La geometria euclidea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La geometria euclidea"

Transcript

1 Indice Geometria e misura unità 1 La geometria euclidea Enti e assiomi fondamentali 2 Semiretta e segmento 8 onfronto e operazioni fra segmenti 13 Ricorda 18 Esercizi di riepilogo 19 Scheda di autoverifica 25 Esercizi di recupero 260 Esercizi di potenziamento 262 VIII unità 2 Gli angoli Indice he cos è un angolo 28 La bisettrice di un angolo, 29; Vari tipi di angoli, 29 onfronto e operazioni fra angoli 35 ngoli complementari, supplementari ed esplementari 40 Ricorda 42 Esercizi di riepilogo 43 Scheda di autoverifica 49 Esercizi di recupero 263 Esercizi di potenziamento 265 unità 3 Rette parallele e perpendicolari Rette parallele 52 Un importante proprietà delle rette parallele, 53 Rette perpendicolari 56 sse, distanza e proiezioni ortogonali 59 Ricorda 64 Esercizi di riepilogo 65 Scheda di autoverifica 69 Esercizi di recupero 267 Esercizi di potenziamento 269 unità 4 Il sistema metrico decimale Il Sistema Internazionale di Misura 72 Lunghezza, superficie e volume 74 La lunghezza, 74; La superfi cie, 75; Il volume, 76 Massa, peso e capacità 82 Operazioni e problemi con le misure 86 Problemi con le misure decimali, 88

2 Ricorda 95 Esercizi di riepilogo 96 Scheda di autoverifica 105 Esercizi di recupero 271 Esercizi di potenziamento 273 unità 5 Sistemi di misura non decimali La misura delle ampiezze 108 Operazioni con le misure angolari 112 Riduzione in forma normale, 112; Riduzione nell unità di ordine inferiore, 112; Somma di misure angolari, 112; ifferenza di misure angolari, 113; Moltiplicazione di una misura angolare per un numero intero, 113; ivisione di una misura angolare per un numero intero, 113 La misura del tempo 117 Operazioni con le misure angolari, 117; Riduzione in forma normale, 118; Riduzione nell unità di ordine inferiore, 118; ddizione, 118; Sottrazione, 118; Moltiplicazione per un numero intero, 118; ivisione per un numero intero, 118 Ricorda 120 Esercizi di riepilogo 121 Scheda di autoverifica 131 Esercizi di recupero 276 Esercizi di potenziamento 279 IX Indice unità 6 I poligoni unità alla spezzata ai poligoni 134 Proprietà generali di un poligono 140 ongruenza e isoperimetria 145 Ricorda 148 Esercizi di riepilogo 149 Scheda di autoverifica 157 Esercizi di recupero 282 Esercizi di potenziamento I triangoli Il triangolo 160 lassifi cazione dei triangoli, 161; Il perimetro dei triangoli, 162 Triangoli congruenti 168 Primo criterio, 168; Secondo criterio, 169; Terzo criterio, 169 ltezze e ortocentro 172 isettrici e incentro 174 Mediane e baricentro 176 ssi e circocentro 178 Particolari proprietà 180 Ricorda 183 RS Libri S.p.. - ivisione Education, Milano

3 Esercizi di riepilogo 184 Scheda di autoverifica 193 Esercizi di recupero 289 Esercizi di potenziamento 292 X unità 8 I quadrilateri I poligoni con quattro lati 196 I trapezi 199 I parallelogrammi 203 Il rettangolo, 203; Il rombo, 204; Il quadrato, 204 Il deltoide 211 Ricorda 213 Esercizi di riepilogo 214 Scheda di autoverifica 227 Esercizi di recupero 295 Esercizi di potenziamento 299 Indice unità 9 Le trasformazioni isometriche ongruenza e isometria 230 La traslazione 232 La rotazione 235 La simmetria centrale e assiale 238 La simmetria centrale, 238; La simmetria assiale, 239 omposizione di isometrie 245 Ricorda 248 Esercizi di riepilogo 249 Scheda di autoverifica 257 Esercizi di recupero 302 Esercizi di potenziamento 305 Verifichiamo... le competenze Utilizzare linguaggio e simboli matematici Eseguire calcoli aritmetici Risolvere problemi aritmetici Organizzare e rappresentare dati Usare il linguaggio grafico della matematica Misurare grandezze Risolvere problemi di geometria piana 332 In preparazione alle prove INVLSI 335 pparati 355 Soluzioni delle Schede di autoverifica 356 Glossario 359 Tavole numeriche 361

4 1 Geometria e misura unità La geometria euclidea ontenuti Enti e assiomi fondamentali Semiretta e segmento onfronto e operazioni fra segmenti Prerequisiti apacità di osservare e confrontare Obiettivi onoscenze Gli enti fondamentali della geometria euclidea, le loro proprietà e le caratteristiche I concetti di semiretta e segmento e le loro caratteristiche bilità Individuare e rappresentare gli enti fondamentali della geometria Riconoscere e disegnare punti, rette, semirette, segmenti e spezzate Riconoscere e disegnare segmenti consecutivi, adiacenti, incidenti e coincidenti onfrontare segmenti Operare sui segmenti Materiali di matematica in Mappa interattiva udioripasso

5 Enti e assiomi fondamentali Osserviamo la realtà che ci circonda: VVENTUR 2 Geometria e misura una palla, un libro, una scatola, una matita, un bicchiere, un vaso, un quadro, una candela,. Ognuno di questi oggetti ha proprietà e caratteristiche che lo distinguono da un altro: la forma, la grandezza, il colore, il peso, la posizione che occupa, il materiale di cui è fatto, le trasformazioni che può subire,. Fra tutte le caratteristiche e proprietà che può avere un oggetto ci sono la forma, la grandezza e le trasformazioni che può subire; queste proprietà sono dette proprietà geometriche e se ne occupa la geometria. iciamo che: VVENTUR la grandezza la forma La geometria è la scienza che studia le proprietà geometriche dei corpi che ci circondano, cioè la forma e la grandezza e le trasformazioni che possono subire. le trasformazioni La geometria che adesso studieremo è detta euclidea, dal nome del grande matematico greco Euclide, vissuto nel III secolo a.. Euclide, nel suo trattato Elementi (vedi Nella storia ), fonda lo studio di tutta la geometria sugli enti fondamentali o primitivi, ovvero su tre entità geometriche non definibili ma da tutti intuitivamente comprensibili: il punto, la retta e il piano.

6 rriviamo a questi enti fondamentali osservando, ad esempio, le facce, gli spigoli e i vertici di un dado: un qualsiasi vertice del nostro dado ci dà l idea di punto; un qualsiasi spigolo ci dà l idea di retta; una qualsiasi faccia ci dà l idea di piano. spigolo retta vertice punto faccia piano Sono modelli materiali di punto il segno lasciato da una matita appuntita, un granello di sabbia ecc. Per indicare un punto si usano le lettere maiuscole dell alfabeto italiano:,,,. iciamo che: Esercizi pag. 19 Il punto, il primo ente fondamentale della geometria, è un concetto primitivo privo di effettiva definizione. Esso non ha alcuna dimensione. 3 Sono modelli materiali di retta la traccia lasciata da una matita che scorre diritta su un foglio, un sottile raggio di luce, la linea dell orizzonte ecc. Per indicare una retta si usano le lettere minuscole dell alfabeto italiano: a, b, c,. iciamo che: a 1. La geometria euclidea La retta, il secondo ente fondamentale, è immaginabile come un insieme continuo e infinito di punti avente sempre la stessa direzione. Essa ha una sola dimensione: la lunghezza. Sono modelli materiali di piano il pavimento di una stanza, la superficie di un foglio, il piano di un tavolo ecc. Per indicare un piano si usano le lettere minuscole dell alfabeto greco: α (alfa), β (beta), γ (gamma), δ (delta),. iciamo che: lunghezza Il piano, il terzo ente fondamentale, è immaginabile come un insieme continuo e infinito di rette. Esso ha due sole dimensioni: la lunghezza e la larghezza. Gli enti fondamentali ci hanno introdotto allo studio della geometria euclidea, che adesso approfondiremo con il metodo del grande Euclide, il metodo assiomatico-deduttivo. In che cosa consiste questo metodo? Il significato di assiomatico, evidente e certamente vero, e di deduttivo, derivato da un ragionamento logico e razionale, ci suggeriscono la risposta. larghezza RS Libri S.p.. - ivisione Education, Milano

7 Il metodo assiomatico-deduttivo consiste nel porre alla base di una trattazione dei concetti universalmente accettati, gli enti fondamentali, e delle considerazioni evidenti e certamente vere, gli assiomi; da questi enti e assiomi, con ragionamenti logici e dimostrabili, arrivare a deduzioni vere con le quali completare la trattazione. asandoci su questo metodo, facciamo adesso alcune importanti considerazioni sulla retta esaminando gli assiomi euclidei che stanno alla base della nostra geometria. 1. Fissiamo un punto nel piano, quante rette passanti tutte per questo punto possiamo disegnare? Infinite. iciamo che: Per un punto passano infinite rette, o un fascio di rette. 4 Geometria e misura 2. Fissiamo due punti distinti e nel piano, quante rette passanti tutte per questi due punti possiamo disegnare? Una e una sola. iciamo che: Per due punti distinti passa una e una sola retta. 3. Fissiamo tre punti distinti, e nel piano, quante rette passanti tutte per questi tre punti possiamo disegnare? Se i tre punti sono allineati, una e una sola, se i tre punti non sono allineati, nessuna. iciamo che: Per tre punti allineati passa una e una sola retta, per tre punti non allineati non passa alcuna retta. 4. Fissiamo tre punti, e allineati e consideriamo l unica retta a che li unisce. Per quest unica retta a, quanti piani passano? Infiniti. iciamo che: a Per tre punti allineati, o per una retta, passano infiniti piani, ovvero un fascio di piani. 5. Fissiamo tre punti, e non allineati, quanti piani passano per questi tre punti? Passerà uno e un solo piano. Per tre punti non allineati passa uno e un solo piano.

8 Ma poiché tre punti non allineati in un piano possono rappresentare una o due rette, diciamo che: Per tre punti non allineati passa uno e un solo piano. Per una retta e un punto fuori di essa passa uno e un solo piano. Per due rette che si incontrano in un punto passa uno e un solo piano. Esercizi pag. 19 nella storia Il più importante e ancora attuale libro di matematica che la storia ci tramanda si deve ad uno dei più grandi matematici della storia, il grande Euclide. opo la morte di lessandro Magno, lessandria d Egitto diventa il più importante centro culturale. Il suo Museo, con la ricchissima iblioteca, diventa uno dei più celebri istituti culturali dell antichità. Organizzato come le nostre università, nel Museo vi tengono lezioni professori pagati dallo Stato che si dedicano totalmente all insegnamento e alla ricerca scientifica. Euclide è uno di questi professori e spetta a lui il merito di aver fondato la Scuola matematica di lessandria. Fra le sue opere, che abbracciano non solo matematica, ma anche musica, astronomia e ottica, l opera principale, Stoikèia, ovvero Elementi, è formata da tredici libri e rappresenta il primo vero trattato a carattere espositivo-didattico della matematica. Il grande valore di quest opera è quello di aver rielaborato in forma chiara e sistematica tutto il lavoro compiuto in secoli di ricerca matematica, di aver dato un ordine agli argomenti, di aver introdotto la dimostrazione dei singoli teoremi che descrive, ma soprattutto di aver dato le fondamenta al metodo assiomatico-deduttivo. Euclide infatti ha posto alla base del suo studio alcuni enti e alcune considerazioni evidentemente certi, cioè assiomatici o indiscutibili, e da questi ha dedotto con ragionamenti logici tutte le conseguenze che saranno altrettanto logiche e vere. La geometria descritta in questa immensa opera, detta appunto euclidea, è quella ancora oggi studiata anche se non è, come vedremo più avanti, la sola geometria esistente. Particolare della Scuola di tene di Raffaello: Euclide intento a discutere di geometria con alcuni allievi. Una pagina degli Elementi di Euclide (manoscritto del 300) La geometria euclidea

9 6Geometria e misura acciamo il punto verifica le tue conoscenze. 1. he cosa è la geometria? 2. ompleta. Punto, retta e piano sono..... Il punto è., esso ha dimensione. La retta è, essa ha dimensione. Il piano è, esso ha dimensioni. 3. Rispondi alle seguenti domande. Quante rette passano per un punto?.... Quante rette passano per due punti distinti?..... Quante rette passano per tre punti allineati?.. Quante rette passano per tre punti non allineati? ompleta. Per tre punti allineati, o per una retta, passano piani. 5. Rispondi alle seguenti domande. Quanti piani passano per tre punti non allineati?. Quanti piani passano per una retta e un punto fuori di essa?... Quanti piani passano per due rette che si incontrano in un punto?... verifica le tue abilità. 6. Osserva le figure e scrivi alcune loro proprietà geometriche e non geometriche. Proprietà non geometriche: Proprietà geometriche: Proprietà non geometriche: Proprietà geometriche: Proprietà non geometriche: Proprietà geometriche: Proprietà non geometriche: Proprietà geometriche:

10 7. Nella figura data disegna: tutte le rette che passano per il punto ; tutte le rette che passano per i punti e ; tutte le rette che passano per i punti, e. 8. Nella figura data disegna: tutte le rette che passano per il punto ; tutte le rette che passano per i punti e ; tutte le rette che passano per i punti, e. Esercizi pag Osserva la figura e individua le rette a, b, c e d sapendo che: le rette a e b hanno in comune il punto ; le rette b e c hanno in comune il punto ; le rette c e d hanno in comune il punto ; le rette a e d hanno in comune il punto. 1. La geometria euclidea 10. isegna tre rette a, b e c tali che: a e b abbiano in comune il punto ; c e b abbiano in comune il punto ; a e c non abbiano alcun punto in comune. 11. isegna quattro rette a, b, c e d tali che: b e c abbiano in comune il punto ; a abbia in comune con b il punto e in comune con c il punto ; d abbia in comune con b il punto e in comune con c il punto. 12. isegna tutti i piani che passano per i punti dati nella figura a fianco.

11 Semiretta e segmento Se disegniamo una retta r e su di essa un punto, osserviamo che la retta r viene divisa dal punto in due parti, ciascuna delle quali inizia dal punto, si trova da parti opposte rispetto ad e continua all infinito dall altra parte. hiamiamo queste due parti in cui la retta viene divisa dal punto semirette di origine. Semiretta Semiretta r Queste due semirette di origine hanno la stessa direzione, uguale a quella della retta r, ma verso opposto. iciamo che: 8 La semiretta è ciascuna delle parti in cui una retta viene divisa da un punto che si dice origine della semiretta; essa è quindi ancora infinita, ha un inizio ma non una fine, e ha una sola dimensione: la lunghezza. Geometria e misura Su una retta r disegniamo adesso due punti e e consideriamo le tre parti in cui la retta resta divisa da questi due punti. Semiretta Segmento Semiretta a verso sinistra abbiamo una semiretta, da verso destra un altra semiretta, tra queste due semirette una parte di retta limitata dai due punti e. hiamiamo quest ultima parte di retta segmento di estremi e, lo indichiamo con e diciamo che: Il segmento è una parte finita di retta limitata da due punti che si dicono estremi del segmento. Esso ha quindi un inizio, una fine e una sola dimensione: la lunghezza. r onsideriamo due segmenti e osserviamone la posizione. Se i segmenti e hanno un estremo in comune, si dicono consecutivi: Se i segmenti e sono consecutivi e appartengono alla stessa retta, si dicono adiacenti: Se i segmenti e hanno in comune un punto che non è un loro estremo, si dicono incidenti: P Se i segmenti e hanno entrambi gli estremi in comune, si dicono coincidenti:

12 esempi 1. Nella figura a fianco: i segmenti e sono incidenti; i segmenti e E sono consecutivi. E 2. Nella figura a fianco: i segmenti e sono adiacenti; i segmenti e sono consecutivi. ue o più segmenti consecutivi formano una particolare figura geometrica detta poligonale o spezzata. Esercizi pag. 19 I segmenti che formano la spezzata sono i lati della spezzata, gli estremi dei vari segmenti sono i vertici della spezzata, il primo e l ultimo vertice sono gli estremi della spezzata. lato estremi vertice Una spezzata si indica scrivendo in successione le lettere dei suoi vertici, quella che abbiamo disegnato è la spezzata EF. Una spezzata può essere aperta, chiusa, semplice o intrecciata. Si dice: aperta se il primo e l ultimo segmento non sono consecutivi (i due estremi quindi non coincidono); chiusa se il primo e l ultimo segmento sono consecutivi (i due estremi quindi coincidono); semplice se i segmenti non si incontrano in alcun altro punto oltre gli estremi; intrecciata se i segmenti si incontrano in altri punti oltre gli estremi. E F 9 1. La geometria euclidea Spezzata semplice aperta Spezzata semplice chiusa Spezzata intrecciata aperta Spezzata intrecciata chiusa

13 acciamo il punto verifica le tue conoscenze. 1. ompleta. La semiretta è. che si dice della semiretta; essa è e ha una sola.. : la ompleta. Il segmento è una che si dicono del segmento. Esso è. e ha una sola. : la Quando due segmenti si dicono consecutivi? Quando due segmenti si dicono adiacenti?.... Geometria e misura 5. Quando due segmenti si dicono incidenti?.. 6. Quando due segmenti si dicono coincidenti?. 7. ompleta. Si chiama spezzata ompleta. Una spezzata si dice: aperta se ; chiusa se ; semplice se ; intrecciata se.. verifica le tue abilità. 9. Osserva la figura, quante sono le semirette aventi l origine nel punto P? 10. Individua tutte le parti in cui le rette a, b, c e d vengono divise dai loro punti di intersezione. P a b c d

14 Indica le semirette e i segmenti che si individuano nelle figure date nei seguenti esercizi Per ogni coppia di segmenti assegnati individua se sono consecutivi, adiacenti o incidenti. 15. Esercizi pag La geometria euclidea isegna un segmento consecutivo e uno adiacente per ciascun segmento dato.

15 acciamo il punto Nei seguenti esercizi individua tutti i segmenti a due a due consecutivi e a due a due adiacenti E E O Segmenti consecutivi: Segmenti adiacenti: Segmenti consecutivi: Segmenti adiacenti: 12 Geometria e misura 21. Osserva la figura e scrivi tutti i segmenti consecutivi al segmento. F H G 23. Osserva le figure e individua i vari tipi di spezzata. E L N M 22. Osserva la figura e scrivi tutti i segmenti adiacenti al segmento. E I L M F G 24. isegna nel riquadro una spezzata semplice chiusa, una spezzata intrecciata chiusa, una spezzata semplice aperta e una spezzata intrecciata aperta.

16 onfronto e operazioni fra segmenti he cosa significa confrontare due segmenti? ati due segmenti qualsiasi, e, confrontarli significa stabilire se hanno la stessa lunghezza o quale dei due ha lunghezza maggiore. Per far ciò bisogna sovrapporre i segmenti senza deformarli e in modo da far coincidere un estremo, ad esempio, e osservare l altro estremo. Se anche l altro estremo coincide, i due segmenti hanno la stessa lunghezza e si dicono congruenti: = Se l altro estremo non coincide e l estremo del segmento è interno al segmento, il segmento è minore di : < Esercizi pag Se l altro estremo non coincide e l estremo del segmento è esterno al segmento, il segmento è maggiore di : > per riflettere 1. La geometria euclidea Sovrapporre due segmenti senza deformarli non è del tutto semplice, per confrontare due segmenti, e, si ricorre quindi all uso del compasso. Osserva: si apre il compasso in modo da far coincidere le due punte con gli estremi del segmento ; mantenendo fissa l apertura, si porta il compasso sul segmento facendo coincidere una punta con l estremo, l altra punta del compasso può: coincidere con, i due segmenti si dicono congruenti: = ; essere interna a, il segmento è minore di : < ; essere esterna a, il segmento è maggiore di : >. RS Libri S.p.. - ivisione Education, Milano

17 Oltre a confrontare due segmenti, può essere necessario saper determinare il segmento somma o il segmento differenza di due segmenti dati o anche il multiplo o il sottomultiplo di un segmento. Vediamo come operare. Siano MN e PQ i due segmenti di cui si vuole determinare la somma. Riportiamoli entrambi su una retta in modo che risultino adiacenti, resta individuato il segmento MQ, che è il segmento somma di MN e PQ, e si scrive: MQ = MN + PQ M M P N P N Q Q Se si vuole determinare la somma di più di due segmenti, dati in un certo ordine, si determina la somma del primo e del secondo, poi la somma del segmento ottenuto con il terzo e così via di seguito. 14 Geometria e misura Siano e i due segmenti non congruenti di cui si vuole determinare la differenza. Riportiamoli entrambi su una retta in modo da far coincidere l estremo di con l estremo di, resta individuato il segmento, che è il segmento differenza di e, e si scrive: = ato un segmento, ad esempio il segmento, possiamo disegnare più segmenti congruenti alla somma di due, tre, segmenti tutti congruenti al segmento. Osserva. Possiamo scrivere = 2 e EF = 3 e diciamo che: è multiplo di secondo il numero 2; EF è multiplo di secondo il numero 3. E F Viceversa, possiamo scrivere = 1 2 e = 1 EF e diciamo che: 3 è sottomultiplo di secondo il numero 2; è sottomultiplo di EF secondo il numero 3. In generale: Un segmento è multiplo di un segmento E secondo il numero n se = ne. Un segmento E è sottomultiplo di un segmento secondo il numero n se E = 1 n.

18 acciamo il punto verifica le tue conoscenze. 1. Se sovrapponendo due segmenti e in modo tale che coincida con, osserviamo che anche coincide con, come sono i due segmenti?. 2. Se sovrapponendo due segmenti e in modo tale che coincida con, osserviamo che l estremo è interno al segmento, come sono i due segmenti?. 3. Se sovrapponendo due segmenti e in modo tale che coincida con, osserviamo che l estremo è esterno al segmento, come sono i due segmenti?. 4. Segna il completamento esatto. Un segmento è multiplo di un segmento E secondo il numero n se: = ne E = n = 1 n E E = 1 n Esercizi pag verifica le tue abilità. onfronta le coppie di segmenti assegnati nei seguenti esercizi e inserisci al posto dei puntini il simbolo >, < o =. 5. F L G P M 1. La geometria euclidea E H N GH EF LM NP 6. F L M G H N E P GH EF LM NP 7. isegna tre segmenti, ed EF tali che > e > EF. Qual è la giusta relazione fra ed EF? Segnala. < EF > EF = EF 8. isegna tre segmenti, ed EF tali che < ed EF >. Qual è la giusta relazione fra ed EF? Segnala. < EF > EF = EF

19 acciamo il punto 9. isegna nell apposito riquadro: due segmenti e adiacenti e tali che = ; due segmenti EF e GH consecutivi e tali che EF < GH; due segmenti NM e PQ incidenti e tali che NM > PQ. 10. onfronta i segmenti dati e sistemali in ordine decrescente. E F 16 Geometria e misura 11. onfronta i segmenti assegnati e metti il simbolo <, > o = al posto dei puntini. + E; EF + GH FG; + + GH + E; FG + GH EF + E. 12. ati i segmenti, ed FG, disegna il segmento MN tale che: MN = + FG 13. ati i segmenti, ed FG, disegna il segmento MN tale che: MN = ( FG) + ( FG) F E F H G G F G 14. ati i segmenti, e E, disegna sul tuo quaderno i segmenti richiesti. E F + ; + EF; + EF; + + EF. 15. ati i segmenti, e E, disegna sul tuo quaderno, se possibile, i segmenti richiesti. E F ; EF; EF;. 16. isegna un segmento e il suo multiplo secondo il numero 3. ompleta poi le seguenti scritture: =, =.

20 17. isegna un segmento e il suo multiplo secondo il numero 6. ompleta poi le seguenti scritture: =, =. 18. isegna un segmento e il suo sottomultiplo secondo il numero 4. ompleta poi le seguenti scritture: =, =. 19. isegna un segmento e il suo sottomultiplo secondo il numero 5. ompleta poi le seguenti scritture: =, =. ompleta le affermazioni date nei seguenti esercizi. 20. Se = 5 allora =. 22. Se = 7 allora =. 21. Se = 1 7 ; allora =. 23. Se = 1 allora =. 5 Esercizi pag. 19 Per ciascuno dei segmenti dati nei seguenti esercizi disegna i segmenti richiesti = 2 ; EF = = 3 ; EF = = 4 ; EF = = ; EF = ati i segmenti e disegna sul tuo quaderno, se possibile, i segmenti richiesti. 29. ati i segmenti EF e MN disegna sul tuo quaderno, se possibile, i segmenti richiesti La geometria euclidea E F M N + ; 3; 1 4 EF MN; 1 2 EF; 2MN 30. ati i segmenti, ed EF disegna sul tuo quaderno, se possibile, i segmenti richiesti. E F + ; 3 ; + EF; + EF; 1 EF; EF; ; 1 2EF; 3 EF; EF; 1 EF ; 2 EF.

21 ricorda 1 La geometria è la scienza che studia le proprietà geometriche dei corpi che ci circondano, cioè la forma e la grandezza e le trasformazioni che possono subire. Il punto è il primo ente fondamentale della geometria e non ha alcuna dimensione. La retta è il secondo ente fondamentale, è immaginabile come un insieme continuo e infinito di punti avente sempre la stessa direzione e ha una sola dimensione: la lunghezza. Il piano è il terzo ente fondamentale, è immaginabile come un insieme continuo e infinito di rette e ha due sole dimensioni: la lunghezza e la larghezza. 18 Geometria e misura Per un punto passano infinite rette, o un fascio di rette. Per due punti distinti passa una e una sola retta. Per tre punti allineati passa una e una sola retta, per tre punti non allineati non passa alcuna retta. Per tre punti allineati, o per una retta, passano infiniti piani, ovvero un fascio di piani. Per tre punti non allineati passa uno e un solo piano. Per una retta e un punto fuori di essa passa uno e un solo piano. Per due rette che si incontrano in un punto passa uno e un solo piano. 2 3 La semiretta è ciascuna delle parti in cui una retta viene divisa da un punto che si dice origine della semiretta; essa è quindi ancora infinita, ha un inizio ma non una fine, e ha una sola dimensione: la lunghezza. Il segmento è una parte finita di retta limitata da due punti che si dicono estremi del segmento. Esso ha quindi un inizio, una fine e una sola dimensione: la lunghezza. 4 ue o più segmenti consecutivi formano una poligonale o spezzata. Essa può essere: aperta se il primo e l ultimo segmento non sono consecutivi (i due estremi quindi non coincidono); chiusa se il primo e l ultimo segmento sono consecutivi (i due estremi quindi coincidono); semplice se i segmenti non si incontrano in alcun altro punto oltre gli estremi; intrecciata se i segmenti si incontrano in altri punti oltre gli estremi.

22 esercizi di riepilogo 1. Esaminando un bicchiere, Federica ha detto che: è di vetro. è alto 12 cm. è di colore azzurro. pesa 12 g. è cilindrico. è fragile. Quali delle affermazioni di Federica possono essere considerate proprietà geometriche del bicchiere? Segnale. 2. ella figura a fianco scrivi una proprietà non geometrica e una proprietà geometrica. Proprietà non geometrica:. Proprietà geometrica:.. Teoria da pag. 2 a pag Segna le proprietà geometriche che riguardano le figure assegnate. I due libri: hanno colore diverso. hanno la stessa forma. hanno lo stesso spessore. I due palloncini: hanno forma diversa. hanno lo stesso colore. hanno grandezza diversa La geometria euclidea ola I due barattoli: hanno la stessa forma. sono di materiale diverso. hanno la stessa capacità. 4. Osserva i seguenti disegni e individua in essi gli enti geometrici fondamentali. LTTE

23 esercizi di riepilogo onsidera i gruppi di punti assegnati nei seguenti esercizi. ongiungili a due a due e determina il numero di rette che si possono disegnare E Sulla retta assegnata disegna tre punti distinti, e. Geometria e misura In quante parti viene divisa la retta? ome si chiamano tali parti?.... Osserva le figure dei seguenti esercizi e completa le relazioni con i simboli,, e a a a; a; a; a; a; a; a; ;. ; ; ; a. Nei seguenti esercizi segna i completamenti esatti. 12. I due segmenti sono adiacenti. consecutivi. né l uno né l altro. 13. I due segmenti sono adiacenti. consecutivi. né l uno né l altro. 14. I due segmenti sono adiacenti. consecutivi. né l uno né l altro.

24 scheda di autoverifica 1. La geometria euclidea Nome... ognome... lasse ompleta. Gli enti fondamentali su cui si basa la geometria euclidea sono:, e. 2. Quante e quali dimensioni ha: a. il punto b. la retta c. il piano 3. Segna il completamento esatto. Per un punto: a. passano infinite rette. b. passa una sola retta. c. non passa alcuna retta Segna il completamento esatto. Per due punti distinti: a. passano infinite rette. b. passa una sola retta. c. non passa alcuna retta. 5. Segna il completamento esatto. Per tre punti allineati: a. passano infiniti piani. b. non passa alcun piano. c. passa un solo piano. 6. Segna il completamento esatto. Per tre punti non allineati: a. passano infiniti piani. b. non passa alcun piano. c. passa un solo piano. 7. Segna il completamento esatto. iascuna delle parti in cui una retta viene divisa da un punto si chiama: a. spezzata. b. semiretta. c. segmento. 8. Vero o falso? Scrivilo accanto a ciascuna affermazione. a. ue segmenti che hanno un estremo in comune si dicono incidenti. b. ue segmenti consecutivi e che appartengono alla stessa retta si dicono adiacenti. c. ue segmenti con in comune un punto che non è un loro estremo si dicono coincidenti.

25 scheda di autoverifica 9. Osserva la figura e segna l affermazione esatta. a. È una spezzata semplice aperta. b. È una spezzata intrecciata aperta. c. È una spezzata semplice chiusa. d. È una spezzata intrecciata aperta. 10. Osserva la figura e segna l affermazione esatta. a. Sono due segmenti adiacenti. b. Sono due segmenti incidenti. c. Sono due segmenti consecutivi. d. Sono due segmenti coincidenti Osserva la figura e segna l affermazione esatta. E F a. Il segmento EF è la somma dei segmenti e. b. Il segmento EF è la differenza dei segmenti e. c. Il segmento EF è un multiplo dei segmenti e. 12. Osserva la figura e segna l affermazione esatta. a. Il segmento è maggiore del segmento. b. Il segmento è multiplo del segmento. c. Il segmento è sottomultiplo del segmento. 13. Osserva la figura e segna l affermazione esatta. a. Il segmento è multiplo del segmento secondo il numero 3. b. Il segmento è multiplo del segmento secondo il numero 2. c. Il segmento è sottomultiplo del segmento secondo il numero 2. ssegnati 1 punto per ogni risposta esatta. Punteggio conseguito... / 17 Se il tuo punteggio è inferiore a 12, svolgi gli esercizi di recupero, altrimenti passa agli esercizi di potenziamento che trovi in fondo al volume.

26 Esercizi di recupero Una consistente serie di esercizi, unità per unità, fi nalizzati al recupero delle nozioni matematiche acquisite. La gradualità delle diffi coltà e i numerosi esercizi guidati consentono un agevole percorso di apprendimento. Esercizi di potenziamento Una consistente serie di esercizi, unità per unità, fi nalizzati al potenziamento delle nozioni matematiche acquisite e completati da esercizi tratti, in gran parte, dalle Olimpiadi della Matematica.

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA Sistemi di misura Enti geometrici fondamentali GEOMETRI SISTEMI DI MISUR Si dice grandezza tutto ciò che si può misurare, Es: la durata di una lezione di matematica, il peso di un ragazzo, la lunghezza

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Il numero. Indice. esercizi 266-285 267. mi autovaluto 14. mi autovaluto 28. Il sistema di numerazione decimale 5. Le operazioni fondamentali 15

Il numero. Indice. esercizi 266-285 267. mi autovaluto 14. mi autovaluto 28. Il sistema di numerazione decimale 5. Le operazioni fondamentali 15 Indice Il numero Per orientarti 2 unità di apprendimento 1 Il sistema di numerazione decimale 5 Cifre e numeri 6 Valore assoluto e valore relativo, p. 7 La scrittura polinomiale 8 L insieme N 9 Rappresentazione

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Obiettivi di apprendimento NUMERI Acquisire

Dettagli

LICEO STATALE G. MAZZINI

LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Viale Aldo Ferrari, 37 Tel. 0187743000 19122 La Spezia Fax 0187743208 www.liceomazzini.org

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA IL NUMERO CLASSE PRIMA Operare con il numero e impiegare specifiche abilità disciplinari come strumenti per affrontare esperienze di vita quotidiana. Comprende il significato

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti.

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. MATEMATICA NUCLEO TEMATICO: I NUMERI Classe prima Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. Inglese (concetto di grande e piccolo; Costruire

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

INdAM QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA

INdAM QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA INdAM Prova scritta per il concorso a 40 borse di studio, 2 borse aggiuntive e a 40 premi per l iscrizione ai Corsi di Laurea in Matematica, anno accademico 2011/2012. Piano Lauree Scientifiche. La prova

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI

MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A NUMERI L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE TERZA

MATEMATICA - CLASSE TERZA MATEMATICA - CLASSE TERZA I NUMERI NATURALI E LE 4 OPERAZIONI U. A. 1 - IL NUMERO 1. Comprendere la necessità di contare e usare i numeri. 2. Conoscere la struttura dei numeri naturali. 3. Conoscere e

Dettagli

Anna Montemurro. 1Geometria. e misura

Anna Montemurro. 1Geometria. e misura Anna Montemurro Destinazione Matematica 1Geometria e misura PRESENTAZIONE ai colleghi/e docenti Ho realizzato questo corso di matematica rifacendomi alla particolare struttura espositiva che caratterizza

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità L alunno riconosce il significato dei numeri ed i modi per rappresentarli i numeri naturali entro il 20 nei loro aspetti

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1

Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1 Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1 Indice / Terminologia addendo x L'addizione, la somma, l'addendo, più 1 2a 24 addizionare x L'addizione, la somma, l'addendo, più

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. I triangoli e i criteri di congruenza Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. ntonio Manca da materiali offerti dalla rete. ontributi di: tlas editore, matematicamente, Prof.ssa. nnamaria Iuppa,

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria MATEMATICA CLASSE I Indicatori Competenze Contenuti e processi NUMERI Contare oggetti o eventi con la voce in senso progressivo e regressivo Riconoscere e utilizzare

Dettagli

INDICE. MOD. 5 L INDAGINE STATISTICA Come si svolge un indagine statistica... Verifica...» 121

INDICE. MOD. 5 L INDAGINE STATISTICA Come si svolge un indagine statistica... Verifica...» 121 Prefazione Si racconta che il re Tolomeo stava cercando di leggere il libro di matematica di Euclide, un grande matematico greco dei tempi antichi che visse intorno al 3 a.c. ad Alessandria d Egitto. Euclide

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ NUMERI 1. Opera con i numeri 1a. Contare in senso progressivo o regressivo fino a 20 1b. Leggere

Dettagli

Vertici opposti. Fig. C6.1 Definizioni relative ai quadrilateri.

Vertici opposti. Fig. C6.1 Definizioni relative ai quadrilateri. 6. Quadrilateri 6.1 efinizioni Un poligono di 4 lati è detto quadrilatero. I lati di un quadrilatero che hanno un vertice in comune sono detti consecutivi. I lati di un quadrilatero non consecutivi tra

Dettagli

MATEMATICA UNITÀ DI APPRENDIMENTO Classi quarte - Scuola Primaria di Bellano - a.s. 2014/2015

MATEMATICA UNITÀ DI APPRENDIMENTO Classi quarte - Scuola Primaria di Bellano - a.s. 2014/2015 METODOLOGIA ATTIVITÀ - MEZZI PERIODO DI ATTUAZIONE I NUMERI NATURALI Simbolizzare la realtà con il linguaggio della matematica. Storia, Tecnologia, Italiano Lettura e scrittura di numeri naturali oltre

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI Gabellone, Silvagni,Damiano TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE QUARTA Sviluppa

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA. Abilità Contenuti Scansione cronologica

Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA. Abilità Contenuti Scansione cronologica Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA 1. Il numero Competenze Obiettivi di apprendimento 1. Conoscere e usare i numeri interi 2. Conoscere e usare le frazioni Abilità

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche MATEMATICA

Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche MATEMATICA Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2014/2015 Programmazione delle attività educativo didattiche MATEMATICA CLASSE:PRIMA DISCIPLINA: MATEMATICA AMBITO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO/ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015 METODOLOGIA DIDATTICA E STRUMENTI Le lezioni teoriche vengono sviluppate a partire da momenti pratici e di osservazione di fenomeni. I principi teorici verranno quindi o presentati dall insegnate o ricavati

Dettagli

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5 ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA PER IL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ana Millán Gasca Luigi Regoliosi La lettura e lo studio del libro Pensare in matematica da parte degli

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI Acquisire maggiore capacità di osservare, di problematizzare, di ordinare, di quantificare e di misurare fatti e fenomeni della realtà; sviluppare le abilità necessarie per

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica

UNIONE MATEMATICA ITALIANA. C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica UNIONE MATEMATICA ITALIANA C. I. I. M. Commissione Italiana per l'insegnamento della Matematica ESEMPI DI TERZE PROVE per il NUOVO ESAME DI STATO LA COMPONENTE MATEMATICA ISTITUTO MAGISTRALE Tipologia

Dettagli

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti Equazioni e Disequazioni Ripasso generale relativo alla risoluzione di equazioni, disequazioni,

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

UBI MATH. Matematica per il tuo futuro ARITMETICA 1

UBI MATH. Matematica per il tuo futuro ARITMETICA 1 Ubaldo Pernigo Marco Tarocco UBI MATH Matematica per il tuo futuro ARITMETICA Sommario contenuti digitali integrativi unità Gli insiemi Gli insiemi e la loro rappresentazione 2 Prime competenze 4 2 I sottoinsiemi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare

Dettagli

Il giardino di Archimede

Il giardino di Archimede ldo cquati, armen e Pascale, Flora Scuderi, Valeria Semini Il giardino di rchimede orso di matematica per la Scuola secondaria di primo grado Geometria . cquati,. e Pascale, F. Scuderi, V. Semini Il giardino

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCITIVA IL NUMERO CARATTERISTICHE Quantità entro il numero 20 Cardinalità Posizionalità RELAZIONI

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente.

Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. Linee Che tipo di linee riconosci in questi quadri? Ripassale con una matita colorata e, con la stessa tinta, colora il pallino corrispondente. a. curva spezzata retta mista aperta chiusa b. curva spezzata

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

Ogni primino sa che...

Ogni primino sa che... Ogni primino sa che... A cura della équipe di matematica 25 giugno 2015 Competenze in ingresso Tradizionalmente, nei primi giorni di scuola, gli studenti delle classi prime del Pascal sostengono una prova

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di autovalutazione 0 0 0 0 0 0 0 70 80 90 00 n Il mio punteggio, in centesimi, è n Rispondi a ogni quesito segnando una sola delle alternative. n onfronta le tue risposte con le soluzioni. n olora,

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MATEMATICA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MATEMATICA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 MATEMATICA CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

Elementi di Geometria. Lezione 03

Elementi di Geometria. Lezione 03 Elementi di Geometria Lezione 03 I triangoli I triangoli sono i poligoni con tre lati e tre angoli. Nelle rappresentazioni grafiche (Figura 32) i vertici di un triangolo sono normalmente contrassegnati

Dettagli

Appunti di Geometria

Appunti di Geometria ISTITUTO COMPRENSIVO N.7 - VIA VIVALDI - IMOLA Via Vivaldi, 76-40026 Imola (BOLOGNA) Centro Territoriale Permanente: Istruzione Degli Adulti - IDA Appunti di Geometria Scuola Secondaria di I Grado - Ex

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE Finalità ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE La matematica si propone come strumento per modellizzare il mondo e le attività dell uomo e, nello stesso tempo, come costruzione logica, indipendente dalle sue applicazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria CLASSE PRIMA Obiettivi formativi ABILITA CONOSCENZE Il numero - Contare in senso progressivo e regressivo. -

Dettagli

Mete e coerenze formative. Dalla scuola dell infanzia al biennio della scuola secondaria di II grado

Mete e coerenze formative. Dalla scuola dell infanzia al biennio della scuola secondaria di II grado Mete e coerenze formative Dalla scuola dell infanzia al biennio della scuola secondaria di II grado Area disciplinare: Area Matematica Finalità Educativa Acquisire gli alfabeti di base della cultura Disciplina

Dettagli

MATEMATICA COMPETENZE SPECIFICHE SCUOLA INFANZIA: LA CONOSCENZA DEL MONDO: ORDINE, MISURA E SPAZIO

MATEMATICA COMPETENZE SPECIFICHE SCUOLA INFANZIA: LA CONOSCENZA DEL MONDO: ORDINE, MISURA E SPAZIO MATEMATICA COMPETENZE SPECIFICHE SCUOLA INFANZIA: LA CONOSCENZA DEL MONDO: ORDINE, MISURA E SPAZIO Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi, confrontare e valutare quantità; utilizzare semplici simboli

Dettagli

APPENDICE 1.1. OBIETTIVI MINIMI

APPENDICE 1.1. OBIETTIVI MINIMI APPENDICE 1.1. OBIETTIVI MINIMI SCUOLA PRIMARIA 1 Disciplina MATEMATICA Nucleo tematico 1: IL NUMERO Saper operare con numeri interi fino a 20 Classe I I numeri entro il 20 Leggere, scrivere, confrontare

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE QUINTA -

CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE QUINTA - CURRICOLO MATEMATICA - CLASSE QUINTA - COMPETENZA NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI TRAGUARDI NUMERI 1.a) Indicare il valore posizionale delle cifre nei numeri decimali b) comporre e

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1.NUMERI CLASSE PRIMA Comprende il significato Comprendere il significato Insiemi numerici NQZ Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico rappresentandole

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità di mettere

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO. Parte 1

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO. Parte 1 TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Parte 1 La geometria è la scienza che studia la forma e l estensione dei corpi e le trasformazioni che questi possono subire. In generale per trasformazione geometrica

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER LA SCUOLA DELL'INFANZIA -

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER LA SCUOLA DELL'INFANZIA - CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER LA SCUOLA DELL'INFANZIA - TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA. 1. Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi,

Dettagli

PROVA NAZIONALE INVALSI per la classe III della Scuola Sec. Di I grado MATEMATICA- a.s. 2007-08

PROVA NAZIONALE INVALSI per la classe III della Scuola Sec. Di I grado MATEMATICA- a.s. 2007-08 PROVA NAZIONALE INVALSI per la classe III della Scuola Sec. Di I grado MATEMATICA- a.s. 2007-08 4 C1- Le potenze 3 2 2 e 4 3 hanno lo stesso valore? A. No, la prima vale 3 16 e la seconda 9 16. 16 16 B.

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SPECIFICHE Numeri! Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure in

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MATEMATICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MATEMATICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia L'educazione matematica ha il compito di avviare l'alunno verso una maggiore consapevolezza e padronanza del pensiero

Dettagli

Costruire il curricolo di MATEMATIC

Costruire il curricolo di MATEMATIC Competenze SCUOLA INFANZIA Prerequisiti 1 Risolvere problemi noti e non noti di natura aritmetica e geometrica Comprendere il ruolo della matematica nel mondo Riconoscere l esistenza di problemi e porsi

Dettagli

GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI

GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI Le origini della geometria sono antichissime e, per lo più, legate a necessità pratiche. Le tavolette e i papiri egiziani, risalenti al 2000 a.c., mettono in evidenza che

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Indice LE FIGURE GEOMETRICHE ELEMENTARI. verso le competenze fondamentali. 2 Unità di apprendimento 1. 3 Attività per iniziare

Indice LE FIGURE GEOMETRICHE ELEMENTARI. verso le competenze fondamentali. 2 Unità di apprendimento 1. 3 Attività per iniziare Indice 2 Unità di apprendimento 1 LE IGURE GEOMETRIHE ELEMENTRI 3 ttività per iniziare verso le competenze fondamentali Le figure geometriche elementari, 4 5 1 Il punto, la retta, il piano Il punto, 5

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

MATEMATICA Classe III

MATEMATICA Classe III MATEMATICA Classe III PROBLEMI - Riconoscere, rappresentare e risolvere problemi 1) Individuare situazioni problematiche nei vari contesti (di gioco, di scuola, di vita familiare...) 2) Individuare i dati

Dettagli

I numeri almeno entro il venti.

I numeri almeno entro il venti. MATEMATICA CLASSE PRIMA Nucleo: IL NUMERO Competenza: L alunno si muove nel calcolo scritto e mentale con i numeri e usa le operazioni aritmetiche in modo opportuno entro il 20. 1.1 Contare associando

Dettagli

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima NUMERI Descrivere e simbolizzare la realtà utilizzando il linguaggio e gli strumenti matematici Imparare ad usare il numero naturale per contare, confrontare,

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 7

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA. Lezione n 7 METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Lezione n 7 In questa lezione percorriamo gli argomenti della geometria che interessano la scuola primaria, in modo essenziale, o meglio ancora sommario.

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI MATEMATICA FINALITA Avviare alla consapevolezza e alla padronanza del calcolo, stimolare le capacità intuitive e condurre gradualmente alla

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta

Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta Similitudine e omotetia nella didattica della geometria nella scuola secondaria di primo grado di Luciano Porta Il concetto di similitudine è innato: riconosciamo lo stesso oggetto se è più o meno distante

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Introduzione. 001_007_pagine_iniziali.indd 7 22/01/14 11.21

Introduzione. 001_007_pagine_iniziali.indd 7 22/01/14 11.21 7 Introduzione Questo volume si propone di riorganizzare i percorsi di aritmetica e di geometria del corso principale adattandoli a studenti con esigenze specifiche. Il progetto grafico originale del corso

Dettagli

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel: 035 250547 035 253492 Fax: 035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE Ottobre/Novembre Unità 1 MISURE E FORME - LA QUANTITA Prerequisiti: Acquisizione dei concetti relativi all orientamento

Dettagli

MODULO N. 1 - GLI STRUMENTI PROPRI DEL DISEGNO TECNICO E LA GEOMETRIA EUCLIDEA ELEMENTARE

MODULO N. 1 - GLI STRUMENTI PROPRI DEL DISEGNO TECNICO E LA GEOMETRIA EUCLIDEA ELEMENTARE Il programma di Disegno Geometrico è stato strutturato partendo da un attenta analisi della situazione di partenza relativa al grado di manualità dei singoli alunni, per passare poi all analisi delle principali

Dettagli

LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry

LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry La costruzione di figure geometriche al computer con

Dettagli