LA NUOVA STRUTTURA DELLE RELAZIONE TRA IMPRENDITORE AGRICOLO E SISTEMA. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA STRUTTURA DELLE RELAZIONE TRA IMPRENDITORE AGRICOLO E SISTEMA. Introduzione"

Transcript

1 LA NUOVA STRUTTURA DELLE RELAZIONE TRA IMPRENDITORE AGRICOLO E SISTEMA CREDITIZIO: UN ANALISI SINTETICA DEL MERITO CREDITIZIO DELLE AZIENDE AGRICOLE ITALIANE ATTRAVERSO LE INFORMAZIONE DELLA RETE DI INFORMAZIONE CONTABILE AGRICOLA (RICA). Felice Adinolfi 1 e Fabian Capitanio 2 Introduzione Le profonde evoluzioni di cui sono stati protagonisti i sistemi agricoli negli ultimi anni hanno sollecitato una crescente attenzione da parte degli operatori e dei policy maker al tema dell accesso al capitale di rischio. Lo scenario di riferimento per l agricoltore europeo è profondamente mutato; il nuovo paradigma che sottende l intervento pubblico a favore del settore agricolo sta conducendo ad una progressiva riduzione dei livelli di protezione accordati all imprenditore agricolo ed a cambiamenti sostanziali nella natura, nelle finalità e nelle modalità di accesso al sostegno diretto, oggi ancorato alla produzione di esternalità positive e sempre più associato alla dimensione territoriale dell intervento, più che a quella settoriale. Parallelamente, anche in ragione del nuovo protagonismo, sia sul lato dell offerta che su quello della domanda, assunto da alcuni grandi paesi, quali Brasile, Cina e India, i mercati hanno registrato una significativa intensificazione degli scambi ed un considerevole aumento dei volumi commercializzati. Ciò ha inevitabilmente condotto ad una intensificazione della pressione competitiva e ad un ulteriore incremento dell esposizione dell agricoltore al rischio associato all attività di impresa. In questa prospettiva, con l ultima revisione che ha accompagnato l health check, lo stesso percorso riformatore della PAC ha posto grande enfasi sul tema della gestione del rischio in agricoltura, che rappresenta, nei fatti, una delle novità più importanti della proposta giuridica recentemente varata dall UE. Si tratta di un ambito di riflessione e di intervento che assumerà sempre maggiore importanza e che coinvolge anche gli strumenti e le modalità di accesso al credito. L uso del credito rappresenta, non solo uno strumento a supporto della sopravvivenza e della crescita dell impresa, ma anche una importante risorsa per la gestione dei rischi. Infatti, laddove il danno potenziale degli eventi indesiderati è per gli agricoltori limitato, il rischio può essere utilmente affrontato con misure ex-post. La più comune di queste è basata proprio sull uso del credito o dei risparmi, allo scopo di evitare riduzioni nel livello dei consumi e garantire un adeguato livello del capitale di anticipazione. In questo modo le conseguenze dell evento dannoso possono essere spalmate nel tempo, ed il suo costo è rappresentato dal costo opportunità delle riserve finanziarie che devono essere mobilizzate. Inoltre, i processi evolutivi in atto negli ultimi anni hanno prodotto anche importanti cambiamenti nell assetto dei sistemi agroalimentari, conducendo ad una progressiva riarticolazione dei rapporti lungo la filiera e al crescente protagonismo della grande distribuzione. In questo rinnovato scenario la sopravvivenza e la crescita dell impresa agricola necessitano di comportamenti imprenditoriali e dotazioni strutturali, organizzative e finanziarie diversi rispetto al recente passato; all interno di questa cornice, uno dei temi fondamentali è rappresentato dalla capacità dell impresa agricola 1 Ricercatore Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Medicina Veterinaria 2 Ricercatore Università degli Studi di Napoli Federico II, Collaboratore Centro di Portici

2 di accedere ai moderni servizi al credito, la cui disciplina è, peraltro, in questi ultimi anni profondamente mutata. Oggi la possibilità di accedere al capitale di prestito e la disponibilità di prodotti finanziari adeguati rappresentano un fattore imprescindibile per la crescita dell impresa agricola e in questa direzione un nuovo rilievo assume il rapporto tra banche e impresa agricola. Se nel passato il credito in agricoltura è stato regolato da regimi speciali che, promuovendo migliori condizioni di accesso per gli agricoltori, si sono configurati come veri e propri strumenti di politica agraria, oggi con il nuovo Testo Unico 3 in materia bancaria e creditizia e l introduzione delle regole di Basilea 2, la condizione di imprenditore agricolo cessa di fruire di gran parte di quelle norme speciali che hanno consentito di rendere per l agricoltore scarsamente rilevante il ruolo delle garanzie nei rapporti con il sistema creditizio. Obiettivi del lavoro Il regime speciale di cui ha goduto il credito agricolo ha di fatto considerevolmente ridotto i rischi sia dei beneficiari che degli istituti erogatori, sfavorendo l acquisizione di competenze organizzative e imprenditoriali strutturate da parte delle imprese e di strumenti e risorse specializzati nella gestione del rischio da parte delle banche. Le innovazioni normative introdotte negli ultimi anni riconfigurano il rapporto tra banche e imprese agricole e il credito agrario diventa un credito di impresa che, pur mantenendo alcune peculiarità, segue la strada della despecializzazione, risultando sostanzialmente attenuato lo stesso vincolo di destinazione del credito che caratterizzava la regolamentazione antecedente all introduzione del Testo Unico in materia bancaria. L agricoltore è quindi oggi più vicino e condizionato dall evoluzione del mercato del credito e le sue possibilità di accesso ai capitali di prestito richiedono dotazioni organizzative e finanziarie adeguate, oltre che una maggiore capacità di interlocuzione con il sistema creditizio. In particolare le regole di Basilea 2 richiedono che gli istituti di credito supportino con un adeguato capitale il rischio assunto e opportunamente misurato. Regole maggiormente stringenti in tal senso producono un primo grande effetto che attiene alla necessità degli istituti di credito di ricomporre il proprio attivo a favore di attività meno rischiose, stimolando l acquisizione di pratiche e strumenti per una più accurata valutazione del rischio associato ai soggetti affidatari. Su questo terreno sarà determinante per le imprese la promozione di flussi informativi chiari e trasparenti verso il sistema bancario che, sulla base del merito creditizio dei soggetti valutati, determinerà le condizioni di accesso al credito. Questo sistema di regole profondamente mutato si innesta in un contesto agricolo nazionale tradizionalmente caratterizzato da un marcato poliformismo strutturale, schiacciato, soprattutto nelle aree meridionali, verso dotazioni strutturali ed organizzative modeste. Questo produce una diffusa difficoltà ad accedere a servizi avanzati, spesso anche a causa di modeste risorse in termini di beni relazionali. Il presente lavoro ha lo scopo di fornire un quadro di insieme sulla capacità attuali delle aziende agricole italiane di accedere al mercato del credito, utilizzando il patrimonio informativo della Rete di Informazione Contabile Agricola (RICA), gestita, in Italia, 3 DLgs n.385/1993.

3 dall Istituto Nazionale di Economia Agraria (INEA), relativamente agli anni 2004, 2005 e Sulla scorta di precedenti esperienze che hanno dato vita alla definizione dei primi sistemi di rating per le aziende agricole, sollecitate anche dalla necessità di favorire il ruolo del credito nell accesso ai fondi per lo sviluppo rurale per il periodo , in questo lavoro si è preso a riferimento un modello probabilistico di default standard, al fine di formulare un giudizio di sintesi sul merito creditizio (rating) delle aziende agricole italiane, basato sui valori medi delle circa aziende del campione RICA per i differenti anni considerati. Di seguito si riportano alcune tra le principali caratterizzazioni della realtà indagata. Figura 1- Distribuzione del campione (%) per ordinamento tecnico economico (OTE) 30,00 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 0,00 Seminativi Ortofloricolo Arboreo Erbicolo Granivoro Policolturale Poliallevamento Misto Colt.-Allev. Figura 2 Distribuzione del campione (%) per dimensione economica (UDE) 50,00 40,00 30,00 20,00 10,00 0,00 Micro Piccole Medie Grandi

4 Figura 3 Ripartizione geografica (%) del campione 9,00 8,00 7,00 6,00 5,00 4,00 3,00 Numerosità regionale % 2,00 1,00 0,00 Val D'Aosta Piemonte Lombardia Trento Bolzano Veneto Friuli Liguria Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Numerosità regionale % Calabria Puglia Basilicata Sicilia Sardegna Metodologia e dati utilizzati Il tema della gestione del rischio di insolvenza ha assunto un rilievo straordinario a partire dalle prime crisi che hanno investito il sistema creditizio a partire dai primi anni '90 che hanno colpito colossi bancari come il Credit Lyonnaise o le "Saving and Loans Association" statunitensi. Così si è sviluppato nel corso di questi anni una riflessione approfondita sugli strumenti di valutazione e gestione del rischio disponibili per gli istituti creditizi. Le istituzioni internazionali, ed in primo luogo il Comitato di Basilea, si sono prodigate nella ricerca di misure che fossero in grado di prevenire, o quanto meno limitare, il ripetersi di crisi così disastrose che producono riflessi significativi in termini di costi collettivi. Si è arrivati così al Nuovo Accordo sul capitale, emanato nel gennaio 2001, in cui si prevede l'adozione di modelli di rating interni, derivati dalla combinazione tra valutazioni di tipo qualitativo, fornite dagli analisti e di tipo quantitativo, risultanti dall applicazione di modelli statistico-matematici. La valutazione di un impresa passa attraverso l analisi di alcuni valori fondamentali in grado di descrivere la capacità dell azienda di generare un adeguata redditività, un contenuto livello di indebitamento ed una idonea copertura dei fabbisogni di capitale e l attribuzione del rating consiste proprio nella formulazione di un giudizio sintetico sul merito creditizio dell impresa, che consente di collocare la stessa all interno di una classificazione definita ex ante. La formulazione del giudizio dipende in misura preponderante da elementi quantitativi che attengono la rilevazione delle performance aziendali e la sua solidità patrimoniale, e in misura minore da valutazioni qualitative il cui peso può essere più o meno rilevante in relazione al livello di conoscenza che la banca ha dell impresa.

5 Ai fini dell attribuzione di giudizi sul merito creditizio delle aziende agricole italiane in questo lavoro è stato utilizzato il metodo dell EM Score di Altman 4, uno degli indici di rating più diffusi, il cui algoritmo è utilizzato a base della valutazione da molte agenzie di rating 5. L uso dell EM-Score di Altman consente di valutare in linea generale lo stato di affidabilità delle aziende osservate utilizzando valori desunti dai bilanci. Così, nel solco di altre esperienze in atto 6, è stato definito un quadro di riferimento rappresentativo del merito creditizio espresso dalla realtà agricola nazionale. Nello specifico, le variabili necessarie per il calcolo dell' EM Score di Altman, la cui formula è di seguito riportata, sono state ricavate dalla riorganizzazione dei dati contabili rilevati nell ambito del campione statistico RICA, all interno di uno schema di bilancio riclassificato. EMScore = (C/K) (U/K) (RO/K) (PN/PT) Dove, C = capitale circolante, K = capitale investito, U = utili non distribuiti, RO = risultato operativo, PN = patrimonio netto, PT = passività totali L applicazione dell' EM Score di Altman restituisce un valore finale compreso tra 0 e 30 che, attraverso l inserimento in una classifica di riferimento, consente di attribuire il rating all azienda esaminata. La classificazione presa a riferimento utilizza la matrice classica adottata da Standard & Poor s (20 classi di riferimento con voto espresso in lettere), ed è stata ulteriormente aggregata in tre aree di affidabilità (Sicurezza, Vulnerabilità, Rischiosità), mutuate dal progetto Crea 7. Ad ogni intervallo dello score sono così associate diverse classi di Rating, l intervallo di probabilità di default (PD) e l area sintetica di affidabilità. 4 Elaborato, insieme allo z-score, dal Prof. Edward Altman 5 In particolare Standards & Poor's e Fitch IBCA 6 Ci si riferisce in particolare al progetto Crea della Regione Emilia Romagna, che sulla base delle informazioni contenute nella RICA ha organizzato un sistema di riferimento per il rating delle aziende aricole regionali 7 Il sistema agro-alimentare dell Emilia-Romagna, Rpporto 2007, a cura di Roberto Fanfani e Renato Pieri

6 Tabella 1: EM Score di Altman: valori, classi di Rating, intervalli di PD e aree di affidabilità EM Score di Altman RATING Intervalli PD Area di Affidabilità EM> 8,15 AAA 0% - 0,25% 8,14<EM<7,60 AA+ 0,25% - 0,37% 7,59<EM<7,30 AA 0,37% - 0,43% 7,29<EM<7,00 AA- 0,43% - 0,50% 6,99<EM<6,85 A+ 0,50% - 0,62% 6,84<EM<6,65 A 0,62% - 0,79% SICUREZZA 6,64<EM<6,40 A- 0,79% - 1,00% 6,39<EM<6,25 BBB+ 1,00% - 1,19% 6,24<EM<5,85 BBB 1,19% - 1,73% 5,84<EM<5,65 BBB- 1,73% - 2,00% 5,64<EM<5,25 BB+ 2,00% - 2,90% 5,24<EM<4,95 BB 2,90% - 3,56% VULNERABILITA' 4,94<EM<4,75 BB- 3,56% - 4,00% 4,74<EM<4,50 B+ 4,00% - 5,48% 4,49<EM<4,15 B 5,48% - 7,59% 4,14<EM<3,75 B- 7,59% - 10,00% 3,74<EM<3,20 CCC+ 10,00% - 20,96% RISCHIOSITA' 3,19<EM<2,50 CCC 20,96% - 34,97% 2,49<EM<1,75 CCC- 34,97% - 50,00% EM<1,74 D > 50,00% L EM Score di Altman è stato così applicato al campione RICA, stratificato per OTE, classe di UDE e ripartizione geografica, per gli anni 2004, 2005 e 2006 e, al fine approfondire l analisi in chiave dinamica, è stato osservato il comportamento di un campione di 8145 aziende costante nei tre anni considerati. I risultati L applicazione dell EM Score di Altman evidenzia in primo luogo come la distribuzione delle aziende per classi di rating sia sbilanciata verso l area della vulnerabilità (classi BB+ fino a BB-), centrale rispetto al sistema di classificazione utilizzato, disegnando una distribuzione gaussiana normale con una leggera asimmetria negativa.

7 Figura 4: Distribuzione delle aziende per classe di Rating Distribuzione aziende per classe di Rating ,2 13, ,6 9,4 10,8 10,0 8 6, ,3 2,3 1,7 2,3 2,5 1,6 3,6 2,6 3,9 1,4 0,5 0,2 0,4 0 AAA AA+ AA AA- A+ A A- BBB+ BBB BBB- BB+ BB BB- B+ B B- CCC+ CCC CCC- D Una importante indicazione viene comunque dalla quota significativa di aziende che si collocano nelle classi di rischio associate all area della sicurezza. Si tratta di una quota che comprende il 35.66% delle aziende agricole italiane e che coinvolge soprattutto la classe di UDE compresa tra 6 e 7 8, con un valore pari al 48.4% del totale (Tabella 2). In questo senso, l attribuzione del rating rileva una forte concentrazione delle piccolissime imprese nelle aree della vulnerabilità e una maggiore presenza nell area della sicurezza delle medie e, soprattutto, grandi imprese (Figura 5). Tabella 2 Ripartzione per classe di UDE tra le aree di rischio Micro Piccole Medie Grandi Sicurezza 18,9 30,7 36,4 48,4 Vulnerabilità 24,7 38,7 38,0 31,4 Rischiosità 56,3 30,6 25,6 20,2 8 Abbiamo considerato, seguendo la nuova contabilizzazione, come imprese micro quelle inferiori a 1 UDE, come piccole quelle comprese tra 2 e 3 UDE, medie quelle comprese tra 4 e 5 UDE e quelle grandi tra 6 e 7 UDE (rispettivamente, per la vecchia contabilizzazione, micro <2UDE; piccole comprese tra 2 e 8 UDE; medie tra 8 e 40 UDE; grandi oltre le 40 UDE).

8 Figura 5 Distribuzione delle aziende per gruppi di dimensione economica Distribuzione EMScore agricolo per UDE 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Micro Piccole Medie Grandi Sicurezza Vulnerabilità Rischiosità Riguardo all indirizzo produttivo, l analisi rileva come gli OTE con maggiori quote di aziende nell area della sicurezza siano quelli ortofloricolo (51,64%), granivoro (47,46%), arboreo (42,93%) ed erbicolo (41,04%). Risulta al contrario critica la distribuzione per classi di rischio dei seminativi dove le aziende in area di rischiosità risultano pari al 46,21% (Figura 6).

9 Figura 6 Ripartizione per OTE tra le aree di rischio Classe Rating per OTE 60,00 50,00 40,00 30,00 20,00 10,00 0,00 Seminativi Ortofl. Arboreo Erbicolo Granivoro Policolt. Poliallev. Misto Colt.-Allev. sicurezza vulnerabilità rischiosità Per quanto concerne la distribuzione geografica, il Mezzogiorno risulta essere caratterizzato dalla maggiore concentrazione delle aziende agricole nelle classi di rating più elevate, mentre, all opposto, quelle del settentrione si caratterizzano per una forte presenza di aziende nella coda di sinistra della distribuzione, associata alle aree di minore affidabilità (Figura 7).

10 Figura 7 Distribuzione delle aziende per area geografica Numerosità per classe EMScore Agricolo per area geografica 16,00 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 AAA AA A+ A- BBB BB+ BB- B CCC+ CCC- Nord Centro Sud La distribuzione delle aziende per classi di rischio e di SAU evidenzia, inoltre, come il parametro della patrimonializzazione (che per le aziende agricole coincide in larga parte con il valore fondiario) giochi un ruolo fondamentale nell atribuzione dello score aziendale.

11 Figura 8 Distribuzione delle aziende per classe di SAU Classe rating per classe SAU sicurezza vulnerabilità rischiosità classe SAU In linea generale l analisi del legame tra caratterizzazioni aziendali e score di Altman mette, infatti, in rilievo l importanza rivestita dalla variabile patrimonio nell attribuzione dello score aziendale e nella conseguente attribuzione della classe di rischio. Ciò conferma la necessità evidenziata in altre esperienze di un utilizzo più cauto di parametri classici, come l EM Score di Altman per la valutazione delle aziende appartenenti al settore agricolo 9, sollecitando l opportunità di costruire un indice specifico per le imprese del settore primario. Ovviamente una elevata patrimonializzazione di una azienda rappresenta, nei fatti, la migliore garanzia per gli istituti creditizi ma, laddove il capitale di rischio vuole e deve essere uno strumento premiante per la gestione del rischio di impresa e della capacità imprenditoriale, il pericolo che si corre utilizzando un parametro come l EMscore di Altman è quello di escludere le aziende più dinamiche e più inserite nell attuale sistema di competizione globale sui mercati. Una lettura che trova riscontro anche nel dato della distribuzione geografica del rischio, che mette in luce una maggiore esposizione per le aziende del nord rispetto al resto del paese, a fronte di performance gestionali che invece risultano al contrario migliori nelle aree settentrionali. Un risultato che sembrerebbe confermare l esistenza di un problema di bassa premialità dell EM Score di Altman per le aziende che si indebitano e che si ristrutturano, ovvero, di un giudizio di valore che potrebbe rivelarsi inadeguato soprattutto laddove l elevata patrimonializzazione è il risultato di rendite in parte improduttive, ereditate dal sistema di incentivi del passato. Se infatti si approfondisce la lettura dei bilanci aziendali emerge come i modelli di impresa più dinamici, con maggiori rapporti con il mercato, maggiore elasticità produttiva, migliore produttività dei fattori, pur trovando collocazione generalemnte all interno di classi di merito creditizio ricomprese nell areadell sicurezza (ed in particolare da A a BBB-), risultano penalizzate rispetto a modelli di impresa che, pur caratterizzati da grandi superfici ed elevati volumi produttivi, risultano essere scarsamente integrate con i mercati e con margini unitari spesso modesti in relazione 9 Si fa riferimento al modello di rating messo a punto da ISMEA, in collaborazione con Moody s KMV

12 alla dotazione fattoriale. Si tratta di aziende prevalentemente dedite alla produzione cerealicola e all allevamento, spesso ubicate nelle regioni meridionali che risultano, per le loro caratteristiche, esposte più di altre ai rischi connessi alle fluttuazioni dei prezzi e al cosidetto rischio istituzionale, che attiene principalmente all arretramento del sostegno accordato all agricoltura dalle istituzioni pubbliche. La particolarità del settore agricolo rispetto alla restante parte del tessuto produttivo è, inoltre, confermata dai valori assunti dall indicatore Indebitamento/Patrimonio Netto. La ridotta percentuale di aziende del settore con tassi di indebitamento superiori al 10% del patrimonio netto denota in tal senso una scarsa attitudine del settore a supportare percorsi di crescita e sviluppo attraverso il ricorso all indebitamento. Figura 9 Tasso di indebitamento su patrimonio netto indebitamento/patrimonio netto <10% 10<x<35 35<x<50 50<x<75 >75 sicurezza vulnerabilità rischiosità Passando all analisi del campione di aziende costante nel triennio , un primo elemento che emerge dalla lettura delle migrazioni all interno delle tre macro aree di merito creditizio è rappresentato dalla generale stabilità del quadro complessivo. Rispetto agli indirizzi produttivi, oltre ad un leggero scivolamento delle aziende a seminativi verso classi inferiori di rating (tabella 4), la situazione dei flussi appare piuttosto stabile. Il dettaglio mette comunque in evidenza la progressiva erosione dello score delle aziende medio piccole considerate 10 e, al contrario, dall avanzamento del merito 10 Classi di UDE da 0 a 3 secondo la nuova classificazione (da meno di 1UDE a 8 UDE secondo la vecchia contabilità).

13 creditizio delle strutture di medie e grandi dimensioni 11. Risulta, inoltre, interessante notare come alle aziende che nel corso del triennio considerato hanno investito di più in termini relativi, siano associati i flussi migratori più consistenti verso le classi di rating superiori. Il rapporto tra investimernto e parte attiva dello stato patrimoniale evidenzia, infatti, come per le aziende con valori più elevati dell indicatore considerato, si siano registrati nel periodo saldi migratori a favore delle classi di rating più elevate. Queste aziende sono nella maggior parte dei casi caratterizzate da livelli di indebitamento molto bassi e, di conseguenza, dal ricorso quasi esclusivo alle fonti proprie per sostenere gli investimenti aziendali. Questo oltre a confermare la scarsa propensione all indebitamento delle aziende agricole potrebbe essere interpretato anche come un segnale della difficoltà di stabilire rapporti organici tra banca e impresa agricola. Tabella 3 - Migrazioni tra Classi di Rating per gruppi di UDE nel campione costante Sicurezza Vulnerabilità Rischiosità Sicurezza Vulnerabilità Rischiosità Micro * 2,31% 3,43% Piccole * 3,21% 1,79% Medie * 1,87% 0,98% Grandi * 0,98% 0,64% Micro 0,93% * 0,54% Piccole 1,42% * 1,31% Medie 2,78% * 1,83% Grandi 3,12% * 1,72% Micro 0,21% 0,98% * Piccole 0,93% 1,21% * Medie 1,11% 2,53% * Grandi 0,94% 4,12% * 11 Classe di UDE da 4 a 7; superiori a 8 UDE secondo la vecchia contabilità.

14 Tabella 4 - Migrazioni tra Classi di Rating per gruppi di OTE nel campione costante Sicurezza Vulnerabilità Rischiosità Sicurezza Vulnerabilità Rischiosità Seminativi * 4,48% 1,78% Ortofloricolo * 0,98% 0,85% Arboreo * 0,34% 0,72% Erbicolo * 3,89% 1,36% Granivoro * 0,89% 0,63% Policolturale * 0,76% 0,48% Poliallevamento * 0,54% 0,61% Misto Colt.-Allev. * 0,87% 0,47% Seminativi 1,79% * 2,12% Ortofloricolo 2,34% * 1,12% Arboreo 4,63% * 1,67% Erbicolo 1,98% * 0,98% Granivoro 1,11% * 0,78% Policolturale 1,34% * 0,65% Poliallevamento 1,46% * 1,21% Misto Colt.-Allev. 0.98% * 1,53% Seminativi 0,93% 1,89% * Ortofloricolo 1,32% 2,21% * Arboreo 1,65% 2,54% * Erbicolo 0,87% 3,11% * Granivoro 1,27% 1,78% * Policolturale 0,95% 1,43% * Poliallevamento 1,08% 1,21% * Misto Colt.-Allev. 1,07% 1,78% *

15 Tabella 5 - Migrazioni tra Classi di Rating per % investimenti/attivo SP nel campione costante Sicurezza Vulnerabilità Rischiosità Sicurezza Vulnerabilità Rischiosità <10% * 3,41% 4,23% 10%<x<35% * 3,81% 3,72% 35%<x<50% * 2,37% 1,98% 50%<x<75% 1,11% 1,02% >75% * 0,98% 0,64% <10% 0,85% * 2,73% 10%<x<35% 1.08% * 2,15% 35%<x<50% 2,13% * 1,89% 50%<x<75% 2,76% 1,08% >75% 3,98% * 0,74% <10% 0,14% 0,78% * 10%<x<35% 0,63% 1,43% * 35%<x<50% 0,98% 2,68% * 50%<x<75% 1,06% 3.21% >75% 1,94% 3,97% * Considerazioni conclusive Il tema della valutazione del rischio di impresa è oggi di preminente interesse per il settore agricolo, sia in virtù di un profondo processo di trasformazione che sta investendo i mercati finanziari nazionali ed internazionali, sia in relazione alle dinamiche che interessano nello specifico il settore. Il mutamento del quadro istituzionale, la nuova organizzazione dei mercati e delle filiere, insieme all intensificarsi delle spinte competitive definiscono una situazione nuova per gli operatori del settore, in cui l esigenza di investimenti materiali e immateriali è ineludibile per garantire la crescita e la rigenerazione, nel tempo, delle strutture agricole. In quest ottica il ricorso al credito rappresenta uno strumento indispensabile per le imprese agricole. La maggiore esposizione al rischio di mercato e le nuove regole che hanno modificato le condizioni di accesso al credito per gli agricoltori rendono, però, questa opzione meno facile che in passato e lo stesso dato, scaturito dall analisi, relativo allo scarso ricorso all indebitamento da parte delle aziende agricole evidenzia la necessità, in molte strutture, di riorganizzare gli assetti e le funzioni gestionali. La nuova configurazione del rapporto banca impresa, inoltre, sarà segnata da una progressiva spersonalizzazione, dove il peso della cosiddetta banking relationship nella concessione del credito si ridurrà, per far posto ad un maggior rilievo delle variabili di bilancio. Infatti, pur rimanendo significativa, la componente intangibile del rating aziendale (sintesi delle valutazioni di natura qualitativa) peserà sullo score finale non più del 10 15% (Crivellaro 2008). Capitalizzazione e redditività, quindi, rappresenteranno gli elementi fondamentali per accedere al credito e contenerne il costo.

16 Questo implicherà per l imprtesa la necessità di assicurare flussi informativi dettagliati e trasparenti, basati su rigidi principi contabili, condizione oggi non garantita da una quota rilevante di aziende. L analisi effettuata suggerisce, infine, la necessità di proseguire nelle esperienze già avviate, finalizzate alla realizzazione di sistemi di valutazione calibrati sulle reali caratterizzazioni del settore primario. I metodi classici di attribuzione del merito creditizio, in ragione dell elevato grado di patrimonializzazione generalmente associato alle aziende agricole, restituiscono score generalmente elevati e sovrastimati rispetto alle reali condizioni di equilibrio economico e patrimoniale delle aziende stesse, determinando, di conseguenza, un basso rischio di default per gran parte delle strutture imprenditoriali 12. Bibliografia Altman, E. e Haldeman, R.: " Corporate credit-scoring models: approaches and tests for successful implementation", Journal of Commercial Lending, Vol.77, n.9, 1995, pp Appetiti, S. : "L' analisi discriminante e la valutazione della fragilità finanziaria delle imprese", Basel Committee on Banking Supervision, (2004), International Convergence of Capital Measurement and Capital Standards: a Revised Framework, Giugno 2004 Crivellaro P: Il nuovo rapporto banche e imprese agricole: dal conflitto alla partnership, in Il nuovo credito Bancario alle imprese agricole, Ed agricole, Milano 2008 De Luca, A.: "Il credit-scoring supporto decisionale per la concessione del credito", Credito Popolare, Vol.5, n.3, 1998, pp Frattini, F. e Mantoan, M. :"Credit scoring e sistemi esperti nella valutazione del merito di credito", Latini, P.F. :"I modelli per la determinazione dei rischi di credito: soluzioni operative e possibili evoluzioni per l'applicazione ad operazioni di merchant banking", Mondo Bancario, n.3, anno 41, pp Lucarelli C.: Dal credito agrario per l agricoltore alla finanza per limprenditore agricolo, Agriregionieuropa, anno II, n.4, 2006 Mester, L. J.: "What s the point of credit-scoring?", Business Review- FRB Philadelphia, 1997, pp Mignani, S. :"La scelta delle variabili nell' analisi discriminante: una verifica empirica del metodo stepwise fondato sui tassi d' errore", Fanfani, R. e Pieri R.: Il sistema agro-alimentare dell Emilia-Romagna, Rapporto 2007, a cura di. Sadocchi, S. :"Manuale di analisi statistica multivariata", Franco Angeli, Milano, Szego, G, :"Il controllo del rischio creditizio", Il rischio creditizio.misura e Controllo, Utet libreria, Torino, Tagliavini, G. : "La valutazione del merito creditizio nei prestiti personali e nel credito al consumo", Risparmio, Vol.36, n.2, 1998, pp Varetto, F.: "Il sistema di diagnosi dei rischi di insolvenza della centrale dei bilanci", Bancaria editrice, Roma, M. Core, G. Magagnali, 2008.

17 Varetto, F. :"Metodi di prevenzione delle insolvenze: un' analisi comparata", 1999, pp Venceslai G.: L evoluzione della disciplina sul capitale bancario e le garanzie pubbliche in agricoltura, in Il nuovo credito Bancario alle imprese agricole, Ed agricole, Milano 2008

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto

Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto PROGRAMMA EDUCATION FGA WORKING PAPER N. 21 (2/2010) Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto Susanna Granello Direttore della rivista «Esperienze amministrative» 1 Fondazione Giovanni Agnelli, 2010

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013 collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014 INEA 2014 RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo 30 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo Un rilevante progresso comunitario Giorgio Ferrero Presidente Coldiretti Piemonte Il provvedimento, frutto della

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli