Basilea II, PMI e società cooperative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Basilea II, PMI e società cooperative"

Transcript

1 Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Antonello E. Scorcu Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Rimini Università di Bologna Forlì, 25 novembre Basilea II e le PMI Italia: PMI Basilea II e le PMI: retail Basilea II: regole di mercato per tutto il retail (regole comuni per tutte le imprese) NB: le banche grandi sviluppano metodi che premiano le imprese migliori: cioè si possono sviluppare canali diversi più o meno virtuosi (e più o meno costosi) 2

2 Il ruolo delle PMI in Basilea 2 PMI cruciali nelle economie (in sistemi maturi, con talenti diffusi) poiché: reagiscono velocemente agli shock di mercato possono diventare grandi imprese (con R&S, ) PMI con finanziamento esterno (no utili non distribuiti) e forti asimmetrie informative: preponderante la banca PMI rischiose con PD elevato (costo del credito più elevato?) ma anche minore sensibilità a shock sezionali aggregati e meno dipendenti dal ciclo, con singole posizioni che pesano poco (costo del credito ridotto?) Proposta iniziale: requisiti patrimoniali troppo pesanti per le banche e conseguente riduzione del credito alle PMI (specie in Germania e Italia) Dopo gli aggiustamenti (1/2001, 4/2003, 6/2004): transizione facile verso Basilea II per le PMI con bassa PD. Al livello medio di rischiosità (calcolato sui dati ) i requisiti di capitale per le banche su PMI si sono ridotti. 3 Basilea II e gli effetti sul rapporto banca-impresa in Italia Stima più precisa del merito di credito: minori asimmetrie informative tramite un rapporto tra banca e impresa più stabile, duraturo e trasparente. Una relazione più stretta aiuta le banche a migliorare la situazione economico-patrimoniale dell impresa (PD(t) non è esogeno; almeno in parte è controllabile tramite PD(t-1)). Non automazione nell erogazione e gestione del credito, ma trasparenza nella valutazione del rischio usando informazioni qualitative e quantitative. La stima interna della PD si affianca alla valutazione dei gestori, ma non la sostituisce. Se applicato correttamente Basilea II accresce l efficienza allocativa del sistema, tramite una selezione più accurata dei progetti di investimento da finanziare, e riduce il rischio di credito. 4

3 Approccio standard e IRB Aumento dell efficienza Approccio Std Il capitale da detenere varia con il tipo di credito e il rating esterno (Moodys, S&P o Fitch) della controparte. Per le controparti prive di rating esterno (p.e. nuove imprese) l assorbimento dell 8%. In Italia: esiguo numero di imprese con rating esterno; quindi non cambia sostanzialmente nulla rispetto ad oggi. Approccio F- IRB La banca richiedente deve ottenere preliminarmente la validazione della Banca d Italia, del sistema di valutazione interno delle controparti. Il capitale assorbito è funzione del grado di rischio attribuito dalla banca alla controparte (PD) e dei parametri di perdita in caso di insolvenza (LGD) ed esposizione in caso di insolvenza (EAD). Approccio A-IRB La banca, previa validazione del metodo di calcolo, può utilizzare, oltre al rating interno, anche proprie stime LGD e EAD nel calcolo del requisito patrimoniale. 5 I parametri che determinano l assorbimento di capitale PARAMETRI DI RISCHIO IRB APPROCCIO DI BASE IRB APPROCCIO AVANZATO Probabilità di insolvenza (PD) Modello di rating interno Modello di rating interno Esposizione al momento dell insolvenza (EAD) Parametri fissati dal Comitato Modello interno Perdita in caso di insolvenza (LGD) Parametri fissati dal Comitato Modello interno Durata residua dell operazione (M) Da calcolare Da calcolare 6

4 K* L assorbimento del capitale (2004) 20.0% 18.0% 16.0% 14.0% 12.0% 10.0% 8.0% 6.0% 4.0% Corporate fatt. >50ml PMI Corporate fatt. =15 PMI Corporate fatt. <=5 PMI retail Assorbimenti patrimoniali riferiti a 2.0% un esposizione non garantita (LGD=45%) 0.0% PD 0.01% 1.00% 2.00% 3.00% 4.00% 5.00% 6.00% 7.00% 8.00% Corporate: fatturato > 50 mln. PMI: fatturato 5-50 mln (sconto su k* in base al fatturato, fino al 20% rispetto a corporate, dato il rating) Retail (mutui ipotecari, credito al consumo,, piccole imprese): fatturato < 5 mln ed esposizione verso la banca < 1 mln. Approccio standard: RWA dal 100% al 75%, con il capitale a copertura del rischio da 8% a 6%. AA A B B B B- B B ota: corrispondenza tra probabilità di insolvenza e classi di rating sulla base dei tassi di insolvenza S& P 7 L impatto macroeconomico di Basilea II Basilea II è tarato per non avere in media implicazioni significative sulla quantità di credito erogato (non è una manovra di politica monetaria). Gli studi di impatto mostrano che l effetto medio è neutrale (oppure leggermente espansivo). Studio d impatto: differenze percentuali medi dei requisiti patrimoniali rispetto all approccio corrente nei paesi dell EU EU Spagna Austria Corporate PMI PMI Retail PMI Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 1 Gruppo 2 Std. -1% -1% -2% -2% - F-IRB A-IRB -5% -4% -5% -3% -4% -5% - - 8

5 Esempio di ponderazioni del rischio nel sistema IRB per le UL Credito al dettaglio Classe di attività Fatturato ( mil di ) PD 0,03 0,75 1,00 1,30 1,50 3,00 4,00 10,00 15,00 20,00 Crediti verso imprese 50 14,4 82,8 92,3 101,0 105,6 128,4 139,6 193,1 221,5 238,2 5 11,3 65,1 72,4 78,8 82,1 97,6 105,0 146,5 171,9 188,4 Mutui residenziali 4,2 46,5 56,4 67,0 73,5 112,0 131,6 204,4 235,7 253,1 Altri crediti al dettaglio 4,5 40,1 45,8 50,8 53,4 62,8 65,0 75,5 88,6 100,3 Crediti rotativi al dettaglio qualificati 1,0 13,8 17,2 21,0 23,4 38,7 47,2 83,9 103,9 118,0 PMI versus GI 21,7 21,3 21,6 22,0 22,2 24,0 24,7 24,1 22,4 9 20,9 L evidenza empirica per l Italia Altman e Sabato, PMI, Modelli logit 9 classi di rating A-IRB: Accordo June PMI: media corporate K* = 8,74. Bocchi e Lusignani (2004) PMI, Modelli logit 13 classi di rating A-IRB: CP3 (e Gennaio 2004). PMI: media corporate K* = 7,59 (6,43). LGD = 45% Fatt. < 5 mil 5 < Fatt < < Fatt < 50 Retail k*=4,88 % Corporate k*=8,53% k*=9,94% LGD = 43% Fatt. < 5 mil 5 < Fatt < < Fatt < 50 Retail k*=4,83% (3.80%) Corporat e k*=7,47% (6.40%) k*=7,65% (6.50%) 10

6 Modelli di valutazione del rischio di credito: lo Z-Score Altman, 1968 e segg. Lo stato di salute dell impresa e quindi il suo rischio di credito è funzione di un ristretto numero di variabili di bilancio. Per esempio formulazione a 5 variabili dello Z-score: Capitale/totale attivo (0.012) Utili non distribuiti/totale attivo (0.014) Utili prima degli interessi e delle tasse/totale attivo (0.033) Valore di mercato del capitale/valore contabile del passivo (0.006) Vendite/totale attivo (0.999) In base alle informazioni di bilancio il valore dello Z- score; oltre una certa soglia critica non si dovrebbe concedere credito. 11 Modelli di valutazione del rischio di credito: lo Z-Score Altman, 1968 e segg. Lo stato di salute dell impresa e quindi il suo rischio di credito è funzione di un ristretto numero di variabili di bilancio. Per esempio formulazione a 5 variabili dello Z-score: Capitale/totale attivo (0.012) Utili non distribuiti/totale attivo (0.014) Utili prima degli interessi e delle tasse/totale attivo (0.033) Valore di mercato del capitale/valore contabile del passivo (0.006) Vendite/totale attivo (0.999) In base alle informazioni di bilancio il valore dello Z- score; oltre una certa soglia critica non si dovrebbe concedere credito. 12

7 Basilea II e il credito alla cooperazione Imprese cooperative: vantaggi relazionali, rapporto speciale banca impresa, legame col territorio: ceteris paribus (in termini di settore, dimensione ecc) minori possibilità di fallimento? Daremo dei dati Composizione settoriale della cooperazione (servizi, relativamente protetti) 13 La stima di un modello di credit scoring La BANCA DATI Dati di una grande impresa bancaria nazionale Campione di 3893 imprese, di cui 289 scrl. Tabelle con descrizione della banca dati (settore prevalente, dimensione fatturato e numero di dipendenti, localizzazione geografica,ecc.) 14

8 Distribuzione delle imprese per dimensione aziendale 15 Distribuzione delle imprese nel campione per settore 16

9 Distribuzione delle imprese nel campione per area geografica 17 Distribuzione campionaria delle imprese cooperative per dimensione aziendale 18

10 Distribuzione delle imprese cooperative nel campione per settore 19 Distribuzione delle imprese cooperative nel campione per area geografica 20

11 Defaults delle imprese cooperative nel campione classificati per settore 21 Defaults delle imprese cooperative nel campione classificati per area geografica 22

12 Distribuzione campionaria delle imprese cooperative insolventi per anno di default 23 Risultati delle stime: effetti marginali sulla PD debito breve/deb. Totale età impresa deb. Totale/ attività autofin. MOL cash flow/attività spa/srl - - scrl NS NS NS 24

13 Goodness of fit test: ROC per spa/srl 25 Goodness of fit test: ROC per scrl Sensitivity Specificity Area under ROC curve =

14 Messaggio: Migliore fit per le coop: effetti strutturali meglio di quelli ciclici Può essere il risultato della peculiarità di redazione del bilancio? Attenzione: per il retail, le regole di valutazione devono essere comuni a tutte le imprese, quindi c è un problema informativo Da valutare: impatto sul capital requirements 27 Il problema della prociclicità: I Al peggiorare delle condizioni del ciclo economico aumenta il tasso di insolvenza medio delle imprese. Ciò si riflette in più alti requisiti patrimoniali e contrazione del credito. I fattori che incidono sulla prociclicità: Criteri di calcolo del capitale Basilea II: I criteri di calcolo dei requisiti minimi di capitale I criteri con cui sono costruiti i rating IAS International Accounting Standards: come le banche effettuano le proprie politiche di accantonamento a riserva La prociclicità è ridotta allentando il legame tra la variazione del rating e la variazione della ponderazione per il rischio Poiché il sistema di adeguatezza patrimoniale è calibrato avendo a riferimento la sola componente di UL a fronte di un coefficiente patrimoniale pro-ciclico, le banche potrebbero adottare politiche di accantonamento anti-cicliche. 28

15 Alcuni commenti In media assenza di impatti penalizzanti da Basilea 2, ma: la logica meritocratica di Basilea 2 premia clienti e banche migliori mentre clienti e banche peggiori non possono che tentare di mitigare l aggravio di capitale e tassi rifugiandosi nella scelta del nuovo approccio standard; a livello dinamico: i peggiori prenditori scelgono la banca peggiore (che adotta l approccio std.), la quale non avrà più una clientela di qualità media. Possibili innalzamenti dei tassi di interesse in seguito al credit risk management da parte delle banche. 29 Conclusioni Procedure interne alla banca (sistemi di scoring/rating) già sviluppate Piccole banche specializzate: screening più efficiente e quindi portafoglio di qualità elevata (bassi PD): Basilea II comporta un vantaggio in termini di requisiti di capitale. Grandi banche: adozione del modello IRB, più conveniente rispetto a quello standardizzato. PMI e asimmetrie informative; rapporto di lunga durata tra banca e impresa e necessità di trasparenza reciproca a scapito di trattamenti privilegiati Spostamento delle PMI verso il retail se si vuole evitare un adeguamento del capitale bancario Costo del danaro più elevato per le PMI di bassa qualità Basilea II: finanza e cooperazione con regole standard Regole del mercato (minore default); ma il miglioramento del settore cooperativo dipende anche dalle regole di governance. 30

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Venerdì 23 Aprile 2004 Auditorium di Palazzo Montani-Antaldi BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE MASSIMO BIANCONI DIRETTORE GENERALE DI BANCA DELLE MARCHE 1 Contenuti del documento BASILEA 2 LA

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Camera dei Deputati 33 Indagine conoscitiva 8

Camera dei Deputati 33 Indagine conoscitiva 8 Camera dei Deputati 33 Indagine conoscitiva 8 minimo di 0,7 punti percentuali (p.p.) per le banche scandinave ad un massimo di quasi 6 p.p. per le banche irlandesi. Limitando il confronto ai principali

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La validità del BUSINESS PLAN per le finalità di cui all accordo di

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali L accordo per i requisiti patrimoniali delle banche ha modificato il rapporto tra imprese e mondo finanziario. L accordo si articola in tre punti

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Convegno ABI Basilea 3 Roma, 20 giugno 2011 1 Premessa - Il perimetro di gioco - Quale valore? Contabile? Commerciale? Ragioniamo

Dettagli

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA 0 Economia reale e monetaria REGOLE REGOLE BANCA Concorrenza IMPRESA Comunicazione Competenze Mercati creditizi e finanziari Tecnologia 1 REGOLE.. IAS/IFRS BASILEA 2 2.. ASPETTI Autonomia Interdipendenza

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea

Il nuovo accordo di Basilea Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il primo pilastro: l approccio standard Il primo pilastro: l approccio basato

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 Comunicazione di Simona Caselli Direttore commerciale e sviluppo CCFS www.ccfs.it caselli@ccfs.it Il contesto di riferimento

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Ciclo economico e qualità del credito retail: applicazione e risultati di un modello di Stress Testing

Ciclo economico e qualità del credito retail: applicazione e risultati di un modello di Stress Testing Ciclo economico e qualità del credito retail: applicazione e risultati di un modello di Stress Testing Silvia Ghielmetti CRIF Decision Solutions, Direttore Francesco Diurni CRIF Decision Solutions IX Convention

Dettagli

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno Lezione 2 Sistemi di rating, il rating esterno Il rating Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza (LGD) Scadenza

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Juan Lopez Funzione Studi - FEDERCASSE Battipaglia, 17 maggio 2006 Indice della presentazione Il Credito Cooperativo L approccio

Dettagli

Basilea 2. Sistema dei rating interni

Basilea 2. Sistema dei rating interni Basilea 2 Sistema dei rating interni Banca Popolare di Novara S.p.A. Domenico De Angelis Amministratore Delegato Fabrizio Marchetti Vice Direttore Generale Bruno Pezzoni Vice Direttore Generale 22 novembre

Dettagli

PRICING E «BASILEA 2» Quali effetti sui tassi di interesse?

PRICING E «BASILEA 2» Quali effetti sui tassi di interesse? PRICING E «BASILEA 2» Quali effetti sui tassi di interesse? di DAVIDE ROMELLI La realtà italiana è caratterizzata da una forte discrasia nei termini e nelle condizioni di finanziamento concesso alle diverse

Dettagli

GUIDA PRATICA A BASILEA 2

GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 Progetto realizzato da Confcommercio Cosenza Con il contributo della Regione Calabria La gestione del progetto è stata affida al C.A.T. - Centro Assistenza

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate Basilea fa il bis Entro giugno del 2004 verranno stabilite le nuove regole sul delicato rapporto tra banche e imprese Marcello Bianchi 10 Prende il via da questo numero una serie di articoli che hanno

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto.

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. -omissis- 1.7 Il ruolo delle garanzie Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. Riteniamo che queste affermazioni nascano

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

Basilea 2. Prof. Michele Rutigliano

Basilea 2. Prof. Michele Rutigliano Basilea 2 1 Prof. Michele Rutigliano BIS II INDICE - Il Comitato di Basilea - La proposta di Nuovo Accordo sul Capitale - Rischio e Capitale di vigilanza - I tre pilastri - Rischio di credito - Rischio

Dettagli

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE DETERMINANTI DEL RATING E SUO UTILIZZO

Dettagli

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009 Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione di Ornella Ricci oricci@uniroma3.it Agenda Il rischio di credito e le sue componenti Il pricing del credito e la redditività corretta per

Dettagli

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II Commissione Regionale del Piemonte Ordine dei Dottori Commercialisti di Ivrea Pinerolo -Torino L OPPORTUNITA DI BASILEA. Il Dottore Commercialista tra Banca e Impresa Il processo di concessione del credito

Dettagli

I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF. confidi@crif.com Simone Capecchi

I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF. confidi@crif.com Simone Capecchi I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF Agenda Rischiosità delle imprese Rischiosità del credito garantito dai Confidi I Confidi non sono tutti uguali Rating ai Confidi Conclusioni 2 CRIF, partner

Dettagli

Argomento: Basilea 2 BASILEA 2. lunedì 16/10/2007 15 ottobre 2007 Gruppo di studio Basilea 2 di OPEN Dot Com

Argomento: Basilea 2 BASILEA 2. lunedì 16/10/2007 15 ottobre 2007 Gruppo di studio Basilea 2 di OPEN Dot Com BASILEA 2 1 CHE COSA E BASILEA 2 BASILEA 1 E BASILEA 2 LE NOVITA DEL NUOVO ACCORDO CRONOLOGIA DELL ENTRATA IN VIGORE DI BASILEA 2 GLI EFFETTI DI BASILEA 2 SUI PRINCIPALI ISTITUTI DI CREDITO GLI EFFETTI

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con Regione Liguria Vademecum BASILEA 2 In collaborazione con BASILEA2: RISCHIO O OPPORTUNITÀ IL NUOVO ACCORDO DI BASILEA SUL CAPITALE A GARANZIA DELLA SOLVIBILITÀ DEL SISTEMA BANCARIO INTERNAZIONALE I TRE

Dettagli

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009 ICAAP Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 29 Perché l ICAAP? (Internal Convergence of Capital Measurament and Capital Standards) Il secondo pilastro di Basilea II non è pensato

Dettagli

Rischi di credito: modelli di scoring, LGD, EAD

Rischi di credito: modelli di scoring, LGD, EAD Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: modelli di scoring, LGD, EAD Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 1 un richiamo ai modelli per la valutazione delle controparti

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 BASILEA 2 Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 CHE COSA E E BASILEA 2 BASILEA 1 E BASILEA 2 LE NOVITA DEL NUOVO ACCORDO CRONOLOGIA DELL ENTRATA ENTRATA IN VIGORE DI BASILEA 2 GLI EFFETTI DI

Dettagli

L'eccellenza nel risk management quale fattore di mitigazione nelle crisi congiunturali: il caso del "factoring"

L'eccellenza nel risk management quale fattore di mitigazione nelle crisi congiunturali: il caso del factoring L'eccellenza nel risk management quale fattore di mitigazione nelle crisi congiunturali: il caso del "factoring" San Miniato, Miniato 13 Maggio 2011 Fausto Galmarini -Amministratore Delegato Beta Skye

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Il rating e l impatto sulle imprese Cambiamenti nella relazione banca-impresa Il nuovo Accordo non cambia solo le regole per la quantificazione del capitale regolamentare delle

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE L IMPORTANZA DEL CAPITALE Basilea 2 è il nuovo Accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Pricing del credito da Basilea 2 a Basilea 3

Pricing del credito da Basilea 2 a Basilea 3 Pricing del credito da Basilea 2 a Basilea 3 Convegno ABI 17 giugno 2014 Risk Management Agenda Sistema di Rating vs. Processi del Credito Ambiti di utilizzo dei modelli interni Concessione del Credito

Dettagli

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea In questa fase di difficile congiuntura economica, l accesso al credito da parte del mondo produttivo è un tema di grande attualità

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 31 marzo 2014 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2

1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2 1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2 1.1 Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea vigila sull'attività bancaria globale, ma non è dotato di potere legislativo 3 : tutto ciò che

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

Terzo Pila Terzo stro Pila di Ba stro sil di Ba ea sil ea 2 Banca Banc Popola Popola di So ndrio di So Agenda * Comitat

Terzo Pila Terzo stro Pila di Ba stro sil di Ba ea sil ea 2 Banca Banc Popola Popola di So ndrio di So Agenda * Comitat Terzo Pilastro di Basilea 2 e Banca Popolare di Sondrio Rodrick Dasse Michele Lambiase Renzo Manara Terzo Pilastro di Basilea 2 e Banca Popolare di Sondrio Agenda * Comitato di Basilea cenni storici *

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE The New Basel Capital Accord Area di applicazione Diversified financial Group HOLDING Internationally active bank (banca con operatività internazionale) Domestic bank

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Un nuovo rapporto impresa/banca

Un nuovo rapporto impresa/banca Basilea 2: sfide e opportunità Un nuovo rapporto impresa/banca Cremona 19/12/06 Agenda Il rapporto Banca - Impresa Intesa Basilea Uno strumento di dialogo Basilea 2 in pratica Le principali aree di impatto

Dettagli