La geometria euclidea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La geometria euclidea"

Transcript

1 Indice Geometria e misura unità 1 La geometria euclidea Enti e assiomi fondamentali 2 Semiretta e segmento 8 onfronto e operazioni fra segmenti 13 Ricorda 18 Esercizi di riepilogo 19 Scheda di autoverifica 25 Esercizi di recupero 260 Esercizi di potenziamento 262 VIII unità 2 Gli angoli Indice he cos è un angolo 28 La bisettrice di un angolo, 29; Vari tipi di angoli, 29 onfronto e operazioni fra angoli 35 ngoli complementari, supplementari ed esplementari 40 Ricorda 42 Esercizi di riepilogo 43 Scheda di autoverifica 49 Esercizi di recupero 263 Esercizi di potenziamento 265 unità 3 Rette parallele e perpendicolari Rette parallele 52 Un importante proprietà delle rette parallele, 53 Rette perpendicolari 56 sse, distanza e proiezioni ortogonali 59 Ricorda 64 Esercizi di riepilogo 65 Scheda di autoverifica 69 Esercizi di recupero 267 Esercizi di potenziamento 269 unità 4 Il sistema metrico decimale Il Sistema Internazionale di Misura 72 Lunghezza, superficie e volume 74 La lunghezza, 74; La superfi cie, 75; Il volume, 76 Massa, peso e capacità 82 Operazioni e problemi con le misure 86 Problemi con le misure decimali, 88

2 Ricorda 95 Esercizi di riepilogo 96 Scheda di autoverifica 105 Esercizi di recupero 271 Esercizi di potenziamento 273 unità 5 Sistemi di misura non decimali La misura delle ampiezze 108 Operazioni con le misure angolari 112 Riduzione in forma normale, 112; Riduzione nell unità di ordine inferiore, 112; Somma di misure angolari, 112; ifferenza di misure angolari, 113; Moltiplicazione di una misura angolare per un numero intero, 113; ivisione di una misura angolare per un numero intero, 113 La misura del tempo 117 Operazioni con le misure angolari, 117; Riduzione in forma normale, 118; Riduzione nell unità di ordine inferiore, 118; ddizione, 118; Sottrazione, 118; Moltiplicazione per un numero intero, 118; ivisione per un numero intero, 118 Ricorda 120 Esercizi di riepilogo 121 Scheda di autoverifica 131 Esercizi di recupero 276 Esercizi di potenziamento 279 IX Indice unità 6 I poligoni unità alla spezzata ai poligoni 134 Proprietà generali di un poligono 140 ongruenza e isoperimetria 145 Ricorda 148 Esercizi di riepilogo 149 Scheda di autoverifica 157 Esercizi di recupero 282 Esercizi di potenziamento I triangoli Il triangolo 160 lassifi cazione dei triangoli, 161; Il perimetro dei triangoli, 162 Triangoli congruenti 168 Primo criterio, 168; Secondo criterio, 169; Terzo criterio, 169 ltezze e ortocentro 172 isettrici e incentro 174 Mediane e baricentro 176 ssi e circocentro 178 Particolari proprietà 180 Ricorda 183 RS Libri S.p.. - ivisione Education, Milano

3 Esercizi di riepilogo 184 Scheda di autoverifica 193 Esercizi di recupero 289 Esercizi di potenziamento 292 X unità 8 I quadrilateri I poligoni con quattro lati 196 I trapezi 199 I parallelogrammi 203 Il rettangolo, 203; Il rombo, 204; Il quadrato, 204 Il deltoide 211 Ricorda 213 Esercizi di riepilogo 214 Scheda di autoverifica 227 Esercizi di recupero 295 Esercizi di potenziamento 299 Indice unità 9 Le trasformazioni isometriche ongruenza e isometria 230 La traslazione 232 La rotazione 235 La simmetria centrale e assiale 238 La simmetria centrale, 238; La simmetria assiale, 239 omposizione di isometrie 245 Ricorda 248 Esercizi di riepilogo 249 Scheda di autoverifica 257 Esercizi di recupero 302 Esercizi di potenziamento 305 Verifichiamo... le competenze Utilizzare linguaggio e simboli matematici Eseguire calcoli aritmetici Risolvere problemi aritmetici Organizzare e rappresentare dati Usare il linguaggio grafico della matematica Misurare grandezze Risolvere problemi di geometria piana 332 In preparazione alle prove INVLSI 335 pparati 355 Soluzioni delle Schede di autoverifica 356 Glossario 359 Tavole numeriche 361

4 1 Geometria e misura unità La geometria euclidea ontenuti Enti e assiomi fondamentali Semiretta e segmento onfronto e operazioni fra segmenti Prerequisiti apacità di osservare e confrontare Obiettivi onoscenze Gli enti fondamentali della geometria euclidea, le loro proprietà e le caratteristiche I concetti di semiretta e segmento e le loro caratteristiche bilità Individuare e rappresentare gli enti fondamentali della geometria Riconoscere e disegnare punti, rette, semirette, segmenti e spezzate Riconoscere e disegnare segmenti consecutivi, adiacenti, incidenti e coincidenti onfrontare segmenti Operare sui segmenti Materiali di matematica in Mappa interattiva udioripasso

5 Enti e assiomi fondamentali Osserviamo la realtà che ci circonda: VVENTUR 2 Geometria e misura una palla, un libro, una scatola, una matita, un bicchiere, un vaso, un quadro, una candela,. Ognuno di questi oggetti ha proprietà e caratteristiche che lo distinguono da un altro: la forma, la grandezza, il colore, il peso, la posizione che occupa, il materiale di cui è fatto, le trasformazioni che può subire,. Fra tutte le caratteristiche e proprietà che può avere un oggetto ci sono la forma, la grandezza e le trasformazioni che può subire; queste proprietà sono dette proprietà geometriche e se ne occupa la geometria. iciamo che: VVENTUR la grandezza la forma La geometria è la scienza che studia le proprietà geometriche dei corpi che ci circondano, cioè la forma e la grandezza e le trasformazioni che possono subire. le trasformazioni La geometria che adesso studieremo è detta euclidea, dal nome del grande matematico greco Euclide, vissuto nel III secolo a.. Euclide, nel suo trattato Elementi (vedi Nella storia ), fonda lo studio di tutta la geometria sugli enti fondamentali o primitivi, ovvero su tre entità geometriche non definibili ma da tutti intuitivamente comprensibili: il punto, la retta e il piano.

6 rriviamo a questi enti fondamentali osservando, ad esempio, le facce, gli spigoli e i vertici di un dado: un qualsiasi vertice del nostro dado ci dà l idea di punto; un qualsiasi spigolo ci dà l idea di retta; una qualsiasi faccia ci dà l idea di piano. spigolo retta vertice punto faccia piano Sono modelli materiali di punto il segno lasciato da una matita appuntita, un granello di sabbia ecc. Per indicare un punto si usano le lettere maiuscole dell alfabeto italiano:,,,. iciamo che: Esercizi pag. 19 Il punto, il primo ente fondamentale della geometria, è un concetto primitivo privo di effettiva definizione. Esso non ha alcuna dimensione. 3 Sono modelli materiali di retta la traccia lasciata da una matita che scorre diritta su un foglio, un sottile raggio di luce, la linea dell orizzonte ecc. Per indicare una retta si usano le lettere minuscole dell alfabeto italiano: a, b, c,. iciamo che: a 1. La geometria euclidea La retta, il secondo ente fondamentale, è immaginabile come un insieme continuo e infinito di punti avente sempre la stessa direzione. Essa ha una sola dimensione: la lunghezza. Sono modelli materiali di piano il pavimento di una stanza, la superficie di un foglio, il piano di un tavolo ecc. Per indicare un piano si usano le lettere minuscole dell alfabeto greco: α (alfa), β (beta), γ (gamma), δ (delta),. iciamo che: lunghezza Il piano, il terzo ente fondamentale, è immaginabile come un insieme continuo e infinito di rette. Esso ha due sole dimensioni: la lunghezza e la larghezza. Gli enti fondamentali ci hanno introdotto allo studio della geometria euclidea, che adesso approfondiremo con il metodo del grande Euclide, il metodo assiomatico-deduttivo. In che cosa consiste questo metodo? Il significato di assiomatico, evidente e certamente vero, e di deduttivo, derivato da un ragionamento logico e razionale, ci suggeriscono la risposta. larghezza RS Libri S.p.. - ivisione Education, Milano

7 Il metodo assiomatico-deduttivo consiste nel porre alla base di una trattazione dei concetti universalmente accettati, gli enti fondamentali, e delle considerazioni evidenti e certamente vere, gli assiomi; da questi enti e assiomi, con ragionamenti logici e dimostrabili, arrivare a deduzioni vere con le quali completare la trattazione. asandoci su questo metodo, facciamo adesso alcune importanti considerazioni sulla retta esaminando gli assiomi euclidei che stanno alla base della nostra geometria. 1. Fissiamo un punto nel piano, quante rette passanti tutte per questo punto possiamo disegnare? Infinite. iciamo che: Per un punto passano infinite rette, o un fascio di rette. 4 Geometria e misura 2. Fissiamo due punti distinti e nel piano, quante rette passanti tutte per questi due punti possiamo disegnare? Una e una sola. iciamo che: Per due punti distinti passa una e una sola retta. 3. Fissiamo tre punti distinti, e nel piano, quante rette passanti tutte per questi tre punti possiamo disegnare? Se i tre punti sono allineati, una e una sola, se i tre punti non sono allineati, nessuna. iciamo che: Per tre punti allineati passa una e una sola retta, per tre punti non allineati non passa alcuna retta. 4. Fissiamo tre punti, e allineati e consideriamo l unica retta a che li unisce. Per quest unica retta a, quanti piani passano? Infiniti. iciamo che: a Per tre punti allineati, o per una retta, passano infiniti piani, ovvero un fascio di piani. 5. Fissiamo tre punti, e non allineati, quanti piani passano per questi tre punti? Passerà uno e un solo piano. Per tre punti non allineati passa uno e un solo piano.

8 Ma poiché tre punti non allineati in un piano possono rappresentare una o due rette, diciamo che: Per tre punti non allineati passa uno e un solo piano. Per una retta e un punto fuori di essa passa uno e un solo piano. Per due rette che si incontrano in un punto passa uno e un solo piano. Esercizi pag. 19 nella storia Il più importante e ancora attuale libro di matematica che la storia ci tramanda si deve ad uno dei più grandi matematici della storia, il grande Euclide. opo la morte di lessandro Magno, lessandria d Egitto diventa il più importante centro culturale. Il suo Museo, con la ricchissima iblioteca, diventa uno dei più celebri istituti culturali dell antichità. Organizzato come le nostre università, nel Museo vi tengono lezioni professori pagati dallo Stato che si dedicano totalmente all insegnamento e alla ricerca scientifica. Euclide è uno di questi professori e spetta a lui il merito di aver fondato la Scuola matematica di lessandria. Fra le sue opere, che abbracciano non solo matematica, ma anche musica, astronomia e ottica, l opera principale, Stoikèia, ovvero Elementi, è formata da tredici libri e rappresenta il primo vero trattato a carattere espositivo-didattico della matematica. Il grande valore di quest opera è quello di aver rielaborato in forma chiara e sistematica tutto il lavoro compiuto in secoli di ricerca matematica, di aver dato un ordine agli argomenti, di aver introdotto la dimostrazione dei singoli teoremi che descrive, ma soprattutto di aver dato le fondamenta al metodo assiomatico-deduttivo. Euclide infatti ha posto alla base del suo studio alcuni enti e alcune considerazioni evidentemente certi, cioè assiomatici o indiscutibili, e da questi ha dedotto con ragionamenti logici tutte le conseguenze che saranno altrettanto logiche e vere. La geometria descritta in questa immensa opera, detta appunto euclidea, è quella ancora oggi studiata anche se non è, come vedremo più avanti, la sola geometria esistente. Particolare della Scuola di tene di Raffaello: Euclide intento a discutere di geometria con alcuni allievi. Una pagina degli Elementi di Euclide (manoscritto del 300) La geometria euclidea

9 6Geometria e misura acciamo il punto verifica le tue conoscenze. 1. he cosa è la geometria? 2. ompleta. Punto, retta e piano sono..... Il punto è., esso ha dimensione. La retta è, essa ha dimensione. Il piano è, esso ha dimensioni. 3. Rispondi alle seguenti domande. Quante rette passano per un punto?.... Quante rette passano per due punti distinti?..... Quante rette passano per tre punti allineati?.. Quante rette passano per tre punti non allineati? ompleta. Per tre punti allineati, o per una retta, passano piani. 5. Rispondi alle seguenti domande. Quanti piani passano per tre punti non allineati?. Quanti piani passano per una retta e un punto fuori di essa?... Quanti piani passano per due rette che si incontrano in un punto?... verifica le tue abilità. 6. Osserva le figure e scrivi alcune loro proprietà geometriche e non geometriche. Proprietà non geometriche: Proprietà geometriche: Proprietà non geometriche: Proprietà geometriche: Proprietà non geometriche: Proprietà geometriche: Proprietà non geometriche: Proprietà geometriche:

10 7. Nella figura data disegna: tutte le rette che passano per il punto ; tutte le rette che passano per i punti e ; tutte le rette che passano per i punti, e. 8. Nella figura data disegna: tutte le rette che passano per il punto ; tutte le rette che passano per i punti e ; tutte le rette che passano per i punti, e. Esercizi pag Osserva la figura e individua le rette a, b, c e d sapendo che: le rette a e b hanno in comune il punto ; le rette b e c hanno in comune il punto ; le rette c e d hanno in comune il punto ; le rette a e d hanno in comune il punto. 1. La geometria euclidea 10. isegna tre rette a, b e c tali che: a e b abbiano in comune il punto ; c e b abbiano in comune il punto ; a e c non abbiano alcun punto in comune. 11. isegna quattro rette a, b, c e d tali che: b e c abbiano in comune il punto ; a abbia in comune con b il punto e in comune con c il punto ; d abbia in comune con b il punto e in comune con c il punto. 12. isegna tutti i piani che passano per i punti dati nella figura a fianco.

11 Semiretta e segmento Se disegniamo una retta r e su di essa un punto, osserviamo che la retta r viene divisa dal punto in due parti, ciascuna delle quali inizia dal punto, si trova da parti opposte rispetto ad e continua all infinito dall altra parte. hiamiamo queste due parti in cui la retta viene divisa dal punto semirette di origine. Semiretta Semiretta r Queste due semirette di origine hanno la stessa direzione, uguale a quella della retta r, ma verso opposto. iciamo che: 8 La semiretta è ciascuna delle parti in cui una retta viene divisa da un punto che si dice origine della semiretta; essa è quindi ancora infinita, ha un inizio ma non una fine, e ha una sola dimensione: la lunghezza. Geometria e misura Su una retta r disegniamo adesso due punti e e consideriamo le tre parti in cui la retta resta divisa da questi due punti. Semiretta Segmento Semiretta a verso sinistra abbiamo una semiretta, da verso destra un altra semiretta, tra queste due semirette una parte di retta limitata dai due punti e. hiamiamo quest ultima parte di retta segmento di estremi e, lo indichiamo con e diciamo che: Il segmento è una parte finita di retta limitata da due punti che si dicono estremi del segmento. Esso ha quindi un inizio, una fine e una sola dimensione: la lunghezza. r onsideriamo due segmenti e osserviamone la posizione. Se i segmenti e hanno un estremo in comune, si dicono consecutivi: Se i segmenti e sono consecutivi e appartengono alla stessa retta, si dicono adiacenti: Se i segmenti e hanno in comune un punto che non è un loro estremo, si dicono incidenti: P Se i segmenti e hanno entrambi gli estremi in comune, si dicono coincidenti:

12 esempi 1. Nella figura a fianco: i segmenti e sono incidenti; i segmenti e E sono consecutivi. E 2. Nella figura a fianco: i segmenti e sono adiacenti; i segmenti e sono consecutivi. ue o più segmenti consecutivi formano una particolare figura geometrica detta poligonale o spezzata. Esercizi pag. 19 I segmenti che formano la spezzata sono i lati della spezzata, gli estremi dei vari segmenti sono i vertici della spezzata, il primo e l ultimo vertice sono gli estremi della spezzata. lato estremi vertice Una spezzata si indica scrivendo in successione le lettere dei suoi vertici, quella che abbiamo disegnato è la spezzata EF. Una spezzata può essere aperta, chiusa, semplice o intrecciata. Si dice: aperta se il primo e l ultimo segmento non sono consecutivi (i due estremi quindi non coincidono); chiusa se il primo e l ultimo segmento sono consecutivi (i due estremi quindi coincidono); semplice se i segmenti non si incontrano in alcun altro punto oltre gli estremi; intrecciata se i segmenti si incontrano in altri punti oltre gli estremi. E F 9 1. La geometria euclidea Spezzata semplice aperta Spezzata semplice chiusa Spezzata intrecciata aperta Spezzata intrecciata chiusa

13 acciamo il punto verifica le tue conoscenze. 1. ompleta. La semiretta è. che si dice della semiretta; essa è e ha una sola.. : la ompleta. Il segmento è una che si dicono del segmento. Esso è. e ha una sola. : la Quando due segmenti si dicono consecutivi? Quando due segmenti si dicono adiacenti?.... Geometria e misura 5. Quando due segmenti si dicono incidenti?.. 6. Quando due segmenti si dicono coincidenti?. 7. ompleta. Si chiama spezzata ompleta. Una spezzata si dice: aperta se ; chiusa se ; semplice se ; intrecciata se.. verifica le tue abilità. 9. Osserva la figura, quante sono le semirette aventi l origine nel punto P? 10. Individua tutte le parti in cui le rette a, b, c e d vengono divise dai loro punti di intersezione. P a b c d

14 Indica le semirette e i segmenti che si individuano nelle figure date nei seguenti esercizi Per ogni coppia di segmenti assegnati individua se sono consecutivi, adiacenti o incidenti. 15. Esercizi pag La geometria euclidea isegna un segmento consecutivo e uno adiacente per ciascun segmento dato.

15 acciamo il punto Nei seguenti esercizi individua tutti i segmenti a due a due consecutivi e a due a due adiacenti E E O Segmenti consecutivi: Segmenti adiacenti: Segmenti consecutivi: Segmenti adiacenti: 12 Geometria e misura 21. Osserva la figura e scrivi tutti i segmenti consecutivi al segmento. F H G 23. Osserva le figure e individua i vari tipi di spezzata. E L N M 22. Osserva la figura e scrivi tutti i segmenti adiacenti al segmento. E I L M F G 24. isegna nel riquadro una spezzata semplice chiusa, una spezzata intrecciata chiusa, una spezzata semplice aperta e una spezzata intrecciata aperta.

16 onfronto e operazioni fra segmenti he cosa significa confrontare due segmenti? ati due segmenti qualsiasi, e, confrontarli significa stabilire se hanno la stessa lunghezza o quale dei due ha lunghezza maggiore. Per far ciò bisogna sovrapporre i segmenti senza deformarli e in modo da far coincidere un estremo, ad esempio, e osservare l altro estremo. Se anche l altro estremo coincide, i due segmenti hanno la stessa lunghezza e si dicono congruenti: = Se l altro estremo non coincide e l estremo del segmento è interno al segmento, il segmento è minore di : < Esercizi pag Se l altro estremo non coincide e l estremo del segmento è esterno al segmento, il segmento è maggiore di : > per riflettere 1. La geometria euclidea Sovrapporre due segmenti senza deformarli non è del tutto semplice, per confrontare due segmenti, e, si ricorre quindi all uso del compasso. Osserva: si apre il compasso in modo da far coincidere le due punte con gli estremi del segmento ; mantenendo fissa l apertura, si porta il compasso sul segmento facendo coincidere una punta con l estremo, l altra punta del compasso può: coincidere con, i due segmenti si dicono congruenti: = ; essere interna a, il segmento è minore di : < ; essere esterna a, il segmento è maggiore di : >. RS Libri S.p.. - ivisione Education, Milano

17 Oltre a confrontare due segmenti, può essere necessario saper determinare il segmento somma o il segmento differenza di due segmenti dati o anche il multiplo o il sottomultiplo di un segmento. Vediamo come operare. Siano MN e PQ i due segmenti di cui si vuole determinare la somma. Riportiamoli entrambi su una retta in modo che risultino adiacenti, resta individuato il segmento MQ, che è il segmento somma di MN e PQ, e si scrive: MQ = MN + PQ M M P N P N Q Q Se si vuole determinare la somma di più di due segmenti, dati in un certo ordine, si determina la somma del primo e del secondo, poi la somma del segmento ottenuto con il terzo e così via di seguito. 14 Geometria e misura Siano e i due segmenti non congruenti di cui si vuole determinare la differenza. Riportiamoli entrambi su una retta in modo da far coincidere l estremo di con l estremo di, resta individuato il segmento, che è il segmento differenza di e, e si scrive: = ato un segmento, ad esempio il segmento, possiamo disegnare più segmenti congruenti alla somma di due, tre, segmenti tutti congruenti al segmento. Osserva. Possiamo scrivere = 2 e EF = 3 e diciamo che: è multiplo di secondo il numero 2; EF è multiplo di secondo il numero 3. E F Viceversa, possiamo scrivere = 1 2 e = 1 EF e diciamo che: 3 è sottomultiplo di secondo il numero 2; è sottomultiplo di EF secondo il numero 3. In generale: Un segmento è multiplo di un segmento E secondo il numero n se = ne. Un segmento E è sottomultiplo di un segmento secondo il numero n se E = 1 n.

18 acciamo il punto verifica le tue conoscenze. 1. Se sovrapponendo due segmenti e in modo tale che coincida con, osserviamo che anche coincide con, come sono i due segmenti?. 2. Se sovrapponendo due segmenti e in modo tale che coincida con, osserviamo che l estremo è interno al segmento, come sono i due segmenti?. 3. Se sovrapponendo due segmenti e in modo tale che coincida con, osserviamo che l estremo è esterno al segmento, come sono i due segmenti?. 4. Segna il completamento esatto. Un segmento è multiplo di un segmento E secondo il numero n se: = ne E = n = 1 n E E = 1 n Esercizi pag verifica le tue abilità. onfronta le coppie di segmenti assegnati nei seguenti esercizi e inserisci al posto dei puntini il simbolo >, < o =. 5. F L G P M 1. La geometria euclidea E H N GH EF LM NP 6. F L M G H N E P GH EF LM NP 7. isegna tre segmenti, ed EF tali che > e > EF. Qual è la giusta relazione fra ed EF? Segnala. < EF > EF = EF 8. isegna tre segmenti, ed EF tali che < ed EF >. Qual è la giusta relazione fra ed EF? Segnala. < EF > EF = EF

19 acciamo il punto 9. isegna nell apposito riquadro: due segmenti e adiacenti e tali che = ; due segmenti EF e GH consecutivi e tali che EF < GH; due segmenti NM e PQ incidenti e tali che NM > PQ. 10. onfronta i segmenti dati e sistemali in ordine decrescente. E F 16 Geometria e misura 11. onfronta i segmenti assegnati e metti il simbolo <, > o = al posto dei puntini. + E; EF + GH FG; + + GH + E; FG + GH EF + E. 12. ati i segmenti, ed FG, disegna il segmento MN tale che: MN = + FG 13. ati i segmenti, ed FG, disegna il segmento MN tale che: MN = ( FG) + ( FG) F E F H G G F G 14. ati i segmenti, e E, disegna sul tuo quaderno i segmenti richiesti. E F + ; + EF; + EF; + + EF. 15. ati i segmenti, e E, disegna sul tuo quaderno, se possibile, i segmenti richiesti. E F ; EF; EF;. 16. isegna un segmento e il suo multiplo secondo il numero 3. ompleta poi le seguenti scritture: =, =.

20 17. isegna un segmento e il suo multiplo secondo il numero 6. ompleta poi le seguenti scritture: =, =. 18. isegna un segmento e il suo sottomultiplo secondo il numero 4. ompleta poi le seguenti scritture: =, =. 19. isegna un segmento e il suo sottomultiplo secondo il numero 5. ompleta poi le seguenti scritture: =, =. ompleta le affermazioni date nei seguenti esercizi. 20. Se = 5 allora =. 22. Se = 7 allora =. 21. Se = 1 7 ; allora =. 23. Se = 1 allora =. 5 Esercizi pag. 19 Per ciascuno dei segmenti dati nei seguenti esercizi disegna i segmenti richiesti = 2 ; EF = = 3 ; EF = = 4 ; EF = = ; EF = ati i segmenti e disegna sul tuo quaderno, se possibile, i segmenti richiesti. 29. ati i segmenti EF e MN disegna sul tuo quaderno, se possibile, i segmenti richiesti La geometria euclidea E F M N + ; 3; 1 4 EF MN; 1 2 EF; 2MN 30. ati i segmenti, ed EF disegna sul tuo quaderno, se possibile, i segmenti richiesti. E F + ; 3 ; + EF; + EF; 1 EF; EF; ; 1 2EF; 3 EF; EF; 1 EF ; 2 EF.

21 ricorda 1 La geometria è la scienza che studia le proprietà geometriche dei corpi che ci circondano, cioè la forma e la grandezza e le trasformazioni che possono subire. Il punto è il primo ente fondamentale della geometria e non ha alcuna dimensione. La retta è il secondo ente fondamentale, è immaginabile come un insieme continuo e infinito di punti avente sempre la stessa direzione e ha una sola dimensione: la lunghezza. Il piano è il terzo ente fondamentale, è immaginabile come un insieme continuo e infinito di rette e ha due sole dimensioni: la lunghezza e la larghezza. 18 Geometria e misura Per un punto passano infinite rette, o un fascio di rette. Per due punti distinti passa una e una sola retta. Per tre punti allineati passa una e una sola retta, per tre punti non allineati non passa alcuna retta. Per tre punti allineati, o per una retta, passano infiniti piani, ovvero un fascio di piani. Per tre punti non allineati passa uno e un solo piano. Per una retta e un punto fuori di essa passa uno e un solo piano. Per due rette che si incontrano in un punto passa uno e un solo piano. 2 3 La semiretta è ciascuna delle parti in cui una retta viene divisa da un punto che si dice origine della semiretta; essa è quindi ancora infinita, ha un inizio ma non una fine, e ha una sola dimensione: la lunghezza. Il segmento è una parte finita di retta limitata da due punti che si dicono estremi del segmento. Esso ha quindi un inizio, una fine e una sola dimensione: la lunghezza. 4 ue o più segmenti consecutivi formano una poligonale o spezzata. Essa può essere: aperta se il primo e l ultimo segmento non sono consecutivi (i due estremi quindi non coincidono); chiusa se il primo e l ultimo segmento sono consecutivi (i due estremi quindi coincidono); semplice se i segmenti non si incontrano in alcun altro punto oltre gli estremi; intrecciata se i segmenti si incontrano in altri punti oltre gli estremi.

22 esercizi di riepilogo 1. Esaminando un bicchiere, Federica ha detto che: è di vetro. è alto 12 cm. è di colore azzurro. pesa 12 g. è cilindrico. è fragile. Quali delle affermazioni di Federica possono essere considerate proprietà geometriche del bicchiere? Segnale. 2. ella figura a fianco scrivi una proprietà non geometrica e una proprietà geometrica. Proprietà non geometrica:. Proprietà geometrica:.. Teoria da pag. 2 a pag Segna le proprietà geometriche che riguardano le figure assegnate. I due libri: hanno colore diverso. hanno la stessa forma. hanno lo stesso spessore. I due palloncini: hanno forma diversa. hanno lo stesso colore. hanno grandezza diversa La geometria euclidea ola I due barattoli: hanno la stessa forma. sono di materiale diverso. hanno la stessa capacità. 4. Osserva i seguenti disegni e individua in essi gli enti geometrici fondamentali. LTTE

23 esercizi di riepilogo onsidera i gruppi di punti assegnati nei seguenti esercizi. ongiungili a due a due e determina il numero di rette che si possono disegnare E Sulla retta assegnata disegna tre punti distinti, e. Geometria e misura In quante parti viene divisa la retta? ome si chiamano tali parti?.... Osserva le figure dei seguenti esercizi e completa le relazioni con i simboli,, e a a a; a; a; a; a; a; a; ;. ; ; ; a. Nei seguenti esercizi segna i completamenti esatti. 12. I due segmenti sono adiacenti. consecutivi. né l uno né l altro. 13. I due segmenti sono adiacenti. consecutivi. né l uno né l altro. 14. I due segmenti sono adiacenti. consecutivi. né l uno né l altro.

24 scheda di autoverifica 1. La geometria euclidea Nome... ognome... lasse ompleta. Gli enti fondamentali su cui si basa la geometria euclidea sono:, e. 2. Quante e quali dimensioni ha: a. il punto b. la retta c. il piano 3. Segna il completamento esatto. Per un punto: a. passano infinite rette. b. passa una sola retta. c. non passa alcuna retta Segna il completamento esatto. Per due punti distinti: a. passano infinite rette. b. passa una sola retta. c. non passa alcuna retta. 5. Segna il completamento esatto. Per tre punti allineati: a. passano infiniti piani. b. non passa alcun piano. c. passa un solo piano. 6. Segna il completamento esatto. Per tre punti non allineati: a. passano infiniti piani. b. non passa alcun piano. c. passa un solo piano. 7. Segna il completamento esatto. iascuna delle parti in cui una retta viene divisa da un punto si chiama: a. spezzata. b. semiretta. c. segmento. 8. Vero o falso? Scrivilo accanto a ciascuna affermazione. a. ue segmenti che hanno un estremo in comune si dicono incidenti. b. ue segmenti consecutivi e che appartengono alla stessa retta si dicono adiacenti. c. ue segmenti con in comune un punto che non è un loro estremo si dicono coincidenti.

25 scheda di autoverifica 9. Osserva la figura e segna l affermazione esatta. a. È una spezzata semplice aperta. b. È una spezzata intrecciata aperta. c. È una spezzata semplice chiusa. d. È una spezzata intrecciata aperta. 10. Osserva la figura e segna l affermazione esatta. a. Sono due segmenti adiacenti. b. Sono due segmenti incidenti. c. Sono due segmenti consecutivi. d. Sono due segmenti coincidenti Osserva la figura e segna l affermazione esatta. E F a. Il segmento EF è la somma dei segmenti e. b. Il segmento EF è la differenza dei segmenti e. c. Il segmento EF è un multiplo dei segmenti e. 12. Osserva la figura e segna l affermazione esatta. a. Il segmento è maggiore del segmento. b. Il segmento è multiplo del segmento. c. Il segmento è sottomultiplo del segmento. 13. Osserva la figura e segna l affermazione esatta. a. Il segmento è multiplo del segmento secondo il numero 3. b. Il segmento è multiplo del segmento secondo il numero 2. c. Il segmento è sottomultiplo del segmento secondo il numero 2. ssegnati 1 punto per ogni risposta esatta. Punteggio conseguito... / 17 Se il tuo punteggio è inferiore a 12, svolgi gli esercizi di recupero, altrimenti passa agli esercizi di potenziamento che trovi in fondo al volume.

26 Esercizi di recupero Una consistente serie di esercizi, unità per unità, fi nalizzati al recupero delle nozioni matematiche acquisite. La gradualità delle diffi coltà e i numerosi esercizi guidati consentono un agevole percorso di apprendimento. Esercizi di potenziamento Una consistente serie di esercizi, unità per unità, fi nalizzati al potenziamento delle nozioni matematiche acquisite e completati da esercizi tratti, in gran parte, dalle Olimpiadi della Matematica.

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

LE ISOMETRIE: OSSERVA, COSTRUISCI E SCOPRI

LE ISOMETRIE: OSSERVA, COSTRUISCI E SCOPRI LE ISOMETRIE: OSSERVA, COSTRUISCI E SCOPRI Biennio scuola secondaria di 2 o grado Paola Nanetti Maria Cristina Silla 37 38 Indice 1. Note sul percorso: presentazione, bibliografia 2. Introduzione a Cabri

Dettagli

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99 Bravissimo/a! Sei arrivato/a alla fine della parte di italiano... Adesso perché non ripassi un po di matematica? A settembre sarai un bolide nelle operazioni, nel risolvere i problemi e in geometria! matematica

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

MATEMATICA. I numeri relativi. I numeri relativi. il testo:

MATEMATICA. I numeri relativi. I numeri relativi. il testo: 01 sono i numeri che hanno davanti il segno + o il segno -. li usano quando devi far capire se un numero sta sopra o sotto dello zero. Se dico che la temperatura è di 30 gradi per te è sicuramente difficile

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria

Dettagli

INDICE. Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1. Unità 1 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE DECIMALE, 49

INDICE. Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1. Unità 1 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE DECIMALE, 49 INDICE Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1 Il libro prosegue nel CD Il linguaggio degli insiemi, 2 1 GLI INSIEMI E LA LORO RAPPRESENTAZIONE, 2 Gli insiemi, 2 Insieme vuoto, finito e infinito, 3 La rappresentazione

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

IL PENSIERO MATEMATICO

IL PENSIERO MATEMATICO Claudio Bernardi Lodovico Cateni Roberto ortini Silvio Maracchia Giovanni Olivieri erruccio Rohr IL PENSIERO MATEMATICO OLUME 1 Algebra Statistica Geometria IL PENSIERO MATEMATICO cindice ALGEBRA UNITÀ

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli I tasti utilizzati con Cabri Jr. [Y=] [WINDOW] [ZOOM] [TRACE] [GRAPH] [2ND] [DEL] [CLEAR] [ALPHA] [ENTER] Apre il menu File (F1).

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI FIGUE GEOMETICHE SIMILI Nel linguaggio comune si dice che due oggetti sono simili quando si «assomigliano». Così si dicono simili due cani della stessa razza, i fiori della stessa pianta, gli abiti dello

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

classe delle migliaia seimilionitrecentosedicimilaquattrocento 2 h di miliardi 120 501 926 840... 8 h di milioni 8 926 145 480...

classe delle migliaia seimilionitrecentosedicimilaquattrocento 2 h di miliardi 120 501 926 840... 8 h di milioni 8 926 145 480... ARITMETICA Le classi del numero Leggi i numeri che si riferiscono agli abitanti di alcuni Stati del mondo, poi riscrivili nella tabella in ordine crescente. Argentina 0 5 Nigeria 5 78 900 Australia 06

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Elementi di topografia parte II

Elementi di topografia parte II Corso di Topografia Istituto Agrario S. Michele Elementi di topografia parte II prof. Maines Fernando Giugno 2010 Elementi di meccanica agraria pag. 164 Maines Fernando Sommario 1 Gli errori e il loro

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Appunti di Matematica

Appunti di Matematica Silvio Reato Appunti di Matematica Settembre 200 Le quattro operazioni fondamentali Le quattro operazioni fondamentali Addizione Dati due numeri a e b (detti addendi), si ottiene sempre un termine s detto

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli