ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO I Consorziati...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI 2013... 3. La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO... 7. I Consorziati..."

Transcript

1 RELAZIONE SULLA GESTIONE

2 INDICE ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI... 3 La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO... 7 I Consorziati... 7 Le risorse umane e la formazione... 7 Le certificazioni... 8 LE ATTIVITA ISTITUZIONALI... 9 Gli obiettivi di Riciclo e Recupero... 9 Gli imballaggi immessi al consumo La raccolta differenziata La selezione dei materiali Il riciclo Il riciclo meccanico gestito da superficie pubblica Il riciclo meccanico gestito da superficie privata Il riciclo meccanico non gestito da superficie privata Il recupero energetico La prevenzione La ricerca e sviluppo La comunicazione I rapporti internazionali Analisi, Audit & controlli Analisi qualità sul materiale proveniente dalla raccolta urbana Analisi qualità su prodotti selezionati e sottoprodotti Audit e controlli I rischi non finanziari LA GESTIONE FINANZIARIA GLI INDICATORI ONR (OSSERVATORIO NAZIONALE DEI RIFIUTI)

3 ORGANI CONSORTILI 2

4 I RISULTATI ECONOMICI La situazione economica e patrimoniale Il Bilancio registra un disavanzo pari a 67,366 milioni di euro; il Patrimonio Netto al 31 dicembre ammonta a 136,64 milioni di euro. Conto economico gestionale sintetico CONTO ECONOMICO ( /000) RICAVI DA CONTRIBUTO AMBIENTALE RICAVI DA VENDITE PER RICICLO ALTRI RICAVI TOTALE RICAVI var. /000 var. % (15.166) -6,8% ,8% ,2% (10.370) -3,1% RACCOLTA ( ) ( ) (22.517) 12,9% SELEZIONE (97.132) ( ) (10.394) 10,7% ANALISI QUALITATIVE (7.881) (8.658) (777) 9,9% SMALTIMENTO A DISCARICA (1.676) (1.029) 647 RICICLO MECCANICO & SRA (5.377) (5.834) (457) TRASPORTI RECUPERO ENERGETICO TOTALE COSTI DIRETTI DI RICICLO E RECUPERO 85-38,6% 8,5% (888) (803) (28.858) (35.648) (6.790) 23,5% -9,6% ( ) ( ) (40.203) 12,7% COSTI FISSI, INDIRETTI E COMUNI (18.033) (16.514) ,4% AMMORTAMENTI, SOPP PASSIVE & SVALUTAZIONI (14.377) (10.084) ,9% (9.051) (9.091) (40) ( ) ( ) (34.431) 9,6% (2.325) -29,1% COSTI FUNZIONAMENTO CONAI TOTALE COSTI PROVENTI FINANZIARI IMPOSTE E TASSE contributo ai secondari/terziari (C&I) RISULTATO D'ESERCIZIO (19.289) (864) 0,4% (864) (87) (87) (67.366) (48.077) 249,2% Nel i ricavi totali calano del 3% rispetto al ; ciò è dovuto essenzialmente a minori ricavi da Contributo Ambientale, sia per una diminuzione delle quantità dichiarate, sia per il fatto che nel fino ad settembre compreso il CAC unitario era pari a 120 euro per tonnellata. Sul fronte costi industriali il registra un +13% rispetto al ; ciò è legato principalmente, come vedremo più avanti, ai rilevanti incrementi dei volumi di raccolta che si sono verificati durante l anno e che hanno avuto un notevole impatto sui costi di raccolta stessi, di selezione e di recupero energetico. Questi ultimi sono cresciuti addirittura del 24%, a testimoniare come la raccolta sia aumentata soprattutto per quelle frazioni di imballaggi che non trovano sbocco nel mercato del riciclo. La composizione percentuale dei costi industriali, evidenzia come i costi di raccolta, selezione e recupero energetico rappresentino il 95% del totale; tutti gli altri sommati raggiungono il 5%. 3

5 Composizione percentuale dei costi industriali 5% 10% RACCOLTA SELEZIONE ANALISI Q UALITATIVE 30% 55% SMALTIMENTO A DISCARICA RICICLO M ECCANICO & SRA TRASPORTI RECUPERO ENERGETICO Per quanto riguarda i costi fissi, il presenta un saving dell 8% rispetto all anno precedente, registrando dei risparmi praticamente su tutte le voci che li compongono (ricerca, comunicazione, struttura, etc.). Anche le voci sopravvenienze passive e svalutazione crediti risultano inferiori del 30% rispetto al. La gestione finanziaria ha generato proventi nell anno per circa 5,6 milioni di euro (-30% rispetto al ). 4

6 Dal lato patrimoniale, le disponibilità finanziarie del Consorzio risentono del calo dei ricavi da Contributo Ambientale e dell aumento dei principali costi industriali. Stato patrimoniale attivo ( /000) ATTIVO ( /000) var. DISPONIBILITA' FINANZIARIE (57.578) CREDITI PER CONTRIBUTO AMBIENTALE (2.176) CREDITI VERSO CLIENTI CREDITI VERSO ERARIO ALTRI CREDITI (2.699) (239) TOTALE ATTIVO A BREVE (56.503) ATTIVITA' IMMOBILIZZATE (212) (56.715) TOTALE CREDITI RIMANENZE FINALI TOTALE ATTIVO L aumento dei principali costi industriali si riflette anche nel passivo, con un aumento dei debiti verso fornitori. Il passivo evidenzia la perdita dell esercizio e la conseguente riduzione del patrimonio netto. Stato patrimoniale passivo ( /000) PASSIVO E NETTO ( /000) DEBITI VERSO FORNITORI DEBITI VERSO ERARIO var (687) (2.398) RISERVA ART (19.289) RISULTATO D'ESERCIZIO (19.289) (67.366) (48.077) TOTALE PATRIMONIO NETTO (67.322) TOTALE PASSIVO & PATRIMONIO NETTO (56.715) ALTRI DEBITI TOTALE DEBITI FONDI TOTALE PASSIVO FONDO CONSORTILE 5

7 Il Contributo Ambientale CONAI Il Contributo Ambientale CONAI, principale voce di ricavo del Consorzio, è dovuto dalle aziende produttrici o importatrici di imballaggi quando l imballaggio finito viene venduto al primo utilizzatore (che può essere anche un commerciante o distributore) e dalle aziende produttrici di materia prima quando questa viene ceduta ad un autoproduttore ossia a chi produce l imballaggio e lo riempie; sono inoltre tenuti al pagamento del contributo anche gli importatori di merci imballate. Nel corso del il valore unitario del contributo ambientale non ha subito alcuna variazione: è stato pari a 110 euro per tonnellata per tutto l anno solare. È già stato deliberato un aumento a 140 euro/t dal 1 gennaio Trend CAC unitario ( /t) 250,00 195,00 200,00 160,00 140,00 150,00 140,00 120,00 105,00 110,00 100,00 50,00 - gen '09 lug '09 lug '10 lug '11 gen'12 ott '12 gen'14 Dettaglio ricavi da contributo ambientale ( /000) PROCEDURA Procedura ordinaria Procedura semplificata Procedura ex-post/ex-ante TOTALE RICAVO DA CAC (11.621) (9.227) (9.836)

8 IL CONSORZIO I Consorziati Al 31 dicembre risultano iscritte nel libro dei Consorziati COREPLA imprese. Al consorzio aderiscono imprese che operano nelle diverse fasi del ciclo di vita degli imballaggi, suddivise in 4 categorie: categoria A: imprese produttrici o importatrici di materia prima per la fabbricazione di imballaggi in plastica; categoria B: imprese produttrici o importatrici di imballaggi in plastica; categoria C: imprese utilizzatrici che producono i propri imballaggi in plastica o importano merci imballate; categoria D: imprese che riciclano e/o recuperano rifiuti di imballaggi in plastica. La tabella illustra la ripartizione per categoria e sintetizza tutti i movimenti avvenuti nel a partire dalla situazione dell anno precedente. CATEGORIA NUOVE ADESIONI VARIAZIONI DI CATEGORIA RECESSI ESCLUSIONI A B C D TOTALE I contributi di partecipazione vanno a formare il fondo consortile che al 31 dicembre ammonta a ,25 euro (di cui versato ,75 euro) per quote di partecipazione. Le risorse umane e la formazione Nel corso dell anno il Consorzio si è avvalso della collaborazione di n. 59 presenze operative (media annuale), di cui 3 Dirigenti e 5 contratti a termine (3 per sostituzioni di maternità). In corso d anno sono state assunte 2 persone a tempo indeterminato e confermate altre 3 provenienti da contratti a termine, si sono conclusi 2 contratti co.co.pro., 1 stage ed 1 contratto a tempo indeterminato per dimissioni. 7

9 Anche per l anno si sono perseguiti obiettivi di crescita sia a livello individuale che organizzativo; si è infatti attuata la riorganizzazione di alcune aree operative anche mediante job rotation del personale, al fine di ottimizzare flussi informativi e procedure e dare il via ad una organizzazione per processi e non più prettamente per funzione. Ciò in una visione trasversale dell organizzazione che vede il Consorzio come insieme di processi di business e non come sommatoria di funzioni e/o singole divisioni da coordinare. Sono continuate politiche e azioni volte a far crescere e valorizzare le risorse, estendendo le schede di valutazione individuali all intera popolazione aziendale. Si sono inoltre incrementati sia il numero degli interventi formativi che i corsi sulla sicurezza; per il infatti risultano 54 interventi formativi di cui 8 corsi relativi alla sicurezza sul lavoro, per un totale di 310 partecipazioni. Le certificazioni Nel corso del sono state effettuate le periodiche verifiche ispettive per il mantenimento delle certificazioni secondo le norme UNI EN ISO 14001:2004 relativa all ambiente e UNI EN ISO 9001:2008 relativa alla qualità. Sono state inoltre effettuate, sempre da parte di un ente terzo accreditato, Istituto Italiano dei Plastici, verifiche ispettive che hanno portato al rinnovo delle certificazioni secondo la norma ISO 27001:2005, relativa alla gestione della sicurezza delle informazioni, e secondo lo standard OHSAS 18001:2007 relativa alla salute e sicurezza sul lavoro. 8

10 LE ATTIVITA ISTITUZIONALI Gli obiettivi di Riciclo e Recupero Tabella obiettivi (t) 2011 IMMESSO AL CONSUMO RICICLO COREPLA RICICLO INDIPENDENTE TOTALE RICICLO ,1% 37,5% 38,6% RECUPERO ENERGETICO COREPLA RECUPERO ENERGETICO RSU TOTALE RECUPERO ENERGETICO ,9% 34,3% 36,8% ,0% ,8% ,5% Incidenza % Incidenza % RECUPERO TOTALE Incidenza % Per quanto riguarda gli obiettivi calcolati sull immesso al consumo anche nel si è avuto un incremento della percentuale di riciclo. Purtroppo lo stesso non si può dire dell incidenza del riciclo sulla raccolta differenziata. Come si vedrà nelle apposite sezioni, dove se ne analizzeranno più puntualmente le cause, il riciclo, seppure incrementato in dimensione assoluta e sostenuto da continua innovazione, ha avuto una crescita meno che proporzionale rispetto alla raccolta. Quantificando questa dinamica, la quota di raccolta avviata a riciclo si riduce al 55% (-5% rispetto al ). Specularmente si è incrementata la quota di recupero energetico: 43%, +5% rispetto al. 2,4% RICICLO RECUPERO ENERGETICO DISCARICA 38,1% 59,5% 9

11 1,5% RICICLO RECUPERO ENERGETICO DISCARICA 43,1% 55,4% Gli imballaggi immessi al consumo1 L andamento recessivo dell economia italiana è proseguito anche nel. L anno si è concluso con un ulteriore sensibile ridimensionamento del PIL (-1,9% secondo ISTAT) e ha visto una significativa riduzione dei consumi privati (-2,2%) e della produzione industriale che registra un calo del -3,2%. Il comparto delle materie plastiche è stato naturalmente influenzato dallo scenario economico negativo e ha mostrato un deciso calo della domanda complessiva, con l export che ha però dato un contributo fondamentale al galleggiamento in questo mare in tempesta. In questo contesto ben poco incoraggiante, il calo dell immesso al consumo del -0,4% è indice, tutto sommato, di una relativa tenuta. Al netto degli imballaggi prodotti in Italia ma esportati vuoti o con la merce venduta all estero, degli imballaggi esenti e con il contributo dell import, il quantitativo di imballaggi immessi al consumo sul territorio nazionale è risultato nel pari a kt. La distribuzione interna per tipologia è composta per il 41% da imballaggi flessibili, per il 51% da imballaggi rigidi (27% CPL, 24% altri rigidi) e per l 8% da imballaggi di protezione/accessori. A livello di polimeri, il grosso del consumo è coperto dal polietilene, indirizzato prevalentemente all imballaggio flessibile, dove la sua quota è 1 Dati elaborati da Plastic Consult per COREPLA 10

12 prossima all 80%. Considerevoli quantitativi di consumo si hanno anche per il PET e PP, che si rivolgono viceversa soprattutto all imballaggio rigido. Tra gli altri materiali sono ancora limitati i volumi di consumo dei polimeri biodegradabili (PLA per bottiglie, manufatti termoformati e film biorientato, polimeri da amido per shopper), che coprono poco più dell 1% del totale. Per quanto riguarda la funzione degli imballaggi, vi è la netta prevalenza dell imballaggio primario che copre oltre i due terzi del consumo complessivo, mentre l imballaggio secondario (in massima parte film retraibile per fardellaggio) non arriva al 7% del totale. Osservando infine la distribuzione dell immesso al consumo secondo i canali di formazione dei rifiuti, si può rilevare la netta prevalenza del canale domestico, mentre i quantitativi di industria e commercio arrivano nel complesso al 36% del totale, ma includono volumi non indifferenti di materiale (in particolare contenitori per liquidi), gestiti con i rifiuti solidi urbani. Immesso al Consumo (kton) 2011 IMMESSO AL CONSUMO di cui Domestico (HH) di cui Commercio & Industria (C&I) 11

13 Composizione Immesso al Consumo (%) 2011 % % % var % 13/12 IMBALLAGGI FLESSIBILI 42,7% 40,7% 41,1% 0,4% IMBALLAGGI RIGIDI 49,3% 51,4% 51,1% -0,3% IMBALLAGGI DI PROTEZIONE/ACCESSORI 8,0% 7,9% 7,8% -0,1% 100,0% 100,0% 100,0% PE 47,3% 44,9% 45,6% 0,7% PET 21,4% 22,1% 21,6% -0,5% PP 18,1% 18,6% 19,4% 0,8% PS/EPS 7,6% 8,6% 8,2% -0,4% BIOPOLIMERI 1,7% 2,0% 1,4% -0,6% ALTRI 3,9% 3,8% 3,8% 0,0% 100,0% 100,0% 100,0% IMBALLAGGI PRIMARI 66,9% 69,8% 67,9% -1,9% IMBALLAGGI SECONDARI 6,9% 6,8% 6,8% 0,0% IMBALLAGGI TERZIARI 26,2% 23,4% 25,3% 1,9% 100,0% 100,0% 100,0% DOMESTICO 63,8% 64,4% 63,6% -0,8% di cui cont enit ori per liquidi 22,9% 23,4% 22,3% -1,1% 36,2% 35,6% 36,4% 0,8% 100,0% 100,0% 100,0% TIPOLOGIA TOTALE POLIMERO TOTALE FUNZIONE TOTALE CANALE COMMERCIO & INDUSTRIA TOTALE 12

14 La raccolta differenziata Nell'anno sono state raccolte circa 769 kt con un aumento rispetto al pari al 10,9%. Incremento percentuale ,9 % ,5 % ,0 % In termini percentuali continua la crescita significativa delle aree del centro e del sud Italia. Nord Ovest Liguria, Lombardia, Piemonte e Valle d Aosta. La Regione Liguria, dopo l aumento registrato nel (+26%) nel ha registrato un ulteriore aumento del 10,6% pur continuando ad avere un pro-capite (9,3 kg/ab/anno) ancora inferiore alla media nazionale. La Regione Valle d Aosta ha registrato finalmente un incremento del 7,7% rispetto al con una qualità del materiale notevolmente migliorata rispetto agli anni precedenti. La Regione Lombardia registra ancora, nonostante i già elevati quantitativi di raccolta, un incremento del 4,0%. In forte crescita la provincia di Cremona in calo invece le provincie di Como, Mantova, Lecco e Monza-Brianza. Nord Est Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto. La Regione Veneto con i suoi 20,1 Kg/ab/anno continua ad avere il valore di raccolta pro-capite in assoluto più alto di tutta Italia, mantenendo ottimi parametri qualitativi. La Regione Emilia Romagna ha registrato anche quest anno un incremento significativo del 14,6%. Il Friuli Venezia Giulia ha avuto un lieve calo ed il Trentino Alto Adige è sostanzialmente stabile. 13

15 Centro Lazio, Marche, Toscana e Umbria. La Regione Lazio, dopo la crescita del, registra un ulteriore incremento del 12,9%, la città di Roma ha avuto un incremento pari al 6% notevolmente più basso rispetto all incremento del (17%). La Regione attualmente risulta avere un pro-capite pari 9,3 kg/ab/anno ancora lontano dalla media nazionale. La Toscana dopo due anni di sostanziale stabilità dei conferimenti registra un incremento del 15,5% rispetto al con un pro-capite pari a 14,6 kg/ab/anno, in linea con la crescita di Marche (+11%) ed Umbria (+17%). Sud Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia. La Campania registra ancora una crescita del 18,4% rispetto al con un pro-capite di 14 Kg/ab/anno rimanendo quindi al di sopra della media nazionale. In forte crescita l Abruzzo (28,1%) e la Puglia (43,0%).La regione Basilicata ha avuto un decremento del 22,4% e la raccolta procapite resta comunque molto bassa (5,2 kg/ab/anno). Il Molise è risultato in calo del 2,6% con un pro-capite di 4,6 kg/ab/anno mentre il fanalino di coda è ancora la regione Calabria con un pro-capite 3,4 Kg/ab/anno. Isole Sardegna e Sicilia. Mentre la Sardegna si sta avvicinando ai 15,3 Kg/ab/anno, la Regione Sicilia resta penultima regione per pro-capite con 3,7 Kg/ab/anno. 14

16 Raccolta per area geografica (t) AREA 2011 NORD OVEST variazione % 2,2% 3,7% 4,3% ,9% 3,1% 10,0% ,8% 9,7% 13,8% ,0% 6,2% 22,8% ,3% 7,0% 10,0% NORD EST variazione % CENTRO variazione % SUD variazione % ISOLE variazione % TOTALE ITALIA variazione % 7,0% 5,5% 10,9% Il risultato del è da ritenersi un ottimo risultato se si considera sia la crisi del paese sia la situazione di difficoltà economica dei comuni. I comuni che già avevano pianificato il passaggio al porta a porta hanno mantenuto i propri impegni raggiungendo significativi risultati in termini di pro-capite. Il rischio di emergenza rifiuti dell indifferenziato ha portato alcune regioni a spingere verso la raccolta differenziata, sollecitando i comuni più arretrati ad attivarsi. In alcune aree del Paese la sensibilità e le spinte che sono arrivate dai cittadini hanno portato all attivazione ed al miglioramento dei servizi di raccolta differenziata con il conseguente aumento delle quantità. Si conferma e si accentua nel l effetto della riduzione dei limiti di frazione estranea consentita in vigore a partire dal giugno : da un lato si è ridotta la frazione estranea e dall altro si è riscontrato uno spostamento del materiale dal conferimento diretto agli impianti di selezione che lavorano per COREPLA (CSS) verso Centri Comprensoriali (CC) che effettuano operazioni di selezione, prepulizia e pressatura. 15

17 Raccolta per regione e pro-capite REGIONE ton kg/ab. ton kg/ab. Emilia-Romagna , ,2 Friuli-Venezia-Giulia , ,0 Liguria , , , ,0 Piemonte , ,3 Trentino-Alto Adige , , , ,7 Veneto , ,1 Lazio , ,3 Marche , ,3 Toscana , ,6 Umbria , ,0 Abruzzo , ,4 Basilicata , ,2 Calabria , , , ,0 Molise , ,6 Puglia , ,6 Sardegna , ,2 Sicilia , , , ,9 Lombardia Valle d'aosta Campania TOTALE ITALIA L Accordo Quadro ANCI-CONAI scaduto il ed in regime di proroga fino al prevede che i comuni, o i soggetti da essi delegati, stipulino con il Consorzio una convenzione per il conferimento della raccolta differenziala al sistema COREPLA. Delle 923 convenzioni attive nel, 366, pari al 40%, sono state stipulate direttamente con i comuni, mentre le rimanenti 557 sono state stipulate da soggetti delegati dai comuni. I comuni convenzionati nel sono stati 7.328, di conseguenza i comuni che hanno dato delega alla stipula delle convenzioni sono Convenzionamento ANNO n convenzioni n comuni % comuni n abitanti % abitanti % % % % % % 16

18 Flussi di raccolta REGIONE 2011 ton % ton % ton % MONO ,5% ,1% ,8% MULTI ,5% ,9% ,2% TOTALE Nel, a fronte del servizio di raccolta, il Consorzio ha riconosciuto ai comuni italiani e alle aziende delegate circa 197 milioni di euro (+13% rispetto all importo riconosciuto nel ). I costi della raccolta differenziata (mln/ ) ,2 % ,8 % ,6 %

19 I costi della raccolta differenziata ( /t) ,5 % ,6 % ,4 % La selezione dei materiali L attività di selezione rappresenta il necessario presupposto dell avvio a riciclo e recupero di tutta la raccolta differenziata conferita dai Comuni e dagli altri Convenzionati. Tale attività, di fondamentale importanza nelle attività del Consorzio, ha pressoché completato il processo di industrializzazione dei processi e degli impianti che si affidano a tecnologie e processi sempre più automatizzati. Al termine del, quasi il 97% dell attività (in termini di volumi trattati) è effettuata da impianti che dispongono almeno di un detettore ottico. Nel, per la selezione dei rifiuti di imballaggi in plastica provenienti da raccolta differenziata, COREPLA si è avvalso della collaborazione di trentacinque CSS; nel corso dell anno tre CSS hanno terminato la propria attività mentre uno l ha iniziata. Quanto preventivato alla fine del circa le quantità di PET, HDPE, Cassette e Film di LDPE da avviarsi a riciclo nel ha trovato sostanziale conferma nel consuntivo di fine anno. Questo nonostante alcune dinamiche in atto che contrastano l efficienza dei processi: continua diminuzione percentuale del contenuto di bottiglie nella raccolta differenziata; continua ingegnerizzazione degli imballaggi immessi al consumo, con tutte le conseguenti problematiche relative alle difficoltà di selezione, al mantenimento della qualità ed alla maggior produzione di sottoprodotti. 18

20 Tali dinamiche hanno impattato fortemente sugli imballaggi in plastica mista per i quali si è riscontrato un mancato avvio a riciclo pari a circa il 17%. Per ovviare, almeno parzialmente, alle problematiche di riciclo dei prodotti SELE MPO/C e MPOF/C, nel corso del è stata promossa la produzione di prodotti sperimentali alternativi (SELE IPP/C E SELE FIL/S) nella direzione di una maggior qualità e specializzazione dei prodotti. Nel corso dell anno 13 CSS hanno sperimentato la selezione di SELE IPP/C e 20 la selezione di SELE FIL/S; a tale prima fase è seguita una seconda in cui 8 CSS hanno sottoscritto un Addendum contrattuale per la selezione di SELE IPP/C e 3 per la selezione in via continuativa di SELE FIL/S. Grazie a questo processo sono state create le condizioni per proporre la selezione in via continuativa del Prodotto IPP/C. Nel è proseguito il processo di assegnazione del materiale pressato da avviare a selezione nei CSS tramite offerte migliorative, a tutela dell efficacia e della trasparenza. A seguito delle aggiudicazioni relative ai c.d. Bandi CIT tenutisi nel corso dell anno i CSS hanno ritirato tonnellate di CIT monomateriale sostenendone i costi di trasporto. A tali quantità si aggiungono ulteriori tonnellate per le quali i CSS hanno comunque sostenuto i costi di trasporto per ritiri assegnati in base a criteri di storicità e prossimità. Tali quantità rappresentano il 95 % circa del totale movimentato (CIT pressato). Come conseguenza, ad oggi le uniche aree geografiche coperte dai trasporti di competenza del Consorzio sono rappresentate dalla Sardegna, dalla Sicilia ed in parte dalla Calabria. Il riciclo Il riciclo meccanico gestito da superficie pubblica Attraverso il sistema delle aste on line COREPLA avvia a riciclo le produzioni di CPL (contenitori per liquidi) a base PET e HDPE; prodotti ormai più che consolidati e per i quali continua l opera di promozione. Le nuove tecnologie e l esperienza pluriennale nel riciclo di tali prodotti hanno reso il mercato di materie prime seconde un settore qualitativamente affidabile, soprattutto per il loro impiego in alcune applicazioni. In particolare il riciclato da CPL a base PET, trova ormai largo impiego anche in applicazioni per la produzione di imballaggi ad uso alimentare. Attraverso il sistema delle aste on line è altresì commercializzato l articolo Film (essenzialmente LDPE) che, differentemente dai CPL, è caratterizzato da un mercato che soffre di maggiore discontinuità e stagionalità legate alle 19

21 diverse fonti di approvvigionamento, di materiali similari, come ad esempio il film industriale e/o il telo agricolo Dati di riciclo COREPLA 2 (t) PRODOTTO HDPE FILM PET CASSETTE IMBALLAGGI MISTI SRA TOTALE RICICLO Confronto prezzi medi di vendita aste ( /t) 508 PET FILM HDPE Nel sono state fornite circa t di SRA all acciaieria Voestalpine di Linz in Austria. L SRA (Secondary Reducing Agent) è ottenuto da mix plastico derivato dai processi di selezione degli imballaggi in plastica post consumo che, a seguito di ulteriori operazioni di preparazione, viene 2 per i prodotti riciclati è stato mantenuto inalterato lo schema basato sul principio condiviso a livello europeo per cui vengono computate come riciclo le quantità in ingresso agli impianti di riciclo. Tale scelta trova la sua ragione nel fatto che tutti i prodotti sono dotati di una specifica che assicura qualità costante in linea con gli standard europei e che i processi industriali di trasformazione seguono criteri di riconosciuta efficienza. 20

22 utilizzato in altoforno come agente riducente nelle reazioni di ossidazioni dei minerali. Discorso a parte meritano i prodotti indifferenziati della famiglia MPO dei quali si è già evidenziata la problematica collocazione a riciclo. Nel corso del COREPLA ha lavorato molto per standardizzare la qualità e incrementare i clienti dei due prodotti sperimentali lanciati nel : IPP (imballaggi in polipropilene) e FIL/S (film di piccola pezzatura). In merito al prodotto IPP nel corso del si è raggiunta la standardizzazione del prodotto con un notevole interesse da parte dei clienti. Per quanto riguarda il FIL/S non si è ancora raggiunta una qualità standard ma sono comunque in atto diverse sinergie cliente-css che porteranno a raggiungere tale obiettivo. Nel corso del le quantità vendute all estero sono state le seguenti: Quantità vendute all'estero (t) Prodotto CTA CTL CTC Quantità CTE 446 FILM FILS 260 IPP MPOC MPOF SRA TOTALE Ancora una parentesi sullo sforzo di ottimizzazione per i materiali più problematici; dai grafici che seguono si può evincere come l obiettivo che si sta perseguendo sia duplice: aumento delle quantità riciclate ( t pari al +8,4%) e riduzione deficit di catena (-13,4 /t pari al -6%). Q.tà [t] Deficit industriale [ /t] ,06 207, Q.tà [t]: sommatoria prodotti misti avviati a riciclo (IPP/C, FIL/S, MPOF/C, MPO/C, MPO/B, Plasmix) Deficit industriale [ /t]: sommatoria costi selezione + costi riciclo ricavi da vendita In questo quadro, nel la cultura aziendale market oriented supportata dalla struttura organizzativa che durante il ha trovato una configurazione stabile, ha dato e darà un contributo importante nell incrementare, in maniera economicamente sostenibile, l indice di riciclo della raccolta differenziata. L attività di ricerca di nuove applicazioni e/o nuovi mercati finali nei settori a valle del riciclo (stampatori, compoundatori, distribuzione) si è rinforzata 21

23 con la collaborazione con Proplast. Scopo del progetto è la valorizzazione del prodotto rpet a colori misti (cd. floreale ) mediante l impiego di additivi e di cariche/fibre che possano rendere il polimero riciclato un tecnopolimero da utilizzarsi in applicazioni e mercati differenti dalla produzione della fibra/lastra. I risultati di tale collaborazione sono stati presentati a margine della fiera Ecomondo. Con la funzione R&D è stata consolidata la collaborazione creata nel avente l obiettivo di promuovere nuove opportunità di riciclo. Sul fronte dei c.d. Acquisti Verdi da parte delle Pubbliche Amministrazioni, si è partecipato ad tavolo comune con CONSIP (la centrale degli acquisti pubblici), Federazione gomma plastica, Assorimap, Unionplast, Polieco, e altri soggetti. Attraverso questo tavolo si intende dare un contributo alla definizione delle linee guida (Criteri Ambientali Minimi) pubblicate e/o in via di pubblicazione da parte del Ministero dell Ambiente. Il riciclo meccanico gestito da superficie privata Per quanto riguarda il riciclo da superfici private (C&I), continua l attenzione del Consorzio al mondo degli imballaggi provenienti dal Commercio e Industria. COREPLA gestisce parte di questo materiale attraverso tre tipi di accordi: le piattaforme per fusti e cisternette (c.d. PIFU) per la bonifica ed il riciclo degli imballaggi rigidi primari industriali; le piattaforme per gli imballaggi di polistirene espanso (c.d. PEPS); le piattaforme per il ritiro dei rifiuti di imballaggi in plastica provenienti da superfici private (c.d. PIA). PIFU: In relazione all accordo siglato nell agosto del tra CONAI, COREPLA, RICREA, RILEGNO e le Imprese del settore rappresentate da ARI, ANRI e Confima, nel corso del si è registrato un significativo consolidamento dell attività delle piattaforme convenzionate. I quantitativi gestiti dalle PIFU sono risultati in forte crescita; i volumi riferiti al, ammontano a t. Per le PIFU nel è stato completato il progetto finalizzato alla informatizzazione della tracciabilità dei dati. E stato predisposto un portale internet su area dedicata, la cui peculiarità è quella di essere uno strumento condiviso e gestito con gli altri Consorzi di filiera, nonché con possibilità di accesso da parte di società incaricata di effettuare audit. PEPS: nel corso del non sono state perfezionate nuove convenzioni. Si registra semmai la risoluzione di una convenzione all inizio dell anno, per cui le piattaforme con convenzione in essere sono diventate 12. Nonostante non vi sia una copertura capillare sul territorio nazionale e malgrado la 22

Relazione sulla gestione 2014

Relazione sulla gestione 2014 Relazione sulla gestione 2014 Relazione sulla gestione 2014 ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI/PATRIMONIALI... 3 Il Bilancio in sintesi... 3 Il Contributo Ambientale CONAI... 6 IL CONSORZIO...

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Il Sistema COREPLA. Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne

Il Sistema COREPLA. Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne Il Sistema COREPLA Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne Dalla raccolta differenziata al riciclo dei rifiuti da imballaggio: l esperienza dei Consorzi di Filiera in Italia

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Relazione sulla Gestione 2012

Relazione sulla Gestione 2012 Relazione sulla Gestione 2012 INDICE Relazione sulla gestione 2012 ORGANI CONSORTILI.2 I RISULTATI 2012...3 La situazione economica e patrimoniale...3 Gli obiettivi di Riciclo e Recupero....7 Il Contributo

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

COREPLA La Raccolta, il Riciclo ed il Recupero della plastica. Cesare Spreafico Direttore Generale. Milano, 13 Novembre

COREPLA La Raccolta, il Riciclo ed il Recupero della plastica. Cesare Spreafico Direttore Generale. Milano, 13 Novembre COREPLA La Raccolta, il Riciclo ed il Recupero della plastica Cesare Spreafico Direttore Generale Milano, 13 Novembre 1 IL CONSORZIO COREPLA: UNO STRUMENTO PER LA SOSTENIBILITÀ DELLA FILIERA PLASTICA ALL

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni esterne

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Riccardo Passigato Vice-Direttore Generale Gestione Operativa Materie

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI Preparato per: Assobioplastiche Plastic Consult Le due anime aziendali Dal 1979 Consulenza e business intelligence nel settore petrolchimico / materie plastiche

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi Riferimenti normativi: D.Lgs

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

Il Caso di Studio della Plastica

Il Caso di Studio della Plastica Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio della Plastica Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DELLA PLASTICA...4 3. IL RUOLO DEL

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Gomma e pneumatici fuori uso

Gomma e pneumatici fuori uso e pneumatici.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale Il consumo europeo di pneumatici si è mantenuto basso nel 2013 in analogia a quanto già osservato negli anni precedenti. In altre parole,

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

la performance economica di gaia

la performance economica di gaia 67 la performance economica di gaia 5 CAPITOLO 5.1 Il meccanismo delle tariffe - il Costo Unitario di trattamento 5.2 Qualità delle raccolta differenziata 5.3 Il controllo di gestione 5.4 Gli indici di

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA IMPRESA

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

La Gestione del Personale nelle PMI

La Gestione del Personale nelle PMI La Gestione del Personale nelle PMI 1 GIRO D ITALIA AIDP Verso il 41^ Congresso Nazionale 3^ tappa Orvieto, 13 marzo 2012 LA GESTIONE DEL PERSONALE NELLE PMI APPROCCI E TESTIMONIANZE TRA NORMATIVA E FATTORI

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie :

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie : COREPLA, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica, nasce con il Decreto Legislativo 22/97 per organizzare la raccolta dei rifiuti di imballaggi

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA

ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA METODOLOGIA e RISULTATI PRELIMINARI COMITATO TECNICO SCIENTIFICO ATIA-ISWA ITALIA ANTONELLA FIORE SIMONETTA TUNESI ECOMONDO 5 NOVEMBRE 2014 perché

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE

BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE UNIONpLAST Gruppo riciclatori BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE MARINO LAMPERTI FEDERAZIONE GOMMA PLASTICA CONVEGNO ENEA 19 NOVEMBRE 2013 Bilancio economico del riciclo di Materie

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero!

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! La gestione dei rifiuti di imballaggio in Italia Valter Facciotto Direttore CONAI Università LIUC, 15 novembre 2011 Lo scenario nazionale di produzione dei rifiuti

Dettagli

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria focus modulo 3 lezione 23 La gestione Il patrimonio di funzionamento L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria L azienda deve dotarsi di fonti di finanziamento idonee a coprire il fabbisogno finanziario

Dettagli

Tre milioni di tonnellate la raccolta differenziata comunale di carta e cartone in Italia. Vercelli, 20 gennaio 2015

Tre milioni di tonnellate la raccolta differenziata comunale di carta e cartone in Italia. Vercelli, 20 gennaio 2015 Tre milioni di tonnellate la raccolta differenziata comunale di carta e cartone in Italia Vercelli, 20 gennaio 2015 2013 RIFIUTI URBANI ANCORA IN CALO, RACCOLTA DIFFERENZIATA SOPRA IL 40% Produzione di

Dettagli

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo CONVEGNO FARMACIA E FISCO LO STUDIO DI SETTORE PER LE FARMACIE: - EVOLUZIONE E MODALITÀ APPLICATIVE - PRIME ANALISI STATISTICHE SU ANNO DI IMPOSTA 2009 - VALUTAZIONI DI TREND ECONOMICO DI SETTORE Milano,

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria

Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria Carlo Montalbetti Comieco: un sistema imprenditoriale per il raggiungimento degli obiettivi di recupero e riciclo

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana 17 marzo 2009 (dati al 2008) La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2008, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Ricavi a 24,5 milioni (26,3 mln nel 2010) EBITDA 1 a -2,3 milioni (-4,0 mln

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Comunicato Stampa Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Il report di EcoWay primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading della commodity CO 2 - sui dati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani, i nuovi dati: sono 169.076 i giovani che si sono registrati, 36.566 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 23.469 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio

Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio Dora Rigoni Comieco Area Riciclo e Recupero Pordenone, 25 novembre 2008 0 PRODUTTORI E UTILIZZATORI: IL SISTEMA CONSORTILE

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli