ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO I Consorziati...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI 2013... 3. La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO... 7. I Consorziati..."

Transcript

1 RELAZIONE SULLA GESTIONE

2 INDICE ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI... 3 La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO... 7 I Consorziati... 7 Le risorse umane e la formazione... 7 Le certificazioni... 8 LE ATTIVITA ISTITUZIONALI... 9 Gli obiettivi di Riciclo e Recupero... 9 Gli imballaggi immessi al consumo La raccolta differenziata La selezione dei materiali Il riciclo Il riciclo meccanico gestito da superficie pubblica Il riciclo meccanico gestito da superficie privata Il riciclo meccanico non gestito da superficie privata Il recupero energetico La prevenzione La ricerca e sviluppo La comunicazione I rapporti internazionali Analisi, Audit & controlli Analisi qualità sul materiale proveniente dalla raccolta urbana Analisi qualità su prodotti selezionati e sottoprodotti Audit e controlli I rischi non finanziari LA GESTIONE FINANZIARIA GLI INDICATORI ONR (OSSERVATORIO NAZIONALE DEI RIFIUTI)

3 ORGANI CONSORTILI 2

4 I RISULTATI ECONOMICI La situazione economica e patrimoniale Il Bilancio registra un disavanzo pari a 67,366 milioni di euro; il Patrimonio Netto al 31 dicembre ammonta a 136,64 milioni di euro. Conto economico gestionale sintetico CONTO ECONOMICO ( /000) RICAVI DA CONTRIBUTO AMBIENTALE RICAVI DA VENDITE PER RICICLO ALTRI RICAVI TOTALE RICAVI var. /000 var. % (15.166) -6,8% ,8% ,2% (10.370) -3,1% RACCOLTA ( ) ( ) (22.517) 12,9% SELEZIONE (97.132) ( ) (10.394) 10,7% ANALISI QUALITATIVE (7.881) (8.658) (777) 9,9% SMALTIMENTO A DISCARICA (1.676) (1.029) 647 RICICLO MECCANICO & SRA (5.377) (5.834) (457) TRASPORTI RECUPERO ENERGETICO TOTALE COSTI DIRETTI DI RICICLO E RECUPERO 85-38,6% 8,5% (888) (803) (28.858) (35.648) (6.790) 23,5% -9,6% ( ) ( ) (40.203) 12,7% COSTI FISSI, INDIRETTI E COMUNI (18.033) (16.514) ,4% AMMORTAMENTI, SOPP PASSIVE & SVALUTAZIONI (14.377) (10.084) ,9% (9.051) (9.091) (40) ( ) ( ) (34.431) 9,6% (2.325) -29,1% COSTI FUNZIONAMENTO CONAI TOTALE COSTI PROVENTI FINANZIARI IMPOSTE E TASSE contributo ai secondari/terziari (C&I) RISULTATO D'ESERCIZIO (19.289) (864) 0,4% (864) (87) (87) (67.366) (48.077) 249,2% Nel i ricavi totali calano del 3% rispetto al ; ciò è dovuto essenzialmente a minori ricavi da Contributo Ambientale, sia per una diminuzione delle quantità dichiarate, sia per il fatto che nel fino ad settembre compreso il CAC unitario era pari a 120 euro per tonnellata. Sul fronte costi industriali il registra un +13% rispetto al ; ciò è legato principalmente, come vedremo più avanti, ai rilevanti incrementi dei volumi di raccolta che si sono verificati durante l anno e che hanno avuto un notevole impatto sui costi di raccolta stessi, di selezione e di recupero energetico. Questi ultimi sono cresciuti addirittura del 24%, a testimoniare come la raccolta sia aumentata soprattutto per quelle frazioni di imballaggi che non trovano sbocco nel mercato del riciclo. La composizione percentuale dei costi industriali, evidenzia come i costi di raccolta, selezione e recupero energetico rappresentino il 95% del totale; tutti gli altri sommati raggiungono il 5%. 3

5 Composizione percentuale dei costi industriali 5% 10% RACCOLTA SELEZIONE ANALISI Q UALITATIVE 30% 55% SMALTIMENTO A DISCARICA RICICLO M ECCANICO & SRA TRASPORTI RECUPERO ENERGETICO Per quanto riguarda i costi fissi, il presenta un saving dell 8% rispetto all anno precedente, registrando dei risparmi praticamente su tutte le voci che li compongono (ricerca, comunicazione, struttura, etc.). Anche le voci sopravvenienze passive e svalutazione crediti risultano inferiori del 30% rispetto al. La gestione finanziaria ha generato proventi nell anno per circa 5,6 milioni di euro (-30% rispetto al ). 4

6 Dal lato patrimoniale, le disponibilità finanziarie del Consorzio risentono del calo dei ricavi da Contributo Ambientale e dell aumento dei principali costi industriali. Stato patrimoniale attivo ( /000) ATTIVO ( /000) var. DISPONIBILITA' FINANZIARIE (57.578) CREDITI PER CONTRIBUTO AMBIENTALE (2.176) CREDITI VERSO CLIENTI CREDITI VERSO ERARIO ALTRI CREDITI (2.699) (239) TOTALE ATTIVO A BREVE (56.503) ATTIVITA' IMMOBILIZZATE (212) (56.715) TOTALE CREDITI RIMANENZE FINALI TOTALE ATTIVO L aumento dei principali costi industriali si riflette anche nel passivo, con un aumento dei debiti verso fornitori. Il passivo evidenzia la perdita dell esercizio e la conseguente riduzione del patrimonio netto. Stato patrimoniale passivo ( /000) PASSIVO E NETTO ( /000) DEBITI VERSO FORNITORI DEBITI VERSO ERARIO var (687) (2.398) RISERVA ART (19.289) RISULTATO D'ESERCIZIO (19.289) (67.366) (48.077) TOTALE PATRIMONIO NETTO (67.322) TOTALE PASSIVO & PATRIMONIO NETTO (56.715) ALTRI DEBITI TOTALE DEBITI FONDI TOTALE PASSIVO FONDO CONSORTILE 5

7 Il Contributo Ambientale CONAI Il Contributo Ambientale CONAI, principale voce di ricavo del Consorzio, è dovuto dalle aziende produttrici o importatrici di imballaggi quando l imballaggio finito viene venduto al primo utilizzatore (che può essere anche un commerciante o distributore) e dalle aziende produttrici di materia prima quando questa viene ceduta ad un autoproduttore ossia a chi produce l imballaggio e lo riempie; sono inoltre tenuti al pagamento del contributo anche gli importatori di merci imballate. Nel corso del il valore unitario del contributo ambientale non ha subito alcuna variazione: è stato pari a 110 euro per tonnellata per tutto l anno solare. È già stato deliberato un aumento a 140 euro/t dal 1 gennaio Trend CAC unitario ( /t) 250,00 195,00 200,00 160,00 140,00 150,00 140,00 120,00 105,00 110,00 100,00 50,00 - gen '09 lug '09 lug '10 lug '11 gen'12 ott '12 gen'14 Dettaglio ricavi da contributo ambientale ( /000) PROCEDURA Procedura ordinaria Procedura semplificata Procedura ex-post/ex-ante TOTALE RICAVO DA CAC (11.621) (9.227) (9.836)

8 IL CONSORZIO I Consorziati Al 31 dicembre risultano iscritte nel libro dei Consorziati COREPLA imprese. Al consorzio aderiscono imprese che operano nelle diverse fasi del ciclo di vita degli imballaggi, suddivise in 4 categorie: categoria A: imprese produttrici o importatrici di materia prima per la fabbricazione di imballaggi in plastica; categoria B: imprese produttrici o importatrici di imballaggi in plastica; categoria C: imprese utilizzatrici che producono i propri imballaggi in plastica o importano merci imballate; categoria D: imprese che riciclano e/o recuperano rifiuti di imballaggi in plastica. La tabella illustra la ripartizione per categoria e sintetizza tutti i movimenti avvenuti nel a partire dalla situazione dell anno precedente. CATEGORIA NUOVE ADESIONI VARIAZIONI DI CATEGORIA RECESSI ESCLUSIONI A B C D TOTALE I contributi di partecipazione vanno a formare il fondo consortile che al 31 dicembre ammonta a ,25 euro (di cui versato ,75 euro) per quote di partecipazione. Le risorse umane e la formazione Nel corso dell anno il Consorzio si è avvalso della collaborazione di n. 59 presenze operative (media annuale), di cui 3 Dirigenti e 5 contratti a termine (3 per sostituzioni di maternità). In corso d anno sono state assunte 2 persone a tempo indeterminato e confermate altre 3 provenienti da contratti a termine, si sono conclusi 2 contratti co.co.pro., 1 stage ed 1 contratto a tempo indeterminato per dimissioni. 7

9 Anche per l anno si sono perseguiti obiettivi di crescita sia a livello individuale che organizzativo; si è infatti attuata la riorganizzazione di alcune aree operative anche mediante job rotation del personale, al fine di ottimizzare flussi informativi e procedure e dare il via ad una organizzazione per processi e non più prettamente per funzione. Ciò in una visione trasversale dell organizzazione che vede il Consorzio come insieme di processi di business e non come sommatoria di funzioni e/o singole divisioni da coordinare. Sono continuate politiche e azioni volte a far crescere e valorizzare le risorse, estendendo le schede di valutazione individuali all intera popolazione aziendale. Si sono inoltre incrementati sia il numero degli interventi formativi che i corsi sulla sicurezza; per il infatti risultano 54 interventi formativi di cui 8 corsi relativi alla sicurezza sul lavoro, per un totale di 310 partecipazioni. Le certificazioni Nel corso del sono state effettuate le periodiche verifiche ispettive per il mantenimento delle certificazioni secondo le norme UNI EN ISO 14001:2004 relativa all ambiente e UNI EN ISO 9001:2008 relativa alla qualità. Sono state inoltre effettuate, sempre da parte di un ente terzo accreditato, Istituto Italiano dei Plastici, verifiche ispettive che hanno portato al rinnovo delle certificazioni secondo la norma ISO 27001:2005, relativa alla gestione della sicurezza delle informazioni, e secondo lo standard OHSAS 18001:2007 relativa alla salute e sicurezza sul lavoro. 8

10 LE ATTIVITA ISTITUZIONALI Gli obiettivi di Riciclo e Recupero Tabella obiettivi (t) 2011 IMMESSO AL CONSUMO RICICLO COREPLA RICICLO INDIPENDENTE TOTALE RICICLO ,1% 37,5% 38,6% RECUPERO ENERGETICO COREPLA RECUPERO ENERGETICO RSU TOTALE RECUPERO ENERGETICO ,9% 34,3% 36,8% ,0% ,8% ,5% Incidenza % Incidenza % RECUPERO TOTALE Incidenza % Per quanto riguarda gli obiettivi calcolati sull immesso al consumo anche nel si è avuto un incremento della percentuale di riciclo. Purtroppo lo stesso non si può dire dell incidenza del riciclo sulla raccolta differenziata. Come si vedrà nelle apposite sezioni, dove se ne analizzeranno più puntualmente le cause, il riciclo, seppure incrementato in dimensione assoluta e sostenuto da continua innovazione, ha avuto una crescita meno che proporzionale rispetto alla raccolta. Quantificando questa dinamica, la quota di raccolta avviata a riciclo si riduce al 55% (-5% rispetto al ). Specularmente si è incrementata la quota di recupero energetico: 43%, +5% rispetto al. 2,4% RICICLO RECUPERO ENERGETICO DISCARICA 38,1% 59,5% 9

11 1,5% RICICLO RECUPERO ENERGETICO DISCARICA 43,1% 55,4% Gli imballaggi immessi al consumo1 L andamento recessivo dell economia italiana è proseguito anche nel. L anno si è concluso con un ulteriore sensibile ridimensionamento del PIL (-1,9% secondo ISTAT) e ha visto una significativa riduzione dei consumi privati (-2,2%) e della produzione industriale che registra un calo del -3,2%. Il comparto delle materie plastiche è stato naturalmente influenzato dallo scenario economico negativo e ha mostrato un deciso calo della domanda complessiva, con l export che ha però dato un contributo fondamentale al galleggiamento in questo mare in tempesta. In questo contesto ben poco incoraggiante, il calo dell immesso al consumo del -0,4% è indice, tutto sommato, di una relativa tenuta. Al netto degli imballaggi prodotti in Italia ma esportati vuoti o con la merce venduta all estero, degli imballaggi esenti e con il contributo dell import, il quantitativo di imballaggi immessi al consumo sul territorio nazionale è risultato nel pari a kt. La distribuzione interna per tipologia è composta per il 41% da imballaggi flessibili, per il 51% da imballaggi rigidi (27% CPL, 24% altri rigidi) e per l 8% da imballaggi di protezione/accessori. A livello di polimeri, il grosso del consumo è coperto dal polietilene, indirizzato prevalentemente all imballaggio flessibile, dove la sua quota è 1 Dati elaborati da Plastic Consult per COREPLA 10

12 prossima all 80%. Considerevoli quantitativi di consumo si hanno anche per il PET e PP, che si rivolgono viceversa soprattutto all imballaggio rigido. Tra gli altri materiali sono ancora limitati i volumi di consumo dei polimeri biodegradabili (PLA per bottiglie, manufatti termoformati e film biorientato, polimeri da amido per shopper), che coprono poco più dell 1% del totale. Per quanto riguarda la funzione degli imballaggi, vi è la netta prevalenza dell imballaggio primario che copre oltre i due terzi del consumo complessivo, mentre l imballaggio secondario (in massima parte film retraibile per fardellaggio) non arriva al 7% del totale. Osservando infine la distribuzione dell immesso al consumo secondo i canali di formazione dei rifiuti, si può rilevare la netta prevalenza del canale domestico, mentre i quantitativi di industria e commercio arrivano nel complesso al 36% del totale, ma includono volumi non indifferenti di materiale (in particolare contenitori per liquidi), gestiti con i rifiuti solidi urbani. Immesso al Consumo (kton) 2011 IMMESSO AL CONSUMO di cui Domestico (HH) di cui Commercio & Industria (C&I) 11

13 Composizione Immesso al Consumo (%) 2011 % % % var % 13/12 IMBALLAGGI FLESSIBILI 42,7% 40,7% 41,1% 0,4% IMBALLAGGI RIGIDI 49,3% 51,4% 51,1% -0,3% IMBALLAGGI DI PROTEZIONE/ACCESSORI 8,0% 7,9% 7,8% -0,1% 100,0% 100,0% 100,0% PE 47,3% 44,9% 45,6% 0,7% PET 21,4% 22,1% 21,6% -0,5% PP 18,1% 18,6% 19,4% 0,8% PS/EPS 7,6% 8,6% 8,2% -0,4% BIOPOLIMERI 1,7% 2,0% 1,4% -0,6% ALTRI 3,9% 3,8% 3,8% 0,0% 100,0% 100,0% 100,0% IMBALLAGGI PRIMARI 66,9% 69,8% 67,9% -1,9% IMBALLAGGI SECONDARI 6,9% 6,8% 6,8% 0,0% IMBALLAGGI TERZIARI 26,2% 23,4% 25,3% 1,9% 100,0% 100,0% 100,0% DOMESTICO 63,8% 64,4% 63,6% -0,8% di cui cont enit ori per liquidi 22,9% 23,4% 22,3% -1,1% 36,2% 35,6% 36,4% 0,8% 100,0% 100,0% 100,0% TIPOLOGIA TOTALE POLIMERO TOTALE FUNZIONE TOTALE CANALE COMMERCIO & INDUSTRIA TOTALE 12

14 La raccolta differenziata Nell'anno sono state raccolte circa 769 kt con un aumento rispetto al pari al 10,9%. Incremento percentuale ,9 % ,5 % ,0 % In termini percentuali continua la crescita significativa delle aree del centro e del sud Italia. Nord Ovest Liguria, Lombardia, Piemonte e Valle d Aosta. La Regione Liguria, dopo l aumento registrato nel (+26%) nel ha registrato un ulteriore aumento del 10,6% pur continuando ad avere un pro-capite (9,3 kg/ab/anno) ancora inferiore alla media nazionale. La Regione Valle d Aosta ha registrato finalmente un incremento del 7,7% rispetto al con una qualità del materiale notevolmente migliorata rispetto agli anni precedenti. La Regione Lombardia registra ancora, nonostante i già elevati quantitativi di raccolta, un incremento del 4,0%. In forte crescita la provincia di Cremona in calo invece le provincie di Como, Mantova, Lecco e Monza-Brianza. Nord Est Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto. La Regione Veneto con i suoi 20,1 Kg/ab/anno continua ad avere il valore di raccolta pro-capite in assoluto più alto di tutta Italia, mantenendo ottimi parametri qualitativi. La Regione Emilia Romagna ha registrato anche quest anno un incremento significativo del 14,6%. Il Friuli Venezia Giulia ha avuto un lieve calo ed il Trentino Alto Adige è sostanzialmente stabile. 13

15 Centro Lazio, Marche, Toscana e Umbria. La Regione Lazio, dopo la crescita del, registra un ulteriore incremento del 12,9%, la città di Roma ha avuto un incremento pari al 6% notevolmente più basso rispetto all incremento del (17%). La Regione attualmente risulta avere un pro-capite pari 9,3 kg/ab/anno ancora lontano dalla media nazionale. La Toscana dopo due anni di sostanziale stabilità dei conferimenti registra un incremento del 15,5% rispetto al con un pro-capite pari a 14,6 kg/ab/anno, in linea con la crescita di Marche (+11%) ed Umbria (+17%). Sud Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia. La Campania registra ancora una crescita del 18,4% rispetto al con un pro-capite di 14 Kg/ab/anno rimanendo quindi al di sopra della media nazionale. In forte crescita l Abruzzo (28,1%) e la Puglia (43,0%).La regione Basilicata ha avuto un decremento del 22,4% e la raccolta procapite resta comunque molto bassa (5,2 kg/ab/anno). Il Molise è risultato in calo del 2,6% con un pro-capite di 4,6 kg/ab/anno mentre il fanalino di coda è ancora la regione Calabria con un pro-capite 3,4 Kg/ab/anno. Isole Sardegna e Sicilia. Mentre la Sardegna si sta avvicinando ai 15,3 Kg/ab/anno, la Regione Sicilia resta penultima regione per pro-capite con 3,7 Kg/ab/anno. 14

16 Raccolta per area geografica (t) AREA 2011 NORD OVEST variazione % 2,2% 3,7% 4,3% ,9% 3,1% 10,0% ,8% 9,7% 13,8% ,0% 6,2% 22,8% ,3% 7,0% 10,0% NORD EST variazione % CENTRO variazione % SUD variazione % ISOLE variazione % TOTALE ITALIA variazione % 7,0% 5,5% 10,9% Il risultato del è da ritenersi un ottimo risultato se si considera sia la crisi del paese sia la situazione di difficoltà economica dei comuni. I comuni che già avevano pianificato il passaggio al porta a porta hanno mantenuto i propri impegni raggiungendo significativi risultati in termini di pro-capite. Il rischio di emergenza rifiuti dell indifferenziato ha portato alcune regioni a spingere verso la raccolta differenziata, sollecitando i comuni più arretrati ad attivarsi. In alcune aree del Paese la sensibilità e le spinte che sono arrivate dai cittadini hanno portato all attivazione ed al miglioramento dei servizi di raccolta differenziata con il conseguente aumento delle quantità. Si conferma e si accentua nel l effetto della riduzione dei limiti di frazione estranea consentita in vigore a partire dal giugno : da un lato si è ridotta la frazione estranea e dall altro si è riscontrato uno spostamento del materiale dal conferimento diretto agli impianti di selezione che lavorano per COREPLA (CSS) verso Centri Comprensoriali (CC) che effettuano operazioni di selezione, prepulizia e pressatura. 15

17 Raccolta per regione e pro-capite REGIONE ton kg/ab. ton kg/ab. Emilia-Romagna , ,2 Friuli-Venezia-Giulia , ,0 Liguria , , , ,0 Piemonte , ,3 Trentino-Alto Adige , , , ,7 Veneto , ,1 Lazio , ,3 Marche , ,3 Toscana , ,6 Umbria , ,0 Abruzzo , ,4 Basilicata , ,2 Calabria , , , ,0 Molise , ,6 Puglia , ,6 Sardegna , ,2 Sicilia , , , ,9 Lombardia Valle d'aosta Campania TOTALE ITALIA L Accordo Quadro ANCI-CONAI scaduto il ed in regime di proroga fino al prevede che i comuni, o i soggetti da essi delegati, stipulino con il Consorzio una convenzione per il conferimento della raccolta differenziala al sistema COREPLA. Delle 923 convenzioni attive nel, 366, pari al 40%, sono state stipulate direttamente con i comuni, mentre le rimanenti 557 sono state stipulate da soggetti delegati dai comuni. I comuni convenzionati nel sono stati 7.328, di conseguenza i comuni che hanno dato delega alla stipula delle convenzioni sono Convenzionamento ANNO n convenzioni n comuni % comuni n abitanti % abitanti % % % % % % 16

18 Flussi di raccolta REGIONE 2011 ton % ton % ton % MONO ,5% ,1% ,8% MULTI ,5% ,9% ,2% TOTALE Nel, a fronte del servizio di raccolta, il Consorzio ha riconosciuto ai comuni italiani e alle aziende delegate circa 197 milioni di euro (+13% rispetto all importo riconosciuto nel ). I costi della raccolta differenziata (mln/ ) ,2 % ,8 % ,6 %

19 I costi della raccolta differenziata ( /t) ,5 % ,6 % ,4 % La selezione dei materiali L attività di selezione rappresenta il necessario presupposto dell avvio a riciclo e recupero di tutta la raccolta differenziata conferita dai Comuni e dagli altri Convenzionati. Tale attività, di fondamentale importanza nelle attività del Consorzio, ha pressoché completato il processo di industrializzazione dei processi e degli impianti che si affidano a tecnologie e processi sempre più automatizzati. Al termine del, quasi il 97% dell attività (in termini di volumi trattati) è effettuata da impianti che dispongono almeno di un detettore ottico. Nel, per la selezione dei rifiuti di imballaggi in plastica provenienti da raccolta differenziata, COREPLA si è avvalso della collaborazione di trentacinque CSS; nel corso dell anno tre CSS hanno terminato la propria attività mentre uno l ha iniziata. Quanto preventivato alla fine del circa le quantità di PET, HDPE, Cassette e Film di LDPE da avviarsi a riciclo nel ha trovato sostanziale conferma nel consuntivo di fine anno. Questo nonostante alcune dinamiche in atto che contrastano l efficienza dei processi: continua diminuzione percentuale del contenuto di bottiglie nella raccolta differenziata; continua ingegnerizzazione degli imballaggi immessi al consumo, con tutte le conseguenti problematiche relative alle difficoltà di selezione, al mantenimento della qualità ed alla maggior produzione di sottoprodotti. 18

20 Tali dinamiche hanno impattato fortemente sugli imballaggi in plastica mista per i quali si è riscontrato un mancato avvio a riciclo pari a circa il 17%. Per ovviare, almeno parzialmente, alle problematiche di riciclo dei prodotti SELE MPO/C e MPOF/C, nel corso del è stata promossa la produzione di prodotti sperimentali alternativi (SELE IPP/C E SELE FIL/S) nella direzione di una maggior qualità e specializzazione dei prodotti. Nel corso dell anno 13 CSS hanno sperimentato la selezione di SELE IPP/C e 20 la selezione di SELE FIL/S; a tale prima fase è seguita una seconda in cui 8 CSS hanno sottoscritto un Addendum contrattuale per la selezione di SELE IPP/C e 3 per la selezione in via continuativa di SELE FIL/S. Grazie a questo processo sono state create le condizioni per proporre la selezione in via continuativa del Prodotto IPP/C. Nel è proseguito il processo di assegnazione del materiale pressato da avviare a selezione nei CSS tramite offerte migliorative, a tutela dell efficacia e della trasparenza. A seguito delle aggiudicazioni relative ai c.d. Bandi CIT tenutisi nel corso dell anno i CSS hanno ritirato tonnellate di CIT monomateriale sostenendone i costi di trasporto. A tali quantità si aggiungono ulteriori tonnellate per le quali i CSS hanno comunque sostenuto i costi di trasporto per ritiri assegnati in base a criteri di storicità e prossimità. Tali quantità rappresentano il 95 % circa del totale movimentato (CIT pressato). Come conseguenza, ad oggi le uniche aree geografiche coperte dai trasporti di competenza del Consorzio sono rappresentate dalla Sardegna, dalla Sicilia ed in parte dalla Calabria. Il riciclo Il riciclo meccanico gestito da superficie pubblica Attraverso il sistema delle aste on line COREPLA avvia a riciclo le produzioni di CPL (contenitori per liquidi) a base PET e HDPE; prodotti ormai più che consolidati e per i quali continua l opera di promozione. Le nuove tecnologie e l esperienza pluriennale nel riciclo di tali prodotti hanno reso il mercato di materie prime seconde un settore qualitativamente affidabile, soprattutto per il loro impiego in alcune applicazioni. In particolare il riciclato da CPL a base PET, trova ormai largo impiego anche in applicazioni per la produzione di imballaggi ad uso alimentare. Attraverso il sistema delle aste on line è altresì commercializzato l articolo Film (essenzialmente LDPE) che, differentemente dai CPL, è caratterizzato da un mercato che soffre di maggiore discontinuità e stagionalità legate alle 19

21 diverse fonti di approvvigionamento, di materiali similari, come ad esempio il film industriale e/o il telo agricolo Dati di riciclo COREPLA 2 (t) PRODOTTO HDPE FILM PET CASSETTE IMBALLAGGI MISTI SRA TOTALE RICICLO Confronto prezzi medi di vendita aste ( /t) 508 PET FILM HDPE Nel sono state fornite circa t di SRA all acciaieria Voestalpine di Linz in Austria. L SRA (Secondary Reducing Agent) è ottenuto da mix plastico derivato dai processi di selezione degli imballaggi in plastica post consumo che, a seguito di ulteriori operazioni di preparazione, viene 2 per i prodotti riciclati è stato mantenuto inalterato lo schema basato sul principio condiviso a livello europeo per cui vengono computate come riciclo le quantità in ingresso agli impianti di riciclo. Tale scelta trova la sua ragione nel fatto che tutti i prodotti sono dotati di una specifica che assicura qualità costante in linea con gli standard europei e che i processi industriali di trasformazione seguono criteri di riconosciuta efficienza. 20

22 utilizzato in altoforno come agente riducente nelle reazioni di ossidazioni dei minerali. Discorso a parte meritano i prodotti indifferenziati della famiglia MPO dei quali si è già evidenziata la problematica collocazione a riciclo. Nel corso del COREPLA ha lavorato molto per standardizzare la qualità e incrementare i clienti dei due prodotti sperimentali lanciati nel : IPP (imballaggi in polipropilene) e FIL/S (film di piccola pezzatura). In merito al prodotto IPP nel corso del si è raggiunta la standardizzazione del prodotto con un notevole interesse da parte dei clienti. Per quanto riguarda il FIL/S non si è ancora raggiunta una qualità standard ma sono comunque in atto diverse sinergie cliente-css che porteranno a raggiungere tale obiettivo. Nel corso del le quantità vendute all estero sono state le seguenti: Quantità vendute all'estero (t) Prodotto CTA CTL CTC Quantità CTE 446 FILM FILS 260 IPP MPOC MPOF SRA TOTALE Ancora una parentesi sullo sforzo di ottimizzazione per i materiali più problematici; dai grafici che seguono si può evincere come l obiettivo che si sta perseguendo sia duplice: aumento delle quantità riciclate ( t pari al +8,4%) e riduzione deficit di catena (-13,4 /t pari al -6%). Q.tà [t] Deficit industriale [ /t] ,06 207, Q.tà [t]: sommatoria prodotti misti avviati a riciclo (IPP/C, FIL/S, MPOF/C, MPO/C, MPO/B, Plasmix) Deficit industriale [ /t]: sommatoria costi selezione + costi riciclo ricavi da vendita In questo quadro, nel la cultura aziendale market oriented supportata dalla struttura organizzativa che durante il ha trovato una configurazione stabile, ha dato e darà un contributo importante nell incrementare, in maniera economicamente sostenibile, l indice di riciclo della raccolta differenziata. L attività di ricerca di nuove applicazioni e/o nuovi mercati finali nei settori a valle del riciclo (stampatori, compoundatori, distribuzione) si è rinforzata 21

23 con la collaborazione con Proplast. Scopo del progetto è la valorizzazione del prodotto rpet a colori misti (cd. floreale ) mediante l impiego di additivi e di cariche/fibre che possano rendere il polimero riciclato un tecnopolimero da utilizzarsi in applicazioni e mercati differenti dalla produzione della fibra/lastra. I risultati di tale collaborazione sono stati presentati a margine della fiera Ecomondo. Con la funzione R&D è stata consolidata la collaborazione creata nel avente l obiettivo di promuovere nuove opportunità di riciclo. Sul fronte dei c.d. Acquisti Verdi da parte delle Pubbliche Amministrazioni, si è partecipato ad tavolo comune con CONSIP (la centrale degli acquisti pubblici), Federazione gomma plastica, Assorimap, Unionplast, Polieco, e altri soggetti. Attraverso questo tavolo si intende dare un contributo alla definizione delle linee guida (Criteri Ambientali Minimi) pubblicate e/o in via di pubblicazione da parte del Ministero dell Ambiente. Il riciclo meccanico gestito da superficie privata Per quanto riguarda il riciclo da superfici private (C&I), continua l attenzione del Consorzio al mondo degli imballaggi provenienti dal Commercio e Industria. COREPLA gestisce parte di questo materiale attraverso tre tipi di accordi: le piattaforme per fusti e cisternette (c.d. PIFU) per la bonifica ed il riciclo degli imballaggi rigidi primari industriali; le piattaforme per gli imballaggi di polistirene espanso (c.d. PEPS); le piattaforme per il ritiro dei rifiuti di imballaggi in plastica provenienti da superfici private (c.d. PIA). PIFU: In relazione all accordo siglato nell agosto del tra CONAI, COREPLA, RICREA, RILEGNO e le Imprese del settore rappresentate da ARI, ANRI e Confima, nel corso del si è registrato un significativo consolidamento dell attività delle piattaforme convenzionate. I quantitativi gestiti dalle PIFU sono risultati in forte crescita; i volumi riferiti al, ammontano a t. Per le PIFU nel è stato completato il progetto finalizzato alla informatizzazione della tracciabilità dei dati. E stato predisposto un portale internet su area dedicata, la cui peculiarità è quella di essere uno strumento condiviso e gestito con gli altri Consorzi di filiera, nonché con possibilità di accesso da parte di società incaricata di effettuare audit. PEPS: nel corso del non sono state perfezionate nuove convenzioni. Si registra semmai la risoluzione di una convenzione all inizio dell anno, per cui le piattaforme con convenzione in essere sono diventate 12. Nonostante non vi sia una copertura capillare sul territorio nazionale e malgrado la 22

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera

La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Divisione Ambiente La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Contesto, numeri, impegno, posizionamento, strategie, progetti operativi La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Sommario Introduzione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli