di credito in una società di ingegneria e costruzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione e misurazione del rischio di credito in una società di ingegneria e costruzioni"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO - CINEAS Tesi finale del corso avanzato in Corporate Financial Risk Management Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione e misurazione del rischio di credito in una società di ingegneria e costruzioni Relatore: Dott. Giordano Villa Candidata: Ing. Marika Battarola Anno Accademico

2 Ringrazio i miei colleghi di lavoro per il tempo che mi hanno dedicato durante le fasi di analisi; in particolare ringrazio il dott. Pelizza e l ing. Mino per la disponibilità che mi hanno sempre dimostrato. Ringrazio inoltre il dott. Villa per le preziose indicazioni. Ringrazio infine gli ing. Claudio e Giorgio Trombini per il loro supporto e per aver dedicato parte del loro tempo a leggere il presente elaborato.

3 INDICE CAPITOLO 1 1. Introduzione: scopo del lavoro 1 CAPITOLO 2 2. Il rischio di credito e la sua misurazione: alcuni cenni teorici 2 CAPITOLO 3 3. Identificazione del rischio di credito a cui il main contractor è 9 esposto 3.1 Descrizione dell attività principale del Gruppo Descrizione delle diverse tipologie degli stakeholder e dei principali aspetti contrattuali CAPITOLO 4 4. Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione 14 e misurazione del rischio di default per il main contractor 4.1 Valutazione dell esposizione con le singole controparti per 15 ciascuna delle operazioni in essere con le stesse Vendor Clienti Partner Individuazione delle informazioni necessarie (fattori di 23 rischio) al fine della valutazione del rischio di default 4.3 Definizione del modello di rating interno Definizione di un modello di scoring e stima della PD Loss Given Default Campionamento CAPITOLO 5 5. Indicazioni per la definizione di una policy per la gestione del rischio di default 39 CONCLUSIONI 44 BIBLIOGRAFIA 45

4 1. Introduzione: scopo del lavoro Obiettivo dell analisi è quello di definire un framework per la misurazione del rischio di credito (ovvero rischio di default) associato alle controparti individuate (clienti, partner e vendor), per ciascuna delle operazioni in essere con le stesse, in una società di ingegneria e costruzioni (main contractor). Data la scarsità di letteratura sull argomento, si considererà quanto viene applicato per gli intermediari finanziari, adattandolo alla realtà analizzata. I risultati del presente studio potranno essere utilizzati successivamente per la misurazione del rischio a livello di portafoglio relativo a ciascuna delle tre tipologie di controparti. Una tale analisi potrà essere utile al fine di: determinare il costo che la società potrebbe sostenere per ciascuna operazione in caso di default della controparte; redigere una policy aziendale che definisca i livelli di rischio che la società vuole assumere e i limiti all esposizione definendo gli step autorizzativi; stabilire, nel caso dei clienti, il prezzo adeguato da formulare nell offerta per compensare il livello di rischio che la società ha deciso di assumere; definire gli strumenti appropriati per mitigare il rischio (inserimento di specifici termini e condizioni contrattuali, individuazione di opportune garanzie, assicurazioni, etc.). Pagina 1

5 2. Il rischio di credito e la sua misurazione: alcuni cenni teorici La teoria relativa alla gestione dei rischi finanziari è stata sviluppata prevalentemente per il settore bancario ed assicurativo; successivamente anche per il settore industriale delle commodities (ad es. energia). In particolare la gestione del rischio di credito nelle società che operano su commessa, non ha una precisa teoria di riferimento; la letteratura disponibile inoltre è piuttosto scarsa e focalizzata solo su alcuni aspetti I relativi, principalmente, alle fasi precedenti all'esecuzione del progetto II (ovvero commessa): variabilità delle stime; incertezza relativa alle basi delle stime; incertezza relativa ai disegni ed alla logistica; incertezza relativa agli obiettivi e priorità; incertezza relativa ai rapporti fondamentali tra le controparti (definizione delle responsabilità, percezione dei ruoli e delle responsabilità, comunicazione attraverso interfacce, capacità specifiche, condizioni contrattuali e loro conseguenze, meccanismi di coordinamento e controllo, etc.). Per tale motivo, nel presente studio verrà presa come riferimento la letteratura che si riferisce agli istituti di credito. Il rischio di credito è definito come il rischio di perdita economica causato dall inadempimento di una controparte dei suoi obblighi contrattuali durante la I Project risk Management Processes, Techniques and Insights second edition - C. Chapman e S. Ward. II Benchè presenti in tutte le fasi, i rischi sono prevalentemente concentrati in quelle precedenti all'esecuzione del progetto. Pagina 2

6 vita dell operazione in essere con la stessa III. Negli ultimi anni la misurazione del rischio di credito ha avuto importanti sviluppi, portando la sua valutazione dal livello di singola controparte a quello di portafoglio. Per poter stimare il rischio di un portafoglio, è necessario determinare la distribuzione della probabilità di default, loss given default ed esposizione creditizia. Il default è uno stato discreto della controparte: un soggetto infatti può essere in default oppure no. Tale evento accade con una certa probabilità, definita Probabilità di Default. La PD (Probability of Default) misura quindi la probabilità che si verifichi l inadempienza del debitore all interno di un determinato orizzonte temporale. Il Loss Given Default Rate (LGDR) è il tasso di perdita che un soggetto subisce su una certa esposizione creditizia nel momento in cui il debitore diviene insolvente IV. L esposizione creditizia (Exposure At Default) è il valore economico dell esposizione nei confronti di una specifica controparte al momento del default. Le componenti del rischio di credito sono essenzialmente tre: l accadimento del default, il tasso di recupero ed il rischio di mercato. Nel seguente studio limiteremo l analisi dei primi due elementi sopra elencati. La trattazione, inoltre, riguarderà solo le perdite attese che rappresentano il valore medio della distribuzione delle perdite. Considerando il rischio di credito dovuto al solo default (default mode), la distribuzione delle perdite (Credit Loss o Expected Loss) dovute ad un portafoglio costituito da N posizioni è descritta dalla seguente equazione: Dove: b i è la variabile casuale di Bernoulli che assume il valore 1 se avviene il default con probabilità PD i tale per cui E[b i ] = PD i III Financial Risk Manager Handbook P. Jorion. IV Rischio e valore nelle banche. Risk management e capital allocation A. Sironi, A. Resti. Pagina 3

7 RR i è il recovery rate ossia tasso di recupero 1-RR i = LGDR i Assumendo come unica variabile casuale il solo default, il valore atteso della Credit Loss sarà pari a: Il default può essere misurato utilizzando due approcci: a) metodo attuariale, applicato nel presente studio, che fornisce misure oggettive della frequenza di default, generalmente basate sull analisi dei dati storici; b) metodi basati sui prezzi di mercato. Le misure attuariali della probabilità di default sono in genere fornite dalle agenzie di rating (che classificano i creditori sulla base di rating rappresentanti il rischio di default) oppure determinate dalle società stesse utilizzando modelli interni. Il sistema di rating interno può essere definito come: l insieme di metodi, procedimenti, controlli, dati e sistemi informativi che fungono da supporto alla valutazione del rischio di credito, all attribuzione dei gradi interni di merito e alla stima quantitativa delle inadempienze e delle perdite V. Per grado di merito si intende una valutazione del rischio di controparte effettuata in base a un insieme ben definito di criteri, dai quali è derivata la stima di PD. Utilizzando tecniche statistiche, i modelli di rating (come ad esempio di modelli di credit scoring) assegnano un punteggio alla controparte o ne stimano direttamente PD, EAD e LGD. Tali modelli generalmente collegano l evento del default/non default e la relativa probabilità ad un elenco di caratteristiche della V Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali Nuovo schema di regolamentazione - Comitato di Basilea - giugno Pagina 4

8 controparte: le principali sono generalmente rappresentate dai dati economici/finanziari ricavati dai bilanci delle società. Nel processo per la determinazione della probabilità di default non vanno tuttavia trascurate alcune misure qualitative VI, quali VII : fattori di mercato (ad es. cambiamenti nella domanda, nuovi regolamenti, regime di tassazione, etc.); indicatori economici quali il GDP, CPI, etc.; stadio del ciclo di vita; variabili produttive specifiche della controparte (quali la presenza di diverse linee produttive, etc.); posizionamento all interno del mercato, etc.. A differenza dei parametri economici/finanziari, tali fattori presentano una caratteristica importante: sono forward-looking ovvero danno un indicazione delle prospettive economiche della controparte oggetto di analisi. In aggiunta alle informazioni di cui sopra se ne possono considerare alcune interne, comportamentali, che svolgono una funzione di warning signs VIII al fine di supportare la decisione creditizia e la definizione dei termini e condizioni dell operazione. Il tasso di perdita in caso di insolvenza, LGDR, è pari a uno meno il tasso di recupero, o recovery rate (RR IX ), e può variare da 0 a 1 (100%). Il LGDR (e quindi il RR), diviene noto con certezza solo una volta che l intero processo di recupero del credito sia stato completato; esso può dipendere da diversi fattori: caratteristiche tecniche del finanziamento, quali ad es.: VI Da alcune interviste condotte presso alcuni professionisti del settore bancario è emerso che gli elementi qualitativi, che comportano un giudizio da parte del risk officer, spiegano il 30% - 50% del modello di scoring - Corporate Financial Distress and Bankruptcy Predict and avoid bankruptcy, analyze and invest in distressed debt E.I.Altman. VII Credit Risk Management how to avoid lending disasters and maxime earnings J. Colquitt. VIII Ibidem. IX Rappresenta la quota parte di perdita economica attesa che si riesce a recuperare dopo il default. Pagina 5

9 o presenza di garanzie sottoscritte a protezione di eventuali perdite attese o garanzie rilasciate da terze parti che si impegnano a corrispondere l intero ammontare dovuto in luogo della controparte in default; o stato o priorità del creditore: crediti con priorità inferiore avranno un LGDR superiore; o il tipo di contenzioso previsto per il recupero; caratteristiche del soggetto finanziato, tra le quali: o il settore produttivo di appartenenza, che generalmente incide sul grado di liquidità delle attività dell impresa; o specificità nel sistema legale di un determinato paese; da questo può infatti dipendere il grado di rapidità e di efficacia di una procedura giudiziale di recupero; stato del ciclo economico: il LGDR è generalmente superiore durante i periodi di recessione; l'organizzazione dei processi di recupero. Il LGDR può essere stimato secondo due diverse modalità: sulla base dei dati storici medi relativi alle perdite dovute al default della controparte e relativi tassi medi di recupero (metodo che verrà utilizzato nel modello qui presentato). Le stime dovranno essere ricavate dalle insolvenze che sono effettivamente giunte al termine del contenzioso, per le quali dunque sono disponibili tutte le informazioni necessarie; utilizzando i dati ricavabili dal mercato dei corporate bonds o dei prestiti sindacati in funzione del grado di seniority X e di security XI del finanziamento. X Stato o priorità del creditore. Pagina 6

10 Per poter stimare il tasso di recupero devono essere considerati alcuni fattori importanti: 1. il costo finanziario connesso al tempo di recupero. Devono quindi essere considerati sia il valore attuale dei flussi di risorse provenienti dalle diverse fasi di recupero fino alla chiusura del contenzioso sia la durata del contenzioso stesso e quindi il tempo di recupero; 2. i costi di natura amministrativa per la procedura di recupero (ad es. costi del personale interno, costi di natura legale, etc.); 3. la percentuale recuperata. In generale il LGDR può essere rappresentato mediante la seguente equazione: Dove: ER (Expected Recovery) rappresenta l importo che si stima possa essere recuperato in funzione anche delle garanzie ad esso associate; AC (Administrative Costs) rappresenta i costi amministrativi interni (personale, operativi, etc.) ed esterni (legali, etc.) connessi alla procedura di recupero; EAD (Exposure At Default) rappresenta l esposizione attesa al momento dell insolvenza; i rappresenta il tasso di interesse a cui scontare i flussi di recupero attesi; t rappresenta il tempo (espresso in anno o frazioni d anno) stimato per il recupero (durata del contenzioso). XI Grado di liquidità ed efficacia delle garanzie. Pagina 7

11 L espressione di cui sopra si fonda sull ipotesi che i costi amministrativi e l importo recuperato siano entrambi sostenuti e incassati nel medesimo momento, a distanza t dal momento della valutazione, in caso contrario l espressione sarebbe pari a: Il tasso di perdita, in caso di insolvenza, generalmente non è un dato certo in quanto ER, t ed i non sono noti; tali variabili aleatorie rappresentano pertanto la fonte del rischio di recupero. Infine si evidenzia che nel presente studio la probabilità di insolvenza delle controparti e i tassi di recupero in caso di insolvenza saranno trattate come due variabili indipendenti. Tuttavia è noto che, nel corso degli ultimi anni, numerosi economisti hanno analizzato empiricamente la relazione fra queste due variabili e sono giunti a concludere a favore di una correlazione negativa dovuta a vari elementi quali ad es. effetti a catena (se il tasso di insolvenza aumenta per effetto di una fase economica recessiva e parte delle attività delle imprese insolventi è rappresentata dai crediti nei confronti di altre imprese, è verosimile che anche il tasso di recupero medio diminuisca), periodo di recessione del ciclo economico (è infatti verosimile che i tassi di insolvenza aumentino e al contempo che i valori di alcune attività, utilizzate quali garanzie di crediti, subiscano una diminuzione di valore portando ad una riduzione dei tassi di recupero), etc.. Pagina 8

12 3. Identificazione del rischio a cui il main contractor è esposto 3.1 Descrizione dell attività principale del Gruppo Maire Tecnimont S.p.A. è la holding di un gruppo internazionale di Engineering & Construction, con esperienza nel Project Management Consulting (PMC) e nell Engineering, Procurement and Construction (EPC) di progetti in quattro settori di riferimento: Chimico e Petrolchimico, Oil & Gas, Energia, Infrastrutture e Ingegneria Civile. Il Gruppo realizza oltre il 90% dei suoi ricavi all estero, dove è presente in tutti e quattro i settori; in Italia invece opera nei settori Infrastrutture e Ingegneria Civile ed in misura minore, nell Energia. Il 41% dei ricavi di Gruppo è prodotto in Medio Oriente principalmente dalla Business Unit Chimico e Petrolchimico, mentre il 30% nell area dell America Latina XII. I principali committenti del Gruppo sono grandi società, molte parastatali o statali, in generale di dimensioni significative; pertanto il portafoglio clienti è costituito da un numero limitato di società. Il Gruppo opera principalmente attraverso una sua controllata, Tecnimont S.p.A. XIII, main contractor, responsabile della realizzazione della maggior parte dei progetti. L esecuzione di un progetto prevede alcuni fasi preliminari quali: Bid-no Bid. Prima di aderire ad una gara, uno specifico comitato valuta le diverse proposte ed autorizza l eventuale partecipazione. Elaborazione dell offerta. Durante la fase di offerta, che varia generalmente tra i 3 ed i 12 mesi, viene concordata con il cliente una XII Relazione sulla gestione XIII Di seguito TCM. Pagina 9

13 Vendor List (che comprende sia fornitori di materiali sia subcontractor XIV ) che entrerà a far parte della documentazione contrattuale. Definizione della Vendor List. La Vendor List è generalmente composta da vendor sia imposti dal cliente ( mandatory ) sia individuati dal main contractor. Tale elenco viene concordato anche con l area approvvigionamenti, responsabile della definizione del costo delle forniture da inserire nell offerta. Durante questa fase viene inoltre delineata la strategia di Construction. Per quanto riguarda i subcontractor, l area subcontract, di concerto con l area construction, specifica quelli di interesse. In generale le modalità per l individuazione dei vendor sono due: scouting del mercato e/o analisi della Vendor List Generale presente nel sistema ERP del main contractor. Durante la fase di offerta, attraverso la compilazione del Registro dei Rischi, viene condotta l analisi dei rischi legati al progetto che comprende, tra l altro, la valutazione di: Fulfillment of Partner obligations due to his financial default ; Fulfillment of Supplier/Subcontractor obligations due to his financial default ; Client financial default. A seguito della misurazione di tutti i rischi di progetto, vengono definite le strategie per la gestione degli stessi e viene proposto l importo per la loro copertura. Quest ultimo contribuirà alla definizione del prezzo da inserire in offerta. XIV I subcontractor forniscono servizi (ad es. lavori di costruzione o di ingegneria). Pagina 10

14 3.2 Descrizione delle diverse tipologie degli stakeholder e dei principali aspetti contrattuali Come definito nel capitolo 1, oggetto del presente studio è la definizione di un framework per la misurazione del rischio di default associato alle controparti individuate, per ciascuna delle operazioni in essere con le stesse, in una società di ingegneria e costruzioni. La definizione del rischio di credito e le trattazioni teoriche relative sono state quindi analizzate ed applicate ad un caso più ampio: il default di una controparte verso la quale è possibile avere un esposizione sia creditoria, sia debitoria. I soggetti per i quali verrà valutato tale rischio, infatti, non sono solo i clienti ma anche partner e, principalmente, i vendor XV. In generale una controparte viene considerata in default se, non ottemperando ai propri obblighi contrattuali, provoca una perdita economica alla società (in questo caso il main contractor). Durante le analisi con i responsabili delle aree approvvigionamenti, commerciale e finanza", è emerso che a causa di problemi finanziari o default delle controparti, il ritardo prolungato nelle consegne di materiali ed esecuzione dei lavori di costruzione, da parte dei vendor, nell ottemperanza degli obblighi contrattuali, da parte dei partner, o nei pagamenti, da parte dei clienti, può generare dei costi non attesi per la società. Infatti la capacità del main contractor di adempiere alle proprie obbligazioni nei confronti del committente (il cliente) è influenzata anche dal corretto adempimento delle obbligazioni contrattuali da parte dei subcontractor, fornitori di materiali e partner. Laddove le suddette controparti fossero inadempienti nei confronti del main contractor, anche se solo parzialmente, fornendogli prodotti e/o servizi in tempi diversi da quelli pattuiti, quest ultimo potrebbe a sua volta risultare inottemperante nei confronti del committente. In tali circostanze il main contractor potrebbe essere destinatario di richieste risarcitorie ( Liquidated XV Nel presente studio sono stati trascurati alcuni stakeholder quali: i licensor in quanto spesso i contratti con gli stessi vengono stipulati direttamente dal cliente e quindi sono a monte dei contratti EPC e le banche/compagnie assicurative per le quali l analisi verrà rimandata ad una seconda fase del progetto. Pagina 11

15 Damages ) da parte del committente, fermo restando il proprio diritto di rivalsa nei confronti delle controparti inadempienti. Pertanto il default di un partner o vendor potrebbe causare un ritardo sul progetto che avrebbe, come conseguenza diretta sul main contractor, una perdita economica XVI. Nei contratti con i partner ciascun soggetto è generalmente responsabile in via solidale verso il committente per la progettazione e la realizzazione dell intera opera. Nel caso dovesse essere causato un danno al cliente da parte di un operatore associato, il main contractor potrebbe essere chiamato a sostituirsi al soggetto in default e a risarcire integralmente il danno arrecato, fermo restando il diritto di rivalsa nei confronti dell impresa associata inadempiente. Per quanto riguarda i vendor, è necessario innanzitutto identificare quelli il cui ritardo risulterebbe particolarmente critico. Nel caso di fornitori di materiali, i più problematici risultano essere quelli relativi ai long-lead item XVII, ossia forniture con tempi di consegna molto lunghi, che generalmente hanno un costo significativo. Nel caso invece di subcontractor, le imprese di costruzioni sono meno sostituibili rispetto a quelle di servizi (quali ad es. le società di ingegneria); le prime risultano quindi le più critiche. Date queste considerazioni, il presente studio considererà solo questi vendor, lasciando ad una successiva fase, la possibilità di integrare nel modello gli altri fornitori di materiali e subcontracor. I contratti stipulati con i vendor stabiliscono, all interno delle clausole standard, le regole per l applicazione dei liquidated damages, ossia le penali che in parte risarciscono il main contractor per eventuali ritardi nella consegna materiali o esecuzione lavori, il cui ammontare è specificato nei Purchase Order XVIII. Dalle interviste effettuate e dall analisi documentale è stato stabilito che il periodo massimo oltre al quale un eventuale ritardo (nella consegna dei materiali, esecuzione delle prestazioni o nei pagamenti) comporta al main contractor XVI Si veda il capitolo 4 per la definizione dell EAD e per l analisi di tutti i fattori che concorrono a tale perdita economica. XVII Di seguito LLI. XVIII Generalmente l ammontare delle penali è una percentuale del valore del contratto stipulato con il vendor e prevede un tetto massimo. Pagina 12

16 criticità elevate dal punto di vista finanziario, causando allo stesso perdite economiche, è il trimestre. Pertanto una controparte verrà considerata in default se il ritardo maturato è superiore al trimestre. Infatti per quanto riguarda i clienti, la suspension clause per contratti standard, applicata dal main contractor, diventa effettiva se il ritardo nei pagamenti supera i 75 giorni dalla data invio fattura, mentre la termination clause viene applicata per un ritardo superiore a 120 giorni dalla data fattura. E stato quindi considerato il trimestre quale periodo di riferimento per la determinazione del ritardo critico. Tale intervallo risulta inoltre problematico anche per i partner e vendor. In quest ultimo caso, se il ritardo risultasse inferiore al trimestre, il main contractor potrebbe recuperarlo grazie a dei margini ( float ) che, da programma di commessa, sono generalmente presenti. Oltre alla definizione di cui sopra, si considererà inadempiente una controparte che, a giudizio del main contractor, non riuscirà ad ottemperare in toto alle sue obbligazioni. Tra le cause del mancato adempimento si considererà lo stato di fallimento o altre situazioni assimilabili XIX tali da impedire, alla controparte, l assolvimento delle proprie obbligazioni contrattuali. XIX Si veda il capitolo 4. Pagina 13

17 4. Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione e misurazione del rischio di default per il main contractor Come già indicato nel capitolo 2, il presente studio riguarderà esclusivamente la misurazione delle perdite attese per ciascuna controparte; l analisi di quelle inattese XX verrà rimandata ad una seconda fase del progetto. La Credit Loss XXI (CL) o Expected Loss (EL), relativa a ciascuna controparte, è quindi rappresentata dalla seguente equazione: Per poter determinare un framework per la valutazione e misurazione del rischio e quindi definire le grandezze di cui sopra, è necessario innanzitutto stabilire le tempistiche dell analisi. L'entità del rischio per un progetto EPC è rilevante e la maggior parte delle attività di gestione dello stesso riguardano il governo delle incertezze sin dalle prime fasi del suo ciclo di vita XXII. Attualmente nel Gruppo, attraverso la controllata TCM, viene condotta un analisi del rischio di ciascuna commessa a partire dalla fase di offerta XXIII. La procedura in essere stabilisce inoltre che il riesame dei rischi dovrà essere effettuato indicativamente ogni 3-4 mesi. Dalle interviste condotte con i responsabili delle aree approvvigionamenti, commerciale e finanza è stato stabilito che la prima misurazione del rischio dovrà essere effettuata (per tutte le controparti) prima della stipula del contratto con il cliente (contratto principale); la stessa verrà reiterata trimestralmente. XX Le perdite inattese rappresentano la possibilità che si verifichino eventi che, seppure stimabili, risultano inattesi. Essa è definita come: la variabilità del valore della perdita attesa a un prefissato livello di confidenza. XXI Si veda il capitolo 2. XXII Ibidem. XXIII Si veda il capitolo 3. Pagina 14

18 La definizione di un processo strutturato per la misurazione del rischio di default, dovrà prevedere le seguenti attività: valutazione dell esposizione con le singole controparti per ciascuna delle operazioni in essere con le stesse; individuazione delle informazioni necessarie (fattori di rischio) al fine della valutazione del rischio di default; definizione del modello di rating interno. 4.1 Valutazione dell esposizione con le singole controparti per ciascuna delle operazioni in essere con le stesse Come discusso nel capitolo 3, l Expected Loss verrà stimata per ogni transazione in essere con ciascuna delle tre controparti individuate (suddividendo i vendor in subcontractor e fornitori di materiali). Nel portafoglio vendor possono essere presenti più contratti con lo stesso vendor per differenti progetti; analogamente in quello clienti possono essere presenti più accordi con lo stesso cliente. Il portafoglio relativo ai vendor sarà pertanto costituito dall insieme di tutte le EL per tutti i contratti stipulati con ciascuno di essi; la stessa considerazione vale per i partner e clienti. Nel presente studio la EAD è rappresenta principalmente dal valore dei diversi elementi (ad es. materiali acquistati, penali, etc.) che costituiscono i contratti stipulati con la controparte e dalla valutazione di alcune componenti aggiuntive di costo. A differenza quindi degli istituti di credito, nella realtà analizzata non esistono operazioni predefinite quali ammontari accordati sulle linee di credito e non ancora utilizzati o strumenti per i quali l esposizione non è conosciuta con certezza ma può variare nel tempo (tipicamente gli strumenti derivati). La stima della EAD verrà pertanto considerata deterministica e quindi quantificabile. Pagina 15

19 Definiamo di seguito le EAD relative a ciascuna delle controparti oggetto di analisi Vendor L esposizione nei confronti dei sub contractor è definita dalla seguente formula: Dove: a) Costi aggiuntivi dovuti al change order. Sono i costi sostenuti direttamente dal main contractor per scorpori totali o parziali del lavoro (ossia i costi aggiuntivi che il nuovo vendor selezionato, in sostituzione di quello in default, addebiterà al main contractor), costi dovuti all incremento del personale da parte del subcontractor al fine di recuperare il ritardo oppure importi che la società potrebbe prestare al vendor (finanziamento) perché porti a termine il lavoro. b) Costi aggiuntivi interni. Sono costi interni sostenuti dal main contractor per la selezione di un nuovo subcontractor, oppure costi aggiuntivi del personale interno per la supervisione dei lavori. c) Penali cliente. Tale voce rappresenta l importo totale della penale pagata dal main contractor al cliente per ritardo del progetto causato dal default del subcontractor stesso. I costi aggiuntivi dovuti al change order e costi aggiuntivi interni hanno un peso differente in funzione della fase della commessa in cui si trovano i lavori di costruzione (l avanzamento temporale progressivo dei lavori di appalto è una Pagina 16

20 curva ad S) XXIV. Nella prima parte della curva (fase iniziale), infatti, il loro valore è inferiore in quanto in caso di default della controparte, il main contractor deve stipulare un contratto ex-novo con un altro subcontractor. Si consegue pertanto lo scorporo totale del subcontractor e si hanno dei costi aggiuntivi interni contenuti. Nella parte centrale (fase intermedia), in cui la curva cambia la pendenza in maniera accentuata, sono invece concentrate le fasi più critiche; si hanno pertanto elevati costi aggiuntivi dovuti al change order (con scorporo parziale del subcontractor) ed un aumento dei costi interni. Nella parte finale (fase terminale) della curva si registrano invece costi aggiuntivi dovuti al change order e costi interni meno significativi. A tal proposito il resp. Subcontracts ha ipotizzato di definire 3 scenari secondo la seguente metodologia: Dove NGG = numero giorni effettivamente lavorati dal subcontractor; DL= durata lavori per il subcontractor. F 1 = Fase iniziale, se F 1 < 20%, F 2 = Fase intermedia, se 20% < F 1 < 80%, F 3 = Fase terminale, se F 3 > 80%, XXIV Si veda la figura n. 1 Curva S. Pagina 17

21 Early Period Late Period Actual Period Early Cumulated Late Cumulated Actual Cumulated Figura n.1 Curva S Pagina 18

22 L esposizione nei confronti dei fornitori di materiali è definita dalla seguente formula: Dove: a) Costi aggiuntivi dovuti al change order. Sono i costi sostenuti dal main contractor per finanziare il vendor perché porti a termine la fornitura o costi aggiuntivi che il nuovo vendor selezionato in sostituzione di quello in default, farà pagare al main contractor. b) Costi aggiuntivi interni. Sono i costi aggiuntivi per la selezione di nuovo vendor. c) Costi diretti. Sono i pagamenti già effettuati al vendor in default che la società non riesce a recuperare. La stima di tale termine viene effettuata nell ipotesi peggiore, ossia nel caso in cui il fornitore vada in default dopo l emissione dell ultima fattura e che la società non riesca a portare a completamento il materiale e lo debba ricomprare ex-novo da altro fornitore. d) Penali cliente. Sono le penali che il cliente applica; esse sono funzione di un certo periodo di ritardo (settimane/mesi) stabilito contrattualmente. In base alla fase del ciclo produttivo in cui si trova il fornitore in default, si dovrà stimare il conseguente ritardo della commessa. L impatto, sul progetto, del default di un fornitore è infatti funzione della fase del ciclo produttivo in cui si trova quest ultimo. Il programma di una fornitura è inserito nel più ampio programma della commessa. Se il fornitore va in default all inizio del suo ciclo produttivo, è molto probabile che la commessa non vada in Pagina 19

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Board of the International Organization of Securities Commissions Requisiti di margine per i derivati non compensati centralmente Settembre 2013 Il presente

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali Nuovo schema di regolamentazione Versione integrale Comprendente

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli