IL CREDITO NELLE MARCHE LA CRISI E IL RUOLO DEI CONFIDI. a cura di: Pietro Alessandrini, Alessandro Paci, Luca Papi,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CREDITO NELLE MARCHE LA CRISI E IL RUOLO DEI CONFIDI. a cura di: Pietro Alessandrini, Alessandro Paci, Luca Papi,"

Transcript

1 IL CREDITO NELLE MARCHE LA CRISI E IL RUOLO DEI CONFIDI a cura di: Pietro Alessandrini, Alessandro Paci, Luca Papi, Mario Pepe, Andrea Filippo Presbitero, Alberto Zazzaro Dicembre 2011

2 2

3 Sommario Introduzione... 5 Capitolo 1: Domanda e offerta di credito in Italia e nelle Marche La struttura dei mercati locali del credito Condizioni di offerta del credito: il lato delle banche Accesso al credito: il punto di vista delle imprese Capitolo 2: I consorzi di garanzia fidi durante la crisi Introduzione Le funzioni dei consorzi di garanzia fidi L operatività dei confidi durante la crisi L accesso al credito e i confidi: un analisi sulle imprese manifatturiere Dati e alcune statistiche descrittive Il meccanismo di selezione della crisi Capitolo 3: I confidi nelle Marche: un'analisi strutturale Introduzione I confidi operativi in regione L attività dei confidi nelle Marche Capitolo 4: Il settore dei confidi nelle Marche: un'analisi dei bilanci Introduzione L analisi dei bilanci Le caratteristiche del campione Gli indici di bilancio

4 Capitolo 5: L'indagine diretta sui confidi nelle Marche Introduzione Caratteristiche generali Il processo di istruttoria e i rapporti con il sistema bancario Garanzie e finanziamenti La struttura del mercato e l intervento regionale Capitolo 6: I contributi e le politiche regionali per i confidi Introduzione Gli interventi regionali Gli interventi della Regione Marche Efficacia ed efficienza degli interventi pubblici Conclusioni Riferimenti bibliografici

5 Introduzione In un contesto di crisi europea e globale, a fine 2011 l'economia italiana è ancora all'interno di una fase recessiva iniziata nel 2008 con il fallimento di Lehman Brothers. Dall'ultima indagine congiunturale della Banca d'italia (2011a) emerge che i piani di investimento delle imprese rimangono improntati alla cautela e che i fabbisogni di risorse finanziarie esterne sono in forte aumento. Nelle Marche, la ripresa economica nel corso del primo semestre dell'anno è stata flebile e incerta e le aspettative sono volte al pessimismo (Banca d'italia 2011b). In particolar modo, la crescita del credito bancario alle imprese ha nuovamente rallentato e i tassi di sofferenza permangono su valori superiori a quelli pre-crisi. In questo contesto, il rapporto analizza la struttura del mercato del credito regionale, al fine di mettere in luce le tendenze e gli elementi di criticità della domanda e dell'offerta di credito. Il rapporto affronta in dettaglio il ruolo dei Confidi come operatori potenzialmente in grado di favorire l'accesso al credito per le piccole e medie imprese, attraverso l'erogazione della garanzia mutualistica. Nel primo capitolo si evidenzia una significativa prossimità funzionale del sistema bancario marchigiano, la cui vocazione territoriale è confermata dalla forte crescita delle banche cooperative nel corso degli ultimi 15 anni. Nonostante ciò, durante la crisi gli impieghi bancari alle imprese hanno registrato un brusco rallentamento, specie nella provincia di Ancona, benché la contrazione dei prestiti a livello regionale sia stata meno accentuata che nel resto d'italia. Al contrario, il flusso di prestiti entrati in sofferenza mette il luce una situazione più complessa di quella media nazionale. Dal lato delle imprese, si registra la percezione di un significativo inasprimento delle condizioni di accesso al credito bancario. Il secondo e il terzo capitolo introducono brevemente il quadro istituzionale e normativo in cui operano i consorzi di garanzia fidi, ne illustrano le funzioni e presentano una breve rassegna dell'operatività dei confidi nel corso la crisi, per poi analizzare in dettaglio la morfologia del settore nella regione. A fine 2009, la quota di prestiti concessi alle piccole imprese e assistiti da garanzia dei confidi superava di poco il 13 per cento a livello nazionale; il 20 per cento nelle Marche (Banca d'italia 2010). Durante la crisi, i confidi hanno continuato a sostenere il credito alle imprese minori, sopportando tuttavia rischi più elevati che in passato. Le imprese garantite da confidi hanno beneficiato di una maggiore disponibilità di credito e di tassi d'interesse inferiori rispetto a quelli applicati alle imprese non garantite, al netto dei costi della garanzia. L'analisi dei dati di un campione di imprese manifatturiere mette in luce che l'appartenenza a un confidi si associa ad una maggiore propensione a richiedere credito bancario e a una minore probabilità di essere razionati. 5

6 Dall'analisi del mercato regionale, presentata nei capitoli terzo e quarto, emerge un quadro fortemente eterogeneo, composto sia da elementi positivi che da potenziali debolezze. Tra i punti di forza del settore dei confidi, si segnala la crescita dimensionale e la capacità dei consorzi di garanzia di sostenere le micro e le piccole imprese durante la crisi, svolgendo un importante ruolo anticiclico. Tra gli elementi di debolezza si riscontra che, alla pronunciata crescita delle garanzie, si è però associato un aumento della rischiosità delle imprese assistite, come confermato dall'aumento delle sofferenze, a cui non ha fatto seguito un'adeguata patrimonializzazione. L'aggravio dei costi, dovuto al rafforzamento delle strutture organizzative, si è tradotto in un calo della redditività. L'analisi dei bilanci, oggetto del quarto capitolo, mette in evidenza che, in molti casi, la sostenibilità dei confidi è mantenuta grazie ai contributi pubblici e che vi sono forti discordanze gestionali. A fronte di alcuni confidi che si espongono molto nella concessione di garanzia, con una leva elevata, ve ne sono altri che al contrario mostrano di concedere poche garanzie in rapporto al patrimonio, rivelando una politica gestionale troppo prudente o comunque inefficiente. Il capitolo cinque presenta i risultati di un'indagine somministrata ai confidi operativi nella regione nel corso del L'indagine conferma il quadro di luci ed ombre già emerso dai precedenti capitoli. In essa si può osservare l'importanza crescente della garanzia mutualistica per favorire l'accesso al credito della piccola impresa, grazie all'attività di screening dei confidi, spesso supportata da sistemi di rating interni. D altra parte però si riscontra un'eccessiva frammentazione del settore, in cui convivono confidi con operatività e dimensioni fortemente eterogenee, il cui numero è superiore alle necessità di una regione medio-piccola come la Marche. La presenza di forti interessi di categoria e la difficoltà a far convivere esperienze e culture differenti sono indicati come i principali ostacoli ad un auspicato consolidamento dimensionale. L ultimo capitolo analizza brevemente la contribuzione pubblica e la sua valenza in termini di risorse stanziate ed obiettivi perseguiti. Le conclusioni puntano ad indicare una serie di idee sulle linee guida per il settore che si consiglia di perseguire al decisore pubblico regionale. 6

7 Capitolo 1 Domanda e offerta di credito in Italia e nelle Marche 1.1 La struttura dei mercati locali del credito L'importanza che la struttura dei mercati locali del credito riveste per i processi di sviluppo economico e per la competitività e sostenibilità del tessuto produttivo locale rende necessaria una approfondita revisione critica delle linee di sviluppo future del sistema del credito nelle Marche. Nei quindici anni precedenti l'attuale crisi economico-finanziaria, è prevalsa in tutta Italia la tendenza, da un lato, all'aumento del numero di sportelli e del grado di bancarizzazione e, dall'altro, alla riduzione del numero di banche operanti e all aumento delle loro dimensioni. Questa politica è stata condotta sulla base di principi quali: il superamento dei limiti del localismo bancario e la acquisizione dei vantaggi delle economie di scala, della standardizzazione dei prodotti finanziari e della apertura del risparmio alla globalizzazione finanziaria. Il duplice processo di accentramento delle decisioni e di diffusione spaziale degli sportelli ha aumentato la distanza funzionale tra centro e periferia, ovvero la distanza che separa le sedi direzionali delle banche, in numero progressivamente minore, dagli sportelli locali, in forte crescita. Ne è conseguita una evoluzione della gerarchia funzionale dei vari mercati locali che va attentamente monitorata. Nello stesso tempo, la diffusione degli sportelli e delle tecnologie bancarie ha ridotto le distanze operative, ossia ha aumentato la prossimità fisica tra lo sportello bancario e gli operatori locali. L abbinamento diffusione-accentramento è tipico dei processi di globalizzazione, che diffondono informazioni, innovazioni, prodotti e contratti standardizzati, ma nello stesso tempo accentrano i poteri decisionali, determinando significativi cambiamenti nei rapporti gerarchici centro-periferia 1.. La progressiva periferizzazione di alcuni sistemi creditizi regionali, con l allontanamento dei centri decisionali delle banche, può influire negativamente sui legami banca-impresa, riducendo la disponibilità di credito per le piccole e medie imprese e frenando la loro capacità innovativa. In aggiunta, la delocalizzazione delle funzioni direzionali bancarie determina un impoverimento della classe dirigente regionale, bancaria e anche imprenditoriale, con un allentamento delle sinergie formative e professionali tipiche dello sviluppo endogeno. L'analisi dei mercati locali del credito nelle province marchigiane mette in evidenza come la regione abbia seguito, nel corso dell'ultimo ventennio, un trend di diffusione-accentramento paragonabile a quello del Centro-Nord, sebbene emergano alcune differenze significative 1 Per approfondimenti, si vedano: P. Alessandrini, A.F. Presbitero e A. Zazzaro (2009) Banks, Distances and Firms' Financing Constraints, Review of Finance, 13(2): ; P. Alessandrini, A.F. Presbitero e A. Zazzaro (2009) Global Banking and Local Markets: A National Perspective, Cambridge Journal of Regions, Economy and Society, 2(2): ; P. Alessandrini, A.F. Presbitero e A. Zazzaro (2010) Bank Size or Distance: What Hampers Innovation Adoption by SMEs?, Journal of Economic Geography, 10(6):

8 (Figura 1.1). In particolare, la prossimità operativa, misurata dal grado di bancarizzazione, che nel 1996 era in linea con quello medio delle regioni del Centro-Nord, è cresciuta più rapidamente: a fine 2009 nelle Marche si contavano oltre 78 sportelli bancari ogni abitanti, rispetto ad una media di 68 al Centro Nord e di 34 nel Mezzogiorno, da sempre caratterizzato da un minore grado di bancarizzazione (Figura 1.1, panel di sinistra). Al contrario, il processo di consolidamento bancario ha determinato l allontanamento dei centri decisionali delle banche, come evidenziato dal trend crescente dell'indicatore di distanza funzionale, soprattutto sul finire degli anni novanta nelle regioni del Mezzogiorno, le cui banche sono state l'oggetto di un deciso processo di consolidamento guidato dai grandi gruppi bancari con sede al Centro-Nord (Zazzaro 2006) 2. Rispetto al quadro di riferimento nazionale, le Marche hanno seguito un processo virtuoso: la distanza funzionale del sistema bancario dalla regione è rimasta pressoché costante nel corso della passata decade, attestandosi così a valori in linea con quelli registrati nelle regioni del Centro-Nord (Figura 1.1, panel di destra). Figura 1.1: La geografia del credito nelle Marche 8 Prossimità operativa 6 Distanza funzionale Centro-Nord Mezzogiorno Marche Note: elaborazioni su dati Banca d'italia. A livello provinciale, il numero di sportelli pro-capite è abbastanza omogeneo in tutta la regione e comunque superiore ai valori medi osservati nel Centro-Nord, mentre l'indicatore di distanza funzionale varia in maniera considerevole tra le province, passando da valori inferiori 2 L'indicatore di distanza funzionale è calcolato facendo riferimento alla distanza geografica che separa gli sportelli bancari dai centri decisionali, ipotizzando che le frizioni organizzative ed i costi di agenzia e di monitoraggio siano una funzione crescente della distanza geografica (misurata in chilometri) che separa lo sportello dalla sede della banca o del gruppo bancario di cui fa parte. La distanza funzionale è stata calcolata con riferimento alla sede legale di ciascuna banca, per gli istituti indipendenti, oppure della capogruppo, nel caso di banche incorporate in un gruppo bancario. Questa misura assume che il potere decisionale sia in capo alla capogruppo, nell ipotesi di un completo accentramento decisionale nel caso delle banche appartenenti a un gruppo. Alternativamente, si può ipotizzare un decentramento decisionale presso le banche affiliate; in questo caso si determina una riduzione delle distanze, sebbene il trend e le differenze tra regioni rimangano simili. Si tratta evidentemente di due ipotesi estreme (accentramento totale nel primo caso, decentramento totale nel secondo) che racchiudono le soluzioni intermedie che si verificano nella realtà. 8

9 ad altri superiori a quelli delle regioni del Centro-Nord (Figura 1.2) 3. In particolare, spicca la struttura del sistema bancario all'interno della provincia di Ancona, caratterizzato da una minore distanza funzionale, risultato del radicamento territoriale di Banca delle Marche, e da un grado di bancarizzazione superiore alla media regionale, benché inferiore a quello di Pesaro e Urbino (86 sportelli ogni abitanti). Figura 1.2: La geografia del credito nelle province marchigiane 10 Prossimità operativa 4.5 Distanza funzionale Macerata Ascoli Piceno Pesaro e Urbino Ancona Note: elaborazioni su dati Banca d'italia. Più nel dettaglio si può osservare se e in che modo la crisi finanziaria abbia inciso sulla struttura dei sistemi bancari locali. La Figura 1.3 mostra l'evoluzione trimestrale del numero di sportelli e della distanza funzionale nelle province marchigiane e in Italia da fine 2007 a Giugno Si notano alcuni fenomeni interessanti, sia per quanto riguarda l'italia nel suo complesso che per quanto concerne le Marche: Il primo dato che emerge è che in Italia si è assistito per la prima volta a una riduzione netta del numero di sportelli, circa 400 in meno, del primo trimestre 2009 a Giugno Tuttavia, questo declino non ha interessato le Marche nel loro complesso che, nei mesi più intensi della crisi, hanno visto stabilizzarsi, ma non contrarsi, la dinamica espansiva degli sportelli. Il risultato aggregato è però il frutto di dinamiche eterogenee. Se nella provincia di Ascoli Piceno il trend crescente è addirittura rimasto inalterato fino a Dicembre 2009, nelle province di Ancona e di Pesaro-Urbino il numero di sportelli si è ridotto di una decina di unità tra la seconda metà del 2009 e il primo semestre del La Figura 1.2 riporta, per brevità, soltanto i valori provinciali dell'indicatore di distanza funzionale calcolato sotto l'ipotesi di decentramento decisionale delle banche appartenenti a gruppi. 9

10 La distanza funzionale del sistema bancario si è ridotta stabilmente in Italia fino al primo semestre del 2010, probabilmente a causa della chiusura di sportelli periferici in seguito a politiche di razionalizzazione da parte dei principali gruppi bancari. Un trend simile si osserva anche nelle province delle Marche, con la parziale eccezione della provincia di Pesaro e Urbino, in cui la distanza funzionale è aumentata sensibilmente nel corso del 2008 e del primo semestre del 2009 per poi solo in parte ridursi nei trimestri successivi. Figura 1.3: L'andamento degli sportelli bancari nelle province Marchigiane durante la crisi 380 ANCONA ASCOLI PICENO MACERATA PESARO E URBINO MARCHE ITALIA q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q Numero di sportelli (sx) 2007q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q2 Distanza funzionale (dx) Note: elaborazioni su dati Banca d'italia. Infine, le Tabelle 1.1 e 1.2 forniscono un quadro d'insieme della struttura bancaria regionale rispetto alla governance e alla dimensione delle banche che operano sul territorio. Il primo dato che emerge è la grande crescita delle banche di credito cooperativo (BCC), che segnala un forte radicamento territoriale di una parte importante del sistema locale del credito. Gli sportelli delle BCC sono più che raddoppiati negli ultimi 15 anni in tutte le province marchigiane; di conseguenza, la quota di sportelli detenuti dalla BCC è aumentata dall'11,4% nel 1996 al 16,2% a fine 2010, con un massimo del 20% a Pesaro e Urbino. Tuttavia, oltre due terzi dei nuovi sportelli aperti tra il 1999 e il 2010 appartiene a banche commerciali, con l'eccezione della provincia di Pesaro e Urbino, dove le popolari e le BCC hanno incrementato il loro numero di sportelli in misura maggiore rispetto alle banche Spa. 10

11 Tabella 1.1: Sportelli bancari per tipologia istituzionale di banca. Anno Totale banche Banche Spa Banche Popolari BCC Totale banche Banche Spa Banche Popolari BCC Totale banche Banche Spa Banche Popolari BCC Ancona Pesaro e Urbino Macerata Ascoli Piceno Fermo Marche Note: elaborazioni su dati Banca d'italia. Tabella 1.2: Sportelli bancari per tipologia dimensionale di banca. Anno Totale Maggiori Grandi Medie Piccole Minori Totale Maggiori Grandi Medie Piccole Minori Ancona Ascoli Piceno Pesaro e Urbino Fermo Macerata Marche Note: elaborazioni su dati Banca d'italia. Se si considera la classificazione degli sportelli per dimensione della banca di appartenenza, il quadro che emerge dai dati dell'ultimo quinquennio mette chiaramente in luce la presenza di un duplice trend di diffusione/accentramento, cui si è accennato all'inizio del capitolo, ma anche la spiccata connotazione territoriale del sistema bancario marchigiano. A livello regionale, infatti, è aumentata sia la quota degli sportelli appartenenti alle banche maggiori 4, tutte esterne al territorio regionale, sia la quota degli sportelli di proprietà delle banche piccole 4 Banca Nazionale del Lavoro, Banca Monte dei Paschi di Siena, Unicredit, Intesa San Paolo e Cassa Depositi e Prestiti. 11

12 e minori, molte delle quali sono espressione del territorio. Al contrario, è diminuito il peso delle banche di media dimensione esterne all'area. Come ulteriore conferma della prossimità funzionale del sistema bancario, le due principali banche marchigiane - Banca delle Marche e la Banca Popolare di Ancona - classificate tra le banche medie, hanno mantenuto pressoché costante la loro presenza sul territorio (a fine 2009 possedevano, rispettivamente, 229 e 110 sportelli nella regione). I dati provinciali non mettono in luce differenze degne di rilievo, se non una presenza più diffusa delle banche di grande dimensione nelle province di Ancona e di Ascoli Piceno, dove la banche maggiori detengono oltre il 20% degli sportelli, e una minore incidenza delle banche piccole e minori nelle province di Macerata e Ancona (45% degli sportelli, rispetto a oltre il 50% a livello regionale). 1.2 Condizioni di offerta di credito: il lato delle banche Dopo avere analizzato la struttura dei mercati locali del credito, in questa sezione verranno discussi alcuni indicatori sull'offerta di credito da parte del settore bancario. Nell'analisi dei dati, è opportuno tenere presente che la dinamica degli impieghi può essere sia il risultato di un'effettiva stretta creditizia da parte del settore bancario, che di una minore domanda da parte del tessuto produttivo, come confermato anche da una recente indagine della Banca d'italia (Del Giovane, Eramo e Nobili 2011). La parte finale del capitolo cercherà invece di distinguere gli effetti di domanda e di offerta analizzando dati d'impresa. La dinamica degli impieghi nelle Marche (Tabella 1.3 e Figura 1.4) evidenzia un brusco rallentamento nel corso del 2008 (+2,6% su base annua, rispetto al +9,2% dell'anno precedente), in parte protrattosi anche nel 2009 (+3,3%). Nell'anno successivo, i prestiti bancari hanno ripreso a crescere a un tasso sostenuto (+7,3%) benché inferiore a quello medio nazionale (+8,1%) e, a Giugno 2011, hanno superato i 45 miliardi di euro (erano 38,5 miliardi a fine 2007), il 37% dei quali concentrati nella provincia di Ancona. Circa due terzi degli impieghi bancari è destinato alle imprese, con l'eccezione della provincia di Ancona dove l'amministrazione pubblica assorbe una quota maggiore degli impieghi bancari rispetto a quanto avviene nelle altre province. L'evoluzione dei prestiti alle imprese (escluse quelle finanziarie) da un lato mette in luce ancora meglio l'intensità della crisi, dall'altro evidenzia un risultato delle Marche migliore rispetto alla media nazionale. In Italia, infatti, i prestiti alle imprese si sono contratti del 2% nel 2009 per poi aumentare del 2,3% nell'anno successivo; diversamente, nelle Marche la restrizione creditizia è stata solo dell'1% nel 2009 e il 2010 ha registrato un +3,9%. 12

13 Figura 1.4: Prestiti bancari nelle provincie marchigiane, valori in milioni di euro Ancona Pesaro e Urbino Macerata Prestiti totali (mln di euro) Ascoli Piceno Marche Italia 2007q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q2 2010q4 2011q q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q2 2010q4 2011q2 Totale clientela (escluse IFM) Imprese 2007q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q2 2010q4 2011q2 Note: elaborazioni su dati Banca d'italia (Statistiche creditizie provinciali). Tabella 1.3: Impieghi bancari per settori di attività economica. Valori in milioni di euro. Amministrazioni pubbliche 24.1% Ancona Pesaro e Urbino % -4.3% 3.7% -2.6% 20.9% -2.5% 7.1% -22.8% -9.8% Imprese non finanziarie 9.8% 9.3% 7.4% -3.9% 3.4% 12.5% 11.7% 8.2% -0.7% 1.4% Famiglie produttrici 6.2% 6.7% 0.5% 1.1% 6.6% 0.2% 6.7% 0.2% 4.6% 2.9% Imprese artigiane 1.3% 4.6% 0.3% -6.9% 0.7% 2.6% 3.9% -0.7% -3.6% -3.3% Imprese finanziarie % 6.9% % 37.5% % % -28.3% % % 45.5% Famiglie consumatrici 8.6% 11.6% 2.3% 8.0% 19.7% 6.3% 13.1% 0.5% 7.3% 18.3% Totale 5.7% 6.8% 1.0% 4.3% 5.2% 9.2% 11.4% 5.2% 2.1% 6.5% Macerata Ascoli Piceno Amministrazioni pubbliche 13.5% 5.4% 7.0% % -6.3% -5.7% -6.4% 10.8% 1.1% -0.1% Imprese non finanziarie 9.8% 11.5% 6.0% -0.5% 7.4% 11.8% 10.3% 6.5% 3.1% 5.2% Famiglie produttrici 3.3% 5.9% -2.3% 0.6% 4.7% 6.8% 4.7% -2.9% -0.5% 8.7% Imprese artigiane 3.0% 3.9% -2.3% -4.9% 3.3% 3.6% 5.5% 1.5% -4.2% 2.2% Imprese finanziarie 7.6% 31.0% 26.6% 34.3% 28.0% 77.2% % 79.6% -39.7% 25.4% Famiglie consumatrici 7.2% 11.7% -2.3% 10.1% 22.7% 8.2% 8.7% 0.4% 8.6% 17.8% Totale 8.3% 10.6% 2.6% 2.2% 11.2% 10.1% 10.0% 2.4% 4.1% 9.1% Amministrazioni pubbliche 19.5% Marche Italia % -0.4% -1.0% -3.2% 1.3% 4.8% 0.2% 0.5% -4.9% Imprese non finanziarie 10.9% 10.6% 7.2% -1.0% 3.9% 12.5% 12.2% 6.7% -2.4% 2.3% Famiglie produttrici 4.1% 6.0% -1.0% 1.5% 5.7% 7.6% 4.7% -0.6% 2.0% 9.2% Imprese artigiane 2.6% 4.4% -0.3% -5.0% 0.5% 4.2% 4.7% 0.4% -3.4% 2.4% Imprese finanziarie % 10.1% % 37.8% -9.4% 8.4% 3.9% 4.3% -6.6% 10.0% Famiglie consumatrici 7.6% 11.4% 0.6% 8.3% 19.4% 10.4% 8.7% 1.0% 6.9% 21.8% Totale 7.9% 9.2% 2.6% 3.3% 7.3% 11.0% 9.7% 4.6% -0.2% 8.1% Note: elaborazioni su dati Banca d'italia. Per il 2010 i dati della provincia di Ascoli Piceno includono anche quelli della provincia di Fermo. 13

14 Il dettaglio provinciale (Tabella 1.3) sottolinea una dinamica fortemente eterogenea: la provincia di Ancona ha visto ridursi in maniera maggiore la disponibilità di credito bancario per le imprese (-3,3% nel 2009), Pesaro-Urbino e Macerata hanno registrato una variazione pressoché nulla, mentre ad Ascoli Piceno il credito alle imprese anche nel 2009 è aumentato (+2,5%). La timida ripresa del 2010 sembra poi trainata principalmente dalle province di Macerata e Ascoli Piceno, mentre l'erogazione di credito nelle province di Ancona e Pesaro- Urbino è cresciuta a tassi ancora inferiori a quelli del L'analisi più dettagliata degli impieghi per settore di attività economica evidenzia come la crisi abbia avuto effetti particolarmente intensi sul settore finanziario e sulle imprese familiari e artigiane, colpite dalla riduzione degli impieghi più che nel resto d'italia. Per le imprese artigiane, in particolare, la contrazione del credito bancario è iniziata già nel corso del 2008, si è acuita sensibilmente nel 2009 (-5% a livello regionale, -7% ad Ancona) e ancora nel 2010 non sono emersi segnali di ripresa. Il mercato regionale dei prestiti bancari è per circa il 60% dominato dalle grandi banche, il cui peso è ancora maggiore nella provincia di Ancona (Tabella 1.4). Tuttavia, come è stato sottolineato nella prima parte del capitolo, i cambiamenti intercorsi nei mercati locali del credito hanno riportato alla ribalta l importanza della prossimità delle banche al territorio in cui operano. Questa sensibilità verso le imprese locali non è necessariamente una prerogativa delle banche locali di piccole dimensioni, ma può essere il risultato di una specifica scelta strategica. Tabella 1.4: Impieghi bancari per dimensione delle banche: Valori in milioni di euro e variazioni percentuali Var. % impieghi Var. % impieghi Grandi Piccole Quota % delle grandi banche Grandi Piccole Quota % delle grandi banche Grandi Piccole Grandi Piccole Ancona 10,242 5, ,878 5, Pesaro e Urbino 5,403 5, ,876 5, Macerata 4,368 2, ,005 2, Ascoli Piceno 4,180 3, ,176 3, Marche 24,193 16, ,557 17, Note: elaborazioni su dati Banca d'italia. Nondimeno, il valore crescente che viene associato alla conoscenza diretta del territorio, alimentato anche dalla crisi economico finanziaria che rende ancora più importanti i rapporti diretti e durevoli tra banca e impresa, ha accresciuto l importanza delle banche minori, specie di quelle popolari e di quelle di credito cooperativo. In effetti, i dati relativi alle Marche, che in parte riflettono una tendenza nazionale, sembrano indicare un vantaggio delle banche minori durante la crisi, specie se si esclude la provincia di Ancona. Successivamente, nel corso del 2010 la ripresa dell'offerta di credito sembra essere stata trainata dalle banche maggiori, che 14

15 hanno aumentato i prestiti del 9,8% su base annua, contro un più modesto +3,7% delle banche di minori dimensioni. La Tabella 1.5 mette in risalto un altro aspetto virtuoso del sistema del credito marchigiano, la concentrazione dei rischi. I dati più recenti, riferiti a Dicembre 2010, mostrano che nel primo 0,5% degli affidati si concentra il 35% dei finanziamenti erogati dal sistema bancario. Questa quota è ampiamente inferiore alle media nazionale (51%) ed è in parte trainata dalla provincia di Ancona, il cui maggior grado di concentrazione dei rischi è imputabile alla maggiore presenza di grandi banche (Tabella 1.4). Nelle altre tre province, la corrispondente quota di concentrazione è inferiore al 30%. Considerando indici di concentrazione riferiti ad un maggior numero di affidati il quadro rimane simile, benché le differenze si attenuino: il primo 10% degli affidati riceve il 70% dei crediti per cassa erogati nelle Marche (il 76% nella provincia di Ancona), rispetto ad un valore medio nazionale del 79%. Al contrario, se si considera la concentrazione delle sofferenze, il quadro che emerge è meno roseo e pone le Marche in linea con il dato nazionale. Permane inoltre la peculiarità del sistema bancario della provincia di Ancona, in cui anche le sofferenze sono molto più concentrate che nel resto della regione: il 55% delle sofferenze nella provincia anconetana è di pertinenza del primo 1% degli affidati, un valore superiore di oltre 10 punti percentuali rispetto a quello regionale (44,5%). Tabella 1.5: Concentrazione dei rischi, Dicembre Quota dei finanziamenti per cassa di pertinenza dei maggiori affidati: Primo Primo Primo Primo 0,5% 1% 5% 10% Quota delle sofferenze di pertinenza dei maggiori affidati: Primo 0,5% Primo 1% Primo 5% Primo 10% Ancona Pesaro e Urbino Macerata Ascoli Piceno Fermo Marche Italia Note: elaborazioni su dati Banca d'italia. Il prolungarsi e l acuirsi della crisi economico finanziaria nelle Marche è messo chiaramente in luce dall analisi delle sofferenze del settore bancario (Figura 1.5), la cui evoluzione nel corso del biennio ha ulteriormente aggravato una tendenza negativa emersa già negli ultimi mesi del Nel primo semestre del 2010 si è osservata una flessione dell'incidenza delle sofferenze sui prestiti; questo sviluppo, sebbene rappresenti un segnale positivo e in controtendenza rispetto al dato nazionale, non è stato comunque sufficiente a riportare i valori sui livelli pre-crisi. Nel complesso, la percentuale dei prestiti entrati in sofferenza nella regione è decisamente superiore al dato medio nazionale: a dicembre 2009 la percentuale dei prestiti alle imprese in sofferenza era pari al 3,9% nelle Marche, rispetto a un valore medio nazionale del 2,5%. La dinamica particolarmente negativa della regione è trainata dai finanziamenti erogati nella 15

16 provincia di Ancona, dove le nuove sofferenze sono passate dall'1,5 percento dei finanziamenti alle imprese a metà 2008 al 7,3% alla fine del terzo trimestre 2009, per poi diminuire al 4% a Giugno Un brusco incremento dell'incidenza delle sofferenze sui finanziamenti alle imprese si è registrato anche nella provincia di Macerata dove, a differenza che nelle altre province, non sembra che ci sia ancora stata una decisa inversione di tendenza. Più contenuto è stato invece il trend delle sofferenze nelle province di Pesaro-Urbino e di Ascoli Piceno, dove comunque la percentuale di prestiti in sofferenza è più che raddoppiata durante la crisi. Figura 1.5: Flusso di nuove sofferenze rettificate (in percentuale dei prestiti) nelle province marchigiane. 8 Ancona Pesaro e Urbino Macerata 6 Nuove sofferenze (% prestiti) Ascoli Piceno Marche Italia q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q2 2007q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q2 2007q4 2008q2 2008q4 2009q2 2009q4 2010q2 Totale clientela (escluse IFM) Imprese Note: elaborazioni su dati Banca d'italia (Statistiche creditizie provinciali); dati riferiti ai 12 mesi precedenti il periodo indicato. Infine, la Figura 1.6 mostra i livelli dei tassi di interesse sui prestiti a breve e medio e lungo termine nelle regioni italiane a Giugno Dal confronto tra le diverse regioni italiane emerge come le Marche si caratterizzino per avere tassi di interesse sui finanziamenti a lungo termine in linea con i valori medi nazionali (più alti di quelli praticati al Centro Nord) e tassi a breve simili ai valori medi applicati del Centro-Nord. 16

17 1.3 Accesso al credito: il punto di vista delle imprese L'ultima parte del capitolo presenta alcuni dati descrittivi sulle condizioni di accesso al credito bancario da parte delle imprese marchigiane durante il triennio Sulla base di dati dell'indagine sulla Fiducia delle Impresa Manifatturiere (IFIM) condotta mensilmente dall'isae (e dal 2011 dall'istat) è possibile ricavare informazioni sulla domanda di credito bancario e sulle relative condizioni praticate dal sistema bancario. Figura 1.6: Tassi di interesse sui finanziamenti a breve e lungo termine nelle regioni italiane, 2010 (valori percentuali) Fonte: elaborazioni su dati Banca d'italia. Un primo elemento che emerge dai dati è la limitata propensione delle piccole e medie imprese italiane a ricorrere al credito bancario (Figura 1.7). In ognuno dei 12 trimestri presi in esame, circa un terzo delle imprese ha domandato credito e il dato marchigiano si è attestato in genere poco al di sopra di quello nazionale, a segnalare una maggiore capacità del sistema produttivo locale di affrontare la crisi. Tuttavia, il brusco rallentamento avvenuto nel corso del 2010 testimonia il perdurare della crisi nel settore manifatturiero e può contribuire a spiegare in parte la contrazione dei prestiti bancari alle imprese nel corso del biennio Tuttavia, i dati riportati nella Figura 1.7 sottolineano come la riduzione degli impieghi bancari discussa nella precedente sezione non sia solo il risultato di una minore domanda di credito da parte del tessuto produttivo locale, ma anche di una restrizione creditizia da parte del sistema bancario, in linea con la media nazionale. La percentuale di imprese che ha richiesto credito senza averlo ottenuto è aumentata drasticamente nell'ultimo trimestre del 2008: nelle Marche, la percentuale di imprese razionate, prima stabilmente al di sotto del 10%, è passata al 30% a fine 2008, per poi diminuire gradualmente fino a raggiungere il 10% a fine Anche in 17

18 questo caso, è opportuno ricordare che il semplice dato descrittivo non è in grado di fornire un'indicazione univoca circa la presenza di un'effettiva riduzione dell'offerta di credito da parte del sistema bancario (credit crunch). Il maggior tasso di razionamento che si osserva potrebbe essere la risposta ottimale delle banche all'aumento della rischiosità media della clientela, la cui situazione finanziaria e reddituale potrebbe essere peggiorata a causa della crisi. Un'analisi più dettagliata del mercato italiano, che tiene conto di questo ed altri fattori, conferma tuttavia la presenza di una restrizione dell'offerta di credito nel periodo successivo al fallimento di Lehman Brothers (Albertazzi e Marchetti 2010; Presbitero, Udell e Zazzaro 2012). Figura 1.7: Domanda e offerta di credito, Marche e Italia 40 Accesso al credito bancario Domanda di credito e razionamento, Italia e Marche Percentuale di imprese che: q1 2008q2 2008q3 2008q4 2009q1 2009q2 2009q3 2009q4 2010q1 2010q2 2010q3 2010q4 Richiedono credito - Italia Sono razionate - Italia Richiedono credito - Marche Sono razionate - Marche Note: elaborazioni su dati ISAE/ISTAT. A conferma di un inasprimento delle condizioni di offerta di credito, la Figura 1.8 mette in evidenza come, in corrispondenza dello scoppio della crisi finanziaria globale, le imprese italiane - e marchigiane in particolare - debbano fronteggiare una maggiore difficoltà ad accedere al credito. Nelle Marche, la percentuale di imprese che giudica le condizioni di accesso al credito bancario peggiorate rispetto al trimestre precedente è aumentata dal 21% a inizio 2008 al 53% nell'ultimo trimestre dello stesso anno (il corrispondente dato nazionale è pari al 40%); solo nella seconda metà del 2010 questa percentuale è diminuita al di sotto del 20%. Infine, se si osserva la disaggregazione provinciale (Figura 1.9), emergono alcune interessanti differenze. I dati delle imprese delle province di Ancona e Macerata mostrano un trend piuttosto simile a quello regionale. Diversamente, le rilevazioni relative alla provincia di Pesaro e Urbino dipingono una situazione peggiore: circa il 30% delle imprese ha percepito un peggioramento nelle condizioni di accesso al credito bancario per tutto il 2009 e per il primo 18

19 trimestre del 2010 (erano il 59% a fine 2008). Al contrario, nella provincia di Ascoli Piceno sembra essersi verificato un inasprimento meno marcato a fine 2008, benché questo si sia poi protratto per un periodo più lungo (a metà 2009 il 39% delle imprese dichiarava un peggioramento delle condizioni di accesso al credito). Figura 1.8: Condizioni di accesso al credito bancario, Marche e Italia 60 Condizioni di accesso al credito bancario Quota di imprese che dichiarano un peggioramento delle condizioni 50 Valori percentuali q1 2008q2 2008q3 2008q4 2009q1 2009q2 2009q3 2009q4 2010q1 2010q2 2010q3 2010q4 Italia Marche Note: elaborazioni su dati ISAE/ISTAT. Figura 1.9: Condizioni di accesso al credito bancario nelle province marchigiane 60 Condizioni di accesso al credito bancario Quota di imprese che dichiarano un peggioramento delle condizioni 50 Valori percentuali q1 2008q2 2008q3 2008q4 2009q1 2009q2 2009q3 2009q4 2010q1 2010q2 2010q3 2010q4 Ancona Macerata Pesaro Ascoli Piceno Note: elaborazioni su dati ISAE/ISTAT. 19

20 20

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE?

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? II Forum annuale sulla Finanza d impresa Gli strumenti per affrontare la crisi e sostenere la crescita delle PMI Prato, 23 aprile 2009 Email: a.doti@centrofiditerziario.it

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

IL SISTEMA DEL CREDITO NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

IL SISTEMA DEL CREDITO NELLA PROVINCIA DI FIRENZE I R P E T Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana IL SISTEMA DEL CREDITO NELLA PROVINCIA DI FIRENZE RAPPORTO 2011 Firenze, 2011 RICONOSCIMENTI Il presente Rapporto, coordinato da Stefano Casini

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma dicembre 2013 2 0 1 3 44 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2014 Pisa, 15 maggio 2015. Tra il 2013 ed il 2014 il numero di sportelli bancari attivi in provincia di Pisa segna un ulteriore contrazione passando

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PAGANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PAGANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1121 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PAGANO Modifiche all articolo 13 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito,

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma gennaio 211 2 1 1 1 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma luglio 2013 2 0 1 3 22 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Imprese femminili e credito Juri Marcucci Banca d Italia Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 I lavori Che Genere di impresa? Differenziali di performance

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Prof.ssa Rosa Adamo Corso di Istituzioni di Economia degli Intermediari Finanziari Sommario 1. L istituzione di un unico albo

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Roma, 12 novembre 2008 La CNA di Roma ha condotto dal 29 ottobre al 4 novembre 2008 un indagine tra

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Conferenza Fedart Roma,1 dicembre 2014 Outline La spirale

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Roma, 21 settembre 2015

Roma, 21 settembre 2015 Roma, 21 settembre 2015 CREDITO, SVIMEZ: CONFIDI AL SUD TROPPO PICCOLI E POVERI, EROGANO IL 25% RISPETTO A QUELLI DEL CENTRO-NORD La SVIMEZ: Servono interventi organici nell ambito del credito e dei Confidi

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Prestiti bancari alle imprese (1) (variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) -10 2007

Prestiti bancari alle imprese (1) (variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) -10 2007 . IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE..1 I prestiti alle imprese Nei dodici mesi terminanti a giugno 14, i prestiti bancari alle imprese si sono contratti del, per cento al Centro Nord e del,4 per cento nelle

Dettagli

5. Considerazioni conclusive

5. Considerazioni conclusive 5. Considerazioni conclusive Il quadro emerso dallo studio mostra come il sistema creditizio provinciale sia caratterizzato dalla forte presenza di piccole banche e/o di banche locali e da una buona copertura

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Credito, garanzia e impresa

Credito, garanzia e impresa FEDERCONFIDI Credito, garanzia e impresa Stefano Mieli Direttore Centrale dell Area Vigilanza Bancaria e Finanziaria Torino 26 novembre 2011 Indice 1. Il ruolo dei confidi: elementi di forza e criticità

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Banca Marche a supporto delle nuove imprese

Banca Marche a supporto delle nuove imprese Banca Marche a supporto delle nuove imprese Università di Urbino 23/01/2014 Giordano Fulvi Responsabile Servizio Marketing PMI 1 PREMESSA Il perdurare della crisi sta determinando un trend negativo nel

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico LE NOVITA NORMATIVE E LA COLLABORAZIONE DEI CONFIDI CON IL FONDO CENTRALE DI GARANZIA Quale ruolo per i confidi nel nuovo contesto di mercato? Milano, 10 ottobre 2014

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Le garanzie come strumento per agevolare l accesso al credito delle PMI

Le garanzie come strumento per agevolare l accesso al credito delle PMI Le garanzie come strumento per agevolare l accesso al credito delle PMI Firenze, 26 febbraio 2015 Crisi economica: si assiste ad un attenuazione del credit crunch per le imprese ma i prestiti sono ancora

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011

L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011 Approfondimento annuale numero 1/12 L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011 Introduzione Nel 2011 il contributo del settore primario al valore aggiunto nazionale è stato del 2%, mentre quello

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

IL CREDITO BANCARIO A LIVELLO LOCALE

IL CREDITO BANCARIO A LIVELLO LOCALE GIUSEPPE AMMANNATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA IL CREDITO BANCARIO A LIVELLO LOCALE ABSTRACT L obiettivo di questo lavoro è esaminare le principali caratteristiche del mercato del credito bancario

Dettagli