Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione e misurazione del rischio di credito in una società di ingegneria e costruzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione e misurazione del rischio di credito in una società di ingegneria e costruzioni"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO - CINEAS Tesi finale del corso avanzato in Corporate Financial Risk Management Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione e misurazione del rischio di credito in una società di ingegneria e costruzioni Relatore: Dott. Giordano Villa Candidata: Ing. Marika Battarola Anno Accademico

2 Ringrazio i miei colleghi di lavoro per il tempo che mi hanno dedicato durante le fasi di analisi; in particolare ringrazio il dott. Pelizza e l ing. Mino per la disponibilità che mi hanno sempre dimostrato. Ringrazio inoltre il dott. Villa per le preziose indicazioni. Ringrazio infine gli ing. Claudio e Giorgio Trombini per il loro supporto e per aver dedicato parte del loro tempo a leggere il presente elaborato.

3 INDICE CAPITOLO 1 1. Introduzione: scopo del lavoro 1 CAPITOLO 2 2. Il rischio di credito e la sua misurazione: alcuni cenni teorici 2 CAPITOLO 3 3. Identificazione del rischio di credito a cui il main contractor è 9 esposto 3.1 Descrizione dell attività principale del Gruppo Descrizione delle diverse tipologie degli stakeholder e dei principali aspetti contrattuali CAPITOLO 4 4. Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione 14 e misurazione del rischio di default per il main contractor 4.1 Valutazione dell esposizione con le singole controparti per 15 ciascuna delle operazioni in essere con le stesse Vendor Clienti Partner Individuazione delle informazioni necessarie (fattori di 23 rischio) al fine della valutazione del rischio di default 4.3 Definizione del modello di rating interno Definizione di un modello di scoring e stima della PD Loss Given Default Campionamento CAPITOLO 5 5. Indicazioni per la definizione di una policy per la gestione del rischio di default 39 CONCLUSIONI 44 BIBLIOGRAFIA 45

4 1. Introduzione: scopo del lavoro Obiettivo dell analisi è quello di definire un framework per la misurazione del rischio di credito (ovvero rischio di default) associato alle controparti individuate (clienti, partner e vendor), per ciascuna delle operazioni in essere con le stesse, in una società di ingegneria e costruzioni (main contractor). Data la scarsità di letteratura sull argomento, si considererà quanto viene applicato per gli intermediari finanziari, adattandolo alla realtà analizzata. I risultati del presente studio potranno essere utilizzati successivamente per la misurazione del rischio a livello di portafoglio relativo a ciascuna delle tre tipologie di controparti. Una tale analisi potrà essere utile al fine di: determinare il costo che la società potrebbe sostenere per ciascuna operazione in caso di default della controparte; redigere una policy aziendale che definisca i livelli di rischio che la società vuole assumere e i limiti all esposizione definendo gli step autorizzativi; stabilire, nel caso dei clienti, il prezzo adeguato da formulare nell offerta per compensare il livello di rischio che la società ha deciso di assumere; definire gli strumenti appropriati per mitigare il rischio (inserimento di specifici termini e condizioni contrattuali, individuazione di opportune garanzie, assicurazioni, etc.). Pagina 1

5 2. Il rischio di credito e la sua misurazione: alcuni cenni teorici La teoria relativa alla gestione dei rischi finanziari è stata sviluppata prevalentemente per il settore bancario ed assicurativo; successivamente anche per il settore industriale delle commodities (ad es. energia). In particolare la gestione del rischio di credito nelle società che operano su commessa, non ha una precisa teoria di riferimento; la letteratura disponibile inoltre è piuttosto scarsa e focalizzata solo su alcuni aspetti I relativi, principalmente, alle fasi precedenti all'esecuzione del progetto II (ovvero commessa): variabilità delle stime; incertezza relativa alle basi delle stime; incertezza relativa ai disegni ed alla logistica; incertezza relativa agli obiettivi e priorità; incertezza relativa ai rapporti fondamentali tra le controparti (definizione delle responsabilità, percezione dei ruoli e delle responsabilità, comunicazione attraverso interfacce, capacità specifiche, condizioni contrattuali e loro conseguenze, meccanismi di coordinamento e controllo, etc.). Per tale motivo, nel presente studio verrà presa come riferimento la letteratura che si riferisce agli istituti di credito. Il rischio di credito è definito come il rischio di perdita economica causato dall inadempimento di una controparte dei suoi obblighi contrattuali durante la I Project risk Management Processes, Techniques and Insights second edition - C. Chapman e S. Ward. II Benchè presenti in tutte le fasi, i rischi sono prevalentemente concentrati in quelle precedenti all'esecuzione del progetto. Pagina 2

6 vita dell operazione in essere con la stessa III. Negli ultimi anni la misurazione del rischio di credito ha avuto importanti sviluppi, portando la sua valutazione dal livello di singola controparte a quello di portafoglio. Per poter stimare il rischio di un portafoglio, è necessario determinare la distribuzione della probabilità di default, loss given default ed esposizione creditizia. Il default è uno stato discreto della controparte: un soggetto infatti può essere in default oppure no. Tale evento accade con una certa probabilità, definita Probabilità di Default. La PD (Probability of Default) misura quindi la probabilità che si verifichi l inadempienza del debitore all interno di un determinato orizzonte temporale. Il Loss Given Default Rate (LGDR) è il tasso di perdita che un soggetto subisce su una certa esposizione creditizia nel momento in cui il debitore diviene insolvente IV. L esposizione creditizia (Exposure At Default) è il valore economico dell esposizione nei confronti di una specifica controparte al momento del default. Le componenti del rischio di credito sono essenzialmente tre: l accadimento del default, il tasso di recupero ed il rischio di mercato. Nel seguente studio limiteremo l analisi dei primi due elementi sopra elencati. La trattazione, inoltre, riguarderà solo le perdite attese che rappresentano il valore medio della distribuzione delle perdite. Considerando il rischio di credito dovuto al solo default (default mode), la distribuzione delle perdite (Credit Loss o Expected Loss) dovute ad un portafoglio costituito da N posizioni è descritta dalla seguente equazione: Dove: b i è la variabile casuale di Bernoulli che assume il valore 1 se avviene il default con probabilità PD i tale per cui E[b i ] = PD i III Financial Risk Manager Handbook P. Jorion. IV Rischio e valore nelle banche. Risk management e capital allocation A. Sironi, A. Resti. Pagina 3

7 RR i è il recovery rate ossia tasso di recupero 1-RR i = LGDR i Assumendo come unica variabile casuale il solo default, il valore atteso della Credit Loss sarà pari a: Il default può essere misurato utilizzando due approcci: a) metodo attuariale, applicato nel presente studio, che fornisce misure oggettive della frequenza di default, generalmente basate sull analisi dei dati storici; b) metodi basati sui prezzi di mercato. Le misure attuariali della probabilità di default sono in genere fornite dalle agenzie di rating (che classificano i creditori sulla base di rating rappresentanti il rischio di default) oppure determinate dalle società stesse utilizzando modelli interni. Il sistema di rating interno può essere definito come: l insieme di metodi, procedimenti, controlli, dati e sistemi informativi che fungono da supporto alla valutazione del rischio di credito, all attribuzione dei gradi interni di merito e alla stima quantitativa delle inadempienze e delle perdite V. Per grado di merito si intende una valutazione del rischio di controparte effettuata in base a un insieme ben definito di criteri, dai quali è derivata la stima di PD. Utilizzando tecniche statistiche, i modelli di rating (come ad esempio di modelli di credit scoring) assegnano un punteggio alla controparte o ne stimano direttamente PD, EAD e LGD. Tali modelli generalmente collegano l evento del default/non default e la relativa probabilità ad un elenco di caratteristiche della V Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali Nuovo schema di regolamentazione - Comitato di Basilea - giugno Pagina 4

8 controparte: le principali sono generalmente rappresentate dai dati economici/finanziari ricavati dai bilanci delle società. Nel processo per la determinazione della probabilità di default non vanno tuttavia trascurate alcune misure qualitative VI, quali VII : fattori di mercato (ad es. cambiamenti nella domanda, nuovi regolamenti, regime di tassazione, etc.); indicatori economici quali il GDP, CPI, etc.; stadio del ciclo di vita; variabili produttive specifiche della controparte (quali la presenza di diverse linee produttive, etc.); posizionamento all interno del mercato, etc.. A differenza dei parametri economici/finanziari, tali fattori presentano una caratteristica importante: sono forward-looking ovvero danno un indicazione delle prospettive economiche della controparte oggetto di analisi. In aggiunta alle informazioni di cui sopra se ne possono considerare alcune interne, comportamentali, che svolgono una funzione di warning signs VIII al fine di supportare la decisione creditizia e la definizione dei termini e condizioni dell operazione. Il tasso di perdita in caso di insolvenza, LGDR, è pari a uno meno il tasso di recupero, o recovery rate (RR IX ), e può variare da 0 a 1 (100%). Il LGDR (e quindi il RR), diviene noto con certezza solo una volta che l intero processo di recupero del credito sia stato completato; esso può dipendere da diversi fattori: caratteristiche tecniche del finanziamento, quali ad es.: VI Da alcune interviste condotte presso alcuni professionisti del settore bancario è emerso che gli elementi qualitativi, che comportano un giudizio da parte del risk officer, spiegano il 30% - 50% del modello di scoring - Corporate Financial Distress and Bankruptcy Predict and avoid bankruptcy, analyze and invest in distressed debt E.I.Altman. VII Credit Risk Management how to avoid lending disasters and maxime earnings J. Colquitt. VIII Ibidem. IX Rappresenta la quota parte di perdita economica attesa che si riesce a recuperare dopo il default. Pagina 5

9 o presenza di garanzie sottoscritte a protezione di eventuali perdite attese o garanzie rilasciate da terze parti che si impegnano a corrispondere l intero ammontare dovuto in luogo della controparte in default; o stato o priorità del creditore: crediti con priorità inferiore avranno un LGDR superiore; o il tipo di contenzioso previsto per il recupero; caratteristiche del soggetto finanziato, tra le quali: o il settore produttivo di appartenenza, che generalmente incide sul grado di liquidità delle attività dell impresa; o specificità nel sistema legale di un determinato paese; da questo può infatti dipendere il grado di rapidità e di efficacia di una procedura giudiziale di recupero; stato del ciclo economico: il LGDR è generalmente superiore durante i periodi di recessione; l'organizzazione dei processi di recupero. Il LGDR può essere stimato secondo due diverse modalità: sulla base dei dati storici medi relativi alle perdite dovute al default della controparte e relativi tassi medi di recupero (metodo che verrà utilizzato nel modello qui presentato). Le stime dovranno essere ricavate dalle insolvenze che sono effettivamente giunte al termine del contenzioso, per le quali dunque sono disponibili tutte le informazioni necessarie; utilizzando i dati ricavabili dal mercato dei corporate bonds o dei prestiti sindacati in funzione del grado di seniority X e di security XI del finanziamento. X Stato o priorità del creditore. Pagina 6

10 Per poter stimare il tasso di recupero devono essere considerati alcuni fattori importanti: 1. il costo finanziario connesso al tempo di recupero. Devono quindi essere considerati sia il valore attuale dei flussi di risorse provenienti dalle diverse fasi di recupero fino alla chiusura del contenzioso sia la durata del contenzioso stesso e quindi il tempo di recupero; 2. i costi di natura amministrativa per la procedura di recupero (ad es. costi del personale interno, costi di natura legale, etc.); 3. la percentuale recuperata. In generale il LGDR può essere rappresentato mediante la seguente equazione: Dove: ER (Expected Recovery) rappresenta l importo che si stima possa essere recuperato in funzione anche delle garanzie ad esso associate; AC (Administrative Costs) rappresenta i costi amministrativi interni (personale, operativi, etc.) ed esterni (legali, etc.) connessi alla procedura di recupero; EAD (Exposure At Default) rappresenta l esposizione attesa al momento dell insolvenza; i rappresenta il tasso di interesse a cui scontare i flussi di recupero attesi; t rappresenta il tempo (espresso in anno o frazioni d anno) stimato per il recupero (durata del contenzioso). XI Grado di liquidità ed efficacia delle garanzie. Pagina 7

11 L espressione di cui sopra si fonda sull ipotesi che i costi amministrativi e l importo recuperato siano entrambi sostenuti e incassati nel medesimo momento, a distanza t dal momento della valutazione, in caso contrario l espressione sarebbe pari a: Il tasso di perdita, in caso di insolvenza, generalmente non è un dato certo in quanto ER, t ed i non sono noti; tali variabili aleatorie rappresentano pertanto la fonte del rischio di recupero. Infine si evidenzia che nel presente studio la probabilità di insolvenza delle controparti e i tassi di recupero in caso di insolvenza saranno trattate come due variabili indipendenti. Tuttavia è noto che, nel corso degli ultimi anni, numerosi economisti hanno analizzato empiricamente la relazione fra queste due variabili e sono giunti a concludere a favore di una correlazione negativa dovuta a vari elementi quali ad es. effetti a catena (se il tasso di insolvenza aumenta per effetto di una fase economica recessiva e parte delle attività delle imprese insolventi è rappresentata dai crediti nei confronti di altre imprese, è verosimile che anche il tasso di recupero medio diminuisca), periodo di recessione del ciclo economico (è infatti verosimile che i tassi di insolvenza aumentino e al contempo che i valori di alcune attività, utilizzate quali garanzie di crediti, subiscano una diminuzione di valore portando ad una riduzione dei tassi di recupero), etc.. Pagina 8

12 3. Identificazione del rischio a cui il main contractor è esposto 3.1 Descrizione dell attività principale del Gruppo Maire Tecnimont S.p.A. è la holding di un gruppo internazionale di Engineering & Construction, con esperienza nel Project Management Consulting (PMC) e nell Engineering, Procurement and Construction (EPC) di progetti in quattro settori di riferimento: Chimico e Petrolchimico, Oil & Gas, Energia, Infrastrutture e Ingegneria Civile. Il Gruppo realizza oltre il 90% dei suoi ricavi all estero, dove è presente in tutti e quattro i settori; in Italia invece opera nei settori Infrastrutture e Ingegneria Civile ed in misura minore, nell Energia. Il 41% dei ricavi di Gruppo è prodotto in Medio Oriente principalmente dalla Business Unit Chimico e Petrolchimico, mentre il 30% nell area dell America Latina XII. I principali committenti del Gruppo sono grandi società, molte parastatali o statali, in generale di dimensioni significative; pertanto il portafoglio clienti è costituito da un numero limitato di società. Il Gruppo opera principalmente attraverso una sua controllata, Tecnimont S.p.A. XIII, main contractor, responsabile della realizzazione della maggior parte dei progetti. L esecuzione di un progetto prevede alcuni fasi preliminari quali: Bid-no Bid. Prima di aderire ad una gara, uno specifico comitato valuta le diverse proposte ed autorizza l eventuale partecipazione. Elaborazione dell offerta. Durante la fase di offerta, che varia generalmente tra i 3 ed i 12 mesi, viene concordata con il cliente una XII Relazione sulla gestione XIII Di seguito TCM. Pagina 9

13 Vendor List (che comprende sia fornitori di materiali sia subcontractor XIV ) che entrerà a far parte della documentazione contrattuale. Definizione della Vendor List. La Vendor List è generalmente composta da vendor sia imposti dal cliente ( mandatory ) sia individuati dal main contractor. Tale elenco viene concordato anche con l area approvvigionamenti, responsabile della definizione del costo delle forniture da inserire nell offerta. Durante questa fase viene inoltre delineata la strategia di Construction. Per quanto riguarda i subcontractor, l area subcontract, di concerto con l area construction, specifica quelli di interesse. In generale le modalità per l individuazione dei vendor sono due: scouting del mercato e/o analisi della Vendor List Generale presente nel sistema ERP del main contractor. Durante la fase di offerta, attraverso la compilazione del Registro dei Rischi, viene condotta l analisi dei rischi legati al progetto che comprende, tra l altro, la valutazione di: Fulfillment of Partner obligations due to his financial default ; Fulfillment of Supplier/Subcontractor obligations due to his financial default ; Client financial default. A seguito della misurazione di tutti i rischi di progetto, vengono definite le strategie per la gestione degli stessi e viene proposto l importo per la loro copertura. Quest ultimo contribuirà alla definizione del prezzo da inserire in offerta. XIV I subcontractor forniscono servizi (ad es. lavori di costruzione o di ingegneria). Pagina 10

14 3.2 Descrizione delle diverse tipologie degli stakeholder e dei principali aspetti contrattuali Come definito nel capitolo 1, oggetto del presente studio è la definizione di un framework per la misurazione del rischio di default associato alle controparti individuate, per ciascuna delle operazioni in essere con le stesse, in una società di ingegneria e costruzioni. La definizione del rischio di credito e le trattazioni teoriche relative sono state quindi analizzate ed applicate ad un caso più ampio: il default di una controparte verso la quale è possibile avere un esposizione sia creditoria, sia debitoria. I soggetti per i quali verrà valutato tale rischio, infatti, non sono solo i clienti ma anche partner e, principalmente, i vendor XV. In generale una controparte viene considerata in default se, non ottemperando ai propri obblighi contrattuali, provoca una perdita economica alla società (in questo caso il main contractor). Durante le analisi con i responsabili delle aree approvvigionamenti, commerciale e finanza", è emerso che a causa di problemi finanziari o default delle controparti, il ritardo prolungato nelle consegne di materiali ed esecuzione dei lavori di costruzione, da parte dei vendor, nell ottemperanza degli obblighi contrattuali, da parte dei partner, o nei pagamenti, da parte dei clienti, può generare dei costi non attesi per la società. Infatti la capacità del main contractor di adempiere alle proprie obbligazioni nei confronti del committente (il cliente) è influenzata anche dal corretto adempimento delle obbligazioni contrattuali da parte dei subcontractor, fornitori di materiali e partner. Laddove le suddette controparti fossero inadempienti nei confronti del main contractor, anche se solo parzialmente, fornendogli prodotti e/o servizi in tempi diversi da quelli pattuiti, quest ultimo potrebbe a sua volta risultare inottemperante nei confronti del committente. In tali circostanze il main contractor potrebbe essere destinatario di richieste risarcitorie ( Liquidated XV Nel presente studio sono stati trascurati alcuni stakeholder quali: i licensor in quanto spesso i contratti con gli stessi vengono stipulati direttamente dal cliente e quindi sono a monte dei contratti EPC e le banche/compagnie assicurative per le quali l analisi verrà rimandata ad una seconda fase del progetto. Pagina 11

15 Damages ) da parte del committente, fermo restando il proprio diritto di rivalsa nei confronti delle controparti inadempienti. Pertanto il default di un partner o vendor potrebbe causare un ritardo sul progetto che avrebbe, come conseguenza diretta sul main contractor, una perdita economica XVI. Nei contratti con i partner ciascun soggetto è generalmente responsabile in via solidale verso il committente per la progettazione e la realizzazione dell intera opera. Nel caso dovesse essere causato un danno al cliente da parte di un operatore associato, il main contractor potrebbe essere chiamato a sostituirsi al soggetto in default e a risarcire integralmente il danno arrecato, fermo restando il diritto di rivalsa nei confronti dell impresa associata inadempiente. Per quanto riguarda i vendor, è necessario innanzitutto identificare quelli il cui ritardo risulterebbe particolarmente critico. Nel caso di fornitori di materiali, i più problematici risultano essere quelli relativi ai long-lead item XVII, ossia forniture con tempi di consegna molto lunghi, che generalmente hanno un costo significativo. Nel caso invece di subcontractor, le imprese di costruzioni sono meno sostituibili rispetto a quelle di servizi (quali ad es. le società di ingegneria); le prime risultano quindi le più critiche. Date queste considerazioni, il presente studio considererà solo questi vendor, lasciando ad una successiva fase, la possibilità di integrare nel modello gli altri fornitori di materiali e subcontracor. I contratti stipulati con i vendor stabiliscono, all interno delle clausole standard, le regole per l applicazione dei liquidated damages, ossia le penali che in parte risarciscono il main contractor per eventuali ritardi nella consegna materiali o esecuzione lavori, il cui ammontare è specificato nei Purchase Order XVIII. Dalle interviste effettuate e dall analisi documentale è stato stabilito che il periodo massimo oltre al quale un eventuale ritardo (nella consegna dei materiali, esecuzione delle prestazioni o nei pagamenti) comporta al main contractor XVI Si veda il capitolo 4 per la definizione dell EAD e per l analisi di tutti i fattori che concorrono a tale perdita economica. XVII Di seguito LLI. XVIII Generalmente l ammontare delle penali è una percentuale del valore del contratto stipulato con il vendor e prevede un tetto massimo. Pagina 12

16 criticità elevate dal punto di vista finanziario, causando allo stesso perdite economiche, è il trimestre. Pertanto una controparte verrà considerata in default se il ritardo maturato è superiore al trimestre. Infatti per quanto riguarda i clienti, la suspension clause per contratti standard, applicata dal main contractor, diventa effettiva se il ritardo nei pagamenti supera i 75 giorni dalla data invio fattura, mentre la termination clause viene applicata per un ritardo superiore a 120 giorni dalla data fattura. E stato quindi considerato il trimestre quale periodo di riferimento per la determinazione del ritardo critico. Tale intervallo risulta inoltre problematico anche per i partner e vendor. In quest ultimo caso, se il ritardo risultasse inferiore al trimestre, il main contractor potrebbe recuperarlo grazie a dei margini ( float ) che, da programma di commessa, sono generalmente presenti. Oltre alla definizione di cui sopra, si considererà inadempiente una controparte che, a giudizio del main contractor, non riuscirà ad ottemperare in toto alle sue obbligazioni. Tra le cause del mancato adempimento si considererà lo stato di fallimento o altre situazioni assimilabili XIX tali da impedire, alla controparte, l assolvimento delle proprie obbligazioni contrattuali. XIX Si veda il capitolo 4. Pagina 13

17 4. Definizione di un processo strutturato per l analisi, valutazione e misurazione del rischio di default per il main contractor Come già indicato nel capitolo 2, il presente studio riguarderà esclusivamente la misurazione delle perdite attese per ciascuna controparte; l analisi di quelle inattese XX verrà rimandata ad una seconda fase del progetto. La Credit Loss XXI (CL) o Expected Loss (EL), relativa a ciascuna controparte, è quindi rappresentata dalla seguente equazione: Per poter determinare un framework per la valutazione e misurazione del rischio e quindi definire le grandezze di cui sopra, è necessario innanzitutto stabilire le tempistiche dell analisi. L'entità del rischio per un progetto EPC è rilevante e la maggior parte delle attività di gestione dello stesso riguardano il governo delle incertezze sin dalle prime fasi del suo ciclo di vita XXII. Attualmente nel Gruppo, attraverso la controllata TCM, viene condotta un analisi del rischio di ciascuna commessa a partire dalla fase di offerta XXIII. La procedura in essere stabilisce inoltre che il riesame dei rischi dovrà essere effettuato indicativamente ogni 3-4 mesi. Dalle interviste condotte con i responsabili delle aree approvvigionamenti, commerciale e finanza è stato stabilito che la prima misurazione del rischio dovrà essere effettuata (per tutte le controparti) prima della stipula del contratto con il cliente (contratto principale); la stessa verrà reiterata trimestralmente. XX Le perdite inattese rappresentano la possibilità che si verifichino eventi che, seppure stimabili, risultano inattesi. Essa è definita come: la variabilità del valore della perdita attesa a un prefissato livello di confidenza. XXI Si veda il capitolo 2. XXII Ibidem. XXIII Si veda il capitolo 3. Pagina 14

18 La definizione di un processo strutturato per la misurazione del rischio di default, dovrà prevedere le seguenti attività: valutazione dell esposizione con le singole controparti per ciascuna delle operazioni in essere con le stesse; individuazione delle informazioni necessarie (fattori di rischio) al fine della valutazione del rischio di default; definizione del modello di rating interno. 4.1 Valutazione dell esposizione con le singole controparti per ciascuna delle operazioni in essere con le stesse Come discusso nel capitolo 3, l Expected Loss verrà stimata per ogni transazione in essere con ciascuna delle tre controparti individuate (suddividendo i vendor in subcontractor e fornitori di materiali). Nel portafoglio vendor possono essere presenti più contratti con lo stesso vendor per differenti progetti; analogamente in quello clienti possono essere presenti più accordi con lo stesso cliente. Il portafoglio relativo ai vendor sarà pertanto costituito dall insieme di tutte le EL per tutti i contratti stipulati con ciascuno di essi; la stessa considerazione vale per i partner e clienti. Nel presente studio la EAD è rappresenta principalmente dal valore dei diversi elementi (ad es. materiali acquistati, penali, etc.) che costituiscono i contratti stipulati con la controparte e dalla valutazione di alcune componenti aggiuntive di costo. A differenza quindi degli istituti di credito, nella realtà analizzata non esistono operazioni predefinite quali ammontari accordati sulle linee di credito e non ancora utilizzati o strumenti per i quali l esposizione non è conosciuta con certezza ma può variare nel tempo (tipicamente gli strumenti derivati). La stima della EAD verrà pertanto considerata deterministica e quindi quantificabile. Pagina 15

19 Definiamo di seguito le EAD relative a ciascuna delle controparti oggetto di analisi Vendor L esposizione nei confronti dei sub contractor è definita dalla seguente formula: Dove: a) Costi aggiuntivi dovuti al change order. Sono i costi sostenuti direttamente dal main contractor per scorpori totali o parziali del lavoro (ossia i costi aggiuntivi che il nuovo vendor selezionato, in sostituzione di quello in default, addebiterà al main contractor), costi dovuti all incremento del personale da parte del subcontractor al fine di recuperare il ritardo oppure importi che la società potrebbe prestare al vendor (finanziamento) perché porti a termine il lavoro. b) Costi aggiuntivi interni. Sono costi interni sostenuti dal main contractor per la selezione di un nuovo subcontractor, oppure costi aggiuntivi del personale interno per la supervisione dei lavori. c) Penali cliente. Tale voce rappresenta l importo totale della penale pagata dal main contractor al cliente per ritardo del progetto causato dal default del subcontractor stesso. I costi aggiuntivi dovuti al change order e costi aggiuntivi interni hanno un peso differente in funzione della fase della commessa in cui si trovano i lavori di costruzione (l avanzamento temporale progressivo dei lavori di appalto è una Pagina 16

20 curva ad S) XXIV. Nella prima parte della curva (fase iniziale), infatti, il loro valore è inferiore in quanto in caso di default della controparte, il main contractor deve stipulare un contratto ex-novo con un altro subcontractor. Si consegue pertanto lo scorporo totale del subcontractor e si hanno dei costi aggiuntivi interni contenuti. Nella parte centrale (fase intermedia), in cui la curva cambia la pendenza in maniera accentuata, sono invece concentrate le fasi più critiche; si hanno pertanto elevati costi aggiuntivi dovuti al change order (con scorporo parziale del subcontractor) ed un aumento dei costi interni. Nella parte finale (fase terminale) della curva si registrano invece costi aggiuntivi dovuti al change order e costi interni meno significativi. A tal proposito il resp. Subcontracts ha ipotizzato di definire 3 scenari secondo la seguente metodologia: Dove NGG = numero giorni effettivamente lavorati dal subcontractor; DL= durata lavori per il subcontractor. F 1 = Fase iniziale, se F 1 < 20%, F 2 = Fase intermedia, se 20% < F 1 < 80%, F 3 = Fase terminale, se F 3 > 80%, XXIV Si veda la figura n. 1 Curva S. Pagina 17

21 Early Period Late Period Actual Period Early Cumulated Late Cumulated Actual Cumulated Figura n.1 Curva S Pagina 18

22 L esposizione nei confronti dei fornitori di materiali è definita dalla seguente formula: Dove: a) Costi aggiuntivi dovuti al change order. Sono i costi sostenuti dal main contractor per finanziare il vendor perché porti a termine la fornitura o costi aggiuntivi che il nuovo vendor selezionato in sostituzione di quello in default, farà pagare al main contractor. b) Costi aggiuntivi interni. Sono i costi aggiuntivi per la selezione di nuovo vendor. c) Costi diretti. Sono i pagamenti già effettuati al vendor in default che la società non riesce a recuperare. La stima di tale termine viene effettuata nell ipotesi peggiore, ossia nel caso in cui il fornitore vada in default dopo l emissione dell ultima fattura e che la società non riesca a portare a completamento il materiale e lo debba ricomprare ex-novo da altro fornitore. d) Penali cliente. Sono le penali che il cliente applica; esse sono funzione di un certo periodo di ritardo (settimane/mesi) stabilito contrattualmente. In base alla fase del ciclo produttivo in cui si trova il fornitore in default, si dovrà stimare il conseguente ritardo della commessa. L impatto, sul progetto, del default di un fornitore è infatti funzione della fase del ciclo produttivo in cui si trova quest ultimo. Il programma di una fornitura è inserito nel più ampio programma della commessa. Se il fornitore va in default all inizio del suo ciclo produttivo, è molto probabile che la commessa non vada in Pagina 19

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI

MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI PROGRAMMA DIDATTICO III EDIZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/2015 18 dicembre 2014 CONVEGNO INAUGURALE 16/17 gennaio 2015 I. Crimini organizzati dei colletti bianchi

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Operazioni di Project Finance

Operazioni di Project Finance Università degli Studi di Milano-Bicocca Anno Accademico 2005 / 2006 Operazioni di Project Finance Corso di Risk Management S Milano, 22 Marzo 2006 definizione Finanziamento tipicamente di natura bancaria:

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo andrea@unibg.it Traccia di questa presentazione: Cos è il credit

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP A seguire, suddiviso per numero regolamento, l analisi di sintesi dei regolamenti pubblicati sulla gazzetta ufficiale dell Unione Europea. Regolamento

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Introduzione ANDREA SIRONI

Introduzione ANDREA SIRONI I Introduzione ANDREA SIRONI I.1 Il rischio di credito: un problema di definizione i.2 Il rischio di credito: una classificazione I.3 Le componenti del rischio di credito I.4 Principali approcci alternativi

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE. Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza

Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE. Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza NEMANJA RADIĆ 22/04/2009 AGENDA Introduzione I. I modelli basati sul cash flow mapping II. III. 2 Gli obiettivi del cash

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Novembre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Gestione, Compravendita e Locazione di quote indivise e beni durevoli. il Regolamento

Gestione, Compravendita e Locazione di quote indivise e beni durevoli. il Regolamento Gestione, Compravendita e Locazione di quote indivise e beni durevoli il Regolamento Premessa I. Il regolamento considera ogni bene durevole come un oggetto che può essere posseduto da più soggetti, di

Dettagli

L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Settembre 2015

L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Settembre 2015 Advisory L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Strettamente riservato e confidenziale 1 Le informazioni prospettiche 3 1.1 Finalità e destinatari 4 1.2 Orizzonte temporale 5 2 L'analisi delle informazioni

Dettagli

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati 1. Premessa Negli anni più recenti l economia italiana ha registrato una notevole contrazione.

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO

PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO 1. IL CREDIT MANAGER 1.1. Chi è pag. 5 1.2. Competenze pag. 6 1.2.1 Hard Skills pag. 6 1.2.2 Soft Skills pag. 9 1.3. Attività pag. 13 1.4. Rapporti con le altre

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia. (In-house Credit Assessment System - ICAS)

Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia. (In-house Credit Assessment System - ICAS) Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia (In-house Credit Assessment System - ICAS) SOMMARIO L utilizzo dei prestiti come collaterale nelle operazioni di politica monetaria...

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015 EBA/GL/2015/02 23.07.2015 Orientamenti sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento 1 Indice 1. Orientamenti ABE sull elenco minimo degli indicatori qualitativi

Dettagli

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Roma, 23 Settembre 2010 UNICREDIT LEASING E LE

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Basilea 2. Sistema dei rating interni

Basilea 2. Sistema dei rating interni Basilea 2 Sistema dei rating interni Banca Popolare di Novara S.p.A. Domenico De Angelis Amministratore Delegato Fabrizio Marchetti Vice Direttore Generale Bruno Pezzoni Vice Direttore Generale 22 novembre

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

ARENA Agroindustrie Alimentari S.p.A.

ARENA Agroindustrie Alimentari S.p.A. COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI ARENA DELIBERA L AUMENTO DI CAPITALE RISERVATO A SOLAGRITAL FINO AD EURO 45 MILIONI IN 36 MESI Roma, 20 aprile 2010. Si informa che in data odierna il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

Acconti e debiti verso fornitori

Acconti e debiti verso fornitori Le voci di bilancio sotto la lente di ingrandimento di Sergio Pellegrino e Federica Furlani * Acconti e debiti verso fornitori Il presente articolo fornisce un analisi del contenuto delle voci D.6 e D.7

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO ALLEGATO 1 VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza Divisione Analisi macroprudenziale Settore Impatto della regolamentazione ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: MODIFICA

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari

La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari Riccardo Gandolfi Temporary Manager rigandol@tin.it http://it.linkedin.com/in/riccardogandolfi Presentazione dello

Dettagli

INIZIATIVE s.r.l. Soluzioni Informatiche per la banca e l'impresa. Responsabile Scientifico: Prof. Roberto CAPPELLETTO

INIZIATIVE s.r.l. Soluzioni Informatiche per la banca e l'impresa. Responsabile Scientifico: Prof. Roberto CAPPELLETTO BASILEA 2 IL CAMBIAMENTO DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA Iniziative s.r.l. Responsabile Scientifico: Prof. Roberto CAPPELLETTO SOMMARIO Introduzione pag. 3 Il Nuovo Accordo di Basilea pag. 3 Modalità di attribuzione

Dettagli

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA Il metodo CVRP per l analisi delle maggiori società tessili italiane Stefano Cordero di Montezemolo

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 Ottobre 2015 1 di 11 SOMMARIO 1 MOTIVAZIONE... 3 1.1 Consultazione... 4 1.2 Definizioni... 4 2 SCALA DI VALUTAZIONE... 7 2.1 Scala di Rating... 7 3 METODOLOGIA E RATING CRITERIA...

Dettagli

Construction Contracts IAS 11. UNIVERSITA BERGAMO 2012 1 International Financial Reporting

Construction Contracts IAS 11. UNIVERSITA BERGAMO 2012 1 International Financial Reporting Construction Contracts IAS 11 1 International Financial Reporting Introduzione Obiettivi ü Identificare le parti coinvolte nel progetto ü Elencare e descrivere le tipologie di contraenti coinvolte ü Definire

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

CORSO BASE TESORERIA AITI. Il Risk Management in azienda

CORSO BASE TESORERIA AITI. Il Risk Management in azienda CORSO BASE TESORERIA AITI Il Risk Management in azienda Agenda Introduzione al Risk Management in azienda Il Rischio Liquidità (cenni) Il Rischio di Credito (cenni) Il Financial Risk Management: definizione

Dettagli

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali Lezione 19 Il reporting Perché i report 1. Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali 2. Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se:

Dettagli